Risk Management Basilea 3: aspetti operativi per i diversi profili professionali VII Edizione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Risk Management Basilea 3: aspetti operativi per i diversi profili professionali VII Edizione"

Transcript

1 Risk Management Basilea 3: aspetti operativi per i diversi profili professionali VII Edizione Presentazione Negli ultimi anni il settore finanziario ha compreso come la gestione del rischio costituisca una delle priorità a livello strategico; per rimanere competitivi, il risk non solo deve rispettare la normativa vigente ma deve svolgere una funzione di supporto per una corretta gestione del livello e del tipo di rischio che una società è disposta ad assumere, coerentemente con i propri obiettivi strategici. Anche nell asset, il risk non è più relegato a una mera funzione ex-post del controllo del rischio ma costituisce una parte integrante della strategia del portafoglio, insieme al raggiungimento di una performance adeguata alle esigenze del cliente. In questo nuovo contesto e per fornire un concreto supporto agli operatori della piazza, il Centro di Studi Bancari, in collaborazione con l'institute of Finance dell Università della Svizzera italiana, propone un percorso formativo completo, rivolto in modo differenziato ai diversi profili professionali. Partendo dall analisi dello status e dei trend in atto, si vuole innanzitutto offrire una panoramica sulle maggiori sfide e le best practice in atto nel settore del risk, soprattutto dal punto di vista delle banche di piccola e media dimensione. Verranno poi approfonditi la gestione del bilancio secondo Basilea 3, la gestione del rischio di credito, della tesoreria e dei rischi operativi. Un particolare focus verrà dato alla investment performance e risk nell asset. Il corso si concluderà con un approfondimento sull audit nel risk e sulle strategie di comunicazione differenziate a seconda della tipologia dell interlocutore e dell attività bancaria. I singoli corsi dell intero percorso formativo possono essere frequentati singolarmente per permettere ai fruitori di scegliere le tematiche in funzione dei propri bisogni e di costruire percorsi personalizzati. A questo proposito la matrice sotto la rubrica "destinatari" costituisce un valido supporto. Obiettivi Per quanto attiene alla conoscenza, al termine della formazione il partecipante: - è aggiornato in merito al nuovo quadro regolamentare internazionale e nazionale per il rafforzamento del sistema finanziario; - ha interiorizzato una cultura del rischio basata sulla comprensione sostanziale, e non unicamente tecnica, delle problematiche fondamentali nell'ambito del risk. Per quel che concerne la comprensione, al termine della formazione il partecipante: - ha compreso i principi fondamentali di una corretta corporate governance e di adeguati processi organizzativi nell ambito del risk, soprattutto per quanto riguarda le banche di piccola e media dimensione; - è consapevole del ruolo chiave che riveste la comunicazione del rischio rispetto ai diversi attori coinvolti, in relazione alle diverse tipologie di rischio esistenti. Per quanto riguarda l'applicazione, al termine della formazione il partecipante: - sa implementare nel proprio istituto i nuovi requisiti richiesti a livello regolamentare; - è in grado di impiegare le tecniche più efficaci nell identificazione, nella misurazione, nella gestione e nel controllo del rischio di mercato, di liquidità, di credito e di quello operativo; - sa valutare e gestire l interdipendenza tra le diverse tipologie di rischio, adottando un approccio integrato nella gestione del rischio.

2 Destinatari Revisione/Ispettorato, Risk /Risk control, Compliance, Credit office/recovery, Contabilità/Controlling, Gestione progetti/organizzazione, Consulenza clientela private banking, Consulenza clientela retail banking, Consulenza clientela aziendale, Asset e Portfolio, Trading/Tesoreria/Sala mercati, Back e middle office titoli, Back e middle office crediti Al fine di rispondere alle articolate e peculiari esigenze dei singoli profili professionali, si sono identificati dei percorsi formativi su misura, costituiti da singoli corsi di perfezionamento dell intero programma formativo. La matrice riprende sull asse orizzontale i diversi profili professionali in ambito bancario a cui si indirizza la proposta formativa. Sull asse verticale sono riportati invece i diversi corsi di perfezionamento. Per ogni profilo professionale sono stati identificati i percorsi formativi utili a raggiungere gli standard qualitativi conformi alla Best Practice. Le cifre all interno della matrice rappresentano la durata in ore accademiche dei singoli corsi. Sistema di controllo interno Staff di Direzione Asset / Trading Amministrazione / Operations Consulenza alla clientela CORSI AREE PROFESSIONALI Ore totali di docenza Risk /Risk control Revisione/Ispettorato Compliance Credit office/recovery Contabilità/Controlling Gestione progetti/organizzazione Asset e Portfolio Management Trading/Tesoreria/Sala mercati Back e middle office titoli Back e middle office crediti Consulenza alla clientela private banking/retail banking/aziendale C1 Status e trend nell'ambito del risk 4 4 C2 Risk governance e norme di presentazione dei conti bancari C3 Gestione del rischio di credito C4 Gestione della tesoreria, della liquidità e del rischio tasso C5 Gestione dei rischi operativi e sistemi di controllo interni C6 Asset : investment performance e risk C7 Audit nel risk C8 Comunicazione nel risk 4 4 Totale ore consigliate

3 Contenuti L'intero percorso formativo ha una durata complessiva di 72 ore su un arco temporale di 4 mesi; è composto da 8 corsi di perfezionamento indipendenti che possono essere frequentati singolarmente. C1) Status e trend nel risk 1 (4 ore) 1.1. Contesto attuale 1.2. Trend e best practices 1.3. Tavola rotonda C2) Risk governance e norme di presentazione dei conti bancari Evoluzione e nuove sfide operative per le banche di piccola e media dimensione (4 ore) 2.1. Risk Appetite Framework RAF integrato nel sistema di Risk Governance RAF in funzione degli eventi esterni e della nuova regolamentazione Risk Appetite, Risk Capacity e Risk Profile Esempi di definizione del Risk Appetite Principali requisiti per un adeguata implementazione Indicatori quantitativi e qualitativi 2.2. Pillar2, ICAAP e Stress Testing Ruolo del Pillar II e processo ICAAP (Adeguatezza del capitale) Valutazione della qualità degli attivi e stress testing 2.3. Gestione del bilancio secondo Basilea Quadro normativo internazionale e svizzero Ottimizzazione dei fondi propri e calcolo dei solvency ratios Vincoli dati dal rischio di liquidità e dal rischio di concentrazione C3) Gestione del rischio di credito Come misurarlo e mitigarlo nel rispetto della normativa bancari (12 ore) 3.1. Strumenti sensibili al rischio di credito 3.2. Quantificare il rischio di credito Rischio di credito singolo e di portafoglio Indicatori di rischio Sistemi di rating interni ed esterni 3.3. Gestire e mitigare il rischio di credito Crediti coperti e non coperti Garanzie e loro valutazione Analisi di anomalie nei portafogli Gestione della diversificazione Derivati creditizi 3.4. Rischio di credito in Basilea Basilea 3 come recepito dalla normativa svizzera Grandi rischi Credit Valuation Adjustments Disclosure del rischio di credito nella relazione d esercizio 3.5. Pricing del rischio di credito Componenti di rischio e di capitale Performance risk adjusted pricing 3.6. Testimonianza operativa sulla gestione del rischio di credito Stress test: che scenari proporre? Rischio concentrazione secondo Basilea 3: problematiche operative 1 Questo corso verrà offerto anche come Annual Forum Risk Management 2014

4 C4) Gestione della tesoreria, della liquidità e del rischio tasso Aspetti gestionali, regolamentari, sfide operative ed opportunità (12 ore) 4.1. La gestione della tesoreria Scopi Processi di gestione della tesoreria La previsione, la gestione e il controllo dei flussi di cassa L equilibrio tra redditività e liquidità 4.2. Il rischio tasso di interesse Asset & Liability Aspetti metodologici per la misurazione del rischio di tasso Focus sui modelli comportamentali: poste a vista e prepayment 4.3. Rischio di liquidità Concetti e analisi delle componenti del rischio di liquidità La misurazione del rischio di liquidità a breve termine e strutturale Stress testing Il pricing del rischio di liquidità Il costo della liquidità nei tassi interni di trasferimento Aspetti regolamentari sul rischio di liquidità: Basilea 3 e normativa svizzera Requisiti quantitativi: liquidity coverage ratio e net stable funding ratio Requisiti qualitativi: stress test e contingency funding plan Sfide per il settore bancario 4.4. Spunti ed esperienze operative nella gestione di una Tesoreria di gruppo La flessibilità Il buonsenso Le costrizioni La governance La comunicazione C5) Gestione dei rischi operativi e sistemi di controllo interni Requisiti FINMA nell ambito della Circolare Rischi operativi banche (12 ore) 5.1. Riferimenti normativi 5.2. Definizione di rischio operativo Basilea 2 e il trattamento del rischio operativo Limiti di Basilea Rischio operativo, rischio legale, rischio di non conformità/compliance Rischio operativo che si può tramutare in rischio strategico e reputazionale 5.3. Review degli approcci per la quantificazione del capitale a copertura del rischio operativo 5.4. Circolare Finma Rischi operativi banche Ambito di applicazione Requisiti qualitativi per la gestione dei rischi operativi Trattamento dei dati elettronici dei clienti privati Principi guida per l implementazione entro il Modelli di governo e gestione dei rischi operativi Requisiti e sound practices sui rischi operativi Rischi "misurabili" e rischi "valutabili", metriche quantitative ed approcci quali/quantitativi Identificazione, valutazione, gestione e mitigazione dei rischi operativi Business Continuity Management 5.6. Sistemi di controllo interni Le principali componenti di un quadro organizzativo effettivo per la gestione del rischio operativo Ruoli e responsabilità nel processo di controllo del rischio operativo

5 L implementazione di processi effettivi per il controllo e la gestione del rischio operativo I controlli dei processi di business Indicatori di rischio Tecniche di investigazione dei dati 5.7. Case study: sistemi di controllo e di business intelligence C6) Asset : investment performance e risk Cambiamenti normativi e nuovi standard finanziari e operativi (16 ore) 6.1. Quadro regolamentare nazionale e internazionale nell ambito della gestione patrimoniale collettiva Direttiva AIFM UCITS MiFID I e MiFID II Legge sui Servizi Finanziari LICol 6.2. Ruoli e responsabilità dei diversi attori nell'ambito degli investimenti collettivi di capitale Direzione del fondo Banca depositaria Gestore degli investimenti Rappresentanti Distributori Ufficio di pagamento Requisiti di reporting richiesti nell ambito della compliance e del risk 6.3. Il rischio di mercato Diverse tipologie di rischio di mercato Rischio valutario Rischio tasso Rischio azionario Rischio commodity Misure regolamentari per il rischio di mercato Value at risk Stressed VAR Incremental risk charge 6.4. La misurazione della performance Attribuzione della performance Valutazione della performance Global Investment Performance Standards (GIPS) Risk dell asset 6.5. Implementazione delle norme di risk nell ambito dell asset Aspetti critici nella gestione dei fondi Analisi di casi pratici C7) Audit nel risk Contesto normativo e requisiti qualitativi (8 ore) 7.1. Obiettivi e contesto delle attività relative all'audit nell'area del risk 7.2. Contesto normativo 7.3. Audit del credit risk 7.4. Audit del market risk (trading book) 7.5. Audit dell'asset and liability (banking book) 7.6. Audit del rischio operativo

6 7.7. Audit del rischio di liquidità 7.8. Elaborazione in gruppi di casi pratici e discussione plenaria C8) Comunicazione nel risk Best practices e strategie differenziate (4 ore) 8.1. La cultura del rischio L importanza di un adeguata cultura del rischio Elementi della cultura del rischio Aspetti organizzativi per le istituzioni finanziarie Valutare, definire e monitorare la cultura di rischio di una banca 8.2. Comunicazione del rischio Strategie di comunicazione differenziate a seconda della tipologia dell interlocutore (membri del CdA, impiegati, pubblico ) Strategie di comunicazione differenziate a seconda della tipologia di attività bancaria Best practices Reporting standards Analisi di diversi risk reports Didattica Documentazione Comitato scientifico Responsabile scientifico Project manager Docenti Lezione frontale in aula con esercitazioni, Case studies Materiale didattico del Centro di Studi Bancari - Daniel Zuberbühler, già Vice Presidente del Consiglio di Amministrazione, FINMA - Giovanni Barone Adesi, Direttore dell Istituto di Finanza e Professore ordinario, Facoltà di scienze economiche, Università della Svizzera Italiana, Lugano - Giorgio Compagnoni, FRM, Risk Manager, Vice President - PKB Privatbank AG, Lugano - Francesco Fierli, Ph.D., Chief Financial Officer, Banca Arner SA, Lugano - Didier Marteau, Professore ordinario, Ecole supérieure de commerce de Paris, Parigi - Elio Gabriele Moroni, Risk Manager, BSI SA, Lugano - Alberto Saracino, Risk Management, Cornèr Banca SA, Lugano - Norman Stampanoni, Responsabile Risk Management, Banca dello Stato del Cantone Ticino, Bellinzona - Helen Tschümperlin Moggi, CFA, Responsabile Area Finanza, Centro di Studi Bancari, Vezia Andrea Inghirami Telefono: Tristan Brenner, COO & Head of Trading, GAM Investment Management, Lugano - Mauro Beneduci, Partner, SDG Italy, Caronno Pertusella - Tiziano Calderari, Condirettore/First Vice President, Head of Operational Risk & IC, BSI, Lugano - Maria Ciorciari, Risk Manager, BSI SA, Lugano - Patrick Coggi, Ph.D., Head of Investment Services, Arner Bank, Lugano - Giorgio Compagnoni, FRM, Risk Manager, Vice President - PKB Privatbank AG, Lugano - Francesco Fierli, Ph.D., Chief Financial Officer, Banca Arner SA, Lugano - Michele Framba, Manager Financial Risk Management, Prometeia SpA, Milano - Enrico Giacoletto-Roggio, CFA, FRM, Manager, Financial Service Risk, Ernst & Young SA, Ginevra - Elio Gabriele Moroni, Risk Manager, BSI SA, Lugano - Bruno Oppliger, Partner, Financial Services Risk Management, Ernst & Young SA, Zurigo - Stefano Orelli, Dipl. Physik ETH, FRM, CIIA, AZEK AG, Bülach - Manuel Pellanda, Head of Treasury/ALM, BSI, Lugano

7 - Alberto Plazzi, Ph.D., Professore assistente, Università della Svizzera Italiana e Swiss Finance Institute - Alessandro Vecci, Executive Director, Financial Services Advisory, Ernst & Young LLP, London Durata Date e orari 72 ore Dal 9 settembre al 1 dicembre 2015 (v. calendario allegato) Esame Al termine del percorso formativo è previsto un esame che, se superato, porta all'ottenimento dell'executive Master "Risk Management. Basilea 3: aspetti operativi per i diversi profili professionali" del Centro di Studi Bancari. L'esame è riservato solo a coloro che avranno frequentato l'intero percorso formativo, composto da tutti i corsi di perfezionamento (C1 C8). L'organizzazione e la preparazione dell'esame è affidata ad un'apposita Commissione d'esame del Centro di Studi Bancari. L'esame scritto, in formato multiple choice, si terrà lunedì 1 dicembre 2015 a Villa Negroni dalle 9.00 alle Quote Intero percorso formativo (Da C1 a C8, 72 ore) Membri Altri ABT (La quota d'iscrizione all intero percorso formativo comprende CHF CHF il materiale didattico preparato dai singoli docenti e i testi di supporto) Esame CHF CHF Singoli corsi di perfezionamento Membri Altri ABT C1. Status e trend nell ambito del risk (4 ore) CHF CHF C2. Risk governance e norme di presentazione dei conti bancari. Evoluzione e nuove sfide operative per le banche di piccola e media dimensione (4 ore) C3. La gestione del rischio di credito. Come misurarlo e mitigarlo nel rispetto della normativa bancaria (12 ore) C4. Gestione della tesoreria, della liquidità e del rischio tasso. Aspetti gestionali, regolamentari, sfide operative ed opportunità (12 ore) C5. Gestione dei rischi operativi e sistemi di controllo interni. Requisiti FINMA nell ambito della Circolare Rischi operativi banche (12 ore) C6. Asset : investment performance e risk. Cambiamenti normativi e nuovi standard finanziari e operativi (16 ore) C7. Audit nel risk. Contesto normativo e requisiti qualitativi (8 ore) C8. Comunicazione nel risk. Best practices e strategie differenziate (4 ore) CHF CHF CHF CHF CHF CHF CHF CHF CHF CHF CHF CHF CHF CHF Iscrizione Entro il 10/8/2015 Informazioni Valentina Lucheschi Telefono:

8 Risk Management 2015 Giorno SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE Orario Corso Giorno Orario Corso Giorno Orario Corso Giorno Orario Corso 1 mar 1 gio m/p C4 1 dom Ognissanti 1 mar 2 mer 2 ven m C5 2 lun 2 mer 3 gio 3 sab 3 mar 3 gio 4 ven 4 dom 4 mer 4 ven 5 sab 5 lun 5 gio m/p C6 5 sab 6 dom 6 mar 6 ven m C6 6 dom 7 lun 7 mer 7 sab 7 lun 8 mar 8 gio 8 dom 8 mar 9 mer m/p C1 (ANNUAL) / C2 9 ven 9 lun 9 mer 10 gio 10 sab 10 mar 10 gio 11 ven m C3 11 dom 11 mer 11 ven 12 sab 12 lun 12 gio 12 sab 13 dom 13 mar 13 ven 13 dom 14 lun 14 mer 14 sab 14 lun 15 mar 15 gio m/p C5 15 dom 15 mar 16 mer 16 ven m C6 16 lun 16 mer 17 gio m/p C3 17 sab 17 mar 17 gio 18 ven m C4 18 dom 18 mer 18 ven 19 sab 19 lun 19 gio m/p C7 19 sab 20 dom 20 mar 20 ven m C8 20 dom 21 lun 21 mer 21 sab 21 lun 22 mar 22 gio 22 dom 22 mar 23 mer 23 ven 23 lun 23 mer 24 gio 24 sab 24 mar 24 gio 25 ven 25 dom 25 mer 25 ven 26 sab 26 lun 26 gio 26 sab 27 dom 27 mar 27 ven 27 dom 28 lun 28 mer 28 sab 28 lun 29 mar 29 gio 29 dom 29 mar 30 mer 30 ven 30 lun 30 mer 31 sab 31 gio Corsi C1 Status e trend nel risk Orari delle lezioni C2 Risk governance e norme di presentazione dei conti bancari m = C3 Gestione del rischio di credito p = C4 Gestione della tesoreria, della liquidità e del rischio tasso m/p = C5 Gestione dei rischi operativi e sistemi di controllo interni E = Esame C6 Asset Management: investment performance e risk C7 Audit nel risk C8 Comunicazione nel risk Vacanze autunnali E Immacolata Natale Santo Stefano Vacanze di Natale N.B. Il calendario potrà subire delle modifiche che saranno comunicate ai partecipanti in tempo utile.

Il lancio, la gestione e la distribuzione di fondi alternativi

Il lancio, la gestione e la distribuzione di fondi alternativi Il lancio, la gestione e la distribuzione di fondi alternativi Hedge funds, fondi di private equity e fondi commodities: aspetti tecnici, regolamentari e fiscali I Edizione Presentazione Pur differenziandosi

Dettagli

Fit for financial products

Fit for financial products Fit for financial products V Edizione Presentazione Obiettivi Nel contesto attuale, caratterizzato da una diffusa crisi di fiducia nei confronti degli intermediari finanziari, da una riallocazione dei

Dettagli

Diploma in Banking+Finance for IT Specialist III Edizione 2013

Diploma in Banking+Finance for IT Specialist III Edizione 2013 Diploma in Banking+Finance for IT Specialist III Edizione 2013 Presentazione Obiettivi Ogni istituto bancario, grande o piccolo che sia, dispone, per la propria gestione, di complessi sistemi informatici

Dettagli

Alternative Investments IV Edizione 2011

Alternative Investments IV Edizione 2011 Alternative Investments IV Edizione 2011 Presentazione La gamma degli investimenti alternativi è ampia e comprende gli hedge funds, il private equity e il venture capital, le commodities, il real estate

Dettagli

Fit for credit products - clientela privata

Fit for credit products - clientela privata Fit for credit products - clientela privata III Edizione 2015 Presentazione I crediti nel sistema bancario elvetico rappresentano un importante fonte di finanziamento di capitale di terzi. A fine ottobre

Dettagli

In collaborazione con

In collaborazione con Certified International Wealth Manager (CIWM ) Diploma federale di esperto in finanza ed investimenti 2014/15 XV Edizione - Formazione con cadenza biennale Presentazione Nel contesto attuale emerge l importanza

Dettagli

26 e 27 giugno. Convegno Annuale

26 e 27 giugno. Convegno Annuale e 26 e 27 giugno Convegno Annuale 1 SCHEMA DI SINTESI MARTEDÌ 26 MATTINA SESSIONE PLENARIA DI APERTURA CAPITALE E REDDITIVITA : PROSPETTIVE PER IL SISTEMA BANCARIO Giovanni Sabatini, ABI MARTEDÌ 26 POMERIGGIO

Dettagli

Swiss Cross-Border Wealth Management Certification per assistenti II Edizione

Swiss Cross-Border Wealth Management Certification per assistenti II Edizione Swiss Cross-Border Wealth Management Certification per assistenti II Edizione Presentazione Il 22 ottobre 2010 la FINMA scriveva nella sua "Posizione sui Rischi giuridici e di reputazione nelle operazioni

Dettagli

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2012-2013 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2012-2013 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9 cfu ANNO

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione SDA Bocconi School of Management seconda edizione l obiettivo del progetto formativo Creare condivisione, costruire e rafforzare l alleanza tra management della banca e direttori di filiale, fondata sulla

Dettagli

Programma Rating e Credit Risk Management

Programma Rating e Credit Risk Management Programma Rating e Credit Risk Management 20-24 maggio 2013 PROGRAMMA Copyright 2012 SDA Bocconi, Milano Lunedì, 20 maggio 2013 Il quadro regolamentare e le metodologie di rating 09.30 10.45 Andrea Sironi

Dettagli

Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE

Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE Percorso formativo blended BASILEA 3: IL NUOVO FRAMEWORK DI VIGILANZA PRUDENZIALE E GLI IMPATTI PER LE BANCHE Fase a distanza DA BASILEA 2 A BASILEA 3: COSA CAMBIA Fase in aula a Milano dal 29 al 31 ottobre

Dettagli

DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI CFU: 9 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI CFU: 9 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9

Dettagli

Fit for project management Lavorare per progetti: fasi, strumenti e competenze manageriali

Fit for project management Lavorare per progetti: fasi, strumenti e competenze manageriali Fit for project management Lavorare per progetti: fasi, strumenti e competenze manageriali II Edizione Presentazione Da strumento limitato alla gestione dell innovazione in azienda, il project management

Dettagli

Compliance management

Compliance management Compliance management Presentazione I requisiti postulati dalla sorveglianza prudenziale, l orientamento ai rischi e l affermarsi progressivo di una cultura della trasparenza, hanno contribuito a valorizzare

Dettagli

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2013-2014 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2013-2014 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9 cfu ANNO

Dettagli

Rischio & Rendimento Italia 2010 25 Novembre 2010, Milano

Rischio & Rendimento Italia 2010 25 Novembre 2010, Milano 08:20 Registrazione e rinfresco di benvenuto Rischio & Rendimento Italia 2010 25 Novembre 2010, Milano 08.50 Saluto del Presidente e considerazioni di apertura 09:00 Keynote: La crisi del debito nell Eurozona:

Dettagli

Fit for Retail Banking

Fit for Retail Banking Fit for Retail Banking I Edizione 2014 Presentazione Con il termine retail banking si indicano generalmente tutte le operazioni bancarie compiute con una vasta clientela attraverso una gamma di prodotti

Dettagli

Compliance management

Compliance management Compliance management Presentazione I requisiti postulati dalla sorveglianza prudenziale, l orientamento ai rischi e l affermarsi progressivo di una cultura della trasparenza, hanno contribuito a valorizzare

Dettagli

CAS in Compliance management

CAS in Compliance management CAS in Compliance management Presentazione I requisiti postulati dalla sorveglianza prudenziale, l orientamento ai rischi e l affermarsi progressivo di una cultura della trasparenza, hanno contribuito

Dettagli

CARTELLA STAMPA. Ottobre 2013. Chi Siamo La Storia Obiettivi integrazione industriale L Offerta di ADVAM Partners SGR Management Contatti

CARTELLA STAMPA. Ottobre 2013. Chi Siamo La Storia Obiettivi integrazione industriale L Offerta di ADVAM Partners SGR Management Contatti CARTELLA STAMPA Ottobre 2013 IR Top Consulting Media Relations & Financial Communication Via C. Cantù, 1 Milano Domenico Gentile, Antonio Buozzi Tel. +39 (02) 45.47.38.84/3 d.gentile@irtop.com ufficiostampa@irtop.com

Dettagli

Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica. Rossano Giuppa

Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica. Rossano Giuppa Relazioni ed interdipendenze tra RAF, ICAAP e Pianificazione Strategica Rossano Giuppa 9 aprile 2015 Giornata di Alto Aggiornamento UNIONE EUROPEA E BASILEA 3 Nuova Vigilanza Europea Le lezioni gestionali

Dettagli

Diploma di approfondimento La fiscalità svizzera

Diploma di approfondimento La fiscalità svizzera Diploma di approfondimento La fiscalità svizzera Edizione II Presentazione Alla luce del successo della prima edizione, il diploma "La fiscalità svizzera" viene riproposto in un formato aggiornato e conforme

Dettagli

Diploma di approfondimento. Successione e trasmissione aziendale in Svizzera. I Edizione, 2015

Diploma di approfondimento. Successione e trasmissione aziendale in Svizzera. I Edizione, 2015 Diploma di approfondimento Successione e trasmissione aziendale in Svizzera I Edizione, 2015 Presentazione Obiettivi Per il mondo fiduciario e bancario l attività di consulenza in ambito di pianificazione

Dettagli

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager

Chief Risk Officer. La nuova agenda degli impegni per il risk manager Chief Risk Officer La nuova agenda degli impegni per il risk manager Corrado Meglio Vice Presidente AIFIRM Responsabile Risk Management Banca di Credito Popolare Steering Committee PRMIA Italy 1 Le banche

Dettagli

DISCORSO DI APERTURA:

DISCORSO DI APERTURA: 08:30 Registrazione e caffè di benvenuto 09:20 Osservazioni preliminari del presidente Programma 09:30 DISCORSO DI APERTURA: Valutazione delle problematiche nazionali e internazionali e di come esse trasformino

Dettagli

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo

Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Pillar II e ICAAP per la gestione del Profilo di rischio complessivo La situazione ed i fattori di successo Roma, 27 giugno 2012 Tullio Lucca Head of Risk Integration & Capital Adequacy Agenda Pillar II

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1

Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali. Roma, 6 giugno 2013 1 Il modello ERM come strumento trasversale per la gestione dei rischi e le sue implicazioni operative e gestionali Roma, 6 giugno 2013 1 Fondata nel 1972 142 soci 50 associati Fatturato complessivo dei

Dettagli

RISK MANAGEMENT CORSI BREVI IN RISK MANAGEMENT

RISK MANAGEMENT CORSI BREVI IN RISK MANAGEMENT RISK MANAGEMENT CORSI BREVI IN RISK MANAGEMENT INDICE Executive Education 3 Area Tematica e Obiettivi del catalogo 4 Direzione 5 Calendario 2014 6 Corsi brevi Risk Management Enterprise Risk Management:

Dettagli

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Paolo Palliola Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a. Roma, 28 giugno 2013 Agenda Cosa ci ha portato di nuovo Basilea

Dettagli

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti

26 e 27 giugno. Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 26 e 27 giugno Direttore Scientifico Prof. Andrea Resti 1 SCHEMA DI SINTESI MARTEDÌ 23 MATTINA (9.15 13.00) SESSIONE PLENARIA DI APERTURA SUPERVISIONE E RISCHI: DENTRO LA VIGILANZA UNICA Giovanni Sabatini,

Dettagli

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi Un partner unico e innovativo: esperienze, competenze e soluzioni a supporto di ogni processo Dedagroup partner dei Confidi Oggi il mondo dei

Dettagli

Master in Private Banking

Master in Private Banking Master in Private Banking 2 Premessa Di fronte ai cambiamenti e alle evoluzioni del mercato che si susseguono con sempre maggiore forza, il private banker riveste un ruolo insostituibile fondato su una

Dettagli

La realtà di Deutsche Bank

La realtà di Deutsche Bank CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Sistemi di risk management a confronto: La realtà di Deutsche Bank Luca Caramaschi Milano, 7 Novembre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

Dettagli

Centro di Studi Bancari. Certificazioni Catalogo 2015

Centro di Studi Bancari. Certificazioni Catalogo 2015 Centro di Studi Bancari Certificazioni Catalogo 2015 indice 5 Centro di Studi Bancari in breve 7 Introduzione Certificati di base 10 Basics in Banking+Finance 11 Basics in Banking+Finance and It Governance

Dettagli

MODELLO TEORICO DEI REQUISITI DI PROFESSIONALITA DEGLI AMMINISTRATORI

MODELLO TEORICO DEI REQUISITI DI PROFESSIONALITA DEGLI AMMINISTRATORI MODELLO TEORICO DEI REQUISITI DI PROFESSIONALITA DEGLI AMMINISTRATORI Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 3 marzo 202 OBIETTIVI Ai fini del corretto assolvimento delle funzioni

Dettagli

VALUTAZIONE FINANZIARIA

VALUTAZIONE FINANZIARIA - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA AMMINISTRAZIONE FINANZA E CONTROLLO

Dettagli

Bank and Insurance financial risk management

Bank and Insurance financial risk management Master in Bank and Insurance financial risk management 10 edizione quest anno con EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO: GESTIRE I RISCHI PER CREARE NUOVE OPPORTUNITÀ Gli operatori di banche e assicurazioni

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 1 Ultimo aggiornamento in data 3 marzo 2016. 2 Sommario

Dettagli

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese

Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Gli accordi di Basilea e l accesso al credito da parte delle imprese Giordano Villa Managing Director Chief Credit Officer Italy 31 st May 2011 La quantità di impieghi che le banche possono erogare dipende

Dettagli

Analisi tecnica applicata Uso professionale dell analisi tecnica per le decisioni di investimento e per il trading (Certified Financial Technician )

Analisi tecnica applicata Uso professionale dell analisi tecnica per le decisioni di investimento e per il trading (Certified Financial Technician ) Analisi tecnica applicata Uso professionale dell analisi tecnica per le decisioni di investimento e per il trading (Certified Financial Technician ) XII Edizione Presentazione Obiettivi Il percorso formativo

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 1 RISCHI DEL GRUPPO BANCARIO Il Gruppo Intesa Sanpaolo attribuisce una forte rilevanza alla gestione e al controllo dei rischi,

Dettagli

COMPANY PROFILE. Maggio 2015

COMPANY PROFILE. Maggio 2015 COMPANY PROFILE Maggio 2015 La Banca in breve Appartenenza ad un gruppo di respiro internazionale Olte 4 miliardi di asset gestiti e amministrati al 31/03/ 15 Banca privata con vocazione di banca personale,

Dettagli

Wealth Risk Management: il controllo del rischio e la tutela dell investitore

Wealth Risk Management: il controllo del rischio e la tutela dell investitore Wealth Risk Management: il controllo del rischio e la tutela dell investitore Workshop Milano,12 giugno 2012 Agenda Tendenze del mercato Wealth Risk Management Framework di riferimento Leve del cambiamento

Dettagli

Presentazione istituzionale

Presentazione istituzionale Presentazione istituzionale Novembre 2014 Milano Via Turati, 9-20121 info@advamsgr.com tel. 02 620808 fax 02 874984 www.advamsgr.com Indice La carta d identità La storia e le competenze La governance e

Dettagli

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione PERCORSO FORMATIVO Modulo 1 12-14 maggio 2014 Modulo 2 3-5 giugno 2014 PERCORSO DI APPROFONDIMENTO 12-13 giugno 2014 23-24 giugno 2014 GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa

Dettagli

2013 Pillar 3. Informativa al pubblico del Gruppo Bipiemme. Situazione al 31 dicembre 2013. Banca Popolare di Milano

2013 Pillar 3. Informativa al pubblico del Gruppo Bipiemme. Situazione al 31 dicembre 2013. Banca Popolare di Milano 2013 Pillar 3 Informativa al pubblico del Gruppo Bipiemme Situazione al 31 dicembre 2013 Banca Popolare di Milano Informativa al pubblico Pillar 3 Banca Popolare di Milano Società Cooperativa a r.l. fondata

Dettagli

IL CENTRO DI STUDI BANCARI. Certificazioni CATALOGO 2014

IL CENTRO DI STUDI BANCARI. Certificazioni CATALOGO 2014 IL CENTRO DI STUDI BANCARI Certificazioni CATALOGO 2014 INDICE 5 Il Centro di Studi Bancari in breve CERTIFICATI DI BASE 9 Basics in Banking+Finance 10 Basics in Banking+Finance and It Governance 11 Consulente

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

IFAF. Master in Risk Management

IFAF. Master in Risk Management IFAF Master in Risk Management Padova, 2 marzo 2013 Obiettivi Il Master è stato strutturato con l obiettivo di fornire un supporto alle imprese e ai professionisti che si trovano a dover gestire, nel corso

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

I Edizione del Master FINANCIAL ADVISOR

I Edizione del Master FINANCIAL ADVISOR I Edizione del Master FINANCIAL ADVISOR a) L Organismo di Formazione ON LINE SERVICE Soc. Coop., presenta la I edizione del Master in FINANCIAL ADVISOR b) La ON LINE SERVICE Soc. Coop. è un Organismo di

Dettagli

Basilea 3, CRD4 e Banking Union

Basilea 3, CRD4 e Banking Union Basilea 3, CRD4 e Banking Union Dove siamo oggi, dove saremo domani? Rischio di Mercato: quali novità sul Trading Book I cambiamenti per le banche a Modello Interno Roma 4 Dicembre 2012 Rita Gnutti Head

Dettagli

FINANCIAL RISK MANAGEMENT

FINANCIAL RISK MANAGEMENT RISK MANAGEMENT PERCORSO EXECUTIVE IN FINANCIAL RISK MANAGEMENT INDICE MIP Management Academy 1 AREA TEMATICA 2 Direzione 3 Percorso Executive in Financial Risk Management 4 Programma 5 Costi e modalità

Dettagli

La consulenza finanziaria del Gruppo Cariparma C.A.

La consulenza finanziaria del Gruppo Cariparma C.A. La consulenza finanziaria del Gruppo Cariparma C.A. La piattaforma a supporto delle scelte di investimento delle famiglie nel contesto di un grande Gruppo Bancario internazionale. Milano, 18 aprile 2013

Dettagli

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura Economica IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO ALESSANDRO BIANCHI 20 Novembre 2014 Indice Introduzione: cosa intendiamo

Dettagli

Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura PREMESSA Principi di base Il Gruppo Intesa Sanpaolo attribuisce una forte rilevanza alla gestione e al controllo dei rischi, quali

Dettagli

GRUPPO BANCA LEONARDO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014

GRUPPO BANCA LEONARDO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014 GRUPPO BANCA LEONARDO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31.12.2014 pag. 1 di 81 INDICE 1. PREMESSA... 4 2. DEFINIZIONI... 4 3. ARTICOLO 435: OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO... 5 3.1 Rischio di mercato...

Dettagli

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013

NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 NOTA AIFIRM Associazione Italiana Financial Industry Risk Managers 23 luglio 2013 E stato introdotto nell ordinamento di vigilanza italiano il concetto di risk appetite framework (RAF). E contenuto nella

Dettagli

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII

Indice. Prefazione, di Tancredi Bianchi XIII. Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XVII Prefazione, di Tancredi Bianchi Presentazione della seconda edizione, di Giancarlo Forestieri XIII XVII Parte prima Il mercato, le istituzioni e gli strumenti di valutazione 1 Il sistema finanziario e

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

CFO. Direzione Amministrazione, Finanza e Controllo

CFO. Direzione Amministrazione, Finanza e Controllo CFO. Direzione Amministrazione, Finanza e Controllo FORMAZIONE AVANZATA ECONOMIA AREA A Amministrazione e Bilancio MODULO 1 PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI I 26 febbraio 11.00-19.00 Presentazione master

Dettagli

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico 31 dicembre 2008

Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico 31 dicembre 2008 Terzo Pilastro di Basilea 2 Informativa al pubblico 31 dicembre 2008 TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 AL 30 GIUGNO 2008 Indice Tavola 1 Requisito informativo generale... 1 Tavola 2 Ambito di applicazione...17

Dettagli

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT ENTERPRISE RISK MANAGEMENT UNA NUOVA PROSPETTIVA DELLA GESTIONE STRATEGICA AZIENDALE 2 a edizione 20-22 MAGGIO 2015 www.mib.edu/erm ENTERPRISE RISK MANAGEMENT Rispondendo a un esigenza sempre più sentita

Dettagli

Master universitario di I livello. Governo societario, Rischi e Controlli - GovRisC

Master universitario di I livello. Governo societario, Rischi e Controlli - GovRisC Master universitario di I livello Governo societario, Rischi e Controlli - GovRisC 2 Master GovRisC Perché Il 15 aggiornamento della Circolare di Banca d Italia n. 263 del 27 dicembre 2006 Nuove Disposizioni

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide 9 Aprile 2015 Agenda 1. Premessa: Il ruolo della Corporate Governance

Dettagli

XV Introduzione XXI Profili degli autori. 3 Parte prima - Profili istituzionali. 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri

XV Introduzione XXI Profili degli autori. 3 Parte prima - Profili istituzionali. 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri XV Introduzione XXI Profili degli autori 3 Parte prima - Profili istituzionali 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri 5 1.1 Premessa: l attività bancaria e il moltiplicatore

Dettagli

Presentazione attività Ticino for Finance. Ottobre 2011

Presentazione attività Ticino for Finance. Ottobre 2011 Presentazione attività Ticino for Finance Ottobre 2011 Indice Chi siamo Contatti Obiettivi progetto Agenda evento Lugano Cosa facciamo Evento Lugano Chi siamo Ticino Swiss Tailor Made Finance è la piattaforma

Dettagli

Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza

Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza Lo scenario di cambiamento del Private Banking in Italia: MIFID, processi di ipercompetizione e nuovi modelli di consulenza Angelo DEIANA Responsabile Mercato Private Gruppo Monte dei Paschi di Siena Scenario

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI AI SENSI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 575/2013

INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI AI SENSI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 575/2013 INFORMATIVA AL PUBBLICO DA PARTE DEGLI ENTI AI SENSI DEL REGOLAMENTO (UE) N. 575/2013 DATI DI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 1 INDICE INTRODUZIONE... 3 OBIETTIVI E POLITICHE DI GESTIONE DEL RISCHIO... 7

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL GOVERNO DEL CREDITO DI GRUPPO

LINEE GUIDA PER IL GOVERNO DEL CREDITO DI GRUPPO LINEE GUIDA PER IL GOVERNO DEL CREDITO DI GRUPPO Normativa attinente ad aree sensibili relative al D.Lgs. 231/01 Area di Rischio: Reati contro la Pubblica Amministrazione Protocolli: Stipula dei rapporti

Dettagli

Redatta ai sensi della Circolare Banca d Italia n. 263/2006 (Titolo IV) Gruppo Banca Popolare di Bari

Redatta ai sensi della Circolare Banca d Italia n. 263/2006 (Titolo IV) Gruppo Banca Popolare di Bari Redatta ai sensi della Circolare Banca d Italia n. 263/2006 (Titolo IV) Gruppo Banca Popolare di Bari 31 dicembre 2013 Indice Introduzione 3 Tavola 1 Requisito informativo generale 4 Tavola 2 Ambito di

Dettagli

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made Chi Siamo Metodia nasce a Siena nel 2004 da un gruppo di consulenti e ricercatori, professionisti in discipline statistiche ed economiche, già impegnati da diversi anni in collaborazioni con l Università

Dettagli

Company Profile. BLU Consulting Srl

Company Profile. BLU Consulting Srl Company Profile Forniamo, prevalentemente a Banche, Compagnie di Assicurazione e Società di Gestione del Risparmio, servizi di consulenza aziendale correlati alla pianificazione, gestione e revisione di

Dettagli

Global Wealth Advisory SIM SpA

Global Wealth Advisory SIM SpA Global Wealth Advisory SIM SpA Multi Family Office Indice Introduzione 3 Team 4 Offerta 5 Benchmark 6 Asset Allocation 7 Reporting 8 Performance Attribution 9 Risk Management 10 Conclusioni 11 Contatti

Dettagli

Finstudi nasce nel 1994 come Scuola di Formazione specializzata per banche e altri intermediari finanziari. Si caratterizza per un intensa attività

Finstudi nasce nel 1994 come Scuola di Formazione specializzata per banche e altri intermediari finanziari. Si caratterizza per un intensa attività FINSTUDI Finstudi nasce nel 1994 come Scuola di Formazione specializzata per banche e altri intermediari finanziari. Si caratterizza per un intensa attività di formazione interaziendale attraverso corsi,

Dettagli

DIREZIONE INVESTMENT BANKING. Il Ruolo del Nomad. Roma, 22 aprile 2009

DIREZIONE INVESTMENT BANKING. Il Ruolo del Nomad. Roma, 22 aprile 2009 DIREZIONE INVESTMENT BANKING Il Ruolo del Nomad Roma, 22 aprile 2009 Il Gruppo Montepaschi Overview Il Gruppo MPS ha perfezionato il 30 maggio 2008 l acquisizione di Banca Antonveneta divenendo il 3 gruppo

Dettagli

Lo sviluppo della compliance nel settore manifatturiero: implicazioni per l'internal Audit e possibili sviluppi futuri. Milano, 12 Ottobre 2015

Lo sviluppo della compliance nel settore manifatturiero: implicazioni per l'internal Audit e possibili sviluppi futuri. Milano, 12 Ottobre 2015 Lo sviluppo della compliance nel settore manifatturiero: implicazioni per l'internal Audit e possibili sviluppi futuri Milano, 12 Ottobre 2015 Agenda Introduzione - F. Albieri L'impegno dell'aiia e del

Dettagli

PROFILO AZIENDALE. Milano Via F. Turati, 9-20121. tel. 02 809500 fax 02 874984

PROFILO AZIENDALE. Milano Via F. Turati, 9-20121. tel. 02 809500 fax 02 874984 PROFILO AZIENDALE Milano Via F. Turati, 9-20121 Padova Via G.A. Longhin, 83-35129 tel. 02 809500 fax 02 874984 info@fin-innovations.com www.fin-innovations.com INDICE LA MISSION GLI ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Contesto di riferimento Framework Lo standard

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA APPROVA IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2015-2020 VALORIZZATO IL RUOLO DI BANCA COMMERCIALE RADICATA SUL TERRITORIO, PUNTO DI

Dettagli

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 PRESENTAZIONE DEL CORSO RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 Informazioni generali LAUREA MAGISTRALE IN FINANZA E RISK MANAGEMENT Prof. Paola Schwizer Ufficio: Via J.K. Kennedy,

Dettagli

IT governance & management. program

IT governance & management. program IT governance & management Executive program VI EDIZIONE / GENNAIO - maggio 2016 PERCHÉ QUESTO PROGRAMMA Nell odierno scenario competitivo l ICT si pone come un fattore abilitante dei servizi di business

Dettagli

Agenda. La società. Industries. I servizi. Credentials. Il network. I contatti

Agenda. La società. Industries. I servizi. Credentials. Il network. I contatti Company profile Agenda La società Industries I servizi Credentials Il network I contatti 1 La società Profile KEP Consulting è una società di consulenza indipendente creata da professionisti con esperienza

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Top Management Forum Il punto annuale su scenari, strategie e strumenti per competere

Top Management Forum Il punto annuale su scenari, strategie e strumenti per competere EDIZIONE 2011 From Strategy to Execution Top Forum Il punto annuale su scenari, strategie e strumenti per competere 30 novembre e 1 dicembre, Milano Prima giornata Sessioni tematiche e oltre 50 Best Practice

Dettagli

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP)

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Versione 2 Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Banca di Credito Cooperativo dei Comuni Cilentani Approvate con delibera del C.d.A. del 21 aprile

Dettagli

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO

BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO BANCA MEDIOLANUM S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO 2011 Sommario 3 PREMESSA 4 INTRODUZIONE 4 1. Obiettivi 4 2. Articolazione del documento 6 1. REQUISITO INFORMATIVO GENERALE 6 1.1. Il sistema dei controlli

Dettagli

Master in Risk Management

Master in Risk Management Master in Risk Management Padova, 24 ottobre 2015 Bologna, 31 ottobre 2015 Roma, 7 novembre 2015 Milano, 14 novembre 2015 Obiettivi Il Master in Risk Management nasce con l obiettivo di dare un supporto

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

Formazione Executive per manager bancari

Formazione Executive per manager bancari Formazione Executive per manager bancari Green Business Executive School Viale Zara 58 20124 Milano Italia t 02 6888241 f 02 69311819 info@gbes.it www.gbes.it Coordinatore Scientifico Prof. Francesco Timpano

Dettagli

L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica

L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica L auto-valutazione dell ICAAP alla prova dei fatti: dalla teoria alla pratica Fabio Salis Roma, 4 Giugno 2009 Agenda Cosa vi avevamo raccontato... Le funzioni aziendali coinvolte nel processo ICAAP Il

Dettagli

Verso il concetto di banca estesa : erogazione del credito ed offerta di servizi alle PMI dopo Basilea 2

Verso il concetto di banca estesa : erogazione del credito ed offerta di servizi alle PMI dopo Basilea 2 IX Convention ABI Basilea 2 e IAS Impresa per la Crescita Roma, 29-30 Novembre Verso il concetto di banca estesa : erogazione del credito ed offerta di servizi alle PMI dopo Basilea 2 Maurizio Bai Financial

Dettagli

IL CONTROLLER IN AZIENDA ANALISI, STRUMENTI, SISTEMI GESTIONALI CORSO EXECUTIVE PART TIME 18 SETTEMBRE 19 DICEMBRE 2015 7ª EDIZIONE

IL CONTROLLER IN AZIENDA ANALISI, STRUMENTI, SISTEMI GESTIONALI CORSO EXECUTIVE PART TIME 18 SETTEMBRE 19 DICEMBRE 2015 7ª EDIZIONE IL CONTROLLER IN AZIENDA ANALISI, STRUMENTI, SISTEMI GESTIONALI CORSO EXECUTIVE PART TIME 18 SETTEMBRE 19 DICEMBRE 2015 7ª EDIZIONE CUOA Business school Da oltre 50 anni Fondazione CUOA forma la nuova

Dettagli

La banca ha sede a Lugano, succursali a Bellinzona, Ginevra, Losanna e Zurigo, filiali a Panama e Montevideo.

La banca ha sede a Lugano, succursali a Bellinzona, Ginevra, Losanna e Zurigo, filiali a Panama e Montevideo. CHI SIAMO Da 50 anni all ascolto degli imprenditori internazionali PKB Privatbank SA è un istituto bancario svizzero a vocazione internazionale, fondato nel 1958 e specializzato nel Private Banking. Come

Dettagli

LA PARTNERSHIP DI SOCIETE GENERALE SECURITIES SERVICES CON CREDIT SUISSE ASSET MANAGEMENT: UN CASE STUDY

LA PARTNERSHIP DI SOCIETE GENERALE SECURITIES SERVICES CON CREDIT SUISSE ASSET MANAGEMENT: UN CASE STUDY SECURITIES SERVICES LA PARTNERSHIP DI SOCIETE GENERALE SECURITIES SERVICES CON CREDIT SUISSE ASSET MANAGEMENT: UN CASE STUDY Alla luce dell aumento dei vincoli normativi, della crescente complessità del

Dettagli