ESAMI DI STATO a.s.2011/2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAMI DI STATO a.s.2011/2012"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Paolo Frisi Liceo delle Scienze Umane Opzione Economico-Sociale Istituto Professionale Settore Servizi Via Otranto 1, angolo Cittadini Milano Tel /8 Fax Sito Cod. Fisc Prot.n 2770C/29d del 15/05/2012 n esp.albo 536 del 15/5/2012 ESAMI DI STATO a.s.2011/2012 Documento del Consiglio di Classe 5G Corso diurno Diploma di TECNICO DEI SERVIZI DELLA RISTORAZIONE 1

2 I N D I C E 1 Il Consiglio di Classe 3 2 Argomenti approfonditi dagli studenti per i colloqui 4 3 Relazione sulla Classe 5 4 Profilo professionale:tecnico dei servizi di ristorazione 6 5 CONTENUTI DISCIPILINARI 7 6 Religione 8 7 Italiano Storia Inglese Legislazione Matematica Francese Economia e gestione dell azienda ristorativa Alimenti e alimentazione Laboratorio di organizzazione e gestione dei servizi ristorativi Educazione fisica Stage Criteri di valutazione Modalità di lavoro del consiglio di Classe Strumenti di lavoro Strumenti di verifica Attività integrative extracurricolari Tipologia della Terza prova Pianificazione delle prove di simulazione Prima Simulazione della Terza prova Seconda Simulazione della Terza prova Griglie di valutazione Griglie di valutazione della prima prova Griglie di valutazione della seconda prova Griglie di valutazione della terza prova Griglia di valutazione del colloquio

3 Il Consiglio di Classe DISCIPLINA DOCENTE FIRMA RELIGIONE ITALIANO E STORIA INGLESE MANGANINI CRISTINA VASILE ANGELA ZANETTI MONICA LEGISLAZIONE CHIAVEGATTI FRANCESCA MATEMATICA PIAZZA EMANUELA FRANCESE SPAGNOL M.LUISA ECONOMIA E GESTIONE DELL AZIENDA RISTORATIVA ALIMENTI E ALIMENTAZIONE LABORATORIO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEI SERIVIZI RISTORATIVI EDUCAZIONE FISICA MOCCIA GIOVANNI SARLO SILVIA CRAPANZANO SALVATORE MONTERISI COSIMO SOSTEGNO AREA LINGUISTICA SOSTEGNO AREA LINGUISTICA SOSTEGNO AREA TECNICA COLUCCI M.CONCETTA MINERBA NICOLA PITZALIS SILVIO IL DIRIGENTE SCOLASTICO (Prof. Luca Azzollini)

4 Argomenti approfonditi dagli allievi per il colloquio Nomi degli studenti Argomenti trattati nelle tesine Bara Elisa Basta Francesco Brioschi Simone Carrari Marco Gulizia Sharon Kalori Cristian Mohammed Amzad Vigna Danilo Zuccarello Ivana Cucine straniere La dieta mediterranea Super Size Me La grande guerra Il diabete: causa e rischi di una malattia del nostro tempo Ogm : organismi geneticamente modificati Contaminazioni alimentari Il vino L obesità:siamo quello che mangiamo 4

5 RELAZIONE SULLA CLASSE Si tratta di un gruppo classe poco numeroso, composto di solo nove studenti, tre ragazze e sei ragazzi. La composizione attuale è data, per la maggior parte, da studenti provenienti dal nostro Istituto, presso il quale hanno svolto tutto il regolare percorso di studi, dalla prima alla quinta ad eccezione di un ragazzo, che ha frequentato il quarto anno presso un altro istituto alberghiero e uno studente, ripetente, inserito nella classe all inizio del quarto anno. Sono presenti tre alunni diversamente abili (due ragazzi e una ragazza) per i quali sono stati approntati specifici PEI (due PEI differenziati e un PEI equipollente); fanno parte del Consiglio di Classe anche tre Docenti di sostegno, due per l area linguistica e uno per l area tecnica che si alternano nell arco della settimana. La frequenza è stata abbastanza regolare se si eccettua il caso di uno studente che, per motivi diversi, si è spesso assentato nel corso dell intero anno scolastico. Numerosi, invece, i ritardi alla prima ora o le uscite anticipate spesso non supportati da alcuna valida motivazione. Le relazioni docenti-studenti, nel complesso, sono state impostate sulla base della correttezza e del rispetto reciproco consentendo a tutti di vivere armonicamente il proprio ruolo. Per quanto riguarda, invece, la partecipazione al dialogo educativo si sottolinea la passività del gruppo classe e la necessità dei docenti di mettere in atto strategie motivazionali diverse proponendo lezioni interattive, pratiche, individualizzate. La classe, nel complesso, non è riuscita a raggiungere risultati pienamente soddisfacenti in tutte le discipline, nonostante sia stato possibile assicurare una certa continuità didattica metodologica nel corso del quinquennio di studi. Per quanto riguarda le discipline fondamentali, infatti, la maggior parte dei docenti conosce i ragazzi da più di due anni. Pur avendo proposto nel corso dell anno attività di recupero in itinere tramite la riproposizione dei contenuti o l assegnazione di esercitazioni supplementari da realizzare attraverso un lavoro di rielaborazione personale, la classe, didatticamente, appare molto fragile. La preparazione risulta frammentaria e lacunosa, anche a causa di un interesse scarso e di un applicazione saltuaria e superficiale nello studio. Il metodo di studio è ancora prevalentemente di tipo mnemonico - ripetitivo, mentre il livello di rielaborazione e di approfondimento critico, seppure migliorato rispetto agli anni precedenti, risulta applicato solo all aspetto pratico delle materie di indirizzo. Alcuni ragazzi, oltre ad avere una ridotta conoscenza del linguaggio disciplinare specifico, evidenziano difficoltà nell esposizione orale e nell analisi degli argomenti più astratti. I docenti si sono, quindi, trovati spesso nella condizione di guidare gli studenti nell attività di insegnamento apprendimento poiché si è rilevata una limitata autonomia nella gestione del metodo di studio. Gli obiettivi cognitivi, di contenuto e trasversali sono stati raggiunti solo da una parte della classe. Per quanto riguarda l attività di alternanza scuola / lavoro, prevista nel piano di studi del quarto anno, gli studenti, che si sono applicati con regolarità e serietà, hanno ottenuto risultati complessivamente accettabili come si può evincere dalle schede di valutazione. Uno dei ragazzi ha svolto l attività di stage all estero, a Lione presso il ristorante le Bistrot d Auguste. I programmi sono stati, seppur semplificati, svolti regolarmente e nel rispetto delle indicazioni ministeriali. 5

6 PROFILO PROFESSIONALE : TECNICO DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE Il Tecnico dei Servizi di Ristorazione è il responsabile delle attività di ristorazione nelle varie componenti in cui essa si articola, in rapporto anche alla specifica tipologia di struttura ristorativa in cui opera. COMPETENZE PROFESSIONALI: saper provvedere all approvvigionamento delle derrate; saper controllare qualità quantità - costi della produzione e della distribuzione dei pasti; saper allestire buffet e banchetti; saper organizzare e guidare un gruppo; CONOSCENZE: il mercato ristorativo ed i suoi principali segmenti; l andamento degli stili alimentari e dei consumi; l igiene professionale; i moderni impianti tecnologici, le attrezzature e le dotazioni di servizio; le tecniche di lavorazione, la cottura e la presentazione degli alimenti; la merceologia e le più innovative tecniche di conservazione degli alimenti l antinfortunistica i principali istituti giuridici che interessano la vita di un azienda ristorativa; gli strumenti che può utilizzare un azienda per conoscere il mercato Il Tecnico dei Servizi di Ristorazione deve saper utilizzare due lingue straniere e possedere capacità di comunicazione, di comprensione delle esigenze del personale e della clientela e di rappresentazione delle finalità dell azienda. OBIETTIVI TRASVERSALI Saper rispettare tempi, spazi e consegne Rispettare il Regolamento dell Istituto Mantenere la concentrazione Partecipare all attività didattica Relazionarsi correttamente con compagni e docenti Saper analizzare e sintetizzare un testo Utilizzare il lessico specifico delle discipline Sviluppare il senso critico 6

7 I.I.S. Paolo Frisi M I L A N O CONTENUTI DISCIPLINARI anno scolastico Classe V Sezione G Corso per Tecnico dei Servizi di Ristorazione 7

8 Disciplina: IRC - Prof.ssa Cristina Manganini La Bibbia:composizione ed ispirazione. Le testimonianze cristiane e pagane su Gesù Pasqua ebraica-pasqua cristiana. Ipotesi su una tomba vuota:morte apparente?furto del cadavere?allucinazioni?resurrezione? Visione e commento del film Jesus. IL Triduo Pasquale I trapianti d organo(visione e commento del film IL dono di Nicholas ). Fede ed arte:la Cappella Sistina. Conoscenza di personaggi dell impegno religioso e civile. 8

9 Disciplina: Italiano - Prof.ssa Angela Vasile Testo trattato: MAPPE DI LETTERATURA -Il Settecento, l Ottocento, il Novecento- Autore: Paolo Di Sacco Casa editrice: Edizioni scolastiche Bruno Mondadori POSITIVISMO Caratteristiche generali. NATURALISMO FRANCESE E VERISMO ITALIANO Caratteristiche generali. GIOVANNI VERGA Biografia I Malavoglia Lettura da I Malavoglia dei capitoli I-XI Nedda Lettura del testo Nedda la Varanissa Vita dei campi Lettura della novella Cavalleria Rusticana Mastro don Gesualdo Lettura dei testi Gesualdo e Diodata alla Canziria e La morte di Gesualdo. IL DECADENTISMO Caratteri generali Simbolismo ed estetismo. GABRIELE D ANNUNZIO Biografia 9

10 Poetica Il programma del superuomo Il Piacere Lettura da Il Piacere del testo Ritratto di esteta La Vergine delle rocce Alcyone: caratteristiche della raccolta e tematiche Da Alcyone, La sera fiesolana La pioggia nel pineto. GIOVANNI PASCOLI Biografia La poetica del fanciullino Lettura da Il Fanciullino, Il fanciullino che è in noi Lettura de La Grande Proletaria si è mossa Myricae: caratteristiche della raccolta e tematiche Da Myricae, Lavandare X agosto. LE AVANGUARDIE STORICHE Il Futurismo Marinetti, L assedio di Adrianopoli Manifesto della cucina futurista. ITALO SVEVO Biografia Il tema dell inettitudine nelle opere di Svevo Salute e malattia, verso il romanzo psicologico 10

11 La coscienza di Zeno: struttura e contenuti Lettura da La coscienza di Zeno di Il fuoco e Psico-analisi. LUIGI PIRANDELLO Biografia Il relativismo L umorismo e il sentimento del contrario Il romanzo Il fu Mattia Pascal: struttura e contenuto Letture da Il fu Mattia Pascal di Adriano Meis e Io sono il fui Mattia Pascal. LA NUOVA POESIA NOVECENTESCA IN ITALIA GIUSEPPE UNGARETTI Biografia Poetica La raccolta L Allegria: struttura e contenuti da L Allegria: San Martino del Carso Veglia Fratelli Soldati. Testi propedeutici alla preparazione della stesura della prima prova dell esame di stato Analisi del testo Saggio breve Tema di contenuto storico Tema tradizionale di carattere generale 11

12 Disciplina: Storia - Prof.ssa Angela Vasile Testo trattato: FORUM STORIA, DALL ANTICO REGIME ALLA SOCIETA GLOBALE -Il Settecento, l Ottocento, il Novecento- Autori: Roberto Balzani, Biagio Bolocan Casa editrice: Archimede edizioni Completamento programma IV anno I PROBLEMI DEL REGNO D ITALIA LA TERZA GUERRA D INDIPENDENZA E LA QUESTIONE ROMANA LA SINISTRA STORICA IL TRASFORMISMO DI DE PRETIS IL GOVERNO CRISPI LA NASCITA DEL PARTITO SOCIALISTA LA RERUM NOVARUM LA GRANDE DEPRESSIONE DELLA FINE DELL OTTOCENTO DAL LIBERISMO AL PROTEZIONISMO LA BELLE ÉPOQUE 12

13 NAZIONALISMO E SOCIETA DI MASSA L IMPERIALISMO -L imperialismo in Africa e in Asia. programma V anno L ETA GIOLITTIANA TRA NAZIONALISTI E SOCIALISTI LA PRIMA GUERRA MONDIALE: -le cause del conflitto; -le prime fasi del conflitto; -la svolta del 1917; -la fine del conflitto e i trattati di pace. LA RIVOLUZIONE RUSSA GLI ANNI DEL DOPOGUERRA: -crisi del sistema produttivo; -il malessere sociale. LA CRISI ECONOMICA EUROPEA E IL CROLLO DELLA BORSA DI NEW YORK IL FASCISMO: -la marcia su Roma; 13

14 -il potere fascista e le elezioni del 1924; -il delitto Matteotti; -Mussolini duce; -il potere fascista e la politica estera; -i patti lateranensi; -le leggi razziali. LA REPUBBLICA DI WEIMAR LA CRISI DEL 29 IL PARTITO NAZIONAL-SOCIALISTA IL REGIME DITTATORIALE DI HITLER LA RUSSIA PRIMA DI STALIN STALIN E I PIANI QUINQUENNALI IL POTERE DI STALIN E LA COSTITUZIONE DEL 1936 GLI STATI UNITI AGLI INIZI DEGLI ANNI TRENTA E IL NEW DEAL L ESPANSIONE DEL GIAPPONE IN CINA LA SECONDA GUERRA MONDIALE: -cause del conflitto; -sistema delle alleanze; 14

15 -l invasione della Francia e la reazione dell Inghilterra; -l Italia entra in guerra; -l operazione Barbarossa ; -gli Stati Uniti e il conflitto; -la sconfitta dell Asse e la fine della guerra; -lo sbarco degli alleati; -l Italia liberata dal fascismo; -Hiroshima e Nagasaki: la fine del conflitto. -Approfondimento: l olocausto. 15

16 Disciplina: Inglese - Prof.ssa Monica Zanetti Libro di testo: Titolo: BETWEEN COURSES - An English journey through international catering Autori: E.Caminada, M.Girotto, N.Hogg, A.Meo, G.Pasquali, P.Peretto Ed: Hoepli CONTENUTI Drinking wine Modern wine How to read a label Beer The Mediterranean Diet The food pyramid Coffee Tomatoes Bread Pasta: an Italian passion Pizza The cuisine and the main specialities of the following regions: o Piedmont o The Aosta valley o Lombardy o Liguria o Veneto o Emilia Romagna o Tuscany o Umbria o Campania o Sicily 16

17 Disciplina: Legislazione - Prof.ssa Francesca Chiavegatti Libro di testo: Diritto delle imprese ristorative di Baccelli/Micelli - Scuola e Azienda L impresa ristorativa: normativa di riferimento, tipologie d impresa. L impresa ristorativa tra le imprese commerciali, imprese familiari, la ristorazione agrituristica. Classificazione delle tipologie di impresa ristorativa in relazione al servizio offerto. Esercizio ristorativo: abilitazione, requisiti, adempimenti amministrativi. Trasferimento della licenza, trasferimento dell attività, sospensione e revoca all esercizio. La legislazione e l organizzazione del turismo: l amministrazione centrale del turismo. L amministrazione del turismo a livello locale. L impresa turistica, le attività turistiche. Le strutture ricettive e la loro tipologia. Fonti dell obbligazione Obbligazioni solidali e parziarie. Obbligazioni pecuniarie. L obbligazione: rapporto obbligatorio, soggetti e prestazione. Adempimento dell obbligazione: analisi dell art c.c. Significato di esatto adempimento sia in relazione alla prestazione che al luogo e al tempo dell adempimento. Inadempimento dell obbligazione: significato di inadempimento in relazione al tipo di responsabilità gravante sul debitore. Analisi dell art c.c. Analisi dei casi di c.d. responsabilità oggettiva: obbligazioni di dare cose generiche e le obbligazioni pecuniarie. Responsabilità patrimoniale del debitore. Il contratto in generale: analisi dell art c.c. Autonomia contrattuale: contratto tipico e contratto atipico. 17

18 Elementi essenziali del contratto: accordo, sua formazione e conclusione e legame con la forma quando richiesta a pena di nullità. Causa ed oggetto/i requisiti. Contratto preliminare, in particolare quello di compravendita. Classificazione dei contratti: consensuali/reali, a prestazioni corrispettive/ unilaterali, titolo oneroso/ gratuito, ad effetti reali/ obbligatori, ad esecuzione istantanea/ periodica. Invalidità del contratto: nullità ed annullabilità. Nullità: cause ed effetti della dichiarazione di nullità. Annullabilità: cause, effetti della sentenza di annullamento. Rescissione: cause ed effetti della rescissione. Risoluzione per inadempimento: disciplina ed effetti. Studio di alcuni contratti: Compravendita: obblighi delle parti, classificazione, particolari contratti di vendita. I contratti di franchising, leasing, factoring. I contratti di somministrazione, catering, banqueting. Diritto del lavoro: fonti normative principali. Il diritto sindacale e il rapporto di lavoro subordinato: libertà sindacali, contratti collettivi nazionali di lavoro, rinnovo periodico ed efficacia. Il diritto di sciopero art. 40 cost. ed esame della legge 146/1990 sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali. Analisi del contratto di lavoro subordinato e differenza con il lavoro autonomo. Obblighi del datore di lavoro e del dipendente. Classificazione dei dipendenti secondo il codice civile e alla luce dei diversi contratti collettivi di categoria. Casi di sospensione e di cessazione del rapporto di lavoro subordinato. Recesso : dimissioni, licenziamento. Disciplina dei licenziamenti individuali: giusta causa e giustificato motivo soggettivo. Licenziamenti collettivi: ambito di applicazione della normativa. Il Ccnl del settore turistico: soggetti e comparti interessati. 18

19 Classificazione del personale. Rapporto di lavoro e sua risoluzione. Tipologie contrattuali nel turismo: part time,contratto a tempo determinato,l apprendistato, i lavoratori studenti, lavoro ripartito. La legislazione sociale: differenza tra assistenza e previdenza, anche per quanto concerne le fonti di finanziamento. Analisi delle assicurazioni sociali: enti previdenziali e prestazioni da essi erogate. INAIL e l assicurazione obbligatoria sugli infortuni sul lavoro: prestazioni erogate in caso di infortunio. Differenza tra infortunio sul lavoro e malattia professionale. INPS ed INPDAP eventi assicurati obbligatoriamente ai lavoratori : malattia, maternità e puerperio, vecchiaia. Riforma delle pensioni del 1995 e ratio della norma alla luce dei cambiamenti della composizione demografica italiana. Passaggio graduale dal metodo retributivo a quello contributivo nel calcolo della pensione di vecchiaia. Introduzione della pensione integrativa o complementare. La tutela del lavoro femminile: tutela della donna lavoratrice, tutela della maternità e paternità. La sicurezza sul lavoro:legislazione di riferimento obblighi del datore di lavoro e dei lavoratori, dei terzi. I responsabili per la sicurezza e l informazione e formazione dei lavoratori. Prevenzione degli infortuni: luoghi di lavoro, prevenzione incendi, uso delle attrezzature di lavoro. Igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro, i servizi igienico assistenziali. Requisiti strutturali nella ristorazione: tutela della salute dei non fumatori. L igiene alimentare: conservazione degli alimenti, igiene dei mezzi di trasporto e del personale. L etichettatura. 19

20 Disciplina: Matematica- Prof.ssa Emanuela Piazza Modulo 1. Ripasso Disequazioni di primo e di secondo grado numeriche intere, fratte e sistemi. Scomposizione di un polinomio in fattori primi (raccoglimento a fattore comune, differenza di quadrati, quadrato di un binomio) Modulo 2. Funzioni Classificazione delle funzioni algebriche. Dominio e codominio di una funzione. Calcolo del dominio di una funzione razionale intera, razionale fratta e irrazionale. Modulo 3. Segno della funzione Intersezioni con gli assi di una funzione razionale intera, razionale fratta e irrazionale. Segno della funzione di una funzione razionale intera, razionale fratta e irrazionale. Modulo 4. Limite di una funzione Definizione intuitiva di limite finito di una funzione per x che tende ad un valore finito. Limite destro e limite sinistro. Definizione intuitiva di limite finito di una funzione per x che tende all infinito. Asintoti orizzontali. Definizione intuitiva di limite infinito di una funzione per x che tende ad un valore finito. Asintoti verticali. Definizione intuitiva di limite infinito di una funzione per x che tende all infinito. Modulo 5. Algebra dei limiti Limite della somma algebrica di due funzioni (solo enunciato). Limite del prodotto di due funzioni (solo enunciato). Limite del quoziente di due funzioni (solo enunciato). Limiti delle funzioni razionali intere e fratte (solo enunciato). Forme indeterminate. Modulo 6. Funzioni continue Considerazioni intuitive. Definizione di funzione continua. Punti di discontinuità per una funzione. 20

21 Modulo 7. Derivata di una funzione Significato geometrico. Derivate fondamentali (enunciati): derivata della funzione costante, della funzione identica, della funzione potenza. Teoremi sul calcolo delle derivate (enunciati): derivata della somma, del prodotto (in particolare prodotto di una costante per una funzione potenza) e del quoziente di due funzioni. Modulo 8. Funzioni crescenti Definizione intuitiva. Massimi e minimi relativi. Studio degli estremi relativi con la derivata prima. Grafico probabile Modulo 9. Lettura di grafici di funzioni Caratteristiche delle funzioni rappresentate: dominio, codominio, limiti agli estremi del dominio, asintoti orizzontali e verticali, intersezioni con assi, intervalli di positività, massimi e minimi relativi e assoluti, intervalli di crescita. 21

22 Disciplina: Francese - Prof.ssa M.Luisa Spagnol Libri di testo: Secteur Restauration di E. Carboni-M.Marchionni- Contenuti: La restauration : M.Olivieri Fiches de grammaire di G.Vietri Ed. Edisco Materiale fotocopiato fornito dalla Docente Etymologie du mot Diversification de la restauration en fonction de la nouvelle demande Nouvelles formules de restauration : la restauration commerciale et la restauration sociale Les restaurants gastronomiques La critique gastronomique Le classement des restaurants : le guide Michelin et le guide Gault-Millau L Hygiène alimentaire Les techniques de conservation par la chaleur Les techniques de conservation par le froid Les techniques de conservation par séparation et élimination d eau Le HACCP La réglementation alimentaire en Europe, en France et en Italie La qualité des produits alimentaires La filière alimentaire La traçabilité des aliments Les étiquettes Les sigles Métiers de la restauration Le secteur de la restauration et son importance économique Les métiers Les petites annonces La lettre commerciale (les parties principales de la lettre, lexique de base) : quelques exemples La lettre de motivation Le CV : quelques exemples Le CV européen Grammaire Les principales parties du discours (articles, substantifs, verbes, prépositions, adjectifs, pronoms) Le singulier, le pluriel /le masculin, le féminin et les principales exceptions Les verbes (le mode indicatif-conditionnel-impératif-subjonctif avec les verbes impersonnels) 22

23 La forme négative, affirmative, interrogative Analyse de la phrase : la subordonnée relative, temporelle, de cause La phrase hypothétique 23

24 Disciplina: Economia e gestione dell azienda ristorativa - Prof. Moccia MODULO 1: La gestione economica nelle imprese ristorative - Il reddito d esercizio ed il reddito globale; - Analisi dei costi e ricavi nelle imprese ristorative; - La classificazione dei costi e dei ricavi; - Il break even point nelle imprese ristorative MODULO 2: La gestione finanziaria ed economica delle imprese ristorative - Le scritture contabili obbligatorie; - Le scritture elementari e sezionali nelle imprese ristorative; - La contabilità generale ed il piano dei conti delle imprese ristorative; - Il bilancio d esercizio: i documenti obbligatori; - I principi di redazione ed i criteri di valutazione; - Le imposte: principali imposte dirette ed indirette; MODULO 3: Le Imposte - Principali imposte dirette ed indirette; - IRPEF; IRES ed IRAP; - L IVA: caratteristiche e meccanismo di liquidazione; - La dichiarazione dei redditi; MODULO 4: Le fonti di finanziamento - Le principali operazioni bancarie; - Le aperture di credito: il fido bancario; - Le fonti di finanziamento: fonti interne ed esterne; - Differenze tra azioni ed obbligazioni; - IL leasing ed il factoring; MODULO 4: La gestione del personale - Le risorse umane nelle imprese della ristorazione; - La ricerca, la selezione e la formazione del personale; - I nuovi contratti di lavoro; - La remunerazione del personale dipendente ed il costo del lavoro; - La cessazione del rapporto di lavoro; 24

25 Disciplina: Alimenti e alimentazione - Prof.ssa Silvia Sarlo LIBRO DI TESTO: A. Machado - Bioenergetica / Sicurezza alimentare e Dietetica - POSEIDONIA DIETOLOGIA L.A.R.N. e LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE Ripartizione del fabbisogno energetico giornaliero in macronutrienti e nelle razioni alimentari nelle diete di mantenimento (adulto) e di accrescimento (adolescente) Piramide alimentare Classificazione degli alimenti Linee guida 2003 Dieta equilibrata (principi) LA DIETA in CONDIZIONI FISIOLOGICHE La dieta del primo anno di vita La dieta in corso di gravidanza e allattamento La dieta nell adolescenza, nell età adulta e nella terza età TIPOLOGIE DIETETICHE Dieta Mediterranea Dieta Vegetariana LA DIETA in CONDIZIONI PATOLOGICHE La celiachia Ipercolesterolemia e aterosclerosi Ipertensione 25

26 Obesità Diabete mellito tipo 1 e 2 Alimentazione e cancro Disturbi del comportamento alimentare: anoressia e bulimia IGIENE degli ALIMENTI PREVENZIONE IGIENICO SANITARIA nella Ristorazione Requisiti igienico sanitari relativi agli ambienti di lavoro ed al personale Normativa igienico sanitaria sull Autocontrollo dell igiene Aziendale: Reg. CEE 852/04 - Sistema di controllo HACCP Pericoli chimici/fisici/biologici (generalità) CONTAMINAZIONI CHIMICHE Micotossine- Fitofarmaci- Zoofarmaci- Contaminazione da metalli CONTAMINAZIONI BIOLOGICHE Agenti: batteri, virus,muffe, lieviti. Fattori di crescita dei microrganismi Modalità di contaminazione dei microrganismi patogeni Principali microrganismi responsabili di malattie di origine alimentare (Salmonella, Clostridium Botulinum, Clostridium perfrigens, Staphilococcus aureus, Listeria monocytogenes, Bacillus cereus, Epatite A) e relative tossinfezioni / intossicazioni (sintomi - decorso - alimenti a rischio- norme di profilassi igienica) Parassitosi alimentari: Teniasi / Anysakidosi CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI ALTERAZIONI DEGLI ALIMENTI: CAUSE BIOLOGICHE E CHIMICO FISICHE METODI FISICI di CONSERVAZIONE Basse Temperature: Refrigerazione, Congelamento, Surgelazione Alte Temperature : Pastorizzazione, Sterilizzazione 26

27 Sottrazione d acqua: Concentrazione - Essiccazione -Liofilizzazione Modificazione di atmosfera Irradiazione METODI CHIMICI di CONSERVAZIONE Naturali: sale, zucchero, olio, aceto Artificiali: additivi chimici METODI CHIMICO-FISICI di CONSERVAZIONE METODI BIOLOGICI 27

28 Disciplina: Laboratorio di organizzazione e gestione dei servizi ristorativi Prof. Salvatore Crapanzano Il piano di autocontrollo H.A.C.C.P. : le contaminazioni alimentari, il sistema haccp,il manuale di autocontrollo, il pacchetto igiene, le schede di registrazione, il fascicolo documentazione haccp, i ccp, igiene dell ambiente, le fasi della pulizia, gli obblighi degli operatori del settore alimentare. La sicurezza sui luoghi di lavoro: l applicazione dei principi di sicurezza, la sicurezza delle attrezzature, la sicurezza antincendio, la segnaletica di sicurezza, il piano di evacuazione, il piano antincendio, la scheda informativa a vista, i criteri per la collocazione dei cartelli sulla sicurezza. L organizzazione del lavoro e la gestione delle risorse umane: l organizzazione del lavoro tradizionale, l organizzazione del lavoro di tipo industriale, l organizzazione del lavoro per regole, l organizzazione degli spazi, servizio di prevenzione e protezione decreto legislativo 9 aprile 2008, n 81, il responsabile di sicurezza, il rappresentante dei lavoratori, il medico competente, il sistema kaizen, l organizzazione delle risorse umane, l organizzazione del personale. Le gamme alimentari e le nuove tipologie di prodotti: gli alimenti, le nuove gamme alimentari, gli alimenti biologici, i prodotti vegetariani, disposizioni legislative che regolano la produzione biologica, etichettatura dei prodotti alimentari, la tracciabilità, la rintracciabilità, i prodotti a km0, i prodotti a Denominazione d Origine Protetta, i Prodotti a Indicazione Geografica Tipica. I diversi servizi della giornata: definizione di catering, il rifornimento della ristorazione commerciale, il rifornimento nella ristorazione collettiva, la ristorazione aziendale, rifornimento alla ristorazione viaggiante: catering aereo, catering ferroviario, catering navale; il servizio di banqueting, l organizzazione del servizio di banqueting, la pianificazione del servizio di banqueting, cenni sui principali stili di servizi, pranzi di gala, rinfreschi, buffet 28

29 Disciplina: Educazione Fisica - Prof.Cosimo Monterisi Corsa prolungata Corsa con aumento graduale della durata Corsa con cambio di ritmo Corsa varia (navetta, ripetute ecc.) Corsa veloce Esercizi per la mobiltà articolare. Esercizi per il potenziamento muscolare Esercizi di stretching. Miglioramento delle capacità condizionali Miglioramento delle capacità coordinative Percorsi misti per la coordinazione dinamico generale Esercizi con piccoli attrezzi - funicella - cerchi ecc. Circuito a stazioni Utilizzo della pedana elastica Per capovolte con rincorsa e volteggio al cavallo Conoscenza e pratica dell attività sportiva e dei giochi sportivi Sport di squadra con partite e arbitraggio autonomo. 29

30 Pallavolo Pallacanestro Calcio Organizzazione e pratica di tornei scolastici Giochi per l infanzia Giochi sportivi e pre-sportivi Cenni di atletica Conoscenza del proprio corpo e soccorso di base Anatomia di base Grandi apparati Muscoli principali Cenni di pronto soccorso Consolidamento del carattere Esercizi con i grandi attrezzi Esercizi di pre-acrobatica 30

31 STAGE 31

32 CLASSE 4 G - CORSO ALBERGHIERO STAGE ANNO SCOLASTICO 2010/2012 Riferimenti Azienda/Ente Periodo Studente I.I.S. Paolo Frisi - bar Via Cittadini Milano Bar Magenta Via Carducci 13 Milano Hotel Manzoni Via Santo Spirito 20 Milano Ristorante Savini Galleria Vittorio Emanuele II Milano Ristorante Savini Galleria Vittorio Emanuele II Milano Ristorante Quick n chic Via Ascanio Sforza 77 Milano Ristorante Savini Galleria Vittorio Emanuele II Milano Bistrot d Auguste 24, quai Perrache Lyon dal 16/05/2011 all 11/06/2011 dal 16/05/2011 all 11/06/2011 dal 16/05/2011 all 11/06/2011 dal 16/05/2011 all 11/06/2011 dal 16/05/2011 all 11/06/2011 dal 16/05/2011 all 11/06/2011 dal 16/05/2011 all 11/06/2011 dal 16/05/2011 all 11/06/2011 Bara Elisa (sala) Brioschi Simone (sala) Carrari Marco (cucina) Gulizia Sharon (sala) Kalori Cristian (cucina) Mohammed Amza (cucina) Zuccarello Ivana (cucina) Vigna Danilo (sala) 32

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2013/2014 CLASSE: 5 a I.T.A.S.

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSE : QUINTA

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

ALLEGATI DEL DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO 2014 ANNO SCOLASTICO 2013 /2014. CLASSE 5BR Tecnico dei servizi della Ristorazione

ALLEGATI DEL DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO 2014 ANNO SCOLASTICO 2013 /2014. CLASSE 5BR Tecnico dei servizi della Ristorazione ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CHINO CHINI Via Caiani - 5003 Borgo San Lorenzo (FI) Tel. 055.8459.68 - Fax 055.8495.131 Sito Web: www.chinochini.it - E-mail: chinochini@tin.it - PEC FIIS0300N@PEC.ISTRUZIONE.IT

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSE: QUARTA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

Istituto Professionale Alberghiero

Istituto Professionale Alberghiero Collegio Arcivescovile A. Castelli - Saronno Anno scolastico 2009/2010 Istituto Professionale Alberghiero Classe QUINTA Programmazione didattica iniziale RELIGIONE prof. Brambilla Andrea La vita in Cristo:

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CLASSI: PRIME TERZE QUINTE INDIRIZZI : SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE ED ASSICURATIVE

MATERIA: ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CLASSI: PRIME TERZE QUINTE INDIRIZZI : SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE ED ASSICURATIVE MATERIA: ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE ED ASSICURATIVE Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi

Dettagli

MATERIA: ALIMENTI ED ALIMENTAZIONE. Classe: 5 ENOGASTRONOMIA, SALA E VENDITA

MATERIA: ALIMENTI ED ALIMENTAZIONE. Classe: 5 ENOGASTRONOMIA, SALA E VENDITA MATERIA: ALIMENTI ED ALIMENTAZIONE Classe: 5 ENOGASTRONOMIA, SALA E VENDITA 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA Il quinto anno si caratterizza per essere il segmento del percorso formativo in cui si compie quell'affinamento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione DALLA SCUOLA AL LAVORO (ALTERNANZA) Compito prodotto Realizzare una relazione tecnica sulla ALTERNANZA Competenze mirate assi culturali cittadinanza professionali Asse dei linguaggi -Individuare

Dettagli

Anno scolastico 2012/2013. MATERIA : Laboratorio di organizzazione e gestione dei servizi ristorativi

Anno scolastico 2012/2013. MATERIA : Laboratorio di organizzazione e gestione dei servizi ristorativi ISTITUTO STATALE D'ISTRUZIONE SUPERIORE IPSSAR S.MARTA E AGGREGATO IPSSCT G.BRANCA PESARO Strada delle Marche, 1 61100 Pesaro Tel. 0721/37221 Fax 0721/31924 C.F. n.80005210416 http://www.alberghieropesaro.it

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015. I.P.S.A.0.R. di SASSARI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015. I.P.S.A.0.R. di SASSARI PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015 DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA I.P.S.A.0.R. di SASSARI Il docente di Diritto e Tecniche amministrative della struttura ricettiva

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia

Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia prof.ssa LAURA MARCHETTO Classe 3 sez. H MATEMATICA a.s 2014/15 B Obiettivi generali da raggiungere: Lo studente rispetti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. DI

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201/1 Classe 1 E COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA 2 LINGUA STRANIERA SCIENZE DELLA TERRA GEOGRAFIA FISICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Disciplina:ECONOMIA AZIENDALE Classe:4 A SIA A.S.2014/2015 Docente:CARBOGNIN AGOSTINO GIACOMO ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La situazione di partenza e' generalmente sufficiente, con la presenza

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO LINGUISTICO E MUSICALE REGINA MARGHERITA PALERMO. Programmazione annuale congiunta di Ed. fisica per il biennio.

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO LINGUISTICO E MUSICALE REGINA MARGHERITA PALERMO. Programmazione annuale congiunta di Ed. fisica per il biennio. LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO LINGUISTICO E MUSICALE REGINA MARGHERITA PALERMO Programmazione annuale congiunta di Ed. fisica per il biennio. Anno scolastico 2011/2012 L insegnamento dell Educazione

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

Anno scolastico 2012/2013. MATERIA : Laboratorio di organizzazione e gestione dei servizi ristorativi

Anno scolastico 2012/2013. MATERIA : Laboratorio di organizzazione e gestione dei servizi ristorativi ISTITUTO STATALE D'ISTRUZIONE SUPERIORE IPSSAR S.MARTA E AGGREGATO IPSSCT G.BRANCA PESARO Strada delle Marche, 1 61100 Pesaro Tel. 0721/37221 Fax 0721/31924 C.F. n.80005210416 http://www.alberghieropesaro.it

Dettagli

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA PRIMA PROVA SCRITTA CANDIDATO CLASSE DATA INDICATORI DESCRITTORI PUNTI Livello espressivo trascurato, con errori e improprietà lessicali Correttezza generale, sia pure con qualche lieve errore 2 CORRETTEZZA

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DI SCIENZE MOTORIE

PERCORSO FORMATIVO DI SCIENZE MOTORIE Anno Scolastico 2015/16 PERCORSO FORMATIVO DI SCIENZE MOTORIE CLASSE 5 A LSU Docente: Miragoli Cristina Ore settimanali: 2 Ore annuali (previste in data 8-6-16) : 55 FINALITA' E OBIETTIVI FINALITA Acquisire

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Via Gallo Pecca n. 4/6-10086 Rivarolo Canavese Tel 0124 454511 - Cod. Fiscale 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

Riferimenti metodologici per l area. di istruzione generale e l area

Riferimenti metodologici per l area. di istruzione generale e l area Riordino degli istituti professionali Seminario di approfondimento per la predisposizione delle Linee guida per il secondo biennio e l ultimo anno Riferimenti metodologici per l area di istruzione generale

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

LICEO STATALE "DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016

LICEO STATALE DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO STATALE "DOMENICO BERTI Allegato A al verbale n. 45 OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CARATTERISTICH E GENERALI DELL

Dettagli

Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio. Anno scolastico 2013/2014

Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio. Anno scolastico 2013/2014 Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio Anno scolastico 2013/2014 CLASSE V SEZ. B INDIRIZZO: TURISTICO APPROVATO IL: 14 MAGGIO 2014 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dettagli

Guida all esame di Stato

Guida all esame di Stato Sommario 1. Come si svolge l esame di Stato 1.1 Ammissione e credito scolastico 1.2 La terza prova 1.3 Il colloquio 1.4 Il voto finale 2. Come preparare l esame di Stato Guida all esame di Stato 1. Come

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

anno scolastico 2012/2013 Classi prime PROFILO EDUCATIVO CULTURALE E PROFESSIONALE (Hoepli, A. Antonino, M. Torrigiani ) OBIETTIVI GENERALI

anno scolastico 2012/2013 Classi prime PROFILO EDUCATIVO CULTURALE E PROFESSIONALE (Hoepli, A. Antonino, M. Torrigiani ) OBIETTIVI GENERALI ISTITUTO STATALE D'ISTRUZIONE SUPERIORE IPSSAR S.MARTA E AGGREGATO IPSSCT G.BRANCA PESARO Strada delle Marche, 1 61100 Pesaro Tel. 0721/37221 Fax 0721/31924 C.F. n.80005210416 http://www.alberghieropesaro.it

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 4Asa Indirizzo di studio Scienze applicate - Nuovo ordinamento Docente Disciplina

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Quarta Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE QUINTA A.S.

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE QUINTA A.S. ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE QUINTA A.S. 2014/2015 Insegnante: Cristina Nardini 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti LA VALUTAZIONE Valutazione degli apprendimenti Le verifiche hanno da sempre la duplice funzione di controllare il grado di apprendimento degli allievi e la validità dell azione educativa e didattica. Infatti,mentre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA Questa programmazione didattica vuole semplicemente fornire uno strumento d aiuto e riflessione per i docenti di questa disciplina, in quanto non

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MATERIA DIRITTO CLASSE 3 INDIRIZZO RIM DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: STATO E ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI VALUTARE FATTI E ORIENTARE I PROPRI COMPORTAMENTI IN BASE AD UN SISTEMA

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSI PRIME E SECONDE VOTI COMPETENZE -ha ottime capacità di ascolto; riconosce, scrive e legge correttamente parole\frasi in

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DEL DIPARTIMENTO ECONOMICO AZIENDALE Anno Scolastico: 2014-2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A.

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. - Guspini Programmazione annuale di MATEMATICA a.s. 2013-2014 Classi seconde Docente: Prof. Walter Concas A. OBIETTIVI 1. Obiettivi educativi generali. La

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA 1 di 5 04/12/2013 100 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA MODINA DOCENTI

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L DISCIPLINA_ SCIENZE MOTORIE DOCENTE Moramarco Pasquale QUADRO ORARIO

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

TECNICO/SCIENTIFIC O SALA E VENDITA ENOGASTRONOMICO SETT. SALA E VENDITA CLASSE E SEZIONE 2^AK INDIRIZZO LABORATORIO DI SERVIZI ENOGASTRONOMICI

TECNICO/SCIENTIFIC O SALA E VENDITA ENOGASTRONOMICO SETT. SALA E VENDITA CLASSE E SEZIONE 2^AK INDIRIZZO LABORATORIO DI SERVIZI ENOGASTRONOMICI Istituto d Istruzione Superiore Federico Flora Istituto Tecnico per il Turismo Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Socio Sanitari Via G. Ferraris Tel.

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA Telefono: 051/4298511 - Fax: 051/392318 - Codice fiscale: 80074870371 Sede Associata: Via Nazionale Toscana, 1-40068 San Lazzaro

Dettagli

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA?

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA? CLASSE 4 SEZ.B TITOLO FINALITA / SENSO DEL PERCORSO PRESENTAZIONE DELLA UDA TRASVERSALE SIMULAZIONE AZIENDALE Elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attività di studio e

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI MATEMATICA CLASSI QUINTE Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ DELL INSEGNAMENTO

Dettagli

Istituto Professionale - Settore Industriale Indirizzo: Abbigliamento e Moda

Istituto Professionale - Settore Industriale Indirizzo: Abbigliamento e Moda Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel: 035 250547 035 253492 Fax: 035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Docente Anna Maria Candiani Classe IV sez. A Indirizzo Sistemi informativi aziendali Materia di insegnamento Matematica Applicata Libro di testo Bergamini

Dettagli

PIANO DI LAVORO PER IL BIENNIO CLASSE 1 CM A.S. 2013-2014 DOCENTE SITUAZIONE DI PARTENZA

PIANO DI LAVORO PER IL BIENNIO CLASSE 1 CM A.S. 2013-2014 DOCENTE SITUAZIONE DI PARTENZA c.f. 93020970427 LICEO DI STATO C. RINALDINI Liceo Classico - Liceo Musicale - Liceo delle Scienze Umane con opzione Economico Sociale Via Canale, 1-60122 ANCONA - 071/204723 fax 071/2072014 e-mail: segreteria@rinaldini.org

Dettagli

LICEO STATALE SANDRO PERTINI - LADISPOLI

LICEO STATALE SANDRO PERTINI - LADISPOLI LICEO STATALE SANDRO PERTINI - LADISPOLI CLASSE 2^ Sez. F. ORIENTAMENTO: LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATERIA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. RENATO BARIOLI Condizioni iniziali

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola Polo Liceale Orbetello INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Fisica DOCENTE: Lucia Serpico CLASSE 1 A Obiettivi

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. FRUZZETTI

Dettagli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Criteri di valutazione degli studenti per tutte le classi I singoli docenti attraverso i propri piani di lavoro, i consigli di classe e la programmazione di

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 1DS Indirizzo di studio Liceo scientifico Docente Paola Carcano Disciplina Monte

Dettagli

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 I.P.S.I.A E. DE AMICIS - ROMA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA Classe 5C Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 Prof. Rossano Rossi La programmazione è stata sviluppata seguendo le linee guida ministeriali

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Anno scolastico 2013/2014 Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Napoli Dipartimento di Disegno e Storia dell Arte Obiettivi Gli alunni saranno guidati a rafforzare la conoscenza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " - Teano. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  - Teano. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " - Teano Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe seconda/sez. AT Prof. Basilone Alfonso COMPOSIZIONE DELLA CLASSE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a )

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a ) Istituto di Istruzione Secondaria Superiore PEANO Via Andrea del Sarto, 6/A 50135 FIRENZE 055/66.16.28 055/67.80.41 www.peano.gov.it FITD06000T@PEC.ISTRUZIONE.IT posta@peano.gov.it Codice fiscale: 80032310486

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

I.T.G. <> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE

I.T.G. <<G.C.Gloriosi>> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE I.T.G. Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO Prof. Lucia D Aniello, CLASSI 3 A, 4 A, 5 A GEOMETRI- SIRIO RELAZIONE Premesse La programmazione è stata redatta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa A.M.PANCINO Classe 5 A AFM materia Economia Aziendale anno scolastico 2015//2016 Obiettivi generali

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI MATERIA: Matematica CLASSE I E DATA DI PRESENTAZIONE: 28 novembre 2013 Finalità della disciplina La finalità della disciplina

Dettagli