A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE"

Transcript

1 A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di Documentazione per la promozione della salute. Documento prodotto per il progetto CCM-RER Promozione dell attività fisica Azioni per una vita in salute e approvato dal Gruppo di Pilotaggio nell ambito della riunione di coordinamento di Siena, settembre 2008.

2 INTRODUZIONE La progettazione di interventi di promozione della salute necessita di una cornice metodologica di riferimento forte, indispensabile a focalizzare i risultati attesi e a osservare, modulare i processi per raggiungerli (Guarino, 2007). Si descrivono, di seguito, due tra i modelli di progettazione più noti in prevenzione e promozione della salute: il Modello Precede-Proceed e il Modello Interactive Domain Model, che sono stati oggetto di confronto e approfondimento da parte del Gruppo di Pilotaggio del progetto CCM-RER Promozione dell attività fisica azioni per una vita in salute. I suddetti modelli sono illustrati rispetto alle caratteristiche, alla struttura in fasi e al valore aggiunto in termini di applicazione. Il Modello IDM. Interactive Domain Model Questo modello propone l adozione di un approccio d insieme per la prevenzione delle malattie e per il miglioramento della salute 1. Il Modello IDM è stato elaborato da un Gruppo di lavoro per le buone pratiche in promozione della salute del Centre for Health Promotion dell Università di Toronto Canada. Kahan B. e Goodstadt M., quali autori di riferimento, hanno sviluppato la versione grafica dell IDM (Figura n. 1) e una struttura a matrice per la sua applicazione da parte degli operatori (Figura n. 2). Figura n. 1. Il Modello IDM pubblicato nel 2005 aggiorna la versione del Ambiente interno ed esterno strutture sociali, politiche ed economiche e ambiente fisico Pratica Processi e attività diretti a: ricerca e valutazione Fondamenta valori, obiettivi, pr. teorie, etici conoscenze prove temi di salute organizza zione Analisi dell ambiente visione analisi organizzazione analisi salute 1 Per approfondimenti sul Modello IDM, consultare il sito internet: 1

3 L IDM identifica i fattori alla base di una buona pratica in promozione della salute. I fattori principali (domini) sono tre e ciascuno di essi si articola a sua volta in tre fattori specifici (sottodomini): 1. il primo dominio è rappresentato dalle fondamenta (underpinnings) della promozione della salute. Le fondamenta si declinano nei sottodomini: valori, obiettivi, principi etici, teorie e conoscenze acquisite, prove di efficacia teorica e pratica (evidence); 2. il secondo dominio è l analisi dell ambiente (understanding of the environment) articolato nei sottodomini: visione e analisi dei problemi di salute presenti in un contesto e analisi delle caratteristiche dell ambiente che possono determinare i problemi di salute individuati. L analisi del contesto ambientale è ampia e si riferisce all ambiente fisico, sociale, politico, economico; 3. il terzo dominio è la pratica intesa come la definizione del processo e della attività che si vogliono attuare a partire dai dati raccolti e sistematizzati con i due domini precedenti. La pratica si declina nei sottodomini delle attività di ricerca, di valutazione, delle scelte organizzative e di gestione, della scelta delle migliori strategie da adottarsi per l attuazione di un progetto di prevenzione e di promozione della salute. A partire da queste analisi teorico-pratiche, la struttura a matrice per l applicazione operativa del Modello guida il gruppo di progetto nella pianificazione e nella realizzazione di buone pratiche. La matrice permette di progettare tenendo conto dei domini e dei sottodomini ed è costruita sotto forma di domande chiave per accompagnare gli operatori nel processo di pianificazione. Le domande suddivise per fase di progettazione sono: Cosa ci guida? Dove siamo in questo momento? Dove vogliamo arrivare? Questi sono i quesiti chiave per la fase della preparazione delle attività, Chi fa che cosa, quando e come? Nella fase di azione e valutazione il gruppo di progetto è chiamato a definire gli obiettivi, a stimare le risorse, a costruire un piano di valutazione per osservare e misurare i cambiamenti, Cosa abbiamo fatto, come? Con quali risultati? Queste sono le domande da porsi nella fase di implementazione, riflessione in merito al processo ai risultati raggiunti e loro documentazione, Cosa occorre cambiare per ottenere ulteriori risultati? La fase della revisione è finalizzata a rimodulare il progetto attuato nell ottica della sostenibilità e della trasferibilità. 2

4 Figura n. 2. La struttura a matrice del Modello IDM riferita al primo dominio. Preparazione attività Azione e valutazione Chi fa che cosa, quando e come? Implementazione, riflessione e documentazione Revisione fondamenta Cosa ci guida Dove siamo ora Dove vogliamo andare Obiettivi Risorse Cambiamenti Valutazione Cosa abbiamo fatto e come Risultati Cosa cambiare valori obiettivi etica teorie credenze evidenze Il Modello IDM si basa sul principio che la qualità e il valore della pratica dipendono dal grado di analisi e conoscenza del problema di salute che si vuole contrastare con il proprio progetto. Il modello IDM favorisce la coerenza tra pratica, teoria, conoscenza e ambiente e incoraggia il gruppo di progetto al confronto costruttivo per sviluppare all interno del gruppo stesso una visione condivisa per l azione. Gli autori del Modello IDM hanno inoltre selezionato i criteri per identificare progetti di buona pratica orientati alla modifica di comportamenti a rischio. Questi progetti devono: essere rivolti a gruppi target specifici appartenenti a contesti circoscritti coinvolgere i destinatari in tutte le fasi del progetto realizzare interventi multicomponente definire obiettivi di salute e di miglioramento della qualità della vita valorizzare le risorse della comunità locale e le competenze dei destinatari intermedi e finali curare la sostenibilità e la trasferibilità delle azioni e dei processi attivati. IL MODELLO PRECEDE-PROCEED Questo Modello si basa sui seguenti principi: 1. la salute e i fattori di rischio sono determinati da molteplici cause appartenenti alla storia del singolo individuo, alla sua rete sociale di riferimento e all ambiente di vita, 3

5 2. per contrastare malattie e stili di vita scorretti è necessario promuovere cambiamenti a livello di comportamento individuale e sociale e a livello ambientale attuando interventi, multidimensionali, multisettoriali e fondati sulla partecipazione 2, 3. la comunità è considerata il centro di gravità. L analisi dell ambiente ha una finalità diretta per la promozione della salute degli stessi destinatari finali e intermedi (i portatori di interesse) del progetto. Il Modello Precede-Proceed è stato elaborato da un gruppo di ricercatori provenienti da diversi centri universitari degli Stati Uniti d America quali Berkeley, Johns Hopkins, Texas, British Columbia ed Emory. Alla definizione del Modello ha inoltre contribuito il Centers for Disease Control and Prevention degli Stati Uniti d America. Green L.W. e Kreuter M. sono considerati gli autori di riferimento e hanno sviluppato la versione grafica del Modello secondo una prospettiva sia teorica (Figura n. 3) sia operativa per il suo utilizzo da parte degli operatori. Figura n. 3. La IV versione del Modello Precede-Proceed pubblicata nel II PROCEED Pianificazione organizzativa per Interventi di educazione alla salute, di comunicazione, di advocacy Politiche, gestione delle risorse,organizza zione predisponenti rinforzanti abilitanti ecosistema stili di vita PRECEDE I salute ambiente Progettazione vision, cambiamento desiderato qualità della vita Determinanti III. Sviluppo di azioni educative e ambientali Valutazione Tale Modello offre al gruppo di progetto una piattaforma per progettare secondo una prospettiva socio-ecologica che si attua con un approccio ambientale ed educativo. Il primo si traduce in una costante e forte considerazione delle caratteristiche del contesto/i fisico, organizzativo, sociale. L approccio educativo guarda alla storia dell individuo, analizza le relazioni sociali e valorizza le risorse di una comunità. 2 Per approfondimenti sul Modello Preceed-Procede, consultare il sito web: 4

6 Il gruppo di progetto, la comunità e i destinatari che adottano questo Modello si prefigurano, in primis, il cambiamento desiderato (la vision) rispondendo alla domanda: Cosa vogliamo realizzare per contrastare questo problema?. Il gruppo allargato analizza progressivamente le possibili cause del problema individuato, le classifica in base alla prevalenza e alla forza causale di ciascuna. Il gruppo procede nel tradurre il cambiamento desiderato in obiettivi misurabili e si interroga rispetto a: Quali azioni sono efficaci per ottenere il risultato desiderato?. Questo processo di progettazione si attua, nello specifico, attraverso due percorsi tra loro complementari: PRECEDE e PROCEED. Ciascun percorso si articola in fasi distinte ma interdipendenti (Figura n. 4). Il termine PRECEDE è l acronimo dei termini Predisposing Reinforcing Enabling Constructs and Ecological Diagnosis. Questo percorso ripercorre, nelle sue fasi, la storia naturale del problema di salute ed è finalizzato alla raccolta di informazioni attraverso quattro fasi di analisi (assessment): diagnosi epidemiologica, sociale, dei comportamenti e dell ambiente e diagnosi educativa e organizzativa. Ogni fase è contraddistinta da una costante attenzione e da un forte impegno per ottenere il coinvolgimento dei destinatari valorizzandone le competenze e il capitale sociale. L obiettivo ultimo di questo percorso è setacciare i determinanti - predisponenti, abilitanti e rinforzanti - alla base dei comportamenti e delle scelte di salute. Il percorso si conclude con una quinta fase (diagnosi amministrativa e politica) finalizzata a ponderare le risorse economiche, umane, la gestione dei tempi, le azioni politiche necessarie, già in atto o da richiedere affinché si possano attuare gli interventi in grado di promuovere gli obiettivi. Il percorso PROCEED è l acronimo dei termini Policy Regulatory Organizational Constructs in Educational and Environmental Development. Questo percorso è composto da quattro fasi dedicate alla progettazione, alla realizzazione e alla valutazione. Il modello mira alla verifica dei risultati dell intervento, ma anche alla valutazione del processo, dell impatto dell intervento sui determinanti comportamentali e ambientali e dei risultati in termini di salute e di qualità della vita della popolazione target. Figura n. 4. La versione operativa del Modello Preceed-Procede. Analisi dei bisogni Modello PRECEDE/PROCEED (L.W.Green) PRECEDE V FASE DIAGNOSI AMMINISTRATIVA E POLITICA IV FASE DIAGNOSI EDUCATIVA E ORG ANIZZATIVA III FASE DIAGNOSI DEI COMPORTAMENTI E DEL L AM BIENTE II FASE DIAGNOSI EPIDEM IOLOGICA I FASE DIAGNO SI SOCIA LE PROMOZIONE DELLA SAL UTE Ed ucazi one all a salu te Defin izione del piano e dell e politiche di int erve nto VI F ASE IMP LEM EN T AZ IONE DELL INTERVENTO Fa t tori predisponenti Fa t tori rinforzanti Fa t tori abilitanti VII FASE VALUTAZIONE DI PRO CESSO Comportamenti e stili di vita Am biente VIII FASE VA LUTA ZIONE DI IMPATTO Sal ute IX FASE VALUTAZIONE DI RISULTATO Qualità della vita Valutazione PROCEED Progettazione interventi efficaci 5

7 Questo Modello è stato applicato, sperimentato, studiato in oltre 960 studi pubblicati e in migliaia di progetti non pubblicati di prevenzione e di promozione della salute, aventi come setting di intervento la comunità, la scuola e l ambiente di lavoro. La logica di Precede-Proceed richiama teorie e principi derivanti da molteplici discipline quali l epidemiologia, le scienze dell educazione, le scienze del comportamento, la sociologia, È a tutti gli effetti un modello di ricerca-azione e di progettazione partecipata in cui l attenzione costante riservata alla valutazione nel breve e nel lungo termine è fonte di feedback lungo tutto il percorso di progettazione e realizzazione degli interventi. Confrontando il Modello IDM con il Modello Precede- Proceed I due Modelli, come illustrato nella tabella che segue, hanno in comune diverse caratteristiche anche se alcune prevalgono in un modello piuttosto che nell altro. CARATTERISTICHE IDM PRECEDE - PROCEED scelta del modello di salute scelta dei modelli teorici di cambiamento individuale e di comunità analisi accurata del contesto ambientale conoscenza approfondita del problema di salute e dei comportamenti correlati individuazione accurata dei fattori individuali, sociali e ambientali scelta delle priorità ricerca di momenti di dialogo, di discussione nel gruppo di progetto ricerca della partecipazione da parte dei destinatari finali e intermedi valorizzazione delle risorse e delle competenze della comunità selezione e realizzazione di interventi di provata efficacia attenzione alla sostenibilità e alla trasferibilità valutazione continua

8 I due Modelli si contraddistinguono per alcuni elementi. Il Modello IDM: - propone una struttura operativa analitica, in cui sono salvaguardati i fondamenti teorici della promozione della salute, le prove di efficacia e l equità degli interventi; - può essere utile per la formazione, l orientamento degli operatori e la costituzione di un gruppo di lavoro perché permette di creare solide basi teoriche e metodologiche condivise; Il Modello Precede-Proceed: - accompagna passo passo il gruppo di progetto, la comunità e i destinatari nella progettazione delle migliori pratiche possibili con quei destinatari specifici e in quel contesto. La progettazione di buone pratiche è qui intesa come programmazione di azioni calibrate sui bisogni, sui valori, sulle risorse, sulle prove di efficacia disponibili e realizzate con strategie, metodi e strumenti adatti al gruppo target e tenendo conto delle ; - ha una valenza formativa per gli operatori che si affacciano al mondo della progettazione con poche conoscenze metodologiche. Questo modello permette al gruppo di progetto, alla comunità e ai destinatari di apprendere continuamente dalla realtà e consente a chi progetta di rimodulare gli obiettivi e le azioni in corso d opera forzando l attenzione sulla gerarchia dei risultati desiderati (di output, di impatto e di outcome); - promuove la partecipazione a partire dalle prime fasi di progettazione con un approccio di ricerca-azione partecipata. Il Modello prevede che il gruppo di progetto sia composto non solo da operatori sanitari, ma anche da professionisti delle scienze sociali, comportamentali, economiche e politiche e da rappresentanti dei destinatari finali e intermedi. Ogni membro è incoraggiato a esaminare il problema e i cambiamenti desiderati dal proprio punto di vista alla ricerca di un linguaggio condiviso per attuare interventi efficaci e sostenibili. BIBLIOGRAFIA: Guarino A., Fondamenti di educazione alla salute. Teorie e tecniche per l intervento psicologico in adolescenza, Franco Angeli 2007 Green L. W, Kreuter M. W., Health program planning. An educational and ecological approach. IV edition. Mc Graw Hill, 2005 Kahan B., M. Goodstadt, The Interactive Domain Model of Best Practices in Health Promotion: Developing and Implementing a Best Practices Approach to Health Promotion, in Health Promotion Practice, January 2001, Vol. 2, No. 1, pp

Cenni sui modelli di progettazione. Lazzeri Giacomo Dipartimento Medicina Molecolare e dello sviluppo Università degli studi di Siena

Cenni sui modelli di progettazione. Lazzeri Giacomo Dipartimento Medicina Molecolare e dello sviluppo Università degli studi di Siena Cenni sui modelli di progettazione Lazzeri Giacomo Dipartimento Medicina Molecolare e dello sviluppo Università degli studi di Siena 1986 Promozione della Salute Il complesso delle azioni dirette non solo

Dettagli

Guadagnare Salute, Venezia 22 giugno 2012 Confronti dell Agorà Aula 10A 10,30-11,45 Buone Pratiche per Guadagnare Salute

Guadagnare Salute, Venezia 22 giugno 2012 Confronti dell Agorà Aula 10A 10,30-11,45 Buone Pratiche per Guadagnare Salute Guadagnare Salute, Venezia 22 giugno 2012 Confronti dell Agorà Aula 10A 10,30-11,45 Buone Pratiche per Guadagnare Salute Incontro con testimoni e confronto sulla griglia nazionale per dare vita a una comunità

Dettagli

CORSO INTEGRATO ASPP ADVANCED SCHOOL OF PREVENTION AND HEALTH PROMOTION

CORSO INTEGRATO ASPP ADVANCED SCHOOL OF PREVENTION AND HEALTH PROMOTION UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Dipartimento di Medicina Traslazionale in collaborazione con Università Cattolica del Sacro Cuore e Università di Milano Bicocca CORSO INTEGRATO ASPP ADVANCED

Dettagli

Una comunità in movimento: modelli, strumenti e risorse per progettare interventi

Una comunità in movimento: modelli, strumenti e risorse per progettare interventi ASSESSORATO POLITICHE PER LA SALUTE Attività fisica e salute Agire Corso di formazione per le reti intraregionali dei referenti dell attività fisica delle regioni Piemonte, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana,

Dettagli

Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale

Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale Il ruolo dei determinanti di salute nella progettazione in cooperazione internazionale Mariano Giacchi U.O.C. Promozione della salute AOUS CREPS Dip. Fisiopatologia, Medicina Sperimentale e Sanità Pubblica

Dettagli

Master Pianificazione, gestione e valutazione di azioni integrate di promozione della salute per la comunità

Master Pianificazione, gestione e valutazione di azioni integrate di promozione della salute per la comunità Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Medicina Sperimentale Centro Sperimentale per la Promozione della Salute e l Educazione Sanitaria (CeSPES) Master Pianificazione, gestione e valutazione

Dettagli

Prescrizione dei test di laboratorio in medicina generale: dalla formazione sul campo al miglioramento dell appropriatezza.

Prescrizione dei test di laboratorio in medicina generale: dalla formazione sul campo al miglioramento dell appropriatezza. Prescrizione dei test di laboratorio in medicina generale: dalla formazione sul campo al miglioramento dell appropriatezza. Uno studio pilota Maria Milano 1, Alda Cosola 2*, Simona Martina 3, Giuseppe

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo (CC BY-NC-SA)

Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo (CC BY-NC-SA) Novembre 2011 Progetto grafico e impaginazione a cura di DoRS Regione Piemonte Copia del documento è reperibile sul sito www.dors.it (area pubblicazioni/pubblicazioni dors/quaderni). Oppure rivolgendosi

Dettagli

Sviluppare e prioritizzare le opzioni d intervento

Sviluppare e prioritizzare le opzioni d intervento Sviluppare e prioritizzare le opzioni d intervento Nicoletta Bertozzi Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda Sanitaria di Cesena Roma, 21 febbraio 207 Quali i passi nel percorso teorico 1) identificare

Dettagli

LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI: UN PROGETTO INTEGRATO DI PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA DELLE INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI: UN PROGETTO INTEGRATO DI PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA DELLE INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMISSIBILI PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2005-2006 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2005-2006 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 284-28.11.05 BURP 13 30.03.06) LE MALATTIE SESSUALMENTE

Dettagli

European Financial Advisor Program

European Financial Advisor Program European Financial Advisor Program certificato EDIZIONE PADOVA 2014 In collaborazione con Partner 2 3 Gli obiettivi del percorso formativo Il programma proposto mira a: Elevare il grado di preparazione

Dettagli

Il Project Work Serena Donati

Il Project Work Serena Donati Il Project Work Serena Donati Gli elementi principali dei modelli teorici affrontati nel primo capitolo, ovvero quello pedagogico, psicologico e sociologico, nonché il ruolo fondamentale della valutazione

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

ELEMENTI DI MARKETING SOCIALE E VALUTAZIONE DI RISULTATO NEI PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE

ELEMENTI DI MARKETING SOCIALE E VALUTAZIONE DI RISULTATO NEI PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE ELEMENTI DI MARKETING SOCIALE E VALUTAZIONE DI RISULTATO NEI PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Dott.ssa Maria Cristina Vallone Dipartimento Patologia delle Dipendenze ASL NO il marketing sociale è l

Dettagli

Scuole per la promozione della salute: le reti regionali italiane di School for Health in Europe (SHE)

Scuole per la promozione della salute: le reti regionali italiane di School for Health in Europe (SHE) Regione Piemonte Assessorato alla Tutela della Salute Assessorato all Istruzione Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale Piemonte Direzione Generale Regionale

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

«Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in

«Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in «Tema ispiratore di questa terza edizione è la Costruzione sociale della Salute : la salute è un valore dal quale non si può prescindere, anche in settori diversi da quello sanitario. Pertanto, gli interventi

Dettagli

Un approccio partecipato per la promozione delle buone abitudini. L esperienza Umbra

Un approccio partecipato per la promozione delle buone abitudini. L esperienza Umbra Un approccio partecipato per la promozione delle buone abitudini alimentari i nella scuola primaria i Dll Dalla Sorveglianza Okkioall analisi li i di contesto secondo Green L esperienza Umbra Roma 20 febbraio

Dettagli

Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano

Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano Premesso che il PNP individua tra gli obiettivi di salute la promozione di uno stile di vita attivo da

Dettagli

Il piano di miglioramento: agire sui processi per migliorare i risultati. Contesto Risorse Processi Risultati

Il piano di miglioramento: agire sui processi per migliorare i risultati. Contesto Risorse Processi Risultati Il piano di miglioramento: agire sui processi per migliorare i risultati Dal RAV: Contesto Risorse Processi Risultati caratteristiche del territorio aspetti sociali materiali organizzativi apprendimenti

Dettagli

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V

PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM. I.C. San Francesco di Paola Messina MEIC86500V PERCORSO FACILE CAF FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV E PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* MEIC86500V I.C. San Francesco di Paola Messina (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE MARZO 2015 1

Dettagli

STRATEGIE DI SOURCING E PROCUREMENT

STRATEGIE DI SOURCING E PROCUREMENT STRATEGIE DI SOURCING E PROCUREMENT CICLO BUYER Date e Sedi Milano, sede da definire 20/02/2014 dalle ore 10:30 alle ore 17:30 21/02/2014 dalle ore 09:30 alle ore 16:30 Roma, sede da definire 06/03/2014

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

Glossario Project Cycle Management

Glossario Project Cycle Management Glossario Project Cycle Management Albero degli obiettivi Diagramma, utilizzato nell ambito dell Approccio del Quadro Logico, che permette di rappresentare, in un quadro unitario, ciò che si potrebbe osservare

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web Obiettivo formativo: contenuti tecnico-professionali (conoscenze e competenze) specifici

Dettagli

Il Modello europeo CAF

Il Modello europeo CAF Roma, 11 novembre 2011 Il Modello europeo CAF (Common Assessment Framework) Benedini Italo La visione dell Unione Europea sulla Qualità: un urgente bisogno di rinnovamento Tutte le organizzazioni, private

Dettagli

Il Benessere organizzativo

Il Benessere organizzativo Il Benessere organizzativo 1 Tre domande chiave sul benessere organizzativo - cose è? - perché? - e noi? 2 prima domanda : cos è il benessere organizzativo 3 Benessere organizzativo...è l insieme dei nuclei

Dettagli

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo:

Il Project Work. Adottare compiti di lavoro e di realtà (traduzione letterale del termine Project Work 2 ) parte da due considerazioni di fondo: Il Project Work Serena Donati Un importante sviluppo delle didattiche di laboratorio, della scuola attiva e del progetto strutturato con il pensiero riflessivo è il Project Work, la metodologia richiede

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 OBIETTIVI GENERALI Educare al rispetto di sé e degli altri, delle cose, delle norme che regolano la comunità scolastica e la convivenza

Dettagli

Dalle buone pratiche agli Ipest: un nuovo strumento per la prevenzione efficace

Dalle buone pratiche agli Ipest: un nuovo strumento per la prevenzione efficace Dalle buone pratiche agli Ipest: un nuovo strumento per la prevenzione efficace Fabrizio Faggiano, Silvia Caristia Università del Piemonte Orientale 27/11/2015 Premessa Il 57% dei DALY (2013) sono determinati

Dettagli

Perché parlare di Qualità

Perché parlare di Qualità Perché parlare di Qualità emme&erre Perché diversi sono gli attori che interagiscono nel sistema (regolatori, operatori, destinatari) Perché cambiano le aspettative dei diversi attori: in funzione dell

Dettagli

Guadagnare Salute Piemonte Scuole che Promuovono Salute

Guadagnare Salute Piemonte Scuole che Promuovono Salute ALLEGATO A Programmazione annuale 2015 Programma 1 Guadagnare Salute Piemonte Scuole che Promuovono Salute Programmazione annuale regionale anno 2015 Azioni previste nel periodo - Sintesi complessiva Per

Dettagli

DAL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE AL PIANO DI MIGLIORAMENTO I PARTE

DAL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE AL PIANO DI MIGLIORAMENTO I PARTE DAL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE AL PIANO DI MIGLIORAMENTO I PARTE Clara Alemani - Esperta del Centro Risorse CAF Imma Parolisi Responsabile Webinar ARGOMENTO DEL WEBINAR FORMATIVO 5: STEP 1 Wf STEP 2 Wf

Dettagli

Feedback report. Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL)

Feedback report. Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL) Feedback report Direzione Didattica 2 Circolo Niscemi (CL) 13 febbraio 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: Telefono: Fax: Direzione Didattica -2 Circolo Niscemi Via Calatafimi,

Dettagli

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento Protocollo n. 26/DDA/2012 Oggetto: progettualità per la valutazione, formazione, educazione alimentare e motoria Educazione alla Salute Alimentazione e Movimento nella Scuola Primaria: Misurare il cambiamento

Dettagli

Requisito imprescindibile di ogni processo

Requisito imprescindibile di ogni processo La Qualità è LA QUALITA E Requisito imprescindibile di ogni processo Prodotti di Qualità sono generati da Macroprocessi (Innovation e Supply Chain) di Qualità Gestiti da Aziende Eccellenti Quality Management

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO. Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni

PERCORSO FORMATIVO. Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni Premessa PERCORSO FORMATIVO Le AFT nuovo soggetto della sanità regionale: modelli di funzionamento e interazioni Il presente percorso formativo nasce come supporto alla riorganizzazione del sistema sanitario

Dettagli

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola,

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Franco Angeli, Milano TEORIA GENERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI

LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI LA GESTIONE EFFICACE DEI COLLABORATORI La qualità organizzativa passa attraverso la qualità delle persone 1. Le ragioni del corso Nella situazione attuale, assume una rilevanza sempre maggiore la capacità

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

attività motoria per la scuola primaria

attività motoria per la scuola primaria Laboratorio Formativo Progettuale InterReti HPH La progettazione in Promozione della salute Reggio Emilia 29-30 Gennaio 2009 Area tematica Stili di vita PROGETTO SAMBa Progetto di Promozione dell attivit

Dettagli

Master Specialistico. La comunicazione in ambito medico-sanitario. Teoria e pratica per una gestione efficiente del conflitti

Master Specialistico. La comunicazione in ambito medico-sanitario. Teoria e pratica per una gestione efficiente del conflitti Master Specialistico La comunicazione in ambito medico-sanitario Teoria e pratica per una gestione efficiente del conflitti Presentazione: Il master è frutto del lavoro di un gruppo eterogeneo e interdisciplinare

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO NELLA SCUOLA

IL MIGLIORAMENTO NELLA SCUOLA IL MIGLIORAMENTO NELLA SCUOLA 01 DOCUMENTAZIONE MINISTERIALE DPR 80-28 marzo 2013 Art. 2 Obiettivi e organizzazione dell's.n.v. Ai fini del miglioramento della qualita' dell'offerta formativa e degli apprendimenti,

Dettagli

POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Questo documento descrive le responsabilità della Direzione. Responsabilità che si esplicano nel comunicare

Dettagli

Premessa. L approccio preventivo proposto si basa su alcuni presupposti fondamentali, quali:

Premessa. L approccio preventivo proposto si basa su alcuni presupposti fondamentali, quali: Piano locale per la prevenzione delle dipendenze 2011/2012 Premessa La DGR 9/937 del 1 dicembre 2010 Determinazioni in ordine alla gestione del servizio socio sanitario regionale per l esercizio 2011,

Dettagli

Collana utilities_4 Biblio WHP. Workplace Health Promotion breve bibliografia ragionata

Collana utilities_4 Biblio WHP. Workplace Health Promotion breve bibliografia ragionata Collana utilities_4 Biblio WHP Workplace Health Promotion breve bibliografia ragionata Modelli teorici World Health Organization, Healthy workplaces: a model for action. For employers, workers, policy-makers

Dettagli

CORSO TRIENNALE IN COUNSELING PNL Un approccio fenomenologico esperienziale

CORSO TRIENNALE IN COUNSELING PNL Un approccio fenomenologico esperienziale CORSO TRIENNALE IN COUNSELING PNL Un approccio fenomenologico esperienziale Corso di Counseling riconosciuto da AICo (Associazione Italiana Counseling) Presentazione La PNL nasce negli anni 70 per opera

Dettagli

LA CARTA D ISEO INDIRIZZI METODOLOGICI DELLA RETE DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE. Febbraio 2013

LA CARTA D ISEO INDIRIZZI METODOLOGICI DELLA RETE DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE. Febbraio 2013 Nei giorni 19, 20 e 21 Novembre 2012, a Iseo (BS), si è tenuto il Laboratorio Costruire la rete, prima iniziativa di formazione dei Dirigenti delle Scuole lombarde capofila provinciali della Rete delle

Dettagli

1 Definizioni. 1 Comuni di Grosseto, Campagnatico, Castiglione della Pescaia, Roccastrada, Scansano.

1 Definizioni. 1 Comuni di Grosseto, Campagnatico, Castiglione della Pescaia, Roccastrada, Scansano. 1 Definizioni 1.1 Premessa Il COeSO è un'azienda speciale di tipo consortile: un consorzio di comuni cioè, quelli della zona socio sanitaria Grossetana, 1 nato per gestire in modo associato i servizi socio

Dettagli

CENTRO FORMAZIONE REGIONALE

CENTRO FORMAZIONE REGIONALE CENTRO FORMAZIONE REGIONALE ANPAS EMILIA ROMAGNA Istituito ai sensi della delibera Giunta Regionale 44 del 26.1.2009 ACCREDITAMENTO REQUISITI ACCREDITAMENTO RENDICONTAZIONE ACCREDITAMENTO FORMAZIONE Mission

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

L esperienza del Rapporto Annuale Integrato

L esperienza del Rapporto Annuale Integrato L esperienza del Rapporto Annuale Integrato Angelo Bettinzoli Amministratore Delegato Sabaf S.p.A. Roma, 24 ottobre 2006 Chi è Sabaf Sabaf è il principale produttore mondiale di componenti per apparecchi

Dettagli

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado ESTRATTO Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado SCHEDA TECNICA DELL INTERVENTO (novembre 2010) I. PRESENTAZIONE DELLA ATTIVITA (FORMAZIONE

Dettagli

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità Responsabile scientifico: Prof. Andrea Vettori, Docente di Healthcare management Università degli studi Guglielmo Marconi, Roma Autori:

Dettagli

LA COMUNICAZIONE EFFICACE

LA COMUNICAZIONE EFFICACE LA COMUNICAZIONE EFFICACE Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web Obiettivo formativo: Comunicazione efficace, privacy ed il consenso informato Ore di formazione previste:

Dettagli

Metodologie didattiche per apprendere competenze

Metodologie didattiche per apprendere competenze Metodologie didattiche per apprendere competenze Amelia Manuti Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione Università di Bari amelia.manuti@uniba.it Obiettivi della giornata Analizzare

Dettagli

Dai risultati del sistema di sorveglianza OKkio alla SALUTE agli interventi di prevenzione dell obesità infantile

Dai risultati del sistema di sorveglianza OKkio alla SALUTE agli interventi di prevenzione dell obesità infantile Dai risultati del sistema di sorveglianza OKkio alla SALUTE agli interventi di prevenzione dell obesità infantile Paola Nardone 1 e Gianfranco Mazzarella 2 per il Comitato Tecnico di OKkio alla SALUTE

Dettagli

DOCUMENTO FINALE LINEE GUIDA (sono riportate in ordine cronologico rispetto alla data di emanazione)

DOCUMENTO FINALE LINEE GUIDA (sono riportate in ordine cronologico rispetto alla data di emanazione) DOCUMENTO FINALE LINEE GUIDA (sono riportate in ordine cronologico rispetto alla data di emanazione) LINEE GUIDA DELLO STATO DEL NEW HAMPSHIRE (U.S.A.) Le linee guida dell autismo dello Stato del New Hampshire

Dettagli

IL PROGETTO DI.SCOL.A.

IL PROGETTO DI.SCOL.A. IL PROGETTO DI.SCOL.A. Il Progetto DI.SCOL.A. DISPERSIONE SCOLASTICA ADDIO - La professionalità docente per garantire il successo scolastico nasce dall'esigenza di rispondere all'obiettivo di migliorare

Dettagli

European Financial Advisor Program certificato EDIZIONE MILANO 2014

European Financial Advisor Program certificato EDIZIONE MILANO 2014 European Financial Advisor Program certificato EDIZIONE MILANO 2014 TESEO, da oltre dieci anni, opera quale ente di ricerca e sviluppo di didattica applicata e quale centro di cultura finanziaria indipendente,

Dettagli

P UBBLICAZIONI. La valutazione del personale infermieristico. all interno di una unità operativa. di Simona Mapelli Flavia Rita Rocco

P UBBLICAZIONI. La valutazione del personale infermieristico. all interno di una unità operativa. di Simona Mapelli Flavia Rita Rocco P UBBLICAZIONI La valutazione del personale infermieristico all interno di una unità operativa di Simona Mapelli Flavia Rita Rocco Per valutazione si intende il considerare e giudicare le capacità di una

Dettagli

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Introduzione La funzione di selezione-valutazione dei pazienti all interno dei Dipartimenti di Emergenza è divenuta

Dettagli

Fondazione Il Tiglio onlus Via Vittoria, 54 Sant Alessio con Vialone (Pv)

Fondazione Il Tiglio onlus Via Vittoria, 54 Sant Alessio con Vialone (Pv) CENTRO DIURNO SPERIMENTALE PER PERSONE CON AUTISMO ADOLESCENTI E ADULTE: UN PROGETTO PER PERCORSI DI CRESCITA Fondazione Il Tiglio onlus Via Vittoria, 54 Sant Alessio con Vialone (Pv) Presupposti teorici

Dettagli

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni INTRODUZIONE BilanciaRSI è una società di formazione e consulenza specializzata nei temi della Legalità, della Sostenibilità, della Responsabilità d Impresa e degli Asset Intangibili. Da più di 10 anni

Dettagli

Appendice III. Competenza e definizione della competenza

Appendice III. Competenza e definizione della competenza Appendice III. Competenza e definizione della competenza Competenze degli psicologi Lo scopo complessivo dell esercizio della professione di psicologo è di sviluppare e applicare i principi, le conoscenze,

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

Essere Competente! Saper Descrivere E Narrare Il Proprio Agire Professionale!

Essere Competente! Saper Descrivere E Narrare Il Proprio Agire Professionale! Timeoutintensiva, N 18, Nurse Science, Ottobre 2011 Essere Competente! Saper Descrivere E Narrare Il Proprio Agire Professionale! S. Giammona, S. Egman, M. Ziino Colanino, G. Cappello, R. Lombardo, F.

Dettagli

INNOVAZIONE, QUALITÀ E SICUREZZA PER IL PAZIENTE

INNOVAZIONE, QUALITÀ E SICUREZZA PER IL PAZIENTE INNOVAZIONE, QUALITÀ E SICUREZZA PER IL PAZIENTE Luigi Boggio Presidente AssoBiomedicali Roma, 16 aprile 2015 LE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA Cosa sono le infezioni correlate all assistenza sanitaria

Dettagli

Best practice per il miglioramento di Salute, Sicurezza e Ambiente, dell'affidabilità e della qualità

Best practice per il miglioramento di Salute, Sicurezza e Ambiente, dell'affidabilità e della qualità Best practice per il miglioramento di Salute, Sicurezza e Ambiente, dell'affidabilità e della qualità Integrazione dei processi relativi a salute, sicurezza, ambiente nella gestione del lavoro e degli

Dettagli

116] Basilicata Regione Notizie

116] Basilicata Regione Notizie 112 116] Basilicata Regione Notizie Basilicata Regione Notizie[116 LA CARTA DI MATERA UN IMPEGNO COMUNE PER CONSOLIDARE LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO E VALUTAZIONE NELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE DOCUMENTO APPROVATO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573

TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573 TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573 Emanuela Maria Torre STRATEGIE DI RICERCA VALUTATIVA

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO

AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO RELAZIONE SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA ED INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI E SULL ATTESTAZIONE DEGLI OBBLIGHI RELATIVI ALLA TRASPARENZA

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

DevOnD. Development On Demand. Coaching

DevOnD. Development On Demand. Coaching DevOnD Development On Demand Coaching Introduzione Cos e' l Individual Coaching? Il termine coach deriva dall inglese coche e allude all idea di trasporto. È una tecnica che facilita la realizzazione di

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

Percorso Benessere Organizzativo

Percorso Benessere Organizzativo Proposta di progetto Percorso Benessere Organizzativo Revisione 00 del 15/04/2014 Redatto dal Gruppo di Lavoro Approvato dal Comitato di Direzione Pagina 1 di 11 Sommario 1 Premessa...3 2 Obiettivi...4

Dettagli

Pagine di soluzioni. Catalizzare l innovazione con il Coaching Creativo Massimo Del Monte

Pagine di soluzioni. Catalizzare l innovazione con il Coaching Creativo Massimo Del Monte Pagine di soluzioni Catalizzare l innovazione con il Coaching Creativo Massimo Del Monte 1 1. Introduzione Negli ultimi anni si è molto parlato della crisi economica che si è abbattuta sul mondo aziendale,

Dettagli

La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale

La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale Assistente Sanitaria Giuliana Faccini Referente Regionale Antifumo SPISAL Dipartimento di Prevenzione Az ULSS 21 Di cosa parleremo Premessa

Dettagli

L e-problem based learning

L e-problem based learning Maggio 2016, anno X N. 5 L e-problem based learning Le potenzialità nascoste di un corso e-learning classico alla luce del 70:20:10 di Cinzia Mezzetti 1 e Daniela Pellegrini 2 Ci sono slogan che funzionano,

Dettagli

Progettare una ricerca bibliografica

Progettare una ricerca bibliografica A.S.L. TO 2 Azienda Sanitaria Locale Torino Nord Corso di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Sede TO2 Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

PROGRAMMA 3 GUADAGNARE SALUTE PIEMONTE COMUNITÀ E AMBIENTI DI LAVORO

PROGRAMMA 3 GUADAGNARE SALUTE PIEMONTE COMUNITÀ E AMBIENTI DI LAVORO Guadagnare Salute Piemonte - Comunità e ambienti di lavoro PROGRAMMA 3 GUADAGNARE SALUTE PIEMONTE COMUNITÀ E AMBIENTI DI LAVORO 61 Piano regionale di prevenzione 2015-2018 Macro obiettivi Obiettivi centrali

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Advantage. Skills. European. Program. Financial Advisor

Advantage. Skills. European. Program. Financial Advisor Advantage Skills Advantage Skills European Financial Advisor Program Il Corso Advantage Skills (European Financial Advisor Program) è un corso di alta qualificazione professionale, rivolto a chi opera

Dettagli

Fase 3: Mettere a fuoco il disegno della Valutazione

Fase 3: Mettere a fuoco il disegno della Valutazione Fase 3: Mettere a fuoco il disegno della Valutazione Per usare il tempo e le risorse nel modo più efficiente possibile, la valutazione deve essere concentrata sui problemi di grande interesse per i committenti

Dettagli

Scheda coordinamento dei corsi Università di Cagliari Edizione 2010 Pag. 1. Programma didattico

Scheda coordinamento dei corsi Università di Cagliari Edizione 2010 Pag. 1. Programma didattico Facoltà di Architettura Scheda coordinamento dei corsi Università di Cagliari Edizione Pag. 1 Programma didattico Titolo del corso: Corso Integrato di Tecnica Urbanistica e Laboratorio (mod. A+B) Settore

Dettagli

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA PREMESSA Secondo le Linee Guida per l elaborazione dei Piani di Studio Provinciali (2012) la TECNOLOGIA, intesa nel suo

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Agenda degli incontri

Agenda degli incontri PROGETTO DI FORMAZIONE LEARNING BY DOING Descrizione Percorso Un percorso di formazione per supportare i docenti a formare in modo esplicito le competenze trasversali dei loro allievi. E ormai noto che

Dettagli

Prevenzione efficace e i piani di salute

Prevenzione efficace e i piani di salute Prevenzione efficace e i piani di salute V. Demicheli Regione Piemonte Assessorato Tutela della Salute Patologie evitabili e fattori di rischio: Evidenza scientifica ed approccio integrato per migliori

Dettagli

METODOLOGIA DELLA RICERCA INFERMIERISTICA edizione 2012

METODOLOGIA DELLA RICERCA INFERMIERISTICA edizione 2012 COLLEGIO IPASVI DI ROMA Polo Formazione Ricercatori Corso di formazione teorico-pratica blended on-line METODOLOGIA DELLA RICERCA INFERMIERISTICA edizione 2012 Elemento essenziale della sistematizzazione

Dettagli

CHE FARE? - Ruolo dei medici e delle sue organizzazioni - Centralità della Formazione - Una rivoluzione culturale

CHE FARE? - Ruolo dei medici e delle sue organizzazioni - Centralità della Formazione - Una rivoluzione culturale CHE FARE? - Ruolo dei medici e delle sue organizzazioni - Centralità della Formazione - Una rivoluzione culturale 1 I Medici come si inseriscono sui temi ambientali oggi? I medici rappresentano per la

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI TORINO

CAMERA DI COMMERCIO DI TORINO Definizioni e concetti generali 1.1 Che cos'è il business plan? Il business plan è un documento che riassume ed espone la rappresentazione dinamica e prevista dello sviluppo di un piano d impresa. Il business

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO

CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE (L39) REGOLAMENTO DI TIROCINIO 1 La declaratoria della classe di Laurea 39 prevede che il Curriculum del Corso di laurea, oltre a rispettare i minimi indicati dalla

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli