PROGRAMMAZIONI E OBIETTIVI DISCIPLINARI A.S

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMAZIONI E OBIETTIVI DISCIPLINARI A.S. 2014-15"

Transcript

1 PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINE: ECONOMIA AZIENDALE E GEOGRAFIA FINALITA GENERALI Le finalità generali della disciplina economia aziendale sono: far acquisire agli studenti competenze specifiche nel campo dei macro-fenomeni economici nazionali ed internazionali, conoscenze relative alla normativa civilistica e fiscale, analisi e interpretazione dei sistemi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo), competenze relative agli strumenti di marketing, conoscenze dei prodotti assicurativo-finanziari. Il discente, quindi, al termine dei diversi indirizzi di studio è in grado di: rilevare fenomeni gestionali utilizzando metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili effettuare trattamenti contabili in linea con i principi nazionali ed internazionali compiere adempimenti di natura fiscale (imposte dirette ed indirette, contributi) analizzare ed applicare trattative contrattuali riferite alle diverse aree funzionali dell azienda effettuare redazioni e interpretazioni dei documenti contabili e finanziari aziendali applicare gli strumenti per effettuare il controllo gestionale con l'utilizzo di tecnologie e programmi informatici amministrativo-finanziari. OBIETTIVI TRASVERSALI Gli obiettivi trasversali alle discipline sono: conoscere e comprendere i contenuti disciplinari qualificanti conoscere e utilizzare il lessico delle discipline ricordare nel tempo le conoscenze acquisite COMPETENZE E ABILITA Saper comprendere il testo individuandone i punti critici. Saper esporre in modo appropriato oralmente e per iscritto. Saper applicare le conoscenze acquisite per svolgere problemi significativi Analizzare e sintetizzare i contenuti disciplinari Collegare e integrare conoscenze acquisite in ambiti disciplinari diversi Saper organizzare il proprio lavoro e saper acquisire un metodo adeguato di studio. COMPETENZE RELAZIONALI Interagire correttamente e in modo responsabile con i compagni Sviluppare abilità sociali di comunicazione e ascolto Sviluppare un atteggiamento democratico all interno dell ambiente scolastico. METODOLOGIE DIDATTICHE La didattica è finalizzata a valorizzare il metodo scientifico e lo sviluppo di un pensiero creativo e complesso, in grado di trasferire le competenze acquisite in diversi contesti al fine di risolvere problemi legati a situazioni reali. Al fine di conseguire tali obiettivi didattici, le metodologie didattiche utilizzate per lo svolgimento delle lezioni curriculari sono: lezioni frontali lezioni dialogate e partecipate lavori di gruppo 1

2 case study problem solving role play approccio pluridisciplinare risoluzione di esercizi e correzione esercizi assegnati per casa o in classe lettura diretta di testi, quotidiani economici, codici civile e tributario e richiesta di analisi tematica e formale attività individualizzate attività di laboratorio curricolare attività di recupero sostegno e integrazione. L utilizzo di diverse metodologie didattiche favorisce i diversi stili di apprendimento dei discenti e l analisi della disciplina sotto diversi punti di vista, in modo tale da sviluppare un pensiero complesso e attivare uno spirito critico, favorendo così un apprendimento significativo, consapevole e non mnemonico dei contenuti. In particolare le metodologie di cooperative learning e problem solving, attraverso l analisi di casi aziendali, contribuiscono a conseguire obiettivi di natura metacognitiva, quali l autoregolazione, l autoconsapevolezza dei propri processi cognitivi, l autovalutazione e l innalzamento della motivazione e propensione allo studio della disciplina. VERIFICHE E VALUTAZIONI Le tipologie di verifica ai fini della valutazione sono così suddivise: prove strutturate, prove semi-strutturate; domande aperte; risoluzione di semplici casi reali. interrogazioni orali e test strutturati validi per l orale. Riguardo alle prove: Il numero delle prove di verifica saranno quelle definite in Collegio dei Docenti. STRUMENTI E MATERIALI DIDATTICI In relazione alle metodologie sovra-indicate, si prevede l utilizzo dei seguenti strumenti didattici: libro di testo libro di testo integrato con appunti dettati dal docente libro di testo integrato con appunti fotocopiati dal docente dispense integrative giornali riviste di settore (Azienda e fisco-pratica professionale) strumenti multimediali (Power Point e cmaptools per la costruzione di mappe concettuali) codice civile e normativa tributaria archivio di classe UTILIZZO LABORATORI L insegnamento della disciplina prevede anche l utilizzo dei laboratori. In alcune classi, specie dell articolazione SIA, è prevista la compresenza docente-i.t.p (insegnante tecnico- pratico) INTERVENTI DI RECUPERO E POTENZIAMENTO Il dipartimento stabilisce i seguenti interventi di recupero: in itinere, durante lo svolgimento di ciascuna unità didattica; dopo lo svolgimento di ciascuna unità didattica; durante le ore di lezione con nuove esercitazioni individualizzate; attraverso corsi di recupero; recupero individuale (attraverso esercitazioni a casa); con esercizi individualizzati di potenziamento per recuperi brevi relativi ad argomenti circoscritti; 2

3 sportello a richiesta degli studenti o concordato con gli studenti e a discrezione dell insegnante nel valutare la reale necessità. GRIGLIE DI VALUTAZIONE Griglia di valutazione classi quinte Seconda prova ITCG PASINI SCHIO- ESAMI DI STATO 20 /20 CLASSE 5 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA II PROVA SCRITTA DI ECONOMIA AZIENDALE ALUNNO.. PARTE INTRODUTTIVA/TEORICA attribuito P.max P. Conoscenza dei contenuti specifici e qualità della comunicazione Trattazione fuori tema o errata e confusa Trattazione parziale o con qualche errore ma lineare Trattazione puntuale, strutturata e coerente PARTE CENTRALE OBBLIGATORIA Padronanza e competenza (rispetto dei vincoli della traccia, applicazione delle regole disciplinari, correttezza delle voci e loro collocazione, coerenza degli importi) Non rilevabile o scarsa Accettabile Buona Articolazione e sviluppo (completezza, collegamenti, complessità degli aspetti) e qualità della comunicazione Padronanza e competenza Non rilevabile o scarsa Accettabile Buona PUNTO A SCELTA Non rilevabile o scarsa Accettabile Buona ,5 1 1,5 Articolazione e sviluppo e della comunicazione qualità Non rilevabile o scarsa Accettabile Buona 0,5 1 1,5. /15. /10 PUNTEGGIO ATTRIBUITO PUNTEGGIO ATTRIBUITO Firma 3

4 2 ^Griglia di valutazione classi quinte Seconda prova DESCRITTORI Pertinenza e aderenza dei contenuti alla traccia proposta Conoscenza del linguaggio e delle tecniche di rilevazione contabile Capacità di dimensionare ordinare ed organizzare dati a scelta/strutture Capacità di elaborare opportunamente e con rigore tesi e strategie Gravemente insufficiente 1-5 Completamen t fuori traccia Scarsissima e lacunosa Meno che a livello elementare Quasi nulla Insuffic. 6-9 Non ci sono i nuclei essenziali Parziale ed imprecisa Minimale ma non sufficiente Minima e senza congruenz a Sufficiente 10 Ci sono solo i nuclei essenziali Solo per le rilevazioni principali ed essenziali accettabile anche se non completa Di base, ma senza riflessione personale Discreto Interpretazi one adeguata del tema proposto Buona dimestichez za ma senza padronanza Completa ed equilibrata nei valori Accettabile ed apprezzabil e ma non esaustiva Buono Approccio molto coerente Padronanza soddisfacen te Con qualche spunto personale Ricca ed articolata Ottimo 15 Completame nt pertinente Totale padronanza ed autonomia Elevata ed equilibrata nella quantità e nella qualità Ricca, completa e rigorosa; notevoli gli apporti personali 4

5 Griglia di valutazione terza prova esami di Stato TERZA PROVA - Anno Scolastico 20 / 20 Griglia di valutazione TIPOLOGIA.. MATERIA CANDIDATO..... CLASSE.. INDICATORI Pertinenza, correttezza ed completezza delle conoscenze - Capacità argomentative - Capacita di sintesi - Correttezza formale DESCRITTORI OTTENIBI LI GRAVEMENTE LACUNOSE O ERRATE 1 FRAMMENTARIE, IMPRECISE E SUPERFICIALI 2 4 ESSENZIALI E SOSTANZIALMENTE CORRETTE 5 6 Sufficienti CORRETTE E PERTINENTI 7 COMPLETE E APPROFONDITE 8 CONFUSE / PARZIALI 1 INCERTE 2 ESSENZIALI 3 Sufficienti APPROPRIATE E SOSTANZIALI 3,5 PUNTEGGI ASSEGNA TI RIGOROSE E PERTINENTII 4 - Padronanza di linguaggi specifici - Personalizzazione stilistica ERRATE / PARZIALI 1 INCERTE 1,5 ESSENZIALI 2 Sufficienti SOSTANZIALI E PERTINENTI 2,5 SICURE E PRECISE 3 PUNTEGGIO ESATTO IN QUINDICESIMI PUNTEGGIO ARROTONDATO PROVA TOTALAMENTE NON SVOLTA Punteggio 1/15 DOCENTE 5

6 PERCORSO - Obiettivi essenziali: Settore Economico: indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing Questo percorso di studi prevede un biennio comune : Competenze biennio Economia Aziendale: Settore Economico Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing Classe I e II Conoscenze Abililità Biennio Classe I Saperi essenziali Classe I Ai fini del raggiungimento dei risultati di apprendimento previsti dalla Riforma in esito al percorso quinquennale, nel primo biennio il docente persegue, nella propria azione didattica ed educativa, l obiettivo prioritario di far acquisire allo studente le competenze di base attese a conclusione dell obbligo di istruzione, di seguito richiamate: riconoscere le caratteristiche essenziali del sistema socio economico per orientarsi nel tessuto produttivo del proprio territorio individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi collocare l esperienza personale in un sistema di regole fondato sul reciproco riconoscimento dei diritti garantiti dalla Costituzione, a tutela della persona Azienda come sistema. Tipologie di aziende e caratteristiche della loro gestione. Elementi del sistema azienda. Combinazione dei fattori produttivi e loro remunerazione. Quadro generale delle funzioni aziendali. Quadro generale della gestione aziendale, delle rilevazioni e degli schemi di bilancio. Settori in cui si articolano le attività economiche. Processi di localizzazione delle aziende. Tipologie di modelli organizzativi. Strumenti di rappresentazione e descrizione dell organizzazione aziendale (Quadro generale della gestione aziendale, delle rilevazioni e degli schemi di bilancio) Riconoscere le tipologie di azienda e la struttura elementare che le connota. Riconoscere la funzione economica delle diverse tipologie di aziende incluse le attività no profit. Individuare i vari fattori produttivi differenziandoli per natura e tipo di remunerazione. Riconoscere le varie funzioni aziendali e descriverne le caratteristiche e le correlazioni. Riconoscere i principali settori in cui sono organizzate le attività economiche del proprio territorio. Documenti della compravendita e loro articolazione. Tecniche di calcolo nei documenti della compravendita. Individuare, nelle linee generali i risultati prodotti dalla gestione attraverso la lettura degli schemi contabili di bilancio. Strumenti matematici applicati all economia. Sistemi di misura e arrotondamenti Proporzioni e calcolo percentuale Sconto commerciale Riparti proporzionali Bisogni, beni e attività economica Fasi dell attività economica Sistema e soggetti economici Cenni al sistema fiscale italiano. Le principali caratteristiche dell IRPEF e dell imposta sul valore aggiunto 6

7 Abililità Classe II Documenti della compravendita e loro articolazione. Tecniche di calcolo nei documenti della compravendita. Documenti di regolamento degli scambi e loro tipologie. Tecniche di calcolo nei documenti di regolamento degli scambi. Individuare le esigenze fondamentali che ispirano le scelte nella localizzazione delle aziende. Rappresentare la struttura organizzativa aziendale esaminando casi relativi a semplici e diverse tipologie di imprese. Riconoscere modelli organizzativi di un dato contesto aziendale. Saperi essenziali Classe II Fatture a più aliquote Iva. Cenni alla normativa relativa all imposta sul valore aggiunto Calcoli finanziari relativi alle principali operazioni commerciali, in particolare calcoli relativi all interesse e allo sconto Titoli di credito: assegni e cambiali. Moneta bancaria:bonifici, Riba e carte di credito Smobilizzo dei crediti Competenze biennio Economia Aziendale: Settore Economico Indirizzo Turistico Classe I e II Conoscenze Abililità biennio Classe I Saperi essenziali Classe I Ai fini del raggiungimento dei risultati di apprendimento previsti dalla Riforma in esito al percorso quinquennale, nel primo biennio il docente persegue, nella propria azione didattica ed educativa, l obiettivo prioritario di far acquisire allo studente le competenze di base I fondamenti dell attività economica: Attività economica e suo ambiente. Struttura e funzioni del sistema economico. Soggetti dell attività economica. Riconoscere le tipologie di azienda e la struttura elementare che le connota. Riconoscere la funzione economica delle diverse tipologie di aziende incluse le attività no profit. Individuare i vari fattori produttivi differenziandoli per Strumenti matematici applicati all economia. Sistemi di misura e arrotondamenti Proporzioni e calcolo percentuale Sconto commerciale Riparti proporzionali Bisogni, beni e attività economica Fasi dell attività economica 7

8 attese a conclusione dell obbligo di istruzione, di seguito richiamate: riconoscere le caratteristiche essenziali del sistema socio economico per orientarsi nel tessuto produttivo del proprio territorio individuare le strategie appropriate per la soluzione di problemi collocare l esperienza personale in un sistema di regole fondato sul reciproco riconoscimento dei diritti garantiti dalla Costituzione, a tutela della persona della collettività e dell ambiente Risorse e fattori della produzione. I principi del prelievo fiscale con particolare riferimento al sistema tributario italiano. L azienda Concetto di azienda e relative tipologie. Flusso generale dell attività economica. Le aziende di servizi Analisi delle funzioni tipiche di ogni attività economica. Concetto e principali caratteristiche del sistema informativo aziendale. natura e tipo di remunerazione. Riconoscere le varie funzioni aziendali e descriverne le caratteristiche e le correlazioni. Riconoscere i principali settori in cui sono organizzate le attività economiche del proprio territorio. Documenti della compravendita e loro articolazione. Tecniche di calcolo nei documenti della compravendita. Sistema e soggetti economici Cenni al sistema fiscale italiano. Le principali caratteristiche dell IRPEF e dell imposta sul valore aggiunto Le operazioni di gestione. Lo scambio economico e l azienda Aspetti tecnici, giuridici e fiscali degli scambi economici Scambi economici fondamentali di un azienda: la compravendita Documenti del contratto di compravendita e relativi calcoli (percentuali e riparti con riferimento all IVA, alle maggiorazioni ed agli sconti mercantili). 8

9 Classe seconda Il credito e i relativi calcoli finanziari Finanziamento dell attività economica Remunerazione del credito: l interesse Compenso per l anticipata riscossione di un credito: lo sconto Unificazione di più crediti I mezzi di pagmento cambiari e non cambiari Concetto e fondamenti giuridici dei mezzi di pagamento Abililità Classe II Documenti della compravendita e loro articolazione. Tecniche di calcolo nei documenti della compravendita. Documenti di regolamento degli scambi e loro tipologie. Tecniche di calcolo nei documenti di regolamento degli scambi. Individuare le esigenze fondamentali che ispirano le scelte nella localizzazione delle aziende. Rappresentare la struttura organizzativa aziendale esaminando casi relativi a semplici e diverse tipologie di imprese. Riconoscere modelli organizzativi di un dato contesto aziendale. Saperi essenziali Classe II Fatture a più aliquote Iva. Cenni alla normativa relativa all imposta sul valore aggiunto Calcoli finanziari relativi alle principali operazioni commerciali, in particolare calcoli relativi all interesse e allo sconto Titoli di credito: assegni e cambiali. Moneta bancaria:bonifici, Riba e carte di credito Smobilizzo dei crediti Funzione ed utilizzo delle cambiali nell attività aziendale: caratteristiche tecniche e requisiti giuridici, pagamento, rinnovo, mancato pagamento, incasso a mezzo banca, sconto. Ricevute bancarie Funzione e utilizzo dei mezzi di pagamento bancari nell attività aziendale: 9

10 caratteristiche tecniche e requisiti giuridici Compilazione dei documenti ed esecuzione dei calcoli relativi ai vari mezzi di pagamento, specie rispetto ai rapporti con le banche (distinte, ricevute, conteggi delle competenze bancarie, valuta adeguata, tasso effettivo, ecc ) Classe III A.F.M. Amministrazione finanza e marketing (la programmazione è stata rivista in base alle disposizioni del D.P.R. n 88 del 15/03/2010 art. 8 c.3 e alla Direttiva n. 4 del 16/01/ Linee guida per il secondo biennio e quinto anno COMPETENZE e ABILITA L azienda, i suoi elementi costituivi e le sue relazioni con l ambiente. Strategie aziendali di localizzazione, delocalizzazione e globalizzazione dell azienda I documenti originari La gestione e le operazioni che la caratterizzano Fabbisogno finanziario. Fonti di finanziamento e impieghi Analisi e calcoli relativi al fabbisogno finanziario e alle connesse forme di finanziamento Investimenti e disinvestimenti Le diverse aree della gestione Aspetti finanziari ed economici delle diverse aree della gestione aziendale Ripasso su fatturazione e IVA. Riconoscere le varie tipologie di azienda Riconoscere le interdipendenze fra sistemi economici e le strategie di localizzazione, delocalizzazione e globalizzazione Leggere e interpretare i documenti tipici della contabilità Redigere il prospetto dei finanziamenti e degli investimenti Correlare e comparare finanziamenti e impieghi Interpretare preventivi d impianto Distinguere le manifestazioni finanziarie ed economiche in semplici operazioni aziendali Redigere i documenti fiscali obbligatori Registrare i documenti Iva connessi alla compravendita Effettuare la liquidazione periodica Iva Compilare il modello F24 Rappresentare e documentare procedure e flussi informativi Caratteristiche fondamentali della normativa IVA Principali adempimenti relativi all imposta 10

11 Concetto di patrimonio e reddito d esercizio L inventario (cenni ed esempi) L equilibrio monetario ed economico Le correlazioni tra investimenti e finanziamenti Concetto di sistema e metodo di scritture Il metodo della partita doppia applicato al sistema del patrimonio e del risultato economico Regole e tecniche di contabilità generale Rilevazione in PD dei principali fatti di gestione dell impresa mercantile Scritture di assestamento e chiusura Normative e tecniche di redazione del bilancio relative all impresa individuali Principi contabili ex C.C.; cenni ai principi contabili nazionali Analizzare e rilevare in contabilità generale i fondamentali fatti di gestione Redigere la contabilità anche utilizzando programmi applicativi integrati Redigere situazioni patrimoniali ed economiche Determinare il reddito d esercizio e il patrimonio di funzionamento Redigere ed interpretare i documenti che compongono il bilancio Individuare le fonti e analizzare i principali contenuti dei principi contabili applicabili nella redazione del bilancio delle imprese individuali Lessico di settore anche in lingua inglese Classe IV A.F.M. COMPETENZE e ABILITA Aziende mercantili all ingrosso: problemi di gestione e principali operazioni I beni strumentali: funzione e loro classificazione Concetto di layout, di elasticità e di grado di utilizzo dei B.S. Normativa civilistica e aspetti contabili relativi ai B.S. con particolare riguardo 1. alle varie modalità di acquisizione 2. all ammortamento e alle manutenzioni 3. alla dismissione e al rinnovo Il concorso dei B.S. alla formazione del reddito d esercizio e la rappresentazione dei relativi valori nel bilancio di fine periodo Costruire un piano di ammortamento Comporre le scritture d esercizio, assestamento e chiusura relative ai B.S. (operazioni d acquisizione, ammortamenti, manutenzioni, dismissioni ; leasing) Iscrivere in bilancio i valori relativi ai B.S. La gestione e amministrazione del personale dipendente Il lavoro subordinato e le principali categorie di lavoratori dipendenti Le fonti normative che regolano il rapporto di lavoro subordinato Modalità di reperimento e di selezione del personale Le nuove forme di lavoro flessibile Gli aspetti amministrativi, contabili, previdenziali e fiscali nella gestione dei dipendenti 11 Compilazione di un prospetto paga Calcolo della quota TFR annua e del trattamento di fine rapporto alla cessazione del rapporto Calcolare il conguaglio fiscale di fine anno Rilevare in partita doppia le operazioni relative ai dipendenti Collocare in bilancio le voci e i valori che si ricollegano ai rapporti col personale

12 Contabilità di magazzino e relativi scopi. La documentazione dei movimenti e i principali metodi di valutazione degli scarichi La contabilità fiscale di magazzino La valutazione delle rimanenze di magazzino: aspetti civilistici e fiscali Compilare schede di magazzino adottando i diversi metodi di valutazione delle scorte(c.m.p., Fifo, Lifo) Valutare le rimanenze di magazzino secondo la normativa del codice civile Rilevare in P.D. i valori delle rimanenze di magazzino in sede di scritture di fine esercizio Rappresentare in bilancio le rimanenze di magazzino e le loro variazioni rispetto all esercizio precedente Forme giuridiche e strutture aziendali La società: concetto e classificazioni Le società di persone (S.N.C.): caratteri generali, i, il bilancio d esercizio Le società di capitali (S.P.A): caratteri generali, costituzione, conferimenti e loro valutazione, riparto degli utili e copertura delle perdite; variazioni del capitale sociale; prestiti obbligazionari; riserve e loro classificazione; il bilancio d esercizio La gestione finanziaria e il mercato dei capitali Le negoziazioni dei titoli di debito e dei titoli di capitale Il mercato monetario Le scritture in P.D. relative alle operazioni in titoli Eseguire i calcoli relativi ai riparti degli utili e alle variazioni di capitale Rilevare in contabilità generale(p.d.) operazioni di gestione tipiche delle S.N.C. e delle S.P.A. con particolare riguardo a : costituzione e vari tipi di conferimento, riparto degli utili e copertura delle perdite, aumenti e diminuzioni del capitale sociale finanziamenti dei soci prestiti obbligazionari Redigere il bilancio d esercizio secondo gli schemi previsti dal codice civile Eseguire i conteggi relativi - ai titoli di debito - ai titoli del comparto azionario Rilevare in P.D. le operazioni in titoli Le funzioni del marketing e analisi del mercato; marketing mix e politica del prodotto; Sapersi orientarsi fra le esigenze della clientela e il prodotto adeguato alla soddisfazione del bisogno; total quality e difetti zero; Le imprese bancarie: Le operazioni di raccolta fondi: il conto corrente di corrispondenza; I finanziamenti bancari; Le operazioni di smobilizzo crediti; saper compilare un conto corrente con le relative scritture bancarie di gestione dello schema scalare con procedimento amburghese; Classe V AFM Imprese industriali Le imprese industriali: gli aspetti tipici e le diverse aree della gestione La struttura del patrimonio delle imprese industriali 12 COMPETENZE e ABILITA Comporre le tipiche scritture d esercizio, di assestamento e di chiusura Redigere il bilancio d esercizio secondo le

13 La contabilità generale e il bilancio d esercizio Le analisi di bilancio e la revisione contabile Funzioni e obiettivi delle analisi di bilancio Le fasi dei processi di analisi e i criteri di riclassificazione dei bilanci Gli indici di bilancio, il loro coordinamento a sistema e la loro lettura unitaria La metodologia di analisi dei flussi di CCN e di cassa e la formazione dei relativi Rendiconti finanziari. disposizioni del codice civile e i principi contabili O.I.C. Riclassificare il bilancio secondo criteri finanziari Calcolare i principali indici di bilancio, coordinarli e redigere una relazione interpretativa Determinare i flussi finanziari prodotti dalla gestione Reddituale dalla gestione Patrimoniale Redigere il Rendiconto finanziario dei flussi di CCN dei flussi di cassa Redigere una relazione interpretativa del Rendiconto finanziario La tassazione del reddito d impresa Il concetto di reddito d impresa ai fini fiscali I principi fondamentali delle norme fiscali sul reddito d impresa Le imposte sul reddito d impresa Relazione tra reddito di bilancio e reddito fiscale Le norme del T.U.I.R.: variazioni fiscali in aumento e in diminuzione Variazioni permanenti e temporanee. Le imposte anticipate e differite L I.R.A.P.: nozioni generali e base imponibile La programmazione e il controllo nelle imprese industriali I costi e la contabilità analitica Differenze tra CO.GE e CO.AN. Le principali classificazioni dei costi. La break-even analysis. Il diagramma di redditività Le varie configurazioni di costo. L imputazione diretta e indiretta dei costi; base unica e base multipla aziendale La metodologia del calcolo dei costi: la localizzazione nei centri di costo Contabilità direct costing e full costing L activity based costing (A.B.C.) Collegamenti tra CO.GE e CO.AN. I piani e i programmi aziendali Pianificazione strategica e Programmazione operativa Il controllo di gestione e i suoi strumenti Individuare i soggetti a cui sono imputabili ai redditi d impresa Cogliere le principali differenze tra reddito di bilancio e reddito fiscale Applicare correttamente il LIFO a scatti annuali; calcolare correttamente gli ammortamenti fiscalmente deducibili, la deducibilità fiscale delle spese di manutenzione; determinare le principali variazioni fiscali in aumento e in diminuzione del reddito d impresa Calcolare l IRES di competenza e quella dovuta Calcolare l IRAP di una SPA industriale Calcolare i rendimenti dei fattori produttivi Classificare i costi per aree funzionali Distinguere tra costi speciali e comuni, diretti e indiretti, preventivi e consuntivi Rappresentare graficamente i costi fissi e variabili. Applicare la break-even analysis a concreti problemi aziendali Calcolare i costi di prodotto e di processo secondo configurazioni a costi pieni e costi variabili Risolvere alcuni problemi di scelta Redigere i budget settoriali e il budget d esercizio Effettuare l analisi degli scostamenti tra dati standard e dati effettivi 13

14 Il budget annuale e la sua articolazione: i budget settoriali,il budget economico; il budget degli investimenti; il budget finanziario; il budget economico generale e il budget patrimoniale L analisi degli scostamenti e il sistema di reporting Il controllo budgetario Il sistema di reporting L analisi degli scostamenti Sistemi informativi aziendali S.I.A Classe III COMPETENZE e ABILITA L azienda, i suoi elementi costituivi e le sue relazioni con l ambiente. I documenti originari Fatturazione, Registrazione fatture, liquidazione periodica Iva. Altri adempimenti dei contribuenti Iva) Redigere i documenti fiscali obbligatori Registrare i documenti Iva connessi alla compravendita Effettuare la liquidazione periodica Iva La gestione e le operazioni che la caratterizzano Aspetti finanziari e economici delle diverse aree della gestione aziendale L equilibrio monetario ed economico, le correlazioni tra investimenti e finanziamenti Concetto di patrimonio e reddito d esercizio L inventario (cenni ed esempi) Il sistema informativo aziendale Concetto di sistema e metodo di scritture Il metodo della partita doppia applicato al sistema del patrimonio e del risultato economico Regole e tecniche di contabilità generale Rilevazione in PD dei principali fatti di gestione dell impresa mercantile Scritture di assestamento e chiusura Normative tecniche di redazione di bilancio. Principi contabili Individuare le possibili fonti di finanziamento nazionali ed internazionali in relazione alla forma giuridica di impresa. Correlare e comparare finanziamenti e impieghi. Leggere e interpretare i documenti tipici delle contabilità elementari Redigere il prospetto dei finanziamenti e degli investimenti Analizzare e rilevare in contabilità generale i fondamentali fatti di gestione Redigere situazioni patrimoniali ed economiche Determinare il reddito d esercizio e il patrimonio di funzionamento Individuare e analizzare sotto il profilo strategico, finanziario ed economico le operazioni delle aree gestionali Redigere la contabilità Individuare le fonti e analizzare i contenuti dei principi contabili. Redigere e commentare i documenti che compongono il sistema di bilancio. 14

15 Classe IV S.I.A. COMPETENZE e ABILITA I beni strumentali: funzione e loro classificazione Concetto di layout, di elasticità e di grado di utilizzo dei B.S. Normativa civilistica e aspetti contabili relativi ai B.S. con particolare riguardo 4. alle varie modalità di acquisizione 5. all ammortamento e alle manutenzioni 6. alla dismissione e al rinnovo Il concorso dei B.S. alla formazione del reddito d esercizio e la rappresentazione dei relativi valori nel bilancio di fine periodo Costruire un piano di ammortamento Comporre le scritture d esercizio, assestamento e chiusura relative ai B.S. (operazioni d acquisizione, ammortamenti, manutenzioni, dismissioni ; leasing) Iscrivere in bilancio i valori relativi ai B.S. La gestione e amministrazione del personale dipendente Il lavoro subordinato e le principali categorie di lavoratori dipendenti Le fonti normative che regolano il rapporto di lavoro subordinato Modalità di reperimento e di selezione del personale Le nuove forme di lavoro flessibile Gli aspetti amministrativi, contabili, previdenziali e fiscali nella gestione dei dipendenti Compilazione di un prospetto paga Calcolo della quota TFR annua e del trattamento di fine rapporto alla cessazione del rapporto Calcolare il conguaglio fiscale di fine anno Rilevare in partita doppia le operazioni relative ai dipendenti Collocare in bilancio le voci e i valori che si ricollegano ai rapporti col personale Contabilità di magazzino e relativi scopi. La documentazione dei movimenti e i principali metodi di valutazione degli scarichi La contabilità fiscale di magazzino La valutazione delle rimanenze di magazzino: aspetti civilistici e fiscali Compilare schede di magazzino adottando i diversi metodi di valutazione delle scorte(c.m.p., Fifo, Lifo) Valutare le rimanenze di magazzino secondo la normativa del codice civile Rilevare in P.D. i valori delle rimanenze di magazzino in sede di scritture di fine esercizio Rappresentare in bilancio le rimanenze di magazzino e le loro variazioni rispetto all esercizio precedente Forme giuridiche e strutture aziendali La società: concetto e classificazioni Le società di persone (S.N.C.): caratteri generali, i, il bilancio d esercizio Le società di capitali (S.P.A): caratteri generali, costituzione, conferimenti e loro valutazione, riparto degli utili e copertura delle perdite; variazioni del capitale sociale; prestiti obbligazionari; riserve e loro classificazione; il bilancio d esercizio Eseguire i calcoli relativi ai riparti degli utili e alle variazioni di capitale Rilevare in contabilità generale(p.d.) operazioni di gestione tipiche delle S.N.C. e delle S.P.A. con particolare riguardo a : costituzione e vari tipi di conferimento, riparto degli utili e copertura delle perdite, aumenti e diminuzioni del capitale sociale finanziamenti dei soci prestiti obbligazionari Redigere il bilancio d esercizio secondo gli schemi previsti dal codice civile La gestione finanziaria e il mercato dei capitali 15

16 Le negoziazioni dei titoli di debito e dei titoli di capitale Il mercato monetario Le scritture in P.D. relative alle operazioni in titoli Eseguire i conteggi relativi - ai titoli di debito - ai titoli del comparto azionario Rilevare in P.D. le operazioni in titoli Le funzioni del marketing e analisi del mercato; marketing mix e politica del prodotto; Sapersi orientarsi fra le esigenze della clientela e il prodotto adeguato alla soddisfazione del bisogno; total quality e difetti zero; Le imprese bancarie: Le operazioni di raccolta fondi: il conto corrente di corrispondenza; I finanziamenti bancari; Le operazioni di smobilizzo crediti; saper compilare un conto corrente con le relative scritture bancarie di gestione dello schema scalare con procedimento amburghese; Classe V SIA IMPRESE INDUSTRIALI COMPETENZE e ABILITA Comporre le tipiche scritture d esercizio, di Le imprese industriali: gli aspetti tipici e le diverse assestamento e di chiusura aree della gestione Redigere il bilancio d esercizio secondo le La struttura del patrimonio delle imprese industriali disposizioni del codice civile e i principi La contabilità generale e il bilancio d esercizio contabili O.I.C. Le analisi di bilancio e la revisione contabile Funzioni e obiettivi delle analisi di bilancio Le fasi dei processi di analisi e i criteri di riclassificazione dei bilanci Gli indici di bilancio, il loro coordinamento a sistema e la loro lettura unitaria La metodologia di analisi dei flussi di CCN e di cassa e la formazione dei relativi Rendiconti finanziari. Riclassificare il bilancio secondo criteri finanziari Calcolare i principali indici di bilancio, coordinarli e redigere una relazione interpretativa Determinare i flussi finanziari prodotti dalla gestione Reddituale dalla gestione Patrimoniale Redigere il Rendiconto finanziario dei flussi di CCN dei flussi di cassa Redigere una relazione interpretativa del Rendiconto finanziario La tassazione del reddito d impresa Il concetto di reddito d impresa ai fini fiscali I principi fondamentali delle norme fiscali sul reddito d impresa Le imposte sul reddito d impresa Relazione tra reddito di bilancio e reddito fiscale Le norme del T.U.I.R.: variazioni fiscali in aumento e in diminuzione Variazioni permanenti e temporanee. Le imposte Individuare i soggetti a cui sono imputabili ai redditi d impresa Cogliere le principali differenze tra reddito di bilancio e reddito fiscale Applicare correttamente il LIFO a scatti annuali; calcolare correttamente gli ammortamenti fiscalmente deducibili, la deducibilità fiscale delle spese di 16

17 anticipate e differite L I.R.A.P.: nozioni generali e base imponibile La programmazione e il controllo nelle imprese industriali I costi e la contabilità analitica Differenze tra CO.GE e CO.AN. Le principali classificazioni dei costi. La break-even analysis. Il diagramma di redditività Le varie configurazioni di costo. L imputazione diretta e indiretta dei costi; base unica e base multipla aziendale La metodologia del calcolo dei costi: la localizzazione nei centri di costo Contabilità direct costing e full costing L activity based costing (A.B.C.) Collegamenti tra CO.GE e CO.AN. I piani e i programmi aziendali Pianificazione strategica e Programmazione operativa Il controllo di gestione e i suoi strumenti Il budget annuale e la sua articolazione: i budget settoriali,il budget economico; il budget degli investimenti; il budget finanziario; il budget economico generale e il budget patrimoniale manutenzione; determinare le principali variazioni fiscali in aumento e in diminuzione del reddito d impresa Calcolare l IRES di competenza e quella dovuta Calcolare l IRAP di una SPA industriale Calcolare i rendimenti dei fattori produttivi Classificare i costi per aree funzionali Distinguere tra costi speciali e comuni, diretti e indiretti, preventivi e consuntivi Rappresentare graficamente i costi fissi e variabili. Applicare la break-even analysis a concreti problemi aziendali Calcolare i costi di prodotto e di processo secondo configurazioni a costi pieni e costi variabili Risolvere alcuni problemi di scelta Redigere i budget settoriali e il budget d esercizio Effettuare l analisi degli scostamenti tra dati standard e dati effettivi L analisi degli scostamenti e il sistema di reporting Il controllo budgetario Il sistema di reporting L analisi degli scostamenti Relazioni internazionali per il marketing Classe III COMPETENZE e ABILITA Correlazioni, calcolo, analisi relative al fabbisogno finanziario e alle connesse fonti di finanziamento nelle diverse forme giuridiche di impresa. Individuare le possibili fonti di finanziamento nazionali ed internazionali in relazione alla forma giuridica di impresa. Correlare e comparare finanziamenti e impieghi. Teorie e principi di organizzazione aziendale Modelli organizzativi nelle tipologie di aziende che operano nei mercati nazionali e internazionali Caratteristiche del mercato del lavoro Identificare i diversi processi e le dinamiche organizzative in funzione di strategie aziendali date Riconoscere l assetto strutturale di una impresa attraverso una analisi dei suoi 17

18 Struttura contenuto e aspetti economici dei contratti di lavoro. Politiche, strategie, amministrazione nella gestione delle risorse umane. Tecniche di selezione di personale e curriculum europeo Aspetti economici e finanziari delle diverse aree di gestione aziendale Regole tecniche della contabilità generale. Normative tecniche di redazione di bilancio. Principi contabili organigrammi e funzioni grammi. Raffrontare tipologie diverse di rapporti di lavoro nazionali e internazionali e indicare criteri di scelta in relazione ad economicità, efficienza, contesto sociale e territoriale. Calcolare la remunerazione del lavoro in relazione alla tipologia contrattuale e redigere i connessi documenti amministrativi Redigere il curriculum vitae europeo e simulare colloqui di selezione Individuare e analizzare sotto il profilo strategico, finanziario ed economico le operazioni delle aree gestionali Redigere la contabilità Individuare le fonti e analizzare i contenuti dei principi contabili. Redigere e commentare i documenti che compongono il sistema di bilancio. Relazioni internazionali per il marketing Classe IV COMPETENZE e ABILITA Individuare le finalità e il contenuto dell inventario d esercizio. Applicare il principio della competenza economica. Riconoscere e classificare le scritture di assestamento. Registrare in P.D. le scritture di assestamento Riconoscere il flusso delle operazioni compiute a fine esercizio. Registrare in P.D. le operazioni di epilogo e di chiusura generale dei conti 1. L inventario d esercizio e le scritture di assestamento 2. Le scritture di epilogo e di chiusura dei conti 3. Il bilancio d esercizio Individuare le finalità del bilancio d esercizio e dei documenti che lo compongono Individuare e interpretare i documenti che compongono il sistema informativo di bilancio 4. La riapertura dei conti 5. La gestione finanziaria Individuare le funzioni dei principi contabili Registrare in P.D. le operazioni di riapertura dei conti. Registrare in P.D. le operazioni relative allo storno di esistenze iniziali di magazzino, risconti, ratei, fatture da ricevere e fatture da emettere. Individuare le situazioni operative in cui utilizzare i fondi rischi e i fondi oneri e registrare in P.D. le relative operazioni. Riconoscere le diverse trasformazioni attuate dall impresa Individuare i fattori che determinano la dinamica finanziaria dell impresa 18

19 Distinguere le tipologie di decisioni finanziarie Individuare le operazioni della gestione finanziaria. Individuare le esigenze finanziarie specifiche delle imprese internazionali e le opportunità offerte dai mercati esteri Distinguere le differenti tipologie di fabbisogno finanziario Calcolare il fabbisogno finanziario iniziale. Individuare le differenti forme di finanziamento a titolo di capitale proprio e di capitale di debito. 6. Le decisioni di investimento Identificare le variabili che incidono sull equilibrio finanziario Correlare temporalmente gli impieghi alle fonti di finanziamento Distinguere le differenti tipologie di investimenti Individuare i fattori specifici di un investimento all estero 7. La funzione di marketing Analizzare il percorso di cambiamento dei mercati Distinguere i diversi contesti ambientali Individuare in un dato contesto il comportamento dei consumatorio e delle imprese concorrenti 8. Il marketing mix: prodotto, prezzo, comunicazione 9. Il marketing mix: la distribuzione Costruire strumenti di indagine, raccogliere, elaborare e interpretare i dati Individuare le strategie di marketing più idonee alle diverse esigenze e tipologie di prodotto Individuare gli elementi base di un piano di marketing Individuare le strategie di marketing e le azioni specifiche da attivare per raggiungere gli obiettivi strategici Distinguere i concetti di gamma e di linea Individuare le fasi del ciclo di vita del prodotto e le relative strategie Riconoscere i tipi di posizionamento più adatti ai diversi prodotti Calcolare il ricarico Identificare le fasi di definizione del prezzo Riconoscere gli obiettivi della leva del prezzo Individuare le leve di comunicazione più adatte ed elaborare semplici piani di marketing Individuare il percorso distributivo più adatto per i diversi prodotti Riconoscere le fasi dell evoluzione delle formule distributive Riconoscere i caratteri fondamentali delle norme 19

20 10. Il marketing internazionale sul commercio Distinguere il personale di vendita diretta da quello di vendita indiretta Riconoscere i caratteri deal contratto di agenzia e calcolare le provvigioni Analizzare i costi di distribuzione ed eseguire semplici calcoli Riconoscere gli elementi di sviluppo e di cambiamento del commercio estero Riconoscere le tendenze evolutive del marketing internazionale 11. Il contratto di compravendita internazionale 12. Il regolamento degli scambi internazionali 13. Le risorse umane nell impresa 14. L amministrazione del personale Distinguere le caratteristiche di una vendita all estero Definire le regole contrattuali adatte alle diverse situazioni Individuare le norme applicabili e le principali convenzioni internazionali Comprendere e distinguere gli aspetti tecnici della redazione di un contratto internazionale Individuare i contenuti principali di un contratto internazionale Definire i rischi e gli oneri del trasporto Individuare le caratteristiche delle diverse clausole di consegna della merce Distinguere un rischi commerciale da un rischio politico Riconoscere le caratteristiche delle diverse forme di regolamento, di garanzia e di assicurazione degli scambi internazionali e individuare le forme più adeguate alle diverse situazioni operative Riconoscere la funzione del mercato dei cambi. Leggere un cambio distinguendo le differenti quotazioni. Applicare a ciascuna operazione il cambio di riferimento. Riconoscere le funzioni e le caratteristiche del mercato del lavoro. Individuare i compiti dell organizzazione del lavoro Identificare i compiti della funzione delle risorse umane. Individuare le differenti modalità con cui l impresa ricerca il personale Compilare il curriculum vitae e simulare colloqui di selezione anche in lingua straniera Distinguere le varie tipologie contrattuali di lavoro subordinato e non subordinato Riconoscere gli obblighi delle imprese e dei lavoratori in materia di sicurezza del lavoro Individuare i metodi di formazione del personale. Individuare le caratteristiche dei metodi di 20

21 valutazione del lavoro Individuare i compiti dell amministrazione del personale Riconoscere i differenti elementi della retribuzione Individuare le finalità dell attività svolta dalle assicurazioni sociali Compilare il foglio paga di un lavoratore dipendente Registrare in P.D. le retribuzioni dei dipendenti Calcolare il conguaglio fiscale Individuare le cause di estinzione del rapporto di lavoro a tempo indeterminato Calcolare e registrare in P.D. il TFR Riconoscere i dati contenuti nei libri obbligatori per il datore di lavoro. Relazioni internazionali per il marketing Classe V Conoscenze Competenze/Abilità 1. Bilanci aziendali Individuare e accedere alla normativa civilistica inerente al bilancio di esercizio; Saper analizzare i principi generali di redazione e i criteri di valutazione del c.c. e saper applicarli; Saper collegare le informazioni contabili al bilancio, saper redigere lo Stato Patrimoniale e il Conto Economico e saper individuare le principali informazioni della nota integrativa; Saper redigere un bilancio in forma abbreviata; Saper distinguere tra l applicazione dei principi contabili internazionali e quelli nazionali previsti dall O.I.C. 2. Analisi per Indici Saper interpretare un bilancio e saper distinguere l analisi per indici e l analisi per flussi; saper redigere lo Stato Patrimoniale riclassificato secondo criteri finanziari e il Conto Economico secondo la configurazione a ricavi e costo del venduto e a valore aggiunto; calcolare e commentare i principali indici patrimoniali, finanziari ed economici e i relativi margini; redigere un report esprimendo valutazioni sulle condizioni di equilibrio finanziario patrimoniale ed economico e formulare possibili soluzioni alle problematiche aziendali. 3. Analisi per flussi Riconoscere il concetto di flusso; distinguere i flussi finanziari dai flussi economici; calcolare il flusso generato dalla gestione reddituale; 21

22 saper distinguere i flussi che aumentano le fonti e diminuiscono gli impieghi; Comprendere le finalità del rendiconto finanziario 4. Contabilità gestionale Individuare le funzioni e gli strumenti della contabilità gestionale; descrivere i diversi significati di costo e classificarli secondo criteri diversi; calcolare i margini di contribuzione; applicare i diversi metodi di imputazione dei costi all oggetto di calcolo; calcolare le configurazioni di costo; distinguere le decisioni di breve termine da quelle di lungo termine; Analizzare la scelta tra produzione interno ed esterna; risolvere problemi di scelta make o buy; individuare gli obiettivi della break even analysis; 5. Strategie, pianificazione e programmazione aziendale 6. Piani strategici Definire il concetto di strategia; Individuare i soggetti e le variabili dell ambiente esterno, identificare opportunità e minacce; distinguere le aree strategiche di affari; individuare il vantaggio competitivo ricercato dall impresa; individuare e distinguere le scelte strategiche finanziarie da quelle di marketing e di produzione; scegliere i mercati internazionali in cui operare; comprendere il ruolo dell impresa multinazionale nell economia mondiale; individuare gli scopi e il contenuto della pianificazione aziendale; individuare gli strumenti della programmazione e del controllo aziendale; definire il budget e distinguere le sue funzioni; Saper redigere e interpretare il Budget. Saper distinguere tra pianificazione corrente e Business planning; comprendere la struttura di un piano di marketing; effettuare l analisi della situazione iniziale e l individuazione dei mercati e degli obiettivi; redigere un piano di marketing con la definizione delle quattro leve di marketing; individuare le iniziative aziendali che richiedono la stesura di un business pan; individuare le fasi di avvio di una iniziativa imprenditoriale; individuare le diverse parti in cui si articola il piano di business e riconoscere le sue finalità; saper definire il prezzo di vendita e la quota di mercato; 22

23 DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe Terza Turistico Il turismo nel contesto storico e socio-economico definire le scelte di localizzazione internazionale descrivendone le opportunità e i vantaggi. Riconoscere ed interpretare: - le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali anche per coglierne le ripercussioni nel contesto turistico; - i macrofenomeni socio-economici globali in termini generali e specifici dell impresa turistica Il ruolo del turismo nel contesto storico e socioeconomico COMPETENZE e ABILITA Riconoscere le componenti storiche, sociali e culturali che concorrono allo sviluppo integrato del turismo Mercato turistico Turismo e sviluppo economico Riconoscere gli aspetti specifici del turismo,della domanda e dell offerta turistica e dei mercati turistici Distinguere i diversi tipi di turismo Risorse turistiche del territorio Il ruolo degli operatori pubblici che intervengono nell attività turistica I dati statistici riferiti al turismo Indici che misurano l efficienza dell attività turistica Cogliere il ruolo della P:A: nel settore turistico Fonti di informazione turistica Saper analizzare le risorse turistiche del territorio Individuare il ruolo degli operatori pubblici a sostegno dello sviluppo turistico del territorio Calcolare i principali indici turistici e coglierne le implicazioni Utilizzare i motori di ricerca per cercare informazioni sul WEB Le imprese turistiche e relative caratteristiche gestionali Fonti giuridiche relative al turismo Specificità e rischi di gestione delle imprese turistiche COMPETENZE e ABILITA Individuare e accedere alla normativa civilistica e fiscale con particolare riferimento a quella del settore turistico Interpretare i sistemi aziendali nei loro modelli, processi di gestione e flussi informativi Riconoscere gli elementi caratterizzanti le diverse aziende turistiche, i loro prodotti e i loro processi di gestione Interpretare le problematiche gestionali delle aziende turistiche Individuare le caratteristiche del mercato del lavoro e collaborare alla gestione del personale 23

24 Figure professionali del settore turistico: ruoli e responsabilità Le imprese di viaggi: Tour operator e AdV intermediarie Le imprese ricettive Il servizio di ospitalità. Le strutture alberghiere Agriturismi e Bed&breakfast Le strutture ricettive all aperto: villaggi turistici e campeggi I trasporti Il trasporto aereo, ferroviario, marittimo e su strada La programmazione dei servizi turistici Differenze tra viaggi organizzati e a domanda Gli itinerari Il programma di viaggio La programmazione dei viaggi da catalogo e a domanda I contratti stipulati dai Tour operator Gli elementi di un programma di viaggio La vendita di servizi turistici e l IVA La vendita da catalogo.il preventivo di vendita Il contratto e i documenti di viaggio. Le diverse tipologie di Voucher L IVA. Caratteristiche e presupposti per l applicazione I diversi documenti fiscali e i Registri Iva La vendita dei servizi singoli al lordo e al netto di commissione La vendita dei pacchetti dei T.O. La liquidazione Iva delle imprese di viaggio Le operazioni di front office e back office nelle strutture ricettive Le operazioni di prenotazione: le diverse tipologie di prenotazione Il check-in Il soggiorno e il check out dell impresa turistica Identificare le specificità dei compiti svolti dalle diverse figure professionali e le competenze richieste per ricoprire determinati ruoli nell impresa turistica Calcolare il prezzo di un prodotto turistico e la commissione di agenzia Riconoscere ruoli e mansioni delle figure professionali impiegate nelle imprese di viaggi Calcolare la capacità ricettiva di un albergo e il tasso di occupazione netto e lordo Riconoscere ruoli e mansioni delle figure professionali impiegate nelle imprese ricettive Scegliere l itinerario più adatto al cliente Leggere le informazioni riportate sul biglietto ferroviario,aereo e marittimo Progettare, documentare e presentare servizi o prodotti turistici Analizzare e progettare prodotti turistici Formulare un itinerario di viaggio e comporne gli elementi Programmare e organizzare i viaggi da catalogo e a domanda Calcolare il costo di un contratto vuoto per pieno Organizzare transfer, visite-città ed escursioni e determinarne i prezzi Calcolare i prezzi dei servizi e dei prodotti turistici Compilare il contrattto di viaggio e i diversi tipi di Voucher Annotare le operazioni di acquisto e vendita nei Registri Iva Effettuare la liquidazione Iva relativa all attività svolta Compilare il modulo di prenotazione e il Tableau delle prenotazioni Redigere i documenti relativi al check-in Riconoscere gli aspetti salienti per una buona gestione del soggiorno del cliente Calcolare il conto d albergo ed emettere il relativo 24

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Amministrazione finanza e Marketing, Sistemi informativi aziendali Nodi concettuali essenziali

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale Unità Competenze professionali Conoscenze Abilità Strumenti

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (M PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE I.I.S. ABBA BALLINI. Classe QUINTA E AFM Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014. Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 REVISIONE SOCIETA DI CAPITALI Pagina 1 di 8 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: IGEA 5AR DOCENTE : PINI MARIA GABRIELLA Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture 1 ISIONE SOCIETA DI CAPITALI 2 I CARATTERI DELLE

Dettagli

Anno Scolastico 2013 / 2014

Anno Scolastico 2013 / 2014 VENEZIA - MESTRE PROGRAMMAZIONE PREVENTIVA MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE DOCENTE: RAFANIELLO SALVATORE CLASSE 3 SEZ. C amministrazione finanza e marketing Anno Scolastico 2013 / 2014 MESTRE-VENEZIA 2 dicembre

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Simona Migliavacca MATERIA Economia Aziendale classe e indirizzo : 4 B AFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 231 CONOSCENZE 1 Strumenti

Dettagli

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA Economia Aziendale DOCENTE Rezzonico Isabella MODULO E/O UNITA DIDATTICA CONTABILITÀ GENERALE BILANCI AZIENDALI E REVISIONE LEGALE DEI CONTI CONTENUTI

Dettagli

Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza PRIMO BIENNIO

Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza PRIMO BIENNIO IIS Algarotti Venezia Anno Scolastico 2014/2015 Risultati di Apprendimento Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza Strumenti di lavoro

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Michele BUNIVA 1. Articolazione (moduli, unità didattiche ) delle conoscenze e dei contenuti. PROGRAMMA ECONOMIA AZIENDALE E GEO POLITICA CLASSE 4 RIM Libro di testo : Astolfi, Nazzaro, Rascioni & Ricci IMPRESA E MERCATI

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Ragnoli Raffaella MATERIA Economia Aziendale e geopolitica classe e indirizzo : 5 A RIM n. ore settimanali: 6 monte orario annuale: 198 CONOSCENZE

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015 DOCENTE: Prof.ssa MARISA SARTORIO PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE: 1 A AFM A.S 2014/2015 Strumenti matematici utilizzabili in Economia Aziendale Le principali relazioni tra grandezze Le proporzioni

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2014/2015

CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2014/2015 CONTENUTI MINIMI CLASSI PRIME A.S. 2014/2015 CLASSI PRIME AFM/SIA(tranne sportivo)/ri Calcoli percentuali, riparti semplici e composti diretti Concetto di azienda, soggetto economico e giuridico Caratteri

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA Questa programmazione didattica vuole semplicemente fornire uno strumento d aiuto e riflessione per i docenti di questa disciplina, in quanto non

Dettagli

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Anno scolastico 2013/2014 Programma di Economia Aziendale Classe: 5^ F Mercurio Insegnante: Lino Bartolini Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Le caratteristiche

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 10 DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: AFM - SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: Alagna, Garofoli - Masoch - Oldoni - Zuffada ANNO SCOLASTICO 2014/2015 NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

TORINO. ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE DI STATO. CLASSE TERZA C Serale (ore di lezione svolte 136) 2. Il Turismo e le strutture ricettive

TORINO. ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE DI STATO. CLASSE TERZA C Serale (ore di lezione svolte 136) 2. Il Turismo e le strutture ricettive ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE DI STATO TORINO MATERIA: TECNICA DEI SERVIZI TURISTICI (ETAT) - PROGETTO POLIS PROGRAMMA SVOLTO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 CLASSI 3-4 - 5 C Serale e 3 H Serale DOCENTE: MAZZA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Indirizzo: TECNICO_ AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Anno scolastico Materia Classi 2013 / 14 Economia Aziendale 3^- 4^ Lo studio dell'economia Aziendale per il

Dettagli

Economia aziendale secondo biennio SIA

Economia aziendale secondo biennio SIA Economia aziendale secondo biennio SIA CONTENUTI CURRICOLAZIONE DEI SAPERI MEDIAZIONE DIDATTICA (^) classe terza SIA MODULO DISCPLINARE Modulo 1 IL SISTEMA AZIENDA E LA SUA ORGANIZZAZIONE (**) CONOSCENZE

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

TORINO. ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE DI STATO. CLASSE BIENNIO C Serale Disciplina: ECONOMIA AZIENDALE (ore di lezione svolte 118)

TORINO. ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE DI STATO. CLASSE BIENNIO C Serale Disciplina: ECONOMIA AZIENDALE (ore di lezione svolte 118) ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE DI STATO TORINO MATERIA: TECNICA DEI SERVIZI TURISTICI (ETAT) - PROGETTO POLIS PROGRAMMA SVOLTO ANNO SCOLASTICO 2013-2014 CLASSI Biennio - 4-5 C Serale ed ex 3 M Serale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2013/2014 Pagina 1 di 6 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: MERCURIO CLASSE: 5BR DOCENTE: BONOMINI MIRELLA Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture A 1 I CARATTERI DELLE Le caratteristiche

Dettagli

Economia aziendale 2 biennio RIM

Economia aziendale 2 biennio RIM Economia aziendale 2 biennio RIM CONTENUTI CURRICOLAZIONE DEI SAPERI MEDIAZIONE DIDATTICA classe terza RIM MODULO DISCPLINARE CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE (come da LINEE GUIDA) METODI di VERIFICA MEZZI

Dettagli

Materiali didattici - Bilancio, imposte e analisi di bilancio

Materiali didattici - Bilancio, imposte e analisi di bilancio Materiali didattici - Bilancio, imposte e analisi di bilancio Aree gestionali e loro riflessi contabili e di bilancio [29 agosto 2013] Riclassificazione e analisi di bilancio di un impresa turistica [29

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) PIANO DI LAVORO ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 5 B SI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-MAIL: MAIL@ITCGFERMI.IT PIANO DI LAVORO ECONOMIA

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE Modulo n.1 - LE IMPRESE INDUSTRIALI Collocazione temporale: settembre Strategie didattiche

Dettagli

Lia Bonelli ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE L AMBITO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE TABILISCE CHE:

Lia Bonelli ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE L AMBITO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE TABILISCE CHE: a.s.2011/2012 Economia aziendale, Tecniche professionali dei servizi commerciali A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Lia Bonelli L AMBITO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE TABILISCE CHE: 1. I docenti

Dettagli

I.S.I.S.S. Carrara - Nottolini Busdraghi Viale Marconi, 69-55100 Lucca ANNO SCOLASTICO 2014-2015

I.S.I.S.S. Carrara - Nottolini Busdraghi Viale Marconi, 69-55100 Lucca ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I.S.I.S.S. Carrara - Nottolini Busdraghi Viale Marconi, 69-55100 Lucca C.F. 92056500462 - C.M. LUIS01700T PEC: luis01700t@pec.istruzione.it e- mail: luis01700t@istruzione.it itclucca@itclucca.lu.it itgalucca@itgalucca.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015 Pagina 1 di 6 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI CLASSE: 4^SI DOCENTE : BONOMINI MIRELLA - -Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi Letture Programmazione recupero classe terza

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSE : QUINTA

Dettagli

I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA

I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA I.I.S. LUCA SIGNORELLI CORTONA ITE F. LAPARELLI DI CORTONA E FOIANO DELLA CHIANA INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DIRITTO ED ECONOMIA PRIMO BIENNIO COMUNE INDIRIZZI AFM e TURISMO collocare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE INDIVIDUALE a. s. 2014/2015 Pagina 1 di 5 DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI CLASSE: 5^ SI DOCENTE: BONOMINI MIRELLA A B C D Elenco moduli Argomenti Metodi /Strumenti / Testi Letture I CARATTERI DELLE Le

Dettagli

IIS BRESSANONE-BRIXEN I.T.E. "Falcone e Borsellino" Classe IV I.T.E. anno scolastico 2015-2016. Piano di lavoro individuale.

IIS BRESSANONE-BRIXEN I.T.E. Falcone e Borsellino Classe IV I.T.E. anno scolastico 2015-2016. Piano di lavoro individuale. Anno scolastico 2015 2016 Piano di lavoro individuale IIS Bressanone I.T.E. "Falcone e Borsellino" Classe: IV I.T.E. Insegnante: CAVICCHIOLI MARZIA Materia: ECONOMIA AZIENDALE Prof.ssa Marzia Cavicchioli

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016. classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016. classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof Giuseppe Santagata MATERIA Economia aziendale classe e indirizzo 5^ SAFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 210 CONOSCENZE 1 Le fasi

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE BERNALDA-FERRANDINA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE BERNALDA-FERRANDINA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE BERNALDA-FERRANDINA PRESIDENZA: BERNALDA (MT) Via Schwartz, s.n. 75012 - Tel./Fax: 0835-549136 FERRANDINA (MT) Via Lanzillotti s.n. - 75013 0835-556009 0835 554832 Programma

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO CLASSE II R

PROGRAMMA SVOLTO CLASSE II R 1 CLASSE II R U.D. I credito e i relativi calcoli finanziari - I finanziamenti dell attività economica - Remunerazione del credito: l interesse - Compenso per l anticipata riscossione di un credito: lo

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Sistemi Informativi aziendali e Scienze bancarie Finanziarie e Assicurative Nodi concettuali

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO 1 di 8 22/11/2013 109 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 PRIMO BIENNIO DISCIPLINA ECONOMIA AZIENDALE Prof.ssa Antonella Branchi Prof.ssa

Dettagli

sviluppare la capacità di comprensione della composizione del capitale delle mprese.

sviluppare la capacità di comprensione della composizione del capitale delle mprese. Modulo N: 01 TECNICA TURISTICA classe V L serale Prof. Franco Denominazione: Il Capitale Argomento: Teoria e pratica inerenti al capitale di un impresa in generale. sviluppare la capacità di comprensione

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING IL NUOVO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Itis Galilei di Roma - 4 dicembre 2009 - VI CONFLUISCONO GLI INDIRIZZI PREESISTENTI: ISTITUTI TECNICI COMMERCIALI Ragioniere e perito commerciale

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DEL DIPARTIMENTO ECONOMICO AZIENDALE Anno Scolastico: 2014-2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa A.M.PANCINO Classe 5 A AFM materia Economia Aziendale anno scolastico 2015//2016 Obiettivi generali

Dettagli

Istituto Tecnico Statale per il Turismo "Francesco Algarotti"

Istituto Tecnico Statale per il Turismo Francesco Algarotti Istituto Tecnico Statale per il Turismo "Francesco Algarotti" Cannaregio, 351-30121 VENEZIA - Tel. 041.716266 - Fax 041.720054 - C.F.: 80012240273 Indirizzo Internet:http://www.istitutoalgarotti.ite-mail:algarotti@tin.itVETN0100N@istruzione.it

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 1

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 1 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 1 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO SERVIZI COMMERCIALI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO SERVIZI COMMERCIALI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO SERVIZI COMMERCIALI Il docente di Tecniche professionali dei servizi commerciali concorre a far conseguire allo studente, al

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Istituto Istruzione Superiore 'Mattei Fortunato' Eboli (SA) Anno scolastico 2013/2014 Curricolo verticale Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Al termine del percorso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE IN BASE ALLE LINEE GUIDA : ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO OBIETTIVI MINIMI PER LA CLASSE 4 M S.I.A.

PROGRAMMAZIONE IN BASE ALLE LINEE GUIDA : ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO OBIETTIVI MINIMI PER LA CLASSE 4 M S.I.A. PROGRAMMAZIONE IN BASE ALLE LINEE GUIDA : ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO OBIETTIVI MINIMI PER LA CLASSE 4 M S.I.A. Tomo 1 Modulo1 1. Le società di persone. Gestire il sistema delle rilevazioni con

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM TOMO 1 MODULO 1: LA GESTIONE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI CAPITOLO 1: Le caratteristiche delle imprese industriali 1. Il sistema produttivo

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI

TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 INSEGNANTE: FRECCERO Bruna CLASSE: II B SETTORE: servizi commerciali INDIRIZZO: servizi commerciali PROGRAMMAZIONE INIZIALE FINALITA

Dettagli

COMPETENZE PROFESSIONALI

COMPETENZE PROFESSIONALI Pagina 1 di 13 ANNO SCOLASTICO 2015/16 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE MASOCH MONICA ECONOMIA AZIENDALE e GEOPOLITICA V C RIM OBBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO TECNICO STATALE SETTORE ECONOMICO O. MATTIUSSI PORDENONE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE Materia: ECONOMIA AZIENDALE Docenti: BOMBEN MATILDE - BRAVIN DANI Classe: 3^ A - C RIM Libro di testo:

Dettagli

Unità A Il bilancio d esercizio: significato e formazione

Unità A Il bilancio d esercizio: significato e formazione I s t i t u t o P r o f e s s i o n a l e p e r i S e r v i z i C o m m e r c i a l i Tu r i s t i c i A l b e r g h i e r i e d e l l a R i s t o r a z i o n e G. M a t t e o t t i 5 6 1 2 4 - P i s a

Dettagli

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Profilo di uscita Il Perito in Amministrazione, finanza e marketing ha competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economico aziendali nazionali

Dettagli

IL PROCESSO GESTIONALE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI LA CONTABILITÀ GESTIONALE

IL PROCESSO GESTIONALE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI LA CONTABILITÀ GESTIONALE ISTITUTO TECNICO STATALE P. BRANCHINA ADRANO (CT) Programma Classe Quinta Sez. B IGEA Anno Scolastico 2013 2014 Prof. Angelo Leocata Materia d Insegnamento Economia Aziendale LE CARATTERISTICHE DELLE IMPRESE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE a.s. 2012/2013 PAG.1 DI 7 PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE a.s. 2012/2013 1. FINALITÀ Analizzare la realtà e i fatti concreti della vita quotidiana ed elaborare generalizzazioni che aiutino

Dettagli

CLASSE IF a. s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO

CLASSE IF a. s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO CLASSE IF a. s. 2014/2015 Materia: ECONOMIA AZIENDALE Docente: Angela Antoniazzi PROGRAMMA SVOLTO Al termine dell anno gli studenti dovranno possedere le seguenti conoscenze e competenze/abilità: Conoscenze

Dettagli

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO

PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO PROGETTO AUTONOMIA INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE E CONTROLLO PIANO DI LAVORO PIANIFICAZIONE, FINANZA E CONTROLLO 5 AL PROF.SSA MARILINA SABA a.s 2010/2011 Moduli UNITA ORARIE 1. Il controllo della gestione

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO CLASSE I R

PROGRAMMA SVOLTO CLASSE I R 1 CLASSE I R U.D. I IL Sistema azienda e i suoi soggetti - L azienda come sistema - Gli elementi del sistema azienda - Le varie categorie di aziende - Soggetti dell attività economica - Risorse e fattori

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015. I.P.S.A.0.R. di SASSARI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015. I.P.S.A.0.R. di SASSARI PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015 DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA I.P.S.A.0.R. di SASSARI Il docente di Diritto e Tecniche amministrative della struttura ricettiva

Dettagli

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò.

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò. Istituto tecnico economico statale Roberto Valturio A.s. 2014/15 Programma consuntivo di Economia aziendale Classe 2^ E Prof. Paolo Fabrizio Correggioli ARGOMENTI I CALCOLI FINANZIARI I rapporti di credito.

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE Ministero della Pubblica Istruzione Istituto d Istruzione Superiore Statale E. De Nicola Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ( in base alle linee guida) : ECONOMIA AZIENDALE Classi Quarte indirizzo AFM

PROGRAMMAZIONE ( in base alle linee guida) : ECONOMIA AZIENDALE Classi Quarte indirizzo AFM PROGRAMMAZIONE ( in base alle linee guida) : ECONOMIA AZIENDALE Classi Quarte indirizzo AFM Tomo 1 Modulo1 1. Le società di persone Individuare e accedere alla normativa attività. Gestire il sistema delle

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Annalisa Butturini MATERIA Economia Aziendale classe e indirizzo : 4 A AFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 231 CONOSCENZE 1 Strumenti

Dettagli

Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing

Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing Classe 3^ Tecnico Amministrazione Finanza e Marketing Lo studio dell'economia Aziendale per la classe Terza degli Istituti Tecnici ad indirizzo Amministrazione Finanza Marketing concorre a far perseguire

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A.S. 2012/2013 Classe: 5C Logistica Disciplina: Economia Aziendale e dei Trasporti Prof. Gianna Righi CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI (descrivere dettagliatamente specificando

Dettagli

Biennio: AFM, TURISTICO.

Biennio: AFM, TURISTICO. ANNO SCOLASTICO 0/06 Programmazione del dipartimento di ECONOMIA AZIENDALE Biennio: AFM, TURISTICO. FINALITÀ L'insegnamento dell'economia aziendale nella prima classe è teso a fornire una visione organica

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " - Teano. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  - Teano. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " - Teano Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe seconda/sez. AT Prof. Basilone Alfonso COMPOSIZIONE DELLA CLASSE

Dettagli

MODULO a LE IMPRESE INDUSTRIALI: ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI Le imprese industriali: concetti introduttivi Aspetti caratteristici della moderna produzione industriale Le principali classificazioni

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

STANDARD MINIMI DI RIFERIMENTO DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE E TECNICHE OPRATIVE CLASSE 1^ CONOSCENZE L attività economica.

STANDARD MINIMI DI RIFERIMENTO DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE E TECNICHE OPRATIVE CLASSE 1^ CONOSCENZE L attività economica. STANDARD MINIMI DI RIFERIMENTO DISCIPLINA: ECONOMIA AZIENDALE E TECNICHE OPRATIVE CLASSE 1^ CONOSCENZE L attività economica. L azienda e i suoi elementi costitutivi. Concetti di: patrimonio, investimento,

Dettagli

I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO. a.s. 2014/2015

I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO. a.s. 2014/2015 I.T.C.S. PRIMO LEVI BOLLATE PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2014/2015 MATERIA Economia Aziendale CLASSE 5 SEZIONE: A Amm.Finanz.Mark. DOCENTE Antonio Barone ORE DI LEZIONE 8 Ore Settimanali STRUMENTI Con noi

Dettagli

INDIRIZZO IPSAR PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE A.S. 2015/2016. Data di presentazione 11/11/2015

INDIRIZZO IPSAR PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE A.S. 2015/2016. Data di presentazione 11/11/2015 Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 2 B SIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE CLASSE 2 B SIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE: Prof. Agnese Maria Pancino RIPASSO FATTURA I CALCOLI FINANZIARI L interesse e i problemi diretti L interesse e i problemi inversi Il montante e i problemi diretti Il montante e i problemi inversi

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SVOLTO CONTENUTI

PIANO DI LAVORO ANNUALE SVOLTO CONTENUTI Indirizzo Internet: www.provincia.venezia.it/alga e-mail: alga Classe 1 sez.h materia: ECONOMIA AZIENDALE anno scolastico 2014/2015 1) PROPORZIONI E CALCOLI PERCENTUALI a) rapporti e proporzioni; b) grandezze

Dettagli

Pistoia Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali e Socio-Sanitari

Pistoia Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali e Socio-Sanitari PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA 4 a Tecnico dei Servizi Commerciali ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Prof. Piraino Domenico Materia: Tecniche Prof.li dei serv. comm.li Classe: 4^ Sez. B tsc Situazione iniziale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE PIETRO VERRI - MILANO

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE PIETRO VERRI - MILANO A.S. 2012/2013 Pagina 1 di 6 Conoscenze Abilità Competenze professionali MODULO 1 L azienda e la sua organizzazione 1. 1. L azienda, il contesto in cui opera, delocalizzazione e globalizzazione dei mercati

Dettagli

PARTE 1 ISTITUTO: liceo scienze applicate liceo classico X Ite I.Enogastronomia/ospitalità. Scuola media annessa. Liceo artistico

PARTE 1 ISTITUTO: liceo scienze applicate liceo classico X Ite I.Enogastronomia/ospitalità. Scuola media annessa. Liceo artistico PIANO DI LAVORO ANNUALE ISTITUTO: liceo scienze applicate liceo classico X Ite I.Enogastronomia/ospitalità Liceo artistico Scuola media annessa INSEGNANTE: DAL FARRA EDI MATERIA DI INSEGNAMENTO: ECONOMIA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a )

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a ) Istituto di Istruzione Secondaria Superiore PEANO Via Andrea del Sarto, 6/A 50135 FIRENZE 055/66.16.28 055/67.80.41 www.peano.gov.it FITD06000T@PEC.ISTRUZIONE.IT posta@peano.gov.it Codice fiscale: 80032310486

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CLASSI: PRIME TERZE QUINTE INDIRIZZI : SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE ED ASSICURATIVE

MATERIA: ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CLASSI: PRIME TERZE QUINTE INDIRIZZI : SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE ED ASSICURATIVE MATERIA: ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE ED ASSICURATIVE Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO di Mauro CERNESI Presentiamo una proposta di piano di lavoro di Economia politica per le classi quinte del nuovo ordinamento degli Istituti

Dettagli

Futuro e impresa per il secondo biennio

Futuro e impresa per il secondo biennio Lucia Barale, Stefano Rascioni, Giovanna Ricci Futuro e impresa per il secondo biennio Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente del volume Futuro

Dettagli