La valutazione della qualità dei siti Web 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La valutazione della qualità dei siti Web 1"

Transcript

1 La valutazione della qualità dei siti Web 1 Luisa Mich Università di Trento Premessa L importanza di Internet e del Web hanno aumentato la domanda di qualità per i siti Web. Secondo le statistiche più recenti, gli utenti di Internet rappresentano ormai il 16,6% della popolazione mondiale, con percentuali che arrivano fino al 69,7% per l America del Nord (Internet World Stats, Sempre più vasta e articolata è la gamma di attività realizzate attraverso Internet. Un indicatore interessante delle dimensioni di questo fenomeno è rappresentato dalla lunga lista di neologismi di cui e-commerce è forse il più noto (dati sulla portata economica di questo settore sono reperibili, oltre che sul sito sopra citato, sul sito dell EITO - European Information Technology Observatory, fra i quali possiamo citare e-business, e- government, e-democracy, e-learning, e-tourism, e-cruitment (Word Spy, Definizioni e concetti di base Per affrontare il problema della valutazione della qualità dei siti Web, è necessario innanzitutto dare una definizione del termine qualità. A tal fine faremo riferimento alla definizione proposta dall International Standards Organization (ISO), che recita: [Quality is] the totality of characteristics of an entity that bear on its ability to satisfy stated and implied needs (ISO 8402, 1994). Analizzando le componenti principali di questa definizione entità e necessità - osserviamo innanzitutto come la genericità del termine entità ci permetta di applicarla anche ai siti Web. Mentre necessità richiama uno o più soggetti, che dovranno essere identificati per poter determinare quali siano le caratteristiche che il sito Web deve presentare per soddisfarne le esigenze. Come vedremo, nell interpretazione di questa definizione sono contenuti tutti gli 1 Ed. Kappa, Roma, /18

2 elementi base per definire un metodo per la valutazione della qualità dei siti Web. Approfondiamo ora ciascuno dei concetti richiamati, a partire da quello di sito Web: Un sito web o sito internet (spesso abbreviato in sito) è un insieme di pagine web, ovvero una struttura ipertestuale di documenti accessibili con un browser tramite World Wide Web su rete Internet. Una pagina Web è un documento, tipicamente scritto in HTML, nella maggior parte dei casi accessibile via http, un protocollo che trasmette informazioni dal server su cui si trova il sito Web al browser dell utente (Wikipedia, Da questa prima descrizione emerge come un sito Web sia costituito da elementi informatici di diversa natura - software, hardware e di rete. Per i nostri scopi è necessario aggiungere un aspetto meno evidente, ma molto rilevante ai fini della valutazione della qualità: per i siti Web si deve parlare di servizi e prodotti embedded. Un sito Web infatti non è solo un prodotto, né solo un servizio, ma è un entità complessa, per la quale risulta difficile stabilire dove termina la parte tecnologica e inizia quella di servizio, o dove termina il codice e iniziano i contenuti, ecc. Non solo, in molti casi il sito Web è parte integrante del modello di business di un azienda o di una organizzazione, per la quale gioca un ruolo strategico. Queste prime considerazioni portano a due riflessioni importanti: la prima, di carattere metodologico, riguarda il fatto che non è possibile adottare per la valutazione della qualità di un sito Web modelli esistenti, sviluppati, ad esempio, per valutare la qualità del software o dei servizi o delle informazioni, perché in ogni caso rimarrebbero esclusi elementi importanti. La seconda considerazione, che deriva linearmente dalla prima, riguarda il fatto che si rende necessario adottare un approccio sistemico (Bertalanffy, 1968) alla valutazione della qualità di un sito Web, che permetta tener conto delle numerose e diversificate componenti di un sito Web, oltre che delle funzioni e degli obiettivi che esso deve realizzare. Il primo passo per valutare la qualità di un sito Web è perciò rappresentato dalla identificazione dei soggetti ad esso collegati, cioè degli stakeholder, o portatori 2/18

