COMUNE DI GHEDI REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI GHEDI REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE"

Transcript

1 COMUNE DI GHEDI REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Approvato con delibera del Consiglio Comunale: - n. 72 del 22 dicembre 1998 Variato con delibere del Consiglio Comunale: - n. 12 del 24 febbraio n. 56 del 28 novembre 2006

2 ART.1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1- Il presente regolamento disciplina l applicazione del canone per l occupazione di spazi ed aree pubbliche, secondo le norme contenute nel Decreto Legislativo n. 446 del 15 dicembre 1997 agli art. 52 e 63. ART.2 - OGGETTO DEL CANONE 1. Sono soggette al canone le occupazioni di qualsiasi natura, effettuate anche senza titolo, nelle strade, nei corsi, nelle piazze, nelle aree e relativi spazi soprastanti e sottostanti e, comunque sui beni appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile del Comune di Ghedi. 2. Il canone si applica, altresì, alle occupazioni realizzate su tratti di aree private sulle quali risulta costituita, nei modi e nei termini di legge, la servitù di pubblico passaggio. 3. Sono inoltre soggette al canone le occupazioni realizzate su tratti di strade statali o provinciali che attraversano il centro abitato del Comune di Ghedi. Il canone è graduato secondo l importanza dell area sulla quale insiste l occupazione; a tale effetto, le strade, gli spazi e le altre aree pubbliche, indicate nell art. 1, sono classificate in due categorie, così come stabilito dal Consiglio Comunale con delibera n. 30 del 07 luglio Il canone si determina in base all effettiva occupazione espressa in metri quadrati o lineari con arrotondamento all unità superiore della cifra contenente decimali. Non si fa comunque luogo all applicazione del canone alle occupazioni, che in relazione alla medesima area di riferimento siano complessivamente inferiori a mezzo metro quadrato o lineare. 5. Il canone è determinato alla tariffa base dei coefficienti calcolati tenendo conto del valore economico dell area e del sacrificio che l occupazione comporta per la collettività. 1

3 6. Sono escluse dal canone le occupazioni di aree appartenenti al patrimonio disponibile dello Stato, della Provincia, del Comune, semprechè non rientrino nelle fattispecie di cui ai commi 2 e 3. ART.3 - SOGGETTI ATTIVO E PASSIVI Il canone è dovuto al Comune dal titolare dell atto di concessione o di autorizzazione o, in mancanza dall occupante di fatto, anche abusivo, in proporzione alla superficie effettivamente sottratta all uso pubblico. ART.4 - DOMANDA DI OCCUPAZIONE. 1. Gli interessati, prima di porre in essere le occupazioni di cui al precedente art. 3, devono ottenere il rilascio delle prescritte autorizzazioni o concessioni comunali, salvo si tratti dell occupazione occasionale espressamente prevista dal presente regolamento. 2. Ogni domanda deve contenere le generalità complete, la residenza ed il codice fiscale del richiedente, l ubicazione dettagliata del suolo o spazio che si desidera occupare, le esatte misure e la durata dell occupazione, le modalità dell uso nonché la dichiarazione che il richiedente è disposto a sottostare a tutte le condizioni contenute nel presente regolamento e nelle leggi in vigore, nonché a tutte le altre norme l Amministrazione Comunale intende prescrivere in relazione alla domanda prodotta, ed a tutela del pubblico transito e della pubblica proprietà. 3. Qualora l occupazione comporti opere che rivestano caratteri di particolare importanza, la domanda deve essere corredata da disegni e grafici, con relative misure, atti ad identificare l opera stessa. 2

4 4. L Amministrazione Comunale potrà richiedere un deposito cauzionale nella misura che sarà stabilita dall ufficio competente. 5. La domanda deve essere inoltrata agli uffici competenti, anche se l occupazione è esente dal pagamento del canone. ART.5 - OCCUPAZIONI PERMANENTI E TEMPORANEE. 1- Le occupazioni di spazi ed aree pubbliche sono permanenti e temporanee: a) sono permanenti le occupazioni di carattere stabile, effettuate a seguito del rilascio di un atto di concessione, aventi comunque durata non inferiore l anno, comportino o meno l esistenza di manufatti o impianti; b) sono temporanee le occupazioni di durata inferiore l anno. ART. 6 - MODALITA PER LA RICHIESTA ED IL RILASCIO DELLE CONCESSIONI E AUTORIZZAZIONI. 1. Per le occupazioni permanenti, la denuncia deve essere presentata entro 30 giorni dalla data di rilascio dell atto di concessione e, comunque, non oltre il 31 dicembre dell anno di rilascio della concessione medesima. 2. L obbligo della denuncia non sussiste per gli anni successivi a quello di prima applicazione del canone, sempre che non si verifichino variazioni nell occupazione. 3. Per le occupazioni temporanee la domanda deve essere presentata almeno cinque giorni prima della data di inizio dell occupazione. 4. Il rilascio e l eventuale revoca delle concessioni e delle autorizzazioni contemplate dal presente articolo competono al Funzionario responsabile. 5. Nell atto di concessione e autorizzazione rilasciato dalla competente autorità comunale sono indicate: la durata dell occupazione, la misura dello spazio concesso, le condizioni 3

5 alle quali il Comune subordina la concessione e/o autorizzazione e le eventuali condizioni che portano automaticamente alla decadenza o revoca della medesima. 6. La concessione deve inoltre contenere l espressa riserva che il Comune non si assume alcuna responsabilità per gli eventuali diritti di terzi connessi al rilascio dell occupazione. 7. E fatta salva, in ogni caso, l obbligatorietà per il concessionario di non porre in essere alcun intralcio alla circolazione dei veicoli e dei pedoni. ART. 7 - DELIMITAZIONE DELLE OCCUPAZIONI. Il Comune, a mezzo di contrassegni, può delimitare lo spazio oggetto della concessione. ART. 8 - OCCUPAZIONI PERMANENTI 1. Per le occupazioni permanenti il canone è dovuto per anni solari a ciascuno dei quali corrisponde un obbligazione tributaria autonoma. Essa è commisurata alla superficie occupata e si applica in base alla tariffa approvata dal Comune. 2. In particolare si individuano di seguito le principali tipologie di occupazioni permanenti soggette al pagamento del canone: a) le occupazioni permanenti con autovetture adibite a trasporto pubblico nelle aree a ciò destinate dal Comune, il canone va commisurato alla superficie dei singoli posti assegnati. b) occupazione del suolo pubblico con distributori di carburante e relativi serbatoi e manufatti vari. c) occupazione del sottosuolo e soprassuolo con condutture, cavi ed impianti in genere. d) occupazione del suolo con chioschi, edicole e simili. e) occupazione del suolo effettuata dalle attività commerciali con fioriere od altro. Il canone è commisurato a tutta la superficie utilizzata delimitata dalle fioriere od altro. 4

6 ART.9 - OCCUPAZIONI TEMPORANEE. 1. Per le occupazioni temporanee il canone è commisurato alla superficie occupata ed è graduato, nell ambito delle categorie previste dall art. 2, comma 3 del presente regolamento, in rapporto alla durata delle occupazioni medesime. Per i tempi di occupazione e per le relative misure di riferimento si fa rinvio alle indicazioni contenute nei singoli atti di concessione. 2. In particolare si individuano di seguito le principali tipologie di occupazioni temporanee soggette al pagamento del relativo canone: a) Banchi di vendita in occasione del mercato settimanale. b) Steccati, ponteggi e recinzioni per cantieri edili, ed ogni altra forma di occupazione per lavori stradali e sotterranei, depositi di materiali. c) Chioschi e simili, bancarelle, stand. d) Attrazioni, giochi e divertimenti dello spettacolo viaggiante. e) Tavoli e sedie, ombrelloni od altro all esterno delle attività commerciali, per tutta la superficie delimitata dagli stessi ed utilizzata. f) Materiali vari destinati a rimanere nello stesso luogo oltre il tempo necessario al semplice carico e scarico. g) Occupazione del suolo effettuata da associazioni senza scopo di lucro, con sede nel Comune di Ghedi, o patrocinate da associazioni locali, e da partiti politici rappresentati in Parlamento, in occasione di feste e sagre. 3. Qualora dette occupazioni siano esercitate da un unico soggetto per un periodo di durata non inferiore l anno, il canone si applica con la tariffa prevista per le occupazioni permanenti di suolo pubblico. 4. Per le occupazioni temporanee di durata superiore ai 30 giorni, o che si verificano con carattere ricorrente, da parte dello stesso soggetto, è prevista la riduzione del canone del cinquanta per cento. 5

7 ART.10 - OCCUPAZIONI DEL SOTTOSUOLO E SOPRASSUOLO. 1. Le occupazioni del sottosuolo e del soprassuolo stradale con condutture, cavi ed impianti in genere ed altri manufatti destinati all esercizio ed alla manutenzione delle reti di erogazione di pubblici servizi, compresi quelli posti sul suolo e collegati alle reti stesse, sono assoggettati al pagamento del canone sulla base del numero delle utenze. Mentre le altre occupazioni del sottosuolo e soprassuolo con condutture, cavi ed impianti in genere sono soggette al pagamento del canone in base alla loro lunghezza espressa in metri lineari. 2. Per collocare anche in via provvisoria cavi e fili vari, nello spazio sottostante o sovrastante al suolo pubblico, così come per collocare festoni, luminarie e simili arredi ornamentali aerei, è necessario ottenere la relativa concessione comunale. 3. L Amministrazione Comunale si riserva il pieno diritto di fare applicare caso per caso, anche dispositivi costruttivi atti a salvaguardare l estetica delle strade e la sicurezza delle persone e delle cose. 4. Il concessionario rimane sempre completamente responsabile verso il Comune e verso terzi dei danni che possono derivare in seguito a rottura, caduta o avaria di qualunque sorta di tali linee, sostegni, accessori, ecc. 5. È facoltà dell Amministrazione Comunale esigere che tali condutture siano aeree o sotterranee. 6. Le occupazioni di spazi soprastanti o sottostanti il suolo pubblico che ricadano in corrispondenza di occupazioni del suolo esercitate dal medesimo soggetto, il canone va 6

8 applicato, oltre che per l occupazione del suolo, soltanto per la parte delle occupazioni soprastanti o sottostanti, la cui superficie eccede l occupazione del suolo stesso. ART AUTORIZZAZIONE AI LAVORI. Quando sono previsti lavori che comportano la manomissione del suolo pubblico, il permesso di occupazione è sempre subordinato al possesso dell autorizzazione ai lavori. ART OCCUPAZIONE CON TENDE 1. Non si possono collocare tende, tendoni e simili sopra le vetrine delle attività commerciali senza l autorizzazione comunale, anche se esentate dal pagamento del canone di occupazione. 2. Per motivi di estetica e decoro l Amministrazione Comunale può ordinare la sostituzione o rimozione di detti impianti che non siano mantenuti in buono stato ART OCCUPAZIONI D URGENZA. 1. Per far fronte a situazioni d emergenza o quando si tratta di provvedere all esecuzione di lavori che non consentono alcun indugio, l occupazione può essere effettuata dall interessato prima di aver ottenuto il formale provvedimento di autorizzazione e/o concessione, che verrà rilasciato a sanatoria. 2. In tal caso oltre alla domanda intesa ad ottenere l autorizzazione e/o concessione, l interessato ha l obbligo di dare immediata comunicazione al competente ufficio comunale, il quale provvederà ad accertare le condizioni d urgenza. In caso negativo verranno applicate le sanzioni previste per legge. 7

9 3. Le occupazioni con ponti, steccati, scale aeree, ecc. sono soggette alle disposizioni del presente regolamento, salvo si tratti di occupazioni occasionali di pronto intervento, per piccole riparazioni, per lavori di manutenzione o di allestimento di durata inferiore ad una giornata. 4. Per quanto concerne le misure da adottare per la circolazione si fa rinvio a quanto disposto dall art. 30 e seguenti del regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo Codice della Strada. ART DECADENZA DELLA CONCESSIONE E/O AUTORIZZAZIONE 1. Sono causa di decadenza della concessione e/o autorizzazione: a) le reiterate violazioni, da parte del concessionario o da altri soggetti in sua vece, delle condizioni previste nell atto rilasciato. b) La violazione delle norme di legge o regolamentari dettate in materia di occupazione del suolo pubblico. c) L uso improprio del diritto di occupazione o il suo esercizio in contrasto con le norme ed i regolamenti vigenti e, comunque, di quanto prescritto nella concessione e/o autorizzazione. d) Il mancato pagamento del canone di occupazione del suolo pubblico. 2. Per il periodo successivo alla dichiarata decadenza il canone eventualmente assolto non verrà restituito. ART REVOCA DELLA CONCESSIONE E/O AUTORIZZAZIONE 1. L autorizzazione e/o la concessione possono essere revocate in qualsiasi momento per sopravvenute ragioni di interesse pubblico, da enunciare e porre a base della motivazione del provvedimento relativo, con atto emesso da chi ha rilasciato l atto di autorizzazione. La concessione del sottosuolo non può essere revocata se non per necessità dei pubblici servizi. La revoca non dà diritto al pagamento di alcuna indennità. 8

10 2. Il provvedimento di revoca deve essere preceduto dalla contestazione all interessato con l assegnazione di un termine per le relative osservazioni. 3. Il provvedimento di revoca dà diritto alla restituzione del canone pagato in anticipo senza interessi, limitatamente alla quota riferita al periodo durante il quale non viene usufruita l occupazione. ART OBBLIGHI DEL CONCESSIONARIO 1. Le concessioni e/o autorizzazioni per le occupazioni permanenti e temporanee del suolo pubblico sono rilasciate a titolo personale e non è consentita la cessione. 2. Il concessionario ha l obbligo di esibire, a richiesta degli agenti addetti alla vigilanza ed al personale dei competenti ufficio comunali, l atto di concessione e/o autorizzazione di occupazione del suolo pubblico. 3. È fatto obbligo al concessionario oltre che osservare le specifiche disposizioni riportate nell'atto, di mantenere in condizioni di ordine e di pulizia il suolo che occupa. 4. Qualora dall occupazione derivino danni al suolo oggetto della concessione, il concessionario è tenuto al ripristino dello stesso a proprie spese. ART ABUSIVE. RIMOZIONE DEI MATERIALI RELATIVI AD OCCUPAZIONI Fatta salva ogni diversa disposizione di legge, nei casi di occupazioni abusive di spazi ed aree pubbliche l Amministrazione Comunale, previa contestazione delle relative infrazioni, dispone con propria ordinanza per la rimozione dei materiali, assegnando ai responsabili un termine per provvedervi. Decorso inutilmente tale termine, la rimozione è effettuata d ufficio con addebito delle relative spese. 9

11 ART.18 - DISTRIBUTORI DI CARBURANTE E DI TABACCHI ED ALTRI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE AUTOMATICA. DETERMINAZIONE DEL CANONE. 1. Per l impianto e l esercizio di distributori di carburante e dei relativi serbatoi sotterranei e la conseguente occupazione del suolo e del sottosuolo comunale è dovuta un canone annuale in base alle tariffe per le occupazioni del suolo, fissate dal Comune per la superficie utilizzata. 2. Per l impianto e l esercizio di apparecchi automatici per la distribuzione di tabacchi ed altri impianti di distribuzione automatica, anche se aggettanti dai prospetti degli edifici, e la conseguente occupazione del suolo o soprassuolo comunale è dovuto un canone annuale in base alle tariffe per le occupazioni del suolo, approvate dal Comune. ART.19 - ESENZIONI Sono esenti dal canone: 1. Le occupazioni effettuate dallo Stato, dalle Regioni, Provincie, Comuni e loro consorzi, da enti religiosi per l esercizio dei culti ammessi nello Stato, da enti Pubblici di cui all art. 87, comma 1, lettera c. del Testo Unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica n. 917 del , per finalità specifiche di assistenza, previdenza, sanità, educazione, cultura e ricerca scientifica. 2. Le tabelle indicative delle stazioni e fermate e degli orari dei servizi pubblici di trasporto, nonché le tabelle che interessano la circolazione stradale, purché non contengano indicazioni di pubblicità, gli orologi funzionanti per pubblica utilità, sebbene di privata pertinenza, e le aste delle bandiere. 10

12 3. Le occupazioni da parte delle vetture destinate al servizio di trasporto pubblico di linea in concessione nonché di vetture a trazione animale durante le soste o nei posteggi ad esse assegnati. 4. Le occupazioni occasionali di durata non superiore a quella che si è stabilita nei regolamenti di Polizia locale e le occupazioni determinate dalla sosta dei veicoli per il tempo necessario al carico ed allo scarico delle merci. 5. Le occupazioni con impianti adibiti ai servizi pubblici nei casi in cui ne sia prevista, all atto della concessione o successivamente, la devoluzione gratuita al Comune o alla Provincia al termine della concessione medesima. 6. Le occupazioni di aree cimiteriali. 7. I passi carrai esistenti sul territorio comunale. 8. Le occupazioni effettuate da attività commerciali con tende, sia fisse che retrattili. 9. Le occupazioni di suolo pubblico realizzate con innesti o allacci ad impianti di erogazione di servizi pubblici. 10. Il commercio ambulante effettuato in forma itinerante con soste fino a 60 minuti. 11. Occupazioni sovrastanti il suolo pubblico con festoni, addobbi luminarie e striscioni pubblicitari. 12. Occupazioni di pronto intervento con ponti, steccati, scale ed altro per piccoli lavori di riparazione, manutenzione o sostituzione di durata non superiore ad un giorno. 13. Occupazioni per operazioni di trasloco e di manutenzione del verde con mezzi meccanici, di durata non superiore ad un giorno. 14. Le occupazioni di suolo pubblico nel caso di lavori appaltati dal Comune. 11

13 15. Le occupazioni di suolo pubblico in caso di manifestazioni organizzate con il patrocinio del Comune di Ghedi. 16. L occupazione di spazi ed aree pubbliche da parte di coloro che promuovono manifestazioni o iniziative a carattere politico, qualora l area occupata non ecceda i 10 metri quadrati. ART VERSAMENTO DEL CANONE 1. Per le occupazioni permanenti il canone dovuto per l intero anno deve essere versato entro il mese di marzo. L attestato deve essere allegato alla denuncia ed i relativi estremi trascritti nella denuncia stessa. 2. Per le occupazioni temporanee il versamento deve essere eseguito entro il termine iniziale dell occupazione. 3. Il pagamento del canone può essere effettuato mediante versamento a mezzo di conto corrente postale intestato al COMUNE DI GHEDI, oppure tramite il servizio di Tesoreria, con arrotondamento a mille lire per difetto se la frazione non è superiore a 500 lire o per eccesso se è superiore. 4. Qualora le occupazioni non siano connesse ad alcun previo atto dell Amministrazione, il pagamento del canone può essere effettuato, senza la compilazione del suddetto modulo, mediante versamento diretto, che deve essere eseguito in via anticipata. 5. I versamenti relativi al canone per l occupazione permanente e temporanea di spazi ed aree pubbliche di importo inferiore a 10,33 non sono dovuti. 6. Per le occupazioni sia permanenti che temporanee con il canone superiore a 258,23 è consentito il pagamento in quattro rate con scadenza, per l occupazione permanente entro 12

14 il 31 dicembre e per le occupazioni temporanee entro il termine finale dell occupazione stessa. 7. Il mancato pagamento del canone alle scadenze stabilite comporta la sospensione dell atto di concessione o di autorizzazione sino a quando il pagamento non risulti eseguito. ART.21 - RIMBORSI E RISCOSSIONE COATTIVA DEL CANONE 1. La riscossione coattiva del canone si effettua secondo le modalità previste dall art.68 del Decreto del Presidente della Repubblica 28 gennaio 1988 n.43, in un unica soluzione. Si applica l articolo 2752 del Codice Civile. 2. I contribuenti possono richiedere, con apposita istanza, al Comune il rimborso delle somme versate e non dovute entro il termine di tre anni dal giorno del pagamento, ovvero da quello in cui è stato definitivamente accertato il diritto alla restituzione. Sull istanza di rimborso il Comune provvede entro 90 giorni dalla data di presentazione della stessa. Sulle somme rimborsate ai contribuenti spettano gli interessi di mora nella misura prevista per legge. ART.22 - SANZIONI 1. Per le occupazioni abusive si applicano le sanzioni amministrative previste dal D. Lgs. 446/97 art. 63 comma 2 lettera g). 2. Sulle somme dovute a titolo di canone si applicano gli interessi legali per ogni semestre compiuto. 13

15 ART FUNZIONARIO RESPONSABILE Il Comune, nel caso di gestione diretta, designa il funzionario cui sono attribuiti la funzione e i poteri per l esercizio di ogni attività organizzativa e gestionale del canone per l occupazione di spazi ed aree pubbliche; il predetto funzionario sottoscrive anche le richieste, gli avvisi, i provvedimenti relativi e dispone i rimborsi. ART ABOLIZIONE DELLA TASSA OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE 1- Dal 01 gennaio 1999 è abolita la tassa per l occupazione di spazi ed aree pubbliche di cui al capo II del D. Lgs. 507/93 e successive modificazioni. 2- I presupposti di imposizione relativi alla tassa abolita, riguardanti periodi antecedenti all introduzione del presente canone, sono regolati dai termini di decadenza indicati dall art. 51 del D. Lgs. 507/93. ART ENTRATA IN VIGORE. Il presente regolamento entra in vigore il 1 gennaio ART. 26 DISPOSIZIONI FINALI. 14

16 I coefficienti e le tariffe relativi al canone per l occupazione di spazi ed aree pubbliche vengono stabiliti con successivo provvedimento. 15

VIA GARIBALDI, 1 08048 TORTOLI INFORMATIVA TOSAP

VIA GARIBALDI, 1 08048 TORTOLI INFORMATIVA TOSAP COMUNE DI TORTOLI PROVINCIA OGLIASTRA VIA GARIBALDI, 1 08048 TORTOLI INFORMATIVA TOSAP La tassa per l'occupazione di suolo pubblico è dovuta per l'occupazione, temporanea o permanente, di tutti gli spazi

Dettagli

COMUNE DI PESSANO CON BORNAGO PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI PESSANO CON BORNAGO PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI PESSANO CON BORNAGO PROVINCIA DI MILANO UFFICIO TRIBUTI TARIFFE 2013 1 DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (D.Lgs. 15 novembre 1993, n. 507) (Allegato alla deliberazione

Dettagli

Comune di Fuipiano Valle Imagna

Comune di Fuipiano Valle Imagna Comune di Fuipiano Valle Imagna REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL CANONE DI OCCUPAZIONE DEL SUOLO PUBBLICO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 del 24.06.2005 1 Art. 1 - Oggetto del

Dettagli

COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE TITOLO PRIMO AMBITO DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE

REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE Sommario Art. 1 - Istituzione del canone per l occupazione strade, aree e spazi pubblici... Art. 2 - Oggetto

Dettagli

COMUNE DI VILLA D ALME Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE

COMUNE DI VILLA D ALME Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE COMUNE DI VILLA D ALME Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE Regolamento adottato con deliberazione di C.C. n.16

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 17 di data 16.2.2010 Entrato

Dettagli

CITTA DI ALZANO LOMBARDO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SPAZI E AREE PUBBLICHE COSAP

CITTA DI ALZANO LOMBARDO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SPAZI E AREE PUBBLICHE COSAP CITTA DI ALZANO LOMBARDO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SPAZI E AREE PUBBLICHE COSAP Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 9 del 08/04/2011 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Istituzione

Dettagli

PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA. D.Lgs. 15 NOVEMBRE 1993, n 507

PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA. D.Lgs. 15 NOVEMBRE 1993, n 507 COMUNE DI BARI REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA D.Lgs. 15 NOVEMBRE 1993, n 507 e successive modificazioni ed integrazioni In vigore

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA (Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE OCCUPAZIONI DI SUOLO PUBBLICO E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE (C.O.S.A.P.)

REGOLAMENTO DELLE OCCUPAZIONI DI SUOLO PUBBLICO E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE (C.O.S.A.P.) REGOLAMENTO DELLE OCCUPAZIONI DI SUOLO PUBBLICO E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE (C.O.S.A.P.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 9 marzo 2015 TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

PROVINCIA DI COSENZA SETTORE PATRIMONIO - ESPROPI SERVIZIO CONCESSIONI

PROVINCIA DI COSENZA SETTORE PATRIMONIO - ESPROPI SERVIZIO CONCESSIONI PROVINCIA DI COSENZA SETTORE PATRIMONIO - ESPROPI SERVIZIO CONCESSIONI C.O.S.A.P. CANONE OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE (Art. 63, D.L.gs. 15 dicembre 1997, n. 446) Tabella A TARIFFE Con effetto dal

Dettagli

COMUNE DI RAVARINO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI RAVARINO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Allegato A) alla delibera del consiglio comunale n. 28 del 27/4/2007 COMUNE DI RAVARINO PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

Dettagli

COMUNE DI RONCHI DEI LEGIONARI. Ufficio Tributi TARIFFE T.O.S.A.P. OCCUPAZIONI PERMANENTI Tariffe annuali

COMUNE DI RONCHI DEI LEGIONARI. Ufficio Tributi TARIFFE T.O.S.A.P. OCCUPAZIONI PERMANENTI Tariffe annuali TARIFFE T.O.S.A.P. OCCUPAZIONI PERMANENTI Tariffe annuali OCCUPAZIONI DEL SUOLO COMUNALE (Tavolini, fioriere, ecc.) Categoria Importo I 33.05/mq. II 29.74/mq OCCUPAZ. DI SPAZI SOVRASTANTI E SOTTOSTANTI

Dettagli

D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ

D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ C O M U N E D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione. 1. La pubblicità esterna effettuata nell ambito del Comune

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CANONE CONCESSORIO NON RICOGNITORIO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CANONE CONCESSORIO NON RICOGNITORIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CANONE CONCESSORIO NON RICOGNITORIO Approvato con deliberazione del C.C. n. 45 del 24/03/2011 INDICE Art. 1 Canone di Concessione non ricognitorio Art. 2 - Superficie

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI E DI AREE PUBBLICHE (C.O.S.A.P.)

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI E DI AREE PUBBLICHE (C.O.S.A.P.) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI E DI AREE PUBBLICHE (C.O.S.A.P.) Adottato con Deliberazione Consiglio Comunale n del 27.12.2001 2 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (Delibera C.P. n. 111/A del 20.12.01, C.P. n. 209 del 19.12.2002, C.P. n. 226 del 20/12/2007) 1 INDICE CAPO I Art

Dettagli

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO Provincia di Varese REGOLAMENTO CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO Provincia di Varese REGOLAMENTO CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI CARDANO AL CAMPO Provincia di Varese REGOLAMENTO CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10 ART. 11 ART.

Dettagli

COMUNE DI PONTE LAMBRO

COMUNE DI PONTE LAMBRO COMUNE DI PONTE LAMBRO Provincia di Como UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE O SOGGETTE A SERVITU DI PUBBLICO PASSAGGIO APPROVATO DEL

Dettagli

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como. Regolamento Comunale PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como. Regolamento Comunale PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como Regolamento Comunale PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE 1 I N D I C E Art. 1 Ambito e finalità del regolamento Art. 2 Distinzione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE CONCESSORIO NON RICOGNITIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE CONCESSORIO NON RICOGNITIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE CONCESSORIO NON RICOGNITIVO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 24 del 01.08.2013-1 - COMUNE DI USMATE VELATE (Provincia

Dettagli

COMUNE DI URBINO Servizi Finanziari Ufficio Tributi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI

COMUNE DI URBINO Servizi Finanziari Ufficio Tributi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI COMUNE DI URBINO Servizi Finanziari Ufficio Tributi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI Approvato con delibera C.C. n.. 46 del 07.08.2013 - INDICE ART. 1) ART. 2)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE CITTA DI COLOGNO MONZESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Allegato C) alla deliberazione di Consiglio Comunale N. 9 del 15 febbraio

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO. Allegato A TARIFFA DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE ANNO 2015

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO. Allegato A TARIFFA DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE ANNO 2015 Allegato A TARIFFA DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE ANNO 2015 PARTE I OCCUPAZIONI PERMANENTI O TEMPORANEE CRITERI DI DISTINZIONE GRADUAZIONE E DETERMINAZIONE DELLA TARIFFA - SUPERFICIE

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E L APPLICAZIONE DEL CANONE

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E L APPLICAZIONE DEL CANONE COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E L APPLICAZIONE DEL CANONE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 28/7 in data 31/03/2008 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di

Dettagli

COMUNE DI SEGRATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LE OCCUPAZIONI DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA

COMUNE DI SEGRATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LE OCCUPAZIONI DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA - 1 - COMUNE DI SEGRATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LE OCCUPAZIONI DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA Deliberazioni consiliari n. 23/1994, n. 63/2000 e 146/2001

Dettagli

Regolamento per l applicazione del canone per l occupazione di spazi ed aree pubbliche (C.O.S.A.P)

Regolamento per l applicazione del canone per l occupazione di spazi ed aree pubbliche (C.O.S.A.P) Documento Sistema di Gestione Qualità ISO 9001:2008 norma 7.3.3 Certificato CSQ N. 9159.CMPD del 27/05/2010 T P51 MD01 Rev. 3 www.comune.paderno-dugnano.mi.it Processo trasversale a tutti i settori Regolamento

Dettagli

TARIFFE COSAP Aggiornamento - Deliberazione Commissario Straordinario n. 48 del 05.03.2010 (a decorrere dal 01.01.2010)

TARIFFE COSAP Aggiornamento - Deliberazione Commissario Straordinario n. 48 del 05.03.2010 (a decorrere dal 01.01.2010) TARIFFE COSAP Aggiornamento - Deliberazione Commissario Straordinario n. 48 del 05.03.2010 (a decorrere dal 01.01.2010) OGGETTO UNITA DI MISURA TARIFFA EURO TARIFFA OCCUPAZIONI PERMANENTI DI SUOLO, SOTTOSUOLO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SULL OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SULL OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI CASTELLAZZO BORMIDA PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SULL OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE INDICE CAPO 1 - NORME GENERALI...3 ART. 1 - OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI AULLA Provincia di Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI AULLA Provincia di Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI AULLA Provincia di Massa Carrara REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 135 del 30.11.98

Dettagli

CITTA DI ANZIO REGOLAMENTO COMUNALE. per l APPLICAZIONE del CANONE per l OCCUPAZIONE di SPAZI ed AREE PUBBLICHE. (Provincia di Roma)

CITTA DI ANZIO REGOLAMENTO COMUNALE. per l APPLICAZIONE del CANONE per l OCCUPAZIONE di SPAZI ed AREE PUBBLICHE. (Provincia di Roma) CITTA DI ANZIO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO COMUNALE per l APPLICAZIONE del CANONE per l OCCUPAZIONE di SPAZI ed AREE PUBBLICHE (Artt. 52 e 63 D.LGS. 15 Dicembre 1997 n. 446) I N D I C E 1 PARTE I PREVISIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONALE NON RICOGNITORIO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONALE NON RICOGNITORIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONALE NON RICOGNITORIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 26.03.2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto del regolamento pagina

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 38 del 11.09.2014 COMUNE DI SISSA TRECASALI Provincia di Parma REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE

Dettagli

DI M A N F R E D O N I A (Provincia di Foggia)

DI M A N F R E D O N I A (Provincia di Foggia) C I T T A DI M A N F R E D O N I A (Provincia di Foggia) REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale N. 123 del 03/08/1994 INDICE CAPO I

Dettagli

Comune di Verbania (Provincia di Verbano Cusio Ossola) Regolamento Comunale per l Applicazione del Canone per l occupazione di Spazi ed Aree Pubbliche Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

C O M U N E D I C A P I T I G N A N O ( P r o v i n c i a d i L AQUILA ) ( T O S A P )

C O M U N E D I C A P I T I G N A N O ( P r o v i n c i a d i L AQUILA ) ( T O S A P ) C O M U N E D I C A P I T I G N A N O ( P r o v i n c i a d i L AQUILA ) R E G O L A M E N T O P E R L A D I S C I P L I N A D E L L O C C U P A Z I O N E D I S P A Z I E D A R E E P U B B L I C H E E

Dettagli

COMUNE DI MUGNANO DEL CARDINALE (Provincia di Avellino) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI MUGNANO DEL CARDINALE (Provincia di Avellino) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI MUGNANO DEL CARDINALE (Provincia di Avellino) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Approvato con delibera commissariale n.16 del 12/02/2008

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO COMUNE DI BUSTO GAROLFO Provincia di Milano Codice Fiscale 00873100150 - Piazza Diaz n. 1-20020 Busto Garolfo - www.comune.bustogarolfo.mi.it REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI I N D I C E Art. 1 - Finalità e contenuto Art. 2 Canone non ricognitorio Art. 3 - Pagamento, accertamento e interessi del canone di Concessione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CANONE DI OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CANONE DI OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE Riserva Naturale Regionale COMUNE di BERGEGGI Provincia di Savona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CANONE DI OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE DELIBERA DI C.C. N. 5 DEL 09.04.2008 Modificato con Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI PORTO TORRES

COMUNE DI PORTO TORRES COMUNE DI PORTO TORRES PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (COSAP) APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 20 DEL 15.03.2007 MODIFICATO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DI CANONI PATRIMONIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DI CANONI PATRIMONIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DI CANONI PATRIMONIALI ENTRATE PATRIMONIALI CAPO I CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO Art. 1 - Canone di Concessione non ricognitorio Le seguenti tipologie di concessioni

Dettagli

COMUNE DI CORBETTA CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE REGOLAMENTO

COMUNE DI CORBETTA CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE REGOLAMENTO COMUNE DI CORBETTA CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE REGOLAMENTO Approvato con deliberazione C.C. n. 163 del 30.11.1998 modificato con deliberazioni C.C.: n. 26 del 1.3.1999; n. 102 del

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE. Provincia di Novara REGOLAMENTO CANONE DI OCCUPAZIONE SPAZI E AREE PUBBLICHE

COMUNE DI GALLIATE. Provincia di Novara REGOLAMENTO CANONE DI OCCUPAZIONE SPAZI E AREE PUBBLICHE COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO CANONE DI OCCUPAZIONE SPAZI E AREE PUBBLICHE Approvato con Deliberazione C.C. n. 38 del 29/09/2011 Modificato con Deliberazione C.C. n. 56 del 20/12/2011

Dettagli

COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO

COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO Provincia di Milano REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO Articolo 27, commi 5, 7 e 8, del D.Lgs n. 285 del 30 aprile

Dettagli

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE (Provincia di Pordenone) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE (Provincia di Pordenone) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI PRATA DI PORDENONE (Provincia di Pordenone) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE OCCUPAZIONI DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE

REGOLAMENTO PER LE OCCUPAZIONI DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE REGOLAMENTO PER LE OCCUPAZIONI DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE DELIBERAZIONE C.C N. 268 DEL 23.10.1998 DELIBERAZIONE C.C. N. 6 DEL 23.03.2011 INDICE SISTEMATICO Capo

Dettagli

CITTA DI CASTELLAMMARE DI STABIA

CITTA DI CASTELLAMMARE DI STABIA CITTA DI CASTELLAMMARE DI STABIA Regolamento per le occupazioni di spazi ed aree pubbliche e per l applicazione della relativa tassa (TOSAP) nel territorio della Città di Castellammare di Stabia Approvato

Dettagli

PER L APPLICAZIONE DEI CANONI PATRIMONIALI NON RICOGNITORI

PER L APPLICAZIONE DEI CANONI PATRIMONIALI NON RICOGNITORI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CANONI PATRIMONIALI NON RICOGNITORI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 27 del 20/09/2013 I N D I C E Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 OGGETTO

Dettagli

C O M U N E DI ACCETTURA Provincia di Matera

C O M U N E DI ACCETTURA Provincia di Matera C O M U N E DI ACCETTURA Provincia di Matera REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL CANONE DI OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE Deliberazione C.C. n. 12 del 30/04/2010 1 INDICE Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO CANONE OCCUPAZIONE SUOLO ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO CANONE OCCUPAZIONE SUOLO ED AREE PUBBLICHE Allegato alla delibera di Consiglio comunale n. 65 del 29/12/2005 REGOLAMENTO CANONE OCCUPAZIONE SUOLO ED AREE PUBBLICHE Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 65 del 30.11.1998, annullato parzialmente

Dettagli

Tipologia Tariffa annua Tariffa giornaliera. Insegne d esercizio non luminose 11.40 0.83. Insegne d esercizio luminose 33 1.03. Preinsegne 11.40 0.

Tipologia Tariffa annua Tariffa giornaliera. Insegne d esercizio non luminose 11.40 0.83. Insegne d esercizio luminose 33 1.03. Preinsegne 11.40 0. Allegato A Tariffe Canone Pubblicità (Delibera di C.C. n. 8 del 13/02/2002) L importo delle seguenti tariffe è calcolato per ciascun metro quadro di superficie occupata dal messaggio. Se la superficie

Dettagli

COMUNE DI PALESTRINA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LE OCCUPAZIONI DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA

COMUNE DI PALESTRINA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LE OCCUPAZIONI DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA COMUNE DI PALESTRINA Provincia di Roma REGOLAMENTO PER LE OCCUPAZIONI DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA INDICE SISTEMATICO Capo I DISPOSIZIONI GENERALI AMMINISTRATIVE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 32 del 17.06.2013 Modificato dal Consiglio Comunale con atto n.

Dettagli

INDICE. Art. 6 Occupazioni permanenti e temporanee. Criteri di distinzione. Graduazione e

INDICE. Art. 6 Occupazioni permanenti e temporanee. Criteri di distinzione. Graduazione e 1 INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Oggetto del canone Art. 3 Soggetti attivi e passivi Art. 4 Modalità per la richiesta ed il rilascio di concessioni ed autorizzazioni Art. 5 Revoca di concessioni

Dettagli

Comune di Piana di Monte Verna. Provincia di Caserta R E G O L A M E N T O TASSA PER L OCCUPAZIONE DEL SUOLO E DELLE AREE PUBBLICHE

Comune di Piana di Monte Verna. Provincia di Caserta R E G O L A M E N T O TASSA PER L OCCUPAZIONE DEL SUOLO E DELLE AREE PUBBLICHE Comune di Piana di Monte Verna Provincia di Caserta R E G O L A M E N T O TASSA PER L OCCUPAZIONE DEL SUOLO E DELLE AREE PUBBLICHE (approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 52 del 18.07.1994) ARTICOLO

Dettagli

COMUNE DI TORTORETO PROVINCIA DI TERAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (C.O.S.A.P.

COMUNE DI TORTORETO PROVINCIA DI TERAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (C.O.S.A.P. COMUNE DI TORTORETO PROVINCIA DI TERAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (C.O.S.A.P.) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

COMUNE DI LAURIA. Provincia di Potenza. CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COSAP D.Lgs 15/11/1997, n. 446

COMUNE DI LAURIA. Provincia di Potenza. CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COSAP D.Lgs 15/11/1997, n. 446 CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COSAP D.Lgs 15/11/1997, n. 446 Il Canone per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche COSAP -è disciplinato dal D. Lgs. 15/11/1997, n. 446, e s.m.i.,

Dettagli

REGOLAMENTO TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO SERVIZIO TRIBUTI REGOLAMENTO TASSA PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del 30 marzo 1999

Dettagli

CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (C.O.S.A.P.)

CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (C.O.S.A.P.) COMUNE DI SAN GIULIANO TERME Provincia di Pisa CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (C.O.S.A.P.) Approvato con delibera consiliare n. 9 del 5.3.2001 PARTE I PREVISIONE DELLE PROCEDURE DI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE - T.O.S.A.P.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE - T.O.S.A.P. CITTA DI MODUGNO (PROVINCIA DI BARI) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA OCCUPAZIONE SPAZI ED AREE PUBBLICHE - T.O.S.A.P. NORMATIVA PREVIGENTE Delibera C. C. n. 10/2000 - approvazione Delibera

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 5

Dettagli

COMUNE DI CISLIANO PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI CISLIANO PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI CISLIANO PROVINCIA DI MILANO CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE REGOLAMENTO Approvato con deliberazione C.C. n. 68. del 27.11.1998, modificato con delibera di C.C. n. 11 del

Dettagli

REGOLAMENTO Canone Occupazione Spazi ed Aree Pubbliche

REGOLAMENTO Canone Occupazione Spazi ed Aree Pubbliche Comune di Borgio Verezzi Provincia di Savona VIA MUNICIPIO, 17 17022 BORGIO VEREZZI - Tel. 019 / 61 82 11 Fax 019 / 61 82 37 REGOLAMENTO Canone Occupazione Spazi ed Aree Pubbliche REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI VICOPISANO (Provincia di Pisa) UFFICIO TRIBUTI

COMUNE DI VICOPISANO (Provincia di Pisa) UFFICIO TRIBUTI COMUNE DI VICOPISANO (Provincia di Pisa) UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO E DEL RELATIVO CANONE ********** APPROVATO CON ATTO C.C. N. 13 DEL 12.3.1999 MODIFICATO CON ATTO

Dettagli

Comune di Riolo Terme Provincia di Ravenna IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ' E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Comune di Riolo Terme Provincia di Ravenna IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ' E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI ITIRID arebiled led led Comune di Riolo Terme Provincia di Ravenna IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ' E SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI - Approvato con CC. N 57 del 30/06/94 (CRC 03/10/94 prot. N 26138) - Modificato

Dettagli

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza)

Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) Città di Montalto Uffugo (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEI CANONI NON RICOGNITORI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 13 aprile 2016 Articolo 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

COMUNE DI SAN MARCELLO PISTOIESE Provincia di Pistoia REGOLAMENTO

COMUNE DI SAN MARCELLO PISTOIESE Provincia di Pistoia REGOLAMENTO COMUNE DI SAN MARCELLO PISTOIESE Provincia di Pistoia REGOLAMENTO PER LE OCCUPAZIONI DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DEL RELATIVO CANONE 1 Art. 1.Ambito e finalità del regolamento Art.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COSAP

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COSAP Allegato A) Testo Coordinato REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COSAP Approvato con delibera di consiglio comunale n. 3 del 01.03.2012 Modificato

Dettagli

COMUNE DI MONTEMURLO PROVINCIA DI PRATO

COMUNE DI MONTEMURLO PROVINCIA DI PRATO COMUNE DI MONTEMURLO PROVINCIA DI PRATO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (ai sensi art. 63 d.lgs. 446/1997 e art. 27 d.lgs. 285/1992) Approvato con

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano. Regolamento comunale per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche e per l'applicazione della relativa tassa

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano. Regolamento comunale per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche e per l'applicazione della relativa tassa COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento comunale per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche e per l'applicazione della relativa tassa Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n 95

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA

COMUNE DI GENZANO DI ROMA COMUNE DI GENZANO DI ROMA Prov. di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE DI CONCESSIONE RICOGNITORIO SUGLI IMPIANTI PUBBLICITARI Deliberazione consiliare n. 19 del 27 / 04 / 2010 1 INDICE

Dettagli

Provincia di Bari REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA

Provincia di Bari REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA Provincia di Bari REGOLAMENTO COMUNALE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA 1 CAPO I OCCUPAZIONE DEL SUOLO PUBBLICO DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 (Occupazione

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA

COMUNE DI GENZANO DI ROMA COMUNE DI GENZANO DI ROMA Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE PER LE OCCUPAZIONI DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE E PER L APPLICAZIONE DELLA RELATIVA TASSA (Decreto Legislativo 15 novembre 1993, n. 507) Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Approvato con Deliberazioni Consiliari n. 65 del 21.04.2009, n. 26 del 08.04.2014, n. 100 del 12.11.2014

Dettagli

COMUNE DI BOBBIO REGOLAMENTO C.O.S.A.P.

COMUNE DI BOBBIO REGOLAMENTO C.O.S.A.P. COMUNE DI BOBBIO REGOLAMENTO C.O.S.A.P. (Canone Occupazione Spazi ed Aree Pubbliche) Adottato con delibera di Consiglio Comunale n 10 del 30.03.2006 Esecutivo ai sensi di Legge In vigore dal 1 gennaio

Dettagli

COMUNE DI POLISTENA Provincia di Reggio Calabria

COMUNE DI POLISTENA Provincia di Reggio Calabria Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE CONCESSORIO PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO Approvato con delibera C.C. n. 37 del 14-10-2013 P a g i n a 2 Sommario ART. 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SULLA OCCUPAZIONE DELLE AREE E SPAZI PUBBLICI SOGGETTE A SERVITU DI PUBBLICO PASSAGGIO

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SULLA OCCUPAZIONE DELLE AREE E SPAZI PUBBLICI SOGGETTE A SERVITU DI PUBBLICO PASSAGGIO COMUNE DI VILLATA Provincia di Vercelli REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SULLA OCCUPAZIONE DELLE AREE E SPAZI PUBBLICI SOGGETTE A SERVITU DI PUBBLICO PASSAGGIO Il presente regolamento: a) è stato

Dettagli

C O M U N E D I P E R D A X I U S ( P r o v i n c i a d i C a r b o n i a I g l e s i a s )

C O M U N E D I P E R D A X I U S ( P r o v i n c i a d i C a r b o n i a I g l e s i a s ) C O M U N E D I P E R D A X I U S ( P r o v i n c i a d i C a r b o n i a I g l e s i a s ) R E G O L A M E N T O P E R L A D I S C I P L I N A D E L L O C C U P A Z I O N E D I S P A Z I E D A R E E P

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (COSAP)

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (COSAP) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE (COSAP) Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 17 del 26 marzo 2015 Modificato con Deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO COMUNE DI PIAN CAMUNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO COMUNE DI PIAN CAMUNO REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE NON RICOGNITORIO COMUNE DI PIAN CAMUNO Approvato con deliberazione di C.C. n. 20 del 18 /07 /2013 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. In concessione a I.C.A. srl

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. In concessione a I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA In concessione a I.C.A. srl Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione

Dettagli

Città di Pienza Provincia di Siena

Città di Pienza Provincia di Siena Parco Artistico,Naturale e Culturale della Val d Orcia Città di Pienza Provincia di Siena Patrimonio Mondiale U.N.E.S.CO. REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI E

Dettagli

REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO, DISCIPLINA DELLA TASSA E ISTITUZIONE DEL CANONE DI CONCESSIONE NON RICOGNITORIO

REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO, DISCIPLINA DELLA TASSA E ISTITUZIONE DEL CANONE DI CONCESSIONE NON RICOGNITORIO REGOLAMENTO PER L OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO, DISCIPLINA DELLA TASSA E ISTITUZIONE DEL CANONE DI CONCESSIONE NON RICOGNITORIO INDICE TITOLO I OCCUPAZIONI DI SUOLO PUBBLICO 1 Ambito e scopo 2 Occupazioni

Dettagli

CITTA DI NOVATE MILANESE

CITTA DI NOVATE MILANESE CITTA DI NOVATE MILANESE Provincia di Milano Area Gestione Sviluppo del Territorio Via V. Veneto 18 PEC: comune.novatemilanese@legalmail.it REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PATRIMONIALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE EX ART. 63 D.L. 15.12.97.N. 446

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE EX ART. 63 D.L. 15.12.97.N. 446 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE EX ART. 63 D.L. 15.12.97.N. 446 - Approvato con deliberazione consiliare n. 126 del 30.12.1998, modificato e integrato

Dettagli

UFFICIO TRIBUTI C.O.S.A.P. REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI E AREE PUBBLICHE

UFFICIO TRIBUTI C.O.S.A.P. REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI E AREE PUBBLICHE COMUNE DI CLES UFFICIO TRIBUTI C.O.S.A.P. REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI E AREE PUBBLICHE Approvato con delibera consiliare 30.11.1998, n. 66 modificato con delibera

Dettagli

Allegato B delib. C.C. 32/13

Allegato B delib. C.C. 32/13 Allegato B delib. C.C. 32/13 COMUNE DII COMACCHIIO REGOLLAMENTTO PER LL APPLLIICAZIIONE DELL CANONE PER LL OCCUPAZIIONE DII SPAZII ED AREE PUBBLLIICHE ((COSAP)) (DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N.

Dettagli

COMUNE DI AVIGLIANO UMBRO (Provincia di Terni) REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PER L'OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI AVIGLIANO UMBRO (Provincia di Terni) REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PER L'OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI AVIGLIANO UMBRO (Provincia di Terni) REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DEL CANONE PER L'OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 84 del 28.10.1998

Dettagli

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 51 del 29/07/2014, in vigore

Dettagli

COMUNE DI GRESSONEY-SAINT-JEAN

COMUNE DI GRESSONEY-SAINT-JEAN COMUNE DI GRESSONEY-SAINT-JEAN REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA Regolamento per l applicazione del canone per l occupazione di spazi ed aree pubbliche. Approvato con deliberazione del Consiglio comunale

Dettagli

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Allegato DCC n. 54/2011 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Pagina 1 di 13 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 ART. 2 Definizioni

Dettagli

COMUNE DI STEZZANO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI STEZZANO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI STEZZANO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 47 del 22/11/2010 1 Capo

Dettagli

Comune di Rio Saliceto Provincia di Reggio Emilia

Comune di Rio Saliceto Provincia di Reggio Emilia Comune di Rio Saliceto Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...4 ART. 1 OGGETTO

Dettagli

2 - Il carattere della mobilità dell attrezzatura non è escluso dalla circostanza che la medesima sia collegata al suolo in modo non precario.

2 - Il carattere della mobilità dell attrezzatura non è escluso dalla circostanza che la medesima sia collegata al suolo in modo non precario. 1 Regolamento per la concessione delle aree disponibili per l installazione dei Circhi, delle Attività dello spettacolo viaggiante e dei Parchi di divertimento. ART. 1 - SCOPO DEL REGOLAMENTO 1- Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI LAMPORECCHIO Provincia di Pistoia C.F.: 00300620473 DELIBERA C.C. N. 6 DEL 18 GENNAIO 2013 ALLEGATO A1 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE (Art. 117 comma 6 della Costituzione

Dettagli