Documento di Pianificazione Aziendale REGOLAMENTO AZIENDALE DG 03 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento di Pianificazione Aziendale REGOLAMENTO AZIENDALE DG 03 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE"

Transcript

1 Pag. 1 di 48 DG 03 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Delibera del Direttore Generale N. 859 DEL Data Rev Redatto Verificato Approvato Direttore U.O. Affari Generali e Legali Direttore Amministrativo Direttore Generale

2 Pag. 2 di 48 Allegato alla delibera n 859 del PARTE I 5 RESPONSABILITÀ E STRUTTURE ORGANIZZATIVE 5 TITOLO I - PRINCIPI GENERALI... 5 Art. 1 - Finalità generali... 5 Art. 2 - L assetto organizzativo: principi ispiratori... 5 Art. 3 - L assetto organizzativo: il quadro di insieme... 6 TITOLO II - DIREZIONE GENERALE ED AZIENDALE... 6 Art. 4 - Composizione e competenze della Direzione Generale e della Direzione Aziendale... 6 Art. 5 - L Ufficio di Direzione... 6 Art. 6 - Il Direttore Generale... 7 Art. 7 - Il Direttore Amministrativo... 7 Art. 8 - Il Direttore Sanitario... 7 Art. 9 - Il Direttore dei Servizi Sociali... 7 Art I sostituti dei Componenti della Direzione Aziendale... 8 Art Le deleghe... 8 TITOLO III - IL COLLEGIO SINDACALE... 8 Art Costituzione, funzioni e competenze... 8 TITOLO IV - GLI ORGANI CONSULTIVI... 9 Art. 13 Generalità... 9 Art Il Consiglio dei Sanitari... 9 Art Il Collegio di Direzione... 9 TITOLO V CENTRO DIREZIONALE Art Il Centro Direzionale Art. 17 Articolazione dello Staff Art. 18 Dipartimento Amministrativo e Tecnico Art. 19 Area Tecnica Art Nomina dei Responsabili di Staff, del Dipartimento Amministrativo e Tecnico e dell Area Tecnica ) I Responsabili di Staff, il Responsabile del Dipartimento Amministrativo e Tecnico e il Responsabile dell Area Tecnica sono dirigenti di struttura complessa, nominati direttamente dal Direttore Generale sentito il Direttore Sanitario e il Direttore Amministrativo Art Strutture di Supporto Amministrativo alle Zone-Distretto, ai Presidi Ospedalieri ed al Dipartimento della Prevenzione Art. 23 L Ufficio di Segreteria Unica della Direzione Generale TITOLO VI - STRUTTURE ORGANIZZATIVE GESTIONALI DI LINE Art. 24 Assetto Organizzativo Art ll Responsabile di Zona-Distretto Art I Responsabili di Unità Funzionale Art. 28 Dipartimenti di Zona Distretto Art. 29- Dipartimento dell'emergenza-urgenza Art. 30- Le Equipes territoriali dei Medici di Medicina Generale, dei Pediatri di Libera Scelta e dei Medici di Continuità Assistenziale Art Il Comitato di Coordinamento Art L Ufficio di Direzione Zonale Capo II Macrostruttura Ospedaliera Art L'assetto organizzativo Art Il Responsabile della Macrostruttura Ospedaliera Art. 35 Aree/Dipartimento Ospedaliere Art. 36 I Direttori delle Aree/Dipartimento Ospedaliere Art.37 Centro Unico Prenotazioni CUP Art Le Aree funzionali Art Le Unità Funzionali della prevenzione... 21

3 Pag. 3 di 48 Art Il Direttore del Dipartimento Art. 42 I Responsabili di Area Funzionale Art. 43 I Responsabili di Unità Funzionale Art Il Laboratorio di Sanità Pubblica di Area Vasta (LSPAV) Art I rapporti con l Istituto Zooprofilattico Art I rapporti con l ARPAT Art. 47 Articolazione organizzativa Art Il Dipartimento delle Professioni Infermieristiche e Ostetriche Art Il Dipartimento delle Professioni Tecnico Sanitarie della riabilitazione e della prevenzione TITOLO VII TECNO-STRUTTURE DI LINE Art Dipartimenti Funzionali di Coordinamento Tecnico Scientifico Art. 51 Responsabili dei Dipartimenti Coordinamento Tecnico Scientifico Art. 52- I Gruppi di Lavoro Art I Gruppi di Progetto PARTE II 26 REGOLE E MECCANISMI OPERATIVI PER IL GOVERNO DELL AZIENDA 26 TITOLO VIII LE RELAZIONI CON L AMBIENTE ESTERNO Art I rapporti con i Comuni Art I rapporti con la Regione Art I rapporti con l Area Vasta, l ESTAV e le altre Aziende sanitarie e il Sistema Integrato Ospedali Riuniti (SIOR) Art I rapporti con le Province Art. 58 Comitato Etico Locale Art. 59 Commissione Mista Conciliativa Art I rapporti con la Consulta e le Associazioni di volontariato e di tutela Art I rapporti con l Università Art I Rapporti con l imprenditoria privata Art Il diritto di accesso e partecipazione TITOLO IX MECCANISMI OPERATIVI E MOMENTI DI COORDINAMENTO Art. 64 Generalità Art La pianificazione strategica Art Programmazione e controllo, Budget Art. 67 Il controllo di gestione Art Il controllo di qualità Art. 69 La gestione strategica delle risorse umane TITOLO X - LA DIRIGENZA Art Principi Generali Art Tipologie degli incarichi Art Affidamento e revoca degli incarichi Art Attribuzione incarichi di direzione di Struttura Semplice Art Attribuzione incarichi di direzione di Struttura Complessa Art Gli incarichi professionali Art Posizioni di alta professionalità Art L attività libero-professionale dei dirigenti Art La dirigenza delle professioni sanitarie TITOLO XI - IL PERSONALE Art. 79 Il rapporto di lavoro del personale Art Le relazioni sindacali TITOLO XII - LA VALUTAZIONE, LA FORMAZIONE ED I CONTROLLI Art La valutazione dei Dirigenti Art Il percorso e gli organi di valutazione dei dirigenti Art Il Collegio Tecnico Art Il Nucleo di Valutazione Art Gli esiti della valutazione... 36

4 Pag. 4 di 48 Art La valutazione del personale del Comparto Art La formazione del personale Art. 88- Il servizio Ispettivo TITOLO XIII - ALTRE FORME DI SVOLGIMENTO DELL ATTIVITÀ Art I contratti a tempo determinato Art I contratti di formazione e lavoro Art Gli incarichi di collaborazione ad esterni Art I Tirocini volontari Art Le Borse di Studio Art Il servizio di assistenza religiosa TITOLO XIV - DISPOSIZIONI FINALI E TRANSITORIE Art Entrata in vigore Art Norma transitoria... 39

5 Pag. 5 di 48 PARTE I RESPONSABILITÀ E STRUTTURE ORGANIZZATIVE TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità generali 1-) Il presente Regolamento disciplina in modo compiuto il modello organizzativo della Azienda USL 2 allo scopo di realizzarne la missione diretta alla tutela della salute dei cittadini garantendo a tutti il raggiungimento dei livelli di assistenza definiti dalla programmazione sanitaria nazionale e regionale. 2-) In attuazione dell art. 2 dello Statuto Aziendale, il presente Regolamento definisce le competenze delle singole articolazioni e disciplina le loro interazioni ispirandosi ai principi di omogeneità, funzionalità ed economicità gestionale delle strutture. L organizzazione aziendale è attuata, in conformità agli indirizzi contenuti nel Piano Sanitario Nazionale, nel Piano Sanitario Regionale, nelle leggi nazionali e regionali in coerenza ai seguenti criteri: - flessibilità delle strutture organizzative e delle procedure, - responsabilità di budget, - integrazione e interazione tra diverse professionalità, - condivisione delle risorse, - umanizzazione e personalizzazione dell assistenza, - previsione di strumenti organizzativi interaziendali, - sviluppo della funzione di pianificazione strategica e di controllo direzionale - valutazione dei risultati raggiunti, - mobilità e flessibilità del personale 3-) L Azienda ispira inoltre la propria organizzazione al principio della distinzione tra funzioni di indirizzo e controllo e funzioni di attuazione e della gestione. Art. 2 - L assetto organizzativo: principi ispiratori 1-) Il presente Regolamento, ai fini gestionali interni all azienda, distingue le diverse unità organizzative in: unità di line: quando la singola struttura aziendale da vita ad una articolazione gerarchica che partecipa direttamente (funzioni di produzione) o indirettamente (funzioni di supporto) ai processi produttivi; unità di staff: si caratterizzano per una collocazione che esula dalla catena gerarchica in quanto svolgono funzioni trasversali che interessano o tutta l azienda o comunque più unità organizzative collocate ai diversi livelli. 2-) Con riferimento alla normativa della Regione Toscana è necessario sottolineare che la L.R.T. n. 40/2005 e smi definisce: Struttura organizzativa funzionale (area/dipartimento, unità funzionale e settore), l insieme di più funzioni operative riconosciute appartenenti a settori omogenei di attività; Struttura organizzativa professionale (unità operativa, sezione ed ufficio), l insieme di professionalità omogenee, attinenti ad una specifica funzione operativa.

6 Pag. 6 di 48 Art. 3 - L assetto organizzativo: il quadro di insieme 1-) L assetto organizzativo sul quale l'azienda si struttura ha la centralità nella Direzione Generale alla quale appartengono tutti i poteri decisionali e di organizzazione generale, come previsti dalla vigente normativa. 2-) Per l'esercizio della sua attività operativa e gestionale la Direzione Generale si avvale delle strutture di Staff della Direzione Aziendale e di Staff della Direzione Sanitaria, nonché della Struttura del Dipartimento Amministrativo e Tecnico. 3-) La gestione delle attività si attua attraverso due Zone-Distretto, la struttura dei Presidi Ospedalieri, il Dipartimento della Prevenzione. Queste articolazioni organizzative si definiscono Macrostrutture aziendali e rappresentano la prima linea di responsabilità di line gestionale aziendale e sono a sua volta suddivise in Dipartimenti o Aree/Dipartimenti gestionali. Le Macrostrutture sono responsabili per i risultati complessivi raggiunti all interno della propria articolazione organizzativa, attraverso diverse articolazioni organizzative interne di cui si avvalgono. Le Macrostrutture esercitano il controllo gerarchico diretto e la supervisione su tali articolazioni e sui fattori produttivi. 4-) Parallelamente alle strutture gestionali vi sono i Dipartimenti aziendali di coordinamento tecnico (art. 70 LRT. 40/2005) che non hanno autonomia gestionale ma garantiscono l integrazione delle strutture di line tecnico-scientifiche. Queste strutture hanno il controllo dei fattori produttivi necessari allo svolgimento dei propri compiti di indirizzo tecnico-scientifico. TITOLO II - DIREZIONE GENERALE ED AZIENDALE Art. 4 - Composizione e competenze della Direzione Generale e della Direzione Aziendale 1-) La Direzione Generale è il vertice dell'azienda ed è costituita dal Direttore Generale, dal Direttore Amministrativo, dal Direttore Sanitario e dal Direttore dei Servizi Sociali fino alla costituzione delle Società della Salute (SS.DD.SS.) 2-) La Direzione Aziendale è composta dal Direttore Generale, dal Direttore Amministrativo, dal Direttore Sanitario, dal Direttore dei Servizi Sociali, ovvero nel caso di costituzione delle Società della Salute dalla figura dirigenziale di riferimento, dai Responsabili di Zona-Distretto, dal Responsabile della Macrostruttura Ospedaliera e dal Direttore del Dipartimento di Prevenzione 3-) Competono alla Direzione Aziendale la pianificazione strategica, la gestione e il controllo direzionale. 4-) La Direzione Aziendale definisce in particolare gli obiettivi generali dell'azienda, le strategie per il loro raggiungimento, il proprio assetto organizzativo in funzione dei bisogni espressi dal territorio e lo sviluppo dei servizi ospedalieri in rete. La Direzione Aziendale attraverso le apposite strutture di "Staff", verifica il raggiungimento degli obiettivi in termini di servizi erogati e di risorse utilizzate. 5) La Direzione Aziendale si avvale per lo svolgimento delle proprie funzioni dell Ufficio di Direzione. Art. 5 - L Ufficio di Direzione 1-) L Ufficio di Direzione è composto dalla Direzione Aziendale, dai Direttori delle Aree- Dipartimento Ospedaliere, dai Responsabili di Staff, dal Responsabile di Dipartimento Amministrativo e Tecnico, dal Responsabile di Area Tecnica, dal Direttore del Dipartimento delle professioni Infermieristiche e Ostetriche, dal Direttore del Dipartimento delle professioni Tecnico Sanitarie della Prevenzione e della Riabilitazione e dal Responsabile del Dipartimento delle

7 Pag. 7 di 48 Politiche dell Appropriatezza Prescrittiva del Farmaco. 2) L Ufficio di Direzione supporta la Direzione Aziendale nell adozione degli atti di governo dell Azienda. Art. 6 - Il Direttore Generale 1-) Il Direttore Generale ha la legale rappresentanza dell Azienda, nonché la titolarità di tutti i poteri di gestione. 2-) Il Direttore Generale esercita le funzioni direttamente, ovvero delegandole al Direttore Amministrativo, al Direttore Sanitario, al Direttore dei Servizi Sociali, in relazione ai rispettivi settori di competenza, ai Responsabili delle Macrostrutture aziendali, nonché ad altra figura incaricata per ambiti settoriali di attività. La delega viene conferita per scritto con le modalità e nelle forme indicate nello statuto aziendale e può essere revocata in ogni momento. 3-) Il Direttore Generale adotta direttamente gli atti previsti dall art 36 della legge 40/2005 e s.m.i. fra i quali la nomina, la sospensione e la decadenza del Direttore Amministrativo, del Direttore Sanitario e del Direttore dei Servizi Sociali, la nomina dei membri del Collegio Sindacale, la omina dei Direttori o dei Responsabili delle strutture ed il conferimento, la sospensione e la revoca degli incarichi di responsabilità aziendali. Approva altresì lo Statuto Aziendale e la Convenzione Statuto della Società della Salute, ai sensi dell articolo 71 quater, comma 4 LRT. 40/2005 e s.m.i. ed è componente dell Assemblea dei Soci e della giunta esecutiva della Società della Salute stessa. Art. 7 - Il Direttore Amministrativo 1-) Il Direttore Amministrativo è nominato dal Direttore Generale in conformità a quanto dispone l art. 3, comma 7 del Decreto Leg.vo n. 502/92, nonché dagli artt. 36 e 40 della LRT 40/2005 e s.m.i. 2-) Il Direttore Amministrativo coadiuva il Direttore Generale nell esercizio delle proprie funzioni così come definito dallo Statuto Aziendale, nonché dalla deliberazione Regionale n. 89 del 1/2/ ) Ai sensi di quanto disposto dall art. 40 co. 11 della LRT n. 40/2005 e s.m.i. Il rapporto di lavoro del Direttore Amministrativo, si risolve di diritto decorsi sessanta giorni dalla nomina del nuovo Direttore Generale, se questi non provvede alla loro riconferma. Art. 8 - Il Direttore Sanitario 1-) Il Direttore Sanitario è nominato dal Direttore Generale in conformità a quanto dispone l art. 3, comma 7 del Decreto Leg.vo n. 502/92, nonché dagli artt. 36 e 40 della LRT 40/2005 e s.m.i. 2-) Il Direttore Sanitario coadiuva il Direttore Generale nell esercizio delle proprie funzioni così come definito dallo Statuto aziendale, nonché dalla deliberazione Regionale n. 89 del 1/2/ ) Ai sensi di quanto disposto dall art. 40 co. 11 della LRT n. 40/2005 e s.m.i. Il rapporto di lavoro del Direttore Sanitario, si risolve di diritto decorsi sessanta giorni dalla nomina del nuovo Direttore Generale, se questi non provvede alla loro riconferma. Art. 9 - Il Direttore dei Servizi Sociali 1-) Il Direttore dei Servizi Sociali è nominato dal Direttore Generale ai sensi dell art. 40 della LRT n. 40/2005 e s.m.i., comma 3 e 4, nel caso in cui non venga costituita la Società della Salute. 2-) Il Direttore dei Servizi Sociali coadiuva il Direttore Generale nella direzione e nel

8 Pag. 8 di 48 coordinamento delle attività socio-assistenziali a rilievo sanitario e di quelle di assistenza sociale delegate dai Comuni, così come definito dallo Statuto aziendale. 3-) In particolare, il Direttore dei Servizi Sociali formula indirizzi per le attività di integrazione socio sanitaria in ambito aziendale, per garantire livelli omogenei ed uniformi delle stesse, e presiede la commissione multidisciplinare costituita dalla azienda in ambito zonale per l esercizio delle funzioni di cui all articolo 20, comma 3, della L.R. 41/2005 e s.m.i.. 4-) Ai sensi di quanto disposto dall art. 40 co. 11 della LRT n. 40/2005 e s.m.i. Il rapporto di lavoro del Direttore dei Servizi Sociali, si risolve di diritto decorsi sessanta giorni dalla nomina del nuovo direttore generale, se questi non provvede alla loro riconferma. Art I sostituti dei Componenti della Direzione Aziendale 1-) Il Direttore Generale nomina con atto deliberativo un sostituto per ciascun componente della Direzione aziendale per assicurarne la continuità operativa nei casi di assenza o di impedimento di breve durata del titolare. 2-) I sostituti del Direttore Amministrativo, del Direttore Sanitario e del Direttore dei Servizi Sociali sono individuati nello Statuto Aziendale. 3-) Sostituto del Responsabile di Zona-Distretto è un dirigente della macrostruttura e viene nominato su indicazione del Direttore Amministrativo e del Direttore Sanitario. 4-) Sostituto del Direttore del Dipartimento della Prevenzione è un dirigente responsabile di Area Funzionale; 5-) Sostituto del Responsabile della Macrostruttura Ospedaliera è un dirigente medico della Direzione sanitaria ospedaliera. Art Le deleghe 1-) Il Direttore Generale si avvale del diritto di delegare le proprie funzioni per specifici settori di attività ovvero per l'adozione di singoli atti di diritto pubblico e di diritto privato, così come definito nello Statuto Aziendale. TITOLO III - IL COLLEGIO SINDACALE Art Costituzione, funzioni e competenze 1-) Il Collegio Sindacale è nominato dal Direttore Generale previa designazione dei membri da parte degli organi competenti. 2-) La composizione, la durata in carica, le competenze e il funzionamento del Collegio Sindacale sono disciplinati dalla legge e dallo Statuto Aziendale. 3-) Al Collegio Sindacale sono trasmessi, entro dieci giorni dalla adozione, tutti gli atti adottati dal Direttore Generale o delegati dallo stesso. Non sono soggetti al controllo del Collegio Sindacale i provvedimenti conseguenti ad atti già esecutivi. 4-) Entro 15 giorni dal ricevimento dell atto il Collegio Sindacale formula gli eventuali rilievi. Il mancato inoltro dei rilievi entro detto termine equivale a riscontro positivo. Il Direttore Generale comunica entro 10 giorni al Collegio l adeguamento agli stessi ovvero le ragioni motivate del mancato adeguamento. 5-) L attività del Collegio Sindacale viene esercitata sul Bilancio Aziendale ivi incluso le voci relative all assistenza sociale e ai servizi socio assistenziali.

9 Pag. 9 di 48 6-) Il Collegio Sindacale tiene un apposito registro delle adunanze e delle deliberazioni nel quale vengono annotati i controlli eseguiti e i risultati delle verifiche compiute. I verbali di ogni seduta sono sottoscritti dai componenti del Collegio. 7-) Il Collegio Sindacale disciplina il proprio funzionamento mediante regolamento da adottare in conformità alle disposizioni di legge. 8-) L Azienda mette a disposizione del Collegio Sindacale appositi locali idonei, nonché la funzione di segreteria. TITOLO IV - GLI ORGANI CONSULTIVI Art. 13 Generalità 1-) Svolgono funzioni consultive presso l'azienda i seguenti organismi: a) Il Consiglio dei Sanitari; b) Il Collegio di Direzione. Art Il Consiglio dei Sanitari 1-) Il Consiglio dei Sanitari coadiuva il Direttore Generale esprimendo pareri obbligatori in materia tecnico-sanitaria. 2-) In particolare fornisce parere obbligatorio nelle seguenti materie: a-) Piano attuativo locale; b-) Relazione sanitaria aziendale; c-) Statuto aziendale; d-) Attività tecnico-sanitarie, anche sotto il profilo organizzativo, e per gli investimenti ad esse attinenti. 3-) Il Consiglio dei Sanitari nella materia tecnico-sanitaria esercita altresì attività di proposta nei confronti del Direttore Generale, anche sotto il profilo organizzativo per gli interventi pertinenti al settore sanitario. 4-) Il Consiglio dei Sanitari è organismo elettivo e la sua composizione ed organizzazione sono dettate da apposito Regolamento, sulla base delle disposizioni dettate dagli artt. 44 e ss. della LRT 40/2005 e s.m.i. E presieduto dal Direttore Sanitario che lo convoca e ne predispone l agenda. 5-) Il Consiglio dei Sanitari dura in carica tre anni. Le elezioni per il suo rinnovo hanno luogo 30 giorni prima della cessazione del Consiglio precedente e sono indette dal Direttore Generale almeno 60 giorni prima della scadenza del mandato Art Il Collegio di Direzione 1-) Il Collegio di Direzione coadiuva il Direttore Generale per il governo delle attività cliniche, la programmazione e valutazione delle attività tecnico-sanitarie e di quelle ad alta integrazione sanitaria. Concorre inoltre alla formulazione dei programmi di formazione e delle soluzioni organizzative per l'attuazione della attività libero professionale intramuraria nonché alla valutazione dei risultati conseguiti rispetto agli obiettivi clinici. 2-) Il Direttore Generale si avvale del Collegio di Direzione per l'elaborazione del programma di attività dell'azienda, nonché per l'organizzazione e lo sviluppo dei servizi e per l'utilizzazione delle risorse umane. 3-) Il Collegio di Direzione è composto da: a) il Direttore Sanitario, che lo presiede; b) i Vice Presidenti del Consiglio dei Sanitari;

10 Pag. 10 di 48 c) i Direttori del Dipartimento di Prevenzione e delle Aree/Dipartimento Ospedaliere, i Responsabili del Dipartimento della Salute Mentale, del Dipartimento delle Dipendenze e del Dipartimento dell Emergenza Urgenza; d) i Dirigenti delle Professioni Infermieristiche e Ostetriche e i Dirigenti delle professioni Tecnico Sanitarie della Prevenzione della Riabilitazione ; e) un rappresentante dei medici convenzionati risultante il primo tra gli eletti nelle elezioni del Consiglio dei Sanitari. f) Fanno parte del Collegio di Direzione i Responsabili di Zona Distretto il Coordinatore Sanitario ed il Coordinatore sociale di Zona Distretto, il responsabile della Macrostruttura Ospedaliera, il Direttore Amministrativo, il Direttore dei Servizi Sociali ed il Responsabile del Dipartimento Politiche del Appropriatezza Prescrittiva del Farmaco. 4-) Il Collegio si riunisce almeno ogni tre mesi. 5-) Le funzioni di segreteria sono assicurate dalla segreteria generale dell azienda. TITOLO V CENTRO DIREZIONALE Art Il Centro Direzionale 1-) Il Centro Direzionale è composto dallo Staff e dal Dipartimento Amministrativo e Tecnico. Art. 17 Articolazione dello Staff 1-) Lo Staff è articolato nello Staff della Direzione Aziendale e nello Staff della Direzione Sanitaria e svolge funzioni di assistenza per la pianificazione strategica ed il controllo direzionale. 2-) Lo Staff della Direzione Aziendale è costituito da: 1) Politiche del Personale 2) Formazione 3) Comunicazione e Marketing 4) Prevenzione e Protezione dai Rischi 3-) Lo staff della Direzione Sanitaria è costituito da: 1) Direzione Sanitaria Aziendale e Governo Clinico 2) Educazione e Promozione della Salute 3) Assicurazione Qualità 4) Epidemiologia 5) Integrazione socio-sanitaria 6) Sorveglianza Sanitaria - Medico competente 7) Medico autorizzato 8) CUP e Anagrafica 9) Dipartimento della Professioni Infermieristiche ed Ostetriche 10) Dipartimento delle Professioni delle professioni Tecnico Sanitarie delle Prevenzione e della Riabilitazione. 4-) I responsabili di Staff e ciascuna Struttura Organizzativa e funzione individuale interna agli staff devono assicurare, rispetto al proprio ambito di attività, lo sviluppo, l attuazione e il controllo della programmazione e delle attività, in linea con gli indirizzi e i tempi della programmazione aziendale, devono garantire inoltre la verifica delle attività che mostrano uno scostamento rispetto agli obiettivi assegnati ed il loro riallineamento, in stretto collegamento con la Direzione Aziendale, assicurando la collaborazione all interno dello Staff stesso e con le altre strutture Aziendali.

11 Pag. 11 di 48 5-) Le funzioni dei responsabili di Staff sono precisate nel contratto individuale, nel quale vengono previste e definite le competenze specifiche connesse all incarico nonché gli obiettivi da perseguire, con particolare riferimento al controllo direzionale. Lo stesso esercita le funzioni demandate dalla legislazione di riferimento. 6-) I responsabili delle Unità Operative semplici e unità complesse e dei Dipartimenti sono responsabili dell organizzazione e della gestione delle articolazioni componenti, nonché delle risorse attribuite e degli obiettivi assegnati. Le funzioni sono precisate nel contratto individuale nel quale vengono previste e definite le competenze specifiche connesse all incarico nonché gli obiettivi da perseguire. Gli stessi esercitano le funzioni demandate dalla legislazione di riferimento. Art. 18 Dipartimento Amministrativo e Tecnico 1-) Il Dipartimento Amministrativo e Tecnico si articola nelle seguenti funzioni organizzative: 1) Affari generali, legali e contratti 2) Risorse umane 3) Programmazione acquisti e logistica 4) Gestione finanziaria e bilancio 5) Programmazione e controllo Fa parte altresì del Dipartimento l Area Tecnica che si articola nella funzione di Manutenzioni e patrimonio e nella funzione di Nuove opere 2-) Il responsabile del Dipartimento gestisce le risorse disponibili al fine di garantire l attuazione dei programmi aziendali nel rispetto dei tempi e dei tetti assegnati nell ambito del processo di budget. 3-) Il responsabile del Dipartimento garantisce la verifica delle attività che mostrano uno scostamento rispetto agli obiettivi assegnati ed il loro riallineamento, in stretto collegamento con la Direzione Aziendale. 4-) Le funzioni del Responsabile del Dipartimento Amministrativo e Tecnico sono precisate nel contratto individuale triennale, nel quale vengono previste e definite le competenze specifiche connesse all incarico nonché gli obiettivi da perseguire. Lo stesso esercita le funzioni demandate dalla legislazione di riferimento. 5-) Ai responsabili delle Unità Operative è affidata l organizzazione e la gestione delle Strutture delle risorse attribuite. Le funzioni sono precisate nel contratto individuale nel quale vengono previste e definite le competenze specifiche connesse all incarico nonché gli obiettivi da perseguire. Gli stessi esercitano le funzioni demandate dalla legislazione di riferimento. Art. 19 Area Tecnica 1-) L Area Tecnica svolge le seguenti funzioni operative: 1) Manutenzioni e patrimonio 2) Nuove opere 2-) Il Responsabile dell Area Tecnica e i responsabili delle Unità Operative garantiscono l attuazione dei programmi aziendali all interno del dipartimento Amministrativo e Tecnico ed il rispetto dei tempi e dei tetti di spesa assegnati nell ambito del processo di budget 3-) Il responsabile dell Area Tecnica garantisce la verifica delle attività che mostrano uno scostamento rispetto agli obiettivi assegnati ed il loro riallineamento, in stretto collegamento con il Responsabile del Dipartimento Amministrativo e Tecnico e con la Direzione Aziendale.

12 Pag. 12 di 48 4-) Le funzioni del Responsabile di Area sono precisate nel contratto individuale, nel quale vengono previste e definite le competenze specifiche connesse all incarico nonché gli obiettivi da perseguire. Lo stesso esercita le funzioni demandate dalla legislazione di riferimento. 5-) I responsabili delle Unità Operative sono responsabili dell organizzazione e della gestione delle Strutture che le compongono, nonché delle risorse attribuite. Le funzioni sono precisate nel contratto individuale nel quale vengono previste e definite le competenze specifiche connesse all incarico nonché gli obiettivi da perseguire. Gli stessi esercitano le funzioni demandate dalla legislazione di riferimento. Art Nomina dei Responsabili di Staff, del Dipartimento Amministrativo e Tecnico e dell Area Tecnica 1-) I Responsabili di Staff, il Responsabile del Dipartimento Amministrativo e Tecnico e il Responsabile dell Area Tecnica sono dirigenti di struttura complessa, nominati direttamente dal Direttore Generale sentito il Direttore Sanitario e il Direttore Amministrativo. 2-) L Azienda disciplina il rapporto con i suddetti Responsabili mediante contratto individuale, di durata triennale, nel quale sono individuate e definite le specifiche funzioni di coordinamento organizzativo, nonché di responsabilità nel raggiungimento degli obiettivi specifici nell area/dipartimento di competenza. Art Strutture di Supporto Amministrativo alle Zone-Distretto, ai Presidi Ospedalieri ed al Dipartimento della Prevenzione 1-) Per ogni macrostruttura è costituita una unica Struttura di Supporto Amministrativo, con referenza professionale al Dipartimento Amministrativo e Tecnico, avente funzione di organizzazione e gestione delle funzioni amministrative ed il compito di supportare il Responsabile di macrostruttura nella gestione del budget assegnato. 2-) Tutto il personale del ruolo tecnico e amministrativo della Macrostruttura di riferimento è assegnato alla Struttura di Supporto Amministrativa ed è gestito dal Responsabile Amministrativo della Struttura stessa. 3-) La responsabilità è attribuita dal Direttore Generale al personale con qualifica dirigenziale o a personale del Comparto di categoria D o DS. Le funzioni specifiche sono definite nel contratto individuale stipulato al momento dell individuazione del responsabile. Art. 22 Progetti Speciali 1-) Trovano collocazione nello Staff le responsabilità di tipo project manager collegate a particolari Progetti Speciali sia aziendali che regionali e altri progetti aziendali individuati dalla Direzione Generale. 2-) I Responsabili di Staff avranno cura di tenere ed aggiornare l elenco dei Progetti Speciali. 3-) Con l istituzione di ciascun progetto speciale sarà individuato un Responsabile di progetto ed i compiti ad esso assegnati. Art. 23 L Ufficio di Segreteria Unica della Direzione Generale 1-) Per lo svolgimento dell attività di Segreteria dei componenti della Direzione Generale, degli Staff e del Collegio Sindacale è costituito un Ufficio operativo unico composto da personale dell Azienda scelto personalmente dal Direttore Generale. 2-) L Ufficio è posto sotto il profilo organizzativo alle dipendenze della Direzione Generale.

13 Pag. 13 di 48 3-) L Ufficio, in collaborazione con i responsabili di Staff, assolve i compiti di segreteria generale unica e provvede inoltre alla tenuta delle relazioni interne ed esterne con i componenti della Direzione Aziendale, dell Ufficio di Direzione, del Collegio Sindacale e della Conferenza dei Sindaci, del Consiglio dei Sanitari e del Collegio di Direzione. TITOLO VI - STRUTTURE ORGANIZZATIVE GESTIONALI DI LINE Art. 24 Assetto Organizzativo 1-) L Azienda si articola in quattro Macrostrutture: Macrostruttura Zona Distretto Piana di Lucca, Macrostruttura Zona Distretto Valle del Serchio, Macrostruttura Ospedaliera e Macrostruttura Dipartimento della Prevenzione. Capo I Macrostrutture Zona-Distretto Art Organizzazione e competenze delle Macrostrutture Zona Distretto 1-) Nell ambito della Zona-Distretto sono costituite la Macrostruttura Piana di Lucca e la Macrostruttura Valle del Serchio. 2-) Le Macrostrutture Zona-Distretto provvedono all'erogazione delle cure primarie e delle prestazioni socio-sanitarie attraverso Dipartimenti e Strutture Organizzative Multiprofessionali denominate Unità Funzionali. 3-) I Dipartimenti e le Unità Funzionali per i servizi territoriali di Zona-Distretto provvedono all erogazione degli interventi in modo globale ed integrato assicurando in particolare il coordinamento tecnico e gestionale in materia di cure primarie, salute mentale, assistenza ai tossico dipendenti e alcolisti ed assistenza sociale. I Responsabili di Zona Distretto garantiscono le cure primarie anche attraverso gli specialisti ambulatoriali e l utilizzo delle convenzioni con i Medici di Medicina Generale, con i Pediatri di Libera Scelta, con i Medici di Continuità Assistenziale ed i Medici di Emergenza Territoriale. 4-) Le Unità Funzionali (UF) per i servizi territoriali di Zona-Distretto costituite dall Azienda sono così definite: Zona-Distretto Piana di Lucca - UF Cure primarie - UF Assistenza sociale - UF Complessa Continuità Assistenziale Ospedale Territorio aziendale - UF Attività consultoriale aziendale - UF Odontostomatologia aziendale Zona-Distretto Valle del Serchio - UF Cure primarie - UF Assistenza sociale 5-) Le Unità Organizzative afferenti alle suddette Unità Funzionali sono individuate (nell allegato A) facente parte integrante e sostanziale del presente Regolamento di Organizzazione. 6) L Azienda potrà attivare, previa sperimentazione, specifiche Unità Funzionali di Medicina Generale con conseguente ridefinizione delle UF esistenti. Art ll Responsabile di Zona-Distretto 1) A ciascuna Zona-Distretto è preposto un Responsabile, nominato dal Direttore Generale, fra i dirigenti in possesso dei requisiti richiesti dall art. 64 bis della LRT 40/2005 e s.m.i..

14 Pag. 14 di 48 2-) Il rapporto con il Responsabile di Zona-Distretto è disciplinato mediante contratto di diritto privato, redatto secondo uno schema-tipo approvato dalla Giunta regionale nel rispetto delle norme del codice civile, avente durata triennale, nel quale sono individuate e definite le competenze specifiche connesse all incarico, nonché gli obiettivi da perseguire. 3-) Il contratto decade di diritto decorsi sessanta giorni dalla nomina del nuovo Direttore Generale, se questi non provvede alla loro riconferma. 4-) Le principali competenze del Responsabile di Zona-Distretto, fermo restando quelle indicate nella normativa vigente e nello Statuto Aziendale, sono in sintesi: a) Collaborazione con la Direzione Generale alla predisposizione delle linee strategiche, dei Piani di Salute, dei Piani Integrati di Salute, dei Piani Attuativi Locali e dei Piani di Area Vasta; b) Valutazione dei bisogni sanitari e sociali della comunità e definizione delle caratteristiche qualitative e quantitative dei servizi necessari a soddisfare i bisogni assistenziali della popolazione al fine di garantire idonea assistenza a ciascun cittadino, con piena responsabilità sull appropriatezza ed efficienza delle prestazioni, nonché sul rispetto dei tempi di attesa previsti per ciascuna prestazione dalla programmazione regionale; c) Gestione del budget assegnato alla zona-distretto e negoziazione con i responsabili delle unità funzionali della zona-distretto del budget di rispettiva competenza; d) Assicurare l appropriato svolgimento dei percorsi assistenziali attraverso la partecipazione e il coinvolgimento dei medici di Medicina Generale e Pediatri di libera scelta sull erogazione dell assistenza primaria integrata con i servizi dell azienda, anche attraverso la promozione dell associazionismo medico; e) Responsabilità della corretta erogazione delle prestazioni sanitarie e amministrative richieste, siano esse erogate direttamente nei presidi aziendali distrettuali e anche di quelle usufruite presso privati convenzionati; f) Verifica e analisi delle caratteristiche e dei tempi di attesa garantendo il rispetto dei tempi previsti dalla regione toscana con monitoraggio mensile, con il supporto del Nucleo di Valutazione, congiuntamente al responsabile dei Presidi Ospedalieri; g) Predisposizione e attuazione di modelli organizzativi e di azioni diretti all integrazione territorio - ospedale attraverso dei percorsi assistenziali volti ad un più stretto legame tra MMG, PLS, Ospedale e Territorio finalizzata anche al governo della domanda e dell appropriatezza dei consumi sanitari, con particolare riferimento alla diagnostica e alla spesa farmaceutica; h) Definizione del contratto decentrato dei Medici di Medicina Generale e Pediatri di Libera Scelta, Medici Convenzionati per la Continuità Assistenziale a livello aziendale, in coerenza con la programmazione triennale; i) Definizione dei programmi di formazione e di aggiornamento professionale degli operatori. in collaborazione con i Responsabili delle strutture funzionali e in coerenza con gli indirizzi del Piano di formazione aziendale; j) E responsabile della vigilanza, del controllo e della correttezza dello svolgimento di tutte le attività delle strutture di competenza; k) E responsabile dei percorsi di accreditamento e di miglioramento delle Strutture territoriali. 5-) Il Responsabile di Zona-Distretto conduce il processo di budget con i responsabili di unità funzionale e dipartimenti, e garantisce la costituzione dei singoli budget con gli indirizzi strategici e con la compatibilità economica aziendale; ogni Zona-Distretto ha una contabilità analitica separata.

15 Pag. 15 di 48 6-) E compito del Responsabile esaminare e confrontare con i responsabili di unità funzionale la reportistica mensile e trimestrale e relazionare alla direzione aziendale sugli scostamenti e sulle azioni di riallineamento da intraprendere per garantire gli obiettivi aziendali. 6-) Per l espletamento delle sue funzioni, il Responsabile di Zona Distretto si avvale altresì dei Dirigenti delle Unità Operative Professionali e della UO Farmaceutica Territoriale 7-) Il Responsabile di Zona-Distretto, è coadiuvato da un Comitato di Coordinamento di Zona- Distretto e per le funzioni gestionali si avvale dell Ufficio di Direzione Zonale, della UO Direzione Sanitaria Aziendale e del Supporto Amministrativo. 8-) Il Responsabile di Zona-Distretto può operare su delega del Direttore Generale, nelle materie di specifica assegnazione. 9-) In caso di costituzione della Società della Salute, il Direttore Generale delega al Direttore della Società della Salute le funzioni del Responsabile di Zona-Distretto. Art I Responsabili di Unità Funzionale 1) I Responsabili di Unità Funzionale della Zona-Distretto sono nominati, fra i dirigenti aventi anzianità di almeno 5 anni, dal Direttore Generale sentito il Responsabile di Zona-Distretto e il Direttore di Dipartimento ove costituito, e rimangono in carica per tre anni. 2-) I Responsabili di unità funzionale esercitano le funzioni precisate nel contratto individuale, nel quale vengono previste e definite le competenze specifiche connesse all incarico, nonché gli obiettivi da perseguire. 3-) Partecipano in modo attivo alla verifica, così come stabilita dalla Direzione Aziendale, delle attività che mostrano uno scostamento rispetto agli obiettivi assegnati ed al loro riallineamento, in stretto collegamento con il Responsabile della macrostruttura. Art. 28 Dipartimenti di Zona Distretto 1-) Sul territorio sono altresì costituiti il Dipartimento della Salute Mentale, il Dipartimento delle Dipendenze e il Dipartimento dell Emergenza Urgenza aventi valenza aziendale. I suddetti Dipartimenti sono strutture funzionali individuate dall Azienda al fine di gestire in modo coordinato ed integrato le risorse disponibili e le attività agli stessi afferenti, garantendo l omogeneità delle procedure operative nonché l ottimizzazione della qualità delle prestazioni aziendali nello specifico settore. I Dipartimenti programmano l attività con i Responsabili di Zona-Distretto assicurando l erogazione dei livelli essenziali di assistenza. 2-) Le unità funzionali (UF) del Dipartimento della Salute Mentale costituite dall Azienda sono così ripartite: UF complessa Salute Mentale Adulti di Lucca UF Salute Mentale Adulti della Valle del Serchio UF Salute Mentale per l Infanzia e l Adolescenza Le Unità Organizzative afferenti al Dipartimento sono individuate nell allegato A) facente parte integrante e sostanziale del presente Regolamento di Organizzazione 3) Le Unità Funzionali del Dipartimento delle Dipendenze costituite dall Azienda sono così ripartite: UF Tossicodipendenze Lucca UF Tossicodipendenze Valle del Serchio

16 Pag. 16 di 48 Le Unità Organizzative afferenti al Dipartimento sono individuate nell allegato A) facente parte integrante e sostanziale del presente Regolamento di Organizzazione 4) Il responsabile del Dipartimento della Salute Mentale e il responsabile del Dipartimento delle Dipendenze sono nominati dal Direttore Generale, su proposta del Direttore Sanitario, fra i Dirigenti di struttura complessa afferenti al Dipartimento interessato e restano in carica tre anni. 5) Le funzioni sono precisate nel contratto individuale nel quale vengono previste e definite le competenze specifiche connesse all incarico nonché gli obiettivi da perseguire. Gli stessi esercitano le funzioni demandate dalla legislazione di riferimento. Art. 29- Dipartimento dell'emergenza-urgenza 1-) Il Dipartimento dell Emergenza-Urgenza (DEU) è una struttura gestionale di coordinamento multiprofessionale di tipo complesso e svolge la sua attività per tutto il territorio aziendale. 2-) Al Dipartimento è preposto un Comitato Direttivo i cui componenti sono individuati nell apposito Regolamento. 3-) Il Responsabile del Dipartimento è nominato dal Direttore Generale, su proposta del Direttore Sanitario, tra i dirigenti di struttura complessa componenti il Comitato, e rimane in carica per tre anni. 4-) Le funzioni sono precisate nel contratto individuale nel quale vengono previste e definite le competenze specifiche connesse all incarico nonché gli obiettivi da perseguire. Gli stessi esercitano le funzioni demandate dalla legislazione di riferimento. 5-) L attività del Dipartimento è disciplinata da un apposito Regolamento che definisce l organizzazione e i rapporti con il territorio, con i presidi ospedalieri, con le organizzazioni di volontariato operanti nel settore dell'emergenza-urgenza nonché la partecipazione alla Centrale Grandi Rischi della Protezione Civile. 6-) Sono strutture organizzative del Dipartimento di Emergenza Urgenza, oltre ai Dipartimenti Ospedalieri in proiezione, le seguenti UO: - UO Centrale Operativa UO Pronto Soccorso Lucca - Sez. Pronto Soccorso Valle del Serchio Art. 30- Le Equipes territoriali dei Medici di Medicina Generale, dei Pediatri di Libera Scelta e dei Medici di Continuità Assistenziale 1-) L Equipe territoriale, che risponde al Responsabile di Zona-Distretto, risultano essere: - un gruppo caratterizzato da un legame funzionale tra professionisti dipendenti e convenzionati (PLS e MMG); - strumento attuativo della programmazione sanitaria; - momento organizzativo della medicina generale e delle altre discipline presenti nel distretto per la erogazione dei livelli essenziali ed appropriati di assistenza e per la realizzazione di specifici programmi e progetti assistenziali di livello nazionale, regionale e aziendale. 2-) Al fine di assicurare l intersettorialità e l integrazione degli interventi socio-sanitari nell ambito territoriale di riferimento, della équipe territoriale fanno parte le figure professionali ivi operanti deputate a garantire: - l assistenza primaria; - la continuità assistenziale; - la pediatria di libera scelta e la medicina generale;

17 Pag. 17 di 48 - l assistenza specialistica ambulatoriale; - l assistenza sociale a rilevanza sanitaria. 3-) L attività interdisciplinare ed integrata dell équipe territoriale si realizza mediante la produzione di valutazioni multidimensionali e selezionando risposte appropriate alle diverse condizioni di bisogno (socio sanitario e socio assistenziale). 4-) L Equipe territoriale individua un proprio Coordinatore, referente per le relazioni con il Responsabile della Zona-Distretto. Il Coordinatore è eletto dai componenti dell equipe territoriale, ed è nominato con atto del Direttore Generale; l incarico ha durata biennale e rimane in carica massimo quattro anni. 5-) Relativamente ai MMG e PLS la partecipazione all équipe territoriale è obbligatoria in relazione alle loro convenzioni nazionali vigenti. Il personale dipendente viene assegnato funzionalmente all Equipe territoriale e continua a fare riferimento alla propria UF. Art Il Comitato di Coordinamento 1-) In ogni Zona-Distretto è costituito un Comitato di Coordinamento con il compito di assicurare nell'ambito della Zona-Distretto il coordinamento delle funzioni tecnico-scientifiche nonché di raccordare i responsabili dell erogazione delle prestazioni anche ai fini della valutazione dell andamento dei servizi e della definizione degli obiettivi di programmazione della Zona- Distretto. 2) Il Responsabile di Zona-Distretto è coadiuvato da un Comitato di Coordinamento composto da: a) un Medico di Medicina Generale, un Pediatra di Libera Scelta e uno Specialista Ambulatoriale convenzionato, designati, rispettivamente dalla conferenza dei Referenti dell Equipe Territoriali della quale fanno parte tutti i Referenti Equipe Territoriale, dagli Specialisti Pediatri e dagli Specialisti Ambulatoriali convenzionati operanti nella Zona-Distretto con le modalità previste dai rispettivi accordi nazionali e regionali.; b) un Farmacista convenzionato, designato dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative delle farmacie pubbliche e private operanti nella Zona-Distretto; c) un rappresentante delle Associazioni di Volontariato operanti nella Zona-Distretto, designato dalla Consulta del Terzo Settore nel caso di costituzione della Società della Salute; d) un Coordinatore per le attività di assistenza infermieristica ed un Coordinatore per le attività di assistenza riabilitativa professionale, individuati dal Direttore Generale, su proposta del Responsabile di Zona-Distretto, tra i direttori delle corrispondenti unità operative professionali; e) i Responsabili delle Unità Funzionali nei settori di: - cure primarie - salute mentale, - assistenza ai tossicodipendenti ed alcolisti, - assistenza sociale. Art L Ufficio di Direzione Zonale 1-) Il Responsabile di Zona-Distretto, per le funzioni gestionali, è coadiuvato da un Ufficio di Direzione Zonale composto da: a) i Responsabili delle Unità Funzionali relative ai settori di attività di cui al punto e) del precedente articolo; b) un Coordinatore per le attività di assistenza infermieristica e un Coordinatore per le attività di assistenza riabilitativa professionale, individuati dal Responsabile di Zona-Distretto;

18 Pag. 18 di 48 c) un Medico Referente unico zonale della medicina convenzionata individuato dal Responsabile di Zona-Distretto tra i soggetti di cui alla lettera a) del precedente comma. 2 -) I partecipanti all organismo possono inviare propri delegati. Altri operatori aziendali possono essere invitati a partecipare alle riunioni a discrezione del responsabile di Zona-Distretto 3-) Tra i componenti dell'ufficio di Direzione Zonale il Responsabile di Zona-Distretto individua un Coordinatore Sanitario ed un Coordinatore Sociale che lo coadiuvano nell'esercizio delle funzioni di propria competenza. 4-) Laddove venga costituita la società della salute il coordinatore sociale può essere individuato anche tra il personale della stessa o degli enti consorziati, ed è responsabile delle funzioni di cui all articolo 37 della l. r. 41/ ) Il Responsabile di Zona-Distretto disciplina l attività dell organismo mediante apposito Regolamento. Capo II Macrostruttura Ospedaliera Art L'assetto organizzativo 1-) La Macrostruttura Ospedaliera opera attraverso due Presidi Ospedalieri: - Presidio Ospedaliero di Lucca; - Presidio Ospedaliero della Valle del Serchio articolato negli stabilimenti di Barga e di Castelnuovo Garfagnana; I Presidi Ospedalieri sono organizzati secondo un sistema a rete che ne garantisce il coordinamento per l uso razionale delle risorse nonché per assicurare la continuità ed efficacia dei percorsi assistenziali ospedale territorio mediante integrazione con le strutture territoriali. 2-) La Macrostruttura Ospedaliera adotta una gestione unitaria del budget, pur tenendo una contabilità analitica separata per ciascun Presidio, ai fini della verifica dell equilibrio di bilancio e adotta come sistema organizzativo di gestione operativa delle attività il modello dipartimentale; le Aree Funzionali di cui all art. 68 della L.R.T. n. 40/2005 e smi sono denominate Aree/Dipartimenti. 3-) Il Responsabile di Macrostruttura Ospedaliera viene scelto dal Direttore Generale fra i Direttori di Presidio Ospedaliero. 4-) Il presente articolo troverà compiuta applicazione con la nomina dei Direttori di Presidio Ospedaliero. Art Il Responsabile della Macrostruttura Ospedaliera 1-) La responsabilità della Macrostruttura Ospedaliera è affidata dal Direttore Generale, su proposta del Direttore Sanitario ad uno dei direttori di Presidio 2-) Il Responsabile della Macrostruttura Ospedaliera sottoscrive con l'azienda un contratto individuale triennale nel quale sono individuate e definite le competenze specifiche connesse all'incarico, nonché gli obiettivi da perseguire. 3-) Il contratto di lavoro del Responsabile della Macrostruttura Ospedaliera decade di diritto decorsi sessanta giorni dalla nomina del nuovo Direttore Generale, se questi non provvede alla loro riconferma. 4-) Il Responsabile della Macrostruttura Ospedaliera: a) Coadiuva la Direzione Generale nella predisposizione delle linee strategiche, nonché dei Piani di Salute, dei Piani Integrati di Salute, dei Piani Attuativi Locali e dei Piani di Area Vasta;

19 Pag. 19 di 48 b) Garantisce ogni attività inerente le funzioni ospedaliere, compresi i rapporti con le strutture aziendali accreditate, attraverso i responsabili delle strutture organizzative afferenti; c) E responsabile della vigilanza, del controllo e della correttezza dello svolgimento di tutte le attività delle strutture di competenza; d) Verifica l efficacia l efficienza e l appropriatezza delle prestazioni in particolare all attività diagnostica, all utilizzo delle sale operatorie, al corretto utilizzo dei dispositivi sanitari, dei farmaci perseguendo l erogazione diretta dei farmaci in dimissione e in regime ambulatoriale; e) Garantisce l efficacia delle prestazioni riducendo la mobilità passiva regionale ed exrtaregionale; f) E responsabile dei percorsi di accreditamento e di miglioramento delle Strutture Ospedaliere; g) E responsabile degli aspetti logistici ed in particolare definisce il Piano annuale logistico delle attività; h) Promuove la definizione dei programmi di formazione e di aggiornamento (comprese le iniziative congressuali e la produzione scientifica) in collaborazione con i Responsabili delle strutture organizzative, funzionali e professionali e in coerenza con gli indirizzi del Piano di formazione aziendale; i) Opera per il raggiungimento degli obiettivi aziendali di funzionamento della rete ospedaliera, compresi i livelli di integrazione definiti in Area Vasta; j) Si avvale dell apporto dei Direttori delle Aree/Dipartimento, in particolare nella gestione del Governo Clinico e nelle procedure di accreditamento delle Strutture; 5-) Il Responsabile della Macrostruttura Ospedaliera conduce il processo di budget con i Direttori delle Aree/Dipartimento, e garantisce la costituzione dei singoli budget con gli indirizzi strategici e con la compatibilità economica aziendale; 6-) E compito del Responsabile della Macrostruttura Ospedaliera esaminare la reportistica mensile e trimestrale predisposta ed inviata dai Direttori di Area/Dipartimenti e relazionare alla Direzione Aziendale sugli scostamenti e sulle azioni d riallineamento da intraprendere per garantire gli obiettivi aziendali e il rispetto del budget assegnato. 7-) Per l espletamento delle sue funzioni, il Responsabile della Macrostruttura Ospedaliera si avvale altresì dei Dirigenti delle Unità Operative Professionali e della UO Farmaceutica Ospedaliera 8-) Il Responsabile della Macrostruttura Ospedaliera si avvale della U.O. Direzione Sanitaria Aziendale e del Supporto Amministrativo che lo coadiuva in tutte le sue funzioni direzionali. 9-) In caso di vacanza, assenza o impedimento dei Direttori di Presidio Ospedaliero, la responsabilità di Macrostruttura Ospedaliera può essere attribuita dal Direttore Generale con provvedimento a tempo a un dirigente medico addetto alla U.O. Direzione Sanitaria Ospedaliera. Art. 35 Aree/Dipartimento Ospedaliere 1-) Le Aree/Dipartimento Ospedaliere sono strutture funzionali individuate dall Azienda per l attuazione di processi organizzativi integrati e sono costituiti come aggregazioni di Unità Operative e Sezioni, affini e/o complementari, al fine di assicurare un efficiente governo clinico delle UU.OO. Professionali, nonché una razionale e corretta allocazione e gestione delle risorse, finalizzate alla realizzazione degli obiettivi aziendali. 2-) Il budget assegnato alla macrostruttura ospedaliera viene distribuito alle diverse Aree/Dipartimento.

20 Pag. 20 di 48 Le Aree/Dipartimento Ospedaliere sono: - Area/Dipartimento Materno Infantile - Area/Dipartimento Diagnostica - Area/Dipartimento Chirurgico - Area/Dipartimento Cardiorespiratorio - Area/Dipartimento Oncologico - Area/Dipartimento Medico - Area/Dipartimento di Medicina e Traumatologia dello Sport e Ortopedia - Area/Dipartimento Valle del Serchio Le Unità Organizzative afferenti alle suddette Aree/Dipartimento sono individuate nell allegato A) facente parte integrante e sostanziale del presente Regolamento di Organizzazione Art. 36 I Direttori delle Aree/Dipartimento Ospedaliere 1-) Le funzioni di Direttore di Area/Dipartimento sono svolte da un dirigente nominato dal Direttore Generale, su proposta del Direttore Sanitario, tra i Direttori delle UO complesse afferenti l Area/Dipartimento con contratto triennale. 2-) Le funzioni sono precisate nel contratto individuale nel quale vengono previste e definite le competenze specifiche connesse all incarico nonché gli obiettivi da perseguire. Gli stessi esercitano le funzioni demandate dalla legislazione di riferimento. 3-) Il Direttore dell Area/Dipartimento Ospedaliero ha le responsabilità gestionali e professionali analiticamente descritte nell apposito Regolamento Aziendale. Art.37 Centro Unico Prenotazioni CUP 1-) Al fine di garantire all utenza rapidità, imparzialità e trasparenza nelle modalità di accesso alle prestazioni ambulatoriali specialistiche e diagnostiche è istituito il sistema di prenotazione informatizzato CUP - Centro Unico Prenotazione, che consente la prenotazione di prestazioni specialistiche e di diagnostica strumentale erogate dai vari presidi aziendali e dalle strutture private accreditate attraverso un qualsiasi sportello abilitato, in modo integrato ed uniforme, nonché la facoltà di esprimere preferenze in termini di data e di struttura erogante, con pieno compimento degli adempimenti amministrativi previsti dalla normativa vigente. Il Cup è utilizzato dai medici di Medicina Generale per organizzare il percorso diagnostico terapeutico a beneficio esclusivo del cittadino. 2-) Il Centro Unico Prenotazioni (CUP) ha valenza aziendale e articolazione Zonale-Distrettuale, anche attraverso la rete delle Farmacie sul territorio. 3-) Presso i punti CUP sono assicurate inoltre le attività di riscossione dei ticket sanitari. 6-) L Azienda nomina un responsabile del CUP, scelto, di norma, tra i medici afferenti la Direzione Sanitaria, con rapporto esclusivo a tempo pieno, a cui sarà delegata la gestione di tutte le risorse disponibili, sia interne che in convenzione, per la domanda di specialistica e diagnostica ambulatoriale Il responsabile del Cup dipende direttamente dal Direttore Sanitario. 7-) Il CUP aziendale è collegato al CUP di Area Vasta che consente di gestire i dati di disponibilità delle proprie strutture e, nel contempo, interagire con le altre ASL dell Area Vasta per acquisire ulteriori servizi.

Art. 1 Oggetto del regolamento

Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 1 Oggetto del regolamento Allegato alla Delibera n Il presente regolamento disciplina l organizzazione interna del Dipartimento della Prevenzione (di seguito chiamato Dipartimento), ai sensi di quanto

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. n. 12 VIAREGGIO STATUTO AZIENDALE

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. n. 12 VIAREGGIO STATUTO AZIENDALE REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. n. 12 VIAREGGIO STATUTO AZIENDALE SOMMARIO TITOLO I... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 Art. 1 Finalità e funzioni dell Azienda... 4 Art. 2 Ambito territoriale e sede... 4 Art.

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

REGIONE TOSCANA AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE. Rev. definitiva

REGIONE TOSCANA AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE. Rev. definitiva REGIONE TOSCANA AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE Rev. definitiva 1 INDICE TITOLO I IL SISTEMA AZIENDA ED IL SUO GOVERNO Art. 1 Il sistema Azienda Pag. 5 Art. 2 Il

Dettagli

Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole

Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole INDICE Art. 1 Premessa Art. 2 Attività di indirizzo e di controllo Art. 3 Principi relativi all organizzazione della SdS Art.

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA SOCIETA DELLA SALUTE DELL ALTA VAL DI CECINA

REGOLAMENTO GENERALE DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA SOCIETA DELLA SALUTE DELL ALTA VAL DI CECINA REGOLAMENTO GENERALE DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA SOCIETA DELLA SALUTE DELL ALTA VAL DI CECINA settembre 2011 1 Il presente regolamento è frutto di un lavoro di condivisione tra le SDS

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE 1. Inquadramento 1 2. Budget: definizione 2 3. Budget: finalità 2 4. Budget: struttura 2 4.1 Centri di tà () 2 4.1.1 Centri di Attività (CdA)

Dettagli

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO MISSION DELL AUSL DI IMOLA L Azienda Sanitaria di Imola è precipuamente impegnata nel governo della domanda di servizi e prestazioni sanitarie

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE Articolo 1 Costituzione

Dettagli

REGOLAMENTO COSTITUTIVO E DI FUNZIONAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA

REGOLAMENTO COSTITUTIVO E DI FUNZIONAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA REGOLAMENTO COSTITUTIVO E DI FUNZIONAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA INDICE RIFERIMENTI NORMATIVI PREMESSE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Assetto organizzativo Art. 3 Strutture, Programmi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INDICE PARTE I - L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE: I PRINCIPI CAPO I - L Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia Autonoma di Trento Art. 1 - Denominazione, sede legale, logo, patrimonio dell

Dettagli

Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI E SOCIALI DI BASE

Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI E SOCIALI DI BASE Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI E SOCIALI DI BASE ART. 1 IL DISTRETTO SANITARIO SOCIALE Il distretto sanitario sociale è la struttura tecnico-funzionale di base per la erogazione dei servizi

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

SOMMARIO 1. REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE... 4

SOMMARIO 1. REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE... 4 SOMMARIO 1. REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE... 4 Glossario...4 Norme Generali...6 Art. 1 Oggetto del Regolamento...6 Principi di organizzazione...7 Art. 2 I Principi fondanti...7 Art. 3 La Struttura

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA

Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA Art. 1 Finalità e compiti. Capo I - Finalità e compiti. 1) L'assistenza Psicologica si occupa degli aspetti psicologici attinenti la domanda

Dettagli

AZIENDA USL 2 LUCCA C O P I A I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

AZIENDA USL 2 LUCCA C O P I A I L D I R E T T O R E G E N E R A L E AZIENDA USL 2 LUCCA DELIBERAZIONE DEL D I R E T T O R E G E N E R A L E N. 243 DEL 27/04/2007 C O P I A OGGETTO: STATUTO DELL' AZIENDA USL 2 LUCCA.- STATUTO DELL AZIENDA USL 2 LUCCA.- I L D I R E T T O

Dettagli

favorendo lo sviluppo dell organizzazione orizzontale e per processi e la valorizzazione e la gestione per percorsi assistenziali e clinici.

favorendo lo sviluppo dell organizzazione orizzontale e per processi e la valorizzazione e la gestione per percorsi assistenziali e clinici. Atto Aziendale AOUP versione del 21 giugno 2011 1 TITOLO I L AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA PISANA Art. 1 Oggetto, denominazione, sede legale, logo Il presente atto disciplina, in conformità con le

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

18.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13

18.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 18.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 47 La parola professionale prevista nella for mulazione originaria è stata così sostituita con d.p.g.r. 24 dicembre 2013, n. 76/R, articolo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA Art. 1 - FUNZIONI e ATTIVITA del COMITATO Il Comitato Consultivo Misto (in sigla CCM), dell Azienda

Dettagli

INTESA TRA I COMUNI DI DUINO AURISINA/DEVIN-NABREZINA, SGONICO/ZGONIK E MONRUPINO/REPENTABOR (AMBITO 1.1), IL COMUNE DI TRIESTE (AMBITO 1.

INTESA TRA I COMUNI DI DUINO AURISINA/DEVIN-NABREZINA, SGONICO/ZGONIK E MONRUPINO/REPENTABOR (AMBITO 1.1), IL COMUNE DI TRIESTE (AMBITO 1. INTESA TRA I COMUNI DI DUINO AURISINA/DEVIN-NABREZINA, SGONICO/ZGONIK E MONRUPINO/REPENTABOR (AMBITO 1.1), IL COMUNE DI TRIESTE (AMBITO 1.2), IL COMUNE DI MUGGIA E SAN DORLIGO DELLA VALLE / DOLINA (AMBITO

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO. Regolamento

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO. Regolamento AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO Regolamento Premessa Il presente regolamento intende definire e disciplinare l organizzazione

Dettagli

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE LEZIONE: ELEMENTI DI LEGISLAZIONE SANITARIA (SECONDA PARTE) PROF. MASSIMO BUJA Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA OSPEDALI RIUNITI UMBERTO I G.M. LANCISI G. SALESI ANCONA ATTO AZIENDALE

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA OSPEDALI RIUNITI UMBERTO I G.M. LANCISI G. SALESI ANCONA ATTO AZIENDALE AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA OSPEDALI RIUNITI UMBERTO I G.M. LANCISI G. SALESI ANCONA ATTO AZIENDALE 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 ARTICOLO 2 ARTICOLO 3 ARTICOLO 4 ARTICOLO 5

Dettagli

REGOLAMENTO del Sistema Integrato di Valutazione

REGOLAMENTO del Sistema Integrato di Valutazione REGIONE TOSCANA REGIONE TOSCANA Azienda USL3 di Pistoia REGOLAMENTO del Sistema Integrato di Valutazione - AREA della DIRIGENZA MEDICA e VETERINARIA - 1 Finalità La gestione degli incarichi e delle verifiche

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

Società della Salute della Lunigiana CONVENZIONE

Società della Salute della Lunigiana CONVENZIONE Società della Salute della Lunigiana CONVENZIONE 1 INDICE...1 CONVENZIONE...1...1 INDICE...2 ART. 1 Costituzione Denominazione Sede Durata...3 ART. 2 Finalità...3 ART. 4 Modalità di gestione...5 ART. 5

Dettagli

AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI FERRARA DIREZIONE GENERALE IL DIRETTORE GENERALE

AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI FERRARA DIREZIONE GENERALE IL DIRETTORE GENERALE AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI FERRARA DIREZIONE GENERALE DATA: 22.02.2010 DELIBERA N. 44 OGGETTO: DG-52/2010 - Costituzione del Dipartimento Amministrativo Unico. «Premesso che: IL DIRETTORE GENERALE

Dettagli

All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione

All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione All. 1 Indirizzi regionali per l elaborazione dei Regolamenti dei Comitati di Partecipazione aziendali Introduzione La Regione Toscana riconosce nel contributo delle Associazioni di volontariato e tutela

Dettagli

SEZIONE I TESTI COORDINATI 26.11.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 40

SEZIONE I TESTI COORDINATI 26.11.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 40 SEZIONE I TESTI COORDINATI 26.11.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 40 Testo coordinato della legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40. Disciplina del servizio sanitario regionale. AVVERTENZA

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 4

REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 37 del 14 03 2014 10143 REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 4 Regolamento regionale per la costituzione ed il funzionamento dei Comitati Consultivi Misti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI Allegato ART. 1 Funzione dei CCM Le funzioni fondamentali dei Comitati Consultivi Misti stabilite al 2 comma, lettere a), b), c), d) della

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE N. 313 REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con deliberazione G.C. n. mecc. 2006 00591/028 del 31 gennaio 2006) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Ambito di applicazione Articolo

Dettagli

Istituzione e disciplina del dipartimento delle dipendenze patologiche nelle Aziende USL.

Istituzione e disciplina del dipartimento delle dipendenze patologiche nelle Aziende USL. LEGGE REGIONALE N. 27 DEL 6-09-1999 REGIONE PUGLIA Istituzione e disciplina del dipartimento delle dipendenze patologiche nelle Aziende USL. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA N. 94 del 8

Dettagli

AMMINISTRAZIONE AREA AFFARI GENERALI SETTORE STRUTTURE ISTITUZIONALI

AMMINISTRAZIONE AREA AFFARI GENERALI SETTORE STRUTTURE ISTITUZIONALI ALLEGATO N. 1 al DR n. 344/19026 del 30/04/2013 Regolamento di funzionamento della Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria PARTE I ELEMENTI GENERALI Art. 1 (Oggetto del Regolamento, denominazione, sedi)

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015

ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015 ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 12/2015 DEL 25 MARZO 2015 Articolo 5 Presidente 1) Il Presidente è responsabile delle attività dell ente e ne ha la rappresentanza legale, cura

Dettagli

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione Pag. 1 di 8 Indice ART. 1. Ambito di applicazione ART. 2. Funzioni e compiti del Dipartimento ART. 3. Direttore di Dipartimento ART. 4. L articolazione organizzativa del Dipartimento ART. 5. Funzioni e

Dettagli

Le linee generali dell organizzazione e del funzionamento dell azienda

Le linee generali dell organizzazione e del funzionamento dell azienda Le linee generali dell organizzazione e del funzionamento dell azienda INDICE capo I: la finalità dell atto aziendale e gli elementi identificativi e caratterizzanti l azienda pag. 3 capo II: gli organi

Dettagli

LINEE GUIDA BUDGET. Premessa. 1) I Soggetti

LINEE GUIDA BUDGET. Premessa. 1) I Soggetti Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA BUDGET Premessa Per processo di Budget o Budgeting si intende un sistema di controllo direzionale basato sulla negoziazione tra i Centri di Responsabilità aziendali ed i livelli

Dettagli

Allegato A STATUTO AZIENDA USL 11 EMPOLI

Allegato A STATUTO AZIENDA USL 11 EMPOLI Allegato A STATUTO AZIENDA USL 11 EMPOLI Indice Titolo I L azienda pag. 3 Art. 1. Denominazione, sede, logo e missione dell azienda pag. 3 Art. 2. Principi di organizzazione e funzionamento pag. 3 Art.

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

STATUTO della FONDAZIONE CONTE CARLO BUSI ONLUS

STATUTO della FONDAZIONE CONTE CARLO BUSI ONLUS STATUTO della FONDAZIONE CONTE CARLO BUSI ONLUS Art.1 - Denominazione, sede ed origine - 1. Ai sensi dell art.14 e seguenti del Codice Civile è costituita la fondazione denominata Fondazione Conte Carlo

Dettagli

Riordino delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza, fusione e trasformazione in Aziende Regionali di Servizi alla Persona (ARSP)

Riordino delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza, fusione e trasformazione in Aziende Regionali di Servizi alla Persona (ARSP) PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA REGIONALE DEL LAZIO N. 88 DEL 17 OTTOBRE 2013 Sistema Integrato degli interventi e dei servizi sociali della Regione Lazio Proposta emendativa-integrativa a

Dettagli

REGIONE CALABRIA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA

REGIONE CALABRIA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA REGIONE CALABRIA DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA (per l'attuazione del piano di rientro dai disavanzi del SSR Calabrese, secondo i Programmi operativi di cui all' articolo 2, comma 88, della legge 30 dicembre

Dettagli

ATTO AZIENDALE DELL AZIENDA USL DI CESENA. Approvato con Delibera di Giunta Regionale n. 1877 del 03/12/2007 1/42

ATTO AZIENDALE DELL AZIENDA USL DI CESENA. Approvato con Delibera di Giunta Regionale n. 1877 del 03/12/2007 1/42 ATTO AZIENDALE DELL AZIENDA USL DI CESENA Approvato con Delibera di Giunta Regionale n. 1877 del 03/12/2007 1/42 Sommario: Capo I - L Azienda Unità Sanitaria Locale di Cesena...4 Art. 1 La denominazione,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA Prof. A. Mistretta LEGISLAZIONE ED ORGANIZZAZIONE Il Servizio Sanitario Nazionale Il Servizio Sanitario Nazionale (S.S.N.) è nato con una legge n. 833 del 23 dicembre del 1978;

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

Progetto di Legge LEGGE ISTITUTIVA DELL ENTE POSTE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO. Articolo1 Istituzione e denominazione

Progetto di Legge LEGGE ISTITUTIVA DELL ENTE POSTE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO. Articolo1 Istituzione e denominazione Progetto di Legge LEGGE ISTITUTIVA DELL ENTE POSTE DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO Articolo1 Istituzione e denominazione E istituito l Ente Poste della Repubblica di San Marino (EPSM), denominato Poste

Dettagli

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio Proposta di Legge regionale n. 11 del 28 giugno 2005 di iniziativa dei consiglieri Nieri, Tibaldi, Pizzo, Luciani e Peduzzi Oggetto: Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Regolamento di Organizzazione

Regolamento di Organizzazione A. S. P. CITTA DI SIENA: Azienda Pubblica di Servizi alla Persona (Legge Regione Toscana 3 Agosto 2004 n. 43) Regolamento di Organizzazione Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 110 del 7 Dicembre

Dettagli

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

C.C.V. BS REGOLAMENTO

C.C.V. BS REGOLAMENTO ALLEGATO PROVINCIA DI BRESCIA COMITATO DI COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE C.C.V. BS REGOLAMENTO Art. 1 Costituzione Le Organizzazioni presenti sul territorio

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1 LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA Sezione prima Disposizioni generali Art. 1 1. E istituita in Roma la Libera Università degli Studi S. Pio V, di seguito denominata Università.

Dettagli

AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO. Sistema di misurazione e valutazione della performance

AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO. Sistema di misurazione e valutazione della performance AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO Sistema di misurazione e valutazione della performance in attuazione del D.Lgs. n. 150/2009 1 Indice Presentazione... 3 Principi... 3 Articolazione del sistema... 4 1. La Valutazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie.

DELIBERAZIONE N. 60/2 DEL 2.12.2015. Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. Oggetto: Sistema Regionale delle Cure Territoriali. Linee di indirizzo per la riqualificazione delle cure primarie. L Assessore dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale ricorda che nel Patto della

Dettagli

Principi e criteri direttivi per l atto aziendale delle Aziende ospedaliero-universitarie di Cagliari e Sassari e dell Azienda ospedaliera Brotzu

Principi e criteri direttivi per l atto aziendale delle Aziende ospedaliero-universitarie di Cagliari e Sassari e dell Azienda ospedaliera Brotzu Allegato alla Delib.G.R. n. 38/7 del 8.7.2008 Principi e criteri direttivi per l atto aziendale delle Aziende ospedaliero-universitarie di Cagliari e Sassari e dell Azienda ospedaliera Brotzu Indice Premessa

Dettagli

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio

MiMS. Master in Management Sanitario. Il territorio 1 Il territorio 2 Il territorio: tendenze evolutive Aumentata l aspettativa di vita: U = 76 anni D = 82,4 anni Patologie croniche prevalgono su quelle acute Possibilità di eseguire piccoli interventi chirurgici

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE COMUNE DI GHISALBA (Provincia di Bergamo) Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 111 del 13/10/2014 REGOLAMENTO SULL ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE 1 Sommario Art. 1 -

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE 24 Luglio 2015 1 ARTICOLO 1 PREMESSA 1.1. Conto tenuto delle raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana S.p.A.,

Dettagli

STATUTO. Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti

STATUTO. Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti STATUTO Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti Articolo1 COSTITUZIONE E costituita l Associazione ANCeSCAO Lazio,

Dettagli

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (L.R. 14/4/2003, N. 7 D.P.G.R. 18/10/2004, nn. 7R e 8R) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina, nel rispetto dei principi fondamentali

Dettagli

PARTE QUARTA DELL ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI

PARTE QUARTA DELL ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI PARTE QUARTA DELL ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI TITOLO I CRITERI DELLE GESTIONI ASSOCIATE Art. 192 Finalità della forma associata 1. In applicazione dello statuto le funzioni comunali possono essere

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

Art. 1. Istituzione dei Servizi

Art. 1. Istituzione dei Servizi LEGGE REGIONALE 5 febbraio 2010, n.13 Istituzione dei servizi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e tecniche della prevenzione e delle professioni

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano

Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Milano Regolamento di istituzione e funzionamento del Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora

Dettagli

Consiglio Regionale della Calabria

Consiglio Regionale della Calabria Consiglio Regionale della Calabria VII^ Legislatura Progetto di legge Istituzione della dirigenza e dei Servizi delle Professioni Sanitarie Infermieristiche, Ostetriche, Riabilitative, Tecnico-Sanitarie

Dettagli

ASSn6 REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE. 1. Inquadramento I. 2. Budget: definizione 2. 3. Budget: finalità 2

ASSn6 REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE. 1. Inquadramento I. 2. Budget: definizione 2. 3. Budget: finalità 2 2. Budget: definizione 2 1. Inquadramento I INDICE E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET I compete alle singole strutture operative aziendali. IV) controllo operativo, che si concretizza

Dettagli

STATUTO DELL ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI IUSS FERRARA 1391. Art. 1. Costituzione

STATUTO DELL ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI IUSS FERRARA 1391. Art. 1. Costituzione SENATO ACCADEMICO 20/04/206 CONSIGLIO AMMINISTRAZIONE 27/04/2016 DECRETO RETTORALE Rep. n. 873/2016 Prot. n. 45381 del 01/06/2016 UFFICIO COMPETENTE Ufficio Dottorato di Ricerca Pubblicato all Albo informatico

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA

REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA REGOLAMENTO GENERALE AZIENDALE PER L ATTIVITÀ FISICA ADATTATA Art. 1 Definizione Per Attività Fisica Adattata (d ora in avanti AFA) si intendono programmi di esercizi non sanitari, svolti in gruppo, appositamente

Dettagli

REGOLAMENTO DI DIPARTIMENTO

REGOLAMENTO DI DIPARTIMENTO REGOLAMENTO DI DIPARTIMENTO Art. 1 - Il Dipartimento In accordo con il D.Leg.vo n. 502/92, e successive modificazioni ed integrazioni, e con la l articolo 9 della L.R. n. 10/2006, la Asl di Cagliari definisce

Dettagli

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA CRITERI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE ESTRATTO DAL REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPROVATO CON ATTO

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI LECCE Regolamento per l istituzione della CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Regolamento Consulta Provinciale delle Associazioni di Volontariato di

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE STRANIERE E COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE STRANIERE E COMUNICAZIONE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE STRANIERE E COMUNICAZIONE Emanato con DR. Rep. n. 548/2012 prot. n. 22878/XII/1 del 15.11.2015 Art. 1 Composizione 1. Il Dipartimento

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 3 del 11 Marzo 2013 Sommario TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ...1 ART. 1 (Finalità)...1

Dettagli

(Marche, BUR 2 dicembre 2013, n. 94) LA GIUNTA REGIONALE. omissis. Delibera

(Marche, BUR 2 dicembre 2013, n. 94) LA GIUNTA REGIONALE. omissis. Delibera Deliberazione Giunta Regionale 11 novembre 2013 n. 1534 Modifica ed integrazione della Delib.G.R. n. 747/2004 - Riordino del sistema regionale dei servizi per le dipendenze patologiche. (Marche, BUR 2

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Approvato con delibera assembleare nr. 10 del 11.02.2014 REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Art. 1 - Ambito di applicazione e modalità di controllo Le disposizioni

Dettagli

Art. 3 (Relazione tra attività assistenziale, didattica e ricerca)

Art. 3 (Relazione tra attività assistenziale, didattica e ricerca) Legge Regionale 6 agosto 2009, n. 15 Disciplina dei rapporti tra la Regione e le università della Lombardia con facoltà di medicina e chirurgia per lo svolgimento di attività assistenziali, formative e

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

U.O.C. Programmazione e Controllo di Gestione. Regolamento di Budget

U.O.C. Programmazione e Controllo di Gestione. Regolamento di Budget Regolamento di Budget 1 RIFERIMENTI NORMATIVI Preliminarmente qui di seguito si richiamano i principali riferimenti normativi che costituiscono fonte principale del presente regolamento: D.L.vo n. 502/92

Dettagli

ATTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO (art. 3, comma 1 bis, D.Lgs. 502/1992)

ATTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO (art. 3, comma 1 bis, D.Lgs. 502/1992) Regione Veneto Azienda Unità Locale Socio-Sanitaria n. 14 di Chioggia ATTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO (art. 3, comma 1 bis, D.Lgs. 502/1992) INDICE INDICE 2 TITOLO I - ELEMENTI IDENTIFICATIVI

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

REGIONE SICILIA ASSESSORATO REGIONALE ALLA SALUTE REGOLAMENTO. per il funzionamento e la operatività. della CONFERENZA DEI COMITATI CONSULTIVI

REGIONE SICILIA ASSESSORATO REGIONALE ALLA SALUTE REGOLAMENTO. per il funzionamento e la operatività. della CONFERENZA DEI COMITATI CONSULTIVI REGIONE SICILIA ASSESSORATO REGIONALE ALLA SALUTE REGOLAMENTO per il funzionamento e la operatività della CONFERENZA DEI COMITATI CONSULTIVI DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE SICILIANA 1 INDICE GENERALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento ha per oggetto la gestione

Dettagli