Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario"

Transcript

1 Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi da quello personale e privato è tassativamente vietato. Edizioni L Informatore Agrario S.r.l. non potrà comunque essere ritenuta responsabile per eventuali malfunzionamenti e/o danni di qualsiasi natura connessi all uso dell opera.

2 PER LA DIFESA DA DIABROTICA E FERRETTI Geodisinfestanti su mais, efficaci se ben distribuiti Per ottenere il massimo effetto dai geodisinfestanti contro ferretti e diabrotica è essenziale distribuirli il più vicino possibile al seme: la taratura del microgranulatore è fondamentale (Diabrotica virgifera virgifera) risultano i più diffusi sul territorio. In presenza di popolazioni significative, questi possono causare forti perdite produttive, a seguito rispettivamente di diffuse fallanze colturali per la premorienza delle giovani piante e di gravi danni agli apparati radicali con possibili allettamenti successivi alla levata. Nelle situazioni a rischio l impiego di prodotti geodisinfestanti risulta al momento tra le soluzioni tecniche più adottate e valide per il controllo dei ferretti e per ridurre il danno alle radici causato dalle larve di diabrotica. A seguito della sospensione dell impiego degli insetticidi in concia (decreto ministeriale del 17 settembre 2008 e successive proroghe) e dell estensione progressiva dell infestazione e dei danni causati dalla diabrotica, si è assistito negli ultimi anni a un rapido cambiamento delle strategie di difesa adottate dalle aziende maidicole. Nel grafico 1 sono riportati i dati raccolti nelle aziende agricole visitate nell ambito di un monitoraggio dei danni causati dalla diabrotica negli areali maidicoli del Piemonte. Seminatrice aziendale dotata di microgranulatore di Massimo Blandino, Mauro Agosti, Amedeo Reyneri La redditività della coltura del mais dipende dal livello produttivo e dall impiego dei fattori della produzione, che determinano in gran parte i costi colturali. L efficacia di tali fattori, in particolare dei fertilizzanti e dell acqua irrigua, può essere compromessa da un investimento di piante insufficiente o irregolare e dal carente stato sanitario della coltura. Il mais nel corso del ciclo colturale può infatti risultare attaccato da diversi parassiti, che possono interessare sia la parte aerea sia l apparato radicale. In questo contesto la difesa del seme e della pianta, soprattutto nelle prime fasi di sviluppo, gioca un ruolo fondamentale. Tra gli insetti in grado di danneggiare la radice e le giovani piante, i ferretti (Agriotes brevis, A. sordidus, A. litigiosus e A. ustulatus) e le larve di diabrotica Geodisinfestanti: fenomeno in crescita Nel 2008 oltre il 95% delle semine era stato effettuato impiegando sementi conciate con i prodotti sospesi, mentre del tutto marginale era stato l impiego di geodisinfestanti. Nell anno successivo il trattamento preventivo con insetticidi granulari alla semina aveva interessato in media il 25% dei casi, salendo a oltre il 50% nel 2010 e 2011 e assestandosi all 80% dei casi esaminati nella campagna Tale andamento, che ha interessato in uguale misura sia gli areali maidicoli a forte sia a media intensità e diffusione colturale, è coinciso con un generale e rapido riadattamento della maggior parte delle seminatrici aziendali non predisposte alla distribuzione di geodisinfestanti granulari, nonché a un maggiore ricorso della semina eseguita conto terzi. L aumento degli interventi insetticidi contro gli adulti è risultato più contenuto, interessando in misura maggiore gli areali caratterizzati da una più recente infestazione degli adulti di diabrotica. L obiettivo del trattamento è stato mirato a ridurre le ovideposizioni per l anno successivo e il rischio di danno alle sete in fioritura, sebbene tale preoccupazione fosse spesso causata da un allarme ingiustificato dell agricoltore. Inoltre, la diffusione del trattamento adulticida interagisce con l entità dell attacco della piralide del mais, considerato altrettanto se non più grave della 3/2013 L Informatore Agrario 51

3 presenza di adulti di diabrotica, anche per le ripercussioni sulla sanità delle produzioni. Negli areali dove l applicazione insetticida con i trampoli è una pratica consolidata, il trattamento è stato spesso adattato per favorire un controllo anche della diabrotica, anticipando il momento di intervento e utilizzando prodotti con una maggiore persistenza. Vantaggi e svantaggi dei geodisinfestanti Al momento attuale l impiego di geodisinfestanti distribuiti alla semina risulta dunque essere la strategia di difesa insetticida del mais più diffusa e impiegata. I vantaggi di tale pratica sono diversi: possibilità di applicazione localizzata nel solco di semina o lungo i suoi bordi (banda a «T») in contemporanea con le operazioni di semina, evitando una distribuzione dedicata (vedi riquadro a pag. 53); ampio spettro di azione, per la capacità di controllo con un solo intervento di differenti fitofagi terricoli che attaccano il mais a stadi diversi. Il trattamento controlla infatti sia i ferretti durante l emissione delle prime foglie, sia le larve di diabrotica e, per alcuni prodotti, i vettori delle principali virosi; relativa stabilità del controllo nelle diverse condizioni pedoclimatiche e colturali; buona persistenza d azione che permette spesso una protezione prolungata della pianta dall emergenza fino alla levata, quando generalmente inizia Giovane pianta di mais attaccata da ferretto GRAFICO 1 - Evoluzione dell impiego di geoinsetticidi alla semina e dell applicazione di insetticidi per il controllo degli adulti di diabrotica in Piemonte Aziende monitorate (%) Geoinsetticida alla semina Trattamento adulticida Monitoraggio di oltre 100 campi aziendali nei principali areali maidicoli del Piemonte. Nel 2009 il trattamento preventivo con insetticidi granulari alla semina ha interessato in media il 25% dei casi, salendo a oltre il 50% nel 2010 e 2011 per assestarsi all 80% dei casi esaminati nella campagna l attacco delle larve di diabrotica alle radici del mais di prima epoca di semina. Questo aspetto dipende tuttavia da diversi fattori (molecola, dosaggio, incorporazione nel terreno, condizioni pedoclimatiche). Rispetto alla concia insetticida tuttavia, in talune circostanze, è stata evidenziata una minore persistenza di efficacia che, soprattutto nelle semine più precoci di marzo in ambienti a forte infestazione di diabrotica, ha portato alla comparsa di danni. Per tale motivo negli ultimi anni sono stati sperimentati dei prototipi per l applicazione di insetticidi granulari e liquidi alla rincalzatura, con l obiettivo di posizionarli più vicini al momento di maggiore attività delle larve. Finora i risultati ottenuti con questa tecnica sono stati in generale modesti, dal momento che i prodotti rimangono più distanti dall apparato radicale e non controllano con efficacia l attività delle larve di diabrotica (Berardo et al., 2012). Sebbene l impiego di geodisinfestanti granulari alla semina abbia dimostrato di poter fornire risultati paragonabili a quelli ottenuti dalla concia insetticida con neonicotinoidi (Campagna et al., 2010; Agosti et al., 2011; Ferracini et al., 2012), la loro corretta applicazione risulta tecnicamente più complessa rispetto all impiego dei concianti e la loro efficacia può risultare fortemente influenzata da alcuni parametri ambientali e dall attenzione prestata alla distribuzione. Errori da evitare Gli errori che possono essere commessi nell impiego del geodisinfestante localizzato alla semina sono diversi. A tale proposito si ricorda che i fattori più importanti da verificare sono i seguenti. Corretta profondità e posizione di distribuzione. Il corretto posizionamento del prodotto rispetto al solco di semina o al seme, e quindi rispetto alla zona di terreno esplorata dalle radici della pianta di mais che deve essere protetta, è fondamentale. Il posizionamento corretto del geodisinfestante, mediante la giusta regolazione degli elementi distributori e un adeguato interramento, risulta importante sia per i prodotti con sola azione di contatto, sia per quelli caratterizzati da attività sistemica a seguito della traslocazione nella pianta attraverso l apparato radicale. Dosaggio corretto in funzione della persistenza dei prodotti impiegati. È opportuno prevedere dosaggi più alti per le semine più anticipate, al fine di garantire un adeguata persistenza di protezione della coltura dagli attacchi da larve di diabrotica che avvengono generalmente da metà maggio sino a giugno. I terreni più sciolti e drenanti inoltre, soprattutto a seguito di Danno radicale causato da larve di diabrotica 52 L Informatore Agrario 3/2013

4 Come tarare le macchine per la distribuzione dei geodisinfestanti Tenuto conto che i diversi formulati dei geodisinfestanti in commercio hanno densità e granulometrie diverse, è importante tarare la macchina per i prodotti che si intendono utilizzare durante l annata. In base alla formulazione granulare da distribuire è possibile effettuare una taratura indicativa della macchina secondo le indicazioni del costruttore o secondo la propria esperienza. In caso di assenza di informazioni, occorre provare diversi settaggi fino a trovare quello idoneo a distribuire la quantità desiderata, ecco come si procede. In campo o in altro luogo appropriato segnare una lunghezza di 50 metri. Riempire il box con l insetticida granulare scelto e attaccare a ciascun tubo in uscita un contenitore (cilindro graduato, sacchetto, ecc.) per raccogliere il prodotto (foto A e B). Percorrere la distanza misurata (50 m) a velocità costante e compatibile con l operazione che si dovrà eseguire contestualmente alla distribuzione del geodisinfestante (semina, rincalzatura). Pesare il materiale raccolto in ciascun contenitore. Paragonare il peso del prodotto raccolto nei 50 m con la dose raccomandata in etichetta per 50 m lineari (vedi esempio seguente). Apportare le correzioni necessarie sulla macchina e ripetere la calibrazione sino a che non si raggiunge la quantità desiderata. Assicurarsi di segnare FIGURA A - Tipologie di distribuzione del geodisinfestante Geodisinfestante i settaggi per ciascun applicatore e per l insetticida granulare utilizzato. Esempio Dose indicata in etichetta: 15 kg/ha di prodotto localizzato. La quantità in grammi da distribuire per fila in 50 m lineari (Q) per mais seminato a 70 cm di interfila va calcolata con la seguente equazione: Q = 3,5 x D Dove D è la dose di prodotto in kg/ha e il valore 3,5 è una costante valida per l interfila a 70 cm. Facciamo un esempio numerico: Q= 3,5 x 15 = 52,5g Semi di mais Distribuzione in banda a «T» Geodisinfestante Semi di mais Distribuzione nel solco La macchina è calibrata quando in ciascun contenitore facente riferimento a una fila sono presenti 52,5 g di prodotto sui 50 m. I tubi degli applicatori vanno inoltre adattati per la distribuzione in solco o «banda T» (figura A) secondo l indicazione in etichetta. Si ricorda che insetticidi diversi, oltre ad avere una dose diversa in etichetta, hanno spesso anche granulometrie e densità differenti. Nel caso si utilizzino prodotti diversi con la stessa macchina, occorrerà rieseguire l operazione di taratura per ciascuno dei prodotti impiegati. N.B.: qualora dei gruppi microgranulatori venissero montati su macchine di altra marca, le indicazioni di taratura fornite dalla ditta costruttrice potrebbero essere diverse in funzione del diametro della ruota della seminatrice che aziona il movimento del distributore. Fonte: Nota tecnica informativa mais n Condifesa Brescia. A Contenitori attaccati al tubo di uscita del geodisinfestante B 3/2013 L Informatore Agrario 53

5 primavere piovose, possono essere interessati da un importante dilavamento del prodotto insetticida. Corretta regolazione del microgranulatore per la distribuzione del prodotto. Deve prevedere un adeguata taratura di tutti gli elementi della macchina in funzione del peso specifico e della granulometria del prodotto insetticida che si intende utilizzare, al fine di evitare un errato dosaggio. Verifica durante le operazioni di semina di eventuali otturazioni. Blocchi o anomalie della distribuzione del geodisinfestante, nonché la pulizia frequente degli elementi di distribuzione sono aspetti a cui prestare particolare attenzione. Corretta distribuzione anche nelle capezzagne. In queste zone del campo infatti le maggiori condizioni di stress rendono la pianta più suscettibile agli attacchi. Lotta a ferretti e diabrotica: serve una strategia Sebbene l impiego di geodisinfestanti alla semina abbia dimostrato di essere uno strumento efficace nel controllare i ferretti per salvaguardare gli investimenti colturali e contenere il danno radicale causato dalla diabrotica, è importante sottolineare che il controllo di questi fitofagi non può essere basato sulla sola applicazione preventiva di metodi di lotta diretta alle larve. È fondamentale, oggi, inserire la lotta in strategie integrate di difesa e di gestione della coltura, attraverso percorsi agronomici integrati, Allettamenti causati dall attacco di diabrotica predisposti per consentire di prevenire il più possibile le infestazioni e i danni causati da queste avversità. A questo proposito, oltre a razionali avvicendamenti, un sicuro contributo può essere dato dall adozione di quelle tecniche agronomiche, quali le concimazioni localizzate al seme o in banda, il frazionamento dell azoto in copertura e le lavorazioni dell interfila, che possono favorire un più rapido sviluppo della coltura nelle prime fasi. Queste operazioni, riducendo il periodo critico in cui la giovane pianta può essere soggetta ad attacchi di ferretto e favorendo un più rapido sviluppo dell apparato radicale, assicurano nel contempo una maggiore capacità di recupero alla coltura in seguito al danneggiamento delle radici; possono inoltre migliorare ulteriormente l azione di protezione dei geodisinfestanti. Rimane ancora diffusa la presenza di seminatrici con una sola tramoggia che rende l impiego del geodisinfestante e della concimazione starter localizzata, alternativi. In questo caso, nelle condizioni in cui i ferretti o la diabrotica rappresentano un rischio reale, la scelta appare spesso vincolata. L impossibilità di impiegare la concimazione localizzata, tuttavia, porta talvolta a danni produttivi «indiretti» e diffusi, per ritardi di sviluppo e fioritura, che possono essere anche di entità superiore a quella provocata dall insetto, ma assai meno «visibili» (Blandino et al., 2011). Per non cadere nel dilemma geodisinfestante/concime starter, la soluzione è necessariamente quella di aggiornare le seminatrici. La difesa insetticida nei primi stadi di sviluppo della coltura è dunque una voce essenziale dell agrotecnica del mais nelle situazioni di rischio e come tale richiede la dovuta attenzione per garantirne la migliore efficacia. Tuttavia, nelle situazioni in cui monitoraggi specifici per ferretti e diabrotica, condotti a livello aziendale o al più territoriale, verificano una ridotta presenza di queste avversità e quindi un basso o nullo potenziale di danno, il ricorso a trattamenti insetticidi preventivi non trova giustificazioni da un punto di vista tecnico ed economico. Massimo Blandino Amedeo Reyneri Dipartimento scienze agrarie, forestali e alimentari Università di Torino Mauro Agosti Servizio tecnico Condifesa Brescia Le foto dell articolo sono di Massimo Blandino. Adulto di Agriotes sordidus Per commenti all articolo, chiarimenti o suggerimenti scrivi a: Per consultare gli approfondimenti e/o la bibliografi a: 13ia03_6665_web 54 L Informatore Agrario 3/2013

Mais ad alto investimento: l interfila ridotta funziona

Mais ad alto investimento: l interfila ridotta funziona SPECIALE MAIS SPERIMENTAZIONE DI 5 ANNI SU SCALA AZIENDALE Mais ad alto investimento: l interfila ridotta funziona Passando dal sistema di semina tradizionale del mais a quello innovativo, più di 10 piante/m²

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO MAIS

FONDO MUTUALISTICO MAIS AGRIFONDO MUTUALISTICO Associazione Mutualistica Dei Condifesa Del Veneto E Friuli V.G. Filippo Codato Direttore Condifesa Treviso e coordinatore Condifesa Veneto FONDO MUTUALISTICO MAIS LEGNARO (PD) 27

Dettagli

«La nuova soluzione per gli insetti terricoli» Bari, 25 Forum di Medicina Vegetale

«La nuova soluzione per gli insetti terricoli» Bari, 25 Forum di Medicina Vegetale «La nuova soluzione per gli insetti terricoli» Bari, 25 Forum di Medicina Vegetale PROGRAMMA Attività insetticida Principio attivo Lambda- Cialotrina formulazione Tecnologia formulativa G.PLUS applicazione

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DEL CECE

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DEL CECE DISCIPLINARE DI PRODUZIONE INTEGRATA DEL CECE AGGIORNAMENTO 2005 3A - PARCO TECNOLOGICO AGROALIMENTARE DELL UMBRIA PREMESSA Il metodo di produzione su cui si basa l agricoltura integrata prevede l utilizzo

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI. Standard tecnico ai sensi dell art. 49 comma 2 lettera c) del D.

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI. Standard tecnico ai sensi dell art. 49 comma 2 lettera c) del D. MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI Standard tecnico ai sensi dell art. 49 comma 2 lettera c) del D.lgs 214/2005 Criteri di monitoraggio e di gestione delle infestazioni dell organismo

Dettagli

Pro e contro dell irrigazione del mais con ala gocciolante

Pro e contro dell irrigazione del mais con ala gocciolante PROVE SVOLTE A FERRARA NEL 2015 Pro e contro dell irrigazione del mais con ala gocciolante di Fabio Galli, Alessandro Zago, Andrea Biondi stagionale degli ultimi anni, molto spesso caratterizzato da estati

Dettagli

Trattare la piralide del mais entro il picco delle catture TRATTAMENTO 2005 2006 2007

Trattare la piralide del mais entro il picco delle catture TRATTAMENTO 2005 2006 2007 10 Terra e Vita [ APPROFONDIMENTI ] n. 19/2009 1 2 [ MICOTOSSINE MAIS ] Monitorare il volo degli adulti. Meglio applicazioni precoci che tardive Trattare la piralide del mais entro il picco delle catture

Dettagli

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella n. 14/2013 [ SPECIALE DIFESA MAIS ] Terra e Vita 45 Minimizzare la presenza di micotossine nella granella [ DI RICCARDO BUGIANI ] Le strategie agronomiche, il possibile contributo dei bio control agents

Dettagli

La Septoriosi del frumento

La Septoriosi del frumento La Septoriosi del frumento Angelo Sarti, ASTRA Innovazione e Sviluppo U.O. Mario Neri Imola (BO) angelo.sarti@astrainnovazione.it La Septoriosi del frumento è una malattia comunemente presente nei nostri

Dettagli

Numero nove 7 marzo 2014

Numero nove 7 marzo 2014 Numero nove 7 marzo 2014 La situazione dei mercati mondiali dei cereali - prospettive 4 marzo 2014 Powered by Aretè s.r.l. In questo numero Mercati: le quotazioni nazionali dei principali prodotti agricoli

Dettagli

Rapporto quindicinale sulla situazione dei mercati nazionali Riferimento dal 1 al 12 luglio 2013 16 luglio 2013 Powered by Aretè s.r.l.

Rapporto quindicinale sulla situazione dei mercati nazionali Riferimento dal 1 al 12 luglio 2013 16 luglio 2013 Powered by Aretè s.r.l. Numero ventotto 19 luglio 2013 Rapporto quindicinale sulla situazione dei mercati nazionali Riferimento dal 1 al 12 luglio 2013 16 luglio 2013 Powered by Aretè s.r.l. In questo numero ANB HOLDING: Attribuite

Dettagli

Avversità della patata. Filippini Paola Ortofrutticola Parma srl

Avversità della patata. Filippini Paola Ortofrutticola Parma srl Avversità della patata Filippini Paola Ortofrutticola Parma srl AVVERSITA PRINCIPALI PATATA Crittogame Peronospora Alternaria Rizoctonia Scabbie (argentea,comune, ecc) Fusarium Cancrena secca Nematodi

Dettagli

Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012

Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012 Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012 Ricerca Finanziata dalla Regione Piemonte Carlo Ferrero, Andrea Pilati - Capac Soc, Coop. Agr. Roberta Pons - Cooperativa Agrovalli S. C. Nel 2012, nonostante

Dettagli

Prove sperimentali anno 2009. Risultati produttivi. Istituto Podere Pignatelli

Prove sperimentali anno 2009. Risultati produttivi. Istituto Podere Pignatelli 16 16 Istituto Podere Pignatelli Frazione Madonna Orti 49 10068 Villafranca Piemonte (TO) Telefono 011.980.70.21 Prove sperimentali anno 2009 Risultati produttivi Relazione a cura di Marocco dott. Silvio

Dettagli

STRIP TILLAGE, ASPETTI AGRO-MECCANICI E OPERATIVI

STRIP TILLAGE, ASPETTI AGRO-MECCANICI E OPERATIVI Orzinuovi, 17 Luglio 2014 STRIP TILLAGE, ASPETTI AGRO-MECCANICI E OPERATIVI Di Agr. Ph D. Mattia Trevini 1-LAVORAZIONI LAVORAZIONI CONVENZIONALI Obbiettivi principali: Favorire lo sviluppo della coltura

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS

LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE NEL MAIS Il mais è tra i prodotti vegetali più soggetti alla contaminazione da parte delle micotossine. I principali funghi tossigeni

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

Insetti dannosi al mais e micotossine

Insetti dannosi al mais e micotossine Insetti dannosi al mais e micotossine Lorenzo Furlan, Consorzio di Bonifica Basso Piave, S. Donà di Piave, Venezia Carlo Duso, Dipartimento di Agronomia ambientale e produzioni vegetali, Università degli

Dettagli

La sperimentazione a supporto delle aziende agricole Limena 24-02-2015

La sperimentazione a supporto delle aziende agricole Limena 24-02-2015 Parte la difesa integrata obbligatoria (PAN 2014 ) La sperimentazione a supporto delle aziende agricole Limena 24-02-2015 Sezione Ricerca e Gestioni Agroforestali - Settore Ricerca Agraria Parte la difesa

Dettagli

Metodi di controllo di Cydalima perspectalis (Walker)

Metodi di controllo di Cydalima perspectalis (Walker) Metodi di controllo di Cydalima perspectalis (Walker) Dott. For. Daniele Benassai Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Firenze Giovedì 2 ottobre e Mercoledì 12 novembre 2014 Palazzo Vecchio

Dettagli

CONFRONTO FRA IBRIDI DI MAIS IN PIEMONTE NEL 2010. Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte

CONFRONTO FRA IBRIDI DI MAIS IN PIEMONTE NEL 2010. Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte CONFRONTO FRA IBRIDI DI MAIS IN PIEMONTE NEL 2010 Ricerca finanziata dalla Regione Piemonte OBIETTIVI Ottenimento di risultati produttivi, agronomici e di qualità dei prodotti, in areali piemontesi rappresentativi

Dettagli

Cereali: tecnica colturale del frumento

Cereali: tecnica colturale del frumento Cereali: tecnica colturale del frumento Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tecnica d impianto Scelta varietale 1. Qualità e destinazione del prodotto

Dettagli

L applicazione ottimale di FORCE con ogni seminatrice. Nuova formulazione 2013

L applicazione ottimale di FORCE con ogni seminatrice. Nuova formulazione 2013 L applicazione ottimale di FORCE con ogni seminatrice Nuova formulazione 213 TM Nuova formulazione 213 Geoinsetticida microgranulare per la protezione di colture orticole e industriali FORCE è un geoinsetticida

Dettagli

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica

Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Piano Sementiero Nazionale per l Agricoltura Biologica Presentazione dei risultati del secondo biennio di attività Linee guida e disciplinari per la produzione di sementi biologiche D.ssa Alessandra Sommovigo

Dettagli

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale)

CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) CEREALI (autunno-vernini) (frumento duro, frumento tenero, orzo, avena, farro e triticale) Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti

Dettagli

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine FERTILIZZAZIONE RISULTATI DI UNA SPERIMENTAZIONE BIENNALE SU 4 VARIETÀ Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine L azoto è fondamentale per arrivare a rese soddisfacenti nei frumenti

Dettagli

AMPLIGO, doppia azione insetticida contro i parassiti del mais

AMPLIGO, doppia azione insetticida contro i parassiti del mais , doppia azione insetticida contro i parassiti del mais La soluzione di Syngenta per il controllo della piralide del mais Doppia efficacia insetticida è un prodotto insetticida con rapida efficacia e lunga

Dettagli

Tecnica colturale della soia

Tecnica colturale della soia Tecnica colturale della soia Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Impianto 1 2 Fertilizzazione 2 3 Cure colturali 2 1 Impianto Scelta varietale 1. Le

Dettagli

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale

Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo e alimentare e in quello forestale Capofila: Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura

Dettagli

ATTIVITA DIDATTICO - SPERIMENTALE NELLE CLASSI III B - IV B, SULLA CONCIMAZIONE AZOTATA DEI CEREALI AUTUNNO VERNINI.

ATTIVITA DIDATTICO - SPERIMENTALE NELLE CLASSI III B - IV B, SULLA CONCIMAZIONE AZOTATA DEI CEREALI AUTUNNO VERNINI. ATTIVITA DIDATTICO - SPERIMENTALE NELLE CLASSI III B - IV B, SULLA CONCIMAZIONE AZOTATA DEI CEREALI AUTUNNO VERNINI. Pagina1 LA PRIMA FASE: LA SEMINA E LA PRIMA CONCIMAZIONE La differenza tra le cariossidi

Dettagli

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA)

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) SEMINA su SODO CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) Il presente caso studio è stato sviluppato da AIPAS nell ambito di un progetto europeo di educazione ambientale

Dettagli

ERSAT: prova dimostrativa di subirrigazione a goccia su vigneto di nuovo impianto

ERSAT: prova dimostrativa di subirrigazione a goccia su vigneto di nuovo impianto ERSAT: prova dimostrativa di subirrigazione a goccia su vigneto di nuovo impianto a cura di Giuseppe Pia, Renzo Peretto, Luigi Petillo. Cos è la subirrigazione a goccia. La subirrigazione a goccia, altrimenti

Dettagli

La tecnica agronomica per gli orzi ibridi

La tecnica agronomica per gli orzi ibridi 5 TESI AGRONOMICHE SVOLTE IN PIEMONTE NEL 2013-2015 La tecnica agronomica per gli orzi ibridi AGRONOMIA Entrambe le cultivar, convenzionale e ibrida, manifestano una chiara relazione tra la produzione

Dettagli

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee.

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee. Cereali primaveriliestivi ed estivi schede colturali Mais Nome botanico Zea mais Famiglia Graminacee Origine e diffusione Produzione mondiale di Mais (FAO 2001) Produzione europea di Mais (FAO 2001) Produzione

Dettagli

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico

DI COMO - LECCO - SONDRIO. Ufficio Tecnico Consigli per ridurre la presenza di micotossine nella granella di mais (Presentato da A.I.R.E.S Associazione Raccoglitori Essiccatori Stoccatori di cereali e semi oleosi) Le ricerche sperimentali condotte

Dettagli

FARRO TERRA DI SAN MARINO

FARRO TERRA DI SAN MARINO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE FARRO TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Farro Terra di San Marino è riservata esclusivamente al prodotto ottenuto in aziende agricole localizzate entro i confini

Dettagli

L evoluzione delle tecniche agronomiche e l opportunità dei cereali minori. Il problema

L evoluzione delle tecniche agronomiche e l opportunità dei cereali minori. Il problema Università degli Studi di Torino DISAFA L evoluzione delle tecniche agronomiche e l opportunità dei cereali minori Amedeo Reyneri, Debora Giordano SANA Bologna 8 settembre 2014 Dipartimento di Economia,

Dettagli

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Una nuova gamma di prodotti per l agricoltura italiana Ibridi di mais IBRIDO Classe FAO Giorni GDM 437 300 105 SNH 9402 400 115

Dettagli

IL RISO n 1 del 19 giugno 2015 STRATEGIE DI LOTTA ALLE INFESTANTI RESISTENTI AGLI ERBICIDI NELLE RISAIE LOMBARDE

IL RISO n 1 del 19 giugno 2015 STRATEGIE DI LOTTA ALLE INFESTANTI RESISTENTI AGLI ERBICIDI NELLE RISAIE LOMBARDE IL RISO n 1 del 19 giugno 2015 STRATEGIE DI LOTTA ALLE INFESTANTI RESISTENTI AGLI ERBICIDI NELLE RISAIE LOMBARDE Premessa Negli anni la riduzione di prodotti utilizzabili per il contenimento delle infestanti

Dettagli

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014

ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 ERBAI E SORGHI DA SFALCIO, INSILATO E GRANELLA SEMINE PRIMAVERILI ESTIVE 2014 TECNOZOO, AL FIANCO DEGLI ALLEVATORI DAL SEME AL PRODOTTO FINITO! SOMMARIO SORGO IBRIDO DA SFALCIO KARIM Pag 4 SORGO GENTILE

Dettagli

IMPORTANZA DEL MONITORAGGIO DELLE COLTURE NELLA DIFESA INTEGRATA E I NUOVI ORIENTAMENTI DELLA NORMATIVA EUROPEA

IMPORTANZA DEL MONITORAGGIO DELLE COLTURE NELLA DIFESA INTEGRATA E I NUOVI ORIENTAMENTI DELLA NORMATIVA EUROPEA IMPORTANZA DEL MONITORAGGIO DELLE COLTURE NELLA DIFESA INTEGRATA E I NUOVI ORIENTAMENTI DELLA NORMATIVA EUROPEA Dott.ssa Flavia Grazia Tropiano SeSIRCA Regione Campania Caserta 24 novembre 2011 La difesa

Dettagli

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali FACOLTA DI AGRARIA Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Corso di Agronomia e Sistemi foraggeri Modulo di Sistemi foraggeri ESERCITAZIONE - QUESTIONARIO n. 2 Nome e cognome... n. di matricola.

Dettagli

Mais: impianto e tecnica colturale

Mais: impianto e tecnica colturale Mais: impianto e tecnica colturale Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tipologie di ibridi 1 2 Impianto 3 3 Fertilizzazione 4 4 Cure colturali 4 5 Raccolta

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI. Scheda tecnica triticale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO di AGRARIA - SACEG Scheda tecnica triticale Dott. Giovanni Pruneddu Tecnica colturale triticale Tipi di triticale Fra le varietà disponibili sul mercato possiamo

Dettagli

La chiave per buone produzioni di mais è stabilire un buon letto di semina produttivo e una buona uniformità di semina

La chiave per buone produzioni di mais è stabilire un buon letto di semina produttivo e una buona uniformità di semina La chiave per buone produzioni di mais è stabilire un buon letto di semina produttivo e una buona uniformità di semina C. Richard Edwards Professore Emerito Purdue University West Lafayette, Indiana USA

Dettagli

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007

Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007 11 luglio 2008 Utilizzo dei prodotti fitosanitari nella coltivazione del mais Annata agraria 2006-2007 L Istat rende disponibili i principali risultati dell indagine campionaria sull utilizzo dei prodotti

Dettagli

Gocce al veleno. Analisi sulla presenza di insetticidi neonicotinoidi nell acqua di guttazione del mais. greenpeace.it.

Gocce al veleno. Analisi sulla presenza di insetticidi neonicotinoidi nell acqua di guttazione del mais. greenpeace.it. Gocce al veleno Dicembre 2013 Analisi sulla presenza di insetticidi neonicotinoidi nell acqua di guttazione del mais greenpeace.it 2 Gocce al veleno - Dicembre 2013 Sintesi del rapporto DRIPPING POISON

Dettagli

1 SOLEHIO 2 BASMATI 3 CALISOL 4 TOSKANI

1 SOLEHIO 2 BASMATI 3 CALISOL 4 TOSKANI LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Sempre primi! Anche nel 2015 le nostre varietà si confermano ai vertici delle prove nazionali del Frumento Tenero*: 1 SOLEHIO 2 BASMATI 3 CALISOL 4 TOSKANI

Dettagli

Metodologie di difesa fitosanitaria

Metodologie di difesa fitosanitaria Metodologie di difesa fitosanitaria La difesa delle piante con prodotti fitosanitari ebbe inizio con la scoperta della proprietà fungicida del solfato di rame avvenuta oltre un secolo fa. Per molto tempo

Dettagli

In uno scenario di aumento dei costi

In uno scenario di aumento dei costi analisi dei costi di esercizio Come scegliere il rotolone più adatto alle proprie esigenze di Giuseppe Taglioli, Giulia Villani, Matteo Boscarato In uno scenario di aumento dei costi di beni e servizi

Dettagli

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PRESENTAZIONE PAN

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PRESENTAZIONE PAN Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PRESENTAZIONE PAN QUADRO NORMATIVO DIRETTIVA 2009/128/CE Quadro per l azione comunitaria ai fini dell utilizzo sostenibile dei pesticidi Direttiva

Dettagli

Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae

Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae Prove di contenimento della piralide mediante l impiego di Trichogramma brassicae Esperienze realizzate presso l azienda sperimentale di Veneto Agricoltura Vallevecchia - Caorle (VE) anni 2010-2011 Mauro

Dettagli

Scopo della concimazione è

Scopo della concimazione è PECIALE S DOSI, TIPOLOGIE DI CONCIMI E MODALITÀ DI SOMMINISTRAZIONE La concimazione azotata ideale dipende dall obiettivo produttivo È solo dopo aver definito quantità e qualità della produzione da ottenere

Dettagli

Soia. (Glicine max (L.) Merr.)

Soia. (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) Soia (Glicine max (L.) Merr.) La soia è la più importante fonte vegetale di olio e di proteine per uso alimentare a livello mondiale In Italia la coltura della soia oggi è

Dettagli

LA TOLLERANZA DEGLI IBRIDI A PIRALIDE E MICOTOSSINE

LA TOLLERANZA DEGLI IBRIDI A PIRALIDE E MICOTOSSINE Le attività di Veneto Agricoltura per l attuazione delle misure agroambientali PSR: analizziamo i risultati 2012, scriviamo insieme il programma 2013 Il Bollettino colture erbacee in applicazione della

Dettagli

FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013

FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 214 Pagamenti agroambientali Azione M Introduzione di tecniche di agricoltura conservativa ALLEGATO 6 disposizioni attuative anno 2012 DESCRIZIONE

Dettagli

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile

Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Newsletter frumento tenero e duro Newsletter n 4 2015 Piacenza, 8 aprile Gentile utente, grano.net e granoduro.net sono servizi web interattivi sviluppati da Horta e nati con la funzione di fornire supporti

Dettagli

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE ISTITUTO DI ENTOMOLOGIA AGRARIA UNIVERSITÀ DEGLI STU DI DI MILAN O I - 20133 MILANO Via G. Celoria, 2 Tel. 02/50316754 Fax 02/50316748 E-mail: luciano.suss@unimi.it http://users.unimi.it/~agra/entol.html

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

I contenuti della Fertilizzazione

I contenuti della Fertilizzazione Fertilizzazione I contenuti della Fertilizzazione I contenuti della Fertilizzazione Selezionando la voce Fertilizzazione dell Indice Generale di AGRIMEDIA si passa all indice visualizzato accanto. Con

Dettagli

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari

Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Ricerca applicata Istituto Sementi e Tecnologie Agro-alimentari Catalogo 2010 ISTA - VENETO SEMENTI: LA GENETICA VEGETALE AL SERVIZIO DELL AGRICOLTURA Il 2009 è un anno importante per la storia di due

Dettagli

Campagna federale per la verifica delle ditte attive nel settore delle disinfestazioni risultati per il Ticino

Campagna federale per la verifica delle ditte attive nel settore delle disinfestazioni risultati per il Ticino Campagna federale per la verifica delle ditte attive nel settore delle disinfestazioni risultati per il Ticino Introduzione La lotta a organismi infestanti quali roditori o insetti, viene spesso eseguita

Dettagli

ARPA Umbria, Faber s.r.l. Tecnologie Avanzate per l Ambiente di Napoli, Vekos s.r.l. di Vicenza.

ARPA Umbria, Faber s.r.l. Tecnologie Avanzate per l Ambiente di Napoli, Vekos s.r.l. di Vicenza. INTRODUZIONE > Molti degli usi dell acqua non sono struttivi della stessa ma soltanto moficativi delle sue caratteristiche fisiche, chimiche e microbiologiche e, pertanto, a valle tali usi si producono

Dettagli

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi LA PATATA Famiglia delle solanacee Genere solanum Pianta erbacea coltivata come annuale ma che in natura si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi I fiori sono riuniti a

Dettagli

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais

Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Gestione del rischio micotossine nella filiera produttiva del mais Giuliano Mosca, Dipartimento Agronomia ambientale e Produzioni vegetali Università degli Studi di Padova 2.1 Introduzione Il frutto del

Dettagli

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa La semina La semina è quell operazione con la quale il seme (medica, pomodoro ecc.) o il frutto (cereali, girasole ecc.) vengono immessi nel terreno allo scopo di ottenere la nascita delle piante che avvieranno

Dettagli

Il trattamento antiparassitario contro

Il trattamento antiparassitario contro E F F I C AC I A I N S E T T I C I DA E S U L L A C O N TA M I N A Z I O N E DA F U M O N I S I N E Impiego insettici piretroi contro la piralide del mais L intervallo ottimale per l applicazione insetticida

Dettagli

Difesa Integrata: valutazioni nell ambito del marchio QM

Difesa Integrata: valutazioni nell ambito del marchio QM Difesa Integrata: valutazioni nell ambito del marchio QM Lorenzo Moretti 02 Dicembre 2014 La Difesa Integrata Un lungo percorso Per 10 anni (tra il 1997 e il 2007) il Comitato Tecnico Scientifico Nazionale,

Dettagli

Linee guida per la riduzione del rischio di contaminazione da micotossine nel mais

Linee guida per la riduzione del rischio di contaminazione da micotossine nel mais Revisione Marzo 2013 Linee guida per la riduzione del rischio di contaminazione da micotossine nel mais In Emilia-Romagna le micotossine più diffuse nel mais sono fumonisine (FB) e aflatossine (AF), mentre

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Linee tecniche di DIFESA INTEGRATA per l anno 2015 NORME GENERALI Le Linee Tecniche di difesa integrata predisposte dalla Provincia Autonoma di Trento e approvato dal Gruppo

Dettagli

ALLEGATO 6 DEFINIZIONE DELLA BUONA PRATICA AGRICOLA VALIDA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

ALLEGATO 6 DEFINIZIONE DELLA BUONA PRATICA AGRICOLA VALIDA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO ALLEGATO 6 DEFINIZIONE DELLA BUONA PRATICA AGRICOLA VALIDA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI SVILUPPO RURALE DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO a. Generalità: La seguente parte della misura definisce il concetto

Dettagli

Prove sperimentali anno 2013. Relazione a cura di Marocco dott. Silvio

Prove sperimentali anno 2013. Relazione a cura di Marocco dott. Silvio Prove sperimentali anno 2013 Relazione a cura di Marocco dott. Silvio PRESENTAZIONE Con il 2013 scade il mio mandato in qualità di Presidente del Podere Pignatelli, al 31 dicembre scadono anche gli amministratori

Dettagli

Monitoraggio, campionamenti, soglie di intervento e lotta alla mosca delle olive

Monitoraggio, campionamenti, soglie di intervento e lotta alla mosca delle olive Angelo Canale Antonio Belcari Ruggero Petacchi Monitoraggio, campionamenti, soglie di intervento e lotta alla mosca delle olive Villa Montepaldi, S. Casciano V.P. (FI), 21 gennaio 2015 Argomenti Lotta

Dettagli

UTILIZZO EFFICIENTE DEL DIGESTATO: MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI SULLA FERTILITÀ DEL TERRENO

UTILIZZO EFFICIENTE DEL DIGESTATO: MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI SULLA FERTILITÀ DEL TERRENO FERTILIZZAZIONE CON DIGESTATO UTILIZZO EFFICIENTE DEL DIGESTATO: MONITORAGGIO DEGLI EFFETTI SULLA FERTILITÀ DEL TERRENO Manuela Rancati Matteo Piombino Pioneer Hi-Bred Italia. Quando si parla di digestione

Dettagli

Difesa Integrata di: Farro

Difesa Integrata di: Farro Difesa Integrata di: Farro Carbone (Ustilago tritici) Carie (Tilletia spp.) Fusariosi (Fusarium spp.) Nerume (Alternaria spp., Cladosporium herbarum, Epicoccum nigrum) Oidio (Erysiphe graminis) Ruggini

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae 1 LA MOSCA DELLE OLIVE Principale parassita dell olivo Numerodigenerazionida2-3finoa4-7/anno Latitudine Altitudine Andamento climatico Permanenza di olive sulle piante

Dettagli

COLT COL IVA TIV ZIONE PROFESSIONALE DI PA AZIONE PROFESSIONALE DI P TAT ATATE

COLT COL IVA TIV ZIONE PROFESSIONALE DI PA AZIONE PROFESSIONALE DI P TAT ATATE COLTIVAZIONE PROFESSIONALE DI PATATE Piantagione INDICE Piantagione Letto di semina Struttura del suolo Apporto d umidità Quali sementi usare? Scopo della coltura Densità degli steli Dimensioni del tubero-seme

Dettagli

MAIS IL PROCESSO PRODUTTIVO

MAIS IL PROCESSO PRODUTTIVO MAIS IL PROCESSO PRODUTTIVO 1 IL PROCESSO PRODUTTIVO Il ciclo del mais inizia con cariossidi che pesano circa 0,3 grammi e si conclude con piante che, in buone condizioni di crescita, raggiungono un peso

Dettagli

Direttiva 2009/128/CE del 21 ottobre 2009 che istituisce un

Direttiva 2009/128/CE del 21 ottobre 2009 che istituisce un Direttiva 2009/128/CE del 21 ottobre 2009 che istituisce un quadro per l azione comunitaria ai fini dell utilizzo sostenibile dei pesticidi. La direttiva assegna agli Stati Membri il compito di garantire

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

Benefici apportati dall adozione di un opportuna tecnica applicativa

Benefici apportati dall adozione di un opportuna tecnica applicativa La qualità di distribuzione degli agrofarmaci La qualità della distribuzione degli agrofarmaci sulle colture rappresenta un aspetto fondamentale per il conseguimento di un ottimale efficacia biologica

Dettagli

FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013

FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 214 Pagamenti agroambientali Azione M Introduzione di tecniche di agricoltura conservativa ALLEGATO 4 disposizioni attuative campagna 2011 DESCRIZIONE

Dettagli

Il legno nero una malattia in espansione nei vigneti dell Alto Adige

Il legno nero una malattia in espansione nei vigneti dell Alto Adige Il legno nero una malattia in espansione nei vigneti dell Alto Adige Negli ultimi anni in numerosi vigneti della Bassa Atesina e della Val d Isarco sono state ripetutamente osservate viti con vistosi accartocciamenti

Dettagli

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 852/2004 Regolamento

Dettagli

TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO PIANTE FORESTALI

TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO PIANTE FORESTALI TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO PIANTE FORESTALI PROGRAMMA DI LOTTA AL PUNTERUOLO ROSSO DELLE PALME (Rhynchophorus ferrugineus) CAMPAGNA DI INFORMAZIONE VADEMECUM DEL CITTADINO COME RICONOSCERE UNA PALMA

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Disciplinare di Produzione SEDANO BIANCO DI SPERLONGA I.G.P. -Art 1- Denominazione e sua tutela

Disciplinare di Produzione SEDANO BIANCO DI SPERLONGA I.G.P. -Art 1- Denominazione e sua tutela Disciplinare di Produzione SEDANO BIANCO DI SPERLONGA I.G.P. -Art 1- Denominazione e sua tutela L indicazione Geografica Protetta (IGP) Sedano Bianco di Sperlonga è riservata esclusivamente al sedano ecotipo

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture erbacee > FARRO

Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture erbacee > FARRO Regione Emilia-Romagna - Disciplinari di produzione integrata 2016 Norme tecniche di coltura > Colture erbacee > FARRO CAPITOLO DELLE NORME GENERALI Scelta dell'ambiente di coltivazione e vocazionalità

Dettagli

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento

I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento dossier FRUMENTO 2 I prodotti Ilsa aumentano la resa e il valore del tuo frumento Aumentare la resa del frumento, e contemporaneamente anche la qualità, è possibile solo con una concimazione azotata continua

Dettagli

PRODOTTI PER! AGRICOLTURA BIOLOGICA!

PRODOTTI PER! AGRICOLTURA BIOLOGICA! Catalogo Prodotti PRODOTTI PER AGRICOLTURA BIOLOGICA Dal 1997 ci occupiamo di sostenere l agricoltura biologica e migliorare l ambiente, tramite prodotti biologici, che formuliamo e confezioniamo direttamente

Dettagli

EIMA 2003 - CONFERENZA STAMPA. Illustrazione dei dati rilevati in campo sull efficienza dei rotoloni e degli impianti a goccia

EIMA 2003 - CONFERENZA STAMPA. Illustrazione dei dati rilevati in campo sull efficienza dei rotoloni e degli impianti a goccia EIMA 2003 - CONFERENZA STAMPA Relazione del dr. Giorgio Gazzotti, agronomo Illustrazione dei dati rilevati in campo sull efficienza dei rotoloni e degli impianti a goccia Dati rilevati in campo sull efficienza

Dettagli

ALLEGATO B: LINEA GUIDA PER L IRRIGAZIONE DELLE PRODUZIONI INTEGRATE

ALLEGATO B: LINEA GUIDA PER L IRRIGAZIONE DELLE PRODUZIONI INTEGRATE ALLEGATO B: LINEA GUIDA PER L IRRIGAZIONE DELLE PRODUZIONI INTEGRATE ASPETTI GENERALI Si fa riferimento a quanto riportato nel documento Principi e criteri generali per le pratiche agronomiche della produzione

Dettagli

ACQUA, ARIA E TERRENO

ACQUA, ARIA E TERRENO ACQUA, ARIA E TERRENO PREMESSA Gli impianti d irrigazione a goccia svolgono un ruolo fondamentale negli apporti irrigui alle colture. Se utilizzato correttamente permette un sano sviluppo della pianta

Dettagli

APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE

APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE APPLICAZIONI PRATICHE SULLE SPECIE AGRARIE COLTURE ORTICOLE Cipolla La sensibilità della cipolla nei confronti della disponibilità di acqua è notevole. Ciò è determinato dall apparato radicale che tende

Dettagli