IL NUOTO PER SALVAMENTO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL NUOTO PER SALVAMENTO"

Transcript

1 IL NUOTO PER SALVAMENTO Prove per Categoria Gare in piscina E s o r d i e n t i Ragazzi Juniores Seniores Assoluti B A Nuoto con ostacoli m X X Nuoto con ostacoli m X X Nuoto con ostacoli m. 50 X X trasporto manichino m X X X X X trasporto del sacchetto Kg. 5 X percorso con battello m X X X X X percorso misto con manichino m X X X percorso misto con manichino m X X trasporto manichino con pinne m X X X X manichino con pinne e con torpedo m X X X super lifesaver m X X X staffetta con ostacoli 4 x 50 X X X X X X staffetta manichino 4 x X X X X X staffetta mista 4 x X X X staffetta Torpedo 4 x X Gare in acque libere (oceaniche) gara nel frangente X corsa - nuoto - corsa X gara con la tavola X sprint sulla spiaggia m X bandierine sulla spiaggia X staffetta con il torpedo X staffetta sulla spiaggia X salvataggio con la tavola X

2 GARE IN PISCINA NUOTO CON OSTACOLI Descrizione della gara Percorso: Esordienti B m. 50 Esordienti A m. 50 Ragazzi m. 100 Juniores m. 100 Seniores m. 200 Assoluti m. 200 Al segnale di partenza, il concorrente si tuffa in acqua e nuota a stile libero, per la distanza prevista per la categoria d appartenenza, sottopassando gli ostacoli immersi. La prova termina quando il concorrente tocca la parete d arrivo. Dopo il tuffo il concorrente deve riemergere prima del primo ostacolo e dopo esser passato sotto ciascun ostacolo. Il concorrente può darsi una spinta sul fondo della piscina quando riemerge da ciascun ostacolo. Nota: emergere significa che la testa del concorrente rompe il livello della superficie dell acqua. Ostacoli: a) Gli ostacoli sono realizzati con pannelli verticali dell altezza di cm. 70 e della larghezza della corsia. b) I pannelli sono costituiti da una rete a maglie larghe trattenuta da un tubo di materiale plastico, per il perimetro totale di ciascun pannello. Gli ostacoli sono disposti in linea retta per la larghezza della piscina nel seguente modo: Vasca da m. 50 Gli ostacoli sono fissati alle corsie; 1 ostacolo: 12,50 m. dalla testata di partenza; 2 ostacolo: 12,50 m. dalla testata opposta; La distanza tra i due ostacoli è 25 m. Vasca da m. 25 Gli ostacoli sono fissati alle corsie; ostacolo: 12,50 m. dalla testata di partenza (metà vasca);

3 TRASPORTO DEL MANICHINO 50 m. a) Descrizione della gara Al segnale di partenza, il concorrente si tuffa in acqua e nuota 25 m. a stile libero, poi si immerge a recuperare un manichino sommerso, lo porta in superficie entro 5 m dalla linea di recupero e lo trasporta fino all arrivo. All arrivo il concorrente deve toccare la parete con una qualsiasi parte del corpo prima di lasciare l attrezzo. Il concorrente può darsi la spinta dal fondo per riemergere con il manichino. b) Equipaggiamento Manichino Altezza Peso a vuoto Peso a pieno carico : 1 metro : 7,900 Kg : 40,700 Kg Il manichino deve essere completamente riempito d acqua e tappato per la gara. Posizione del manichino Profondità: esordienti A profondità massima 2,00 Altre categorie profondità massima 2,50 Se l acqua è più profonda, il manichino deve essere messo su una pedana (o altro supporto) che permetta di posizionarlo alla profondità stabilita. Il manichino è posizionato sul suo dorso, con la testa in direzione dell arrivo. In vasca da 50 m. la linea trasversale al centro del torace del manichino è posta sulla linea dei 25 m. In vasca da 25 m. il manichino ha la base a contatto con la parete della vasca. Emersione del manichino

4 Il concorrente deve sollevare il manichino con almeno una mano e deve essere in posizione di trasporto corretta prima che la sommità del capo del manichino passi la linea dei 5m dopo il recupero. PERCORSO MISTO CON MANICHINO a) Descrizione della gara Al segnale di partenza, il concorrente si tuffa in acqua e nuota il primo tratto del percorso a stile libero. Nel secondo tratto il concorrente deve immergersi e nuotare sott acqua verso il manichino che è posizionato sul fondo. Se il momento dell immersione coincide con la parete di virata, al concorrente non è permesso prendere aria dopo aver toccato la parete di virata. Il concorrente porta in superficie il manichino entro 5 m dalla linea di recupero, e lo trasporta per la distanza rimanente all arrivo. Il concorrente può darsi la spinta dal fondo della piscina per riemergere con il manichino. b) Percorso Categorie Ragazzi maschi e femmine Esordienti A maschi e femmine Percorso totale m m. 25 nuoto stile libero - m. 10 di nuoto in immersione - m. 15 di trasporto del manichino. Categorie Juniores, Seniores femmine e campionati assoluti Percorso totale m m. 50 nuoto stile libero - m. 15 di nuoto in immersione - m. 35 di trasporto del manichino. Categorie Juniores, e Seniores maschi e campionati assoluti Percorso totale m m. 50 nuoto stile libero - m. 20 di nuoto in immersione - m. 30 di trasporto del manichino. MANICHINO CON PINNE 100 m. a) Descrizione della gara Al segnale di partenza, il concorrente si tuffa in acqua e nuota 50 m. a stile libero indossando le pinne. Questa fase di gara può essere effettuata totalmente in immersione. Il concorrente quindi s immerge verso il manichino sommerso, facendolo emergere entro 10 m dalla parete di virata, e lo trasporta fino all arrivo. Il concorrente, al momento del recupero del manichino, non è obbligato a toccare la parete di virata della piscina. Nota: se alla misurazione le pinne risultano irregolari, prima della partenza devono essere rese regolari pena l esclusione dalla prova. b) Equipaggiamento

5 Manichino Altezza Peso a vuoto Peso a pieno carico : 1 metro : 7,900 Kg : 40,700 Kg Il manichino deve essere completamente riempito di acqua e tappato per la gara. Posizione del manichino Profondità: profondità massima 2,50 Se l acqua è più profonda, il manichino deve essere messo su una pedana (o altro supporto) che permetta di posizionarlo alla profondità stabilita. Il manichino giace sulla schiena con la base a contatto con la parete della vasca. MANICHINO CON PINNE E CON TORPEDO 100 m. (LIFESAVER) 100m SAVING AMANIKIN WITH FINS AND RESCUE TUBE Start/ Finish Turn Wall 50m Descrizione della gara Al segnale di partenza, il concorrente si tuffa in acqua e nuota per 50 metri a stile libero con le pinne e il torpedo di salvataggio. Dopo aver toccato la parete di virata il concorrente fissa il torpedo di salvataggio attorno al manichino, che galleggia in prossimità della parete, e lo trasporta all arrivo. La prova termina quando il concorrente tocca la parete d arrivo. Il concorrente deve trainare, e non trasportare, il manichino con la sagola del torpedo di salvataggio completamente tesa. 5m

6 200m SUPER LIFESAVER SUPER LIFESAVER 200 m. Start/ Finish Turn Wall 5m 50m 25m 5m Descrizione della gara Al segnale acustico di partenza, il concorrente si tuffa in acqua e nuota per 75 m. a stile libero, poi s immerge a recuperare il manichino. Il concorrente lo porta in superficie entro 5 m. dalla linea di recupero e lo trasporta alla parete di virata. Dopo aver toccato la parete, il concorrente lascerà il manichino. Il concorrente, rimanendo in acqua, indossa le pinne e il torpedo di salvataggio entro 5 m. dalla parete di virata, e nuota 50 m a stile libero. Dopo aver toccato la parete il concorrente fissa il torpedo di salvataggio attorno ad un manichino galleggiante, entro 5 m. dalla parete di virata e lo traina per 50 m. alla parete d arrivo. Il concorrente deve trainare, e non trasportare, il manichino con la sagola del torpedo di salvataggio completamente tesa. Staffette Nel programma nazionale di Nuoto per Salvamento sono previste anche quattro competizioni a staffetta: 1) 4x50 nuoto con sottopassaggi 2) 4x25 manichino 3) 4x50 Mista -50 m stile libero con pinne-50 m nuoto sub e recupero manichino -50 m traporto manichino 50 m manichino con pinne 4) 4x50 Topedo-50 m stile libero-50m stile libero con pinne-50 m stile libero con il torpedo-50 m stile libero con pinne rimorchiando il 3 frazionista con il torpedo.

Federazione Italiana Nuoto STAFF GUG NAZIONALE Nuoto per il Salvamento CODICI SQUALIFICA. Versione 2015 ed. 3.0

Federazione Italiana Nuoto STAFF GUG NAZIONALE Nuoto per il Salvamento CODICI SQUALIFICA. Versione 2015 ed. 3.0 Federazione Italiana Nuoto STAFF GUG NAZIONALE Nuoto per il Salvamento CODICI SQUALIFICA Versione 2015 ed. 3.0 1. INDICE Avvertenze 2 Categoria delle prove 3 Codici generali di squalifica 4 Codici di squalifica

Dettagli

(edizione luglio 2016)

(edizione luglio 2016) Regolamento Tecnico di Nuoto Salvamento (edizione luglio 2016) Premessa Il presente regolamento tecnico è basato sulle regole adottate dalla Federazione Italiana Nuoto (FIN) ed adattate alle esigenze degli

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA REGOLAMENTO TECNICO

STAGIONE SPORTIVA REGOLAMENTO TECNICO STAGIONE SPORTIVA 2015-2016 REGOLAMENTO TECNICO ATTIVITA PROPAGANDA: NUOTO SALVAMENTO ACQUE LIBERE Approvato con delibera n. 132 del Consiglio Federale del 14.07.2015. tel.0636200465-432 fax 0636200019

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA REGOLAMENTO TECNICO

STAGIONE SPORTIVA REGOLAMENTO TECNICO STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 REGOLAMENTO TECNICO ATTIVITA PROPAGANDA: NUOTO SALVAMENTO ACQUE LIBERE tel.0636200465-432 fax 0636200019 e-mail scuole.nuoto@federnuoto.it Premessa Tutte le iniziative del Settore

Dettagli

- AZZURRA NUOTO PRATO ASD - SERENDIP SPORT S.S.D. ARL

- AZZURRA NUOTO PRATO ASD - SERENDIP SPORT S.S.D. ARL Pistoia, 15 Gennaio 2015 Alle Società F.I.N. della Prov. di Pistoia - ACQUATICA S.S.DIL. ARL - A.S.D. N. VALDINIEVOLE - C. N. MONTECATINI S.COOP.S.D. - CO.G.I.S. SOC. COOP.S. DIL - NUOTATORI PISTOIESI

Dettagli

Ministero dell'interno

Ministero dell'interno Ministero dell'interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile UFFICIO PER LE ATTIVITA SPORTIVE Piazza Scilla, 0078 Roma (CAPANNELLE) Tel/Fax: 06-780704 Web: http://www.vigilfuoco.it/sport/index_sport.asp

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO SEZIONE SALVAMENTO 2003/2004

REGOLAMENTO TECNICO SEZIONE SALVAMENTO 2003/2004 REGOLAMENTO TECNICO SEZIONE SALVAMENTO 2003/2004 Trofeo Nuoto per tutti in piscina e in acque libere CATEGORIE ATLETI SALVAMENTO Gare in piscina e in acque libere (Oceaniche) Vedi età partecipanti nel

Dettagli

Regolamento tecnico di Nuoto Salvamento. (edizione novembre 2011)

Regolamento tecnico di Nuoto Salvamento. (edizione novembre 2011) Regolamento tecnico di Nuoto Salvamento (edizione novembre 2011) Premessa Il presente regolamento tecnico è basato sulle regole adottate dalla Federazione Italiana Nuoto (FIN) ed adattate alle esigenze

Dettagli

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE

COPIA TRATTA DA GURITEL GAZZETTA UFFICIALE ON-LINE A LLEGATO A PROGRAMMA PRESELETTIVA E COLLOQUIO La prova preselettiva verte su: storia d Italia dal 1861 geografia d Italia e d Europa letteratura italiana dal 1800 educazione civica aritmetica geometria

Dettagli

Partita Iva

Partita Iva Partita Iva 03612270102 Si sono appena conclusi i Campionati Italiani Primaverili di Categoria di Nuoto per Salvamento ed i nostri ragazzi hanno di che festeggiare! La rassegna che ha avuto luogo a Riccione

Dettagli

ACQUACSEN CAMPIONATO NAZIONALE DI NUOTO REGOLAMENTO. Modalità di partecipazione

ACQUACSEN CAMPIONATO NAZIONALE DI NUOTO REGOLAMENTO. Modalità di partecipazione 2 CAMPIONATO NAZIONALE DI NUOTO ACQUACSEN 2011 Modalità di partecipazione REGOLAMENTO Possono partecipare al Campionato Nazionale ACQUACSEN tutti gli atleti regolarmente tesserati CSEN per la S.S. 2010/2011,

Dettagli

Regolamento tecnico di Nuoto Salvamento In Acque Libere

Regolamento tecnico di Nuoto Salvamento In Acque Libere Regolamento tecnico di Nuoto Salvamento In Acque Libere (edizione marzo 2012) Premessa Il presente regolamento tecnico è basato sulle regole adottate dalla Federazione Italiana Nuoto (FIN) ed adattate

Dettagli

REGOLAMENTO PROPAGANDA 2015/2016

REGOLAMENTO PROPAGANDA 2015/2016 Comitato Regionale Toscano REGOLAMENTO PROPAGANDA 2015/2016 Il Comitato Regionale Toscano F.I.N. organizza per la stagione 2015/2016 le manifestazioni del Settore Propaganda. Alle manifestazioni possono

Dettagli

Circuito Nuoto ASI ROMA

Circuito Nuoto ASI ROMA Circuito Nuoto ASI ROMA REGOLAMENTO TECNICO E CALENDARIO GARE 2010 A tutte le società sportive interessate Roma lì 16 ottobre 2009 Lo scrivente ente di promozione sportiva informa tutte le società sportive

Dettagli

L'esame pratico si compone delle seguenti discipline degli sport natatori

L'esame pratico si compone delle seguenti discipline degli sport natatori Nuoto G+S Procedura d esame monitore di nuoto A Procedura d esame monitore di nuoto A 1 In generale L esame di monitore di nuoto A comprende i seguenti argomenti: Competenza specialistica teoria Competenza

Dettagli

CALENDARIO INDOOR 2009 Palaindoor di Aosta - Corso Lancieri 41

CALENDARIO INDOOR 2009 Palaindoor di Aosta - Corso Lancieri 41 DOMENICA 11 GENNAIO MEETING INDOOR Iscrizioni entro il 9 gennaio a ASD Atletica Pont Donnas email atletica@pont-donnas.it Ritrovo ore 14,30 Chiusura conferma iscrizioni ore 15,00 Inizio gare ore 15,15

Dettagli

- ACQUATICA S.S.DIL. ARL - A.S.D. N. VALDINIEVOLE - C. N. MONTECATINI S.COOP.S.D. - CO.G.I.S. SOC. COOP.S. DIL - NUOTATORI PISTOIESI A.S. DIL.

- ACQUATICA S.S.DIL. ARL - A.S.D. N. VALDINIEVOLE - C. N. MONTECATINI S.COOP.S.D. - CO.G.I.S. SOC. COOP.S. DIL - NUOTATORI PISTOIESI A.S. DIL. Pistoia, 8 Gennaio 2014 Alle Società F.I.N. della Prov. di Pistoia - ACQUATICA S.S.DIL. ARL - A.S.D. N. VALDINIEVOLE - C. N. MONTECATINI S.COOP.S.D. - CO.G.I.S. SOC. COOP.S. DIL - NUOTATORI PISTOIESI A.S.

Dettagli

MODALITA' DI PARTECIPAZIONE 22 CAMPIONATO ITALIANO VV.F. DI NUOTO PER SALVAMENTO

MODALITA' DI PARTECIPAZIONE 22 CAMPIONATO ITALIANO VV.F. DI NUOTO PER SALVAMENTO MODALITA' DI PARTECIPAZIONE 22 CAMPIONATO ITALIANO VV.F. DI NUOTO PER SALVAMENTO 1. INDIZIONE E PROGRAMMA DEL CAMPIONATO. L Ufficio per le Attività Sportive - sotto l'egida del Dipartimento dei Vigili

Dettagli

NORMATIVE PER LE ATTREZZATURE ATTIVITA' FEDERALI 2017

NORMATIVE PER LE ATTREZZATURE ATTIVITA' FEDERALI 2017 NORMATIVE PER LE ATTREZZATURE ATTIVITA' FEDERALI 2017 NORMATIVE PER LE ATTREZAZATURE NELLE COMPETIZIONI SEZIONE ARTISTICA MASCHILE CAMPIONATO ASSOLUTO CAMPIONATI DI SERIE A1-A2-B NAZIONALE Standard internazionale:

Dettagli

m. 50 dorso m. 50 stile libero m. 50 rana staffetta 4 x 50 stile libero m. 50 farfalla staffetta 4 x 50 mista stile libero ( 2m + 2 f )

m. 50 dorso m. 50 stile libero m. 50 rana staffetta 4 x 50 stile libero m. 50 farfalla staffetta 4 x 50 mista stile libero ( 2m + 2 f ) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Ufficio XII Ambito territoriale della provincia di Livorno Ufficio Educazione Fisica Prot. 66 Livorno,

Dettagli

GRAN PRIX GIOVANILE RAGAZZI SU PISTA 2014

GRAN PRIX GIOVANILE RAGAZZI SU PISTA 2014 GRAN PRIX GIOVANILE RAGAZZI SU PISTA 2014 Il Comitato Fidal Trentino propone per la stagione 2014 una versione del Grand Prix Giovanile su Pista. Per la categoria Ragazzi/e valgono tutte le gare del calendario

Dettagli

REQUISITI PER L AMMISSIONE AI CAMPIONATI NAZIONALI PRIMAVERILI DI CATEGORIA 2010 E AI CAMPIONATI NAZIONALI ASSOLUTI PRIMAVERILI 2010

REQUISITI PER L AMMISSIONE AI CAMPIONATI NAZIONALI PRIMAVERILI DI CATEGORIA 2010 E AI CAMPIONATI NAZIONALI ASSOLUTI PRIMAVERILI 2010 REQUISITI PER L AMMISSIONE AI CAMPIONATI NAZIONALI PRIMAVERILI DI CATEGORIA 2010 E AI CAMPIONATI NAZIONALI ASSOLUTI PRIMAVERILI 2010 1 CAMPIONATI NAZIONALI GIOVANILI PRIMAVERILI Riccione 26/31 marzo 2010

Dettagli

Nuoto programmazione attività estiva 2010

Nuoto programmazione attività estiva 2010 Comitato Regionale Lombardo www.finlombardia.org e-mail crlombardia@federnuoto.it 20137 Milano Via Piranesi 44/B Tel. 02/7577571 Fax 02/70127900 Milano, 8 aprile 2010 Ns. rif 10-226 Alle Ai Al Ai Alla

Dettagli

Settore Nuoto Circuito Nuoto ASI ROMA

Settore Nuoto Circuito Nuoto ASI ROMA Settore Nuoto Circuito Nuoto ASI ROMA REGOLAMENTO TECNICO E CALENDARIO GARE 2012 (agg 14/02/12) A tutte le società sportive interessate Roma lì 17 ottobre 2011 Lo scrivente ente di promozione sportiva

Dettagli

Regolamento Salvamento agonistico

Regolamento Salvamento agonistico Regolamento e Programmi 2016 / 2017 Rev. 0 Pag. 1 di 57 Regolamento Salvamento agonistico NOME FUNZIONE DATA REDAZIONE Giorgio Quintavalle Coord. Commissione tecnica Nazionale VERIFICA Antonello Panza

Dettagli

CENTRO SPORTIVO ITALIANO C.R. Campania / Direzione Tecnica Regionale Via Capodimonte, Napoli

CENTRO SPORTIVO ITALIANO C.R. Campania / Direzione Tecnica Regionale Via Capodimonte, Napoli Napoli, 06/01/2016 - Spettabili: - Comitati territoriali C.S.I. Campania; - Direzioni tecniche territoriali C.S.I. Campania; - Gruppo giudici / arbitri C.S.I. Campania - e p. c. - Società / Associazioni

Dettagli

VERBALE DI OMOLOGAZIONE IMPIANTO NATATORIO

VERBALE DI OMOLOGAZIONE IMPIANTO NATATORIO VERBALE DI OMOLOGAZIONE IMPIANTO NATATORIO PRIMA OMOLOGAZIONE RINNOVO OMOLOGAZIONE Sopralluogo effettuato il giorno presso l impianto nel Comune di Provincia di A cura del tecnico omologatore incaricato

Dettagli

DARE IMPORTANZA A QUESTI PARTICOLARI

DARE IMPORTANZA A QUESTI PARTICOLARI PARTENZE E VIRATE Chiunque abbia assistito a una manifestazione di nuoto si è reso conto che spesso la gara viene vinta con una corretta (e perfetta) partenza, virata o arrivo. DARE IMPORTANZA A QUESTI

Dettagli

Campionati Nazionali di Categoria 2014 Sezione Ragazzi - Roma Stadio Nuoto

Campionati Nazionali di Categoria 2014 Sezione Ragazzi - Roma Stadio Nuoto Campionati Nazionali di Categoria 2014 Sezione Ragazzi - Roma Stadio Nuoto Programma 8 agosto 8 agosto Batterie 200m dorso ragazze Finali B-A 200m dorso ragazze Batterie 200m dorso ragazzi Serie 14a, Finali

Dettagli

MINIAPNEA 3 Grado Delfino PMAp3. FINALITÀ: destinato a chi ha discreta acquaticità iniziale.

MINIAPNEA 3 Grado Delfino PMAp3. FINALITÀ: destinato a chi ha discreta acquaticità iniziale. MINIAPNEA 3 Grado Delfino PMAp3 FINALITÀ: destinato a chi ha discreta acquaticità iniziale. OBIETTIVO GENERICO: apprendere le basilari nozioni teorico-pratiche della subacquaticità per effettuare un percorso

Dettagli

Regolamento Del Beach Badminton

Regolamento Del Beach Badminton Regolamento Del Beach Badminton Articolo 1 - Il campo 1.1 Il campo è quello indicato in figura, con fondo in sabbia e misura m 5 x 12. 1.2 L altezza della sabbia deve essere almeno di cm 30 dal sottostante

Dettagli

1^ GIORNATA 80 hs (76cm), 300m, 1000m, triplo, alto, peso 3kg, martello 3kg, 3x1000, marcia 3 km.

1^ GIORNATA 80 hs (76cm), 300m, 1000m, triplo, alto, peso 3kg, martello 3kg, 3x1000, marcia 3 km. Oggetto: Campionati di Società su Pista Ragazzi/e e Cadetti/e Borgo Valsugana 24-25 maggio 2014 Programma gare RAGAZZE: 1^ GIORNATA - 60m hs (60cm), lungo, pallina, 3x800m, marcia 2km. 2^ GIORNATA - 60m,

Dettagli

REGOLAMENTO. Giochi. Gioco n 1 - La staffetta della spugna

REGOLAMENTO. Giochi. Gioco n 1 - La staffetta della spugna REGOLAMENTO L'ufficio Missionario, una volta chiuse le iscrizioni, provvederà a dividere in egual misura il numero dei partecipanti per i cinque continenti. Esempio se gli iscritti saranno 500:5= 100.

Dettagli

CENTRO SPORTIVO ITALIANO Direzione Tecnica Regionale Campania Via Capodimonte, Napoli

CENTRO SPORTIVO ITALIANO Direzione Tecnica Regionale Campania Via Capodimonte, Napoli Napoli, 09/11/2015 - Ai Comitati territoriali di: - Napoli, Avellino, Benevento, Caserta, Salerno, Ariano Irpino, Cava dé Tirreni, Aversa, Sessa A. - Direzioni tecniche di: - Napoli, Avellino, Benevento,

Dettagli

1 TROFEO NAZIONALE MSP DAY 2013

1 TROFEO NAZIONALE MSP DAY 2013 Fondo Europeo di Sviluppo Regionale A.s.d. MSP ABRUZZO 1 TROFEO NAZIONALE MSP DAY 2013 11-12 MAGGIO 2013 PISCINA COMUNALE MONTORIO AL VOMANO (TE) Vasca 25 metri x 6 corsie 0861-592587 327-7792859 Fondo

Dettagli

Nuoto programmazione 2013/2014 Estiva

Nuoto programmazione 2013/2014 Estiva FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO Comitato Regionale Lombardo Milano, 20 gennaio 2014 Ns. rif. 14-201 Alle Ai Al Ai Alle Al Al Alla Alla Società affiliate Delegati Provinciali GUG Fiduciari Provinciali GUG Sezioni

Dettagli

GIMCANA Classe 3a, 4a, 5a.

GIMCANA Classe 3a, 4a, 5a. PROPOSTA GIOCHI secondo ciclo GIMCANA Classe 3a, 4a, 5a. La Gimcana consiste in un percorso con varie difficoltà situate lungo una corsia. E una corsa: vince quindi chi arriva primo. Ogni classe partecipa

Dettagli

S E T T O R E PROPAGANDA

S E T T O R E PROPAGANDA S E T T O R E PROPAGANDA 2014 2015 ATTIVITÀ PROPAGANDA 2014-2015 REGOLAMENTO TECNICO-ORGANIZZATIVO F.I.N. MARCHE Tratto dalla premessa del programma nazionale Tutte le iniziative del Settore Propaganda

Dettagli

PROGRAMMA GARE. Mt 60 mt marcia mt 2000 lungo- peso

PROGRAMMA GARE. Mt 60 mt marcia mt 2000 lungo- peso PROGRAMMA GARE ESORDIENTI MASCHILI C 2005/2004 mt 50 mt 200 ESORDIENTI FEMMINILI C 2005/2004 Mt 50 mt 200 ESORDIENTI MASCHILI B 2003/2002 Mt 50 mt 400 marcia mt 600 ESORDIENTI FEMMINILI B 2003/2002 Mt

Dettagli

COMUNICATO DELLA COMMISSIONE SPORTIVA ILS

COMUNICATO DELLA COMMISSIONE SPORTIVA ILS COMUNICATO DELLA COMMISSIONE SPORTIVA ILS Adattamento al Regolamento Tecnico del Nuoto per Salvamento (ed. 2014) Nota di modifica alle norme 3.3.1, 3.3.2 e 3.3.3 del Regolamento Tecnico (ed. 2014) Questo

Dettagli

NORMATIVE PER LE ATTREZZATURE NELLE COMPETIZIONI INSERITE

NORMATIVE PER LE ATTREZZATURE NELLE COMPETIZIONI INSERITE NORMATIVE PER LE ATTREZZATURE NELLE COMPETIZIONI INSERITE NEI CALENDARI AGONISTICI FEDERALI 2015 NORMATIVE PER LE ATTREZZATURE NELLE COMPETIZIONI SEZIONE ARTISTICA MASCHILE GARA Standard internazionale:

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE

REGOLAMENTO PROVINCIALE REGOLAMENTO PROVINCIALE ATTIVITA SETTORE PROMOZIONALE 2016 Comitato FIDAL di Treviso Categoria ESORDIENTI M/F C e B - Esordienti C nati negli anni 2010 2009 - Esordienti B nati negli anni 2008 2007 (*)

Dettagli

Scuola Sommozzatori di Catania Corso speciale NUCLEI OMEGA

Scuola Sommozzatori di Catania Corso speciale NUCLEI OMEGA Scuola Sommozzatori di Catania Corso speciale NUCLEI OMEGA 1 ALLENAMENTO IN PISCINA Tuffo di superficie e nuoto stile libero m. 50. Tuffo di superficie e nuoto stile rana m. 50. Zavorra kg. 2 indossata,

Dettagli

GRANPREMIO PROPAGANDA

GRANPREMIO PROPAGANDA GRANPREMIO PROPAGANDA efmmf! Scuole Nuoto Federali 2017 1 I N D I C E NORMATIVA GENERALE pag. 3 7 ATTIVITÀ DIDATTICA pag. 8 CALENDARIO FINALI TROFEO S.N.F. pag. 9 21 COPPA MANAZZON Esordienti/Giovanissimi

Dettagli

GRAND PRIX BROGIOLI SPORT - PANATHLON CLUB VARESE 2015

GRAND PRIX BROGIOLI SPORT - PANATHLON CLUB VARESE 2015 Pagina 1 di 10 GRAND PRIX BROGIOLI SPORT - PANATHLON CLUB VARESE 2015 Il premio è rivolto agli atleti appartenenti alle categorie: cadetti/e e allievi/e. Gli atleti concorrenti verranno valutati sia per

Dettagli

ALLEGATO 7 SCHEDE TECNICHE

ALLEGATO 7 SCHEDE TECNICHE GARA A PROCEDURA APERTA FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DI RICOVERI TEMPORANEI PER BOVINI E OVINI A SEGUITO DEL SISMA DEL AGOSTO 0 AI SENSI DELL ARTICOLO DELL ORDINANZA DEL CAPO DEL DIPARTIMENTO

Dettagli

LIFESAVING (SALVAMENTO AGONISTICO)

LIFESAVING (SALVAMENTO AGONISTICO) LIFESAVING (SALVAMENTO AGONISTICO) Approvato con delibera del Consiglio Federale n. 296 del 17.11.2014 e n.31 del 02.03.2015 e con delibera del Presidente n.45 del 15/06/2015. Regolamenti Calendari e Programmi

Dettagli

Regolamento Salvamento agonistico

Regolamento Salvamento agonistico Pag. 1 di 51 Regolamento Salvamento agonistico NOME FUNZIONE DATA REDAZIONE Giorgio Quintavalle Coord. Commissione tecnica Nazionale 12/10/2015 VERIFICA Antonello Panza Segretario Generale 19/11/2015 APPROVAZIONE

Dettagli

9 MEMORIAL MARIO SOMMARIVA. Gara di nuoto agonistico Categorie esordienti e assoluti. Giovedì 8 dicembre 2016

9 MEMORIAL MARIO SOMMARIVA. Gara di nuoto agonistico Categorie esordienti e assoluti. Giovedì 8 dicembre 2016 9 MEMORIAL MARIO SOMMARIVA Gara di nuoto agonistico Categorie esordienti e assoluti Giovedì 8 dicembre 2016 Sessione mattutina ore 09:30 Sessione pomeridiana ore 14:30 Piscina Comunale di Predazzo (TN)

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA PROGRAMMA TECNICO 2013

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA PROGRAMMA TECNICO 2013 CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA PROGRAMMA TECNICO 2013 A questo Campionato possono partecipare oltre ai tesserati della Federazione Ginnastica d Italia anche tesserati di qualsiasi Ente di

Dettagli

MUNDIALITO AIA senza frontiere (gara a squadre II Edizione, anno 2014)

MUNDIALITO AIA senza frontiere (gara a squadre II Edizione, anno 2014) Premessa: Il presente regolamento non ha subito modifiche rispetto a quello della prima Edizione del 2013 tranne che per la Tunnel Cup e l Agility a staffetta in modo da migliorare la competizione per

Dettagli

Scheda tecnica preparazione e posa piscina interrata 8x4 a fagiolo con pareti prefabbricate

Scheda tecnica preparazione e posa piscina interrata 8x4 a fagiolo con pareti prefabbricate Scheda tecnica preparazione e posa piscina interrata 8x4 a fagiolo con pareti prefabbricate Caratteristiche principali piscina: Dimensioni vasca: come da disegno Perimetro totale: 20,51 Superficie specchio

Dettagli

S E T T O R E PROPAGANDA

S E T T O R E PROPAGANDA S E T T O R E PROPAGANDA 2014 2015 ATTIVITÀ PROPAGANDA 2014-2015 REGOLAMENTO TECNICO-ORGANIZZATIVO FIN MARCHE Tratto dalla premessa del programma nazionale Tutte le iniziative del Settore Propaganda e

Dettagli

Norme generali. Approvazione con delibera del Presidente n.47 del Edizione 2015

Norme generali. Approvazione con delibera del Presidente n.47 del Edizione 2015 Approvazione con delibera del Presidente n.47 del 16.06.2015 Edizione 2015 REGOLAMENTO NUOTO IN ACQUE LIBERE MASTERS Norme generali... 1 Circuiti nazionali... 2 Circuiti nazionali individuali, regole comuni...

Dettagli

REGOLAMENTO SALVAMENTO MASTER

REGOLAMENTO SALVAMENTO MASTER REGOLAMENTO SALVAMENTO MASTER Ammissione alle manifestazioni di Salvamento Master... 2 Categorie... 2 Rescue Nazionale Master... 2 Circuito Supermaster di Salvamento... 4 Record italiani... 5 Gare in piscina...

Dettagli

Giochi Sportivi Studenteschi 2008/2009 Scuole Secondarie di I Grado Regolamento Tecnico Alunni Disabili NORME GENERALI

Giochi Sportivi Studenteschi 2008/2009 Scuole Secondarie di I Grado Regolamento Tecnico Alunni Disabili NORME GENERALI Giochi Sportivi Studenteschi 2008/2009 Regolamento Tecnico Alunni Disabili NORME GENERALI A) Categorie di Disabilità Considerata l eterogeneità delle disabilità degli alunni, le classifiche verranno stilate

Dettagli

PROGRAMMA STAFFETTE --- TURNO 1

PROGRAMMA STAFFETTE --- TURNO 1 PROGRAMMA STAFFETTE --- TURNO CAMPIONATI NAZIONALI NUOTO MASTER 0 Meeting Open "HEAD" OLBIA --- E GIUGNO 0 STAFFETTA X0 STILE LIBERO MISTA -- 0 - (E) STAFFETTA X0 STILE LIBERO MISTA -- 00 - (D) 0 SPORT

Dettagli

F > mg Il cubo galleggia

F > mg Il cubo galleggia LA LEGGE DI ARCHIMEDE Un corpo immerso in un liquido riceve una spinta dal basso verso l'alto pari al peso del liquido spostato Cubo di legno di pioppo V = 1 dm³ mg = 5N (forza peso) Legge di Archimede:

Dettagli

CALENDARIO GRAN PRIX PROVINCIALE PROMOZIONALE GIOVANILE INDIVIDUALE E DI SOCIETÀ SU PISTA 2010 RAGAZZI/E - CADETTI/E

CALENDARIO GRAN PRIX PROVINCIALE PROMOZIONALE GIOVANILE INDIVIDUALE E DI SOCIETÀ SU PISTA 2010 RAGAZZI/E - CADETTI/E CALENDARIO GRAN PRIX PROVINCIALE PROMOZIONALE GIOVANILE INDIVIDUALE E DI SOCIETÀ SU PISTA 2010 RAGAZZI/E - CADETTI/E Il Comitato FIDAL Trentino propone un Gran Prix giovanile su pista articolato sulle

Dettagli

Regolamento tecnico di Nuoto del settore agonistico

Regolamento tecnico di Nuoto del settore agonistico Regolamento tecnico di Nuoto del settore agonistico (edizione settembre 2009) 1 Premessa Il presente regolamento tecnico è basato sulle regole adottate dalla Federazione Italiana Nuoto (FIN) ed adattate

Dettagli

ORARIO GARE ritrovo giurie e concorrenti e conferma iscrizioni 9.20 Prom/Sen M = 10 km Jun M + Prom/Sen F = 8 km 11.

ORARIO GARE ritrovo giurie e concorrenti e conferma iscrizioni 9.20 Prom/Sen M = 10 km Jun M + Prom/Sen F = 8 km 11. Regolamenti Attività Invernale 2016 CAMPIONATI REGIONALI DI SOCIETA DI CORSA CAMPESTRE Regolamento Il Comitato Regionale Pugliese FIDAL indice il Campionato di Società di Cross 2016, riservato agli atleti

Dettagli

IL GIOCO CONTENUTI MODALITA. Corso di 1 livello per Allenatori-Educatori di CALCIO 23 marzo 8 giugno PROGRAMMA del CORSO DA COSA INIZIARE?

IL GIOCO CONTENUTI MODALITA. Corso di 1 livello per Allenatori-Educatori di CALCIO 23 marzo 8 giugno PROGRAMMA del CORSO DA COSA INIZIARE? Corso di 1 livello per Allenatori-Educatori di CALCIO 23 marzo 8 giugno 2009 Stefano faletti Stefano Faletti CSI Varese 1 DATA LUOGO ARGOMENTO RELATORE 23 marzo AULA 30 marzo 1 aprile CAMPO ASSOCIATIVISMO

Dettagli

RIUNIONE TECNICA REGIONALE

RIUNIONE TECNICA REGIONALE RIUNIONE TECNICA REGIONALE REGGIO EMILIA 26 NOVEMBRE 2015 RAVENNA 10 DICEMBRE 2015 Relatori: Davide Drudi Daniele Rocchi AGENDA DEI LAVORI COMPILAZIONE DEL FOGLIO GUIDA RAPPRESENTANTI DI SOCIETA : TECNICI

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO COMITATO REGIONALE PUGLIESE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO COMITATO REGIONALE PUGLIESE Prot. N 574 FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO COMITATO REGIONALE PUGLIESE COMPLETO RESPONASABILI DI SETTORE: Responsabile Settore Nuoto Assoluti: Consigliere Regionale Prof. Mario Ciavarella Responsabile Settore

Dettagli

CAM-CAMPIONATO INTERREGIONALE "IRONMASTER" DI SALVAMENTO. Ischia - 12/05/2012

CAM-CAMPIONATO INTERREGIONALE IRONMASTER DI SALVAMENTO. Ischia - 12/05/2012 Ischia - 12/05/2012 RISULTATI - 12/05/2012 1400 OCEANICHE Gara nel frangente M25 Femminile - Finale 1) EMI-13723 PIOLI Alice ITA 86 Vv Ff Reggio E MMarconi 2) EMI-7277 VENTURI Paola ITA 85 Vv Ff Reggio

Dettagli

PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE

PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE La prova motorio-attitudinale è suddivisa in quattro moduli il cui ordine verrà stabilito dalla commissione esaminatrice, in relazione alle esigenze organizzative. Per ciascuno

Dettagli

Nuoto Sincronizzato - Calendario Regionale 2015/2016

Nuoto Sincronizzato - Calendario Regionale 2015/2016 Comitato Regionale Lombardo 20137 Milano Via Piranesi 46 Tel. 02/7577571 Fax 02/70127900 www.finlombardia.org e-mail: crlombardia@federnuoto.it pec: lombardia@pec.federnuoto.it Milano 03 novembre 2015

Dettagli

C.I.P.S. C.O.N.I. C.M.A.S. FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE VIALE TIZIANO, ROMA

C.I.P.S. C.O.N.I. C.M.A.S. FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE VIALE TIZIANO, ROMA C.I.P.S. C.O.N.I. C.M.A.S. FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE VIALE TIZIANO, 70-00196 ROMA COMITATO DI SETTORE PER LE ATTIVITA SUBACQUEE REGOLAMENTO NAZIONALE GARE DI IMMERSIONE IN

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO GIOVANILE DUATHLON INDIVIDUALE E A SQUADRE A STAFFETTA GARA NAZIONALE VALEVOLE PER TROFEO ITALIA GIOVANISSIMI

CAMPIONATO ITALIANO GIOVANILE DUATHLON INDIVIDUALE E A SQUADRE A STAFFETTA GARA NAZIONALE VALEVOLE PER TROFEO ITALIA GIOVANISSIMI CAMPIONATO ITALIANO GIOVANILE DUATHLON INDIVIDUALE E A SQUADRE A STAFFETTA GARA NAZIONALE VALEVOLE PER TROFEO ITALIA GIOVANISSIMI 1 ^PROVA DI COPPA ITALIA CAORLE (VE) 2/3 APRILE 2016 INDICE 1. Organizzazione

Dettagli

F.I.P.C.F. C.N.C.F. BIATHLON ATLETICO

F.I.P.C.F. C.N.C.F. BIATHLON ATLETICO F.I.P.C.F. C.N.C.F. BIATHLON ATLETICO Regolamento Tecnico 2009/2012 La Federazione Italiana Pesistica e Cultura Fisica in conformità alle disposizioni generali del Regolamento Organico ai sensi degli artt.

Dettagli

1. Gara di salto in lungo Allievi. Finale a 8, indica gli atleti che accedono alla finale e componi il nuovo ordine di salto.

1. Gara di salto in lungo Allievi. Finale a 8, indica gli atleti che accedono alla finale e componi il nuovo ordine di salto. 1. Gara di salto in lungo Allievi. Finale a 8, indica gli atleti che accedono alla finale e componi il nuovo ordine di salto. Atleti 1 2 3 Migliore prestazione Ordine di salto Martini 7,21 N 7,18 7,21

Dettagli

PROGRAMMA CORSO DI 1 GRADO/APNEA 2016 PRESENTAZIONE CORSO: 14 gennaio 2016 in sede BluSub - Campalto ore 20.00

PROGRAMMA CORSO DI 1 GRADO/APNEA 2016 PRESENTAZIONE CORSO: 14 gennaio 2016 in sede BluSub - Campalto ore 20.00 PROGRAMMA CORSO DI 1 GRADO/APNEA 2016 PRESENTAZIONE CORSO: 14 gennaio 2016 in sede BluSub - Campalto ore 20.00 Data giovedì 14/01/2016 Ore 20.00 / 21.30 T0 - Presentazione del Corso Abilitazioni e obiettivi

Dettagli

QUIZ VARI. 2. Nel decathlon a quante prove ha diritto ciascun concorrente nella gara di salto in lungo?

QUIZ VARI. 2. Nel decathlon a quante prove ha diritto ciascun concorrente nella gara di salto in lungo? QUIZ VARI. 1. Un atleta gareggia nel giavellotto con l attrezzo personale. Può rifiutarsi di far usare ad un altro concorrente il proprio giavellotto? A. Si B. No, ma può impegnarlo per lanci di allenamento

Dettagli

L insegnamento dell atletica leggera in ambito scolastico e giovanile: attività in miniatura o percorsi didattici e competizioni ad hoc?

L insegnamento dell atletica leggera in ambito scolastico e giovanile: attività in miniatura o percorsi didattici e competizioni ad hoc? L Atletica va a Scuola 3 aprile 2007 Grugliasco L insegnamento dell atletica leggera in ambito scolastico e giovanile: attività in miniatura o percorsi didattici e competizioni ad hoc? Paolo Moisè F.T.R.

Dettagli

è completamente immerso in acqua. La sua

è completamente immerso in acqua. La sua In un tubo scorre in regime stazionario un liquido ideale con densità 1.00 10 3 kg/m 3 ; in un punto A il tubo ha raggio R A = 2.00 cm, la velocità di scorrimento è v A = 5.00 m/se la pressione è P A =

Dettagli

Ordinanza Presidenziale n 12 del Attivazione Corso per Operatore Polivalente di Salvataggio in acqua e prove di rivalutazione IL PRESIDENTE

Ordinanza Presidenziale n 12 del Attivazione Corso per Operatore Polivalente di Salvataggio in acqua e prove di rivalutazione IL PRESIDENTE IL PRESIDENTE VISTO il Decreto Legislativo 28 settembre 2012, n. 178 Riorganizzazione dell'associazione italiana della Croce Rossa (C.R.I.), a norma dell'articolo 2 della legge 4 novembre 2010, n. 183,

Dettagli

Affonda o galleggia?

Affonda o galleggia? ffonda o galleggia? llo stesso livello! Cominciamo con questa osservazione: se mettiamo un liquido in un recipiente formato da più tubi comunicanti vediamo che il liquido si dispone in tutti i tubi allo

Dettagli

REGOLAMENTO Barca Lucia e Palio del Lario

REGOLAMENTO Barca Lucia e Palio del Lario REGOLAMENTO Barca Lucia e Palio del Lario Delibera del Consiglio Federale tenuto a Cannero Riviera il 14 Aprile 2013 1 Indice Pag.: 2 Pag.: 3-4 Pag.: 5 Pag.: 6 Indice Regolamento del PALIO del LARIO Pesi

Dettagli

Applicando al pistone una forza esterna, si esercita una pressione p ext sul fluido immediatamente sottostante al pistone.

Applicando al pistone una forza esterna, si esercita una pressione p ext sul fluido immediatamente sottostante al pistone. IL PRINCIPIO DI PASCAL Consideriamo un fluido incomprimibile come in figura contenuto in un cilindro chiuso superiormente da un pistone. Applicando al pistone una forza esterna, si esercita una pressione

Dettagli

NORME TECNICHE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2012/2013

NORME TECNICHE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2012/2013 NORME TECNICHE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2012/2013 1) Il Comitato Regionale riconoscerà validi come tempi limite di iscrizione nelle gare regionali, anche i tempi conseguiti in manifestazioni diverse

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE NUOTO C.S.E.N

REGOLAMENTO GENERALE NUOTO C.S.E.N REGOLAMENTO GENERALE NUOTO C.S.E.N. 2016-2017 Il progetto CSEN - CENTRO SPORTIVO EDUCATIVO NAZIONALE per la stagione sportiva 2016-2017 si propone di sviluppare attraverso meeting lo sviluppo delle abilità

Dettagli

GRAN PRIX GIOVANILE RAGAZZI SU PISTA 2015

GRAN PRIX GIOVANILE RAGAZZI SU PISTA 2015 GRAN PRIX GIOVANILE RAGAZZI SU PISTA 2015 Il Comitato Fidal Trentino propone per la stagione 2015 il Grand Prix Giovanile su Pista. Per la categoria Ragazzi/e valgono tutte le gare del calendario nazionale

Dettagli

1);EMI-1623;COMASTRI GRETA;1995;EMI-1432;VV FF Reggio E. M.Marconi;02'56.30

1);EMI-1623;COMASTRI GRETA;1995;EMI-1432;VV FF Reggio E. M.Marconi;02'56.30 CAMPIONATI REGIONALI DI CATEGORIA ESTIVI Nuoto ostacoli mt.50 Femmine Outsider - Serie 1);EMI-2338;VICINELLI GAIA;2000;EMI-248;Nuovo Nuoto - Bologna;00'34.90 2);EMI-2339;LAMBERTINI BEATRICE;2000;EMI-248;Nuovo

Dettagli

Progetto Formazione Giovani Tecnici 2006-2007 L attività giovanile in atletica Leggera

Progetto Formazione Giovani Tecnici 2006-2007 L attività giovanile in atletica Leggera Progetto Formazione Giovani Tecnici 2006-2007 2007 L attività giovanile in atletica Leggera Moisè Paolo Bra 17 dicembre 2006 1 ALLENABILITA DELLE CAPACITA MOTORIE MOTORIE (TSCHIENE,1995) RAPIDITA CAPACITA

Dettagli

MUNDIALITO AIA senza frontiere (gara a squadre V Edizione, anno 2017)

MUNDIALITO AIA senza frontiere (gara a squadre V Edizione, anno 2017) Premessa: Il presente regolamento non ha subito modifiche sostanziali rispetto a quello della terza Edizione del 2016, tuttavia al fine di migliorare la competizione sono state introdotte le seguenti regole

Dettagli

ATTIVITA INVERNALE 2015

ATTIVITA INVERNALE 2015 ATTIVITA INVERNALE 2015 ATTIVITA INDOOR CALENDARIO 2015 17-18 gennaio Aosta Camp. Reg. Assoluti, A/J/P m/f alto, asta, peso, alto e asta S35+ 18 gennaio - Bra (CN) - Camp. Reg. Assoluti, A/J/P e Masters

Dettagli

Comitato Regionale Piemonte e Valle d'aosta

Comitato Regionale Piemonte e Valle d'aosta Comitato Regionale Piemonte e Valle d'aosta www.federnuoto.it/piemonte CALENDARIO NUOTO periodo invernale / primaverile 2011/2012 INDICE ISCRIZIONI...pag.4 Norme generali...pag.4 Iscrizioni individuali...pag.4

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA REGOLAMENTO TECNICO SINCRONIZZATO

STAGIONE SPORTIVA REGOLAMENTO TECNICO SINCRONIZZATO STAGIONE SPORTIVA 2015-2016 REGOLAMENTO TECNICO SINCRONIZZATO Approvato con delibera n. 132 del Consiglio Federale del 14.07.2015. Premessa Tutte le iniziative del Settore Propaganda e Scuole Nuoto Federali

Dettagli

Giochi Sportivi Studenteschi 2011/2012 Istituzioni scolastiche del II ciclo di istruzione (scuole secondarie di II grado)

Giochi Sportivi Studenteschi 2011/2012 Istituzioni scolastiche del II ciclo di istruzione (scuole secondarie di II grado) NORME TECNICHE GENERALI FASI PROVINCIALI E REGIONALI A) Categorie di Disabilità Considerata l eterogeneità delle disabilità degli alunni, le classifiche verranno stilate suddividendoli nelle seguenti categorie;

Dettagli

Regolamento dei Campionati svizzeri della SSS

Regolamento dei Campionati svizzeri della SSS Schweizerische Lebensrettungs-Gesellschaft SLRG Sociéte Suisse de Sauvetage SSS Società Svizzera di Salvataggio SSS Scoietad Svizra da Salvament SSS Mitglied des Schweizerischen Roten Kreuzes SRK Membre

Dettagli

FINALI CAMPIONATI GIOVANILI UNDER 14 Lignano Sabbiadoro (UD) - 4/7 giugno 2009

FINALI CAMPIONATI GIOVANILI UNDER 14 Lignano Sabbiadoro (UD) - 4/7 giugno 2009 PROGRAMMA: GIORNO / ORARIO UNDER 12 UNDER 14 Giovedì 4 Venerdì 5 Sabato 6 Domenica entro 19.00 Arrivi ed accoglienza presso il Villaggio GeTUR 21.30 Riunione organizzativa 08.30 09.00 Cerimonia d apertura

Dettagli

Specifiche posizionamento accessori piscina 3,5 x 8 con scala romana

Specifiche posizionamento accessori piscina 3,5 x 8 con scala romana Specifiche posizionamento accessori piscina 3,5 x 8 con scala romana Vediamo in questo documento le misure per il posizionamento degli accessori su una 3,5 x 8 con scala romana, le misure del locale tecnico

Dettagli

SettoreTecnicoA.I.A. Corso Arbitro di Calcio. Stagione Sportiva 2008/09

SettoreTecnicoA.I.A. Corso Arbitro di Calcio. Stagione Sportiva 2008/09 SettoreTecnicoA.I.A. Corso Arbitro di Calcio Stagione Sportiva 2008/09 Associazione Italiana Arbitri: Corso Arbitro di Calcio Lezione n. 10 10.1. Regola 15 La rimessa dalla linea laterale 10.2. Regola

Dettagli

ATTIVITA INVERNALE 2016

ATTIVITA INVERNALE 2016 ATTIVITA INVERNALE 2016 ATTIVITA INDOOR CALENDARIO 2016 9-10 gennaio Aosta Camp. Reg. Assoluti, A/J/P m/f alto, asta, peso 10 gennaio - Bra (CN) - Camp. Reg. Assoluti m/f 60 e 60 hs 16 gennaio - Torino

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA REGOLAMENTO TECNICO:

STAGIONE SPORTIVA REGOLAMENTO TECNICO: STAGIONE SPORTIVA 2011-2012 REGOLAMENTO TECNICO: - ATTIVITA PROPAGANDA - SCUOLE NUOTO FEDERALI Indice Regolamento Attività Propaganda e Scuole Nuoto Federali pag. 3 Tabelle Categorie e Regolamenti Tecnici

Dettagli

5 TRIATHLON MTB DI PREDAZZO Triathlon Giovanissimi e Giovani. 4^ Tappa circuito Nord Est Cup Campionato Regionale Trentino Alto Adige

5 TRIATHLON MTB DI PREDAZZO Triathlon Giovanissimi e Giovani. 4^ Tappa circuito Nord Est Cup Campionato Regionale Trentino Alto Adige 5 TRIATHLON MTB DI PREDAZZO Triathlon Giovanissimi e Giovani 4^ Tappa circuito Nord Est Cup Campionato Regionale Trentino Alto Adige GUIDA INFO E PERCORSI Domenica 21 agosto 2016 Piscina Comunale di Predazzo

Dettagli

Settore Salvamento Agonistico

Settore Salvamento Agonistico Settore Salvamento Agonistico REGOLAMENTO TECNICO Regole e Standard per i Campionati Italiani di Nuoto per Salvamento e le Manifestazioni approvate dalla Federazione Italiana Nuoto - Settore Salvamento

Dettagli

MUNDIALITO AIA senza frontiere

MUNDIALITO AIA senza frontiere Premessa: Il presente regolamento non ha subito modifiche sostanziali rispetto a quello della seconda Edizione del 2014, tuttavia al fine di migliorare la competizione sono state introdotte le seguenti

Dettagli

Criteria Nazionali Giovanili 2016

Criteria Nazionali Giovanili 2016 Criteria Nazionali Giovanili 2016 Orario gare Sezione Femminile Gli orari che seguono debbono essere considerati indicativi e non esimono atlete e tecnici dall obbligo di rispondere alla chiamata dei giudici

Dettagli

Regolamento tecnico di Nuoto del settore agonistico

Regolamento tecnico di Nuoto del settore agonistico Regolamento tecnico di Nuoto del settore agonistico (edizione novembre 2013) 1 Premessa Il presente regolamento tecnico è basato sulle regole adottate dalla Federazione Italiana Nuoto (FIN) ed adattate

Dettagli