I PIÙ COMUNI INFESTANTI DEI LOCALI DI PRODUZIONE DEGLI ALIMENTI:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I PIÙ COMUNI INFESTANTI DEI LOCALI DI PRODUZIONE DEGLI ALIMENTI:"

Transcript

1 I PIÙ COMUNI INFESTANTI DEI LOCALI DI PRODUZIONE DEGLI ALIMENTI: A cura di: Roberta Cecchetti - Silvia Mascali Zeo - Claudio Venturelli Hanno collaborato: Marina Fridel - Simona Macchini - Vannia Ricci - Ruggero Ruggeri Manuale Operativo Materiale didattico a uso interno è vietato qualsiasi altro utilizzo Per ulteriori informazioni: Dipartimento di Sanità Pubblica Unità Operativa Igiene Alimenti e Nutrizione

2 INDICE TPRESENTAZIONE... 2 T 1.DISINFESTAZIONE Che cos è Perché è importante INFESTANTI PIÙ COMUNI E LORO CICLO BIOLOGICO INSETTI : Le Blatte( Ordine: Blattoidei) : Le mosche (Ordine: Ditteri) : Le formiche (Ordine: Imenotteri) : Le Tignole (Ordine: Lepidotteri) I Coleotteri (Ordine: Coleotteri) MAMMIFERI Topi e ratti DIFESA PREVENZIONE Azioni preventive di base MONITORAGGIO LOTTA Modalità di intervento MEZZI CHIMICI: Disinfestanti Parole chiave Bibliografia

3 PRESENTAZIONE Nel campo alimentare ogni animale, domestico o selvatico, deve essere considerato infestante ed il suo ingresso negli stabilimenti alimentari deve essere severamente vietato o impedito rappresentando una fonte di contaminazione estremamente pericolosa. Il responsabile di una industria alimentare è inoltre tenuto per legge ( D.Lgs. 155/97) ad attivare sistemi di prevenzione per la produzione di alimenti igienicamente idonei attuando dei piani di autocontrollo secondo il sistema H.A.C.C.P. Esso si basa su una valutazione del processo produttivo, su una corretta e precisa analisi dei pericoli e su un controllo e un monitoraggio al fine di prevenire, eliminare o ridurre a un livello accettabile tutti i rischi evidenziati. L infestazione da artropodi e roditori attratti dagli alimenti rappresenta una causa importante di compromissione della situazione igienico-sanitaria negli stabilimenti alimentari. La mancanza di idoneità dei locali (piccole dimensioni, scarsa aerazione e illuminazione, con attrezzature difficilmente ispezionabili) è una della maggiori cause della presenza di infestazione. 1.DISINFESTAZIONE 1.1 Che cos è Per disinfestazione si intende la lotta contro animali che possono essere vettori di malattie o causare danni alle attività e agli ambienti di vita dell uomo. La lotta contro gli animali infestanti deve avvenire in ogni fase di conservazione, trasporto, trasformazione, commercializzazione. 1.2 Perché è importante I danni che gli animali infestanti possono causare sono di due tipi: diretti dovuti al consumo delle derrate alimentari da parte degli infestanti; indiretti dovuti al rilascio di inquinanti (feci, saliva, urine, parti del corpo, ecc ). 2

4 2. INFESTANTI PIÙ COMUNI E LORO CICLO BIOLOGICO : Le Blatte( Ordine: Blattoidei) 2.1 INSETTI Rischio sanitario e danno economico Sono insetti diffusi in tutto il mondo, alcune specie possono risultare nocive in quanto vettori di microrganismi patogeni (batteri, virus e parassiti intestinali), a causa della frequentazione di fognature e servizi igienici (contaminazione oro-fecale). La caratteristica potenzialmente più pericolosa delle blatte è quella di rigurgitare una parte del cibo assunto e di defecare durante il pasto contaminando così gli alimenti. Abitudini Le femmine depongono le uova in una ooteca (capsula di rivestimento) che viene abbandonata nei luoghi di rifugio abituali. Le ooteche possono essere introdotte accidentalmente all interno degli edifici con gli scatoloni di cartone ondulato (deposte tra le pieghe delle due pagine). Le ooteche proteggono le uova dai trattamenti insetticidi, per cui possono essere fonte di reinfestazione. Le blatte hanno abitudini notturne, prediligono ambienti caldi e umidi (servizi igienici, tombini, ).Grazie al loro corpo appiattito riescono a rifugiarsi in anfratti di pochi millimetri, nelle fessure di pareti e pavimenti, tra i battiscopa scollati, nelle tubature, all interno di rivestimenti e isolanti. Fattori predisponenti I fattori che possono favorire l insediamento delle blatte in ambienti domestici e di lavoro sono da attribuirsi principalmente alle stesse attività umane: trasporto di materiali infestati (derrate alimentari, imballaggi, effetti personali, ecc.). Spesso anche il servizio lavanderia esterno (tovaglie, lenzuola, asciugamani) può contribuire al trasporto passivo. La presenza di crepe nei muri, le finestre aperte, i forti vapori presenti nelle cucine favoriscono l insediamento delle blatte. Va ricordato che le canalette elettriche, le condutture idriche come pure gli impianti di condizionamento e di riscaldamento offrono vie preferenziali per il loro spostamento all interno degli edifici. Descrizione delle specie maggiormente diffuse in Italia N ooteche N uova Dimensioni colore adulto (mm) Blatta orientalis nerastra Blattella germanica Giallo rossastro 3

5 : Le mosche (Ordine: Ditteri) Rischio sanitario e danno economico Le mosche possono contaminare cibi e utensili su cui si posano in quanto, attraverso le proprie appendici, liquido salivare, rigurgiti e feci trasportano diversi patogeni e uova di alcuni parassiti. Le principali malattie che possono essere trasmesse da questo tipo di insetti sono la salmonellosi, il tifo, la dissenteria e la congiuntivite. Abitudini Il loro ciclo biologico passa attraverso 4 fasi (uovo, larva, pupa e adulto) e ha una durata variabile a seconda della stagione. Ad esempio,per quanto riguarda la mosca più comune negli ambienti frequentati dall uomo (Musca domestica) nei periodi caldi sono sufficienti 2 giorni per la comparsa delle larve e meno di 15 giorni per quella degli adulti. Questi ultimi si riposano preferibilmente di giorno sul pavimento, sulle pareti, sul soffitto, e all esterno delle abitazioni sulle siepi e in prossimità dei recipienti per la spazzatura; di notte si trovano sui soffitti, sui fili dell energia elettrica, sulle siepi, sui rami degli alberi e negli angoli degli edifici al riparo dal vento. Le mosche sono attive di giorno (di notte possono diventare attive alla luce artificiale); Fattori predisponenti Sono insetti che vivono in stretta associazione con l uomo. Le mosche sono attratte da cumuli di rifiuti e letamai in cui si trovano sostanze in decomposizione utilizzate come nutrimento dalle larve. Descrizione delle specie maggiormente diffuse in Italia Nome Musca domestica (mosca domestica) Drosophila spp. (moscerino dell aceto) Lucilia spp. (mosca verde della carne) Calliphora spp (moscone blu della carne) Caratteristiche Cosmopolita, vive in stretta associazione con l uomo e si avvantaggia delle sue attività. E di colore grigio-nera. Gli adulti misurano da 5 a 7 mm. Cosmopolita, di piccole dimensioni, gli adulti misurano da 3 a 4 mm. Attratta da qualsiasi alimento in fermentazione, frutta matura, aceto, vino, zucchero e da sostanze particolarmente odorose. Le larve prediligono i lieviti e per questo è facile ritrovare questo insetto nei locali di impasto e lievitazione dei prodotti da forno. Di colore verde metallico, sono attratte dalla carne macellata, dal pesce cotto e crudo, su cui depongono le uova. Si tratta dei comuni mosconi piuttosto grossi di colore blu metallico che emettono il classico ronzio, sono attratti da carne, pesce sia cotti che crudi. sui quali depongono le proprie uova : Le formiche (Ordine: Imenotteri) Sono inquilini abbastanza frequenti delle nostre abitazioni. Appartengono a diverse Famiglie, vengono accorpate però nella Superfamiglia dei Formicoidea. Rischio sanitario e danno economico Non sono da considerare pericolose per le loro occasionali punture ma la loro presenza può diventare un problema nel caso di forti infestazioni per i danni arrecati negli stabilimenti alimentari sia per il possibile rischio del ritrovamento di spoglie morte sia per il possibile trasporto di microrganismi patogeni. 4

6 Abitudini Vivono in nidi e si nutrono di sostanze sia di origine vegetale che animale. Nelle abitazioni sfruttano percorsi protetti come le canalette dei fili elettrici che permettono loro spostamenti anche da un piano all altro in completa copertura. Fattori predisponenti Sono attratte dalle fonti di cibo e dagli ambienti caldo-umidi che consentono la loro attività anche nei periodi invernali : Le Tignole (Ordine: Lepidotteri) Con questo termine che non è il più appropriato anche se il più utilizzato, si fa riferimento a piccole farfalle infestanti di molte tipologie di derrate. I nomi scientifici delle più comuni farfalline sono Ephestia kuehniella Zell., Plodia interpunctella Hb. Rischio sanitario e danno economico Per questo tipo di insetto non si parla di rischio sanitario in senso stretto, ma è più corretto parlare di danni indiretti sugli alimenti che possono provocare le larve attraverso la produzione di escrementi, tele sericee (seta) e di danni diretti in seguito alla loro attività alimentare. Abitudini Il loro ciclo biologico si svolge in 4 fasi: uovo, larva, pupa (crisalide) e adulto. Entrano negli edifici in maniera passiva (con prodotti e/o imballaggi infestati) dove si nutrono sia di farine sia di cereali. Le larve non disdegnano però cioccolata, frutta secca e nelle case possono sopravvivere addirittura a spese della polvere accumulata negli angoli e raggiungere lo stadio adulto. Le larve producono filamenti sericei tele (simili alle ragnatele).per lo più si tratta di insetti penetratori in grado cioè di perforare oltre ai prodotti alimentari anche i materiali di imballaggio. Fattori predisponenti Il loro ciclo biologico è favorito generalmente da condizioni di umidità di circa il 75 % e da una temperatura di 25 C. Descrizione delle specie maggiormente diffuse in Italia Nome Ephestia kuehniella adulto.caratteristiche è di colore grigio scuro con antenne lunghe e di colore più intenso. Ha le ali anteriori grigio brune, frangiate e le ali posteriori più chiare con margini e nervature in evidenza. E facilmente ritrovabile nei mulini dove può provocare gravi danni in particolare a causa dell ostruzione prodotta nei macchinari dalla seta emessa dalle larve. Attacca anche nocciole, frumento, cioccolata, fagioli, mandorle ecc. A 25 C e 75 % di umidità completa il suo ciclo biologico in 74 giorni. larva Plodia interpunctella ha il corpo fondamentalmente bruno- grigiastro; le ali anteriori per un terzo della loro lunghezza sono bianco-giallastro e per il resto marrone rossastro con 2-3 strette fasce nere; le ali posteriori sono biancastre. Infesta grano, cereali macinati, frutta secca, nocciole, noci, ecc. A 20 C e 70 % di umidità resiste per più di 50 giorni e il suo sviluppo si arresta al di sotto dei 15 C I Coleotteri (Ordine: Coleotteri) 5

7 Rischio sanitario e danno economico Anche questi infestanti procurano danni sia diretti sia indiretti causati dall inquinamento dovuto alle spoglie e agli escrementi. E importante sottolineare che i peli e le setole lasciate da questi insetti possono essere la causa di gravi allergie dell apparato respiratorio e di microlesioni a livello intestinale. Abitudini Il loro ciclo di sviluppo passa attraverso 4 fasi: uovo, larva, pupa e adulto. Si nutrono di sostanze sia di origine vegetale che animale. I danni alle derrate sono provocate sia dalla larva che dall adulto. Fattori predisponenti Il loro ciclo biologico è favorito generalmente da condizioni di umidità di circa il 75 % e da una temperatura di 25 C. Descrizione delle specie maggiormente diffuse in Italia N uova Dimensioni adulto (mm) colore Alimenti preferiti Stegobium paniceum ,8-3 Giallo-marrone scuro alimenti sia di origine animale che vegetale Rhyzopertha dominica ,5-3 rossastro cereali, farine, paste alimentari, biscotti,ecc Lasioderma serricorne ,5-3 Bruno uniforme sostanze conservate come frutta secca, tabacco, farine, spezie, camomilla, pesce secco Tenebrio molitor Bruno-rossastro farine, biscotti, paste alimentari, carne essiccata Sithophylus granarius Bruno uniforme cereali, paste alimentari, legumi Oryzaephilus surinamensis ,5-3 Bruno qualsiasi tipo di alimento di origine vegetale (orzo, riso, farro, biscotti, pane, cacao, legumi secchi 6

8 2.2 MAMMIFERI Topi e ratti I ratti si distribuiscono all interno di un area delimitata in maniera raggruppata. Per questa loro particolarità si può assistere ad infestazioni molto evidenti di alcune aree e la completa assenza o la sola casuale presenza in altre zone anche limitrofe. Rischio sanitario e danno economico Oltre a causare evidenti danni di tipo diretto sulle derrate alimentari a causa della loro attività alimentare, i topi contaminano l ambiente in cui si trovano sia con le loro feci e urine (emesse di continuo per marcare il territorio) sia con il loro semplice passaggio (lasciano infatti peli e tracce untuose e trasportano, attaccati al loro corpo diversi microrganismi). Abitudini I ratti e i topi sono onnivori e si nutrono di una vasta varietà di cibo: insetti, molluschi, pesci, carogne, uova, frutta, cereali, ortaggi, carta e legno. Il cibo può essere consumato in loco o accumulato in appositi spazi ricavati all interno delle tane. Descrizione delle specie maggiormente diffuse in Italia Dal lato sanitario i roditori più pericolosi sono quelli che vivono in stretta associazione con l uomo, cioè: Mus domesticus, Rattus norvegicus, Rattus rattus Caratteristiche: Mus domesticus Rattus norvegicus Rattus rattus Peso Meno di 25 g Più di 250 g Meno di 250 g Lunghezza della coda Maggiore di quella della testa e del corpo Minore di quella della testa e del corpo Maggiore di quella della testa e del corpo Orecchie Grandi e con qualche pelo Piccole, spesse, coperte di fini peli Grandi, sottili, prive di pelo Muso Appuntito Ottuso Appuntito Colore Grigio-marrone Grigio-marrone a volte nero, l addome è grigio Nero, marrone, fulvo o grigio; l addome può essere bianco Occhi Piccoli Piccoli Grandi Feci Separate, piccole, A gruppi, a volte fusiformi o elissoidali isolate, fusiformi o Abitudini Si arrampica e scava tane; vive all interno e all esterno delle abitazioni, ma non nelle fognature ellissoidali Scava tane, si arrampica, sa nuotare e vive sia all interno che all esterno delle abitazioni e nelle fognature Separate a forma di banana Scava tane, si arrampica, vive sia all interno che all esterno delle abitazioni, di rado nelle fognature Distribuzione Ubiquitario Ubiquitario Frequente nelle zone portuali 7

9 3.DIFESA La DIFESA dagli infestanti è impostata su due principi: la Prevenzione attraverso le azioni preventive di base e il monitoraggio; la Lotta Azioni preventive di base 3.1 PREVENZIONE Le azioni preventive di base hanno lo scopo di eliminare le fonti di attrazione degli insetti e dei roditori (residui di cibo, rifiuti, alimenti stoccati in maniera scorretta in dispense e magazzini) e i siti di penetrazione (fessure, ecc.); consistono in accorgimenti gestionali per non introdurre merci già infestate e accorgimenti strutturali per impedire che gli insetti si insedino in maniera definitiva. Possono essere riferite sia alle aree interne che esterne. Gestione delle materie prime Nelle aree interne Ispezionare accuratamente o meglio ancora privare subito dell imballaggio, i contenitori delle merci in arrivo, onde evitare l accidentale introduzione di agenti infestanti; eliminare subito dopo i residui degli imballaggi. Stoccare le materie prime in modo corretto evitando l accumulo di derrate alimentari o materiale vario a ridosso dei muri o a diretto contatto con il pavimento; le merci devono essere riposte su ripiani lontani da terra e scaffalature ( possibilmente di metallo e lisce; evitando i materiali legnosi perché possono nascondere e alimentare insetti nocivi) Effettuare una corretta rotazione dei prodotti immagazzinati, raccogliere e trasportare in contenitori appositi la merce deteriorata. Chiusura aperture verso l esterno Schermare le finestre apribili con zanzariere. Utilizzare quando possibile porte a chiusura automatica o dotarle di sistemi antintrusione. Manutenzione locali ed impianti Mantenere integra la tinteggiatura dei muri e dei soffitti. Ripristinare dove necessario pavimenti, rivestimenti, battiscopa e sigillare tutte le fessure ed intercapedini presenti nella struttura. Evitare di creare intercapedini (es.: dietro pannelli, rivestimenti ecc.) o spazi inaccessibili alle pulizie e all ispezione (es.: dietro i frigoriferi, sotto i lavelli, ecc.). Eliminare le attrezzature e gli arredi non utilizzati che possano costituire ricettacolo per gli infestanti. Pulire periodicamente filtri, grate, scarichi. Accertarsi che gli scarichi nei pavimenti e nei bagni siano correttamente sifonati. Nel caso in cui esistano controsoffittature, queste devono essere adeguatamente congiunte alle pareti dei locali onde facilitare le operazioni di pulizia ed evitare il rischio 8

10 di annidamento di infestanti. L eventuale spazio tra le controsoffittature e i solai deve essere ispezionabile e accessibile per eliminare eventuali infestazioni ed effettuare periodicamente le operazioni di pulizia. Corretto allontanamento scarti /rifiuti e acque reflue Evitare lo stazionamento di imballaggi e di materiali inutilizzabili. Chiudere i rifiuti in contenitori muniti di coperchio a comando a pedale. Asportare frequentemente i rifiuti dagli ambienti di deposito e preparazione di alimenti. Razionalizzazione pulizie Evitare accumuli di prodotti di scarto e sudiciume sotto i macchinari e le attrezzature. Smontare i macchinari per ispezionarli e lavarli con facilità. Conservare stracci, scope e spazzoloni in appositi spazi e non a contatto con il pavimento. Nelle aree esterne Manutenzione e pulizia aree cortilizie Garantire lo sfalcio dell erba e ripulire le foglie secche. Ripristinare crepe e fessurazioni in pavimentazioni e marciapiedi. Garantire un corretto drenaggio del terreno e pulizie delle grondaie; per evitare così la formazione di pozze che attirano gli insetti e facilitano l insediamento di roditori vicino ai fabbricati. I tombini e gli scarichi esterni devono essere protetti da griglie per evitare l ingresso dei roditori. Mantenere il terreno libero dai rifiuti e dall ingombro di materiali vari, spesso accatastati per lunghi periodi. Pulire regolarmente i contenitori per i rifiuti assicurandosi che siano in buone condizioni e dotati di coperchi di chiusura. 3.2 MONITORAGGIO Il Monitoraggio degli infestanti si attua attraverso la sistematica regolare ispezione visiva di tutte le aree e locali dello stabilimento per verificare la presenza di insetti, ragnatele, topi e ratti o materiale rosicchiato, escrementi e altre tracce di animali. Lo scopo delle ispezioni di routine è: Fare attenzione ad ogni aspetto igienico che possa essere migliorato per ridurre i potenziali problemi. Esaminare e fissare i punti permanenti di monitoraggio e sostituirli se necessario. Identificare e segnalare ogni evidente presenza di infestazione. Predisporre e intraprendere le azioni necessarie per l eliminazione del problema. Alcuni infestanti, come ad esempio le blatte e i roditori, hanno abitudini notturne. L ispezione visiva dei locali potrebbe non essere sufficiente per rilevarne la presenza e diventa quindi opportuno l utilizzo di trappole specifiche che consentano di rilevare l eventuale passaggio degli infestanti. L utilizzo di trappole ha lo scopo, sia di identificare le diverse tipologie di specie infestanti, sia di quantificare i livelli delle infestazioni attraverso la misura del consumo di esche e la conta degli individui catturati. Pertanto, il conduttore dello stabilimento deve predisporre ed attuare un piano di autocontrollo ai sensi del D.Lgs. 155/97 che comprenda: - un programma di intervento recante informazione sulle sedi sottoposte a controllo, tipo di infestanti controllati, modalità di controllo, periodicità degli interventi, risultati ottenuti, catture, avvistamenti altre segnalazioni; mappatura delle zone a rischio e posizionamento di trappole, etichette e schede tecniche e di sicurezza dei prodotti utilizzati, 9

11 - la registrazione dei trattamenti effettuati con indicati: data, luogo, infestante bersaglio, metodo adottato, quantità utilizzata, prodotto impiegato. La tipologia e la dislocazione delle trappole utilizzate nel monitoraggio e poi, anche negli interventi di disinfestazione e/o derattizzazione, è estremamente critica per i buoni risultati della lotta agli infestanti e perciò deve essere stabilita con precisi criteri tecnici allo scopo di pianificare gli interventi, controllare l esecuzione degli stessi e meglio identificare le aree che richiedano interventi particolari. E necessario definire il tipo e la dislocazione delle trappole utilizzate specificando il tipo di esca usato. Devono essere disponibili le schede tecniche dei prodotti chimici ed in particolare dei prodotti tossici; tutti i prodotti che vengono utilizzati per i trattamenti devono essere regolarmente dotati della relativa autorizzazione del Ministero della Salute e della apposita scheda di sicurezza con le prescrizioni d uso e le precauzioni da usare nel loro impiego; E consigliabile che l uso di esche contenenti sostanze tossiche sia evitato nelle aree di stoccaggio e di lavorazione degli alimenti e limitato alle aree esterne allo stabilimento in modo da evitare la possibilità di contaminazione dei prodotti alimentari. Le trappole ratticide eventualmente poste all interno dello stabilimento è bene siano del tipo a cattura. Le trappole luminose per insetti volanti devono essere posizionate lontane dalle linee di lavorazione e in modo da non essere visibili dall esterno al fine di non costituire fonte di richiamo. 3.3 LOTTA Nel caso in cui nonostante tutte le misure preventive adottate si verifichi una infestazione e quindi, secondo quanto previsto dal metodo H.A.C.C.P. avvenga una deviazione dai criteri che ci siamo imposti (limiti critici), si dovranno intraprendere azioni correttive Modalità di intervento Potenziamento azioni preventive di base Interventi di pulizia straordinaria, di manutenzione e ripristino strutturale. Incremento del numero di trappole di cattura. Interventi mirati Il trattamento chimico deve essere mirato all infestante individuato, va attuato solo in caso di reale necessità privilegiando l uso di prodotti meno tossici e con modalità atte ad evitare una contaminazione chimica dei prodotti alimentari. Un intervento di disinfestazione consiste nell applicazione di specifiche sostanze insetticide e deve essere effettuato con apposite attrezzature da personale adeguatamente protetto, in assenza di ogni altro operatore e di prodotti alimentari, con un efficace protezione dei macchinari e delle attrezzature destinate al contatto con gli alimenti. In ogni caso, dopo i trattamenti di disinfestazione prima di riprendere l attività produttiva, è sempre necessario effettuare un 10

12 intervento di pulizia straordinario allo scopo di eliminare ogni eventuale residuo di prodotto dalle zone a rischio di contaminazione degli alimenti. Le operazioni di disinfestazione possono anche essere effettuate in proprio dall Azienda stessa ma, soprattutto se si deve intervenire in caso di infestazioni massive, è sicuramente preferibile per le aziende, conferire con atto scritto l incarico ad una ditta esterna referenziata e di provata affidabilità. La lotta contro gli infestanti può essere effettuata prevalentemente con mezzi: Fisici e meccanici agendo sulla variazione di temperatura o con l utilizzo di trappole Chimici, attraverso l uso di disinfestanti che comprendono: insetticidi, rodenticidi. INSETTICIDI MEZZI CHIMICI: Disinfestanti Con il termine generico di insetticidi si indicano quelle sostanze che hanno una azione tossica sugli insetti. Essi vengono impiegati in campo agricolo, veterinario e in quello dell igiene pubblica. E importante attuare una giusta scelta del prodotto da utilizzare che è in funzione della tipologia dell insetto, del tipo di alimento, dell ambiente in cui si opera, della tossicità del prodotto verso l insetto, della tossicità verso l uomo, del tempo di carenza. Gli insetticidi possono essere disponibili allo stato solido, liquido, gassoso, di gel. Gli insetticidi sono di solito classificati secondo il gruppo chimico di appartenenza. Possiamo suddividerli in composti naturali, derivati del petrolio e prodotti di sintesi. I prodotti di sintesi possono essere suddivisi in fosforganici, i più utilizzati attualmente, in carbammati ed in piretroidi di sintesi. RODENTICIDI Costituiscono un vasto gruppo di sostanze usate per la distruzione dei roditori. Possono essere a dose singola con effetto immediato, o a dose multipla che agiscono lentamente nel tempo. Di solito vengono utilizzati i rodenticidi a dose multipla in quanto più sicuri nell impiego e più efficaci. Per un corretto utilizzo dei disinfestanti è importante: 1. limitare l uso di prodotti ad attività residua all interno di stabilimenti alimentari; 2. conoscere di ogni principio attivo la sua tossicità verso l uomo, la sua persistenza, la repellenza, la capacità di degradazione (che aumenta con l aumentare della temperatura, dell umidità ed è in funzione del tipo di substrato); 3. ricordare che l uso ripetuto di uno stesso insetticida contro un infestante può determinare fenomeni di resistenza e quindi è bene programmare una periodica alternanza dei principi attivi. 11

13 Parole chiave Azione correttiva. procedura da intraprendere quando si verifica una deviazione dai limiti. Azione preventiva: ogni fattore che può essere utilizzato per controllare un rischio non identificato CCP (punti critici di controllo): un operazione, pratica, procedura, processo il cui controllo può garantire una riduzione quantificabile del rischio associabile ad un rischio predeterminato. Il rischio dovrebbe essere ridotto in quantità tale da ottenere alimenti accettabili e salubri. Per questo è opportuno identificare i limiti critici. Decreto legislativo 155/97: decreto che stabilisce le norme generali di igiene dei prodotti alimentari e le modalità di verifica dell osservanza di tali norme. Derattizzazione: eliminazione dei topi dall ambiente. Detergenza: ogni procedimento che ha come scopo quello di eliminare sudiciume o sostanze inquinanti o comunque non desiderate da superfici solide. Difesa integrata: sistema di controllo delle popolazioni di infestanti mediante l'integrazione di tutte le tecniche di lotta (lotta biologica, chimica, meccanica, fisica, ecc.) in modo da ridurre al minimo l' uso di insetticidi. Disinfestazione: lotta contro animali che possono essere vettori di malattie o causare danni alle attività e agli ambienti di vita dell'uomo. Disinfezione: trattamento diretto alla eliminazione di ogni microrganismo patogeno. Dose letale (DL95): quantità di p.a. che determina la morte del 95% degli infestanti trattati. GMP (buone pratiche di lavorazione): tutte le attività preventive di base necessarie per produrre alimenti secondo condizioni igieniche accettabili. Le GMP sono un prerequisito del sistema HACCP. HACCP (analisi dei rischi e dei punti critici di controllo): sistema per produrre alimenti salubri basato sull identificazione e la gestione dei punti critici di controllo (CCP) Limiti critici: criteri posti ad un CCP di natura fisica, biologica, chimica, che garantiscono rischi accettabili. Monitoraggio: sequenza pianificata d osservazioni o misure per valutare se una fase è sotto controllo o per produrre una registrazione accurata da mostrare nella verifica Pericolo: un possibile effetto avverso sulla salute umana conseguente al consumo di un particolare alimento, ovvero: un agente biologico, chimico o fisico presente nell alimento in grado di renderlo non sicuro per il consumo. Principio attivo (p.a.): componente principale di un formulato. Rischio: la probabilità che un effetto avverso (pericolo) si verifichi. Sanificazione: riduzione della contaminazione microbica degli impianti e degli ambienti sufficiente agli effetti della salvaguardia della salute del consumatore e della sicurezza di non deterioramento nel tempo dei prodotti finiti. Stabilimento alimentare: ogni locale adibito alla produzione, manipolazione, conservazione degli alimenti. Sterilizzazione: trattamento diretto alla eliminazione totale di ogni forma microbica. Tempo di carenza o intervallo di sicurezza: periodo che intercorre tra il momento del trattamento e quello di utilizzazione del prodotto trattato. Tossicità acuta (DL50): quantità (in mg di p.a. per Kg di peso vivo) che usata in una sola somministrazione provoca la morte del 50% degli individui trattati. Tossicità cronica: indica l effetto di un principio attivo sull organismo dopo lunghi periodi di somministrazione (effetto cancerogeno). Tossicità cumulativa: tiene conto dell effetto di ripetute somministrazioni di dosi subletali giornaliere e stabilisce la quantità di prodotto che può essere assunto ogni giorno dall uomo senza danno. 12

14 Bibliografia CRAVEDI P., - Atti del 6 Simposio. La difesa antiparassitaria nelle industrie alimentari e la protezione degli alimenti. Piacenza, settembre Chiriotti editori DOMENICHINI G., PROVETTI A. - Entomologia Urbana. Utet, Torino, GIANGASPERO A. - Le mosche di interesse veterinario. I Muscidae. Guida alla conoscenza e al riconoscimento. Calderini - Edagricole, Bologna MAROLI M. e KHOURY C., - Atti. Impurità solide negli sfarinati e nei prodotti di trasformazione:metodo ufficiale di analisi (filth test) e aspetti normativi. Gli artropodi infestanti gli sfarinati ; pag Istituto Superiore di Sanità, Roma 7 Aprile AUTORI VARI - Regione Emilia- Romagna CDS Aziende USL Città di Bologna e Ravenna. Centri di Produzione Pasti. Guida per l applicazione del sistema H. A. C. C. P. ROMI R., KHOURY C., BIGLIOCCHI F., MAROLI M. - Schede guida su acari ed insetti di interesse sanitario Istituto Superiore di Sanità. Laboratorio di Parassitologia. Roma, Gennaio SUSS L., LOCATELLI D. P. - I Parassiti delle derrate. Riconoscimento e gestione delle infestazioni nelle industrie alimentari. Calderini Edagricole, Bologna, Ufficio di Entomologia Urbana e Sanitaria- Dip.to di Sanità Pubblica Ausl Cesena. Rivista Snop. VENTURELLI C. - Monografico sugli Infestanti di interesse urbano e sanitario. Le infestazioni nel comparto agro-zootecnico: un esempio di lavoro integrato ; pag VENTURELLI C., Atti della Conferenza Internazionale. Città verdi, città blu d Europa. Forlì, ottobre 2000, Ratti: biologia, ecologia e sistemi di mappatura ; pag VENTURELLI C., BIANCHI D. Mosche, cittadini e agro-zootecnica; Disinfestazione n 4, 2005 VENTURELLI C., F. GERMANI, A. GIANGASPERO L infestazione da mosche negli allevamenti zootecnici della Provincia di Teramo: aspetti epidemiologici e gestionali; Disinfestazione n 6,

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE ISTITUTO DI ENTOMOLOGIA AGRARIA UNIVERSITÀ DEGLI STU DI DI MILAN O I - 20133 MILANO Via G. Celoria, 2 Tel. 02/50316754 Fax 02/50316748 E-mail: luciano.suss@unimi.it http://users.unimi.it/~agra/entol.html

Dettagli

L IMPATTO DEI PRINCIPALI INFESTANTI (MOSCHE, ZANZARE, BLATTE, RATTI) NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA

L IMPATTO DEI PRINCIPALI INFESTANTI (MOSCHE, ZANZARE, BLATTE, RATTI) NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA La gestione degli organismi infestanti in situazioni di emergenza: le aree terremotate dell Emilia Bologna 15 novembre 2012 L IMPATTO DEI PRINCIPALI INFESTANTI (MOSCHE, ZANZARE, BLATTE, RATTI) NEI CENTRI

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare:

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: Aspetti generali Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: la progettazione dei locali e delle strutture l organizzazione

Dettagli

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data Manuale H.A.C.C.P (ai sensi del Reg. CE 852/2004) Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica LOGO AZIENDALE AZIENDA ESEMPIO Indirizzo: Via, 8

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE Tecnico Della Prevenzione Lazzaro Dott. Alessandro (Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Aulss n 13 Mirano-VE) Verona 03/02/2012 Quadro normativo

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

La filiera del latte

La filiera del latte La filiera del latte 1 Reg. 178/2002 Responsabilità spetta AGLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE garantire che nelle imprese da essi controllate gli alimenti soddisfino le disposizioni della legislazione

Dettagli

IGIENE. Igiene delle mani. IV parte

IGIENE. Igiene delle mani. IV parte Il livello igienico degli ambienti della cucina, delle attrezzature e degli utensili concorre a definire il livello igienico del pasto prodotto. Si pone l attenzione sulla necessità di una appropriata

Dettagli

LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI

LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI LA COMPAGNIA DEL SENZA GLUTINE IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE IN CUCINA: PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI PASTI PER CELIACI Tecnico della Prevenzione Azienda Ulss7 Dott.ssa Carola Lanzilotti Il sistema

Dettagli

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI E GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE Dr. Maurizio Mangelli Responsabile Sicurezza PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi La sicurezza degli alimenti intesa sia come sicurezza igienica che come sicurezza nutrizionale è una responsabilità che non riguarda soltanto l'industria alimentare, ma tutti gli attori della catena di

Dettagli

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA Modena 16 e 24 marzo 2010 IL PACCHETTO IGIENE Comprende

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA

IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA Tabella 1) Capitolo 1 - Generalità Revisione n.00 Paragrafo 1.1 - Identificazione della struttura Allegati relativi al paragrafo: ALL.01 IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA Denominazione: Sede:

Dettagli

Manuale di autocontrollo Igiene dei prodotti alimentari

Manuale di autocontrollo Igiene dei prodotti alimentari Farmacia: Manuale di autocontrollo Igiene dei prodotti alimentari Regolamento (CE) n. 852/2004 Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193 Responsabile di questo Manuale di Autocontrollo è il dr titolare

Dettagli

Classificazione degli insetti

Classificazione degli insetti Classificazione degli insetti Regno Phylum Classe Animalia Artropoda Insecta Ordine Famiglia Genere Specie Classificazione degli insetti A, un machilide sulla corteccia di un albero, dove può nutrirsi

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi Il tema della sicurezza alimentare riveste un ruolo di primaria importanza all interno della vita di ogni consumatore. La legislazione alimentare, fondamentale per assicurare un equo agire della autorità,

Dettagli

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO COMUNICAZIONE Viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.3838448 Fax 030.3838280 E-mail servizio.comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA STAMPA DEL 04/06/2010 MISURE

Dettagli

Principi e comportamenti sui punti critici dell HACCP

Principi e comportamenti sui punti critici dell HACCP Principi e comportamenti sui punti critici dell HACCP UOC di Riabilitazione Metabolico Nutrizionale Direttore Tecnico-Scientifico: LM Donini Dietisti: E. Castellaneta, C. Civale, P. Ceccarelli, S. Passaretti,

Dettagli

B. Documentazione generale del sistema di autocontrollo e definizione delle responsabilità aziendale

B. Documentazione generale del sistema di autocontrollo e definizione delle responsabilità aziendale Dipartimento federale dell'economia DFE Ufficio federale di veterinaria UFV Allegato 3 - Guida per la valutazione uniforme dell autocontrollo INDICE I Introduzione... 1 A.... 1 B. La documentazione generale

Dettagli

Comune di Agerola Provincia di Napoli --------

Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- 1 Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA PER SCUOLE MATERNE REQUISITI CENTRO COTTURA ALLEGATO C LOCALI: I locali devono essere distinti l uno dall altro in funzione

Dettagli

OGGETTO: LOTTA CONTRO LE MOSCHE ED ALTRI AGENTI INFESTANTI. IL RESPONSABILE DEL SETTORE TERRITORIO E AMBIENTE

OGGETTO: LOTTA CONTRO LE MOSCHE ED ALTRI AGENTI INFESTANTI. IL RESPONSABILE DEL SETTORE TERRITORIO E AMBIENTE ORDINANZA N. 48 OGGETTO: LOTTA CONTRO LE MOSCHE ED ALTRI AGENTI INFESTANTI. PREMESSO che: IL RESPONSABILE DEL SETTORE TERRITORIO E AMBIENTE - la lotta contro le mosche ed altri agenti infestanti va condotta

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

Alessia BERZOLLA - Cristina REGUZZI. CPBC Università Cattolica del Sacro Cuore

Alessia BERZOLLA - Cristina REGUZZI. CPBC Università Cattolica del Sacro Cuore Alessia BERZOLLA - Cristina REGUZZI CPBC Università Cattolica del Sacro Cuore Il rischio di un attacco biologico da parte di insetti e microrganismi è comune a biblioteche, archivi e istituti museali

Dettagli

Dr.ssa Chiara M. Dassi

Dr.ssa Chiara M. Dassi Topi e ratti in ambiente urbano Dr.ssa Chiara M. Dassi Un ombra segue l umanità: il topo G. Dassi, Un tesoro di Isole, Morgan Edizioni Tecniche I RODITORI TOPO SPECIE: Mus domesticus (topolino domestico)

Dettagli

Controllo degli infestanti alimentari

Controllo degli infestanti alimentari Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva Zoonosi: al Passo coi tempi 24/25/26/27 novembre 2008 Bagno Vignoni (SI) Controllo degli infestanti alimentari Parte II ORGANISMI INFESTANTI PERMANENTI

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA

DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTO ALLA SALUTE E POLITICHE DI SOLIDARIETA Linee guida per la vigilanza sulle imprese alimentari che preparano e/o somministrano alimenti preparati con

Dettagli

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Servizio di Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Dott. Agostino Trogu Il latte ( la carne, ecc. ) comincia dalla bocca.. Mangime

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

IMPORTANZA DELLA PROGRAMMAZIONE PER UN EFFICACE CONTROLLO DEGLI INFESTANTI NELL INDUSTRIA ALIMENTARE

IMPORTANZA DELLA PROGRAMMAZIONE PER UN EFFICACE CONTROLLO DEGLI INFESTANTI NELL INDUSTRIA ALIMENTARE IMPORTANZA DELLA PROGRAMMAZIONE PER UN EFFICACE CONTROLLO DEGLI INFESTANTI NELL INDUSTRIA ALIMENTARE PREMESSA Termini quali Lotta Integrata, Piano di Controllo Integrato degli Infestanti, sono oggi sulla

Dettagli

Manuale di BUONE PRASSI in MATERIA Di BIOSICUREZZA per il controllo della diffusione delle malattie negli impianti d acquacoltura

Manuale di BUONE PRASSI in MATERIA Di BIOSICUREZZA per il controllo della diffusione delle malattie negli impianti d acquacoltura Manuale di BUONE PRASSI in MATERIA Di BIOSICUREZZA per il controllo della diffusione delle malattie negli impianti d acquacoltura INTRODUZIONE Il manuale di buona prassi igienica costituisce uno strumento

Dettagli

Dipartimento Sanità Pubblica - Cesena CALENDARIO 2015

Dipartimento Sanità Pubblica - Cesena CALENDARIO 2015 CALENDARIO 2015 gennaio 2015 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Mus musculus domesticus È un piccolo roditore conosciuto come topo domestico. Presente in

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi

Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi Identificazione pericoli Figure professionali Ambienti Valutazione di esposizione dei rischi Altri rischi antiparassitari

Dettagli

Corsi di formazione Haccp

Corsi di formazione Haccp Corsi di formazione Haccp La Normativa HACCP o Autocontrollo alimentare disciplina le regole di igiene nei luoghi di lavoro ove si preparano, si immagazzinano o si distribuiscono alimenti o bevande. Il

Dettagli

Etichetta per la cartuccia da 35 grammi

Etichetta per la cartuccia da 35 grammi Etichetta per la cartuccia da 35 grammi Presidio Medico Chirurgico - Registrazione del Ministero della Salute n. 18274 BASF Italia Spa Via Marconato, 8 - Cesano Maderno (MI) Officina di produzione : Scotts

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER LABORATORI DI PRODUZIONE LATTIERO CASEARI

SCHEDA INFORMATIVA PER LABORATORI DI PRODUZIONE LATTIERO CASEARI SCHEDA INFORMATIVA PER LABORATORI DI PRODUZIONE LATTIERO CASEARI 1 FINALITÀ DELL INTERVENTO: NUOVA ATTIVITÀ RISTRUTTURAZIONE ATTIVITÀ ESISTENTE RICONVERSIONE O AGGIUNTA TIPOLOGIA ATTIVITÀ ESISTENTE Trattasi

Dettagli

Cimice dei letti. a cura di Marco Gusti Agrotecnico

Cimice dei letti. a cura di Marco Gusti Agrotecnico Cimice dei letti Novità Novitàper il il controllo controllo delle delle cimici cimici dei dei letti letti a cura di Marco Gusti Agrotecnico Consulente in Igiene ambientale, disinfestazione, derattizzazione,

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO SERVIZIO: SERVIZIO INTEGRATO DI PULIZIA, GIARDINAGGIO, IGIENE AMBIENTALE

DISCIPLINARE TECNICO SERVIZIO: SERVIZIO INTEGRATO DI PULIZIA, GIARDINAGGIO, IGIENE AMBIENTALE DISCIPLINARE TECNICO SERVIZIO: SERVIZIO INTEGRATO DI PULIZIA, GIARDINAGGIO, IGIENE AMBIENTALE (DISINFEZIONE, DISINFESTAZIONE, DERATTIZZAZIONE E LOTTA ALLA PROCESSIONARIA) DELLE AREE DI PERTINENZA DEI FABBRICATI

Dettagli

Alto livello igienico

Alto livello igienico La separazione fra aree che necessitano livelli igienici diversi viene definita zoning. Lo studio del zoning diventa molto importante nella prevenzione contro l entrata di potenziali contaminanti in specifiche

Dettagli

Dalla Spesa alla Tavola

Dalla Spesa alla Tavola Dalla Spesa alla Tavola L Igiene e la Salute in Cucina Dott.ssa M. Stella 1 L Acquisto attento dei Prodotti Alimentari Dott.ssa M. Stella 2 L Etichetta di un Prodotto Alimentare 1) denominazione di vendita

Dettagli

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi 1. Cos è Il compostaggio è il risultato di un nuovo modo di trattare i rifiuti organici e vegetali. È semplice: noi tutti produciamo una certa quantità di rifiuti ogni giorno. Parte dei rifiuti prodotti

Dettagli

Corso Base Formazione/Informazione. Sicurezza alimentare per OSA delle associazioni sociali, culturali, sportive e le organizzazioni di volontariato

Corso Base Formazione/Informazione. Sicurezza alimentare per OSA delle associazioni sociali, culturali, sportive e le organizzazioni di volontariato Corso Base Formazione/Informazione Sicurezza alimentare per OSA delle associazioni sociali, culturali, sportive e le organizzazioni di volontariato Provincia di Bologna Via Zamboni, 13 Bologna 30 Novembre

Dettagli

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 Autocontrollo e Sicurezza Alimentare Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 SOMMARIO Lo scenario attuale della legislazione alimentare igienico sanitaria DL 155/97: Autocontrollo e sicurezza alimentare

Dettagli

STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA

STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA STRUTTURE MOBILI, FIERE E SAGRE, MERCATI E COMMERCIO SU STRADA Controllo ufficiale e sistema HACCP 30.04.2010 INI Grottaferrata Dr. Mariano SIGISMONDI Alcuni dati Nel 2001 gli esercizi di commercio ambulante

Dettagli

Le malattie trasmesse da alimenti. Alimentando > Le malattie trasmesse ingerendo alimenti infetti [ 1 ]

Le malattie trasmesse da alimenti. Alimentando > Le malattie trasmesse ingerendo alimenti infetti [ 1 ] Le malattie trasmesse da alimenti [ 1 ] Le malattie trasmesse Gli alimenti sono la fonte di nutrimento necessaria per la vita dell uomo, ma possono diventare un pericolo per la salute del consumatore quando

Dettagli

CONOSCERE LA CELIACHIA

CONOSCERE LA CELIACHIA CONOSCERE LA CELIACHIA Igiene e sicurezza alimentare in cucina: procedure e punti chiave per produrre pasti senza glutine Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione DSP - Azienda USL di Modena 24

Dettagli

I CONTAMINANTI DELLA MATERIA PRIMA LIEVITO.

I CONTAMINANTI DELLA MATERIA PRIMA LIEVITO. I CONTAMINANTI DELLA MATERIA PRIMA LIEVITO. A cura della Dott.ssa Simona Lauri: simona.lauri@nistriandrea.it Il discorso generico sui microrganismi contaminanti o utili, il loro sviluppo, i fattori che

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317 VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 FARMACIE ATTIVITA : Reg. n DATI IDENTIFICATIVI : DITTA RAGIONE

Dettagli

.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad

.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad ,'- - -~~_._,--~ -_... ~-------;~-----'--'-'~-~_._' --- - - - -), Minislero della Salule 0009028-P-30/03/2009 ( DGSAN, " " \....... _--_._---._.~" '._-"-'.., I -.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa di Igiene e Sanità Pubblica. Tecnico della Prevenzione Arnaldi Roberta

Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa di Igiene e Sanità Pubblica. Tecnico della Prevenzione Arnaldi Roberta Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa di Igiene e Sanità Pubblica Tecnico della Prevenzione Arnaldi Roberta Tatuaggi, piercing e trucco permanente Quali sono i riferimenti normativi riguardanti

Dettagli

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza.

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza. COME SI PRESENTA IL PRODOTTO: Fare attenzione alle alterazioni visibili: il prodotto alterato può cambiare colore, odore, sapore, aspetto può cambiare consistenza o presentare tracce di muffe la confezione

Dettagli

ZANZARE CITTADINE. Laura Cassata. Titolo: Autore: Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA:

ZANZARE CITTADINE. Laura Cassata. Titolo: Autore: Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA: Titolo: ZANZARE CITTADINE Autore: Laura Cassata Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA: Le domande che seguono si ispirano al percorso o ai percorsi indicati e hanno come obiettivo

Dettagli

7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione

7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 2. FASE DI LAVORAZIONE: Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 3. CODICE INAIL: 4. FATTORE DI RISCHIO:

Dettagli

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail ASL Indirizzo Recapiti: telefono telefax e-mail VERBALE DI SOPRALLUOGO PER L ACCERTAMENTO DELL IDONEITA STRUTTURALE ED IGIENICO SANITARIA DEGLI STABILIMENTI DATA DEL SOPRALLUOGO / / ISPETTORE INCARICATO

Dettagli

NORME DI PRODUZIONE MANGIMI TRASFORMATI per i prodotti da agricoltura biologica

NORME DI PRODUZIONE MANGIMI TRASFORMATI per i prodotti da agricoltura biologica INDICE Argomento Reg. (CE) n. 834/2007 Reg. (CE) n. 889/2008 Obiettivi della produzione biologica Art. 3 Principi della produzione biologica Art. 4; Art. 6 Divieto di uso di OGM Art. 9 Divieto di utilizzare

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

PIANO DI CONTROLLO DEGLI INFESTANTI NELL INDUSTRIA MOLITORIA

PIANO DI CONTROLLO DEGLI INFESTANTI NELL INDUSTRIA MOLITORIA PIANO DI CONTROLLO DEGLI INFESTANTI NELL INDUSTRIA MOLITORIA 1. Premessa La macinazione dei cereali rappresenta il primo stadio nella filiera dei prodotti da forno, e la qualità della materia prima la

Dettagli

RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso)

RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso) RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso) Allegato 2 PAG. 1 ALLEGATO alla domanda di autorizzazione

Dettagli

Prelievo Trasporto e Smaltimento Rifiuti Disinfestazioni e Derattizzazioni Videoispezioni Fognarie Sanificazioni Ambienti Contratti

Prelievo Trasporto e Smaltimento Rifiuti Disinfestazioni e Derattizzazioni Videoispezioni Fognarie Sanificazioni Ambienti Contratti SERVIZI PER L AMBIENTE Prelievo Trasporto e Smaltimento Rifiuti Disinfestazioni e Derattizzazioni Videoispezioni Fognarie Sanificazioni Ambienti Contratti Presentazione Società La Veloce Espurghi è stata

Dettagli

Dalla parte di chi produce: tra richieste della GDO e Partner Logistici affidabili

Dalla parte di chi produce: tra richieste della GDO e Partner Logistici affidabili Dalla parte di chi produce: tra richieste della GDO e Partner Logistici affidabili Parma 04 novembre 2010 Hotel Parma e Congressi 1 Dalla parte di chi produce: tra richieste della GDO Kraft Foods mission:

Dettagli

PULIZIA E DISINFEZIONE

PULIZIA E DISINFEZIONE Regione Piemonte - Direzione Sanità Pubblica PULIZIA E DISINFEZIONE 1 riduzione della contaminazione batterica OBIETTIVI eliminazione completa dei germi patogeni Un corretto sistema di pulizia si articola

Dettagli

BIOSICUREZZA IN ALLEVAMENTI SUINI

BIOSICUREZZA IN ALLEVAMENTI SUINI CASTELNUOVO RANGONE (MO) 12-13 maggio 2010 FORLI 3-4 giugno 2010 BIOSICUREZZA IN ALLEVAMENTI SUINI Silvano Natalini Servizio Veterinario e Igiene Alimenti MOTIVAZIONI E OBIETTIVI DELL INIZIATIVA FORMATIVA

Dettagli

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST

FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST ALLEGATO N. 1.6 al Capitolato Speciale d oneri Azienda pubblica di Servizi alla Persona Cordenonese Arcobaleno FAC SIMILE DI PROPOSTA CHECK LIST VERIFICA EFFETTUATA IL GIORNO / / DALLE ORE ALLE ORE TUTTI

Dettagli

Acari e blatte strumenti di prevenzione

Acari e blatte strumenti di prevenzione CASA SICURA, CASA SALUBRE strumenti di intervento 16 dicembre 2009 17 Sala Ex Consiglio Ospedale Bufalini Acari e blatte strumenti di prevenzione Contaminanti Biologici una serie di sostanze di origine

Dettagli

AZIENDALE PRESENTAZIONE

AZIENDALE PRESENTAZIONE Servizi di igiene ambientale e disinfestazione www.lacristallina.it PRESENTAZIONE AZIENDALE Fondata a Messina nel 1983, La Cristallina nasce come impresa a conduzione familiare. L azienda si sviluppa rapidamente

Dettagli

Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius

Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius 1 Il Codex ha accettato il sistema HACCP come il migliore strumento per garantire la sicurezza

Dettagli

Non più rifiuti ma risorse.

Non più rifiuti ma risorse. Non più rifiuti ma risorse. La raccolta differenziata porta a porta nel Comune di Bibbiano. GUIDA PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI, PRODUTTIVE E PER GLI UFFICI. Comune di Bibbiano Opuscolo PAP UND Bibbiano.indd

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) Introduzione In questo capitolo saranno descritte alcune caratteristiche della zanzara tigre al fine di capire meglio: perché la si cerca e combatte come riconoscerla

Dettagli

IL CONTRIBUTO DELLA DISINFESTAZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DELLA QUALITÀ TOTALE NELL INDUSTRIA ALIMENTARE.

IL CONTRIBUTO DELLA DISINFESTAZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DELLA QUALITÀ TOTALE NELL INDUSTRIA ALIMENTARE. IL CONTRIBUTO DELLA DISINFESTAZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DELLA QUALITÀ TOTALE NELL INDUSTRIA ALIMENTARE. 1. INTRODUZIONE In momenti di benessere economico come quello che stanno attraversando i paesi

Dettagli

Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n.../2011 Pagina 1

Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n.../2011 Pagina 1 Direzione DB2000 Settore DB2001 Allegato n. 1 di 1 - All. delib. n..../2011 Pagina 1 PIAN DI AUTCNTRLL Il Regolamento CE 178/2002 fornisce alcune definizioni che caratterizzano l applicazione della legislazione

Dettagli

141269 Rame II Ossido PRS 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

141269 Rame II Ossido PRS 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Rame II Ossido 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A.

Dettagli

MANGIMI & FITOFARMACI - AUTOCONTROLLO E CONTROLLO UFFICIALE INCONTRO FORMATIVO PER LE IMPRESE OPERANTI NELL AZIENDA ULSS 4 - THIENE 11 APRILE 2013

MANGIMI & FITOFARMACI - AUTOCONTROLLO E CONTROLLO UFFICIALE INCONTRO FORMATIVO PER LE IMPRESE OPERANTI NELL AZIENDA ULSS 4 - THIENE 11 APRILE 2013 RIFERIMENTI NORMATIVI Reg. (CE) n 183/2005 Requisiti per l igiene dei mangimi Reg. (CE) n 767/2009 Etichettatura dei mangimi Reg. (CE) n 178/2002 Procedure sulla sicurezza alimentare Reg. (CE) n 852/2004

Dettagli

normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali contaminazione degli alimenti durante le fasi di lavorazione o contaminazioni crociate

normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali contaminazione degli alimenti durante le fasi di lavorazione o contaminazioni crociate CUCINE PROFESSIONALI Normativa di riferimento in materia di igiene caratteristiche e dotazione delle aree in funzione delle lavorazioni normativa nazionale/comunitaria regolamenti locali M.C.Valerio -

Dettagli

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO 00 - PO DS 11 CONSERVAZIONE, PRODUZIONE, TRASPORTO E DISTRIBUZIONE DEGLI ALIMENTI INDICE DI REVISIONE 1 Copia conforme all originale SCOPO Definire

Dettagli

MANUALE DI IGIENE ED AUTOCONTROLLO

MANUALE DI IGIENE ED AUTOCONTROLLO 0 04/2002 1 di 6 DICHIARAZIONE DEL TITOLARE L Amministrazione della MCS S.r.l. garantisce il livello di Qualità dei suoi prodotti, rispondendo alle richieste ed alle esigenze dei Clienti. La Qualità, secondo

Dettagli

Servizio Politiche Ambientali Unione Comuni Modenesi Area Nord PIANO DI DERATTIZZAZIONE DELL UCMAN - ANNO 2015

Servizio Politiche Ambientali Unione Comuni Modenesi Area Nord PIANO DI DERATTIZZAZIONE DELL UCMAN - ANNO 2015 Indice: Servizio Politiche Ambientali Unione Comuni Modenesi Area Nord PIANO DI DERATTIZZAZIONE DELL UCMAN - ANNO 2015 approvato con Deliberazione G.U. n.100 del 18.11.2014 Introduzione - Obiettivi del

Dettagli

SCHEDA SICUREZZA MATERIALI

SCHEDA SICUREZZA MATERIALI SCHEDA SICUREZZA MATERIALI 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa Nome preparato: FALGRO TABLET Utilizzo del preparato: Regolatore della crescita orticola per uso professionale

Dettagli

Pianificazione delle Linee Guida

Pianificazione delle Linee Guida Capitolo Pianificazione delle Linee Guida 1.1 Il piano dell opera p. 15 1.2 I passi del Controllo Ufficiale Alimenti «CUA Pest in Food» p. 16 1.3 Finalità e limiti p. 16 1.4 Struttura delle Linee Guida

Dettagli

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE 1 Norme Generali Prodotti di Sanificazione RISPETTARE E AGGIORNARE IL PIANO DI SANIFICAZIONE IN MODO PERIODICO E OGNI VOLTA CHE INTERVENGONO DEI CAMBIAMENTI (indicare

Dettagli

SCHEDA TECNICA DEL FORMULATO DENOMINATO: TOTAL CE

SCHEDA TECNICA DEL FORMULATO DENOMINATO: TOTAL CE SCHEDA TECNICA DEL FORMULATO DENOMINATO: TOTAL CE 1 IDENTITA DEL PRODOTTO 1.1 Denominazione: Insetticida concentrato emulsionabile 1.2 Composizione su 100 g di prodotto/informazione sugli ingredienti:

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 8 revisione del 20/10/2014 SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Nome commerciale: Granuli di noce. 1.2. Nome del prodotto: Granuli di gusci di noce. 1.3.

Dettagli

Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi. exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv

Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi. exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv D.Lvo 150/2012 art. 17 MANIPOLAZIONE E STOCCAGGIO Fatte salve le

Dettagli

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com

MODULO RACCOLTA DATI MANUALE HACCP - DA INVIARE COMPILATO MEZZO FAX ALLO 0421 220222 O A info@centrosicurlavoro.com INFORMAZIONI GENERALI Ragione Sociale *: Partita IVA* : Indirizzo *: Codice Fiscale* : CAP*: Città* : Prov*: Nome Commerciale (es. nome presente sull insegna) Legale rappresentante*: Responsabile HACCP*:

Dettagli

CONSIDERAZIONI imprescindibile requisito della qualità Pacchetto Igiene

CONSIDERAZIONI imprescindibile requisito della qualità Pacchetto Igiene GROSSETO CONSIDERAZIONI Il mantenimento e la promozione della salute dell'uomo sono strettamente connessi con le caratteristiche della sua alimentazione e con la qualità dell'ambiente in cui vive. Tra

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE

SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE Dir. DB2000 Sett. DB2017 Allegato n. 3 di 3 Pag. 1 ALLEGATO 3 SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE All ASL. e p.c. Al Comune di. _l_ sottoscritt in qualità di Nat a

Dettagli

Azienda Sanitaria Firenze

Azienda Sanitaria Firenze Azienda Sanitaria Firenze LA PEDICULOSI NELLE SCUOLE prevenzione e controllo Assistente Sanitario Dott.ssa Elisa Sereno, Dott.ssa Daniela Zocchi U.O. Assistenza Sanitaria in Ambito Preventivo Direttore

Dettagli

La sicurezza alimentare.

La sicurezza alimentare. La sicurezza alimentare. Un alimento può considerarsi sicuro, quando è accertata la sua buona qualità sotto il profilo igienico e sanitario. La qualità igienico-sanitaria di un prodotto alimentare, riguarda

Dettagli

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Gruppo Operativo per la Lotta alle Infezioni Ospedaliere Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Data 1^ stesura: 02:07.98 Edizione: 1 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO AUTORI: Gruppo

Dettagli

Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio

Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio Regolamenti Linee guida europee Linee guida nazionali Documenti SANCO Linee guida regionali Vecchia normativa

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina 1 di 5 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

I principali insetti infestanti le derrate e le industrie alimentari - Gli strumenti del monitoraggio

I principali insetti infestanti le derrate e le industrie alimentari - Gli strumenti del monitoraggio Camera di Commercio di Parma Centro per l innovazione e lo sviluppo economico I principali insetti infestanti le derrate e le industrie alimentari - Gli strumenti del monitoraggio Marco Pagani Istituto

Dettagli

Comune di Marciano della Chiana (Provincia di Arezzo) LOTTA ALLA

Comune di Marciano della Chiana (Provincia di Arezzo) LOTTA ALLA LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE CAMPAGNA INFORMATIVA APRILE 2009 FENOMENOLOGIA ZANZARA TIGRE (Aedes albopictus) Chii èè? È un Dittero nematocero Aedes Albopictus, comunemente definita Zanzara tigre, originario

Dettagli

Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto. 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI

Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto. 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI Roberta Galuppi DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA E PATOLOGIA ANIMALE UNIVERSITA

Dettagli

La Processionaria del Pino

La Processionaria del Pino La Processionaria del Pino Thaumetopoea pityocampa www.gruppoindaco.com Thaumetopoea pityocampa (Den. et Schiff.) Lepidoptera, Fam. Thaumetopoeidae Cos'è la Processionaria o a del pino La Processionaria

Dettagli

Gli obblighi normativi in merito alla valutazione e gestione del rischio chimico. Ing. Davide Casaro Area Ambiente e Sicurezza 1 dicembre 2015

Gli obblighi normativi in merito alla valutazione e gestione del rischio chimico. Ing. Davide Casaro Area Ambiente e Sicurezza 1 dicembre 2015 Gli obblighi normativi in merito alla valutazione e gestione del rischio chimico Ing. Davide Casaro 1 dicembre 2015 GLI AGENTI CHIMICI Il d.lgs. n.81/08 individua quali agenti chimici da considerare tutti

Dettagli

Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura

Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura Intervento a cura di: Dario Signorelli -Dipartimento di Prevenzione Medica SC Alimenti e Nutrizione ASL Milano Milano, 3 maggio 2012 1 servizio

Dettagli

Relazione tecnica allegata alla notifica del

Relazione tecnica allegata alla notifica del Relazione tecnica allegata alla notifica del La presente relazione tecnica si riferisce all esercizio di Elenco delle attività Altro : Produzione primaria Commercio al minuto (escluse carni e pesce) Fiere,

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Istituto Comprensivo Castelverde ROMA Anno scolastico 2013/2014 DI UNA SANA E corretta ALIMENTAZIONE Anno scolastico 2013/2014 Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli