di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l."

Transcript

1 Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto il mondo. Tutti i servizi di certificazione accreditati UKAS ed erogati tramite il gruppo di CI, sono effettuati sotto la gestione e il controllo di CI (UK) e tutte le decisioni di certificazione sono stabilite da CI (UK). PREMESSO: che i Certificati ed il review tecnico necessario al conseguimento/mantenimento degli stessi appartengono a Certification International UK (Ltd), società interamente controllata da CI Ltd con Accreditamento UKAS; che le attività amministrative vengono svolte dalla sede Locale: Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.; di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE Il contratto di certificazione include i seguenti documenti: Richiesta d offerta QRD (IT)e relativi allegati differenziati per schemi di certificazione; Admin15(Gen) Offerta/Contratto di Certificazione Lettera accompagnamento offerta L022(Gen)( solo per prima certificazione) Condizioni Contrattuali L023(Gen) Admin32( solo per il settore di attività EA 28) Tale documentazione formalizza contrattualmente il rapporto tra ENTE/SEDE LOCALE e l Organizzazione e l applicabilità dei sopraelencati documenti contrattuali. Il contratto stipulato tra ENTE/SEDE LOCALE e l Organizzazione comprende: gli audit di certificazione: audit iniziali composto da due stage o rinnovo ed il rilascio del certificato; gli audit di sorveglianza; gli audit supplementari/follow up Se per qualsiasi motivo il contratto di certificazione non può essere accettato, l ENTE/SEDE LOCALE informa per iscritto il richiedente motivando le ragioni di tale rifiuto. DURATA DEL CONTRATTO Il contratto è stipulato per la durata di tre anni e sarà rinnovato attraverso l invio di un nuovo contratto inviato all Organizzazione circa 6 mesi prima della scadenza del certificato in corso di validità. Lo stesso consente a ciascuna delle parti di recedere da quest ultimo attraverso le modalità descritte nel punto 9 del presente documento contrattuale. IMPARZIALITÀ E CONFLITTO DI INTERESSI Mediante il perfezionamento degli accordi contrattuali l ENTE/SEDE LOCALE non si assume nessun obbligo circa l esito positivo della verifica di conformità, né in merito all emissione del certificato, se non l obbligo di basare le proprie decisioni su sufficienti evidenze oggettive. E esclusa dall oggetto del contratto ogni attività di consulenza come definito dal Regolamento per l accreditamento degli organismi di certificazione. L Organizzazione riconosce che un potenziale conflitto di interessi può determinare l impossibilità per l ENTE/SEDE LOCALE di erogare il proprio servizio. A tale fine si obbliga a comunicare all ENTE/SEDE LOCALE la ragione sociale della società di consulenza e il nominativo delle persone fisiche che svolgono direttamente l attività, ove applicabile. Durante le verifiche ispettive presso l Organizzazione il consulente dovrà rispettare rigorosamente i ruolo di Osservatore, non prendendo parte attiva all audit CONDIZIONI ECONOMICHE L Offerta-contratto di Certificazione è stata redatta sulla base di tutti i dati forniti dall Organizzazione mediante la compilazione della richiesta d offerta QRD (IT)e relativi allegati differenziati per schemi di certificazione. Nel caso in cui queste informazioni risultino non veritiere, l ENTE/SEDE LOCALE potrà decidere di ritenere nulla tale offerta-contratto o di riformulare, sulla base delle informazioni reali, gli importi dovuti dall Organizzazione. 1 DI 7

2 Nel caso in cui l Organizzazione non accetti la variazione dell importo richiesto dall ENTE/SEDE LOCALE a seguito del verificarsi di quanto previsto al precedente punto l ENTE/SEDE LOCALE potrà rifiutarsi di eseguire la prestazione del servizio richiesta e l Organizzazione rimarrà obbligata al pagamento di tutti i costi sostenuti dall ENTE/SEDE LOCALE fino a quel momento. L Organizzazione si impegna a segnalare, prima dell esecuzione dell Audit di Certificazione, qualsiasi variazione relativa ai dati riportati sulla Richiesta d Offerta (numero dipendenti, numero cantieri aperti, sedi e tipologia di attività), in quanto gli stessi potrebbero incidere sui tempi dell Audit e sulle sue modalità di pianificazione. FATTURAZIONE & MODALITA DI PAGAMENTO Tutti i servizi erogati dall ENTE/SEDE LOCALE vengono fatturati secondo gli importi e le descrizioni indicate nel contratto di certificazione. Gli importi indicati sono da considerarsi IVA esclusa. Una fattura o documento proforma sarà emessa prima di ogni verifica ispettiva con le seguenti descrizioni e modalità di pagamento: Stage 1: Istruzione pratica Stage 1* *ISTRUZIONE PRATICA *PRE-AUDIT (EVENTUALE) *AUDIT DI STAGE I contestuale alla firma dell offerta a presentazione di documento fiscale. Stage 2 : Stage 2 1 annualità* *AUDIT DI STAGE II (ED EVENTUALI ALTRE SPESE 2 ) 3 7gg prima della verifica a presentazione di documento fiscale. Sorveglianza 1: Mantenimento Certificazione 2 annualità* *AUDIT DI SORVEGLIANZA 1 (ED EVENTUALI ALTRE SPESE 2 ) 7gg prima della verifica a presentazione di documento fiscale. Sorveglianza 2: Mantenimento Certificazione 3 annualità* *AUDIT DI SORVEGLIANZA 2 (ED EVENTUALI ALTRE SPESE 2 ) 7gg prima della verifica a presentazione di documento fiscale. Re-Assessment: Mantenimento certificazione 1 annualità Re-Assessment* AUDIT DI RE-ASSESSMENT * SPESE RIEMISSIONE CERTIFICATO SPESE TRASFERTA (EVENTUALE) contestuale alla firma dell offerta a presentazione di documento fiscale. 2 Spese trasferta (eventuale) 2 Spese riemissione certificato (eventuale) 3 sono comprensive delle eventuali spese relative alla Verifica di Stage1 La fatturazione comprende i costi di effettuazione della verifica, emissione del certificato (1 annualità) e di tutte le attività amministrative connesse; inoltre in essa saranno inserite le spese di trasferta o di eventuale riemissione del certificato (vedi rif. Spese trasferta - Riemissioni). Il rilascio del certificato di conformità o l eventuale riemissione da parte dell ENTE/SEDE LOCALE è, comunque, subordinato all effettivo saldo delle fatture precedentemente emesse. SPESE TRASFERTA Le spese di trasferta (comprensive di vitto & alloggio valutatori) saranno calcolate in base ai seguenti criteri: Forfettarie per un importo a (da definirsi in sede di emissione offerta) 2 DI 7

3 Al Costo / KM Nulle RIEMISSIONI Qualora siano necessarie riemissioni del certificato: per variazione ragione sociale, sedi, scopo o smarrimento / danneggiamento il costo è quantificato in 100,00 + IVA per le sole spese amministrative e di spedizione del certificato. VERIFICHE SUPPLEMENTARI/FOLLOW UP L Organizzazione, nell'eventualità che i risultati della valutazione richiedano visite ispettive o altre attività di valutazione supplementari per la verifica dei trattamenti e delle azioni correttive o per verifiche di follow up, si dichiara sin da ora disponibile a che le medesime vengano effettuate onde consentire la corretta esecuzione del servizio. I costi delle verifiche supplementari/follow up verranno segnalati all azienda tramite l invio del modulo Admin 75 - EA 28/ Admin 75 Gen. SPECIAL AUDIT I casi previsti per la pianificazione di uno Special Audit, sono: richieste di estensione/modifiche della certificazione; cambiamenti sostanziali organizzativi/societari comunicati a ENTE/SEDE LOCALE; segnalazioni/reclami ricevuti da ENTE/SEDE LOCALE sull organizzazione o dall organizzazione stessa; altri casi motivati. Gli Special Audit sono decisi, pianificati e comunicati all organizzazione per iscritto. Le modalità di comunicazione degli Special Audit sono del tutto simili a quanto previsto per gli audit di certificazione/mantenimento. I costi degli Special Audit verranno segnalati all azienda tramite l invio del modulo Admin 75 - EA 28/ Admin 75 Gen. 1.SCOPO DELLA VALUTAZIONE 1.1 L ENTE/SEDE LOCALE ha accettato l incarico da parte dell Organizzazione di effettuare una valutazione del Sistema di Gestione dell Organizzazione (la Valutazione ) e, se il Sistema di Gestione dell Organizzazione è conforme alla Norma di riferimento, di concedere la certificazione (la Certificazione ) secondo le seguenti Condizioni contrattuali. 1.2 L ENTE/SEDE LOCALE effettuerà la valutazione controllando che l Organizzazione abbia un Sistema di Gestione in atto che sia conforme ai requisiti della norma richiesta ed effettuando le appropriate Verifiche Ispettive per valutare se il Sistema di Gestione dell Organizzazione stia realizzando un miglioramento continuo delle prestazioni (l Estensione della Verifica Ispettiva ). 1.3 La valutazione non andrà oltre l Estensione della Verifica Ispettiva ed in particolare (senza limitazioni) non riguarderà i seguenti punti: (a) Se l Organizzazione ha osservato tutte le relative prescrizioni legali (sebbene la valutazione possa includere controlli e campionamenti per assicurarsi che il Sistema di Gestione funzioni a tal riguardo); o (b) la conformità del prodotto o del servizio (sebbene la valutazione includerà controlli e campionamenti per assicurarsi che il Sistema di Gestione funzioni a tal riguardo). Pertanto, anche se viene concessa la Certificazione, l ENTE/SEDE LOCALE non avrà esaminato e non garantirà altro all infuori dell Estensione della Verifica Ispettiva (incluso quanto stabilito nel presente paragrafo 1.3) e l Organizzazione non riterrà che la Valutazione abbia coperto o che la Certificazione implichi altro all infuori dell Estensione della Verifica Ispettiva. 1.4 L Organizzazione riconosce che è Sua responsabilità definire i criteri in base ai quali un prodotto o un servizio viene progettato ed erogato in modo da soddisfare i requisiti indicati o attesi dai suoi clienti e sviluppare procedure per fare ciò. 1.5 L ENTE/SEDE LOCALE garantisce che la valutazione sarà valida nel momento in cui verrà effettuata. Ogni Certificazione concessa, salvo RECESSO anticipato ( RIF. PUNTO 9), sarà valida per tre anni, a condizione che l Organizzazione continui ad osservare i relativi requisiti quando l ENTE/SEDE LOCALE effettuerà le verifiche di Sorveglianza. Tre mesi prima della scadenza del certificato l ENTE/SEDE LOCALE effettuerà una verifica di Re Assessment per garantire, in caso di esito positivo dell Audit, la continuità del certificato. 2. VALUTAZIONE 2.1 Il preventivo relativo ad attività e tempistiche di ciascuna valutazione inviato all Organizzazione viene emesso tenendo conto dei contatti preliminari intercorsi tra l ENTE/SEDE LOCALE e l Organizzazione e delle informazioni fornite dall Organizzazione. Nel caso in cui l ENTE/SEDE LOCALE consideri inattuabile l adesione al programma concordato per la valutazione, L ENTE/SEDE LOCALE preparerà e sottoporrà all Organizzazione una nuova proposta da esaminare. Le giornate di verifica ispettiva sono determinate in base a quanto previsto dalle procedure dell ENTE/SEDE LOCALE in prescrizione alla tabella IAF pubblicata sul nostro sito Il campo di applicazione dell Organizzazione è soggetto a valutazione durante le verifiche ispettive e pertanto potrebbe subire variazioni rispetto a quello proposto nel Contratto di Certificazione. 3 DI 7

4 2.2 L ENTE di volta in volta assegnerà a Ispettori Esterni qualificati (gli incaricati), in aggiunta allo staff interno della SEDE LOCALE a tempo pieno, l incarico di effettuare valutazioni per conto dell ENTE. La SEDE LOCALE notificherà all Organizzazione i nomi degli incaricati e li considererà accettati, se non riceverà un obiezione scritta dall Organizzazione entro 5 giorni dalla notifica. 2.3 L ENTE/SEDE LOCALE non darà in subappalto gli obblighi e le responsabilità previsti da questo contratto senza il previo consenso dell Organizzazione. 2.4 Laddove l ENTE/SEDE LOCALE affidi lavori agli incaricati, come previsto dal punto 2.2, l ENTE/SEDE LOCALE resterà la principale responsabile per il lavoro svolto da qualsiasi incaricato e per la concessione della Certificazione successiva alla valutazione. 2.5 Normative applicabili per i servizi di valutazione: UNI EN ISO 9001 nell ultima versione disponibile; UNI EN ISO nell ultima versione disponibile; BS OHSAS nell ultima versione disponibile; UNI EN ISO nell ultima versione disponibile; UNI EN ISO nell ultima versione disponibile; UNI EN ISO nell ultima versione disponibile; Altri documenti di riferimento per l esecuzione dei servizi di valutazione dei Sistemi di Gestione: 3. VISITE UNI EN ISO nell ultima versione disponibile; UNI EN ISO nell ultima versione disponibile; documento ACCREDIA RT05 Prescrizioni per l accreditamento degli Organismi operanti la valutazione e certificazione dei sistemi di gestione per la qualità delle imprese di costruzione ed installazione di impianti e servizi (sett. EA 28), ultima versione applicabile documento ACCREDIA RG16 Regolamento per il riconoscimento di Organismi accreditati da altri Enti di accreditamento firmatari degli Accordi EA MLA, per il rilascio di certificazioni di conformità alla norma UNI EN ISO 9001 (Documento Accredia RT-05)., ultima versione applicabile. Guide IAF applicabili 3.1 Le Visite di Valutazione, di Sorveglianza e di rinnovo verranno concordate tra l ENTE/SEDE LOCALE e l Organizzazione tenendo conto del tipo di Visita e degli impegni pregressi dell Organizzazione e dell ENTE/SEDE LOCALE 4. OBBLIGHI DELL ORGANIZZAZIONE 4.1 (a) L Organizzazione assicurerà che vengano messi a disposizione degli ispettori i mezzi idonei, inclusi il telefono, internet, fax, gli strumenti per garantire una sicura conservazione dei dati confidenziali forniti e l assistenza segretariale laddove ritenuto necessario. (b) Qualora l Organismo di Accreditamento richieda di effettuare una verifica testimoniata in sito, l Organizzazione consentirà agli ispettori dell Organismo di Accreditamento di effettuare suddetta verifica. La mancata accettazione della verifica e del GVI predisposto, comporterà la mancata concessione della certificazione accreditata/riconosciuta o la sospensione o il ritiro della certificazione se già concessa. (c) L Organizzazione farà tutti i preparativi necessari per l effettuazione delle verifiche, inclusa la preparazione al controllo della documentazione e l accesso a tutti i processi e aree, le registrazioni e il personale per tutte le verifiche richieste e la risoluzione di eventuali reclami. 4.2 Senza pregiudicare il precedente paragrafo 1, l Organizzazione utilizzerà qualsiasi Certificazione concessa in conformità alle seguenti disposizioni: (a) il Certificato resterà di proprietà dell ENTE (b) il Certificato sarà valido dalla data di emissione fino al momento in cui la certificazione venga revocata all Organizzazione per qualsiasi ragione. (c) l uso improprio del Certificato in qualunque modo o l uso ingannevole della certificazione nelle pubblicazioni può condurre alla sospensione o alla revoca della certificazione. (d) è possibile fare copie del Certificato allo scopo di informare i clienti della certificazione dell Organizzazione. Ogni copia deve chiaramente riportare COPIA NON CONTROLLATA trasversalmente al testo del Certificato. 4 DI 7

5 (e) qualora l Organizzazione decida di porre termine alla sua certificazione con l ENTE/SEDE LOCALE, deve immediatamente informare l ENTE/SEDE LOCALE per iscritto e restituire il Certificato. L uso del Certificato e del Marchio e qualsiasi dichiarazione inerente alla certificazione deve terminare immediatamente. Inoltre l Organizzazione deve: (f) informare l ENTE/SEDE LOCALE di qualsiasi modifica minore o maggiore al Sistema di Gestione certificato, incluse modifiche dello status giuridico, commerciale, organizzativo o della proprietà / organizzazione e direzione (ad esempio il personale direttivo, decisionale o tecnico) / indirizzo e siti / scopo delle attività entro il sistema di gestione certificato / cambiamenti importanti al sistema di gestione e ai processi. (g) comunicare all ENTE/SEDE LOCALE qualsiasi reclamo formale dei clienti relativo al Sistema di Gestione e tenere registrazioni delle azioni correttive intraprese. (h) comunicare all ENTE/SEDE LOCALE qualsiasi violazione dei regolamenti notificati da Autorità specifiche o Enti di Approvazione concernenti il prodotto o l erogazione del servizio. La violazione del presente regolamento potrebbe condurre al ritiro del Certificato da parte dell ENTE/SEDE LOCALE L ENTE/SEDE LOCALE si riserva il diritto di modificare il presente regolamento, ma darà all Organizzazione opportuno avviso di tali modifiche. Inoltre l Organizzazione: (i) non userà la Sua Certificazione in modo tale da screditare l ENTE/SEDE LOCALE e non farà affermazioni riguardo alla Sua Certificazione che l ENTE/SEDE LOCALE possa ragionevolmente considerare fuorvianti o non autorizzate; (j) non utilizzerà la Sua Certificazione per indicare che qualsiasi prodotto o servizio sia approvato dall ENTE/SEDE LOCALE o da qualsiasi altro Organismo di Certificazione in qualsiasi altro modo se non per indicare che il suo Sistema di Gestione è conforme a norme stabilite o ad altri documenti normativi; (k) assicurerà che nessun documento di Certificazione, logo o verbale, o qualsiasi sua parte, sia utilizzata dall Organizzazione, dai suoi impiegati, agenti o incaricati in un modo fuorviante; e nel fare riferimento alla sua Certificazione attraverso i mezzi di comunicazione (ad es. documenti, brochure o materiale pubblicitario), si manterrà conforme ai ragionevoli requisiti dell ENTE/SEDE LOCALE 4.3 Se al rilascio della Certificazione o di un altra registrazione l ENTE/SEDE LOCALE consentirà all Organizzazione di utilizzare il Marchio che indica la Certificazione di un Sistema di Gestione, l Organizzazione potrà usare il Marchio solo in conformità alle disposizioni sotto elencate ed al regolamento fornito al rilascio della Certificazione. (a) il Marchio deve essere sempre utilizzato congiuntamente al nome dell Organizzazione. (b) il numero della norma del Sistema di Gestione ed il numero di Certificato della Valutazione deve essere sempre contiguo al Marchio (c) il Marchio può essere utilizzato soltanto nella corrispondenza e nel materiale pubblicitario e promozionale e solo in relazione ai servizi elencati nello Scopo della Valutazione. (d) il Marchio non può, in nessuna circostanza, essere utilizzato direttamente sui prodotti o strettamente associato ad essi. (e) l Organizzazione deve impegnarsi ad interrompere qualsiasi uso del Marchio che sia inaccettabile per l ENTE/SEDE LOCALE (f) alla cessazione della Certificazione per qualsiasi ragione, l Organizzazione si impegna ad interrompere l uso del Marchio immediatamente. (g) il diritto di utilizzare il Marchio non è trasferibile. (h) le dimensioni ed il colore del Marchio devono essere conformi alle disposizioni fornite dall ENTE/SEDE LOCALE al rilascio della Certificazione. 5. VERBALI L Ispettore della SEDE LOCALE rilascerà all Organizzazione un Verbale di Verifica Ispettiva. 6. RISERVATEZZA Né l Organizzazione né l ENTE/SEDE LOCALE durante o dopo la stipulazione del contratto dovrà divulgare o consentire che venga divulgata ad alcuno qualsiasi informazione confidenziale relativa agli affari o alle attività di entrambe le parti. Tale divieto non si applica alle informazioni confidenziali qualora: (a) al momento della divulgazione tali informazioni siano di pubblico dominio, (b) tali informazioni successivamente divengano di dominio pubblico per motivi diversi dalla violazione di tale obbligo, (c) la divulgazione venga richiesta per legge o nel corso di procedimenti legali oppure (d) prima di tale divulgazione tali informazioni fossero legalmente in possesso della parte a cui sono state rivelate come evidenziato da registrazioni scritte di tale parte o di suoi rappresentanti. L ENTE/SEDE LOCALE può rivelare i seguenti dati di dominio pubblico dell organizzazione relativi alla certificazione: nome dell organizzazione/ numero del certificato/ dati relativi alla validità del certificato /scopo della certificazione. L ENTE/SEDE LOCALE opera nella piena conformità ed applicazione del DLgs 30 giugno 2003, n. 196 circa il trattamento dei dati forniti dalla Vostra Organizzazione. 5 DI 7

6 7. DIVIETO DI PERSUASIONE Né l Organizzazione né l ENTE/SEDE LOCALE durante o un anno dopo la stipula del contratto indurrà o tenterà di indurre ad allontanarsi dall altra parte nessuna persona che nel corso della durata del contratto sia impiegata presso l altra parte. 8. LIMITI DI RESPONSABILITÀ 8.1 L ENTE/SEDE LOCALE garantisce che la sua stessa Organizzazione, i suoi impiegati, e gli incaricati svolgeranno la valutazione con l attenzione e la competenza che ci si può ragionevolmente aspettare da un Ispettore esperto nella conduzione di Verifiche Ispettive. Tutte le altre garanzie e condizioni, sia espresse che implicite, sono escluse fino al massimo grado consentito dalla legge. 8.2 Il paragrafo 1 di queste Condizioni Contrattuali enuncia lo Scopo della Valutazione e l Organizzazione riconosce che l ENTE/SEDE LOCALE non ha alcuna responsabilità per alcuna questione al di fuori della Estensione della Verifica Ispettiva o per alcuna questione, espressa in questi Condizioni Contrattuali di cui è responsabile l Organizzazione. 8.3 In caso di danno, la responsabilità complessiva dell ENTE/SEDE LOCALE nei confronti dell Organizzazione non supererà il totale di quanto pagato all ENTE/SEDE LOCALE dall Organizzazione in base al contratto. 8.4 L ENTE/SEDE LOCALE, i suoi dipendenti e gli incaricati in nessuna circostanza saranno responsabili nei confronti dell Organizzazione per qualsiasi perdita o profitto, contratto, avviamento o risparmio programmato, interruzione dell attività commerciale, perdita derivante da reclami di terze parti o per qualsiasi perdita speciale, indiretta o consequenziale. 8.5 L ENTE/SEDE LOCALE, i suoi dipendenti e gli incaricati non saranno responsabili di reclami, perdite o spese derivanti dal mancato adempimento da parte dell Organizzazione delle proprie responsabilità secondo questo Accordo. 9. RECESSO Ognuna delle parti può recedere dal contratto con le seguenti modalità: RECESSO DA PARTE dell ENTE/SEDE LOCALE: 9.1 L ENTE/SEDE LOCALE si riserva il diritto di porre termine alla certificazione in qualsiasi momento dandone entro tre mesi preavviso scritto all Organizzazione qualora si verifichi uno dei seguenti casi: (a) se l Organizzazione commette una violazione di queste Condizioni Contrattuali ed omette di porvi rimedio entro trenta giorni dalla richiesta scritta dell ENTE/SEDE LOCALE, (b) se l Organizzazione entra in liquidazione obbligatoria o volontaria (se non per scopo di fusione o ricostituzione) o compone una transazione con i suoi creditori o ha un curatore/liquidatore nominato per una parte o tutti i suoi beni o ha intrapreso o subisce un azione del genere in conseguenza di debiti o, in caso di una società o ditta individuale, se l Organizzazione o uno dei membri dell azienda diventa insolvente o si accorda con i suoi creditori o intraprende o subisce un azione simile in conseguenza di debiti. 9.2 L ENTE/SEDE LOCALE si riserva il diritto di porre immediatamente termine alla certificazione se l Organizzazione è colpevole di una condotta che a giudizio dell ENTE/SEDE LOCALE sia pregiudizievole per gli interessi dell ENTE/SEDE LOCALE o che possa minare o screditare la certificazione dell Organizzazione. Laddove l Organizzazione non richieda per iscritto che parte o tutti i servizi di verifica siano condotti entro un periodo di un anno dalla data di accettazione di un offerta, tale accordo verrà ritenuto sciolto volontariamente dall Organizzazione. RECESSO DA PARTE DELL ORGANIZZAZIONE: 9.3 Qualora l Organizzazione voglia terminare la sua certificazione, deve darne comunicazione scritta all ENTE/SEDE LOCALE: In fase di rinnovo: Quattro mesi prima della scadenza del certificato a mezzo lettera raccomandata A/R comprensiva dei certificati originali in doppia lingua; Durante il periodo di validità dello stesso: Due mesi prima della data di pianificazione della verifica ispettiva debitamente segnalata tramite il modulo Admin 75 - EA 28/ Admin 75 Gen, a mezzo lettera raccomandata A/R, comprensiva dei certificati originali in doppia lingua. In caso di mancato rispetto dei tempi sopra descritti l ENTE/SEDE LOCALE si riserva il diritto di addebitare il 50% della tariffa annuale come risarcimento spese, anche se non è stato ancora fornito nessun servizio. 10. MODIFICA O RINVIO DI UN AUDIT DA PARTE DELL ORGANIZZAZIONE Qualora il Cliente richieda la modifica o il rinvio di una Verifica concordata, l Organizzazione deve darne comunicazione scritta all ENTE/SEDE LOCALE con un anticipo minimo di 5 giorni lavorativi rispetto alla data di verifica pianificata/concordata. La mancata effettuazione delle verifiche nei tempi dovuti (per lo stage 2: non oltre 6 mesi dalla data di verifica dello stage 1 ;per la prima sorveglianza dopo lo stage 2: non può essere previsto rinvio rispetto al mese pianificato; sorveglianza successive : non oltre 3 mesi dalla prima data di pianificazione,; per il rinnovo: non oltre 1 mese e 45 gg dalla prima data di pianificazione) comporterà la sospensione o il ritiro della certificazione. L ENTE/SEDE LOCALE si riserva il diritto di addebitare il 50% della tariffa annuale come risarcimento spese, anche se non è stato fornito nessun servizio. 6 DI 7

7 11. PROPRIETÀ DELLA CERTIFICAZIONE Il certificato ed il diritto di usare il Marchio resterà di proprietà dell ENTE, e non potrà essere venduto, dato in prestito, dato in concessione o utilizzato come proprietà dell Organizzazione e dovranno essere restituiti in caso di recesso. Per le modalità vedi punto FORZA MAGGIORE L impossibilità di entrambe le parti di adempiere agli obblighi previsti da questo accordo non renderà tale parte in alcun modo responsabile nei confronti dell altra parte se tale impossibilità è dovuta a causa di forza maggiore, incendio, alluvione, siccità, guerra, sommossa, sabotaggio, embargo, sciopero o altre agitazioni sindacali, interruzioni dovute a ritardi nei trasporti, conformità legale con qualsiasi ordine, regolamento o richiesta di amministrazione competente per giurisdizione o di qualsiasi ufficiale, dipartimento, agenzia o commissione, o da ogni altro evento o circostanza di carattere simile o differente rispetto a quanto esposto prima al di fuori del ragionevole controllo della parte inadempiente. 13. LEGISLAZIONE APPLICABILE I presenti Termini e Condizioni saranno regolati e interpretati in conformità alle leggi italiane, e, in caso di necessità, il foro competente sarà quello di Napoli. 14. VARIE 14.1 L incapacità dell ENTE/SEDE LOCALE di insistere sul rigoroso rispetto di qualsiasi articolo non sarà considerata una rinuncia a tale articolo o ad altri articoli L invalidità o l impossibilità di esecuzione di qualsiasi articolo del presente regolamento non influirà sulla validità o sulla possibilità di esecuzione di qualsiasi altro articolo I presenti Termini e Condizioni non possono essere modificati se non con un accordo scritto firmato tra l ENTE/SEDE LOCALE e l Organizzazione Qualora non dovesse essere soddisfatta dei servizi erogati, l Organizzazione deve inviare immediatamente un reclamo scritto all Amministratore della SEDE LOCALE in modo che possa essere preso il provvedimento adatto. Tali reclami non influiranno su nessuno dei presenti Termini e condizioni. TIMBRO E FIRMA LEGALE RAPPRESENTANTE: DATA: / / NOME E COGNOME: Allegare alla presente copia documento di riconoscimento del legale rappresentante 7 DI 7

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA NUTRIAD ITALIA S.R.L. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA INTERO CONTRATTO Le presenti Condizioni Generali di vendita ed i termini e le obbligazioni in esse contenute sono le uniche e sole obbligazioni vincolanti

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE (MSC)

REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE (MSC) REGOLAMENTO GENERALE PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE (MSC) 1 OGGETTO... 1 2 INDIRIZZI POLITICI... 2 3 GENERALITÀ... 2 4 SCHEMA DI CERTIFICAZIONE... 3 4.1 Richiesta di certificazione...

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l.

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. General Terms and Conditions of Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. Articolo I: Disposizioni Generali 1. I rapporti legali tra il Fornitore

Dettagli

Termini e condizioni generali di acquisto

Termini e condizioni generali di acquisto TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CONDIZIONI DEL CONTRATTO L ordine di acquisto o il contratto, insieme con questi Termini e Condizioni Generali ( TCG ) e gli eventuali documenti allegati e

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade 15 it Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa Valida dal: 16/01/2015 Distribuzione: pubblica Indice 1 Scopo... 4 2 Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO Tra Agritel S.r.l. con sede in Via XXIV maggio 43 00187 Roma, Registro Imprese di Roma n. 05622491008, REA di Roma n. 908522 e Cognome Nome: (Rappresentante legale nel

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DEI MARCHI DI CONFORMITÀ DI SISTEMI DI GESTIONE

REGOLAMENTO GENERALE DEI MARCHI DI CONFORMITÀ DI SISTEMI DI GESTIONE REGOLAMENTO GENERALE DEI MARCHI DI CONFORMITÀ DI SISTEMI DI GESTIONE 1 Regolamento generale dei Marchi di Conformità di Sistemi di Gestione AENOR (Associazione Spagnola di Normazione e Certificazione),

Dettagli

Richiesta di eccezione al trasferimento di licenza

Richiesta di eccezione al trasferimento di licenza Autodesk Inc. United States 111 McInnis Parkway San Rafael CA 94903 www.autodesk.com Richiesta di eccezione al trasferimento di licenza Le licenze del software Autodesk sono in genere non trasferibili,

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti a marchio Church s conclusa a distanza attraverso il sito web www.churchfootwear.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN Le presenti condizioni generali hanno lo scopo di disciplinare l utilizzo dei Marchi di proprietà della società: Gefran S.p.A. con sede in

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme

Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI. Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme Tavola VI NORME UNIFORMI RELATIVE AGLI INCASSI A. DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONI Articolo 1 - Ambito di applicazione delle norme a) Le norme uniformi relative agli incassi, revisione 1995, pubbl.

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

Regolamento per l utilizzo del marchio ACCREDIA. Regulation for the use of the ACCREDIA Mark

Regolamento per l utilizzo del marchio ACCREDIA. Regulation for the use of the ACCREDIA Mark Titolo/Title Regolamento per l utilizzo del marchio ACCREDIA Regulation for the use of the ACCREDIA Mark Sigla/Reference RG-09 Revisione/Revision 05 Data/Date 2014-12-04 Redazione Approvazione Autorizzazione

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO 1. FONTI LEGISLATIVE La vendita di pacchetti turistici, che abbiano ad oggetto servizi da fornire in territorio sia nazionale che estero, è disciplinata dal D.Lgs. 23/05/2011,

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI TERMINI E CONDIZIONI GENERALI Leggere attentamente Termini e Condizioni prima di noleggiare una vettura con Atlaschoice. I Termini si applicano a qualsiasi prenotazione effettuata con Atlaschoice tramite

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli