di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l."

Transcript

1 Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto il mondo. Tutti i servizi di certificazione accreditati UKAS ed erogati tramite il gruppo di CI, sono effettuati sotto la gestione e il controllo di CI (UK) e tutte le decisioni di certificazione sono stabilite da CI (UK). PREMESSO: che i Certificati ed il review tecnico necessario al conseguimento/mantenimento degli stessi appartengono a Certification International UK (Ltd), società interamente controllata da CI Ltd con Accreditamento UKAS; che le attività amministrative vengono svolte dalla sede Locale: Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.; di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE Il contratto di certificazione include i seguenti documenti: Richiesta d offerta QRD (IT)e relativi allegati differenziati per schemi di certificazione; Admin15(Gen) Offerta/Contratto di Certificazione Lettera accompagnamento offerta L022(Gen)( solo per prima certificazione) Condizioni Contrattuali L023(Gen) Admin32( solo per il settore di attività EA 28) Tale documentazione formalizza contrattualmente il rapporto tra ENTE/SEDE LOCALE e l Organizzazione e l applicabilità dei sopraelencati documenti contrattuali. Il contratto stipulato tra ENTE/SEDE LOCALE e l Organizzazione comprende: gli audit di certificazione: audit iniziali composto da due stage o rinnovo ed il rilascio del certificato; gli audit di sorveglianza; gli audit supplementari/follow up Se per qualsiasi motivo il contratto di certificazione non può essere accettato, l ENTE/SEDE LOCALE informa per iscritto il richiedente motivando le ragioni di tale rifiuto. DURATA DEL CONTRATTO Il contratto è stipulato per la durata di tre anni e sarà rinnovato attraverso l invio di un nuovo contratto inviato all Organizzazione circa 6 mesi prima della scadenza del certificato in corso di validità. Lo stesso consente a ciascuna delle parti di recedere da quest ultimo attraverso le modalità descritte nel punto 9 del presente documento contrattuale. IMPARZIALITÀ E CONFLITTO DI INTERESSI Mediante il perfezionamento degli accordi contrattuali l ENTE/SEDE LOCALE non si assume nessun obbligo circa l esito positivo della verifica di conformità, né in merito all emissione del certificato, se non l obbligo di basare le proprie decisioni su sufficienti evidenze oggettive. E esclusa dall oggetto del contratto ogni attività di consulenza come definito dal Regolamento per l accreditamento degli organismi di certificazione. L Organizzazione riconosce che un potenziale conflitto di interessi può determinare l impossibilità per l ENTE/SEDE LOCALE di erogare il proprio servizio. A tale fine si obbliga a comunicare all ENTE/SEDE LOCALE la ragione sociale della società di consulenza e il nominativo delle persone fisiche che svolgono direttamente l attività, ove applicabile. Durante le verifiche ispettive presso l Organizzazione il consulente dovrà rispettare rigorosamente i ruolo di Osservatore, non prendendo parte attiva all audit CONDIZIONI ECONOMICHE L Offerta-contratto di Certificazione è stata redatta sulla base di tutti i dati forniti dall Organizzazione mediante la compilazione della richiesta d offerta QRD (IT)e relativi allegati differenziati per schemi di certificazione. Nel caso in cui queste informazioni risultino non veritiere, l ENTE/SEDE LOCALE potrà decidere di ritenere nulla tale offerta-contratto o di riformulare, sulla base delle informazioni reali, gli importi dovuti dall Organizzazione. 1 DI 7

2 Nel caso in cui l Organizzazione non accetti la variazione dell importo richiesto dall ENTE/SEDE LOCALE a seguito del verificarsi di quanto previsto al precedente punto l ENTE/SEDE LOCALE potrà rifiutarsi di eseguire la prestazione del servizio richiesta e l Organizzazione rimarrà obbligata al pagamento di tutti i costi sostenuti dall ENTE/SEDE LOCALE fino a quel momento. L Organizzazione si impegna a segnalare, prima dell esecuzione dell Audit di Certificazione, qualsiasi variazione relativa ai dati riportati sulla Richiesta d Offerta (numero dipendenti, numero cantieri aperti, sedi e tipologia di attività), in quanto gli stessi potrebbero incidere sui tempi dell Audit e sulle sue modalità di pianificazione. FATTURAZIONE & MODALITA DI PAGAMENTO Tutti i servizi erogati dall ENTE/SEDE LOCALE vengono fatturati secondo gli importi e le descrizioni indicate nel contratto di certificazione. Gli importi indicati sono da considerarsi IVA esclusa. Una fattura o documento proforma sarà emessa prima di ogni verifica ispettiva con le seguenti descrizioni e modalità di pagamento: Stage 1: Istruzione pratica Stage 1* *ISTRUZIONE PRATICA *PRE-AUDIT (EVENTUALE) *AUDIT DI STAGE I contestuale alla firma dell offerta a presentazione di documento fiscale. Stage 2 : Stage 2 1 annualità* *AUDIT DI STAGE II (ED EVENTUALI ALTRE SPESE 2 ) 3 7gg prima della verifica a presentazione di documento fiscale. Sorveglianza 1: Mantenimento Certificazione 2 annualità* *AUDIT DI SORVEGLIANZA 1 (ED EVENTUALI ALTRE SPESE 2 ) 7gg prima della verifica a presentazione di documento fiscale. Sorveglianza 2: Mantenimento Certificazione 3 annualità* *AUDIT DI SORVEGLIANZA 2 (ED EVENTUALI ALTRE SPESE 2 ) 7gg prima della verifica a presentazione di documento fiscale. Re-Assessment: Mantenimento certificazione 1 annualità Re-Assessment* AUDIT DI RE-ASSESSMENT * SPESE RIEMISSIONE CERTIFICATO SPESE TRASFERTA (EVENTUALE) contestuale alla firma dell offerta a presentazione di documento fiscale. 2 Spese trasferta (eventuale) 2 Spese riemissione certificato (eventuale) 3 sono comprensive delle eventuali spese relative alla Verifica di Stage1 La fatturazione comprende i costi di effettuazione della verifica, emissione del certificato (1 annualità) e di tutte le attività amministrative connesse; inoltre in essa saranno inserite le spese di trasferta o di eventuale riemissione del certificato (vedi rif. Spese trasferta - Riemissioni). Il rilascio del certificato di conformità o l eventuale riemissione da parte dell ENTE/SEDE LOCALE è, comunque, subordinato all effettivo saldo delle fatture precedentemente emesse. SPESE TRASFERTA Le spese di trasferta (comprensive di vitto & alloggio valutatori) saranno calcolate in base ai seguenti criteri: Forfettarie per un importo a (da definirsi in sede di emissione offerta) 2 DI 7

3 Al Costo / KM Nulle RIEMISSIONI Qualora siano necessarie riemissioni del certificato: per variazione ragione sociale, sedi, scopo o smarrimento / danneggiamento il costo è quantificato in 100,00 + IVA per le sole spese amministrative e di spedizione del certificato. VERIFICHE SUPPLEMENTARI/FOLLOW UP L Organizzazione, nell'eventualità che i risultati della valutazione richiedano visite ispettive o altre attività di valutazione supplementari per la verifica dei trattamenti e delle azioni correttive o per verifiche di follow up, si dichiara sin da ora disponibile a che le medesime vengano effettuate onde consentire la corretta esecuzione del servizio. I costi delle verifiche supplementari/follow up verranno segnalati all azienda tramite l invio del modulo Admin 75 - EA 28/ Admin 75 Gen. SPECIAL AUDIT I casi previsti per la pianificazione di uno Special Audit, sono: richieste di estensione/modifiche della certificazione; cambiamenti sostanziali organizzativi/societari comunicati a ENTE/SEDE LOCALE; segnalazioni/reclami ricevuti da ENTE/SEDE LOCALE sull organizzazione o dall organizzazione stessa; altri casi motivati. Gli Special Audit sono decisi, pianificati e comunicati all organizzazione per iscritto. Le modalità di comunicazione degli Special Audit sono del tutto simili a quanto previsto per gli audit di certificazione/mantenimento. I costi degli Special Audit verranno segnalati all azienda tramite l invio del modulo Admin 75 - EA 28/ Admin 75 Gen. 1.SCOPO DELLA VALUTAZIONE 1.1 L ENTE/SEDE LOCALE ha accettato l incarico da parte dell Organizzazione di effettuare una valutazione del Sistema di Gestione dell Organizzazione (la Valutazione ) e, se il Sistema di Gestione dell Organizzazione è conforme alla Norma di riferimento, di concedere la certificazione (la Certificazione ) secondo le seguenti Condizioni contrattuali. 1.2 L ENTE/SEDE LOCALE effettuerà la valutazione controllando che l Organizzazione abbia un Sistema di Gestione in atto che sia conforme ai requisiti della norma richiesta ed effettuando le appropriate Verifiche Ispettive per valutare se il Sistema di Gestione dell Organizzazione stia realizzando un miglioramento continuo delle prestazioni (l Estensione della Verifica Ispettiva ). 1.3 La valutazione non andrà oltre l Estensione della Verifica Ispettiva ed in particolare (senza limitazioni) non riguarderà i seguenti punti: (a) Se l Organizzazione ha osservato tutte le relative prescrizioni legali (sebbene la valutazione possa includere controlli e campionamenti per assicurarsi che il Sistema di Gestione funzioni a tal riguardo); o (b) la conformità del prodotto o del servizio (sebbene la valutazione includerà controlli e campionamenti per assicurarsi che il Sistema di Gestione funzioni a tal riguardo). Pertanto, anche se viene concessa la Certificazione, l ENTE/SEDE LOCALE non avrà esaminato e non garantirà altro all infuori dell Estensione della Verifica Ispettiva (incluso quanto stabilito nel presente paragrafo 1.3) e l Organizzazione non riterrà che la Valutazione abbia coperto o che la Certificazione implichi altro all infuori dell Estensione della Verifica Ispettiva. 1.4 L Organizzazione riconosce che è Sua responsabilità definire i criteri in base ai quali un prodotto o un servizio viene progettato ed erogato in modo da soddisfare i requisiti indicati o attesi dai suoi clienti e sviluppare procedure per fare ciò. 1.5 L ENTE/SEDE LOCALE garantisce che la valutazione sarà valida nel momento in cui verrà effettuata. Ogni Certificazione concessa, salvo RECESSO anticipato ( RIF. PUNTO 9), sarà valida per tre anni, a condizione che l Organizzazione continui ad osservare i relativi requisiti quando l ENTE/SEDE LOCALE effettuerà le verifiche di Sorveglianza. Tre mesi prima della scadenza del certificato l ENTE/SEDE LOCALE effettuerà una verifica di Re Assessment per garantire, in caso di esito positivo dell Audit, la continuità del certificato. 2. VALUTAZIONE 2.1 Il preventivo relativo ad attività e tempistiche di ciascuna valutazione inviato all Organizzazione viene emesso tenendo conto dei contatti preliminari intercorsi tra l ENTE/SEDE LOCALE e l Organizzazione e delle informazioni fornite dall Organizzazione. Nel caso in cui l ENTE/SEDE LOCALE consideri inattuabile l adesione al programma concordato per la valutazione, L ENTE/SEDE LOCALE preparerà e sottoporrà all Organizzazione una nuova proposta da esaminare. Le giornate di verifica ispettiva sono determinate in base a quanto previsto dalle procedure dell ENTE/SEDE LOCALE in prescrizione alla tabella IAF pubblicata sul nostro sito Il campo di applicazione dell Organizzazione è soggetto a valutazione durante le verifiche ispettive e pertanto potrebbe subire variazioni rispetto a quello proposto nel Contratto di Certificazione. 3 DI 7

4 2.2 L ENTE di volta in volta assegnerà a Ispettori Esterni qualificati (gli incaricati), in aggiunta allo staff interno della SEDE LOCALE a tempo pieno, l incarico di effettuare valutazioni per conto dell ENTE. La SEDE LOCALE notificherà all Organizzazione i nomi degli incaricati e li considererà accettati, se non riceverà un obiezione scritta dall Organizzazione entro 5 giorni dalla notifica. 2.3 L ENTE/SEDE LOCALE non darà in subappalto gli obblighi e le responsabilità previsti da questo contratto senza il previo consenso dell Organizzazione. 2.4 Laddove l ENTE/SEDE LOCALE affidi lavori agli incaricati, come previsto dal punto 2.2, l ENTE/SEDE LOCALE resterà la principale responsabile per il lavoro svolto da qualsiasi incaricato e per la concessione della Certificazione successiva alla valutazione. 2.5 Normative applicabili per i servizi di valutazione: UNI EN ISO 9001 nell ultima versione disponibile; UNI EN ISO nell ultima versione disponibile; BS OHSAS nell ultima versione disponibile; UNI EN ISO nell ultima versione disponibile; UNI EN ISO nell ultima versione disponibile; UNI EN ISO nell ultima versione disponibile; Altri documenti di riferimento per l esecuzione dei servizi di valutazione dei Sistemi di Gestione: 3. VISITE UNI EN ISO nell ultima versione disponibile; UNI EN ISO nell ultima versione disponibile; documento ACCREDIA RT05 Prescrizioni per l accreditamento degli Organismi operanti la valutazione e certificazione dei sistemi di gestione per la qualità delle imprese di costruzione ed installazione di impianti e servizi (sett. EA 28), ultima versione applicabile documento ACCREDIA RG16 Regolamento per il riconoscimento di Organismi accreditati da altri Enti di accreditamento firmatari degli Accordi EA MLA, per il rilascio di certificazioni di conformità alla norma UNI EN ISO 9001 (Documento Accredia RT-05)., ultima versione applicabile. Guide IAF applicabili 3.1 Le Visite di Valutazione, di Sorveglianza e di rinnovo verranno concordate tra l ENTE/SEDE LOCALE e l Organizzazione tenendo conto del tipo di Visita e degli impegni pregressi dell Organizzazione e dell ENTE/SEDE LOCALE 4. OBBLIGHI DELL ORGANIZZAZIONE 4.1 (a) L Organizzazione assicurerà che vengano messi a disposizione degli ispettori i mezzi idonei, inclusi il telefono, internet, fax, gli strumenti per garantire una sicura conservazione dei dati confidenziali forniti e l assistenza segretariale laddove ritenuto necessario. (b) Qualora l Organismo di Accreditamento richieda di effettuare una verifica testimoniata in sito, l Organizzazione consentirà agli ispettori dell Organismo di Accreditamento di effettuare suddetta verifica. La mancata accettazione della verifica e del GVI predisposto, comporterà la mancata concessione della certificazione accreditata/riconosciuta o la sospensione o il ritiro della certificazione se già concessa. (c) L Organizzazione farà tutti i preparativi necessari per l effettuazione delle verifiche, inclusa la preparazione al controllo della documentazione e l accesso a tutti i processi e aree, le registrazioni e il personale per tutte le verifiche richieste e la risoluzione di eventuali reclami. 4.2 Senza pregiudicare il precedente paragrafo 1, l Organizzazione utilizzerà qualsiasi Certificazione concessa in conformità alle seguenti disposizioni: (a) il Certificato resterà di proprietà dell ENTE (b) il Certificato sarà valido dalla data di emissione fino al momento in cui la certificazione venga revocata all Organizzazione per qualsiasi ragione. (c) l uso improprio del Certificato in qualunque modo o l uso ingannevole della certificazione nelle pubblicazioni può condurre alla sospensione o alla revoca della certificazione. (d) è possibile fare copie del Certificato allo scopo di informare i clienti della certificazione dell Organizzazione. Ogni copia deve chiaramente riportare COPIA NON CONTROLLATA trasversalmente al testo del Certificato. 4 DI 7

5 (e) qualora l Organizzazione decida di porre termine alla sua certificazione con l ENTE/SEDE LOCALE, deve immediatamente informare l ENTE/SEDE LOCALE per iscritto e restituire il Certificato. L uso del Certificato e del Marchio e qualsiasi dichiarazione inerente alla certificazione deve terminare immediatamente. Inoltre l Organizzazione deve: (f) informare l ENTE/SEDE LOCALE di qualsiasi modifica minore o maggiore al Sistema di Gestione certificato, incluse modifiche dello status giuridico, commerciale, organizzativo o della proprietà / organizzazione e direzione (ad esempio il personale direttivo, decisionale o tecnico) / indirizzo e siti / scopo delle attività entro il sistema di gestione certificato / cambiamenti importanti al sistema di gestione e ai processi. (g) comunicare all ENTE/SEDE LOCALE qualsiasi reclamo formale dei clienti relativo al Sistema di Gestione e tenere registrazioni delle azioni correttive intraprese. (h) comunicare all ENTE/SEDE LOCALE qualsiasi violazione dei regolamenti notificati da Autorità specifiche o Enti di Approvazione concernenti il prodotto o l erogazione del servizio. La violazione del presente regolamento potrebbe condurre al ritiro del Certificato da parte dell ENTE/SEDE LOCALE L ENTE/SEDE LOCALE si riserva il diritto di modificare il presente regolamento, ma darà all Organizzazione opportuno avviso di tali modifiche. Inoltre l Organizzazione: (i) non userà la Sua Certificazione in modo tale da screditare l ENTE/SEDE LOCALE e non farà affermazioni riguardo alla Sua Certificazione che l ENTE/SEDE LOCALE possa ragionevolmente considerare fuorvianti o non autorizzate; (j) non utilizzerà la Sua Certificazione per indicare che qualsiasi prodotto o servizio sia approvato dall ENTE/SEDE LOCALE o da qualsiasi altro Organismo di Certificazione in qualsiasi altro modo se non per indicare che il suo Sistema di Gestione è conforme a norme stabilite o ad altri documenti normativi; (k) assicurerà che nessun documento di Certificazione, logo o verbale, o qualsiasi sua parte, sia utilizzata dall Organizzazione, dai suoi impiegati, agenti o incaricati in un modo fuorviante; e nel fare riferimento alla sua Certificazione attraverso i mezzi di comunicazione (ad es. documenti, brochure o materiale pubblicitario), si manterrà conforme ai ragionevoli requisiti dell ENTE/SEDE LOCALE 4.3 Se al rilascio della Certificazione o di un altra registrazione l ENTE/SEDE LOCALE consentirà all Organizzazione di utilizzare il Marchio che indica la Certificazione di un Sistema di Gestione, l Organizzazione potrà usare il Marchio solo in conformità alle disposizioni sotto elencate ed al regolamento fornito al rilascio della Certificazione. (a) il Marchio deve essere sempre utilizzato congiuntamente al nome dell Organizzazione. (b) il numero della norma del Sistema di Gestione ed il numero di Certificato della Valutazione deve essere sempre contiguo al Marchio (c) il Marchio può essere utilizzato soltanto nella corrispondenza e nel materiale pubblicitario e promozionale e solo in relazione ai servizi elencati nello Scopo della Valutazione. (d) il Marchio non può, in nessuna circostanza, essere utilizzato direttamente sui prodotti o strettamente associato ad essi. (e) l Organizzazione deve impegnarsi ad interrompere qualsiasi uso del Marchio che sia inaccettabile per l ENTE/SEDE LOCALE (f) alla cessazione della Certificazione per qualsiasi ragione, l Organizzazione si impegna ad interrompere l uso del Marchio immediatamente. (g) il diritto di utilizzare il Marchio non è trasferibile. (h) le dimensioni ed il colore del Marchio devono essere conformi alle disposizioni fornite dall ENTE/SEDE LOCALE al rilascio della Certificazione. 5. VERBALI L Ispettore della SEDE LOCALE rilascerà all Organizzazione un Verbale di Verifica Ispettiva. 6. RISERVATEZZA Né l Organizzazione né l ENTE/SEDE LOCALE durante o dopo la stipulazione del contratto dovrà divulgare o consentire che venga divulgata ad alcuno qualsiasi informazione confidenziale relativa agli affari o alle attività di entrambe le parti. Tale divieto non si applica alle informazioni confidenziali qualora: (a) al momento della divulgazione tali informazioni siano di pubblico dominio, (b) tali informazioni successivamente divengano di dominio pubblico per motivi diversi dalla violazione di tale obbligo, (c) la divulgazione venga richiesta per legge o nel corso di procedimenti legali oppure (d) prima di tale divulgazione tali informazioni fossero legalmente in possesso della parte a cui sono state rivelate come evidenziato da registrazioni scritte di tale parte o di suoi rappresentanti. L ENTE/SEDE LOCALE può rivelare i seguenti dati di dominio pubblico dell organizzazione relativi alla certificazione: nome dell organizzazione/ numero del certificato/ dati relativi alla validità del certificato /scopo della certificazione. L ENTE/SEDE LOCALE opera nella piena conformità ed applicazione del DLgs 30 giugno 2003, n. 196 circa il trattamento dei dati forniti dalla Vostra Organizzazione. 5 DI 7

6 7. DIVIETO DI PERSUASIONE Né l Organizzazione né l ENTE/SEDE LOCALE durante o un anno dopo la stipula del contratto indurrà o tenterà di indurre ad allontanarsi dall altra parte nessuna persona che nel corso della durata del contratto sia impiegata presso l altra parte. 8. LIMITI DI RESPONSABILITÀ 8.1 L ENTE/SEDE LOCALE garantisce che la sua stessa Organizzazione, i suoi impiegati, e gli incaricati svolgeranno la valutazione con l attenzione e la competenza che ci si può ragionevolmente aspettare da un Ispettore esperto nella conduzione di Verifiche Ispettive. Tutte le altre garanzie e condizioni, sia espresse che implicite, sono escluse fino al massimo grado consentito dalla legge. 8.2 Il paragrafo 1 di queste Condizioni Contrattuali enuncia lo Scopo della Valutazione e l Organizzazione riconosce che l ENTE/SEDE LOCALE non ha alcuna responsabilità per alcuna questione al di fuori della Estensione della Verifica Ispettiva o per alcuna questione, espressa in questi Condizioni Contrattuali di cui è responsabile l Organizzazione. 8.3 In caso di danno, la responsabilità complessiva dell ENTE/SEDE LOCALE nei confronti dell Organizzazione non supererà il totale di quanto pagato all ENTE/SEDE LOCALE dall Organizzazione in base al contratto. 8.4 L ENTE/SEDE LOCALE, i suoi dipendenti e gli incaricati in nessuna circostanza saranno responsabili nei confronti dell Organizzazione per qualsiasi perdita o profitto, contratto, avviamento o risparmio programmato, interruzione dell attività commerciale, perdita derivante da reclami di terze parti o per qualsiasi perdita speciale, indiretta o consequenziale. 8.5 L ENTE/SEDE LOCALE, i suoi dipendenti e gli incaricati non saranno responsabili di reclami, perdite o spese derivanti dal mancato adempimento da parte dell Organizzazione delle proprie responsabilità secondo questo Accordo. 9. RECESSO Ognuna delle parti può recedere dal contratto con le seguenti modalità: RECESSO DA PARTE dell ENTE/SEDE LOCALE: 9.1 L ENTE/SEDE LOCALE si riserva il diritto di porre termine alla certificazione in qualsiasi momento dandone entro tre mesi preavviso scritto all Organizzazione qualora si verifichi uno dei seguenti casi: (a) se l Organizzazione commette una violazione di queste Condizioni Contrattuali ed omette di porvi rimedio entro trenta giorni dalla richiesta scritta dell ENTE/SEDE LOCALE, (b) se l Organizzazione entra in liquidazione obbligatoria o volontaria (se non per scopo di fusione o ricostituzione) o compone una transazione con i suoi creditori o ha un curatore/liquidatore nominato per una parte o tutti i suoi beni o ha intrapreso o subisce un azione del genere in conseguenza di debiti o, in caso di una società o ditta individuale, se l Organizzazione o uno dei membri dell azienda diventa insolvente o si accorda con i suoi creditori o intraprende o subisce un azione simile in conseguenza di debiti. 9.2 L ENTE/SEDE LOCALE si riserva il diritto di porre immediatamente termine alla certificazione se l Organizzazione è colpevole di una condotta che a giudizio dell ENTE/SEDE LOCALE sia pregiudizievole per gli interessi dell ENTE/SEDE LOCALE o che possa minare o screditare la certificazione dell Organizzazione. Laddove l Organizzazione non richieda per iscritto che parte o tutti i servizi di verifica siano condotti entro un periodo di un anno dalla data di accettazione di un offerta, tale accordo verrà ritenuto sciolto volontariamente dall Organizzazione. RECESSO DA PARTE DELL ORGANIZZAZIONE: 9.3 Qualora l Organizzazione voglia terminare la sua certificazione, deve darne comunicazione scritta all ENTE/SEDE LOCALE: In fase di rinnovo: Quattro mesi prima della scadenza del certificato a mezzo lettera raccomandata A/R comprensiva dei certificati originali in doppia lingua; Durante il periodo di validità dello stesso: Due mesi prima della data di pianificazione della verifica ispettiva debitamente segnalata tramite il modulo Admin 75 - EA 28/ Admin 75 Gen, a mezzo lettera raccomandata A/R, comprensiva dei certificati originali in doppia lingua. In caso di mancato rispetto dei tempi sopra descritti l ENTE/SEDE LOCALE si riserva il diritto di addebitare il 50% della tariffa annuale come risarcimento spese, anche se non è stato ancora fornito nessun servizio. 10. MODIFICA O RINVIO DI UN AUDIT DA PARTE DELL ORGANIZZAZIONE Qualora il Cliente richieda la modifica o il rinvio di una Verifica concordata, l Organizzazione deve darne comunicazione scritta all ENTE/SEDE LOCALE con un anticipo minimo di 5 giorni lavorativi rispetto alla data di verifica pianificata/concordata. La mancata effettuazione delle verifiche nei tempi dovuti (per lo stage 2: non oltre 6 mesi dalla data di verifica dello stage 1 ;per la prima sorveglianza dopo lo stage 2: non può essere previsto rinvio rispetto al mese pianificato; sorveglianza successive : non oltre 3 mesi dalla prima data di pianificazione,; per il rinnovo: non oltre 1 mese e 45 gg dalla prima data di pianificazione) comporterà la sospensione o il ritiro della certificazione. L ENTE/SEDE LOCALE si riserva il diritto di addebitare il 50% della tariffa annuale come risarcimento spese, anche se non è stato fornito nessun servizio. 6 DI 7

7 11. PROPRIETÀ DELLA CERTIFICAZIONE Il certificato ed il diritto di usare il Marchio resterà di proprietà dell ENTE, e non potrà essere venduto, dato in prestito, dato in concessione o utilizzato come proprietà dell Organizzazione e dovranno essere restituiti in caso di recesso. Per le modalità vedi punto FORZA MAGGIORE L impossibilità di entrambe le parti di adempiere agli obblighi previsti da questo accordo non renderà tale parte in alcun modo responsabile nei confronti dell altra parte se tale impossibilità è dovuta a causa di forza maggiore, incendio, alluvione, siccità, guerra, sommossa, sabotaggio, embargo, sciopero o altre agitazioni sindacali, interruzioni dovute a ritardi nei trasporti, conformità legale con qualsiasi ordine, regolamento o richiesta di amministrazione competente per giurisdizione o di qualsiasi ufficiale, dipartimento, agenzia o commissione, o da ogni altro evento o circostanza di carattere simile o differente rispetto a quanto esposto prima al di fuori del ragionevole controllo della parte inadempiente. 13. LEGISLAZIONE APPLICABILE I presenti Termini e Condizioni saranno regolati e interpretati in conformità alle leggi italiane, e, in caso di necessità, il foro competente sarà quello di Napoli. 14. VARIE 14.1 L incapacità dell ENTE/SEDE LOCALE di insistere sul rigoroso rispetto di qualsiasi articolo non sarà considerata una rinuncia a tale articolo o ad altri articoli L invalidità o l impossibilità di esecuzione di qualsiasi articolo del presente regolamento non influirà sulla validità o sulla possibilità di esecuzione di qualsiasi altro articolo I presenti Termini e Condizioni non possono essere modificati se non con un accordo scritto firmato tra l ENTE/SEDE LOCALE e l Organizzazione Qualora non dovesse essere soddisfatta dei servizi erogati, l Organizzazione deve inviare immediatamente un reclamo scritto all Amministratore della SEDE LOCALE in modo che possa essere preso il provvedimento adatto. Tali reclami non influiranno su nessuno dei presenti Termini e condizioni. TIMBRO E FIRMA LEGALE RAPPRESENTANTE: DATA: / / NOME E COGNOME: Allegare alla presente copia documento di riconoscimento del legale rappresentante 7 DI 7

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LA VERIFICA METROLOGICA SU CORRETTORI VOLUMETRICI DI GAS NATURALE

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LA VERIFICA METROLOGICA SU CORRETTORI VOLUMETRICI DI GAS NATURALE CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LA VERIFICA METROLOGICA SU CORRETTORI VOLUMETRICI DI GAS NATURALE TECLAB\ VERIFICHE PERIODICHE\ pag. i di i INDICE 1 SCOPO... 2 2 RIFERIMENTI... 2 3 DEFINIZIONI...

Dettagli

Fax: / E-Mail: iscritta alla CCIAA di REA P.IVA: C.F.:

Fax: / E-Mail: iscritta alla CCIAA di REA P.IVA: C.F.: TRA D.A.S. Certification S.r.l., iscritta al REA della CCIAA di Latina no. LT 183887 P.IVA: 02595410594, con sede legale in Via E. di Savoia, 25 cap 04100 Latina, con sede operativa in Via Ufente, 20 Torre

Dettagli

CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE

CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE CCAS 013 IT - TERMINI E CONDIZIONI PER LA CERTIFICAZIONE Questi Termini e condizioni costituiscono l'accordo tra ACSQ/CCAS e la Società/Cliente richiedente 1. INTRODUZIONE ACSQ/CCAS segue i criteri specificati

Dettagli

REGOLAMENTO per la certificazione dei sistemi di gestione per la qualità

REGOLAMENTO per la certificazione dei sistemi di gestione per la qualità REGOLAMENTO per la certificazione dei sistemi di gestione per la qualità Il presente documento, è stato approvato dal Direttore. L originale firmato è conservato presso la Segreteria. 0. STORIA Questa

Dettagli

REGOLAMENTO VIS SRL. 6 08.10.2014 Modifica a par. 5

REGOLAMENTO VIS SRL. 6 08.10.2014 Modifica a par. 5 REGOLAMENTO VIS SRL 1. Scopo e campo di applicazione 2. Termini e definizioni 3. Responsabilità 4. Distribuzione 5. Modalità di svolgimento dei controlli 6. Attestato finale e verbale di verifica periodica

Dettagli

Regolamento Q.C.B. Italia di certificazione dei Sistemi di Gestione

Regolamento Q.C.B. Italia di certificazione dei Sistemi di Gestione Regolamento Q.C.B. Italia di certificazione dei Sistemi di Gestione Revisione ITA4 Settembre 2010 Regolamento Q.C.B. Italia SG ITA4 Set 10- pag. 1/15 Contenuti ll presente regolamento si applica per la

Dettagli

Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi

Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi Regolamento per la certificazione di sistemi di gestione sostenibile degli eventi In vigore dal 25/06/2014 RINA Services S.p.A. Via Corsica, 12 16128 Genova Tel. +39 010 53851 Fax +39 010 5351000 E-MAIL:

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA NEL SETTORE AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949 Pag. 1 di 9 DEI SISTEMI DI AUTOMOTIVE IN ACCORDO A ISO TS 16949 1 03/14 Nuova edizione ED. DATA VARIAZIONI VERIFICA APPROVAZIONE Pag. 2 di 9 ARTICOLO 1 - SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento,

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE Valido dal 2014-07-01

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE Valido dal 2014-07-01 1 di 17 INDICE 1 Generalità e Scopo 2 Campo di applicazione 3 Processo di certificazione 4 Emissione e validità del certificato 5 Registro delle organizzazioni certificate 6 Procedura gestione dei reclami

Dettagli

C.E.V.I. S.r.l. Via Giambologna, 38 52100 Arezzo Tel 0575-370371 Fax 0575-293023 - www.cevisrl.org info@cevisrl.org RG-02

C.E.V.I. S.r.l. Via Giambologna, 38 52100 Arezzo Tel 0575-370371 Fax 0575-293023 - www.cevisrl.org info@cevisrl.org RG-02 Pag. 1 di 8 REGOLAMENTO ESECUZIONE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE ASCENSORI Revisione N. Data MOTIVAZIONE 00 10/12/2012 Prima emissione 01 15/11/2013 Aggiornamenti in seguito ad esame documentale

Dettagli

REGOLAMENTO CERT.IM. SRL

REGOLAMENTO CERT.IM. SRL REGOLAMENTO CERT.IM. SRL 1. Scopo e campo di applicazione 2. Termini e definizioni 3. Responsabilità 4. Distribuzione 5. Modalità di svolgimento dei controlli 5.1 Controlli per marcature CE e certificazione

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE Approvato dalla Direzione Generale in data 04.11.2014 INDICE Articolo 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 Articolo 2 - CONDIZIONI GENERALI... 2 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SOCIETA CHE FORNISCONO SERVIZI DI EFFICIENZA ENERGETICA SECONDO LA NORMA UNI CEI 11352

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SOCIETA CHE FORNISCONO SERVIZI DI EFFICIENZA ENERGETICA SECONDO LA NORMA UNI CEI 11352 REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SOCIETA CHE FORNISCONO SERVIZI DI EFFICIENZA ENERGETICA SECONDO LA NORMA UNI CEI 11352 In vigore dal 25 Giugno 2015 RINA SERVICES S.p.A. Via Corsica, 12 16128 Genova

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONALE, PRODOTTI E MATERIALI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONALE, PRODOTTI E MATERIALI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO Pag. 1 di 11 REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONALE, PRODOTTI E MATERIALI CONDIZIONI GENERALI DI Copia controllata n 01 13/10/2015 INTEGRAZIONE MATERIALI DA CO- STRUZIONE 00 31/07/2014 PRIMA EMISSIONE

Dettagli

Regolamento per il rilascio del Certificato di Conformità di Servizi e Processi

Regolamento per il rilascio del Certificato di Conformità di Servizi e Processi Regolamento per il rilascio del Certificato di Conformità di Servizi e Processi In vigore dal 15/02/2011 RINA Services Società per azioni Via Corsica, 12-16128 Genova - Italia Tel. +39 01053851 - Fax:

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CONCESSIONE ED IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SECONDO DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE - ALLEGATI IV E X

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CONCESSIONE ED IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SECONDO DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE - ALLEGATI IV E X MACCHINE_ Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO GENERALE PER LA CONCESSIONE ED IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO SECONDO DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE - ALLEGATI IV E X INDICE Art. 1 Premessa Art. 2

Dettagli

revisione data verifica approvazione Pagina 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8

revisione data verifica approvazione Pagina 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8 PROCEDURA OPERATIVA REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE PROCESSI DI SALDATURA, IN ACCORDO ALLE NORME: EN 15085-2 ed EN 15085-2 in accordo alle Linee Guida ANSF 1 29/06/2012 RQ LTM 1 di 8 INDICE 1. GENERALITA...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX REGOLAMENTO (UE) N. 333/2011 REGOLAMENTO (UE) N. PROCEDURA GENERALE GP01 333 REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE EX 0 15/09/2011 LTM CSI 1 di 8 INDICE 1. SCOPO... 3 2. GENERALITA... 3 2.1. REQUISITI AGGIUNTIVI PER... 3 3. RIFERIMENTI...

Dettagli

Introduzione. Costi e spese. Stage 1 audit. Riservatezza. Certificazione. Stage 2 audit. Rappresentante della Direzione. Accesso

Introduzione. Costi e spese. Stage 1 audit. Riservatezza. Certificazione. Stage 2 audit. Rappresentante della Direzione. Accesso Introduzione NQA fornisce servizi di certificazione secondo le norme nazionali e internazionali ISO 9001, ISO 14001, ISO 27001, OHSAS 18001, ecc. La voce norme rilevanti all interno di questo Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI DI FORMAZIONE

REGOLAMENTO GENERALE PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI DI FORMAZIONE REGOLAMENTO GENERALE PER IL Data prima emissione Data aggiornamento Edizione Revisione Emesso da RGQ Approvato da Amministratore Unico 31/07/2013 01 00 Rev. 00 Pagina 1 di 14 INDICE 1 PREMESSA 2 SCOPO

Dettagli

MANUALE PER LE ATTIVITÀ IN QUALITÀ DI ORGANISMO DI ISPEZIONE. REGOLAMENTO PER LE ATTIVITÀ ISPETTIVE SETTORE INDUSTRIALE Pagina 1 di 7

MANUALE PER LE ATTIVITÀ IN QUALITÀ DI ORGANISMO DI ISPEZIONE. REGOLAMENTO PER LE ATTIVITÀ ISPETTIVE SETTORE INDUSTRIALE Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO PER LE ATTIVITÀ ISPETTIVE SETTORE INDUSTRIALE Pagina 1 di 7 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. TERMINI E DEFINIZIONI... 2 3. RESPONSABILITÀ... 3 4. DISTRIBUZIONE... 3 5. MODALITÀ DI SVOLGIMENTO

Dettagli

IMQ S.p.A. con socio unico I-20138 Milano via Quintiliano, 43 tel. 0250731 (r.a.) - fax 0250991500 e-mail: info@imq.it - www.imq.

IMQ S.p.A. con socio unico I-20138 Milano via Quintiliano, 43 tel. 0250731 (r.a.) - fax 0250991500 e-mail: info@imq.it - www.imq. Oggetto: GARANZIA QUALITA TOTALE (Allegato XIII - Dir. 95/16/CE) ATTIVITÀ DI VALUTAZIONE L attività di valutazione della conformità prevede il seguente iter: a. Ricezione e accettazione della Domanda di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE ASSERZIONI RELATIVE AI GAS GHG (GAS AD EFFETTO SERRA), IN ACCORDO ALLE NORME UNI ISO

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE ASSERZIONI RELATIVE AI GAS GHG (GAS AD EFFETTO SERRA), IN ACCORDO ALLE NORME UNI ISO REG 14064 REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE ASSERZIONI RELATIVE AI GAS GHG (GAS AD EFFETTO SERRA), IN ACCORDO ALLE NORME UNI ISO 14064-1 2006 e 14064-3 1. DESCRIZIONE DELL'ISTITUTO CERTIQUALITY S.r.l.

Dettagli

OGGETTO: AVVISO PRESELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO PROFESSIONALE AVVISO PUBBLICO

OGGETTO: AVVISO PRESELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO PROFESSIONALE AVVISO PUBBLICO OGGETTO: AVVISO PRESELEZIONE PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO PROFESSIONALE AVVISO PUBBLICO Si rende noto che il Comune di Castagneto Carducci intende procedere all affidamento dell incarico relativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 2.1 Definizioni di tipo generale... 2 2.2 Definizioni relative alle Macchine e Componenti di Sicurezza... 2 3 ITER DI CERTIFICAZIONE...

Dettagli

REGOLAMENTO per la certificazione dei sistemi di gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

REGOLAMENTO per la certificazione dei sistemi di gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro REGOLAMENTO per la certificazione dei sistemi di gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Il presente documento, è stato approvato dal Direttore. L originale firmato è conservato presso la

Dettagli

IL RUOLO DEL ORGANISMO DI CERTIFICAZIONE

IL RUOLO DEL ORGANISMO DI CERTIFICAZIONE IL RUOLO DEL ORGANISMO DI CERTIFICAZIONE IL SISTEMA delle CERTIFICAZIONI CON LA DENOMINAZIONE SISTEMA DELLE CERTIFICAZIONI SI INTENDE DEFINIRE L INSIEME DEGLI STRUMENTI (ISTITUZIONALI, ORGANIZZATIVI, NORMATIVI)

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DIRETTIVA 2009/48/CE SICUREZZA GIOCATTOLI

REGOLAMENTO GENERALE DIRETTIVA 2009/48/CE SICUREZZA GIOCATTOLI Pagina 1 di 5 REGOLAMENTO GENERALE DIRETTIVA 2009/48/CE SICUREZZA GIOCATTOLI INDICE Art. 1 Premessa Art. 2 Oggetto del regolamento 2.1 Definizioni Art. 3 Documenti di riferimento 3.1 Documenti di riferimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMA DI GESTIONE

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMA DI GESTIONE pag. 1 di 13 REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI Documento R-001 GIUGNO 2012 INDICE pag. 2 di 13 1 SCOPO E PREMESSA... 3 2 DEFINIZIONI... 3 3 PRINCIPI DELLA CERTIFICAZIONE... 3 3.1 Campionamento... 3

Dettagli

FSMPRL4 REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE - ISO 22000:2005

FSMPRL4 REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE - ISO 22000:2005 Pagina 1 di 19 REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE - ISO 22000:2005 INDICE 1. SCOPO...2 1.1 IMPEGNI DI QUASER...2 1.2 IMPEGNI DELL ORGANIZZAZIONE...2 2

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008

Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008 Regolamento per la certificazione di imprese che svolgono le attività di cui ai Regolamenti (CE) n. 303/2008, n. 304/2008 In vigore dal 01.01.2013 RINA Services S.p.A. Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy

Dettagli

Istituto Italiano dei Plastici S.r.l. REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA

Istituto Italiano dei Plastici S.r.l. REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA Pag. 1 di 15 REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI approvata dal Consiglio di Amministrazione dell Istituto Italiano dei Plastici S.r.l. in data 28.11.2014 12 11/14 9.2,9.3,15 11 05/14

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE (REG 01)

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE (REG 01) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE (REG 01) ALLEGATO 5 PRESCRIZIONI INTEGRATIVE PER LA CONCESSIONE E IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE FAMI-QS.

Dettagli

Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008)

Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008) di Giampiero Mercuri Responsabile tecnico di certificazione CNIM rubrica Certificazione Certificazione dei Sistemi di Gestione per la Qualità (Norma UNI EN ISO 9001:2008) SECONDA PARTE: lo Stage 2 di Certificazione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO Art.1 Prescrizioni Generali Le Condizioni Generali d Acquisto costituiscono parte integrante dell ordine d acquisto e vengono applicate come clausole essenziali dello stesso.

Dettagli

2. SCOPO ED OGGETTO 2.1. Il Regolamento contiene anche la disciplina delle

2. SCOPO ED OGGETTO 2.1. Il Regolamento contiene anche la disciplina delle Approved by. PRES ICEC Date: 01.12.2015 Replaces: 08 Pagina 1 di 10 INDICE 1. PREMESSA GENERALE 2. SCOPO E OGGETTO 3. INDIRIZZI POLITICI 4. AMBITO DI APPLICAZIONE ED ELEMENTI DI 5. CONFORMITA A DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE e verifica PED. Direttiva 97/23/CE SOMMARIO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE e verifica PED. Direttiva 97/23/CE SOMMARIO Pag. 1 di 11 SOMMARIO 0 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 1 RIFERIMENTI... 2 2 PROCESSO DI EROGAZIONE... 3 2.1 FORMULAZIONE OFFERTA... 3 2.2 PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA... 3 2.3 PROCESSO DI VALUTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E IL MANTENIMENTO DELLA MARCATURA CE DEI DISPOSITIVI MEDICI I & F BUREAU VERITAS ITALIA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E IL MANTENIMENTO DELLA MARCATURA CE DEI DISPOSITIVI MEDICI I & F BUREAU VERITAS ITALIA Emesso da Ufficio: REGOLAMENTO CONCESSIONE E IL INDICE 1. PREMESSA... 2 2. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. DEFINIZIONI E RIFERIMENTI... 2 4. CONDIZIONI GENERALI E PREREQUISITI... 2 5. RISERVATEZZA...

Dettagli

Regolamento per la certificazione dei sistemi di gestione per la qualità in conformità alla norma UNI EN ISO 9001

Regolamento per la certificazione dei sistemi di gestione per la qualità in conformità alla norma UNI EN ISO 9001 Regolamento per la certificazione dei sistemi di gestione per la qualità in conformità alla norma UNI EN ISO 9001 02 28/10/2015 Transizione a 9001:2015 SG ISG DIR-AD 01 30/09/2014 Recepimento rilievi ED

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALI

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALI REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALI Revisione n. 3 del 15/06/2014 QUESTO DOCUMENTO È DI PROPRIETÀ DELLA Pagina 1 di 29 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. DOCUMENTI

Dettagli

REGOLAMENTO DI CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA

REGOLAMENTO DI CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA ALL. A DOCUMENTO DOCUMENTO DATA DI 1^EMISSIONE COPIA N. CONSEGNATA A ENTE REG 16.02.2004 APPROVAZIONI REV DATA Preparazione Approvazione RSQ Patrizia Nigrelli DIR Giorgio Capoccia PRE Francesco Ciccimarra

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE E CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE ADDETTO ALLA SALDATURA

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE E CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE ADDETTO ALLA SALDATURA Pagina 1 di 7 Indice 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 3. TERMINI E DEFINIZIONI... 2 4. DOMANDA DI CERTIFICAZIONE ED AVVIO ITER CERTIFICATIVO... 2 5. ESECUZIONE DEI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALI

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALI Pag.1 di 27 REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI MATRICE DELLE REVISIONI Rev. Data DESCRIZIONE delle MODIFICHE Redatto da Approvato da 00 20/06/08 Nuova emissione per cambio Norma Responsabile

Dettagli

SGS ITALIA SYSTEMS & SERVICES CERTIFICATION REGOLAMENTO

SGS ITALIA SYSTEMS & SERVICES CERTIFICATION REGOLAMENTO SGS ITALIA SYSTEMS & SERVICES CERTIFICATION REGOLAMENTO INTRODUZIONE E SCOPO SGS Italia SpA (di seguito anche solo SGS Italia ), appartenente al Gruppo internazionale SGS, opera come organismo di certificazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE INDICE 1. PREMESSA 2. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 3. NORMATIVA E DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO 4. GENERALITÀ 5. OFFERTA, ORDINE E APERTURA ITER DI CERTIFICAZIONE 6. PIANIFICAZIONE ED ESECUZIONE DELL AUDIT

Dettagli

REGOLAMENTO IMQ. Certificazione delle Imprese che erogano servizi ai sensi dei Regolamenti (CE) n. 303/2008 e n. 304/2008

REGOLAMENTO IMQ. Certificazione delle Imprese che erogano servizi ai sensi dei Regolamenti (CE) n. 303/2008 e n. 304/2008 REGOLAMENTO IMQ Certificazione delle Imprese che erogano servizi ai sensi dei Regolamenti (CE) n. 303/2008 e n. 304/2008 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 25.09.2013 INDICE Articolo 1

Dettagli

Procedura Gestionale PG-10. Audit - Certificazione di Prodotto. PG-10 Rev. 02 Audit - Certificazione di prodotto. Nome file:

Procedura Gestionale PG-10. Audit - Certificazione di Prodotto. PG-10 Rev. 02 Audit - Certificazione di prodotto. Nome file: Procedura Gestionale PG-10 Indice: 1. Scopo e campo di applicazione 2. Riferimenti e definizioni 3. Responsabilità 4. Attività REV. DATA DESCRIZIONE REDATTO COMPLIANCE MANAGER Angelo Parma APPROVATO DIRETTORE

Dettagli

TARIFFARIO SGQ_EA28 1. SCOPO

TARIFFARIO SGQ_EA28 1. SCOPO INDICE 1.SCOPO 2.STRUTTURA TARIFFARIA 3.INTEGRAZIONI DEL CONTRATTO GIÀ STIPULATO 4.DEFINIZIONI 5.METODO PER IL CALCOLO DELLA DURATA DI AUDIT 6.SUBENTRO 7.EMISSIONE FATTURE E RELATIVI PAGAMENTI 8.ORGANIZZAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE AUTOMOTIVE ISO TS 16949 I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE

REGOLAMENTO PARTICOLARE PER LA CERTIFICAZIONE AUTOMOTIVE ISO TS 16949 I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE Emesso da Ufficio: REGOLAMENTO PARTICOLARE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. GENERALITA... 2 3. RIFERIMENTI... 2 4. TERMINI E DEFINIZIONI... 2 5. ITER DI CERTIFICAZIONE... 2 5.1 RICHIESTA

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE E LA MARCATURA CE DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE E LA MARCATURA CE DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE Indice 1. Approvazione del Regolamento di Certificazione 2. Introduzione 3. Normativa di Riferimento: 4. Definizioni 5. Criteri e condizioni generali per la certificazione di prodotto 5.1 Generalità 5.2

Dettagli

Informazioni essenziali sulla Certificazione dei sistemi di gestione

Informazioni essenziali sulla Certificazione dei sistemi di gestione 1 / 10 Certificazione dei Sistemi di Gestione Il certificato ottenuto da un Organizzazione che abbia fatto richiesta di Certificazione conferma che tale Organizzazione abbia implementato e mantenuto il

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA ONLINE

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA ONLINE CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA ONLINE PREMESSA Le presenti Condizioni Generali di Vendita Online (di seguito Condizioni) hanno ad oggetto la vendita di beni e servizi da parte dell Azienda Galsor s.r.l.,

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO MENSILE AL SERVIZIO DI CAR-SHARING BRESCIA (PER PERSONA FISICA)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO MENSILE AL SERVIZIO DI CAR-SHARING BRESCIA (PER PERSONA FISICA) RICHIESTA DI ABBONAMENTO MENSILE AL SERVIZIO DI CAR-SHARING BRESCIA (PER PERSONA FISICA) SPAZIO RISERVATO AL GESTORE: CONTRATTO MENSILE N. NUMERO CLIENTE (WEB) NUMERO OMNIBUS CARD PASSWORD DECORRENZA CONTRATTO

Dettagli

1 29/03/2005 Prima revisione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE. F. Filippazzi/ E. Stanghellini

1 29/03/2005 Prima revisione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE. F. Filippazzi/ E. Stanghellini Pag. 1 di 10 QA-EQDL20 Revisione n 1 del 29/03/2005 PROCEDURA DI AUDIT EQDL REVISIONI 1 29/03/2005 Prima revisione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE REDATTA P. Fezzi/C. Morlacchi CONTROLLATA F. Filippazzi/

Dettagli

Iter di Certificazione

Iter di Certificazione Iter di Certificazione 1 Accreditamento Riconoscimento formale della idoneità di un laboratorio ad effettuare specifiche prove o determinati tipi di prova Nota - Il termine "accreditamento di un laboratorio"

Dettagli

Gestione dei reclami, ricorsi e segnalazioni

Gestione dei reclami, ricorsi e segnalazioni Titolo/Title Gestione dei reclami, ricorsi e segnalazioni Management of Complaints, Appeals and other feedbacks Sigla/Reference PG-10-DT Revisione/Revision 00 Data/Date 2010-08-02 Redazione Approvazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE DELLE AZIENDE

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE DELLE AZIENDE Pag 1 di 10 REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE DELLE AZIENDE INTRODUZIONE E SCOPO... 1 PARTE 1:CONDIZIONI TECNICHE PER SERVIZI DI CERTIFICAZIONE... 2 1.1 Prescrizioni generali...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE CE DI DISPOSITIVI MEDICI

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE CE DI DISPOSITIVI MEDICI pag. 1 di 13 REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE (Certificazione del Sistema Qualità di Aziende produttrici di Dispositivi Medici) Documento R-003 pag. 2 di 13 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 3 2 DEFINIZIONI...

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto

Condizioni Generali di Contratto Condizioni Generali di Contratto PER LA CERTIFICAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO (NORMA BS OHSAS 18001) Pagina 1 di 18 INDICE PREMESSA...3 1 Definizioni...3 2 Oggetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E IL MANTENIMENTO DELLA CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE CERTIQUALITY S.r.l. Via G. Giardino 4-20123 Milano tel. 02 8069171 - fax 02 86465295 certiquality@certiquality.it www.certiquality.it C.F. e P. IVA Reg. Imprese MI 04591610961 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE

Dettagli

PSC 05I - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE BS OHSAS 18001 REQUISITI ESSENZIALI

PSC 05I - SERVIZIO DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ: CERTIFICAZIONE SISTEMA DI GESTIONE BS OHSAS 18001 REQUISITI ESSENZIALI INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RISPETTO AI QUALI È RICHIESTA LA VALUTAZIONE 3. RELATIVI AL PROCESSO DI VALUTAZIONE 4. SOSPENSIONE, REVOCA O RIDUZIONE DELLA CERTIFICAZIONE 5. USO DEL MARCHIO

Dettagli

A tutti gli Organismi di Certificazione accreditati e accreditandi nello schema SCR. Disposizione in materia di Accreditamento nello schema SCR

A tutti gli Organismi di Certificazione accreditati e accreditandi nello schema SCR. Disposizione in materia di Accreditamento nello schema SCR A tutti gli Organismi di Certificazione accreditati e accreditandi nello schema SCR A tutti gli ispettori A tutti i Soggetti interessati Loro sedi Milano 23 Febbraio 2010 Oggetto: Disposizione in materia

Dettagli

Redazione Approvazione Entrata in vigore

Redazione Approvazione Entrata in vigore Regolamento: Titolo Concessione e Mantenimento della Certificazione SGQ Aziendale Sigla Revisione 02 Data 22-04-2013 Redazione Approvazione Entrata in vigore DIRETTORE OdC AMMINISTRATORE UNICO Il presente

Dettagli

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE Art.1 Art.2 Art.3 Art.4 Art.5 Art.6 Art.7 Art.8 Art.9 Art.10 Art.11 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 16 INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI TERMINI E DEFINIZIONI CONDIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI di GESTIONE

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI di GESTIONE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI di GESTIONE Documento: SG 01 Totale Pagine: 18 Revisione: 02 Data: 31 luglio 2008 Redatto da: Ing. Massimo CONCETTI Approvato da: Ing. Lorenzo FEDELE Regolamento

Dettagli

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA INTERO CONTRATTO Le presenti Condizioni Generali di vendita ed i termini e le obbligazioni in esse contenute sono le uniche e sole obbligazioni vincolanti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DEGLI ASCENSORI E MONTACARICHI

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DEGLI ASCENSORI E MONTACARICHI Pagina 1 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE DEGLI ASCENSORI E MONTACARICHI TABELLA DELLE REVISIONI 2 18/08/2014 1 18/03/2014 0 01/01/2013 NUOVA EDIZIONE RESPONSABILE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI SALDATURA/BRASATURA

REGOLAMENTO PER LA QUALIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI SALDATURA/BRASATURA Pagina 1 di 5 Indice 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. TERMINI E DEFINIZIONI... 2 1. RICHIESTA DI CERTIFICAZIONE ED AVVIO ITER CERTIFICATIVO... 2 4. ESECUZIONE DEI SAGGI... 3 4.1 Attività presso

Dettagli

Regolamento dell Organismo di Certificazione URS Italia

Regolamento dell Organismo di Certificazione URS Italia INDICE 1. Scopo e campo di applicazione 2. Normativa di riferimento 3. Termini, definizioni e abbreviazioni 4. Responsabilità 5. Controllo del regolamento 6. Processo di certificazione 6.1 Presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE REG-CSG pag. 1/27 Divisione Certificazione Sistemi di Gestione Via Rossini, 2-47814 Bellaria (RN) tel. +39/0541/343030 - telefax +39/0541/341329 REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE

Dettagli

Regolamento per la Certificazione del Personale addetto alle Prove non Distruttive nel settore Industriale

Regolamento per la Certificazione del Personale addetto alle Prove non Distruttive nel settore Industriale Regolamento per la Certificazione del Personale addetto alle Prove non Distruttive nel settore Industriale In vigore dal 18 agosto 2014 RINA Services S.p.a. Via Corsica, 12 16128 Genova - Italy Tel. +39

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO ultima versione di data 29/12/2010

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO ultima versione di data 29/12/2010 CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO ultima versione di data 29/12/2010 Le seguenti condizioni sono applicabili ai rapporti contrattuali tra: OVH Srl, con sede legale in Largo Volontari del Sangue, 10, 20097

Dettagli

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione della Security

Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione della Security Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione della Security In vigore dal 1 luglio 2009 RINA Società per azioni Via Corsica, 12-16128 Genova - Italia Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni del servizio di erogazione di corsi di formazione per personale addetto al recupero di determinati gas fluorurati

Dettagli

CONTRATTO DI ALLACCIAMENTO. tra

CONTRATTO DI ALLACCIAMENTO. tra CONTRATTO DI ALLACCIAMENTO tra, con sede in., via capitale sociale (./00) interamente versato, iscritta presso il Registro delle Imprese di al numero.. Codice Fiscale.. Partita Iva numero qui rappresentata

Dettagli

14 2016-01-04 MD08. Titolo. Codice. Edizione Edition. Revisione Review Data Date. Redatto Compiled. Approvato Approved. Pag.

14 2016-01-04 MD08. Titolo. Codice. Edizione Edition. Revisione Review Data Date. Redatto Compiled. Approvato Approved. Pag. Tel.: +39 0516494836 Fax: +39 0516494813 Sito internet: www.nsf-italy.it E-mail: info@nsf-italy.it C.F./P.IVA: 02152001208 Titolo Title Codice Code Regolamento per la certificazione di Sistemi di Gestione

Dettagli

Regolamento generale per la certificazione del personale e la qualificazione dei corsi. Indice

Regolamento generale per la certificazione del personale e la qualificazione dei corsi. Indice Indice 1 Scopo e campo di applicazione 2 2 Riferimenti normativi 2 3 Definizioni 2 4 Condizioni generali 3 4.1 Requisiti 3 4.2 Accesso agli schemi di certificazione/qualificazione 3 5 Processo di certificazione

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT EUCIP

PROCEDURA DI AUDIT EUCIP Pag. 1 di 10 PROCEDURA DI AUDIT EUCIP REVISIONI 1 10/05/04 Prima Emissione REVISIONE DATA MOTIVO DELLA REVISIONE REDATTA CONTROLLATA APPROVATA Funzione Funzione Qualità delle Certificazioni EUCIP Responsabile

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ISPEZIONE

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI ISPEZIONE Pag. 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 3 MODIFICHE AL REGOLAMENTO... 2 4 PROCESSO DI ISPEZIONE... 3 4.1 Richiesta di attività ispettive... 3 4.2 Erogazione

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

REGOLAMENTO CICPND SERVIZI S.R.L. SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA CON UNICO SOCIO

REGOLAMENTO CICPND SERVIZI S.R.L. SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA CON UNICO SOCIO CICPND SERVIZI S.R.L. SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA CON UNICO SOCIO Via C. Pisacane, 46 20025 Legnano MI Tel. +39 0331 545600 Fax +39 0331 543030 Web: www.cicpndservizi.com E-mail: info@cicpndservizi.com;

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DI CERTIFICAZIONE

REGOLAMENTO GENERALE DI CERTIFICAZIONE Indice dei contenuti 1. Generalità 2. Requisiti generali per la certificazione di un Sistema qualità 3. Rilascio della certificazione 4. Mantenimento della certificazione 5. Rinnovo della certificazione

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE IN CONFORMITA ALLA NORMA ISO 27001 Sistemi di Gestione per la sicurezza delle informazioni

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE IN CONFORMITA ALLA NORMA ISO 27001 Sistemi di Gestione per la sicurezza delle informazioni Pag. 1 di 20 REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE IN CONFORMITA ALLA NORMA ISO 27001 Sistemi di Gestione per la sicurezza delle informazioni approvata dal Consiglio di Amministrazione dell Istituto

Dettagli

REDATTO Verbale di riunione straordinaria n.6/08 del 11.11.2008

REDATTO Verbale di riunione straordinaria n.6/08 del 11.11.2008 Pagina: 1 di 18 Procedura PG- 10854 ITALIA Procedura PG 10854 Prestazione del Servizio di Certificazione Sistema di Autocontrollo igienico sanitario STATO DEL DOCUMENTO REV. PAR. PAG. DESCRIZIONE DATA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE PROCESSI DI SALDATURA, IN ACCORDO ALLE NORME: EN ISO 3834-2, EN ISO 3834-3, EN ISO 3834-4

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE PROCESSI DI SALDATURA, IN ACCORDO ALLE NORME: EN ISO 3834-2, EN ISO 3834-3, EN ISO 3834-4 PROCEDURA OPERATIVA REGOLAMENTO PER LA DI SALDATURA, IN ACCORDO ALLE NORME: EN ISO 3834-2, EN ISO 3834-3, EN ISO 3834-4 1 27/04/2010 RQ LTM 1 di 5 INDICE 1. GENERALITA... 3 1.1 APPLICABILITÀ... 3 1.2 DIRITTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE MACCHINE. Direttiva 2006/42/CE All. IX e X SOMMARIO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE MACCHINE. Direttiva 2006/42/CE All. IX e X SOMMARIO Pag. 1 di 11 SOMMARIO 0 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 1 PROCESSO DI EROGAZIONE... 2 1.1 PREMESSA... 2 1.2 FORMULAZIONE OFFERTA... 2 1.3 PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA... 2 1.4 PROCESSO DI VALUTAZIONE

Dettagli

6. USO SCORRETTO DELLA CERTIFICAZIONE, DEL CERTIFICATO E DELLA MARCATURA CE

6. USO SCORRETTO DELLA CERTIFICAZIONE, DEL CERTIFICATO E DELLA MARCATURA CE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. PRINCIPI GENERALI E GARANZIE PER IL CLIENTE 3. REQUISITI DI ACCESSO PER LA CERTIFICAZIONE 4. REQUISITI DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE 5. SOSPENSIONE, REVOCA O RIDUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO SIA/CERSOI

REGOLAMENTO SIA/CERSOI REGOLAMENTO SIA/CERSOI per l Attestazione degli Studi Medici di Andrologia I N D I C E Articolo 1) - Oggetto Articolo 2) - Condizioni generali Articolo 3) - Attivazione iter certificativo, istruzione della

Dettagli

REGOLAMENTO. CERTIFICAZIONE PED Rev. n 05 04/05/15

REGOLAMENTO. CERTIFICAZIONE PED Rev. n 05 04/05/15 pag. 1 INDICE INDICE...1 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. REQUISITI DEL PROCESSO DI CERTIFICAZIONE...2 2.1 CONDIZIONI GENERALI...2 3. ITER DI CERTIFICAZIONE...3 3.1 DOMANDA DI CERTIFICAZIONE E OFFERTA/CONTRATTO...4

Dettagli

revisione data verifica approvazione Pagina 1 21/06/2012 LTM CSI 1 di 12

revisione data verifica approvazione Pagina 1 21/06/2012 LTM CSI 1 di 12 PROCEDURA GENERALE GP01 F-GAS ALII REGOLAMENTO PER LA CHE OPERA SU IMPIANTI FISSI DI PROTEZIONE ANTINCENDIO ED ESTINTORI, PER IL RECUPERO DI GAS FLUORURATI DA COMMUTATORI AD ALTA TENSIONE, PER IL RECUPERO

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei servizi di: - installazione, manutenzione o riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento

Dettagli

Tariffario di Accreditamento. Accreditation Price List

Tariffario di Accreditamento. Accreditation Price List Titolo/Title Tariffario di Accreditamento Accreditation Price List Sigla/Reference TA-00 Revisione/Revision 06 Data/Date 2013-11-27 Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA VERSIONE 1.3 DEL 22/11/2012

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA VERSIONE 1.3 DEL 22/11/2012 CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA VERSIONE 1.3 DEL 22/11/2012 Articolo 1 - Definizioni Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita, i seguenti termini avranno il significato di seguito ad essi attribuito:

Dettagli

Regolamento Generale per la certificazione di Sistemi di Gestione

Regolamento Generale per la certificazione di Sistemi di Gestione Regolamento Generale per la certificazione di Sistemi di Gestione In vigore dal 19/11/2015 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010 5351000 web site : www.rina.org Regolamenti

Dettagli