CNIPA. "Codice privacy" Il Documento Programmatico di Sicurezza. 26 novembre Sicurezza dei dati

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CNIPA. "Codice privacy" Il Documento Programmatico di Sicurezza. 26 novembre 2007. Sicurezza dei dati"

Transcript

1 CNIPA "Codice privacy" 26 novembre 2007 Sicurezza dei dati Quando si parla di sicurezza delle informazioni, i parametri di riferimento da considerare sono: Integrità Riservatezza Disponibilità 1

2 I parametri di riferimento l integrità ovvero la riduzione a livelli accettabili del rischio di cancellazioni o modifiche di informazioni a seguito sia di fatti accidentali e/o naturali, che di atti dolosi di soggetti non autorizzati I parametri di riferimento la riservatezza ovvero la riduzione a livelli accettabili del rischio di accesso improprio e dell'utilizzazione dell'informazione da parte di soggetti non autorizzati; 2

3 I parametri di riferimento la disponibilità ovvero la riduzione a livelli accettabili del rischio di impedimento agli utenti autorizzati di fruire del sistema informativo e di accedere e utilizzare le informazioni, sia a seguito di fatti accidentali e/o naturali che di atti dolosi di soggetti non autorizzati. Il corretto approccio al problema Quando si parla di sicurezza delle informazioni i parametri di riferimento da considerare sono: gli aspetti tecnici (sicurezza fisica e logica), organizzativi (definizione di ruoli, procedure, formazione), giuridici (leggi e raccomandazioni, normative interne), 3

4 Il corretto approccio al problema Il termine sicurezza in questo contesto indica quindi la capacità di salvaguardare la riservatezza, l'integrità e la disponibilità delle informazioni La sicurezza delle informazioni e le attività preventive Se partiamo dal ragionevole presupposto che non esiste né può esistere sicurezza in modo assoluto perché i rischi non possono mai essere ridotti a zero, come sicurezza informativa si deve pertanto intendere la capacità di prevenzione e/o reazione a minacce di tipo fisico e/o logico 4

5 La sicurezza delle informazioni e le attività preventive Tale prevenzione/reazione avviene soddisfacendo ad una serie di specifiche che hanno il nome di politiche della sicurezza e sono determinate a partire dall'analisi del rischio Un quadro delle possibili conseguenze dannose alterazione/interruzione di processi nel trattamento dei dati si riferisce al possibile degrado od addirittura all'interruzione dei processi di trattamento ; Le possibili conseguenze dannose sono: alterazione/interruzione del processo cui si riferisce il dato; alterazione/interruzione di altri processi correlati si riferisce al fatto che il dato potrebbe essere condiviso da più processi che pertanto verrebbero parimenti compromessi da una sua perdita di disponibilità; violazione delle norme di legge sulla criminalità informatica (L.547/93) si riferisce alle sanzioni penali, qualora, nel caso di perdita di integrità del dato, si configuri uno dei reati previsti dalla legge citata (es. la diffusione di virus, anche se non dolosa, rientra in questa fattispecie); 5

6 Un quadro delle possibili conseguenze dannose violazione delle norme di legge sulla tutela del software (L. 518/92) si riferisce alle sanzioni penali nel caso di violazione delle leggi citate. La perdita di integrità del dato in questo caso è prodotta dal suo utilizzo con software non autorizzato e/o non funzionante correttamente Le possibili conseguenze dannose sono: violazione obblighi di legge sulla conservazione dei dati si determina qualora il danneggiamento coinvolga dati che debbano essere conservati integri come indicato dalle varie norme in materia ; divulgazione di informazioni riservate con violazione di norme interne si manifesta quando vengano violate norme interne Un quadro delle possibili conseguenze dannose accesso non autorizzato a dati sensibili si riferisce alle sanzioni previste dalla legge per violazione alla segretezza dei dati sensibili Le possibili conseguenze dannose sono: alterazione di processi amministrativi si riferisce al fatto che la perdita di riservatezza in processi amministrativi può avere conseguenze rilevanti ; ricatti e/o minacce dall'esterno si concretizza in possibili azioni di rivalsa effettuate da esterni all'amministrazione, venuti in possesso di informazioni riservate rivendicazioni interne si concretizza invece in azioni da parte di personale interno che utilizzi informazioni riservate per perseguire propri scopi 6

7 Un quadro delle possibili conseguenze dannose perdita di disponibilità dei dati Alterazione/interruzione di processi nel trattamento dei dati Alterazione/interruzione del processo cui si riferisce il dato Alterazione/interruzione di altri processi correlati perdita di integrità dei dati Violazione delle norme di legge sulla criminalità informatica (L.547/93) Violazione delle norme di legge sulla tutela del software (L. 518/92) Possibili aperture di contenzioso con terze parti Violazione obblighi di legge in materia di conservazione dei dati Nuovo caricamento di dati e/o informazioni perdita di riservatezza dei dati Divulgazione di informazioni riservate con violazione di norme interne Accesso non autorizzato a dati personali /sensibili/giudiziari Alterazione di processi amministrativi Ricatti e/o minacce dall'esterno Rivendicazioni interne Le possibili forme di attacco o di danno furto di apparecchiature (con particolare riguardo ai dati eventualmente ivi contenuti); danneggiamento di apparecchiature (per l'aspetto di mancata disponibilità dei dati al trattamento); utilizzo improprio di apparecchiature copia indebita di dati e/o programmi (che consentano un accesso ai dati non autorizzato); lettura indebita di dati perdita di dati/o informazioni, sia su supporto cartaceo che altro; manipolazione, utilizzo e/o alterazione non autorizzata di dati e programmi; 7

8 Le possibili forme di attacco o di danno contagio a mezzo virus informatico (e modalità similari); anomalie di funzionamento di programmi (non dolose - errori); inserimento illegale di software; rilevazione indebita di dati in transito su rete interna/esterna; sottrazione di documenti cartacei; copia indebita di documenti cartacei; alterazione indebita di documenti cartacei; distruzione dolosa di documenti cartacei. L art. 34 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, recante Codice in materia di protezione dei dati personali prescrive che il trattamento dei dati personali effettuato con strumenti elettronici è consentito solo se, tra l altro, è adottato, nei modi previsti dal disciplinare tecnico contenuto nell'allegato B), un aggiornato documento programmatico sulla sicurezza 8

9 Il punto punto 19 del disciplinare tecnico contenuto nell allegato B) del Codice, indica quali debbano essere le idonee informazioni che dovranno essere riportate nel Documento Programmatico di Sicurezza In questa sezione devono essere elencati i trattamenti dei dati personali effettuati dal titolare, con l indicazione della loro natura e degli uffici che, all interno delle aree e degli Uffici in cui si articola l Amministrazione, operano il trattamento dei dati 9

10 19. 1 Tabella 1.1. Elenco dei trattamenti: informazioni di base. Identificativo del Trattamento Descrizione sintetica Natura dei dati trattati Struttura di riferimento Altre strutture che concorrono al trattamento Se Sensibili e /o giudiziari Se Sensibili e /o giudiziari Se Sensibili e /o giudiziari Data di aggiornamento: Tabella 1.2. Elenco dei trattamenti: descrizione degli strumenti utilizzati Identificativo del trattamento Eventuale banca dati Ubicazione fisica dei supporti di memorizzazione Tipologia di dispositivi di accesso Tipologia di interconnessione Data di aggiornamento: 10

11 19. 2 In questa sezione deve essere descritta la distribuzione dei compiti, rappresentando sinteticamente l organizzazione della struttura in cui è effettuato il trattamento dei dati personali, e le relative responsabilità Tabella 2.1. Strutture preposte al trattamento dei dati sensibili e o Giudiziari. Struttura Responsabile Trattamenti operati dalla struttura Compiti della struttura 11

12 19. 3 Analisi dei rischi che incombono sui dati Scelta metodologica Nell analisi dei rischi che incombono sul trattamento dei dati personali e sensibili devono essere considerati i seguenti parametri di riferimento : l'integrità; la riservatezza,; la disponibilità, Analisi dei rischi che incombono sui dati Scelta metodologica L approccio metodologico seguito per garantire la sicurezza del trattamento dei dati personali deve tenere in debito conto sia gli aspetti tecnici (sicurezza fisica e logica), che gli aspetti organizzativi (definizione di ruoli, procedure, formazione), in ottemperanza a quanto dispone la normativa vigente 12

13 19. 3 Analisi dei rischi che incombono sui dati Scelta metodologica Le misure minime di sicurezza informatiche, utilizzate presso l Amministrazione e delle quali se ne descriveranno le applicazioni nel DPS, dovrebbero essere adottate tenendo presenti gli standard internazionali (ITSEC/ITSEM - Common Criteria) ovviamente adattati al contesto amministrativo in cui si opera Analisi dei rischi che incombono sui dati Analisi delle vulnerabilità L analisi dei rischi deve essere effettuata avendo particolare riguardo agli uffici indicati al punto 19.2, presso i quali sono trattati i dati personali e ciò allo scopo di individuare le priorità di intervento 13

14 19. 3 Analisi dei rischi che incombono sui dati Analisi delle vulnerabilità Devono essere analiticamente riportate le strutture dell Amministrazione e le relative banche dati, già individuate nel precedente punto 19.1, che sono rilevanti ai fini del DPS e che potrebbero presentare una maggiore vulnerabilità nel trattamento dei dati personali. Al fine di assicurare una adeguata sicurezza a tali strutture, devono essere interpellati i responsabili degli uffici interessati per l identificazione delle vulnerabilità e per la valutazione delle iniziative più idonee da intraprendere Misure minime di sicurezza adottate e da adottare In questa sezione devono essere descritte le misure minime di sicurezza già adottate in attuazione della previgente normativa, nonché quelle che si intendono adottare alla luce del decreto legislativo n.196/2003 per contrastare i rischi individuati 14

15 19. 4 Misure minime di sicurezza adottate e da adottare Per misura minima di sicurezza si intende non soltanto l intervento tecnico ed organizzativo volto a prevenire, contrastare o ridurre i rischi individuati, ma anche tutte le attività volte a verificare ed a controllare nel tempo il corretto uso del trattamento dei dati. Senza procedure di controllo periodico, infatti, nessuna misura di sicurezza può essere considerata efficace Criteri e procedure volte a garantire l'integrità dei dati e la sicurezza delle trasmissioni Sicurezza organizzativa A) Procedure relative all'accesso fisico agli archivi e ai locali contenenti archivi B) Procedure per l'accesso alla Sala Server C) Procedure per la conservazione ed il ripristino dei dati personali su supporto informatico D) Procedure per la conservazione dei supporti informatici E) Procedure per il reimpiego di strumenti e supporti informatici F) Procedure di comportamento in caso di anomalie G) Procedure per la sorveglianza degli apparati di trasmissione H) Procedure per la trasmissione dei documenti cartacei contenenti dati personali, sensibili, giudiziari 15

16 19. 4 Criteri e procedure volte a garantire l'integrità dei dati e la sicurezza delle trasmissioni Sicurezza logica A) Sicurezza delle informazioni memorizzate B) Codici identificativi di accesso C) Password per il controllo logico degli accessi D) Sicurezza e riservatezza dei dati E) Integrità dei dati F) Sicurezza e riservatezza dei canali trasmissivi Criteri e procedure volte a garantire l'integrità dei dati e la sicurezza delle trasmissioni Sicurezza fisica A) Strumenti per selezionare l'accesso fisico agli archivi o locali contenenti archivi B) Strumenti per l integrità della Sala Server 16

17 19. 5 Criteri e modalità di ripristino della disponibilità dei dati In questa sezione devono essere descritti i criteri e le procedure adottate per il salvataggio dei dati e per il loro ripristino in caso di danneggiamento o di inaffidabilità della base dati. La delicatezza di tali attività deriva direttamente dalla eccezionalità delle situazioni in cui il ripristino ha luogo: è essenziale che le copie dei dati siano disponibili e le procedure efficaci ogni qualvolta ci sia la necessità Criteri e modalità di ripristino della disponibilità dei dati SALVATAGGIO Data base Data di aggiornamento: Dati sensibili o giudiziari contenuti Se dati sensibili e/o giudiziari Criteri individuati per il salvataggio (procedure operative in essere) Viene effettuato con cadenza settimanale, il backup completo dei database. Le copie di sicurezza sono conservate in luogo diverso da quello di elaborazione e custodite in cassaforte. Ogni copia di sicurezza viene etichettata per tipo di database e data di salvataggio. Le copie vengono effettuate su nastri magnetici Struttura operativa incaricata del salvataggio 17

18 19. 5 Criteri e modalità di ripristino della disponibilità dei dati RIPRISTINO Database/archivio Scheda operativa -Prima di effettuare il ripristino dei dati viene verificata la disponibilità operativa del server, la congruità delle applicazioni. -Il ripristino avviene ripristinando in linea i nastri e le procedure di restore sono eseguite dal personale dell Ufficio Pianificazione delle prove di ripristino Annualmente vengono testate le procedure di ripristino. Data di aggiornamento: Pianificazione degli interventi formativi degli incaricati del trattamento In questa sezione sono indicate le azioni che si intendono intraprendere in tema di formazione per gli incaricati del trattamento di dati personali rilevanti ai fini del Documento Programmatico di Sicurezza 18

19 19. 6 Pianificazione degli interventi formativi degli incaricati del trattamento Descrizione sintetica Si prevede di fare dei corsi di formazione per gli incaricati del trattamento, che tratteranno le seguenti tematiche: a)normativa vigente in materia di privacy, con particolare riferimento alle mansioni svolte dall incaricato; b)analisi dettagliata del disciplinare tecnico; c)analisi dei rischi che incombono sui dati; d)misure esistenti per fronteggiare gli eventi dannosi; e)modalità e procedure di attuazione delle norme all'interno del Data di aggiornamento: Incaricati Calendario Trattamenti affidati all esterno Devono essere descritti i criteri da adottare o adottati, per garantire l adozione delle misure minime di sicurezza, in caso di trattamenti di dati personali affidati all esterno della struttura del titolare. 19

Guida operativa per redigere il Documento programmatico sulla sicurezza (DPS)

Guida operativa per redigere il Documento programmatico sulla sicurezza (DPS) Guida operativa per redigere il Documento programmatico sulla sicurezza (DPS) (Codice in materia di protezione dei dati personali art. 34 e Allegato B, regola 19, del d.lg. 30 giugno 2003, n. 196) Premessa

Dettagli

I dati : patrimonio aziendale da proteggere

I dati : patrimonio aziendale da proteggere Premessa Per chi lavora nell informatica da circa 30 anni, il tema della sicurezza è sempre stato un punto fondamentale nella progettazione dei sistemi informativi. Negli ultimi anni il tema della sicurezza

Dettagli

Documento Programmatico sulla sicurezza

Documento Programmatico sulla sicurezza SNAMI Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani Documento Programmatico sulla sicurezza Redatto ai sensi dell articolo 34, comma 1, lettera g) e Allegato B - Disciplinare Tecnico, Regola 19 del Decreto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Adottato dalla Giunta Comunale nella seduta del 26.3.2003 con provvedimento n. 330/11512 P.G. Modificato

Dettagli

Ci si riferisce, in particolare, all'abuso della qualità di operatore di

Ci si riferisce, in particolare, all'abuso della qualità di operatore di Con il presente provvedimento il Garante intende richiamare tutti i titolari di trattamenti effettuati, anche in parte, mediante strumenti elettronici alla necessità di prestare massima attenzione ai rischi

Dettagli

Infostar S.r.l. S.S.13 Pontebbana 54/e - 33017 - TARCENTO (UD) Tel: 0432783940 - Fax: 0432794695 p.iva 02125890307

Infostar S.r.l. S.S.13 Pontebbana 54/e - 33017 - TARCENTO (UD) Tel: 0432783940 - Fax: 0432794695 p.iva 02125890307 Data ultima modifica : 14/06/2006 10:49 DPSS Cod.Doc. 2140.20.0.168818 DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA Valido fino al 31 Marzo 2007. Documento riassuntivo delle misure di sicurezza per la Privacy

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Martino Longhi di VIGGIÙ Via Indipendenza 18, Loc. Baraggia 21059 VIGGIU (VA) Tel. 0332.486460 Fax 0332.488860 C.F.

Dettagli

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali Manuale Informativo Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali INDEX Il D.Lgs. 196/2003 Termini e Fondamenti Gli attori Organizzazione e Responsabilità

Dettagli

VERSO LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO PROGRAMMATICO DI SICUREZZA

VERSO LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO PROGRAMMATICO DI SICUREZZA LE MISURE MINIME DI SICUREZZA INFORMATICA VERSO LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO PROGRAMMATICO DI SICUREZZA di Marco Maglio Marketing e vendite >> Privacy Le nuove misure sono molto più stringenti di quelle

Dettagli

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (D.Lgs. 196/2003) ====================== Incontri Formativi con il Personale della Direzione Didattica del 7 Circolo Didattico G. Carducci di Livorno

Dettagli

La tutela della Privacy. Annoiatore: Stefano Pelacchi

La tutela della Privacy. Annoiatore: Stefano Pelacchi La tutela della Privacy Annoiatore: Stefano Pelacchi 1 Appunti Le organizzazioni del volontariato possono assumere qualsiasi forma giuridica prevista dal Libro I del Codice Civile compatibile con il proprio

Dettagli

Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale Cosenza UOC AFFARI GENERALI

Regione Calabria Azienda Sanitaria Provinciale Cosenza UOC AFFARI GENERALI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA NOMINA E LE FUNZIONI DELL AMMINISTRATORE DI SISTEMA E GLI ADEMPIMENTI IN MATERIA DI OSSERVANZA DELLE MISURE DI SICUREZZA PRIVACY 1 ARTICOLO 1 - SCOPO DEL REGOLAMENTO Il presente

Dettagli

Mansionario del trattamento dei dati

Mansionario del trattamento dei dati Allegato 9 Mansionario del trattamento dei dati CRITERI GENERALI DI COMPORTAMENTO E NORME PROCEDURALI In questo documento si forniscono alcune regole sulle modalità più convenienti per l attuazione delle

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 12/05/2009) Sommario Art. 1.

Dettagli

BOZZA D.P.S. Documento Programmatico sulla Sicurezza. Intestazione documento: Ragione sociale o denominazione del titolare Indirizzo Comune P.

BOZZA D.P.S. Documento Programmatico sulla Sicurezza. Intestazione documento: Ragione sociale o denominazione del titolare Indirizzo Comune P. BOZZA D.P.S. Intestazione documento: Ragione sociale o denominazione del titolare Indirizzo Comune P.iva Documento Programmatico sulla Sicurezza Indice finalità del documento inventario dei beni in dotazione

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI

COMUNE DI ROSSANO VENETO DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI COMUNE DI ROSSANO VENETO SERVIZI INFORMATICI DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI INFORMATICI Allegato A) INDICE 1 INTRODUZIONE 2 ASPETTI GENERALI 2.1 Contenuti 2.2 Responsabilità 2.3 Applicabilità

Dettagli

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale Forlì, 25 gennaio 2007 1 Adempimenti previsti dal Codice della Privacy per le APS 2 Codice della Privacy Nel 1996 la legge n. 675 regolamentò la tutela

Dettagli

Il nuovo codice in materia di protezione dei dati personali

Il nuovo codice in materia di protezione dei dati personali Il nuovo codice in materia di protezione dei dati personali Si chiude il capitolo, dopo sette anni dalla sua emanazione, della legge 675 sulla privacy. Questa viene sostituita da un testo di legge unico

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI AMMINISTRAZIONE E SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATIVI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI AMMINISTRAZIONE E SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATIVI 84 REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI AMMINISTRAZIONE E SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATIVI ADOTTATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 310/215 PROP.DEL. NELLA SEDUTA

Dettagli

Università degli Studi di Udine. Modalità e limiti di utilizzo della rete telematica dell Università di Udine

Università degli Studi di Udine. Modalità e limiti di utilizzo della rete telematica dell Università di Udine Università degli Studi di Udine Modalità e limiti di utilizzo della rete telematica dell Università di Udine Gruppo di lavoro istituito il 16 aprile 2004 con decreto rettorale n. 281 Pier Luca Montessoro,

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO IN MATERIA DI MISURE MINIME DI SICUREZZA ANNO 2015

DISCIPLINARE TECNICO IN MATERIA DI MISURE MINIME DI SICUREZZA ANNO 2015 DISCIPLINARE TECNICO IN MATERIA DI MISURE MINIME DI SICUREZZA ANNO 2015 Approvato dall Amministratore Unico di Metro con determina n. 5 del 9 marzo 2015 1 Disciplinare tecnico 2015 in materia di misure

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DATI A.S. 2014/2015

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DATI A.S. 2014/2015 DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DATI A.S. 2014/2015 Scuola Ipsia Dalmazio Birago Sede legale e operativa Corso Novara 65 10154 Torino Data redazione: 2.10.2012 Versione 1 Rev. 05 anno 2014/2015

Dettagli

Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy. Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli

Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy. Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli PREMESSE cenni sulla privacy Il crescente e diffuso impiego di internet e dei nuovi mezzi di

Dettagli

ELENCO DEGLI ADEMPIMENTI RICHIESTI A TITOLARI DEL TRATTAMENTO PRIVATI DALLA NORMATIVA PRIVACY.

ELENCO DEGLI ADEMPIMENTI RICHIESTI A TITOLARI DEL TRATTAMENTO PRIVATI DALLA NORMATIVA PRIVACY. ELENCO DEGLI ADEMPIMENTI RICHIESTI A TITOLARI DEL TRATTAMENTO PRIVATI DALLA NORMATIVA PRIVACY. Il presente documento ha lo scopo di illustrare gli adempimenti di natura legale e di natura tecnico-informatica

Dettagli

StudioPro. by Boole Server. DATI E DOCUMENTI PROTETTI La soluzione Boole Server per Avvocati e Studi Legali Associati

StudioPro. by Boole Server. DATI E DOCUMENTI PROTETTI La soluzione Boole Server per Avvocati e Studi Legali Associati by Boole Server DATI E DOCUMENTI PROTETTI La soluzione Boole Server per Avvocati e Studi Legali Associati La Soluzione per Avvocati e Studi Legali La realtà operativa degli Studi Legali è caratterizzata

Dettagli

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità INDICE 1 Il nuovo Codice sulla privacy... 2 2 Ambito di applicazione... 2 3 Soggetti coinvolti dal trattamento

Dettagli

Regolamento attuativo delle linee guida del Garante in tema di utilizzo e controllo degli strumenti elettronici

Regolamento attuativo delle linee guida del Garante in tema di utilizzo e controllo degli strumenti elettronici Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena Regolamento attuativo delle linee guida del Garante in tema di utilizzo e controllo degli strumenti elettronici Testo adottato con delibera del Consiglio

Dettagli

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.125 del 28/09/2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto pag. 3 Articolo

Dettagli

Procedura automatizzata per la gestione del prestito - FLUXUS

Procedura automatizzata per la gestione del prestito - FLUXUS Procedura automatizzata per la gestione del prestito - FLUXUS corso di formazione per il personale dell Università e degli Enti convenzionati con il Servizio Catalogo Unico TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

PRIVACY.NET. La soluzione per gestire gli adempimenti sulla tutela dei dati in azienda

PRIVACY.NET. La soluzione per gestire gli adempimenti sulla tutela dei dati in azienda open > PRIVACY.NET La soluzione per gestire gli adempimenti sulla tutela dei dati in azienda next > Il software è rivolto a: Chiunque tratta dati personali, con e senza strumenti elettronici, è tenuto

Dettagli

CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEGLI STUDI LEGALI (DPS) Redatto ai sensi e per gli effetti dell art. 34, c. 1, lett. g) del D.Lgs 196/2003 e del

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ALLEGATO 2 ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Con questo documento si intende offrire: - una precisazione in ordine ai termini ed ai concetti più frequentemente richiamati dalla normativa

Dettagli

Le Misure Minime di Sicurezza secondo il Testo Unico sulla Privacy

Le Misure Minime di Sicurezza secondo il Testo Unico sulla Privacy Obblighi di sicurezza e relative sanzioni Le Misure Minime di Sicurezza secondo il Testo Unico sulla Privacy L adozione delle Misure Minime di Sicurezza è obbligatorio per tutti coloro che effettuano trattamenti

Dettagli

Disclaimer Privacy Portale Convegno Genova 6 Novembre 2015

Disclaimer Privacy Portale Convegno Genova 6 Novembre 2015 Disclaimer Privacy Portale Convegno Genova 6 Novembre 2015 L accesso, la consultazione e l utilizzo delle pagine del presente sito web di WEB-X comportano l accettazione, da parte dell utente (di seguito

Dettagli

La soluzione software per Commercialisti e Consulenti Fiscali

La soluzione software per Commercialisti e Consulenti Fiscali StudioPro La soluzione software per Commercialisti e Consulenti Fiscali DATI E DOCUMENTI PROTETTI Sempre. Ovunque. La Soluzione per Commercialisti e Consulenti fiscali La realtà operativa degli Studi Commercialisti

Dettagli

Procedura per la tenuta sotto controllo delle registrazioni PA.AQ.02. Copia in distribuzione controllata. Copia in distribuzione non controllata

Procedura per la tenuta sotto controllo delle registrazioni PA.AQ.02. Copia in distribuzione controllata. Copia in distribuzione non controllata Pag.: 1 di 7 Copia in distribuzione controllata Copia in distribuzione non controllata Referente del documento: Referente Sistema Qualità (Dott. I. Cerretini) Indice delle revisioni Codice Documento Revisione

Dettagli

Privacy. D. Lgs. 196/03 e regolamentazione interna. Dr. Mauro Vitacca

Privacy. D. Lgs. 196/03 e regolamentazione interna. Dr. Mauro Vitacca Privacy D. Lgs. 196/03 e regolamentazione interna Dr. Mauro Vitacca Disposizioni interne Regolamento aziendale di applicazione della normativa di cui al Decreto Legislativo 196/03 (normativa Privacy) e

Dettagli

Allegato 13. Nomina Amministratore di Sistema

Allegato 13. Nomina Amministratore di Sistema Allegato 13 Nomina Amministratore di Sistema Il presente documento rappresenta un contratto che la struttura Titolare del Trattamento stipula con un soggetto esterno (nominato Amministratore di Sistema)

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA Ed.1 Rev.3 30/09/11 Pag.1 di 16 SULLA SICUREZZA Redatto ai sensi e per gli effetti dell art.34, co.1, lettera G) del D.Lgs. 196/2003 e del disciplinare tecnico allegato al medesimo decreto sub b) e aggiornato

Dettagli

PRIVACY. Federica Savio M2 Informatica

PRIVACY. Federica Savio M2 Informatica PRIVACY Federica Savio M2 Informatica Adempimenti tecnici obbligatori e corretta salvaguardia dei dati e dei sistemi Normativa di riferimento - oggi D.LGS 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati

Dettagli

Regolamento al trattamento dati per la piattaforma "Sofia" e Misure di Sicurezza adottate

Regolamento al trattamento dati per la piattaforma Sofia e Misure di Sicurezza adottate Regolamento al trattamento dati per la piattaforma "Sofia" e Pagina 1 di 10 INDICE 1. Definizioni 3 2. Individuazione dei tipi di dati e di operazioni eseguibili 4 3. Titolare del trattamento, oneri informativi

Dettagli

Allegato 5. Definizione delle procedure operative

Allegato 5. Definizione delle procedure operative Allegato 5 Definizione delle procedure operative 1 Procedura di controllo degli accessi Procedura Descrizione sintetica Politiche di sicurezza di riferimento Descrizione Ruoli e Competenze Ruolo Responsabili

Dettagli

COMUNE DI LONGOBUCCO Provincia di Cosenza Via G. Mazzini 87066 Fax 0983/71011

COMUNE DI LONGOBUCCO Provincia di Cosenza Via G. Mazzini 87066 Fax 0983/71011 COMUNE DI LONGOBUCCO Provincia di Cosenza Via G. Mazzini 87066 Fax 0983/71011 Documento programmatico contenente il PIANO OPERATIVO delle misure minime di sicurezza per i trattamenti di dati personali

Dettagli

Documento Programmatico sulla Sicurezza Parte generale

Documento Programmatico sulla Sicurezza Parte generale Documento Programmatico sulla Sicurezza Parte generale SEZIONE A TRATTAMENTO DI DATI CON L AUSILIO DI STRUMENTI INFORMATICI Al fine di garantire la riservatezza e l integrità dei dati personali, sensibili

Dettagli

In particolare, gli artt. 34 35 36 TITOLO V rimandano all allegato B, che

In particolare, gli artt. 34 35 36 TITOLO V rimandano all allegato B, che Gli adempimenti normativi del d.lgs. 196/03 Le misure minime di sicurezza Edizione 2010 IL CONTESTO Il D. Lgs. 196/03, entrato in vigore il 1 gennaio 2004, aggiorna la disciplina in materia di sicurezza

Dettagli

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore Roma, ottobre 2013 Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore OGGETTO: NOMINA DEI RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI L AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani,

Dettagli

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e Linee guida per il TRATTAMENTO E GESTIONE DEI DATI PERSONALI Articolo 1 Oggetto e ambito di applicazione e principi di carattere generale 1. Il presente documento disciplina le modalità di trattamento

Dettagli

FORMAZIONE PRIVACY 2015

FORMAZIONE PRIVACY 2015 Intervento formativo per rendere edotti gli incaricati del trattamento di dati personali dei rischi che incombono sui dati e delle relative misure di sicurezza ai sensi dell art. 130 del D.Lgs. 196/2003

Dettagli

Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03)

Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03) Il Documento Programmatico sulla Sicurezza in base Normativa sulla privacy applicabile agli studi professionali (D. Lgs 196/03) A cura di Gianfranco Gargani A seguito delle diverse richieste degli iscritti

Dettagli

LEGAL DISCLAIMER AREA RISERVATA FORNITORI QUALIFICATI

LEGAL DISCLAIMER AREA RISERVATA FORNITORI QUALIFICATI LEGAL DISCLAIMER AREA RISERVATA FORNITORI QUALIFICATI Con l accesso all Area Riservata Fornitori Qualificati (l Area ), l Utente accetta integralmente i seguenti termini e condizioni di utilizzo (le Condizioni

Dettagli

Consulenza sul Documento Programmatico sulla Sicurezza in ottemperanza al nuovo Testo Unico sulla Privacy

Consulenza sul Documento Programmatico sulla Sicurezza in ottemperanza al nuovo Testo Unico sulla Privacy GP&A Srl Via Seprio, 2 20149 Milano Phone: 02/45.49.53.73 Fax: 02/45.49.53.74 Email: info@gpa.it Consulenza sul Documento Programmatico sulla Sicurezza in ottemperanza al nuovo Testo Unico sulla Privacy

Dettagli

COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Provincia di Milano Codice Ente 11123

COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Provincia di Milano Codice Ente 11123 COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Provincia di Milano Codice Ente 11123 N. 30 Reg. Delib. G.C. Seduta del 17/03/2006 OGGETTO: REVISIONE DEL DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI PERSONALI PER L

Dettagli

Documento. Programmatico sulla Sicurezza. Anno 2015

Documento. Programmatico sulla Sicurezza. Anno 2015 Documento Programmatico sulla Sicurezza Anno 2015 INDICE 1.1 Premessa...pag. 3 1.2 Trattamento dei Dati Personali...pag. 4 1.3 Misure di sicurezza...pag. 5 1.3.1 Trattamento Dati Personali...pag. 5 1.3.2

Dettagli

1. Conoscenza dei dati trattati. 2. Conoscenza degli strumenti utilizzati. 3. Conoscenza del proprio ruolo all interno della struttura

1. Conoscenza dei dati trattati. 2. Conoscenza degli strumenti utilizzati. 3. Conoscenza del proprio ruolo all interno della struttura Corso 196/03 per i Responsabili e gli Incaricati del Trattamento Dati Percorso Formativo per l Incaricato del Trattamento Dati: Pre-requisiti: 1. Conoscenza dei dati trattati 2. Conoscenza degli strumenti

Dettagli

Adempimenti della Privacy e Revisione del DPSS

Adempimenti della Privacy e Revisione del DPSS Adempimenti della Privacy e Revisione del DPSS La presente Guida Sintetica intende fornire indicazioni circa gli adempimenti della Privacy e le operazioni propedeutiche alla revisione del Documento Programmatico

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Rosate ( Provincia di Milano) REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 17 del 05/07/2012 Modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n.

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PARMA I II REGOLAMENTO DI ACCESSO AI SERVIZI DI RETE III NORME DI ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO DI ACCESSO AI SERVIZI DI RETE DIRETTIVE PER LA SICUREZZA DEI SERVIZI DI RETE SOMMARIO PREFAZIONE 3 PROFILO DI RISCHIO:

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA INDICE DEI DOCUMENTI PRESENTI

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA INDICE DEI DOCUMENTI PRESENTI DPSS DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA Documento riassuntivo delle misure di sicurezza per la Privacy attuate dal Titolare, in conformità agli artt. da 33 a 36 ed all'allegato B del D.Lgs. 30 giugno

Dettagli

Requisiti di controllo dei fornitori esterni

Requisiti di controllo dei fornitori esterni Requisiti di controllo dei fornitori esterni Sicurezza cibernetica Per fornitori classificati a Basso Rischio Cibernetico Requisito di cibernetica 1 Protezione delle attività e configurazione del sistema

Dettagli

GESTIONE DELLA RETE INFORMATICA

GESTIONE DELLA RETE INFORMATICA Documento Sistema di Gestione Qualità ISO 9001:2000 Area Settore/ Servizio Processo Rev. Data STA EDP P01 02 Novembre 10 GESTIONE DELLA RETE INFORMATICA TIPO DI PROCEDURA: di supporto AREA DI RIFERIMENTO:

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

Azienda Sanitaria di Cagliari

Azienda Sanitaria di Cagliari Azienda Sanitaria di Cagliari Regolamento per la protezione dei dati personali in attuazione del D.lgs. n. 196/2003 e ss. mm. ed ii. Codice in materia di protezione dei dati personali INDICE TITOLO I Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA ART. 1 FINALITÀ

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA ART. 1 FINALITÀ REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA ART. 1 FINALITÀ Il presente Regolamento disciplina la gestione e l utilizzo della posta elettronica all interno dell Arta Abruzzo (nel seguito

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO Oggetto del presente regolamento è la disciplina del trattamento dei dati personali effettuato

Dettagli

Comune di Nola Provincia di Napoli. Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici

Comune di Nola Provincia di Napoli. Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici Comune di Nola Provincia di Napoli Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici Sommario Articolo I. Scopo...2 Articolo II. Riferimenti...2 Articolo III. Definizioni

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO PER LA SICUREZZA DEI DATI PERSONALI ANNO 2014

DOCUMENTO PROGRAMMATICO PER LA SICUREZZA DEI DATI PERSONALI ANNO 2014 C I T T A D I L E N D I N A R A PROVINCIA DI ROVIGO DOCUMENTO PROGRAMMATICO PER LA SICUREZZA DEI DATI PERSONALI ANNO 2014 Approvato con delibera di Giunta Municipale n. del CONTENUTO DEL DOCUMENTO PARTE

Dettagli

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del 2013 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 INDICE

Dettagli

Istruzioni ai responsabili ed incaricati del trattamento dei dati personali comuni, sensibili e/o giudiziari

Istruzioni ai responsabili ed incaricati del trattamento dei dati personali comuni, sensibili e/o giudiziari Istruzioni ai responsabili ed incaricati del trattamento dei dati personali comuni, sensibili e/o giudiziari Indice degli argomenti 1 Introduzione... 3 1.1 Riferimenti normativi e alle disposizioni aziendali...

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI PERSONALI

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI PERSONALI Modello 4.2.6 Rev. 0 del 26 marzo 2014 DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI PERSONALI TITOLARE DEL TRATTAMENTO: Venturini Chris DELEGATI AL TRATTAMENTO: Giulia Cobelli Sara Lucchini - Anita

Dettagli

AMMINISTRATORI DI SISTEMA: PROROGATI I TERMINI PER GLI ADEMPIMENTI. Le procedure da adottare entro il termine di scadenza della proroga

AMMINISTRATORI DI SISTEMA: PROROGATI I TERMINI PER GLI ADEMPIMENTI. Le procedure da adottare entro il termine di scadenza della proroga AMMINISTRATORI DI SISTEMA: PROROGATI I TERMINI PER GLI ADEMPIMENTI Il garante della Privacy ha prorogato al 30 giugno 2009 i termini per l adozione da parte di enti, amministrazioni pubbliche, società

Dettagli

Richiesta di account e/o accesso alle risorse Informatiche della Sezione di Cagliari

Richiesta di account e/o accesso alle risorse Informatiche della Sezione di Cagliari Richiesta di account e/o accesso alle risorse Informatiche della Sezione di Cagliari Nome Cognome Nome del referente presso la Sezione di Cagliari Username Occupazione disco MB Password (min 6 car) Scadenza

Dettagli

CODICE PRIVACY PROCEDURA DI GESTIONE DEL BACKUP ED IL RESTORE DEI DATI

CODICE PRIVACY PROCEDURA DI GESTIONE DEL BACKUP ED IL RESTORE DEI DATI Codice Privacy Procedura per la gestione del backup e del restore dei dati CODICE PRIVACY PROCEDURA DI GESTIONE DEL BACKUP ED IL RESTORE DEI DATI 1 Regolamento aziendale per l utilizzo delle risorse informatiche,

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA (APPROVATO CON DELIBERAZIONE di C.C. n. 3 del 18/03/2008) INDICE Articolo 1 Oggetto del regolamento Articolo 2 Principi e finalità Articolo 3

Dettagli

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 170 del 07.11.2011 Indice

Dettagli

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali.

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali. Privacy - Ordinamento degli uffici e dei servizi comunali: indirizzi in materia di trattamento dei dati personali esistenti nelle banche dati del Comune. (Delibera G.C. n. 919 del 28.12.2006) Disposizioni

Dettagli

Dati e informazioni in azienda: sicurezza, vincoli legali e novità legislative. Gabriele Faggioli

Dati e informazioni in azienda: sicurezza, vincoli legali e novità legislative. Gabriele Faggioli Dati e informazioni in azienda: sicurezza, vincoli legali e novità legislative Gabriele Faggioli La Tutela dei dati personali: il D.lgs 196 del 2003 Concetti fondamentali: - Dati personali: Dati comuni

Dettagli

Gestione del protocollo informatico con OrdineP-NET

Gestione del protocollo informatico con OrdineP-NET Ordine dei Farmacisti della Provincia di Ferrara Gestione del protocollo informatico con OrdineP-NET Manuale gestore DT-Manuale gestore (per utenti servizio CDI) VERSIONE 2.0 del 09/10/2015 1. Premesse

Dettagli

Nome modulo: VIGENTI DISPOSIZIONI DI LEGGE IN MATERIA DI TUTELA DEI DATI E DI CRIMINALITÀ INFORMATICA ANCHE EUROPEE

Nome modulo: VIGENTI DISPOSIZIONI DI LEGGE IN MATERIA DI TUTELA DEI DATI E DI CRIMINALITÀ INFORMATICA ANCHE EUROPEE NOME LEZIONE: INTRODUZIONE Il Codice privacy è entrato in vigore il 1 gennaio 2004 e riunisce in un unico contesto la legge 675/1996 e gli altri decreti legislativi in materia, i regolamenti e i codici

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE DI CASELLE TORINESE VIA GUIBERT 3-10072 - Caselle (TO) Tel: 0119961339 - Fax: 0119914628 C.F.

DIREZIONE DIDATTICA STATALE DI CASELLE TORINESE VIA GUIBERT 3-10072 - Caselle (TO) Tel: 0119961339 - Fax: 0119914628 C.F. DIREZIONE DIDATTICA STATALE DI CASELLE TORINESE VIA GUIBERT 3-10072 - Caselle (TO) Tel: 0119961339 - Fax: 0119914628 C.F. 83003770019 ANALISI DI RISCHIO E MISURE ADOTTATE: 3 / 3 Scopo di questo documento

Dettagli

Altre misure di sicurezza

Altre misure di sicurezza Altre misure di sicurezza Prevenzione dei danni e backup Ombretta Pinazza Altre misure di sicurezza Prevenzione dei danni e backup : Strumenti di protezione hardware Sistemi anti intrusione Backup: supporti

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ACCESSO MEDIANTE VPN AI CENTRI SERVIZI DI INNOVAPUGLIA

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ACCESSO MEDIANTE VPN AI CENTRI SERVIZI DI INNOVAPUGLIA Pagina: 1 di 7 ALL ACCESSO MEDIANTE VPN AI CENTRI SERVIZI DI INNOVAPUGLIA Copia a distribuzione controllata n.ro. Distribuita a:.. Pagina: 2 di 7 Storia delle revisioni: EDIZIONI E REVISIONI Edizione e

Dettagli

Comune di Inarzo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DI INARZO

Comune di Inarzo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DI INARZO Comune di Inarzo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO DI INARZO Approvato con Deliberazione C.C. n 3 del 14.02.2013 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI VIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Approvato con deliberazione di G.C. n. 73 del 28.11.2000 INDICE TITOLO 1 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore "LUDOVICO GEYMONAT" http://www.itisgeymonat.va.it - email: info@itisgeymonat.va.it Via Gramsci 1-21049 TRADATE (VA) Cod.Fisc. 95010660124 - Tel.0331/842371

Dettagli

Normativa sulla privacy negli. USA: http://aspe.hhs.gov/admnsimp/pl104191.htm Italia: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?

Normativa sulla privacy negli. USA: http://aspe.hhs.gov/admnsimp/pl104191.htm Italia: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp? Normativa sulla privacy negli USA e in Italia USA: http://aspe.hhs.gov/admnsimp/pl104191.htm Italia: http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?id=1042761 Complementi di Informatica Medica 1. Anno Accademico

Dettagli

MODELLO DI APA2012 AGGIORNAMENTO PRIVACY ANNUALE 123

MODELLO DI APA2012 AGGIORNAMENTO PRIVACY ANNUALE 123 MODELLO DI APA2012 AGGIORNAMENTO PRIVACY ANNUALE 123 AGGIORNATO AL PUNTO N 1 DATI PERSONALI TRATTATI Le categorie di dati personali trattati dal Titolare sono le seguenti (a titolo meramente esemplificativo

Dettagli

Piano per la sicurezza dei documenti informatici

Piano per la sicurezza dei documenti informatici Allegato 1 Piano per la sicurezza dei documenti informatici 1 Sommario 1 Aspetti generali...3 2 Analisi dei rischi...3 2.1 Misure di sicurezza... 4 3 Misure Fisiche...4 3.1 Controllo accessi... 4 3.2 Sistema

Dettagli

Documento Programmatico sulla Sicurezza

Documento Programmatico sulla Sicurezza Pagina 1 di 1 Documento Programmatico sulla Sicurezza Decreto Legislativo 196/2003 Indice INDICE Rev 2 Pagina 1 di 1 INDICE 01 PRESENTAZIONE DEL DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA 02 ELENCO DEI TRATTAMENTI

Dettagli

Sicurezza dei dati e delle informazioni all epoca del cloud Le norme

Sicurezza dei dati e delle informazioni all epoca del cloud Le norme Sicurezza dei dati e delle informazioni all epoca del cloud Le norme 15 Meeting nazionale ACEF Bologna, 30 ottobre 2015 Claudia Cevenini La nuvola informatica Insieme di tecnologie che permettono di memorizzare,

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA TRATTAMENTO DATI

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA TRATTAMENTO DATI DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA TRATTAMENTO DATI Il presente documento è redatto ai sensi dell art. 34 e 35 del Dlgs 30 Giugno 2003, n 196, della direttiva 11 Febbraio 2005 del Presidente del Consiglio

Dettagli

Strumenti digitali e privacy. Avv. Gloria Galli

Strumenti digitali e privacy. Avv. Gloria Galli Strumenti digitali e privacy Avv. Gloria Galli Codice in materia di protezione dei dati personali: Decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003 Art. 4. Definizioni trattamento, qualunque operazione o complesso

Dettagli

Timbro azienda. All interno della Società/Ditta, esistono collaboratori con partita IVA? Se si specificare.

Timbro azienda. All interno della Società/Ditta, esistono collaboratori con partita IVA? Se si specificare. Privacy - DLgs 196/2003 Questionario per la formulazione del preventivo per la redazione del DPS (documento programmatico sulla sicurezza) Inviare previa compilazione al fax 0532 1911288 Società/Ditta:.....

Dettagli

ALLEGATO N. 4. Premessa

ALLEGATO N. 4. Premessa 1 ALLEGATO N. 4 PIANO DI SICUREZZA RELATIVO ALLA FORMAZIONE, ALLA GESTIONE, ALLA TRASMISSIONE, ALL INTERSCAMBIO, ALL ACCESSO, ALLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI Premessa Il presente piano di

Dettagli

Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici

Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici WORKSHOP LE SFIDE DELLA SICUREZZA INFORMATICA Confindustria, Cuneo, 10 Luglio 2015 Avv. Marco Cuniberti 1 QUALI RISCHI LEGALI?

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL DPS (Documento Programmatico sulla Sicurezza)

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL DPS (Documento Programmatico sulla Sicurezza) LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEL DPS (Documento Programmatico sulla Sicurezza) Aprile, 2005 INDICE Premessa 1. LINEE GUIDA Il piano di lavoro 2. IL KIT La modulistica: schede e tabelle La compilazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO Approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 69 del 7 agosto 2012 IL SEGRETARIO COMUNALE Rolando Mora IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Documento programmatico sulla sicurezza (ai sensi D.L.vo 196 del 30/06/03)

Documento programmatico sulla sicurezza (ai sensi D.L.vo 196 del 30/06/03) Documento programmatico sulla sicurezza (ai sensi D.L.vo 196 del 30/06/03) DISPOSIZIONI MINIME SULLA SICUREZZA E DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA Il presente documento si compone di n. 13 pagine

Dettagli

NOTE LEGALI. 1. Definizioni e uso. 2. Oggetto dell accordo. 3. Esecuzione dell accordo

NOTE LEGALI. 1. Definizioni e uso. 2. Oggetto dell accordo. 3. Esecuzione dell accordo NOTE LEGALI L uso dei materiali e dei servizi della Piattaforma Sicuramentelab è regolamentato dal seguente accordo. L uso del sito costituisce accettazione delle condizioni riportate di seguito. 1. Definizioni

Dettagli

Comune di Nola Provincia di Napoli. Disciplinare interno per l utilizzo di Internet e posta elettronica da parte dei dipendenti

Comune di Nola Provincia di Napoli. Disciplinare interno per l utilizzo di Internet e posta elettronica da parte dei dipendenti Comune di Nola Provincia di Napoli Disciplinare interno per l utilizzo di Internet e posta elettronica da parte dei dipendenti Sommario 1. Oggetto... 2 2. Modalità di utilizzo delle postazioni di lavoro...

Dettagli