METODI DINAMICI PER LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA STRUTTURALE DI OPERE STRATEGICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "METODI DINAMICI PER LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA STRUTTURALE DI OPERE STRATEGICHE"

Transcript

1 METODI DINAMICI PER LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA STRUTTURALE DI OPERE STRATEGICHE METODI DI SPERIMENTAZIONE DINAMICA DELLE STRUTTURE CISM UDINE FEBBRAIO 2008 Paolo Panzeri

2

3 IL MONITORAGGIO DINAMICO Consiste nella elaborazione di dati rilevati da strumentazione di controllo in risposta a disturbi dinamici presenti sulla struttura IL METODO DINAMICO Per valutare ed analizzare il comportamento dinamico delle strutture PROVE DI CARATTERIZZAZIONE DINAMICA Consiste nel sottoporre la struttura ad una eccitazione dinamica forzata di bassa intensità, registrandone la risposta in termini di spostamenti, velocità ed accelerazioni

4 IL METODO DINAMICO MONITORAGGIO Per valutare e caratterizzare il disturbo vibro-acustico alla struttura ed anche alle persone che la utilizzano. PROVE DI CARATTERIZZAZIONE Per valutare l effettivo comportamento dinamico dell opera e quindi per l identificazione del sistema.

5 PROVE DI CARATTERIZZAZIONE La caratterizzazione può consentire: - di calcolare direttamente la risposta della struttura a fronte di qualsiasi azione dinamica agente di caratteristiche note, per esempio un sisma oppure un carico dinamico d esercizio - di affinare sulla base dei riscontri sperimentali (confronto con i parametri valutati per via numerica) la modellazione numerica sviluppata per l analisi della struttura, e quindi di identificare un adeguato modello numerico idoneo a rappresentare la realtà strutturale del manufatto. Una volta individuato il modello numerico tarato con l'analisi dinamica, successive analisi possono consentire un adeguata valutazione delle sollecitazioni degli elementi costituenti la struttura, cosicché risulta possibile valutare le effettive condizioni del manufatto.

6 IL METODO DINAMICO E APPLICATO A: fabbricati stadi ed impianti sportivi chiese monumenti ponti e viadotti impalcati industriali fondazioni di macchine vibranti torri di raffreddamento strutture impiantistiche infrastrutture ferroviarie ecc.

7 IL METODO DINAMICO PUO INTERVENIRE CON DIFFERENTI FINALITA NELLE DIVERSE FASI DELLA VITA DI UNA STRUTTURA FASI FINALITA Fase di costruzione Studio Controllo Fase di collaudo Controllo Fase di esercizio Controllo e Diagnosi Fase di riclassificazione Studio, Controllo e Diagnosi Disturbo vibro-acustico Misure Previsioni Sistemi di sorveglianza Registrazione eventi Controllo evoluzioni

8 LA RISPOSTA DI UNA STRUTTURA IN CAMPO DINAMICO PUO ESSERE CARATTERIZZATA ATTRAVERSO: prove con eccitazione forzata artificiale indotta da carichi applicati ad hoc nella fase sperimentale e quindi di entità ed andamento controllabile. In funzione delle attrezzature di eccitazione utilizzate l'andamento del carico dinamico può essere sinusoidale (più impiegato), random stazionario, random non stazionario e transient prove con eccitazione fornita da azioni presenti nell'ambiente quali forzanti indotte dal vento, dal traffico (su gomma e/o su ferro), da micro-sismi, da attività industriale limitrofa, da attività di cantiere, ecc. In funzione della natura dell'eccitazione i carichi dinamici generalmente non facilmente misurabili - hanno andamento random stazionario, random non stazionario e transient prove con eccitazione impulsiva per l analisi delle oscillazioni libere prodotte sulla struttura da azioni transitorie che si sono ormai esaurite; sono caratterizzate dalla combinazione di sinusoidi smorzate dipendenti dalle caratteristiche modali dell'opera. Le oscillazioni libere possono essere ad esempio indotte dal transito di veicoli (eventualmente con ostacolo interposto lungo il percorso dei mezzi in movimento) con analisi della fase immediatamente successiva al transito, oppure prodotte artificialmente ad hoc nella fase sperimentale (ad esempio la tecnica del tiro e rilascio rapido o l'impiego di attrezzature di carico impulsivo con analisi della fase immediatamente successiva allo shock).

9 LE TECNICHE DI PROCESSAMENTO DEI DATI Analisi dei dati nel dominio delle frequenze Prevede la conversione delle misure raccolte (time history) in spettri ossia funzioni della variabile di Fourier quali ad esempio le trasformate di Fourier, le densità spettrali di potenza (per i fenomeni stazionari) o di energia (per i fenomeni transitori) dirette ed incrociate. Questo tipo di analisi consente di individuare le Funzioni di Trasferimento della struttura (rapporto nel dominio delle frequenze tra risposte ed eccitazione) - nel caso di eccitazione nota - o le Pseudo Funzioni di Trasferimento della struttura (rapporto nel dominio delle frequenze tra risposte in differenti punti e risposta in una postazione assunta a riferimento) - nel caso di eccitazione non nota. Ottenute tali grandezze spettrali è possibile attraverso l'impiego di tecniche di identificazione modale, individuare i modi eccitati nel corso delle registrazioni.

10 LE TECNICHE DI PROCESSAMENTO DEI DATI Analisi dei dati nel dominio delle tempo Prevede di determinare i parametri modali attraverso un processo di identificazione modale operante direttamente sulle storie temporali registrate (time history). Questa tecnica è solitamente utilizzata nel caso di oscillazioni libere ma può essere impiegata - di norma meno convenientemente - anche nel caso di vibrazioni forzate (artificiali o ambientali).

11 ANALISI NEL DOMINIO DELLE FREQUENZE 70 ECCITAZIONE VERTICALE 60 Modulo [(mm/s)/kn] Frequenza [Hz] Differenza di fase [Degree] Frequenza [Hz] Esempio di funzioni di trasferimento Copertura del padiglione della nuova fiera di Rimini

12 ANALISI NEL DOMINIO DEL TEMPO Basata sulla risposta della struttura ad un impulso

13 ANALISI NEL DOMINIO DEL TEMPO Valutazione dello smorzamento

14 I VANTAGGI DELL ECCITAZIONE FORZATA ARTIFICIALE migliore controllo delle modalità di prova; maggiore disponibilità di risultati di una prova di tipo ripetibile; migliore interpretazione dei risultati della prova; limitare il numero di dati da acquisire. La forzante risulta, nella prova con eccitazione forzata, sotto il diretto controllo dello sperimentatore in quanto viene prodotta artificialmente mediante opportuni generatori di vibrazioni, in grado di produrre azioni con andamento periodico sinusoidale a frequenza lentamente variabile, oppure random o transient. Tipicamente nel caso di viadotti a molte campate di uguale tipologia costruttiva, ove potrebbe risultare ragionevole condurre prove dinamiche con sistemi speditivi (quali il transito sull'opera di un veicolo pesante a diverse velocità e/o l'applicazione di carichi di tipo impulsivo), l'interpretazione dei dati forniti dalle prove speditive può convenientemente trarre beneficio dalle conoscenze conseguite attraverso un analisi dinamica di dettaglio con eccitazione forzata artificiale precedentemente condotta su una campata di analoghe caratteristiche.

15 I GENERATORI DI VIBRAZIONI Si suddividono in: Meccanici Elettrodinamici Idraulici Campo delle frequenze esplorabili: Hz per i generatori meccanici (solo azioni di tipo sinusoidale) Hz per i generatori elettrodinamici Hz per le macchine idrauliche (vibrodina idraulica) I generatori di vibrazione a zavorre traslanti mosse da attuatore elettroidraulico sono dedicati in genere ad applicazioni particolari che richiedono di esplorare campi di frequenza elevati e/o di operare con eccitazioni non sinusoidali. Le problematiche operative da affrontare nel caso di utilizzo di vibrodine idrauliche sono in genere impegnative principalmente in relazione alla necessità di predisporre in sito un circuito idraulico di adeguate caratteristiche per portate e pressioni. Analogamente a meno di operare su modeste parti d opera - non vengono frequentemente utilizzati generatori elettrodinamici, principalmente in relazione alle limitate ampiezze delle forze generabili.

16 I GENERATORI DI VIBRAZIONI

17 Consistono nell applicare alla struttura una serie di forzanti sinusoidali di frequenza variabile e registrare sia la forzante che la risposta strutturale in varie postazioni di misura Forza sinusoidale applicata nel punto k-esimo della struttura fk(t)=fk sin(ϖ t+ϕk) LE PROVE CON VIBRODINA MECCANICA Risposta di un generico punto h-esimo qh(t)=qh sin(ϖ t+ϕh) Funzioni di trasferimento del sistema: rapporto tra risposta e forza eccitante H h, k Qh( ω) i ) ( ω) = e Fk( ω) ove i = 1 [ ϕh( ω) ϕk ( ω ] I picchi di amplificazione contenuti in tali funzioni consentono di valutare i parametri modali della struttura (frequenze di risonanza, smorzamenti critici e forme dei modi).

18 METODI DINAMICI PER LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA VIBRODINA MECCANICA 9 FORZA APPLICATA PER ECCITAZIONE ORIZZONTALE LONGITUDINALE - POS.B Forza [KN] Frequenza [Hz] Forza dinamica sinusoidale erogata dalla vibrodina: dove: fk(t) = C cos (α/2) f² sin (2 π f t + ϕk) C costante caratteristica della macchina α angolo di sfasamento masse f frequenza di eccitazione t tempo

19 CARATTERISTICHE DELLE VIBRODINE MECCANICHE peso 3500 kg 2000 kg 300 kg max forza erogabile 20 ton 10 ton 2 ton max frequenza di eccitazione 20 Hz 25 Hz 50 Hz

20 CARATTERISTICHE DELLE VIBRODINE MECCANICHE Risoluzione in frequenza dell eccitazione La risoluzione in frequenza da adottare nell esecuzione della scansione è fissata dalla larghezza di banda dei picchi presenti (risonanze) e dall accoppiamento fra i modi. A titolo esemplificativo la larghezza di banda della curva di risposta di un modo con frequenza f0 = 1 Hz e smorzamento ζ =1% vale: f = 2 ζ f0 = 2 0,01 1 = 0,02 Hz

21 CARATTERISTICHE DELLE VIBRODINE MECCANICHE Elevata stabilità di eccitazione La stabilità di eccitazione risulta fondamentale per ripercorrere il campo di frequenza proprio dell indagine con gli stessi valori di frequenza (entro la tolleranza del centesimo di Hz) per poter confrontare in modo corretto curve di risposta ottenute in prove successive (come risulta ad esempio necessario nel caso in cui non si disponga di un numero adeguato di strumenti e di canali di registrazione che permetta la raccolta di tutti i dati in una sola prova). Acquisizioni fatte con frequenze anche di poco diverse fra di loro possono portare, su strutture poco smorzate, a valori non facilmente confrontabili.

22 APPARECCHIATURA DI CONTROLLO, DI REGISTRAZIONE E DI ANALISI DEI DATI Sistema gestito da software appositamente sviluppato e operante in ambiente Windows consente una completa supervisione all'esecuzione delle prove: pilotaggio delle macchina di eccitazione esecuzione dei rilievi memorizzazione delle misure elaborazione in tempo reale dei dati per la determinazione delle funzioni di trasferimento del sistema il sistema acquisisce, a prefissati valori della frequenza, i segnali temporali fk(t), qh(t), di cui effettua l analisi di Fourier (FFT), ottenendo i valori Fk, Qh, ϕk e ϕh, calcola quindi il valore della funzione di trasferimento corrispondente alla frequenza di eccitazione prefissata ed infine memorizza i dati calcolati. Ripetibilità delle prove e tempi ragionevoli di esecuzione sono garantiti soltanto da un controllo automatico della scansione in frequenza; una regolazione manuale comporterebbe infatti problemi di precisione e stabilità intrinseci e tempi di prova del tutto inaccettabili

23 Le principali caratteristiche della strumentazione di misura sono: STRUMENTAZIONE DI MISURA -la sensibilità statica, intesa come rapporto tra tensione elettrica di uscita e valore della grandezza meccanica di ingresso; Nelle indagini dinamiche con vibrodina vengono tipicamente utilizzate le seguenti principali tipologie di sensori: - Accelerometri; -la linearità, intesa come il massimo scostamento della curva di calibrazione dello strumento da una retta; -la risoluzione, definita come il più piccolo cambiamento misurabile nella grandezza di ingresso; - il rapporto segnale - rumore, inteso come grado di disturbo arrecato dal segnale elettrico quando è nullo il segnale meccanico di ingresso. - Sismometri; - Trasduttori di spostamento di tipo elettroinduttivo; - Estensimetri a variazione di resistenza elettrica; - Estensimetri di tipo elettroinduttivo.

24 STRUMENTAZIONE DI MISURA

25 IL METODO DINAMICO PUO INTERVENIRE CON DIFFERENTI FINALITA NELLE DIVERSE FASI DELLA VITA DI UNA STRUTTURA FASI FINALITA Fase di costruzione Studio Controllo Fase di collaudo Controllo Fase di esercizio Controllo e Diagnosi Fase di riclassificazione Studio, Controllo e Diagnosi Disturbo vibro-acustico Misure Previsioni Sistemi di sorveglianza Registrazione eventi Controllo evoluzioni

26 FASE DI COSTRUZIONE Solitamente si ricorre alla sperimentazione dinamica nel caso di strutture di notevole complessità statica oppure quando i previsti procedimenti costruttivi sono di difficile attuazione, e quindi per verificare in corso d'opera delle ipotesi alla base del progetto, oppure per valutare la corretta esecuzione della struttura o di parti di essa.

27 FASE DI COSTRUZIONE Aula liturgica Padre Pio Arch. Renzo Piano - S. Giovanni Rotondo

28 FASE DI COSTRUZIONE Velocità [mm/s] POS. 1 - L Ampiezza [ (µm/s)² / Hz ] CROSS DENSITA' (POS. 1-L) - (POS. 4-V) Tempo [s] Frequenza [Hz] Differenza di fase [ ] CROSS DENSITA' (POS. 1-L) - (POS. 4-V) Frequenza [Hz] Aula liturgica Padre Pio Arch. Renzo Piano - S. Giovanni Rotondo

29 FASE DI COSTRUZIONE Vele della Chiesa Dives in Misericordia, Roma Arch. Richard Meier

30 FASE DI COSTRUZIONE Vele della Chiesa Dives in Misericordia, Roma Arch. Richard Meier

31 FASE DI COSTRUZIONE Tratti sperimentali - Tramvia Città di Messina

32 FASE DI COLLAUDO In questa fase si fa ricorso alla sperimentazione per determinare l'effettivo comportamento della struttura attraverso l identificazione e verifica degli schemi e delle assunzioni di progetto adottate. Si può così garantire, al di là di ogni incertezza di progettazione o di realizzazione, la rispondenza dell'opera ai requisiti di affidabilità e sicurezza. Peraltro secondo una moderna interpretazione, il collaudo ha anche per scopo quello di correggere e raffinare il modello di calcolo progettuale, così da disporre di una sorta di carta di identità della struttura. Riverificando nel tempo i parametri inseriti nel modello, risulterà quindi possibile individuare eventuali danni od alterazioni che si sono prodotti a causa di eventi particolari, come ad esempio transiti eccezionali, sisma o alluvione, o semplicemente per degrado progressivo. Per opere in zona a rischio sismico può essere condotto il collaudo sismico diretto degli impalcati eccitando la struttura in corrispondenza di un modo di vibrare significativo, fino a raggiungere livelli di vibrazione uguali o superiori a quelli previsti dalla normativa sismica vigente, o comunque precedentemente stabiliti.

33 FASE DI COLLAUDO Ponte ad arco di Reggio Emilia Arch. S. Calatrava [1/12] Studio vibrazionale ed esecuzione di prove di vibrazione con macchina idraulica posizionata in orizzontale

34 FASE DI COLLAUDO STRUMENTAZIONE IMPIEGATA: 6 trasduttori di spostamento induttivi verticale ed orizzontale agli appoggi 60 rosette estensimetriche 36 strain gauge monoassiali 30 accelerometri Ponte ad arco di Reggio Emilia Arch. S. Calatrava [2/12]

35 FASE DI COLLAUDO STRUMENTAZIONE IMPIEGATA: Ponte ad arco di Reggio Emilia Arch. S. Calatrava [3/12]

36 FASE DI COLLAUDO STRUMENTAZIONE IMPIEGATA: Ponte ad arco di Reggio Emilia Arch. S. Calatrava [4/12]

37 FASE DI COLLAUDO Ponte ad arco di Reggio Emilia Arch. S. Calatrava [5/12] Prova di tiro e rilascio arcone direzione trasversale

38 FASE DI COLLAUDO accelerazione [mm/s²] Ti (4) PCB_O2- ACC2Y tempo [s] Tf Ampiezza [ (mm/s²) ² / Hz ] acc acc2y acc5y acc8y Cross densità Y - ARCO Frequenza [Hz] Ponte ad arco di Reggio Emilia Arch. S. Calatrava [6/12] Prova di tiro e rilascio arcone direzione trasversale

39 FASE DI COLLAUDO Ponte ad arco di Reggio Emilia Arch. S. Calatrava [7/12] Prova di tiro e rilascio impalcato I configurazione

40 FASE DI COLLAUDO PRE POST 1200 Cross densità Z - IMPALCATO 4 Cross densità Z - IMPALCATO Ampiezza [ (mm/s²) ² / Hz ] Ampiezza [ (mm/s²) ² / Hz ] Frequenza [Hz] acc12z acc15z acc18z acc21z acc24z acc27z acc30z Frequenza [Hz] acc12z acc15z acc18z acc21z acc24z acc27z acc30z 1200 Cross densità Z - IMPALCATO 4 Cross densità Z - IMPALCATO Ampiezza [ (mm/s²) ² / Hz ] Ampiezza [ (mm/s²) ² / Hz ] Frequenza [Hz] acc12z acc15z acc18z acc21z acc24z acc27z acc30z Frequenza [Hz] acc12z acc15z acc18z acc21z acc24z acc27z acc30z Ponte ad arco di Reggio Emilia Arch. S. Calatrava [8/12] Prova di tiro e rilascio impalcato I configurazione

41 FASE DI COLLAUDO Ponte ad arco di Reggio Emilia Arch. S. Calatrava [9/12] Prova di tiro e rilascio impalcato II configurazione

42 FASE DI COLLAUDO PRE POST 0 Cross densità Z - IMPALCATO 0 Cross densità Z - IMPALCATO Ampiezza [ (mm/s²) ² / Hz ] acc11z acc14z acc17z acc20z acc23z acc26z acc29z Ampiezza [ (mm/s²) ² / Hz ] acc11z acc14z acc17z acc20z acc23z acc26z acc29z Frequenza [Hz] F [H ] Cross densità Z - IMPALCATO Cross densità Z - IMPALCATO Ampiezza [ (mm/s²) ² / Hz ] Frequenza [Hz] acc11z acc14z acc17z acc20z acc23z acc26z acc29z Ponte ad arco di Reggio Emilia Arch. S. Calatrava [10/12] Prova di tiro e rilascio impalcato II configurazione Ampiezza [ (mm/s²) ² / Hz ] Frequenza [Hz] acc11z acc14z acc17z acc20z acc23z acc26z acc29z

43 FASE DI COLLAUDO Ponte ad arco di Reggio Emilia Arch. S. Calatrava [11/12] Prova di tiro e rilascio impalcato III configurazione

44 FASE DI COLLAUDO PRE POST 2000 Cross densità Z - IMPALCATO 1800 Cross densità Z - IMPALCATO Ampiezza [ (mm/s²) ² / Hz ] Ampiezza [ (mm/s²) ² / Hz ] Frequenza [Hz] 11 Cross densità Z - IMPALCATO 1800 acc11z acc14z acc17z acc20z acc23z acc26z acc29z Frequenza [Hz] 11 Cross densità Z - IMPALCATO 1800 acc11z acc14z acc17z acc20z acc23z acc26z acc29z Ampiezza [ (mm/s²) ² / Hz ] Frequenza [Hz] acc11z acc14z acc17z acc20z acc23z acc26z acc29z Ponte ad arco di Reggio Emilia Arch. S. Calatrava [12/12] Prova di tiro e rilascio impalcato III configurazione Ampiezza [ (mm/s²) ² / Hz ] Frequenza [Hz] acc11z acc14z acc17z acc20z acc23z acc26z acc29z

45 FASE DI COLLAUDO Nuovo palazzetto dello sport di Monza [1/4]

46 FASE DI COLLAUDO Nuovo palazzetto dello sport di Monza [2/4]

47 FASE DI COLLAUDO 0.7 ECCITAZIONE RADIALE 0.6 ECCITAZIONE RADIALE PARTE REALE [(mm/s)/kn] PARTE REALE [(mm/s)/kn] Posizione 2R Posizione 3R Posizione 4R Posizione 5R Posizione 6R Posizione 7R Posizione 8R FREQUENZA [Hz] Posizione 2C Posizione 3C Posizione 4C Posizione 5C Posizione 6C Posizione 7C Posizione 8C FREQUENZA [Hz] Nuovo palazzetto dello sport di Monza [3/4]

48 FASE DI COLLAUDO Nuovo palazzetto dello sport di Monza [4/4]

49 FASE DI COLLAUDO Prova di carico dinamico [1/4] Copertura Nuova Fiera di Rimini Rimini (RN)

50 FASE DI COLLAUDO Prova di carico dinamico [2/4] Copertura Nuova Fiera di Rimini Rimini (RN)

51 FASE DI COLLAUDO Prova di carico dinamico [3/4] Copertura Nuova Fiera di Rimini Rimini (RN)

52 FASE DI COLLAUDO CROSS DENSITA' - SEZIONE NORD-SUD 200 CROSS DENSITA' - SEZIONE NORD-SUD Ampiezza [ (µm/s)² / Hz ] Differenza di fase [ ] S2L S4L S6L S8L Frequenza [Hz] Frequenza [Hz] Prova di carico dinamico [4/4] Copertura Nuova Fiera di Rimini Rimini (RN)

53 FASE DI COLLAUDO Prova di tiro e rilascio per collaudo sismico Grande croce S. Giovanni rotondo Consiste nel portare la struttura in una configurazione deformata con l applicazione di un tiro e nel registrare la risposta quando il tiro viene istantaneamente annullato

54 FASE DI COLLAUDO Centro di cura e riabilitazione a Bosisio Parini Arch. L. Bodega

55 FASE DI COLLAUDO Nuova Sede Hypo Bank in Tovagnacco (UD) - Arch. T. Mayne

56 FASE DI COLLAUDO Nuovo polo fieristico di Milano / Rho - Pero Arch. M. Fuksas

57 FASE DI COLLAUDO Torre radar aeroportuale

58 FASE DI COLLAUDO Nuova Scuola F. Jovine in San Giuliano di Puglia (CB)

59 FASE DI COLLAUDO Nuova Complesso Direzionale e Residenziale in Bergamo (BG) [1/5]

60 FASE DI COLLAUDO Nuovo Complesso Direzionale e Residenziale in Bergamo (BG) [2/5]

61 FASE DI COLLAUDO Giunto sismico Nuovo Complesso Direzionale e Residenziale in Bergamo (BG) [3/5]

62 FASE DI COLLAUDO Nuovo Complesso Direzionale e Residenziale in Bergamo (BG) [4/5]

63 FASE DI COLLAUDO Nuovo Complesso Direzionale e Residenziale in Bergamo (BG) [5/5]

64 FASE DI COLLAUDO Ponte in Comune di Dogna (UD) [1/7]

65 FASE DI COLLAUDO Ponte in Comune di Dogna (UD) [2/7]

66 FASE DI COLLAUDO Ponte in Comune di Dogna (UD) [3/7]

67 FASE DI COLLAUDO Eccitazione forzata con vibrodina Ponte in Comune di Dogna (UD) [4/7]

68 FASE DI COLLAUDO I modo f = 2,00 Hz II modo f = 3,10 Hz III modo f = 3,20 Hz Ponte in Comune di Dogna (UD) [5/7]

69 FASE DI COLLAUDO Eccitazione dovuta al traffico Ponte in Comune di Dogna (UD) [6/7]

70 FASE DI COLLAUDO Ponte in Comune di Dogna (UD) [7/7]

71 FASE DI ESERCIZIO Per il controllo dello stato dell opera nel corso della vita utile della struttura. È possibile ricorre alla sperimentazione dinamica per cogliere e quantificare l eventuale presenza di degradi e/o danneggiamenti strutturali intervenuti nell'assetto statico della struttura. In questo caso i parametri modali possono essere utilizzati come input per processi di identificazione strutturale che forniscono come output parametri strutturali direttamente correlati alla struttura e più facilmente interpretabili ed utilizzabili ai fini di verifiche strutturali. Per queste applicazioni possono essere convenientemente impiegati anche modelli numerici in grado di tener conto e simulare la presenza di difetti e/o danneggiamenti Le modalità e le tecniche relative ai processi di identificazione strutturale utilizzano strumenti classici dell'analisi strutturale e delle tecniche matematiche di identificazione e sensibilità. In tema di confronto tra serie successive eseguite in tempi diversi di dati sperimentali, o comunque di confronto tra dati sperimentali e valori numerici dedotti da modelli di calcolo, può non risultare sufficiente limitarsi al confronto delle frequenze proprie; infatti, specie nel caso in cui si intenda accertare la presenza di difetti, occorre curare anche la corrispondenza tra le forme modali essendo noto che gli spostamenti modali risultano (a differenza delle frequenze proprie) maggiormente legati al comportamento locale e quindi, in linea di principio, più adatti alla valutazione di danneggiamenti localizzati

72 FASE DI ESERCIZIO Il caso di studio ha dimostrato operativamente la fattibilità dell esecuzione di prove dinamiche con vibrodina su edifici ospedalieri in attività con presenza di degenti e sale operatorie. Plesso Ospedaliero Cristo Re in Roma: Indagine dinamica sperimentale e modellazione FEM per l analisi sismica [1/11]

73 FASE DI ESERCIZIO Tale approccio risulta peraltro in linea con il raggiungimento dell auspicato livello di conoscenza accurato (LC3) suggerito dall O.P.C.M. 3431/2005, che può quindi essere ottenuto limitando al minimo l interazione con le funzionalità dell edificio ospedaliero mantenuto in esercizio durante le indagini. CAMPAGNA DIAGNOSTICA Plesso Ospedaliero Cristo Re in Roma [2/11]

74 FASE DI ESERCIZIO Le prove dinamiche sono state integrate da indagini finalizzate all identificazione dei particolari costruttivi strutturali ed alla determinazione del grado di consistenza e delle caratteristiche di resistenza dei materiali dei principali elementi portanti. L insieme delle sperimentazioni puntuali e delle prove di carico dinamiche è stato studiato per conseguire un livello di conoscenza accurato ai sensi dell O.P.C.M. 3431/2005 e quindi in ottemperanza anche al D.M. 14 settembre 2005 Norme Tecniche per le costruzioni. Plesso Ospedaliero Cristo Re in Roma [3/11]

75 Martinetti piatti Carotaggi Endoscopie Misure soniche FASE DI ESERCIZIO Plesso Ospedaliero Cristo Re in Roma [4/11]

76 FASE DI ESERCIZIO Plesso Ospedaliero Cristo Re in Roma: Indagine dinamica sperimentale e modellazione FEM per l analisi sismica [5/11]

77 FASE DI ESERCIZIO Moto rigido trasversale T Modulo [mm/s 2 / kn] Impalcato 2 Impalcato 3 Impalcato cop Frequenza [Hz] Modulo [mm/s² / kn] Valore misurato Valore calcolato Posizione dell'eccitazione: VA - Direzione dell'eccitazione: L. Posizione di misura: A6 T Frequenza [Hz] Differenza di fase [Degree] Frequenza [Hz] Differenza di fase [Degree] Frequenza [Hz] Sovrapposizione di FdT Solaio con comportamento flessibile oltre i 5,70 Hz Plesso Ospedaliero Cristo Re in Roma [6/11]

78 FASE DI ESERCIZIO I MODO DI VIBRARE Deformata modale da modellazione FEM Frequenza: 3.41 Hz Deformata modale da prova con vibrodina Frequenza: 3.30 Hz Plesso Ospedaliero Cristo Re in Roma [7/11]

79 FASE DI ESERCIZIO II MODO DI VIBRARE Deformata modale da modellazione FEM Frequenza: 3.86 Hz Deformata modale da prova con vibrodina Frequenza: 3.60 Hz Plesso Ospedaliero Cristo Re in Roma [8/11]

80 FASE DI ESERCIZIO III MODO DI VIBRARE Deformata modale da modellazione FEM Frequenza: 5.03 Hz Deformata modale da prova con vibrodina Frequenza: 4.90 Hz Plesso Ospedaliero Cristo Re in Roma [9/11]

81 Tenuto conto che: 1. la geometria è stata definita sulla base di rilievi strutturali con verifica in situ della tipologia e orditura dei solai; 2. i principali dettagli costruttivi sono stati verificati in situ con controlli accompagnati da scarifiche e saggi sulle murature; 3. le proprietà dei materiali sono state ricavate mediante indagini in situ ad integrazione anche dei dati disponibili sulle proprietà dei materiali contenute nella stessa OPCM 3431/2005; 4. è stata eseguita una prova sperimentale con vibrodina che ha consentito di caratterizzare esaustivamente il comportamento dinamico della struttura per giungere ad un modello FEM connotato da un buon riscontro rispetto alle evidenze sperimentali; Cristo Re Roma [10/11] il livello di conoscenza della struttura è stato classificato LC3 conoscenza accurata. Le verifiche numeriche sono pertanto state condotte utilizzando un fattore di confidenza pari a FC = 1,0.

82 Una volta individuato il modello numerico messo a punto sulla base dei risultati sperimentali, successive analisi hanno consentito un adeguata valutazione delle sollecitazioni negli elementi costituenti la struttura, per la verifica delle effettive condizioni del manufatto sottoposto al sisma di progetto. Plesso Ospedaliero Cristo Re in Roma [11/11]

83 INDAGINI DIAGNOSTICHE E DINAMICHE CON VIBRODINA SULLE STRUTTURE IN C.A. DI UN EDIFICIO SCOLASTICO E RELATIVA VERIFICA SISMICA. ANALISI SISMICA AI SENSI DELL OPCM 3431/05 IN CONFIGURAZIONE ESISTENTE E DI PROGETTO ED ANALISI DEI RISULTATI Edificio scolastico [1/10]

84 SOPRALZO DELLA STRUTTURA Necessità di effettuare verifiche sismiche Edificio scolastico [2/10]

85 SOPRALZO DELLA STRUTTURA CORPO AGGIUNTO Necessità di effettuare verifiche sismiche Edificio scolastico [3/10]

86 IL MODELLO FEM Edificio scolastico [4/10]

87 ATTIVITA SVOLTE: INDAGINI SONICHE SONDAGGI A CAROTAGGIO CONTINUO CARATTERIZZAZIONE MECCANICA C.A. Edificio scolastico [5/10]

88 PROVA DINAMICA CON VIBRODINA: CARATTERIZZAZIONE DINAMICA EDIFICIO ESISTENTE ANALISI FEM: VERIFICA SISMICA DELL EDIFICIO ESISTENTE E DELLA CONFIGURAZIONE DI PROGETTO Edificio scolastico [6/10]

89 ANALISI DINAMICA MODALE LINEARE EDIFICIO ESISTENTE ZONA 4 ag/g = 0.05 STRUTTURA IN C.A. A TELAIO REGOLARE IN ALTEZZA NON REGOLARE IN PIANTA NUMERO MODI ANALIZZATI: 12 I MODO DI VIBRARE II MODO DI VIBRARE III MODO DI VIBRARE Edificio scolastico [7/10]

90 CONFRONTO PROVA SPERIMENTALE ED ANALISI NUMERICA NUMERICA MODI DI VIBRARE DELLA STRUTTURA I MODO DI VIBRARE Deformata modale da modellazione FEM Frequenza: 3.45 Hz Edificio scolastico [8/10] Deformata modale da prova con vibrodina Frequenza: 3.74 Hz

91 CONFRONTO PROVA SPERIMENTALE ED ANALISI NUMERICA NUMERICA MODI DI VIBRARE DELLA STRUTTURA II MODO DI VIBRARE Deformata modale da modellazione FEM Frequenza: 4.55 Hz Edificio scolastico [9/10] Deformata modale da prova con vibrodina Frequenza: 5.34 Hz

92 CONFRONTO PROVA SPERIMENTALE ED ANALISI NUMERICA NUMERICA MODI DI VIBRARE DELLA STRUTTURA III MODO DI VIBRARE Deformata modale da modellazione FEM Frequenza: 6.68 Hz Edificio scolastico [10/10] Deformata modale da prova con vibrodina Frequenza: 6.61 Hz

93 CONSIDERAZIONI SUI CASI DI STUDIO ESAMINATI: STRUTTURA OSPEDALIERA EDIFICIO SCOLASTICO Il metodo dinamico è un approccio integrato composto da procedure analitiche e sperimentali che, sulla base della risposta strutturale conseguente l applicazione di forzanti variabili nel tempo, consentono di determinare con affidabilità il comportamento dinamico del sistema vibrante. L utilizzo di strumenti di rilevazione della risposta della struttura particolarmente sensibili garantisce la possibilità di applicare forzanti di intensità limitata con il vantaggio di evitare condizioni di carico estreme. Procedure sperimentali consolidate consentono di studiare il comportamento strutturale in tempi brevi e senza interrompere la funzionalità dell opera.

SPERIMENTAZIONE DEI MATERIALI E DELLE STRUTTURE IL MONITORAGGIO DELLE STRUTTURE DELL INGEGNERIA CIVILE CASI DI STUDIO IN CAMPO DINAMICO

SPERIMENTAZIONE DEI MATERIALI E DELLE STRUTTURE IL MONITORAGGIO DELLE STRUTTURE DELL INGEGNERIA CIVILE CASI DI STUDIO IN CAMPO DINAMICO SPERIMENTAZIONE DEI MATERIALI E DELLE STRUTTURE IL MONITORAGGIO DELLE STRUTTURE DELL INGEGNERIA CIVILE IN CAMPO DINAMICO Paolo Panzeri MILANO - maggio 27 a.a. 26-7 IN CAMPO DINAMICO STRUMENTAZIONE DI MISURA

Dettagli

Monitoraggio METODI DI SPERIMENTAZIONE. Imetodi di sperimentazione possono consistere in metodi di controllo

Monitoraggio METODI DI SPERIMENTAZIONE. Imetodi di sperimentazione possono consistere in metodi di controllo Per monitorare il comportamento strutturale di ponti e viadotti durante l intero ciclo della vita utile, è sempre più frequente il ricorso alla sperimentazione attraverso controlli non distruttivi e prove

Dettagli

PROVE DI CARATTERIZZAZIONE ED ESPERIENZE DI MONITORAGGIO IN CAMPO DINAMICO

PROVE DI CARATTERIZZAZIONE ED ESPERIENZE DI MONITORAGGIO IN CAMPO DINAMICO PROVE DI CARATTERIZZAZIONE ED ESPERIENZE DI MONITORAGGIO IN CAMPO DINAMICO Paolo Panzeri, Cristiano Algeri P&P Consulting Engineers PREMESSE Le analisi e le valutazioni del comportamento strutturale delle

Dettagli

ESEMPI DI ALCUNE PROVE DI CARATTERIZZAZIONE DINAMICA CON VIBRODINA ESEGUITE SU EDIFICI ED INFRASTRUTTURE

ESEMPI DI ALCUNE PROVE DI CARATTERIZZAZIONE DINAMICA CON VIBRODINA ESEGUITE SU EDIFICI ED INFRASTRUTTURE ESEMPI DI ALCUNE PROVE DI CARATTERIZZAZIONE DINAMICA CON VIBRODINA ESEGUITE SU EDIFICI ED INFRASTRUTTURE Edificio multipiano a destinazione commerciale in Milano Impianto Petrolchimico MZCR Basell - Brindisi

Dettagli

La dinamica degli edifici e le prove sperimentali. Studio del comportamento dinamico di una struttura

La dinamica degli edifici e le prove sperimentali. Studio del comportamento dinamico di una struttura La dinamica degli edifici e le prove sperimentali La Norma UNI 9916 prende in considerazione in modo esplicito il caso della misura delle vibrazioni finalizzata allo: Studio del comportamento dinamico

Dettagli

L IDENTIFICAZIONE STRUTTURALE

L IDENTIFICAZIONE STRUTTURALE e L IDENTIFICAZIONE STRUTTURALE I problemi legati alla manutenzione e all adeguamento del patrimonio edilizio d interesse storico ed artistico sono da alcuni anni oggetto di crescente interesse e studio.

Dettagli

MONITORAGGIO E CONTROLLO DI OPERE INFRASTRUTTURALI

MONITORAGGIO E CONTROLLO DI OPERE INFRASTRUTTURALI CONVEGNO Controlli innovativi per la costruzione e la manutenzione di componenti meccanici ed opere infrastrutturali MONITORAGGIO E CONTROLLO DI OPERE INFRASTRUTTURALI PARTE PRIMA Prof. Ing. Giacinto Porco

Dettagli

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica Prove dinamiche e metodi sonici per la determinazione della capacità portante e la verifica in sito dell integrità del materiale costitutivo di diaframmi in c.a. La descrizione seguente dettaglia sulle

Dettagli

Le prove di carico a verifica della capacità portante, per il collaudo statico strutturale.

Le prove di carico a verifica della capacità portante, per il collaudo statico strutturale. Geo-Controlli s.a.s. Via l. Camerini 16/1 35016 Piazzola sul Brenta (PD) Italy P.I. e C.F. 04706820281 Tel. +39-049-8725982 Mobile 3482472823 www.geocontrolli.it www.scannerlaser.it www.vibrodina.it Info@geocontrolli.it

Dettagli

SPERIMENTAZIONE DEI MATERIALI E DELLE STRUTTURE IL MONITORAGGIO DELLE STRUTTURE DELL INGEGNERIA CIVILE LE PROVE DI CARICO STATICO CASI DI STUDIO

SPERIMENTAZIONE DEI MATERIALI E DELLE STRUTTURE IL MONITORAGGIO DELLE STRUTTURE DELL INGEGNERIA CIVILE LE PROVE DI CARICO STATICO CASI DI STUDIO SPERIMENTAZIONE DEI MATERIALI E DELLE STRUTTURE IL MONITORAGGIO DELLE STRUTTURE DELL INGEGNERIA CIVILE LE PROVE DI CARICO STATICO Paolo Panzeri MILANO - maggio 2007 a.a. 2006-07 Eseguite sulle strutture

Dettagli

Monitoring, Testing & Structural engineering

Monitoring, Testing & Structural engineering Monitoring, Testing & Structural engineering Indagini strutturali e prove diagnostiche Monitoraggio dinamico di edifici e infrastrutture Verifica di vulnerabilità sismica di edifici esistenti Analisi e

Dettagli

Valueconsult. Technical Advisory. Dalla gestione del rischio alla creazione di valore. Analysis and Structural investigations

Valueconsult. Technical Advisory. Dalla gestione del rischio alla creazione di valore. Analysis and Structural investigations Technical Advisory Analysis and Structural investigations Dalla gestione del rischio alla creazione di valore Analysis and Structural investigations Testing, Diagnosi, Analisi Valueconsult svolge un servizio

Dettagli

Indagini Strutturali srl. www.indaginistrutturali.it. Indagini sui materiali. Indagini dinamiche. Roma Milano

Indagini Strutturali srl. www.indaginistrutturali.it. Indagini sui materiali. Indagini dinamiche. Roma Milano www.indaginistrutturali.it IndaginiStrutturalisrl opera nel settore della diagnostica di infrastrutture e manufatti di ogni tipo effettuando verifiche, controlli, monitoraggi, con particolare riguardo

Dettagli

La misura delle vibrazioni indotte dal traffico

La misura delle vibrazioni indotte dal traffico La misura delle vibrazioni indotte dal traffico Roberto Folchi NITREX Srl roberto.folchi@nitrex.it Luca Ferraglio NITREX Srl luca.ferraglio@nitrex.it Introduzione L intenso traffico veicolare pesante determina

Dettagli

Qui DPC. M. Dolce 1. Progettazione Sismica. Figura 1 Distribuzione sul territorio delle strutture dell Osservatorio Sismico.

Qui DPC. M. Dolce 1. Progettazione Sismica. Figura 1 Distribuzione sul territorio delle strutture dell Osservatorio Sismico. Qui DPC M. Dolce 1 Il monitoraggio sismico del Dipartimento della Protezione Civile (2) - L Osservatorio Sismico delle Strutture Nel precedente numero di QuiDPC si è fornita una sintetica descrizione della

Dettagli

La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture.

La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture. La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture. In particolare vengono progettati e realizzati interventi di ingegneria strutturale quali:

Dettagli

VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI

VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI Verifica di vulnerabilità sismica Pagina 2 di 8 INDICE Premessa...3 Classificazione sismica...3 Vulnerabilità sismica...5 Indagini...5 Calcolo...6 Verifica

Dettagli

Normative sismiche italiane

Normative sismiche italiane pag. 98 Normative sismiche italiane 1783 norme dopo il terremoto della Calabria: muratura intelaiata, limitazione di altezza. Edifici esistenti: riduzione di altezza 1908 norme sismiche locali dopo il

Dettagli

I padiglioni A e C degli Spedali Civili di Brescia.

I padiglioni A e C degli Spedali Civili di Brescia. APPLICAZIONI DEL CAPITOLO 8 : COSTRUZIONI ESISTENTI. I padiglioni A e C degli Spedali Civili di Brescia. Relatore: Ing. Alessandro Aronica (MSC Associati S.r.l. Milano) IL TEAM IMPRESA GENERALE DI COSTRUZIONI:

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 12 ottobre 2007 Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri per la valutazione e la riduzione del rischio sismico del patrimonio culturale con

Dettagli

C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI

C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI Il Cap.9 delle NTC detta disposizioni minime per l esecuzione del collaudo statico, atto a verificare il comportamento e le prestazioni delle parti di opera

Dettagli

riabilitazione delle strutture

riabilitazione delle strutture riabilitazione delle strutture Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali Orientamento: Strutture e Rischio Sismico Crediti formativi: CFU 6 Docente: Gianmarco

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

8.1. INCREMENTO DELLA DISTANZA TRA L'EDIFICIO E L'INFRASTRUTTURA

8.1. INCREMENTO DELLA DISTANZA TRA L'EDIFICIO E L'INFRASTRUTTURA 8. MISURE DI MITIGAZIONE I possibili interventi adottabili per la riduzione degli effetti delle vibrazioni sugli edifici e sulle attività umane possono essere schematicamente suddivisi in: Incremento della

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO. ing. Francesco Monni

IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO. ing. Francesco Monni IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO ing. Francesco Monni Le norme che regolano gli interventi su costruzioni esistenti in muratura (anche di carattere storico e monumentale)

Dettagli

Cap 12 12 -- Misure di vi braz di vi ioni

Cap 12 12 -- Misure di vi braz di vi ioni Cap 12 - Misure di vibrazioni Le vibrazioni sono poi da sempre uno strumento di diagnostica di macchine e sistemi meccanici 1 Le direttive CEE 89/392/CEE, 91/368/CEE, 93/44/CEE e 93/68/CEE, obbliga tutti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI In collaborazione con UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Facoltà di Ingegneria Corso di studi in Ingegneria Civile Tesi di Laurea Magistrale CONTROLLO ATTIVO DELLE VIBRAZIONI

Dettagli

MONITORAGGIO TRAMITE SISTEMA A FIBRE OTTICHE SU PONTI O VIADOTTI IN C.A. O IN C.A.P. DI NUOVA REALIZZAZIONE

MONITORAGGIO TRAMITE SISTEMA A FIBRE OTTICHE SU PONTI O VIADOTTI IN C.A. O IN C.A.P. DI NUOVA REALIZZAZIONE Solutions and Innovations for Structural Monitoring SISMLAB s.r.l. Spin-Off Università della Calabria Via Pietro Bucci - 87036 Rende (CS) ITALY Tel. : 0984 447093 --- Fax: 0984 447093 E-mail: info@sismlab.it---internet:

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE STRUTTURALE ED IDENTIFICAZIONE DINAMICA DI DUE PONTI STRADALI

CARATTERIZZAZIONE STRUTTURALE ED IDENTIFICAZIONE DINAMICA DI DUE PONTI STRADALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Dipartimento di Costruzioni e Trasporti CARATTERIZZAZIONE STRUTTURALE ED IDENTIFICAZIONE DINAMICA

Dettagli

1 INDAGINI PRELIMINARI E DURANTE L ESECUZIONE DEI LAVORI... - 4 - 1.1 Rilievo delle strutture interne alle volte sul Canal Grande...

1 INDAGINI PRELIMINARI E DURANTE L ESECUZIONE DEI LAVORI... - 4 - 1.1 Rilievo delle strutture interne alle volte sul Canal Grande... INDICE 1 INDAGINI PRELIMINARI E DURANTE L ESECUZIONE DEI LAVORI... - 4-1.1 Rilievo delle strutture interne alle volte sul Canal Grande... - 4-1.2 Indagini sulle murature... - 5-1.2.1 Martinetto piatto

Dettagli

Misura della profondità di carbonatazione

Misura della profondità di carbonatazione Controllo tecnico della qualità delle costruzioni Strutture edifici esistenti La valutazione della sicurezza e la progettazione degli interventi su edifici esistenti è caratterizzata da un grado di incertezza

Dettagli

TECNICHE DI MONITORAGGIO

TECNICHE DI MONITORAGGIO SEMINARIO LA VALUTAZIONE DELLE COSTRUZIONI ESISTENTI Lucca, 13-14 dicembre 2013 TECNICHE DI MONITORAGGIO Prof. Maria Luisa Beconcini Università di Pisa Dip. Ingegneria Civile e Industriale Leonardo da

Dettagli

Importanza dei Controlli Non Distruttivi e del Monitoraggio nel settore dell Ingegneria Civile e sui Beni Culturali ed Architettonici

Importanza dei Controlli Non Distruttivi e del Monitoraggio nel settore dell Ingegneria Civile e sui Beni Culturali ed Architettonici E-TRAIN s.r.l. Via Solari 27 60025 LORETO (AN) etrain@pec.it info@etrain-learning.com tel. 071.4604349 fax. 071.9203600 Importanza dei Controlli Non Distruttivi e del Monitoraggio nel settore dell Ingegneria

Dettagli

La valutazione del rischio sismico nei DVR. Il caso degli edifici per uffici

La valutazione del rischio sismico nei DVR. Il caso degli edifici per uffici La valutazione del rischio sismico nei DVR. Il caso degli edifici per uffici 1. Introduzione Il D.Lgs. 81/08 (s.m.i.), che disciplina la sicurezza nei luoghi di lavoro prescrive la valutazione di tutti

Dettagli

Studio e Monitoraggio del quadro fessurativo e del

Studio e Monitoraggio del quadro fessurativo e del Studio e Monitoraggio del quadro fessurativo e del comportamento sismico i del lduomo di Orvieto Modello Numerico tridimensionale Applicazioni ENEA di Modellazione e Analisi agli Elementi Finiti per la

Dettagli

Napoli, 24 Maggio 2011

Napoli, 24 Maggio 2011 Napoli, 24 Maggio 20 Prof. Ing. Arch.Salvatore Russo Università Iuav di Venezia Professore Associato di Tecnica delle Costruzioni Direttore del Laboratorio di Scienza delle Costruzioni russo@iuav.it Indice

Dettagli

MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI

MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI 1) CREARE UN FILE.DXF IN AUTOCAD NEL QUALE VENGONO RIPORTATE LE PIANTE DEI VARI PIANI DELL EDIFICIO DA ANALIZZARE. RISULTA CONVENIENTE

Dettagli

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi ANDILWall è un programma di calcolo per la progettazione e verifica sismica

Dettagli

Inserimento di un nuovo solaio

Inserimento di un nuovo solaio Inserimento di un nuovo solaio DIRETTIVE TECNICHE Regioni Basilicata, Calabria e Campania, sisma del 9/9/1998 [ ] Cordoli in c.a.: verificare preliminarmente la fattibilità e l'efficienza di interventi

Dettagli

IN CASO DI SISMA. Prof. Ing. Stefano Grimaz. Direttore SPRINT-Lab Sicurezza e protezione intersettoriale Università degli Studi di Udine

IN CASO DI SISMA. Prof. Ing. Stefano Grimaz. Direttore SPRINT-Lab Sicurezza e protezione intersettoriale Università degli Studi di Udine LA CONTINUITÀ DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI IN CASO DI SISMA Prof. Ing. Stefano Grimaz Direttore SPRINT-Lab Sicurezza e protezione intersettoriale Università degli Studi di Udine Per iniziare: il caso dell

Dettagli

La ABB SAE ha lasciato definitivamente L ISOLAMENTO DELLE VIBRAZIONI. Gruppi refrigeratori. Climatizzazione

La ABB SAE ha lasciato definitivamente L ISOLAMENTO DELLE VIBRAZIONI. Gruppi refrigeratori. Climatizzazione Gruppi refrigeratori L ISOLAMENTO DELLE VIBRAZIONI Davide Fatigati L installazione di due gruppi refrigeratori sulla copertura di un grande edificio direzionale ha richiesto l adozione di un sistema per

Dettagli

GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA

GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA In collaborazione con: COMUNE DI BOLOGNA GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA IL TOTAL LOOK DEGLI EDIFICI Bologna 15 aprile 2015 In partnership con: PRESUPPOSTI

Dettagli

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella:

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella: 3. Azioni sismiche Per la norma le azioni sismiche devono essere valutare partendo dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione. Si ricorda che la pericolosità sismica, intesa in senso probabilistico,

Dettagli

Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE

Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE Monitoring, Testing & Structural engineering Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE MTS Engineering S.r.l. è una società di servizi per l ingegneria specializzata nell esecuzione di prove su materiali,

Dettagli

Servizi e sistemi di acquisizione dati in campo meccanico, civile ed architettonico. Monitoraggi statici e dinamici

Servizi e sistemi di acquisizione dati in campo meccanico, civile ed architettonico. Monitoraggi statici e dinamici Servizi e sistemi di acquisizione dati in campo meccanico, civile ed architettonico Monitoraggi statici e dinamici Indagini a carattere non distruttivo La ESSEBI è una società di servizi che opera, specificatamente,

Dettagli

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito Introduzione 2 Perché usare il laser scanner: Caratteristiche della tecnologia: Tempi di stazionamento rapidi (pochi minuti); Elevata

Dettagli

4 Azioni sulle costruzioni

4 Azioni sulle costruzioni 4 Azioni sulle costruzioni Classificazione delle azioni 1/2 Si definisce azione ogni causa o insieme di cause capace di indurre stati limite in una struttura. Si definisce sollecitazione ogni effetto interno

Dettagli

Mc4Loc. L analisi dei meccanismi locali

Mc4Loc. L analisi dei meccanismi locali Mc4Loc L analisi dei meccanismi locali Il software che ti consente di valutare i meccanismi locali su edifici in muratura secondo l'analisi cinematica lineare e non lineare. Il programma si pone l obiettivo

Dettagli

TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova

TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova TITOLO Programma di previsione MITHRA: principi di calcolo ed applicazione al caso di un tratto di tangenziale nell area Nord Est di Padova Amadasi G. (1), Mossa G. (1), Riva D. (1) 1) S.C.S. controlli

Dettagli

CONTROLLO DEI LIVELLI DI DEFORMAZIONE E SOLLECITAZIONE NELLE

CONTROLLO DEI LIVELLI DI DEFORMAZIONE E SOLLECITAZIONE NELLE CONTROLLO DEI LIVELLI DI DEFORMAZIONE E SOLLECITAZIONE NELLE FONDAZIONI PROFONDE - G. Porco *, G. Zaccaria***, D Romano**, M. Condino** - * FACOLTÀ DI INGEGNERIA, UNIVERSITÀ DELLA CALABRIA, ARCAVACATA

Dettagli

Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania

Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania Gli edifici in c.a. Prof. Ing. Aurelio Ghersi Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Catania Il controllo della progettazione: i compiti del collaudatore. Forum della Tecnica delle

Dettagli

Monitoraggio delle vibrazioni sulle torri Garisenda ed Asinelli prodotte dal traffico su Strada Maggiore, Via San Vitale e Via Rizzoli

Monitoraggio delle vibrazioni sulle torri Garisenda ed Asinelli prodotte dal traffico su Strada Maggiore, Via San Vitale e Via Rizzoli STUDIO DI INGENERIA ACUSTICA PISANI Monitoraggio delle vibrazioni sulle torri Garisenda ed Asinelli prodotte dal traffico su Strada Maggiore, Via San Vitale e Via Rizzoli Relazione di consulenza tecnica

Dettagli

VIBRAZIONE DELLE STRUTTURE DA PONTE Ing. Luca ROMANO, libero professionista - Albenga Direttore Tecnico I QUADRO INGEGNERIA GENOVA

VIBRAZIONE DELLE STRUTTURE DA PONTE Ing. Luca ROMANO, libero professionista - Albenga Direttore Tecnico I QUADRO INGEGNERIA GENOVA VIBRAZIONE DELLE STRUTTURE DA PONTE Ing. Luca ROMANO, libero professionista - Albenga Direttore Tecnico I QUADRO INGEGNERIA GENOVA Progettando una struttura flessibile si devono tener d occhio alcuni parametri,

Dettagli

8 COSTRUZIONI ESISTENTI

8 COSTRUZIONI ESISTENTI 8 COSTRUZIONI ESISTENTI 8.1 OGGETTO Il presente capitolo definisce i criteri generali per la valutazione della sicurezza e per la progettazione, l esecuzione ed il collaudo degli interventi sulle costruzioni

Dettagli

Sistemi innovativi per la diagnostica e la manutenzione nei sistemi ferroviari: Impianto SWAN-T Piazza Leopardi

Sistemi innovativi per la diagnostica e la manutenzione nei sistemi ferroviari: Impianto SWAN-T Piazza Leopardi Sistemi innovativi per la diagnostica e la manutenzione nei sistemi ferroviari: Impianto SWAN-T Piazza Leopardi Ing. Giovanni Mannara, IVM Srl Sorrento, 16 Ottobre 2015 Sistemi di monitoraggio Scenario

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA

PROGRAMMA DEL CORSO PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA PROGRAMMA DEL CORSO PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA Organizzato da Ordine degli Architetti della Provincia di Salerno in collaborazione con Sonora srl MODULO 1 - FONDAMENTI DI ACUSTICA Lezione di teoria

Dettagli

Misure di mobilità - Definizioni

Misure di mobilità - Definizioni Misure di mobilità - Definizioni La base di una specifica classe di analisi modale sperimentale è la misura di un insieme di Funzioni di Risposta in Frequenza (FRF). Il movimento può essere descritto in

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN

LA PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN LA PROGETTAZIONE DI EDIFICI IN MURATURA PORTANTE ORDINARIA E ARMATA SECONDO LE NTC 2008 Come progettare edifici prestazionali in laterizio Modena - 15 Febbraio 2013 Sommario Brevi cenni sull evoluzione

Dettagli

2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI

2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI Le opere e le componenti strutturali devono essere progettate, eseguite, collaudate e soggette a manutenzione in modo tale da consentirne la prevista

Dettagli

S P E C T R A S. r. l. Via Belvedere n. 42 20043 A R C O R E Tel.: 0 3 9 6 1 3 3 2 1. Nota tecnica

S P E C T R A S. r. l. Via Belvedere n. 42 20043 A R C O R E Tel.: 0 3 9 6 1 3 3 2 1. Nota tecnica Nota tecnica ARMANI Alberto Novembre-2013 Premessa Con l impiego di strumentazione di misura sempre più integrata con i sistemi operativi di Windows, molti operatori si sono posti il problema di come poter

Dettagli

Il vostro partner per gli appoggi per l edilizia, l isolamento dai rumori trasmessi per via solida e l isolamento da vibrazioni

Il vostro partner per gli appoggi per l edilizia, l isolamento dai rumori trasmessi per via solida e l isolamento da vibrazioni Il vostro partner per gli appoggi per l edilizia, l isolamento dai rumori trasmessi per via solida e l isolamento da vibrazioni 1 2 Potete contare su di noi > Pronouvo1073 Appoggi per muri e solette >

Dettagli

Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. Adunanza del 21.07.2006 N. del Protocollo 66

Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. Adunanza del 21.07.2006 N. del Protocollo 66 Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Assemblea Generale Adunanza del 21.07.2006 N. del Protocollo 66 OGGETTO: Dipartimento per la protezione civile - Linee guida per la valutazione e riduzione del rischio

Dettagli

Modulo 1: Fondamenti di Acustica Applicata. DATA E ORARIO Argomento Descrizione Ore sede corso

Modulo 1: Fondamenti di Acustica Applicata. DATA E ORARIO Argomento Descrizione Ore sede corso Associazione CONGENIA OSFIN - Facoltà di Ingegneria - Università di Bologna - Anno 2012/2013 Corso di alta formazione per "TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA" Programma e calendario del corso Modulo 1: Fondamenti

Dettagli

Il software e la progettazione strutturale: opportunità e limitazioni. Prof. Gaetano Manfredi gamanfre@unina.it

Il software e la progettazione strutturale: opportunità e limitazioni. Prof. Gaetano Manfredi gamanfre@unina.it Il software e la progettazione strutturale: opportunità e limitazioni Prof. Gaetano Manfredi gamanfre@unina.it SOFTWARE E PROGETTAZIONE SOFTWARE E PROGETTAZIONE SOFTWARE NELL AMBITO DELLE NTC 08 IL SOFTWARE:

Dettagli

"I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi

I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi "I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi 1 2 Indice Indice... 1 I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI... 4 INTRODUZIONE... 4 PROGETTO ACUSTICO DEGLI EDIFICI IN FUNZIONE DEL CONTROLLO

Dettagli

Esempi applicativi Progetti di miglioramento e conservazione

Esempi applicativi Progetti di miglioramento e conservazione Esempi applicativi Progetti di miglioramento e conservazione Sergio LAGOMARSINO Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni,dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Genova sergio.lagomarsino@unige.it

Dettagli

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai

Indagini di caratterizzazione dinamica di solai Indagini di caratterizzazione dinamica di solai G. Di Marco 1, G. Fidotta 2, E. Lo Giudice 2, G. Sollami 2 1 Studio Lo Giudice- Di Marco, 92024 Canicattì (AG), 2 DISMAT s.r.l., C.da Andolina, S.S. 122

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DELLE PROVE DA ESEGUIRE PER CARATTERIZZARE UN PANTOGRAFO

SPECIFICA TECNICA DELLE PROVE DA ESEGUIRE PER CARATTERIZZARE UN PANTOGRAFO SPECIFICA TECNICA Codifica: RFI/DI/TC.TE/ ST TE 74-C Foglio 1 di 25 PER CARATTERIZZARE UN PANTOGRAFO Parte Titolo PARTE I I. GENERALITÀ PARTE II II. PROVE AL BANCO PARTE III III. PROVE IN LINEA PARTE IV

Dettagli

Wood Beton S.p.A. via Roma, 1 Iseo (BS) Telefono +39 030 9869211 - Fax +39 030 9869222 www.woodbeton.it - info@woodbeton.it Strutture antisismiche: test sperimentali sulle pareti miste in legno e calcestruzzo

Dettagli

Top-down e Sistema REP

Top-down e Sistema REP Case History - La stazione metropolitana Garibaldi MM5 di Milano Innovazione e tecnologia al servizio della cantierizzazione Top-down e Sistema REP Tecnostrutture svolge un ruolo determinante nella realizzazione

Dettagli

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1

4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4. ANALISI SEMPLIFICATA DELL EDIFICIO IN VIA MARTOGLIO UNIVERSITÀ DELL AQUILA G.C. Beolchini 1 4.1 Introduzione In questo capitolo sono riportati alcuni risultati, ottenuti con modelli semplificati, delle

Dettagli

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l..

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l.. SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO ART S.r.l.. 1 Generalità... 1 2 Carichi massimi sui pali... 3 2.1 Pile... 3 2.2 Spalle...

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

ISOLATORI SISMICI disaccoppiare

ISOLATORI SISMICI disaccoppiare Un opportuna scelta delle caratteristiche meccaniche degli isolatori consente di disaccoppiare la sovrastruttura dalla sottostruttura nelle oscillazioni che coinvolgono prevalentemente spostamenti orizzontali.

Dettagli

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 La prima fase dell indagine è stata rivolta allo studio delle tipologie edilizie in

Dettagli

ANALISI DI INTEGRITA SU PALI DI FONDAZIONE PROVA DINAMICA A BASSA ENERGIA PIT PROVE DI AMMETTENZA MECCANICA

ANALISI DI INTEGRITA SU PALI DI FONDAZIONE PROVA DINAMICA A BASSA ENERGIA PIT PROVE DI AMMETTENZA MECCANICA ANALISI DI INTEGRITA SU PALI DI FONDAZIONE PROVA DINAMICA A BASSA ENERGIA PIT PROVE DI AMMETTENZA MECCANICA Ing. Thomas Pavan Ing. Settimo Martinello 4 EMME Service Spa La prova PIT, Pile Integrity Test,

Dettagli

1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI

1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI 1 PROVE DI CARICO 1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI 1.1.1 L attrezzatura Le prove di carico sono eseguite utilizzando l apparecchiatura denominata Collaudatore GS progettata

Dettagli

6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo

6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo 6. Analisi statica lineare: esempio di calcolo Si supponga di volere determinare lo schema di carico per il calcolo all SLV delle sollecitazioni in direzione del telaio riportato nella Pfigura 1, con ordinata

Dettagli

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni 1 Azioni sulle costruzioni Classificazione Un modello completo di una azione descrive diverse proprietà di una azione: intensità posizione direzione durata interazione

Dettagli

I VANTAGGI. Molti costruttori di macchine si rendono conto dell importanza DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA

I VANTAGGI. Molti costruttori di macchine si rendono conto dell importanza DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA ANDREA MARIO FRANCHINI I VANTAGGI DELLA PROGETTAZIONE MECCATRONICA La fusione sinergica delle conoscenze meccaniche, elettroniche e informatiche consente di giungere a nuovi concetti di macchina e a uno

Dettagli

Caratterizzazione dinamica di un ponte ad arco in muratura sulla tratta Palermo Trapani

Caratterizzazione dinamica di un ponte ad arco in muratura sulla tratta Palermo Trapani Caratterizzazione dinamica di un ponte ad arco in muratura sulla tratta Palermo Trapani G. Di Marco 1, G. Fidotta 2, E. Lo Giudice 2, G. Sollami 2 1 Studio Lo Giudice- Di Marco, 92024 Canicattì (AG), 2

Dettagli

dott. LUIGI A. CANALE I N G E G N E R E Schio (Vi) - via Veneto n. 2/c tel. 0445.500.148 fax 0445.577.628 canale@ordine.ingegneri.vi.

dott. LUIGI A. CANALE I N G E G N E R E Schio (Vi) - via Veneto n. 2/c tel. 0445.500.148 fax 0445.577.628 canale@ordine.ingegneri.vi. dott. LUIGI A. CANALE I N G E G N E R E Schio (Vi) - via Veneto n. 2/c tel. 0445.500.148 fax 0445.577.628 canale@ordine.ingegneri.vi.it Comune di xxx Provincia di xxx C O L L A U D O S T A T I C O SCUOLA

Dettagli

PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI

PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI I metodi di indagine utilizzati per lo studio delle proprietà dei pali e del sistema palo terreno rientrano nei metodi a bassa deformazione, definiti

Dettagli

Liborio Cavaleri, Valerio Radice Specificità nella valutazione della capacità delle strutture murarie di nuova costruzione

Liborio Cavaleri, Valerio Radice Specificità nella valutazione della capacità delle strutture murarie di nuova costruzione A08 458 Liborio Cavaleri, Valerio Radice Specificità nella valutazione della capacità delle strutture murarie di nuova costruzione Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

Le vibrazioni possono essere

Le vibrazioni possono essere automazioneoggi Come misurare le vibrazioni Alcuni materiali generano cariche elettriche quando vengono sollecitati: l accelerometro piezoelettrico sfrutta ciò per misurare le vibrazioni MATTEO MARINO

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN

IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Architettura, Costruzioni e Strutture IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA Ing. Elena Seri IL MIGLIORAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI IN MURATURA

Dettagli

Via Appia, contrada Campizze, -82011 - Airola (BN) Tel - Fax 0824 833578 //email: CarboneStudioTecnico@libero.it. fig. 1 foto del plesso Lato Sud

Via Appia, contrada Campizze, -82011 - Airola (BN) Tel - Fax 0824 833578 //email: CarboneStudioTecnico@libero.it. fig. 1 foto del plesso Lato Sud Plesso Scolastico Giovanni Pascoli, via Pietro Nenni in Rotondi (AV) PECULIARITA DELL EDIFICIO Edificio con struttura portante in muratura di tufo, con notevole estensione planimetrica (inscritto in un

Dettagli

1.1 Introduzione. 1.2 Monitoraggio Stutturale

1.1 Introduzione. 1.2 Monitoraggio Stutturale Relazione di fine tirocinio formativo curricolare: MONITORAGGIO STRUTTURALE presso ABBAZIA DI CASAMARI A VEROLI (FR) Studentessa: NOEMI FIORINI (mat. 404740) Tutor Universitario: Prof. GIANMARCO DE FELICE

Dettagli

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA PROGRAMMA DEL CORSO Indagine Sclerometrica: determina la durezza

Dettagli

C3. AZIONI SULLE COSTRUZIONI

C3. AZIONI SULLE COSTRUZIONI C3. AZIONI SULLE COSTUZIONI C3.1 OEE CIVILI ED INDUSTIALI C3.1.3 CAICHI EMANENTI NON STUTTUALI La possibilità di rappresentare i carichi permanenti portati come uniformemente distribuiti, nei limiti dati

Dettagli

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE...

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... INDICE GENERALE PREMESSA... 1 OGGETTO... 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI... 2.2 STATI LIMITE... 2.2.1 Stati Limite Ultimi (SLU)... 2.2.2 Stati Limite di Esercizio (SLE)...

Dettagli

UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE

UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Architettura Laboratorio Ufficiale Prove Materiali e Strutture Sezione Prove su Strutture, Monitoraggi e Controlli Non Distruttivi

Dettagli

I metodi di calcolo previsti dalle NTC 08 Parte 1

I metodi di calcolo previsti dalle NTC 08 Parte 1 I metodi di calcolo previsti dalle NTC 08 Parte 1 3 Indice Parte I Schema generale 4 1 Richiamo... normativa 8 Parte II Tipologie di analisi 10 4 1 Enter the help project title here Schema generale Premessa

Dettagli

NOENE: UN NUOVO ELASTOMERO CHE ASSORBE LE VIBRAZIONI COS È NOENE

NOENE: UN NUOVO ELASTOMERO CHE ASSORBE LE VIBRAZIONI COS È NOENE 2 NOENE: UN NUOVO ELASTOMERO CHE ASSORBE LE VIBRAZIONI Vibrazioni e i loro effetti Quando le macchine da lavoro, che vibrano, causano movimento per le loro parti, alle loro strutture di sostegno ed alla

Dettagli

Fondamenti di Sperimentazione Aerospaziale Prova del 29 giugno 2012 Anno Accademico 2011-2012

Fondamenti di Sperimentazione Aerospaziale Prova del 29 giugno 2012 Anno Accademico 2011-2012 Fondamenti di Sperimentazione Aerospaziale Prova del 29 giugno 2012 Anno Accademico 2011-2012 Negli esercizi che prevedono un risultato numerico, PRIMA DELLO SVOLGIMENTO, il candidato descriva dettagliatamente

Dettagli

Politecnico di Torino Dip. di Ingegneria Strutturale e Geotecnica. Centro sui Rischi nelle Costruzioni

Politecnico di Torino Dip. di Ingegneria Strutturale e Geotecnica. Centro sui Rischi nelle Costruzioni Politecnico di Torino Dip. di Ingegneria Strutturale e Geotecnica Centro sui Rischi nelle Costruzioni INDICE DELLA PRESENTAZIONE - Concetti base di dinamica dei sistemi discreti oscillazioni libere e smorzamento

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli