Nota metodologica Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nota metodologica Strategia di campionamento e livello di precisione dei risultati"

Transcript

1 Nota etodologica Strategia di capionaento e livello di precisione dei risultati 1. Obiettivi conoscitivi La popolaione di interesse dell indagine in oggetto, ossia l insiee delle unità statistiche intorno alle quali si intende investigare, è costituita dalle faiglie residenti in Italia e dagli individui con età copresa tra 18 e 74 anni ad esse appartenenti, al netto dei ebri peranenti delle convivene. La faiglia è intesa coe faiglia di fatto, ossia un insiee di persone coabitanti e legate da vincoli di atrionio, parentela, affinità, adoione, tutela o affettivi. I doini di studio, ossia gli abiti rispetto ai quali sono riferiti i paraetri di popolaione oggetto di stia, sono: l intero territorio naionale; le quattro ripartiioni geografiche previste dalla classificaione NUTS1 (Italia Nord-Occidentale, Italia Nord-Orientale, Italia Centrale, Italia Meridionale e Insulare); la tipologia counale ottenuta suddividendo i couni italiani in quattro classi forate in base a caratteristiche socio-econoiche e deografiche: A) couni appartenenti all area etropolitana suddivisi in: A 1, couni centro dell area etropolitana: Torino, Milano, Veneia, Genova, Bologna, Firene, Roa, Napoli, Bari, Palero, Catania, Cagliari; A 2, couni che gravitano intorno ai couni centro dell area etropolitana; B) couni non appartenenti all area etropolitana suddivisi in: B 1 couni aventi fino a abitanti; B 2 couni con oltre abitanti. 2. Strategia di capionaento 2.1. Descriione generale del disegno di capionaento Il disegno di capionaento è di tipo coplesso e si avvale di due differenti schei di capionaento. Nell abito di ognuno dei doini definiti dall incrocio della regione geografica con le quattro aree A 1, A 2, B 1 e B 2, i couni italiani sono suddivisi in due sottoinsiei sulla base della popolaione residente: l insiee dei couni Auto Rappresentativi (che indichereo d ora in avanti coe couni AR) costituito dai couni di aggiore diensione deografica; l insiee dei couni Non Auto Rappresentativi (o NAR) costituito dai rianenti couni. Nell abito dell insiee dei couni AR, ciascun coune viene considerato coe uno strato a se stante e viene adottato un disegno noto con il noe di capionaento a grappoli. Le unità priarie di capionaento sono rappresentate dalle faiglie anagrafiche, estratte in odo sisteatico dall anagrafe del coune stesso; per ogni faiglia anagrafica inclusa nel capione vengono rilevate le caratteristiche oggetto di indagine di tutti i coponenti di fatto appartenenti alla faiglia edesia.

2 Nell abito dei couni NAR viene adottato un disegno a due stadi con stratificaione delle unità priarie. Le Unità Priarie (UP) sono i couni, le Unità Secondarie sono le faiglie anagrafiche; per ogni faiglia anagrafica inclusa nel capione vengono rilevate le caratteristiche oggetto di indagine di tutti i coponenti di fatto appartenenti alla faiglia edesia. I couni vengono seleionati con probabilità proporionali alla loro diensione deografica e sena reiissione, entre le faiglie vengono estratte con probabilità uguali e sena reiissione Definiione della diensione capionaria La diensione del capione teorico in terini di faiglie è stata prefissata a livello naionale essenialente in base a criteri di costo ed operativi e posta pari a circa 6000 interviste Si è anche definito che il nuero di couni capione interessati dovesse essere prossio a 500, in odo da consentire un buon lavoro di controllo e supervisione. L allocaione del capione tra i doini di stia è stata effettuata sulla base della valutaione degli errori di capionaento attesi delle principali stie di interesse dell indagine in oggetto riferite agli individui e relative alla partecipaione a corsi di foraione. Le inforaioni su tali stie sono state desunte dall indagine Multiscopo I cittadini e il tepo libero dell anno 2006, a livello degli incroci tra ripartiione geografica e tipologia counale a 4 odalità. Per ottenere l allocaione igliore delle 6000 interviste prefissate tra i doini di stia per tenere sotto controllo la precisione attesa delle stie di interesse, si è fatto ricorso a una etodologia di allocaione ottia basata su un estensione al caso ulti doinio del etodo di allocaione ultivariato di Bethel (1989) 1. Poiché le stie sono riferite agli individui, si è allocato un capione di circa 8200 individui adulti, corrispondenti a 6000 faiglie Stratificaione e seleione delle unità capionarie L obiettivo della stratificaione è quello di forare gruppi (o strati) di unità caratteriate, relativaente alle variabili oggetto d indagine, da assia oogeneità interna agli strati e assia eterogeneità fra gli strati. Il raggiungiento di tale obiettivo si traduce in terini statistici in un guadagno nella precisione delle stie, ossia in una riduione dell errore capionario a parità di nuerosità capionaria. Nell indagine Adult Education, i couni vengono stratificati in base alla loro diensione deografica e nel rispetto delle seguenti condiioni: autoponderaione del capione a livello regionale; seleione di n =3 couni capione 2 nell abito di ciascuno strato definito sui couni dell insiee NAR; scelta di un nuero inio di faiglie da intervistare in ciascun coune capione; per l indagine in oggetto tale nuero è stato posto pari a 11; foraione di strati aventi apiea approssiativaente costante in terini di popolaione residente. Il procediento di stratificaione, attuato all interno di ogni doinio territoriale individuato dalle aree A 1, A 2, B 1, B 2 di ciascuna ripartiione territoriale, si articola nelle seguenti fasi: 1 Bethel J. (1989). Saple Allocation in Multivariate Surveys, Survey Methodology, 15, Si è stabilito di seleionare 3 couni da ogni strato per consentire la suddivisione del capione sui 3 esi del triestre di rilevaione. Per i couni AR, che in tal caso sono coinvolti nella rilevaione tutti e tre i esi, il capione di faiglie è stato definito divisibile per 3.

3 ordinaento dei couni del doinio in ordine decrescente secondo la loro diensione deografica in terini di popolaione residente; deterinaione di una soglia di popolaione per la definiione dei couni AR, ediante la relaione: d in cui per la generica regione geografica d si è indicato con: d il nuero inio di faiglie da intervistare in ciascun coune capione; d il nuero edio di coponenti per faiglia; d f la fraione di capionaento a livello del doinio d; suddivisione di tutti i couni nei due sottoinsiei AR e NAR: i couni di diensione superiore o uguale a d sono definiti coe couni AR e i rianenti coe NAR; suddivisione dei couni dell insiee NAR in strati aventi diensione, in terini di popolaione residente, approssiativaente costante e all incirca pari a: ( n ) d = 3 d. Effettuata la stratificaione, i couni AR sono inclusi con certea nel capione; per quanto riguarda, invece, i couni NAR, nell abito di ogni strato viene estratto un coune capione con probabilità proporionale alla diensione deografica, ediante la procedura di seleione sisteatica proposta da Madow 3. La seleione delle faiglie da intervistare in ogni coune capione viene effettuata dalla lista anagrafica di ciascun coune sena reiissione e con probabilità uguali. La realiaione del disegno capionario ha previsto una diensione effettiva del capione di 6022 faiglie distribuite in 462 couni italiani. Nel prospetto 1 viene riportata la distribuione dell universo e del capione dei couni, delle faiglie e degli individui per ripartiione geografica. Prospetto 1. - Distribuione per area geografiche dei couni, delle faiglie e delle persone nell universo e nel capione- Anno 2011 Ripartiioni 3. Le stie capionarie Universo Situaione al 31/12/2011 Popolaione Couni L indagine deve produrre le stie riferite al nuero di individui che nella popolaione di riferiento (i 18-74enni, per questa indagine) possiedono una certa caratteristica o il livello di una quantità isurata sugli individui. Per il calcolo dei coefficienti di riporto all universo si utilia una procedura generaliata di stia, basata sull uso di una faiglia di stiatori, noti in letteratura coe calibration estiator (stiatori di ponderaione vincolata). La etodologia alla base di tali stiatori d d f d Faiglie Couni Capione realiato Faiglie con aleno un coponente di anni Individui di anni Nord-ovest Nord-est Centro Sud e Isole Italia Madow, W.G. (1949) On the theory of systeatic sapling II, Ann. Math. Stat., 20,

4 consente la deterinaione di un coefficiente di riporto all universo in grado di produrre stie coerenti a totali noti, desunti da fonti esterne, e correlati alle principali variabili oggetto di indagine. La faiglia di stiatori di ponderaione vincolata coincide asintoticaente con lo stiatore di regressione generaliato: per capioni sufficienteente grandi, quindi, tali stiatori hanno approssiativaente le stesse proprietà, ovvero sono corretti, consistenti e con la stessa variana capionaria 4. La strategia adottata per la costruione dei coefficienti di riporto all universo si sviluppa attraverso le fasi tipiche utiliate per la costruione degli stiatori nelle varie indagini capionarie dell Istituto. In particolare possiao distinguere: - la deterinaione della probabilità di inclusione di ogni unità statistica e del relativo peso diretto, pari all inverso della probabilità di inclusione; - calcolo dei coefficienti di correione per ancata risposta totale; - deterinaione dei coefficienti di riporto all universo finali vincolati ai totali noti desunti da fonti esterne all indagine La probabilità di inclusione e il peso diretto Il principio su cui è basato ogni etodo di stia capionaria è che le unità appartenenti al capione rappresentino anche le unità della popolaione che non sono incluse nel capione stesso. A tale scopo, ad ogni unità capionaria viene attribuito un peso, o coefficiente di riporto all universo, che indica quante unità della popolaione sono rappresentate, rispettivaente, da ogni unità presente nel capione. Sena perdere di generalità, definiao la seguente sibologia: U popolaione di riferiento oggetto di indagine; y k valore della variabile Y assunto dalla k-esia osservaione della popolaione; y j valore della variabile Y assunto dalla j-esia osservaione del capione; π j probabilità, assegnata dal disegno di capionaento, che l unità j-esia sia inclusa nel capione S. Il totale di una generica variabile Y, calcolato sull intera popolaione, assue la seguente fora: Y y k (1) k U Il disegno di capionaento assegna le probabilità di inclusione ad ogni unità del capione in odo tale che sia uno stiatore corretto della (1). ˆ y j (2) j s j Y Nel disegno di capionaento di questa indagine, la probabilità di inclusione di un generico individuo è data: dalla probabilità di estraione del coune di residena (direttaente proporionale all apiea deografica dei couni all interno dello strato); e dalla probabilità di 1 4 La etodologia è illustrata da Deville, J.C. e Särndal, C.E. in Calibration Estiation in Survey Sapling, Journal of the Aerican Statistical Association, Vol. 87, n.418, 1992.

5 estraione della faiglia di appartenena tra le faiglie eleggibili del coune. Le faiglie di uno stesso coune hanno quindi tutte la edesia probabilità di inclusione. Per una generica faiglia eleggibile j, nel coune i dello strato h, il peso diretto d hij, inverso della probabilità di inclusione π hij, assue la seguente fora: d hij 1 hij (3) Nel corso della fase di raccolta delle inforaioni presso le unità che forano il capione, coe accade per tutte le indagini statistiche, alcune di queste si trovano nell ipossibilità di partecipare alle indagini. Per ovviare alla ancata partecipaione di alcune unità, sotto l ipotesi che il coportaento dei rispondenti sia siile a quello dei non rispondenti all interno di particolari sottogruppi di unità capionarie, il correttore per ancata risposta assue la fora dell inverso del tasso di risposta ( ) all interno del generico sottogruppo : in questa indagine, i sottogruppi sono identificati traite l incrocio tra le quattro ripartiioni geografiche previste dalla classificaione NUTS1 e la tipologia counale ottenuta suddividendo i couni italiani in quattro classi forate in base a caratteristiche socio-econoiche e deografiche, secondo le odalità descritte nel paragrafo 1. Il correttore per la ancata risposta è definito coe: 1 r (4) in cui rappresenta il nuero di faiglie che da disegno capionario avrebbero dovuto r partecipare all indagine in un generico sottogruppo e rappresenta il nuero di faiglie effettivaente rispondenti nel generico sottogruppo. In questa aniera, il coefficiente di riporto all universo corretto per ancata risposta, da assegnare al capione rispondente, risulta essere una generica faiglia rispondente j, nel coune i dello strato h, appartenente al sottogruppo : k hij d hij 1 (5) 3.2. La calibraione a fonti esterne Per il calcolo dei coefficienti di riporto all universo finali si adottano gli stiatori di ponderaione vincolata (calibration estiator). La etodologia si basa sull utilio di opportune inforaioni ausiliarie, sintetiate in totali noti, che, correlate con le variabili principali oggetto di indagine, hanno la funione di auentare l accuratea delle stie. I pesi finali si ottengono risolvendo un problea di inio vincolato, in cui la funione da iniiare è una funione di distana tra i pesi diretti corretti per la ancata risposta (k) e i pesi finali (w) degli individui del capione rispondente ( ), e i vincoli sono proprio le condiioni di uguagliana delle stie capionarie di alcune variabili ausiliarie con i rispettivi totali noti desunti da fonti esterne all indagine.

6 dove t è il vettore dei totali noti e x j è il vettore delle variabili ausiliarie osservate sulla j-esia unità capionaria appartenente al capione rispondente ( ). La funione di distana utiliata è la logaritica troncata. I totali noti introdotti coe vincoli nel calcolo dei pesi finali consentono di igliorare l accuratea delle stie, poiché quanto più le variabili ausiliarie considerate sono correlate con le variabili oggetto d indagine, tanto più si riduce la distorsione delle stie. Le stie capionarie sono state vincolate ai seguenti totali noti: - popolaione residente di anni per ripartiione territoriale, sesso e classi d età (18-24, 25-34, 35-44, 45-54, 55-64, 65-74); - popolaione residente di anni per ripartiione territoriale, sesso e titolo di studio (nessun titolo o licena eleentare; diploa di scuola edia; diploa di scuola secondaria superiore; titolo post-secondario). - popolaione residente di anni per ripartiione territoriale, sesso e condiione professionale autopercepita (occupato; disoccupato; inattivo). - popolaione residente di anni per ripartiione territoriale, sesso e tipologia del coune di residena (Couni centro di area etropolitana; Couni periferia di area etropolitana; altri Couni sotto i abitanti; altri Couni sopra i abitanti). La distribuione della popolaione per titolo di studio e per condiione professionale autopercepita proviene dall indagine sulle Fore di Lavoro Valutaione del livello di precisione delle stie Le stie prodotte da un indagine capionaria sono sepre affette da errore. Questo si distingue in errore capionario, che deriva proprio dall incertea derivante dall aver osservato la variabile di interesse solo su una parte (capione) della popolaione; ed errore non capionario, che deriva essenialente da errori nelle liste della popolaione utiliate per seleionare le unità del capione; ancate risposte pariali dovute a risposte ancanti o non aissibili a causa di errori di rilevaione o di registraione; in generale, da tutto ciò che ha a che fare con le tecniche di indagine utiliate e i coportaenti dei rilevatori. In questo paragrafo si descrivono le etodologie e le tecniche utiliate per la valutaione dell errore capionario associato alle stie prodotte. Le principali statistiche per valutare l errore capionario sono l errore di capionaento assoluto e l errore di capionaento relativo. La stia dell errore di capionaento assoluto e relativo di una generica stia sono definite dalle seguenti espressioni: Conoscendo la stia di un paraetro Y della popolaione e la stia dell errore assoluto ad essa associato, è possibile costruire un intervallo di confidena che, con livello di fiducia α, contiene al suo interno il valore del paraetro Y oggetto di stia; tale intervallo è: dove il valore di dipende dalla fora della distribuione capionaria dello stiatore e dal valore scelto per il livello di confidena α; per grandi capioni si fa couneente riferiento alla distribuione norale e si ha ad esepio, per = 0,05, che = 1,96.

7 3.4. Presentaione sintetica degli errori capionari Ad ogni stia generica stia corrisponde una stia dell errore capionario relativo che consente di valutarne la precisione; pertanto, per consentire una corretta interpretaione delle stie prodotte, sarebbe necessario presentare contestualente a ciascuna stia anche il corrispondente errore capionario stiato. Ciò, tuttavia, non è possibile quando le stie prodotte sono in nuero olto elevato. Per questi otivi si ricorre frequenteente ad una presentaione sintetica delle stie degli errori capionari, basata sul etodo dei odelli regressivi. Questo etodo si basa sulla deterinaione di una seplice funione ateatica che ette in relaione ciascuna stia con il proprio errore capionario relativo stiato. Il odello utiliato per le stie di frequene assolute e relative riferite agli individui è il seguente: dove i paraetri a e b sono stiati con il etodo dei inii quadrati. I odelli regressivi del tipo descritto, che perettono la presentaione sintetica degli errori di capionaento, sono stati ottenuti traite un software generaliato esso a punto dall Istat. Nel prospetto 2 sono riportati i valori dei coefficienti a e b e del coefficiente di deterinaione R 2 dei odelli stiati per l interpolaione degli errori capionari relativi delle stie di frequene assolute e relative per il totale Italia e per diversi doini di stia. Utiliando gli opportuni coefficienti è possibile calcolare una stia dell'errore capionario relativo di una generica stia di una frequena applicando la seguente forula: Prospetto 2 Valori dei coefficienti a, b e dell indice di deterinaione R2 (%) delle funioni utiliate per le interpolaioni degli errori capionari delle stie riferite alle persone per totale Italia, ripartiione geografica, tipo di coune Anno 2012 ZONE TERRITORIALI a b R 2 (%) ITALIA RIPARTIZIONE GEOGRAFICA Nord-ovest Nord-est Centro Sud e Isole TIPO DI COMUNE Area urbana centro Area urbana periferia Couni fino a 10ila abitanti Couni oltre i 10ila abitanti Infine, il prospetto 3 ha lo scopo di rendere più agevole e iediata la valutaione degli errori capionari. In fiancata sono elencati valori crescenti di stia (20.000, , , ) di frequene assolute; in testata sono riportati i doini di riferiento delle stie; le celle interne contengono gli errori capionari relativi percentuali stiati ediante la forula precedente. Consultando queste tavole è possibile disporre di una valutaione iediata (anche se eno precisa rispetto all applicaione della forula precedente), dell errore capionario di una generica stia di una frequena assoluta (o relativa), cercando nella fiancata il valore che più si avvicina alla stia di interesse e in testata il doinio di riferiento.

8 Prospetto 3 Valori interpolati degli errori capionari relativi percentuali delle stie riferite alle persone per totale Italia, ripartiione geografica, tipo di coune Anno 2012 STIME 4. Esepi di calcolo degli errori capionari Esepio 1 RIPARTIZIONE GEOGRAFICA ITALIA Nord-ovest Nord-est Centro Sud e Isole Area urbana centro Nel 2012, il 51,5% delle persone di 18 anni e più (pari a 22 ilioni e 648ila persone) ha partecipato negli ultii 12 esi ad attività di foraione. Si cerca il livello di stia che più si avvicina a nella pria colonna del prospetto ** per il totale Italia. L errore relativo percentuale della stia considerata è pari a 1,2 %. TIPO DI COMUNE Area Couni fino urbana a 10ila periferia abitanti Couni oltre i 10ila abitanti 20, , , , , , , , , , , , , , ,000, ,000, ,000, ,000, ,000, ,500, ,000, ,000, ,000, ,000, L errore assoluto sarà: ( ) = 0,012 x = L intervallo di confidena avrà coe estrei : (1,96 x ) = (1,96 x ) =

9 Esepio 2 Considerando la stia precedente si possono ottenere valori più precisi dell errore di capionaento operando ediante interpolaione lineare dei due livelli di stia consecutivi tra i quali è copreso il valore della stessa. Tali livelli sono e ai quali corrispondono i valori percentuali 1,2 e 1,1. L errore relativo corrispondente a è pari a : ( ) = 1,2 - (1,2-1,1) / ( ) x ( ) = 1,14704% Il corrispondente errore assoluto è 0, x = e l intervallo di confidena avrà coe estrei: (1,96 x ) = (1,96 x ) = Esepio 3 Il calcolo dell errore può essere effettuato, direttaente, traite la funione interpolante: ˆ(Ŷ) exp a b log(ŷ) i cui paraetri, riportati nel prospetto 2 alla riga Italia, sono i seguenti: a = 9,4613 b = -1,08932 Per Ŷ = si ha: ˆ( Yˆ) exp 9,4613-1,08932 log( ) 0, L errore relativo percentuale è quindi pari al 1,1182% e il calcolo dell errore assoluto e dell intervallo di confidena è del tutto analogo a quello degli esepi 1 e 2.

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1)

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1) Esercizi sulle distribuzioni binoiale e poissoniana Esercizio n. Una coppia ha tre figli. Calcolare la probabilità che abbia non più di un aschio se la probabilità di avere un aschio od una feina è sepre

Dettagli

Misure elettriche circuiti a corrente continua

Misure elettriche circuiti a corrente continua Misure elettriche circuiti a corrente continua Legge di oh Dato un conduttore che connette i terinali di una sorgente di forza elettrootrice si osserva nel conduttore stesso un passaggio di corrente elettrica

Dettagli

Dai numeri naturali ai numeri reali

Dai numeri naturali ai numeri reali .1 Introduzione Dai nueri naturali ai nueri reali In questa unità didattica vogliao riprendere rapidaente le nostre conoscenze sugli insiei nuerici (N, Z e Q), e successivaente apliarle a coprendere i

Dettagli

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2)

Confronto fra valore del misurando e valore di riferimento (1 di 2) Confronto fra valore del isurando e valore di riferiento (1 di 2) Talvolta si deve espriere un parere sulla accettabilità o eno di una caratteristica fisica del isurando ediante il confronto fra il valore

Dettagli

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE 21 arzo 2013 GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE La nuova base 2010 A partire dal ese di arzo 2013, l Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione dei nuovi indici

Dettagli

PRINCIPIO DI INDUZIONE. k =. 2. k 2 n(n + 1)(2n + 1) 6

PRINCIPIO DI INDUZIONE. k =. 2. k 2 n(n + 1)(2n + 1) 6 PRINCIPIO DI INDUZIONE LORENZO BRASCO Esercizio. Diostrare che per ogni n si ha nn. 2 Esercizio 2. Diostrare che per ogni n si ha 2 2 nn 2n. Soluzione Procediao per induzione: la 2 è ovviaente vera per

Dettagli

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti Facoltà di Ingegneria - Polo di Rieti Corso di " Ipianti Tecnici per l'edilizia" Ipianti di Condizionaento: Ipianti a tutt'aria e isti Prof. Ing. Marco Roagna INTRODUZIONE Una volta noti i carichi sensibili

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA DOCUMENTI ISTAT La stima di indicatori per domini sub-regionali con i dati dell indagine Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari

Dettagli

CompitoTotale_21Feb_tutti_2011.nb 1

CompitoTotale_21Feb_tutti_2011.nb 1 CopitoTotale_2Feb_tutti_20.nb L Sia data una distribuzione di carica positiva, disposta su una seicirconferenza di raggio R con densità lineare di carica costante l. Deterinare : al l espressione del capo

Dettagli

r~~f~~. --r-~r-r ---- _[::=_~- r-l

r~~f~~. --r-~r-r ---- _[::=_~- r-l In tutti i problei si userà coe velocità del suono in aria il valore 340 /s (valido per una teperatura dell'aria di circa 18 C), salvo diversa indicazione. La propagazione ondosa La figura seguente ostra

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

Gli orbitali: modello atomico probabilistico

Gli orbitali: modello atomico probabilistico 1 Approfondimento 2.1 Gli orbitali: modello atomico probabilistico Modello atomico planetario (o a gusci): gli elettroni ruotano intorno al nucleo percorrendo orbite prefissate. Il modello atomico planetario

Dettagli

INTRODUZIONE AL RUMORE NEI CIRCUITI ELETTRONICI RAPPRESENTAZIONE DEL RUMORE

INTRODUZIONE AL RUMORE NEI CIRCUITI ELETTRONICI RAPPRESENTAZIONE DEL RUMORE INTODUZIONE A UMOE NEI CICUITI EETTONICI Se prendiao n qalsiasi circito elettronico ed andiao ad analizzare il valore di na grandezza elettrica (tensione o corrente in n pnto, vediao che non è stabile

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

TIP Aerotermi TIP. Aerotermi come apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico

TIP Aerotermi TIP. Aerotermi come apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico TIP Aeroteri TIP Aeroteri coe apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico Indice 01 Inforazioni sul prodotto 6 Panoraica 7 Dati sul prodotto 8 Guida alla scelta: Panoraica delle versioni 9 TIP in un

Dettagli

MASSICCIO. INNOVATIVO. CONTROLLATO. MANUALE PER LE COSTRUZIONI DI LEGNO MASSICCIO

MASSICCIO. INNOVATIVO. CONTROLLATO. MANUALE PER LE COSTRUZIONI DI LEGNO MASSICCIO www.senft-partner.at MASSICCIO. INNOVATIVO. CONTROLLATO. MANUALE PER LE COSTRUZIONI DI LEGNO MASSICCIO È tepo di riscoprire l essenza del legno su un apia base. La costruzione con questo ateriale sano

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

Leica Lino L360, L2P5, L2+, L2, P5, P3

Leica Lino L360, L2P5, L2+, L2, P5, P3 Leica Lino L360, L25, L2+, L2, 5, 3 Manuale d'uso Versione 757665g Italiano Congratulazioni per aver acquistato Leica Lino. Le ore di sicurezza sono allegate al Manuale d'uso. Leggere attentaente le ore

Dettagli

Dott.ssa Caterina Gurrieri

Dott.ssa Caterina Gurrieri Dott.ssa Caterina Gurrieri Le relazioni tra caratteri Data una tabella a doppia entrata, grande importanza riveste il misurare se e in che misura le variabili in essa riportata sono in qualche modo

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

CAPITOLO 3 PRINCIPIO DELLE TENSIONI EFFICACI

CAPITOLO 3 PRINCIPIO DELLE TENSIONI EFFICACI CAPITOLO 3 Essendo il terreno un materiale multifase, il suo comportamento meccanico (compressibilità, resistena), in seguito all applicaione di un sistema di sollecitaioni esterne o, più in generale,

Dettagli

Numeri complessi. x 2 = 1.

Numeri complessi. x 2 = 1. 1 Numeri complessi Nel corso dello studio della matematica si assiste ad una progressiva estensione del concetto di numero. Dall insieme degli interi naturali N si passa a quello degli interi relativi

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua

MACCHINE ELETTRICHE. Stefano Pastore. Macchine in Corrente Continua MACCHINE ELETTRICHE Mahine in Corrente Continua Stefano Pastore Dipartiento di Ingegneria e Arhitettura Corso di Elettrotenia (IN 043) a.a. 2012-13 Statore Sistea induttore (Statore): anello in ghisa o

Dettagli

La vita quotidiana nel 2009

La vita quotidiana nel 2009 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 1 0 Settore Famiglia e società La vita quotidiana nel 2009 Indagine multiscopo annuale sulle famiglie Aspetti della vita quotidiana Anno

Dettagli

Esercizi di calcolo combinatorio

Esercizi di calcolo combinatorio CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi di calcolo combinatorio Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability di Sheldon Ross, quinta

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE RRISIH D SOIZIO bbiamo visto che la trave uò essere definita come un solido generato da una figura iana S (detta seione retta o seione ortogonale) che si muove nello saio mantenendosi semre ortogonale

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza

Titolo della lezione. Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Titolo della lezione Analisi dell associazione tra due caratteri: indipendenza e dipendenza Introduzione Analisi univariata, bivariata, multivariata Analizzare le relazioni tra i caratteri, per cercare

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Linee guida metodologiche per rilevazioni statistiche

Linee guida metodologiche per rilevazioni statistiche Linee guida metodologiche per rilevazioni statistiche Nozioni metodologiche di base e pratiche consigliate per rilevazioni statistiche dirette o basate su fonti amministrative Marco Fortini Istituto Nazionale

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Le funzioni reali di variabile reale

Le funzioni reali di variabile reale Prof. Michele Giugliano (Gennaio 2002) Le funzioni reali di variabile reale ) Complementi di teoria degli insiemi. A) Estremi di un insieme numerico X. Dato un insieme X R, si chiama maggiorante di X un

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse Cos è Excel Uno spreadsheet : un foglio elettronico è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse I dati contenuti nelle celle possono essere elaborati ponendo

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari

Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari 2 marzo 2007 Condizioni di salute, fattori di rischio e ricorso ai servizi sanitari Anno 2005 Con l indagine multiscopo Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari l Istat rileva presso i cittadini

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

1 Definizione: lunghezza di una curva.

1 Definizione: lunghezza di una curva. Abstract Qui viene affrontato lo studio delle curve nel piano e nello spazio, con particolare interesse verso due invarianti: la curvatura e la torsione Il primo ci dice quanto la curva si allontana dall

Dettagli

Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4. Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo

Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4. Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo Metodi statistici per l economia (Prof. Capitanio) Slide n. 4 Materiale di supporto per le lezioni. Non sostituisce il libro di testo Dipendenza di un carattere QUANTITATIVO da un carattere QUALITATIVO

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

J yy > Jxx. l o H A R A R B

J yy > Jxx. l o H A R A R B oitecnico di Torino I cedimento di una struttura soggetta a carichi statici può avvenire in acuni casi con un meccanismo diverso da queo di superamento dei imiti di resistena de materiae. Tae meccanismo

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

METODO VOLTAMPEROMETRICO

METODO VOLTAMPEROMETRICO METODO OLTAMPEOMETCO Tle etodo consente di isrre indirettente n resistenz elettric ed ipieg l definizione stess di resistenz : doe rppresent l tensione i cpi dell resistenz e l corrente che l ttrers coe

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ:

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: 2CAPITOLO 2 VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: L ITALIA TRA LA CRISI DEL 1992 E LE ATTUALI DIFFICOLTÀ Come nel 1992, nel 2011 l Italia vive una grave crisi di carattere finanziario, con serie ripercussioni

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

Popolazione e struttura demografica

Popolazione e struttura demografica Capitolo 3 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 3 e struttura demografica La dimensione e la struttura della popolazione, e le dinamiche demografiche

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma

Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Percorsi didattici, interdisciplinari ed innovativi per la Statistica Maurizio Vichi Sapienza Università di Roma Presidente Federazione Europea delle Società Nazionali di Statistica Scuola Estiva di Matematica

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

CAPACITÀ DI PROCESSO (PROCESS CAPABILITY)

CAPACITÀ DI PROCESSO (PROCESS CAPABILITY) CICLO DI LEZIONI per Progetto e Gestione della Qualità Facoltà di Ingegneria CAPACITÀ DI PROCESSO (PROCESS CAPABILITY) Carlo Noè Università Carlo Cattaneo e-mail: cnoe@liuc.it 1 CAPACITÀ DI PROCESSO Il

Dettagli

Argomenti n. 29 2005. Lo sport che cambia. I comportamenti emergenti e le nuove tendenze della pratica sportiva in Italia

Argomenti n. 29 2005. Lo sport che cambia. I comportamenti emergenti e le nuove tendenze della pratica sportiva in Italia Argomenti n. 29 2005 Lo sport che cambia I comportamenti emergenti e le nuove tendenze della pratica sportiva in Italia I settori AMBIENTE E TERRITORIO POPOLAZIONE SANITÀ E PREVIDENZA CULTURA FAMIGLIA

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE Se il coefficiente di correlazione r è prossimo a 1 o a -1 e se il diagramma di dispersione suggerisce una relazione di tipo lineare, ha senso determinare l equazione

Dettagli

Progettazione di stampi in conglomerato cementizio per il processo di stampaggio ad iniezione di materiali plastici

Progettazione di stampi in conglomerato cementizio per il processo di stampaggio ad iniezione di materiali plastici Uniersità Politecnica delle Marche Scuola di Dottorato di Ricerca in Sciene dell Ingegneria Curriculum in Ingegneria dei Materiali, delle Acque e dei erreni ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

MAMME LIBERE DAL FUMO

MAMME LIBERE DAL FUMO MAMME LIBERE DAL FUMO Il razionale Il fumo di tabacco è un problema di sanità pubblica rilevante per la donna, per la mamma, per il bambino; esistono evidenze scientifiche di azioni preventive efficaci;

Dettagli

Introduzione Metodo POT

Introduzione Metodo POT Introduzione Metodo POT 1 Un recente metodo di analisi dei valori estremi è un metodo detto POT ( Peak over thresholds ), inizialmente sviluppato per l analisi dei dati idrogeologici a partire dalla seconda

Dettagli

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA

FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA FUNZIONE ESPONENZIALE E FUNZIONE LOGARITMICA DEFINIZIONE: Dato un numero reale a che sia a > 0 e a si definisce funzione esponenziale f(x) = a x la relazione che ad ogni valore di x associa uno e un solo

Dettagli

SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA

SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA Il presente studio è stato predisposto per l Agenzia Nazionale per la Protezione

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d informazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel mondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Analisi delle Corrispondenze Multiple Prof. Roberto Fantaccione

Analisi delle Corrispondenze Multiple Prof. Roberto Fantaccione Analisi delle Corrispondenze Multiple Prof. Roberto Fantaccione Consideriamo il nostro dataset formato da 468 individui e 1 variabili nominali costituite dalle seguenti modalità : colonna D: Age of client

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Valore caratteristico EC7

Valore caratteristico EC7 Procedura da adottare - Azioni (E) Valore caratteristico EC7 Per le combinazioni delle azioni si rimanda a quanto detto ampiamente in precedenza. Resistenze (Rd) del sistema geotecnico Il valore di progetto

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli