STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI"

Transcript

1 STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) Via V. Veneto 2, 57100, Pisa 4 Sessione Tema: Telerilevamento e reti di monitoraggio ambientale Sottotema: Controlli e monitoraggio 1. Introduzione Il rapido sviluppo tecnologico degli standard di comunicazione mobile avvenuto negli ultimi anni, ha richiesto e richiede un continuo aggiornamento dei metodi e degli strumenti di misura a disposizione delle Agenzie di Controllo, per poter efficacemente garantire la tutela dell Ambiente e della Salute Pubblica e consentire alle stesse di informare correttamente il cittadino sui reali livelli di esposizione. Dal 1985, anno in cui nasceva il primo sistema TACS nel Regno Unito, ad oggi abbiamo assistito ad una crescente presenza sul territorio di apparati di ricezione e trasmissione ed alla contemporanea evoluzione degli stessi standard di comunicazione, basti pensare che l anno 2002 ha visto il lancio anche in Italia del sistema di telecomunicazioni di Terza Generazione, meglio noto come UMTS (Universal Mobile Telecommunication System), in grado di supportare trasmissioni dati a 3.84Mbit/s. Le Agenzie di Controllo si trovano quindi a dover gestire nuove competenze ed essere tecnologicamente all avanguardia per poter garantire i servizi istituzionali sia sul fronte del più classico inquinamento elettromagnetico a bassa frequenza che su quello emergente delle alte frequenze. In questo lavoro sarà fatta una necessariamente breve panoramica sulle problematiche nascenti dall introduzione di nuovi standard di comunicazione, sulle strategie di misura e sui prodotti tecnologici a disposizione, con particolare riferimento ai sistemi di monitoraggio in continua, per poter garantire risposte efficaci in relazione all evoluzione del mondo della telecomunicazione mobile. 2. L attività delle Agenzie di Controllo La crescente domanda da parte dei gestori di nuove Stazioni Radio Base (SRB) sia GSM che di nuova generazione, UMTS, pone sempre più spesso le Agenzie di fronte alla necessità non solo di effettuare controlli sui livelli di campo Elettromagnetico (EM) generato dalle SRB, ma anche di valutare, se non eseguire, misure di campo EM di fondo affinché venga tutelato l ambiente e la salute del cittadino nella prospettiva dello sviluppo delle infrastrutture e, quindi, della qualità dei servizi. Ad oggi, il lavoro di controllo e valutazione delle Agenzie si articola in due fasi distinte e complementari: da un lato le simulazioni numeriche permettono di avere un quadro generale dell impatto di nuove SRB, dall altro forniscono un primo approccio alla valutazione complessiva dell esposizione della popolazione. Misure spot o in continua sui siti di maggior interesse sono utilizzate sia ai fini del controllo degli impianti che per fornire

2 informazioni puntuali e specifiche alla popolazione, spesso allarmata dalle presenza degli impianti. 2.1 La necessità di misure selettive in frequenza L esperienza di questi anni e i dati raccolti da ARPAT, mostrano come le tradizionali misure spot in banda larga e le simulazioni numeriche non siano sufficienti a caratterizzare pienamente i livelli di campo EM e l esposizione della popolazione. La normativa attuale richiede di individuare in maniera univoca le sorgenti di campo EM e di valutarne previsionalmente l esposizione, in ottemperanza alle norme CEI (Guida CEI 211 7, Guida per la misura e per la valutazione dei campi elettromagnetici nell intervallo di frequenza 10 khz 300 GHz, con riferimento all esposizione umana ), nel caso peggiore, quando, cioè, in condizioni di massimo traffico, le SRB emettono alla massima potenza consentita. Risulta evidente allora, come le semplici misure in banda larga e le simulazioni al calcolatore basate sulle informazioni relative al singolo impianto non possano fornire un quadro esaustivo della situazione per la mancanza di selettività e di conoscenza delle frequenze realmente utilizzate dai gestori al momento della misura, nonché del traffico presente. Si rende necessario, quindi, ricorrere a misure selettive in frequenza (banda stretta), in grado di fotografare la reale occupazione di banda al momento del controllo e la potenza assegnata ai canali attivati. Una tipica catena strumentale per misure in banda stretta si compone essenzialmente dell antenna ricevente, l analizzatore di spettro ed eventualmente di un personal computer per la gestione della misura a distanza e il successivo post processing per l analisi dei dati. Sono requisiti essenziali della catena strumentale: 1. La portabilità della strumentazione (robustezza, ingombro ridotto); 2. Facilità d uso; 3. Bassi tempi di ripristino in caso di guasti; 4. Affidabilità; 5. Tempi di post processing ridotti; 6. Possibilità di verifica della taratura presso laboratori locali attrezzati con campi campione (celle GTEM, TEM, camera anecoica ). Le misure a banda larga in continua possono in questo caso validamente affiancare l analisi selettiva in frequenza per evidenziare l andamento temporale dell esposizione alla radio frequenza e ricostruire la time history della SRB oggetto di indagine. In Figura 1 è mostrata una centralina per il monitoraggio in continua utilizzata dal Dipartimento ARPAT di Pisa per monitoraggio di SRB GSM. I dati vengono acquisiti e memorizzati dalla centralina stessa o inviati ad una postazione remota attraverso una connessione telefonica: la sensibilità minima del sensore è di 0.5 V/m. Sono state effettuate dal Dipartimento ARPAT di Pisa campagne di misura presso una decina di SRB per telefonia cellulare costituite da combinazioni di impianti di diverse tipologie (TACS, GSM e DCS). Tali misure, della durata complessiva di circa sei mesi, hanno permesso di individuare il tipico andamento giornaliero di campo elettrico, caratterizzato da un minimo notturno e da due massimi durante il giorno, il primo dei quali si colloca nella fascia oraria 10? 13, il secondo nella fascia oraria 18? 22.

3 Figura 1. Centralina di misura con sensore a banda larga. In Figura 2 si riporta l andamento temporale nell arco della giornata e su base oraria dell esposizione media a campi elettromagnetici prodotti da impianti per telefonia cellulare in celle di tipo affari e residenziale, il valore di campo elettrico riportato è normalizzato al massimo valore giornaliero riscontrato. Cella tipo residenziale Cella tipo affari Figura 2. Andamento del campo elettrico nell arco di una giornata per celle con diverso bacino di utenza. La conoscenza dell andamento del campo elettrico generato da SRB nell intero arco della giornata, permette, con buona approssimazione, di estrapolare da una singola misura, effettuata in qualsiasi momento, il valore massimo riscontrabile nel sito di misura prescelto. Sono attualmente in fase di realizzazione centraline automatizzate per il monitoraggio di campi EM selettive in frequenza e capaci di registrare i parametri

4 ambientali rilevanti per la validazione dei dati raccolti (Progetto Salvaguardia dell uomo e dell ambiente MIUR/ENEA-CNR, L esperienza accumulata in questi anni, la varietà di prodotti tecnologici presenti sul mercato e il ricco bagaglio normativo prodotto dagli organismi di normazione, sia nazionali che internazionali, hanno fatto sì che oggi le misure e i controlli su Stazioni Radio Base TACS e GSM possano essere effettuati con maggiore confidenza di avere un quadro esaustivo dell esposizione del cittadino alle radiazioni non ionizzanti in, praticamente, qualsiasi condizione e localizzazione sul territorio. Lo standard GSM si fonda sulla tecnica della condivisione delle frequenze assegnate ai singoli gestori attraverso la metodologia di trasmissione a multiplazione di tempo (TDMA Time Division Multiple Access, Figura 3) in cui ogni singola portante dedicata alla trasmissione viene utilizzata da più utenti in successione temporale incrementando, in tal modo, la capacità di rete. All interno dell intervallo di frequenza assegnato al singolo gestore, inoltre è sempre attiva una portante di controllo (BCCH) per singola cella riservata alla trasmissione di informazioni per l instaurarsi e il mantenimento della comunicazione tra utenti. La potenza irradiata dalle Stazioni Radio Base GSM, dipende dal numero di portanti attive e riserva al canale di controllo BCCH di ogni cella una potenza massima di circa 8W. Figura 3. Confronto tra le tecniche TDMA e CDMA (http://www.reteumts.info). Attraverso l analisi in banda stretta è possibile allora discriminare, tra tutti i contributi in potenza presenti, quelli ascrivibili alla Stazione oggetto di indagine, conoscerne la potenza emessa complessivamente e quindi l esposizione della popolazione per la successiva verifica del rispetto della normativa vigente. Ad oggi le norme per il corretto svolgimento delle misure e la strumentazione presente sul mercato permettono un approccio sicuro e una corretta attività di protezione dell ambiente e del cittadino. Le aziende produttrici di hardware mettono a disposizione dei centri di controllo una vasta scelta di apparati per la misura adatti alle esigenze di portabilità, facilità d uso e robustezza richieste dal massiccio impiego delle Agenzie di controllo su tutto il territorio nazionale. Il Dipartimento ARPAT di Pisa si è recentemente dotato di un Laboratorio Mobile, completamente schermato, per effettuare misure in situ anche in luoghi impervi e in presenza di campi molto elevati (Figura 4).

5 Figura 4. Laboratorio Mobile, ARPAT Dipartimento di Pisa. La connessione agli strumentazione di rivelazione (antenna, movimentatore) avviene attraverso le connessioni evidenziate. È messo in evidenza il supporto che consente misure con una centralina a banda larga collegata ad un sistema GPS. Possono essere impiegate catene di misura in banda stretta che utilizzano sia cavi a radiofrequenza che fibre ottiche, a seconda delle necessità. Un personal computer, attraverso il software dedicato, può occuparsi della movimentazione dell antenna (Figura 5) e acquisire i valori di campo elettrico visualizzandone l andamento alle diverse frequenze e altezze, come richiesto dalla normativa vigente. L utilizzo di fibre ottiche per il trasferimento di del segnale dalla sonda attiva al ricevitore ottico garantisce un elevata schermatura dai disturbi esterni. Figura 5. Movimentatore e antenna esterni per acquisizioni tramite fibra ottica. La dotazione interna comprende una catena strumentale completa per acquisizione in banda stretta: analizzatore di spettro, personal computer e stampante per l acquisizione e l elaborazione in tempo reale dei dati acquisiti (Figura 6, a destra). Il laboratorio Mobile è inoltre dotato di sensori a banda larga collegati a strumentazione GPS (Figura 6, a sinistra) che permettono la misura del campo EM

6 georeferenziandolo in maniera assoluta. Figura 6. Sistema GPS di georeferenziazione delle misure di campo EM (sinistra) e analizzatore di spettro con personal computer (destra). Mediante tale sistema, integrato opportunamente con misurazioni in continua in punti fissi, è possibile mappare l andamento del campo EM sul territorio in maniera veloce e precisa, fornendo un quadro completo e aggiornato sullo stato dell ambiente per quanto riguarda i livelli di inquinamento elettromagnetico. Un progetto pilota di tale tipo è da poco cominciato nella città di Pisa. Tale progetto si articola nelle seguenti fasi:?? Acquisizione della cartografia digitale tridimensionale della città e delle caratteristiche di tutti gli impianti SRB presenti.?? Calcolo previsionale mediante un codice di calcolo collegato ad un GIS su tutto il territorio cittadino.?? Scelta di un area di test contenuta in quella precedente, così da tener conto dei contributi provenienti da zone esterne.?? Identificazione dell andamento temporale dei livelli corrispondenti agli impianti presenti attraverso una serie di stazioni fisse di monitoraggio in continua (se ne prevedono almeno quattro nella fase iniziale), opportunamente posizionate sul territorio in modo da registrare ognuna livelli associabili ad una sola sorgente;?? Misura dei livelli presenti utilizzando il laboratorio mobile con a bordo la centralina di monitoraggio in continua interfacciata con il GPS e un sistema geografico informatizzato. Considerata la risoluzione del GPS, la mappatura potrà descrivere in maniera dettagliata i livelli presenti sul territorio, consentendo di verificare le previsioni del modello sulla base degli impianti che impattano l area;?? Correzione dei dati acquisiti con il laboratorio mobile utilizzando la variazione temporale dei livelli prodotti dagli impianti, sulla base dei risultati ottenuti dalle postazioni fisse di monitoraggio;?? Misure di controllo con analizzatore di spettro in posizioni opportune, per verificare la presenza nell area di eventuali ulteriori sorgenti e per caratterizzarne i contributi. Le prime due fasi sono state già completate e il risultato è mostrato in figura 7, dove è riportata una rappresentazione dell esposizione complessiva della popolazione al campo elettrico generato da impianti per telefonia cellulare appartenenti a varie reti e

7 funzionanti alla massima potenza autorizzata, ad 1.5 m di altezza al di sopra di ogni copertura degli edifici ed alla quota di 1.5 m di altezza dal terreno in loro assenza. Figura 7. Calcolo previsionale dei valori di campo elettrico presenti ad un altezza di 1.5 metri dal terreno e dalla copertura degli edifici ove presenti. Tale rappresentazione, in formato GIS, contiene in sé sia le informazioni tecniche sugli impianti presenti che i valori di esposizione calcolati e può rappresentare anche un valido ausilio per la comunicazione alla popolazione, se opportunamente integrata in un sito internet L avvento dell UMTS Lo standard UMTS (CDMA - Code Division Multiple Access, Figura 3) cambia in maniera radicale la tecnica di trasmissione-ricezione dei segnali richiedendo quindi un sviluppo normativo riguardo le strategie di misura e la scelta degli strumenti tecnologici più appropriati anche nell ottica dell ottimizzazione del rapporto utilizzo/prezzo per un uso estensivo e quotidiano. Con il nuovo sistema di comunicazione non si sfrutta più la multiplazione temporale ma tutti gli utenti utilizzano contemporaneamente una singola frequenza assegnata al gestore essendo univocamente identificati da un codice digitale. I canali dedicati alla comunicazione per singola cella, anch essa identificata da un codice digitale in trasmissione e ricezione (scrambling code), sono modulati da una sequenza pseudo casuale di bit specifica per ogni utente (spreading factor) che ne permette l identificazione univoca tra tutte le trasmissione presenti (Figura 8). Per ovvii motivi di interferenza, pensiamo al paragone tra codice e lingua della Figura 2, la potenza di trasmissione nelle celle UMTS è molto più bassa rispetto al GSM, di circa un fattore 20, con notevoli vantaggi per la salvaguardia dell ambiente e dei cittadini dall esposizione alla radiazione non ionizzante.

8 Figura 8. Lo standard UMTS: ogni singolo interlocutore è identificato all interno del rumore prodotto dagli altri utenti dal codice (lingua) assegnatogli (http://www.reteumts.info). L adozione della nuova tecnologia UMTS apre nuove problematiche di normazione per la misura dei campi EM prodotti dalle Stazioni Radio Base di Terza Generazione e di scelta della strumentazione più adeguata alle necessità delle Agenzie. Uno degli aspetti più importanti di cui ancora si discute in sede di organismi di normazione nazionali e internazionali, CEI e CENELEC per citarne alcuni, è il definire un criterio univoco di misura dei segnali UMTS provenienti da celle contigue dello stesso operatore, quindi operanti alla stessa frequenza e con potenza paragonabile, salvaguardando la possibilità di scelta della strumentazione più adeguata alle potenzialità della singola Agenzia che si trova ad operare sul territorio. È di fondamentale importanza che in, sede di controllo, si possano discriminare, con misure sul campo, le emissioni delle differenti Stazioni Radio Base che insistono sul punto di misura: poter scorporare dal segnale totale rilevato i contributi dei singoli emettitori appartenenti allo stesso gestore, significa poter valutare oggettivamente eventuali superamenti e cautelativamente estrapolare l esposizione umana nel caso peggiore con i livelli di potenza emessa a pieno regime. La soluzione tecnologica ad oggi presente sul mercato consiste nella scelta di Analizzatori di Segnali Vettoriali (VSA) capaci di effettuare misure nel dominio dei codici e quindi discriminare i canali attivi, la loro funzione (canali di controllo, trasmissione dati, voce ) e la provenienza associandoli attraverso il codice di scrambling ad una ben precisa Stazione Radio Base. A fronte di un costo piuttosto elevato, attualmente i VSA si delineano come la scelta obbligata per poter assegnare ad ogni antenna emettitore il proprio contributo in maniera oggettiva. Nonostante ciò, nell ottica di fornire adeguati strumenti ad ogni Agenzia, in sede di normazione sono in corso di elaborazione metodi e strategie per l utilizzo dei tradizionali analizzatori di spettro come primo efficace intervento per misure sul campo. Il Dipartimento ARPAT di Pisa, nel tentativo di ottenere un buon rapporto prestazioni/prezzo, sta procedendo in questo senso, dotandosi di un upgrade kit per un analizzatore di spettro già in dotazione e di un software per misure W-CDMA. Tale scelta consente di implementare un efficace catena di misura per misure su apparati di Terza Generazione mantenendo nel contempo la strumentazione attuale, adeguata per l analisi dei campi prodotti da SRB GSM. L apparato, pur non potendo fornire in tempo reale informazioni nel dominio dei codici consente, con un successivo post processing, di ottenere quanto necessario per una corretta valutazione dei livelli di esposizione.

9 3. La calibrazione della strumentazione Altro aspetto molto importante per le Agenzie di controllo e in generale per tutti i soggetti chiamati ad effettuare verifiche e controlli, è la possibilità di verificare frequentemente la strumentazione in uso attraverso il confronto con campi campione generati in laboratorio. Tale procedura non sostituisce la calibrazione presso centri autorizzati ma incrementa notevolmente l affidabilità e la qualità del servizio prestato. A questo riguardo, sta nascendo presso il Dipartimento ARPAT di Pisa un centro specializzato per la verifica e il controllo della strumentazione utilizzata per misurazioni di campi elettromagnetici a bassa e alta frequenza. In Figura 9 sono mostrate due tipi di celle, la GTEM e la TEM, per la generazione di campi stabili e confinati nelle quali verificare i sensori utilizzati. Figura 9. Celle GTEM e TEM per calibrazione e verifica di sensori a banda larga per campi elettromagnetici. La mappatura dell andamento dei campi elettromagnetici e la misura degli stessi è effettuata con sonde ad alta precisione (Transfer Field Strength Meter System TSF 11 Schaffner EMC Systems) calibrate da enti esterni accreditati il cui corretto funzionamento è continuamente verificato dal personale del laboratorio (Figura 10). Figura 10. Sonda Schaffner ad alta precisione con trasduttore ottico (a sinistra) e micro cella di calibrazione della stessa (a destra). La sonda ha un errore massimo di 0.5 db in un intervallo di frequenza da 10MHz a 1GHz.

10 4. Conclusioni Sono state brevemente presentate e discusse le problematiche emergenti riguardo la protezione dai campi elettromagnetici, con riferimento alla strumentazione da utilizzare nelle misure di controllo per fornire risposte accurate in termini di riproducibilità e ripetibilità. È stato evidenziato come solo tecnologie all avanguardia consentano di poter rispondere appieno alla domanda sempre più pressante da parte della popolazione riguardo l esposizione ai campi elettromagnetici. É legittimo affermare la possibilità per le Agenzie di poter svolgere il loro ruolo istituzionale disponendo di un ampio numero di scelte tecnologiche dalle più semplici crescendo di complessità di pari passo alla preparazione e alla formazione del personale. Solo con una continua attività di formazione del personale si può comunque garantire un pieno utilizzo delle potenzialità offerte dalla strumentazione ad oggi disponibile. Le esigenze descritte, come accade in tutti i settori, corrispondono ad una disponibilità di risorse significative e costantemente destinate alle Agenzie, che per legge sono chiamate a garantire il controllo degli impianti. L alternativa a ciò è una lenta e progressiva perdita di fiducia nelle istituzioni, incapaci di fornire le risposte corrette. 5. Ringraziamenti Si ringrazia per la gentile collaborazione tecnica il Dott. Diego Palazzuoli. 6. Bibliografia 1. F.Buscaglia, P.Gianola, Measurement Techniques for UMTS Signals Radiated by Base Stations Radiation Protection Dosimetry, vol 97 n. 4 (2001), Selected Papers from Workshop Physical Agents And Measurements In The Environment, Ivrea Ornelio Bertazioli e Lorenzo Favalli GSM: il sistema europeo di comunicazione mobile. Tecniche, architetture e procedure U.Hoepli A.M.Silvi, A.Zari, G.Licitra, Assessment of the temporal trend of the exposure of people to electromagnetic fields produced by base stations for mobile telephones in Radiation Protection Dosimetry, vol. 97, n. 4 (2001). 4. G. Licitra, F. Francia Analisi dell inquinamento elettromagnetico nell ambiente: requisiti dei sistemi di misura e problemi aperti negli atti del Convegno "Strumenti e tecniche di misura per la protezione dell'uomo e dell'ambiente dai campi elettromagnetici", promosso dal Progetto MIUR/CNR-ENEA "Salvaguardia dell'uomo e dell'ambiente dalle emissioni elettromagnetiche", Firenze, maggio D.Andreuccetti, M.Bini, L.Pieri e S.Priori, Procedure standardizzate per la raccolta dei dati nelle stazioni di misura, promosso dal Progetto MIUR/CNR-ENEA Salvaguardia dell'uomo e dell'ambiente dalle emissioni elettromagnetiche, Firenze, maggio 2003.

Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB

Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB ArpaInforma iniziative di informazione alla popolazione e di supporto tecnico agli Enti locali Comune di Scandiano Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB Maurizio Poli, Paolo Zanichelli

Dettagli

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Barellini A. 1,Bogi L. 2, Licitra G. 3, Silvi A.M. 2 1 ARPA Toscana Dip. Prov.le Pisa via V.Veneto,

Dettagli

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS c.so Duca degli Abruzzi 4 1019 Torino (Italy) Fax +39 011 564 4099 pag. /34 Premessa Il seguente capitolo illustra i principi tecnici fondamentali a cui si ispirano le tecnologie utilizzate per i serivizi

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000

SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000 SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000 1. INTRODUZIONE La grande proliferazione delle potenziali sorgenti di inquinamento elettromagnetico (stazioni radio-televisive,

Dettagli

TzxÇé t exz ÉÇtÄx ÑxÜ Ät cüéàxé ÉÇx wxääëtåu xçàx wxä YÜ âä ixçxé t Z âä t

TzxÇé t exz ÉÇtÄx ÑxÜ Ät cüéàxé ÉÇx wxääëtåu xçàx wxä YÜ âä ixçxé t Z âä t TzxÇé t exz ÉÇtÄx ÑxÜ Ät cüéàxé ÉÇx wxääëtåu xçàx wxä YÜ âä ixçxé t Z âä t PROCEDURA PER LA VERIFICA DEL RISPETTO DEI LIMITI DI LEGGE DI CUI AL DPCM 08.07.03 A SEGUITO DELL ATTIVAZIONE DI IMPIANTO PER

Dettagli

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare I semestre 04/05 Tecnologie Radio Cellulari Reti Cellulari Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Misure accurate di campi elettromagnetici da sorgenti con modulazioni digitali

Misure accurate di campi elettromagnetici da sorgenti con modulazioni digitali EP333 sonda di campo elettrico Misure accurate di campi elettromagnetici da sorgenti con modulazioni digitali Risposta ottimale nella misura dei campi con modulazione di tipo OFDM e pulsati in genere Errore

Dettagli

Villalta R.*, Giovani C.**, Moretuzzo M:**, Telesca M.**, Tramontin L.**

Villalta R.*, Giovani C.**, Moretuzzo M:**, Telesca M.**, Tramontin L.** IL CATASTO REGIONALE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI IN FRIULI VENEZIA GIULIA: GEOREFERENZIAZIONE DEGLI IMPIANTI, ANALISI CARTOGRAFICA, VALUTAZIONE TEORICA ED ANALITICA DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI Villalta

Dettagli

Roma, 24 Novembre 2014

Roma, 24 Novembre 2014 Roma, 24 Novembre 2014 Piano di rete Comune di GUARDIAGRELE (CH) Piano 2015 Indice dei contenuti INTRODUZIONE 1 ACCENNI SUL SISTEMA CELLULARE 1.1 UMTS E HSDPA: LA NUOVA TECNOLOGIA E LA SUA EVOLUZIONE 1.2

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 2 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Richiami sul concetto di multiplazione 2 Riprendendo il discorso sulle diverse

Dettagli

RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA STRETTA E LARGA effettuate nella città di POSITANO (SA)

RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA STRETTA E LARGA effettuate nella città di POSITANO (SA) RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA STRETTA E LARGA effettuate nella città di POSITANO (SA) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE 3 NORMATIVA VIGENTE 4 MISURE IN BANDA STRETTA 5 MISURE

Dettagli

PORTICI (NA) RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA LARGA effettuate IN QUOTA nella città di

PORTICI (NA) RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA LARGA effettuate IN QUOTA nella città di RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA LARGA effettuate IN QUOTA nella città di PORTICI (NA) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE 3 NORMATIVA VIGENTE 4 MISURE IN BANDA LARGA 5 COPIA DEI CERTIFICATI

Dettagli

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura 01/06/2007 dei Campi Elettromagnetici 1 Normativa tecnica di riferimento Guida CEI 211-10: Guida

Dettagli

Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015

Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015 Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015 Indice dei contenuti INTRODUZIONE 1 ACCENNI SUL SISTEMA CELLULARE 1.1 UMTS E HSDPA: LA NUOVA TECNOLOGIA E LA SUA EVOLUZIONE 1.2 LE POTENZIALITÀ

Dettagli

MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA. Comune di: Pianoro (BO)

MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA. Comune di: Pianoro (BO) Sezione provinciale di Bologna Servizio Sistemi Ambientali Allegato 1: Verbale di Accertamento MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA Comune di: Pianoro (BO) Siti di misura: Via Padre Marella,

Dettagli

L esperienza del Friuli Venezia Giulia

L esperienza del Friuli Venezia Giulia L esperienza del Friuli Venezia Giulia Agenzia Regionale per la Protezione dell'ambiente CATASTO REGIONALE DELLE SORGENTI FISSE DEGLI IMPIANTI RADIOELETTRICI PER TELECOMUNICAZIONI E RADIOTELEVISIVI, CON

Dettagli

INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI A

INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI A INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA DOVUTI AD IMPIANTI PER TELEFONIA MOBILE: VALUTAZIONE DEL LIVELLO DI FONDO AMBIENTALE CON MODELLI PREVISIONALI E RILEVAZIONI STRUMENTALI Rapporto

Dettagli

NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI

NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI LEGGE REGIONALE N. 30 DEL 05-04-2000 REGIONE BASILICATA NORMATIVA REGIONALE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL'INQUINAMENTO DA CAMPI ELETTROMAGNETICI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N.

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2009 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento

Dettagli

Radioprotezione in siti critici

Radioprotezione in siti critici Radioprotezione in siti critici 1 Valeria Petrini, Ph.D. Student DEIS/ARCES - Fondazione Ugo Bordoni valeria.petrini@unibo.it Legge quadro, 36/2001 2 Il quadro di riferimento italiano in materia di esposizione

Dettagli

Relazione Tecnica. INDAGINI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO (Wi-Fi) presso SEDE ISPRA di via Vitaliano Brancati 48

Relazione Tecnica. INDAGINI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO (Wi-Fi) presso SEDE ISPRA di via Vitaliano Brancati 48 Relazione Tecnica INDAGINI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO (Wi-Fi) presso SEDE ISPRA di via Vitaliano Brancati 48 ISPRA - Roma, 18 maggio 2010 SOMMARIO: : 1 PREMESSA 3 2 SITO OGGETTO DI INDAGINI 3 3 NORMATIVA

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2011 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale ARPAM di Ancona La rete di monitoraggio Il Comune

Dettagli

Focus su Inquinamento elettromagnetico e ambiente urbano. S. Curcuruto, M. Logorelli Servizio Agenti Fisici - ISPRA

Focus su Inquinamento elettromagnetico e ambiente urbano. S. Curcuruto, M. Logorelli Servizio Agenti Fisici - ISPRA Focus su Inquinamento elettromagnetico e ambiente urbano S. Curcuruto, M. Logorelli Servizio Agenti Fisici - ISPRA Argomento Focus È stata focalizzata l attenzione su un tema molto attuale che riguarda

Dettagli

Modalità di rilevazione ed esecuzione delle misurazioni dei campi EM a radiofrequenze e microonde. Laura Vallone

Modalità di rilevazione ed esecuzione delle misurazioni dei campi EM a radiofrequenze e microonde. Laura Vallone Modalità di rilevazione ed esecuzione delle misurazioni dei campi EM a radiofrequenze e microonde Laura Vallone Frequenze in gioco 2 Come si effettuano le misure? Normative tecniche Tipo di sorgente/i

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

MISURAZIONE DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI DA STAZIONI RADIO BASE NEL COMUNE DI MONSUMMANO TERME

MISURAZIONE DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI DA STAZIONI RADIO BASE NEL COMUNE DI MONSUMMANO TERME MISURAZIONE DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI DA STAZIONI RADIO BASE NEL COMUNE DI MONSUMMANO TERME Oggetto: SRB c/o stadio Richiedente: Comune di Monsummano Terme (PT) Scandicci, 30 novembre 2012 Il Tecnico

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE (Approvato con D.C. n 32 del 19/09/2001 e modificato con D.C. n 06del 16/01/2014) Testo unico coordinato Oggetto: Regolamento Telefonia Mobile La commissione tecnica,

Dettagli

COMUNE DI FONTE PIANO DI LOCALIZZAZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI FONTE PIANO DI LOCALIZZAZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI FONTE PIANO DI LOCALIZZAZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE RELAZIONE COMUNE DI FONTE Indice RELAZIONE Conferimento incarico Scopo dell incarico Premessa tecnica Descrizione delle operazioni

Dettagli

RETE REGIONALE MONITORAGGIO CAMPI ELETTROMAGNETICI - MODENA

RETE REGIONALE MONITORAGGIO CAMPI ELETTROMAGNETICI - MODENA Report Campagna di misura Abitazione Privata Via Mincio 243/1 Savignano sul Panaro 6 Settembre 16 Ottobre 2013 Le principali sorgenti di campo elettromagnetico ad alta frequenza presenti in questo sito

Dettagli

INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO

INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Programma Regionale I.N.F.E.A. Informazione Formazione ed Educazione Ambientale PROGETTO GEO Sensibilizzazione alla sostenibilità ambientale INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Dott. A.Zari - Dipartimento A.R.P.A.T.

Dettagli

COMUNE DI FORMIGINE AMBIENTE. Presentazione del Piano di Localizzazione per gli impianti di telecomunicazione della telefonia mobile

COMUNE DI FORMIGINE AMBIENTE. Presentazione del Piano di Localizzazione per gli impianti di telecomunicazione della telefonia mobile Presentazione del Piano di Localizzazione per gli impianti di telecomunicazione della telefonia mobile Il fenomeno elettromagnetico ad oggi è prodotto dai grandi conduttori di energia elettrica, dai trasmettitori

Dettagli

Appunti di telecomunicazione

Appunti di telecomunicazione Servizio radiomobile GSM Cenni storici Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali.

Dettagli

AERONAUTICA MILITARE ITALIANA

AERONAUTICA MILITARE ITALIANA AERONAUTICA MILITARE ITALIANA TECHNICAL REPORT SISTEMA DI MONITORAGGIO DELLE EMISSIONI E.M. IN BANDA RADAR E RADIO PRESENTAZIONE ED ANALISI DEI DATI Technical Report 2014-10-09 12:45:45 - Pagina 1/47 CONTESTO

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Reti Radiomobili Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione 1 - Introduzione al corso Reti Radiomobili

Dettagli

Inquinamento da campi elettromagnetici a radiofrequenza dovuti. ad emittenti radiotelevisive

Inquinamento da campi elettromagnetici a radiofrequenza dovuti. ad emittenti radiotelevisive RF_RadioTv Inquinamento da campi elettromagnetici a radiofrequenza dovuti ad emittenti radiotelevisive Provincia di Torino Responsabile del progetto : F. Pavone. Collaboratori scientifici : R. Giovinetto,

Dettagli

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento La telefonia cellulare Piccola presentazione di approfondimento Introduzione Oggigiorno, i telefoni cellulari sono diffusissimi e godono della massima popolarità. Molte persone, tuttavia, non conoscono

Dettagli

Relazione Tecnica Campagna di monitoraggio SRB sul territorio comunale di Monza anno 2013 - Prima fase

Relazione Tecnica Campagna di monitoraggio SRB sul territorio comunale di Monza anno 2013 - Prima fase Relazione Tecnica Campagna di monitoraggio SRB sul territorio comunale di Monza anno 2013 - Prima fase Come previsto dalla convenzione per il monitoraggio dei campi elettromagnetici sottoscritta dall amministrazione

Dettagli

Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza

Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza Committente Comune di Figino Serenza Data e nome documento

Dettagli

Piano di sviluppo della rete VODAFONE OMNITEL N.V. per il comune di Ortona

Piano di sviluppo della rete VODAFONE OMNITEL N.V. per il comune di Ortona Piano di sviluppo della rete VODAFONE OMNITEL N.V. per il comune di Ortona Ottobre 2008 Fax. +39 6 5092.3401 Pag. 1/9 Introduzione è una delle 5 società vincitrici della gara per l assegnazione delle licenze

Dettagli

COMUNE DI BREMBATE DI SOPRA (PROVINCIA DI BERGAMO)

COMUNE DI BREMBATE DI SOPRA (PROVINCIA DI BERGAMO) COMUNE DI BREMBATE DI SOPRA (PROVINCIA DI BERGAMO) CAMPAGNA DI RILEVAMENTO DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI AD ALTA FREQUENZA SUL TERRITORIO COMUNALE 1 Relazione Tecnica Revisione: Novembre 2009 Via Cavour n.

Dettagli

RILEVAZIONE DI IMPATTO ELETTROMAGNETICO

RILEVAZIONE DI IMPATTO ELETTROMAGNETICO RILEVAZIONE DI IMPATTO ELETTROMAGNETICO Committente: Comune di CASTELLABATE Periodo: 10/12/2009 14/06/2011 Sorgente dell emissione radioelettrica: Sistemi di telecomunicazione a Radio Frequenza per telefonia

Dettagli

COMUNICAZIONI MOBILI ANNO ACCADEMICO 2003/2004

COMUNICAZIONI MOBILI ANNO ACCADEMICO 2003/2004 COMUNICAZIONI MOBILI ANNO ACCADEMICO 2003/2004 SISTEMI RADIOMOBILI SONO SISTEMI DI COMUNICAZIONE IN CUI AVVIENE LO SCAMBIO DI INFORMAZIONI FRA DUE (O PIU ) TERMINALI, UNO DEI QUALI E IN MOVIMENTO. NEL

Dettagli

Sistema di rilevamento integrato a lungo raggio Rilevamento a fibre ottiche e rete di comunicazione integrati

Sistema di rilevamento integrato a lungo raggio Rilevamento a fibre ottiche e rete di comunicazione integrati Sistema di rilevamento integrato a lungo raggio Rilevamento a fibre ottiche e rete di comunicazione integrati Rilevamento interrato, su recinzione, su muri e su tubazioni Distanza fino a 50 km e punto

Dettagli

REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE

REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE Andrea Cerniglia (1), Giovanni Brambilla (2), Patrizio Verardi (2) 1) 01 db Italia, Milano 2) Istituto di Acustica

Dettagli

EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI

EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI In questo capitolo analizzeremo le problematiche legate agli effetti che i campi elettromagnetici a radiofrequenza possono avere nei confronti dell uomo. Verranno,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNE DI CANDIANA PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI

REGOLAMENTO COMUNE DI CANDIANA PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI COMUNE DI CANDIANA Provincia di Padova REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE, LA MODIFICA E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI FISSI E MOBILI PER LE RADIO TELECOMUNICAZIONI CELLULARI in applicazione dell art. 8, comma

Dettagli

capitolo CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON LE CONDIZIONI AMBIENTALI

capitolo CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON LE CONDIZIONI AMBIENTALI capitolo 16 CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON LE CONDIZIONI AMBIENTALI 16. CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON 16.1 Stazioni radiobase (SRB)...250 16.2 Impianti radiotelevisivi (RTV)...251 16.3 Le reti di trasmissione

Dettagli

NHT310 MISURATORE DI CAMPI EM da campi statici a microonde.

NHT310 MISURATORE DI CAMPI EM da campi statici a microonde. NHT310 MISURATORE DI CAMPI EM da campi statici a microonde. Misure isotropiche di campo B, H, E con sonde intercambiabili da DC a 18GHz (60GHz) Ampia capacità di memoria dati Tastiera immediata per accesso

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove

Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove Normative Alessandro ROGOVICH Dept. of Information Engineering, Pisa University, Pisa, Italy Microwave & Radiation Laboratory alessandro.rogovich@iet.unipi.it

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Sistemi operativi di rete (locale) In una LAN si vogliono condividere

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore Via Cristoforo Colombo, 106 60127 ANCONA Cod. Fisc./P. IVA 01588450427 TEL. 071/28732.720 /29 - FAX 071/28732.721 e-mail: radiazioni.rumorean@ambiente.marche.it RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO

Dettagli

Relazione Tecnica RT_001_14_P. Piano territoriale per l installazione di Stazioni Radio Base per la telefonia mobile nel Comune di Oliveto Citra

Relazione Tecnica RT_001_14_P. Piano territoriale per l installazione di Stazioni Radio Base per la telefonia mobile nel Comune di Oliveto Citra Relazione Tecnica Piano territoriale per l installazione di Stazioni Radio Base per la telefonia mobile nel Comune di Oliveto Citra CLIENTE: Comune di Oliveto Citra COMMESSA: CO_001_14_P del 13/01/2014

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DELLA PROVINCIA DI ANCONA RAPPORTO ANNO 2004 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale ARPAM di Ancona La rete di monitoraggio

Dettagli

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190 Allegato sub A alla delibera di C.C. n 64 del 23/12/2008 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Ufficio Tecnico c.a.p. 31010 Piazza Municipio, 13 tel. 0438/498834 c.f.: 82006050262 fax 0438/492190

Dettagli

ALLEGATO 5.1 IL SITO WEB SUI CEM DI ARPA EMILIA-ROMAGNA

ALLEGATO 5.1 IL SITO WEB SUI CEM DI ARPA EMILIA-ROMAGNA ALLEGATO 5.1 IL SITO WEB SUI CEM DI ARPA EMILIA-ROMAGNA Il sito di Arpa è il mezzo più utilizzato dall agenzia per rendere disponibile al pubblico le informazioni sui cem Attualmente il sito sui Cem (www.arpa.emr.it/cem)

Dettagli

Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente.

Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente. Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente.com Data relazione: 13/11/2007 AUTORE: Ing. Valerio Briotti Firma

Dettagli

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Quando si parla di inquinamento elettromagnetico o più comunemente elettrosmog ci si riferisce alle alterazioni del campo magnetico naturale generate

Dettagli

Scheda Tecnica REV 1.0

Scheda Tecnica REV 1.0 Scheda Tecnica REV 1.0 SENTRY Energy Profiler: IL SISTEMA UNIVERSALE PER IL MONITORAGGIO ENERGETICO SENTRY Energy Profiler è il primo sistema universale e modulare per il monitoraggio energetico. Si basa

Dettagli

MONITORAGGIO IN CONTINUO DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI

MONITORAGGIO IN CONTINUO DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI MONITORAGGIO IN CONTINUO DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI Controllo permanente dell esposizione ai Campi Elettromagnetici a radiofrequenza e a microonde per personale e passeggeri Periodo di monitoraggio dal:

Dettagli

Strumentazione per la misura a banda larga del campo elettromagnetico a radiofrequenze e microonde. Laura Vallone

Strumentazione per la misura a banda larga del campo elettromagnetico a radiofrequenze e microonde. Laura Vallone Strumentazione per la misura a banda larga del campo elettromagnetico a radiofrequenze e microonde Laura Vallone Misure a banda larga: : definiscono il campo totale nel sito di misura ma non danno informazioni

Dettagli

CAMPI ELETTROMAGNETICI

CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Che cos è un campo elettromagnetico? Un campo elettromagnetico è una regione dello spazio in cui c è tensione elettrica. È il caso, ad esempio, della regione di spazio in cui vi

Dettagli

La rete nazionale per il monitoraggio dei campi elettromagnetici. Fondazione Ugo Bordoni

La rete nazionale per il monitoraggio dei campi elettromagnetici. Fondazione Ugo Bordoni La rete nazionale per il monitoraggio dei campi elettromagnetici Fondazione Ugo Bordoni Schema della presentazione Monitoraggio in continuo del Campo Elettromagnetico Motivazioni Rete Nazionale di Monitoraggio

Dettagli

I NUOVI TRAGUARDI NELLE MISURE ACUSTICHE Andrea Cerniglia hilbert@venus.it

I NUOVI TRAGUARDI NELLE MISURE ACUSTICHE Andrea Cerniglia hilbert@venus.it I NUOVI TRAGUARDI NELLE MISURE ACUSTICHE Andrea Cerniglia hilbert@venus.it (Estratto da RCI, anno XXV N.8, agosto 1998, Tecniche Nuove) Una panoramica sulle potenzialità offerte dalla strumentazione e

Dettagli

DELIBERA DI G.C. N. 122 DEL 13.10.2005 2 LA GIUNTA COMUNALE. Letta la seguente relazione del Servizio Qualità Ambiente del 10.10.

DELIBERA DI G.C. N. 122 DEL 13.10.2005 2 LA GIUNTA COMUNALE. Letta la seguente relazione del Servizio Qualità Ambiente del 10.10. DELIBERA DI G.C. N. 122 DEL 13.10.2005 2 In continuazione di seduta. LA GIUNTA COMUNALE Letta la seguente relazione del Servizio Qualità Ambiente del 10.10.2005: Oggetto: Piano Generale e programma delle

Dettagli

S P E C T R A S. r. l. Via Belvedere n. 42 20043 A R C O R E Tel.: 0 3 9 6 1 3 3 2 1. Nota tecnica

S P E C T R A S. r. l. Via Belvedere n. 42 20043 A R C O R E Tel.: 0 3 9 6 1 3 3 2 1. Nota tecnica Nota tecnica ARMANI Alberto Novembre-2013 Premessa Con l impiego di strumentazione di misura sempre più integrata con i sistemi operativi di Windows, molti operatori si sono posti il problema di come poter

Dettagli

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Prof : Stefano Bistarelli Seminario : RETI CELLULARI (2 / 3 / 4 G) THANKS TO Sara Di Matteo SOMMARIO: Introduzione 1G (TACS) Architettura della rete cellulare Tecniche

Dettagli

8. QUARTIERE SARAGOZZA

8. QUARTIERE SARAGOZZA ALLEGATO 3 : 8. QUARTIERE SARAGOZZA Nel quartiere SARAGOZZA, sono state effettuate, nel corso dell anno 2006, sei indagini strumentali che hanno interessato 15 abitazioni e/o luoghi di misura, all interno

Dettagli

La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo

La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo Generalità sui campi elettromagnetici (CEM) Campi elettromagnetici naturali Campo elettrico Campo magnetico Campi elettromagnetici

Dettagli

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali.

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 01CXGBN Trasmissione numerica parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 1 TRASMISSIONE NUMERICA Trasmissione da un utente TX a un utente RX di informazione discreta

Dettagli

LA RESTITUZIONE DEI DATI AMBIENTALI: DALLA VERSIONE INTEGRALE ALLA CONSULTAZIONE TELEMATICA

LA RESTITUZIONE DEI DATI AMBIENTALI: DALLA VERSIONE INTEGRALE ALLA CONSULTAZIONE TELEMATICA LA RESTITUZIONE DEI DATI AMBIENTALI: DALLA VERSIONE INTEGRALE ALLA CONSULTAZIONE TELEMATICA Ing. Sergio Marino Direttore Generale ARPA Sicilia Ogni Ente Pubblico deve garantire il diritto d accesso, la

Dettagli

PROGETTO DI PIANIFICAZIONE PER IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE E DELLA RETE DI MONITORAGGIO AMBIENTALE COMUNE DI FORMIGINE

PROGETTO DI PIANIFICAZIONE PER IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE E DELLA RETE DI MONITORAGGIO AMBIENTALE COMUNE DI FORMIGINE PIANIFICAZIONE AMBIENTE E TERRITORIO PROGETTO DI PIANIFICAZIONE PER IMPIANTI DI E DELLA RETE DI MONITORAGGIO AMBIENTALE DATA DI EMISSIONE DEL DOCUMENTO: 22/10/2007 TEK-UP S.p.A. Società Unipersonale Sede:

Dettagli

Monitoraggio acustico in tempo reale

Monitoraggio acustico in tempo reale Monitoraggio acustico in tempo reale Andrea Cerniglia (Estratto da Eubios n. 18 dicembre 2006) Negli ultimi anni il monitoraggio acustico ambientale è stato oggetto di un crescente interesse da più parti,

Dettagli

Scheda Tecnica REV 1.0

Scheda Tecnica REV 1.0 Scheda Tecnica REV 1.0 SENTRY Energy Profiler: IL SISTEMA UNIVERSALE PER IL MONITORAGGIO ENERGETICO SENTRY Energy Profiler è il primo sistema universale e modulare per il monitoraggio energetico. Si basa

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO)

CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO) CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO) REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI

Dettagli

PROGETTO RIDUZIONE INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO (RIE) CITTA DI FOLIGNO RELAZIONE FINALE

PROGETTO RIDUZIONE INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO (RIE) CITTA DI FOLIGNO RELAZIONE FINALE PROGETTO RIDUZIONE INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO (RIE) Di seguito sono riportate: CITTA DI FOLIGNO RELAZIONE FINALE Misure di campo elettromagnetico con strumentazione a banda larga delle emissioni prodotte

Dettagli

La gestione dell impatto sociale a ambientale dei campi elettromagnetici in Italia

La gestione dell impatto sociale a ambientale dei campi elettromagnetici in Italia Roma, 14 dicembre 2006 La gestione dell impatto sociale a ambientale dei campi elettromagnetici in Italia Mario Frullone Fondazione Ugo Bordoni Le onde della comunicazione Ambiente, Salute, Informazione:

Dettagli

NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO

NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO Anno 2014 Inquadramento del tema L esposizione a campi elettromagnetici (CEM) associata al rischio per la salute rappresenta una

Dettagli

CAPITOLO 5: GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE

CAPITOLO 5: GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE CAPITOLO 5: GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE PREMESSA Le sorgenti di campo elettromagnetico possono essere sia naturali (scariche elettriche in atmosfera, campo magnetico terrestre ad es.), sia di origine

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Premessa Il presente schema di Regolamento verrà sottoposto all approvazione del Consiglio Comunale,

Dettagli

Modulo TLC:TRASMISSIONI Accesso multiplo

Modulo TLC:TRASMISSIONI Accesso multiplo 1 11.. Accesso A multiplo 2 Modalità di trasmissione (1/3) Ad una via (unidirezionale): dalla sorgente S verso la destinazione S A due vie (bidirezionale): tra 2 terminali T1, T2 T1 T2 3 Modalità di di

Dettagli

Radiazioni non ionizzanti

Radiazioni non ionizzanti 12. Da sempre sulla Terra è presente un fondo naturale di radiazione elettromagnetica non ionizzante dovuto ad emissioni del sole, della Terra stessa e dell atmosfera. Il progresso tecnologico ha aggiunto

Dettagli

Progetto Riduzione Inquinamento Elettromagnetico (RIE) Comune di Foligno

Progetto Riduzione Inquinamento Elettromagnetico (RIE) Comune di Foligno Progetto Riduzione Inquinamento Elettromagnetico (RIE) Comune di Foligno Rapporto finale Settembre 2006 INDICE INTRODUZIONE 3 1 VALUTAZIONE DELLE SRB ESISTENTI 7 1.1 FASE INIZIALE 7 1.2 ZONA NORD 9 1.2.1

Dettagli

Quanto Udiamo In Esterni Silenziosi

Quanto Udiamo In Esterni Silenziosi 3 giugno 2015 L inquinamento acustico a Torino: analisi, soluzioni e problematiche aperte CONVEGNO ARPA PIEMONTE/CITTA DI TORINO Relatori: Dott. Alessandro Falcone (WPWEB SRL) Ing. Franco Bertellino (MICROBEL

Dettagli

SOFTWARE CARTOGRAFICO PER LA GESTIONE DI UN SERVIZIO DI LOCALIZZAZIONE FLOTTE TRAMITE SISTEMA SATELLITARE GPS

SOFTWARE CARTOGRAFICO PER LA GESTIONE DI UN SERVIZIO DI LOCALIZZAZIONE FLOTTE TRAMITE SISTEMA SATELLITARE GPS SOFTWARE CARTOGRAFICO PER LA GESTIONE DI UN SERVIZIO DI LOCALIZZAZIONE FLOTTE TRAMITE SISTEMA SATELLITARE GPS QUESTO DOCUMENTO CONTIENE UN ESEMPIO SEMPLIFICATO DEL SOFTWARE E DELLE SUE FUNZIONI. PER EVENTUALI

Dettagli

RAPPORTO di PROVA. Rapporto Nr... : 85603 TRF EMC Eseguito da... : G.Curioni...

RAPPORTO di PROVA. Rapporto Nr... : 85603 TRF EMC Eseguito da... : G.Curioni... Page 1 of 11 Report No. 85603 TRF EMC RAPPORTO di PROVA EN 50147-1 misura dell attenuazione dello schermo a radio frequenza Rapporto Nr... : 85603 TRF EMC Eseguito da... : G.Curioni... Approvato da...

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 Architettura delle reti di telecomunicazioni e contesto infrastrutturale regionale 1 Indice Architettura delle reti di Telecomunicazioni Banda Larga nella

Dettagli

La strumentazione per il monitoraggio ed il controllo dei valori di campo elettromagnetico in Sicilia. Esperienza di collaudo dell Arpa Sicilia.

La strumentazione per il monitoraggio ed il controllo dei valori di campo elettromagnetico in Sicilia. Esperienza di collaudo dell Arpa Sicilia. La strumentazione per il monitoraggio ed il controllo dei valori di campo elettromagnetico in Sicilia. Esperienza di collaudo dell Arpa Sicilia. Conti, A. (1) Mazzola, M. (2) INTRODUZIONE L esperienza

Dettagli

Alcatel OmniVista 4760

Alcatel OmniVista 4760 Alcatel OmniVista 4760 La piattaforma di gestione aperta Una soluzione completa per la gestione di rete ARCHITETTURA APERTA Il tentativo di essere al passo con le innovazioni nel campo delle reti e delle

Dettagli

A Palazzo Madama la sicurezza è di casa

A Palazzo Madama la sicurezza è di casa A Palazzo Madama la sicurezza è di casa di Giovanni Contardi, Responsabile Security & Safety del Senato della Repubblica e Fabio Garzia, Docente di Sistemi di Sicurezza Anticrimine nel corso di laurea

Dettagli

Il Catasto Regionale degli impianti radioelettrici

Il Catasto Regionale degli impianti radioelettrici Il Catasto Regionale degli impianti radioelettrici A cura della Sezione di Fisica Ambientale dell ARPA del Friuli Venezia Giulia La legge quadro n 36 del 2001 istituisce il catasto nazionale che integra

Dettagli

COMUNE DI MARTELLAGO

COMUNE DI MARTELLAGO Regolamentazione per l'installazione delle stazioni radio base per telefonia mobile - Aggiornamento COMUNE DI MARTELLAGO PROVINCIA DI VENEZIA Piano di localizzazione per l installazione delle stazioni

Dettagli

SISTEMA DI ALLARME. Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0

SISTEMA DI ALLARME. Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0 SISTEMA DI ALLARME Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0 i s o p l u s IPS-DIGITAL-CU IPS-DIGITAL-NiCr IPS-DIGITAL-Software IPS-DIGITAL-Mobil IPS-DIGITAL isoplus Support

Dettagli

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.)

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Inizialmente, con l avvento dei PC, il mondo dell elaborazione dati era diviso in due

Dettagli

La visualizzazione del layer informativo in un webgis open source: un sistema di gestione tensoriale del dato ambientale per p.mapper.

La visualizzazione del layer informativo in un webgis open source: un sistema di gestione tensoriale del dato ambientale per p.mapper. La visualizzazione del layer informativo in un webgis open source: un sistema di gestione tensoriale del dato ambientale per p.mapper. M. Comelli IFAC-CNR (Istituto di Fisica Applicata Nello Carrara del

Dettagli

Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I. Laerte Sorini. laerte@uniurb.it Lezione 03 parte 1

Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I. Laerte Sorini. laerte@uniurb.it Lezione 03 parte 1 Laboratorio Informatico: RETI E INTERNET I Laerte Sorini laerte@uniurb.it Lezione 03 parte 1 Introduzione Indispensabili per l esistenza delle reti, sono spesso sottovalutati mezzi fisici o guidati (conducted

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

CENTRALE OPERATIVA POLIZIA PROVINCIALE VIA PRINCIPE EUGENIO, 53 - MILANO

CENTRALE OPERATIVA POLIZIA PROVINCIALE VIA PRINCIPE EUGENIO, 53 - MILANO La nuova Centrale Operativa è l ultima realizzazione portata avanti dalla Amministrazione Provinciale e, in modo particolare, dal corpo di Polizia Provinciale. Il progetto ormai avviato di una centrale

Dettagli

ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento gli impianti per telefonia mobile.

ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento gli impianti per telefonia mobile. REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNATICI SUL TERRITORIO COMUNALE ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento

Dettagli

PROFILO AZIENDALE STORIA

PROFILO AZIENDALE STORIA PROFILO AZIENDALE Mediasud è un azienda specializzata nel settore delle telecomunicazioni con ampia offerta di infrastrutture e servizi agli Operatori nei diversi e specifici settori (Fm, TV digitale,

Dettagli