LA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE D ACCIAIO DOTATE DI RIVESTIMENTI PROTETTIVI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE D ACCIAIO DOTATE DI RIVESTIMENTI PROTETTIVI"

Transcript

1 ATTIVITA DI RICERCA DEL LABORATORIO DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI Anno 2001 Progetto di ricerca n.5 LA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE D ACCIAIO DOTATE DI RIVESTIMENTI PROTETTIVI Dirigente proponente:dott.ing. Ugo BONESSIO Componenti del gruppo di lavoro: Mauro Caciolai Massimo Di Paolo Rocco Mastroianni Lamberto Castrichella Giuseppe Cirasella Girolamo Lombardo Manfredi Cicerchia Claudio Cicchetti Giuseppe Righi Alessandro Esposito Aldo Magnapera (Coordinatore) 1

2 SOMMARIO 1. Metodo analitico per la valutazione della resistenza al fuoco di elementi di acciaio Generalità Azioni in caso di incendio Generalità Azioni termiche Azioni meccaniche Riscaldamento di elementi di acciaio esposti all incendio Il problema di Fourier Componente radiativa del flusso di calore Componente convettiva del flusso di calore Elementi non protetti Elementi protetti Formule semiempiriche Decadimento meccanico di elementi di acciaio alle alte temperature Verifica della stabilità dell elemento strutturale di acciaio in condizioni d incendio Verifica nel dominio delle resistenze Verifica nel dominio delle temperature Stato dell arte normativo La circolare MI.SA. del 14/9/1961 n La norma UNI-CNVVF 9503 del Gli Eurocodici strutturali I documenti dell ECCS Norme armonizzate per prove di laboratorio Confronto tra la norma UNI 9503 e l eurocodice 3 parte fuoco Aspetti generali Azioni agenti Curve di incendio Azioni meccaniche Le modalità di riscaldamento Generalità Caratteristiche termiche dell acciaio alle alte temperature Caratteristiche fisiche dei protettivi Espressioni analitiche del riscaldamento Verifica di stabilità Generalità Decadimento meccanico dell acciaio alle alte temperature Classificazione delle sezioni Verifica delle sezioni Conclusioni Applicazione del metodo analitico

3 4.1. Verifica/progetto con la norma UNI 9503 e con l eurocodice 3 parte fuoco di alcune sezioni tipiche di elementi di acciaio protetti e non Verifica di travi di acciaio protette secondo la tabella 5 della circ. MI.SA. n. 91 del 14/9/ Osservazioni applicazione del metodo tabellare con nomogramma Descrizione del nomogramma Verifica di elementi protetti sottoposti a prove di laboratorio Osservazioni

4 PREMESSA L argomento del presente lavoro è la resistenza al fuoco di elementi strutturali di acciaio dotati di rivestimento protettivo. L argomento, ampiamente studiato in tutti quei paesi in cui l impiego delle strutture di acciaio è ragguardevole rispetto alle restanti soluzioni tecnologiche, non ha avuto in Italia una significativa collocazione, evolvendo solo grazie agli studi effettuati oltre frontiera e introdotti in Italia occasionalmente e in maniera non adeguatamente pubblicizzata. Negli ultimi tempi, grazie alla interminabile revisione degli Eurocodici, anche in Italia, chiamata peraltro ad esprimere un parere competente, si è avvertita la necessità di adeguare il proprio standard normativo allo stato dell arte maturato in materia. A tale proposito, anche sull onda della recentissima revisione della norma UNI 9502 dal titolo Procedimento analitico per valutare la resistenza al fuoco degli elementi costruttivi di conglomerato cementizio armato, normale e precompresso, si è pensato di procedere alla revisione della norma UNI 9503 che della precedente è sorella gemella ma valida per gli elementi strutturali di acciaio. In questo contesto si colloca il presente lavoro i cui obbiettivi principali sono: Costituire un documento organico che raccolga in maniera sintetica lo stato dell arte in materia; Effettuare un confronto critico tra i metodi analitici attualmente in uso e quelli proposti dall ultima revisione dell Eurocodice fuoco sull acciaio; Predisporre dei programmi automatici di calcolo per la valutazione spedita della resistenza al fuoco con il metodo analitico di elementi di acciaio; Verificare con i metodici analitici l adeguatezza delle casistiche proposte dalle tabelle della Circolare n. 91 del 1961; 4

5 Effettuare alcune valutazioni della resistenza al fuoco di elementi di acciaio con i metodi esposti e confrontare i risultati con le risultanze sperimentali di prove di laboratorio effettuate in passato su identici elementi; Stante l ambizione degli obbiettivi prefissati, questo lavoro non affronterà le problematiche connesse con l iperstaticità delle strutture né quelle relative all adozione di curve di incendio diverse da quelle nominali. 5

6 1. METODO ANALITICO PER LA VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI DI ACCIAIO 1.1. Generalità In generale la determinazione della resistenza al fuoco di elementi strutturali di acciaio è limitata alla valutazione del solo requisito R di capacità portante in condizioni d incendio. La determinazione del requisito suddetto, oltre che attraverso prove sperimentali di laboratorio ovvero l uso di consolidati riferimenti tabellari, può essere fatta mediante opportuni modelli di calcolo. Detti modelli simulano di norma le seguenti fasi: riscaldamento di un elemento di acciaio, con o senza protezione, esposto all azione termica di un incendio di riferimento; decadimento delle caratteristiche meccaniche dell acciaio associate al campo di temperatura raggiunto dopo un tempo t di esposizione; verifica della stabilità dell elemento di caratteristiche meccaniche variate, sottoposto alle azioni di progetto. E ammesso considerare in modo disgiunto l evoluzione delle temperature ed il decadimento meccanico conseguente Azioni in caso di incendio Generalità Un incendio di intensità tale da causare danni alle strutture portanti di una costruzione ha il carattere di un evento eccezionale, in quanto la probabilità di accadimento è da considerarsi statisticamente molto bassa. Pertanto l azione incendio rientra nella categoria delle azioni eccezionali, per le quali i valori rappresentativi sono valori nominali o indicativi, che vanno utilizzati, unitamente alle azioni permanenti ed alle 6

7 azioni variabili, con i coefficienti parziali di sicurezza e con i coefficienti di combinazione specificati per le combinazioni eccezionali Azioni termiche Ai fini della valutazione degli effetti di degrado delle caratteristiche fisiche e meccaniche dei materiali da costruzione e dei componenti strutturali, nonché delle azioni indirette causate da quelle deformazioni termiche che risultino non compatibili con lo schema statico della struttura stessa, l azione termica dell incendio è rappresentata dal flusso di calore netto h net (W/m 2 ) trasmesso alla superficie dell elemento strutturale. Il flusso di calore netto trasmesso, dipende a sua volta dal campo di temperature raggiunte in un determinato scenario di incendio al variare dl tempo. Noti i parametri essenziali che governano l incendio è possibile, attraverso più o meno articolate correlazioni matematiche, determinare l andamento nel tempo della temperatura media raggiunta dai prodotti della combustione in un dato compartimento. Viene da se che al variare dello scenario di incendio si potranno attendere curve temperatura-tempo fortemente dissimili tra di loro nella forma e nei valori raggiunti. In alternativa è possibile ricorrere a curve prestabilite, frutto di ampie e documentate indagini, che, oltre a garantire una invarianza nei vari scenari di incendio ipotizzabili, comportano un sensibile margine di sicurezza almeno nei confronti delle temperature raggiungibili in incendi che si verificano in fabbricati ad uso civile. Queste curve vengono dette curve nominali. Per lo scopo del presente lavoro ci si limita alla mera elencazione di dette curve: la curva standard di riferimento per le prove sperimentali (meglio conosciuta come curva ISO 834); 7

8 la curva dell incendio esterno, che può essere rilevato all aperto o in compartimenti con superfici rilevanti di ventilazione; la curva degli idrocarburi, che può essere usata in presenza di quantità rilevanti di idrocarburi, come in impianti industriali di processo o di stoccaggio. La curva temperatura-tempo standard è data da: θ g = θ log 10 (8t + 1) dove: θ g è la temperatura dei gas dell ambiente in C θ 0 è la temperatura ambiente a tempo 0 t è il tempo di esposizione all incendio in min La curva temperatura-tempo del fuoco esterno è data da: θ g = θ (1 0,687 e -0,32t 0,313 e -3,80t ) dove: θ g è la temperatura dei gas in prossimità dell elemento in C θ 0 è la temperatura ambiente a tempo 0 t è il tempo di esposizione all incendio in min La curva temperatura-tempo degli idrocarburi è data da: θ g = θ (1 0,325 e -0,167t 0,675 e -2,50t ) dove: θ g è la temperatura dei gas in prossimità dell elemento in C θ 0 è la temperatura ambiente a tempo 0 t è il tempo di esposizione all incendio in min 8

9 Azioni meccaniche Per la determinazione degli effetti prodotti dalla esposizione all incendio e dalle azione dirette applicate alla costruzione deve essere adottata l azione di progetto F fi,d corrispondente alla seguente combinazione eccezionale: F fi,d = γ GA G k + ψ 1,1 Q k,1 + ψ 2,i Q k,i + A d (t) dove G k è il valore caratteristico delle azioni permanenti (peso proprio e finiture), Q k,1 è il valore caratteristico dell azione variabile considerata come principale (in genere il sovraccarico accidentale definito per decreto LLPP), Q k,i sono i valori caratteristici delle altre azioni variabili (in genere, il vento, la neve, le azioni dinamiche di macchine in movimento con esclusione di altre azioni eccezionali quali le azioni sismiche, gli urti, le esplosioni, etc.), A d (t) sono i valori di progetto delle azioni derivanti dalla esposizione all incendio (in genere le coazioni da deformazioni termiche impedite per le strutture iperstatiche ma anche le coazioni per riscaldamento differenziale della sezione trasversale) γ GA è il coefficiente parziale di sicurezza per le azioni permanenti in situazioni eccezionali, ψ 1,1 è il coefficiente di combinazione dell azione variabile considerata come principale ψ 2,i, è il coefficiente di combinazione generico delle altre azioni variabili. In alternativa, con procedimento semplificato, le azioni di progetto per la verifica al fuoco F fi,d possono essere ottenute riducendo le azioni di progetto allo stato limite ultimo a temperatura ordinaria F d attraverso la formula: con F fi,d = η fi F d η fi = (γ GA + Ψ 1,1 ξ)/(γ G + γ Q ξ) e ξ = Q k,1 /G k 9

10 dove ξ è il rapporto tra la principale azione variabile e l azione permanente, γ G = 1,40 è il coefficiente parziale di sicurezza per l azione permanente, γ Q = 1,50 è il coefficiente parziale di sicurezza per la principale azione variabile, γ GA = 1,00 è il coefficiente parziale di sicurezza per le azioni permanenti in situazioni eccezionali Riscaldamento di elementi di acciaio esposti all incendio Il problema di Fourier La determinazione della distribuzione delle temperature all interno di un elemento strutturale sottoposto all azione termica di un incendio, richiede in generale la soluzione di un problema non lineare di diffusione. Si è infatti in presenza di un regime transitorio di conduzione interna per condizioni di tipo radiativo - convettivo sulla superficie esterna di un elemento dalla geometria complessa e di caratteristiche fisiche variabili non linearmente con la temperatura. La soluzione del problema si ottiene risolvendo l equazione del bilancio locale di energia, con le relative condizioni al contorno. Nell ipotesi che il mezzo sia omogeneo, isotropo e Foureriano, il campo di temperatura, in coordinate cartesiane, è individuato dalle seguenti equazioni: ρc θ/ t = Q + div(λ grad θ) θ(t = 0,x,y,z) = θ 0 -λ(grad θ) m = h net Ove θ = θ(t,x,y,z) è la temperatura; t è il tempo; ρ, c e λ sono la densità, il calore specifico e la conducibilità termica del materiale, Q rappresenta il termine di generazione di calore, 10

11 θ 0 è la temperatura ambiente, h net è il flusso di calore netto scambiato sulla superficie dell elemento. Il pedice m indica la superficie dell elemento. Limitandoci ora agli elementi di acciaio, caratterizzati da una diffusività termica (λ a /ρ a c a ) generalmente alta e da spessori esigui, il gradiente termico all interno dell elemento può essere trascurato così da poter ritenere uniforme la temperatura dell elemento all istante t. Con questa ipotesi l equazione differenziale alle derivate parziali degenera in un equazione differenziale ordinaria del primo ordine, che di fatto esprime il bilancio dell energia relativamente all intero elemento: θ a / t = Q/ρ a c a con (Q) m = h net sulla superficie dell elemento e θ a = θ 0 per t = 0 Integrando l espressione precedente su tutto il volume dell elemento si ottiene: A m/v θ a = h net t ρ c a a dove A m è la superficie laterale dell elemento e V il volume dello stesso, ρ a è il peso specifico dell acciaio costante con la temperatura e c a è il calore specifico dell acciaio variabile con la temperatura. Il rapporto A m /V [m -1 ] viene detto fattore di sezione (comunemente noto con la dizione impropria di fattore di massività) e rappresenta una significativa caratteristica della facilità con cui un elemento metallico subisce il riscaldamento. Alti valori di A m /V, tipici dei profili sottili e con molte facce esposte al fuoco, comportano rapidi riscaldamenti mentre bassi 11

12 valori di A m /V, tipici dei profili spessi e con poche facce esposte al fuoco, comportano riscaldamenti più lenti. La determinazione del flusso di calore netto scambiato con i gas caldi prodotti, in condizioni di incendio, rappresenta la maggiore complessità del metodo illustrato. Il flusso di calore netto è la somma di un contributo radiativo e di uno convettivo secondo l espressione: h net = h net,r + h net,c Componente radiativa del flusso di calore a: Il flusso di calore radiativo per unità di superficie è pari h net,r = φ σ ε res [(θ r + 273) 4 -(θ m + 273) 4 ] dove φ è il fattore di configurazione, σ è la costante di Stefan-Boltzmann pari a 5, [W m -2 risultante. K -4 ], ε res è l emissività La temperatura radiativa θ r può essere rappresentata dalla temperatura dei gas prodotti dalla combustione θ g definita nel precedente paragrafo mentre per quanto detto in precedenza θ m (temperatura sulla superficie dell elemento) coincide con θ a. Il fattore di configurazione φ tiene conto del fatto che parte degli elementi strutturali sono schermati dalla componente radiativa del calore. Esso è definito come il rapporto tra la componente radiativa del calore emessa e quella incidente sulla superficie esposta. Per definizione il fattore di configurazione è quindi compreso tra 0 e 1. Il valore vero dipende dalla distanza fra le due superfici, dalle loro dimensioni e dalla reciproca orientazione. In genere, cautelativamente è posto pari a 1. Il coefficiente di emissività risultante ε res tiene conto del calore trasferito per irraggiamento all elemento di acciaio (ε m, 12

13 A m ) dalle pareti, dal soffitto e dal pavimento, (ε w, A w ) dalle fiamme, (ε f, A f ) dai gas caldi nel caso di un incendio pienamente sviluppato. Per i casi pratici si possono ritenere accettabili le seguenti ipotesi: irraggiamento dai gas caldi trascurabile, ε w ε m A w» A m Pertanto l equazione generale dell emissività risultante si riduce a: ε res = 1 εf εm 1 che può essere ridotta a : ε res ε f ε m Possono essere assunti i seguenti valori : emissività della superficie acciaio esposta ε m = 0,625 emissività della superficie acciaio non esposta ε m = 0 emissività delle fiamme ε f = 0,800 emissività risultante ε res = 0,5 E possibile esprimere il flusso di calore radiativo con la seguente comoda relazione commettendo un trascurabile errore nella scomposizione polinomiale: dove h net,r = α r (θ g - θ a ) α r è il coefficiente di irraggiamento e pari a: 13

14 α r = φ σ ε res (θg θa) [(θ g + 273) 4 -(θ a + 273) 4 ] Componente convettiva del flusso di calore a: Il flusso di calore convettivo per unità di superficie è pari h net,c = α c (θ g - θ a ) dove α c è il coefficiente di convezione e θ g è la temperatura dei gas prodotti dalla combustione definita nel precedente paragrafo. Più in generale il flusso di calore convettivo può essere rappresentato da: h net,c = α c (θ g - θ a ) m Il coefficiente α c e l esponente m variano per regimi di convezione laminare o turbolenta. Alcune ricerche mostrano che per la faccia esposta al fuoco α c è pari a 2,2 [W m -2 K -1,25 ]e m è pari a 1,25; per la faccia non esposta α c è pari a 1,0 [W m -2 K -1,33 ]e m è pari a 1,33. Per i casi pratici si usa una più semplice formulazione con m pari ad 1 sia sulla faccia esposta che su quella non esposta e α c,sulla faccia esposta, pari a 25 [W m -2 K -1 ] per la curva di incendio nominale standard e per la curva di incendio esterno e pari a 50 [W m -2 K -1 ] per la curva di incendio da idrocarburi mentre, sulla faccia non esposta è pari a 9 [W m -2 K -1 ] per qualsiasi curva di incendio Elementi non protetti L espressione del flusso di calore netto diventa: h net = h net,r + h net,c = α (θ g - θ a ) dove α è il coefficiente di adduzione [W m -2 K -1 ] pari a 14

15 α = α r + α c In conseguenza di ciò, l espressione del riscaldamento dell elemento di acciaio non protetto può essere espressa con θ a = α ρ c a a A m V (θ g - θ a ) t La relazione permette di calcolare, sommando i successivi incrementi θ a, la variazione di temperatura dell elemento dopo il tempo t di esposizione. Per l accuratezza numerica del risultato, occorre scegliere intervalli di tempo t sufficientemente piccoli. Il coefficiente di adduzione α, così definito, è variabile con la temperatura per la dipendenza di α r dalla temperatura. Tuttavia dei valori indicativi possono essere i seguenti: α 35 W m -2 K -1 per prove in forni sperimentali α 70 W m -2 K -1 per incendi di legna Elementi protetti Quando l elemento di acciaio è ricoperto da un protettivo applicato sulla superficie laterale il coefficiente di trasmissione termica diventa: k = 1 α 1 d + λ p p dove α è il coefficiente di adduzione, d p è lo spessore del protettivo [m]e λ p è il coefficiente di conducibilità del protettivo [W m -1 K -1 ]. Essendo usualmente il valore di 1/α trascurabile rispetto al valore di d p / λ p il coefficiente k può definirsi: 15

16 k λ p /d p e pertanto l espressione del riscaldamento dell elemento di acciaio protetto, nel caso di capacità termica del protettivo trascurabile rispetto a quella dell acciaio (materiale protettivo leggero), può essere espressa con θ a = λ p ρ /d a c a p A p V (θ g - θ a ) t dove A p è la superficie laterale dell elemento misurata subito sotto lo strato protettivo (A p A m se il protettivo è aderente al profilo, A p «A m se il protettivo inscatola il profilo). Il valore di λ p è generalmente variabile con la temperatura ed è caratteristico per ogni materiale di rivestimento. Se si intende usare per λ p un valore costante con la temperatura è d obbligo considerare il valore che λ p assume in corrispondenza di una temperatura da ritenersi critica per l elemento e cioè 550 C. Nel caso in cui invece il protettivo abbia una capacità termica non trascurabile rispetto a quella dell acciaio (materiale protettivo pesante) l espressione precedente deve essere corretta per dare una migliore approssimazione del riscaldamento dell elemento. Un materiale protettivo è detto leggero se la sua capacità termica è inferiore alla metà della capacità termica dell acciaio e cioè: d p A p ρ p c p c a ρ a V/2 Se il materiale protettivo è pesante occorre aumentare la capacità termica dell acciaio della metà della capacità termica del protettivo. Indicando: ζ = c p d 2c p a ρ ρ p a A V p 16

17 l espressione del riscaldamento dell elemento di acciaio, protetto con un materiale protettivo pesante, può essere espressa con θ a = λ p ρ /d a c a p A p V ζ (θ g - θ a ) t Questo equivale a considerare un fattore di sezione modificato nella seguente maniera: A p V MOD = A V p ζ Frequentemente nei casi pratici il protettivo contiene un quantitativo di umidità che libera sotto forma di vapore nel momento dell esposizione al fuoco. Se il contenuto di umidità è consistente, dalla sua vaporizzazione, che assorbe a 100 C circa 129 JKg -1, può derivare un considerevole contributo nel ritardare il riscaldamento dell elemento di acciaio. Questo può essere preso in considerazione ritardando, nell intorno dei 100 C, il successivo riscaldamento dell elemento di acciaio per il tempo necessario alla completa vaporizzazione del contenuto di umidità del protettivo. Il tempo di ritardo può essere valutato con la seguente formula approssimata: t v = p ρ p 5 λ p d 2 p dove t v [min] è il tempo di ritardo e p [% in peso] è il contenuto di umidità del materiale isolante Formule semiempiriche Numerosi lavori sperimentali presentati in passato hanno permesso di rilevare la costanza di alcuni comportamenti nella modalità di riscaldamento degli elementi di acciaio esposti all incendio. Questo permette di disporre di grafici e formule di 17

18 natura semiempirica di più semplice impiego rispetto alla completa procedura analitica sopraesposta. Queste espressioni valgono in un campo ristretto di condizioni da verificare ma che, per ovvie ragioni, coincidono con condizioni di criticità dell elemento strutturale. Per elementi di acciaio non protetti, le curve di riscaldamento sono bene approssimate dalla seguente espressione: ovvero t = 0,54 (θ a -50) (A m /V) -0,6 ovvero θ a = 1,85 t (A m /V) 0,6 +50 A m /V = 0,36 [(θ a -50)/t] 1,67 valide per t = min θ a = C A m /V = m -1 Per elementi di acciaio protetti, trascurando la capacità termica del protettivo, l eventuale presenza di umidità nel protettivo e caratterizzando lo stesso con un valore costante di λ p, le curve di riscaldamento sono bene approssimate dalla seguente espressione: ovvero t = 40 (θ a -140) (d p V/λ p A p ) 0,77 ovvero θ a = 0,025 t (d p V/λ p A p ) -0,77 d p V/λ p A p = 0,0083 [t/(θ a -140)] 1,3 18

19 valide per t = min θ a = C A p /V = m -1 d p /λ p = 0,10 0,30 m 2 C/W 1.4. Decadimento meccanico di elementi di acciaio alle alte temperature Il decadimento meccanico degli elementi di acciaio alle alte temperature è descrivibile principalmente con la seguente fenomenologia: Riduzione della resistenza a rottura; Riduzione della resistenza allo snervamento; Riduzione del modulo di elasticità; Una significativa rappresentazione del comportamento dell acciaio alle alte temperature è data dai diagrammi seguenti. In essi è modellato il comportamento sperimentale dello stato sforzo deformazione di una provetta di acciaio al variare della temperatura; il primo per deformazioni comprese tra 0 e 2%, il secondo per deformazioni comprese tra 0 e 20%. Gli sforzi sono normalizzati alla tensione di snervamento a temperatura ordinaria. Nel primo diagramma si nota che il legame σ-ε all aumentare della temperatura perde la sua forma tipica di bilatera con II tratto orizzontale e assume la forma di parabola. La tensione di snervamento decresce all aumentare della temperatura ma risente fortemente dell aumento di deformazione. Infatti per deformazioni pari al 2% la tensione di snervamento per temperature non superiori a 400 C è uguale alla tensione di snervamento a temperatura ordinaria. Passando al secondo diagramma nel campo di deformazioni superiori al 2%, si nota che, con temperature inferiori ai 400 C, è possibile incorrere in fenomeni di 19

20 incrudimento dell acciaio che producono addirittura incrementi della tensione di snervamento. E possibile quindi affermare che per qualsiasi temperatura la provetta raggiunge la massima tensione di snervamento a deformazioni maggiori o uguali al 2 %. Questa deformazione inaccettabile nella progettazione a temperatura ordinaria, per cui le autorità competenti fissano un valore massimo accettabile pari all 1%, può essere nuovamente ritenuta accettabile per la verifica della capacità portante in caso di incendio in quanto non si pongono limiti alla deformazione degli elementi prima del collasso. E altresì vero che la possibilità di deformarsi di un elemento a tali valori di ε si verifica a patto che la sezione in questione possa subire imponenti rotazioni plastiche senza incappare in fenomeni di instabilità locale. Le considerazioni di cui sopra hanno una importantissima ricaduta sul parametro fondamentale del decadimento dello snervamento dell acciaio alle alte temperature. 20

21 Posto infatti K y,θ = f y,θ /f y si definisce K y,θ il coefficiente di riduzione della tensione di snervamento dell acciaio con f y,θ tensione di snervamento alle alte temperature ed f y tensione di snervamento a 20 C. I valori di K y,θ dipendono ovviamente dal valore di θ dell acciaio ma dipendono anche dal valore di ε che si ritiene accettabile in condizioni di incendio. Infatti se limitiamo la deformazione ε a valori inferiori al 2% si avranno, a parità di θ, valori di K y,θ inferiori a quanto si avrebbe con ε maggiori del 2%. Ritornando al grafico di cui sopra e limitandoci alla curva a 400 C si nota che per ε = 1% la f y,θ 0,85 f y K y,θ = 0,85 mentre per 21

22 ε 2% la f y,θ = f y K y,θ = 1,00 Come vedremo successivamente una diversa impostazione su questi aspetti è alla base di profonde differenze sostanziali sulle norme oggetto del presente lavoro. Per quanto riguarda il valore del modulo elastico dell acciaio, anch esso subisce importanti riduzioni al variare della temperatura. Il valore del modulo elastico resta quello tangente all origine e pertanto non risente delle considerazioni sopra descritte. Anche in questo caso si definisce: K E,θ = E a,θ /E a con K E,θ coefficiente di riduzione della modulo elastico dell acciaio, con E a,θ modulo elastico alle alte temperature ed E a modulo elastico a 20 C Verifica della stabilità dell elemento strutturale di acciaio in condizioni d incendio In generale la verifica della capacità portante in condizioni d incendio di elementi strutturali di acciaio è effettuata confrontando la resistenza ultima di progetto dell elemento R fi,d, variabile con il tempo t, con le caratteristiche di sollecitazione S fi,d conseguenti alla combinazione delle azioni di progetto F fi,d definite al punto 1.2.3: S fi,d R fi,d in alternativa, la verifica può essere soddisfatta controllando che la distribuzione di progetto della temperatura θ fi,d nella sezione resistente si mantenga inferiore o al massimo uguale ad un valore critico di temperatura θ cr corrispondente alla perdita di capacità portante: θ fi,d θ cr 22

23 oppure verificando che la capacità portante dell elemento sia mantenuta per un tempo t maggiore ad un tempo limite prefissato di resistenza al fuoco: t fi,d t R Questi tre approcci, apparentemente diversi tra loro, sono di fatto equivalenti benché richiedono valutazioni sensibilmente diverse. Inoltre hanno la peculiarità di essere ciascuno il criterio utilizzato per i tre diversi metodi di valutazione della resistenza al fuoco di elementi strutturali. Infatti il primo criterio detto anche verifica nel dominio delle resistenze è il criterio impiegato nell approccio con il metodo analitico completo. Il secondo criterio detto anche verifica nel dominio delle temperature è il criterio più di frequente impiegato nell approccio con il metodo tabellare. Infine il terzo criterio, detto anche verifica nel dominio del tempo, è il criterio impiegato nell approccio con il metodo sperimentale. E importante puntualizzare che la perdita di capacità portante corrisponde a uno stato limite di collasso ovvero a condizioni limite di deformazione. Benché le autorità competenti pongono come mantenimento della capacità portante la stabilità dell elemento strutturale sotto i carichi previsti in condizioni di incendio, non è da sottovalutare il problema delle ampie deformazioni che subiscono gli elementi strutturali prima del collasso in condizioni di incendio. E possibile infatti che ancor prima del raggiungimento dello stato limite di collasso le strutture assumano deformazioni incompatibili con la funzionalità di altri elementi costruttivi o degli impianti. Si porta come esempio il caso del tirante metallico che, sotto carico, si allunga considerevolmente, in condizioni di incendio, prima del raggiungimento del collasso strutturale, causando la decompressione delle strutture ad esso collegate. Per gli scopi prefissati dalla presente trattazione verranno presentati soltanto i primi due criteri citati. 23

24 Verifica nel dominio delle resistenze Con riferimento alla sezione massimamente sollecitata a temperatura ambiente, viene effettuata una verifica, in condizioni di incendio, confrontando la caratteristica di sollecitazione agente con la corrispondente caratteristica di sollecitazione resistente. Fermo restando quanto previsto al punto per la determinazione della caratteristica di sollecitazione agente in caso di incendio, la corrispondente caratteristica di sollecitazione resistente si ottiene su una sezione trasversale di identiche caratteristiche geometriche e di caratteristiche meccaniche ridotte in virtù dell innalzamento di temperatura secondo i prospetti di cui al paragrafo 1.4. Noto pertanto il campo di temperature, raggiunto dopo un dato tempo R di esposizione al fuoco, nella sezione trasversale oggetto della verifica ed associato ad esso una distribuzione di coefficienti riduttivi delle caratteristiche meccaniche, la sollecitazione resistente in condizioni di incendio vale: elementi tesi N fi,d = 1 γ fi,m f y,θ (y) b(y)dy elementi compressi N fi,d = γ χ fi fi,m f y,θmax b(y)dy elementi inflessi M fi,d = 1 γ fi,m f y,θ (y) y b(y)dy elementi soggetti a taglio V fi,d = 1 γ fi,m τ y,θmax b(y)dy 24

Prevenzione Incendi L APPROCCIO PRESTAZIONALE

Prevenzione Incendi L APPROCCIO PRESTAZIONALE Prevenzione Incendi LA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI RESISTENZA AL FUOCO DELLE COSTRUZIONI E DI CLASSIFICAZIONE AI FINI DELLA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE L APPROCCIO PRESTAZIONALE I REQUISITI DELLE

Dettagli

COMPORTAMENTO AL FUOCO DEI SISTEMI STRUTTURALI LA VERIFICA AL FUOCO SECONDO GLI EUROCODICI E D.M. 14-09 09-2005 LA VERIFICA DI SISTEMA

COMPORTAMENTO AL FUOCO DEI SISTEMI STRUTTURALI LA VERIFICA AL FUOCO SECONDO GLI EUROCODICI E D.M. 14-09 09-2005 LA VERIFICA DI SISTEMA Roma - 22 Maggio 2007 I nuovo approccio prestazionale della resistenza al fuoco delle strutture nella sicurezza antincendi COMPORTAMENTO AL FUOCO DEI SISTEMI STRUTTURALI LA VERIFICA AL FUOCO SECONDO GLI

Dettagli

Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno

Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno Prove di comportamento al fuoco di strutture edilizia isolate con schiume poliuretaniche Protezione passiva dal rischio incendi Come è noto per la valutazione

Dettagli

4 Azioni sulle costruzioni

4 Azioni sulle costruzioni 4 Azioni sulle costruzioni Classificazione delle azioni 1/2 Si definisce azione ogni causa o insieme di cause capace di indurre stati limite in una struttura. Si definisce sollecitazione ogni effetto interno

Dettagli

La progettazione antincendio delle strutture in acciaio secondo l Eurocodice 3 Matteo Sbisà 1

La progettazione antincendio delle strutture in acciaio secondo l Eurocodice 3 Matteo Sbisà 1 La progettazione antincendio delle strutture in acciaio secondo l Eurocodice 3 Matteo Sbisà 1 SOMMAIO Il presente articolo illustra il quadro normativo e le procedure di valutazione della sicurezza delle

Dettagli

LA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE CON I METODI DELL INGEGNERIA DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO

LA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE CON I METODI DELL INGEGNERIA DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO LA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE CON I METODI DELL INGEGNERIA DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO di Antonio La Malfa GLI EFFETTI DEL FUOCO SUGLI ELEMENTI STRUTTURALI L incendio standard, viene descritto

Dettagli

1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO...

1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO... Sommario 1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA.... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO.... 1 1.3 VITA NOMINALE, CLASSE D USO, PERIODO DI RIFERIMENTO....

Dettagli

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno,

Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo delle Strutture di Legno, Come indicato al Par. 4.4.14 del D.M. 14/01/2008, VERIFICA DI RESISTENZA AL FUOCO ELEMENTI LIGNEI Le verifiche di resistenza al fuoco potranno eseguirsi con riferimento a UNI EN 1995-1-2, utilizzando i

Dettagli

AZIONI SULLE COSTRUZIONI, CARICHI VENTO, NEVE. Maurizio Orlando

AZIONI SULLE COSTRUZIONI, CARICHI VENTO, NEVE. Maurizio Orlando AZIONI SULLE COSTRUZIONI, CARICHI PERMANENTI, CARICHI VARIABILI DI ESERCIZIO, VENTO, NEVE Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale - Università degli Studi di Firenze www.dicea.unifi.it/maurizio.orlando

Dettagli

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ

Università degli studi di Cagliari. Corso di aggiornamento. Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ Università degli studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Strutturale Corso di aggiornamento Unità 4 PIASTRE IN C.A. E INSTABILITÀ RELATORE: Ing. Igino MURA imura@unica.it 25-26 Giugno 2010 - Instabilità:

Dettagli

La nuova UNI EN 1090-1

La nuova UNI EN 1090-1 . Come identificarlo, certificarlo e controllarlo attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011 La nuova UNI EN 1090-1 Agrigento, 18 giugno 2014 Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.324 r.dellamotta@giordano.it

Dettagli

Norme per la Certificazione e l Accettazione a Bordo delle Porte Tagliafuoco di Classe A e B

Norme per la Certificazione e l Accettazione a Bordo delle Porte Tagliafuoco di Classe A e B Norme per la Certificazione e l Accettazione a Bordo delle Porte Tagliafuoco di Classe A e B In vigore dal 1 Gennaio 2003 RINA Società per azioni Gruppo REGISTRO ITALIANO NAVALE Via Corsica, 12-16128 Genova

Dettagli

Isolamento acustico: teoria e quadro legislativo

Isolamento acustico: teoria e quadro legislativo Isolamento acustico: teoria e quadro legislativo Dott. Edoardo Piana, Dip. Ingegneria Meccanica e Industriale Università degli Studi di Brescia, via Branze 38, 513 Brescia piana@ing.unibs.it Ing. Ugo Pannuti,

Dettagli

Combinazione dei carichi

Combinazione dei carichi Combinazione dei carichi Un passo fondamentale del progetto di un opera civile è sicuramente l analisi delle forze agenti su essa che sono necessarie per l individuazione delle corrette sollecitazioni

Dettagli

ELEMENTI PRESSO-FLESSI IN ACCIAIO Colonna Scatolare Bi-Simmetrica. Domenico Leone

ELEMENTI PRESSO-FLESSI IN ACCIAIO Colonna Scatolare Bi-Simmetrica. Domenico Leone ELEMENTI PRESSO-FLESSI IN ACCIAIO Colonna Scatolare Bi-Simmetrica Domenico Leone ELEMENTI PRESSO-FLESSI IN ACCIAIO Colonna Scatolare Bi-Simmetrica Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza

Dettagli

Le recenti disposizioni sulla resistenza al fuoco

Le recenti disposizioni sulla resistenza al fuoco Roma - 21 giugno 2007 ISTITUTO SUPERIORE ANTINCENDI Le recenti disposizioni sulla resistenza al fuoco Il decreto 16 febbraio 2007 modalità di determinazione della resistenza al fuoco di prodotti ed elementi

Dettagli

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco DIPARIMENTO DEI VIGLI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVULE Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile,

Dettagli

Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore

Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore dei Lavori e del Collaudatore secondo il D.M. 14/01/2008

Dettagli

IL MINISTERO DELL INTERNO. della Difesa Civile

IL MINISTERO DELL INTERNO. della Difesa Civile IL MINISTERO DELL INTERNO tramite Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Emana le norme contenenti le misure di Prevenzione e di Protezione contro gli Incendi che

Dettagli

Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea

Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea Calcolo della trasmittanza di una parete omogenea Le resistenze liminari Rsi e Rse si calcolano, noti i coefficienti conduttivi (liminari) (o anche adduttanza) hi e he, dal loro reciproco. (tabella secondo

Dettagli

Normative sismiche italiane

Normative sismiche italiane pag. 98 Normative sismiche italiane 1783 norme dopo il terremoto della Calabria: muratura intelaiata, limitazione di altezza. Edifici esistenti: riduzione di altezza 1908 norme sismiche locali dopo il

Dettagli

PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE

PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE La trasmissione del calore può avvenire attraverso tre meccanismi: - Conduzione; - Convezione; - Irraggiamento; Nella conduzione la trasmissione del calore è riconducibile

Dettagli

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO 1. QUADRO NORMATIVO La scelta dei componenti di frontiera tra ambiente esterno ed interno o tra ambienti interni contigui è determinata dalla necessità

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI PISTOIA. Seminario di aggiornamento professionale. Pistoia, 30 novembre 2012

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI PISTOIA. Seminario di aggiornamento professionale. Pistoia, 30 novembre 2012 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI PISTOIA Seminario di aggiornamento professionale Protezione passiva dal fuoco di elementi strutturali Pistoia, 30 novembre 2012 "Dal progetto alla certificazione

Dettagli

APPROFONDIMENTO DELLA TEMATICA DI PREVENZIONE INCENDI APPLICATA ALLA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI FACCIATE VENTILATE

APPROFONDIMENTO DELLA TEMATICA DI PREVENZIONE INCENDI APPLICATA ALLA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI FACCIATE VENTILATE APPROFONDIMENTO DELLA TEMATICA DI PREVENZIONE INCENDI APPLICATA ALLA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI FACCIATE VENTILATE Monza, 22 gennaio 2014 Progettazione di una facciata ventilata Nella

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

FIRE SAFETY ENGINEERING E CODICE DI PREVENZIONE (RTO): LE NUOVE FRONTIERE PER AFFRONTARE LA SICUREZZA ANTINCENDIO Prof. Ing.

FIRE SAFETY ENGINEERING E CODICE DI PREVENZIONE (RTO): LE NUOVE FRONTIERE PER AFFRONTARE LA SICUREZZA ANTINCENDIO Prof. Ing. Approccio ingegneristico alla sicurezza contro il rischio di incendio FIRE SAFETY ENGINEERING E CODICE DI PREVENZIONE (RTO): LE NUOVE FRONTIERE PER AFFRONTARE LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA NECESSARIA EVOLUZIONE

Dettagli

LINEA FIRETECH SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO STRUTTURE

LINEA FIRETECH SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO STRUTTURE LINEA FIRETECH SOLUZIONI PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO STRUTTURE PROTEZIONE STRUTTURE IN ACCIAIO Le strutture in acciaio sono un sistema costruttivo sempre più utilizzato nelle costruzioni. In particolare

Dettagli

La certificazione del professionista: ultimo atto della marcatura CE e della corretta installazione dei prodotti. Rimini 10 aprile 2015

La certificazione del professionista: ultimo atto della marcatura CE e della corretta installazione dei prodotti. Rimini 10 aprile 2015 La certificazione del professionista: ultimo atto della marcatura CE e della corretta installazione dei prodotti Rimini 10 aprile 2015 DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA SCIA DM 12 08 2014 e modulistica di

Dettagli

Nello specifico esiste la norma specifica UNI ISO 9927-1. 4

Nello specifico esiste la norma specifica UNI ISO 9927-1. 4 Oggetto: D.Lgs 81/08 Verifiche ed ispezione approfondita sugli apparecchi di sollevamento- interpretazione del Decreto e delle Norme attinenti. Competenze esclusive dell Ingegnere. In riferimento al Decreto

Dettagli

I prodotti della prevenzione incendi: certificazioni, omologazioni, marchio CE

I prodotti della prevenzione incendi: certificazioni, omologazioni, marchio CE I prodotti della prevenzione incendi: certificazioni, omologazioni, marchio CE Vigili del fuoco Belluno Ing. Giuseppe Lomoro ing. giuseppe lomoro 1 Certificazione (voce di Wikipedia) Il certificato, in

Dettagli

LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA

LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA L. Mongiovì Università di Trento Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Via Mesiano 77, 38050 Trento, Italia Sommario. Si fanno preliminarmente alcune

Dettagli

11. Criteri di analisi e di verifica

11. Criteri di analisi e di verifica 11. Criteri di analisi e di verifica Il progetto dell edificio esistente riflette naturalmente lo stato delle conoscenze al tempo della costruzione e può contenere difetti di impostazione e di realizzazione,

Dettagli

www.lavoripubblici.it

www.lavoripubblici.it Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici ****** Istruzioni per l applicazione delle Norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008 16 INTRODUZIONE Il Decreto Ministeriale 14 gennaio 2008,

Dettagli

RAPPORTO DI CALCOLO 110123-R-2522

RAPPORTO DI CALCOLO 110123-R-2522 RAPPORTO DI CALCOLO Analisi FEM VALUTAZIONE NUMERICA DEL CONTRIBUTO ALLA RESISTENZA LIMINARE DI PARETE OPACA VERTICALE ED ORIZZONTALE DI VERNICE TERMORIFLETTENTE A BASSA EMISSIVITA (UNI EN ISO 6946:2008)

Dettagli

Lamiere grecate semplici in acciaio. Domenico Leone

Lamiere grecate semplici in acciaio. Domenico Leone Lamiere grecate semplici in acciaio Domenico Leone Lamiere grecate semplici in acciaio Parte 1 Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza più che trentennale nel campo della progettazione

Dettagli

- per l individuazione delle misure di sicurezza compensative, in caso di deroghe.

- per l individuazione delle misure di sicurezza compensative, in caso di deroghe. CLAUDIO MASTROGIUSEPPE Il gruppo di lavoro, creato un anno fa, si è proposto di tracciare delle Linee guida per l attuazione del Sistema di Gestione della Sicurezza Antincendio (SGSA), previsto dall approccio

Dettagli

Introduzione al Convegno Dott. Ing. Roberto Barzi Direttore Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica

Introduzione al Convegno Dott. Ing. Roberto Barzi Direttore Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica Introduzione al Convegno Dott. Ing. Roberto Barzi Direttore Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica Quando nel 2004, come CNVVF siamo stati chiamati a partecipare alla stesura del Testo Unitario

Dettagli

Comportamento al fuoco di isolanti termici in poliuretano nelle reali condizioni di esercizio Rita Anni - ANPE

Comportamento al fuoco di isolanti termici in poliuretano nelle reali condizioni di esercizio Rita Anni - ANPE Comportamento al fuoco di isolanti termici in poliuretano nelle reali condizioni di esercizio Rita Anni - ANPE Milano, 17 novembre 2015 ANPE dal 1988 rappresenta: Pannelli con rivestimenti flessibili Pannelli

Dettagli

C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI

C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI C9. COLLAUDO STATICO C9.1 PRESCRIZIONI GENERALI Il Cap.9 delle NTC detta disposizioni minime per l esecuzione del collaudo statico, atto a verificare il comportamento e le prestazioni delle parti di opera

Dettagli

2. TEORIA DEI CARICHI ECCEZIONALI

2. TEORIA DEI CARICHI ECCEZIONALI . TEORIA DEI CARICHI ECCEZIONAI Si vuole costruire un modello di ponte di riferimento e un modello di carico eccezionale che consenta una verifica automatica della possibilità di passaggio del carico su

Dettagli

ARCA, marchio di qualità per gli edifici in legno 7 ottobre 2011 MADE Rho (MI)

ARCA, marchio di qualità per gli edifici in legno 7 ottobre 2011 MADE Rho (MI) ARCA, marchio di qualità per gli edifici in legno 7 ottobre 2011 MADE Rho (MI) La sicurezza al fuoco nella progettazione e posa in opera di canne fumarie Dott.ing. Paolo Bosetti Servizio Antincendi e Protezione

Dettagli

L uso di modelli per la verifica della sicurezza antincendio delle facciate ventilate

L uso di modelli per la verifica della sicurezza antincendio delle facciate ventilate L uso di modelli per la verifica della sicurezza antincendio delle facciate ventilate Ing. Giovanni Longobardo Area V Protezione passiva giovanni.longobardo@vigilfuoco.it Negli ultimi decenni il numero

Dettagli

4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI.

4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI. 4. Edificio multipiano a telaio in acciaio : DIMENSIONAMENTO TRAVI, PILASTRI, CONTROVENTI ORIZZONTALI E VERTICALI. La tipologia è descritta in figura (pianta piano tipo). In figura sono anche evidenziati

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI UNA VERNICE TERMICA A BASE CERAMICA SUI VALORI DI TRASMITTANZA DI PARETI INTONACATE, DELLA DITTA "ATRIA s.r.l." STABILIMENTO DI PARTANNA

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DI STRUTTURE PREFABBRICATE SECONDO I DD.MM. 16.02.2007 09.03.2007

LA PROGETTAZIONE DI STRUTTURE PREFABBRICATE SECONDO I DD.MM. 16.02.2007 09.03.2007 CONSULTA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ORDINI E COLLEGI PROFESSIONI TECNICHE DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI TREVISO TREVISO incede per ignes CO N V E G N O PRESTAZIONI DEGLI EDIFICI E RESISTENZA

Dettagli

STRUTTURE TRASPARENTI. Arch. Luca Berra LEZIONE DEL 15.04.2015

STRUTTURE TRASPARENTI. Arch. Luca Berra LEZIONE DEL 15.04.2015 STRUTTURE TRASPARENTI Arch. Luca Berra LEZIONE DEL 15.04.2015 1 NORMATIVA TECNICA NAZIONALE UNI EN 410:2000. Vetro per edilizia - Determinazione delle caratteristiche luminose e solari delle vetrate. UNI

Dettagli

IL LEGNO: REAZIONE AL FUOCO

IL LEGNO: REAZIONE AL FUOCO PREMESSA Il legno è un materiale che, impiegato nelle costruzioni con diverse finalità (ad es. strutturali, decorativi o di arredamento ecc.), ha sempre posto il problema della sua combustibilità, intesa

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Scheda tecnica USM TK 0060

Scheda tecnica USM TK 0060 Scheda tecnica USM TK 0060 Classe d esecuzione per opere di metalcostruzione secondo SN EN 1090-2 Edizione 4-2015 Sommario 1 Introduzione 2 Limiti 3 Classe d esecuzione 3.1 Classe d esecuzione EXC 1 3.2

Dettagli

ELEMENTI DI ACUSTICA 08

ELEMENTI DI ACUSTICA 08 I.U.A.V. Scienze dell architettura a.a. 2012/2013 Fisica Tecnica e Controllo Ambientale Prof. Piercarlo Romagnoni ELEMENTI DI ACUSTICA 08 ACUSTICA ARCHITETTONICA 02 FONOISOLAMENTO ASSORBIMENTO, RIFLESSIONE,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI SCAFFALATURE METALLICHE IN ZONA SISMICA

LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI SCAFFALATURE METALLICHE IN ZONA SISMICA sezion e scaf f alature m e talliche LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI SCAFFALATURE METALLICHE IN ZONA SISMICA Le scaffalature in zona sismica, di qualsiasi tipologia e dimensione (con

Dettagli

La modellazione delle strutture

La modellazione delle strutture La modellazione delle strutture 1 Programma 31-1-2012 Introduzione e brevi richiami al metodo degli elementi finiti 7-2-2012 La modellazione della geometria 14-2-2012 21-2-2012 28-2-2012 6-3-2012 13-32012

Dettagli

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella:

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella: 3. Azioni sismiche Per la norma le azioni sismiche devono essere valutare partendo dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione. Si ricorda che la pericolosità sismica, intesa in senso probabilistico,

Dettagli

Parametri di dimensionamento SENFC

Parametri di dimensionamento SENFC Parametri di dimensionamento SENFC Determinato il gruppo di dimensionamento, è possibile calcolare la Superficie Utile Efficace (SUT), cioè la somma delle superfici utili di apertura degli evacuatori naturali

Dettagli

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni 1 Azioni sulle costruzioni Classificazione Un modello completo di una azione descrive diverse proprietà di una azione: intensità posizione direzione durata interazione

Dettagli

Capitolo II Le reti elettriche

Capitolo II Le reti elettriche Capitolo II Le reti elettriche Fino ad ora abbiamo immaginato di disporre di due soli bipoli da collegare attraverso i loro morsetti; supponiamo ora, invece, di disporre di l bipoli e di collegarli tra

Dettagli

Il ruolo della normativa tecnica nella progettazione e costruzione delle facciate

Il ruolo della normativa tecnica nella progettazione e costruzione delle facciate Workshop Questioni di facciata Facciate complesse per edifici @ Klimainfisso Bolzano, 7 marzo 2013 CATTEDRA UNCSAAL E POLITECNICO DI MILANO Progettazione dell involucro edilizio Il ruolo della normativa

Dettagli

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA PROGRAMMA DEL CORSO Indagine Sclerometrica: determina la durezza

Dettagli

ISOLATORI SISMICI disaccoppiare

ISOLATORI SISMICI disaccoppiare Un opportuna scelta delle caratteristiche meccaniche degli isolatori consente di disaccoppiare la sovrastruttura dalla sottostruttura nelle oscillazioni che coinvolgono prevalentemente spostamenti orizzontali.

Dettagli

CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608

CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608 COSTRUIRE SERRAMENTI IN PVC CHE COSA CAMBIA CON LA NUOVA NORMA EUROPEA PER PROFILI IN PVC UNI EN 12608 1 La norma europea rivolta alla definizione delle caratteristiche dei profili in PVC per finestre

Dettagli

INCENDI DI TETTO ED ERRORI DI REALIZZAZIONE DEI CAMINI

INCENDI DI TETTO ED ERRORI DI REALIZZAZIONE DEI CAMINI INCENDI DI TETTO ED ERRORI DI REALIZZAZIONE DEI CAMINI dott. ing. Salvatore Buffo, dirigente superiore Comando provinciale dei vigili del fuoco di Brescia dott. ing. Pier Nicola Dadone, Direttore vice

Dettagli

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI

LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI LASTRE ARMATE YTONG PER SOLAI E TETTI Le lastre Ytong, sono elementi armati autoportanti che permettono di realizzare solai e tetti di edifici residenziali, con una velocità di posa insuperabile rispetto

Dettagli

Osservatorio per l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio

Osservatorio per l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Osservatorio per l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Segnaliamo infine che il decreto introduce un organo destinato al monitoraggio dell uso del nuovo approccio a livello nazionale, l

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE IN ACCIAIO

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE IN ACCIAIO SISTEMI DI CALCOLO DELLA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE PORTANTI E SEPARANTI: ACCIAIO, LEGNO, MURATURA E CCA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE IN ACCIAIO FSC Engineering srl :Samuele Sassi Torino

Dettagli

Parte I: Basi del progetto

Parte I: Basi del progetto XV XVII Introduzione Prefazione Parte I: Basi del progetto 3 CAP. 1 - LA CONCEZIONE STRUTTURALE 3 1.1 Carattere di una costruzione 5 1.2 La forma tecnica della costruzione in calcestruzzo armato 11 1.3

Dettagli

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi

NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi NTC08: ANDILWall si rinnova R. Calliari, CR Soft s.r.l. A. Di Fusco, ANDIL Associazione Nazionale Degli Industriali dei Laterizi ANDILWall è un programma di calcolo per la progettazione e verifica sismica

Dettagli

Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio.

Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio. Il nuovo quadro normativo per le misure in laboratorio dell isolamento acustico di elementi di edificio. Dott. Andrea Bruschi, Dott. Andrea Celentano 1. INTRODUZIONE Il quadro normativo per la caratterizzazione

Dettagli

NORMATIVA CAMINI/CANNE FUMARIE

NORMATIVA CAMINI/CANNE FUMARIE Fonte: G.B.D. spa 30 Parametri a normadi Paolo Grisoni La definizione di alcune importanti norme europee hanno completamente ridefinito gli standard per i sistemi di scarico dei prodotti della combustione

Dettagli

Sistemi a secco Protezione con sistemi in lastre

Sistemi a secco Protezione con sistemi in lastre Sistemi a secco Protezione con sistemi in lastre Programma 1. Il Metodo Sperimentale: Rapporto di Prova, Rapporto di Classificazione, Fascicolo Tecnico 2. Compartimentazioni: Pareti a grande altezza 3.

Dettagli

L isolamento termico dei vetrocamera con gas

L isolamento termico dei vetrocamera con gas L isolamento termico dei vetrocamera con gas Considerazioni controintuitive sull isolamento termico dei vetrocamera con gas Autori Antonio Daneo, Alberto D Este Stazione Sperimentale del Vetro, Murano

Dettagli

FIRE RESISTANCE OF WOODEN STRUCTURES

FIRE RESISTANCE OF WOODEN STRUCTURES FIRE RESISTANCE OF WOODEN STRUCTURES 43 CORSO ISPETTORI ANTINCENDI INTERNATIONAL FIRE-FIGTHERS WORKSHOP FIRE SERVICE COLLEGE Moreton in Marsh-UK 30 th September 2 th October 2003 I.A. Antonio Giulio Durante

Dettagli

uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità in fase di progettazione e di controllo

uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità in fase di progettazione e di controllo L approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio e le procedure di deroga Ing. Gianfranco Tripi 06/09/2013 1 APPROCCIO PRESCRITTIVO VANTAGGI: uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità

Dettagli

COI SISTEMI FASSA. Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso. Milano, 26 Ottobre 2011

COI SISTEMI FASSA. Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso. Milano, 26 Ottobre 2011 LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO COI SISTEMI FASSA Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso Milano, 26 Ottobre 2011 COMPORTAMENTO IN CASO DI INCENDIO La Prevenzione è una materia

Dettagli

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL 1 2 TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL Confronto dei risultati tra il software VEM NL el il metodo SAM proposto dall Unità di Ricerca dell Università di Pavia. Stacec s.r.l. Software e servizi per

Dettagli

FONOISOLAMENTO. SpA. Bonifica acustica_modulo j8

FONOISOLAMENTO. SpA. Bonifica acustica_modulo j8 Coefficiente τ di trasmissione del rumore di una parete τ = W W t = Potere fonoisolante R di una parete i potenza sonora trasmessa al di là della parete potenza sonora incidente sulla parete R = livello

Dettagli

Descrizione e stima dell errore

Descrizione e stima dell errore Descrizione e stima dell errore Raccomandazioni per l analisi di accuratezza di una simulazione CFD: 1 Descrizione e stima dell errore Raccomandazioni per l analisi di accuratezza di una simulazione CFD:

Dettagli

Dimensionamento delle strutture

Dimensionamento delle strutture Dimensionamento delle strutture Prof. Fabio Fossati Department of Mechanics Politecnico di Milano Lo stato di tensione o di sforzo Allo scopo di caratterizzare in maniera puntuale la distribuzione delle

Dettagli

ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A.

ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A. Paolo Varagnolo Giorgio Pilloni ALCUNE NOTE SULLA MODELLAZIONE FEM DELLE PLATEE DI FONDAZIONE IN C.A. Ingegneri liberi professionisti Padova luglio 2010 ------------------------- Nella progettazione esecutiva

Dettagli

Direttive per l attuazione dell approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio

Direttive per l attuazione dell approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Decreto del Ministro dell interno 9 maggio 2007 (G.U. n. 117 del 22/05/2007) Direttive per l attuazione dell approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Il Ministro dell interno VISTO il decreto

Dettagli

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ Giovanni Dalerci, Rossella Bovolenta Università degli Studi di Genova Dipartimento

Dettagli

Aiuto all applicazione EN-5 Raffreddamento, de-/umidificazione

Aiuto all applicazione EN-5 Raffreddamento, de-/umidificazione Aiuto all applicazione EN-5 Raffreddamento, de-/umidificazione Contenuti e scopo Questo aiuto all applicazione tratta delle procedure e delle esigenze inerenti la progettazione, l installazione e la sostituzione

Dettagli

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE...

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... INDICE GENERALE PREMESSA... 1 OGGETTO... 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI... 2.2 STATI LIMITE... 2.2.1 Stati Limite Ultimi (SLU)... 2.2.2 Stati Limite di Esercizio (SLE)...

Dettagli

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE 2014-15 L INVOLUCRO OPACO 1. LA TRASMITTANZA TERMICA La grandezza più importante per caratterizzare il comportamento termico dell involucro

Dettagli

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana

Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Associazione ISI Ingegneria Sismica Italiana Strada Statale Valsesia, 20-13035 Lenta (VC), Tel. (+39) 331 2696084 segreteria@ingegneriasismicaitaliana.it www.ingegneriasismicaitaliana.it Connessioni dissipative

Dettagli

Classificazione dei materiali. I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi

Classificazione dei materiali. I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi Classificazione dei materiali I materiali impiegati in edilizia appartengono a quattro gruppi: Metallici Polimerici Ceramici Compositi Classificazione dei materiali ME_2 PM Classificazione dei materiali

Dettagli

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale

Horae. Horae Software per la Progettazione Architettonica e Strutturale 1 IL MATERIALE X-LAM Nel programma CDSWin il materiale X-LAM pu ò essere utilizzato solo come elemento parete verticale. Quindi, dal punto di vista strutturale, il suo comportamento è prevalentemente a

Dettagli

Analisi limite di un telaio

Analisi limite di un telaio Analisi limite di un telaio Si consideri il portale sotto, tre volte iperstatico, dotato di un momento limite superiore ed inferiore costante e pari a M0 Si assuma inoltre che lo sforzo normale (ed il

Dettagli

Procedure di prevenzione incendi con l approccio. ingegneristico alla sicurezza antincendi Modena 26 Giugno 2007

Procedure di prevenzione incendi con l approccio. ingegneristico alla sicurezza antincendi Modena 26 Giugno 2007 Procedure di prevenzione incendi con l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendi Modena 26 Giugno 2007 Ing. Gianfranco Tripi Direzione Regionale Vigili del Fuoco Emilia Romagna gianfranco.tripi@vigilfuoco.it

Dettagli

IMPIANTI di RISCALDAMENTO

IMPIANTI di RISCALDAMENTO ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI Di Vittorio Docente: GILBERTO GENOVESE IMPIANTI di RISCALDAMENTO Carico termico invernale Anno Scolastico 2008-2009 CORSO: Impianti CONTENUTI: Sistema clima impianto - edificio

Dettagli

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci Relazione di fine tirocinio Andrea Santucci 10/04/2015 Indice Introduzione ii 1 Analisi numerica con COMSOL R 1 1.1 Il Software.................................... 1 1.1.1 Geometria................................

Dettagli

SCORRIMENTO VISCOSO TEORIA E APPLICAZIONI. Scorimento Viscoso Costruzione di Macchine 3

SCORRIMENTO VISCOSO TEORIA E APPLICAZIONI. Scorimento Viscoso Costruzione di Macchine 3 SCORRIMENTO VISCOSO TEORIA E APPLICAZIONI 1 DEFINIZIONI Lo scorrimento viscoso o scorrimento plastico permanente (in inglese creep) è la deformazione permanente di un materiale sottoposto, ad alta temperatura,

Dettagli

LA LEZIONE La conduzione e la resistenza termica

LA LEZIONE La conduzione e la resistenza termica LA LEZIONE La conduzione e la resistenza termica Se si prende in considerazione un appartamento riscaldato dai radiatori in inverno, per intervalli di tempo non troppo lunghi la temperatura dell aria all

Dettagli

Linee Guida e Marchio di Controllo Qualità

Linee Guida e Marchio di Controllo Qualità Poliuretani espansi in opera Linee Guida e Marchio di Controllo Qualità ANPE - Gruppo di Lavoro Applicazioni in Opera Introduzione Il poliuretano espanso rigido applicato in opera, o in situ secondo la

Dettagli

Il PANNELLO A TAGLIO TERMICO

Il PANNELLO A TAGLIO TERMICO Il PANNELLO A TAGLIO TERMICO Le normative sul risparmio energetico prevedono, tra l altro, che gli elementi di tamponamento esterni degli edifici siano dotati di prefissate caratteristiche di isolamento

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

La trasmittanza termica dei serramenti in relazione al D.Lgs 311 Ing. Antonietta Serra Sezione di Trasmissione del Calore SOMMARIO

La trasmittanza termica dei serramenti in relazione al D.Lgs 311 Ing. Antonietta Serra Sezione di Trasmissione del Calore SOMMARIO 1 La trasmittanza termica dei serramenti in relazione al D.Lgs 311 Ing. Antonietta Serra Sezione di Trasmissione del Calore SOMMARIO SITUAZIONE NORMATIVA E LEGISLATIVA DETERMINAZIONE DELLA TRASMITTANZA

Dettagli

SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO:

SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO: SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO: Sistema cartongesso Gypsotech Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso Rimini, 16 Marzo 2011 FASSA Un esperienza che

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli