Sviluppi del Sistema Informativo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sviluppi del Sistema Informativo"

Transcript

1 Sviluppi del Sistema Informativo Lorenzo Gubian R.Le Settore Sistema Informatico SSR Sezione Controlli Governo e Personale SSR Direzione Generale Area Sanità e Sociale

2 Problemi aperti A livello Ministeriale il flusso è gestito nella modalità ad «eventi», cioè per ogni periodo di rilevazione la Regione deve inviare tutti gli eventi intercorsi per le diverse entità (dati anagrafici, valutazioni, accessi e sospensioni); Le chiavi composte utilizzate nei tracciati coinvolgono spesso campi di tipo data

3 Problemi aperti Ad oggi non vengono gestite nell applicativo le chiusure e riaperture delle prese in carico dovute a motivi di vario tipo (es:ricovero > 5 gg, pic senza accessi per tre mesi ) Tali ulteriori eventi sono stati generati a livello Regionale sulla base delle date oppure incrociando con altri flussi (SDO per esempio )

4 Problemi aperti Purtroppo si è rilevato che la tipologia di flusso (ad eventi) combinata con la fragilità delle chiavi (che usano date) porta a rendere insostenibile il mantenimento della consistenza ed integrità dei dati elaborati a livello regionale ed inviati al ministero Poiché il flusso è la base per la determinazione di uno specifico adempimento LEA (che misura anche il numero di pic) bisogna far evolvere il sistema verso una soluzione più robusta

5 Proposta di soluzione step 1 Togliere le date dalle chiavi e (se occorre si possono attivare controlli logico formali sulle date senza la necessità che facciano parte di una chiave) ed introdurre dei progressivi come chiave per le diverse entità Prevedere un invio cumulativo a ricopertura dei dati da parte delle aziende verso la regione (il primo trim. si mandano i dati del primo trim., il secondo trim. si mandano i dati del primo e del secondo trim. e così via )

6 Proposta di soluzione step 1 Sotto queste due condizioni la regione può elaborare in modo più robusto le differenze tra due diversi periodi e produrre automaticamente gli eventi di inserimento, modifica e cancellazione delle varie entità coinvolte Impatto sugli applicativi: introduzione e gestione delle nuove chiavi (nessun impatto per gli operatori)

7 Proposta di soluzione step 2 Il problema delle chiusure e/o riaperture richiede due interventi a livello applicativo: La logica delle chiusure «amministrative» deve essere implementata nell applicativo e deve essere il più possibile leggera nella gestione (semiautomatica con proposta e conferma ) Gli applicativi, se non integrati con le ADT degli altri sistemi aziendali, devono essere in grado di processare periodicamente gli altri flussi e proporre chiusure e riaperture dei casi (es:processare le SDO per generare le chiusure/riaperture dovute ai ricoveri > 5 gg o i periodi di sospensione) L intervento sugli applicativi è in questo caso più importante e va coordinato

8 Ulteriori novità

9 Campo Campo Attività Attività Assistente non familiare Va reso Ulteriori bloccante controllo su appartenenza Va novità aggiunto insieme controllo di valori su di obbligatorieta dominio (Attività 1148) Data di nascita Va reso bloccante controllo su formato Va data reso (attività bloccante 87) controllo su formato data Data Presa in carico Va aggiunto controllo su obbligatorietà (attività campo (nota: 15) su tracciato regionale il campo non è obbligatorio. Per NSIS è parte della chiave) Va aggiunto controllo su obbligatorieta CittadinanzaVa aggiunto controllo su obbligatorietà Va campo Soggetto richiedente reso bloccante controllo su formato data Va reso bloccante controllo su appartenenza (attività insieme 1108) di valori di dominio (attività 34) Va aggiunto controllo su obbligatorietà Va campo aggiunto controllo su obbligatorieta Patologia Prevalente ASL Residenza Va reso bloccante controllo su appartenenza Va reso insieme bloccante di valori controllo di dominio su coerenza (attività tra 1112) Va aggiunto controllo su obbligatorietà asl_residenza campo e comune residenza (attività 1107) Patologia Concomitante Va reso bloccante controllo su appartenenza Vanno insieme resi bloccante di valori controllo di dominio su verifica (attività validità 1113) Va aggiunto controllo su obbligatorietà codice campo comune residenza/sattoestero residenza Autonomia Comune Residenza Va reso bloccante (Stato estero controllo residenza) su appartenenza (controlli insieme 16, 161, di valori 1146) di dominio (attività 1120) Va aggiunto controllo su obbligatorietà Va campo reso bloccante controllo su formato dato Grado Mobilità Va reso bloccante controllo su appartenenza numerco insieme (Attività di valori 1106 di ) dominio (attività 1119) Nucleo Familiare Va aggiunto controllo su obbligatorietà Va campo aggiunto controllo bloccante di verifica che il Disturbi cognitivi Va reso bloccante controllo su appartenenza insieme di valori di dominio (attività 1114) valore sia compreso tra 0 e 99 Va aggiunto controllo su obbligatorietà La campo data di prima valutazione (tipo = 1) deve Nuovi controlli obbligatori NSIS Disturbi comportamentali Va reso bloccante controllo su appartenenza essere insieme minore di della valori data di presa dominio carico (attività 1115) Data Valutazione aggiunto controllo su obbligatorietà Va campo aggiunto controllo bloccante che spefichi che Supporto sociale Va reso bloccante controllo su appartenenza l'anno insieme della data di valori di valutazione di dominio non (attività sia superiore 1122) Va aggiunto controllo che data valutazione all'anno non di sia invio superiore alla data di conclusione Data Valutazione Va aggiunto controlo che data di valutazione Va aggiunto non sia controllo compresa che in anno un periodo della data di sospensione di Data Accesso Va aggiunto controllo che data valutazione accesso non non sia superiore sia superiore alla data all'anno di conclusione di invio Data Accesso Va aggiunto controlo che data di valutazione Va aggiunto non sia controllo compresa su in formattazione un periodo di del sospensione Profilo sociale Va aggiunto controllo che data accesso campo. non sia Tale inferiore campo alla rappresenta data presa in tutte carico le Va aggiunto controllo che data valutazione valutazioni non sia del superiore tracciato alla 1 data e tracciato di conclusione 2 Data inizio sospensione Va aggiunto controlo che data di valutazione Va aggiunto non sia controllo compresa che in anno un periodo della data di sospensione inizio Data Inizio Sospensione Va aggiunto controllo che data inizio sospensione non non sia sia inferiore superiore alla all'anno data presa di invio carico Va aggiunto controllo su obbligatorietà Va campo aggiunto controllo che anno della data fine Motivo conclusione Data Fine Sospensione Va reso bloccante controllo su appartenenza sospensione insieme non di valori sia superiore di dominio all'anno (attività di invio 1122) Identificativo utente / presa Va aggiunto controllo che anno della data di Data Conclusione Non devono essere presenti intersezioni temporali tra prese in carico per la stessa persona in carico conclusione non sia superiore all'anno di invio

10 Ulteriori novità Per quanto riguarda i nuovi controlli, le azioni da intraprendere per minimizzare gli scarti sono: Per dati anagrafici mancanti o incongruenti (es: data di nascita, relazione comune di residenza / asl di residenza) si può pensare ad una sanatoria massiva nell applicativo (bisogna poi programmare di attivare il collegamento sistematico con l anagrafe!!) Le incongruenze nelle date andrebbero evidenziate e sanate (massivamente o manualmente a seconda dei casi) al più presto Se l azienda non ha un dato ed è obbligatorio, bisogna capire quali accorgimenti adottare prima dell invio al ministero; Revisione della modulistica cartacea affinché sia congruente rispetto alle nuove dati/obbligatorietà introdotte

11 Grazie Lorenzo Gubian R.Le Settore Sistema Informatico SSR Sezione Controlli Governo e Personale SSR Direzione Generale Area Sanità e Sociale

Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD)

Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD) Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD) INDICATORI SIAD - SISTEMA ASSISTENZA DOMICILIARE Schede descrittive degli Indicatori per la lettura integrata dei fenomeni sanitari

Dettagli

La gestione del flusso informativo delle schede di morte nella Regione del Veneto

La gestione del flusso informativo delle schede di morte nella Regione del Veneto La gestione del flusso informativo delle schede di morte nella Regione del Veneto Montecchio Precalcino, 22 marzo 2013 Francesco Avossa, Elena Schievano è una lunga storia Circolare regionale n. 67 del

Dettagli

Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD)

Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD) Sistema Informativo per il monitoraggio dell Assistenza Domiciliare (SIAD) INDICATORI SIAD - SISTEMA ASSISTENZA DOMICILIARE Schede descrittive degli Indicatori per la lettura integrata dei fenomeni sanitari

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA Aggiornamento delle Linee guida per la metodologia

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITA DIREZIONE PROGRAMMAZIONE SANITARIA SETTORE VETERINARIO

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITA DIREZIONE PROGRAMMAZIONE SANITARIA SETTORE VETERINARIO REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITA DIREZIONE PROGRAMMAZIONE SANITARIA SETTORE VETERINARIO FLUSSO INFORMATIVO PRESCRIZIONI MEDICO VETERINARIE Versione Marzo 2011 PMV-DisciplinareTecnico_V01.doc

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

INVIO SOSTITUTO D'IMPOSTA: BONUS INPS FAMIGLIA INPDAP MANUALE OPERATIVO

INVIO SOSTITUTO D'IMPOSTA: BONUS INPS FAMIGLIA INPDAP MANUALE OPERATIVO BONUS INVIO SOSTITUTO D'IMPOSTA: FAMIGLIA INPS E 2009 INPDAP MANUALE OPERATIVO PRESENTAZIONE Il nuovo software Bonus famiglia consente di: 1) Accedere alla Server Farm tramite la Login C.E.D. ( es.: ZAK00000,

Dettagli

STER-FAR/SIAD FLUSSO INFORMATIVO REGIONALE DELLE PRESTAZIONI DOMICILIARI, RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI

STER-FAR/SIAD FLUSSO INFORMATIVO REGIONALE DELLE PRESTAZIONI DOMICILIARI, RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI STER-FAR/SIAD FLUSSO INFORMATIVO REGIONALE DELLE PRESTAZIONI DOMICILIARI, RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI SOMMARIO CRONOLOGIA VARIAZIONI... 3 PRESENTAZIONE DEL DOCUMENTO... 7 OBIETTIVI... 7 STRUTTURA DEL

Dettagli

MOBS Flussi informativi sanitari regionali

MOBS Flussi informativi sanitari regionali Pag. 1 di 11 MOBS Flussi informativi sanitari regionali Restituzione in formato CSV per i flussi SDO e C Versione 01 Torino, Novembre 2014 Pag. 2 di 11 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 NOMENCLATURA DEI FILES

Dettagli

NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI

NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI Allegato alla Delibera N. 9 del 27/05/2011 NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI CAPO I - CRITERI OMOGENEI DI ACCESSO ALL INTERVENTO Art.

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE approvato con Deliberazione di Consiglio comunale n. 83/15 del 08.07.2008 e modificato con atto del Commissario Straordinario

Dettagli

Carta regionale dei servizi

Carta regionale dei servizi Carta regionale dei servizi La Carta Regionale dei Servizi (CRS) è una smart card, ovvero una tessera delle dimensioni di una carta di credito che contiene: dati a vista (Anagrafica Codice Fiscale, Codice

Dettagli

Linee guida per una corretta migrazione di una base dati. Simona Rotolo

Linee guida per una corretta migrazione di una base dati. Simona Rotolo Linee guida per una corretta migrazione di una base dati Simona Rotolo Contenuti Obiettivi della migrazione di una base dati Fasi del processo di migrazione Conclusioni Obiettivi della migrazione Migrare

Dettagli

MANUALE TECNICO PER LA REGISTRAZIONI DELLE INFORMAZIONI RELATIVE SANITARIE ASSISTENZIALI (S.I.R.A) ISTRUZIONI PER GLI OPERATORI DEI CAD

MANUALE TECNICO PER LA REGISTRAZIONI DELLE INFORMAZIONI RELATIVE SANITARIE ASSISTENZIALI (S.I.R.A) ISTRUZIONI PER GLI OPERATORI DEI CAD MANUALE TECNICO PER LA REGISTRAZIONI DELLE INFORMAZIONI RELATIVE ALL ATTIVITÀ DEL SISTEMA INFORMATIVO DELLE RESIDENZE SANITARIE ASSISTENZIALI (S.I.R.A) ISTRUZIONI PER GLI OPERATORI DEI CAD SETTEMBRE 2011

Dettagli

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali SPECIFICHE FUNZIONALI DEI TRACCIATI FAR Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali Luglio 2015 Versione 5.0 FAR Specifiche Funzionali_v5.0 Pag. 1 di 55 Indice 1. Introduzione...

Dettagli

Monitoraggio della Rete di Assistenza

Monitoraggio della Rete di Assistenza Studio di fattibilità Allegato al Deliverable A Monitoraggio della Rete di Assistenza Fase 1 Anagrafica ASL Comuni assistibili () ESTRATTO Indice del documento A.20 SCOPO DELL APPLICAZIONE...3 A.20.20

Dettagli

Allegato tecnico Legalinvoice Luglio 2014 InfoCert Vers. 1.0 Pag. 1 di 13. Legalinvoice - Allegato Tecnico

Allegato tecnico Legalinvoice Luglio 2014 InfoCert Vers. 1.0 Pag. 1 di 13. Legalinvoice - Allegato Tecnico InfoCert Vers. 1.0 Pag. 1 di 13 Legalinvoice - Allegato Tecnico InfoCert Vers. 1.0 Pag. 2 di 13 Sommario Novità introdotte rispetto alla precedente emissione... 3 1 Introduzione... 4 2 Riferimenti normativi...

Dettagli

www.handylex.org Permessi lavorativi: nuove disposizioni INPS

www.handylex.org Permessi lavorativi: nuove disposizioni INPS www.handylex.org Carlo Giacobini, Responsabile del Centro per la documentazione legislativa, Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare - Direzione Nazionale Permessi lavorativi: nuove disposizioni

Dettagli

SCHEDA DI DIMISSIONE HOSPICE

SCHEDA DI DIMISSIONE HOSPICE Delibera di Giunta N.ro 2002/589 del 15/4/2002: Tariffa giornaliera a carico del servizio sanitario regionale per la remunerazione delle prestazioni di ricovero erogato e dai centri residenziali per le

Dettagli

SGATE SPECIFICHE XSD - Revisione 1.17 14/03/2011

SGATE SPECIFICHE XSD - Revisione 1.17 14/03/2011 3.1 Tabella degli errori che SGATE può restituire ai CAF 201 Formato dati non rispettato Il campo indicato nel dettaglio non rispetta il formato definito. 202 Campo non presente Il campo indicato nel dettaglio

Dettagli

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali SPECIFICHE FUNZIONALI DEI TRACCIATI FAR Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali Luglio 2014 Versione 4.0 FAR Specifiche Funzionali_v4.0 Pag. 1 di 53 Indice 1. Introduzione...

Dettagli

La gestione della comunicazione alla piattaforma della certificazione dei crediti

La gestione della comunicazione alla piattaforma della certificazione dei crediti La gestione della comunicazione alla piattaforma della certificazione dei crediti 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA SOLUZIONE APPLICATIVA IN U-GOV... 6 3. LA GESTIONE DEL DETTAGLIO DELLA COMUNICAZIONE

Dettagli

Agli R.N.P. ed Economi Nidi e Scuole d Infanzia. Agli Uffici economali territoriali SEDI

Agli R.N.P. ed Economi Nidi e Scuole d Infanzia. Agli Uffici economali territoriali SEDI PROT. N. 6408/044 Torino, 12 MAGGIO 2015 7.10.22/2013A Ai Dirigenti scolastici delle scuole statali Agli R.N.P. ed Economi Nidi e Scuole d Infanzia Agli Uffici economali territoriali SEDI Oggetto: Modalità

Dettagli

Analisi per processi - ESEMPI DI MODELLAZIONE AZIENDALE -

Analisi per processi - ESEMPI DI MODELLAZIONE AZIENDALE - Analisi per processi - ESEMPI DI MODELLAZIONE AZIENDALE - Prof. Riccardo Melloni riccardo.melloni@unimore.it Università di Modena and Reggio Emilia Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari via Vignolese

Dettagli

Progetto MATTONI SSN

Progetto MATTONI SSN f Nolan, Norton Italia Ministero della Salute Servizi di consulenza direzionale a supporto della Cabina di Regia per la realizzazione del NSIS Progetto MATTONI SSN Mese di Riferimento (Maggio 2004) Documento:

Dettagli

LA CARTELLA INFORMATIZZATA UNICA IN AMBIENTE PENITENZIARIO

LA CARTELLA INFORMATIZZATA UNICA IN AMBIENTE PENITENZIARIO LA CARTELLA INFORMATIZZATA UNICA IN AMBIENTE PENITENZIARIO PERCHE Una cartella Informatizzata Unica Il Progetto Ulisse Delibera G.R.T. n. 817/2002 Delibera G.R.T. n. 1344/2003 Delibera G.R.T. n. 1250/2005

Dettagli

Iscritto Albo dei Caf al n. 94 REGOLAMENTO E NOTE OPERATIVE PROFESSIONISTI INCARICATI. Modelli 730

Iscritto Albo dei Caf al n. 94 REGOLAMENTO E NOTE OPERATIVE PROFESSIONISTI INCARICATI. Modelli 730 REGOLAMENTO E NOTE OPERATIVE PROFESSIONISTI INCARICATI Modelli 730 1 a) Premesse Al fine di organizzare un miglior servizio di assistenza fiscale su tutto il territorio nazionale, il CAF Officina del Contribuente

Dettagli

ARCHIVIO UNICO REGIONALE DEGLI ASSISTITI organizzazione e modalità di gestione

ARCHIVIO UNICO REGIONALE DEGLI ASSISTITI organizzazione e modalità di gestione ARCHIVIO UNICO REGIONALE DEGLI ASSISTITI organizzazione e modalità di gestione Pagina 1 di 55 SOMMARIO Sezione 1 - Gestione dei dati anagrafici dei cittadini a fini sanitari...3 Premessa...4 Scheda n.1:

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Aniello Murano http://people.na.infn.it people.na.infn.it/~murano/ 1 Esercitazione di laboratorio: Problema del venditore Terza parte 2 1 Esercizio del venditore

Dettagli

L integrazione end-to-end della Fatturazione e degli scambi informativi con la Distribuzione

L integrazione end-to-end della Fatturazione e degli scambi informativi con la Distribuzione L integrazione end-to-end della Fatturazione e degli scambi informativi con la Distribuzione 5 Marzo 2015 Relatori Samanta Golinelli Marì Malagola I processi e gli attori Nei processi di vendita del mercato

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE

CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE FORNITURA SOFTWARE GESTIONALE E MANUTENZIONE PER IL CONTROLLO AMMINISTRATIVO/SANITARIO DELLA ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE E RICOVERI OSPEDALIERI

Dettagli

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema.

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema. SCHEDA PRODOTTO Descrizione sintetica Il modulo consente di gestire i procedimenti amministrativi legati alle sportello unico per le attività produttive. Fa parte dell area dedicata alla componente tecnico

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PSR 2007-2013 PREISTRUTTORIA E ISTRUTTORIA DELLE DOMANDE DI PAGAMENTO

SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PSR 2007-2013 PREISTRUTTORIA E ISTRUTTORIA DELLE DOMANDE DI PAGAMENTO SISTEMA INFORMATIVO AGRICOLO REGIONALE PSR 2007-2013 PREISTRUTTORIA E ISTRUTTORIA DELLE DOMANDE DI PAGAMENTO Ottobre 2012 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Tipologie di domande di pagamento... 4 1.2. Premesse...

Dettagli

Manuale Operativo per gli Assistiti HEALTH CLAIM WEB

Manuale Operativo per gli Assistiti HEALTH CLAIM WEB Manuale Operativo per gli Assistiti HEALTH CLAIM WEB 1 1. INTRODUZIONE Il presente Manuale Operativo illustra le funzionalità dell Health Claim Web, il Sistema Informativo Web messo a disposizione da WinSalute,

Dettagli

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO

PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO PROLUNGAMENTO DEL CONGEDO PARENTALE 2 ORE DI RIPOSO GIORNALIERO RETRIBUITO (1 ORA SE LA DURATA DELL ORARIO GIORNALIERO DI LAVORO È INFERIORE A SEI ORE) I genitori, alternativamente, di un minore al quale

Dettagli

MODALITA OPERATIVE PER L ADESIONE E LA GESTIONE DELLA POLIZZA SANITARIA.

MODALITA OPERATIVE PER L ADESIONE E LA GESTIONE DELLA POLIZZA SANITARIA. MODALITA OPERATIVE PER L ADESIONE E LA GESTIONE DELLA POLIZZA SANITARIA. 1. GENERALITA Come comunicato con CC20140658 SM n. 52/2014 del 23/12/2014, dal 1 gennaio 2015 la copertura sanitaria integrativa

Dettagli

Sussidiarietà orizzontale nelle politiche regionali in materia di parità scolastica. (a cura del prof. Bruno Bordignon)

Sussidiarietà orizzontale nelle politiche regionali in materia di parità scolastica. (a cura del prof. Bruno Bordignon) Sussidiarietà orizzontale nelle politiche regionali in materia di parità scolastica (a cura del prof. Bruno Bordignon) 1 ABRUZZO 1 BASILICATA BOLZANO (Provincia Autonoma di) A livello di normativa sono

Dettagli

Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida

Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Presidio della Qualità di Ateneo Polo Centrale Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida 13 novembre 2014 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

Sommario. Pag. - 1 - Rev. 4 del 05/06/2015

Sommario. Pag. - 1 - Rev. 4 del 05/06/2015 Sommario 1. INTRODUZIONE SPLIT PAYMENT.... - 2-2. ATTIVAZIONE IN EXTRA DELLA GESTIONE SPLIT PAYMENT.... - 3-3. CREAZIONE AUTOMATISMI CODICI IVA.... - 4-4. ANAGRAFICA CLIENTI.... - 7-5. IMPOSTAZIONE AUTOMATISMI

Dettagli

REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE - SUPPLEMENTO N. 1 DEL 12/08/10 AL N. 32 DEL 12/08/10

REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE - SUPPLEMENTO N. 1 DEL 12/08/10 AL N. 32 DEL 12/08/10 REGIONE PIEMONTE - BOLLETTINO UFFICIALE - SUPPLEMENTO N. 1 DEL 12/08/10 AL N. 32 DEL 12/08/10 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2010, n. 69-481 Modifiche ed integrazioni della D.G.R. 42-8390

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE PRESSO CUI OPERANO ASSISTENTI FAMIGLIARI REGOLARMENTE ASSUNTE

BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE PRESSO CUI OPERANO ASSISTENTI FAMIGLIARI REGOLARMENTE ASSUNTE BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE PRESSO CUI OPERANO ASSISTENTI FAMIGLIARI REGOLARMENTE ASSUNTE 1. COS È IL BUONO SOCIALE PER ASSISTENTI FAMIGLIARI È un contributo

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE PRESSO CUI OPERANO ASSISTENTI FAMILIARI REGOLARMENTE ASSUNTE

BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE PRESSO CUI OPERANO ASSISTENTI FAMILIARI REGOLARMENTE ASSUNTE BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE PRESSO CUI OPERANO ASSISTENTI FAMILIARI REGOLARMENTE ASSUNTE 1. COS È IL BUONO SOCIALE PER ASSISTENTI FAMILIARI È un contributo

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

RICHIESTA DI RICONOSCIMENTO DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA POLIZZE VITA LONG TERM CARE (Convenzione EMAPI GENERALI ITALIA S.p.A. n. 100.

RICHIESTA DI RICONOSCIMENTO DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA POLIZZE VITA LONG TERM CARE (Convenzione EMAPI GENERALI ITALIA S.p.A. n. 100. Ente di Mutua Assistenza per i Professionisti Italiani RICHIESTA DI RICONOSCIMENTO DELLA PERDITA DI AUTOSUFFICIENZA POLIZZE VITA LONG TERM CARE (Convenzione EMAPI GENERALI ITALIA S.p.A. n. 100.000) Dati

Dettagli

Sistema informativo delle prestazioni erogate nell ambito dell assistenza sanitaria in emergenza-urgenza

Sistema informativo delle prestazioni erogate nell ambito dell assistenza sanitaria in emergenza-urgenza SPECIFICHE FUNZIONALI DEI TRACCIATI 118 E PRONTO SOCCORSO Sistema informativo delle prestazioni erogate nell ambito dell assistenza sanitaria in Giugno 2010 Versione 4.0 EMUR_ Specifiche Funzionali_v4.0.doc

Dettagli

BUONO SOCIALE Dei Comuni dell Ambito n 5

BUONO SOCIALE Dei Comuni dell Ambito n 5 BUONO SOCIALE Dei Comuni dell Ambito n 5 CRITERI PER L EROGAZIONE Finalità dell intervento L erogazione del Buono Sociale da parte dei Comuni del Distretto n. 5 si configura come servizio consolidato per

Dettagli

Smart. Trattamento Economico Area Personale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Struttura base del sistema

Smart. Trattamento Economico Area Personale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Struttura base del sistema SCHEDA PRODOTTO Descrizione sintetica L applicativo consente la gestione del trattamento economico dei dipendenti che fanno riferimento ai principali contratti nazionali: autonomie locali. - CCNL dei segretari

Dettagli

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO REGOLAMENTO

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO REGOLAMENTO REV 10 del 17/03/2009 FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO REGOLAMENTO Il presente Regolamento ha efficacia dal INDICE 1. FINALITÀ... pag. 3 2. OBIETTIVI FORMATIVI... pag. 3 3. DESTINATARI... pag. 3 4. PIANO FORMATIVO

Dettagli

Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92

Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92 Ultime notizie nel campo dell Invalidità civile e della legge 104/92 12 maggio 2012 Dr.ssa Fabrizia Capitani Assistente Sociale Azienda Ospedaliero-Universitaria S. Orsola- Malpighi Bologna La procedura

Dettagli

Data warehouse. della spesa sanitaria. acquisizione della conoscenza. Statistical Learning & Information Management

Data warehouse. della spesa sanitaria. acquisizione della conoscenza. Statistical Learning & Information Management Data warehouse della spesa sanitaria SLIM s.r.l. Statistical Learning & Information Management Un sistema privilegiato di acquisizione della conoscenza Requisiti Monitoraggio della spesa Controllo dinamico

Dettagli

Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida

Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida Personale tecnico amministrativo Cat. B, C e D Valutazione dei comportamenti organizzativi Linee guida Valutare i comportamenti organizzativi: perché e finalità del processo 1 Il comportamento organizzativo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE Art. 1 (Istituzione del servizio) Il Comune di Fossalto promuove il benessere dei propri cittadini, con il fine di inserire ed integrare socialmente

Dettagli

INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali)

INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali) INFORMATIVA SUL SERVIZIO CONTO CORRENTE SALUTE (ai sensi dell Art. 13 Dgls 196/2003, Codice in materia di protezione di dati personali) Gentile Signora / Gentile Signore, desideriamo informarla sulle finalità

Dettagli

RELATORE: Rossella Turco Direttore amministrativo del Tribunale di Rovereto

RELATORE: Rossella Turco Direttore amministrativo del Tribunale di Rovereto L esperienza del Tribunale e della Procura della Repubblica di Rovereto - Qualificazione dei servizi rivolti all utenza: qualità, sportelli e carte dei servizi - RELATORE: Rossella Turco Direttore amministrativo

Dettagli

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 369 del 23 marzo 2010 LINEE GUIDA PER LA CARTA DEI SERVIZI SANITARI

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 369 del 23 marzo 2010 LINEE GUIDA PER LA CARTA DEI SERVIZI SANITARI A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 369 del 23 marzo 2010 LINEE GUIDA PER LA CARTA DEI SERVIZI SANITARI PREMESSO che il D Lgs 502/1992 all art. 14 stabilisce il principio del costante adeguamento

Dettagli

Energia: mercato libero e nuove povertà

Energia: mercato libero e nuove povertà Energia: mercato libero e nuove povertà 20 dicembre 2013 Claudio Conti IREN Mercato - Direzione Gestione Clienti Retail Area Emilia Mercato libero e nuove povertà Indice Che cos è il mercato libero dell

Dettagli

ANAGRAFI A.P.R. ED A.I.R.E.

ANAGRAFI A.P.R. ED A.I.R.E. ANAGRAFI A.P.R. ED A.I.R.E. La procedura consente all ufficio Anagrafe la gestione della popolazione residente (A.P.R.) e dei cittadini residenti all estero (A.I.R.E.), nel rispetto del DPR 30/05/1989

Dettagli

Linea guida 21 Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti http://www.snlg-iss.it/cms/files/lg_autismo_def.

Linea guida 21 Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti http://www.snlg-iss.it/cms/files/lg_autismo_def. Linea guida 21 Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti http://www.snlg-iss.it/cms/files/lg_autismo_def.pdf Istituto Superiore di Sanità Organo tecnico del Ministero

Dettagli

checkonly4you - Progetto D.Lgs. 231/2007 per SIM di Consulenza

checkonly4you - Progetto D.Lgs. 231/2007 per SIM di Consulenza L imminente applicazione del provvedimento definitivo recante disposizioni attuative per la tenuta dell Archivio Unico Informatico, conseguente all adozione del Decreto Legislativo n. 231 del 21 novembre

Dettagli

Attuazione della legge 38/2010 nella Regione Liguria Ordine dei medici 7 giugno 2014

Attuazione della legge 38/2010 nella Regione Liguria Ordine dei medici 7 giugno 2014 Attuazione della legge 38/2010 nella Regione Liguria Ordine dei medici 7 giugno 2014 G. Paoli Settore counicazione, ricerca sistema informativo e progetti in sanità delibera 277 del 16 Marzo 07 l obiettivo

Dettagli

DESIGNAZIONE: Rappresenta una relazione tra due entità di tipo 1 ad M. Esempio tipico è : REPARTO ------- IMPIEGATO

DESIGNAZIONE: Rappresenta una relazione tra due entità di tipo 1 ad M. Esempio tipico è : REPARTO ------- IMPIEGATO DESIGNAZIONE: Rappresenta una relazione tra due entità di tipo 1 ad M. Esempio tipico è : REPARTO ------- IMPIEGATO (designata) (designante) Viene rappresentata inserendo, nella tabella dell entità designante,

Dettagli

Copia Dichiarazione Sostitutiva Unica / ISEE INDIVIDUALE del richiedente il contributo

Copia Dichiarazione Sostitutiva Unica / ISEE INDIVIDUALE del richiedente il contributo COMUNE DI VENEZIA Direzione Politiche Sociali Partecipative e dell'accoglienza Servizio Anziani Disabili e Salute Mentale Ufficio Residenzialità Persone Disabili Modello richiesta contributo/anticipazione

Dettagli

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap)

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) ENPAM La pensione di inabilità assoluta e permanente è una prestazione economica che viene erogata da ENPAM ai medici e odontoiatri

Dettagli

Elaborazione eseguita in data : 23/6/2015

Elaborazione eseguita in data : 23/6/2015 Elaborazione eseguita in data : 23/6/2015 Stato Rilevazione : CONSUNTIVAZIONE Tipo Rilevazione : Consuntivo Spesa (Conto Annuale) Anno : 2014 Tipologia Istituzione : UNITA' SANITARIE LOCALI Contratto :

Dettagli

Applicativi regionali centralizzati per la Sanità - AURA Archivio Unitario Regionale degli Assistiti

Applicativi regionali centralizzati per la Sanità - AURA Archivio Unitario Regionale degli Assistiti Pag. 1 di 18 Applicativi regionali centralizzati per la Sanità - AURA Archivio Unitario Regionale degli Assistiti Note alla versione 4.1.0 dicembre 2011 Pag. 2 di 18 INDICE 1 SCOPO DEL DOCUMENTO 3 1.1

Dettagli

COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI

COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 11 DEL 17.02.2014 Regolamento di accesso alle prestazioni economiche erogate

Dettagli

Soluzioni gestionali integrate per la Pubblica Amministrazione Architettura client/server G E S T I O N E D E L L E E N T R A T E.

Soluzioni gestionali integrate per la Pubblica Amministrazione Architettura client/server G E S T I O N E D E L L E E N T R A T E. Soluzioni gestionali integrate per la Pubblica Amministrazione Architettura client/server G E S T I O N E D E L L E E N T R A T E Software IMU INTRODUZIONE L'art. 13, del DL 201/2011 (manovra Salva Italia)

Dettagli

Sistema Edotto. Area Applicativa Assistenza Farmaceutica

Sistema Edotto. Area Applicativa Assistenza Farmaceutica Sistema Edotto Area Applicativa Assistenza Farmaceutica Istruzioni operative relative agli obblighi informativi (D.M. 31/7/2007, D.M. 4/2/2009, somministrazione di farmaci, mobilità sanitaria). Versione

Dettagli

ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009

ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009 ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009 A cura di: Dr.ssa M. Gambino, Dr.ssa Ass. San. L. Balconi, Dr. S. Pisani U. O. S. Sorveglianza

Dettagli

Nuovo sistema informativo dei servizi di pubblicità immobiliare

Nuovo sistema informativo dei servizi di pubblicità immobiliare Nuovo sistema informativo dei servizi di pubblicità immobiliare La pubblicità immobiliare: a che punto siamo Il sistema attuale: criticità La normativa 20 giugno 2007 2 Il sistema attuale: Criticità Il

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA ART.1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE

COMUNE DI VERBANIA ART.1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE COMUNE DI VERBANIA REGOLAMENTO SUI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AL COSTO DELLA RETTA DI RICOVERO SOCIO ASSISTENZIALE NELL AMBITO DI PERCORSI ASSISTENZIALI INTEGRATI DI

Dettagli

ARTeS iscrizione Albi e Registri Terzo Settore della Regione Lazio Guida alle procedure di iscrizione. Rev. 0 del 2 maggio 2012

ARTeS iscrizione Albi e Registri Terzo Settore della Regione Lazio Guida alle procedure di iscrizione. Rev. 0 del 2 maggio 2012 ARTeS iscrizione Albi e Registri Terzo Settore della Regione Lazio Guida alle procedure di iscrizione Rev. 0 del 2 maggio 2012 1 Il sistema informativo A.R.Te.S. È operativa dal 2 maggio la nuova procedura

Dettagli

Management nell Azienda Sanitaria

Management nell Azienda Sanitaria Management nell Azienda Sanitaria Dr. Paolo Menichetti Perugia, ottobre 2011 1. Finanziamento del S.S.N. 2. Management nell azienda sanitaria: budget 3. Management nell azienda sanitaria: controllo direzionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI COMUNE DI CENTO COMUNE CAPOFILA GESTIONALE SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTO FERRARESE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE ASSEGNO CURA ANZIANI 1 ai sensi della delibera G. R. 26 luglio

Dettagli

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie

Sarà premura, dell Associazione, di fornire le informazioni necessarie per accedere a tali fondi, non appena in possesso delle informazioni necessarie La Regione Lombardia in data 06 agosto 2008 con D.G.R.n. 8/7915 ha pubblicato il decreto relativamente a Determinazione in ordine al miglioramento quali-quantitativo dell assistenza garantita a persone

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013 A.G.C. 19 Piano Sanitario regionale e rapporti con le UU.SS.LL. Settore 1 Programmazione Oggetto dell'atto: POR CAMPANIA FESR 2007/2013 - OBIETTIVO OPERATIVO

Dettagli

FITA Unione Nazionale Imprese di Trasporto Sede Nazionale 00161 Roma Via G. A. Guattani 13 Tel (06) 441881 Fax (06) 44249506 E Mail : fita@cna.

FITA Unione Nazionale Imprese di Trasporto Sede Nazionale 00161 Roma Via G. A. Guattani 13 Tel (06) 441881 Fax (06) 44249506 E Mail : fita@cna. FITA Unione Nazionale Imprese di Trasporto Sede Nazionale 00161 Roma Via G. A. Guattani 13 Tel (06) 441881 Fax (06) 44249506 E Mail : fita@cna.it Sede di Bruxelles ISB 36-38, Rue Joseph II 1000 Bruxelles

Dettagli

OGGETTO: CONVENZIONE CON I CENTRI DI ASSISTENZA FISCALE PER GLI ADEMPIMENTI CONNESSI ALL EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE.

OGGETTO: CONVENZIONE CON I CENTRI DI ASSISTENZA FISCALE PER GLI ADEMPIMENTI CONNESSI ALL EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. SCHEMA DI CONVENZIONE OGGETTO: CONVENZIONE CON I CENTRI DI ASSISTENZA FISCALE PER GLI ADEMPIMENTI CONNESSI ALL EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. L'anno 2013 il giorno....del mese di.... in.,

Dettagli

Novità Principali - 1/2011

Novità Principali - 1/2011 Novità Principali - 1/2011 1 Contabilità e BlackList... 2 1.1 Nuovo nodo gestione IVA 2011... 2 1.2 Elenco... 2 1.3 Black List... 3 1.3.1 Cliente/Fornitore per Black List... 3 1.3.2 Periodo di riferimento

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

GAUDI GESTIONE ANAGRAFICA UNICA DEGLI IMPIANTI

GAUDI GESTIONE ANAGRAFICA UNICA DEGLI IMPIANTI 2015 GAUDI GESTIONE ANAGRAFICA UNICA DEGLI IMPIANTI Gestore di Rete Nuovo flusso massivo VERSIONE 01 del 08 settembre 2015 Pag. 2 Sommario 1. Glossario e Definizioni... 3 2. Premessa... 4 3. Nuovo flusso...

Dettagli

GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER

GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER GESTIONE DEI MANAGER PER LE SEDI ESTERE PIANIFICAZIONE DELLE POLITICHE GESTIONALI E DELLA MOBILITA DEI MANAGER I contenuti del mio intervento vogliono porre l attenzione su aspetti che per molti di noi

Dettagli

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ANNO 2010

DOMANDA PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ANNO 2010 DOMANDA PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ANNO 2010 Al Comune di.l. sottoscritt... nat. il. a. Codice fiscale.. residente in.. via/piazza.. n... telefono relazione di

Dettagli

Delibera 533/2013/R/GAS Modifiche ed integrazioni al TIMG e al TIVG a completamento della disciplina della morosità e dei servizi di ultima istanza

Delibera 533/2013/R/GAS Modifiche ed integrazioni al TIMG e al TIVG a completamento della disciplina della morosità e dei servizi di ultima istanza Delibera 533/2013/R/GAS Modifiche ed integrazioni al TIMG e al TIVG a completamento della disciplina della morosità e dei servizi di ultima istanza Osservazioni Anigas Milano, 20 dicembre 2013 1 Osservazioni

Dettagli

Come premessa alla presentazione appare opportuno precisare che lo scopo finale del progetto è quello di presentare all accreditamento i dati della

Come premessa alla presentazione appare opportuno precisare che lo scopo finale del progetto è quello di presentare all accreditamento i dati della Come premessa alla presentazione appare opportuno precisare che lo scopo finale del progetto è quello di presentare all accreditamento i dati della provincia di Caltanissetta. Per poter essere accreditati

Dettagli

Legge n. 326/2003: indennità di mobilità in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA.

Legge n. 326/2003: indennità di mobilità in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA. OGGETTO: A -Legge n. 326/2003: disposizioni in materia di indennità di mobilità e di pensioni in favore dei lavoratori licenziati da enti operanti nel settore della SANITA PRIVATA. B - Indennità di mobilità

Dettagli

Il consenso nel progetto SOLE

Il consenso nel progetto SOLE Il consenso nel progetto Alessia Orsi Regione Emilia-Romagna Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Roma, 13 dicembre 2010 1 2 3 4 5 Circolare regionale 6/2009 Consenso e FSE Flusso base Architettura

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. Nota 28 maggio 2015, n.3667

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. Nota 28 maggio 2015, n.3667 www.unicolavoro.ilsole24ore.com Istituto Nazionale Previdenza Sociale Nota 28 maggio 2015, n.3667 Inoltro HERMES: Pensioni delle gestioni private. Avvio della campagna RED ITA e RED EST. Raccolta delle

Dettagli

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104

9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 9.3.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10 DELIBERAZIONE 28 febbraio 2011, n. 104 Indirizzi per l attività di gestione degli elenchi regionali degli operatori biologici e dei concessionari

Dettagli

SET MINIMO DI DATI PER CLASSIFICARE LA NON AUTOSUFFICIENZA

SET MINIMO DI DATI PER CLASSIFICARE LA NON AUTOSUFFICIENZA SET MINIMO DI DATI PER CLASSIFICARE LA NON AUTOSUFFICIENZA Considerazioni preliminari La raccolta di dati si riferisce alle persone non autosufficienti, cioè a coloro che subiscono una perdita permanente,

Dettagli

Applicativi regionali centralizzati per la Sanità - ARPE Archivio Regionale Punti di Erogazione

Applicativi regionali centralizzati per la Sanità - ARPE Archivio Regionale Punti di Erogazione Pag. 1 di 18 Applicativi regionali centralizzati per la Sanità - ARPE Archivio Regionale Punti di Erogazione Note alla versione 3.0.0 novembre 2014 Pag. 2 di 18 INDICE 1 SCOPO DEL DOCUMENTO 3 2 Sposta

Dettagli

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 *

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 * Interventi per favorire la diversificazione delle attività agricole e lo sviluppo di quelle affini allo scopo di implementare fonti alternative di reddito (art.33 comma 2 - trattino 7 del Reg. (CE) 1257/99)

Dettagli

FlowLook Software per il controllo logico-formale dei flussi informativi

FlowLook Software per il controllo logico-formale dei flussi informativi versione 2.3 1 FlowLook Software per il controllo logico-formale dei flussi informativi Ottobre 2014 1. Introduzione 1. Storia del documento Versione: Data: Sintesi variazioni: 1.0 Giugno 2012 1.1 Giugno

Dettagli

Quesito n. 5 Domanda: Risposta: Quesito n. 6 A) Domanda: B) Domanda: Risposte: Quesito n. 7 Domanda: Risposta: Quesito n. 8 Domanda: Risposta:

Quesito n. 5 Domanda: Risposta: Quesito n. 6 A) Domanda: B) Domanda: Risposte: Quesito n. 7 Domanda: Risposta: Quesito n. 8 Domanda: Risposta: Risposte ai quesiti presentati relativi all Appalto servizi integrati di: pulizie igiene ambientale (esclusivamente per il lotto 1) manutenzione verde e pulizia aree esterne portierato diurno distribuzione

Dettagli

Novità release 2009.00

Novità release 2009.00 La presente release è utilizzabile anche per aggiornamenti da versioni 9.3.x e 2007.x Contenuto dell aggiornamento Highlight La versione 2009 di Gestionale2 presenta numerose novità : Nuova gestione listini

Dettagli