La misurazione del Benessere Equo e Sostenibile (BES)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La misurazione del Benessere Equo e Sostenibile (BES)"

Transcript

1 Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro Comitato CNEL/ISTAT sugli indicatori di progresso e benessere La misurazione del Benessere Equo e Sostenibile (BES) Premessa Il Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro e l Istituto Nazionale di Statistica hanno promosso, tramite un protocollo interistituzionale di collaborazione, un iniziativa finalizzata allo sviluppo di una definizione condivisa del progresso e del benessere della società italiana. Il Comitato CNEL/ISTAT è l organo istituito, con il coordinamento della Prof. Maria Teresa SALVEMINI ( Consigliera del. CNEL) e della Dott. Linda Laura SABBADINI (Direttore Generale dell ISTAT), composto in modo da rappresentare le parti sociali e la società civile nella sua interezza. L obiettivo primario del Comitato è sviluppare un approccio multidimensionale del benessere equo e sostenibile (BES), che integri il tradizionale indicatore dell attività economica, il Pil, con altri indicatori, compresi quelli relativi alle disuguaglianze -non solo di reddito- e alla sostenibilità economica, sociale e ambientale. Questo volume riassume i lavori svolti dal Comitato, a loro volta suddivisi in due sezioni: la prima riguarda il dibattito che ha condotto alla definizione e strutturazione delle dodici dimensioni del benessere in Italia, la seconda è riferita al processo di individuazione e selezione degli indicatori statistici. CNEL, giugno 2012

2 Consiglio Nazionale dell Economa e del Lavoro Istituto Nazionale di Statistica Comitato CNEL - ISTAT sugli indicatori di progresso e benessere La misurazione del Benessere Equo e Sostenibile (BES) 25 giugno 2012

3 INDICE Iter del documento pag. iii Parte I Relazione dei lavori svolti dal Comitato di indirizzo (aprile 2011 ottobre 2011) 1 1. Il dibattito sui limiti del Prodotto interno lordo (PIL) pag La nascita del PIL come misura del valore del prodotto realizzato dal processo economico pag I limiti del prodotto interno lordo secondo Kuznets pag L indice dello sviluppo umano a cura delle Nazioni Unite pag L iniziativa Beyond GDP pag Le iniziative dell OCSE pag Le iniziative dell Unione Europea pag La Commissione Stiglitz-Sen-Fitoussi pag Il progetto del 2005 del CNEL sugli indicatori per lo sviluppo sostenibile pag Il documento del Cnel Indicatori di crescita economica e sociale ad integrazione del PIL del 2010 pag Alcune iniziative di misurazione del benessere realizzate in Italia pag Le misure del benessere realizzate nel mondo: come tenersi aggiornati pag Costituzione del Comitato di indirizzo e dell iniziativa interistituzionale CNEL ISTAT sugli indicatori di progresso e pag. 25 benessere 2.1 Percorso di formalizzazione del Comitato pag I lavori del Comitato di indirizzo ed identificazione dei domini pag Attività del Comitato pag La scelta dei domini pag Una considerazione conclusiva sulla scelta dei domini pag La consultazione pubblica ed il percorso nel 2012 pag Il sito web pag. 45 i

4 4.2 Gli incontri sul territorio pag Le fasi successive del progetto pag. 47 Parte II I 12 domini del Benessere Equo e Sostenibile (BES) Selezione degli indicatori pag Introduzione pag I 12 domini del Benessere Equo e Sostenibile e la selezione degli indicatori pag Ambiente pag Salute pag Benessere economico pag Istruzione e formazione pag Lavoro e conciliazione tempi di vita pag Relazioni sociali pag Sicurezza pag Benessere soggettivo pag Paesaggio e Patrimonio culturale pag Ricerca ed Innovazione pag Qualità dei servizi pag Politica ed Istituzioni pag. 111 Allegato 1 - Accordo di collaborazione interistituzionale tra il Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro (CNEL) e l Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT), Roma, 20 aprile 2011 Allegato 2 Prime riflessioni sulla misurazione del benessere e i compiti del Comitato di Indirizzo di Linda Laura Sabbadini e Maria Teresa Salvemini Allegato 3 - CNEL e ISTAT insieme per misurare il benessere della società italiana: individuate le 12 dimensioni del benessere, comunicato stampa, 4 novembre 2011 pag. 116 pag. 124 pag. 136 Riferimenti bibliografici pag. 140 ii

5 Iter del documento. La presente relazione è stata richiesta all Ufficio II di supporto agli organi collegiali dalla Consigliera Maria Teresa Salvemini, coordinatrice di parte CNEL del Comitato di indirizzo CNEL ISTAT sugli indicatori di progresso e benessere, al fine di informare il Presidente e l Assemblea del CNEL sui lavori svolti da tale Comitato. La relazione è stata esaminata e approvata dalla Consigliera Maria Teresa Salvemini ed è stata esaminata da Linda Laura Sabbadini, coordinatrice di parte ISTAT del Comitato di indirizzo CNEL ISTAT sugli indicatori di progresso e benessere. La relazione è stata presentata all Assemblea del CNEL nella seduta del 20 giugno Il capitolo 1 della parte I è a cura di Sandro Tomaro, funzionario del CNEL. I capitoli 2,3 e 4 della parte I sono a cura di Margherita Chierichini, funzionario del CNEL. I funzionari hanno lavorato sotto la direzione del Direttore dell Ufficio II di supporto agli organi collegiali. La parte II è a cura del Comitato CNEL ISTAT sugli indicatori di progresso e benessere, che l ha concordata in occasione della riunione del 30 maggio iii

6 Parte I Relazione sui lavori svolti dal Comitato di indirizzo (aprile 2011 ottobre 2011) 1

7 1. Il dibattito sui limiti del Prodotto interno lordo (PIL). 1.1 La nascita del PIL come misura del valore del prodotto realizzato dal processo economico. Il PIL è il tentativo meglio riuscito di misurazione del valore del prodotto realizzato e di osservazione delle oscillazioni del ciclo economico e non una misura del progresso e del benessere di una società, in quanto il benessere di una nazione difficilmente può essere tratto da una misura di reddito nazionale 1. E riduttivo definire il PIL come un indicatore, ma si tratta piuttosto di una misura calcolata all interno di almeno tre conti della Contabilità Nazionale (della produzione, della distribuzione, degli impieghi), con cui si dà una dimensione al valore del prodotto realizzato da milioni di imprese, ai redditi percepiti da milioni di lavoratori, ai consumi effettuati da milioni di famiglie, alle entrate e alle uscite del bilancio pubblico e alle relazioni economiche tra un paese e il resto del mondo. Il tentativo di misurare la produzione di beni e servizi di un sistema economico e di descriverne quantitativamente i meccanismi di funzionamento risale ai lavori di W. Petty 2 e dei fisiocratici francesi 3. Negli anni 30 del XX secolo la misurazione del sistema economico in termini di interdipendenza fra i settori produttivi e gli operatori economici è stata proposta da Leontief 4 con il modello input output delle interdipendenze settoriali. In quegli stessi anni da un gruppo di lavoro istituito presso il Department of Commerce degli Stati Uniti sotto la guida di S. Kuznets 5, nasceva la Contabilità nazionale, il sistema contabile all interno del quale il PIL è stato proposto e sviluppato. Per cogliere il significato delle critiche che oggi vengono mosse al PIL conviene ricordare che la Contabilità Nazionale nasce con l obiettivo di misurare le grandezze economiche rilevanti nell ambito del principio della domanda aggregata formulato da J.M. Keynes. La Contabilità Nazionale si propone di fornire al decisore pubblico una misura convenzionale dalle relazioni fra gli operatori istituzionali famiglie, 1 in Kuznets (1934) cit. e considerazioni più ampie in Kuznets (1971) 2 Petty W. (1662), (1665), (1682) 3 Quesnay F. (1758) 4 Leontief W.W (1941) 5 Kuznets S. (1934) 2

8 imprese, Stato, Resto del mondo- dalle quali dipende l andamento del ciclo economico. In tal modo, si definisce uno schema quantitativo utilizzabile nella valutazione delle politiche economiche. Il successo del PIL deriva dal fatto di aver colmato, sul piano statistico, un esigenza conoscitiva divenuta particolarmente sentita negli anni 30 del XX secolo, la medesima esigenza che sul piano della teoria economica fu colmata dalla teoria keynesiana. Come osserva il Bureau of Economic Analisys 6 Prima del diffondersi dei Conti Nazionali, i politici per guidare l economia avevano a disposizione informazioni limitate e frammentarie sullo stato dell economia stessa. La Grande Depressione sottolineò i problemi dell incompletezza dei dati e portò allo sviluppo dei conti nazionali Può risultare sbalorditivo che i presidenti Hoover ed in seguito Roosevelt per combattere la Grande Depressione degli anni 30 mettessero a punto le loro politiche basandosi su dati così imprecisi come quelli dell indice dei prezzi all ingrosso, del trasporto di merci, e di indici incompleti sulla produzione industriale. Ciò è dovuto al fatto che non esistevano, allora, metodi adeguati per misurare il reddito e la produzione delle nazioni. La Grande Depressione, e con essa il crescente ruolo del governo nell economia, misero in luce la necessità di tali misure e portarono allo sviluppo di un esauriente sistema di conti del reddito nazionale. Un altra ragione del successo del PIL e più in generale della Contabilità Nazionale è costituita dal fatto che tale sistema contabile fornisce i dati e la struttura di base dei modelli econometrici utilizzati per le previsioni economiche e le valutazioni sull efficacia delle politiche macroeconomiche. Dopo la seconda guerra mondiale gli indubbi vantaggi conoscitivi e di azione politica derivanti dalla disponibilità dei dati di Contabilità Nazionale stimolò gli Stati e le organizzazioni internazionali a finanziare in via prioritaria la rilevazione delle grandezze della Contabilità Nazionale a scapito delle statistiche sociali ed ambientali, che potevano fornire, invece, importanti informazioni integrative sul benessere della società che il PIL e la Contabilità Nazionale non possono cogliere, perché progettati per misurare semplicemente il valore della produzione e la sua distribuzione. Così in mancanza di altri dati, indicatori e misurazioni altrettanto informativi e tempestivi il PIL è stato progressivamente percepito come una misura omnicomprensiva del raggiungimento degli obiettivi di una società. 6 U.S. Department of Commerce, Bureau of Economic Analysis (2000) 3

9 1.2 I limiti del prodotto interno lordo secondo Kuznets. Kuznets mette bene in evidenza alcuni limiti del prodotto interno lordo, che non rappresenta affatto una misura onnicomprensiva di benessere, perché non coglie alcuni dei costi della crescita economica e alcune delle interrelazioni tra cambiamenti strutturali del sistema economico ed altri aspetti della struttura sociale 7. Il PIL, infatti, non considera le attività svolte al di fuori del mercato (come il volontariato e il lavoro domestico), le esternalità negative sociali e ambientali del sistema produttivo, non tiene conto degli aspetti distributivi (del reddito, della ricchezza, delle esternalità negative di tipo sociale e ambientale) e valuta al costo dei fattori l attività della Pubblica Amministrazione (con la conseguenza che se aumentano gli sprechi e le inefficienze dell apparato pubblico aumenta il PIL), includendo in essa le spese per la difesa. Kutznets osserva ad esempio che i cambiamenti nelle condizioni di vita conseguenti all urbanizzazione, alle migrazioni (interne e internazionali), alla perdita e all acquisizione di competenze, ai cambiamenti nella struttura produttiva e alle conseguenze dell innovazione tecnologica presentano costi e vantaggi che non sono ancora misurati nelle misure di crescita economica e che alcuni di questi aspetti non potranno mai esserlo. Osserva, inoltre, che i cambiamenti provocano conflitti, resistenze e instabilità che rappresentano ostacoli alla crescita e che a volte hanno portato a soluzioni che rappresentano un onere per le future generazioni. Gli aspetti problematici della moderna crescita economica sono problemi non solo nel senso di deviazioni dal desiderabile (il che chiamerebbe in causa l affinamento delle politiche), ma anche nel senso che i nostri dati quantitativi e in modo particolare le nostre ipotesi analitiche non ci forniscono una visione e una spiegazione completa. Come già notato, le misure convenzionali del prodotto nazionale e delle sue componenti non riflettono molti costi e aggiustamenti nelle strutture economiche e sociali conseguenti alle principali innovazioni tecnologiche e, in effetti, ne omettono anche i ritorni positivi. La teoria precedente che è a monte di queste misure definisce i fattori produttivi in modo relativamente ristretto e lascia la crescita della produttività come un gap inspiegato, come una misura della nostra ignoranza. Questo difetto della 7 Kuznets S. (1971a), (1971b) 4

10 teoria nei confronti delle nuove evidenze ha condotto negli anni recenti a un dibattito vivace e ai tentativi di espandere la cornice della contabilità nazionale per comprendere costi nascosti ma chiaramente importanti, come ad esempio l istruzione vista come investimento in conto capitale, lo spostamento verso la vita urbana, l inquinamento o altri risultati negativi della produzione di massa. Questi sforzi dovranno spiegare anche alcuni risultati positivi, quali la maggior longevità e salute, la maggior mobilità, il maggior tempo libero o le minori disuguaglianze di reddito. Il ruolo della famiglia come centro delle decisioni economiche non solo in merito ai consumi ma anche in merito agli investimenti L indice dello sviluppo umano a cura delle Nazioni Unite. Nonostante che Kuznets avesse messo in evidenza i limiti informativi del PIL già dagli anni 30 del secolo scorso, è soltanto a partire dagli anni 80 che si avvia un confronto a livello metodologico per arrivare a indicatori che ne superino o integrino i limiti. A partire dal 1990 le Nazioni Unite pubblicano lo Human Development Report che è definito da una risoluzione dell Assemblea dell ONU come un esercizio intellettuale indipendente e un importante strumento per aumentare la consapevolezza sul tema dello sviluppo dell umanità nel mondo 9. Elemento caratterizzante di ogni Rapporto a partire dall edizione del 1993 è l Indice delle sviluppo umano (Human Development Index), proposto da Mahbud ul Haq, il quale ritiene che le persone spesso valutano dei risultati che non trovano riscontro almeno immediatamente nelle statistiche sul reddito e sulla crescita: un maggior accesso alla conoscenza, una migliore nutrizione e servizi sanitari, mezzi di sussistenza più sicuri, sicurezza contro il crimine e la violenza fisica, tempo libero soddisfacente, libertà politiche e culturali e un senso di partecipazione nelle attività della comunità 10. Con tale indice si cerca di integrare le informazioni fornite dal PIL pro capite con le informazioni fornite da un indice di aspettativa di vita e da un indice del livello di istruzione (distinguendo tra adulti e ragazzi). Nelle 8 Kuznets S. (1971a), paragrafo 5 Concluding comments 9 Risoluzione dell Assemblea dell ONU 57/ Haqu Mahbub Ul (1999) 5

11 edizioni fino al 2009 si utilizzava una media aritmetica dei tre indici, mentre a partire dall edizione 2010 si calcola la media geometrica dell aspettativa di vita alla nascita, di un indice di istruzione che tiene conto degli anni effettivi e previsti di istruzione e del reddito nazionale lordo pro capite. 1.4 L iniziativa Beyond GDP. Nel 2007 la Commissione Europea, il Parlamento Europeo, il Club of Rome, l OCSE e il WWF hanno organizzato la conferenza Beyond GDP. In questa conferenza è stato sottolineato il fatto che gli indicatori statistici risultano particolarmente importanti per delineare e valutare le politiche aventi lo scopo di promuovere il progresso della società. La scelta di questi indicatori è un passo cruciale, in quanto il cosa si misura influenza il cosa si fa ; se gli strumenti utilizzati non sono corretti, o non riescono a cogliere tutte le caratteristiche dell oggetto di indagine, possono indurre a prendere decisioni inefficienti o addirittura inefficaci. Negli ultimi due decenni, l alto grado di complessità raggiunto dalla società, insieme alla distanza tra le variabili socio-economiche standard, e alla percezione che i cittadini hanno del benessere, hanno alimentato un crescente dibattito sulla capacità degli indicatori maggiormente utilizzati di fornire un immagine corretta della realtà. Il PIL è il principale protagonista di tale dibattito. Misura quantitativa dell attività macroeconomica, esso ha assunto negli anni il ruolo di indicatore dell'intero sviluppo economico-sociale e del progresso in generale. Tuttavia, dati la sua natura e il suo scopo, esso non può costituire la chiave di lettura di tutte le questioni oggetto di dibattito pubblico, non potendo fornire indicazioni su aspetti come, tra gli altri, l inclusione sociale, la disuguaglianza, l inquinamento o la percezione del benessere soggettivo da parte dei cittadini. Può succedere, ad esempio, che il PIL cresca, ma che i dati associati a questi aspetti peggiorino. L iniziativa non si è esaurita con la conferenza del 2007, ma le istituzioni promotrici hanno istituito un comitato organizzativo aperto ad altre organizzazioni ed esperti che prosegue il lavoro di migliorare le misure del progresso, della vera ricchezza e del benessere. Il sito internet dell iniziativa (www.beyond-gdp.eu) è divenuto una fonte imprescindibile di aggiornamento per tutti coloro che sono interessati al tema. I curatori del sito hanno chiesto agli sviluppatori di indicatori e di misure alternative al 6

12 PIL di descrivere il processo di creazione e l implementazione di queste misure. Ciascun documento specifica per quale motivo l indicatore era necessario, l uso, le possibilità future e i suoi futuri sviluppi. L idea di raccogliere in una esibizione virtuale i progetti più rilevanti di indicatori e misure del benessere è un progetto del Sustainable Europe Research Institute (SERI), un think tank paneuropeo che dal 1999 esplora le opzioni dello sviluppo sostenibile per le società europee. 1.5 Le iniziative dell OCSE. L OCSE si è impegnata fortemente sul tema della misurazione del progresso e del benessere, con l obiettivo di dare risposta alle esigenze dei cittadini e dei decisori politici di informazioni migliori sul benessere e il progresso della società. A partire dal 2004, grazie all impulso di Enrico Giovannini (all epoca Chief Statistician dell OCSE), con il primo Forum Mondiale su Statistica, Conoscenza e Politica tenutosi a Palermo, si è alimentato un dibattito globale su come andare oltre il Pil. Con la Dichiarazione di Istanbul del 2007, in occasione del secondo Forum Mondiale e con il lancio del Progetto Globale sulla misura del progresso delle società sempre più paesi hanno cominciato a guardare a questo tema con l attenzione necessaria, avviando iniziative di carattere metodologico e politico. Queste esperienze sono state presentate al Terzo Forum Mondiale tenutosi a Busan nel Forte di tale successo. L OCSE si appresta ad organizzare un quarto Forum a Dehli nell autunno del Nel mese di maggio 2011 è stato organizzato il Forum Better Policies for better lives e nel mese di ottobre 2011 è stato presentato il Better Life Index. Ha organizzato, inoltre, alcune conferenze regionali, quali: America Latina (Città del Messico, maggio 2011), Asia (Giappone, dicembre 2011), Africa (Marocco, aprile 2012), Medio oriente (primavera 2012), Europa (Parigi, giugno 2012). Per la misurazione delle dimensioni del benessere, l OCSE parte da uno schema basato su due sistemi fortemente interconnessi tra loro: il sistema umano e l ecosistema 11. Il benessere complessivo di un paese dipende dalla condizione di tali sistemi, che a loro volta dipendono dal 11 Hall J., Giovannini E. et al. (2010), Giovannini E. (2010) 7

13 benessere degli individui. Il benessere dipende dalla disponibilità di condizioni individuali e collettive (anche in termini di presenza o assenza di opportunità), la cui esistenza è legata a fattori economici, culturali e di governance; tali fattori vanno considerati obiettivi intermedi, in quanto la loro disponibilità favorisce il conseguimento del benessere. Ogni dimensione del benessere va valutata, inoltre, con un ottica intragenerazionale, che approfondisce i temi della povertà e della disuguaglianza, e con un ottica inter-generazionale, che approfondisce i temi della sostenibilità e della vulnerabilità. In breve l OCSE configura uno schema multidimensionale di benessere con obiettivi finali e intermedi e due ottiche trasversali secondo il quale il progresso di una società si verifica quando si consegue un aumento del benessere equo e sostenibile 12. L impegno dell OCSE non si è limitato al piano metodologico, ma al contrario l inziativa Una vita migliore: la misura del progresso e del benessere ha portato nel 2011 alla pubblicazione di un rapporto e alla proposta del BLI (Better Life Index, Indice di una Vita Migliore), che permette il confronto del livello di benessere dei diversi paesi 13. Questo indice è caratterizzato da un grado molto elevato di flessibilità, al punto che ciascun utilizzatore può costruirsi il proprio indice attribuendo pesi diversi agli aspetti che sono stati selezionati come rilevanti nel determinare il grado di benessere delle persone: reddito, occupazione, abitazione, salute, conciliazione tra lavoro e tempo libero, istruzione, reti sociali, impegno civico e politico, ambiente, sicurezza personale e benessere soggettivo. L OCSE rileva che negli ultimi quindici anni il livello di benessere è aumentato. Infatti è aumentata la ricchezza, sono migliorate le opportunità di lavoro, le condizioni abitative, i livelli di istruzione e si vive più a lungo; si è meno esposti all inquinamento e al crimine. Tuttavia sono aumentate le disuguaglianze: alcuni gruppi della popolazione, in particolare le persone con livelli di reddito e di istruzione più bassi, mostrano andamenti tendenziali peggiori in tutte le dimensioni del benessere. 12 Hall J., Giovannini E. et al. (2010), cit. 13 OECD (2011), 8

14 1.6 Le iniziative dell Unione Europea. Nel 2009 la Commissione Europea ha approvato una comunicazione sul PIL e le misure di progresso 14. Ad avviso della Commissione il prodotto interno lordo (PIL) è un possente indicatore, ampiamente riconosciuto, per controllare le fluttuazioni a corto e medio termine dell'attività economica, soprattutto durante l'attuale recessione. Nonostante i suoi difetti, rimane la migliore unità di misura dello stato di salute del mercato economico. Tuttavia, il PIL non è stato concepito per misurare con accuratezza il progresso economico e sociale a più lungo termine e, in particolare, la capacità di una società di affrontare questioni quali i cambiamenti climatici, l'uso efficiente delle risorse o l'inclusione sociale. Esistono validi motivi per completare il PIL con statistiche che riprendano gli altri aspetti economici, sociali ed ambientali dai quali dipende fortemente il benessere dei cittadini. Vengono individuate cinque azioni per misurare meglio il progresso in un mondo in cambiamento: - completare il PIL con indicatori ambientali e sociali - informazioni quasi in tempo reale a sostegno del processo decisionale - informazioni più precise su distribuzione e disuguaglianze - elaborare una tabella europea di valutazione dello sviluppo sostenibile - estendere i conti nazionali alle questioni ambientali e sociali. In seguito alla pubblicazione di tale Comunicazione e del Rapporto della Commissione Stiglitz Sen Fitoussi 15, Eurostat ha promosso un vasto gruppo di lavoro, lo Sponsorship Group, con il mandato di coordinare le attività di misurazione del benessere nell ambito del Sistema Statistico Europeo. Pertanto il Comitato dei Sistemi Statistici Europei ha avviato un gruppo sulla misurazione del progresso, del benessere e dello sviluppo sostenibile. Il gruppo si è focalizzato sul miglioramento dell impiego delle statistiche esistenti al fine di fornire gli indicatori più appropriati. Ha prodotto un rapporto che è stato adottato dal Comitato dei 14 Commissione UE (2009a) 15 CMEPSP Commission on the Measurement of Economic Performance and Social Progress (2009) 9

15 Sistemi Statistici Europei nel novembre In tale rapporto vengono proposte azioni concrete nell ambito dei seguenti domini: - prospettive delle famiglie e aspetti della distribuzione del reddito, dei consumi e della ricchezza - misure multidimensionali della qualità della vita - sostenibilità ambientale Per ciascuno di questi domini vengono formulate approfondite raccomandazioni alla luce dell attuale disponibilità di statistiche e vengono indicati possibili sviluppi. Importanti progressi sono stati compiuti con l adozione del Memorandum di Sofia e del Memorandum di Wiesbaden 17. Si è convenuto di approfondire il lavoro sulle prospettive delle famiglie, sugli aspetti relativi all equità, sulle prospettive di consumo delle risorse ambientali, sulle condizioni oggettive e soggettive della qualità della vita delle persone. Lo Eurofound (la Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro) cura dal 2003 l indagine sulla qualità della vita in Europa. In tale indagine il benessere è valutata in termini di benessere complessivo degli individui, includendo sia indicatori quantitativi sia indagini di opinione. L indagine approfondisce i seguenti domini: occupazione, risorse economiche, famiglia, abitazione, qualità dei servizi, ambiente, salute, senza trascurarne le interrelazioni. L indagine è stata condotta nel 2003, nel e nel L Unione Europea ha lanciato l iniziativa Europa che ha l obiettivo di rendere la UE una economia intelligente, sostenibile ed inclusiva, consentendo agli Stati membri di raggiungere alti livelli di occupazione, produttività e coesione sociale. Sono stati fissati obiettivi su temi quali occupazione, innovazione, istruzione, inclusione sociale e clima/energia da conseguire entro il 2020 con azioni concrete a livello UE e a livello nazionale. E stato definito un set di indicatori strumentali alla programmazione degli obiettivi e al monitoraggio delle politiche. 16 ESSC Comitato Sistemi Statistici europei (2011) 17 DGINS Directors General of the National Statistical Institutes (2010), (2011) 18 Eurofound (2003), (2007) 19 Commissione Europea (2009b) 20 Consiglio Europeo (2010), Commissione Europea (2010) 10

16 1.7 La Commissione Stiglitz-Sen-Fitoussi. La Commissione sulla misura del risultato economico e del progresso sociale è stata istituita nel 2008 su decisione del Presidente francese Nicholas Sarkozy sotto il coordinamento dei premi Nobel Joseph Stiglitz, Amartya Sen e dell economista Jean-Paul Fitoussi 21. La Commissione sottolinea la necessità di spostare l attenzione dalla misura della produzione di un economia alla misurare del benessere delle persone definito in una accezione multidimensionale: condizioni di vita materiali (reddito, ricchezza, consumo); salute, istruzione, attività personali (compreso il lavoro); relazioni sociali; ambiente; sicurezza di natura economica e fisica. Si raccomanda, inoltre, l importanza di cogliere gli aspetti qualitativi insieme a quelli quantitativi per comprendere le reali condizioni di vita degli individui. Hanno rilevanza le percezioni delle famiglie, le loro aspettative, ciò che possono o non possono fare, così come il modo in cui gli sviluppi in un campo della qualità della vita influenzano gli altri campi e come questi sviluppi sono legati al reddito. La Commissione propone dodici raccomandazioni per ottenere misure migliori dei risultati economici e del progresso sociale in un economia complessa: 1. per valutare il benessere materiale, analizzare i redditi e il consumo piuttosto che la produzione 2. rafforzare l'analisi dal punto di vista delle famiglie 3. considerare il reddito e il consumo insieme con la ricchezza 4. dare maggiore importanza alla distribuzione dei redditi, del consumo e del patrimonio 5. estendere gli indicatori alle attività non legate direttamente al mercato 6. migliorare la qualità della vita concentrandosi su condizioni oggettive, migliorare la valutazione di sanità, educazione e condizioni ambientali 7. individuare indicatori di qualità della vita che aiutino a calcolare le differenze fra individui, tra diversi gruppi sociali, per genere e per generazione 8. realizzare survey per comprendere meglio come le evoluzioni in un settore della qualità della vita hanno ripercussioni su altri 21 CMEPSP Commission on the Measurement of Economic Performance and Social Progress (2009) 11

17 9. gli istituiti di statistica dovrebbero rendere disponibili le informazioni necessarie per creare un indicatore sintetico della qualità della vita. Insomma passare dalla pluralità di indicatori esistenti ad un indicatore sintetico creato possibilmente dagli istituti nazionali di statistica 10. misurare il benessere sia in termini oggettivi che soggettivi e fornire indicazioni essenziali per misurare la qualità della vita 11. definire una griglia di indicatori per misurare la "sostenibilità" del benessere questione questa complementare al benessere attuale e quindi da esaminare distintamente 12. definire una griglia di indicatori di sostenibilità ambientale che consentano di misurare il livello di pericolo conseguenza del danneggiamento ambientale Le Raccomandazioni sono espressione di alcune tesi che ben evidenziano come, nelle analisi svolte dalla Commissione, la critica alla nozione di PIL sia da intendere in senso propositivo, ovvero vada finalizzata a definire le performance di un paese secondo un accezione più ampia di quella meramente economica. Tre sono, in particolare, le direzioni da sviluppare al fine di integrare e migliorare la misura fornita dal PIL. La prima direzione è quella relativa alla misurazione. La costruzione statistica del PIL richiede la soluzione di una serie di problematiche di grande complessità, tra l altro mutevoli nel tempo. Non è un caso che il sistema dei conti nazionali attuale rappresenti l esito della stratificazione di numerose innovazioni introdotte nel corso degli anni. Si pensi, al riguardo, all attenzione posta sulle questioni del cambiamento qualitativo dei prodotti, della trasformazione terziaria dell economia, della misurazione dei servizi offerti dal settore pubblico. La seconda direzione è quella della qualità della vita, all interno della quale può essere ricompresa la tematica dell equa distribuzione delle risorse. Le misurazioni fornite dal PIL, quando utilizzate come medie procapite e non opportunamente disaggregate, non forniscono alcuna informazione sui fattori di disuguaglianza che possono celarsi dietro ai saggi di crescita economica. Le diverse possibilità di accesso degli individui ai risultati dell attività produttiva costituiscono un parametro importante per valutare il miglioramento della qualità della vita di una società. La terza direzione, che è anche quella dove si scontano i maggiori limiti informativi del PIL, è quella della sostenibilità. Questa nozione sottolinea come un processo di sviluppo non sia sostenibile se i risultati che 12

18 esso consegue non sono riproducibili nel corso del tempo. Rientrano qui a pieno titolo le questioni degli squilibri macroeconomici, della sostenibilità finanziaria, del depauperamento delle risorse ambientali, della sostenibilità di un sistema sotto il profilo della coesione. 1.8 Il progetto del 2005 del CNEL sugli indicatori per lo sviluppo sostenibile. Nel 2005 il CNEL ha presentato il progetto "Indicatori per lo sviluppo sostenibile". Nell ambito di tale progetto ci si è posto l'obiettivo di coprire le tre dimensioni dello sviluppo sostenibile: economico, sociale e ambientale. Tale progetto fu approvato all unanimità dalle Parti Sociali rappresentate al CNEL in occasione dell Assemblea del 28 aprile E' stato proposto e realizzato un sistema di indicatori per lo sviluppo sostenibile basato su indici (aggregati tematici di indicatori), su indicatori (descrittori diretti di fenomeni economici, sociali ed ambientali) e su target (obiettivi da perseguire nel tempo) e, sulla base di esso, è stato predisposto un Rapporto sullo sviluppo sostenibile in Italia 23, capace di descriverne lo stato attuale della sostenibilità e di consentirne il monitoraggio nel futuro. Anche in questo caso la condivisione sia dell'impianto metodologico, che degli indicatori (in numero di 54) e dei target di riferimento è stata considerata essenziale. Per questa ragione la definizione del sistema di indicatori è stata accompagnata da un processo di consultazione che ha visto la partecipazione dei diversi portatori di interesse che hanno contribuito al dibattito con osservazioni e proposte. In questo senso il progetto del 2005 è stato un precursore dell ampia consultazione pubblica che ha caratterizzato l iniziativa del CNEL e dell ISTAT sugli indicatori di progresso e benessere. Il risultato finale della consultazione è rappresentato da tre domini - Economia, Società e Ambiente articolati in temi e sottotemi, per i quali vengono proposti specifici indici-chiave. I temi del dominio Economia sono due: i modelli di produzione e consumo e la performance economica e finanziaria. Nel complesso sono presenti 19 indicatori; l'indice-chiave più corposo è quello della 22 CNEL (aprile 2005), reperibile su il relatore fu il Consigliere Claudio Falasca e l istruttoria fu curata dalla Commissione per le attività produttive e le risorse ambientali (VI) 23 CNEL (maggio 2005), reperibile su 13

19 Competitività che include i temi dell'innovazione e della spesa in Ricerca e Sviluppo, oltre a quelli classici della produttività e del costo energetico dell'industria. Nel dominio che rappresenta la Società sono stati inseriti gli aspetti di equità del reddito, anche tra le aree del Paese, l'occupazione, la qualità della vita, la demografia e gli aspetti relativi alla conoscenza secondo gli obiettivi dell allora prospettiva europea di Lisbona (oggi aggiornata nella prospettiva Europa 2020). 14

20 Il dominio Ambiente è costituito da 4 temi: atmosfera, geosfera, idrosfera e biosfera. In quest'ultimo tema sono state inserite due attività economiche che riguardano l'agricoltura e il prelievo delle specie ittiche. 15

Il benessere equo e sostenibile nelle Città: Il Progetto

Il benessere equo e sostenibile nelle Città: Il Progetto Il Progetto Dalla qualità dei dati alla qualità dell informazione statistica Trieste Palazzo Comunale, Sala del Consiglio Comunale 25-26 settembre 2014 Oltre il PIL si inserisce nell ampio dibattito volto

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI

SISTEMI NORMATIVI E ISTITUZIONALI NAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA NEL SETTORE TURISTICO E DEI BENI CULTURALI L Agenda 21 per il turismo europeo Nella comunicazione del novembre 2003, Orientamenti di base per la sostenibilità del turismo europeo 20, la Commissione europea preannunciava «una serie di provvedimenti

Dettagli

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di puntare ad una diffusione della sostenibilità sul territorio.

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE

BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE Misurare e valutare il progresso della società Italiana A che punto siamo? Linda Laura Sabbadini Direttore del dipartimento statistiche sociali e ambientali Roma, 12 luglio 2012 Benessere Equo e Sostenibile

Dettagli

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che:

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU26 28/06/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 11 giugno 2012, n. 18-3996 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa tra la Citta' di Torino, la Fondazione Torino Smart City,

Dettagli

Il benessere nelle province italiane: il metodo Stiglitz Maurizio Maggi Responsabile della rivista, ricercatore Ires Piemonte maggi@ires.piemonte.

Il benessere nelle province italiane: il metodo Stiglitz Maurizio Maggi Responsabile della rivista, ricercatore Ires Piemonte maggi@ires.piemonte. Il benessere nelle province italiane: il metodo Stiglitz Maurizio Maggi Responsabile della rivista, ricercatore Ires Piemonte maggi@ires.piemonte.it Conoscere il livello del benessere dei cittadini è cruciale

Dettagli

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su CNEL Consiglio nazionale dell economia e del lavoro Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su Disposizioni in materia di statistiche di genere Assemblea 26 giugno

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century)

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) SCHEDA 6 La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) Quarta Conferenza Internazionale sulla Promozione

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento dell Ing. Gaetano Battistella Mi occupo di protezione dell ambiente e porterò una testimonianza in un campo parallelo, ma che ha sicuramente forti legami

Dettagli

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e CITTADINANZA ATTIVA è la capacità dei cittadini di organizzarsi in modo multiforme, di mobilitare risorse umane tecniche e finanziarie, e di agire con modalità e strategie differenziate per tutelare diritti,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 Allegato 6 Sintesi delle misure/azioni adottate

Dettagli

Presentazione. Il convegno fiorentino: Qualità della vita. Riflessioni, studi e ricerche in Italia

Presentazione. Il convegno fiorentino: Qualità della vita. Riflessioni, studi e ricerche in Italia Firenze, 9-10 Settembre 2010 Presentazione Il termine di qualità della vita viene oggi sempre più frequentemente utilizzato tanto nel linguaggio comune e dei media quanto in quello scientifico. Come noto,

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

I NUOVI CONTESTI DELLA SCELTA DEGLI INDICATORI:

I NUOVI CONTESTI DELLA SCELTA DEGLI INDICATORI: I NUOVI CONTESTI DELLA SCELTA DEGLI INDICATORI: dallo stato di salute economica del paese allo stato di salute effettiva della popolazione Un percorso a volo d uccello sull evoluzione delle discipline

Dettagli

Governance Gestione locale per la sostenibilità

Governance Gestione locale per la sostenibilità Capitolo 1/2 Governance Gestione locale per la sostenibilità Aalborg Commitment 1 Ci impegniamo a rafforzare i nostri processi decisionali tramite una migliore democrazia partecipatoria. Lavoreremo quindi

Dettagli

I numeri della felicità dal Pil alla misura del benessere Donato Speroni

I numeri della felicità dal Pil alla misura del benessere Donato Speroni I numeri della felicità dal Pil alla misura del benessere Donato Speroni Everything should be made as simple as possible, but not simpler. Albert Einstein Donato Speroni - QOL Firenze 9/9/2010 1 Caratteristiche

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO 20.9.2008 C 241/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RISOLUZIONI CONSIGLIO Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 16 maggio

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

GRUPPI DI IMPRESA: SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

GRUPPI DI IMPRESA: SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO http://www.sinedi.com ARTICOLO 63 LUGLIO/AGOSTO 2013 GRUPPI DI IMPRESA: SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO La letteratura dedicata al controllo di gestione è estremamente ampia e si è sviluppata largamente

Dettagli

Contributo per la Carta di Milano

Contributo per la Carta di Milano Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo (MAECI-DGCS) Contributo per la Carta di Milano Contributo n 72 Sezione tematica di

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

Autovalutazione e miglioramento continuo

Autovalutazione e miglioramento continuo Autovalutazione e miglioramento continuo Percorso formativo per i Dirigenti Scolastici della Regione Abruzzo 2^ giornata Relatore: Germano Cipolletta Questo documento è stato ideato per una fruizione a

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

CASTIGLIONE E SCARLINO: SOLUZIONI IN AGENDA

CASTIGLIONE E SCARLINO: SOLUZIONI IN AGENDA Progetto CASTIGLIONE E SCARLINO: SOLUZIONI IN AGENDA Contesti e Cambiamenti snc di Tessa Ercoli, Carlotta Iarrapino, Concetta Musumeci Via Cironi 2, 50134 Firenze P.I. 05856210488 www.contestiecambiamenti.it

Dettagli

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME ANALISI DI ECONOMICITÀ, EFFICACIA ED EFFICIENZA

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GlocalzzAzione SETTORE e Area di Intervento: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri dei volontari YFJ_VolunteeringCharter_IT.indd 1 16/09/12 13:02 Editorial team Editor in Chief Giuseppe Porcaro Copy Editor Thomas Spragg Graphic

Dettagli

STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE

STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE Allegato alla Delib.G.R. n. 50/38 del 5.12.2006 STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE 0. PREMESSE Come evidenziato nei documenti guida del nuovo periodo di programmazione dei fondi

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione

Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione Il CPP come sede di confronto e di sintesi a livello di sistema territoriale Marina Maselli maselli.marina@virgilio.it

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI comunicazionetrasparenteprogettoinf ormareinformarsivalorizzazioneco struireteamworkeleaderschipproporrecolla boraredeisostenereprofessionisti stimolareintegrazionerelazionialleanzesoluzi

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

DIREZIONE VITA E FINANZA. I valori del Prodotto Vita Unipol. Manuale per la qualificazione dei prodotti assicurativi Vita secondo i valori Unipol

DIREZIONE VITA E FINANZA. I valori del Prodotto Vita Unipol. Manuale per la qualificazione dei prodotti assicurativi Vita secondo i valori Unipol DIREZIONE VITA E FINANZA I valori del Prodotto Vita Unipol valori Unipol 1 Indice SEZIONE ASPETTI GENERALI 4 1. OBIETTIVI DEL PROGETTO 4 2. VALORI UNIPOL 5 2.1. VALORE DEL PRODOTTO 5 2.2. EQUITÀ 6 2.3.

Dettagli

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE

Agenda Locale COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE Agenda Locale 21 20-20-20 PIANO D AZIONE LOCALE COMUNE DI PASIANO DI PORDENONE INDICE PREMESSA 3 ENERGIA 4 IL PIANO D AZIONE: L ENERGIA 5 1. COMUNICAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE...

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA 1. Premessa L ASP Città di Bologna è il frutto di un percorso complesso di unificazione di tre Istituzioni cittadine storiche con una

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

ACCORDO QUADRO TRA L UFFICIO PARLAMENTARE DI BILANCIO (UPB) L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (ISTAT)

ACCORDO QUADRO TRA L UFFICIO PARLAMENTARE DI BILANCIO (UPB) L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (ISTAT) ACCORDO QUADRO TRA L UFFICIO PARLAMENTARE DI BILANCIO (UPB) E L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (ISTAT) PER DISCIPLINARE LA COLLABORAZIONE IN MATERIA DI MODELLI DI PREVISIONE MACROECONOMICA E MODELLI

Dettagli

La ricerca No Profit 2013

La ricerca No Profit 2013 Dicembre 2014, anno VIII N. 12 La ricerca No Profit 2013 1^ edizione del Premio Persona e Comunità di Roberta Ottaviani 1, Ernesto Vidotto 2 Il Centro Studi Cultura e Società ha presentato, il 2 ottobre

Dettagli

PICCOLA GUIDA AL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE: IL BES E LE INIZIATIVE DI MISURAZIONE A LIVELLO TERRITORIALE

PICCOLA GUIDA AL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE: IL BES E LE INIZIATIVE DI MISURAZIONE A LIVELLO TERRITORIALE PICCOLA GUIDA AL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE: IL BES E LE INIZIATIVE DI MISURAZIONE A LIVELLO TERRITORIALE A cura di Gabriele OLINI Consulta CNEL - ISTAT Che cos è il BES... 2 Il PIL e oltre... 2 Gli

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE * (Obbligatorio all atto della richiesta di accreditamento per enti di 1^ classe)

SISTEMA DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE * (Obbligatorio all atto della richiesta di accreditamento per enti di 1^ classe) Mod. S/MON SISTEMA DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE * (Obbligatorio all atto della richiesta di accreditamento per enti di 1^ classe) Ente: CARITAS ITALIANA Cod. Ente: NZ01752 Elementi obbligatori del sistema

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

"GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education"

GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education "GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education" SISTEMA DI VALUTAZIONE INDICE DEL DOCUMENTO 1. Linee guida per la valutazione.. pag. 2 2. Dimensioni e tempi della valutazione...

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013

Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013 Un anno dopo Rio+20 Rilanciare la crescita con la Green Economy Edoardo Croci edoardo.croci@unibocconi.it Milano, 16 settembre 2013 Relazione fra ambiente e sistema economico Principali cause dell insostenibilità

Dettagli

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI La Regione Emilia-Romagna giunge all appuntamento con il nuovo periodo di programmazione dei

Dettagli

Quartiere San Donato

Quartiere San Donato Quartiere San Donato Oggetto: CONCLUSIONE DEL PROGETTO BOXTUTTI PERCORSI PARTECIPATI SULLA FRUIZIONE CONDIVISA DEGLI SPAZI URBANI NEL QUARTIERE SAN DONATO AREA RICOMPRESA TRA VIA PEZZANA E VIA ZAGO IL

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità Attuazione del Programma regionale per la promozione e tutela dei diritti, la protezione e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva e il sostegno alla genitorialità ai sensi della Legge regionale n. 14/08

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013 Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori Rieti, 5 novembre 2013 Presentazione degli incontri territoriali Finalità degli incontri Dare continuità

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Inserire il Logo del Comune PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Seconda annualità 2014/15 Premesso che i diritti dell Infanzia e dell Adolescenza sono

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

CAPITOLO XXI. Crescita e sviluppo

CAPITOLO XXI. Crescita e sviluppo CAPITOLO XXI Crescita e sviluppo L obiettivo è di integrare alcuni aspetti della nuova teoria della crescita con quelli del paradigma dello sviluppo umano Considereremo le relazioni tra il capitale umano,

Dettagli

2 NEWSLETTER 1. La Newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo.

2 NEWSLETTER 1. La Newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo. La Newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo. A seguito della prima edizione della Newsletter del Progetto Monitoraggio ("Progetto"),

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

TITOLO II PROGRAMMAZIONE REGIONALE SEZIONE I OBIETTIVI E SOGGETTI DELLA PROGRAMMAZIONE

TITOLO II PROGRAMMAZIONE REGIONALE SEZIONE I OBIETTIVI E SOGGETTI DELLA PROGRAMMAZIONE LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 16-11-2001 REGIONE PUGLIA "Riforma dell'ordinamento regionale in materia di programmazione, bilancio, contabilità regionale e controlli" (Pubblicata nel Bollettino Ufficiale n.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE:

PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE: Allegato A PROTOCOLLO D'INTESA PER L'ATTUAZIONE DEI PROGETTI PERCORSI SICURI CASA-SCUOLA E PEDIBUS PREMESSO CHE: - l Amministrazione Comunale di Carbonera da alcuni mesi sta collaborando con l'istituto

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian

Economic Policy Reforms Going for Growth 2009. Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009. Summary in Italian Economic Policy Reforms Going for Growth 2009 Summary in Italian Riforme di politica economica Obiettivo Crescita - Edizione 2009 Riassunto in italiano Gestire la crisi è oggi il compito prioritario dei

Dettagli

LEGGE RECANTE RATIFICA

LEGGE RECANTE RATIFICA DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO TRA IL GOVERNO ITALIANO E L ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ UFFICIO REGIONALE PER L EUROPA CONCERNENTE L UFFICIO EUROPEO OMS PER GLI INVESTIMENTI

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con Comune di Pontassieve Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato In collaborazione con 1 Indice Indice... 1 1. Il processo di sviluppo organizzativo in corso...

Dettagli

La ricchezza prodotta a Piacenza. Rapporti Interni. Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale

La ricchezza prodotta a Piacenza. Rapporti Interni. Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale La ricchezza prodotta a Piacenza. 08_19.odt 1 R.I. 19/08 Novembre 2008 Questo report è stato redatto

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra L AUTORITÀ DI GESTIONE DEL PROGRAMMA OPERATIVO INTERREGIONALE ATTRATTORI CULTURALI, NATURALI E TURISMO (POIN) e LE PARTI ECONOMICHE E SOCIALI ED IL PARTENARIATO ISTITUZIONALE 1

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO

PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO 30.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 394/5 II (Atti per i quali la pubblicazione non è una condizione di applicabilità) PARLAMENTO EUROPEO E CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune

REGIONANDO 2001. REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune REGIONANDO 2001 Parte 1: Anagrafica REGIONE PIEMONTE Settore Osservatorio Statistico Aspetti di qualità della vita nel Comune Titolo del Progetto: Aspetti di qualità della vita nel Comune Amministrazione

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli