La valutazione della qualità dei siti Web 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La valutazione della qualità dei siti Web 1"

Transcript

1 La valutazione della qualità dei siti Web 1 Luisa Mich Università di Trento Premessa L importanza di Internet e del Web hanno aumentato la domanda di qualità per i siti Web. Secondo le statistiche più recenti, gli utenti di Internet rappresentano ormai il 16,6% della popolazione mondiale, con percentuali che arrivano fino al 69,7% per l America del Nord (Internet World Stats, Sempre più vasta e articolata è la gamma di attività realizzate attraverso Internet. Un indicatore interessante delle dimensioni di questo fenomeno è rappresentato dalla lunga lista di neologismi di cui e-commerce è forse il più noto (dati sulla portata economica di questo settore sono reperibili, oltre che sul sito sopra citato, sul sito dell EITO - European Information Technology Observatory, fra i quali possiamo citare e-business, e- government, e-democracy, e-learning, e-tourism, e-cruitment (Word Spy, Definizioni e concetti di base Per affrontare il problema della valutazione della qualità dei siti Web, è necessario innanzitutto dare una definizione del termine qualità. A tal fine faremo riferimento alla definizione proposta dall International Standards Organization (ISO), che recita: [Quality is] the totality of characteristics of an entity that bear on its ability to satisfy stated and implied needs (ISO 8402, 1994). Analizzando le componenti principali di questa definizione entità e necessità - osserviamo innanzitutto come la genericità del termine entità ci permetta di applicarla anche ai siti Web. Mentre necessità richiama uno o più soggetti, che dovranno essere identificati per poter determinare quali siano le caratteristiche che il sito Web deve presentare per soddisfarne le esigenze. Come vedremo, nell interpretazione di questa definizione sono contenuti tutti gli 1 Ed. Kappa, Roma, /18

2 elementi base per definire un metodo per la valutazione della qualità dei siti Web. Approfondiamo ora ciascuno dei concetti richiamati, a partire da quello di sito Web: Un sito web o sito internet (spesso abbreviato in sito) è un insieme di pagine web, ovvero una struttura ipertestuale di documenti accessibili con un browser tramite World Wide Web su rete Internet. Una pagina Web è un documento, tipicamente scritto in HTML, nella maggior parte dei casi accessibile via http, un protocollo che trasmette informazioni dal server su cui si trova il sito Web al browser dell utente (Wikipedia, Da questa prima descrizione emerge come un sito Web sia costituito da elementi informatici di diversa natura - software, hardware e di rete. Per i nostri scopi è necessario aggiungere un aspetto meno evidente, ma molto rilevante ai fini della valutazione della qualità: per i siti Web si deve parlare di servizi e prodotti embedded. Un sito Web infatti non è solo un prodotto, né solo un servizio, ma è un entità complessa, per la quale risulta difficile stabilire dove termina la parte tecnologica e inizia quella di servizio, o dove termina il codice e iniziano i contenuti, ecc. Non solo, in molti casi il sito Web è parte integrante del modello di business di un azienda o di una organizzazione, per la quale gioca un ruolo strategico. Queste prime considerazioni portano a due riflessioni importanti: la prima, di carattere metodologico, riguarda il fatto che non è possibile adottare per la valutazione della qualità di un sito Web modelli esistenti, sviluppati, ad esempio, per valutare la qualità del software o dei servizi o delle informazioni, perché in ogni caso rimarrebbero esclusi elementi importanti. La seconda considerazione, che deriva linearmente dalla prima, riguarda il fatto che si rende necessario adottare un approccio sistemico (Bertalanffy, 1968) alla valutazione della qualità di un sito Web, che permetta tener conto delle numerose e diversificate componenti di un sito Web, oltre che delle funzioni e degli obiettivi che esso deve realizzare. Il primo passo per valutare la qualità di un sito Web è perciò rappresentato dalla identificazione dei soggetti ad esso collegati, cioè degli stakeholder, o portatori 2/18

3 di interesse. In generale questi ultimi sono numerosi e possono appartenere a categorie diverse, riconducibili a tre ruoli principali: proprietario del sito Web, che mette a disposizione le risorse economiche per lo sviluppo e il mantenimento del sito; utente, che usufruisce delle informazioni e dei servizi offerti dal sito Web; sviluppatore, che partecipa nella realizzazione delle varie componenti di un sito Web. A ciascuno di questi ruoli possono corrispondere più attori. Nei casi più semplici il proprietario di un sito è una singola persona o azienda, ma i proprietari possono essere anche numerosi; ad esempio, per un portale, possono essere proprietari i membri di un consorzio di imprese. Gli utenti vanno individuati di volta in volta: per un sito aziendale ad esempio si possono identificare utenti corrispondenti a segmenti di mercato diversificati, a clienti potenziali ed effettivi, ecc. Infine, gli sviluppatori, date le numerosi componenti di un sito web, comprendono competenze molto diverse, che vanno dall informatica, al design grafico, al marketing. Non solo, per ciascuna di queste categorie si richiede una specializzazione specifica per il Web, dato che progettare e sviluppare un sito Web è diverso dal progettare un sistema informativo tradizionale; disegnare la grafica per un sito richiede abilità che tengano conto della natura multimediale ed ipertestuale del mezzo; e il marketing on-line ha cambiato profondamente le modalità di interazione fra l azienda e il cliente, in presenza di modelli di business talvolta inediti rispetto a quelli tradizionali. In accordo con la definizione di qualità, per ciascuna di queste categorie di attori si devono identificare le esigenze che il sito Web in esame deve soddisfare. Una prima importante riflessione è perciò legata al fatto che la qualità di un sito Web non è un concetto assoluto, ma relativo, in quanto essa dipende dagli obiettivi e dalle necessità che il sito deve soddisfare. In altri termini, nell accingersi a valutare la qualità di un sito Web, ci si deve chiedere in primo luogo a chi serve quel sito (attori), quali sono gli obiettivi che deve 3/18

4 soddisfare (esigenze). L ingegneria del software, e quindi anche l ingegneria del Web, per indicare l attività volta ad identificare tali esigenze parlano di elicitazione dei requisiti, una denominazione che riflette la difficoltà di questo compito, uno più difficili e più critici nello sviluppo di un sistema informatico o sistema software, e quindi anche per disegnare e realizzare, e - simmetricamente per valutare un sito Web. Fra i fattori che rendono complessa questa attività sono da ricordare, oltre alla molteplicità degli stakeholder, il fatto che spesso i vari attori hanno esigenze ed obiettivi conflittuali: si pensi ad esempio all abitudine del navigatore a trovare informazioni gratuite sul Web, laddove c è la necessità di coprire le spese necessarie per pubblicarle ed aggiornarle. L elicitazione dei requisiti è perciò un passo fondamentale che deve aver luogo prima di impostare qualunque processo di valutazione della qualità di un sito Web (Mich et al., 2003a). Riassumendo quanto visto finora rielaborando la definizione dell ISO citata all inizio del lavoro, la qualità di un sito Web è determinata dalla totalità delle caratteristiche dello stesso che contribuiscono alla soddisfazione dei requisiti delle diverse categorie di stakeholder o attori. Procedendo nella elaborazione di questa definizione, si deve affrontare il problema di come sia possibile verificare se le caratteristiche di un determinato sito Web permettano di soddisfare i requisiti identificati. In primo luogo ci si può chiedere se è possibile misurare la qualità dei siti web. La risposta è essenzialmente negativa. Quello che possiamo fare non è misurare, ma valutare. Un punto controverso nella valutazione della qualità un sito Web è infatti costituito dalla possibilità di applicare solo criteri quantitativi. In senso stretto, ciò richiederebbe l introduzione di caratteristiche misurabili. Ma se nel linguaggio comune misurare viene spesso usato come sinonimo di valutare, nel linguaggio scientifico una misura implica una serie di presupposti precisi, quali la definizione di una unità di misura, di una scala, la soddisfazione di alcune proprietà. Tuttavia, l analisi preliminare della natura composita dei siti Web porta ad escludere che siano applicabili esclusivamente criteri di tipo quantitativo per valutare un sito Web. Esistono infatti aspetti come ad 4/18

5 esempio il design grafico del sito, il logo, lo stile del linguaggio adottato che non si prestano ad una valutazione prettamente quantitativa, né in termini di misura in senso fisico, né di indicatori definiti su metriche di tipo empirico. Non solo, anche misure in senso fisico, per essere devono essere confrontate con soglie a volte difficili da definire; ad esempio, l adeguatezza di un parametro temporale, quale il tempo di caricamento di una home page può essere valutata solo se si è in grado di stimare il tempo che l utente è disposto ad attendere per accedere a uno specifico sito Web. Non è possibile nemmeno associare ad un approccio quantitativo e all uso di numeri una maggiore oggettività: una valutazione di un esame non è meno soggettiva se espressa su una scala numerica piuttosto che con delle valutazioni qualitative; anche se i voti numerici, hanno il vantaggio di poter essere elaborati (ad esempio confrontati, mediati) in modo molto più semplice. Per questo, per i siti Web si rende necessario accettare che fra le caratteristiche considerate ci siano anche aspetti qualitativi, intrinsecamente refrattari ad essere misurati, la cui valutazione tende ad essere soggettiva. L obiettivo diventa quindi quello di rendere il più trasparente possibile il processo di valutazione, esplicitando quali sono i criteri adottati per caratterizzare il sito e per la loro valutazione. Il campo delle discipline sportive può aiutare a comprendere questi concetti: vi sono sport che potremo classificare come sport misurati (quali ad esempio, ciclismo, calcio, automobilismo, atletica) ed altri che potremo classificare come sport valutati (ad esempio, ginnastica artistica, tuffi, pattinaggio). Riguardo ai primi, anche se il risultato in generale è determinato sulla base di misure oggettive di tempo o spazio, o di punteggi basati a loro volta su grandezze fisiche - si potrebbe discutere a lungo sull oggettività del processo con cui si è raggiunto il risultato: non si spiegherebbero altrimenti le animate discussioni del dopo-partita (il calciatore era fuorigioco o no?, La punizione era giustificata o no?, ecc.). Negli sport valutati le classifiche vengono elaborate sulla base di procedure di valutazione strutturate, in cui sono coinvolti degli esperti, i giudici, ciascuno dei quali esprime un punteggio che tiene conto di alcuni parametri caratteristici della disciplina, quali ad esempio la difficoltà di una certa prestazione o il numero di errori commessi. Sui punteggi così ottenuti vengono 5/18

6 poi applicate delle regole prestabilite quali ad esempio, il punteggio finale si ottiene calcolando la media dei punteggi dopo aver eliminato il punteggio più alto e quello più basso - volte a ridurre la soggettività (oltre che a ridurre i comportamenti opportunistici). In sostanza, l obiettivo è quello di esplicitare i parametri da valutare ed un metodo di valutazione. Per valutare la qualità dei siti Web dovremo adottare un approccio analogo e a tale scopo dovremo: a) sviluppare un modello dei siti Web adeguato, che permetta di individuare e classificare le caratteristiche di un sito Web; b) un processo per valutare la qualità dei siti Web. Modelli per la valutazione della qualità dei siti Web Dall analisi della letteratura emerge immediatamente il fatto che esistono molti modelli per la qualità dei siti Web i modelli disponibili sono infatti molte decine - a riprova dell interesse attorno al tema della qualità dei siti (una bibliografia al riguardo è disponibile sul sito del gruppo di ricerca etourism: Per questa ragione può essere utile proporre una prima classificazione, sulla base delle ragioni principali che hanno portato alla nascita di ciascuno di essi o degli obiettivi che essi si pongono: Alcuni modelli sono nati con lo scopo di sviluppare strumenti per la valutazione automatica della qualità; sono modelli utilizzati nei casi in cui si ha la necessità di valutare un numero molto elevato di siti Web, cosa che sarebbe difficile e costosa impiegando modelli che richiedono l intervento umano. Indicatori usati in questo tipo di modelli sono ad esempio il tempo medio per scaricare una pagina, il numero di errori trovati nel codice HTML, il numero di broken links (link non funzionanti) presenti nelle pagine, e così via. Occorre ricordare che raramente i parametri usati - quelli determinabili in maniera automatica - sono significativi per valutare in maniera esauriente la qualità di un sito web; aspetti più soggettivi, come ad esempio la grafica, non possono essere considerati. 6/18

7 Altri modelli sono stati creati per rispondere ad obiettivi specifici relativi all evoluzione del sito Web o al confronto con altri siti, ad esempio, per migliorare alcuni aspetti specifici (usabilità, navigabilità, ecc.), oppure per confrontare siti di una certa categoria di operatori o con finalità analoghe, od ancora per valutare più siti Web nell ambito di un concorso a tema. Molti dei modelli esistenti sono stati sviluppati non solo per un obiettivo specifico, ma anche con una specializzazione su un dominio più o meno limitato: ad esempio, esistono modelli per valutare i siti delle biblioteche, oppure per valutare i siti dei musei, ecc. Il problema principale di questo tipo di modelli è che non solo non è facile trovare fra quelli esistenti il modello adatto per uno specifico progetto di valutazione, ma è anche difficile giustificare le ragioni della scelta delle caratteristiche dei siti prese in considerazione e quindi, eventualmente modificarle. Data l importanza che ha assunto il commercio elettronico, esistono modelli sviluppati appositamente con lo scopo di valutare siti Web per il l e-commerce, talvolta specializzati a seconda del tipo di relazioni che il sito Web deve supportare, ad esempio, per siti Web progettati per essere usati per transazioni fra aziende (B2B - Business to Business) o direttamente con il cliente (B2C - Business to Customer). Questi modelli vanno a vedere in particolar modo contenuti, funzionalità e servizi specifici per l e-commerce, quali ad esempio, il catalogo dei prodotti, la procedura di inserimento di un ordine, la sicurezza del pagamento elettronico. Presentano alcuni dei limiti della categoria precedente, fra cui la difficoltà a giustificare l adozione di un particolare modello e ad effettuare adattamenti per tener conto dell evoluzione delle tecnologie, o delle strategie del modello di business. Un altra classificazione si può costruire tenendo conto dell area che ha prodotto un determinato modello per la valutazione della qualità dei siti Web: Nell area dell ingegneria del software, sono stati proposti alcuni modelli ottenuti adattando i modelli usati per valutare la qualità del software - rientrano in questa categoria i modelli dell ISO (ISO/IEC , 2001) e 7/18

8 dell IEEE (IEEE Std 1061, 1998) -, integrandoli con un certo numero di parametri tipici dei siti Web. Si tratta perciò di modelli che tendono a sopravvalutare le caratteristiche tecnologiche dei siti, trascurando aspetti comunicativi e di immagine, ma che essendo indipendenti da ogni specifico dominio applicativo possono essere specializzati qualora sia necessario applicarli ad un settore specifico. Altri modelli derivano dagli studi e dai risultati prodotti nell ambito dell HCI (Human Computer Interface) e, considerando il Web essenzialmente come uno strumento di comunicazione, si concentrano in particolare sulle modalità di interazione uomo-macchina e quindi sull usabilità del sito. Sono modelli molto utili per una valutazione dal punto di vista dell utente, ma come la categoria precedente non coprono adeguatamente le diverse componenti di un sito Web. Infine, l ultima categoria è quella dei modelli introdotti specificatamente per la valutazione e la progettazione dei siti Web, proposti di solito nell area aziendale; si tratta di modelli che spesso sono stati sviluppati da zero, senza tener conto dei contributi esistenti nelle altre aree. Per questo si sono ottenuti o modelli molto semplici - applicabili in qualunque contesto e per qualunque tipo di sito Web, ma carenti rispetto ad aspetti importanti -, oppure modelli specializzati per un determinato dominio, che non possono essere perciò adattati per altre valutazioni. Tuttavia, dall analisi dei modelli esistenti emergono moltissime ridondanze: ciò fa pensare che sia possibile convergere verso un certo insieme condiviso di caratteristiche da inserire in qualunque modello per la valutazione dei siti Web. D altra parte, si deve anche notare una notevole differenza di ampiezza o di scala: si va da modelli che prevedono solo tre caratteristiche ad altri che arrivano a considerarne alcune centinaia. Riportiamo qui a titolo di esempio due modelli che rappresentano questi due estremi. Nel primo, i siti Web vengono classificati sulla base di tre parametri contenuto, velocità, grafica, per ciascuno dei quali può essere dato un giudizio su quattro livelli (figura 1). Per gli scopi che si proponeva la rivista che lo ha adottato, questo modello può essere considerato adeguato e una valutazione più approfondita, oltre che più costosa, 8/18

9 sarebbe inutile e meno efficace. Se invece tentassimo di usare questo modello per analizzare il sito di un azienda con l intento di capire come migliorarlo, il modello risulterebbe assolutamente inadeguato perché troppo sintetico. Figura 1 Modello usato da Il Venerdì Repubblica (2001) All estremo opposto della scala di complessità troviamo modelli che prevedono centinaia di parametri molto specifici, quali ad esempio il QEM (Quality Evaluation Model) (Olsina & Rossi, 2002) che in alcune delle sue versioni comprende centinaia di criteri di valutazione. Dalle due considerazioni, apparentemente contraddittorie, sulla presenza, da un lato di caratteristiche ricorrenti nei diversi modelli e dall altro di notevoli variazioni nelle dimensioni degli stessi, emerge la necessità di definire uno schema concettuale generale a partire dal quale sia possibile sviluppare modelli per valutare i siti Web a diversi livelli di dettaglio, sulla base degli obiettivi della valutazione, del dominio del sito e delle esigenze dei diversi attori. In altri termini, si rende necessario definire un meta-modello. In questo modo è possibile evitare di dover scegliere di volta in volta fra i modelli esistenti quello più adatto, oppure di doverne costruire uno ad hoc. Il meta-modello 7 Loci Secondo il nostro approccio un modello per la valutazione della qualità dei siti Web deve soddisfare alcuni requisiti essenziali; in particolare deve essere: indipendente dal dominio, per essere adattabile a siti appartenenti a settori applicativi diversi, ad esempio per il turismo, la pubblica amministrazione, il commercio elettronico, la formazione; robusto, per permettere di classificare qualunque caratteristica si presenti nei siti Web esistenti, anche in quelli molto innovativi, e quindi non riscontrabili nei modelli finora sviluppati; 9/18

10 user-friendly, in modo da non richiedere a chi deve utilizzarlo competenze molto specifiche, né sul dominio del sito, né sugli aspetti più prettamente tecnologici; solo in questo modo è possibile coinvolgere nella valutazione figure con competenze molto diverse (marketing, grafica, informatica, content-provider, ecc.); general purpose o a scopo generale, per essere adatto all impiego per scopi diversi: per confrontare siti, per approfondire la valutazione di un sito, per scoprirne i punti deboli e i punti di forza, per competizioni tra siti, ecc.; scalabile, cioè adattabile ad esigenze di valutazione che richiedono livelli di dettaglio o di granularità diverse, che vanno da pochi parametri o caratteristiche, a un numero molto elevato di caratteristiche molto specifiche. Tuttavia, l assunzione più importante è collegata al fatto che un sito Web è un sistema iper-mediale con un ruolo essenzialmente comunicativo. Questa assunzione ha portato naturalmente a fare riferimento alla Retorica e in particolare ai loci introdotti da Cicerone nel De Invenzione e ridefiniti nei trattati medievali (Garavaglia, 1989). Un meta-modello per la valutazione della qualità dei siti Web è stato proposto in una prima versione con la sigla 2QCV2Q, dalle iniziali dei sei loci ciceroniani, opportunamente interpretati per classificare le caratteristiche di un sito Web in sei gruppi o dimensioni (per i giornalisti della scuola anglosassone i sei Loci sono conosciuti anche con la sigla 5W/H: Who, What, Why, Where, When, How). Successivamente è stata aggiunta una settima dimensione, rinominando il modello 2QCV3Q (Mich et al., 2003) e più recentemente 7Loci (figura 2). Locus QVIS? QVID? CVR? VBI? QVANDO? QVOMODO? QVIBVS AVXILIIS? Interpretazione Identità Contenuto Servizi individuazione Manutenzione Usabilità Fattibilità 10/18

11 Figura 2 Il meta-modello 7Loci La prima dimensione, l Identità, è costituita dagli elementi che determinano l immagine e comunicano al visitatore l identità del sito web, del suo proprietario, dell organizzazione che lo mantiene. Si può esprimere attraverso l uso di marchi, caratteristiche grafiche, ecc. Per il suo ruolo pragmatico (così come è definito dalla semiotica, che per un messaggio distingue altri due livelli, quello sintattico e quello semantico), tale dimensione richiede competenze e sensibilità adeguate nel campo della grafica e del marketing. Il Contenuto riguarda le informazioni che ci si aspetta di trovare sul sito Web e si valuta in termini di copertura, accuratezza, attendibilità e valore delle informazioni. Considerata la dimensione più importante per il Web per il quale si trova spesso l affermazione Content is the king presenta numerose sfide per chi sviluppa contenuti. Insieme con i Servizi, i Contenuti rappresentano la semantica di un sito Web, e sono perciò le due dimensioni che richiedono maggior competenza nel dominio del sito. La dimensione Servizi rappresenta l insieme delle funzioni che il sito Web offre per realizzare gli obiettivi degli utenti del sito e per supportare le strategie del proprietario. Tali servizi dovranno essere efficaci, garantire la correttezza delle operazioni o transazioni effettuate tramite il sito, oltre che un adeguato livello di sicurezza. Individuazione è determinata dall insieme delle caratteristiche che contribuiscono alla visibilità del sito Web per essere trovato facilmente nell universo del Web; non è infatti sufficiente essere presenti sul Web perché il sito abbia successo, occorre farsi trovare. Inoltre, questa dimensione comprende anche gli strumenti di comunicazione che il sito web offre per l interazione diretta fra gli utenti del sito Web e per la creazione di comunità. A partire da questa dimensione, classificabile come sintattica, diventano importanti competenze di tipo tecnologico, che devono essere sempre accompagnate da esperienza in ambiti manageriali e di comunicazione. In 11/18

12 particolare, la scelta del tipo di comunità deve avvenire nell ambito della definizione del modello di business. La Manutenzione riguarda le caratteristiche del sito Web che ne garantiscono un funzionamento corretto e che permettono di aggiornarlo regolarmente ed efficacemente. Tale dimensione è collegata a tutti gli aspetti di un sito Web, dai testi, alle animazioni, ai link, alle tecnologie, alla grafica ecc. Oltre alle verifiche di carattere informatico sulla correttezza del codice, del funzionamento dei link, degli accessi ai dati ecc., la manutenzione deve essere accompagnata da un adeguato modello dei tempi e delle responsabilità degli aggiornamenti dei contenuti e dei servizi, oltre che, ad un altro livello, delle tecnologie. L Usabilità è la dimensione forse più nota e studiata (si vedano ad esempio i lavori e il sito di Jacob Nielsen, comprende l insieme dei fattori che concorrono a determinare la facilità d uso del sito Web da parte degli utenti: struttura di navigazione, ausili alla ricerca delle informazioni, lingue, terminologia, ecc. Da sottolineare come il problema della lingua non si esaurisce con la traduzione dei contenuti, ma richiede una particolare attenzione agli aspetti culturali. Per questo la realizzazione di versioni in lingue diverse dello stesso sito o di sotto-sezioni viene indicata come localizzazione. Rientra nella dimensione Usabilità anche l accessibilità, intesa come insieme delle buone pratiche che permettono l accesso al sito anche da parte di utenti che soffrono di inabilità di vario tipo, ipovedenti, disabili motori, ecc. Oggetto di linee guida specifiche nell iniziativa del WAI (Web Accessibility Initiative: del consorzio W3C che si occupa degli standard per il Web e del Rehabilitation Act in USA (Section 508, recentemente il problema dell accessibilità per le tecnologie informatiche e i siti Web è stato affrontato anche in Italia, (Legge Stanca, 2004, La dimensione Fattibilità è composta dagli elementi tipici del project management e quindi comprende le attività di programmazione delle risorse umane, finanziarie, temporali e la pianificazione di tutte le attività che riguardano il sito Web. Gioca un ruolo fondamentale per garantire il successo di 12/18

13 un sito Web; infatti, si tende spesso a sottovalutare il fatto che lo sforzo per la realizzazione di un sito va al di là dello sviluppo della prima versione: un sito deve essere aggiornato e fatto evolvere con tempi e modalità e quindi investimenti adeguati agli scopi e agli obiettivi degli stakholder. Richiede, oltre a competenze manageriali ed informatiche, informazioni esterne al sito stesso e quindi per la sua valutazione è indispensabile la disponibilità del proprietario del sito Web. Il processo di valutazione della qualità dei siti web Un metodo per la valutazione della qualità dei siti Web deve prevedere anche un modello per il processo di valutazione. Un approccio adeguato alla qualità dei siti si può avere solo in un ottica di quality management. In particolare, si dovrà adottare un approccio sistemico che tenga conto: dei punti di vista, degli obiettivi e dei requisiti di tutti gli attori coinvolti (multi-stakeholders); di tutte le componenti del sito (copertura), anche se il livello di dettaglio e il peso dei vari aspetti varia a seconda del progetto di valutazione; dello scopo della valutazione per ottimizzare gli investimenti necessari (resources/project management); ad esempio verificare se un sito è adeguato rispetto a quelli della concorrenza richiede meno risorse che una valutazione volta a decidere le strategie per migliorare il sito. In questo contesto un processo per la valutazione della qualità dei siti Web può essere definito tenendo conto delle tre fasi fondamentali per la risoluzione di problemi (in questo caso il problema è la valutazione del sito Web); le tre fasi sono: inizializzazione disegno realizzazione. 13/18

14 La prima fase comprende tutte quelle attività che sono necessarie per impostare correttamente la valutazione del sito o dei siti Web e quindi attività di analisi del problema: identificazione degli stakholder e dei loro obiettivi e requisiti analisi dello scopo della valutazione classificazione del tipo e del dominio del sito analisi del modello di business. La fase di disegno della valutazione usa le informazioni raccolte nella fase di inizializzazione per: definire lo schema (modello) di valutazione, ovvero per identificare gli attributi e sotto-attributi che specializzano il meta-modello 7Loci (Mich et al., 2005); determinare le modalità di valutazione, identificando le tecniche e gli strumenti più adeguati, il numero e il ruolo dei valutatori. Per quanto riguarda le tecniche di valutazione, si possono distinguere due tipi fondamentali: a) Ispettive, condotte da un certo numero di esperti attraverso la navigazione del sito Web e l analisi dei file di log che raccolgono informazioni sugli accessi al sito; e b) User-based, in cui si coinvolge un campione di utenti in esperimenti controllati per compiti specifici. Infine, la realizzazione della valutazione comprende: una o più visite del sito o dei siti Web da valutare per rispondere ai quesiti del modello di valutazione e/o la realizzazione degli esperimenti controllati, eventualmente con l uso di strumenti automatici e di supporto; la raccolta dei dati; l analisi e interpretazione dei risultati; la redazione di relazioni più o meno strutturate. Applicazioni del meta-modello 7Loci: sviluppi e casi di studio 14/18

15 Il meta-modello 7Loci è stato applicato in numerosi progetti a partire dal Segnaliamo qui quelli più significativi - con i relativi riferimenti bibliografici - perchè contengono soluzioni metodologiche od operative utili per chi voglia adottare l approccio descritto in questo lavoro. Sul piano metodologico, sono da segnalare alcune analisi volte a verificare che la valutazione dei siti Web non cambia se si applicano modelli con granularità di analisi diversa (corrispondente a diversi livelli di specializzazione delle dimensioni del meta-modello 7Loci) (Mich et al., 2003b; Mich et al., 2003c). Un altro progetto ha riguardato lo sviluppo di uno strumento che aiuta il valutatore ha definire gli attributi e le domande corrispondenti per uno specifico progetto (Mich & Franch, 2002). Per quanto riguarda specifici progetti di valutazione, uno dei primo progetti aveva l obiettivo di valutare il sito di un importante consorzio sciistico; per tale progetto abbiamo applicato una tabella che potremo definire standard in cui le prime sei dimensioni del modello 7 Loci sono specializzate in 26 attributi (4 per ciascuna dimensione, con l eccezione dell usabilità che ne prevede 6). Il valutatore assegna un punteggio a ciascun attributo, che contribuirà alla valutazione complessiva di ciascuna dimensione sulla base di un peso assegnato dal proprietario. La tabella standard è stata poi applicata in molti altri progetti e si è dimostrata uno strumento adeguato sia per riassumere risultati di indagini ispettive molto dettagliate, che per realizzare valutazioni da parte di più esperti per mettere in evidenza gli aspetti più critici (indicazioni di carattere operativo) e più soggettivi (indicazioni di carattere metodologico) (Mich & Franch, 2000). Un importante progetto di valutazione comparativa è stato condotto sui siti Web degli enti di promozione turistica delle regioni delle Alpi. Per questo progetto si è definito un modello di valutazione molto dettagliato costituito da circa un centinaio di domande di tipo booleano (con risposta sì o no) per ridurre il livello di soggettività, distribuite sulle sette dimensioni del meta-modello 7Loci. La valutazione è stata effettuata per 26 siti, nella versione con la lingua originale della regione e anticipando le domande su contenuti e servizi rispetto a quelle 15/18

16 sull identità. Per il 12% delle domande è stato possibile usare strumenti di supporto che hanno permesso di automatizzare, almeno parzialmente, la valutazione di alcune delle domande. I risultati ottenuti hanno permesso di mettere in evidenza criticità presenti in molti dei siti (Mich & Franch, 2003), ma soprattutto di definire linee guida di carattere generale per il disegno di siti Web per la promozione turistica del turismo alpino (Mich et al., 2004). Un progetto più recente ha riguardato i siti Web delle imprese alberghiere delle regioni del versante italiano delle Alpi, costituite per la maggior parte da aziende di piccola o media dimensione per verificare quanto essi supportino attività di promozione e di commercializzazione in un ottica di destination management (Mich & Franch 2007). In questo caso il modello di valutazione si è concentrato prevalentemente sulle prime dimensioni del meta-modello 7Loci, con alcune domande di controllo per le dimensioni di carattere sintattico. Per ciascuno dei 204 siti web si è risposto alle 23 domande dello schema di valutazione: i risultati hanno messo in evidenza come nessuno dei siti raggiunga il punteggio massimo, con più del 66% che non supera il 13 punti. Da segnalare infine un progetto in cui si è realizzata in primo luogo una valutazione ispettiva basata su livelli successivi di approfondimento per il sito Web di un importante ente di promozione turistica: una prima valutazione è stata realizzata con la tabella standard per confrontare il sito con quelli della concorrenza; una valutazione più dettagliata è stata effettuata usando il metamodello 7Loci per classificare le criticità e il limiti del sito individuati da più esperti. Infine, si è realizzato un esperimento controllato in laboratorio per verificare alcune funzionalità del sito Web (22 utenti, rappresentativi dei profili dei turisti che caratterizzano la domanda), per verificare le cause di uno scarso numero di prenotazioni di pacchetti turistici. Quest ultima valutazione ha permesso di identificare alcuni problemi di usabilità della funzione di prenotazione e di risolvere il problema con successo. Riferimenti bibliografici Bertalanffy L. von (1968), General System Theory: Foundations, Development, Applications, New York, George Braziller 16/18

17 Garavaglia B. (1989), Manuale di retorica, Milano, Bompiani IEEE Std (1998), IEEE Standard for a Software Quality Metrics Methodology ISO 8402 (1994), Quality management and quality assurance Vocabulary. ISO/IEC : 2001 (2001), Software engineering - Product quality - Part 1: Quality model Mich L., Franch M. (2000), "2QCV2Q: A Model for Web Sites Analysis and Evaluation". a cura di Khosrowpour M., Hershey, USA: IDEA Group Publishing, pp Atti del convegno: "Challenges of Information Technology Management in the 21st Century - Int. Conf. Information Resource Management Association (IRMA)", Anchorage, Alaska, May Mich L., Franch M. (2002), "Requirements for a tool to support evaluation of web sites quality based on the 2QCV3Q model". In: WWW/Internet, a cura di Isaias P., Portugal: IADIS Press, pp Atti del convegno: "ICWI 2002", Lisbon, Portugal, Nov Mich L., Franch M. (2003), Adesso le Alpi competono sul Web, Rivista del Turismo, Centro Studi del Touring Club Italiano, 2003, n.4: Mich L., Franch M. (2007), Web Sites of the hotels in the Alps: A goal-driven quality evaluation, Journal ITT, in via di pubblicazione Mich L., Franch M., Buccella N., Deflorian E., Piva A. (2004), Progetto di ricerca del gruppo etourism. Risultati del terzo anno. Area di ricrca 3 Destinazioni turistiche e qualità dei siti web: uno studio degli enti turistici regionali delle Alpi. Quaderni DISA vol. 98. Mich L., Franch M., Martini U. (2005), "A Modular Approach to Quality Evaluation of Tourist Destination Web Sites: The Quality Model Factory". In: Information and Communication Technologies in Tourism, a cura di Frew A. J., Wien: Springer Computer Science, pp Atti del convegno: "ENTER 2005", Innsbruck, Austria, Jan Mich L., Franch M., Novi Inverardi P. L. (2003c), "Choosing the rightweight model for Web site quality evaluation". a cura di Cueva L., Berlin: Springer, Vol. LNCS 2722, pp Atti del convegno: "3rd International Conference on Web Engineering - ICWE 2003", Oviedo, Asturias, Spain, July Mich L., Franch M., Novi Inverardi P. L., Marzani P. (2003b), Web site quality evaluation: Lightweight or Heavyweight Models?. DIT Mich L., Franch,M., Cilione G. (2003a), The 2QCV3Q Quality Model for the Analysis of Web site Requirements, Journal of Web Engineering, 2(2), Mich, L., Franch, M., Gaio L. (2003), Evaluating and Designing the Quality of Web Sites, IEEE Multimedia, 10(1): Olsina L., Rossi G. (2002), Measuring Web Application Quality with WebQEM, IEEE Multimedia, 9(4): Siti Web etourism: Bibliografia sulla qualità dei siti Web e per pubblicazioni sul meta-modello 7Loci EITO - European Information Technology Observatory: Dati sull uso delle tecnologie informatiche Il mestiere di scrivere: Linee guida ed esempi di testi scritti per il Web Internet World Stats: Statistiche sull uso di Internet ISO - International Standards Organization: Standard per la qualità 17/18

18 Usabile: Il sito italiana sull usabilità WAI Web Accessibility Initiative: Linee guida per sviluppare siti accessibili anche ai disabili W3C - World Wide Web Consortium: Strumenti per la valutazione di aspetti specifici di un sito Web Wikipedia: Enciclopedia libera Word Spy: Neologismi della lingua inglese 18/18

UN MODELLO DI QUALITÀ PER I SITI WEB

UN MODELLO DI QUALITÀ PER I SITI WEB UN MODELLO DI QUALITÀ PER I SITI WEB fonte prof Polillo - 1 - Cos'è un modello di qualità l Una selezione delle caratteristiche che fanno di un sito web un buon sito l Scopo: valutare un sito orientarci

Dettagli

La metodologia di valutazione dei siti Web della Pubblica Amministrazione. La metodologia di valutazione

La metodologia di valutazione dei siti Web della Pubblica Amministrazione. La metodologia di valutazione La metodologia di valutazione dei siti Web della Pubblica Amministrazione P. Atzeni, P. Merialdo, P. Russo, G. Sindoni, G. Sissa Paolo Merialdo Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma

Dettagli

LA VALUTAZIONE AUTOMATICA DELL USABILITA DI SITI WEB

LA VALUTAZIONE AUTOMATICA DELL USABILITA DI SITI WEB LA VALUTAZIONE AUTOMATICA DELL USABILITA DI SITI WEB L.Paganelli, F.Paternò, M.Pizzolati CNUCE-C.N.R. Via G.Moruzzi 1, Pisa L'usabilità dei siti web si sta affermando come un elemento determinante per

Dettagli

Valutazione della Qualità dei siti Web per il turismo: Albergo, Destinazione Turistica Regionale, Ente Turistico Nazionale

Valutazione della Qualità dei siti Web per il turismo: Albergo, Destinazione Turistica Regionale, Ente Turistico Nazionale Area Qualità dei Siti Web AA 2006/07 Docente: Luisa Mich Relazione completata dal gruppo numero 6: Valutazione della Qualità dei siti Web per il turismo: Albergo, Destinazione Turistica Regionale, Ente

Dettagli

Qualità del software. Tecniche di Programmazione 2009/10. Giovanni A. Cignoni - http://www.di.unipi.it/~giovanni/ 1. contenuti. definizione di qualità

Qualità del software. Tecniche di Programmazione 2009/10. Giovanni A. Cignoni - http://www.di.unipi.it/~giovanni/ 1. contenuti. definizione di qualità Qualità del software Tecniche di Programmazione Lez. 05 Università di Firenze a.a. 2009/10, I semestre 1/33 contenuti Qualità? Definizioni Il prodotto software Modelli della qualità per il sw: ISO/IEC

Dettagli

COMUNICARE LA CITTÀ COME DESTINAZIONE TURISTICA CULTURALE. UN METODO PER VALUTARE LA QUALITÀ. Luisa Mich, Nicola Zeni

COMUNICARE LA CITTÀ COME DESTINAZIONE TURISTICA CULTURALE. UN METODO PER VALUTARE LA QUALITÀ. Luisa Mich, Nicola Zeni COMUNICARE LA CITTÀ COME DESTINAZIONE TURISTICA CULTURALE. UN METODO PER VALUTARE LA QUALITÀ DELLA COMUNICAZIONE ONLINE Luisa Mich, Nicola Zeni Schema [Il problema] L efficacia della comunicazione [L approccio]

Dettagli

GLI ATTRIBUTI DI QUALITA DEL SW 1. funzionalità 2. affidabilità

GLI ATTRIBUTI DI QUALITA DEL SW 1. funzionalità 2. affidabilità Comunicazione interattiva 13. Qualità e Usabilità dei siti Web GLI ATTRIBUTI DI QUALITA DEL SW 1. funzionalità 2. affidabilità 3.usabilità 4. efficienza 5. manutenibilità 6. portabilità (ISO 9126) La efficacia,

Dettagli

Sistemi Informativi e WWW

Sistemi Informativi e WWW Premesse Sistemi Informativi e WWW WWW: introduce un nuovo paradigma di diffusione (per i fornitori) e acquisizione (per gli utilizzatori) delle informazioni, con facilità d uso, flessibilità ed economicità

Dettagli

INTRODUZIONE: ALL INCLUSIVE

INTRODUZIONE: ALL INCLUSIVE INTRODUZIONE: ALL INCLUSIVE è l insieme di servizi, strumenti e tecniche che rendono un sito web accessibile e ottimizzato per assicurare che venga rinvenuto nelle prime posizioni sui motori di ricerca.

Dettagli

Progetto Analisi del fenomeno della precoce mortalità delle imprese e del passaggio generazionale

Progetto Analisi del fenomeno della precoce mortalità delle imprese e del passaggio generazionale Progetto Analisi del fenomeno della precoce mortalità delle imprese e del passaggio generazionale progetto realizzato con il contributo Segreteria organizzativa Adeguarsi al cambiamento E-commerce e organizzazione

Dettagli

Accesso a Windows e al Word Wide Web per non vedenti

Accesso a Windows e al Word Wide Web per non vedenti Accesso a Windows e al Word Wide Web per non vedenti Paolo Graziani CNR - Istituto di Fisica Applicata Nello Carrara, Firenze Fondaz. Don Gnocchi, Milano 2008 1 Dai principi della Progettazione Universale

Dettagli

Tecnologie digitali e siti web per i beni culturali

Tecnologie digitali e siti web per i beni culturali 55 Stefano Cesarini Il mondo dei beni culturali italiani ed europei sta vivendo una fervida fase di promozione e valorizzazione del proprio patrimonio, anche per l innovativo utilizzo di strumenti di conoscenza

Dettagli

Sistemi Informativi e Servizi in Rete

Sistemi Informativi e Servizi in Rete Sistemi Informativi e Servizi in Rete prof. V. De Antonellis Dipartimento di Ingegneria dell'informazione Università di Brescia valeria.deantonellis@ing.unibs.it Materiale del corso Sito web: www.ing.unibs.it/~deantone/

Dettagli

Marco Lazzari - Appunti sulla qualità dei siti web

Marco Lazzari - Appunti sulla qualità dei siti web Marco Lazzari - Appunti sulla qualità dei siti web Università di Bergamo, 2004 Una classificazione dei siti web intranet: reti aziendali enterprise information portals: accesso a informazioni e servizi

Dettagli

Ingegneria dei Requisiti

Ingegneria dei Requisiti Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Ingegneria dei Requisiti E. TINELLI Contenuti I requisiti del software Documento dei requisiti I processi

Dettagli

Il laboratorio ISCOM per l accessibilità e l usabilità dei siti web

Il laboratorio ISCOM per l accessibilità e l usabilità dei siti web Il laboratorio ISCOM per l accessibilità e l usabilità dei siti web Massimo Amendola slide 1 di 33 Sommario 1. ACCESSIBILITÀ e USABILITÀ 2. IL LABORATORIO 3. ATTIVITÀ 4. IL PROGETTO MEDIACCESS slide 2

Dettagli

Data quality e Open data

Data quality e Open data Data quality e Open data Domenico Natale Uninfo Convegno AICA Sommario Premessa: Dimensioni dei contenuti web Linea di tendenza Qualità dei dati: ISO/IEC 25012 Inerente Dipendente dal sistema Open data

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE.

CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE. CAPITOLATO TECNICO PER LA COSTRUZIONE, GESTIONE E MANUTENZIONE SITO WEB ISTITUZIONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELL APPENNINO BOLOGNESE. Articolo 1 Oggetto dell appalto 1. L appalto ha per oggetto la progettazione,

Dettagli

Tecnologie di action-tracking per valutare l impatto economico. Nicola Zeni, Luisa Mich Università degli Studi di Trento

Tecnologie di action-tracking per valutare l impatto economico. Nicola Zeni, Luisa Mich Università degli Studi di Trento Tecnologie di action-tracking per valutare l impatto economico del turismo culturale Nicola Zeni, Luisa Mich Università degli Studi di Trento Valutare l impatto economico Importanza Input: dati, modelli

Dettagli

introduzione L istruzione degli utenti e la promozione dei servizi delle biblioteche

introduzione L istruzione degli utenti e la promozione dei servizi delle biblioteche L istruzione degli utenti e la promozione dei servizi delle biblioteche introduzione 1 Perché istruire? Perché promuovere? Il web ha cambiato il modo in cui gli utenti accedono all informazione. L informazione

Dettagli

CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE

CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE Internet (La rete delle reti) è l insieme dei canali (linee in rame, fibre ottiche, canali radio, reti satellitari, ecc.) attraverso cui passano le informazioni quando vengono

Dettagli

BIBLIOGRAFIA. A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998. P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998

BIBLIOGRAFIA. A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998. P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998 BIBLIOGRAFIA A. Mandelli, Internet Marketing, Mc Graw-Hill, 1998 P. Seybold, R. Marshak, Customers.com, Business International, 1998 D. Peppers, M. Rogers, B. Dorf, Marketing One To One, Il Sole 24 Ore,

Dettagli

1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 0. INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 3. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 4. MISSION pag. 4 5. APPROCCIO pag. 4 6. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

UN MODELLO DI QUALITà PER I SITI WEB - Sintesi delle linee guida e best practice 1

UN MODELLO DI QUALITà PER I SITI WEB - Sintesi delle linee guida e best practice 1 UN MODELLO DI QUALITà PER I SITI WEB - Sintesi delle linee guida e best practice 1 Per ogni caratteristica di qualità del modello, vengono qui elencate le principali linee guida e best practice menzionate

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM ROMA 15-17 NOVEMBRE 2010 ROMA 18-19 NOVEMBRE 2010 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM ROMA 15-17 NOVEMBRE 2010 ROMA 18-19 NOVEMBRE 2010 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM HOBART DESIGNING FOR USABILITY Tecniche collaudate di GUI Design, Web Accessibility e Information Architecture RAPID PROTOTYPING Tecniche collaudate di Prototyping per

Dettagli

browser Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero

browser Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero 7. Ricerca delle informazioni in rete, browsers, portali, motori di ricerca browser Un browser è un programma

Dettagli

Siti web degli istituti comprensivi: come e perchè Capitolo 1 Internet, usabilità, ergonomia, accessibilità

Siti web degli istituti comprensivi: come e perchè Capitolo 1 Internet, usabilità, ergonomia, accessibilità 1.1 Regole auree di un sito internet La progettazione WEB è una disciplina multiforme e che necessita di conoscenze e competenze di ampio respiro. Chi lavora in internet deve essere al contempo programmatore

Dettagli

La Qualità del Web QUALITÀ, ACCESSIBILITÀ E USABILITÀ. Web: Modello di Qualità (Polillo) Web: Modello di Qualità. Qualità: Visualizzazione

La Qualità del Web QUALITÀ, ACCESSIBILITÀ E USABILITÀ. Web: Modello di Qualità (Polillo) Web: Modello di Qualità. Qualità: Visualizzazione La Qualità del Web QUALITÀ, ACCESSIBILITÀ E USABILITÀ Informatica Generale (AA 0-5) Web: Modello di Qualità Web: Modello di Qualità (Polillo) caratteristiche principali grafica autorevolezza accessibilità

Dettagli

Sistemi Web per il turismo - lezione 4 -

Sistemi Web per il turismo - lezione 4 - Sistemi Web per il turismo - lezione 4 - I siti Web per il turismo I siti Web per il turismo sono insiemi di pagine Web a cui si accede tramite un particolare indirizzo URL (Uniform Resource Locator, localizzatore

Dettagli

Le due linee della semplicità al Comune di Brescia: i contenuti e i servizi

Le due linee della semplicità al Comune di Brescia: i contenuti e i servizi Le due linee della semplicità al Comune di Brescia: i contenuti e i servizi Marilena Nugnes Responsabile settore informatica Comune di Brescia Comune di Brescia I due interventi Tecnologico: nuove modalità

Dettagli

Copyright 2013 - CircleCap. Visione ed esperienze CircleCap sul Turismo 2.0

Copyright 2013 - CircleCap. Visione ed esperienze CircleCap sul Turismo 2.0 Visione ed esperienze CircleCap sul Turismo 2.0 Di cosa parliamo? Una volta compreso, il turismo 2.0 è una fondamentale rivoluzione nel modo di vivere, gestire, organizzare e promuovere il turismo. Porta

Dettagli

Accessibilità di un sito web. Accessibilità di un sito web. Accessibilità di un sito web. Accessibilità di un sito web

Accessibilità di un sito web. Accessibilità di un sito web. Accessibilità di un sito web. Accessibilità di un sito web Sergio Colosio Unità operativa internet - intranet Settore Informatica Comune di Brescia Il sito è facilmente accessibile? Le prestazioni di accesso sono sempre adeguate? Il sito è facilmente raggiungibile

Dettagli

I questionari del Protocollo eglu per valutare i servizi web

I questionari del Protocollo eglu per valutare i servizi web Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA I questionari del Protocollo eglu per valutare i servizi web Autore: Maurizio Boscarol Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia DB 1 Due Situazioni Estreme Realtà Descritta da un documento testuale che rappresenta un insieme di requisiti del software La maggiore

Dettagli

LA VERIFICA DELLA QUALITA DELLE SPECIFICHE FUNZIONALI WORKSHOP "MONITORAGGIO DEI CONTRATTI DI GRANDE RILIEVO" DICEMBRE 1999

LA VERIFICA DELLA QUALITA DELLE SPECIFICHE FUNZIONALI WORKSHOP MONITORAGGIO DEI CONTRATTI DI GRANDE RILIEVO DICEMBRE 1999 LA VERIFICA DELLA QUALITA DELLE SPECIFICHE FUNZIONALI WORKSHOP "MONITORAGGIO DEI CONTRATTI DI GRANDE RILIEVO" DICEMBRE 1999 Autore: Ing. Enrico Rossi Gruppo di Monitoraggio: Consip S.p.A. Telefono: 06/77700223

Dettagli

Web. Hosting. Application

Web. Hosting. Application amministrazione siti CMS e CRM CONSULENZA WEB APPLICATION WEB DESIGN WEB MARKETING HOSTING GRAFICA Web. Hosting. Application EXPLICO Explico è la Web Agency, costituita nel 99 da professionisti specializzati

Dettagli

Il software: natura e qualità

Il software: natura e qualità Sommario Il software: natura e qualità Leggere Cap. 2 Ghezzi et al. Natura e peculiarità del software Classificazione delle qualità del software Qualità del prodotto e del processo Qualità interne ed esterne

Dettagli

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 7 -

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 7 - Sistemi Web! per il turismo! - lezione 7 - I siti Web per il turismo! I siti Web per il turismo sono insiemi di pagine Web a cui si accede tramite un particolare indirizzo URL (Uniform Resource Locator,

Dettagli

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE 1 marzo 2008 IL CONTESTO STORICO Negli ultimi 20 anni l industria turistica ha aumentato la sua complessità. Dagli anni 90 fenomeni innovativi hanno modificato la natura

Dettagli

Siscotel 2002 A.C. Vigevano e Lomellina. Vigevano - 19/02/2007. Siscotel 2002 A.C. Vigevano e Lomellina

Siscotel 2002 A.C. Vigevano e Lomellina. Vigevano - 19/02/2007. Siscotel 2002 A.C. Vigevano e Lomellina Vigevano - 19/02/2007 1 Cos è un CMS I CMS sono sistemi software che consentono di creare e gestire un sito web direttamente dal Browser, in modo semplice ed immediato. Caratteristica dei CMS è quella

Dettagli

Un modello organizzativo per la gestione dei volontari. Mimma De Gasperi Servizio programmazione e sviluppo progetti e-mail: mimma.degasperi@unipd.

Un modello organizzativo per la gestione dei volontari. Mimma De Gasperi Servizio programmazione e sviluppo progetti e-mail: mimma.degasperi@unipd. Un modello organizzativo per la gestione dei volontari Mimma De Gasperi Servizio programmazione e sviluppo progetti e-mail: mimma.degasperi@unipd.it Decidere di avere volontari. Implica necessariamente:

Dettagli

Progetto TIC (trasparenza- informatica-comunicazione)

Progetto TIC (trasparenza- informatica-comunicazione) Progetto TIC (trasparenza- informatica-comunicazione) Il quadro normativo di seguito riportato evidenzia il ruolo che la Provincia avrà quale ente con funzioni di area vasta che potrà essere di supporto

Dettagli

Programma analitico d'esame. Versione 1.0.00

Programma analitico d'esame. Versione 1.0.00 Programma analitico d'esame Versione 1.0.00 Programma analitico d esame EIPASS Web Il percorso didattico prevede cinque moduli d esame. Ai fini del conseguimento della certificazione, il candidato dovrà,

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica Introduzione al Web WWW World Wide Web CdL Economia A.A. 2012/2013 Domenica Sileo Università degli Studi della Basilicata Introduzione al Web : WWW >> Sommario Sommario 2 n World

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Internet Web!" Il web è solo uno degli aspetti di internet." In particolare, chiamiamo web tutta l informazione che riusciamo a ottenere collegandoci ad

Dettagli

CORSO PER REDATTORI DI SITI WEB

CORSO PER REDATTORI DI SITI WEB CORSO PER REDATTORI DI SITI WEB Prerequisiti: Conoscenza di base dei seguenti argomenti: linguaggi di marcatura (HTML), strumenti software per l'elaborazione di testi. Esperienza nella redazione e pubblicazione

Dettagli

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN PORTALE WEB NELL AMBITO DELLA MISURA 2.6. DEL POI ENERGIA FESR 2007 2013

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER

LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER Lezione 1 1 Web Design Lafiguracentralenelprogettodiunsitowebèilwebdesigner:eglisioccupadell'aspetto visivo e del coinvolgimento emotivo di siti Web business to business

Dettagli

L'accessibilità e la qualità del software, dei dati e del sistema nell'iso 25000. Convegno L evoluzione dell accessibilità informatica

L'accessibilità e la qualità del software, dei dati e del sistema nell'iso 25000. Convegno L evoluzione dell accessibilità informatica L'accessibilità e la qualità del software, dei dati e del sistema nell'iso 25000 Convegno L evoluzione dell accessibilità informatica RELATORE: DOMENICO NATALE Bibioteca Nazionale Marciana - Venezia, 14

Dettagli

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 8 -

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 8 - Sistemi Web! per il turismo! - lezione 8 - I siti Web per il turismo! Abbiamo visto che la tecnologia informatica mette a disposizione delle DMO numerosi strumenti per la creazione di un sito Web per promuovere

Dettagli

The Zachman Framework for Enterprise Architecture

The Zachman Framework for Enterprise Architecture The Zachman Framework for Enterprise Architecture Introduzione Una delle sfide più importanti che un impresa moderna deve affrontare è quella del cambiamento. Considerando la necessità di cambiamento dal

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - La qualità dei siti web- Un modello di qualità. Parte sesta: I siti web

Ingegneria del Software Interattivo. - La qualità dei siti web- Un modello di qualità. Parte sesta: I siti web Parte sesta: I siti web Ingegneria del Software Interattivo - La qualità dei siti web- Docente: Daniela Fogli 1. I siti web Nel Contesto Riferimenti: Brajnik, Umano G., Toppano, E. Creare siti web multimediali,

Dettagli

il Tuo partner per...

il Tuo partner per... TECHNOD è una società specializzata nella realizzazione di documentazione tecnica, utente e commerciale per le aziende operanti nei settori Automotive, Macchine agricole/movimentazione terra, Meccanica,

Dettagli

UN MODELLO DI QUALITÀ PER I SITI WEB - Sintesi del modello completo 1 -

UN MODELLO DI QUALITÀ PER I SITI WEB - Sintesi del modello completo 1 - UN MODELLO DI QUALITÀ PER I SITI WEB - Sintesi del modello completo 1 - Le tabelle seguenti riportano una sintesi del modello, e possono essere utilizzate come promemoria durante la effettuazione del check-up

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica. Strumenti e nuovi scenari della formazione universitaria

Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica. Strumenti e nuovi scenari della formazione universitaria Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica Strumenti e nuovi scenari della formazione universitaria Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica Strumenti

Dettagli

Ingegneria del Software Introduzione

Ingegneria del Software Introduzione Ingegneria del Software Introduzione 1 Anni 40 Mark I Università di Manchester (1948) 2 Anni 40 Nascono i primi calcolatori presso università ed enti militari di ricerca Problema: ottenere qualcosa di

Dettagli

Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa. Ingegneria del Web: qualità dei siti

Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa. Ingegneria del Web: qualità dei siti Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa Ingegneria del Web: qualità dei siti Indice Internet, il www e i siti web Ingegneria del software Ingegneria del Web - Accessibilità - Usabilità

Dettagli

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche

GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB. A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche GOOGLE, WIKIPEDIA E VALUTAZIONE SITI WEB A cura delle biblioteche Umanistiche e Giuridiche ISTRUZIONI PER Usare in modo consapevole i motori di ricerca Valutare un sito web ed utilizzare: Siti istituzionali

Dettagli

Ipertesto. Reti e Web. Ipertesto. Ipertesto. Ipertestualità e multimedialità

Ipertesto. Reti e Web. Ipertesto. Ipertesto. Ipertestualità e multimedialità Ipertesto Reti e Web Ipertestualità e multimedialità Ipertesto: documento elettronico costituito da diverse parti: nodi parti collegate tra loro: collegamenti Navigazione: percorso tra diversi blocchi

Dettagli

Informatica di Base. Lez. XI. Data base scientifici. Ricerca di informazioni. in Banche dati e World wide web. Banche dati accessibili via WEB

Informatica di Base. Lez. XI. Data base scientifici. Ricerca di informazioni. in Banche dati e World wide web. Banche dati accessibili via WEB Informatica di Base Lez. XI in Banche dati e World wide web Data base scientifici Letteratura scientifica Pubblicazioni su riviste specializzate Alla base della comunicazione nella comunità scientifica

Dettagli

Il Master. I destinatari e le competenze sviluppate. Il metodo formativo. Articolazione del percorso

Il Master. I destinatari e le competenze sviluppate. Il metodo formativo. Articolazione del percorso Il Master Una destinazione turistica è un luogo che offre un insieme di relazioni, prodotti, servizi, elementi naturali e artificiali, capaci di attrarre un certo numero di visitatori e di soddisfarne

Dettagli

Web Content Management and E- Learning

Web Content Management and E- Learning Web Content Management and E- Learning Dott. Fabio Fioravanti fioravanti@sci.unich.it http://www.sci.unich.it/~fioravan Corso di Laurea in Economia e Management Facoltà di Scienze Manageriali UNICH - AA

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

INFORMATICA COMPETENZE

INFORMATICA COMPETENZE INFORMATICA Docente: Sandra Frigiolini Finalità L insegnamento di INFORMATICA, nel secondo biennio, si propone di: potenziare l uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

Introduzione. Il software e l ingegneria del software. Marina Mongiello Ingegneria del software 1

Introduzione. Il software e l ingegneria del software. Marina Mongiello Ingegneria del software 1 Introduzione Il software e l ingegneria del software Marina Mongiello Ingegneria del software 1 Sommario Il software L ingegneria del software Fasi del ciclo di vita del software Pianificazione di sistema

Dettagli

USABILITÀ DEL SITO (*)

USABILITÀ DEL SITO (*) USABILITÀ DEL SITO (*) In generale un progetto software tecnicamente perfetto ma difficile da usare è destinato a non essere usato! Pertanto l'usabilità di un'applicazione software rappresenta una delle

Dettagli

CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT

CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT V I N F I N I T Y P R O J E C T CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT Infinity CRM Il Cliente a 360 CRM COMMUNICATION CMS E COMMERCE B2B AD HOC E COMMERCE B2C ACQUISIZIONE PROTOCOLLAZIONE CLASSIFICAZIONE VERSIONING

Dettagli

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco Strumenti di modellazione Gabriella Trucco Linguaggio di modellazione Linguaggio formale che può essere utilizzato per descrivere (modellare) un sistema Il concetto trova applicazione soprattutto nell

Dettagli

capitolo 3 LE LINEE GUIDA

capitolo 3 LE LINEE GUIDA capitolo 3 LE LINEE GUIDA Il presente capitolo illustra i principali elementi metodologici ed operativi che caratterizzano le Linee guida proposte per la valutazione dei prodotti didattici per l e-learning.

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE CL. 5ATP - A.S. 2006/2007 L azienda e i suoi elementi PERSONE AZIENDA BENI ECONOMICI ORGANIZZAZIONE L azienda è un insieme di beni organizzati e coordinati dall imprenditore

Dettagli

Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1

Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1 Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1 Il Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) è uno approccio di gestione a disposizione delle imprese che ha lo scopo di

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 10 e 11 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 Risk Analysis I termini risk analysis

Dettagli

La qualità della comunicazione pubblica su Internet

La qualità della comunicazione pubblica su Internet La qualità della comunicazione pubblica su Internet Introduzione alla valutazione dei siti web parte II Emilio Simonetti Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione e.simonetti@sspa.it a.a. 2011-2012

Dettagli

Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa. La mia scuola ha un sito Web

Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa. La mia scuola ha un sito Web Gruppo 4: Gelmi Martina, Morelato Francesca, Parisi Elisa La mia scuola ha un sito Web Presentazione del corso Contenuti e obiettivi del corso Imparare a lavorare con le metodologie dell ingegneria del

Dettagli

Il social network dei blog italiani La mappa dei blogosfera italiana Febbraio 2005

Il social network dei blog italiani La mappa dei blogosfera italiana Febbraio 2005 liani 2005 Il social network dei blog italiani La mappa dei blogosfera italiana Febbraio 2005 1 Il Social Network dei blog italiani Introduzione...4 La dimensione della blogosfera...5 Percorsi della blogosfera...7

Dettagli

A3_1 V2.2 Analisi dei Requisiti e Specifica Significato, motivazioni e processi

A3_1 V2.2 Analisi dei Requisiti e Specifica Significato, motivazioni e processi Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A3_1 V2.2 Analisi dei Requisiti e Specifica Significato, motivazioni e processi Il contenuto del documento è liberamente

Dettagli

Studio di fattibilità (2) Identificazione ed analisi dei requisiti

Studio di fattibilità (2) Identificazione ed analisi dei requisiti Prime fasi nella produzione del software &RUVR GL,QJHJQHULD GHO 6RIWZDUH Capitolato d appalto o doc. formale di richiesta prodotto Incontri con il committente e/o interviste Esercitazione Studio del dominio

Dettagli

Bando selezione Professionista Esperto/Impresa Progettista Web - Web Design

Bando selezione Professionista Esperto/Impresa Progettista Web - Web Design PPROT. N. 1730 Lauria li, 25/05/2015 AVVISO PUBBLICO CIG: ZCD14B4BE0 Bando selezione Professionista Esperto/Impresa Progettista Web - Web Design IL DIRIGENTE SCOLASTICO Visto che in data 29/04/2015 è stata

Dettagli

Seminario DATI APERTI DI QUALITA OPEN DATA E QUALITA DEI DATI

Seminario DATI APERTI DI QUALITA OPEN DATA E QUALITA DEI DATI Seminario DATI APERTI DI QUALITA Roma, 3 Dicembre 2012 OPEN DATA E QUALITA DEI DATI Enrico Viola (enrico.viola@pico2000.it) AGENDA La qualità per i dati: definizione, rilevanza, specificità Il ciclo di

Dettagli

Progettazione di applicazioni Web. Prog. applicazioni Web - 1 -

Progettazione di applicazioni Web. Prog. applicazioni Web - 1 - Progettazione di applicazioni Web Prog. applicazioni Web - 1 - Sviluppo di siti: la guida di Yale "Web Style Guide: Basic Design Principles for Creating Web Sites" P.J. Lynch and S. Horton, Yale University

Dettagli

INTERNET CONSULTING COMPANY WEB APPLICATION E MARKETING TRIDIMENSIONALE

INTERNET CONSULTING COMPANY WEB APPLICATION E MARKETING TRIDIMENSIONALE web applications e marketing tridimensionale COMPANY PROFILE INTERNET CONSULTING COMPANY WEB APPLICATION E MARKETING TRIDIMENSIONALE Il successo non è un obiettivo programmabile bensì la conseguenza delle

Dettagli

Internet e World Wide Web

Internet e World Wide Web Alfonso Miola Internet e World Wide Web Dispensa C-02 Settembre 2005 1 Nota bene Il presente materiale didattico è derivato dalla dispensa prodotta da Luca Cabibbo Dip. Informatica e Automazione Università

Dettagli

Specifica dei requisiti

Specifica dei requisiti Specifica dei requisiti Contenuto: Cosa sono i requisiti Specifica col metodo classico Standard IEEE 830-1998 Cenni su altri standard 1 Cosa sono i requisiti Con la parola requisito si intende una caratteristica

Dettagli

Parlare al cittadino e comunicare attraverso Internet: progettazione, accessibilità e manutenzione

Parlare al cittadino e comunicare attraverso Internet: progettazione, accessibilità e manutenzione Parlare al cittadino e comunicare attraverso Internet: progettazione, accessibilità e manutenzione Marzo 2002 - Paolo Sensini 00 XX 1 Progettazione di un sito Comunicazione Grafica Layout Progettazione

Dettagli

Groupware e workflow

Groupware e workflow Groupware e workflow Cesare Iacobelli Introduzione Groupware e workflow sono due parole molto usate ultimamente, che, a torto o a ragione, vengono quasi sempre associate. Si moltiplicano i convegni e le

Dettagli

What you dream, is what you get.

What you dream, is what you get. What you dream, is what you get. mission MWWG si propone come punto di riferimento nella graduale costruzione di una immagine aziendale all'avanguardia. Guidiamo il cliente passo dopo passo nella creazione

Dettagli

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco.

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. > LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. Perché investire in innovazione 2 Perché scegliere MediaNET 4 A chi si rivolge MediaNET 6 I numeri 7 Soluzioni e servizi 8 L identità MediaNET

Dettagli

Un approccio multi-step per la valutazione dell usabilità del sito Web di una destinazione turistica

Un approccio multi-step per la valutazione dell usabilità del sito Web di una destinazione turistica Un approccio multi-step per la valutazione dell usabilità del sito Web di una destinazione turistica Luisa Mich, Mariangela Franch 1. Introduzione Il sito Web di una destinazione turistica gioca un ruolo

Dettagli

web solutions Chi l ha detto che portali e GDS sono costosi e difficili da gestire? GPnet: non è mai stato così facile! web booking engine

web solutions Chi l ha detto che portali e GDS sono costosi e difficili da gestire? GPnet: non è mai stato così facile! web booking engine web booking engine web solutions aggiornamento tariffe nei portali monitoraggio concorrenza servizio editoriale Chi l ha detto che portali e GDS sono costosi e difficili da gestire? GPnet: non è mai stato

Dettagli

Accessibilità e CMS Cristian Lucchesi Istituto di Informatica e Telematica

Accessibilità e CMS Cristian Lucchesi Istituto di Informatica e Telematica 1 Accessibilità e CMS Cristian Lucchesi Istituto di Informatica e Telematica Agenda 2 definizione normativa italiana riferimenti internazionali validare l'accessibilità accessibilità e CMS Accessibilità

Dettagli

PROFILO AZIENDALE MISSION & VISION

PROFILO AZIENDALE MISSION & VISION COMPANY PROFILE 2014 PROFILO AZIENDALE Posytron è una società di consulenza tecnologica e gestionale certificata ISO 9001:2008 fondata nel 1999 da Alberto Muritano, attuale CEO, per supportare l'innovazione

Dettagli

LA STEREO FOTOMETRIA, OLTRE L IMMAGINAZIONE

LA STEREO FOTOMETRIA, OLTRE L IMMAGINAZIONE MADD-SPOT, 2, 2013 LA STEREO FOTOMETRIA, OLTRE L IMMAGINAZIONE DI ROBERTO MECCA Il mercato dell animazione 3D è in forte crescita in questi anni. Stampanti tridimensionali, nuovi strumenti per l analisi

Dettagli

Modulo 8. Strumenti di produzione Strumenti. Gli strumenti più utilizzati per produrre pagine Web sono essenzialmente due:

Modulo 8. Strumenti di produzione Strumenti. Gli strumenti più utilizzati per produrre pagine Web sono essenzialmente due: Pagina 1 di 6 Strumenti di produzione Strumenti Gli strumenti più utilizzati per produrre pagine Web sono essenzialmente due: 1. Netscape Composer, gratuito e scaricabile da netscape.org assieme al browser

Dettagli

Spettabile. Termine attività PREMESSA

Spettabile. Termine attività PREMESSA Spettabile Ogetto: Regione Lazio - Bando per l educazione permanente degli adulti. Misura 1.a di Sistema. Delibera Giunta Regionale n. 30 dell 11/01/2001 - (Pubblicato nel BUR Lazio n.5 del 20 febbraio

Dettagli

Valutare la qualità dei siti Web

Valutare la qualità dei siti Web Valutare la qualità dei siti Web CONTENUTI OBIETTIVI DELLA LEZIONE 1. Chiarire cosa si intende per qualità dei siti Web 2. Descrivere alcune tecniche per misurare tali caratteristiche 3. Introdurre l approccio

Dettagli