3 di interesse. In generale questi ultimi sono numerosi e possono appartenere a categorie diverse, riconducibili a tre ruoli principali: proprietario del sito Web, che mette a disposizione le risorse economiche per lo sviluppo e il mantenimento del sito; utente, che usufruisce delle informazioni e dei servizi offerti dal sito Web; sviluppatore, che partecipa nella realizzazione delle varie componenti di un sito Web. A ciascuno di questi ruoli possono corrispondere più attori. Nei casi più semplici il proprietario di un sito è una singola persona o azienda, ma i proprietari possono essere anche numerosi; ad esempio, per un portale, possono essere proprietari i membri di un consorzio di imprese. Gli utenti vanno individuati di volta in volta: per un sito aziendale ad esempio si possono identificare utenti corrispondenti a segmenti di mercato diversificati, a clienti potenziali ed effettivi, ecc. Infine, gli sviluppatori, date le numerosi componenti di un sito web, comprendono competenze molto diverse, che vanno dall informatica, al design grafico, al marketing. Non solo, per ciascuna di queste categorie si richiede una specializzazione specifica per il Web, dato che progettare e sviluppare un sito Web è diverso dal progettare un sistema informativo tradizionale; disegnare la grafica per un sito richiede abilità che tengano conto della natura multimediale ed ipertestuale del mezzo; e il marketing on-line ha cambiato profondamente le modalità di interazione fra l azienda e il cliente, in presenza di modelli di business talvolta inediti rispetto a quelli tradizionali. In accordo con la definizione di qualità, per ciascuna di queste categorie di attori si devono identificare le esigenze che il sito Web in esame deve soddisfare. Una prima importante riflessione è perciò legata al fatto che la qualità di un sito Web non è un concetto assoluto, ma relativo, in quanto essa dipende dagli obiettivi e dalle necessità che il sito deve soddisfare. In altri termini, nell accingersi a valutare la qualità di un sito Web, ci si deve chiedere in primo luogo a chi serve quel sito (attori), quali sono gli obiettivi che deve 3/18

4 soddisfare (esigenze). L ingegneria del software, e quindi anche l ingegneria del Web, per indicare l attività volta ad identificare tali esigenze parlano di elicitazione dei requisiti, una denominazione che riflette la difficoltà di questo compito, uno più difficili e più critici nello sviluppo di un sistema informatico o sistema software, e quindi anche per disegnare e realizzare, e - simmetricamente per valutare un sito Web. Fra i fattori che rendono complessa questa attività sono da ricordare, oltre alla molteplicità degli stakeholder, il fatto che spesso i vari attori hanno esigenze ed obiettivi conflittuali: si pensi ad esempio all abitudine del navigatore a trovare informazioni gratuite sul Web, laddove c è la necessità di coprire le spese necessarie per pubblicarle ed aggiornarle. L elicitazione dei requisiti è perciò un passo fondamentale che deve aver luogo prima di impostare qualunque processo di valutazione della qualità di un sito Web (Mich et al., 2003a). Riassumendo quanto visto finora rielaborando la definizione dell ISO citata all inizio del lavoro, la qualità di un sito Web è determinata dalla totalità delle caratteristiche dello stesso che contribuiscono alla soddisfazione dei requisiti delle diverse categorie di stakeholder o attori. Procedendo nella elaborazione di questa definizione, si deve affrontare il problema di come sia possibile verificare se le caratteristiche di un determinato sito Web permettano di soddisfare i requisiti identificati. In primo luogo ci si può chiedere se è possibile misurare la qualità dei siti web. La risposta è essenzialmente negativa. Quello che possiamo fare non è misurare, ma valutare. Un punto controverso nella valutazione della qualità un sito Web è infatti costituito dalla possibilità di applicare solo criteri quantitativi. In senso stretto, ciò richiederebbe l introduzione di caratteristiche misurabili. Ma se nel linguaggio comune misurare viene spesso usato come sinonimo di valutare, nel linguaggio scientifico una misura implica una serie di presupposti precisi, quali la definizione di una unità di misura, di una scala, la soddisfazione di alcune proprietà. Tuttavia, l analisi preliminare della natura composita dei siti Web porta ad escludere che siano applicabili esclusivamente criteri di tipo quantitativo per valutare un sito Web. Esistono infatti aspetti come ad 4/18

5 esempio il design grafico del sito, il logo, lo stile del linguaggio adottato che non si prestano ad una valutazione prettamente quantitativa, né in termini di misura in senso fisico, né di indicatori definiti su metriche di tipo empirico. Non solo, anche misure in senso fisico, per essere devono essere confrontate con soglie a volte difficili da definire; ad esempio, l adeguatezza di un parametro temporale, quale il tempo di caricamento di una home page può essere valutata solo se si è in grado di stimare il tempo che l utente è disposto ad attendere per accedere a uno specifico sito Web. Non è possibile nemmeno associare ad un approccio quantitativo e all uso di numeri una maggiore oggettività: una valutazione di un esame non è meno soggettiva se espressa su una scala numerica piuttosto che con delle valutazioni qualitative; anche se i voti numerici, hanno il vantaggio di poter essere elaborati (ad esempio confrontati, mediati) in modo molto più semplice. Per questo, per i siti Web si rende necessario accettare che fra le caratteristiche considerate ci siano anche aspetti qualitativi, intrinsecamente refrattari ad essere misurati, la cui valutazione tende ad essere soggettiva. L obiettivo diventa quindi quello di rendere il più trasparente possibile il processo di valutazione, esplicitando quali sono i criteri adottati per caratterizzare il sito e per la loro valutazione. Il campo delle discipline sportive può aiutare a comprendere questi concetti: vi sono sport che potremo classificare come sport misurati (quali ad esempio, ciclismo, calcio, automobilismo, atletica) ed altri che potremo classificare come sport valutati (ad esempio, ginnastica artistica, tuffi, pattinaggio). Riguardo ai primi, anche se il risultato in generale è determinato sulla base di misure oggettive di tempo o spazio, o di punteggi basati a loro volta su grandezze fisiche - si potrebbe discutere a lungo sull oggettività del processo con cui si è raggiunto il risultato: non si spiegherebbero altrimenti le animate discussioni del dopo-partita (il calciatore era fuorigioco o no?, La punizione era giustificata o no?, ecc.). Negli sport valutati le classifiche vengono elaborate sulla base di procedure di valutazione strutturate, in cui sono coinvolti degli esperti, i giudici, ciascuno dei quali esprime un punteggio che tiene conto di alcuni parametri caratteristici della disciplina, quali ad esempio la difficoltà di una certa prestazione o il numero di errori commessi. Sui punteggi così ottenuti vengono 5/18

6 poi applicate delle regole prestabilite quali ad esempio, il punteggio finale si ottiene calcolando la media dei punteggi dopo aver eliminato il punteggio più alto e quello più basso - volte a ridurre la soggettività (oltre che a ridurre i comportamenti opportunistici). In sostanza, l obiettivo è quello di esplicitare i parametri da valutare ed un metodo di valutazione. Per valutare la qualità dei siti Web dovremo adottare un approccio analogo e a tale scopo dovremo: a) sviluppare un modello dei siti Web adeguato, che permetta di individuare e classificare le caratteristiche di un sito Web; b) un processo per valutare la qualità dei siti Web. Modelli per la valutazione della qualità dei siti Web Dall analisi della letteratura emerge immediatamente il fatto che esistono molti modelli per la qualità dei siti Web i modelli disponibili sono infatti molte decine - a riprova dell interesse attorno al tema della qualità dei siti (una bibliografia al riguardo è disponibile sul sito del gruppo di ricerca etourism: Per questa ragione può essere utile proporre una prima classificazione, sulla base delle ragioni principali che hanno portato alla nascita di ciascuno di essi o degli obiettivi che essi si pongono: Alcuni modelli sono nati con lo scopo di sviluppare strumenti per la valutazione automatica della qualità; sono modelli utilizzati nei casi in cui si ha la necessità di valutare un numero molto elevato di siti Web, cosa che sarebbe difficile e costosa impiegando modelli che richiedono l intervento umano. Indicatori usati in questo tipo di modelli sono ad esempio il tempo medio per scaricare una pagina, il numero di errori trovati nel codice HTML, il numero di broken links (link non funzionanti) presenti nelle pagine, e così via. Occorre ricordare che raramente i parametri usati - quelli determinabili in maniera automatica - sono significativi per valutare in maniera esauriente la qualità di un sito web; aspetti più soggettivi, come ad esempio la grafica, non possono essere considerati. 6/18

7 Altri modelli sono stati creati per rispondere ad obiettivi specifici relativi all evoluzione del sito Web o al confronto con altri siti, ad esempio, per migliorare alcuni aspetti specifici (usabilità, navigabilità, ecc.), oppure per confrontare siti di una certa categoria di operatori o con finalità analoghe, od ancora per valutare più siti Web nell ambito di un concorso a tema. Molti dei modelli esistenti sono stati sviluppati non solo per un obiettivo specifico, ma anche con una specializzazione su un dominio più o meno limitato: ad esempio, esistono modelli per valutare i siti delle biblioteche, oppure per valutare i siti dei musei, ecc. Il problema principale di questo tipo di modelli è che non solo non è facile trovare fra quelli esistenti il modello adatto per uno specifico progetto di valutazione, ma è anche difficile giustificare le ragioni della scelta delle caratteristiche dei siti prese in considerazione e quindi, eventualmente modificarle. Data l importanza che ha assunto il commercio elettronico, esistono modelli sviluppati appositamente con lo scopo di valutare siti Web per il l e-commerce, talvolta specializzati a seconda del tipo di relazioni che il sito Web deve supportare, ad esempio, per siti Web progettati per essere usati per transazioni fra aziende (B2B - Business to Business) o direttamente con il cliente (B2C - Business to Customer). Questi modelli vanno a vedere in particolar modo contenuti, funzionalità e servizi specifici per l e-commerce, quali ad esempio, il catalogo dei prodotti, la procedura di inserimento di un ordine, la sicurezza del pagamento elettronico. Presentano alcuni dei limiti della categoria precedente, fra cui la difficoltà a giustificare l adozione di un particolare modello e ad effettuare adattamenti per tener conto dell evoluzione delle tecnologie, o delle strategie del modello di business. Un altra classificazione si può costruire tenendo conto dell area che ha prodotto un determinato modello per la valutazione della qualità dei siti Web: Nell area dell ingegneria del software, sono stati proposti alcuni modelli ottenuti adattando i modelli usati per valutare la qualità del software - rientrano in questa categoria i modelli dell ISO (ISO/IEC , 2001) e 7/18

8 dell IEEE (IEEE Std 1061, 1998) -, integrandoli con un certo numero di parametri tipici dei siti Web. Si tratta perciò di modelli che tendono a sopravvalutare le caratteristiche tecnologiche dei siti, trascurando aspetti comunicativi e di immagine, ma che essendo indipendenti da ogni specifico dominio applicativo possono essere specializzati qualora sia necessario applicarli ad un settore specifico. Altri modelli derivano dagli studi e dai risultati prodotti nell ambito dell HCI (Human Computer Interface) e, considerando il Web essenzialmente come uno strumento di comunicazione, si concentrano in particolare sulle modalità di interazione uomo-macchina e quindi sull usabilità del sito. Sono modelli molto utili per una valutazione dal punto di vista dell utente, ma come la categoria precedente non coprono adeguatamente le diverse componenti di un sito Web. Infine, l ultima categoria è quella dei modelli introdotti specificatamente per la valutazione e la progettazione dei siti Web, proposti di solito nell area aziendale; si tratta di modelli che spesso sono stati sviluppati da zero, senza tener conto dei contributi esistenti nelle altre aree. Per questo si sono ottenuti o modelli molto semplici - applicabili in qualunque contesto e per qualunque tipo di sito Web, ma carenti rispetto ad aspetti importanti -, oppure modelli specializzati per un determinato dominio, che non possono essere perciò adattati per altre valutazioni. Tuttavia, dall analisi dei modelli esistenti emergono moltissime ridondanze: ciò fa pensare che sia possibile convergere verso un certo insieme condiviso di caratteristiche da inserire in qualunque modello per la valutazione dei siti Web. D altra parte, si deve anche notare una notevole differenza di ampiezza o di scala: si va da modelli che prevedono solo tre caratteristiche ad altri che arrivano a considerarne alcune centinaia. Riportiamo qui a titolo di esempio due modelli che rappresentano questi due estremi. Nel primo, i siti Web vengono classificati sulla base di tre parametri contenuto, velocità, grafica, per ciascuno dei quali può essere dato un giudizio su quattro livelli (figura 1). Per gli scopi che si proponeva la rivista che lo ha adottato, questo modello può essere considerato adeguato e una valutazione più approfondita, oltre che più costosa, 8/18

9 sarebbe inutile e meno efficace. Se invece tentassimo di usare questo modello per analizzare il sito di un azienda con l intento di capire come migliorarlo, il modello risulterebbe assolutamente inadeguato perché troppo sintetico. Figura 1 Modello usato da Il Venerdì Repubblica (2001) All estremo opposto della scala di complessità troviamo modelli che prevedono centinaia di parametri molto specifici, quali ad esempio il QEM (Quality Evaluation Model) (Olsina & Rossi, 2002) che in alcune delle sue versioni comprende centinaia di criteri di valutazione. Dalle due considerazioni, apparentemente contraddittorie, sulla presenza, da un lato di caratteristiche ricorrenti nei diversi modelli e dall altro di notevoli variazioni nelle dimensioni degli stessi, emerge la necessità di definire uno schema concettuale generale a partire dal quale sia possibile sviluppare modelli per valutare i siti Web a diversi livelli di dettaglio, sulla base degli obiettivi della valutazione, del dominio del sito e delle esigenze dei diversi attori. In altri termini, si rende necessario definire un meta-modello. In questo modo è possibile evitare di dover scegliere di volta in volta fra i modelli esistenti quello più adatto, oppure di doverne costruire uno ad hoc. Il meta-modello 7 Loci Secondo il nostro approccio un modello per la valutazione della qualità dei siti Web deve soddisfare alcuni requisiti essenziali; in particolare deve essere: indipendente dal dominio, per essere adattabile a siti appartenenti a settori applicativi diversi, ad esempio per il turismo, la pubblica amministrazione, il commercio elettronico, la formazione; robusto, per permettere di classificare qualunque caratteristica si presenti nei siti Web esistenti, anche in quelli molto innovativi, e quindi non riscontrabili nei modelli finora sviluppati; 9/18

10 user-friendly, in modo da non richiedere a chi deve utilizzarlo competenze molto specifiche, né sul dominio del sito, né sugli aspetti più prettamente tecnologici; solo in questo modo è possibile coinvolgere nella valutazione figure con competenze molto diverse (marketing, grafica, informatica, content-provider, ecc.); general purpose o a scopo generale, per essere adatto all impiego per scopi diversi: per confrontare siti, per approfondire la valutazione di un sito, per scoprirne i punti deboli e i punti di forza, per competizioni tra siti, ecc.; scalabile, cioè adattabile ad esigenze di valutazione che richiedono livelli di dettaglio o di granularità diverse, che vanno da pochi parametri o caratteristiche, a un numero molto elevato di caratteristiche molto specifiche. Tuttavia, l assunzione più importante è collegata al fatto che un sito Web è un sistema iper-mediale con un ruolo essenzialmente comunicativo. Questa assunzione ha portato naturalmente a fare riferimento alla Retorica e in particolare ai loci introdotti da Cicerone nel De Invenzione e ridefiniti nei trattati medievali (Garavaglia, 1989). Un meta-modello per la valutazione della qualità dei siti Web è stato proposto in una prima versione con la sigla 2QCV2Q, dalle iniziali dei sei loci ciceroniani, opportunamente interpretati per classificare le caratteristiche di un sito Web in sei gruppi o dimensioni (per i giornalisti della scuola anglosassone i sei Loci sono conosciuti anche con la sigla 5W/H: Who, What, Why, Where, When, How). Successivamente è stata aggiunta una settima dimensione, rinominando il modello 2QCV3Q (Mich et al., 2003) e più recentemente 7Loci (figura 2). Locus QVIS? QVID? CVR? VBI? QVANDO? QVOMODO? QVIBVS AVXILIIS? Interpretazione Identità Contenuto Servizi individuazione Manutenzione Usabilità Fattibilità 10/18

11 Figura 2 Il meta-modello 7Loci La prima dimensione, l Identità, è costituita dagli elementi che determinano l immagine e comunicano al visitatore l identità del sito web, del suo proprietario, dell organizzazione che lo mantiene. Si può esprimere attraverso l uso di marchi, caratteristiche grafiche, ecc. Per il suo ruolo pragmatico (così come è definito dalla semiotica, che per un messaggio distingue altri due livelli, quello sintattico e quello semantico), tale dimensione richiede competenze e sensibilità adeguate nel campo della grafica e del marketing. Il Contenuto riguarda le informazioni che ci si aspetta di trovare sul sito Web e si valuta in termini di copertura, accuratezza, attendibilità e valore delle informazioni. Considerata la dimensione più importante per il Web per il quale si trova spesso l affermazione Content is the king presenta numerose sfide per chi sviluppa contenuti. Insieme con i Servizi, i Contenuti rappresentano la semantica di un sito Web, e sono perciò le due dimensioni che richiedono maggior competenza nel dominio del sito. La dimensione Servizi rappresenta l insieme delle funzioni che il sito Web offre per realizzare gli obiettivi degli utenti del sito e per supportare le strategie del proprietario. Tali servizi dovranno essere efficaci, garantire la correttezza delle operazioni o transazioni effettuate tramite il sito, oltre che un adeguato livello di sicurezza. Individuazione è determinata dall insieme delle caratteristiche che contribuiscono alla visibilità del sito Web per essere trovato facilmente nell universo del Web; non è infatti sufficiente essere presenti sul Web perché il sito abbia successo, occorre farsi trovare. Inoltre, questa dimensione comprende anche gli strumenti di comunicazione che il sito web offre per l interazione diretta fra gli utenti del sito Web e per la creazione di comunità. A partire da questa dimensione, classificabile come sintattica, diventano importanti competenze di tipo tecnologico, che devono essere sempre accompagnate da esperienza in ambiti manageriali e di comunicazione. In 11/18

12 particolare, la scelta del tipo di comunità deve avvenire nell ambito della definizione del modello di business. La Manutenzione riguarda le caratteristiche del sito Web che ne garantiscono un funzionamento corretto e che permettono di aggiornarlo regolarmente ed efficacemente. Tale dimensione è collegata a tutti gli aspetti di un sito Web, dai testi, alle animazioni, ai link, alle tecnologie, alla grafica ecc. Oltre alle verifiche di carattere informatico sulla correttezza del codice, del funzionamento dei link, degli accessi ai dati ecc., la manutenzione deve essere accompagnata da un adeguato modello dei tempi e delle responsabilità degli aggiornamenti dei contenuti e dei servizi, oltre che, ad un altro livello, delle tecnologie. L Usabilità è la dimensione forse più nota e studiata (si vedano ad esempio i lavori e il sito di Jacob Nielsen, comprende l insieme dei fattori che concorrono a determinare la facilità d uso del sito Web da parte degli utenti: struttura di navigazione, ausili alla ricerca delle informazioni, lingue, terminologia, ecc. Da sottolineare come il problema della lingua non si esaurisce con la traduzione dei contenuti, ma richiede una particolare attenzione agli aspetti culturali. Per questo la realizzazione di versioni in lingue diverse dello stesso sito o di sotto-sezioni viene indicata come localizzazione. Rientra nella dimensione Usabilità anche l accessibilità, intesa come insieme delle buone pratiche che permettono l accesso al sito anche da parte di utenti che soffrono di inabilità di vario tipo, ipovedenti, disabili motori, ecc. Oggetto di linee guida specifiche nell iniziativa del WAI (Web Accessibility Initiative: del consorzio W3C che si occupa degli standard per il Web e del Rehabilitation Act in USA (Section 508, recentemente il problema dell accessibilità per le tecnologie informatiche e i siti Web è stato affrontato anche in Italia, (Legge Stanca, 2004, La dimensione Fattibilità è composta dagli elementi tipici del project management e quindi comprende le attività di programmazione delle risorse umane, finanziarie, temporali e la pianificazione di tutte le attività che riguardano il sito Web. Gioca un ruolo fondamentale per garantire il successo di 12/18

13 un sito Web; infatti, si tende spesso a sottovalutare il fatto che lo sforzo per la realizzazione di un sito va al di là dello sviluppo della prima versione: un sito deve essere aggiornato e fatto evolvere con tempi e modalità e quindi investimenti adeguati agli scopi e agli obiettivi degli stakholder. Richiede, oltre a competenze manageriali ed informatiche, informazioni esterne al sito stesso e quindi per la sua valutazione è indispensabile la disponibilità del proprietario del sito Web. Il processo di valutazione della qualità dei siti web Un metodo per la valutazione della qualità dei siti Web deve prevedere anche un modello per il processo di valutazione. Un approccio adeguato alla qualità dei siti si può avere solo in un ottica di quality management. In particolare, si dovrà adottare un approccio sistemico che tenga conto: dei punti di vista, degli obiettivi e dei requisiti di tutti gli attori coinvolti (multi-stakeholders); di tutte le componenti del sito (copertura), anche se il livello di dettaglio e il peso dei vari aspetti varia a seconda del progetto di valutazione; dello scopo della valutazione per ottimizzare gli investimenti necessari (resources/project management); ad esempio verificare se un sito è adeguato rispetto a quelli della concorrenza richiede meno risorse che una valutazione volta a decidere le strategie per migliorare il sito. In questo contesto un processo per la valutazione della qualità dei siti Web può essere definito tenendo conto delle tre fasi fondamentali per la risoluzione di problemi (in questo caso il problema è la valutazione del sito Web); le tre fasi sono: inizializzazione disegno realizzazione. 13/18

14 La prima fase comprende tutte quelle attività che sono necessarie per impostare correttamente la valutazione del sito o dei siti Web e quindi attività di analisi del problema: identificazione degli stakholder e dei loro obiettivi e requisiti analisi dello scopo della valutazione classificazione del tipo e del dominio del sito analisi del modello di business. La fase di disegno della valutazione usa le informazioni raccolte nella fase di inizializzazione per: definire lo schema (modello) di valutazione, ovvero per identificare gli attributi e sotto-attributi che specializzano il meta-modello 7Loci (Mich et al., 2005); determinare le modalità di valutazione, identificando le tecniche e gli strumenti più adeguati, il numero e il ruolo dei valutatori. Per quanto riguarda le tecniche di valutazione, si possono distinguere due tipi fondamentali: a) Ispettive, condotte da un certo numero di esperti attraverso la navigazione del sito Web e l analisi dei file di log che raccolgono informazioni sugli accessi al sito; e b) User-based, in cui si coinvolge un campione di utenti in esperimenti controllati per compiti specifici. Infine, la realizzazione della valutazione comprende: una o più visite del sito o dei siti Web da valutare per rispondere ai quesiti del modello di valutazione e/o la realizzazione degli esperimenti controllati, eventualmente con l uso di strumenti automatici e di supporto; la raccolta dei dati; l analisi e interpretazione dei risultati; la redazione di relazioni più o meno strutturate. Applicazioni del meta-modello 7Loci: sviluppi e casi di studio 14/18

15 Il meta-modello 7Loci è stato applicato in numerosi progetti a partire dal Segnaliamo qui quelli più significativi - con i relativi riferimenti bibliografici - perchè contengono soluzioni metodologiche od operative utili per chi voglia adottare l approccio descritto in questo lavoro. Sul piano metodologico, sono da segnalare alcune analisi volte a verificare che la valutazione dei siti Web non cambia se si applicano modelli con granularità di analisi diversa (corrispondente a diversi livelli di specializzazione delle dimensioni del meta-modello 7Loci) (Mich et al., 2003b; Mich et al., 2003c). Un altro progetto ha riguardato lo sviluppo di uno strumento che aiuta il valutatore ha definire gli attributi e le domande corrispondenti per uno specifico progetto (Mich & Franch, 2002). Per quanto riguarda specifici progetti di valutazione, uno dei primo progetti aveva l obiettivo di valutare il sito di un importante consorzio sciistico; per tale progetto abbiamo applicato una tabella che potremo definire standard in cui le prime sei dimensioni del modello 7 Loci sono specializzate in 26 attributi (4 per ciascuna dimensione, con l eccezione dell usabilità che ne prevede 6). Il valutatore assegna un punteggio a ciascun attributo, che contribuirà alla valutazione complessiva di ciascuna dimensione sulla base di un peso assegnato dal proprietario. La tabella standard è stata poi applicata in molti altri progetti e si è dimostrata uno strumento adeguato sia per riassumere risultati di indagini ispettive molto dettagliate, che per realizzare valutazioni da parte di più esperti per mettere in evidenza gli aspetti più critici (indicazioni di carattere operativo) e più soggettivi (indicazioni di carattere metodologico) (Mich & Franch, 2000). Un importante progetto di valutazione comparativa è stato condotto sui siti Web degli enti di promozione turistica delle regioni delle Alpi. Per questo progetto si è definito un modello di valutazione molto dettagliato costituito da circa un centinaio di domande di tipo booleano (con risposta sì o no) per ridurre il livello di soggettività, distribuite sulle sette dimensioni del meta-modello 7Loci. La valutazione è stata effettuata per 26 siti, nella versione con la lingua originale della regione e anticipando le domande su contenuti e servizi rispetto a quelle 15/18

16 sull identità. Per il 12% delle domande è stato possibile usare strumenti di supporto che hanno permesso di automatizzare, almeno parzialmente, la valutazione di alcune delle domande. I risultati ottenuti hanno permesso di mettere in evidenza criticità presenti in molti dei siti (Mich & Franch, 2003), ma soprattutto di definire linee guida di carattere generale per il disegno di siti Web per la promozione turistica del turismo alpino (Mich et al., 2004). Un progetto più recente ha riguardato i siti Web delle imprese alberghiere delle regioni del versante italiano delle Alpi, costituite per la maggior parte da aziende di piccola o media dimensione per verificare quanto essi supportino attività di promozione e di commercializzazione in un ottica di destination management (Mich & Franch 2007). In questo caso il modello di valutazione si è concentrato prevalentemente sulle prime dimensioni del meta-modello 7Loci, con alcune domande di controllo per le dimensioni di carattere sintattico. Per ciascuno dei 204 siti web si è risposto alle 23 domande dello schema di valutazione: i risultati hanno messo in evidenza come nessuno dei siti raggiunga il punteggio massimo, con più del 66% che non supera il 13 punti. Da segnalare infine un progetto in cui si è realizzata in primo luogo una valutazione ispettiva basata su livelli successivi di approfondimento per il sito Web di un importante ente di promozione turistica: una prima valutazione è stata realizzata con la tabella standard per confrontare il sito con quelli della concorrenza; una valutazione più dettagliata è stata effettuata usando il metamodello 7Loci per classificare le criticità e il limiti del sito individuati da più esperti. Infine, si è realizzato un esperimento controllato in laboratorio per verificare alcune funzionalità del sito Web (22 utenti, rappresentativi dei profili dei turisti che caratterizzano la domanda), per verificare le cause di uno scarso numero di prenotazioni di pacchetti turistici. Quest ultima valutazione ha permesso di identificare alcuni problemi di usabilità della funzione di prenotazione e di risolvere il problema con successo. Riferimenti bibliografici Bertalanffy L. von (1968), General System Theory: Foundations, Development, Applications, New York, George Braziller 16/18

17 Garavaglia B. (1989), Manuale di retorica, Milano, Bompiani IEEE Std (1998), IEEE Standard for a Software Quality Metrics Methodology ISO 8402 (1994), Quality management and quality assurance Vocabulary. ISO/IEC : 2001 (2001), Software engineering - Product quality - Part 1: Quality model Mich L., Franch M. (2000), "2QCV2Q: A Model for Web Sites Analysis and Evaluation". a cura di Khosrowpour M., Hershey, USA: IDEA Group Publishing, pp Atti del convegno: "Challenges of Information Technology Management in the 21st Century - Int. Conf. Information Resource Management Association (IRMA)", Anchorage, Alaska, May Mich L., Franch M. (2002), "Requirements for a tool to support evaluation of web sites quality based on the 2QCV3Q model". In: WWW/Internet, a cura di Isaias P., Portugal: IADIS Press, pp Atti del convegno: "ICWI 2002", Lisbon, Portugal, Nov Mich L., Franch M. (2003), Adesso le Alpi competono sul Web, Rivista del Turismo, Centro Studi del Touring Club Italiano, 2003, n.4: Mich L., Franch M. (2007), Web Sites of the hotels in the Alps: A goal-driven quality evaluation, Journal ITT, in via di pubblicazione Mich L., Franch M., Buccella N., Deflorian E., Piva A. (2004), Progetto di ricerca del gruppo etourism. Risultati del terzo anno. Area di ricrca 3 Destinazioni turistiche e qualità dei siti web: uno studio degli enti turistici regionali delle Alpi. Quaderni DISA vol. 98. Mich L., Franch M., Martini U. (2005), "A Modular Approach to Quality Evaluation of Tourist Destination Web Sites: The Quality Model Factory". In: Information and Communication Technologies in Tourism, a cura di Frew A. J., Wien: Springer Computer Science, pp Atti del convegno: "ENTER 2005", Innsbruck, Austria, Jan Mich L., Franch M., Novi Inverardi P. L. (2003c), "Choosing the rightweight model for Web site quality evaluation". a cura di Cueva L., Berlin: Springer, Vol. LNCS 2722, pp Atti del convegno: "3rd International Conference on Web Engineering - ICWE 2003", Oviedo, Asturias, Spain, July Mich L., Franch M., Novi Inverardi P. L., Marzani P. (2003b), Web site quality evaluation: Lightweight or Heavyweight Models?. DIT Mich L., Franch,M., Cilione G. (2003a), The 2QCV3Q Quality Model for the Analysis of Web site Requirements, Journal of Web Engineering, 2(2), Mich, L., Franch, M., Gaio L. (2003), Evaluating and Designing the Quality of Web Sites, IEEE Multimedia, 10(1): Olsina L., Rossi G. (2002), Measuring Web Application Quality with WebQEM, IEEE Multimedia, 9(4): Siti Web etourism: Bibliografia sulla qualità dei siti Web e per pubblicazioni sul meta-modello 7Loci EITO - European Information Technology Observatory: Dati sull uso delle tecnologie informatiche Il mestiere di scrivere: Linee guida ed esempi di testi scritti per il Web Internet World Stats: Statistiche sull uso di Internet ISO - International Standards Organization: Standard per la qualità 17/18

18 Usabile: Il sito italiana sull usabilità WAI Web Accessibility Initiative: Linee guida per sviluppare siti accessibili anche ai disabili W3C - World Wide Web Consortium: Strumenti per la valutazione di aspetti specifici di un sito Web Wikipedia: Enciclopedia libera Word Spy: Neologismi della lingua inglese 18/18

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche ISTRUZIONI PER Usare in modo consapevole i motori di ricerca Valutare un sito web ed utilizzare: Siti istituzionali

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Come scrivere un articolo scientifico La bibliografia: citare da Internet

Come scrivere un articolo scientifico La bibliografia: citare da Internet scrivere in medicina Come scrivere un articolo scientifico La bibliografia: citare da Internet L emergere di Internet come fonte preziosa di informazioni, ha reso necessaria la definizione di alcune regole

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO

LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO Esperienze di turismo in ambiente alpino Saint Marcel 12 13 giugno 2010 Luigi CORTESE LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO Rete o sistema? Il concetto di rete è usato spesso

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo.

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo. Pag. 1/7 Prof. Like you Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01 Email / Web / Social Pag. 2/7 hottimo.crm Con CRM (Customer Relationship Management) si indicano tutti gli aspetti di interazione

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto

Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto Tecnologia personale per l autonomia di persone con disabilità nel calcolo del resto Giovanni Dimauro 1, Marzia Marzo 2 1 Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Bari, dimauro@di.uniba.it

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO

CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO CHE COS E UN ARTICOLO SCIENTIFICO è il resoconto di uno studio completo e originale, con struttura ben definita e costante: rappresenta il punto finale di una ricerca (in inglese: paper, article) STRUTTURA

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO. Elementi essenziali di progetto. Fasi e tappe Gli Approcci

IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO. Elementi essenziali di progetto. Fasi e tappe Gli Approcci UNIVERSITA MILANO BICOCCA Corso di laurea di primo livello in servizio sociale anno accademico 2009-2010 Progettare il sociale Prof. Dario A. Colombo IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO Elementi essenziali di

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

REP_Guidawlg-SE-061113-TRIO

REP_Guidawlg-SE-061113-TRIO REP_Guidawlg-SE-061113-TRIO Istruzioni per l accesso e il completamento dei corsi TRIO per gli utenti di un Web Learning Group 06 novembre 2013 Servizio A TRIO Versione Destinatari: referenti e utenti

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Introduzione Agenda La misura del valore: i fattori che influenzano il valore di un azienda

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it Vivi un mondo accessibile con Abiliatour www.abiliatour.it Che cos è Abiliatour O.N.L.U.S. L Associazione Abiliatour O.N.L.U.S. ha come scopo principale l assistenza e l aiuto alle persone disabili e alle

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line.

Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Provincia di Cosenza Dipartimento di Economia e Statistica Università della Calabria Trasport@ndo: l Osservatorio TPL on line. Il trasporto pubblico locale della Provincia di Cosenza in rete - 1 - Premessa

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 SOCIETA

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli