CORTE DI APPELLO DI NAPOLI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORTE DI APPELLO DI NAPOLI"

Transcript

1 CORTE DI APPELLO DI NAPOLI CONSIGLIO GIUDIZIARIO Oggetto: Pratica n. 14/PO/16- Protocollo P.16422/2016. Parere su schema di decreto ministeriale recante la determinazione delle piante organiche degli uffici giudicanti e requirenti, di primo grado, conseguente alla revisione delle circoscrizioni giudiziarie di cui al Dlgs. n. 155 e 156 del 2012 Lo schema di decreto ministeriale prevede una rideterminazione delle piante organiche dei Tribunali del distretto di corte di appello di Napoli, con una variazione negativa di n. 9 giudici dalla pianta organica del Tribunale di Napoli, di n. 1 giudice dal Tribunale di Avellino e di n. 1 giudice dalla pianta organica del Tribunale di Benevento. E inoltre prevista l aggiunta in pianta organica di n. 1 giudice al Tribunale di S. Maria Capua Vetere, di n. 2 giudici al Tribunale di Torre Annunziata, di n. 3 giudici al Tribunale di Nola. Lo schema di decreto prevede inoltre una variazione in positivo delle piante organiche delle Procure della Repubblica di Nola (1 unità) e Torre Annunziata (1 unità). In definitiva il saldo a livello distrettuale è negativo per 5 unità giudicanti e positivo per 2 unità requirenti. Come rilevato nella relazione trasmessa dal Presidente del Tribunale di Napoli, i dati statistici riportati nelle tabelle allegate allo schema di decreto ministeriale risultano largamente incompleti. Infatti, con riferimento al settore penale manca qualsiasi riferimento alle procedure di riesame personale (competenza distrettuale), reale, e alle misure di prevenzione, personali e patrimoniali (sebbene nella relazione di accompagnamento vi sia un espressa indicazione dell estrema rilevanza delle stesse al fine di valutare la domanda di giustizia in territori ad alta infiltrazione criminale). Parimenti, di gran lunga, incompleti, con riferimento al settore civile, risultano i dati statistici riportati nelle tabelle citate dal momento che, al di là del dato meramente quantitativo (numero di procedimenti iscritti nel biennio considerato), in essi non si rinviene alcuna ulteriore indicazione circa la tipologia degli affari, raccolti- come evidenziato a pag. 13 della relazione- nell ambito di macro-aree per materia, sebbene nella citata relazione tra gli indici di determinazione dell effettivo carico di lavoro degli uffici siano espressamente valorizzati, in aggiunta agli indicatori quantitativi e con funzione correttiva, gli indicatori qualificativi, ritenuti in grado di cogliere la complessità dell attività afferente ciascuna sede giudiziaria. Ulteriore profilo di incompletezza dei dati statistici- per il settore civile- riportati nelle tabelle ministeriali è costituito dall assenza della voce relativa alle pendenze intese secondo la relazione di accompagnamento come dato contabile assoluto che misura il numero totale- o per categoria- di affari aperti (quindi ancora da lavorare) ad una certa data ( pag. 18) e ciò sebbene al dato delle pendenze nella citata relazione sia riconosciuto

2 un valore peculiare (integrativo/correttivo) per la valutazione del carico complessivo di lavoro dei singoli uffici ( pag.19). Va, altresì, segnalata l assenza di dati relativi al triennio antecedente al 2014, giacché una valutazione complessiva dell incidenza, sui flussi in entrata presso il Tribunale di Napoli, della riforma della geografia giudiziaria (D.lgs /2012) che ha interessato il distretto a partire dal 2012, imponeva di estendere il confronto anche al triennio D altronde, nella citata relazione, i dati relativi al triennio in questione sono stati ritenuti significativi per l individuazione di un trend storico di più lunga durata e sono stati considerati quali indicatori di allarme per la verifica di eventuali segnali dissonanti dell andamento dell attività giudiziaria nei due periodi tenuti in separata considerazione statistica (cfr. pagg.11 e 13). Con riferimento ad entrambi i settori (civile e penale) del Tribunale di Napoli, il dirigente dell ufficio ha rilevato significative discrasie in difetto. Ad esempio, per l anno 2015, a fronte del dato ministeriale di le sopravvenienze per il settore civile rilevate dall ufficio innovazione, la cui analisi deve ritenersi più attendibile, sono pari a Per il settore penale, nel 2014 le sopravvenienze relative ai settori dibattimento e Gip sono state di e nel laddove il prospetto ministeriale indica rispettivamente e Inoltre, come rilevato nella relazione del Presidente del Tribunale di Benevento: 1) i dati riportati dal Ministero non considerano le rilevazioni relative ai procedimenti provenienti dal soppresso Tribunale di Ariano Irpino (n pendenti nell anno 2014, n pendenti nell anno 2015); 2) relativamente ai procedimenti in materia di esecuzione individuale e concorsuale i dati non coincidono con quelli in possesso dell ufficio (es: per l anno 2015 viene rilevata una pendenza complessiva di n. 278 a fronte di quella effettiva pari a n. 758). Ciò chiarito, l opzione di operare una drastica riduzione complessiva dell organico a livello distrettuale di 5 unità giudicanti non può essere condivisa. Anzitutto tale decisione si pone in controtendenza con la recente istituzione, nel distretto di Napoli, di un nuovo Tribunale di medio-grandi dimensioni, quale il Tribunale di Napoli Nord in Aversa, con un bacino di utenza di ben abitanti, inferiore (di circa un terzo) solo a quello del Tribunale di Napoli ( ), ma dotato di un organico in pianta organica quattro volte inferiore. E, infatti, evidente che l attivazione del nuovo ufficio giudiziario rispondeva sia all esigenza di razionalizzare le risorse umane a livello distrettuale sia alla necessità di corrispondere efficacemente all ingente domanda di giustizia promanante dal bacino di utenza del distretto di corte di appello di Napoli che, non sembra inutile ricordare, è caratterizzato dalla spiccata

3 incidenza di fenomeni criminali di elevata pericolosità, come reiteratamente segnalato nel corso di audizioni innanzi alla Commissione Parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie ed innanzi alla Commissione Parlamentare di inchiesta sul ciclo dei rifiuti. Da questo punto di vista, allora, la scelta di operare una riduzione dell organico del distretto non appare comprensibile, né comunque condivisibile, posto che nell ultimo biennio non si è registrata una significativa riduzione delle complessive sopravvenienze, a livello distrettuale- che lo giustifichi. Infatti mentre il numero complessivo di procedimenti iscritti nel settore civile ed in quello penale, riportato nelle tabelle ministeriali con riferimento all anno 2014, risulta essere di , quello relativo all anno 2015 è di D altronde il Tribunale di Napoli ha subito, già nel 2013, la riduzione dell organico da 348 a 319 unità. Sicché la scelta di ridurre l organico di ulteriori 9 unità giudicanti, ove confermata, non sarà priva di conseguenze negative, stante le ovvie ripercussioni non solo sul settore penale (soprattutto nei settori Gip e Riesame, che alcun beneficio hanno avuto dal mutamento della geografia giudiziaria, trattandosi di competenza distrettuale) ma anche su quello civile, (tribunale delle imprese in primis, in ragione del notevole incremento di affari registratosi a partire dal 2013) nonché sul fronte, particolarmente caldo, delle procedure in materia di protezione internazionale, che ha imposto la recente applicazione extra-distrettuale di giudici presso il Tribunale di Napoli attesa la necessità di far fronte all incremento del contenzioso derivante dai recenti fenomeni migratori (in tale settore le pendenze sono lievitate da 890 al 31/12/2013 a ben al 30/6/2016). Si osservi, inoltre, che una rilevante percentuale delle definizioni nel settore civile (quantificabile, per l anno 2015, nel 17.51% delle definizioni totali) si deve all apporto dei giudici onorari (Got), e pertanto l ipotesi di riduzione dell organico dei giudici togati si dimostra, anche sotto tale aspetto, intrinsecamente illogica. Inoltre la riduzione dell organico del distretto di 5 unità va ad incidere negativamente anche sugli Uffici di dimensioni medio/piccole di Avellino e Benevento. Anche tale scelta si pone in contrasto con quanto deciso appena tre anni fa con il D.M. 18 aprile 2013 recante la rideterminazione delle piante organiche del personale di magistratura degli uffici di primo grado in attuazione del decreto legislativo 7 settembre 2012, n. 155 allorché si ritenne che, per i tribunali che realizzavano l integrale accorpamento di uno o più circondari, dovesse essere disposta l assegnazione in aumento dell intero contingente di posti disponibile presso i corrispondenti uffici soppressi. Peraltro su tali uffici (di piccole e medie dimensioni) anche una lieve riduzione di organico giudicante (a parità di unità requirenti in servizio) rischia di avere peso ed effetti proporzionalmente maggiori, tanto più negativi a fronte delle difficoltà che già oggi vi sono nella realizzazione degli obiettivi di smaltimento dell arretrato. Le considerazioni che precedono inducono a far ritenere non condivisibile la scelta di riduzione dell organico. In ordine, poi, alla scelta di una parziale diversa distribuzione delle risorse giudicanti all interno dei Tribunali del distretto, non può ritenersi più adeguata a rispondere alla domanda di giustizia rispetto all attuale

4 Infatti, se appare condivisibile, non tanto sulla base del mero dato statistico, registrandosi un aumento del numero delle iscrizioni solo nel settore penale, quanto sulla base della notoria significativa incidenza del dilagante fenomeno della criminalità organizzata, l incremento di 1 giudice sulla pianta organica del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, di 2 giudici su quella del Tribunale di Torre Annunziata e di 3 giudici su quella del Tribunale di Nola, tuttavia, per le stesse ragioni, appare scarsamente comprensibile l assenza di un incremento della pianta organica di un tribunale medio-grande qual è quello di Napoli Nord che, con soli 80 giudici, si colloca al di sotto della media nazionale in un territorio caratterizzato da altissimi tassi di criminalità nonché dalla presenza di distretti industriali che ne qualificano il contenzioso con particolare riferimento alla sezione lavoro e fallimentare. In altre parole, il taglio di 9 unità giudicanti dalla pianta organica del Tribunale di Napoli non va neppure in parte a beneficio del neo istituito Tribunale di Napoli Nord, perpetuando una evidente sproporzione. Analizzando i dati relativi alle sopravvenienze (ossia il parametro maggiormente valorizzato nella relazione di accompagnamento allo schema di decreto ministeriale) è possibile verificare che, sia nel settore civile che in quello penale del Tribunale di Napoli Nord risultano iscritti, nell ultimo biennio, un numero di procedimenti inferiore (in percentuale compresa tra due volte e due volte e mezzo) al numero dei procedimenti iscritti al Tribunale di Napoli, sebbene l organico complessivo del Tribunale di Napoli Nord sia, come detto, inferiore di circa 4 volte a quello in servizio a Napoli. Tale discrasia non trova sufficiente spiegazione nella competenza distrettuale di tale ultima sede che, pur necessitando ovviamente di maggior presidio di giudici penali (Gip+riesame+misure di prevenzione) non può, da sola, giustificare la sproporzione. Analoghe considerazioni possono essere svolte con riferimento alla Procura della Repubblica di Napoli Nord. Ed invero, a fronte degli stessi indicatori utilizzati nella Relazione tecnica del Ministero della Giustizia e delle scelte di politica giudiziaria considerate siccome fondamentali ( adeguata risposta alla domanda di giustizia, corrispondere alle peculiari esigenze di presidio del ruolo della giurisdizione sia nei territori caratterizzati dalla presenza di endemici e pervasivi fenomeni di criminalità organizzata sia comunque laddove si avvertano precipue esigenze di salvaguardia della coesione sociale ) non è dato comprendere le ragioni per le quali si ritiene di non aumentare l organico della Procura di Napoli Nord, posto che tale ultimo ufficio risulta essere subentrato in quello sammaritano per tutta l area nota per essere interessata dall operatività del più pericoloso sodalizio camorristico della Campania (il cd. clan dei casalesi), nonché per essere succeduta alla Procura di Napoli nella competenza su un territorio, composto da 19 comuni tutti ricadenti nella cosiddetta Terra dei Fuochi, caratterizzati da una perdurante e diffusa emergenza ambientale nonché dalla attiva presenza di numerosi sodalizi camorristici, dei quali alcuni segnalati in allarmante ascesa criminale. Né, con riferimento al dato delle sopravvenienze e dell arretrato, pure ritenuti rilevanti, risulta essere stata operata una adeguata valutazione del numero dei procedimenti che, seppur iscritti fra le sopravvenienze presso gli uffici di S. Maria C.V. e Napoli, sono stati successivamente trasmessi per competenza alla Procura di Napoli Nord.

5 Inoltre, le criticità si appalesano comuni a tutti gli Uffici Giudiziari del Distretto, anche in considerazione della nuova geografia giudiziaria derivante dalla soppressione e l accorpamento delle sezioni distaccate che in alcuni casi (vedi Torre Annunziata) ha comportato una centralizzazione delle attività, oltre all aumento dell utenza e dei carichi di lavoro per i già gravati settori civili, anche in virtù del trasferimento, ai Tribunali ordinari, di nuove competenze alle sezioni famiglia, ove istituite, già appartenenti al Tribunale dei Minorenni. In conclusione, l ipotesi di operare una riduzione delle unità giudicanti presso i Tribunali di Napoli, Avellino e Benevento non può essere condivisa. Oltretutto, tale variazione in negativo non va, se non in parte, a compensare l inadeguatezza dell organico di altri uffici del distretto (ad eccezione solo del Tribunale di Napoli Nord) e comunque determina una riduzione di 5 giudici sull intero distretto di corte di appello di Napoli. La riduzione complessiva delle unità giudicanti a livello distrettuale desta, pertanto, viva preoccupazione in relazione alla prevedibile incidenza negativa sulla capacità degli uffici giudicanti interessati dalle modifiche di mantenere i medesimi elevati - standard di smaltimento degli affari in contesti territoriali caratterizzati dalla presenza di organizzazioni criminali di notoria pericolosità. Tale variazione in negativo, peraltro, mal si concilia con l aumento di 2 unità requirenti a livello distrettuale (Procure della Repubblica di Nola e Torre Annunziata), alterando, sia pur in minima percentuale, il rapporto complessivo tra magistrati giudicanti e requirenti addetti all intero distretto.

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 1649 D I S E G N O D I L E G G E d i n i z i a t i v a d e i s e n a t o r i F O L L I E R I, A N D R E O L L I, C O V I E L L

Dettagli

CORTE D APPELLO DI BOLOGNA CONSIGLIO GIUDIZIARIO

CORTE D APPELLO DI BOLOGNA CONSIGLIO GIUDIZIARIO CORTE D APPELLO DI BOLOGNA CONSIGLIO GIUDIZIARIO Parere della Commissione Flussi relativo al Tribunale di Reggio Emilia Fonti: proposta tabellare 3.2.2009; analisi statistiche del Tribunale e del Distretto

Dettagli

GIUISTIZIA PENALE INTERCETTAZIONI DI CONVERSAZIONI E COMUNICAZIONI

GIUISTIZIA PENALE INTERCETTAZIONI DI CONVERSAZIONI E COMUNICAZIONI GIUISTIZIA PENALE INTERCETTAZIONI DI CONVERSAZIONI E COMUNICAZIONI RAPPORTO STATISTICO ANNO 2013 Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica Introduzione Nel diritto processuale penale italiano

Dettagli

Ministero della Giustizia. Modifiche al decreto 10 novembre 2014, di individuazione delle sedi

Ministero della Giustizia. Modifiche al decreto 10 novembre 2014, di individuazione delle sedi Ministero della Giustizia Decreto 16 agosto 2016, pubblicato in G.U. n. 214, del 13 settembre 2016 Modifiche al decreto 10 novembre 2014, di individuazione delle sedi degli uffici del Giudice di pace,

Dettagli

Ministero della Giustizia Dipartimento per gli affari di Giustizia Circolare 29 luglio 2015

Ministero della Giustizia Dipartimento per gli affari di Giustizia Circolare 29 luglio 2015 Ministero della Giustizia Dipartimento per gli affari di Giustizia Circolare 29 luglio 2015 OGGETTO: Art. 6, comma 2, della legge 10 novembre 2014, n. 162, (Convenzione di negoziazione assistita da uno

Dettagli

B O L L E T T I N O U F F I C I A L E

B O L L E T T I N O U F F I C I A L E Anno CXXX - Numero 1 Roma, 15 gennaio 2009 Pubblicato il 15 gennaio 2009 B O L L E T T I N O U F F I C I A L E del Ministero della Giustizia PUBBLICAZIONE QUINDICINALE - SPED. IN ABBONAMENTO POSTALE 70%

Dettagli

INDICE GENERALE. Parte I L ORDINAMENTO GIUDIZIARIO

INDICE GENERALE. Parte I L ORDINAMENTO GIUDIZIARIO INDICE GENERALE PRESENTAZIONE di Nicola Graziano...XI PREFAZIONE di Stanislao De Matteis... XIII Parte I L ORDINAMENTO GIUDIZIARIO Capitolo I LA GIURISDIZIONE ITALIANA di Nicola Graziano e Antonella Valeria

Dettagli

T R I B U N A L E D I P I S A

T R I B U N A L E D I P I S A T R I B U N A L E D I P I S A Il Presidente del Tribunale Rilevato che, a seguito del trasferimento del Giudice del Lavoro dott. ssa Elisabetta TARQUINI alla Sezione Lavoro presso la Corte di Appello di

Dettagli

AUTORELAZIONE DI AI FINI DELLA VALUTAZIONE DI PROFESSIONALITA 1

AUTORELAZIONE DI AI FINI DELLA VALUTAZIONE DI PROFESSIONALITA 1 AUTORELAZIONE DI AI FINI DELLA VALUTAZIONE DI PROFESSIONALITA 1 1. Dati generali del magistrato. Cognome e nome: ; Luogo e data di nascita:, ; Decreto di nomina a magistrato ordinario (già uditore giudiziario):

Dettagli

D.D. N 11 DEL 07/03/2011 "PERCORSI INTEGRATI PRESS O SEDI OPERATIVE DEGLI UFFICI GIUDIZIARI IN REGIONE CAMPANIA"

D.D. N 11 DEL 07/03/2011 PERCORSI INTEGRATI PRESS O SEDI OPERATIVE DEGLI UFFICI GIUDIZIARI IN REGIONE CAMPANIA 334173 22a UNINA "Federico II" Procura della Repubblica di Collaboratore alla gestione e sicurezza dei dati informatizzati 334173 22b UNINA "Federico II" Procura della Repubblica di Collaboratore del Magistrato

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 23 maggio 2003;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 23 maggio 2003; DECRETO LEGISLATIVO 27 giugno 2003, n. 168 Istituzione di Sezioni specializzate in materia di proprieta' industriale ed intellettuale presso tribunali e corti d'appello, a norma dell'articolo 16 della

Dettagli

DECRETO 15 dicembre (GU n.45 del ) Rideterminazione della dotazione organica del personale appartenente alle aree.

DECRETO 15 dicembre (GU n.45 del ) Rideterminazione della dotazione organica del personale appartenente alle aree. MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 15 dicembre 2015 Rideterminazione della dotazione organica del personale appartenente alle aree. (16A01439) (GU n.45 del 24 2 2016) IL MINISTRO DELLO SVILUPPO

Dettagli

DATI NAZIONALI E MONITORAGGIO DEI TRIBUNALI CAMPIONE

DATI NAZIONALI E MONITORAGGIO DEI TRIBUNALI CAMPIONE RIFORMA DELLA GIUSTIZIA CIVILE DATI NAZIONALI E MONITORAGGIO DEI TRIBUNALI CAMPIONE AGGIORNAMENTO AL 30 APRILE 2015 Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica Composizione del campione

Dettagli

ESPERIENZE E BUONE PRATICHE DEL 20 LUGLIO La riorganizzazione delle cancellerie penali del Tribunale di Napoli

ESPERIENZE E BUONE PRATICHE DEL 20 LUGLIO La riorganizzazione delle cancellerie penali del Tribunale di Napoli Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro ESPERIENZE E BUONE PRATICHE DEL 20 LUGLIO 2015 La riorganizzazione delle cancellerie penali del Tribunale di Napoli Tribunale di Napoli I

Dettagli

Tratto dal sito: -

Tratto dal sito:  - Dati statistici e rappresentazioni grafiche 1 1 Tratto dal sito: www.giustizia.it/uffici/inaug_ag/ag2007/allegato_relaz_na07.pdf - Numero dei procedimenti penali definiti presso le corti di appello Nell

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI NAPOLI. DELIBERAZIONE del SINDACO METROPOLITANO. PARERI ex art. 49 D. Lgs. 267/2000 e ss. mm. ii.

CITTA METROPOLITANA DI NAPOLI. DELIBERAZIONE del SINDACO METROPOLITANO. PARERI ex art. 49 D. Lgs. 267/2000 e ss. mm. ii. CITTA METROPOLITANA DI NAPOLI DELIBERAZIONE del SINDACO METROPOLITANO OGGETTO: Proroga protocolli d intesa tra la Città Metropolitana di Napoli e la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli,

Dettagli

Tale considerazione si fonda sull approfondita analisi della situazione degli uffici giudiziari del distretto di Reggio Calabria, compiuta in

Tale considerazione si fonda sull approfondita analisi della situazione degli uffici giudiziari del distretto di Reggio Calabria, compiuta in Pratica num. 5/PO/2010. Parere ex art. 10, secondo comma, della legge 24 marzo 1958 n. 195, in ordine all ampliamento della pianta organica degli uffici giudiziari del distretto di Reggio Calabria. Il

Dettagli

Decessi droga correlati

Decessi droga correlati DECESSI DROGA-CORRELATI I seguenti dati sui decessi droga correlati, che rappresentano uno dei cinque indicatori chiave rilevati dall Osservatorio Europeo di Lisbona, si riferiscono alle informazioni rilevate

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTA la legge 28 dicembre 2015, n. 208, in particolare l articolo 1, commi 610 e 613;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTA la legge 28 dicembre 2015, n. 208, in particolare l articolo 1, commi 610 e 613; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA SEZIONE AUTONOMA DEI CONSIGLI GIUDIZIARI PER I MAGISTRATI ONORARI E DISPOSIZIONI PER LA CONFERMA NELL INCARICO DEI GIUDICI DI PACE, DEI GIUDICI

Dettagli

LE GARANZIE GIURISDIZIONALI

LE GARANZIE GIURISDIZIONALI LE GARANZIE GIURISDIZIONALI La funzione giurisdizionale La giurisdizione ordinaria e le giurisdizioni speciali Autonomia e indipendenza della magistratura Il consiglio superiore della magistratura Il giusto

Dettagli

Direzione Regionale della Campania

Direzione Regionale della Campania Direzione Regionale della Campania Istituzione Osservatorio regionale e Nuclei provinciali sulla Mediazione tributaria Compiti e funzionamento (art. 4 Protocolli di intesa siglati a livello regionale in

Dettagli

Case Study. Livello di digitalizzazione degli atti

Case Study. Livello di digitalizzazione degli atti Case Study Livello di digitalizzazione degli atti 0 Ragioni alla base della rilevanza L utilizzo del servizio di deposito telematico degli atti e dei provvedimenti da parte dei giudici rappresenta uno

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Relazione illustrativa Il presente schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri è predisposto in attuazione del decreto legislativo 26 novembre 2010, n. 216, recante Disposizioni in materia

Dettagli

Essere partner per tutte le esigenze conoscitive e informative dei suoi clienti fornendo informazioni di elevata qualità e affidabilità e servizi

Essere partner per tutte le esigenze conoscitive e informative dei suoi clienti fornendo informazioni di elevata qualità e affidabilità e servizi Indagine statistica andamento Aste Immobiliari in Italia Essere partner per tutte le esigenze conoscitive e informative dei suoi clienti fornendo informazioni di elevata qualità e affidabilità e servizi

Dettagli

Direzione Regionale della Campania

Direzione Regionale della Campania Direzione Regionale della Campania Istituzione Osservatorio regionale e Nuclei provinciali sulla Mediazione tributaria Compiti e funzionamento art. 4 Protocolli di intesa siglati a livello regionale in

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA LA CURA DELLE RIFORME FUNZIONA NEL 2016 MIGLIORA LA GIUSTIZIA CIVILE

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA LA CURA DELLE RIFORME FUNZIONA NEL 2016 MIGLIORA LA GIUSTIZIA CIVILE MINISTERO DELLA GIUSTIZIA LA CURA DELLE RIFORME FUNZIONA NEL 2016 MIGLIORA LA GIUSTIZIA CIVILE GIUGNO 2014 LE RIFORME NON SARANNO A COSTO ZERO PER IL TRIENNIO 2015-2017 STANZIATI 1MILIARDO E 657 MILIONI

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri DECRETO N. 119/2014 Prot. n. 0022703 /1.2.2 del 03/09/2014 VISTA la Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri e

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA STATISTICHE. A cura di. Dossier realizzato nell ambito del progetto INNOVAGIUSTIZIA

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA STATISTICHE. A cura di. Dossier realizzato nell ambito del progetto INNOVAGIUSTIZIA TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA STATISTICHE A cura di Dossier realizzato nell ambito del progetto INNOVAGIUSTIZIA INDICE DELLE TABELLE E DEI GRAFICI Tabelle Tabella 1 Distretto di Corte d Appello di Brescia...

Dettagli

Il flussi turistici di Montepulciano nel 2014

Il flussi turistici di Montepulciano nel 2014 Il flussi turistici di Montepulciano nel 2014 1 Il mercato turistico di Montepulciano nel 2014 (Elaborazione CST su dati parziali Amministrazione Provinciale di Siena) Premessa Le informazioni e i dati

Dettagli

Il CONSIGLIO dell ORDINE degli AVVOCATI di TERAMO

Il CONSIGLIO dell ORDINE degli AVVOCATI di TERAMO Il CONSIGLIO dell ORDINE degli AVVOCATI di TERAMO nella seduta del giorno 17 luglio 2012 PREMESSO Sin dall istituzione del Giudice Unico il Tribunale di Teramo ha annoverato nel proprio circondario due

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3004

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3004 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3004 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore BEVILACQUA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 3 NOVEMBRE 2011 Modifica all articolo 1, comma 683, della legge 27 dicembre

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI BRESCIA ~~~~~~~~~~~~~~ P R E S I D E N Z A ~~~~~~~~~~~ IL CONSIGLIO GIUDIZIARIO

CORTE DI APPELLO DI BRESCIA ~~~~~~~~~~~~~~ P R E S I D E N Z A ~~~~~~~~~~~ IL CONSIGLIO GIUDIZIARIO CORTE DI APPELLO DI BRESCIA ~~~~~~~~~~~~~~ P R E S I D E N Z A ~~~~~~~~~~~ IL CONSIGLIO GIUDIZIARIO 1 Sommario Resoconto attività del Consiglio Giudiziario... 3 Struttura del Consiglio Giudiziario... 3

Dettagli

Individuazione degli uffici dirigenziali di secondo livello del Ministero dello sviluppo economico.

Individuazione degli uffici dirigenziali di secondo livello del Ministero dello sviluppo economico. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale,, n. 77 del 1 aprile 2008 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma SI PUBBLICA TUTTI PARTE PRIMA

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 14 DEL 12 MARZO 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 14 DEL 12 MARZO 2007 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 14 DEL 12 MARZO 2007 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 9 febbraio 2007 - Deliberazione N. 113 - Area Generale di Coordinamento N. 1 - Gabinetto

Dettagli

I NUMERI DI ROMA Numero 2 aprile/giugno 2007 Roma e i grandi comuni: crescita in controtendenza

I NUMERI DI ROMA Numero 2 aprile/giugno 2007 Roma e i grandi comuni: crescita in controtendenza I NUMERI DI ROMA Numero aprile/giugno Roma e i grandi comuni: crescita in controtendenza All inizio del Roma conta oltre.. abitanti. Un risultato che, anche se influenzato in gran parte dalle operazioni

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI MARSALA

TRIBUNALE ORDINARIO DI MARSALA TRIBUNALE ORDINARIO DI MARSALA STRUTTURA STATISTICO-INFORMATICA COORDINATORE GIOACCHINO NATOLI BOLLETTINO STATISTICO MENSILE CIVILE E PENALE SEDE CENTRALE - SEZIONI DISTACCATE - GIUDICI DI PACE FEBBRAIO

Dettagli

Art Il Ministro dell economia e delle finanze è autorizzato, con proprio decreto, ad apportare le necessarie variazioni

Art Il Ministro dell economia e delle finanze è autorizzato, con proprio decreto, ad apportare le necessarie variazioni provincia e al comune di Napoli e al comune di Palermo per l attuazione di politiche attive finalizzate alla stabilizzazione occupazionale dei lavoratori impiegati in attività socialmente utili»; Rilevato

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1248

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1248 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1248 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore SANCIU COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 1º DICEMBRE 2008 Disposizioni concernenti il riordino dell estensione dei

Dettagli

- Inaugurazione dell Anno giudiziario (Delibera consiliare del 14 gennaio 2015)

- Inaugurazione dell Anno giudiziario (Delibera consiliare del 14 gennaio 2015) - Inaugurazione dell Anno giudiziario 2015 - (Delibera consiliare del 14 gennaio 2015) «1. Premessa. In premessa si richiama la delibera adottata dal Consiglio nella seduta del 13 dicembre 2006, che dava

Dettagli

Interventi attivati presso il Tribunale di Messina:

Interventi attivati presso il Tribunale di Messina: Rafforzamento delle capacità d azione delle Autorità per l Amministrazione della Giustizia della Regione Siciliana Tribunale di Messina Tribunale di Palermo Programma Operativo Regionale 2007/2013 del

Dettagli

Proposta di emendamenti al disegno di legge sull'ordinamento giudiziario.

Proposta di emendamenti al disegno di legge sull'ordinamento giudiziario. Proposta di emendamenti al disegno di legge sull'ordinamento giudiziario. Il consiglio direttivo dell'associazione dirigenti sta intensificando, in questa fase di discussione del disegno di legge sull'ordinamento

Dettagli

Analisi dei procedimenti civili pendenti per anno di iscrizione (MPC Magazzino pendenze civili)

Analisi dei procedimenti civili pendenti per anno di iscrizione (MPC Magazzino pendenze civili) Analisi dei procedimenti civili pendenti per anno di iscrizione (MPC Magazzino pendenze civili) ANNO DI ANALISI 2012 Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica CARATTERISTICHE DELLA RILEVAZIONE

Dettagli

OGGETTO: Trattamento ai fini Iva delle vendite operate da un ente pubblico

OGGETTO: Trattamento ai fini Iva delle vendite operate da un ente pubblico RISOLUZIONE 352/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 dicembre 2007 OGGETTO: Trattamento ai fini Iva delle vendite operate da un ente pubblico Con l istanza di interpello di cui all oggetto,

Dettagli

Deliberazione n. 10/III C./2007

Deliberazione n. 10/III C./2007 Deliberazione n. 10/III C./2007 REPUBBLICA ITALIANA la CORTE DEI CONTI Sezione di controllo della regione Friuli Venezia Giulia III Collegio composto dai seguenti magistrati: PRESIDENTE: CONSIGLIERE: REFERENDARIO:

Dettagli

Le linee d azione per un nuovo assetto della PA della Lombardia. Patto per lo Sviluppo 6 maggio 2016

Le linee d azione per un nuovo assetto della PA della Lombardia. Patto per lo Sviluppo 6 maggio 2016 Le linee d azione per un nuovo assetto della PA della Lombardia Patto per lo Sviluppo 6 maggio 2016 Una riforma amministrativa per le imprese In un epoca di rapidissimi cambiamenti che interessano la società,

Dettagli

A.G.C Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 54 del 28 gennaio 2010 Nuovo Ospedale della Zona Orientale di Napoli. Determinazioni.

A.G.C Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 54 del 28 gennaio 2010 Nuovo Ospedale della Zona Orientale di Napoli. Determinazioni. A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 54 del 28 gennaio 2010 Nuovo Ospedale della Zona Orientale di Napoli. Determinazioni. PREMESSO: - che ai sensi dell art. 34 del dlgs 267/2000, il 24

Dettagli

LA MAGISTRATURA IN ITALIA: UN PROFILO STORICO E COMPARATO,

LA MAGISTRATURA IN ITALIA: UN PROFILO STORICO E COMPARATO, Abbreviazioni 11 Presentazione 13 PARTE PRIMA j LA MAGISTRATURA IN ITALIA: UN PROFILO STORICO E COMPARATO, di Carlo Guarnierì I. La magistratura nello Stato moderno 21 1. I caratteri generali del rendere

Dettagli

Prot. 717/16 S.N. Roma, 10 agosto 2016

Prot. 717/16 S.N. Roma, 10 agosto 2016 Segreteria Nazionale Via Farini, 62-00185 Roma Tel. +39 06 48903773-48903734 Fax: +39 06 62276535 coisp@coisp.it www.coisp.it COISP COORDINAMENTO PER L INDIPENDENZA SINDACALE DELLE FORZE DI POLIZIA Prot.

Dettagli

Osservatorio per la giustizia civile di Milano

Osservatorio per la giustizia civile di Milano Osservatorio per la giustizia civile di Milano Nuove tabelle per la liquidazione del danno non patrimoniale derivante da lesione alla integrità psico-fisica e dalla perdita del rapporto parentale presentate

Dettagli

ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA. VI Commissione legislativa. RISOLUZIONE n. 46

ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA. VI Commissione legislativa. RISOLUZIONE n. 46 ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA VI Commissione legislativa RISOLUZIONE n. 46 Atto di indirizzo in ordine alla rideterminazione delle piante organiche ed all adeguamento degli atti aziendali delle aziende

Dettagli

TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA ANCONA ORDINE DI SERVIZIO N. 162 E RELATIVA VARIAZIONE TABELLARE IL PRESIDENTE

TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA ANCONA ORDINE DI SERVIZIO N. 162 E RELATIVA VARIAZIONE TABELLARE IL PRESIDENTE ORDINE DI SERVIZIO N. 162 E RELATIVA VARIAZIONE TABELLARE IL PRESIDENTE Vista la proposta di formazione delle tabelle di organizzazione di questo Tribunale per il triennio 2014-2016 approvata dal C.S.M.

Dettagli

IL SENTIMENT DELLE IMPRESE E DEI CONSUMATORI A ROMA SULLA SITUAZIONE ECONOMICA

IL SENTIMENT DELLE IMPRESE E DEI CONSUMATORI A ROMA SULLA SITUAZIONE ECONOMICA IL QUADRO CONGIUNTURALE DELL ECONOMIA ROMANA IV TRIMESTRE 2010 SINTESI IL SENTIMENT DELLE IMPRESE E DEI CONSUMATORI A ROMA SULLA SITUAZIONE ECONOMICA RISULTATI GENERALI Nel quarto trimestre 2010 l attività

Dettagli

CAMERA PENALE IRPINA AVELLINO

CAMERA PENALE IRPINA AVELLINO Preg.mo Presidente del Tribunale di Sorveglianza di Napoli - Dott. C.A. Esposito - Breve ricostruzione della vicenda Ufficio di Sorveglainza BREVE RICOSTRUZIONE DELLA VICENDA UFFICIO DI SORVEGLIANZA DI

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 2595 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori PEDRIZZI, BATTAGLIA, VALENTINO, BUCCIERO e CARUSO Antonino COMUNICATO ALLA

Dettagli

CONVEGNO 7/3/2003 della COMMISSIONE GRATUITO PATROCINIO. Casi dubbi di competenza territoriale dell Ordine

CONVEGNO 7/3/2003 della COMMISSIONE GRATUITO PATROCINIO. Casi dubbi di competenza territoriale dell Ordine CONVEGNO 7/3/2003 della COMMISSIONE GRATUITO PATROCINIO Casi dubbi di competenza territoriale dell Ordine 1) Competenza a formare l elenco degli avvocati ammessi al patrocinio a spese dello Stato: L art.

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia Anno CXXXIV - Numero 18 Roma, 30 settembre 2013 Pubblicato il 30 settembre 2013 BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia PUBBLICAZIONE QUINDICINALE SOMMARIO PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE 2011

RAPPORTO ANNUALE 2011 Nel 2011 sono stati denunciati 51mila infortuni in meno rispetto al 2010, con una flessione del 6,6% (da 776mila a 725mila) pari alla media del calo degli infortuni sia in occasione di lavoro (-6,5%),

Dettagli

Roma, 2 febbraio 2016 OGGETTO: SULLE INDENNITÀ CONNESSE ALLA PRIMA ASSEGNAZIONE DEL MAGISTRATO.

Roma, 2 febbraio 2016 OGGETTO: SULLE INDENNITÀ CONNESSE ALLA PRIMA ASSEGNAZIONE DEL MAGISTRATO. Roma, 2 febbraio 2016 OGGETTO: SULLE INDENNITÀ CONNESSE ALLA PRIMA ASSEGNAZIONE DEL MAGISTRATO. Abstract: al magistrato assegnato alla prima sede di servizio spetta, anzitutto, una indennità di assegnazione,

Dettagli

8. ISTRUZIONE. 8.1 Le Istituzioni 1 scolastiche. Istruzione

8. ISTRUZIONE. 8.1 Le Istituzioni 1 scolastiche. Istruzione 8. ISTRUZIONE 8.1 Le Istituzioni 1 scolastiche L'analisi delle strutture scolastiche presenti nella Provincia di Viterbo è stata riassunta disaggregando le unità tra private e pubbliche. I dati, che di

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE Decreto 7 dicembre 2016 - Individuazione graduatorie oggetto di scorrimento ai fini dell'assunzione di 1000 unità di personale amministrativo non dirigenziale da inquadrare nei ruoli dell'amministrazione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1121

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1121 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1121 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore MUGNAI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 15 OTTOBRE 2008 Istituzione in Pisa di una sezione distaccata della corte

Dettagli

PROSPETTI STATISTICI RELATIVI ALL ATTIVITÀ GIURISDIZIONALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 1. dal 1 gennaio al 30 aprile 2014 I N D I C E

PROSPETTI STATISTICI RELATIVI ALL ATTIVITÀ GIURISDIZIONALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 1. dal 1 gennaio al 30 aprile 2014 I N D I C E PROSPETTI STATISTICI RELATIVI ALL ATTIVITÀ GIURISDIZIONALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 1 dal 1 gennaio al 30 aprile 2014 I N D I C E QUADRI SINTETICI DEI GIUDIZI PERVENUTI, DEFINITI E PENDENTI PRONUNCE

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

BOLLETTINO UFFICIALE DEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA BOLLETTINO UFFICIALE DEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA VOLUME CENTOTRENTACINQUESIMO ANNO 2014 Avvertenza A decorrere dall'anno 2010, il Bollettino Ufficiale è disponibile esclusivamente on-line attraverso

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO DETERMINAZIONE R.C.G.32_2016 DEL

COMUNE DI PUTIGNANO DETERMINAZIONE R.C.G.32_2016 DEL COPIA COMUNE DI PUTIGNANO DETERMINAZIONE R.C.G.32_2016 DEL 21-01-2016 Det. IV AREA 7-2016 del 20-01-2016 IV AREA - POLIZIA LOCALE- PROTEZIONE CIVILE - AGRICOLTURA - CONTENZIOSO - GIUDICE DI PACE - TRASPORTI

Dettagli

1. Come si vive e lavora in Umbria: il posizionamento della regione nell ultimo decennio

1. Come si vive e lavora in Umbria: il posizionamento della regione nell ultimo decennio Estratto dal capitolo 1 della Relazione sullo stato di attuazione del programma di governo e sull amministrazione regionale RESOCONTO DI LEGISLATURA (Pubblicata nel S.S. del B.U.R. n. 10 del3 marzo 2010)

Dettagli

La riforma degli Intermediari ex art. 106: un potenziale effetto negativo sulla congiuntura economica

La riforma degli Intermediari ex art. 106: un potenziale effetto negativo sulla congiuntura economica Il D.Lgs. 141/2010 (e successive modifiche) recante la nuova disciplina in materia di intermediari finanziari, ha quale proprio orientamento quello di rafforzarne gli obblighi patrimoniali e le relative

Dettagli

Indagini e giudizio nei reati di criminalità organizzata

Indagini e giudizio nei reati di criminalità organizzata Indagini e giudizio nei reati di criminalità organizzata Cod.: P16071 Data: 5-7 ottobre 2016 Responsabili del corso: Nicola Russo, Riccardo Ferrante Esperto formatore: Michele Prestipino Giarritta Presentazione

Dettagli

TARIFFA PENALE NORME GENERALI

TARIFFA PENALE NORME GENERALI TARIFFA PENALE TARIFFA PENALE NORME GENERALI 1. 1. Per la determinazione dell onorario di cui alla tabella deve tenersi conto della natura, complessità e gravità della causa, del numero e della importanza

Dettagli

Tribunale delle Imprese

Tribunale delle Imprese Tribunale delle Imprese Principali indicatori di flusso e di performance [2012 I sem. 2016] Tribunale delle Imprese obiettivi della riforma Obiettivo principale della riforma (realizzata con il d.l. 1

Dettagli

QUOTA MERCATO UE PREMI UE***

QUOTA MERCATO UE PREMI UE*** Anno II n 6 mese settembre Executive Summary Dati al 30 giugno 2016 Alla fine del I semestre 2016 i premi totali (imprese italiane e rappresentanze) del portafoglio diretto italiano sono stati pari a 18,1

Dettagli

LA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE GIOVANILE

LA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE GIOVANILE LA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE GIOVANILE Un primo passo verso l autonomia: conoscere il mercato del lavoro e le opportunità occupazionali Tra le principali finalità perseguite dalla Regione Friuli Venezia

Dettagli

L interruzione volontaria di gravidanza nel Distretto di Bologna:

L interruzione volontaria di gravidanza nel Distretto di Bologna: L interruzione volontaria di gravidanza nel Distretto di Bologna: Una breve analisi del periodo 27-215 Ottobre 216 a cura del Distretto di Bologna Quadro generale e indicatori di abortività Prosegue il

Dettagli

Agroalimentare Made in Italy: export e import dell Italia con i Paesi BRICS e TICKS

Agroalimentare Made in Italy: export e import dell Italia con i Paesi BRICS e TICKS Agroalimentare Made in Italy: export e import dell Italia con i Paesi BRICS e TICKS BRICS e TICKS sono acronimi, adottati da alcuni fondi internazionali di investimento finanziario, che individuano i principali

Dettagli

La finanza regionale

La finanza regionale La finanza regionale 1. Il sistema di finanziamento delle Regioni, in particolar modo quello delle Regioni a Statuto ordinario, ha subito nell ultimo decennio notevoli mutamenti, che hanno comportato la

Dettagli

DETERMINAZIONE del SEGRETARIO GENERALE N. 184 del 05/11/2015

DETERMINAZIONE del SEGRETARIO GENERALE N. 184 del 05/11/2015 DETERMINAZIONE del SEGRETARIO GENERALE N. 184 del 05/11/2015 Addì giovedì 5 novembre 2015, nella sede camerale, il Segretario Generale Dott. Marco Peroni, ha adottato la seguente determinazione in merito

Dettagli

FRANCESCA LANDOLFI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

FRANCESCA LANDOLFI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ISTRUZIONE E FORMAZIONE FRANCESCA LANDOLFI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome FRANCESCA LANDOLFI Indirizzo Via San Ruffino, 6 San Nicola la strada (CE) - ITALIA Fax (+ 39) 0823/422186 E-mail francesca.landolfi@virgilio.it

Dettagli

SOMMARIO SOMMARIO. Parte III - PERSONALE. Decreto di attribuzione della posizione economica A/1 super all interno dell area A... Pag.

SOMMARIO SOMMARIO. Parte III - PERSONALE. Decreto di attribuzione della posizione economica A/1 super all interno dell area A... Pag. MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE GENERALE DEL PERSONALE DEI SERVIZI DEL TESORO 2006 BOLLETTINO UFFICIALE 1 Supplemento straordinario Data di pubblicazione: 8 novembre

Dettagli

DETERMINAZIONE N del 22 dicembre 2015 PROT. N

DETERMINAZIONE N del 22 dicembre 2015 PROT. N Oggetto: Determinazione approvazione esiti riesame della valutazione dei Progetti di Servizio civile nazionale, presentati entro il 30 giugno 2015 dagli Enti iscritti al relativo Albo, alle sezioni A)

Dettagli

COMUNE DI PRALORMO Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 4

COMUNE DI PRALORMO Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 4 ESTRATTO COMUNE DI PRALORMO Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 4 OGGETTO: Riforma della geografia giudiziaria, soppressione del tribunale di Alba, richiesta di revisione

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2015 a cura del NETWORK SECO Marzo 2016 Il Network SeCO è costituito da:

Dettagli

Nota di commento ai dati sulla natalità e fecondità della popolazione residente Anno 2015 Fonte: Istat

Nota di commento ai dati sulla natalità e fecondità della popolazione residente Anno 2015 Fonte: Istat Nota di commento ai dati sulla natalità e fecondità della popolazione residente Anno 2015 La statistica report su Natalità e fecondità si basa prevalentemente sulla rilevazione degli Iscritti in anagrafe

Dettagli

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Terza) ORDINANZA

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Terza) ORDINANZA N. 00115/2012 REG.PROV.CAU. N. 03613/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Terza) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

IL TURISMO IN CIFRE NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA GENNAIO

IL TURISMO IN CIFRE NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA GENNAIO G ENNAIO 2010 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma Proseguono anche nel mese di Gennaio nella provincia di Roma i segnali di ripresa della domanda turistica, che ha registrato

Dettagli

Registroimprese.it: i risultati dell indagine 2015 di Customer Satisfaction

Registroimprese.it: i risultati dell indagine 2015 di Customer Satisfaction Registroimprese.it: i risultati dell indagine 2015 di Customer Satisfaction InfoCamere ha realizzato nel 2015, come ogni anno, una rilevazione di Customer Satisfaction sugli utenti che accedono ai servizi

Dettagli

Calendario di dettaglio dei magistrati ordinari nominati con D.M (Delibera del 27 giugno 2012)

Calendario di dettaglio dei magistrati ordinari nominati con D.M (Delibera del 27 giugno 2012) Calendario di dettaglio dei magistrati ordinari nominati con D.M. 08.06.2012. (Delibera del 27 giugno 2012) " Il Consiglio Superiore della Magistratura - lette le proprie delibere del 13.6.2012 (Nuovo

Dettagli

PUBBLICI ELENCHI VALIDI AI FINI DELLA NOTIFICAZIONE E COMUNICAZIONE DEGLI ATTI IN MATERIA CIVILE, PENALE, AMMINISTRATIVA E STRAGIUDIZIALE

PUBBLICI ELENCHI VALIDI AI FINI DELLA NOTIFICAZIONE E COMUNICAZIONE DEGLI ATTI IN MATERIA CIVILE, PENALE, AMMINISTRATIVA E STRAGIUDIZIALE PUBBLICI ELENCHI VALIDI AI FINI DELLA NOTIFICAZIONE E COMUNICAZIONE DEGLI ATTI IN MATERIA CIVILE, PENALE, AMMINISTRATIVA E STRAGIUDIZIALE Con la presente si è ad evidenziare l insorgere di un problema

Dettagli

1) DETERMINAZIONE DEGLI IMPORTI RELATIVI AL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO FATTURATI DA CIASCUN GESTORE

1) DETERMINAZIONE DEGLI IMPORTI RELATIVI AL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO FATTURATI DA CIASCUN GESTORE RELAZIONE DI ACCOMPAGNAMENTO AL FILE DI CALCOLO DELLA RESTITUZIONE DELLA REMUNERAZIONE DI CAPITALE RELATIVA AL PERIODO 21/07/2011-31/12/2011 (DELIBERAZIONE AEEG N.273/2013/R/IDR DEL 25/06/2013). GESTORE

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 790 del 30/12/2011

Delibera della Giunta Regionale n. 790 del 30/12/2011 Delibera della Giunta Regionale n. 790 del 30/12/2011 A.G.C.3 Programmazione, piani e programmi Settore 2 Pianificazione e collegamento con le aree generali di coordinamento Oggetto dell'atto: PROGETTO

Dettagli

COMPRAVENDITE DI IMMOBILI A USO ABITATIVO IN CAMPANIA numero

COMPRAVENDITE DI IMMOBILI A USO ABITATIVO IN CAMPANIA numero IL MERCATO IMMOBILIARE IN CAMPANIA Le compravendite. Il mercato immobiliare residenziale della Campania mostra nel 2007 una flessione degli immobili scambiati che si aggiunge a quella, più contenuta, già

Dettagli

IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA. per l anno 2008, delle misure di compensazione territoriale

IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA. per l anno 2008, delle misure di compensazione territoriale Prescrive che il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, in occasione della richiesta di parere da parte di questo Comitato sul successivo Contratto di programma ANAS, trasmetta un quadro complessivo

Dettagli

MONITORAGGIO MESE DI DICEMBRE 2012 Fonte: Osservatorio Unioncamere sulla mediazione e la conciliazione

MONITORAGGIO MESE DI DICEMBRE 2012 Fonte: Osservatorio Unioncamere sulla mediazione e la conciliazione LA MEDIAZIONE DELLE CAMERE DI COMMERCIO MONITORAGGIO MESE DI DICEMBRE 2012 Fonte: Osservatorio Unioncamere sulla mediazione e la conciliazione Procedimenti depositati Il numero di procedimenti di mediazione

Dettagli

Tavolo della Giustizia della Città di Milano

Tavolo della Giustizia della Città di Milano Tavolo della Giustizia della Città di Milano Le iniziative sviluppate per la definizione ed attivazione dei progetti e l elaborazione del piano strategico di sviluppo dei servizi in vista di Expo 2015

Dettagli

PROPOSTA REGOLATIVA DEL DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO - SERVIZIO COMMERCIO E COOPERAZIONE

PROPOSTA REGOLATIVA DEL DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO - SERVIZIO COMMERCIO E COOPERAZIONE PROPOSTA REGOLATIVA DEL DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO - SERVIZIO COMMERCIO E COOPERAZIONE REGOLE DI AMMODERNAMENTO DELLA RETE DI DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI Il processo di razionalizzazione e di riqualificazione

Dettagli

COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno)

COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno) COMUNE DI ALBANELLA (Provincia di Salerno) COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 8 Del 15-02-2012 Oggetto: Soppressione Uffici del Giudice di Pace di Roccadaspide - presa d'atto verbale riunione

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI Al Consiglio Superiore della Magistratura ROMA Oggetto: decreto legge 23 maggio 2008 n. 90. Osservazioni formulate dai magistrati della Procura della

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia

BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia Anno CXXXV - Numero 12 Roma, 30 giugno 2014 Pubblicato il 30 giugno 2014 BOLLETTINO UFFICIALE del Ministero della Giustizia PUBBLICAZIONE QUINDICINALE SOMMARIO PARTE PRIMA DISPOSIZIONI GENERALI D.M. 10

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 583 del 25/10/2016

Delibera della Giunta Regionale n. 583 del 25/10/2016 Delibera della Giunta Regionale n. 583 del 25/10/2016 Dipartimento 53 - Dipartimento delle Politiche Territoriali Direzione Generale 7 - Direzione Generale per la mobilità U.O.D. 6 - UOD Fondi regionali,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DAMBRUOSO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato DAMBRUOSO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1609 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato DAMBRUOSO Modifiche al codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, di cui

Dettagli

Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazione e valutazione del superiore gerarchico

Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazione e valutazione del superiore gerarchico Livello di benessere organizzativo, grado di condivisione del sistema di valutazione e valutazione del superiore gerarchico Sintesi dei risultati dell indagine 2013 svolta sul personale della Camera di

Dettagli

ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA

ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA APRILE 2010 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma

Dettagli