BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali"

Transcript

1 Lezione n. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tenioni normali Determinazione elle configurazioni i rottura per la ezione Una volta introotti i legami cotitutivi, è poibile eterminare le ituazioni per le quali una generica ezione in cemento armato raggiunge, in uno o in entrambi i componenti calcetruzzo e acciaio, le conizioni i rottura, oia le conizioni ultime. Le ipotei principali alla bae el calcolo (che i aottano, come verrà illutrato nel eguito) anche nel cao i calcolo con legami tenioni-eformazione i tipo lineare (a eempio nella valutazione ella icurezza nei confronti egli Stati Limite i Eercizio) ono le tre eguenti: 1. i tracura il contributo el calcetruzzo oggetto a trazione (che però interviene nella tramiione egli forzi i corrimento attravero il meccanimo a traliccio che verrà ecritto nella lezione eicata al taglio);. i ipotizza perfetta aerenza tra le barre i acciaio e il calcetruzzo circotante (anche in ragione el fatto i avere limitato la maima eformazione ell acciaio al valore el 1 ); 3. i ipotizza la conervazione elle ezioni piane come per le travi i materiale omogeneo e iotropo (ipotei i Bernoulli-Navier). Prima i illutrare il proceimento al calcolo è bene evienziare alcuni apetti: - la rottura ella ezione può giungere per il raggiungimento ella eformazione limite nel calcetruzzo compreo (oia perché la fibra più eterna i calcetruzzo raggiunge la eformazione limite el 3.5 ) oppure per il raggiungimento ella maima ilatazione nell acciaio teo (corriponente al valore i eformazione 1 ) - è eviente che non i può raggiungere una conizione i rottura per maima contrazione ell acciaio compreo, in quanto, eeno quet ultimo perfettamente aerente al calcetruzzo nella tea zona, non i potrà mai uperare il limite el 3.5 impoto alla fibra i cl - operano in campo elato-platico, occorre impotare il problema ella eterminazione elle ituazioni i rottura ella ezione operano in termini i eformazioni e non i tenioni: riulta infatti chiaro che mentre a un valore ella eformazione corripone un olo valore ella tenione, non è vero il vicevera, a caua ella preenza i un ramo platico - una volta iniviuata una configurazione i rottura (in termini i eformazioni) i rialirà al valore elle tenioni nel calcetruzzo e nell acciaio e quini alle riultanti i compreione e trazione; infine, arà poibile eprimere la conizione i rottura in termine i coppia i valori i forzo normale e momento flettente (iniviuati nel eguito ripettivamente con N ru e M ru ) che cotituiranno la coppia i ollecitazioni che, e agenti contemporaneamente nella ezione, comportano la rottura ella ezione - a ogni configurazione i rottura corripone un precio valore ella rotazione ella ezione e uite una corriponenza biunivoca tra le configurazioni i rottura e la profonità ell ae neutro, come riulta alla figura eguente: fiata la poizione ell ae neutro, i etermina univocamente la configurazione i rottura, in quanto ogni altra configurazione eformata ella ezione comporterebbe il uperamento ella maima eformazione ammiibile in uno ei ue materiali che cotituicono la ezione Gianni Bartoli/Maurizio Orlano Appunti i Tecnica elle Cotruzioni Bozza oggetta a reviione 18/1/5

2 Lezione n. pag. XX. allungamenti accorciamenti 3.5 h Il ominio reitente ella ezione L inieme elle coppie (N ru, M ru ) che cotituicono ituazioni i rottura per la ezione, rappreentano la frontiera i un ominio che, nel piano (N,M), elimita la zona icura i utilizzo ella ezione (punti interni al ominio al maimo ul ominio) ripetto a punti in cui la ezione non riulterebbe verificata (punti eterni alla frontiera el ominio). Il ominio reitente viene quini cotruito per punti, utilizzano quanto ecritto nel paragrafo preceente, e conierano la poibilità che la zona comprea ia nella parte uperiore ella ezione (momento poitivo, econo la convenzione che viene uualmente utilizzata) oppure nella parte inferiore ella ezione (momento negativo). In termini i rappreentazione, il ominio reitente viene riportato in un piano carteiano in cui i iniviua ulle acie il valore ello forzo normale N (nel c.a. i olito rappreentato come poitivo e i compreione, quini con egno oppoto ripetto all uuale convenzione ella cienza elle cotruzioni) e ulle orinate il valore el momento flettente M (come già etto, normalmente poitivo e riulta comprea la parte uperiore ella ezione). Il ominio reitente è un ominio conveo, e queto a caua i alcune proprietà ella uperficie i platicizzazione (che non verranno qui illutrate e per le quali i rimana a altra ee). Tra le varie efinizioni i conveità che potrebbero eere utilizzate, in queta ee i ricora oltanto che in una uperficie convea qualunque egmento che unice ue punti interni o ulla frontiera ella uperficie è completamente contenuto all interno ella uperficie tea. Tale proprietà comporta alcuni vantaggi operativi non inifferenti: - il ominio potrebbe eere teoricamente cotruito con un numero infinito i punti, oia per tutte le poibili poizioni ell ae neutro variabili tra - (per le convenzioni aottate, ezione uni b zona comprea - nel cao i ezione uniformemente comprea (oia in cui le eformazioni ono cotanti u tutta la ezione) i aume convenzionalmente un valore maimo ella eformazione per il calcetruzzo pari al ; per tutte le configurazioni i ezione interamente comprea (quini con ae neutro eterno alla ezione e tenioni tutte i compreione) i inivia la rottura conierano la eformazione maima el calcetruzzo compreo pari a 3.5 nel cao i fleione emplice e compota con ae neutro reale, e variabile al valore preetto al quano l ae neutro, e- terno alla ezione, tene all infinito (p.to el DM ) 1 configurazione i rottura configurazione non i rottura configurazione non ammiibile: ε troppo elevato nel cl ε

3 Lezione n. pag. XX.3 formemente tea) e + (ezione uniformemente comprea); e tuttavia tale ominio viene cotruito meiante un inieme finito i punti, anche abbatanza limitato, quello che i ottiene rappreenta icuramente un approimazione alla parte ella icurezza el ominio reale, in quanto tale nuovo ominio è enz altro contenuto all interno el preceente M - e i conoceero i punti el ominio caratterizzati a un valore nullo i una elle ue caratteritiche i ollecitazione, il ominio potrebbe, a favore i icurezza, eere approimato con un quarilatero irregolare che unice tali punti (come inicato al p.to B.5.1 ella Circ a cui i farà riferimento in eguito) M ominio cotruito con 6 punti ominio cotruito con punti N N Nel grafico eguente (tratto alla Circ. eplicativa al DM ) ono riportate tutte le poibili ituazioni i rottura per una ezione in calcetruzzo armato. Nel grafico i fa riferimento all altezza h ella ezione (altezza geometrica ella ezione) e all altezza utile ; quet ultima granezza rappreenta la itanza el baricentro ell armatura al lembo uperiore, e ifferice all altezza effettiva per qualche centimetro (i olito h = 3 5 cm). Vale infatti la relazione:

4 Lezione n. pag. XX.4 φ = h c φt ove i evienzia il fatto che all altezza geometrica i ottraggono le tre granezze: - ricoprimento armatura (c); - il iametro elle (eventuali) taffe φ t ; - metà el iametro elle armature reitenti a fleione (φ/). La prima (ricoprimento) rappreenta la minima itanza tra la uperficie ell armatura reitente e le facce eterne el conglomerato, e è fiata per legge. Solitamente, nel cao elle travi, l armatura reitente più eterna è offerta alle taffe, necearie, come i verà in eguito, per aorbire gli forzi i taglio. Le armature longituinali (oia quelle reitenti a fleione) ono i olito collocate all interno elle taffe, come motrato in figura. Il valore minimo el ricoprimento vale ia e miurato in orizzontale che in verticale, riguarano tutte le facce ella ezione in c.a. Normativa c i f φ t b La normativa precrive i eguenti valori minimi per il valore el ricoprimento i armatura: - per olette, etti e pareti: c min =,8 cm per travi e pilatri: c min =, cm - le limitazioni preceenti algono a cm per olette, etti e pareti, e a 4 cm per travi e pilatri, in preenza i aleine marina, i emanazioni nocive o in ambiente comunque aggreivo - le uperfici elle barre evono eere mutuamente itanziate in ogni irezione i almeno una volta il iametro elle barre meeime e, in ogni cao, non meno i cm (interferro minimo: cm) La ifferenza tra h e è peo inicata come copriferro, frequentemente confuo, in maniera erronea, con il valore el ricoprimento i armatura. La limitazione impota al valore ell interferro (inicato con i f nella figura) è ovuta all eigenza i permettere al calcetruzzo i fluire, al momento el getto, nella zona che cotituirà poi il ricoprimento elle armature. c h

5 l ε 8 A - = Campo egli allungamenti Allungamento limite ell'armatura 1 = 5, = 3 = εy 1 4 O Ae i riferimento elle eformazioni Campo egli accorciamenti = h = C 8 + = B 4 7 h. -3 h εc e tei ozzurt e lc ac iml it ne mia cr occ A DEFORMAZIONI SPECIFICHE TIPO DI SOLLECITAZIONE TRAZIONE SEMPLICE OCOMPOSTA FLESSIONE SEMPLICE OCOMPOSTA FLESSIONE SEMPLICE OCOMPOSTA FLESSIONE SEMPLICE O COMPOSTA FLESSIONE COMPOSTA COMPRESSIONE SEMPLICE OCOMPOSTA Lezione n. XX pag. XX.5 TIPO DI ROTTURA MASSIMA DEFORMAZIONE ACCIAIO TESO MASSIMA DEFORMAZIONE ACCIAIO TESO SNERVAMENTO ACCIAIO E SCHIACCIAMENTO CALCESTRUZZO SCHIACCIAMENTO CALCESTRUZZO SCHIACCIAMENTO CALCESTRUZZO SCHIACCIAMENTO CALCESTRUZZO E SNERVAMENTO ACCIAIO COMPRESSO =- = = =h 8 =,5 =1 = ACCIAIO <ε ε ε ε y< ( ε<) ( ε<) y CALCESTRUZZO -- 3,5 εc 3,5 3,5 3,5 εc 3,5

6 Lezione n. XX pag. XX.6 Come i può notare, nel grafico ono riportate ia le poibili poizioni ell ae neutro (a -, ezione uniformemente tea, a +, ezione uniformemente comprea) ia le corriponenti configurazioni eformate ella ezione in conizioni i rottura. Si poono iniviuare tre zone: - conizioni i rottura per maima eformazione nell acciaio teo (in intei rottura lato acciaio ): ono le zone (1) e () el iagramma, in cui l acciaio teo attinge alla maima eformazione el 1 mentre il calcetruzzo i trova in conizioni i eformazione inferiori ripetto a quella ultima; tutte le poibili configurazioni i rottura i ottengono iegnano rette che partono al polo A, e l ae neutro i trova all interno ell intervallo (-.59 ] (il valore el limite uperiore verrà ricavato nel eguito); - conizioni i rottura per maima eformazione nel calcetruzzo compreo (in intei rottura lato calcetruzzo ), zone (3), (4) e (5) el iagramma: il calcetruzzo nella fibra più eterna i trova al valore maimo conentito i eformazione (3.5 ), mentre l acciaio teo attinge a eformazioni inferiori al 1 ; le poibili configurazioni i rottura i ottengono iegnano rette che partono al polo B, e l ae neutro i trova all interno ell intervallo [.59 h]; - conizioni i rottura per maima eformazione nel calcetruzzo compreo e ezione interamente comprea, zona (6) el iagramma: il calcetruzzo nella fibra più eterna i trova al valore maimo conentito i eformazione, che varia al 3.5 (per ae neutro interno o al più al limite ella ezione) al nel cao i ezione uniformemente tea; le poibili configurazioni i rottura i ottengono iegnano rette che partono al polo C, e l ae neutro i trova nell intervallo [h + ). Si poono iniviuare ue valori caratteritici che efinicono il iagramma: la profonità ell ae neutro che corripone alla conizione i eparazione tra la rottura lato acciaio e quella lato calcetruzzo, e la poizione el polo C che viene utilizzata nel cao i conizioni i rottura per ezione interamente comprea. La profonità ell ae neutro nella conizione che epara le zone () e (3) può eere ricavata fruttano la conervazione elle ezioni piane e la legge i imilituine ei triangoli; i ottiene quini, inicano con la profonità ell ae neutro, 3.5 :.35 = ( ) :.1 = = Queta profonità ell ae neutro a rottura caratterizza quella che i chiama rottura bilanciata ella ezione, oia l unica poizione ell ae neutro che conente il maimo fruttamento ella ezione in cemento armato, in quanto ia la fibra maggiormente comprea i cl ia l armatura tea attingono contemporaneamente al loro maimo valore i eformazione. Alla luce elle oervazioni fatte in preceenza, è eviente che eite una ola configurazione i rottura (a parte quella corriponente allo teo calcolo ma con egno oppoto el momento) che oifa tale proprietà. La poizione el punto C può eere eterminata ancora con conierazioni i imilituine ei triangoli, ricavano il valore ella itanza y el lembo inferiore alla quale corripone (con eformazione el calcetruzzo alla fibra uperiore pari al 3.5 e profonità ell ae neutro uguale a h) una eformazione pari al : 4 h :.35 = :. = h = h Una volta iniviuate tutte le poibili conizioni i rottura, i valori elle coppie (N ru, M ru ) che cotituicono il contorno el ominio reitente ella ezione poono eere ricavati con emplici conizioni i equilibrio, come verrà illutrato nel eguito. La Normativa in vigore impone ue limitazioni aggiuntive nel cao i compreione o preofleione: - la prima impone una limitazione ul maimo forzo normale (i compreione) che può eere applicato alla ezione che eve riultare inferiore ripetto a quello calcolato per compreioni centrate, con una maggiorazione el 5% el coefficiente γ c. Il valore ello forzo normale ma-

7 Lezione n. XX pag. XX.7 imo i trova quini riuceno la tenione maima el calcetruzzo attravero l introuzione i un valore i maggiorato i γ c pari a γ c = 1.5 γ c = =. i coneguenza la tenione i progetto el calcetruzzo compreo attinge al valore riotto fck fck.83 R ck fc = = = =.415 R ck γ c.. - inoltre, per tenere conto elle incertezze ul punto i applicazione ei carichi i eve ipotizzare una eccentricità (e), previta nella irezione più favorevole, a ommare a quella eventuale ei carichi e i entità pari al maggiore ei ue valori h/3 e mm, eeno h la imenione nella irezione conierata per la eccentricità; i fatto non è quini poibile verificare una ezione emplicemente comprea, oveno comunque eere tenuto in conto un momento flettente almeno pari a M ru = ± Nru e ove il oppio egno inica che eve eere tenuto in conto nel vero più favorevole. Determinazione elle ollecitazioni corriponenti a una generica configurazione i rottura Una volta iniviuata una configurazione i rottura (in termini i eformazione) per la ezione, occorre rialire all anamento elle tenioni e quini elle caratteritiche i ollecitazione ull intera ezione. La riultante elle compreioni, lato calcetruzzo, può eere calcolata integrano, per l intera profonità ell ae neutro (o ell altezza, e la ezione è interamente comprea e quini con ae neutro eterno alla ezione) il iagramma elle tenioni. Nel cao generale i ottiene quini ( ξ) ( ξ) ξ = b( ξ) [ ε( ξ) ] ξ C = b c c ove i è evienziato il fatto che i riale ai valori ella tenione attravero i valori ella eformazione (come già inicato, l etremo uperiore va limitato a h, altezza ella ezione, nel cao in cui ricaa nell intervallo [h; + )). La riultante i compreione i trova a una itanza C all ae neutro offerta alla relazione 1 C = b( ξ) c( ξ) ξ ξ C che corripone all uuale efinizione i baricentro i una ezione. Ipotizzano la preenza i un armatura comprea A a itanza al lembo uperiore e un armatura tea A a itanza al lembo uperiore, la riultante elle compreioni nell armatura comprea e in quella tea ripettivamente valgono: ' C ' = A' c T = A [ ε ] = A ε( ) = A εc [ ε' ] = A' [ ε( ' )] = A' ε [ ] Nelle ue relazioni preceenti i è fatto uo ella relazione i linearità che lega tra loro, a caua ella conervazione elle ezioni piane, le eformazioni a varie profonità nella ezione; con ε c, ε e ε i ono inicate ripettivamente le eformazioni al lembo maggiormente compreo ella ezione, in corriponenza elle armature compree e in corriponenza elle armature tee.

8 Lezione n. XX pag. XX.8 La eterminazione ella tenione elle armature, a caua ella conformazione el legame tenionieformazioni per l acciaio, è abbatanza emplice, in quanto ε fy e ε < εy f = εy f y e ε εy Una volta ricavate le tre riultanti e la loro poizione, i poono facilmente eterminare i valori elle caratteritiche i ollecitazione (cioè i N e M) alle quali ee anno luogo. E importante notare che, eeno in generale non nullo il valore ello forzo normale, il valore el momento riultante ipene al punto ella ezione ripetto al quale ci i riferice. I valori elle caratteritiche i ollecitazione ono normalmente riferiti al baricentro ella ezione: nel cao i una ezione in C.A. tuttavia il baricentro aume una poizione ivera a econa elle ipotei che i aottano circa il comportamento el calcetruzzo. In generale, infatti, i può penare i riferiri al baricentro ella ezione come e il calcetruzzo teo fornie un contributo all inerzia ella ezione (e allora i parla i poizione el baricentro in ezione interamente reagente), oppure valutarne la poizione in accoro all ipotei i aenza i reitenza a trazione nel calcetruzzo e quini tracurano il contributo all inerzia ella ezione elle fibre i cl che i trovano al i otto ell ae neutro (in queto cao i parlerà i poizione el baricentro in conizioni feurate o i ezione parzializzata). Ancora, i coniera peo (per emplicità i calcolo e per congruenza ripetto alle ipotei che peo i utilizzano nella moellazione ella truttura attravero la ola linea ae egli elementi trave) la poizione el baricentro el olo calcetruzzo in ezione interamente reagente, quini tracurano il contributo nella poizione el baricentro elle armature. Nel coro el proeguimento ella lezione, i coniererà queta ultima circotanza: quini, a eempio nel cao i ezione rettangolare i altezza h, i ipotizzerà i valutare le caratteritiche i ollecitazione riultanti nella ezione ripetto alla poizione pota a itanza h/ al lembo maggiormente compreo (inipenentemente alla preenza o meno i armature in zona comprea). Coì operano, inicano con G la itanza el baricentro alla fibra i cl maggiormente comprea, i ottengono le eguenti relazioni: N = C + C' T M = C ( G ' C ) + C' ( G ' ) T ( G ) Nelle relazioni preceenti i ono implicitamente conierati poitivi gli forzi normali i compreione e poitivi i momenti flettenti che comprimono la parte uperiore ella ezione. Nel cao in cui la itribuzione i tenioni corripona a una configurazione i rottura per la ezione, la coppia i valori (N,M) viene inicata con (N ru, M ru ), ove i tre peici inicano che i tratta i ollecitazioni i rottura (r), valutate in accoro alle tenioni i progetto (), in conizioni i tato limite ultimo (u). A titolo i eempio, e per illutrare le relazioni emplificate che vengono propote in molte elle attuali Normative, i conieri il cao i una ezione rettangolare i bae b, in cui i vogliano calcolare le caratteritiche i ollecitazione corriponenti alla poizione ell ae neutro riportata in figura (che corripone a una rottura lato calcetruzzo ).

9 Lezione n. XX pag. XX f c h Tenioni nel calcetruzzo: eempio per rottura lato calcetruzzo Si otterrebbe: 1 ( ) ( ) ( ) ε ξ ε ξ C = b ξ ξ = b.85 f ξ + ξ ε ε c c b.85 fc 1 in cui 1 è la profonità alla quale i attinge la eformazione el nel calcetruzzo compreo 4 1 = = e ove la funzione ε(ξ) è evientemente lineare ripetto a ξ ξ 7 ξ ε ( ξ) =.35 = ε Si ottiene quini, con qualche emplice paaggio, ( ) C ξ 7 ξ = ξ + ξ = b.85 c ( 4 7) = [ y y ] y + ξ = = ( ) oia (.85 ) (.8 ) C = b c Con paaggi analoghi (che non vengono riportati per brevità) 1 C = b c C In intei i è ottenuto 1 34 ( ξ) ( ξ) ξ ξ =... =.6 (.85 ) (.8 ) C b c.6 b C 1 4/7 3/7 (1) e quini con buona approimazione la itribuzione elle compreioni è equivalente (ia come riultante che come poizione ella riultante) a un rettangolo i altezza.8 a partire al lembo maggiormente compreo. ε ε ε' f c

10 Lezione n. XX pag. XX.1 Le relazioni ricavate i imotrano, a riultati perimentali, ufficientemente accurate anche in ituazioni ivere a quella riportata (a eempio quano, per maggiori profonità ell ae neutro, non ia abbia rottura lato calcetruzzo ma lato acciaio); quini l approimazione ell effettivo anamento ella itribuzione elle tenioni nel calcetruzzo compreo (generalmente rappreentato a un iagramma parabola-rettangolo) con un iagramma rettangolare equivalente è utilizzabile nei cai pratici i interee. A tale propoito la normativa attuale riporta che (al p.to el DM ) per la verifica locale elle ezioni, in alternativa al iagramma parabola rettangolo, la itribuzione elle compreioni può eere aunta uniforme con valori: -.85 f c e la zona comprea preenta larghezza cotante o crecente vero la fibra più comprea; -.8 f c e la zona comprea preenta larghezza ecrecente vero la meeima fibra; ulle eguenti altezze, a partire al lembo compreo: e h: altezza.8 ;.8 h e > h: altezza h.75 h Tale moo i proceere (oia l utilizzo i iagrammi rettangolari equivalenti) è peo inicato con il termine inglee i tre-block. 3/ f c.85 f c Approimazione ella legge parabola-rettangolo con lo tre-block Verifica ella ezione per ollecitazione compota i preo (o teno) fleione Nel cao in cui nella ezione agica una ollecitazione eterna caratterizzata a un valore i forzo normale N u (ove i peici inicano: che i tratta i ente ollecitante, che è un valore i progetto, u che la conizione è i tato limite ultimo) e i momento flettente M u, la verifica ella ezione conite nel controllare che il punto i coorinate (N u, M u ) caa all interno o ulla frontiera el ominio reitente ella ezione. Il proceimento conite quini nell ipotizzare le caratteritiche ella ezione (in termini geometrici, b, h, e, e in termini i armature, A e A ), cotruire per punti il contorno el ominio reitente e verificare che il punto (N u, M u ) caa all interno (o al maimo ul contorno) ello teo. Tutte le oervazioni vite in preceenza ulle poibili emplificazioni nel calcolo el ominio (cotruzione el ominio u un numero limitato i punti, utilizzo ella relazione i tre-block per la valutazione elle compreioni nel calcetruzzo) poono eere utilizzate al fine i renere la verifica maggiormente peitiva..8 ε f c tre-block C.4.6

11 Lezione n. XX pag. XX.11 Verifica ella ezione per ollecitazioni fleionali Nel cao in cui i ebba verificare una ezione che ebba opportare oltanto momento flettente, quini con un valore nullo ello forzo normale i progetto, la proceura i calcolo potrebbe limitari alla ola valutazione el punto el ominio i coorinate (, M ru ), ovviamente con M ru ello teo egno el momento ollecitante M u. La proceura che verrà illutrata nel eguito arà riferita, per emplicità, a una ezione rettangolare i bae b, altezza h, con armature al lembo compreo A (a itanza all etraoo ella ezione) e armature i area A in zona tea (con altezza utile, oia itanza elle armature alla fibra maggiormente ollecitata i calcetruzzo, pari a ). Ovviamente valutazioni analoghe poono eere effettuate anche per ezioni i caratteritiche ivere. Le quantità i armatura vengono peo riferite all area el calcetruzzo, in moo a conierare quantità aimenionali anziché imenionali. Si introucono quini i ue rapporti i armatura ρ (rapporto geometrico i armatura) e ω (rapporto meccanico i armatura) efiniti a: A A y ρ = ω = b b c le tee quantità con un apice (ρ e ω ) i inteneranno riferite all armatura comprea. Il rapporto i armatura (rapporto tra la quantità i armatura ipota in zona comprea e la corriponente in zona tea) verrà inicato con α A' α = A Inicano con la poizione ell ae neutro (ovviamente interno alla ezione, ata l aenza i forzo normale), i poono ricotruire le riultanti elle trazioni e elle compreioni utilizzano lo tre-block per il calcetruzzo (le itanze riportate i rifericono ripetto all etraoo ella ezione, oia alla itanza alla fibra i calcetruzzo maggiormente comprea): C = b.8.85 poizionata a =.4 ( ) ( ) ' f c C C ' = C' = A' poizionata a ' T = A poizionata a T = I valori i f e f i ottengono in funzione elle eformazioni ε e ε in corriponenza ella poizione elle armature, oia, inicano con ε c la eformazione el calcetruzzo alla fibra maggiormente ollecitata, ε' ' fy e ε' < εy ε ' = εc f ' = εy fy e ε' εy ε fy e ε < εy ε = εc f = εy fy e ε' εy Il valore i M ru i ottiene imponeno nulla la riultante ello forzo normale ulla ezione e valutano il momento reitente ripetto a un qualunque punto ella ezione (vito che la conizione N ru = permette i affermare che il valore el momento riultante riulterà lo teo ripetto a qualunque punto). Si avrà quini N M ru ru = = b C + C' T = b (.8 ) (.85c ) + A' ' = A (.8 ) (.85 ) (.4 ) + A' ' ( ' ) c Le equazioni appena critte conentono in teoria i riolvere il problema, in quanto alla prima i ricava la poizione i e quini alla econa il valore el momento reitente. Da un punto i vita

12 Lezione n. XX pag. XX.1 operativo è tuttavia neceario proceere per tentativi, in quanto i ue valori ella tenione f e f ipenono, in maniera non lineare, al valore i : i opera quini ipotizzano una poizione per, valutano i ue valori elle tenioni nelle armature, controllano la conizione N ru = fino a convergenza; una volta ricavato il valore corretto i (e quini la corretta conizione i rottura), i può proceere alla valutazione el momento reitente M ru. Il cao i armatura emplice Alcune conierazioni aggiuntive poono eere effettuate e i coniera la ezione con aenza i armatura comprea (quini A =, etta anche i emplice armatura ). In queto cao le relazioni i emplificano nelle eguenti: b (.8 ) (.85c ) = A = b (.8 ) (.85 ) (.4 ) M ru c e è poibile proceere per poizioni fiate ell ae neutro. Infatti eite una zona i variazione ella poizione ell ae neutro per cui l acciaio teo è icuramente a una eformazione uperiore ripetto a ε y, e quini in cui la tenione nell acciaio riulta pari a f y. A tal fine, i iniviua una poizione particolarmente ignificativa per l ae neutro in conizioni i rottura ella ezione, inicata con y, quella che corripone alla poizione per cui i raggiunge la eformazione ε y nell armatura tea, in conizioni ovviamente i rottura lato calcetruzzo. Si ha quini.35 y :.35 = ( y ): ε y y =.35 + ε y e tale poizione è fiata una volta celte le caratteritiche meccaniche ell acciaio. A eempio, nel cao in cui le armature iano cotituite a acciaio tipo FeB44k i avrebbe f y f yk 43 ε y = = = =.18 E γ E cioè pari circa all 1.8 ; i coneguenza y = = = ε y Quini e l ae neutro ha poizione comprea tra e.658, l acciaio teo è icuramente nervato, per cui la tenione riulta pari a f y. Di coneguenza la prima elle ue relazioni preceenti aume la forma ω b (.8 ) (.85c ) = A y.68 = ω =.68 E quini M M ru ru = b ω.8.68 ( 1. ω) = b 59 c (.85 ) 1.4 c ω.68 Inoltre, utilizzano le relazioni preceentemente ecritte, è poibile iniviuare, in funzione el valore el rapporto meccanico i armatura, la configurazione i rottura ella ezione:

13 Lezione n. XX pag. XX.13 Poizione ae neutro a rottura Caratteritiche ella rottura ella ezione Definizione Rapporto meccanico i armatura <.59 Rottura lato acciaio Campo elle eboli armature ω < < / < y Rottura lato calcetruzzo Campo elle meie armature.176 < ω < ω y > y Rottura lato calcetruzzo, Campo elle acciaio in campo elatico forti armature ω> ω y Nota: nel cao i utilizzo i acciaio FeB44k, i ue limiti y e ω y valgono ripettivamente.658 e.448. La celta el valore i ω pari a.176 conuce a una configurazione i rottura bilanciata, quini, in un certo eno, rappreenta la conizione ottimale i utilizzo ella ezione. Il valore i ω y, valore el rapporto meccanico i armatura al i opra el quale i arriva alla rottura ella ezione con acciaio ancora in campo elatico, riulta pari a y ω y =.68 Se l armatura ipota nella ezione uperae tale valore, l epreione per la eterminazione ella poizione ell ae neutro a rottura in conizioni i ola fleione riulterebbe la eguente (ricorano che, in queto cao, f =f y ε /ε y, e che ε =(-).35/).35 b (.8 ) (.85c ) = A y ε y e quini i trova riolveno tale equazione (i grao). E bene infine oervare che uualmente i preferice operare con ezioni che preentino, a rottura, una poizione ell ae neutro limitata alle eguenti quantità (*).1.45 e queto per ue iveri orini i motivi: - la limitazione inferiore (/ >.1) è ettata alla contatazione che (almeno per momento poitivo) la compoizione e la qualità el calcetruzzo nella parte uperiore ella trave può riultare peggiore i quella nelle retanti parti elle travi, ato che il getto avviene per gravità e che quini potrebbe aumentare la probabilità che la reitenza el getto in tale zona riulti inferiore a quella ipotizzata; inoltre tale limitazione garantice comunque (al i là el moello i calcolo) che gli allungamenti ell acciaio teo iano ufficientemente contenuti a garantire l aerenza tra acciaio e calcetruzzo; - la econa (/ <.45), riportata anche in molte elle attuali Normative (i vea il p.to el DM ) eriva alla neceità i conferire comunque un aeguata uttilità al calcetruzzo armato; al momento che ituazioni particolarmente profone ell ae neutro a rottura iniviuano ituazioni in cui una notevole porzione i calcetruzzo compreo, e quini la poibilità i potari vero meccanimi i rottura ella ezione maggiormente fragili, i richiee eplicitamente, a meno i non utilizzare moelli i calcolo più ofiticati o i iporre un aeguata armatura i confinamento atta a incrementare la uttilità ella ezione, i non conierare ituazioni a rottura in cui l ae neutro auma una poizione al i opra el limite tabilito. Di coneguenza, il range preferenziale i utilizzo el rapporto meccanico i armatura riulta.68 ω.36. (*) Tale limitazione è a riteneri valia per calcetruzzi i reitenza orinaria (f ck < 35 N/mm ); nel cao i calcetruzzi i reitenza uperiore (f ck < 35 N/mm ), tale limitazione va riotta al valore.35.

14 Lezione n. XX pag. XX.14 Il braccio ella coppia interna È i interee introurre anche una nuova granezza, enominata braccio ella coppia interna e inicata con la lettera z. Tale quantità rappreenta, rigoroamente olo nel cao i ezioni con armatura emplice, la itanza tra la riultante elle compreioni e quella i trazione, oia quella quantità che, moltiplicata per il valore ella riultante i compreione C (o i trazione T, ato che in fleione emplice tali quantità i equivalgono) fornice il momento reitente: M ru = C z( = T z) Si ha: z =.4 = 1.4 Dal momento che la poizione i / è collegata linearmente al valore el rapporto meccanico i armatura, i ottiene.4 z = 1.4 = 1 ω = ( ω).68 Nel range preferenziale i utilizzo el rapporto meccanico i armatura riulta quini z.8.96, e molto peo i utilizza l approimazione (inipenente al valore i ω) z.9 come riulterà eviente nei capitoli eguenti. La conizione i rottura bilanciata Si è già vito che in conizioni i rottura bilanciata la profonità ell ae neutro aume il valore =.59 Di coneguenza, uano lo tre-block per il calcolo ella riultante i compreione nel calcetruzzo (le itanze riportate i rifericono ripetto all etraoo ella ezione, oia alla itanza alla fibra i calcetruzzo maggiormente comprea) (.8 ) (.85 ) C = b poizionata a =.4 f c C T = A y poizionata a T = i ha N ru o anche N M ru ru = C T = b (.8.59 ) (.85c ) A y.176 b c A y (. ω) = b f 176 c h = C.4 + A y h b c h ω Nel cao in cui foe preente anche l armatura comprea, alle granezze preceenti i aggiunge una riultante i compreione C' = A' ' h ove f, tenione al livello elle armature compree, ipene al valore i ε

15 Lezione n. XX pag. XX.15 ε' ' fy e ε' < εy ε ' =.35 f ' = εy fy e ε' εy e quini, utilizzano formule analoghe a quelle vite in preceenza, = C + C' T N ru h h h Mru = C.4 + A' ' ' + A y La conizione i rottura bilanciata può eere utilizzata quano i cerchi i progettare una ezione che ebba opportare oltanto momento flettente, quini con un valore nullo ello forzo normale i progetto. In queto cao, inicano con M u il valore ello forzo normale i progetto, occorre iniviuare una ezione nella quale i abbia M ru M u, imponeno a eempio che la conizione i rottura equivalga a quella i rottura bilanciata. Tale conizione conentirebbe infatti il maimo fruttamento ei ue materiali, quini minimizzano la quantità i calcetruzzo e i armatura impiegata. E in queto cao poibile iniviuare una formula i progetto per la ezione: i ipotizzi, come primo tentativo, che l armatura comprea, in conizione i rottura bilanciata, i trovi a livello i eformazione tale a riultare nervata, cioè che '.59 ' ' ε ' = εc =.35 = ε y.59 In queto cao l equazione i equilibrio alla tralazione (aenza i forzo normale) i trauce in (.8.59 ) (.85 ) + A' A Nru = C + C' T = b c y y = o anche (introuceno il rapporto i armatura α e il rapporto meccanico i armatura ω) (.8.59) (.85) = ( 1 α) ω e quini. 176 ω = 1 α L epreione preceente conente, una volta fiato il rapporto i armatura (a eempio, A =.5 A, cioè α=.5), i tabilire la percentuale meccanica i armatura necearia a avere una rottura bilanciata ella ezione in conizioni i olo momento flettente. Imponeno la conizione i verifica ella ezione (quini che M ru M u ) e la conizione i equilibrio alla rotazione ripetto al baricentro ell armatura tea, i ha C (.4 ) + A' y ( ' ) Mu e con qualche paaggio b (.8.59 ) (.85 fc ) (.4.59 ) + A' y ( ' ) Mu ' Mu α ω 1 b c otitueno il valore i ω preceentemente trovato α α α α ' M 1 b ' M 1 b u c u c

16 Lezione n. XX pag. XX.16 α b fc ( ' ) Mu 1 α α.176 α.176 ' b fc Mu ( 1 α) ( 1 α) La relazione ricavata rappreenta una iequazione i econo grao nell incognita : fiano quini il valore ella bae ella ezione, el rapporto i armatura α e la poizione ell armatura comprea, è poibile ricavare il valore minimo i che garantice la verifica allo SLU in conizioni i rottura bilanciata; ucceivamente poi i efinice l ammontare ell armatura tea e comprea attravero la relazione in ω. La relazione preceente pere i ignificato quano α 1; è el reto abbatanza incongruente cercare i progettare in moo a ottenere la rottura bilanciata in una ezione con una forte armatura in zona comprea. Bati penare che nel cao A =A, cioè α=1, riulterebbe impoibile imporre contemporaneamente le ue conizioni N ru = (aenza i forzo normale) e =.59 (rottura bilanciata) in quanto i avrebbe una riultante elle compreioni nell armatura comprea (C ) uguale a quella i trazione nelle armature tee, per cui il termine C+C -T aumerebbe comunque valori > (a meno i non avere =), evienziano coì il fatto che la conizione i rottura con valori i > non può eere verificata in aenza i forzo normale. In generale, l approccio utilizzato riulta ignificativo oltanto nella zona in cui l armatura ipota in zona comprea riulti ufficientemente minore ella corriponente in zona tea. Il cao i armatura emplice Nel cao i ezione con armatura oltanto in zona tea, l epreione preceente i emplifica in.158 b M c u al momento che α=. è quini poibile proceere al progetto i una ezione emplicemente inflea in moo a ottenere una rottura bilanciata: baterà infatti imporre che il momento reitente uguagli (al minimo) il momento ollecitante per ottenere 1 Mu =.158c b o anche, con emplici paaggi, 3.5 Mu Mu = r' R ck b b ove i è poto 3.5 r ' = R ck Dalla relazione che lega il valore el rapporto meccanico i armatura con la profonità ell ae neutro a rottura i ottiene inoltre A y.176 b c ω = =.176 A = b c f y fruttano la relazione ricavata in preceenza, i può ricavare, con emplici otituzioni,.1 R A ck = f y aveno poto Mu b = t' Mu b

17 Lezione n. XX pag. XX.17 t' =.1 R f ck y Le ue formule riportate conentono, una volta fiate le caratteritiche ei materiali, i cegliere l altezza ella ezione e l area ell armatura in moo a reitere alla ollecitazione fleionale in conizioni i rottura bilanciata (^). Una formula approimata i progetto nel cao i preofleione nei pilatri Negli elementi verticali oggetti a preo fleione iamo in preenza generalmente i elementi con valori abbatanza elevati ello forzo normale e i olito con armature immetriche (oia A =A, α=1). In queto cao, noti i valori ello forzo normale e el momento flettente i progetto (N u, M u ), i può penare i impotare il calcolo in maniera analoga a quanto fatto in preceenza, per giungere a un preimenionamento ella imenione ella ezione. Ipotizzano i fruttare ia l armatura comprea che quella tea alla maima tenione (quini f =f =f y ), i ottiene C' = A' ' = A' T = A = A y y e quini T=C ; i coneguenza l equilibrio alla tralazione comporta che (imponeno l uguaglianza tra forzo normale reitente e forzo normale ollecitante) Nu = C + C' T = C Nu = b (.8 ) (.85c ) =.68c b cioè Nu =.68c b equazione che permette i valutare la poizione ell ae neutro. L equilibrio alla rotazione ripetto alla poizione i metà altezza ella ezione (che corripone anche al baricentro ella ezione interamente reagente, tante la uppota immetria elle armature) aume la forma h ' h ' ' h Mu =.68c b.4 + A y + A y h M ( ' u =.68c b.4 + A y ) Utilizzano le approimazioni ', h tanto più valie quanto minore è il copriferro ell armatura ripetto all altezza ella ezione, e utilizzano la efinizione i rapporto geometrico i armatura A ρ = b i può ricrivere l equazione preceente nella forma (^) I ue coefficienti r e t, che ipenono olo alle caratteritiche ei materiali impiegati, ono gli equivalenti agli tati limite ei coefficienti r e t che i utilizzano nel progetto econo il metoo elle tenioni ammiibili.

18 Lezione n. XX pag. XX fc b e.4 = ρ y b in cui i è poto Mu e = Nu e i è fruttata la relazione Nu =.68c b Si è coì giunti all equazione i econo grao in f ρ y + ( e.4 ) =.68c ove aume il valore ricavato in preceenza. L equazione appena introotta conente, una volta fiato un valore plauibile el rapporto geometrico i armatura (+), i ottenere, a caua ella approimazioni introotte, oltanto un preimenionamento ell altezza utile ella ezione: occorrerà quini, ucceivamente al progetto ella ezione, proceerne alla verifica econo quanto pecificato in preceenza. Infine, la proceura i preta a eere utilizzata oltanto quano il valore ell eccentricità e non riulti troppo elevato: in cao i eccentricità notevoli (e quini notevole preponeranza ella ollecitazione fleionale ripetto a quella aiale), converrà ottenere il preimenionamento ella ezione ipotizzano una rottura per fleione emplice e proceere ucceivamente alla verifica per preofleione. Precrizioni i normativa: armature minime La Normativa vigente riporta alcune precrizioni (contenute nella parte relativa alle regole pratiche i progettazione) riguaro le armature minime a iporre negli elementi in c.a. i uo corrente, in particolare travi e pilatri. Nel eguito i riportano le principali i tali limitazioni, rinviano al teto ella Normativa e alla relativa circolare eplicativa per un elenco puntuale elle varie precrizioni. Travi Nelle trutture inflee in elevazione la percentuale i armatura longituinale, nella zona tea, riferita all area totale ella ezione i conglomerato, non eve cenere otto lo.15 per barre a aerenza migliorata e otto lo.5 per barre lice. Tale armatura eve eere convenientemente iffua. Alle etremità elle travi eve eere ipota una armatura inferiore, convenientemente ancorata, in grao i aorbire, allo tato limite ultimo, uno forzo i trazione uguale al taglio. Sempre nelle travi evono eere ipote taffe (i vea uno ei ucceivi capitoli eicato al taglio) aventi ezione compleiva non inferiore a At = b (in cm / m) b con e b eprei in cm, e ove b rappreenta lo peore minimo ell anima ella trave e in cui i può porre, altezza utile ella ezione, pari a =.9 h con h altezza ella ezione. In ogni cao eve eere previto un minimo i tre taffe al metro e comunque pao non uperiore a,8 volte l altezza utile ella ezione. Tali taffe evono eere collegate a appoite armature longituinali. (+) Il valore i ρ riente comunque i alcune limitazioni impote alla Normativa, come pecificato nel paragrafo ucceivo. In fae i preimenionamento i può aumere un area pari all 1 % ella ezione effettiva (e quini ρ.5.1) e proceere al calcolo el pilatro.

19 Lezione n. XX pag. XX.19 In proimità i carichi concentrati o elle zone appoggio, per una lunghezza pari all altezza utile ella ezione a ciacuna parte el carico concentrato, il pao elle taffe non ovrà uperare il valore 1 l, eeno l il iametro minimo ell armatura longituinale. Pilatri Nei pilatri oggetti a compreione centrata o eccentrica eve eere ipota un armatura longituinale i ezione non minore i NS Al.15 fy ove N S è la forza normale i calcolo in eercizio per combinazione i carico rara e f y è la reitenza i calcolo ( ). L area ell armatura longituinale eve riultare comunque comprea fra lo.3% e il 6% ella ezione effettiva. In ogni cao il numero minimo i barre longituinali è quattro per i pilatri a ezione rettangolare o quarata e ei per quelli a ezione circolare, e il iametro elle barre longituinali non eve eere minore i 1 mm. Deve eere empre previta una taffatura pota a interae non maggiore i 15 volte il iametro minimo elle barre impiegate per l armatura longituinale, con un maimo i 5 cm. Tali taffe evono preentare un iametro non minore i 6 mm e i 1/4 el iametro maimo elle barre longituinali; inoltre le taffe evono eere chiue e conformate in moo a contratare efficacemente, lavorano a trazione, gli potamenti elle barre longituinali vero l eterno. Le funzioni principali volte alle taffe, nel cao i elementi prevalentemente comprei quali i pilatri, ono eenzialmente le eguenti: - impeire che le barre longituinali i intabilizzino; - confinare il calcetruzzo, quini miglioranone la reitenza e la uttilità in preenza i forti compreioni, limitano le poibilità i rotture i tipo fragile proprie i tali elementi trutturali. Ø taffe Ø /4 long 6 mm p 15 Ø 5 cm long φ taffe φ long Precrizioni i normativa per i pilatri p < almeno 1Ø1 per pigolo ( ) La circolare riporta una precrizione un po ivera, correggeno tale affermazione con l inicazione che N S è la forza normale i calcolo (allo tato limite ultimo).

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo ESERCIZI DI FISICA CHAPTER 1 CINEMATICA 1.1. Moto Rettilineo Velocità media: vettoriale e calare. Exercie 1. Carl Lewi ha coro i 100m piani in circa 10, e Bill Rodger ha vinto la maratona (circa 4km)

Dettagli

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI Giunzione a compara in lega di alluminio per utilizzo in ambienti interni ed eterni (cl. di erv. 2) Preforata con ditanze ottimizzate per giunzioni ia u legno (chiodi

Dettagli

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer Mea a punto avanzata più emplice utilizzando Funzione Load Oberver EMEA Speed & Poition CE Team AUL 34 Copyright 0 Rockwell Automation, Inc. All right reerved. Co è l inerzia? Tutti comprendiamo il concetto

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media Errori di miura Se lo trumento di miura è abbatanza enibile, la miura rietuta della tea grandezza fiica darà riultati diveri fra loro e fluttuanti in modo caratteritico. E l effetto di errori cauali, o

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

Impianti VAV di ultima generazione

Impianti VAV di ultima generazione PANORAMICA Impianti VAV di ultima generazione Prodotti all'avanguardia per la ventilazione regolabile u richieta! www.wegon.com La ventilazione regolabile u richieta garantice grande comfort e coti di

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

Catalogo isoweld Il sistema di fissaggio ad induzione. Nuovo

Catalogo isoweld Il sistema di fissaggio ad induzione. Nuovo Catalogo isowel Il sistema i fissaggio a inuzione Nuovo isowel l innovativo sistema i fissaggio a inuzione i SFS intec Il nuovo sistema isowel TM i SFS intec è un sistema i fissaggio a inuzione innovativo

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA. anni di AIP. Relazione del Presidente in occasione del 10 Congresso Nazionale

ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA. anni di AIP. Relazione del Presidente in occasione del 10 Congresso Nazionale ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA anni di AIP Relazione del Preidente in occaione del 10 Congreo Nazionale Gardone Riviera (BS), 15 aprile 2010 Preidenti Onorari Mario Barucci Lodovico Frattola Pat

Dettagli

Swisscodes 2003 Corso di postformazione SUP

Swisscodes 2003 Corso di postformazione SUP Swisscoes 2003 Corso i postformazione SUP SIA 267 Geotecnica Basi e concetto i imensionamento 23/01/2014 Corso i applicazione ella norma SIA 267 - Geotecnica 1 Basi e concetti i imensionamento 1. Introuzione,

Dettagli

ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI

ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI 1. Tipi di Onde Exercie 1. Un onda viaggia lungo una corda tea. La ditanza verticale dalla creta al ventre è di 13 c e la ditanza orizzontale dalla creta

Dettagli

Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO. 7.1 Principi generali. 7.1.1 Premessa BOZZA

Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO. 7.1 Principi generali. 7.1.1 Premessa BOZZA BOZZA Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7.1 Principi generali 7.1.1 Premessa Con il nome di strutture composte acciaio-calcestruzzo vengono indicate usualmente

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R

Soluzioni Esercitazione VIII. p(t)dt = R S. a Si ha Soluioni Esercitaione VIII PT > + ptt ptt perché pt per t u + perché

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

Edifici in muratura in zona sismica

Edifici in muratura in zona sismica Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia - 26 novembre 2010 Edifici in muratura in zona sismica Dott. Ing. Nicola GAMBETTI, Libero Professionista EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA 0. IL OETO D IERZIA GIRO DELLA ORTE ER U CORO CHE ROTOLA ell approfondimento «Giro della morte per un corpo che scivola» si esamina il comportamento di un punto materiale che supera il giro della morte

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

EQUAZIONI CON VALORE ASSOLUTO

EQUAZIONI CON VALORE ASSOLUTO VALORE AOLUTO EQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Esercizi DIEQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Esercizi Prof. Giulia Cagnetta ITI Marconi Domodossola (VB) *EQUAZIONI CON VALORE AOLUTO Data una qualsiasi espressione

Dettagli

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle

Stefano Falorsi. di seconda e quinta elementare rispettivamente di numerosità e N. I test somministrati alle Nota metooogica sua strategia i campionamento e sistema nazionae i vautazione ee competenze per e cassi secona e quinta e primo cico ea scuoa primaria Stefano Faorsi. Obiettivi I Sistema Nazionae i Vautazione

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Elaborato di Meccanica delle Strutture

Elaborato di Meccanica delle Strutture Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Elaborato di Meccanica delle Strutture Docente

Dettagli

Raffinamenti dell equilibrio di Nash

Raffinamenti dell equilibrio di Nash Raffinamenti dell equilibrio di Nah equilibri perfetti nei ottogiohi (SPE) ed altro Appunti a ura di Fioravante PATRONE verione del: maggio ndie Equilibri perfetti nei ottogiohi (SPE) SPE problematii 4

Dettagli

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione

La rappresentazione per elencazione consiste nell elencare tutte le coppie ordinate che verificano la relazione RELAZIONI E FUNZIONI Relzioni inrie Dti ue insiemi non vuoti e (he possono eventulmente oiniere), si ie relzione tr e un qulsisi legge he ssoi elementi elementi. L insieme A è etto insieme i prtenz. L

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

Riferimenti Iconografici

Riferimenti Iconografici Corso di Aggiornamento per Geometri su Problematiche Strutturali Calcolo agli Stati Limite Aspetti Generali 18 novembre 005 Dr. Daniele Zonta Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Università

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano PPUNTI DI SCIENZ DEE COSTRUZIONI Giulio lfano nno ccademico 004-005 ii Indice 1 TRVTURE PINE 1 1.1 Geometria, equilibrio e vincoli...................... 1 1.1.1 Piani di simmetria........................

Dettagli

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 1. Descrizione della struttura portante Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 terrazzamenti delimitati da preesistenti muri di sostegno. L edificio è suddiviso

Dettagli

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO, LA VALUTAZIONE E L ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI 1 OGGETTO DELLE NORME...7 2 REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA...8 2.1 SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITÀ

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE CAPITOLO 7. 7. PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE BOZZA DI LAVORO Ottobre 2014 278 [BOZZA DI LAVORO OTTOBRE 2014] CAPITOLO 7 Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Analisi non lineare di sezioni in c.a. soggette a pressoflessione deviata

Analisi non lineare di sezioni in c.a. soggette a pressoflessione deviata Analisi non lineare di sezioni in c.a. soggette a pressoflessione deviata Marco Di Ludovico, Gian Piero Lignola, Andrea Prota, Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Università degli Studi

Dettagli

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α?

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? QUESITO 1 Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? Applicando il Teorema dei seni si può determinare il valore di senza indeterminazione, in quanto dalla

Dettagli

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni APPLICAZIONI INNOVATIVE CON MICROCA ALCESTRUZZI DUTTILI PER RINFORZII ED ADEGUAMENTI SISMICI Dario Rosignoli Stefano Maringoni Tecnochem Italiana S.p.A. Sommario Con gli acronimi HPFRC High Performancee

Dettagli

PROBLEMI. 1) Calcolare il tempo impiegato dal suono per percorrere 8 Km. La velocità del suono nell aria è v = 340 m/s.

PROBLEMI. 1) Calcolare il tempo impiegato dal suono per percorrere 8 Km. La velocità del suono nell aria è v = 340 m/s. PROBLEMI 1) Calcolare il tempo impiegato dal uono per percorrere 8 Km. La velocità del uono nell aria è v = 340 m/. ) Dopo quanto tempo un onda onora emea da un punto ditante 400 m da una uperficie ripaa

Dettagli

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Corso di formazione in INGEGNERIA SISMICA Verres, 11 Novembre 16 Dicembre, 2011 Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Alessandro P. Fantilli alessandro.fantilli@polito.it Verres,

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Forze conservative Esercizio Una pallina di massa m = 00g viene lanciata tramite una molla di costante elastica = 0N/m come in figura. Ammesso che ogni attrito

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI

PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI Paolacci Fabrizio Università degli Studi Roma Tre Facoltà di Ingegneria INDICE 1. Introduzione 2. La ripartizione dei carichi verticali 2.1.

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni.

MATEMATICA. { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un numero x ed un numero y che risolvano entrambe le equazioni. MATEMATICA. Sistemi lineari in due equazioni due incognite. Date due equazioni lineari nelle due incognite x, y come ad esempio { 2 x =12 y 3 y +8 x =0, si pone il problema di trovare, se esistono, un

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M.

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008 Con decreto ministeriale 14 gennaio 2008, pubblicato nella

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche v.scudero Una disequazioni algebrica si presenta in una delle quattro forme seguenti: () P( () P( (3) P( () P( essendo P( un polinomio in. Noi studieremo

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA

EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo IX CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Dott.Ing. Giulio Pandini L Ingegneria e la Sicurezza Sismica Novembre 2003 EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA Prof.

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2 MIT-SE Plus 300 e 400 Ancorante Chimico Strutturale Vinilestere/Epossiacrilato certificato ETA/CE DESCRIZIONE Mungo MIT-SE Plus è un ancorante chimico strutturale ad alte prestazioni e rapido indurimento,

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

QUADERNI DI DIDATTICA

QUADERNI DI DIDATTICA Department of Applied Mathematics, University of Venice QUADERNI DI DIDATTICA Tatiana Bassetto, Marco Corazza, Riccardo Gusso, Martina Nardon Esercizi sulle funzioni di più variabili reali con applicazioni

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Calcolo semplificato agli stati limite

Calcolo semplificato agli stati limite CARLO SIGMUND Calcolo semplificato agli stati limite PER STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO ACCIAIO LEGNO MURATURA @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on

Dettagli

FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA

FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA Strutture esistenti in c.a. e c.a.p., livelli di conoscenza, prove distruttive e non distruttive, progetto

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli