1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi"

Transcript

1 Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale (Legge n.328/2000 e il successivo Piano Nazionale degli interventi e dei servizi sociali) prevede, con riferimento alla condizione di non autosufficienza, l individuazione di tutte le soluzioni atte a sostenere i nuclei familiari nella gestione a domicilio dei propri congiunti disabili per evitare il ricorso all istituzionalizzazione. La Regione Veneto (con la Legge Regionale n. 30/2009) ha istituito il fondo regionale per la non autosufficienza al fine di assicurare alle persone non autosufficienti un sistema di assistenza e di protezione nonchè di tutelare le famiglie e i soggetti che le assistono. A carico del fondo sono compresi i contributi economici destinati alle persone assistite a domicilio. Successivamente la Regione (con Delibera di Giunta n. 1338/2013) ha riprogrammato le prestazioni in materia di domiciliarità istituendo l Impegnativa di Cura Domiciliare (ICD) allo scopo di riunire in un unico contesto l insieme degli interventi volti al sostegno domiciliare delle persone non autosufficienti (ulteriori indicazioni sono contenute nel Decreto di Giunta Regionale n. 173/2013)..L ICD viene strutturata in cinque categorie per la risposta a diverse tipologie di bisogno, tra queste vi è l ICDp destinata a persone con grave disabilità psichica ed intellettiva, che sostituisce i precedenti interventi di Aiuto Personale (di cui comunque conserva le caratteristiche principali). 2. Finalità ed obiettivi Questa tipologia di ICD riunisce gli interventi già erogati per la promozione personale e gli interventi di aiuto personale definiti dalla DGR 1859/2006. Si tratta di una forma di aiuto che trova riferimento all art. 9 della L. 104/92, che definisce il servizio di aiuto personale finalizzato a facilitare l autosufficienza e le possibilità di integrazione delle persone in temporanea o permanente grave limitazione dell autonomia, non superabile attraverso la fornitura di sussidi 1

2 tecnici, informatici, protesi e altre forme di sostegno rivolte a facilitare l autosufficienza e le possibilità di integrazione dei cittadini stessi. Gli obiettivi del servizio di aiuto personale sono: Il conseguimento del massimo grado di autonomia delle persone con disabilità mediante l attuazione di interventi socio-educativi ed assistenziali che devono integrarsi, in un progetto unitario, con gli interventi riabilitativi La permanenza nel proprio nucleo abitativo e familiare. 3. Tipologia d interventi Gli interventi possono riguardare diversi ambiti di vita della persona, quali: Interventi domiciliari di assistenza e sostegno alla persona (ADL, assistenza nelle attività della vita quotidiana; iadl, assistenza nelle attività strumentali della vita quotidiana) 1 Interventi educativi e di integrazione sociale Sono escluse dai contributi le prestazioni riguardanti l accoglienza residenziale, anche per brevi periodi, o il costo dell inserimento in strutture diurne. 4. Destinatari dell ICDp Sono destinatari degli interventi sopra riportati le persone di età compresa tra i 3 e i 64 anni: con disabilità psichica ed intellettiva; in possesso della certificazione di invalidità civile e di handicap grave (ai sensi dell art. 3, comma 3 della Legge 104/92). 5. Modalità di accesso Sono soggetti titolati a presentare la domanda: la persona interessata o legale rappresentante (genitore, tutore, curatore, amministratore di sostegno) un familiare, anche non convivente, della persona interessata una persona, preferibilmente convivente, di cui il servizio sociale accerti che provvede effettivamente a garantire adeguata assistenza alla persona non autosufficiente. 1 L ADL (Activities of Daily Living) e iadl (Instrumental Activities of Daily Living) sono due scale di misurazione: la prima relativa all assistenza nelle attività della vita quotidiana (fare il bagno, vestirsi, toilette, spostarsi, continenza di feci e urine, alimentazione), la seconda relativa assistenza nelle attività strumentali della vita quotidiana (usare il telefono, fare la spesa, prepararsi il cibo, governo della casa, fare il bucato, mezzi di trasporto, assunzione farmaci, uso del denaro). 2

3 La persona interessata presenta la richiesta al Punto Unico del Distretto Socio Sanitario di residenza (vedasi alla voce Servizi territoriali si possono trovare i numeri di telefono, indirizzi e orari dei singoli distretti), utilizzando il modulo previsto (allegato n.1, DGRV 1338/2013). Il modulo di domanda contiene l eventuale delega alla riscossione : la riscossione del beneficio, se erogato in forma di contributo economico, può essere delegata solo al legale rappresentante (tutore, curatore, amministratore di sostegno). Alla richiesta deve essere allegato: - certificazione ISEE per prestazioni agevolate di natura socio-sanitaria (riferimento DPCM 159/2013 e Circolare Inps 171/2014). Se il disabile è minorenne va richiesto l ISEE per prestazioni agevolate rivolte a minorenni. 2 (Con Decreto regionale 173/2013 è stata momentaneamente sospesa la soglia di accesso ISEE, poiché non si conoscono gli effetti dell introduzione del nuovo ISEE) Certificato di stato di handicap grave (articolo 3, comma 3, L 104/92) Certificato di invalidità Modulo del progetto personalizzato. La domanda di ICD, la contestuale autorizzazione al trattamento dei dati personali e l ICD stessa qualora attribuita, restano valide sino a quando: - la persona che l ha presentata, o la persona nel cui interesse è stata presentata, chiede di ritirare la domanda - la persona non autosufficiente si trasferisce in altra Regione, è deceduta o è divenuta titolare di impegnativa di residenzialità. In caso di trasferimento ad altra ULSS per cambio di residenza, l ICD è mantenuta sino alla scadenza a carico dell ULSS di provenienza. 6. Il Progetto Assistenziale Individuale Il nucleo centrale dell impegnativa di cura domiciliare è costituito dal progetto personalizzato, che il soggetto interessato alla fruizione dell ICDp presenta a corredo della domanda, utilizzando modello di progetto allegato (allegato B1 ) al presente regolamento con l indicazione di: - dati anagrafici - descrizione del nucleo familiare 2 Sono previste modalità differenziate di calcolo di tale indicatore in ragione della diversa situazione familiare del minorenne beneficiario della prestazione. Se i genitori sono coniugati tra loro l ISEE minorenni coincide con l ISEE ordinario Se i genitori non sono coniugati tra di loro ed uno di essi non è presente nel nucleo familiare si applicano le regole particolari descritte all art. 7 della Circolare Inps n. 171/2014 3

4 - descrizione della situazione abitativa - situazione assistenziale attuale (servizi di cui usufruisce) - descrizione degli obiettivi che si intendono perseguire (il conseguimento del massimo grado di autonomia delle persone con disabilità mediante l attuazione di interventi socioeducativi ed assistenziali, permanenza nel proprio nucleo abitativo e familiare) - le prestazioni previste e le modalità di gestione (utilizzo di personale di centri di servizio per persone non autosufficienti, da comuni o da enti del Terzo settore di cui all art. 5 della Legge 328/2000 o di altri soggetti autorizzati scelti dalla persona con disabilità o attraverso personale privato) - preventivo ore mensili - la durata del progetto - l entità del contributo mensile proposto - firma del richiedente. 7. Soggetti erogatori L attribuzione dell ICDp viene effettuata con l erogazione di un contributo economico. E coinvolto il seguente personale: operatori socio-sanitari, educatori professionali, altri operatori. Nel servizio di aiuto alla persona l operatore svolge prestazioni volte a far superare alle persona disabili le difficoltà connesse all autonomo svolgimento dei fondamentali atti di vita quotidiana e a favorire processi di integrazione nell ambiente sociale lì dove non è possibile che questo avvenga con sussidi tecnici. Per l anno 2015, come previsto dalla Delibera di Giunta n. 1338/2013, il 20% del numero delle ICDp assegnate all A.ULSS 16 viene convertita dall Azienda stessa in servizi erogati in convenzione da centri di servizio per persone non autosuffcienti, da Comuni o da Enti del terzo Settore di cui all art. 5 della Legge 328/ Istruttoria della domanda Sulla base della domanda, corredata dai documenti indicati all articolo 5, il Direttore del Distretto convoca, entro 30 giorni dalla data della richiesta, l UVMD per la dovuta valutazione. Si precisa che l UVMD è composta dal Medico di Medicina Generale, dall Assistente Sociale dell U.O.Disabili Adulti dell A.Ulss e dall Assistente Sociale del Comune (per le situazioni di disabili maggiorenni), da una figura educativa o sociale dei servizi dell Area Minori dell A. Ulss o dei Servizi Convenzionati o del Comune (per le situazioni di disabili minorenni). 4

5 L UVMD utilizza la SvaMDi e, per l attribuzione del punteggio, considera le parti qui di seguito specificate: * per gli adulti: - tutti i 45 domini delle Funzioni corporee ad eccezione del b650 - funzioni mestruali della Situazione Sanitaria della SVaMDi (punteggio del qualificatore da 0 a 4) (punteggio massimo 180) - tutti i domini della Scheda Attività e partecipazione della SVaMDi (punteggio della capacità da 0 a 4) (punteggio massimo 220) - la Situazione familiare e abitativa della Valutazione Sociale (punteggio massimo 15) (Allegato B2 ).. La somma dei punteggi relativi alle singole succitate valutazioni costituisce il Punteggio totale valutazione disabilità (Pval)(punteggio massimo 415). * per i minori - tutti i 45 domini delle Funzioni corporee ad eccezione del b650 - funzioni mestruali della Situazione Sanitaria della SVaMDi (punteggio del qualificatore da 0 a 4) (punteggio massimo 180) - alcuni domini della Scheda Attività e partecipazione della SVaMDi relativi all Apprendimento e applicazione della conoscenza (d110, d115, d120, d175), Compiti e richieste generali (d210, d250), Comunicazione (d310, d315, d33o, d335), Mobilità (d410 e d450), Cura della propria persona (d520, d530, d540, d550, d560, d571), Interazioni e relazioni interpersonali (d710, d720) (punteggio della capacità da 0 a 4) (punteggio massimo 80) - la Situazione familiare e abitativa della Valutazione Sociale (punteggio massimo 15). La somma dei punteggi relativi alle singole succitate valutazioni costituisce il Punteggio totale valutazione disabilità (Pval)(punteggio massimo 275). Si specificano qui di seguito i professionisti coinvolti nella compilazione delle schede: - per i disabili minorenni: * il Pediatra o lo specialista che ha in carico la persona (o, in subordina, del medico di distretto, qualora conosca la persona da valutare) compila la Situazione Sanitaria della SVaMDi * le figure educative e/o sociali afferenti al/ai Servizi dell Area Minori che hanno in carico la situazione compilano la Scheda Attività e partecipazione e la Valutazione Sociale della SVaMDi - per i disabili maggiorenni: 5

6 * il Medico di Medicina Generale o lo specialista che ha in carico la persona (o, in subordina, del medico di distretto, qualora conosca la persona da valutare) compila la Situazione Sanitaria della SVaMDi * l educatore dell U.O.Dis.A. compila la Scheda Attività e partecipazione della SVaMDi * l Assistente Sociale dell U.O.Dis.A. compila la valutazione sociale * l educatore dell U.O.Dis.A. compila la Scheda Attività e partecipazione della SVaMDi L UVMD provvede alla valutazione del progetto individualizzato concordandolo, se possibile con l'interessato, con i familiari e con i servizi distrettuali competenti (età evolutiva ed adulta) L UVMD, inoltre, definisce il responsabile del caso (case manager), generalmente individuato nell Assistente Sociale di riferimento, con il compito di monitorare e verificare con la persona interessata, in itinere, l attuazione del progetto personalizzato di assistenza. La Struttura Complessa Attività Delegate, tramite l U.O.Dis.A. e a seguito delle UVMD, aggiorna mensilmente la graduatoria e procede trimestralmente alla liquidazione del finanziamento compatibilmente con le risorse messe a disposizione per le ICDfp. 9. Definizione della Graduatoria Qualora la domanda ICDp sia ritenuta idonea, l'uvmd nel compilare il modulo (allegati B3 se il disabile è minore, B4 se il disabile è maggiorenne, al presente regolamento) definisce il punteggio totale per l inserimento in graduatoria dato da questa somma: - punteggio totale valutazione disabilità, dato dalla somma dei punteggi SVaMDi, (denominato Pval). Si precisa quanto segue relativamente al punteggio Pval: è il punteggio della valutazione e deve essere espresso in sessantesimi (per gli adulti: punteggio totale X 60 /415; per i minori: punteggio totale X 60 /275) Il punteggio totale va ridotto nel caso di frequenza di un Centro Diurno (con costi a carico dell A. Ulss), con le seguenti % di abbattimento: Frequenza centro diurno % abbattimento 1 giorno 15 2 giorni 30 3 giorni 45 4 giorni 60 5 giorni 75 6

7 - Punteggio ISEE (calcolato secondo la seguente formula, stabilita dalla Regione con D.G.R.V. n. 1338/2013: /ISEE X 10). Il punteggio ISEE è calcolato come rapporto tra il valore (valore fisso) e il valore di ISEE. Tale valore, determinato in maniera da attribuire un maggior punteggio agli utenti con ISEE basso, va espresso in un range rapportabile per ordine di grandezza con il valore della valutazione: perciò qualora l ISEE sia uguale o inferiore a va usato come divisore il valore Per valori ISEE uguali o superiori a va usato come divisore il valore A parità di punteggio, la priorità viene definita sulla base della data di presentazione della domanda. precisamente: Il punteggio totale (Pval + punteggio ISEE) determina l ammontare del contributo, più Punteggi Entità contributo La valutazione ha validità annuale. La ri-valutazione qualora riscontri il mantenimento dei requisiti minimi di accesso all ICDp, comporta la conferma dell ICdp per pari periodo, senza la reimmissione in graduatoria. Il contributo assegnato e non speso è oggetto di valutazione per un eventuale ridefinizione della quantificazione economica del contributo stesso. 10. Rendiconto La persona rendiconta le spese sostenute con autocertificazione, integrata, su richiesta, dalla documentazione attestante la spesa sostenuta. La persona interessata è, pertanto, tenuta a conservare tutta la documentazione e ad esibirla in caso di controlli (che verranno effettuati a campione) da parte del personale incaricato. 11. Controlli Viene identificato un responsabile del caso (case manager) con il compito di verificare in itinere il progetto concordato. Il responsabile del caso, nell ambito delle sue funzioni, controlla 7

8 l attuazione del programma personalizzato di assistenza e verifica l espletamento degli impegni assunti dalla famiglia con i tempi e le modalità previste dal programma assistenziale. Le modalità di verifica devono prevedere la partecipazione del cittadino disabile e/o dei suoi familiari. 12. Revoca del progetto e del finanziamento Al verificarsi delle sotto elencate inadempienze, gli Enti Gestori sono tenuti a contestare le stesse per iscritto al titolare di progetto ed eventuale amministratore di sostegno, assegnando un termine per la loro giustificazione. Le inadempienze che possono determinare la revoca del finanziamento del progetto sono: destinazione delle risorse economiche a scopi diversi da quelli definiti nel presente regolamento; inadempienze agli obblighi assunti con gli Enti gestori; documentazione di spesa non pertinente; indisponibilità alle verifiche. Nota transitoria Viene garantita continuità ai progetti già avviati negli anni precedenti e in corso. Per l anno 2015 si considera la seguente tabella relativa alla % di abbattimento del punteggio: Frequenza centro diurno % abbattimento 1 giorno 10 2 giorni 20 3 giorni 30 4 giorni 40 5 giorni 50 Dall anno 2016, anche per i progetti già avviati negli anni precedenti e in corso, si considera la tabella contenuta nel succitato art. 8. ALLEGATI: - B1 : modello di progetto - B2 : sintesi punteggi sociali - B3 e B4 : modelli di sintesi punteggi UVMD 8

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.63 del 21.12.2010 ART. 1 OGGETTO Il presente

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Comune di Padova CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20.10.2006 N. 1106. Indirizzi per il Fondo Regionale della Non Autosufficienza. LA GIUNTA REGIONALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20.10.2006 N. 1106. Indirizzi per il Fondo Regionale della Non Autosufficienza. LA GIUNTA REGIONALE Anno XXXVII - N. 46 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II 15.11.2006 - pag. 4157 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20.10.2006 N. 1106 Indirizzi per il Fondo Regionale della Non Autosufficienza.

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/20

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/20 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/20 1. PREMESSA L IMPEGNATIVA DI CURA DOMICILIARE (ICD) A sei anni dall introduzione dell Assegno di Cura con la DGR 4135/2006, la Regione del

Dettagli

ACCESSO ALLA MISURA DEL REDDITO DI AUTONOMIA PER DISABILI DGR 4152/2015 REGOLAMENTO DEL DISTRETTO SOCIALE DI MANTOVA

ACCESSO ALLA MISURA DEL REDDITO DI AUTONOMIA PER DISABILI DGR 4152/2015 REGOLAMENTO DEL DISTRETTO SOCIALE DI MANTOVA ACCESSO ALLA MISURA DEL REDDITO DI AUTONOMIA PER DISABILI DGR 4152/2015 REGOLAMENTO DEL DISTRETTO SOCIALE DI MANTOVA OGGETTO Il presente regolamento disciplina l erogazione di voucher per finanziare interventi

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1338 del 30 luglio 2013 pag. 1/20

ALLEGATOA alla Dgr n. 1338 del 30 luglio 2013 pag. 1/20 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1338 del 30 luglio 2013 pag. 1/20 1. PREMESSA L IMPEGNATIVA DI CURA DOMICILIARE (ICD) A sei anni dall introduzione dell Assegno di Cura con la DGR

Dettagli

AZIENDA SOCIALE COMUNI INSIEME

AZIENDA SOCIALE COMUNI INSIEME Iniziative in sostegno delle persone in condizione di disabilità grave e/o non autosufficienti Riferimento legislativo D.G.R. n.4249 del 30/10/2015_ Regione Lombardia (Misura B2) Anno 2016 BANDO GENERALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI FONDO NON AUTOSUFFICIENZA ANNO 2012

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI FONDO NON AUTOSUFFICIENZA ANNO 2012 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI FONDO NON AUTOSUFFICIENZA ANNO 2012 allegato alla deliberazione n. 211 del 21.3.2012 1 INDICE PREMESSA...4 1. ASSEGNO DI CURA...5 1.1 DESTINATARI...5

Dettagli

residente nel Comune di ( ) in via n. - frazione domiciliato nel Comune di ( ) in via n. - frazione Medico di Medicina Generale, dr.

residente nel Comune di ( ) in via n. - frazione domiciliato nel Comune di ( ) in via n. - frazione Medico di Medicina Generale, dr. AZIENDA ULSS N. 18 - DISTRETTO S.S. N. COMUNE DI Impegnativa di Cura Domiciliare MODULO DI DOMANDA PER L ACCESSO ALL IMPEGNATIVA DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI - DGR 1338 DEL 30.07.2013

Dettagli

Impegnativa di Cura Domiciliare

Impegnativa di Cura Domiciliare AZIENDA ULSS N. - DISTRETTO S.S. N. COMUNE DI Impegnativa di Cura Domiciliare MODULO DI DOMANDA PER L ACCESSO ALL IMPEGNATIVA DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI - DGR 1338 DEL 30.07.2013

Dettagli

NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI

NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI Allegato alla Delibera N. 9 del 27/05/2011 NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI CAPO I - CRITERI OMOGENEI DI ACCESSO ALL INTERVENTO Art.

Dettagli

Art. 1 OGGETTO E FINALITA

Art. 1 OGGETTO E FINALITA BANDO SPERIMENTALE PER L INDIVIDUAZIONE DI N 10 BENEFICIARI AL FINE DI AVVIARE PROGETTI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DELL AUTONOMIA E ALL INCLUSIONE SOCIALE DELLE PERSONE DISABILI (AI SENSI DELLA DDG 10227

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi relativi al Servizio di Assistenza

Dettagli

Criteri per acceso alle misure a favore delle persone con disabilità grave e/o non autosufficienti Anno 2015

Criteri per acceso alle misure a favore delle persone con disabilità grave e/o non autosufficienti Anno 2015 Criteri acceso alle misure a favore delle sone con disabilità grave e/o non autosufficienti Anno 2015 Art. 1 FINALITA DELLE MISURE I presenti Criteri disciplinano l anno 2015 l alle misure previste nell

Dettagli

BUONO SOCIALE. Via Turati 2/b - 22036 Erba (C0) - P. IVA 02984610135 - Tel. 031 6474525 - Fax 031 6474539 - ufficiodipiano@consorzioerbese.

BUONO SOCIALE. Via Turati 2/b - 22036 Erba (C0) - P. IVA 02984610135 - Tel. 031 6474525 - Fax 031 6474539 - ufficiodipiano@consorzioerbese. BUONO SOCIALE CRITERI E MODALITA PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITE A DOMICILIO DAI FAMILIARI O CON ASSISTENZA INFORMALE Art. 1 Finalità: Il buono sociale

Dettagli

CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI

CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI CRITERI DI RIFERIMENTO PER L ACCESSO AL BUONO SOCIALE 2015 PER PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI 1. PRINCIPI GENERALI I seguenti criteri disciplinano, all interno di un sistema integrato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI SETTEMBRE 2008 AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI Relazione tecnica Il presente regolamento è lo strumento realizzato dai Comuni del Distretto 5 per

Dettagli

Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona

Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Per conformità alla norma UNI EN ISO 9001:2008 Body accredited by ACCREDIA Azienda Speciale Consortile Cert.n. 6359 BANDO PER L

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 93 del 01/07/2015 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO AVVISO DI RIDEFINIZIONE NORME ASSEGNAZIONE VOUCHER SOCIALI PER SOSTENERE LA VITA

Dettagli

SCHEDA DI ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

SCHEDA DI ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE URGENTE Consorzio Pubblico dei Servizi Sociali ex art. 31 del TUEL - D. Lgs. 267/00 Legge Regionale n. 11/2007 - Regione Campania PROTOCOLLO NOME E COGNOME NUMERO DATA ASSISTENTE SOCIALE SOCIOLOGO SCHEDA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11. REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.2007 CAPO I: PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento

Dettagli

Capitolo I Principi generali

Capitolo I Principi generali CONSORZIO SERVIZI SOCIALI DELL OLGIATESE CRITERI E MODALITÀ PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE A CITTADINI NON AUTOSUFFICIENTI ANNO 2015 Indice: Capitolo I Principi generali. 1. Principi generali e finalità

Dettagli

CRITERI DISTRETTUALI PER L EROGAZIONE DI MISURE A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE E ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI

CRITERI DISTRETTUALI PER L EROGAZIONE DI MISURE A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE E ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI Approvati con delibera intercomunale n. 13 del 30/07/2015 CRITERI DISTRETTUALI PER L EROGAZIONE DI MISURE A FAVORE DELLE PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE E ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI applicazione della Misura

Dettagli

Sla, come accedere ai contributi regionali

Sla, come accedere ai contributi regionali Sla, come accedere ai contributi regionali Le recenti, dolorose vicende di malati di Sla inducono l Ulss 12 a ricordare a tutti i pazienti e ai loro famigliari il percorso per ottenere il contributo regionale,

Dettagli

Comune di Montefiascone Provincia di Viterbo

Comune di Montefiascone Provincia di Viterbo Comune di Montefiascone Provincia di Viterbo ENTE CAPOFILA del DISTRETTO SOCIO-SANITARIO VT/1 [Comuni di Acquapendente, Bagnoregio, Bolsena, Capodimonte, Castiglione in Teverina, Civitella d Agliano, Farnese,

Dettagli

Consorzio Pubblico Servizio alla Persona Ambito Territoriale di Viadana

Consorzio Pubblico Servizio alla Persona Ambito Territoriale di Viadana Consorzio Pubblico Servizio alla Persona Ambito Territoriale di Viadana Programma Operativo Regionale 2014-2020 Obiettivo Investimenti in favore della crescita e dell occupazione Cofinanziato con il Fondo

Dettagli

CRITERI DI GESTIONE DEL R.U.R. (Registro Unico di Residenzialità)

CRITERI DI GESTIONE DEL R.U.R. (Registro Unico di Residenzialità) Regione del Veneto AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA REGOLAMENTO AZIENDALE CRITERI DI GESTIONE DEL R.U.R. (Registro Unico di Residenzialità) PREMESSA Con deliberazione n. 3632 del 13 dicembre 2002 Residenzialità

Dettagli

COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI

COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 11 DEL 17.02.2014 Regolamento di accesso alle prestazioni economiche erogate

Dettagli

CERNUSCO SUL NAVIGLIO

CERNUSCO SUL NAVIGLIO LINEE GUIDA DISTRETTO 4 ASL MI 2 Misura a favore delle persone con disabilità grave o comunque in condizione di non autosufficienza (Misura B2 - DGR 2883 del 12.12.2014) 1. FINALITA Con il presente documento

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

Ambito territoriale Oglio Ovest L. 328/00 Distretto n 7

Ambito territoriale Oglio Ovest L. 328/00 Distretto n 7 Distretto n 7 COMUNI DI CASTELCOVATI, CASTREZZATO, CAZZAGO S/M, CHIARI, COCCAGLIO, COMEZZANO-CIZZAGO, ROCCAFRANCA, ROVATO, RUDIANO, TRENZANO, URAGO D OGLIO BANDO PER FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA PER L

Dettagli

COMUNE DI DUEVILLE (Provincia di Vicenza)

COMUNE DI DUEVILLE (Provincia di Vicenza) COMUNE DI DUEVILLE (Provincia di Vicenza) REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 84 del 28/11/2013)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ IN LUNGOASSISTENZA

CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ IN LUNGOASSISTENZA ALLEGATO A) ISTITUZIONE DEL CONTRIBUTO ECONOMICO A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ IN LUNGOASSISTENZA A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITÀ NON AUTOSUFFICIENTI DI ETA INFERIORE A 65 ANNI. La Regione Piemonte

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI SETTEMBRE 2008 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI Relazione tecnica Il presente regolamento è lo strumento di cui si sono dotati i Comuni del Distretto 5, secondo quanto previsto dalla

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INTERVENTI ECONOMICI A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INTERVENTI ECONOMICI A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INTERVENTI ECONOMICI A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELL ASSEMBLEA N. 31 DEL 26.11.2009 1 PREMESSA A seguito dell

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.R. n. 45/18 del 21.12.2010 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma. COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.it REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI,

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n.42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 Dipartimento delle Unità Organizzative della Direzione dei Servizi

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.G.R. n. 9/15 del 12.2.2013 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

Capitolo I Principi generali

Capitolo I Principi generali CONSORZIO SERVIZI SOCIALI DELL OLGIATESE CRITERI E MODALITÀ PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI ANNO 2014/2015 Indice: Capitolo I Principi generali. 1. Principi generali e finalità dell intervento.

Dettagli

Sostegno Progetti di Vita Indipendente (L. 162/98) lia persone disabili e al nucleo familiare che li assiste

Sostegno Progetti di Vita Indipendente (L. 162/98) lia persone disabili e al nucleo familiare che li assiste famiglia Assegno di Maternità e Assegno per il Nucleo Famigliare 01 Tali sostegni economici sono volti a favorire il benessere di nuclei familiari con figli. L assegno di maternità è un contributo economico

Dettagli

Ambito Territoriale dei Servizi Sociali. Comune Capofila Marcianise

Ambito Territoriale dei Servizi Sociali. Comune Capofila Marcianise Ambito Territoriale dei Servizi Sociali Comune Capofila Marcianise REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DIVERSAMENTE ABILI ART. 1 FINALITÀ DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse

REGOLAMENTO C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse C.I.S.A. Consorzio Intercomunale Socio Assistenziale Comuni di: Rivoli Rosta Villarbasse REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI ASSEGNI DI SERVIZIO A FAVORE DI PERSONE DISABILI DEL DISTRETTO N. 2 DELL A.S.L.

Dettagli

Art. 2 - Normativa di riferimento

Art. 2 - Normativa di riferimento CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento Ambito Territoriale n. 8 - ASL n. 3 - Distretto n. 3 disciplinante il servizio di assistenza domiciliare (S.A.D.) e di assistenza domiciliare Approvato con D.C.C. n. 118 del

Dettagli

COMUNE DI POSITANO REGOLAMENTO ASSISTENZA DOMICIALIARE AGLI ANZIANI (approvato con delibera di G.C. n. 73 del 19/07/05) Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

COMUNE DI POSITANO REGOLAMENTO ASSISTENZA DOMICIALIARE AGLI ANZIANI (approvato con delibera di G.C. n. 73 del 19/07/05) Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO COMUNE DI POSITANO REGOLAMENTO ASSISTENZA DOMICIALIARE AGLI ANZIANI (approvato con delibera di G.C. n. 73 del 19/07/05) Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina il servizio di

Dettagli

17 MARZO 2014/ 15 APRILE 2014 CRITERI PER L EROGAZIONE DI BUONI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI

17 MARZO 2014/ 15 APRILE 2014 CRITERI PER L EROGAZIONE DI BUONI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI 17 MARZO 2014/ 15 APRILE 2014 CRITERI PER L EROGAZIONE DI BUONI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ART. 1 OGGETTO e FINALITA Il presente documento disciplina

Dettagli

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Disabili per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Disabili per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate Ambito di Seriate Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri Regolamento per l erogazione del Buono

Dettagli

Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 41955/15 del 15 giugno 2015. Pagina 1 di 18

Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 41955/15 del 15 giugno 2015. Pagina 1 di 18 REGOLAMENTO SULLA COMPARTECIPAZIONE DA PARTE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI D ASSISTENZA DOMICILIARE, PASTI A DOMICILIO E RETTA DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI

Dettagli

PERIODO 1 LUGLIO 2015 31 DICEMBRE 2015

PERIODO 1 LUGLIO 2015 31 DICEMBRE 2015 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER PER L ACQUISTO DI PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DI POTENZIAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE, A FAVORE DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Richiamati: PERIODO

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI CAPOTERRA AVVISO PUBBLICO COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari 6 Settore Servizi Sociali AVVISO PUBBLICO approvato con Determinazione del Responsabile del Settore n 467 del 06/06/2013 PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI

Dettagli

COMUNE DI SCIACCA (Provincia di Agrigento) CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO AG 7. Assistenza Domiciliare

COMUNE DI SCIACCA (Provincia di Agrigento) CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO AG 7. Assistenza Domiciliare COMUNE DI SCIACCA (Provincia di Agrigento) CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO AG 7 Assistenza Domiciliare Avviso Pubblico Per i dipendenti e pensionati pubblici, iscritti all INPS Gestione Dipendenti

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE DISTRETTO SOCIO SANITARIO APRILIA/CISTERNA REGOLAMENTO CASA FAMIGLIA PER DISABILI LA CASA DEI LILLA Allegato alla delibera di CC n.33 dell

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015

DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015 DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015 ARTICOLO 1 - FINALITÀ E TIPOLOGIA DELL INTERVENTO Nell ambito degli interventi e dei servizi rivolti alle persone con disabilità, il

Dettagli

CAPO 1 PRINCIPI GENERALI

CAPO 1 PRINCIPI GENERALI CITTÀ DI RAGUSA REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE (Approvato con deliberazione consiliare n. 4 del 15 febbraio 2007) CAPO 1 PRINCIPI GENERALI Art. 1

Dettagli

BANDO A SPORTELLO (DAL 16.03.2015 AL 30.10.2015 O FINO AD ESAURIMENTO FONDI)

BANDO A SPORTELLO (DAL 16.03.2015 AL 30.10.2015 O FINO AD ESAURIMENTO FONDI) INTERVENTI PREVISTI DALLA DGR 2883 DEL 12/12/2014 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE IN MATERIA DI GRAVI DISABILITA E NON AUTOSUFFICIENZA DI CUI AL FONDO NAZIONALE PER LE NON AUTOSUFFICIENZE ANNO 2014. ULTERIORI

Dettagli

Ambito territoriale 1 Bergamo Comuni di Bergamo, Gorle, Orio al Serio, Ponteranica, Sorisole, Torre Boldone

Ambito territoriale 1 Bergamo Comuni di Bergamo, Gorle, Orio al Serio, Ponteranica, Sorisole, Torre Boldone Ambito territoriale 1 Bergamo Comuni di Bergamo, Gorle, Orio al Serio, Ponteranica, Sorisole, Torre Boldone Criteri per l erogazione del Voucher socio-educativo e assistenziale per l acquisto di prestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE CITTÀ DI SAN DONÀ DI PIAVE (Decorata con Croce al Merito di Guerra e con Medaglia d Argento al Valor Militare) PROVINCIA DI VENEZIA ----------------------------------------- UFFICIO SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO

Dettagli

Il/la sottoscritto/a (cognome) (nome) nato/a il. residente a prov c.a.p. via n. recapito telefonico cell. e-mail

Il/la sottoscritto/a (cognome) (nome) nato/a il. residente a prov c.a.p. via n. recapito telefonico cell. e-mail Allegato 1.A DOMANDA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI IN FAVORE DI PERSONE CON GRAVE DISABILITA' E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ATTIVATI DAL PIANO DI ZONA DI CORTEOLONA ai sensi della D.G.R. Lombardia n.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05. REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE I.S.E.E. - APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.05.2015 - INDICE Pag. ART. 1 OBIETTIVO. 3 ART. 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ART.

Dettagli

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza CITTA di Regolamento Comunale per il funzionamento della CASA FAMIGLIA per disabili gravi adulti Dopo di noi. INDICE ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - OBIETTIVI ART. 3 - DESTINATARI ART. 4 - VALUTAZIONE PER AMMISSIBILITA

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME Finanziamento anno 2011 1 Articolo 1 - Oggetto Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Regolamento Misura a favore delle persone con disabilità grave o comunque in condizione di non autosufficienza (Misura B2 - DGR 2883 del 12.12.

Regolamento Misura a favore delle persone con disabilità grave o comunque in condizione di non autosufficienza (Misura B2 - DGR 2883 del 12.12. Regolamento Misura a favore delle persone con disabilità grave o comunque in condizione di non autosufficienza (Misura B2 - DGR 2883 del 12.12.2014) 1. FINALITA Il presente regolamento è lo strumento di

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda ULSS 2 Feltre REGOLAMENTO AZIENDALE. Criteri di accesso ai servizi residenziali per persone anziane non autosufficienti.

Regione del Veneto. Azienda ULSS 2 Feltre REGOLAMENTO AZIENDALE. Criteri di accesso ai servizi residenziali per persone anziane non autosufficienti. Regione del Veneto Azienda ULSS 2 Feltre REGOLAMENTO AZIENDALE Criteri di accesso ai servizi residenziali per persone anziane non autosufficienti. Art. 1 La libertà di scelta Il presente regolamento disciplina,

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO Adottato con deliberazione consiliare N.48 dd. 29.11.2004 Premessa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI Art. 1 - FINALITA In accordo con gli indirizzi nazionali fissati dal Piano nazionale degli interventi e dei servizi sociali 2001-2003

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE

COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE COMUNE DI PARMA DISTRETTO DI PARMA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO SOCIALE approvato con Deliberazione di Consiglio comunale n. 83/15 del 08.07.2008 e modificato con atto del Commissario Straordinario

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

Unione Tresinaro Secchia

Unione Tresinaro Secchia Unione Tresinaro Secchia Provincia di Reggio Emilia Regolamento per la contribuzione alle famiglie per favorire le condizioni di domiciliarità e le opportunità di vita indipendenti dei cittadini in situazioni

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL'ASSEGNO DI CURA EROGATO PER IL MANTENIMENTO A DOMICILIO DELL'ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL'ASSEGNO DI CURA EROGATO PER IL MANTENIMENTO A DOMICILIO DELL'ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL'ASSEGNO DI CURA EROGATO PER IL MANTENIMENTO A DOMICILIO DELL'ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE Approvato dal Comitato di Distretto nella seduta del 28.01.2011 Modificato dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE IN COMUNITA ALLOGGIO E GRUPPI APPARTAMENTO Approvato dalla Conferenza

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 30 Marzo

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) COMUNE DI VALDISOTTO (Provincia di Sondrio) OGGETTO: Esame ed approvazione Regolamento per l erogazione degli interventi economici di assistenza sociale. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che la legge 08

Dettagli

PERIODO 1 LUGLIO 2015 31 DICEMBRE 2015

PERIODO 1 LUGLIO 2015 31 DICEMBRE 2015 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER PER L ACQUISTO DI PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DI POTENZIAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE, A FAVORE DI PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI Richiamati: PERIODO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE COMUNI DEL BASSO VICENTINO _Alonte, Asigliano Veneto, Orgiano, Pojana Maggiore_ REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera Consiglio Unione n. 16 del 27/11/2008

Dettagli

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE OVEST SOLIDALE

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE OVEST SOLIDALE BUONO SOCIALE PER PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI dei Comuni dell Ambito n. 2 Berlingo, Castegnato, Castel Mella, Cellatica, Gussago, Ome, Ospitaletto, Rodengo Saiano, Roncadelle, Torbole Casaglia, Travagliato

Dettagli

Parte I N. 47 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 16-10-2009

Parte I N. 47 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 16-10-2009 Parte I N. 47 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 16-10-2009 8957 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 7 luglio 2009, n. 1281. Disposizioni per l utilizzazione delle risorse del Fondo Regionale

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Comune di Chioggia Settore Servizi Sociali CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE allegato C alla deliberazione G.M. n. 163 del 13.04.2001 modificato con D.G. 141 del 28-03-2003

Dettagli

SUB-REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIO ASSISTENZIALE PER ANZIANI. Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 19.1.

SUB-REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIO ASSISTENZIALE PER ANZIANI. Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 19.1. SUB-REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIO ASSISTENZIALE PER ANZIANI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 19.1.2004 SUB-REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIO ASSISTENZIALE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Approvato con deliberazione del C.C. n. 40 del 30.6.2003 Comune di Cusano Milanino REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Art.1 OGGETTO

Dettagli

Regolamento del servizio di assistenza domiciliare

Regolamento del servizio di assistenza domiciliare PROVINCIA DI TREVISO Regolamento del servizio di assistenza domiciliare (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 24.3.2010) Articolo 1. Definizione Il Servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNITA' MONTANA DEL VELINO VI ZONA PROVINCIA DI RIETI

COMUNITA' MONTANA DEL VELINO VI ZONA PROVINCIA DI RIETI COMUNITA' MONTANA DEL VELINO VI ZONA PROVINCIA DI RIETI Via Roma 103-02019 POSTA (RI) - Tel 0746/ 951402-Fax 0746/ 951403-C.F. 80018100570-Web: www.velino.it - info@velino.it info@pec.velino.it A V V I

Dettagli

Protocollo n. 8049/2015 Cremona, 24 dicembre 2015

Protocollo n. 8049/2015 Cremona, 24 dicembre 2015 Protocollo n. 8049/2015 Cremona, 24 dicembre 2015 BANDO PER LA FRUIZIONE DI VOUCHER A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITÀ FINALIZZATI ALL INCLUSIONE SOCIALE (Regione Lombardia - Assessorato Reddito di Autonomia

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA

Protocollo operativo A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata) AUSL /BA2 - COMUNE DI BARLETTA Barletta, 16/02/05 8.24 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida Piano Sociale dell Ambito Distrettuale di Barletta Anni 2005 2007 Protocollo operativo

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.)

SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) REGOLAMENTO SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA SOCIO SANITARIA (S.A.D.I.S.) Approvato con delibera del Commissario Straordinario n.14del 26/02/2010 PREMESSA L'A.D.I. (Assistenza Domiciliare Integrata)

Dettagli

REGOLAMENTO ZONA PISANA Per accesso alle prestazioni dei progetti di Vita Indipendente

REGOLAMENTO ZONA PISANA Per accesso alle prestazioni dei progetti di Vita Indipendente REGOLAMENTO ZONA PISANA Per accesso alle prestazioni dei progetti di Vita Indipendente Art. 1 Definizione di Vita Indipendente Per "Vita Indipendente", così come previsto dall'art. 39, comma 2, lettera

Dettagli

AZIENDA U.L.S.S. N. 16 DI PADOVA

AZIENDA U.L.S.S. N. 16 DI PADOVA REGIONE DEL VENETO AZIENDA U.L.S.S. N. 16 DI PADOVA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n. 739 del 23/07/2010 OGGETTO: Documento di sintesi in merito ai criteri comuni di riferimento per i regolamenti

Dettagli

CITTA DI CATANZARO COMUNE CAPOFILA AMBITI TERRITORIALI SOCIALI DI CATANZARO NORD E CATANZARO LIDO

CITTA DI CATANZARO COMUNE CAPOFILA AMBITI TERRITORIALI SOCIALI DI CATANZARO NORD E CATANZARO LIDO CITTA DI CATANZARO COMUNE CAPOFILA AMBITI TERRITORIALI SOCIALI DI CATANZARO NORD E CATANZARO LIDO AVVISO PUBBLICO PER I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA A) PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (SOC/02/24740) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Viste: - la legge 5 febbraio 1992, n.104 Legge - quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate ;

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE COMUNE DI DOMUS DE MARIA REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN SITUAZIONE DI SVANTAGGIO LINEA D INTERVENTO 3 PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEI CRITERI E DELLE SOGLIE MASSIME I.S.E.E. PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI GESTITI IN FORMA ASSOCIATA E AL SERVIZIO

Dettagli

BANDO PUBBLICO VOUCHER SOCIALE PER L ACCESSO AI SERVIZI DI CONCILIAZIONE. Periodo settembre 2015 giugno 2016

BANDO PUBBLICO VOUCHER SOCIALE PER L ACCESSO AI SERVIZI DI CONCILIAZIONE. Periodo settembre 2015 giugno 2016 Area Distretto e Ufficio di Piano A S L L e c c o Premesso che: BANDO PUBBLICO VOUCHER SOCIALE PER L ACCESSO AI SERVIZI DI CONCILIAZIONE Periodo settembre 2015 giugno 2016 La D.g.r. n. 1081 del 12/12/2013

Dettagli

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA

PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA PIANO LOCALE DELLA NON AUTOSUFFICIENZA PER LA RESIDENZIALITA L invecchiamento della popolazione rappresenta una dei fenomeni più importanti che riguardano la popolazione dell intera Regione Veneto e del

Dettagli