Supplemento a Ematologia e dintorni 2014, Volume 2 - Numero 5

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Supplemento a Ematologia e dintorni 2014, Volume 2 - Numero 5"

Transcript

1 PERIODICO DI AGGIORNAMENTO MEDICO Rivista trimestrale - Reg. Trib. PI n. 11/13 del 25 novembre 2013 ISSN Supplemento a Ematologia e dintorni 2014, Volume 2 - Numero 5

2

3 PERIODICO DI AGGIORNAMENTO MEDICO Supplemento al Volume 2 - Numero 5 - Dicembre 2014 ISSN Ematologia e dintorni Rivista trimestrale - Reg. Trib. PI n. 11/13 del 25 novembre 2013 Direzione scientifica Massimo Offidani (Ancona) Esther N. Oliva (Reggio Calabria) Davide Rossi (Novara) Direttore responsabile Domenico Santucci (Pisa) Editore Primula Multimedia S.r.l. Via G. Ravizza, 22/b Pisa - Loc. Ospedaletto Tel ; fax Realizzazione editoriale Primula Multimedia S.r.l. Responsabile di redazione Massimo Piccione Stampa Litografia Varo - San Giuliano Terme (PI) Avvertenza ai lettori La responsabilità per i contenuti e le opinioni espresse in questa rivista è unicamente degli Autori. L Editore declina ogni responsabilità derivante da errori od omissioni in merito a dosaggio e impiego di prodotti eventualmente citati negli articoli, e invita il lettore a controllarne personalmente l esattezza, facendo riferimento alla bibliografia relativa. Indice Il mieloma multiplo alla prima recidiva Guida al trattamento M. Boccadoro, M. Cavo, A. Palumbo 2 Copyright 2015 by Primula Multimedia Finito di stampare nel mese di agosto 2015

4 Mario Boccadoro* Michele Cavo** Antonio Palumbo*** * Divisione Universitaria di Ematologia, Città della Salute e della Scienza di Torino, Torino ** Istituto di Ematologia Seràgnoli, Alma Mater Studiorum, Università degli Studi di Bologna, Azienda Ospedaliero-Universitaria Sant Orsola-Malpighi, Bologna *** Dipartimento di Ematologia, Università di Torino, Torino Il mieloma multiplo alla prima recidiva Guida al trattamento Parole chiave: mieloma multiplo, prima recidiva, terapia, switch, retreatment Corrispondenza: Mario Boccadoro, Divisione Universitaria di Ematologia, Città della Salute e della Scienza di Torino,Via Genova 3, Torino Accettato per la pubblicazione il 23 luglio 2015 Riassunto Negli ultimi anni, lo sviluppo di nuove molecole per il trattamento del mieloma multiplo (MM) ha migliorato significativamente la prognosi dei pazienti. Tuttavia, l incidenza della ricaduta rimane molto alta. Al contrario di quello che succede per i trattamenti di prima linea, la terapia alla prima recidiva non è ancora standard e la disponibilità di diversi regimi terapeutici complica la scelta del trattamento. L obiettivo di questo articolo è fornire una guida che aiuti i medici ad orientarsi nella scelta della migliore strategia terapeutica per i pazienti con MM alla prima recidiva. A questo scopo, abbiamo eseguito un analisi della Letteratura e delineato algoritmi di trattamento che possano facilitare la scelta della terapia, affinché ciascun paziente ne tragga il maggior beneficio possibile. Introduzione L introduzione di nuove molecole per il trattamento dell MM, quali gli inibitori del proteasoma (bortezomib) e gli immunomodulatori (IMmunomodulatory Drugs (IMiD ), lenalidomide e talidomide), ha migliorato sia la qualità della risposta sia la sopravvivenza dei pazienti [1]. Sulla base dei risultati di follow-up clinico a lungo termine, è stato anche recentemente proposto che alcune tipologie di MM possano, ad oggi, considerarsi guaribili [2]. Tuttavia, i dati di Letteratura indicano che la maggior parte dei pazienti con MM andrà incontro ad una ricaduta [3]. Anche se le nuove terapie hanno permesso di prolungare le durate mediane della sopravvivenza globale (Overall Survival, OS) e della sopravvivenza libera da progressione (Progression- Free Survival, PFS) in seguito alla prima recidiva, al momento non esiste un trattamento standard da applicare in questi casi [4-5]. Data l influenza della scelta delle sequenze terapeutiche sul corso della malattia e, soprattutto, data la possibilità di sviluppo di cloni resistenti in seguito ai trattamenti sia di prima linea sia dopo la ricaduta [6-8], è evidente l importanza di adottare un metodo ragionato che tenga conto della storia pregressa della malattia. In Italia, i farmaci con autorizzazione all immissione in commercio (AIC) per MM alla prima recidiva sono la lenalidomide, impiegata in associazione con desametasone, e il bortezomib, usato in monoterapia o in associazione con doxorubicina liposomiale pegilata (DLP) o desametasone. Inoltre, la talidomide può essere utilizzata nella terapia di prima linea e la bendamustina può essere impiegata nel trattamento dell MM alla ricaduta 2

5 Il mieloma multiplo alla prima recidiva. Guida al trattamento secondo la legge 648/96 solo quando altri trattamenti sono inappropriati o controindicati. Trattamento del mieloma multiplo alla prima recidiva Obiettivi terapeutici Prima di discutere l obiettivo del trattamento della prima recidiva di malattia, è necessario distinguere tra recidiva clinica e recidiva biologica. Tali definizioni sono state proposte dall International Myeloma Workshop Group (IMWG) sulla base dei criteri dell American Society of Hematology (Food and Drug Administration panel on endpoints in myeloma) per definire e rendere omogenee le popolazioni degli studi clinici [9] (Tabella 1). Il trattamento della recidiva riguarda i pazienti con una recidiva clinica e/o i pazienti che presentano una recidiva biologica significativa [9]. È ancora dibattuto se iniziare il trattamento nel caso di recidiva biochimica (25% di aumento della paraproteina rispetto alla miglior risposta, senza ricomparsa dei sintomi CRAB, dall inglese, C = Calcium (elevated), R = Renal failure, A = Anemia, B = Bone lesions) [10]. In ogni caso, l obiettivo terapeutico alla prima recidiva è simile a quello del trattamento di prima linea, e cioè il prolungamento della OS. In particolare, è stato dimostrato che sia il tipo che la durata della Tabella 1 Definizione di recidiva clinica e biologica secondo l International Myeloma Workshop Group. Modificata da [9]. Recidiva clinica (uno o più dei seguenti criteri) Comparsa di un nuovo plasmocitoma nei tessuti molli o di lesioni ossee rilevabili all Imaging Aumento delle dimensioni dei plasmocitomi già presenti o delle lesioni ossee > 50% (e almeno di 1 cm) Ipercalcemia Diminuzione del livello di emoglobina (così come definita alla diagnosi) Disfunzione renale ( de novo o recidivante) Iperviscosità che richieda un intervento terapeutico Recidiva biologica (uno dei seguenti criteri) Raddoppio della componente monoclonale rilevato in due misurazioni consecutive in un intervallo < 2 mesi con 0,5 g/dl come valore di riferimento Quando in due misurazioni consecutive si verifica un aumento di uno dei seguenti parametri - Livello serico di proteina monoclonale 1 g/dl - Livello di proteina monoclonale nelle urine 500 mg/24 ore - Livello delle catene leggere libere 20 mg/dl (e un rapporto anomalo di catene leggere libere) o aumento del 25% risposta si correlano con la sopravvivenza: infatti, l ottenimento di una risposta completa (Complete Response, CR), più frequente con i nuovi agenti terapeutici, è correlato ad un prolungamento della OS sia durante il trattamento di prima linea che in caso di recidiva e a prescindere dall età [11-14], ed i pazienti che mantengono la CR nel tempo hanno una OS significativamente più lunga rispetto a quelli che non conseguono o perdono tale risposta durante il decorso clinico [15]. Inoltre, è stato dimostrato che i nuovi agenti terapeutici impiegati nel trattamento della ricaduta dell MM danno tassi di risposta (Overall Response Rate, ORR) e PFS mediane superiori, se utilizzati precocemente a partire dalla prima recidiva [16-18]. Tuttavia, nel caso di pazienti anziani, bisogna prestare particolare attenzione all eventuale stato di debolezza del soggetto, adattando, se necessario, le modalità terapeutiche al fine di ridurre al minimo la tossicità. Cambiamento dell agente terapeutico (switch) e ritrattamento (retreatment) A partire dall introduzione degli IMiD e degli inibitori del proteasoma nel trattamento di prima linea, è emersa, alla comparsa della prima recidiva, la questione se sia meglio eseguire uno switch, ossia cambiare la classe terapeutica o l agente terapeutico impiegati in prima linea per superare possibili resistenze, o eseguire un retreatment, ovvero riprendere il trattamento con la stessa molecola, o lo stesso regime terapeutico [19-20]. Sono stati formulati diversi criteri di scelta di un ritrattamento rispetto a un cambiamento della molecola ma, ad oggi, non esiste un chiaro consenso su quale sia il criterio di scelta a favore di una strategia rispetto all altra. L analisi dei dati di Letteratura indica che il retreatment potrebbe rappresentare un opzione nei seguenti casi: Dopo un intervallo senza trattamento maggiore di sei mesi [20-21]; Dopo una remissione di durata superiore alla durata mediana della PFS nello studio clinico che ha valutato il trattamento [22]; Dopo un intervallo senza trattamento maggiore di dodici mesi in seguito ad un trattamento precedente di breve durata; Nei pazienti anziani (> 65 anni) quando la risposta è duratura, ovvero maggiore a venti-ventiquattro mesi dopo una terapia d induzione di prima linea o maggiore a nove-dodici mesi dopo una terapia alla recidiva [10]. Nonostante, dunque, i criteri proposti siano variabili e poco consensuali, il più accurato sembra essere quello basato sulla durata della PFS riportata negli studi clinici [10, 22], in quanto presenta il vantaggio di essere indipendente dal trattamento precedente. Quindi, in generale, se la durata della 3

6 Mario Boccadoro, Michele Cavo, Antonio Palumbo Retreatment e switch: definizione e criteri di scelta Retreatment Utilizzo della stessa molecola (o dello stesso regime terapeutico), in monoterapia o in associazione, in due linee consecutive. Raccomandato preferenzialmente se la durata della remissione supera la sopravvivenza libera da progressione (Progression- Free Survival, PFS) mediana attesa dopo uno specifico trattamento di prima linea. Switch Cambiamento dell agente terapeutico, da una classe all altra o all interno di una stessa classe, per ridurre il rischio di sviluppare resistenza, o superarla. Raccomandato principalmente se la recidiva si manifesta prima della durata mediana della PFS registrata nello studio clinico di riferimento di prima linea. Criteri di scelta Come durata mediana di PFS di riferimento si considera: Trentasei mesi in caso di trattamento d induzione con bortezomib/talidomide/desametasone o bortezomib/desametasone seguito da un trattamento d intensificazione con autotrapianto; Ventiquattro mesi in caso di trattamento con melfalan/prednisone/bortezomib o melfalan/prednisone/talidomide nei pazienti che non hanno i requisiti necessari per sottoporsi al trapianto. remissione dovesse superare la durata mediana della PFS riportata dallo studio clinico di riferimento, si potrebbe procedere con il retreatment, altrimenti con lo switch. Gli studi clinici di riferimento per una stima ottimale della durata della PFS sono: Per i pazienti eleggibili al trapianto: Lo studio del gruppo italiano GIMEMA (Gruppo Italiano Malattie EMatologiche dell Adulto), il quale ha dimostrato che pazienti trattati con il regime terapeutico a base di bortezomib/talidomide/desametasone (VTD), doppio autotrapianto di cellule staminali emopoietiche e terapia di consolidamento con VTD non raggiungono la PFS mediana versus una PFS di trentadue mesi del braccio di confronto con talidomide e desametasone (TD); per questi pazienti il Treatment-Free Interval (TFI) è di circa trenta mesi [23]; La metanalisi degli studi clinici di fase III che valutano i trattamenti d induzione con o senza bortezomib, che ha dimostrato che pazienti trattati con regimi a base di bortezomib raggiungono una PFS mediana di trentasei mesi [24]; Per i pazienti non eleggibili al trapianto: Lo studio VISTA, che ha riportato con la combinazione terapeutica melfalan/prednisone/bortezomib (MPV) una PFS mediana di ventiquattro mesi [25]; Lo studio IFM-99-06, che ha dimostrato con l associazione terapeutica melfalan/prednisone/talidomide (MPT) una PFS mediana di 27,5 mesi [26]; Lo studio IFM-01-01, che ha rilevato con il regime di trattamento MPT una PFS mediana di 24,1 mesi [27]. Terapie disponibili alla prima recidiva Premessa In Italia, attualmente, i farmaci con AIC sono bortezomib e lenalidomide. Tuttavia, recentemente, l Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha autorizzato l utilizzo della combinazione bendamustina/bortezomib/desametasone (BVD) in pazienti con MM recidivato per i quali non sono disponibili altri farmaci, perché inappropriati o controindicati (legge 648/96). Nella Tabella 2 è riportata la posologia della terapia in caso di prima recidiva, secondo le raccomandazioni degli esperti. Tabella 2 Posologia della terapia in caso di prima recidiva. AIFA, Agenzia Italiana del Farmaco. Bortezomib Iniziare il trattamento con 1,3 mg/m 2 per otto cicli, preferibilmente per via sottocutanea data la minore tossicità del farmaco Adottare il regime bisettimanale per preservare l effetto dose-intensità; quando l effetto dose-intensità non è necessario, optare per il regime di trattamento settimanale Lenalidomide Iniziare con 25 mg/die a prescindere dall età, e proseguire fino alla progressione della malattia (come raccomandato dall AIFA) Per i soggetti con insufficienza renale, definita in base alla valutazione della clearance della creatinina, fare riferimento al riassunto delle caratteristiche del prodotto per adattare la posologia iniziale In funzione della tolleranza al trattamento si può effettuare un aggiustamento della dose durante la terapia Desametasone Iniziare con 40 mg nei soggetti di età < 75 anni o 20 mg nei soggetti di età > 75 anni mediante somministrazione settimanale, salvo nei casi altamente aggressivi, in cui si può attuare una sequenza di quattro giorni consecutivi Mantenere il trattamento alla dose massima tollerata fino all ottenimento della risposta stabile e poi aggiustare la dose in funzione della tolleranza 4

7 Il mieloma multiplo alla prima recidiva. Guida al trattamento Bortezomib Il bortezomib si usa: In monoterapia. Lo studio APEX ha dimostrato PFS e OS mediane superiori nel braccio di trattamento con bortezomib rispetto al solo trattamento con desametasone ad alte dosi [28]; In associazione con DLP. Lo studio di Orlowski e collaboratori ha riportato un ORR del 52% e una PFS mediana di 9,3 mesi con la combinazione bortezomib/dlp [29]; In associazione con desametasone. Lo studio MMY-3021 ha dimostrato che l aggiunta di desametasone al solo bortezomib aumentava i tassi di CR e PR (Partial Response, risposta parziale) [23]. Questa combinazione è stata valutata anche in uno studio di fase II [30] e in due studi retrospettivi [31-32]. Inoltre, la somministrazione sottocutanea, anziché endovenosa, di bortezomib non solo non inficia il dato di PFS mediana e OS ad un anno, ma è associata ad una minore tossicità: il 57% di eventi avversi di grado 3 versus il 70% con la somministrazione endovenosa, il 38% di neuropatie periferiche di tutti i gradi versus il 53% (p = 0,044) e il 24 versus il 41% per i gradi uguali o maggiori di 2 (p = 0,012) [33]. Lenalidomide La lenalidomide si usa: In associazione con desametasone. Gli studi MM-009 e MM-010 hanno dimostrato la superiorità di questa associazione terapeutica rispetto a desametasone ad alte dosi: 60% di risposte globali, 13,4 mesi di PFS e 38 mesi di OS [34]. Lo studio di Stadtmauer e collaboratori ha dimostrato che la terapia a base di lenalidomide/ desametasone (RD) permette di ottenere alla prima recidiva un tasso di risposta globale pari al 66,9% (vs 56,8%; p = 0,06), un TTP (Time to Pregression, tempo di progressione) mediano di 17,1 mesi (vs 10,6 mesi; p = 0,026) e una OS mediana di 42 mesi (vs 35,8 mesi; p = 0,041), rispetto a quanto ottenuto da un suo impiego in linee di trattamento successive [16]. Ciò supporta un utilizzo precoce di questa combinazione in caso di recidiva. Inoltre, poiché l efficacia della terapia con RD (in termini di ORR e PFS) è stata riscontrata in tutte le fasce d età, se ne consiglia l utilizzo anche nei soggetti molto anziani ( 75 anni). Guida per il trattamento della prima recidiva: algoritmi di trattamento Premessa La disponibilità di diversi regimi terapeutici autorizzati per il trattamento dell MM dopo la prima recidiva complica la scelta del trattamento al momento della ricomparsa della malattia. In casi come questo, potrebbe risultare utile lo sviluppo di algoritmi di trattamento che permettano al clinico di avere criteri logici di scelta tra switch e retreatment. A questo scopo sono stati analizzati i dati di Letteratura riguardanti la risposta dei pazienti alle diverse terapie disponibili per il trattamento dell MM dopo recidiva e, sulla base del lavoro di Hulin e collaboratori [35], tale informazione è stata integrata in algoritmi di trattamento. Per facilitare l analisi sono stati delineati tre algoritmi: uno per il trattamento della prima recidiva in pazienti sottoposti a trapianto autologo (Figura 1) e due per il trattamento della prima recidiva nei pazienti non eleggibili al trapianto e che in prima linea sono trattati con i regimi terapeutici MPV (Figura 2) e MPT (Figura 3). Trattamento della prima recidiva in seguito a terapia d induzione con trapianto autologo Premessa Le più recenti Linee Guida dell IMWG [36] raccomandano che il trapianto autologo sia eseguito come terapia di prima linea, in combinazione al trattamento Strategia di trattamento della prima recidiva in seguito a terapia di induzione con trapianto autologo Quando la recidiva avviene in un paziente sottoposto ad un trattamento intensivo di prima linea, le informazioni cliniche da considerare per la scelta terapeutica sono: Tempo alla recidiva; Eleggibilità ad un secondo trapianto; Aggressività della recidiva. Se il tempo alla recidiva è < 3 anni (mediana della sopravvivenza libera da recidiva stimata negli studi clinici), la miglior scelta terapeutica è lo switch dell agente terapeutico. Se il tempo alla recidiva è 3 anni, tre opzioni terapeutiche sono disponibili: Ritrattamento con secondo trapianto (la soglia del tempo di recidiva può essere ridotta a due anni per i pazienti in cui il trattamento di prima linea non abbia incluso un nuovo agente terapeutico nella terapia di induzione, un autotrapianto e un consolidamento); Ritrattamento con uno stesso agente terapeutico (combinazione a base di bortezomib); Cambiamento dell agente terapeutico. Se la recidiva è aggressiva, si può prendere in considerazione l aggiunta di un terzo farmaco, avendo cura di scegliere una combinazione tripla a bassa tossicità. 5

8 Mario Boccadoro, Michele Cavo, Antonio Palumbo VTD Trapianto VTD a Tempo alla recidiva < di 36 mesi b Tempo alla recidiva di 36 mesi b Cambiamento dell agente terapeutico (RD c ± terzo agente) Ritrattamento (VD c ± terzo agente) Fino a progressione Secondo trapianto se il soggetto è eleggibile ± consolidamento ± mantenimento d Otto cicli di trattamento Prima linea Prima recidiva Figura 1 Algoritmo di trattamento della prima recidiva nei soggetti sottoposti ad un trattamento intensivo di prima linea (VTD, trapianto, VTD). a Il trattamento di prima linea consigliato dalle Linee Guida per soggetti eleggibili a trapianto è la combinazione VTD, seguita il più delle volte da una terapia di consolidamento con VTD dopo il trapianto [36]. b La soglia corrispondente al tempo alla recidiva è stata individuata in base alla mediana della sopravvivenza libera da recidiva stimata negli studi clinici [24]. In caso di ritrattamento tramite autotrapianto, il lasso di tempo può essere ridotto a due anni se la terapia di prima linea non aveva incluso un induzione con un nuovo agente terapeutico, un autotrapianto e un consolidamento. c Alla prima recidiva, trattamenti a base di lenalidomide e bortezomib sono più efficaci [30, 34]. Una combinazione a tre farmaci può essere utile, in particolare nel caso di recidive considerate aggressive, che richiedono un effetto in tempi rapidi. d In determinati pazienti, si è dimostrato efficace un secondo autotrapianto insieme ad una terapia di induzione sistemica [45]. VTD, bortezomib/talidomide/desametasone; RD, lenalidomide/desametasone; VD, bortezomib/desametasone. Modificata da [35]. Tempo alla recidiva < di 24 mesi b Cambiamento dell agente terapeutico (RD c ) MPV a Tempo alla recidiva di 24 mesi b Ritrattamento (VD d ± terzo agente) Prima linea Prima recidiva Figura 2 Algoritmo di trattamento della prima recidiva nei soggetti sottoposti ad una chemioterapia di prima linea con MPV. a Per i soggetti senza i requisiti per sottoporsi al trapianto, MPV può essere la scelta terapeutica preferenziale nei casi in cui una rapida e profonda citoriduzione sia richiesta [10]. b La soglia corrispondente al tempo alla recidiva è stata individuata in base alla mediana del tempo fino alla progressione della malattia, stimata negli studi clinici [25]. c RD è la combinazione terapeutica che dimostra miglior efficacia alla prima recidiva [62]. L aggiunta di un terzo agente terapeutico deve essere valutata in base ai risultati degli studi clinici in corso [66]. d Il ritrattamento con bortezomib rappresenta una possibile opzione, dopo un trattamento di prima linea con MPV, a condizione che: la durata della risposta ad MPV sia stata soddisfacente, ovvero simile a quella degli studi clinici di riferimento [62]; non siano state segnalate sequele di neuropatie periferiche (vale a dire che persistono all avvio del trattamento di seconda linea) di grado uguale o maggiore di 2. MPV, melfalan/prednisone/bortezomib; RD, lenalidomide/desametasone; VD, bortezomib/desametasone. Modificata da [35]. d induzione più attivo a disposizione. In Letteratura, la terapia d induzione pre-trapianto più efficace è risultata essere una combinazione di tre farmaci comprensiva di bortezomib (VTD) [37]. Alla prima recidiva, le alternative terapeutiche per i pazienti trattati inizialmente con la combinazione VTD/trapianto sono: salvataggio con secondo trapianto autologo, ritrattamento senza trapianto 6

9 Il mieloma multiplo alla prima recidiva. Guida al trattamento Cambiamento dell agente terapeutico (RD b ) MPT a Recidiva Cambiamento dell agente terapeutico (VD ± terzo agente) Prima linea Prima recidiva Figura 3 Algoritmo di trattamento della prima recidiva nei soggetti sottoposti ad una chemioterapia di prima linea MPT. a Per i soggetti senza i requisiti per sottoporsi al trapianto, MPT è una scelta terapeutica valida [10]. b Dopo la recidiva, è consigliato il cambiamento dell agente terapeutico. RD è la combinazione terapeutica che dimostra miglior efficacia alla prima recidiva [48, 50, 63-64]. L aggiunta di un terzo agente terapeutico deve essere valutata in base ai risultati degli studi clinici in corso [30]. MPT, melfalan/prednisone/talidomide; RD, lenalidomide/desametasone; VD, bortezomib/desametasone. Modificata da [35]. autologo e cambiamento dell agente terapeutico (cfr. Figura 1). Nel caso di recidive aggressive, è preferibile utilizzare triplette di farmaci comprendenti lenalidomide o talidomide, che inducono una risposta rapida con una tossicità accettabile. Salvataggio con secondo trapianto autologo I dati di Letteratura descrivono mediane di OS comprese tra 3,5 e 5 anni in pazienti sottoposti al secondo autotrapianto dopo un primo autotrapianto [38-44]. Lo studio di Auner e collaboratori conferma l importanza dell autotrapianto in caso di recidiva riportando mediane di PFS e di OS pari, rispettivamente, a 15,5 mesi e 2,6 anni in pazienti sottoposti ad un secondo trapianto [45]. Inoltre, tale studio dimostra che nei pazienti in remissione per oltre ventuno mesi dopo il primo autotrapianto, la PFS è due volte superiore rispetto ai pazienti in remissione per un periodo inferiore ai ventuno mesi [45]. Una remissione poco duratura (inferiore a dodici mesi) si è invece dimostrata un fattore di prognosi sfavorevole in termini di sopravvivenza libera da eventi (Event-Free Survival EFS) e OS nello studio di Fenk [39]. Data la sua importanza prognostica, il lasso di tempo tra il primo autotrapianto e la ricaduta è, dunque, un fattore da tenere presente nella scelta terapeutica al momento della prima recidiva. In Letteratura, il secondo autotrapianto è consigliato nei pazienti candidati quando tale intervallo di tempo è superiore a 1,5-2 anni [46]. Tuttavia, una metanalisi degli studi clinici di fase III, che ha confrontato differenti trattamenti d induzione associati al trapianto, ha riportato una mediana di PFS di trentasei mesi [24]. Sulla base di questi dati, l opzione del secondo trapianto deve essere valutata quando il tempo alla recidiva è superiore a trentasei mesi. Riguardo alla scelta della terapia di reinduzione necessaria prima del secondo trapianto, non ci sono dati in Letteratura che permettono di affermare se sia meglio scegliere una terapia a base di bortezomib o di un altro regime terapeutico. Data l assenza di tali dati, la scelta può essere fatta secondo le indicazioni per la scelta del trattamento della recidiva senza autotrapianto. Ritrattamento senza trapianto: bortezomib o IMiD Bortezomib. Lo studio multicentrico di fase II Retrieve, condotto da Petrucci e collaboratori, ha valutato il ritrattamento con bortezomib o VD (72% dei soggetti) dopo una prima risposta (almeno parziale) a bortezomib nei pazienti con una recidiva, che sono stati sottoposti a un numero mediano di due linee di trattamento precedenti [47]. Alla prima recidiva, il tasso di risposta globale era pari al 67% e il TTP mediano nei pazienti che hanno ottenuto almeno una risposta parziale al trattamento di prima linea corrispondeva a 8,4 mesi. Nel gruppo di soggetti di età uguale o maggiore di 65 anni, l ORR ammontava al 45% e il TTP mediano nei soggetti responder era pari a 7,9 mesi. Inoltre, in un articolo del 2012, Mohty e collaboratori hanno riassunto i dati della Letteratura relativi al ritrattamento con bortezomib dopo la prima recidiva [46]. Da questi dati è emerso che dopo un ritrattamento con bortezomib i valori di TTP sono compresi tra sei e nove mesi e l ORR tra il 30 e il 60%. IMiD. Uno studio condotto da Madan e collaboratori ha valutato l effetto della terapia con IMiD (talidomide (T) e lenalidomide (L)) alla recidiva in pazienti precedentemente trattati con IMiD [48], il 7

10 Mario Boccadoro, Michele Cavo, Antonio Palumbo 75% dei quali era stato sottoposto ad un trapianto. Il ritrattamento con lenalidomide ha indotto risposte globali più alte rispetto al ritrattamento con talidomide (T/L: 48%; L/L: 54%; T/T: 30%; L/T: 30%); infatti, sebbene la TTP mediana per la popolazione dello studio sia stata di nove mesi nel sottogruppo di pazienti trattati e ritrattati, con lenalidomide (L/L) questo tempo sale a sedici mesi [48]. Cambiamento dell agente terapeutico: lenalidomide/desametasone, bortezomib/doxorubicina liposomiale pegilata e bortezomib/desametasone Lenalidomide/desametasone. Due studi clinici di fase III, MM-009 and MM-010, hanno dimostrato che questa combinazione di farmaci è più efficace nel trattamento dei pazienti con MM recidivato e/o refrattario rispetto al desametasone in monoterapia [34, 49-50]. Dalle sottoanalisi dei dati di questi due studi, eseguite da Chanan-Khan e collaboratori, è emerso: che nei pazienti precedentemente sottoposti a trapianto (n = 210) si ottiene un ORR del 63,1%; e che non ci sono differenze nella tollerabilità al trattamento tra pazienti sottoposti o meno a trapianto, con eccezione della neutropenia di grado 3/4, più frequente in pazienti precedentemente sottoposti a trapianto (38,1 vs 27,3%, p < 0,05) [51-52]. Inoltre, i pazienti con età uguale o maggiore di 65 anni trattati con RD, presentavano un TTP, una PFS e una OS mediane migliori rispetto ai pazienti trattati con desametasone in monoterapia (TTP: 11,3 vs 4,6 mesi; PFS: 11,1 vs 4,6 mesi (p < 0,001); OS: 43,9 vs 36,2 mesi (p = NS)). Bortezomib/DLP. Lo studio clinico randomizzato di fase III MMY-3001 ha analizzato l efficacia e la sicurezza della combinazione terapeutica bortezomib/dlp alla prima recidiva e dimostrato la superiorità di tale combinazione rispetto alla monoterapia con bortezomib [29]. La durata mediana della risposta (DOR) e il TTP sono, infatti, risultati significativamente prolungati con la combinazione terapeutica bortezomib/dlp: 10,3 versus 6,8 mesi e 9,8 versus 6,3 mesi [53]. Bortezomib/desametasone. Due analisi retrospettive [32, 54] e uno studio clinico di fase II [30] hanno valutato questa associazione terapeutica nel trattamento della prima recidiva dell MM. Lo studio di fase II ha dimostrato un tasso di risposte globali pari al 66% e una PFS di 8,6 mesi in seguito al trattamento con bortezomib/desametasone [30]. Trattamento della recidiva aggressiva con una tripletta di farmaci comprensiva di lenalidomide e bortezomib Tenuto conto dell elevata eterogeneità dell MM e del possibile sviluppo di sottocloni aggressivi nel corso dell evoluzione della malattia durante il trattamento, l impiego di combinazioni ottimizzate tramite l aggiunta di una terza molecola è giustificato in caso di profili aggressivi di recidiva, per i quali è necessario ottenere una risposta rapida. Se è necessario conseguire una citoriduzione rapida, la scelta del trattamento terrà conto del fatto che: Combinazioni di agenti terapeutici permettono di ottenere tassi di risposta più elevati; Alcune tipologie di farmaci permettono di aumentare la rapidità della risposta (combinazione con desametasone, dose elevata di desametasone, combinazione con un agente alchilante e combinazione con antraciclina). Uno studio prospettico multicentrico di fase III, MMVAR/IFM , ha valutato l effetto di una associazione terapeutica tripla (VTD) nei soggetti con MM dopo progressione della malattia / prima recidiva, rispetto ad una combinazione di farmaci doppia (TD) [55]. I risultati hanno dimostrato una maggiore efficacia della tripla associazione: infatti, VTD induceva un tasso più alto di CR (25 vs 14%, p = 0,024) ed una PFS mediana più lunga (18,3 vs 13,3 mesi, p = 0,001). Tuttavia, tali benefici terapeutici erano accompagnati da una minor tollerabilità al trattamento, in particolare da un elevata incidenza di neuropatie di grado 3/4 (39 vs 12%). Le associazioni triple di farmaci bortezomib/desametasone/ciclofosfamide, lenalidomide/desametasone/ciclofosfamide e lenalidomide/bortezomib/desametasone nel trattamento dell MM in recidiva sono state analizzate in studi clinici di fase II [56-59], che hanno registrato risposte globali tra il 64 e il 90%, con tossicità variabili. Risultati promettenti sono stati riportati da studi di fase II che hanno valutato la combinazione BVD [60-61]. Recentemente l'aifa ha autorizzato l'uso della combinazione BVD in pazienti con MM recidivato per i quali non sono disponibili altri farmaci in quanto inappropriati o controindicati (legge 648/96). Nonostante l elevata efficacia delle combinazioni a tre farmaci, la minore tollerabilità al trattamento ci porta a ritenere che tale terapia sia da prendere in considerazione nel caso di recidive aggressive, per le quali le triplette più indicate sono quelle associate a minor tossicità: lenalidomide/desametasone/ciclofosfamide o lenalidomide/desametasone/bortezomib. I dati disponibili in caso di trattamento della prima recidiva in seguito a terapia d induzione con trapianto autologo sono riassunti nella Tabella 3. Trattamento della prima recidiva nel paziente sottoposto a chemioterapia di prima linea senza terapia d intensificazione Premessa I due regimi terapeutici più frequentemente utilizzati nel trattamento di prima linea del soggetto anziano e/o che non ha i requisiti necessari per sottoporsi ad un trapianto attualmente sono quelli comprendenti 8

11 Tabella 3 Dati di efficacia delle diverse strategie terapeutiche adottate in caso di prima recidiva in seguito a terapia d induzione con trapianto autologo. TTP, Time To Progression, tempo di progressione; OS, Overall Survival, sopravvivenza globale; PFS, Progression-Free Survival, sopravvivenza libera da progressione. In base alle analisi di sottogruppi degli studi registrativi di fase III, lenalidomide e bortezomib sono, nel complesso, più efficaci quando somministrati alla comparsa della prima recidiva: con il trattamento lenalidomide/desametasone: TTP prolungato di quasi sette mesi (17,1 vs 10,6 mesi, p = 0,026) ed OS di più di sei mesi (42 vs 35,8 mesi; p = 0,041) [16]; con la monoterapia a base di bortezomib: TTP prolungato di due mesi (7 mesi vs 4,9 mesi) [17]; con il trattamento a base di bortezomib/desametasone in caso di prima recidiva: PFS mediana pari a 8,6 mesi [30]. Sebbene per i pazienti di età 65 anni con recidiva o malattia refrattaria non siano disponibili dati specifici in caso di comparsa della prima recidiva, in questa popolazione il TTP mediano è pari a 9,8 mesi in caso di trattamento con bortezomib/doxorubicina liposomiale pegilata e a 11,3 mesi con lenalidomide-desametasone. Gli studi sul ritrattamento con bortezomib (in monoterapia o in associazione) rivelano un TTP mediano compreso tra sei e nove mesi. Il limite principale riscontrabile in questi studi consiste nel fatto che il ritrattamento con bortezomib al momento della ricaduta era basato su combinazioni a due farmaci, il che non corrisponde alla pratica attuale. Complessivamente, infine, un cambiamento dell agente terapeutico permette di ottenere valori più alti di PFS alla prima recidiva. bortezomib (MPV) o talidomide (MPT) [10, 60]. Anche in questo caso al momento della recidiva si pone la scelta tra il cambiamento dell agente terapeutico o il ritrattamento (cfr. Figure 2-3). Attualmente, gli agenti terapeutici approvati per il trattamento del paziente anziano ( 65 anni) alla prima recidiva sono i seguenti: Lenalidomide/desametasone. L analisi dei dati degli studi MM-009 e MM-010 [52] ha dimostrato che l efficacia del trattamento con RD è superiore alla monoterapia con desametasone anche nei pazienti con età uguale o superiore a 65 anni. La maggior incidenza di eventi tromboembolici, gastrointestinali e anemie riscontrata in questi soggetti dipende più dall età che dalla terapia. In linea con questi risultati, lo studio di Touzeau e collaboratori ha dimostrato un ORR del 62% ed una PFS mediana di quattordici mesi nei pazienti d età maggiore di 75 anni, evidenziando, quindi, un efficacia indipendente dall età del paziente [63]; Bortezomib (monoterapia, con desametasone, con DLP). Nello studio di San Miguel e collaboratori [53], la terapia con bortezomib/dlp ha mostrato nei soggetti di età uguale o maggiore di 65 anni un ORR pari al 49%, una DOR di dieci Il mieloma multiplo alla prima recidiva. Guida al trattamento Strategia di trattamento della prima recidiva nel paziente sottoposto a chemioterapia di prima linea senza terapia d intensificazione Anche i soggetti anziani traggono beneficio dall impiego delle nuove molecole, soprattutto se utilizzate precocemente nel corso delle linee di trattamento. Oltre che della terapia che fornisce miglior risposta, si deve tenere conto dell eventuale stato di debolezza del paziente e, dunque, effettuare un monitoraggio attento delle tossicità. Recentemente è stata evidenziata dall International Myeloma Working Group l importanza di una valutazione dello stato di frailty dei pazienti anziani, per meglio definire la fattibilità di un regime terapeutico [10]. Data l età avanzata di questi pazienti, ai fini della scelta terapeutica alla recidiva non bisogna mirare unicamente all ottenimento della miglior risposta possibile ed al mantenimento della stessa, ma si deve tener conto anche di altri fattori tra cui: Condizioni cliniche generali; Tossicità pregresse; Aggressività della recidiva. Nel caso di un trattamento di prima linea con melfalan/prednisone/bortezomib: Se il tempo alla recidiva è < 24 mesi: si raccomanda di cambiare l agente terapeutico; Se il tempo alla recidiva è 24 mesi, sono disponibili diverse opzioni: - Cambiamento dell agente terapeutico; - Ritrattamento con bortezomib, solo nel caso in cui non persista all avvio del trattamento una neuropatia periferica di grado 2. Nel caso di un trattamento di prima linea con melfalan/prednisone/talidomide alla recidiva si raccomanda di cambiare l agente terapeutico: Alcuni esperti suggeriscono di considerare la possibilità di cambiare l agente terapeutico con lenalidomide/desametasone ± terzo agente in caso di neuropatia e/o lasso di tempo 24 mesi. mesi e un TTP di 9,2 mesi, sovrapponibili ai risultati ottenuti nei pazienti di età inferiore a 65 anni. L incidenza degli eventi avversi più frequenti è simile nei due sottogruppi di età. I dati disponibili dopo le prime linee di trattamento utilizzate attualmente in Italia nel soggetto anziano, principalmente MPV e MPT e più raramente melfalan/prednisone (MP), confermano che si osserva una maggiore efficacia cambiando l agente terapeutico rispetto al ritrattamento. Trattamento di prima linea con melfalan/prednisone/bortezomib (MPV) Il follow-up prolungato dello studio clinico di fase III VISTA (che ha valutato l efficacia della terapia MPV 9

12 Mario Boccadoro, Michele Cavo, Antonio Palumbo Dati di efficacia delle diverse strategie terapeutiche adottate in caso di prima recidiva nei pazienti anziani Nei soggetti anziani con recidiva o malattia refrattaria, la sopravvivenza libera da progressione (Progression- Free Survival, PFS) mediana registrata con terapie a base di bortezomib è risultata essere: Circa 5,5 mesi in monoterapia; Nove mesi in associazione con doxorubicina liposomiale pegilata; Quasi nove mesi in caso di ritrattamento. Il trattamento alla recidiva con lenalidomide/desametasone ha permesso di ottenere PFS mediane comprese tra quattordici e quindici mesi. Complessivamente, in base ai dati disponibili, il cambiamento dell agente terapeutico alla prima recidiva permette di ottenere tassi di risposta (Overall Response Rate, ORR) e PFS più alti rispetto al ritrattamento. versus MP) ha dimostrato che alla recidiva post-mpv un cambiamento dell agente terapeutico (trattamento a base di lenalidomide) induce un ORR del 73%, mentre il ritrattamento a base di bortezomib (in monoterapia o in combinazione) induce un ORR pari al 41% [64]. Trattamento di prima linea con melfalan/prednisone/talidomide (MPT) Lo studio multicentrico eseguito da Michel e collaboratori ha analizzato pazienti con età mediana di 73,5 anni, sottoposti ad un trattamento di prima linea con MPT e trattati dopo la recidiva con la combinazione terapeutica RD. Questo studio ha registrato una PFS di 11,5 mesi. È da sottolineare che, con un tempo di remissione dopo MPT superiore a ventiquattro mesi, la PFS è risultata significativamente più duratura (15,7 vs 7,5 mesi; p = 0,03). Inoltre, si è registrata una tendenza al miglioramento quando RD veniva utilizzato nel trattamento di seconda linea rispetto piuttosto che in terza linea (14,8 vs 8,2 mesi, p = 0,09) [65]. Tre studi retrospettivi hanno valutato l efficacia del trattamento con RD dopo un trattamento a base di talidomide [48, 50, 66]. Tali studi hanno dimostrato che l efficacia della terapia con RD, sia in termini di ORR che PFS non era inficiata dal precedente trattamento con talidomide. Anche se non ci sono dati relativi all utilizzo di bortezomib dopo il trattamento di prima linea con MPT, una sottoanalisi dello studio APEX dimostra che pazienti che non hanno ricevuto talidomide durante il trattamento di prima linea hanno un ORR del 48%, rispetto al 29% di quelli precedentemente esposti a talidomide [59]. Trattamento di prima linea con melfalan/prednisone (MP) Lo studio VISTA ha dimostrato che il trattamento alla recidiva con regimi comprensivi di lenalidomide, talidomide e bortezomib nei pazienti inizialmente trattati con MP permetteva di ottenere ORR pari rispettivamente al 67, 47 e 59% [64]. Parimenti, nello studio MM-015, dopo un trattamento di prima linea a base di MP [67], il TTP mediano è risultato di diciotto mesi per un trattamento a base di lenalidomide, dodici mesi per un trattamento a base di bortezomib e sei mesi per le altre combinazioni. Ritrattamento con bortezomib Lo studio clinico Retrieve ha riportato un tasso di risposta del 65% ed una PFS mediana di 8,4 mesi, in pazienti di età maggiore a 65 anni ritrattati con bortezomib [47] mentre studi precedenti avevano evidenziato una PFS mediana compresa tra sei e nove mesi e l ORR tra il 30 e il 60% [47]. Terzo agente terapeutico nel ritrattamento e nel cambiamento di terapia nel paziente con età superiore a 65 anni Nessuno studio di fase III ha valutato una combinazione tripla di farmaci nel trattamento del paziente anziano alla prima recidiva. Risultati promettenti sono stati riportati da studi di fase II che hanno valutato la combinazione BVD [60-61, 68], e da altri studi che hanno investigato la potenzialità della combinazione bortezomib/lenalidomide/desametasone (VRD). Posologia e somministrazione dei trattamenti alla prima recidiva Bortezomib L efficacia e la tollerabilità della terapia con bortezomib, somministrata per via sottocutanea o endovenosa, sono state valutate in due studi clinici di fase III [33, 69]. Mentre l ORR, il TTP, la PFS e la OS sono equivalenti usando le due vie di somministrazione, la tollerabilità al trattamento, in particolare riguardo alle neuropatie periferiche, si è dimostrata superiore quando bortezomib è somministrato per via sottocutanea [33, 69]. Inoltre, in pazienti con MM recidivato/refrattario la tossicità può essere ridotta scegliendo un regime di somministrazione settimanale [70]. Lenalidomide Diversi studi hanno valutato l impatto della posologia di lenalidomide sulla prognosi dei pazienti trattati. Sebbene aggiustamenti della dose possano aiutare a mantenere la terapia nel lungo termine, iniziare il trattamento con una dose elevata è essenziale per il controllo della patologia. Infatti, i risultati di uno studio su pazienti inglesi affetti da MM 10

13 Il mieloma multiplo alla prima recidiva. Guida al trattamento recidivato/refrattario trattati in 185 centri con lenalidomide/desametasone hanno evidenziato una correlazione significativamente positiva tra dosi iniziali elevate di lenalidomide e durata del trattamento [71]. L effetto positivo della terapia a lungo termine con lenalidomide è ormai ben noto: l analisi degli studi MM-009 e MM-010 effettuata da San Miguel ha dimostrato che il trattamento fino a progressione determina un prolungamento della sopravvivenza di oltre quindici mesi nei pazienti che hanno ottenuto almeno una PR, rispetto a quelli che hanno interrotto la terapia per cause diverse dalla progressione di malattia (50,9 vs 35 mesi; p = 0,0594). Tale risultato è consistente con studi precedenti che hanno dimostrato che il trattamento a lungo termine con lenalidomide prolunga la sopravvivenza dei pazienti. Uno studio retrospettivo eseguito dal 2007 al 2011 ha, inoltre, dimostrato che quando il trattamento con lenalidomide supera i dodici mesi, la OS mediana è superiore a quella rilevata nei pazienti in cui il trattamento è stato interrotto prima dei dodici mesi senza progressione della malattia (42,9 vs 20,2 mesi; p < 0,0001) [72]. Allo stesso modo, un trattamento proseguito per tre o più anni è associato ad un aumento della PFS, rispetto alla stessa terapia effettuata per un periodo di tempo compreso tra due e tre anni [73]. Anche la qualità della risposta è associata alla durata della terapia con lenalidomide. Pazienti che raggiungono una risposta completa o parziale hanno PFS e OS più lunghe [14]. Pazienti anziani possono ottenere risposte positive con trattamento fino a progressione della malattia. Touzeau e collaboratori hanno dimostrato che pazienti con età maggiore di 75 anni che seguono questo regime terapeutico raggiungono un ORR e una durata di PFS simili a quelli ottenuti da soggetti più giovani [63]. Conclusioni Le diverse opzioni terapeutiche attualmente disponibili per la prima recidiva sono numerose e complicano la scelta terapeutica da parte dell ematologo, che deve tenere conto di numerosi fattori collegati al paziente, delle caratteristiche del mieloma, dell efficacia e della tollerabilità ai trattamenti precedenti. Gli algoritmi di trattamento presentati in questo articolo hanno l obiettivo di aiutare nella decisione terapeutica alla comparsa della prima recidiva nei pazienti con MM, evidenziando quattro punti essenziali: L obiettivo del trattamento della recidiva deve essere l ottenimento di un beneficio in termini di sopravvivenza; Se il paziente è in buone condizioni di salute, la sua età non deve limitare l obiettivo terapeutico; Nel caso di pazienti anziani e fragili una valutazione geriatrica complessiva permette di modulare i trattamenti e quindi di garantire il proseguimento della terapia; Per ottenere il migliore beneficio da ciascuno degli agenti farmacologici e ottimizzare così la strategia terapeutica in caso di prima recidiva, nella maggior parte dei casi, il cambiamento terapeutico rappresenta la miglior strategia per l ottenimento di risultati più vantaggiosi per il paziente. 11

14 Mario Boccadoro, Michele Cavo, Antonio Palumbo Bibliografia 1. Turesson I, Velez R, Kristinsson SY, et al. Patterns of improved survival in patients with multiple myeloma in the twenty-first century: a population-based study. J Clin Oncol 2010; 28 (5): Barlogie B, Mitchell A, van Rhee F, et al. Curing myeloma at last: defining criteria and providing the evidence. Blood 2014; 124 (20): Dimopoulos MA, Richardson PG, Moreau P, et al. Current treatment landscape for relapsed and/or refractory multiple myeloma. Nat Rev Clin Oncol 2015; 12 (1): Kumar SK, Rajkumar SV, Dispenzieri A, et al. Improved survival in multiple myeloma and the impact of novel therapies. Blood 2008; 111 (5): Kumar S, Moreau P, Terpos E. Outcome of patients with multiple myeloma following first relapse, an IMWG study. Haematologica 2012; 91 (S1): 341. Abstract Magrangeas F, Avet-Loiseau H, Gouraud W, et al. Minor clone provides a reservoir for relapse in multiple myeloma. Leukemia 2013; 27 (2): Morgan GJ, Walker BA, Davies FE. The genetic architecture of multiple myeloma. Nat Rev Cancer 2012; 12 (5): Keats JJ, Chesi M, Egan JB, et al. Clonal competition with alternating dominance in multiple myeloma. Blood 2012; 120 (5): Rajkumar SV, Harousseau J-L, Durie B, et al. Consensus recommendations for the uniform reporting of clinical trials: report of the International Myeloma Workshop Consensus Panel 1. Blood 2011; 117 (18): Palumbo A, Rajkumar SV, San Miguel JF, et al. International Myeloma Working Group consensus statement for the management, treatment, and supportive care of patients with myeloma not eligible for standard autologous stem-cell transplantation. J Clin Oncol 2014; 32 (6): Gay F, Larocca A, Wijermans P, et al. Complete response correlates with long-term progression-free and overall survival in elderly myeloma treated with novel agents: analysis of 1175 patients. Blood 2011; 117 (11): Martinez-Lopez J, Blade J, Mateos M-V, et al. Long-term prognostic significance of response in multiple myeloma after stem cell transplantation. Blood 2011; 118 (3): Niesvizky R, Richardson PG, Rajkumar SV, et al. The relationship between quality of response and clinical benefit for patients treated on the bortezomib arm of the international, randomized, phase 3 APEX trial in relapsed multiple myeloma. Br J Haematol 2008; 143 (1): Harousseau J-L, Dimopoulos MA, Wang M, et al. Better quality of response to lenalidomide plus dexamethasone is associated with improved clinical outcomes in patients with relapsed or refractory multiple myeloma. Haematologica 2010; 95 (10): Barlogie B, Anaissie E, Haessler J, et al. Complete remission sustained 3 years from treatment initiation is a powerful surrogate for extended survival in multiple myeloma. Cancer 2008; 113 (2): Stadtmauer EA, Weber DM, Niesvizky R, et al. Lenalidomide in combination with dexamethasone at first relapse in comparison with its use as later salvage therapy in relapsed or refractory multiple myeloma. Eur J Haematol 2009; 82 (6): Richardson PG, Sonneveld P, Schuster MW, et al. Bortezomib or high-dose dexamethasone for relapsed multiple myeloma. N Engl J Med 2005; 352 (24): Vogl DT, Stadtmauer EA, Richardson PG, et al. Impact of prior therapies on the relative efficacy of bortezomib compared with dexamethasone in patients with relapsed/refractory multiple myeloma. Br J Haematol 2009; 147 (4): Ludwig H, Beksac M, Bladé J, et al. Multiple myeloma treatment strategies with novel agents in 2011: a European perspective. Oncologist 2011; 16 (4): Clinical Practice Guidelines in Oncology (NCCN Guideline1). Multiple Myeloma. V [Internet] Disponibile su: physician_gls/pdf/myeloma.pdf. 21. Buzaid AC, Durie BG. Management of refractory myeloma: a review. J Clin Oncol 1988; 6 (5): Palumbo A, Sezer O, Kyle R, et al. International Myeloma Working Group guidelines for the management of multiple myeloma patients ineligible for standard high-dose chemotherapy with autologous stem cell transplantation. Leukemia 2009; 23 (10): Cavo M, Pantani L, Petrucci MT, et al. Bortezomib-thalidomide-dexamethasone is superior to thalidomide-dexamethasone as consolidation therapy after autologous hematopoietic stem cell transplantation in patients with newly diagnosed multiple myeloma. Blood 2012; 120 (1): Sonneveld P, Goldschmidt H, Rosiñol L, et al. Bortezomibbased versus nonbortezomib-based induction treatment before autologous stem-cell transplantation in patients with previously untreated multiple myeloma: a meta-analysis of phase III randomized, controlled trials. J Clin Oncol 2013; 31 (26): San Miguel JF, Schlag R, Khuageva NK, et al. Bortezomib plus Melphalan and Prednisone for Initial Treatment of Multiple Myeloma. N Engl J Med 2008; 359 (9): Facon T, Mary JY, Hulin C, et al. Melphalan and prednisone plus thalidomide versus melphalan and prednisone alone or reduced-intensity autologous stem cell transplantation in elderly patients with multiple myeloma (IFM 99-06): a randomised trial. Lancet 2007; 370 (9594): Hulin C, Facon T, Rodon P, et al. Efficacy of melphalan and prednisone plus thalidomide in patients older than 75 years with newly diagnosed multiple myeloma: IFM 01/01 trial. J Clin Oncol 2009; 27 (22): Richardson PG, Sonneveld P, Schuster M, et al. Extended follow-up of a phase 3 trial in relapsed multiple myeloma: final time-toevent results of the APEX trial. Blood 2007; 110 (10): Orlowski RZ, Nagler A, Sonneveld P, et al. Randomized phase III study of pegylated liposomal doxorubicin plus bortezomib compared with bortezomib alone in relapsed or refractory multiple myeloma: combination therapy improves time to progression. J Clin Oncol 2007; 25 (25): Dimopoulos MA, Beksac M, Benboubker L, et al. Phase II study of bortezomib-dexamethasone alone or with added cyclophosphamide or lenalidomide for sub-optimal response as second-line treatment for patients with multiple myeloma. Haematologica 2013; 98 (8): Dimopoulos MA, Orlowski RZ, Facon T, et al. Retrospective matched-pairs analysis of bortezomib plus dexamethasone versus bortezomib monotherapy in relapsed multiple myeloma. Haematologica 2015; 100 (1):

15 Il mieloma multiplo alla prima recidiva. Guida al trattamento 32. Pantani L, Zamagni E, Zannetti BA, et al. Bortezomib and dexamethasone as salvage therapy in patients with relapsed/refractory multiple myeloma: analysis of long-term clinical outcomes. Ann Hematol 2014; 93 (1): Moreau P, Pylypenko H, Grosicki S, et al. Subcutaneous versus intravenous administration of bortezomib in patients with relapsed multiple myeloma: a randomised, phase 3, non-inferiority study. Lancet Oncol 2011; 12 (5): Dimopoulos MA, Chen C, Spencer A, et al. Long-term follow-up on overall survival from the MM-009 and MM-010 phase III trials of lenalidomide plus dexamethasone in patients with relapsed or refractory multiple myeloma. Leukemia 2009; 23 (11): Hulin C, Roussel M, Karlin L, et al. Guide pratique pour le traitement de première rechute du myélome multiple. Hématologie 2014; 20: Ludwig H, Miguel JS, Dimopoulos MA, et al. International Myeloma Working Group recommendations for global myeloma care. Leukemia 2014; 28 (5): Rosiñol L, Oriol A, Teruel AI, et al. Superiority of bortezomib, thalidomide, and dexamethasone (VTD) as induction pretransplantation therapy in multiple myeloma: a randomized phase 3 PETHEMA/GEM study. Blood 2012; 120 (8): Cook G, Liakopoulou E, Pearce R, et al. Factors influencing the outcome of a second autologous stem cell transplant (ASCT) in relapsed multiple myeloma: a study from the British Society of Blood and Marrow Transplantation Registry. Biol Blood Marrow Transplant 2011; 17 (11): Fenk R, Liese V, Neubauer F, et al. Predictive factors for successful salvage high-dose therapy in patients with multiple myeloma relapsing after autologous blood stem cell transplantation. Leuk Lymphoma 2011; 52 (8): Jimenez-Zepeda VH, Mikhael J, Winter A, et al. Second autologous stem cell transplantation as salvage therapy for multiple myeloma: impact on progression-free and overall survival. Biol Blood Marrow Transplant 2012; 18 (5): Shah N, Ahmed F, Bashir Q, et al. Durable remission with salvage second autotransplants in patients with multiple myeloma. Cancer 2012; 118 (14): Gonsalves WI, Gertz MA, Lacy MQ, et al. Second auto-sct for treatment of relapsed multiple myeloma. Bone Marrow Transplant 2013; 48 (4): Lemieux E, Hulin C, Caillot D, et al. Autologous stem cell transplantation: an effective salvage therapy in multiple myeloma. Biol Blood Marrow Transplant 2013; 19 (3): Michaelis LC, Saad A, Zhong X, et al. Salvage second hematopoietic cell transplantation in myeloma. Biol Blood Marrow Transplant 2013; 19 (5): Auner HW, Szydlo R, Rone A, et al. Salvage autologous stem cell transplantation for multiple myeloma relapsing or progressing after up-front autologous transplantation. Leuk Lymphoma 2013; 54 (10): Mohty B, El-Cheikh J, Yakoub-Agha I, et al. Treatment strategies in relapsed and refractory multiple myeloma: a focus on drug sequencing and «retreatment» approaches in the era of novel agents. Leukemia 2012; 26 (1): Petrucci MT, Giraldo P, Corradini P, et al. A prospective, international phase 2 study of bortezomib retreatment in patients with relapsed multiple myeloma. Br J Haematol 2013; 160 (5): Madan S, Lacy MQ, Dispenzieri A, et al. Efficacy of retreatment with immunomodulatory drugs (IMiDs) in patients receiving IMiDs for initial therapy of newly diagnosed multiple myeloma. Blood 2011; 118 (7): Dimopoulos M, Spencer A, Attal M, et al. Lenalidomide plus dexamethasone for relapsed or refractory multiple myeloma. N Engl J Med 2007; 357 (21): Wang M, Dimopoulos MA, Chen C, et al. Lenalidomide plus dexamethasone is more effective than dexamethasone alone in patients with relapsed or refractory multiple myeloma regardless of prior thalidomide exposure. Blood 2008; 112 (12): Chanan-Khan AA, Weber D, Dimopoulos M, et al. Lenalidomide (L) in Combination with Dexamethasone (D) Improves Survival and Time to Progression in Elderly Patients (pts) with Relapsed or Refractory (rel/ref) Multiple Myeloma (MM). ASH Annual Meeting Abstracts 2006; 108 (11): Chanan-Khan AA, Lonial S, Weber D, et al. Lenalidomide in combination with dexamethasone improves survival and time-toprogression in patients 65 years old with relapsed or refractory multiple myeloma. Int J Hematol 2012; 96 (2): San Miguel J, Hajek R, Nagler A. Doxil + Velcade in previously treated 65Y myeloma pts. Haematologica (XI th International Myeloma Workshop IV th International Workshop on Waldenstrom s Macroglobulinemia). 92 (S2): 159. Abstract PO Orlowski RZ, Facon T, Sonneveld P, et al. Retrospective Matched-Pair Analysis Of The Efficacy and Safety Of Bortezomib Plus Dexamethasone Versus Bortezomib Monotherapy In Patients (Pts) With Relapsed Multiple Myeloma (MM). Dimopoulos MA (ed). Blood 2013; 122 (21): Garderet L, Iacobelli S, Moreau P, et al. Superiority of the triple combination of bortezomib-thalidomide-dexamethasone over the dual combination of thalidomide-dexamethasone in patients with multiple myeloma progressing or relapsing after autologous transplantation: the MMVAR/IFM Randomized Phase III Trial from the Chronic Leukemia Working Party of the European Group for Blood and Marrow Transplantation. J Clin Oncol 2012; 30 (20): Davies FE, Wu P, Jenner M, et al. The combination of cyclophosphamide, velcade and dexamethasone induces high response rates with comparable toxicity to velcade alone and velcade plus dexamethasone. Haematologica 2007; 92 (8): Kropff M, Bisping G, Schuck E, et al. Bortezomib in combination with intermediate-dose dexamethasone and continuous lowdose oral cyclophosphamide for relapsed multiple myeloma. Br J Haematol 2007; 138 (3): Morgan GJ, Schey SA, Wu P, et al. Lenalidomide (Revlimid), in combination with cyclophosphamide and dexamethasone (RCD), is an effective and tolerated regimen for myeloma patients. Br J Haematol 2007; 137 (3): Richardson PG, Xie W, Jagannath S, et al. A phase 2 trial of lenalidomide, bortezomib, and dexamethasone in patients with relapsed and relapsed/refractory myeloma. Blood 2014; 123 (10): Offidani M, Corvatta L, Maracci L, et al. Efficacy and tolerability of bendamustine, bortezomib and dexamethasone in patients with relapsed-refractory multiple myeloma: a phase II study. Blood Cancer J 2013; 3: e Ludwig H, Kasparu H, Leitgeb C, et al. Bendamustine-bortezomib-dexamethasone is an active and well-tolerated regimen in patients with relapsed or refractory multiple myeloma. Blood 2014; 123 (7): Engelhardt M, Terpos E, Kleber M, et al. European Myeloma Network recommendations on the evaluation and treatment of newly diagnosed patients with multiple myeloma. Haematologica 2014; 99 (2):

16 Mario Boccadoro, Michele Cavo, Antonio Palumbo 63. Touzeau C, Blin N, Clavert A, et al. Efficacy of lenalidomide plus dexamethasone in patients older than 75 years with relapsed multiple myeloma. Leuk Lymphoma 2012; 53 (7): Mateos M-V, Richardson PG, Schlag R, et al. Bortezomib plus melphalan and prednisone compared with melphalan and prednisone in previously untreated multiple myeloma: updated followup and impact of subsequent therapy in the phase III VISTA trial. J Clin Oncol 2010; 28 (13): Michel J, Revuz S, Tardy S, et al. Efficacy of Lenalidomide in Patients with Multiple Myeloma Previously Treated by Melphalan- Prednisone and Thalidomide. ASH Annual Meeting Abstracts 2012; 120 (21): Guglielmelli T, Bringhen S, Rrodhe S, et al. Previous thalidomide therapy may not affect lenalidomide response and outcome in relapse or refractory multiple myeloma patients. Eur J Cancer 2011; 47 (6): Dimopoulos MA, Petrucci MT, Foa R, et al. Analysis of Second-Line Lenalidomide Following Initial Relapse in the MM- 015 Trial. ASH Annual Meeting Abstracts 2012; 120 (21): Rodon P, Hulin C, Pegourie B, et al. Phase 2 study of bendamustine, bortezomib and dexamethasone as second-line treatment for elderly patients with multiple myeloma: the Intergroupe Francophone du Myelome trial. Haematologica 2015; 100 (2): e56-e Arnulf B, Pylypenko H, Grosicki S, et al. Updated survival analysis of a randomized phase III study of subcutaneous versus intravenous bortezomib in patients with relapsed multiple myeloma. Haematologica 2012; 97 (12): Moore S, Atwal S, Sachchithanantham S, et al. Weekly intravenous bortezomib is effective and well tolerated in relapsed/refractory myeloma. Eur J Haematol 2013; 90 (5): Williams CD, Simcock M, Lodhi I, et al. Experience with Long- Term Lenalidomide (LEN) Treatment in the Clinical Setting: Results From the UK Revlimid Treatment Continuation Scheme TM (TCS). ASH Annual Meeting Abstracts 2012; 120 (21): Zago M, Oehrlein K, Rendl C, et al. Lenalidomide in relapsed and refractory multiple myeloma disease: feasibility and benefits of long-term treatment. Ann Hematol 2014; 93 (12): Fouquet G, Tardy S, Demarquette H, et al. Efficacy and safety profile of long-term exposure to lenalidomide in patients with recurrent multiple myeloma. Cancer 2013; 119 (20):

17 Note

18 Note

19

20 Cod. CST-MM-0038 Utilizzando il QR CODE oppure collegandosi al sito potrà visionare il Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto di Revlimid sempre aggiornato. Con il contributo non condizionato di Depositato presso l AIFA il 27/07/2015

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Antonio Palumbo Divisione di Ematologia Universitaria, Ospedale Molinette, Torino Per più di quattro

Dettagli

Incidenza del MM per fasce di età

Incidenza del MM per fasce di età TERAPIA DEL MM NELL ANZIANO Massimo Offidani Clinica di Ematologia Ospedali Riuniti iti di Ancona MM: incidenza per età 30% 25% 20% 15% Incidenza del MM per fasce di età 10% 5% 0% 20-45 45-50 50-55 55-60

Dettagli

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ]

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Relatore: M.T. PETRUCCI 27-28 ottobre 2008 Borgo S. Luigi Monteriggioni (Siena) Mieloma multiplo - Copyright FSE 1 Gruppo di lavoro 2 [ Mieloma multiplo]

Dettagli

RUOLO DEL TRAPIANTO NEL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO

RUOLO DEL TRAPIANTO NEL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO RUOLO DEL TRAPIANTO NEL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO Nicola Giuliani U. O. Ematologia e CTMO, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma MM-EPIDEMIOLOGIA 10% di tutti i tumori del sangue Malattia dell

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

LA TERAPIA DEL PAZIENTE ANZIANO. Padova

LA TERAPIA DEL PAZIENTE ANZIANO. Padova LA TERAPIA DEL PAZIENTE ANZIANO Renato Zambello Padova Miglioramento della sopravvivenza nei pazienti con mieloma multiplo Modificata da Kumar SK Blood 2008 Outcome clinico rispetto al periodo della diagnosi

Dettagli

LA TERAPIA DEL PAZIENTE ANZIANO. Massimo Offidani

LA TERAPIA DEL PAZIENTE ANZIANO. Massimo Offidani LA TERAPIA DEL PAZIENTE ANZIANO Massimo Offidani (Ancona) MM: incidenza per età 30% 25% Incidenza 20% del MM per fasce di 15% età 10% 5% 0% 20-45 45-50 50-55 55-60 60-65 65-70 70-75 75-85 Età MM: EPIDEMIOLOGIA

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO PER IL TRATTAMENTO DEL MIELOMA MULTIPLO

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO PER IL TRATTAMENTO DEL MIELOMA MULTIPLO PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO PER IL TRATTAMENTO DEL MIELOMA MULTIPLO PDT 033.2 SC Ematologia Protocollo mieloma multiplo Rev 1 del 24/09/2010 1/20 1 BACKGROUND Il Mieloma Multiplo è una patologia ematologica

Dettagli

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO Titolo dello studio Studio di Fase 3b, randomizzato con Revlimid (Lenalidomide) somministrato come terapia di mantenimento verso placebo dopo il trattamento di induzione con Melfalan,

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio Università del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Corso di Statistica Medica I modelli di studio Corso di laurea in medicina e chirurgia - Statistica Medica Disegno dello studio

Dettagli

Years since Randomization No. at Risk 513 489

Years since Randomization No. at Risk 513 489 HER2Club in gastric cancer Obiettivi della terapia nel carcinoma gastrico metastatico e standard terapeutici. Carcinoma gastrico metastatico HER2-positivo: il ruolo di trastuzumab. Mario Scartozzi L ampliamento

Dettagli

TERAPIA DEL PAZIENTE RICADUTO. Anna Maria Cafro A.O. Niguarda Ca Granda Varese, 14 novembre 2011

TERAPIA DEL PAZIENTE RICADUTO. Anna Maria Cafro A.O. Niguarda Ca Granda Varese, 14 novembre 2011 TERAPIA DEL PAZIENTE RICADUTO Anna Maria Cafro A.O. Niguarda Ca Granda Varese, 14 novembre 2011 DEFINIZIONE RECIDIVA/REFRATTARIO Pz che ricadono dopo trattamento efficace -Recidiva biochimica: OSSERVAZIONE

Dettagli

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Indicazione terapeutica Classificazione: Spesa per paziente trattato (euro, posologia/durata)

Dettagli

Il mieloma multiplo La terapia

Il mieloma multiplo La terapia MIELOMA MULTIPLO Il mieloma multiplo è una malattia neoplastica caratterizzata dalla proliferazione e accumulo nel midollo osseo di linfociti e di plasmacellule che, direttamente o indirettamente, possono

Dettagli

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SINOSSI DELLO STUDIO TITOLO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SPONSOR Sequenza ottimale di ormonoterapia in pazienti con carcinoma mammario metastatico ricadute dopo terapia

Dettagli

LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE. Vicenza

LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE. Vicenza LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Francesca Elice Vicenza L aspettativa di vita di dei pazienti i giovani i con mieloma il è drasticamente migliorata negli ultimi 20 anni con due grandi cambiamenti nella

Dettagli

Oncologica. Seminari di Ematologia. Terapia continuativa NEL PROSSIMO NUMERO

Oncologica. Seminari di Ematologia. Terapia continuativa NEL PROSSIMO NUMERO ISSN 2038-2839 Editor in chief Giorgio Lambertenghi Deliliers Anno 8 Numero 3 2011 Seminari di Ematologia Oncologica NEL PROSSIMO NUMERO IL PAZIENTE UNFIT Definizione clinico-biologica Leucemia linfatica

Dettagli

IL CONTRIBUTO DELLA DIAGNOSTICA PROTEICA NELLA GESTIONE DELLE GAMMOPATIE MONOCLONALI. Anna Caldini - Firenze Maria Stella Graziani - Verona

IL CONTRIBUTO DELLA DIAGNOSTICA PROTEICA NELLA GESTIONE DELLE GAMMOPATIE MONOCLONALI. Anna Caldini - Firenze Maria Stella Graziani - Verona IL CONTRIBUTO DELLA DIAGNOSTICA PROTEICA NELLA GESTIONE DELLE GAMMOPATIE MONOCLONALI Anna Caldini - Firenze Maria Stella Graziani - Verona biochimica clinica, 2014;38:47-53 Scopo del documento è quello

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

Il Caso Talidomide. Convegno: Malattie Rare e Disabilità Roma,1 Dicembre 2006. Mario G. Levrero. Direttore Generale Pharmion S.r.l.

Il Caso Talidomide. Convegno: Malattie Rare e Disabilità Roma,1 Dicembre 2006. Mario G. Levrero. Direttore Generale Pharmion S.r.l. Il Caso Talidomide Mario G. Levrero Direttore Generale Pharmion S.r.l. Convegno: Malattie Rare e Disabilità Roma,1 Dicembre 2006 Il Caso Talidomide Sintesi ad oggi Da farmaco maledetto a nuova opportunità

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Gli strumenti di governo clinico e la vigilanza da parte della Farmacia

Gli strumenti di governo clinico e la vigilanza da parte della Farmacia Gli strumenti di governo clinico e la vigilanza da parte della Farmacia Dott.ssa Stella Sferra Laboratorio di allestimento farmaci oncologici U.O. Farmacia Ospedale S. Anna AOSP-U di Ferrara Governo Clinico

Dettagli

Linfoma follicolare nell era. a chi riservare le procedure ad alte dosi?

Linfoma follicolare nell era. a chi riservare le procedure ad alte dosi? Linfoma follicolare nell era dell immunochemioterapia: a chi riservare le procedure ad alte dosi? Andrea Ferrario, MD, PhD UOC Ematologia Ospedale di Circolo Fondazione Macchi Polo universitario, Varese

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica?

La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? La malattia oligometastatica: clinica o biologia nella strategia terapeutica? Lucia Del Mastro SS Sviluppo Terapie Innovative Bergamo 6 luglio 2014 IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino IST

Dettagli

Via Valle, 7 600035 Jesi (AN) Italy. m.offidani@ospedaliriuniti.marche.it

Via Valle, 7 600035 Jesi (AN) Italy. m.offidani@ospedaliriuniti.marche.it Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome Cognome Indirizzo Massimo Offidani Via Valle, 7 600035 Jesi (AN) Italy Telefono +39 071-5964735 Cellulare: +39 328 4614988 Fax +39 071-2183448 E-mail

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A. TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.A 2007/2008 LE TERAPIE BIOLOGICHE: possono avere una maggiore efficacia terapeutica;

Dettagli

WORKSHOP MIELOFIBROSI IL TRAPIANTO. Stefano Guidi TMO AOU Careggi Firenze

WORKSHOP MIELOFIBROSI IL TRAPIANTO. Stefano Guidi TMO AOU Careggi Firenze WORKSHOP MIELOFIBROSI IL TRAPIANTO Stefano Guidi TMO AOU Careggi Firenze Mielofibrosi: Storia naturale Decorso da indolente ad aggressivo MF primitiva 1 per 100.000 secondarie 0.1 per 100.000 Il quadro

Dettagli

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani Trial clinici in oncologia Corrado Magnani Check-list Protocollo Definizione degli obiettivi Chiarezza Aggiornamento rispetto alle conoscenze scientifiche Non replicazione / giustificazione Formulazione

Dettagli

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto?

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Florence è il nome con cui abbiamo battezzato questo studio clinico internazionale

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

UO Qualità, Ricerca Organizzativa e Innovazione Pagina 1 di 5

UO Qualità, Ricerca Organizzativa e Innovazione Pagina 1 di 5 Contenuto ER MITO Epidemiologia e diagnosi biomolecolare le malattie mitocondriali in Emilia PUMANER1301 Studio comparativo tra neratinib più capecitabina in pazienti con carcinoma mammario metastatico

Dettagli

La neutropenia è definita in gradi a seconda del valore raggiunta dai neutrofili al Nadir ( tabella 1)

La neutropenia è definita in gradi a seconda del valore raggiunta dai neutrofili al Nadir ( tabella 1) TRATTAMENTO DELLA NEUTROPENIA CON G-CSF Introduzione La neutropenia e le complicanze ad essa correlate rappresentano la principale tossicità dose limitante della chemioterapia, per il rischio di infezioni

Dettagli

INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009. Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide)

INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009. Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide) Brescia, 3 giugno 2009 Circ. n. 169 INFORMATIVA PROFESSIONALE n. 25 del 29.05.2009 Informazioni di sicurezza relative all uso di thalidomide celgene (principio attivo: talidomide) La Regione Lombardia,

Dettagli

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Che cos è Prolaris? Una misura molecolare diretta della

Dettagli

Documento PTR n.212 relativo a:

Documento PTR n.212 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.212 relativo a: PAZOPANIB Aprile 2014 Pazopanib Indicazioni registrate

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO -TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO

PERCORSO DIAGNOSTICO -TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO RETE ONCOEMATOLOGICA PIEMONTE E VALLE D'AOSTA PERCORSO DIAGNOSTICO -TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO A cura del Gruppo di Studio sul Mieloma Multiplo: Coordinatore: Sara Bringhen Partecipanti:

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO REVISIONE SCHEDA DI TRATTAMENTO

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO REVISIONE SCHEDA DI TRATTAMENTO PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO PER IL PAZIENTE CON MIELOMA MULTIPLO REVISIONE SCHEDA DI TRATTAMENTO A cura del Gruppo di Studio sul Mieloma Multiplo: Coordinatori: Mario Boccadoro, Sara Bringhen, Marinella

Dettagli

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia La crescita tumorale Classification Evoluzione dei trattamenti RR OS Sites of therapy STAGE II In colon cancer patients

Dettagli

DIAGNOSTICA E NUOVE TERAPIE

DIAGNOSTICA E NUOVE TERAPIE UO di Oncologia Ospedale del Ceppo, Pistoia DIAGNOSTICA E NUOVE TERAPIE NEL MIELOMA MULTIPLO Pistoia 10 Novembre 2012 Dr. ssa Carla Breschi APPROCCIO AL PAZIENTE CON SOSPETTO MIELOMA INDAGINI DI LABORATORIO

Dettagli

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO COME E QUANDO GLI ASPETTI TECNICI DEI PROTOCOLLI POSSONO-DEVONO ESSERE OGGETTO-ARGOMENTO DI DECISIONI ETICHE? Fausto Roila Oncologia Medica, Terni NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

SCHEDA FARMACO. (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro)

SCHEDA FARMACO. (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Dabrafenib (Tafinlar)

Dettagli

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO

LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO LEUCEMIE ACUTE LINFOIDI DELL'ADULTO La leucemia acuta linfoide è una malattia non frequente (15% delle forme leucemiche) in cui vi è una proliferazione maligna di cellule linfoidi nel midollo, nel sangue

Dettagli

Le terapie neoadiuvanti

Le terapie neoadiuvanti Le terapie neoadiuvanti Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia TERAPIA NEOADIUVANTE definizione SINONIMI: TERAPIA PRIMARIA TERAPIA PREOPERATORIA DEFINIZIONE: trattamento medico somministrato prima

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

I fattori di rischio di nefrotossicità post-trapianto possono sommariamente distinguersi in non modificabili e modificabili.

I fattori di rischio di nefrotossicità post-trapianto possono sommariamente distinguersi in non modificabili e modificabili. 1 I fattori di rischio di nefrotossicità post-trapianto possono sommariamente distinguersi in non modificabili e modificabili. I primi sono rappresentati dalle caratteristiche demografiche dei pazienti

Dettagli

Terapia dell amiloidosi AL sistemica

Terapia dell amiloidosi AL sistemica Società Italiana per l Amiloidosi Centro per lo Studio e la Cura delle Amiloidosi Sistemiche Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo e Università di Pavia Terapia dell amiloidosi AL sistemica Linee guida

Dettagli

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione SINOSSI TITOLO Studio di fase I-II con Lapatinib in combinazione con capecitabina e vinorelbina come seconda linea di trattamento in pazienti con carcinoma mammario con iperespressione di ErbB2 localmente

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA MIELOMA

EPIDEMIOLOGIA MIELOMA MIELOMA MULTIPLO Patologia neoplastica della plasmacellula accumulo espansione Proliferazione incontrollata M-GUS Mieloma smoldering Mieloma Multiplo Leucemia plasmacellulare paraproteina paraproteina

Dettagli

Apprendimento VELCADE (bortezomib) per iniezione

Apprendimento VELCADE (bortezomib) per iniezione Apprendimento VELCADE (bortezomib) per iniezione International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (USA & Canada) 818-487-7455 Fax:

Dettagli

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia)

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) Raccomandazioni evidence-based Panitumumab Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 36 Ottobre 2014 Direzione

Dettagli

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA In pazienti con carcinoma polmonare NSCLC in fase iniziale operabile, la chemioterapia adiuvante, aggiunta

Dettagli

IL MIELOMA : imparare a conoscerlo per combatterlo meglio Pazienti candidati al trapianto nuove prospettive

IL MIELOMA : imparare a conoscerlo per combatterlo meglio Pazienti candidati al trapianto nuove prospettive IL MIELOMA : imparare a conoscerlo per combatterlo meglio Pazienti candidati al trapianto nuove prospettive Anna Maria Cafro 19 settembre 2015 A.O Niguarda Criteri per elegibilità al trapianto Età -Fino

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

APPROPRIATEZZA della EGDS

APPROPRIATEZZA della EGDS APPROPRIATEZZA della EGDS Dr. P. Montalto U.O.C. Gastroenterologia OSPEDALE SAN JACOPO. GASTROENTEROLOGIA NELL ANZIANO Pisa, 28 settembre 2013 Totale: 60.626.442 abitanti ³65 anni: 12.301.537 abitanti

Dettagli

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE.

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE. Riassunto LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE Data del documento originale: 7 novembre 2014 MUCOSITE

Dettagli

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA PROSTATA? P. Vineis, G. Casetta* Servizio di Epidemiologia dei Tumori *Clinica Urologica 1, Università di Torino IL PROBLEMA Attività sistematiche

Dettagli

Trials clinici. Disegni di studio

Trials clinici. Disegni di studio Trials Clinici Dott.ssa Pamela Di Giovanni Studi descrittivi Disegni di studio Popolazioni Individui Studi analitici Osservazionali Sperimentali Studi di correlazione o ecologici Case report - Case series

Dettagli

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano!

Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto Nazionale Tumori, Milano! GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO! WORLD NO -TOBACCO DAY 2015! ISS - Roma, 29 maggio 2015! Nuove prospettive per la diagnosi precoce del tumore al polmone!!!! Ugo Pastorino! Chirurgia Toracica, Istituto

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA G.Lazzari, G. Silvano S. C. Radioterapia Oncologica ASL TA/ 1 - Taranto Taranto, 21 gennaio 2005 BACKGROUND Le formulazioni orali di chemioterapia

Dettagli

Focus on sclerosi multipla: il Farmacista del SSN tra clinica, terapia e innovazione

Focus on sclerosi multipla: il Farmacista del SSN tra clinica, terapia e innovazione Focus on sclerosi multipla: il Farmacista del SSN tra clinica, terapia e innovazione Palermo, 7 maggio 2015 Davide Integlia, PhD L importanza della Farmacoeconomia I fondi destinati alla sanità non sono

Dettagli

Curriculum vitae INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

Curriculum vitae INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA Curriculum vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome Volpe Silvestro Indirizzo Via San Leonardo, 19 83048 Montella (AV) Telefono lavoro 0825-203873 / 203831 Cellulare 347-5211013 E-mail mail@silvestrovolpe.it

Dettagli

A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) (pubblicato a maggio 2014) Aggiornata alla pubblicazione della negoziazione AIFA (luglio 2014)

A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) (pubblicato a maggio 2014) Aggiornata alla pubblicazione della negoziazione AIFA (luglio 2014) Raccomandazioni evidence-based Pertuzumab Nel carcinoma mammario avanzato HER2/neu positivo (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 26 Settembre

Dettagli

STUDIO PROSPETTICO DI FASE II DI TERAPIA MIELOABLATIVA AD ALTE DOSI, CON SUPPORTO DI CELLULE STAMINALI PERIFERICHE, IN PAZIENTI ANZIANI

STUDIO PROSPETTICO DI FASE II DI TERAPIA MIELOABLATIVA AD ALTE DOSI, CON SUPPORTO DI CELLULE STAMINALI PERIFERICHE, IN PAZIENTI ANZIANI STUDIO PROSPETTICO DI FASE II DI TERAPIA MIELOABLATIVA AD ALTE DOSI, CON SUPPORTO DI CELLULE STAMINALI PERIFERICHE, IN PAZIENTI ANZIANI ( 65 E

Dettagli

La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia

La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia Dr. Raffaele Addeo U.O.C. Oncologia Frattamaggiore (NA) Benevento, 5 ottobre 2012 Introduzione La chemioterapia sistemica, divenuta

Dettagli

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro

www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Malattia di Behçet Versione 2016 2. DIAGNOSI E TERAPIA 2.1 Come viene diagnosticata? La diagnosi è principalmente clinica. Spesso sono necessari alcuni anni

Dettagli

Dronedarone e insufficienza renale acuta: analisi delle segnalazioni della Rete Nazionale di Farmacovigilanza

Dronedarone e insufficienza renale acuta: analisi delle segnalazioni della Rete Nazionale di Farmacovigilanza Dronedarone e insufficienza renale acuta: analisi delle segnalazioni della Rete Nazionale di Farmacovigilanza Domenico Motola Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Unità di farmacologia Università

Dettagli

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano

GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano GRAVIDANZA DOPO CANCRO: QUANDO? Giovanna Scarfone - Stefania Noli Fondazione IRCCS Ca Granda Opsedale Maggiore Policlinico, Milano Timing e outcome della gravidanza dopo carcinoma Inquadramento ed Entità

Dettagli

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97.

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97. L Associazione Laura Coviello è nata nel 1996, indipendente e senza fini di lucro, con lo scopo di aiutare i malati leucemici con informazioni mirate e specifiche e sostenere il Centro Trapianti di Midollo

Dettagli

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò Anticorpi monoclonali Anti-EGFR -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri Valentina Anrò Ruolo Biologico Epidermal Growth Factor Receptor Extracellular Domain Transmembrane Domain

Dettagli

Premessa. Tratto da American Heart Journal 2004; 147: 705-712

Premessa. Tratto da American Heart Journal 2004; 147: 705-712 Effetti del cambiamento di terapia con statine sul raggiungimento delle concentrazioni lipidiche ottimali: lo studio Measuring Effective Reductions in Cholesterol Using Rosuvastatin Therapy (MERCURY I)

Dettagli

ONCOEMATOLOGIA NELL ANZIANO: IL MIELOMA MULTIPLO

ONCOEMATOLOGIA NELL ANZIANO: IL MIELOMA MULTIPLO ONCOEMATOLOGIA NELL ANZIANO: IL MIELOMA MULTIPLO M. Boccadoro, A. Pileri Divisione Universitaria di Ematologia, Azienda Ospedaliera San Giovanni Battista, Torino. Il mieloma multiplo è una neoplasia della

Dettagli

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO Cetuximab può ridurre la massa tumorale per permettere la resezione delle metastasi, anche, in pazienti inizialmente non resecabili,

Dettagli

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto

Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Università di Pisa Dipartimento di Farmacia Corso di laurea in CTF Corso: Basi biochimiche dell azione dei farmaci Cetuximab e mutazione K-Ras nel tumore del colon-retto Pisa, 27/03/2014 Samuela Fabiani

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

L organizzazione e gestione della ricerca clinica nell Azienda Ospedaliera di Brescia: un modello a Clinical Trial Unit decentrata

L organizzazione e gestione della ricerca clinica nell Azienda Ospedaliera di Brescia: un modello a Clinical Trial Unit decentrata Workshop La ricerca clinica in Italia: un opportunità di conoscenza e sviluppo economico Milano, Università Bocconi, 30 gennaio 2015 L organizzazione e gestione della ricerca clinica nell di Brescia: un

Dettagli

Avastin è utilizzato con altri medicinali antitumorali per il trattamento dei seguenti tipi di tumore negli adulti:

Avastin è utilizzato con altri medicinali antitumorali per il trattamento dei seguenti tipi di tumore negli adulti: EMA/175824/2015 EMEA/H/C/000582 Riassunto destinato al pubblico bevacizumab Questo è il riassunto della relazione pubblica europea di valutazione (EPAR) per. Illustra il modo in cui il comitato per i medicinali

Dettagli

PERTUZUMAB - PERJETA

PERTUZUMAB - PERJETA giunta regionale Allegato C al Decreto n. 119 del 12 maggio 2015 pag. 1/9 Regione del Veneto Area Sanità e Sociale RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED PERTUZUMAB - PERJETA Indicazione in esame: Pertuzumab (Perjeta

Dettagli

PIERCLAUDIO BRASESCO. Medico di Medicina Generale Genova

PIERCLAUDIO BRASESCO. Medico di Medicina Generale Genova PIERCLAUDIO BRASESCO Medico di Medicina Generale Genova L INFEZIONE DA HELICOBACTER PYLORI Quando e perché iniziare un trattamento eradicante? Raccomandazioni Terapeutiche (di grado A o B con livello di

Dettagli

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tossicita da chemioterapia e differenze di genere Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tumori e genere:quali dati? Pochi dati prospettici e da trials clinici

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici. 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1

Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici. 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1 Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1 Check-list per la lettura di un protocollo di trial clinico Protocollo Definizione degli obiettivi

Dettagli

The follow up in prostate cancer. Dott.ssa Florinda Scognamiglio Oncologia Medica AORN cardarelli

The follow up in prostate cancer. Dott.ssa Florinda Scognamiglio Oncologia Medica AORN cardarelli The follow up in prostate cancer Dott.ssa Florinda Scognamiglio Oncologia Medica AORN cardarelli Benjamin Disraeli (1804 1881), uomo politico britannico In statistics Lies, more lies and then there are

Dettagli

MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA )

MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA ) 1/6 MINI SCHEDA HTA AXITINIB (INLYTA ) FARMACO IN ESAME Nome commerciale Inlyta Principio Attivo Axitinib Ditta Produttrice Pfizer Italia srl ATC L01XE17 Formulazione Compresse rivestite Dosaggio 1 mg

Dettagli

CHEMOTHERAPY INDUCED PERIPHERAL NEUROPATHY (CIPN): - IL REGISTRO - PRIMA ESPERIENZA ITALIANA e NETWORK EUROPEO

CHEMOTHERAPY INDUCED PERIPHERAL NEUROPATHY (CIPN): - IL REGISTRO - PRIMA ESPERIENZA ITALIANA e NETWORK EUROPEO CHEMOTHERAPY INDUCED PERIPHERAL NEUROPATHY (CIPN): - IL REGISTRO - PRIMA ESPERIENZA ITALIANA e NETWORK EUROPEO Dott.ssa P. Alberti DMCI, Università di Milano-Bicocca Monza p.alberti@hsgerardo.org CIPN:

Dettagli

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006 ALLEGATO A Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing Principio attivo ERLOTINIB (Tarceva ) SUNITINIB (Sutent ) SORAFENIB (Nexavar

Dettagli

Piano terapeutico per la prescrizione di Vildagliptin/metformina per il trattamento del diabete mellito di tipo 2

Piano terapeutico per la prescrizione di Vildagliptin/metformina per il trattamento del diabete mellito di tipo 2 Allegato 1 (GU 272 del 20 vembre 2013) Piano terapeutico per la prescrizione di Vildagliptin/metformina per il trattamento del diabete mellito di tipo 2 Aziende Sanitarie, individuate dalle Regioni e dalle

Dettagli

Linfomi di Hodgkin e Linfomi anaplastici sistemici ricaduti e refrattari

Linfomi di Hodgkin e Linfomi anaplastici sistemici ricaduti e refrattari Linfomi di Hodgkin e Linfomi anaplastici sistemici ricaduti e refrattari Meldola 24 Settembre 2016 Sabati Ematologici della Romagna Letizia Gandolfi Istututo di Ematologia e Oncologia L. & A. Seràgnoli

Dettagli

astenia (causata dall anemia), aumentata suscettibilità alle infezioni (causata dalla leucopenia), emorragie (causate dalla piastinopenia).

astenia (causata dall anemia), aumentata suscettibilità alle infezioni (causata dalla leucopenia), emorragie (causate dalla piastinopenia). MIELODISPLASIE Le sindromi mielodisplastiche (SMD) sono un gruppo eterogeneo di malattie, prevalenti nell adulto-anziano, caratterizzate da una difettosa produzione, da parte del midollo osseo, di globuli

Dettagli

Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO Ceftarolina fosamil (Zinforo) Polvere per concentrato per soluzione

Dettagli

Classificazione degli studi epidemiologici

Classificazione degli studi epidemiologici Classificazione degli studi epidemiologici STUDI DESCRITTIVI - DI CORRELAZIONE O ECOLOGICI - CASE REPORT/SERIES - DI PREVALENZA O TRASVERSALI STUDI ANALITICI O OSSERVAZIONALI - A COORTE - CASO-CONTROLLO

Dettagli

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE Riassunto Data del documento originale: 23 gennaio 2014 RACCOMANDAZIONI

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI MARAVIROC ATC J05AX09 (Celsentri ) Presentata da Commissione Terapeutica Provinciale Sassari In data novembre 2008 Per le seguenti motivazioni: Trattamento dell infezione

Dettagli

Abiraterone e cabazitaxel

Abiraterone e cabazitaxel Raccomandazioni evidence-based Abiraterone e cabazitaxel nel carcinoma della prostata metastatico (II linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 18

Dettagli

Comprensione Revlimid

Comprensione Revlimid Comprensione Revlimid International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA & Canada) 818-487-7455 Fax: 818-487-7454 TheIMF@myeloma.org

Dettagli

Conclusioni scientifiche

Conclusioni scientifiche Allegato II Conclusioni scientifiche e motivi della revoca o variazione dei termini delle autorizzazioni all immissione in commercio e spiegazione dettagliata delle differenze rispetto alla raccomandazione

Dettagli