LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA- seconda parte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA- seconda parte"

Transcript

1 Dr. Filippo Bosi AUSL Ravenna, ASPV - LEGISLAZIONE SANITARIA IN APICOLTURA- seconda parte CRAAPI, BOLOGNA

2 COMBUSTIONE DELLE FAMIGLIE AMMALATE, sotto controllo AUSL valutare le condizioni ambientali, stagionali ed operative!! può essere opportuno contattare preventivamente i Vigili del Fuoco e/o Corpo Forestale e impartire istruzioni operative /prescrizioni agli apicoltori Attenzione al pericolo incendi ; bruciare in buca (o in un contenitore in metallo), senza disperdere materiale!!! la combustione deve essere completa: se le braci non vengono rivoltate, rimangono materiali incombusti (covata, miele..) che facilmente verrebbero poi saccheggiati Non bruciare materiali plastici (nutritori, arnie in polistirolo... - PERICOLO DIOSSINE), che andranno pertanto disinfettati. Elevata resistenza delle spore: la disinfezione del materiale, deve essere molto accurata. Assenza di indennizzi (??) per il materiale o le famiglie distrutte.. 2

3 PESTE AMERICANA: sua gestione Nei casi di malattia in fase iniziale, il Regol. di Polizia Vet. (del 1954!!) ammette la terapia, ma ciò è assolutamente inopportuno e controproducente DLgs 193/2006 sul farmaco, art. 11. no LMR, pericolo residui ; Recentemente la UE ha sensibilizzato gli Stati, riguardo il Pericolo della Antibiotico Resistenza, anche conseguente l uso/abuso degli antibiotici in zootecnia unica possibilità per evitare la soppressione della famiglia, è la messa a sciame, però è fattibile solamente come eccezione, se ricorrono le condizioni per poterla concedere: Malattia assolutamente iniziale (pochissime celle filanti) affidabilità dell apicoltore (e sua richiesta in tal senso) Stagione di raccolto abbondante, compatibilità con l apicoltura circostante; E necessario un allungamento dei tempi di chiusura del focolaio, per verificare che non ci siano ricadute. Ugualmente, devono essere distrutti i favi Valutazione dei costi/benefici: il risultato non è garantito, il gioco vale la candela? 3

4 CONTROLLO PESTE AMERICANA : ADOTTARE BUONE PRATICHE APISTICHE O ABBANDONARE LE CATTIVE PRATICHE APISTICHE? PREVENIRE E MEGLIO CHE CURARE!! Necessità che gli apicoltori adottino misure di biosicurezza, con azioni preventive (utili non solo nei confronti della Peste Amer.), Ad esempio: Formazione degli apicoltori, per individuare la malattia, nelle fasi precoci Controllo periodico dei nidi, per riconoscere la malattia possibilmente nelle fasi precoci il Blocco di covata estivo, utile per il Controllo della Varroa, prevede il controllo dei nidi in un periodo inusuale: in tal modo in un periodo spesso particolarmente critico, si rilevano anche eventuali famiglie ammalate di Peste Americana 4

5 BUONE PRATICHE APISTICHE Rinnovo dei favi vecchi (max 4-5 anni) e utilizzo degli escludiregina Disinfezione periodica del materiale d allevamento, (specialmente per irraggiamento, prima del suo riutilizzo). Cautela nella cattura degli sciami e nell acquisto degli alveari e del materiale d allevamento Per chi ha più apiari, loro gestione per quanto possibile in modo separato, almeno evitando scambi di materiale vivo (alveari, favi di covata), tra apiari diversi, e per quanto possibile per il materiale (favi vuoti, melari..); 5

6 BUONE PRATICHE APISTICHE possibilmente, adottare compartimenti stagni tra gli apiari, per evitare che un incidente di percorso, di per sé risolvibile, abbia gravi conseguenze NOMADISMO E IMPOLLINAZIONE Se si hanno più apiari, non gestirli come un unica entità, ma appunto evitare il rimescolamento completo degli alveari (possibilmente mantenerli accorpati) la logistica e la forza delle famiglie non siano gli unici criteri, per decidere sulla movimentazione degli alveari Numerare le arnie e identificarle per singolo apiario es. colori differenziati per apiario 6

7 BUONE PRATICHE APISTICHE adottare un sistema di registrazione degli aspetti salienti Occasione per migliorare la gestione dei lotti di miele (rintracciabilità interna - Reg. CE178/2002); Evitare l alimentazione con miele, specie se ottenuto dalla sceratrice; nel caso, suo irraggiamento (raggi Gamma). Avere sempre a disposizione un paio di guanti e leva puliti Evitare eccessivi carichi di alveari, sul territorio, specie in periodi di carestia e mantenere le distanze da altri apiari. Non costituire apiari troppo numerosi, o almeno suddividerli in sottogruppi. Controllare per quanto possibile la deriva ed i saccheggi. 7

8 BUONE PRATICHE APISTICHE Non disperdere materiale apistico nell ambiente. Eventuali analisi sulle api, o sui fondi del nido, per valutare la loro contaminazione (conta delle spore di Paenibacillus larvae). se gli apicoltori non denunciano la malattia, non è possibile il controllo del territorio. Il controllo del territorio, d altronde, è fondamentale per ridurre la malattia (e consentire il rilascio dei certificati sanitari) 8

9 in definitiva, Peste Americana: se la si conosce, la si può evitare È indispensabile però che le azioni di controllo non siano adottate dal singolo apicoltore, ma che ci sia un sistema di azioni collettive, ben organizzato da problema serio, allora può diventare un problema irrilevante 9

10 PESTE EUROPEA da Melissococcus plutonis + altri batteri secondari mortalità delle larve, soprattutto prima dell opercolatura, con aspetto brunastro, in posizione spesso anomala, che forma poi una scaglia facilmente asportabile E spesso legata a vari fattori predisponenti Compare in primavera, con lo sviluppo delle colonie, che viene rallentato; solamente nei casi più gravi si ha la scomparsa della famiglia. Tende a ripresentarsi negli anni successivi Negli ultimi anni, in alcune aree del Nord Italia, è diventato un problema serio; nelle nostre zone, non sembra esserlo. 10

11 PESTE EUROPEA: misure di Polizia Veterinaria le misure sono le stesse della Peste Americana, ma dovranno essere applicate in modo più graduale la soppressione della famiglia è consigliabile solamente nei casi più gravi in genere si privilegiano le tecniche apistiche (blocco di covata, asportazione favi colpiti, messa a sciame) Adottare azioni preventive.. ugualmente non usare antibiotici 11

12 NOSEMIASI Determinata da un fungo che si sviluppa nell intestino delle api adulte. E legata alla stagione fredda, con diarrea facilmente visibile sugli alveari / favi. Da recenti controlli a campione (Apenet), sembra che il Nosema apis sia quasi scomparso Una nota del Ministero Salute (del ), chiarisce che per Nosemiasi si deve intendere solamente la forma clinica da Nosema apis. Da qualche anno è invece presente il Nosema Ceranae, di cui non è nota la reale pericolosità; potrebbe forse determinare spopolamenti di alveari. Il suo riscontro non impone la denuncia di malattia; è consigliabile comunque che tale entità venga monitorata, per valutarne la pericolosità o meno. 12

13 ACARIOSI Da anni non sembra più costituire un problema, probabilmente a seguito dei trattamenti antivarroa. Art 156: idem per Nosemiasi e Acariasi Le norme stabilite per le pesti apiarie valgono, in quanto applicabili, per la nosemiasi e per l acariasi. Gli apiari infetti o sospetti possono essere sottoposti ad opportuni trattamenti curativi. Art.157: In casi particolari possibilità di autorizzare il trasferimento di alveari sani, da località infette, previo accertamento sanitario. Art. 158: Dei provvedimenti sanitari adottati e della loro revoca deve essere data comunicazione all Ispettorato provinciale dell agricoltura e, dove esiste, al Consorzio Apistico Provinciale. 13

14 Aethina tumida (piccolo coleottero dell alveare) e acaro tropilaelaps spp (O.M ) Sono esotiche ed hanno elevato potere distruttivo. le conseguenze di un loro ingresso potrebbero deleterie Il pericolo maggiore di loro introduzione può avvenire con il commercio clandestino di api regine è fondamentale l informazione e la responsabilizzazione degli apicoltori, in modo che si astengano da importazioni, specie se al di fuori dei canali ufficiali 14

15 Aethina tumida e acaro tropilaelaps spp: (O.M ) misure di Polizia Veterinaria Sono assimilate alle altre malattie tradizionali, ma in caso di loro ingresso, impongono misure eccezionali. Pur non essendo espressamente contemplate, sono indispensabili azioni molto severe, in tempi immediati (sequestro di rigore, distruzione completa dell apiario e del materiale contaminato, indagine epidemiologica accurata, controllo rigoroso del territorio...). Il mondo apistico e i Servizi Veterinari, sono pronti a fronteggiare questo pericolo??? 15

16 NOTIFICHE DI MALATTIA IN AMBITO COMUNITARIO Direttiva 82/894/CEE e successive modifiche,* concernente la notifica di malattie degli animali nella Comunità, relativamente alle api, considera Allegato I: Piccolo Scarabeo dell alveare (Aethina tumida) Tropilaelaps mite (*Decisione della Commissione del 1 Marzo 2004 (2004/216/CE) e la Decisione della Commissione del (2008/650/CE), Il relativo sistema di notifica deve avvenire tramite ADNS (Animal Disease Notification System), entro un tempo massimo di 24 ore dall insorgenza di focolai primari di queste malattie; sono indicate una serie di informazioni, contenute nell Allegato II, di cui alcuni punti (1,2,3,5), di competenza del Ministero (nota del Min. Salute del , con oggetto Notifica malattie Infettive). 16

17 Norme per la profilassi della varroasi O.M Ordinanza Min. Sanità Art. 1: nei casi di varroasi, il Sindaco ricevuta la denuncia dispone: a) divieto di rimuovere o vendere alveari o api vive e di introdurre nell apiario infestato nuove famiglie prima che i relativi impianti siano stati disinfestati b) esecuzione di opportuni trattamenti disinfestanti o distruzione nei casi di infestazione incontrollabile Art.2: esecuzione di interventi diagnostici/disinfestanti agli apiari circostanti per un raggio di almeno 5 Km Art. 3: revoca i provvedimenti dopo l accertamento ufficiale degli interventi effettuati (o dopo la distruzione) Art. 4: abroga l art. 3 dell O.M

18 VARROASI E la malattia più grave e interessa tutti gli apicoltori Le misure previste sono poco efficaci nel 2010, sembrava imminente il rinnovo delle norme di Polizia Veterinaria, ma l iter legislativo, finora non ha portato ad un risultato Era previsto l obbligo di almeno 2 trattamenti antivarroa all anno, su tutte le famiglie nuove misure sarebbero fondamentali, sia per il controllo della varroasi, che dei trattamenti antivarroa 18

19 MORTALITA anche la mortalità deve essere denunciata al Servizio Veterinario AUSL, specialmente se è improvvisa o significativa E importante migliorare il controllo degli apiari, durante tutto l arco dell anno, per distinguere la mortalità da malattie denunciabili, rispetto ad altre cause (infettive e non) il controllo della mortalità, è un aspetto basilare e deve essere fatto dal Veterinario Ufficiale, anche mediante il prelievo di campioni di api o altri materiali 19

20 Mortalità: in apicoltura può assumere più aspetti: 1. morte dell intera famiglia (l alveare è l unità zootecnica, pertanto a fini statistici per il DPR320/1954 es. Mod.1, dovendo quantificare il N dei morti, ci si deve riferire alle famiglie/alveari); 2. mortalità significativa delle singole api, senza che la famiglia venga a morte : la stessa è da considerare alla pari di un sintomo di malattia e non va comunque sottovalutata 3. Spopolamento degli alveari, apparentemente improvviso, con probabile morte di tutte le api o loro abbandono dell arnia E necessario indagare le cause della mortalità degli alveari, soprattutto da quando sono state segnalate elevate mortalità, a livello mondiale (CCD) è corretta la segnalazione, al Servizio Veterinario della Ausl, quanto meno per escludere la presenza di malattie denunciabili, o di elementi comunque di interesse ai fini della Sanità Pubblica. 20

21 I segnali che possiamo trarre dall apicoltura: l apicoltura è una realtà complessa che fa da cerniera tra regno animale e vegetale e le sue sofferenze non vanno sottovalutate, I problemi rilevati in un apiario, facilmente sono rappresentativi dello stato sanitario degli apiari del territorio circostante Gli alveari ci possono segnalare anche la presenza di problemi nell ambiente circostante (inquinamento di varia natura ed origine) e in particolare pratiche agronomiche non accettabili, con possibili conseguenze su altri organismi sensibili e poco visibili (insetti, rettili..), inseriti nell ecosistema, o su organismi apparentemente meno sensibili 21

22 DISPOSIZIONI SULL USO DEI FITOFARMACI Legge 313/2004, Disciplina dell Apicoltura - Art. 4 Disciplina dell uso dei fitofarmaci : Al fine di salvaguardare l azione pronuba delle api le regioni individuano le limitazioni e i divieti, cui sottoporre i trattamenti antiparassitari.. sulle colture.. durante il periodo di fioritura, stabilendo le relative sanzioni. In ER: LR 35/1988, art. 15 (Tutela delle api da sostanza tossiche) + DPGR 130/1991 (Divieto di trattamenti insetticidi e acaricidi alle colture frutticole, foraggere, orticole e floricole da seme, durante la fioritura), VIETA: i trattamenti con insetticidi, acaricidi e con altri presidi sanitari tossici per le api sulle colture... durante il periodo di fioritura, dalla schiusa dei petali alla caduta degli stessi (sono ammessi i trattamenti con fungicidi non tossici per le api) i trattamenti alle colture, se ci sono fioriture spontanee sottostanti - queste ultime devono pertanto essere sfalciate, o asportate, prima di fare il trattamento. Anche il Reg. Ce 852/2004, può essere applicato. 22

23 SOSPETTI AVVELENAMENTI - SPOPOLAMENTI - Che fare?? Come per tutte le patologie apistiche, queste segnalazioni sono abbastanza rare, ma hanno incominciato ad essercene. Particolarmente importanti sono stati gli episodi legati alle semine del mais (anni ), trattato con concianti a base di neonicotinoidi. il trattamento di concia delle sementi con i neonicotinoidi, è sospeso in via cautelativa, in base al principio di precauzione, fino al (DM ); molte colture sono a rischio (Mais, girasole, vite, olivo, agrumi, orticole, sementiere...), 23

24 SOSPETTI AVVELENAMENTI I neonicotinoidi sono insetticidi sistemici molto efficaci, ad effetto neurotossico; il loro utilizzo è molto diffuso, non solo in campo agricolo, ma anche in ambiente urbano/domestico, o su alcuni animali domestici. oltre a mortalità, sulle api determinano effetti sub-letali, con alterazioni del loro comportamento; in tal modo possono compromettere l efficienza dell intero alveare e indebolirne le capacità di resistenza ad altri agenti stressanti. Spesso nelle varie aree agricole ci sono periodi critici ricorrenti, in base alle colture prevalenti e ai calendari dei rispettivi trattamenti fitosanitari; le variabili che possono incidere nel determinare effetti sulle api, sono molteplici (umidità, temperatura...) e non è detto che tutti gli anni gli eventi si ripetano con uguale intensità o caratteri. La sensazione è che quanto appare, sia solo la punta dell iceberg; 24

25 SOSPETTI AVVELENAMENTI: CHE FARE? L apicoltore è tenuto ad avvisare il Servizio Veterinario Indirizzare la segnalazione all Esperto apistico (e non al Servizio Veterinario AUSL), può essere occasione di ritardo da parte del Veterinario Ufficiale; l Esperto Apistico, può solo collaborare con il Veterinario Ufficiale, non può sostituirsi ad esso; Al Veterinario Ausl spetta il compito di verificare la situazione e accertare le possibili cause (Benché in molti atti sia stata indicata l opportunità di migliorare la conoscenza dei fenomeni, le indicazioni operative destinate ai Servizi Ausl, sono molto scarse (e datate); Progetti vari, Apenet, Beenet : le procedure proposte, hanno dei limiti operativi, andrebbero migliorate importanza di definire procedure operative, concordate preventivamente, tra i vari attori e il Servizio Veterinario (vedi poi); 25

26 SOSPETTI AVVELENAMENTI: CONTROLLO DEGLI APIARI E necessario che il Veterinario intervenga in tempi brevi, possibilmente entro le 24 ore dall inizio dei sintomi (alcuni principi attivi si possono degradare facilmente) assumere informazioni dagli apicoltori, circa: - lo stato delle famiglie e le tecniche apistiche adottate negli ultimi tempi, trattamenti, alimentazione.. - gli eventuali problemi analoghi avuti in passato - gli eventuali sospetti su possibili trattamenti insetticidi effettuati nei paraggi, specialmente a breve distanza dagli apiari 26

27 SOSPETTI AVVELENAMENTI: CHE FARE? intervenendo in tempi rapidi, si troveranno api morte e moribonde, o con difficoltà a volare, intorpidite; le api morte da poco, hanno aspetto lucido e colori accesi, quelle morte da tempo ed esposte agli agenti esterni, si presentano più opache, inscurite, con le ali rotte non tutti gli alveari sono colpiti allo stesso modo (i più forti, spesso subiscono maggiori danni). Se possibile, fotografare, sia degli alveari, che l ambiente circostante, in particolare la flora, sia coltivata che spontanea e la presenza di eventuali fiori, sia sulle piante probabilmente trattate, che sottostanti /circostanti possibilmente annotare il tipo di polline che le api stanno immagazzinando, per avere indicazioni circa le specie floreali visitate se le condizioni climatiche ed operative lo consentono, procedere al controllo dei nidi, sia per accertare le condizioni del nido, che per escludere altre patologie 27

28 28

29 SOSPETTI AVVELENAMENTI: CAMPIONAMENTO DI API prelevare almeno api morte/moribonde, raccolte anche in pool davanti agli alveari o sul fondo dell arnia, cercando di evitare erba, terra. (la raccolta è resa difficile se c è erba alta e talvolta la quantità che si riesce a raccogliere, senza elementi estranei, è ridotta). in presenza di molti alveari/molte api morte, eventualmente raccogliere anche più campioni, per facilitare le analisi al laboratorio. utilizzare uno o più contenitori rigidi e adatti allo scopo, confezionare il campione e allegare verbale di prelievo con tutte le informazioni cliniche ed anamnestiche, il campione va congelato* e inviato al laboratorio (IZS o CRAApi) (*o refrigerato, se consegnato in breve direttamente al laboratorio; Prima di ogni stagione a rischio, è bene contattare preventivamente il proprio laboratorio di riferimento, circa le condizioni per l invio (anche economiche); Possibilmente fare campione di api anche per analisi classiche (virosi, nosema..), da inviare al laboratorio IZS (refrigerare o congelare, in relazione ai tempi di consegna) 29

30 SOSPETTI AVVELENAMENTI Per monitorare l andamento della mortalità, e facilitare la raccolta dei campioni, può essere utile porre davanti agli alveari un telo di nylon o simile Se si assiste a spopolamenti, senza apprezzabile mortalità davanti agli alveari, o quando il prelievo è tardivo e le api sono state esposte agli agenti atmosferici, può essere utile, campionare miele fresco, non opercolato e/o polline che sia stato deposto da poco. 30

31 CHI INFORMARE Un aspetto importante, conseguente a questi episodi, è quello delle informazioni che è opportuno assicurare Oltre che al SIAN (Igiene Alimenti e Nutrizione, della Ausl), Veterinario Regionale, Servizio Provinciale Agricoltura / Servizio Fitosanitario, è opportuno darne comunicazione al Dr. Claudio Porrini (Università di Bologna, DiSTA), che nell ambito del progetto APENET /BEENET raccoglie questi dati, che altrimenti non sempre vengono raccolti dai Servizi Veterinari. 31

32 SOSPETTI AVVELENAMENTI: ACCERTAMENTI A CARICO DEGLI UTILIZZATORI DEGLI AGROFARMACI, CAMPIONARE I VEGETALI? gli aspetti operativi ed il contesto in cui agire sono complessi, trattandosi di problematiche a cavallo tra diversi settori, con risvolti su più fronti Nell ambito delle indagini, qualora sia possibile individuare la probabile causa dell episodio in un trattamento con agrofarmaci, sarebbe opportuno/necessario controllare l azienda utilizzatrice degli stessi, anche con prelievo di vegetali (presumibilmente trattati), o altre matrici (acqua di pozzanghere, acqua prelevata dagli atomizzatori.) per accertare in maniera diretta le responsabilità, l intervento dovrebbe avvenire in tempi brevi, possibilmente subito dopo il controllo degli apiari MA A CHI SPETTA intervenire??? Veterinario Ausl?* *eventualmente in sopralluogo congiunto Servizio Provinciale agricoltura o Servizio Fitosanitario Regionale? Personale del Servizio di Igiene (SIAN SIP Sanità Pubblica e Igiene del Territorio) dell USL?* 32

33 rispetto al controllo dei soli alveari, ci potrebbero essere infatti maggiori difficoltà, per cui è raccomandabile attenersi alle procedure presenti o concordarne altre, in maniera preventiva, tra i vari Servizi- Enti, che potrebbero intervenire. Gli interventi per gli accertamenti della conformità dei trattamenti, probabilmente dovrebbero essere fatti, in base alle indicazioni del Pacchetto Igiene (Reg. CE 852/2004 sull igiene dei prodotti alimentari e Reg. CE 882/2004 relativo ai controlli ufficiali intesi a verificare la conformità alla normativa in materia di mangimi e di alimenti e alle norme sulla salute e sul benessere degli animali + DLgs 193/2007). Chi interverrà, dovrebbe agire in tempi brevi, garantendo la necessaria appropriatezza e tutti gli aspetti formali connessi, compreso il diritto della difesa. Campione in 5 aliquote, di almeno 100 g l una, anche di erbe spontanee sottostanti, se in fioritura, da congelare o consegnare immediatamente al laboratorio (ma trattandosi di vegetali, non sempre è chiaro quale debba essere: IZS?, Arpa?, CRAApi?). 33

34 Il PERICOLO CHIMICO DA FITOFARMACI, nei prodotti dell alveare Negli avvelenamenti da fitofarmaci, finora il pericolo di trasferimento di residui al miele era stato giudicato minimo, per morte stessa delle api, ma recenti indagini danno meno sicurezze, soprattutto in relazione ai neonicotinoidi (Fedrizzi, Castel S. Pietro 2011); Anche nell ambito del progetto Apenet, le analisi sulle api o su altre matrici dell alveare (cera, polline), indicano la presenza di diversi residui, di varia natura ed origine, a volte a concentrazioni abbastanza elevate è un aspetto che merita di essere approfondito, per valutare meglio i possibili pericoli connessi al miele (o agli altri prodotti dell alveare) ed eventualmente poter adottare le misure più adeguate; 34

35 SPOSTAMENTO DI ALVEARI IN ZONE INTERESSATE A DIVIETI CONNESSI CON IL COLPO DI FUOCO BATTERICO (malattia delle piante rosacee pomoidee, da Erwinia amilovora) Limitazioni : gli alveari possono costituire un veicolo di trasmissione della malattia, per trasporto di polline infetto, da zone colpite a zone indenni. Regioni interessate: Emilia Romagna (meno Parma e Piacenza), Lombardia (solo Mantova), Trentino A.Adige, parte del Veneto Ogni anno le singole Regioni determinano specifiche prescrizioni alla movimentazione di alveari nei territori interessati, durante i periodi di fioritura delle piante. 35

36 Per l Emilia Romagna, determinazione del Servizio Fitosanitario Regionale del , limitazioni dal 21 MARZO al 30 GIUGNO, nei territori di tutte le province, ad esclusione di Piacenza e Parma Il trasporto da zone colpite a zone indenni poteva avvenire previa adozione di idonee misure di quarantena (chiusura degli alveari per 48 ore, oppure trattamento antivarroa a base di un farmaco veterinario autorizzato, contenente quale principio attivo, acido ossalico + chiusura degli alveari per 24 ore). Nel caso fosse necessaria la quarantena, obbligo di comunicazione preventiva al Serv. Veterinario ove ha sede l apiario + documentare circa la misura di quarantena adottata, LE NUOVE MISURE, PER IL 2012, relative alla Emilia Romagna, sono contenute nella Determina 3125 del

37 SCAMBI e IMPORTAZIONI DA PAESI TERZI D.Lvo 633/96 : norme sanitarie per gli scambi e le importazioni di animali non soggetti a normative comunitarie specifiche di polizia sanitaria (attuazione direttiva 92/65/CEE per api, api regine) come modificato dal Regolamento CE n. 1398/2003 includendovi il piccolo scarabeo dell alveare Aethina tumida e l acaro Tropilaelaps) + Decisione della Commissione del , per api vive (apis mellifere) e calabroni (? O bombi, probabile errore di traduzione) (Bombus spp.) Art. 4: registrazione delle aziende ai fini degli scambi (impegno a rispettare alcuni obblighi: ) - denuncia malattie Allegato A - Peste Americana, Aethina tumida, Acaro tropilaeps - eventuale denuncia Allegato B (possibili programmi nazionali) Peste Europea, Varroasi, Acariasi, -provenienza da zone non oggetto di misure restrittive per Peste Americana 37

38 Art. 8: certificato sanitario specifico (Decisione del ) che prevede la provenienza da zone non soggette a divieti connessi alla Peste Americana (la durata del divieto è stata prolungata di almeno 30 giorni a decorrere dall ultimo caso accertato e dalla data in cui tutti gli alveari in un raggio di 3 km sono stati controllati dall autorità competente e tutti gli alveari contaminati sono stati bruciati o trattati e controllati dalla suddetta autorità),* al Aethina tumida o al acaro Tropilaelaps (in un raggio di almeno 100 km, e indenni da tali infestazioni), compreso un esame visivo delle api e degli imballaggi, che non siano infestati eventualmente garanzie supplementari per malattie dell Allegato B *Soprattutto per Peste Americana, sono misure molto rigide e in caso di focolai, necessitano di interventi molto corposi. 38

39 importazioni di api da paesi terzi Decisione della Commissione dell Decisione della Commissione del , per importazione di api da Hawaii (USA) Reg. CE n. 206/2010 (art. 7 e art. 13, in particolare) - Autorizzazione alla importazione di api o Bombi da paesi terzi di un apposito elenco. - invio di sole api regine con massimo 20 nutrici per singola gabbia (o contenitori di Bombi, massimo 200 adulti) - Scortate da certificato sanitario che fornisca garanzie specifiche (per peste americana, Aethina tumida e acaro Tropilaelaps ) - a destino, le nutrici, le gabbie.. devono essere inviate ad un laboratorio per ricerca eventuali parassiti (Aethina + Tropilaelaps), poi distrutte 39

40 LEGISLAZIONE RELATIVA AI SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE NON DESTINATI AL CONSUMO UMANO REGOLAMENTO CE n. 1774/ successive modifiche ed integrazioni: ORA E STATO ABROGATO, DAL REGOLAMENTO CE 1069/ REGOLAMENTO CE 142/2011 (si applica dal ) Riscrivono la normativa relativa ai sottoprodotti di origine animale Si è in attesa della emanazione di Linee Guida, applicative del Reg. 142/2011 (sembra siano imminenti) 40

41 SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE NON DESTINATI AL CONSUMO UMANO Reg. Ce 1774/2002- Stabiliva norme sanitarie per: a) la raccolta, la trasformazione e l uso o la eliminazione dei sottoprodotti di origine animale b) l immissione sul mercato dei sottoprodotti di o.a. e dei prodotti da essi derivati.. sottoprodotti apicoli (miele, cera, pappa reale, propoli, polline destinati all allevamento delle api) Stabiliva una classificazione dei sottoprodotti, in materiali di categoria 1 (es. miele con residui di Cloramfenicolo) categoria 2 (es. famiglie affette da peste americana, miele con residui di tetraciclina, tilosina) categoria 3 (es. miele e cera destinati all allevamento delle api) 41

42 SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE NON DESTINATI AL CONSUMO UMANO Reg. CE 142/2011 Considerando n. 34) I sottoprodotti apicoli destinati all'immissione sul mercato devono essere esenti da talune malattie cui sono sensibili le api e che sono elencate nella direttiva 92/65/CEE ( 1 ) del Consiglio, del 13 luglio 1992, che stabilisce norme sanitarie per gli scambi e le importazioni nella Comunità di animali,.. non soggetti, per quanto riguarda le condizioni di polizia sanitaria, alle normative comunitarie specifiche 42

43 SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE NON DESTINATI AL CONSUMO UMANO Reg. CE 142/2011 Oltre agli aspetti generali sull utilizzo dei sottoprodotti, sono presenti aspetti particolari, circa i sottoprodotti apicoli Art. 15 ( rimanda all allegato VI, capo III: c) sezione 3). L'autorità competente può autorizzare lo smaltimento di api e di sottoprodotti apicoli mediante combustione o sotterramento in loco, conformemente al regolamento (CE) n. 1069/2009, articolo 19, paragrafo 1, lettera f), a condizione che vengano prese tutte le misure necessarie per garantire che la combustione o il sotterramento non comporti rischi per la salute animale o pubblica o per l'ambiente. In tal caso, è previsto debba essere tenuto un Registro in cui annotare tale operazione (Sez. 6) 43

44 SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE NON DESTINATI AL CONSUMO UMANO Reg. CE 142/2011 Art. 25 Importazione, transito ed esportazione di sottoprodotti di origine animale e prodotti derivati 1. Sono vietati l'importazione e il transito nell'unione dei seguenti sottoprodotti di origine animale:. c) cera d'api sotto forma di favi. Allegato 13 Cap. IX Prescrizioni specifiche applicabili ai sottoprodotti apicoli I sottoprodotti apicoli destinati esclusivamente all'impiego nell'apicoltura: 1. non provengono da una zona oggetto di un divieto connesso con il manifestarsi di: a) peste americana (Paenibacillus larvae larvae), tranne nei casi in cui l'autorità competente abbia valutato il rischio come trascurabile, abbia specificamente autorizzato l'utilizzo soltanto nello Stato membro interessato e abbia adottato tutte le altre misure necessarie per evitare il diffondersi di tale malattia; b) acariasi (Acarapis woodi (Rennie)), salvo che la zona di destinazione abbia ottenuto garanzie complementari conformemente all'articolo 14, paragrafo 2, della direttiva 92/65/CEE; c) piccolo scarabeo dell'alveare (Aethina tumida) oppure d) Tropilaelaps spp.; e 2. sono conformi alle prescrizioni di cui all'articolo 8, lettera a), della direttiva 92/65/CEE.IT L 54/88 Gazzetta ufficiale dell Unione europea Seguono poi altri aspetti (Documenti commerciali, certificati sanitari per importazioni nella Comunità..) 44

45 La legislazione sanitaria relativa all apicoltura, non è rispondente alle necessità ed è auspicabile un suo corposo aggiornamento, l evidenza ufficiale delle problematiche che assillano l apicoltura, è il primo passo perché ciò possa avvenire, per affrontare e gestire tali problemi; E pertanto necessario che gli apicoltori e le loro Associazioni, non sottovalutino gli episodi di malattie/morie e ne denuncino la loro presenza, permettendo il controllo del territorio. può essere utile concordare protocolli operativi, tra le parti in causa, per applicare le misure igienico sanitarie indispensabili, e abbreviare i tempi di intervento a seguito dei focolai, senza penalizzare eccessivamente il nomadismo e l impollinazione ; 45

MORIE E SPOPOLAMENTI DEGLI ALVEARI: COMPORTAMENTI ISPETTIVI E GESTIONE

MORIE E SPOPOLAMENTI DEGLI ALVEARI: COMPORTAMENTI ISPETTIVI E GESTIONE Dr. Filippo Bosi - Veterinario Dipendente (AUSL Ravenna) - f.bosi@ausl.ra.it - filippo.bosi.bri@alice.it MORIE E SPOPOLAMENTI DEGLI ALVEARI: COMPORTAMENTI ISPETTIVI E GESTIONE Nottola di Montepulciano,

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api

La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api La legislazione sui controlli relativi alla Varroa ed illustrazione sul sistema di monitoraggio per la morìa delle api Dott Andrea Maroni Ponti Ufficio II Ministero della salute DGASAFV Malattie denunciabili

Dettagli

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica GIORNATE DIVULGATIVE SULLA "NORMATIVA APISTICA" Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica dott. Vanni Floris PROGRAMMA APISTICO REGIONALE Reg. (CE) N. 1234/2008 - AZIONE A4 Argomenti Gli articoli

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare

CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO. Resoconto preliminare CONVEGNO FAI L UNIVERSO APE IN PERICOLO ---------------------------- Resoconto preliminare L importanza di una rete di monitoraggio Al fine di avere idee precise sulla natura e sull entità degli spopolamenti

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

Schema di riferimento per la programmazione delle iniziative nel settore apistico

Schema di riferimento per la programmazione delle iniziative nel settore apistico Schema di riferimento per la programmazione delle iniziative nel settore apistico Dicembre 2009 L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI SCHEMA DI RIFERIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE DELLE INIZIATIVE NEL SETTORE

Dettagli

ogni giorno in prima linea

ogni giorno in prima linea Servizio itosanitario Emilia-Romagna ogni giorno in prima linea proteggere le coltivazioni, le alberature, i parchi e le aree verdi dell'emilia-romagna da organismi nocivi fornire un supporto specialistico

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

Controllo della varroa in apicoltura biologica. Formiche e forbicine possono rimuovere gli acari dall inserto.

Controllo della varroa in apicoltura biologica. Formiche e forbicine possono rimuovere gli acari dall inserto. PROMEMORIA Controllo della varroa in apicoltura biologica In breve Mantenere la varroa sotto controllo continua a essere la principale sfida degli apicoltori. Il promemoria presenta due metodi diversi

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori

Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori Marzo 2011 Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva

Dettagli

/#( 0-1( (2 (2-./-#-#

/#( 0-1( (2 (2-./-#-# !!" #$ %&$%' (,,,##( # -(./-##( # (&%)*)+#$ Protocollo M1.2015.0007586 del 15/01/2015 Firmato digitalmente da FIORELLA FERRARIO /#( 0-1( (2 -./-#-# 011( (23./-#-1# 0!1( (2!./-#!# 01( (2--/.(( (# 41( (2-41(./-#

Dettagli

OGGETTO: Indicazionj operative riguardanti l'applicazione della OM 17 febbraio 1995 recante norme per Ia profilassi della varroasi.

OGGETTO: Indicazionj operative riguardanti l'applicazione della OM 17 febbraio 1995 recante norme per Ia profilassi della varroasi. Ministe~o della_s_a_l_u_t_e - -~-I 0013975-P-12/07/2013 DGSAF I.1.a.e/2013/18 J -' -l -' i l DIPARTIMENTO DELLA SANIT A' PUBBLICA YETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENT ARE E DEGLI ORGAN! COLLEGIALI PER

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI CONFEDERAZIONE NAZIONALE COLDIRETTI MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI REGOLAMENTI CE N.

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE BLUE TONGUE INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PARTE 1 DATA DI COMPILAZIONE / / CODICE IDENTIFICATIVO DEL FOCOLAIO NOME E COGNOME DEL VETERINARIO (STAMPATELLO)

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Reg. CE 1234/07 Assessorato Agricoltura Centro Agrochimico Regionale G.L. Marcazzan CRA-API di Bologna M. Stefàno A.S.S.A.M. Regione

Dettagli

Agripoint s.a.s. Abbiategrasso. Gli impollinatori: l ape e i suoi amici. in collaborazione con Syngenta Crop Protection S.p.A.

Agripoint s.a.s. Abbiategrasso. Gli impollinatori: l ape e i suoi amici. in collaborazione con Syngenta Crop Protection S.p.A. Agripoint s.a.s. Abbiategrasso Gli impollinatori: l ape e i suoi amici in collaborazione con Syngenta Crop Protection S.p.A. Si ringraziano per la collaborazione In particolare Elena Brioschi, Fabio Berta,

Dettagli

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI (vers. 1 del 03/05/2005) API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI Dio fece le api, il diavolo le vespe (Proverbio nordico) 1. GENERALITÀ Occorre premettere che è da ritenere del tutto naturale l occasionale

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

I TRATTAMENTI ANTIVARROA

I TRATTAMENTI ANTIVARROA I TRATTAMENTI ANTIVARROA In pratica DR.SSA GIULIANA BONDI Aggiornato 2013 Circolare MdS 06 Febbraio 2006

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento bovino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio PEDICULOSI DEL CAPO PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato pidocchio IL PIDOCCHIO è importante sapere che Non è vettore di malattie

Dettagli

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Dott.ssa Luigia Scimonelli ISS - Min. del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 26 novembre 2008 Indice Convenzione di

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Regolamento per la determinazione dei criteri per il calcolo del valore di mercato degli animali abbattuti

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 20.6.2014 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 181/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 639/2014 DELLA COMMISSIONE dell 11 marzo 2014 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 RELATIVO ALLA PRODUZIONE BIOLOGICA E ALL ETICHETTATURA DEI PRODOTTI BIOLOGICI E CHE ABROGA IL REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 TESTO COORDINATO

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

- Riproduzione riservata - 1

- Riproduzione riservata - 1 Principali malattie parassitarie del cane; Le malattie parassitarie che maggiormente interessano e colpiscono il cane sono molte ed alcune di queste possono colpire e provocare conseguenze anche per l

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

Introduzione alla Relazione del convegno

Introduzione alla Relazione del convegno PIANO D AZIONE NAZIONALE PER L USO SOSTENIBIL E DEI PRODOTTI FITOSANIT ARI E PROPOSTE DI STRUMENT I APPLICAT IV I 19 novembre 2012 Environmental Park Centro Congressi Sala Kyoto Via Livorno, 60 Torino

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO IASMA Notizie OLIVICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 24 giugno 2011 n. 2 IASMA Notizie n. 28 - Anno

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 29 aprile 2004. sull'igiene dei prodotti alimentari

REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 29 aprile 2004. sull'igiene dei prodotti alimentari 30.4.2004 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 139/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1332/2013 DEL CONSIGLIO del 13 dicembre 2013 che modifica il regolamento (UE) n. 36/2012 concernente misure restrittive in

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR)

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR) LOTTA ANTIPERONOSPORICA SU VITE IN REGIME DI AGRICOLTURA BIOLOGICA: CONFRONTO TRA STRATEGIA A PROTEZIONE CONTINUA E STRATEGIA SUPPORTATA DAL MODELLO EPI. VENETO, BIENNIO 2007/2008 M. Buccini 1, G. Rho

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE CRITERIO OPERATIVO N 3 CRO 03 CRITERI OPERATIVI Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 12 CRITERI OPERATIVI PER

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

Giugno 2009. L etichettatura nel confezionamento del miele

Giugno 2009. L etichettatura nel confezionamento del miele Giugno 2009 L etichettatura nel confezionamento del miele Il Decreto Legislativo n. 181 del 23 giugno 2003: Attuazione della direttiva 2000/13/CE concernente l'etichettatura e la presentazione dei prodotti

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole.

Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole. TIMBRO AZIENDA Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole.it Indice 1. Introduzione al manuale 1.1 Definizioni 1.2

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli