L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti"

Transcript

1 L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti

2 L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione multidisciplinare (descrizione, esame e giudizio) delle conseguenze assistenziali, economiche, sociali ed etiche provocate in modo diretto e indiretto, nel breve e nel lungo periodo, dalle tecnologie sanitarie esistenti e da quelle di nuova introduzione. Carta di Trento sulla Valutazione delle Tecnologie Sanitarie, 2007 EVIDENZE Sicurezza Efficacia Costo-efficacia Impatto organizzativo, sociale, etico MACRO Immissione in commercio Rimborso Inserimento prestazioni LEA MESO (OSPEDALE) Adozione/Acquisto MICRO Pratica clinica Tradizionalmente, essa rappresenta il ponte tra il mondo tecnicoscientifico e quello dei decisori

3 E ancora. Un approccio multidisciplinare di valutazione a supporto delle decisioni politiche nei sistemi sanitari (Renaldo N. Battista 1994) L HTA è un nuovo campo di ricerca con un particolare orientamento politico Il cui contenuto e il processo sono interdisciplinari che ricerca la sintesi di tutte le informazioni disponibili con una particolare enfasi sugli aspetti legati alla diffusione e alla comunicazione dei risultati Uno strumento a supporto delle decisioni di delle decisioni manageriali per : promuovere l efficacia e l efficienza delle prestazioni erogate; ridurre la variabilità dell assistenza all interno delle strutture di erogazione; promuovere lo sviluppo organizzativo (processi, tecnologie, infrastrutture)

4 I processi di introduzione delle tecnologie sanitarie La governance del sistema tecnologie disponibili quesiti decisione informata e responsabile PARTI INTERESSATE valutazione di impatto tecnologie nei processi assistenziali risposte

5 L HTA e le dimensioni della valutazione I domini della valutazione:

6 Il metodo dell HTA Gestione istituzionale (MESO) Linee-guida (MICRO) Produzione delle evidenze Sintesi delle informazioni Valutazione della qualità dei RN Battista et al., 199 servizi Banche dati Politica sanitaria (MACRO) PROCESSO HTA Fattori sociali ed etici

7 Il valore dell HTA Alan Porter, 1995 Dalla valutazione alla valutazione per la gestione Renaldo Battista, 2006 Many challenges await the further development of HTA. They can be captured around three research themes: adapting HTA to an evolving analysis object; translating HTA results into policy, management, and practice decisions; and evaluating organizational models of HTA

8 Gli utilizzi dell HTA L HTA storicamente nasce per valutare l innovazione tecnologica in ingresso ed ora anche in uscita dalla pratica clinica Una sempre maggiore tendenza ad anticipare il momento della valutazione per meglio governare l introduzione dell innovazione nelle organizzazioni sanitarie Un nuovo sviluppo nell era dell HTA può essere rappresentato nel disegnare l organizzazione in relazione alle tecnologie che dovrà contenere e valorizzare.. HTA HTA e disinvestiment La strategia tecnologica ovvero progettare e pianificare l innovazione tecnologica nelle aziende sanitarie prima ancora che le tecnologie siano pienamente disponibili

9 Livelli decisionali Macro (politica sanitaria) Progettazione ed organizzazione dei servizi Copertura / rimborso Regolazione Meso (gestione istituzionale) Acquisizione Monitoraggio dell utilizzo Micro (pratica clinica) Linee-guida Verifica e assicurazione della qualità

10 International Network of Agencies of Healht Technology Assessment Gli Ospedali UVT - HTA Unit in A. Gemelli Teaching Hospital CEDIT - Comité d Evaluation et de Diffusion des Innovations Technologiques

11 Caratteristiche dell HTA a livello ospedaliero Supporta i processi gestionali interni Supporta l adozione di tecnologie appropriate in una logica di specifico contesto organizzativo in termini di strutture formali, skills professionali e manageriali la tecnologia ha un impatto diretto sull organizzazione Da ambito politico «di sistema» ad ambito «manageriale»

12 Hospital Based HTA International Experience Creation HTAi Montreal 1 survey: 33 surveys collected HTAi Dublin 2 survey: 14 surveys collected HTAi Rio De Janeiro Strategic Plan

13

14 E poi la progressiva espansione. AETMIS TAU McGill University Hospital onsorzio degli spedali niversitari di ontreal Danimarc a AETMIS Italia Istrael e Istrael e

15 Il Canada e il buon esempio The use of hospital-based health technology assessment (HTA) is growing in Canada. The ministries of health in three of Canada s 13 provinces and territories have created and invested considerably in HTA initiatives designed to meet their specific needs. In Quebec, hospital-based HTA is wellestablished within the network of five university hospital centres, and is now expanding at other university institutes and affiliated university centers. Cardiac and rehabilitation centers in Montreal and Quebec are establishing HTA units.

16 E in Italia?...24 agosto 2005

17 Hospital Based HTA in Italy Il Network Italiano di HTA Progetto di Ricerca ex art. 12bis D.lgsn. 229/99 -Esercizio 2003 Obiettivo Generale la diffusione dei principi e delle metodologie del Health Tecnhnology Assessmentper la gestione delle tecnologie biomediche nelle organizzazioni sanitarie nel Servizio sanitario nazionale; Obiettivi Specifici la progettazione di un modello organizzativo per la gestione strategica e la valutazione delle tecnologie nelle strutture di erogazione di servizi sanitari; lo sviluppo di protocolli operativi e metodologie di lavoro condivise per la gestione e la valutazione delle tecnologie sanitarie; la sperimentazione congiunta da parte delle strutture riunite nel network del modello organizzativo progettato.

18 Hospital Based HTA Model in Italy in 2003: How they differ?

19 E oggi?

20 Indagine sullo stato di diffusione dell Health Technology Assessment in Italia nelle strutture del Servizio Sanitario Nazionale Obiettivo valutare il livello di sviluppo dell HTA nelle strutture del Servizio Sanitario Nazionale italiano attraverso al somministrazionediun questionario compilabile elettronicamente Ipotesi Lo strumento di indagine è efficace per la valutazionedellostatodi di diffusionedell HealthTechnology Assessment

21 Selezione delle strutture sanitarie: Sottomissione della survay a 723 strutture sanitarie dell SSN 145 ASL 61 aziende ospedaliere 28 Policlinici universitari 60 IRCCS 18 Istituto qualificato presidio della USL 382 ospedali a gestione diretta 29 ospedali classificati Ridimensionamento del campione L analisi dei dati ha mostrato che le attività di sanitarie con le seguenti caratteristiche : 21 Alto livello di complessità clinica Dotazione tecnologica più ampia Maggiore autonomia di pianificazione e HTA sono presenti principalmente in strutture processo di budgeting l elaborazione dei risultati finali si è basta su un campione di 294 strutture

22 Risultati 59% North Respondents: 47.9% 14% Centre In Italy, the HTA activities are carried out by. 10% Islands 17% South 53% 47% NO YES 22

23 Risultati Tipologia di strutture responders 100,0% 90,0% 80,0% 70,0% 60,0% 50,0% 40,0% 30,0% 20,0% 10,0% 0,0% 41,4% 60,7% 60,7% 45,0% Profilo organizzativo dei respondents Research Institutions Teaching Hospital Middle-sized Hospitals Local Health Units HTA Unit Mini-HTA Internal Commitee Mixed-model (Mini-HTA+Internal Committe) Mixed-model (Mini-HTA+Internal Committe+HTA Unit) Other 0% 20% 40% 60% 80% 100% 23

24 L analisi dei dati ha mostrato che: il 47% delle strutture responders effettua attività di attività di HTA esclusivamente come supporto al Decision Making, il 45 % sia per orientare la gestione della pratica clinica quotidiana sia per orientare il Decision Making ONLY BOTH MISSION Supporting Decision Making process Health care Units 36% Informing clinical practice 52% Supporting Decision Making process and Informing clinical 67% practice Other 42% TYPE OF RESPONDENTS Middle-sized Hospitals Teaching Hospital Research Intitutions 0% 56% 8% 4% 44% 0% 0% 27% 7% 5% 42% 11% Supporting Decision Making process Informing clinical practice 6% Both Other 45% 47% 24 2%

25 Le figure professionali maggiormente coinvolte sono: Clinici(rappresentano la figura Ingegneri biomedici Specialisti di sanità pubblica Farmacisti professionale predminante) La maggior parte dei professionisti coinvolti in attività di HTA non hauncontrattodilavorofulltimetime Solo in due policlinci Universitari l HTA è affidato a professionisti strutturati 25

26 Dimensioni valutate per tipologia di tecnologia Drugs Organizational procedures Communication technology Clinical procedures Medical Devices Aspetti economici Biomedical equipment 0% 20% 40% 60% 80% 100% Drugs Organizational procedures Communication technology Efficacia Clinical procedures Medical Devices Biomedical equipment 0% 20% 40% 60% 80% 100% 26

27 Dimensioni valutate per tipologia di tecnologia Drugs Organizational procedures Communication technology Clinical procedures Sicurezza Medical Devices Biomedical equipment 0% 20% 40% 60% 80% 100% Aspetti organizzativi Drugs Organizational procedures Drugs Organizational procedures Communication technology Clinical procedures Medical Devices Biomedical equipment Communication technology Clinical procedures Medical Devices Biomedical equipment 0% 20% 40% 60% 80% 100% 0% 20% 40% 60% 80% 100% Uso corrente della tecnologia 27

28 Alcune incongruenze Esempio per i MD 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Efficacia (41,8%) 25% 20% 20% Mortalità Morbidità Valutazione della qualità della vita Probabile sovrastima delle risposte riguardanti le dimensioni analizzate: Bassa coerenza con le risposte sugli indicatori di ciascuna dimensione (domande di controllo) 35% 34% 33% 32% 31% 30% 29% 28% 27% 34% Comparazione con altre tecnologie Sicurezza (45,4%) 31% 30% Potenziali danni a Rapporto tra i carico dei pazienti o benefici e i potenziali degli altri operatori rischi derivanti dalla tecnologia

29 Criteri di prioritizzazione criteri più utilizzati ono: l uso corrente della tecnologia La rilevanza clinica Gli aspetti organizzativi Gli aspetti economici No-one criteria Political concern Public health concern Stategic relevance Current use of technology Clinical relevance Economic concern 2,1% 30,9% 21,3% 73,4% 84,0% 79,8% 74,5% 0,0% 20,0% 40,0% 60,0% 80,0% 100,0%

30 HTA output prodotti (2011 and primo semetre 2012) Other Equipement investment plan Assessment report Quick report Pre-assessment quick reports (media di reports prodotti da 54 strutture) clinical practice guidelines 12 (media) documenti prodotti da 35 strutture assessment report 10,5 (media) documenti prodotti da 35 strutture Clinical practice guidelines Number of organization producing outputs Mean Gli utilizzatori finali dei prodotti sono principalmente i direttori sanitari 30

31 Considerazioni finali Il 47,9% delle organizzazioni sanitarie ha dichiarato di effettuare attività di HTA, anche se è ipotizzabile, considerata la variabilità delle risposte specifiche, che ci sia una variabilità nella interpretazione del «processo di HTA»; Pertanto non si delinea dai primi risultati della survay un modello unico, atto a standardizzare il processo di valutazione delle tecnologie ll quadro che emerge sottolinea la necessità ancora più forte di chiarire e armonizzare le pratiche di HTA

32 Discussioni e conclusioni Limitsofasurvey These final results could be biased by the survey selection criteria of institutions enrolled in the The face-to-face interviews could be useful to examine some questions Further studies could be convenient in order to analyze and standardize HTA methods applied in Health care Organizations It should be necessary to clarify and harmonize the HTA procedures 32

33 Considerazioni finali Appare necessario implementare la cultura sull HTA e definire delle strategie istituzionali per supportarne lo sviluppo e ridurre il gap tra scienza e le decisioni. its roots are in science, its foliage is in policy-making Decision Knowledge the bridge between evidence and policy making (Battista & Hodge, 1999) Italy,

34 Grazie per l attenzione

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

Health Technology Assessment

Health Technology Assessment Health Technology Assessment Strumento strategico per la valutazione delle Tecnologie Sanitarie 1 Tecnologia e Sanita Lo sviluppo di spazi e strutture a supporto dei percorsi assistenziali deve tenere

Dettagli

ALLEGATO N. 1 LINEE ATTUATIVE E METODOLOGICHE DELLA RETE REGIONALE HTA

ALLEGATO N. 1 LINEE ATTUATIVE E METODOLOGICHE DELLA RETE REGIONALE HTA ALLEGATO N. 1 LINEE ATTUATIVE E METODOLOGICHE DELLA RETE REGIONALE HTA 1. Definizione di Health Technology Assessment (HTA). L HTA si basa su attività scientifiche multidisciplinari rivolte alla continua

Dettagli

Il ruolo dell Health Technology Assessment (HTA) nell allocazione delle risorse

Il ruolo dell Health Technology Assessment (HTA) nell allocazione delle risorse AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 23 - Gesundheitswesen Amt 23.0.2 Operative Einheit Clinical Governance (Akkreditierung, Qualität, Risk Management und HTA) PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO

Dettagli

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE Standard Generali di Qualità per l Assistenza Ospedaliera Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 Bologna, settembre 2015 febbraio 2016 MANAGEMENT & policy making Il Patto

Dettagli

TECNOLOGIE SANITARIE

TECNOLOGIE SANITARIE Corso di aggiornamento in cardiologia nucleare ULSS n.6 Vicenza, 18 settembre 2004 Technology assessment: aspetti metodologici Paolo Spolaore Regione Veneto Definizioni TECNOLOGIE SANITARIE Dispositivi

Dettagli

L Ingegnere Clinico nella Sanità Italiana. Lorenzo Leogrande Presidente AIIC

L Ingegnere Clinico nella Sanità Italiana. Lorenzo Leogrande Presidente AIIC L Ingegnere Clinico nella Sanità Italiana Lorenzo Leogrande Presidente AIIC 1 L AIIC ASSOCIAZIONE ITALIANA INGEGNERI CLINICI Fondata nel 1993 MISSION: Promuovere l'ingegnere Clinico e l'ingegneria Clinica

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale Arezzo, Centro Affari e Convegni 28 novembre 1 dicembre 2007 II FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale C. Favaretti Presidente SIHTA Direttore Generale

Dettagli

Hta e Patient Safety: Il ruolo dell Ingegneria Clinica

Hta e Patient Safety: Il ruolo dell Ingegneria Clinica Hta e Patient Safety: Il ruolo dell Ingegneria Clinica Lorenzo Leogrande Unità di valutazione delle tecnologie Policlinico A.Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore ROMA, 11-13 marzo 2010 Agenda L

Dettagli

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Documento elaborato dall Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari Nell ambito

Dettagli

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance Bologna, 27 novembre 2009 GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM Nino Cartabellotta GIMBEducation 1. Obiettivi

Dettagli

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE Corso residenziale di aggiornamento a cura del Laboratorio HTA della SIFO HTA PER LA VALUTAZIONE DEI FARMACI Codice 313-122539 Verona, c/o Centro Culturale Marani 8 maggio 2015 Con il patrocinio di Sihta

Dettagli

Health Technology Assessment

Health Technology Assessment Health Technology Assessment Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie F. Dori M. Monti U.O. Tecnologie Sanitarie AOU Careggi Scenario Al fine di supportare ed agevolare scelte informate da parte

Dettagli

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE Sviluppare competenze manageriali innovative per il mondo della Sanità Health Care Management School Il Sistema Sanitario rappresenta uno dei settori

Dettagli

HTA e screening. Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia

HTA e screening. Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia HTA e screening Paolo Giorgi Rossi AUSL Reggio Emilia L Aquila 20 Giugno 2012 Perchè? Obiettivi di un Sistema Sanitario Dare una risposta alle aspettative dei cittadini fornendo servizi di altà qualità

Dettagli

Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO

Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO in collaborazione con ALTEMS Alta Scuola di Economia e Management Sanitario INTRODUZIONE ALL HTA. COME FARNE UNO STRUMENTO OPERATIVO: DALL

Dettagli

Making clinical governance work. Il Governo Clinico nelle Aziende Sanitarie il Position Statement GIMBE. 1. Definizione

Making clinical governance work. Il Governo Clinico nelle Aziende Sanitarie il Position Statement GIMBE. 1. Definizione Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 il Nino Cartabellotta 3. Strumentiti

Dettagli

VALUTAZIONE DEI DISPOSITIVI MEDICI INNOVATIVI : QUALI MODELLI DI APPLICAZIONE DELL'HOSPITAL BASED-HTA IN FRANCIA?

VALUTAZIONE DEI DISPOSITIVI MEDICI INNOVATIVI : QUALI MODELLI DI APPLICAZIONE DELL'HOSPITAL BASED-HTA IN FRANCIA? 1 VALUTAZIONE DEI DISPOSITIVI MEDICI INNOVATIVI : QUALI MODELLI DI APPLICAZIONE DELL'HOSPITAL BASED-HTA IN FRANCIA? Nicolas Martelli Pharmacien - Assistant hospitalo-universitaire Pharmacie - Hôpital Européen

Dettagli

GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM

GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance Bologna, 7 novembre 009 GIMBEducation GIMBEducation 010 Il Piano formativo a misura di ECM. Aree didattiche Nino Cartabellotta

Dettagli

sponsor unico econilpatrociniodi Comune di Pesaro Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord

sponsor unico econilpatrociniodi Comune di Pesaro Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord sponsor unico econilpatrociniodi Comune di Pesaro Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord PREMESSA Il quadro economico, sociale e demografico attuale è caratterizzato in maniera oramai strutturale

Dettagli

Cosa cambia con la Direttiva 24/2011 del Parlamento Europeo. Silvio Brusaferro

Cosa cambia con la Direttiva 24/2011 del Parlamento Europeo. Silvio Brusaferro Cosa cambia con la Direttiva 24/2011 del Parlamento Europeo Silvio Brusaferro L intervento L evoluzione del contesto europeo La direttiva 24/2011/UE Le reti di riferimento Prospettive L intervento L evoluzione

Dettagli

HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT (prima parte)

HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT (prima parte) Parole chiave HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT (prima parte) Principi e metodi L innovazione tecnologica ha portato la Sanità a notevoli passi avanti durante gli ultimi 30 anni: l avanzare delle biotecnologie,

Dettagli

Master Universitario di II Livello in

Master Universitario di II Livello in Master Universitario di II Livello in Health Technology Assessment & Management (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Anno Accademico 2009-2010 Master Universitario di II Livello 1 Presentazione

Dettagli

BANDO PER L ISCRIZIONE ALLA SUMMER SCHOOL PER LEADER CIVICI SULL HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT (HTA)

BANDO PER L ISCRIZIONE ALLA SUMMER SCHOOL PER LEADER CIVICI SULL HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT (HTA) BANDO PER L ISCRIZIONE ALLA SUMMER SCHOOL PER LEADER CIVICI SULL HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT (HTA) Premessa L Health Tecnology Assessment è la complessiva e sistematica valutazione multidisciplinare (descrizione,

Dettagli

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina.

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. IL PRESIDENTE GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. GIMBE Education nasce dalla consapevolezza

Dettagli

Fondazione Pinna Pintor sabato 17 novembre 2007

Fondazione Pinna Pintor sabato 17 novembre 2007 Fondazione Pinna Pintor sabato 17 novembre 2007 L errore medico Alla ricerca delle procedure di provata efficacia per prevenirlo Dr.ssa Grace Rabacchi Agenzia Regionale per i Servizi Sanitari (A.Re.S.S.)

Dettagli

Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it)

Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Market Access, HTA e valutazione economica dei farmaci (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Agenda Il concetto di market access ed i suoi quattro elementi base Il ruolo dell Health Technology Assessmemt

Dettagli

HTA e HS COME STRUMENTI DECISIONALI PER L'APPROPRIATEZZA D'IMPIEGO DEI FARMACI

HTA e HS COME STRUMENTI DECISIONALI PER L'APPROPRIATEZZA D'IMPIEGO DEI FARMACI HTA e HS COME STRUMENTI DECISIONALI PER L'APPROPRIATEZZA D'IMPIEGO DEI FARMACI Il PSR Campania 2011-2013: L'HTA e l'organizzazione farmaceutica regionale Bruno Zamparelli IL PIANO SANITARIO NAZIONALE

Dettagli

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina.

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. Il PReSiDenTe GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. GIMBE Education nasce dalla consapevolezza

Dettagli

SCIENZA, RICERCA e SANITA' Innovazione fa sempre rima con sostenibilità?

SCIENZA, RICERCA e SANITA' Innovazione fa sempre rima con sostenibilità? 10 a Conferenza Nazionale GIMBE Aumentare il value e ridurre gli sprechi in sanità Bologna, 27 marzo 2015 SCIENZA, RICERCA e SANITA' Innovazione fa sempre rima con sostenibilità? Gianpiero Fasola Direttore

Dettagli

Cittadini e salute La soddisfazione degli italiani in sanità

Cittadini e salute La soddisfazione degli italiani in sanità Cittadini e salute La soddisfazione degli italiani in sanità La soddisfazione degli utenti come strumento di valutazione di performance Roma, 14 dicembre 2010 Giovanni Caracci Agenas - Agenzia nazionale

Dettagli

QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015

QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015 QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015 ANALISI STATISTICA DEI DATI Campione di n 387 operatori ASL Cagliari Fermo restando che ad ogni Struttura aziendale che ha partecipato con i

Dettagli

Principi di base dell HTA: una overview metodologica Marzia Bonfanti

Principi di base dell HTA: una overview metodologica Marzia Bonfanti WORKSHOP: "Implementazione di un modello regionale di HB-HTA: istruzioni per l'uso " Principi di base dell HTA: una overview metodologica Marzia Bonfanti Agenda Valutazioni economico sanitarie e limiti

Dettagli

Audizione dell Associazione Italiana Ingegneri Clinici. Commissione 12 Igiene e Sanità. 8 luglio 2014, Roma

Audizione dell Associazione Italiana Ingegneri Clinici. Commissione 12 Igiene e Sanità. 8 luglio 2014, Roma Audizione dell Associazione Italiana Ingegneri Clinici Commissione 12 Igiene e Sanità 8 luglio 2014, Roma Oggetto: Esame del Disegno di legge n 1324 Deleghe al Governo in materia di sperimentazione clinica

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

LA SETTIMANA DEL GOIRC: Lo studio clinico e le figure professionali Negrar, 29 Aprile 2014

LA SETTIMANA DEL GOIRC: Lo studio clinico e le figure professionali Negrar, 29 Aprile 2014 LA SETTIMANA DEL GOIRC: Lo studio clinico e le figure professionali Negrar, 29 Aprile 2014 Il ruolo del Clinical Research Coordinator Data manager nella fase di conduzione dello studio clinico Maurizio

Dettagli

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI

Dettagli

BS OHSAS 18001:2007 in ambito sanitario: l esperienza presso gli Istituti Clinici Zucchi

BS OHSAS 18001:2007 in ambito sanitario: l esperienza presso gli Istituti Clinici Zucchi BS OHSAS 18001:2007 in ambito sanitario: l esperienza presso gli Istituti Clinici Zucchi 17/07/2012 1 Dott.ssa Francesca Leonardi RSPP-RSGSSL Istituti Clinici Zucchi. ORGANISMO AZIENDA SANITARIA : COGENZA

Dettagli

Priorità di Governo Clinico

Priorità di Governo Clinico Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 Survey Priorità di Governo Clinico

Dettagli

RICERCA E INNOVAZIONE 6

RICERCA E INNOVAZIONE 6 RICERCA E INNOVAZIONE 6 247 248 6.1 CREAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA PER RICERCA E INNOVAZIONE Sviluppo della infrastruttura locale Obiettivi: sviluppare la capacità di produrre ricerca e sviluppo e gestire

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome ANTONINO CARTABELLOTTA Nazionalità Italiana Data di nascita 1965

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome ANTONINO CARTABELLOTTA Nazionalità Italiana Data di nascita 1965 F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ANTONINO CARTABELLOTTA Nazionalità Italiana Data di nascita 1965 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Nome e indirizzo del datore di lavoro

Dettagli

Governance assistenziale

Governance assistenziale Governance assistenziale Dr.ssa Barbara Mangiacavalli Una premessa La crescita esponenziale del volume e della complessità della conoscenza biomedica che ha reso sempre più difficile l aggiornamento professionale

Dettagli

Da HTA a Hospital-Based HTA: un evoluzione sostenibile?

Da HTA a Hospital-Based HTA: un evoluzione sostenibile? Da HTA a Hospital-Based HTA: un evoluzione sostenibile? La LIUC - Università Cattaneo è stata fondata direttamente dal sistema delle imprese ed è attiva da oltre vent'anni. La LIUC offre, oltre ai corsi

Dettagli

MAXER CONSULTING: PROFILO E AREE DI COMPETENZA. www.maxerconsulting.com. Luglio 2015

MAXER CONSULTING: PROFILO E AREE DI COMPETENZA. www.maxerconsulting.com. Luglio 2015 MAXER CONSULTING: PROFILO E AREE DI COMPETENZA www.maxerconsulting.com Luglio 2015 INDICE Profilo Aree di competenza Pharma Specific Comunicazione Process & Change Management Progetti identitari Programmi

Dettagli

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE E stata fondata da Padre Agostino Gemelli nel 1921 E presente in 4 città: Milano,

Dettagli

Piano degli studi. Master Universitario di II Livello in. (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Roma, 18 gennaio 2010

Piano degli studi. Master Universitario di II Livello in. (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Roma, 18 gennaio 2010 Master Universitario di II Livello in Health Technology Assessment & Management (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Piano degli studi Roma, 18 gennaio 2010 Master Universitario di II Livello

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

Senza Aziende sanitarie non c è futuro per il SSN, ma serve un approccio di sistema alla clinical governance

Senza Aziende sanitarie non c è futuro per il SSN, ma serve un approccio di sistema alla clinical governance Senza Aziende sanitarie non c è futuro per il SSN, ma serve un approccio di sistema alla clinical governance Antonino Cartabellotta 1* 1 Medico Chirurgo, Fondazione GIMBE Secondo l evidence-based health

Dettagli

Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla clinica

Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla clinica Corso postcongressuale XV congresso SIGU Come refertare e comunicare varianti genomiche Tavola rotonda: La consulenza genetica come strumento fondamentale nel trasferimento delle nuove conoscenze alla

Dettagli

organizzazione sanitaria

organizzazione sanitaria Gianfranco Damiani Walter Ricciardi Manuale di programmazione e organizzazione sanitaria II Edizione IDELSON-GNOCCHI Gianfranco Damiani Walter Ricciardi Manuale di programmazione e organizzazione sanitaria

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI Chiara Zanolla L importanza di una buona progettazione Aumento fondi FP7 Allargamento Europa Tecniche di progettazione

Dettagli

La Valutazione delle tecnologie sanitarie (Health Technology Assessment, HTA)

La Valutazione delle tecnologie sanitarie (Health Technology Assessment, HTA) Sulle modalità di remunerazione dei dispositivi medici nell ambito di un sistema di pagamento a prestazione. Analisi di alcune esperienze internazionali Luca Lorenzoni, OCSE (17 maggio 2010) Questa breve

Dettagli

Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP

Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP 7 ottobre 2014 Prof. Giampaolo Azzoni Giampaolo Azzoni 2 MANAGER DELLE RP: IL NUOVO RUOLO IN AZIENDA Le 5 Key-Words

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA L AMBIENTE ESTERNO E IL CONTESTO NORMATIVO

INDICE PARTE PRIMA L AMBIENTE ESTERNO E IL CONTESTO NORMATIVO INDICE AUTORI PRESENTAZIONE INTRODUZIONE XIII XVII XIX PARTE PRIMA L AMBIENTE ESTERNO E IL CONTESTO NORMATIVO Capitolo Primo Scenari e modelli di competizione in Sanità 1.1 Premessa 1.2 Tipologie e caratteristiche

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari.

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari. CLINICAL GOVERNANCE MASTER I Livello Clinical Il termine clinical i l ha un significato ifi più ampio di clinico i e andrebbe tradotto con Sanitario. Clinical Governance Significa coerente capacità di

Dettagli

Lo stato dell arte del Risk Management in Italia

Lo stato dell arte del Risk Management in Italia Sicurezza del Paziente e degli Operatori Sanitari: obiettivo comune per un assistenza di qualità A.O. San Filippo Neri Roma, 14 Dicembre 2011 Lo stato dell arte del Risk Management in Italia Alessandro

Dettagli

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE - 1 - Il SSN è un valore per tutti gli italiani. Concorrere a migliorarlo continuamente è un impegno di tutti: Medici, Pazienti,

Dettagli

HTA & Sostenibilità del Sistema sanitario

HTA & Sostenibilità del Sistema sanitario HTA & Sostenibilità del Sistema sanitario L esperienza in Ires Piemonte Torino, 17 Aprile 2015 Chiara Rivoiro Valeria Romano Il primo passo: PSSR 2007-2010 Riteniamo che le funzioni di un moderno technology

Dettagli

NUOVO TRIENNIO FORMATIVO 2014-2016 IL DOSSIER FORMATIVO

NUOVO TRIENNIO FORMATIVO 2014-2016 IL DOSSIER FORMATIVO NUOVO TRIENNIO FORMATIVO 2014-2016 IL DOSSIER FORMATIVO Nuovo triennio 2014-2016 : il principio della qualità nella formazione ECM La formazione ECM è un processo in continuo divenire che si struttura

Dettagli

LA DOMANDA E L OFFERTA OSPEDALIERA NELLA FEDERAZIONE SANITARIA 3 - TORINO OVEST

LA DOMANDA E L OFFERTA OSPEDALIERA NELLA FEDERAZIONE SANITARIA 3 - TORINO OVEST LA DOMANDA E L OFFERTA OSPEDALIERA NELLA FEDERAZIONE SANITARIA 3 - TORINO OVEST a cura di Alberto Amidei (1), Marco Dalmasso (2), Roberto Gnavi (2) (1) Università degli Studi di Torino - Scuola di Specializzazione

Dettagli

Bilancio 2012 Financial Statements 2012

Bilancio 2012 Financial Statements 2012 Bilancio Financial Statements IT La struttura di Medici con l Africa CUAMM è giuridicamente integrata all interno della Fondazione Opera San Francesco Saverio. Il bilancio, pur essendo unico, si compone

Dettagli

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE?

Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Revisioni Sistematiche e Linee Guida: DOVE REPERIRLE? Rita Iori Arcispedale Santa Maria Nuova Biblioteca Medica Reggio Emilia Chiara Bassi Ce.V.E.A.S Centro per la Valutazione della Efficacia dell Assistenza

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma Domanda L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze Perché è necessario un approccio interprofessionale in sanità? Giorgio Bedogni Unità di Epidemiologia Clinica Centro Studi Fegato

Dettagli

CE Online Rete tecnico scientifica e gestionale tra CE e articolazioni locali Osservatorio sulla Ricerca Clinica

CE Online Rete tecnico scientifica e gestionale tra CE e articolazioni locali Osservatorio sulla Ricerca Clinica 1 CE Online Rete tecnico scientifica e gestionale tra CE e articolazioni locali Osservatorio sulla Ricerca Clinica Federica Ronchetti Bologna, 14 giugno 2013 2 Il contesto di riferimento (1/2) Le attività

Dettagli

Management della Farmacia Ospedaliera

Management della Farmacia Ospedaliera - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ & NON

Dettagli

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti Il Management ospedaliero e la gestione strategica delle competenze nella società della conoscenza. Indagine empirica svolta presso l Azienda Sanitaria di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario) è parte integrante

Dettagli

Corso di Alta Formazione. Rieti, 10 settembre 2012. Il Governo Clinico. Dott.ssa Felicetta Camilli

Corso di Alta Formazione. Rieti, 10 settembre 2012. Il Governo Clinico. Dott.ssa Felicetta Camilli Corso di Alta Formazione Rieti, 10 settembre 2012 Il Governo Clinico Dott.ssa Felicetta Camilli 1 July 1908. Adottato il segnale SOS 1931. Inaugurazione della Stazione Centrale di Milano 1963. Le poste

Dettagli

Rimini, 28 marzo 2007 Case management e governo di sistema

Rimini, 28 marzo 2007 Case management e governo di sistema Rimini, 28 marzo 2007 Case management e governo di sistema Prof. Valeria Fabbri Università di Firenze - Università LUMSA Palermo Case management / gestione del caso / governo di sistema La Community Care

Dettagli

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale Centre for Research on Healthcare Management

CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale Centre for Research on Healthcare Management CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale Centre for Research on Healthcare Management Università Commerciale Luigi Bocconi www.cergas.unibocconi.it CERGAS Il CERGAS

Dettagli

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 Un modello di riferimento per la gestione progetti a cura di Tiziano Villa, PMP febbraio 2006 PMI, PMP, CAPM, PMBOK, PgMP SM, OPM3 are either marks or registered marks of

Dettagli

Piano Regionale della Ricerca Biomedica e Sanitaria Ligure

Piano Regionale della Ricerca Biomedica e Sanitaria Ligure Piano Regionale della Ricerca Biomedica e Sanitaria Ligure Estensori: Paolo Bruzzi Giorgio Musso GianMario Sambuceti Del Dipartimento Salute: Cristina Grandi Simonetta Oliveri Laura Paleari Gabriella Paoli

Dettagli

PIANIFICAZIONE STRATEGICA

PIANIFICAZIONE STRATEGICA Schema riassuntivo: PIANIFICAZIONE STRATEGICA Situazione aziendale Ambiente esterno Fattori critici di successo OBIETTIVI STRATEGICI Mission STRATEGIE Obiettivi PIANI OB Direttori equilibrio economico/finanziario

Dettagli

Dati e Informazioni. Danilo Orlandini 7-maggio-2011

Dati e Informazioni. Danilo Orlandini 7-maggio-2011 Dati e Informazioni Danilo Orlandini 7-maggio-2011 Autoreferenza Autoda sé stesso Referenza Informazione relativa alle capacità professionali di una persona rilasciata da chi ha avuto in passato rapporti

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm.

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm. WORKSHOP INTERASSOCIATIVO La dimensione etica della professione nella radioprotezione e nella fisica medica 19 Giugno 2015 Università degli Studi Sapienza Roma EFOMP Malaga Declaration: quale possibile

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARCACCI LINDA E-mail linda.marcacci@sssup.it Nazionalità italiana Data di nascita [ 27, 08, 1975 ] ESPERIENZA

Dettagli

Monitoring healthcare in Regione Liguria

Monitoring healthcare in Regione Liguria Regione Liguria Monitoring healthcare in Regione Liguria One Conference - Turin, may 30 th 2012 Piergiulio Maryni The strategy Three-year plan for the Ligurian Information Society Healthcare Section Defines

Dettagli

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia Le verifiche di qualità 1) Obiettivi della qualità 2) Dimensioni correlate alla qualità 3) Concetto di quality assurance 4) Metodologie di approccio alla qualità 5) Audit clinico nel percorso stroke 6)

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Governo del Farmaco. Azienda Ospedaliera di Verona

Governo del Farmaco. Azienda Ospedaliera di Verona Governo del Farmaco Elementi organizzativi e tecnologie: Esperienze a confronto Venezia 23 Febbraio 2009 Giovanna Scroccaro Azienda Ospedaliera di Verona Governo del Farmaco Elementi organizzativi e tecnologie:

Dettagli

Passione per ciò che conta kpmg.com/it

Passione per ciò che conta kpmg.com/it HEALTHCARE Passione per ciò che conta kpmg.com/it Chi siamo Global Reach, Local Knowledge KPMG è uno dei principali Network di servizi professionali alle imprese, leader nella revisione e organizzazione

Dettagli

La sanità virtuale mette il paziente al centro dell attenzione

La sanità virtuale mette il paziente al centro dell attenzione La sanità virtuale mette il paziente al centro dell attenzione L Azienda Sanitaria dell Alto Adige (ASDAA) ha ideato un modello organizzativo e gestionale innovativo nel campo della cura dei pazienti oncologici.

Dettagli

ASL AVELLINO Commissario Straordinario dott. Mario Nicola Vittorio Ferrante TITOLO DEL PROGETTO SVILUPPO DEGLI STRUMENTI DEL GOVERNO CLINICO E DELAL VALUTAZIONE DELLA QUALITA E DSELAL SICUREZZA DELEL PRESTAZIOINI

Dettagli

L innovazione organizzativa per la

L innovazione organizzativa per la Ce.Ri.S.Ma.S. Day 2015 L innovazione organizzativa per la sostenibilità del sistema salute Milano, 16 Marzo 2015 L innovazione organizzativa per la sostenibilità del sistema salute: Il Programma Ce.Ri.Ma.S.

Dettagli

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità Responsabile scientifico: Prof. Andrea Vettori, Docente di Healthcare management Università degli studi Guglielmo Marconi, Roma Autori:

Dettagli

Agenzia sanitaria e sociale regionale. Biblioteca. Periodici in abbonamento nel 2015

Agenzia sanitaria e sociale regionale. Biblioteca. Periodici in abbonamento nel 2015 Agenzia sanitaria e sociale regionale Biblioteca Periodici in nel 2015 PERIODICI ITALIANI Adverse drug reaction bullettin (ed. italiana) 1978 Carta e online Ambiente e sicurezza sul lavoro 1995 Carta e

Dettagli

brand implementation

brand implementation brand implementation brand implementation Underline expertise in reliable project management reflects the skills of its personnel. We know how to accomplish projects at an international level and these

Dettagli

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing

Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Learning session: costruiamo insieme un modello per una campagna di marketing Roberto Butinar Cristiano Dal Farra Danilo Selva 1 Agenda Panoramica sulla metodologia CRISP-DM (CRoss-Industry Standard Process

Dettagli

HTA. Il protagonista del mese Nicola Laforgia Direttore della Sezione di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico di Bari

HTA. Il protagonista del mese Nicola Laforgia Direttore della Sezione di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico di Bari 38 giugno 2015 corso di perfezionamento in HTA ISSN 2038-4238 Mensile - Anno VII - Poste Italiane S.p.A. Sped. in Abb. Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) Art. 1 Comma 1 - DCB Roma contiene

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi 1) information goes to work 2) model the way Quale migliore prospettiva

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Roma, 20 gennaio 2011 Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario)

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente FERRETTI MARCO Matricola: 006288

Testi del Syllabus. Docente FERRETTI MARCO Matricola: 006288 Testi del Syllabus Docente FERRETTI MARCO Matricola: 006288 Anno offerta: Insegnamento: Corso di studio: Anno regolamento: 2014 CFU: Settore: Tipo attività: 2014/2015 1005960 - PROGRAMMAZIONE, CONTROLLO

Dettagli

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione CORSO DI FORMAZIONE REGIONALE cosa stai cercando? riflessioni sulla ricerca sanitaria dall idea all application: come descrivere un progetto di ricerca e chiedere un finanziamento Regione Liguria Terzo

Dettagli

Dott. Francesco Copello, nato a Genova il 7 novembre 1957, C.F.:CPLFNC57S07D969V

Dott. Francesco Copello, nato a Genova il 7 novembre 1957, C.F.:CPLFNC57S07D969V Dott. Francesco Copello, nato a Genova il 7 novembre 1957, C.F.:CPLFNC57S07D969V Attività professionale laureato nel 1983 in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Genova con la votazione

Dettagli

La Medicina di famiglia può portare un contributo originale alla ricerca sulle demenze?

La Medicina di famiglia può portare un contributo originale alla ricerca sulle demenze? G GERONTOL 2006;55:68-72 Società Italiana di Gerontologia e Geriatria ARTICOLO ORIGINALE ORIGINAL ARTICLE La Medicina di famiglia può portare un contributo originale alla ricerca sulle demenze? Can family

Dettagli

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011

Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Gestione del Rischio Clinico: l errore come occasione di crescita CORSO BASE SUL RISCHIO CLINICO 29/30 Aprile 6/7 Maggio 2011 Giuseppe Murolo Servizio 5 Qualità Governo Clinico e sicurezza dei pazienti

Dettagli