Vulnerabilità Sismica ed Adeguamento di Costruzioni Esistenti in Calcestruzzo Armato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vulnerabilità Sismica ed Adeguamento di Costruzioni Esistenti in Calcestruzzo Armato"

Transcript

1 Corso di aggiornamento professionale Vulnerabilità Sismica ed Adeguamento di Costruzioni Esistenti in Calcestruzzo Armato 7 maggio 7 giugno 2013 Aula Magna Seminario Vescovile Via Puccini, 36 - Pistoia

2 Vulnerabilità sismica delle costruzioni esistenti in c.a. Valutazione e riduzione della vulnerabilità degli elementi strutturali, non strutturali ed impianti. La conoscenza del manufatto. Indagini in situ distruttive e non distruttive. La valutazione della capacità degli elementi strutturali di calcestruzzo armato. Il ruolo del confinamento del calcestruzzo e la verifica della duttilità. Esempi applicativi: edificio multipiano di calcestruzzo armato ed edificio prefabbricato. Rosario Gigliotti Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

3 Modelli di capacità per la valutazione PARTE VI Il ruolo del confinamento del calcestruzzo e la verifica della duttilità Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

4 CONFINAMENTO DEL CALCESTRUZZO Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

5 Calcestruzzo confinato Quando un cls non confinato è soggetto a tensioni di compressione vicine ai valori di rottura, si sviluppano elevate deformazioni laterali di trazione come risultato della formazione e propagazione di microfessure longitudinali. N Il confinamento N Azioni sul cls p r Staffe e ferri longitudinali contengono l espansione laterale applicando pressioni radiali al cls., ossia confinandolo N N Azioni sulla singola staffa p r Provino di cls confinato con staffe d acciaio soggetto a compressione centrata Il cls confinato è soggetto ad uno stato di tensione pluri-assiale. DOMINI DI ROTTURA Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

6 CALCESTRUZZO CONFINATO Il confinamento Compressione triassiale ottenuta rivestendo il cls. di un provino cilindrico con una membrana di gomma ed immergendolo in acqua in pressione La duttilità del cls. cresce al crescere del suo confinamento Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

7 CALCESTRUZZO CONFINATO Il confinamento Compressione triassiale ottenuta staffando il cls. di un provino cilindrico con staffe disposte a passo decrescente La duttilità del cls. cresce al crescere del suo confinamento Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

8 CALCESTRUZZO CONFINATO Il confinamento Compressione triassiale ottenuta staffando il cls. di un provino prismatico con staffe disposte a passo decrescente La duttilità del cls. cresce al crescere del suo confinamento Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

9 Domini di rottura Il confinamento CRITERIO DI ROTTURA DI KUPFER Attraverso studi sperimentali, Kupfer, Hilsdorf e Rusch nel 1966 ricavarono un criterio di rottura generalizzato del calcestruzzo. K.-H.-R. sottoposero provini prismatici (20 x 20 x 5 cm) a differenti combinazioni di tensioni biassiali nelle regioni: compressione biassiale, compressione trazione, trazione biassiale. Utilizzati Cls. con resistenze a compressione uniassiale di 190, 315, 590 kg/cm 2. All interno di ogni regione furono scelti quattro differenti rapporti s 1 /s 2, testando sei provini per ciascuna variabile. Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

10 Domini di rottura del calcestruzzo -1,4-1,2-1 -0,8-0,6-0,4-0,2 f c 0 0,2 0, cm 2 Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio ,2-0,4-0,6-0,8-1 -1,2-1,4 1 f c Dominio di resistenza del cls. soggetto ad uno stato di tensione biassiale Sperim.: Kupfer-Hilsdorf-Rush Analitico: Kupfer-Gerstle t 2 1 t 10,8 f t f c 1 3,65 1 2c f 2 c ,65 0 f c f c f c f c oppure: f resistenza a compressione c f resistenza a trazione Il confinamento DOMINIO DI ROTTURA DI KUPFER

11 Domini di rottura del calcestruzzo DOMINIO DI ROTTURA DI OTTOSEN Il confinamento Rappresentazione tramite meridiani e paralleli Meridiani significativi Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

12 DOMINIO DI ROTTURA DI OTTOSEN Domini di rottura del calcestruzzo Il confinamento Vista 3D Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

13 Domini di rottura del calcestruzzo Il confinamento Confronto di alcuni Domini per stati biassiali di tensione 1 / f cm / f cm CONFRONTO TRA DOMINI PIANO DI KUPFER Piano di Kupfer f compressione - compresssione ck ck f ck ck 2 f ck f ctk ;0.05 f f 3.65 f compressione - trazione ck 0.8 f ctk ;0.05 f ck trazone - trazione SOLUZIONE APPROSSIMATA CEB FIP PROIEZIONE SUPERFICIE OTTOSEN DOMINIO TAU OTT. DEGENERATO PER CLS DOMINIO DI KUPFER f ctk;0,05 f ck con = I, II Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

14 Il confinamento Calcestruzzo confinato Effetto delle staffe Staffe a spirale o circolari: sono messe in tensione dalla pressione esercitata dal calcestruzzo così da garantire una pressione di confinamento uniforme lungo tutta la circonferenza. Staffe rettangolari: il pieno confinamento si ha negli angoli perché la pressione del calcestruzzo sui lati della staffa fa inflettere i bracci della staffa verso l esterno. L utilizzo di spille ed una buona distribuzione di ferri longitudinali incrementano il confinamento. Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

15 Calcestruzzo confinato Il confinamento Pressione di confinamento Distribuzione delle pressioni di confinamento all interno della sezione Distribuzione Distribuzione f r,max r f rm r/r = 0,5 r/r = 1 f rm 2R r/r = 0,5 r/r = 1 La media delle pressioni lungo le circonferenze interne alla sezione quadrata è costante. Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

16 Il confinamento Calcestruzzo confinato Pressione di confinamento Distribuzione delle pressioni di confinamento lungo l elemento strutturale. Un elemento strutturale in c.a. è confinato, oltre che dalle armature trasversali, anche dalle barre longitudinali che contribuiscono a distribuire lungo l elemento le pressioni di confinamento esercitate dalle staffe. N st N st S l st V l,m f rm Le pressioni esercitate dalle staffe lungo il perimetro si diffondono nel calcestruzzo secondo due meccanismi: 1. l effetto arco 2. l effetto della rigidezza flessionale delle barre longitudinali. f r =k sl f rm (a) (b) (c) (d) Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

17 Calcestruzzo confinato Il confinamento Pressione di confinamento Il confinamento è tanto migliore quanto minore è il passo delle staffe. Le limitazioni sul passo derivano anche dalla necessità di impedire l instabilità delle barre longitudinali (in base a risultati sperimentali il passo non deve eccedere 6 volte il diametro delle armature longitudinali). Esistono diverse espressioni (tutte di natura empirica) che descrivono il legame costitutivo del calcestruzzo confinato. Ai fini della progettazione tali espressioni devono sempre fornire: la resistenza a compressione la deformazione ultima a compressione i parametri equivalenti dello stress-block. Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

18 Sezione rettangolare Sezione circolare Calcestruzzo confinato Il confinamento Pressione di confinamento La pressione di confinamento massima (f l ) si ha quando le staffe raggiungono la tensione di snervamento (f yh ). ds fl fyhasp f l ' 2 f yh ds s A sp h = % vol. di confinamento fyhasp s h passo delle staffe f f ' f lx x yh ' f ly y yh x e y sono le % volumetriche di armatura di confinamento sull area di cls tagliata da piani perpendicolari, rispettivamente, alle 2 direzioni. Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

19 Confinamento del calcestruzzo Calcestruzzo confinato Pressione effettiva di confinamento f ' l K e f l K e è un coefficiente di confinamento legato al rapporto tra l area minima di calcestruzzo confinato e l area effettiva racchiusa dall asse della staffa. K e 0.95 sezioni circolari 0.75 sezioni rettangolari tipopilastro 0.60 sezioni rettangolari tipoparete Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

20 Modello di Mander, Priestley, Park (1988) Tensione di picco Relazione tra resistenza confinata (f cc ) e resistenza non confinata (f c ) Confinamento del calcestruzzo f ' cc f ' l K f ' c f ' c f ' f ' l c Valida per sezioni circolari e sezioni rettangolari con la stessa tensione effettiva di confinamento (f l ) nelle due direzioni. Nel caso di pressioni di confinamento diverse si può ricorrere ad un istogramma. Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

21 Tensione di picco Dividendo la tensione di confinamento f lx per la tensione di schiacciamento del cls., si passa dalla percentuale volumetrica di confinamento alla percentuale meccanica di confinamento f 2 f A f ' f ' d s lx,y yh spx,y c c s h Confinamento del calcestruzzo Modello di Mander, Priestley, Park (1988) Determinazione della resistenza a compressione del calcestruzzo confinato in funzione delle pressioni laterali di confinamento (sezioni rettangolari). Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

22 Deformazione di picco e deformazione ultima Confinamento del calcestruzzo Modello di Mander, Priestley, Park (1988) Un espressione valida per il valore della deformazione corrispondente alla tensione di picco, e cc, è la seguente: e cc f ' cc f ' c Si noti che si parte sempre da 0,002 Una stima conservativa della deformazione ultima a compressione e cu è la seguente: s e sm e cu s f yhe sm f ' percentuale volumetrica di confinamento Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio cc Priestley et al. deformazione dell acciaio in corrispondenza della tensione massima ( 0.15)

23 -KENT, PARK (1971) SCUOLA NEO ZELANDESE Il confinamento esercitato dalle staffe si attiva solo in prossimità della resistenza a compressione uniassiale. Confinamento del calcestruzzo Modelli analitici calcestruzzo confinato L area confinata è da considerarsi solo quella interna al perimetro esterno delle staffe CONFINAMENTO TRASCURABILE RAMO PRE PICCO (a favore di sicurezza) DIMINUZIONE PENDENZA RAMO POST PICCO RAMO PRE PICCO (parabolico) RAMO POST PICCO (lineare) f c 2ec ec f ' c e0 e 0 2 e DEF. AL PICCO 50 0 fc f ' c 1 Z ec e0 0.5 Z e e HOGNESTAD (1951) CLS NON CONFINATO e e 50 50u CLS 50 50c 50h 50u f ' c( psi) f ' ( psi) c CONFINATO e e e e e50 h 3 b'' 4 s Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

24 Confinamento del calcestruzzo Modelli analitici calcestruzzo confinato -KENT, PARK (1971) SCUOLA NEO ZELANDESE Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

25 Confinamento del calcestruzzo Modelli analitici calcestruzzo confinato SCUOLA NEO ZELANDESE -KENT, PARK (1971) -PRIESTLEY, PARK (1981) Il confinamento esercitato dalle staffe non produce più esclusivamente una diminuzione della pendenza nel ramo di post picco, ma genera anche benefici in termini di aumento della s f yh resistenza a compressione e di corrispondente deformazione al picco ecc fc ' fl f ' cc f ' c 4.1 fl f ' c f ' 2 f yh A sp fl ds 2A s ds s h sp s h pressione di confinamento rapporto di confinamento 8.2 f A f f ' cc f ' c f ' c s dssh f ' c yh sp yh c f c = resistenza a compressione del cls non confinato; f cc = resistenza a compressione del cls confinato. Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

26 -KENT, PARK (1971) -PRIESTLEY, PARK (1981) SCUOLA NEOZELANDESE -SCOTT, PARK, PRIESTLEY (1982) Viene valutato l aumento della resistenza e deformazione di picco al variare della velocità di 2 2ec e c deformazione fc Kf ' c per e c < 0.002K 0.002K 0.002K ove a 0.002K corrisponde la deformazione e c al fc Kf ' c 1 Zm ec 0.002K per e c > 0.002K picco della tensione k f c e e LOW STRAIN RATE 3.3 e /sec HIGH STRAIN RATE e /sec t t s f yh K 1 s f yh fc ' incremento di deformazione dovuto K deformazione e u allo 0.5 alle staffe fc ' K f c 0.5 deformazione al picco m Zm ' '' ' '' fc 3 h fc 3 h ' s k ' s k 145 f s 145 f sh c h f fck, c fck 35MPa f, 50.09MPa ck c, MPa ck c Confinamento del calcestruzzo Modelli analitici calcestruzzo confinato c Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

27 stress [ N/mm 2 ] Confinamento del calcestruzzo Modelli analitici calcestruzzo confinato SCUOLA NEO ZELANDESE Confined and Unconfined Concrete, Kent - Park, Scott - Park - Priestley f c kf c 2e c ' k e c k 2 Kent e Park pre picco (1971) Kent e Park post picco non confinato(1971) Kent e Park post picco confinato (1971) tipo di acciaio FeB 44 K tangente orizzotale nel punto di max tensione nel ramo ascendente High Strain Rate (1982) Low Strain rate (1982) resistenza f ck rapporto s tipo staffa % circolare B dim. d s 15.6 dim. h 31.2 dim. d cc 13 diametro F num. staffe C passo - staffe s f r / f c A strain Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

28 -KENT, PARK (1971) -PRIESTLEY, PARK (1981) -SCOTT, PARK, PRIESTLEY (1982) -MANDER, PARK, PRIESTLEY (1988) SCUOLA NEO ZELANDESE In una prova di compressione, il calcestruzzo esterno è non confinato e diventa non resistente una volta raggiunta la resistenza a compressione, ma il nucleo di calcestruzzo continua a portare il carico ad alte deformazioni. Viene proposta una unica legge per il ramo di pre e post picco f ' cc xr fc e r x r 1 x c f ' cc ecc ec e e f ' c c0 Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio cc Confinamento del calcestruzzo Modelli analitici calcestruzzo confinato Ec r Ec 5,000 f ' f ' c0 E cc Ec E sec sec 2 ecc s' d A d 4A f ' l kes f yh s k 2 e f ' l f ' l f ' cc f ' c f ' co f ' co sp s sp s 2 ds cc d s s s

29 Confinamento del calcestruzzo Modelli analitici calcestruzzo confinato -KENT, PARK (1971) -PRIESTLEY, PARK (1981) -SCOTT, PARK, PRIESTLEY (1982) -MANDER, PARK, PRIESTLEY (1988) SCUOLA NEO ZELANDESE EFFETTI DELLO STRAIN RATE Valutati attraverso l utilizzo di coefficienti di amplificazione dinamica, che sono funzione della velocità di deformazione, da applicare a Tensione al picco Deformazione al picco Modulo di Elasticità iniziale Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

30 stress [ N/mm 2 ] Confinamento del calcestruzzo Modelli analitici Confined and Unconfined Concrete, Mander ed al. -KENT, PARK (1971) -PRIESTLEY, f ' PARK (1981) cc xr f c r -SCOTT, r 1PARK x, PRIESTLEY (1982) -MANDER, PARK, PRIESTLEY (1988) High strain Rate confinato High Strain rate non confinato Low strain rate non confinato Low Strain Rate Confinato SCUOLA NEOZELANDES E tipo di acciaio resistenza f ck rapp.volum.conf. FeB 44 K % % 65.48% rapp. f r / f ck dimensione d s diametro F passo - staffe s strain Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

31 stress [ N/mm 2 ] CLS. CONFINATO: MODELLI CONF. PASSIVO SCUOLA NEO ZELANDESE Models of Stress-Strain Curves (Passive Confininig Pressure on Concrete) (Kent e Park ; Mander) Kent e Park pre picco (1971) Kent e Park post picco non confinato (1971) Kent e Park post picco confinato (1971) Kent e Park modificata (1982) Mander ed al. confinato (1988) Mander ed al. non confinato (1988) resistenza f ck rapp.volum.conf. rapporto f r / rapporto f r / f ck strain rate % low B dimensione d s 13 diametro F 6 passo - staffe s A C strain Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

32 Confinamento del calcestruzzo Compressione triassiale (Richart et al.) Confinamento del calcestruzzo Calcestruzzo confinato da armature trasversali Confinamento Attivo Confinamento Passivo Ipotesi semplificative (adottate dai più comuni modelli analitici) Distribuzione delle pressioni di confinamento all interno della sezione per mezzo dell effetto arco. Armatura trasversale soggetta ad uno stato di tensione assiale. Pressioni di confinamento uniformi all interno del nucleo confinato. Tensione nell acciaio costante, con valore pari alla tensione di snervamento. Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

33 Confinamento del calcestruzzo 2A s f s A s f s f r f r 2A s f s A s f s Modelli tradizionali Equilibrio: Free Body Diagram fr ke f Ae ke A cc Area effettivamente confinata r Confinamento del calcestruzzo Mander, Priestley, Park (1988) Sheilh & Uzumeri (1982) Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

34 Confinamento del calcestruzzo Confinamento del calcestruzzo f c f cc f c0 f c f c0 Stato di deformazione piano Sovrapposizione degli effetti f cc = f c0 + f c f c (e c ) uniforme nella sezione Analytical Stress Strain Relationship for Concrete Confined by Steel Stirrups and/or FRP Jackets Franco Braga, Rosario Gigliotti, Michelangelo Laterza y l e c0 l x e c l l xy JOURNAL OF STRUCTURAL ENGINEERING ASCE / SEPTEMBER 2006 l Nucleo di Calcestruzzo o X l Nucleo di Calcestruzzo o X l l x Y y Y Stato tensionale lungo il perimetro della staffa quadrata Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

35 Confinamento passivo Distribuzione delle tensioni all interno del nucleo confinato Confinamento del calcestruzzo f r,max r r/r = 0,5 f rm r/r = 1 f rm 2R r/r = 0,5 r/r = 1 f c f cc Modello triassiale attivo Modello passivo f c (f r ) f c0 f r1 f r2 f r3 f r4 f r (e c ) e c1 e c2 e c3 e c4 e c f c (e c ) Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

36 Tensione [MPa] Confinamento passivo Confinamento del calcestruzzo ec B c c f e f r e c 40 Curve triassiali (confinamento attivo) Legame effettivo (confinamento passivo) 30 Calcestruzzo confinato 20 fr / frcy = 1 fr / frcy = 0,75 10 Calcestruzzo non confinato fr / frcy = 0,25 fr / frcy = 0,5 Effetto dell incrudimento Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio ,005 0,01 0,015 0,02 Deformazione

37 Confinamento del calcestruzzo Effetto delle armature longitudinali Confinamento del calcestruzzo N st S N st l st V l,m f rm f r =k sl f rm (a) (b) (c) (d) Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

38 Modello di confinamento passivo Confinamento del calcestruzzo Increment of axial strain e z S1 f tr Transversal strain Braga, Gigliotti, and Laterza s model f rm,-eq e tr Confining pressure Confining pressure f Triaxial active models: Attard and Setunge Ahmad e Shah e rm eq z f c f cc f c0 Axial strain f r3 f r4 e z Stress-strain for confined concrete Corresponding stress f c e z e z1 e z2 e z3 e z4 f r1 f r2 e z5 e z6 e z e z e z e z e z e z e z Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

39 Tensione Conf. passivo vs conf. attivo Curve in funzione della pressione di confinamento Modello Triassiale Attivo "Attard & Setunge" Confinamento attivo Pressione di confinamento ( x 5 ) Pressione di confinamento (Fattore di scala 5) Curve in funzione della pressione di confinamento Modello Triassiale Attivo "Attard & Setunge" Pressione di confin pressione , Tensione 0,4 25 0,6 20 0, CLS non confinato p Curva Passiva C C ,002 0,004 0,006 0,008 0,01 0,012 Deformazione 0 0 0,002 0,004 0,006 0,008 0,01 0,012 Deformazione Confinamento passivo Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

40 Axial Stress Axial Stress Confinamento del calcestruzzo Confinamento passivo Confinamento esercitato da staffe multiple Esempio f=f yh (Internal Hoop) = max f=f yh (External Hoop) Passive Confined Concrete Active Triaxial (1.00 fr,max / fc') Active Triaxial (0.75 fr,max / fc') Active Triaxial (0.50 fr,max / fc') Active Triaxial (0.25 fr,max / fc') Unconfined Concrete S3 Section Type Esi/Es=0.05 Esi/Es=0.04 Esi/Es=0.03 Esi/Es=0.02 Esi/Es=0.01 Esi/Es=0.00 S3 Section Type f Steel Hoop Hardening Esi Es e f yh Axial Strain Axial Strain Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

41 Modello di confinamento passivo Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

42 Effetto delle armature longitudinali sulla resistenza e sulla duttilità Z (f long) / Z (f long = 28 mm) f cc / f cc (f st = 8 mm) Section Type S1 2l = 300 mm; S = 75 mm; f c ' = 30 MPa; f c0 = 25,5 MPa; f yh = 300 MPa 0.35 f cc =f cc ( f st =14 mm) - f cc ( f st =8 mm) Proposed Model Mander et al. Sheikh and Uzumeri Longitudinal bars Diameter f long (mm) 1,25 1,20 1,15 1,10 1,05 1,00 0,95 Confinamento del calcestruzzo Effetto delle armature longitudinali Section Type S1 2l = 300 mm; S = 75 mm; f c ' = 30 MPa; f c0 = 25,5 MPa; f yh = 300 MPa Proposed Model Mander et al. Sheikh and Uzumeri Longitudinal bars Diameter f long (mm) Influenza del diametro delle staffe sulla resistenza, a parità di rapporto volumetrico di armatura trasversale Section Type S4 2l = 300 mm; f c ' = 30 MPa; f c0 = 25,5 MPa; f yh = 300 Mpa; f long =20 mm; s =0.03 f cc / f c0 S = 38 S = 48 S = 60 S = 72 S = 86 S = 101 S = Proposed Model Park et al. Vallenas et al. Mander et al. Sheikh and Uzumeri Hoop Diameter (mm) Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

43 Confinamento con FRP Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

44 SEZIONI PRESSOINFLESSE IN C.A. Rigidezza, resistenza e duttilità Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

45 NTC VERIFICHE AGLI STATI LIMITE Resistenza a sforzo normale e flessione (elementi monodimensionali) Ipotesi di base Senza escludere specifici approfondimenti, necessari in particolare nel caso di elementi costituiti da calcestruzzo di classe di resistenza superiore a C45/55, per la valutazione della resistenza ultima delle sezioni di elementi monodimensionali nei confronti di sforzo normale e flessione, si adotteranno le seguenti ipotesi: - conservazione delle sezioni piane; - perfetta aderenza tra acciaio e calcestruzzo; - resistenza a trazione del calcestruzzo nulla; - rottura del calcestruzzo determinata dal raggiungimento della sua capacità deformativa ultima a compressione; - rottura dell armatura tesa determinata dal raggiungimento della sua capacità deformativa ultima; -deformazione iniziale dell armatura di precompressione considerata nelle relazioni di congruenza della sezione. Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

46 f c (N/mm 2 ) NTC VERIFICHE AGLI STATI LIMITE Resistenza a sforzo normale e flessione (elementi monodimensionali) Diagrammi di calcolo tensione-deformazione del calcestruzzo 40 Cls non confinato Per il diagramma tensionedeformazione del calcestruzzo è possibile adottare opportuni modelli rappresentativi del reale comportamento del materiale, modelli definiti in base alla resistenza di calcolo f cd ed alla deformazione ultima e cu Cls confinato Stress-Block Cls non confinato Stress-Block Cls confinato 5 0 0,000 0,002 0,004 0,006 0,008 0,010 0,012 0,014 0,016 0,018 0,020 e c Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

47 NTC VERIFICHE AGLI STATI LIMITE Resistenza a sforzo normale e flessione (elementi monodimensionali) Diagrammi di calcolo tensione-deformazione del calcestruzzo parabola-rettangolo triangolo-rettangolo rettangolo (stress-block ) e c2 = 0,20% e c3 = 0,175% e cu = 0,35% e c4 = 0,07% Limiti di deformazione per classi di resistenza inferiori a C50/60 Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

48 NTC VERIFICHE AGLI STATI LIMITE Verifiche agli stati limite ultimi Analisi della sezione Verifica di resistenza allo SLU M Rd = M Rd (N Ed ) M Ed (4.1.9) Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

49 Stress Block Al posto del diagramma effettivo del calcestruzzo è possibile utilizzare per l analisi delle sezioni lo Stress-block. Esso rappresenta il diagramma rettangolare equivalente, descritto dai due parametri e. Tali parametri vengono calcolati imponendo l uguaglianza tra le aree (equilibrio alla traslazione) ed i momenti statici (equilibrio alla rotazione) dei due diagrammi (effettivo e rettangolare equivalente): c k 3 f c c f cd k 2 c C = k 1 (k 3 f c bc ) e cm a f c C = f c ba e 0 cm de f e c c cd cm f cd e 0 cm e de f e 1 0,5 e c c c cd cm cm e cm e c Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

50 Calcolo della sezione in c.a. Sezione rettangolare: armature concentrate, armature distribuite A s d y n n d h G M N y h/2 n 1/r e cm e s ' f cd C s C c y n e s b A s T s = A s s e cm h n G n y M N h/2 y n 1/r d i C c y c e si F si = A si si Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

51 Calcolo della sezione in c.a. d h d n G n M N h/2 3 1 b c n 3 n 1 2 M N e s ' 1/r e cm 1 f c0 3 f cc d 3 y C s4 n 2 f c0 e s T s1 C s5 C c1 C s3 T s2 C c2 C c3 b Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

52 Calcolo della sezione in c.a. s N M SLU SLU-Y M = FH H s = j H j SLE-F j = q l p SLE-D EI (sez. non fessurata) q Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

53 N Domini di Interazione M-N M SLU SLU SLU-Y SLE-F SLE-D SLE-D EI (sez. non fessurata) SLE-T SLE-F c SLU-Y M Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

54 Domini di Interazione M-N Stato Limite di Decompressione N e e c cu e e c cu d 0 e c0 e cu e s, e c N D e 0 c D e 0 c y n-c SLE-D SLU h d D y n-d = h e e c cu 5 e 0 c e c = 0 y n O M Campi di deformazione Dominio di interazione M-N Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

55 Domini di Interazione M-N Stato Limite di formazione delle fessure SLE-F N e e c cu D d 0 e c0 e cu e s, e c N F F e e c ct h d F 1 F 2 y n-f y n-c SLD-D SLE-F e e c cu B 4 f 5 e e c ct SLU e cf y n T F M F-0 M Campi di deformazione Dominio di interazione M-N Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

56 Domini di Interazione M-N Stato Limite di limitazione delle tensioni N c D d 0 e c e s, e c F s s Y nb-t y n-23 SLD-D SLD-F c h d T1 T2 N T-B SLE-T B T s n B SLU e s T3 T F M F-0 M T-0 c c M y n T T Campi di deformazione Dominio di interazione M-N s n Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

57 Domini di Interazione M-N Stato Limite di prima plasticizzazione d 0 e c0 e cu e s, e c y n-b y n-c h d Y1 Y2 4 5 e sy y n Campi di deformazione Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

58 Domini di Interazione M-N Stato Limite Ultimo d 0 e c0 e cu e s, e c y n-lim h d y n-b y n-c 4 Dominio di interazione M-N 5 N e su e sy y n N max e e c cu 5 e e c cu 0 e c0 e cm = 3 e c N D D eci 0 e e c cu eci 0 SLU 4 e e s sy e e c cu N b B e s Campi di deformazione e sy 0 T max e e s e 0 su c 1 C M S e e s e 0 su c e e s M su Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

59 ESEMPIO: confinamento del calcestruzzo STRESS BLOCK ,95 0,9 f cu /f c0 = 0,85 Legami costitutivi f c (N/mm 2 ) f c (N/mm 2 ) ,8 0,7 0,6 Cls non confinato Cls confinato Stress-Block Cls non conf. Stress-Block Cls confinato (fcu/fc0=0,85) SB Cls conf. fcu/fc0 = 0,95 SB Cls conf. fcu/fc0 = 0,9 10 SB Cls conf. fcu/fc0 = 0,8 SB Cls conf. fcu/fc0 = 0,7 5 SB Cls conf. fcu/fc0 = 0, ,002 0,004 0,006 0,008 0,01 0,012 0,014 0,016 0,018 0,02 e (knm) c Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

60 Carico assiale ultimo (kn) H = 50 cm ESEMPIO: Effetto del confinamento sulla resistenza della sezione in c.a ,95 0,9 f cu /f c0 = 0, ,8 0, , Momento ultimo (knm) B = 30 cm A = A' = 4 f20 f' c = 30 MPa Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

61 Carico assiale ultimo ESEMPIO: Effetto del confinamento sulla duttilità della sezione in c.a i Forza Assiale P (kn) ,0053 0,0063 0,0035 0,0085 Yield 0,0113 0, conf / non conf , ,0001 0, ,0002 0, ,0003 0, ,0004 Curvatura Forza Assiale P (kn) Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

62 N Domini di Interazione M-N M SLU SLU SLU-Y SL-CO SLE-F SLE-T SLE-D SLE-F SLE-D EI (sez. non fessurata) c SLU-Y M Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

63 Verifiche di duttilità Verifiche di duttilità nella proposta di revisione delle NTC 2008 Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

64 Cap.7 Progettazione per Azioni Sismiche LIMITAZIONI DI ARMATURA Pilastri [ ] Dettagli costruttivi per la duttilità Duttilità dei pilastri Per le zone dissipative allo spiccato dei pilastri primari e per le zone terminali di tutti i pilastri secondari devono essere eseguite le verifiche di duttilità indicate al In alternativa, tali verifiche possono ritenersi soddisfatte se, per ciascuna zona dissipativa, si rispettano le limitazioni seguenti: Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

65 Verifiche di duttilità Duttilità pilastri Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

66 Armatura trasversale per la duttilità Duttilità pilastri CD"A" μ φ = ω wd (uφ) / ω wd v d (N/A g f cd ) Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

67 Armatura trasversale per la duttilità Duttilità pilastri CD"A" μ φ = ω wd (uφ) / ω wd v d (N/A g f cd ) Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

68 Armatura trasversale per la duttilità Duttilità pilastri CD"A" μ φ = ω wd (uφ) / ω wd v d (N/A g f cd ) Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

69 REVISIONE DELLE NTC 2008 CAP.4 COSTRUZIONI CIVILI E INDUSTRIALI 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO Diagrammi di calcolo tensione-deformazione del calcestruzzo Introduzione della relazione tensione deformazione del calcestruzzo confinato (in accordo con la EN ) Analisi della sezione Pilastri soggetti a compressione assiale: modifica al valore dell'eccentricità minima Pressoflessione deviata: si introducono valori del coefficiente da potersi assumere in mancanza di specifiche valutazioni (in accordo con la EN ) Introduzione di un nuovo paragrafo in cui si riportano le verifiche di duttilità Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

70 STATO LIMITE DI DUTTILITÀ CAP.4 COSTRUZIONI CIVILI E INDUSTRIALI 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO STATI LIMITE ULTIMI Generalità Si deve verificare il rispetto dei seguenti stati limite: resistenza duttilità Stato limite di resistenza Si deve verificare il rispetto dei seguenti stati limite: - resistenza flessionale in presenza e in assenza di sforzo assiale, - resistenza a taglio e punzonamento, - resistenza a torsione, - resistenza di elementi tozzi, - resistenza a fatica, - stabilita di elementi snelli Stato limite di duttilità Si deve verificare, ove richiesto al 7.4 delle presenti norme, il rispetto del seguente stato limite: - duttilità flessionale in presenza e in assenza di sforzo assiale Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

71 CALCESTRUZZO CONFINATO CAP.4 COSTRUZIONI CIVILI E INDUSTRIALI 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO [ ] Calcestruzzo confinato Per il diagramma tensione deformazione del calcestruzzo confinato è possibile adottare opportuni modelli rappresentativi del reale comportamento del materiale in stato triassiale. Questi modelli possono essere adottati nel calcolo sia della resistenza ultima sia della duttilità delle sezioni e devono essere applicati alle sole zone confinate della sezione. Il confinamento del calcestruzzo è normalmente generato da staffe chiuse e legature interne, che possono raggiungere la tensione di snervamento a causa della dilatazione laterale del calcestruzzo stesso a cui tendono ad opporsi. Il confinamento consente al calcestruzzo di raggiungere tensioni e deformazioni più elevate di quelle proprie del calcestruzzo non confinato. Le altre caratteristiche meccaniche si possono considerare inalterate. Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

72 CALCESTRUZZO CONFINATO CAP.4 COSTRUZIONI CIVILI E INDUSTRIALI 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO Calcestruzzo confinato In assenza di più precise determinazioni basate su modelli analitici di comprovata validità, è possibile utilizzare la relazione tensione-deformazione rappresentata in Fig (dove le deformazioni di compressione sono assunte positive), in cui la resistenza caratteristica e le deformazioni del calcestruzzo confinato sono valutate secondo le relazioni seguenti: Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

73 CALCESTRUZZO CONFINATO CAP.4 COSTRUZIONI CIVILI E INDUSTRIALI 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO Fig Modelli σ-ε per il calcestruzzo confinato Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

74 ; Pressione laterali di confinamento (free body diagram) Confinamento del calcestruzzo lx, A st, x yk, st b y f s ly, A st, y yk, st b x f s Ast,y-i Ast,x-i l l, x l, y Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

75 Confinamento con pressioni biassiali Mander et al. (1988) da William e Warnke (1975) Confinamento del calcestruzzo Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

76 Pressione laterale di confinamento 2 1,21 0,18 1,7 0,8 0,49 0,32 2 0,4 1,2 0,2 l l,max Confinamento del calcestruzzo = c e, c c l,max l,min l,max max ; min ; l,max f ck l,max l, x l, y l,min l, x l, y Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio e, c c l e, c c l,min e c

77 Pressione laterale equivalente Confinamento del calcestruzzo Confronto tra le regressioni sulle superfici di William-Warnke (Mander) e l equazione riportata in EC8-2 Annex E l / l,max EC8 l,min l,max Eq. Proposta EC8-2 Annex E ,4 1,2 0, , 21 0,12 1,7 0,8 0, 49 0, l,min / l,max Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

78 Confinamento del calcestruzzo Coefficiente di efficienza del confinamento EC Detailing of primary seismic columns for local ductility Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

79 CAP.4 COSTRUZIONI CIVILI E INDUSTRIALI 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO Verifiche di resistenza e duttilità Verifiche di duttilità NTC 2013 Con riferimento alla sezione pressoinflessa, rappresentata in Fig , la capacità, in termini di resistenza e duttilità, si determina in base alle ipotesi di calcolo e ai modelli σ ε di cui al Fig Sezione pressoinflessa (equilibrio delle forze interne corrispondenti al raggiungimento della deformazione ultima nel calcestruzzo) Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

80 CAP.4 COSTRUZIONI CIVILI E INDUSTRIALI 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO Verifiche di resistenza e duttilità Le verifiche si eseguono confrontando la capacità, espressa in termini di resistenza e, quando richiesto al 7.4 delle presenti norme, di duttilità, con la corrispondente domanda, secondo le relazioni: M Rd = M Rd (N Ed ) M Ed [4.1.18a] d = d (N Ed ) Ed [4.1.18b] dove: M Rd N Ed M Ed m d m Ed Verifiche di duttilità NTC 2013 è il valore di progetto del momento resistente corrispondente a NEd; è il valore di progetto dello sforzo normale sollecitante; è il valore di progetto del momento di domanda; è il valore di progetto della duttilità di curvatura corrispondente a NEd; è la domanda in termini di duttilità di curvatura. Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

81 CAP.4 COSTRUZIONI CIVILI E INDUSTRIALI 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO Verifiche di resistenza e duttilità Verifiche di duttilità NTC 2013 La capacità in termini di fattore di duttilità in curvatura µ f può essere calcolata, separatamente per le due direzioni principali di verifica, come rapporto tra la curvatura cui corrisponde una riduzione del 15% della massima resistenza a flessione oppure il raggiungimento della deformazione ultima del calcestruzzo e/o dell acciaio e la curvatura convenzionale di prima plasticizzazione espressa dalla relazione seguente: f yd è la minore tra la curvatura calcolata in corrispondenza dello snervamento dell armatura tesa e la curvatura calcolata in corrispondenza della deformazione di picco (0,20%) del calcestruzzo compresso; M Rd è il momento resistente della sezione allo SLU; M yd è il momento corrispondente a f yd e può essere assunto come momento resistente massimo della sezione in campo sostanzialmente elastico. Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

82 DUTTILITÀ DI CURVATURA f yd curvatura convenzionale di prima plasticizzazione f u curvatura ultima M M Rd M yd Verifiche di duttilità NTC 2013 f min f u f fu f yd e ; fm cu 85% duttilità di curvatura f yd f yd fm 85% ) fe cu ) Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio f

83 SEZIONE STUDIO Dimensioni: Altezza: h = 700 mm Base: b = 400 mm Verifiche di duttilità: esempi Armatura Longitudinale: Copriferro: c = 35 mm Diametro ferri: φ = 20 mm Armatura Trasversale: Diametro staffe: φ = 8 mm Diametro legature: φ = 8 mm Passo: s = 10 cm Materiali: Calcestruzzo: R ck = 30 N/mm 2 Acciaio: B450C f yk = 450 N/mm 2 Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

84 Verifiche di duttilità: esempi Esempio: legami costitutivi σ Legami costitutivi per il calcestruzzo -25 Calcestruzzo copriferro: - NTC 2008 mod. (a) Calcestruzzo nucleo: - NTC 2008 mod. (a) - rev. NTC08 - EC2 confinato - CLS confinato con softening (Braga-Gigliotti-Laterza) σ cls NTC2008 mod.(a) EC2 confinato Braga-Gigliotti-Laterza Legame costitutivo per l acciaio ε Acciaio: ε - NTC 2008 mod. (b) acciaio B450C NTC2008 mod.(b) Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

85 Analisi della sezione: esempi Domini di interazione M x - N per diversi stati limite N [kn] Salvaguardia della vita (SLV) Prevenzione del collasso (SLC) Prima plasticizzazione Stato Limite di Decompressione M [knm] Stato Limite di Fessurazione Limitazione delle tensioni: cls 2000 Limitazione delle tensioni: acciaio 4000 Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

86 Analisi della sezione: esempi Domini di interazione (Momenti e curvature) Domini di interazione M 1 M 2 Domini di interazione χ 1 χ M 1 [knm] c 1 [rad/m] Salvaguardia della vita (SLV) Prevenzione del collasso (SLC) c 2 [rad/m] Prima plasticizzazione Stato Limite di Decompressione -200 M 2 [knm] Stato Limite di Fessurazione Limitazione delle tensioni: cls Limitazione delle tensioni: acciaio = 0,3 = 0,3 Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

87 M [KNm] Analisi della sezione: esempi Momento-curvatura (cls non confinato) N/(Af cd ) = 0,15 χ y = 0,0068 χ u = 0,0207 μ = 3, Diagramma Momento-Curvatura 600 LTcls SLV bilineare NZS SLC 500 SLPlast SL85% 400 LTacc SLFess SLDec ; c [rad/m] Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

88 M [KNm] Analisi della sezione: esempi Momento-curvatura (cls non confinato) N/(Af cd ) = 0,3 χ y = 0,0071 χ u = 0,0155 μ =2, Diagramma Momento-Curvatura SLPlast LTcls SLV bilineare NZS SLC SL85% LTacc SLFess SLDec ; c [rad/m] Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

89 M [KNm] Analisi della sezione: esempi Momento-curvatura (cls non confinato) N/(Af cd ) = 0,45 χ y = 0,0070 χ u = 0,0123 μ =1, Diagramma Momento-Curvatura LTacc SLPlast LTcls SLV bilineare NZS SLC SL85% SLFess SLDec ; c [rad/m] Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

90 M [KNm] Analisi della sezione: esempi Momento-curvatura (cls non confinato) Diagrammi Momento-Curvatura: effetto del carico assiale 900 Diagramma Momento-Curvatura νd = 0,15 νd = 0,3 νd = 0, c [rad/m] Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

91 μ Duttilità: effetto del carico assiale Analisi della sezione: esempi Momento-curvatura (cls non confinato) 3.5 Diagramma sforzo normale adimensionalizzato-duttilità Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

92 Domini di interazione M x - N Analisi della sezione: esempi Momento-curvatura (cls conf. parabola-rettangolo) N [kn] Salvaguardia della vita (SLV) Prevenzione del collasso (SLC) Prima plasticizzazione Stato Limite di Decompressione M [knm] Stato Limite di Fessurazione Limitazione delle tensioni: cls 2000 Limitazione delle tensioni: acciaio 4000 Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

93 M [KNm] Analisi della sezione: esempi Momento-curvatura (cls conf. parabola-rettangolo) N/(Af cd ) = 0,15 χ y = 0,0069 χ u = 0,0893 μ =12, LTcls SLV Diagramma Momento-Curvatura SLC bilineare NZS 500 SLPlast SL85% 400 LTacc SLFess SLDec ; c [rad/m] Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

94 M [KNm] Analisi della sezione: esempi Momento-curvatura (cls conf. parabola-rettangolo) N/(Af cd ) = 0,3 χ y = 0,0073 χ u = 0,0733 μ =10, SLV Diagramma Momento-Curvatura bilineare NZS SLC LTcls 600 SLPlast SL85% 500 LTacc SLFess SLDec ; c [rad/m] Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

95 M [KNm] Analisi della sezione: esempi Momento-curvatura (cls conf. parabola-rettangolo) N/(Af cd ) = 0,45 χ y = 0,0073 χ u = 0,0581 μ =7, SLV Diagramma Momento-Curvatura SLC bilineare NZS SLPlast LTcls LTacc SL85% SLFess SLDec ; c [rad/m] Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

96 M [KNm] Analisi della sezione: esempi Momento-curvatura (cls conf. parabola-rettangolo) Effetto del carico assiale 900 Diagramma Momento-Curvatura νd = 0,15 νd = 0,3 νd = 0, c [rad/m] Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

97 μ Relazione duttilità carico assiale Analisi della sezione: esempi Diagramma sforzo normale adimensionalizzato-duttilità Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

98 Domini di interazione (cls conf. reale ) Domini di interazione M x - N Analisi della sezione: esempi Legame cls nucleo confinato: Braga-Gigliotti-Laterza N [kn] Salvaguardia della vita (SLV) Prevenzione del collasso (SLC) Prima plasticizzazione Stato Limite di Decompressione M [knm] Stato Limite di Fessurazione Limitazione delle tensioni: cls 2000 Limitazione delle tensioni: acciaio 4000 Rosario Gigliotti Ordine degli ingegneri Pistoia 17 maggio

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Riferimenti Iconografici

Riferimenti Iconografici Corso di Aggiornamento per Geometri su Problematiche Strutturali Calcolo agli Stati Limite Aspetti Generali 18 novembre 005 Dr. Daniele Zonta Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Università

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Corso di formazione in INGEGNERIA SISMICA Verres, 11 Novembre 16 Dicembre, 2011 Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Alessandro P. Fantilli alessandro.fantilli@polito.it Verres,

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni APPLICAZIONI INNOVATIVE CON MICROCA ALCESTRUZZI DUTTILI PER RINFORZII ED ADEGUAMENTI SISMICI Dario Rosignoli Stefano Maringoni Tecnochem Italiana S.p.A. Sommario Con gli acronimi HPFRC High Performancee

Dettagli

Vulnerabilità Sismica di Edifici in C.A. Irregolari in Pianta: Modellazione ed Analisi Statica Non Lineare

Vulnerabilità Sismica di Edifici in C.A. Irregolari in Pianta: Modellazione ed Analisi Statica Non Lineare Vulnerabilità Sismica di Edifici in C.A. Irregolari in Pianta: Modellazione ed Analisi Statica Non Lineare Fabio Mazza Dipartimento di Ingegneria Civile, Università della Calabria, 87036, Rende (Cosenza).

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO. 7.1 Principi generali. 7.1.1 Premessa BOZZA

Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO. 7.1 Principi generali. 7.1.1 Premessa BOZZA BOZZA Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7.1 Principi generali 7.1.1 Premessa Con il nome di strutture composte acciaio-calcestruzzo vengono indicate usualmente

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

Edifici in muratura in zona sismica

Edifici in muratura in zona sismica Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia - 26 novembre 2010 Edifici in muratura in zona sismica Dott. Ing. Nicola GAMBETTI, Libero Professionista EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA

Dettagli

IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO. Domenico Leone

IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO. Domenico Leone IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO Domenico Leone IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza più che trentennale

Dettagli

Progettazione sismica di edifici prefabbricati in c.a. Aspetti normativi ed esempio applicativo

Progettazione sismica di edifici prefabbricati in c.a. Aspetti normativi ed esempio applicativo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO ORDINE INGG. BERGAMO Pagina i/53 LE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI - D.M. 14 Gennaio 2008 AZIONE SISMICA E PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Progettazione sismica di

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE CAPITOLO 7. 7. PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE BOZZA DI LAVORO Ottobre 2014 278 [BOZZA DI LAVORO OTTOBRE 2014] CAPITOLO 7 Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove

Dettagli

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO, LA VALUTAZIONE E L ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI 1 OGGETTO DELLE NORME...7 2 REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA...8 2.1 SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITÀ

Dettagli

Analisi non lineare di sezioni in c.a. soggette a pressoflessione deviata

Analisi non lineare di sezioni in c.a. soggette a pressoflessione deviata Analisi non lineare di sezioni in c.a. soggette a pressoflessione deviata Marco Di Ludovico, Gian Piero Lignola, Andrea Prota, Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Università degli Studi

Dettagli

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 1. Descrizione della struttura portante Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 terrazzamenti delimitati da preesistenti muri di sostegno. L edificio è suddiviso

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Facoltà di Ingegneria. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI STRUTTURE IN ACCIAIO

Università degli Studi della Basilicata Facoltà di Ingegneria. Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI STRUTTURE IN ACCIAIO Università degli Studi della Basilicata Facoltà di Ingegneria Corso di TECNICA DELLE COSTRUZIONI STRUTTURE IN ACCIAIO Docente: Collaboratori: Prof. Ing. Angelo MASI Dr. Ing. Giuseppe Santarsiero Ing. Vincenzo

Dettagli

Istruzioni per la Valutazione Affidabilistica della Sicurezza Sismica di Edifici Esistenti

Istruzioni per la Valutazione Affidabilistica della Sicurezza Sismica di Edifici Esistenti CNR Commissione di studio per la predisposizione e l analisi di norme tecniche relative alle costruzioni CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE COMMISSIONE DI STUDIO PER LA PREDISPOSIZIONE E L'ANALISI DI NORME

Dettagli

Calcolo semplificato agli stati limite

Calcolo semplificato agli stati limite CARLO SIGMUND Calcolo semplificato agli stati limite PER STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO ACCIAIO LEGNO MURATURA @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on

Dettagli

FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA

FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA Strutture esistenti in c.a. e c.a.p., livelli di conoscenza, prove distruttive e non distruttive, progetto

Dettagli

Elaborato di Meccanica delle Strutture

Elaborato di Meccanica delle Strutture Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Elaborato di Meccanica delle Strutture Docente

Dettagli

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO 1 (Ridis. con modifiche da M. De Stefano, 2009) 2 3 Concetto di duttilità 4 5 6 7 E necessario avere i valori di q dallo strutturista ( ma anche qo). Per

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA

EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo IX CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Dott.Ing. Giulio Pandini L Ingegneria e la Sicurezza Sismica Novembre 2003 EDIFICI CON STRUTTURA IN MURATURA Prof.

Dettagli

2.2.8 Spettri di progetto

2.2.8 Spettri di progetto 2.2.8 Spettri di progetto Passando alla fase progettuale si dà per scontato che per gli Stati Limite Ultimi (SLV e SLC) la struttura vada largamente in campo plastico. Si devono quindi utilizzare metodi

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M.

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008 Con decreto ministeriale 14 gennaio 2008, pubblicato nella

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TECNICA DI DEFINIZIONE DELLE PROPRIETA' DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA Descrizione

Dettagli

9. La fatica nei compositi

9. La fatica nei compositi 9.1. Generalità 9. La fatica nei compositi Similmente a quanto avviene nei materiali metallici, l'applicazione ad un composito di carichi variabili ciclicamente può dar luogo a rottura anche quando la

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per

Dettagli

dell affidabilità strutturale

dell affidabilità strutturale Metodiprobabilisticiper per lavalutazione dell affidabilità strutturale Obiettivo dell esercitazione: acquisire le conoscenze necessarie per applicare i metodi probabilistici (livello III, II e semi probabilistico)

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo Stefania Arangio, Francesca Bucchi, Franco Bontempi Stefania Arangio, Francesca

Dettagli

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA OPERE PROVVISIONALI CRITERI GENERALI Le opere di pronto intervento hanno lo scopo di garantire condizioni di sicurezza nelle strutture oggetto

Dettagli

PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI

PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI PROGETTO DI STRUTTURE LA RIPARTIZIONE DEI CARICHI NEGLI EDIFICI Paolacci Fabrizio Università degli Studi Roma Tre Facoltà di Ingegneria INDICE 1. Introduzione 2. La ripartizione dei carichi verticali 2.1.

Dettagli

PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO

PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO COLLANA DI MANUALI DI PROGETTAZIONE ANTISISMICA VOLUME 5 PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO M. Dolce, D. Cardone, F. C. Ponzo, A. Di Cesare INDICE CAPITOLO 1: Introduzione all isolamento sismico

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Valore caratteristico EC7

Valore caratteristico EC7 Procedura da adottare - Azioni (E) Valore caratteristico EC7 Per le combinazioni delle azioni si rimanda a quanto detto ampiamente in precedenza. Resistenze (Rd) del sistema geotecnico Il valore di progetto

Dettagli

Resistenza sismica di telai in c.a. progettati con il R.D. 2229/39

Resistenza sismica di telai in c.a. progettati con il R.D. 2229/39 XI Congresso Nazionale L ingegneria Sismica in Italia, Genova -9 gennaio Resistenza sismica di telai in c.a. progettati con il R.D. 9/9 M. Vona, A. Masi Dipartimento di Strutture, Geotecnica, Geologia

Dettagli

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2 MIT-SE Plus 300 e 400 Ancorante Chimico Strutturale Vinilestere/Epossiacrilato certificato ETA/CE DESCRIZIONE Mungo MIT-SE Plus è un ancorante chimico strutturale ad alte prestazioni e rapido indurimento,

Dettagli

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max.

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max. Rexroth Pneumatics 1 Pressione di esercizio min/max 2 bar / 8 bar Temperatura ambiente min./max. -10 C / +60 C Fluido Aria compressa Dimensione max. particella 5 µm contenuto di olio dell aria compressa

Dettagli

strutture legate non autoportanti

strutture legate non autoportanti Il comportamento sotto sisma delle strutture metalliche dedicate a vano corsa ascensore, legate ad edifici esistenti: problemi e soluzioni. - 1 a parte - abstract Le strutture metalliche che costituiscono

Dettagli

Progetto di un edificio in muratura con alcuni elementi portanti in c.a. per civile abitazione

Progetto di un edificio in muratura con alcuni elementi portanti in c.a. per civile abitazione DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA E STRUTTURALE FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOMETRI SU PROBLEMATICHE STRUTTURALI Verona, Novembre Dicembre 2005

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi

1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi Ing. Antonino Gerardi 1 1. LA SICUREZZA STRUTTURALE IN SITUAZIONI D INCENDIO I. Definizioni II. Obiettivi 2. QUADRO NORMATIVO NAZIONALE I. Settori di regolamentazione II. Livelli di prestazione III. Criteri

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Giovanni Metelli Università degli Studi di Brescia

Giovanni Metelli Università degli Studi di Brescia PROGETTARE LE STRUTTURE IN LEGNO Giovanni Metelli Università degli Studi di Brescia gmetelli@ing.unibs.it a.a. 2011-12 1 1. LEGNO: Caratteristiche fisiche e meccaniche del materiale 2. Legno e materiali

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

MapeWrap Resilient System

MapeWrap Resilient System C.P. MK707910 (I) 12/13 INNOVATIVO SISTEMA DI PROTEZIONE PASSIVA DEGLI EDIFICI NEI CONFRONTI DELLE AZIONI SISMICHE L unione delle tecnologie Mapei per la protezione in caso di sisma Applicazione di un

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

COLLAUDO STATICO DELLE STRUTURE Trapani, 15 novembre 2013

COLLAUDO STATICO DELLE STRUTURE Trapani, 15 novembre 2013 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Trapani SEMINARIO COLLAUDO STATICO DELLE STRUTURE Trapani, 15 novembre 2013 Relatore: Ing. Santo Mineo Amministratore unico CIMENTO S.r.l. Laboratorio di diagnostica

Dettagli

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE 175 ntroduzione all analisi dei problemi di collasso. L analisi del comportamento del terreno potrebbe essere fatta attraverso dei modelli di comportamento elasto plastici, ma questo tipo di analisi richiede

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici

Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici » Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Sezione Prima Adunanza del 14 dicembre 2010 Protocollo 155/2010 OGGETTO: DPR 380/2001 e DM 14/01/2008. Richiesta di pareri. FIRENZE LA SEZIONE VISTE la nota n.

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

1 Introduzione alla dinamica dei telai

1 Introduzione alla dinamica dei telai 1 Introduzione alla dinamica dei telai 1.1 Rigidezza di un telaio elementare Il telaio della figura 1.1 ha un piano solo e i telai che hanno un piano solo, sono chiamati, in questo testo, telai elementari.

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

LA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE D ACCIAIO DOTATE DI RIVESTIMENTI PROTETTIVI

LA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE D ACCIAIO DOTATE DI RIVESTIMENTI PROTETTIVI ATTIVITA DI RICERCA DEL LABORATORIO DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI Anno 2001 Progetto di ricerca n.5 LA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE D ACCIAIO DOTATE DI RIVESTIMENTI PROTETTIVI Dirigente proponente:dott.ing.

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8 Valutazione della Minimum Pressurizing Temperature (MPT) per reattori di elevato spessore realizzati in acciai bassolegati al Cr-Mo, in esercizio in condizioni di hydrogen charging Sommario G. L. Cosso*,

Dettagli

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Scheda Tecnica Edizione14.10.11 Sikadur -31CFNormal Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Indicazioni generali Descrizione Sikadur -31CFNormalèunamaltaepossidicabicomponente,contenenteaggregatispeciali,perincollaggieriparazionistrutturali,tolleral

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

NORMATIVA TECNICA PER LE COSTRUZIONI

NORMATIVA TECNICA PER LE COSTRUZIONI NORMATIVA TECNICA PER LE COSTRUZIONI COSTRUZIONI ESISTENTI: LIVELLI DI CONOSCENZA E INDAGINI DIAGNOSTICHE STRUTTURALI ING. ROCCO TOLVE MATERA 05 OTTOBRE 2011 Costruzioni esistenti : livelli di conoscenza

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Linee guida per la Progettazione, l Esecuzione ed il Collaudo di Interventi di Rinforzo di strutture di c.a., c.a.p. e murarie mediante FRP

Linee guida per la Progettazione, l Esecuzione ed il Collaudo di Interventi di Rinforzo di strutture di c.a., c.a.p. e murarie mediante FRP Linee guida per la Progettazione, l Esecuzione ed il Collaudo di Interventi di Rinorzo di strutture di c.a., c.a.p. e murarie mediante FRP Documento approvato il 24 luglio 2009 dall assemblea Geneale Consiglio

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO: ESEMPI DI CALCOLO Strutture a telaio Strutture a controventi eccentrici

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO: ESEMPI DI CALCOLO Strutture a telaio Strutture a controventi eccentrici CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE La progettazione strutturale in zona sismica Il nuovo quadro normativo Comune di Castellammare di Stabia - Scuola Media Statale Luigi Denza - dal 27/02/2007 al 10/05/2007-

Dettagli

Rapporto CESI. Cliente: Oggetto: Ordine: Contratto CESI n. 71/00056. Note: N. pagine: 13 N. pagine fuori testo: Data: 30.05.2000.

Rapporto CESI. Cliente: Oggetto: Ordine: Contratto CESI n. 71/00056. Note: N. pagine: 13 N. pagine fuori testo: Data: 30.05.2000. A0/010226 Pag.1/13 Cliente: Ricerca di Sistema Oggetto: Determinazione della tenacità di acciai eserciti - Correlazioni per stime di FATT da prove Small Punch Ordine: Contratto CESI n. 71/00056 Note: DEGRADO/GEN04/003

Dettagli

CAPI P T I O T L O O 1. OGGETTO

CAPI P T I O T L O O 1. OGGETTO CAPITOLO 1. OGGETTO 2 CAPITOLO 1 1. OGGETTO Le presenti Norme tecniche per le costruzioni definiscono i principi per il progetto, l esecuzione e il collaudo delle costruzioni, nei riguardi delle prestazioni

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pistoia

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pistoia Ordine degli Ingegneri della Provincia di Pistoia Corso di aggiornamento professionale Progettazione di strutture in legno massiccio e lamellare secondo le NTC 2008 Pistoia, 16-29 ottobre e 5-12 novembre

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli