RETTE E PIANI NELLO SPAZIO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RETTE E PIANI NELLO SPAZIO"

Transcript

1 VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA 1 RETTE E PIANI NELLO SPAZIO Rette e piani in forma cartesiana e parametrica. Parallelismo e perpendicolarità, posizioni reciproche tra rette e piani, distanze. Esercizio 1 Quali dei seguenti insiemi di punti sono una retta? 1) r 1 = {(t,t,2 t) : t R}; 2) r 2 = { (t,0,t 2 ) : t R } ; 3) r 3 = { (t 3,2t 3,0) : t R }. Esercizio 2 Trovare un versore ortogonale: 1) al piano 7x + y + z = 5; 2) al piano che contiene i punti (1, 2, 2), (1, 0, 3), ( 4, 4, 4); 3) ad entrambe le rette (x,y,z) = ( 1,t,2t) e (x,y,z) = (t,1 + t,1 t). Esercizio 3 Dato il piano π : x+2y 4z = 7 trovare tre versori u,v,w a due a due ortogonali tali che u,v siano paralleli a π. Esercizio 4 Dire se le rette x y + z = 1,2y z = 0 e (x,y,z) = (1 t,2t 1, 1 + 3t) 1) sono sghembe; 2) sono incidenti non ortogonali; 3) sono ortogonali non incidenti; 4) appartengono al piano z = 2y. Esercizio 5 Trovare le equazioni dei piani che contengono: 1) i punti P 1 = (1,2,1), P 2 = (1,3, 1) e P 3 = (0,2, 2); 2) il punto P 1 = (1,2,1) e la retta r : x = 1 + 2t,y = 3 + t,z = 0. In ciascun caso, scrivere un vettore n ortogonale al piano determinato. Esercizio 6 Siano x = xi + yj + zk, x 0 = x 0 i + y 0 j + z 0 k ed n = ai + bj + ck. Sapendo che la distanza tra il punto (x 0,y 0,z 0 ) ed il piano di equazione n x+d = 0 è uguale a n x 0 + d / n, trovare la distanza tra i seguenti punti/piani: 1) (0,0,0) e x + y + z + 6 = 0; 2) (1,2,3) e x = 4;

2 VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA - Rette e piani nello spazio 2 3) (1,2,3) e x + y + z = 0. Esercizio 7 Verificare che le rette x 2y = 1,x z = 1 e x + y = 1,y z = 0 sono incidenti e trovare il piano a cui appartengono. Esercizio 8 In ciascuno dei seguenti casi, verificare che π 1 π 2, π 1 π 3 e π 2 π 3 sono rette e determinare π 1 π 2 π 3 : 1) π 1 : 2x + y + z = 0, π 2 : x 2y + z = 1, π 3 : x + y 2z = 1; 2) π 1 : 3x + y z = 0, π 2 : x + y 3z = 1; π 3 : x + y = 1; 3) π 1 : 4x + 2y + z = 0, π 2 : 3x 5y + z = 1, π 3 : 3x + y 2z = 1. Esercizio 9 Dati i piani π 1 : x + y + z = 1 e π 2 : x + 2y z = 0, sia r la retta π 1 π 2. Dire se 1) esistono a,b,c R per cui r è data da (x,y,z) = (1 + at, 1 + bt,1 + ct); 2) esistono k,l,m R per cui r è data da (x,y,z) = (k 3t,l + 2t,m + t). Esercizio 10 Si considerino i piani π 1 : ax+y 2z = 0, π 2 : by+z+2b = 0, π 3 : 2x+y+2z = 1. Trovare, se esistono, i valori di a e b per cui la retta π 1 π 2 è parallela a π 3. Esercizio 11 Siano r la retta x = 2y = z e π il piano x = y + z. Spiegare perchè una retta s in π che incontra r ha necessariamente la forma (x,y,z) = (at,bt,ct) e trovare la condizione su a,b,c R per cui s sia ortogonale ad r. Esercizio 12 Verificare che le seguenti coppie di rette sono sghembe e trovarne la distanza: 1) (x,y,z) = (2 + t, 1 t,4 + 3t) e (x,y,z) = (3 + t,2 + t,1 + t); 2) x y + z = 0,y + 3z = 0 e x + y = 1,y + 3z = 2; 3) x y + z = 0,y + 3z = 0 e (x,y,z) = (3 + t,2 + t,1 + t). Esercizio 13 Sono dati la retta r : (x,y,z) = (1 + 2t,t,1 t) ed i vettori r = (2,1, 1) e u = ( 1,3,1). Verificare che: 1) i vettori r e u sono perpendicolari; 2) se il punto (x,y,z) appartiene ad r, allora il vettore x = xi + yj + zk soddisfa x r = u; 3) se x = xi + yj + zk soddisfa x r = u, allora (x,y,z) appartiene ad r. Esercizio 14 Verificare che le rette (x,y,z) = (1 + 2t,1 t,3t) e x + y + z = 2,3y + z = 0 sono parallele e trovare: 1) il piano che le contiene entrambe; 2) la distanza tra le due rette. Esercizio 15 Date le equazioni hx + y + z = 0, y + 2z = 1, hx + 2y + (h + 1)z = k, stabilire se le seguenti affermazioni sono vere o false: (i) se h = 2 e k = 1, esse rappresentano tre piani che non hanno punti in comune; (ii) se h = 0 e k = 3, esse rappresentano tre piani con un solo punto in comune; (iii) se h = 2 e k = 1, esse rappresentano tre piani che passano per una stessa retta.

3 VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA - Rette e piani nello spazio 3 SVOLGIMENTI Esercizio 1 Indichiamo con P = (x,y,z) il generico punto dello spazio. 1) P r 1 se e solo se x = t y = t con t R, z = 2 t quindi r 1 è la retta per (0,0,2) parallela a (1,1, 1). 2) P r 2 se e solo se x = t y = 0 con t R, z = t 2 cioè { y = 0 z = x 2 per cui r 2 è una parabola nel piano y = 0. con x R qualsiasi, 3) P r 3 se e solo se x = t 3 y = 2t 3 z = 0 cioè { y = 2x z = 0 con t R, con x R qualsiasi, per cui r 3 è la retta intersezione dei piani y = 2x,z = 0. Esercizio 2 1) Un vettore ortogonale ad un piano è dato dei coefficienti con cui le coordinate x,y,z appaiono nella sua equazione, quindi il piano 7x + y + z = 5 è ortogonale al vettore n = (7,1,1). I versori normali al piano sono allora ± vers (n) = ± 1 51 (7,1,1). 2) Il piano che contiene i punti P 1 = (1,2, 2),P 2 = (1,0,3),P 3 = ( 4,4,4) è parallelo ai vettori P 1 P 2 = (0, 2,5) e P 1 P 3 = ( 5,2,6) e quindi un vettore ortogonale a tale piano è P 1 P 2 P i j k 1 P 2 = = (22,25,10). ( I versori normali al piano sono allora ± vers P 1 P 2 P ) 1 P 2 = ± (22,25,10).

4 VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA - Rette e piani nello spazio 4 3) Le due rette sono parallele rispettivamente ai vettori u 1 = (0,1,2) e u 2 = (1,1, 1) e quindi un vettore ortogonale ad entrambe è u 1 u 2 = ( 3,2, 1). I versori normali alle due rette sono allora ± vers (u 1 u 2 ) = ± 1 14 ( 3,2, 1). Esercizio 3 Siccome π è ortogonale ad n = (1,2, 4), possiamo subito prendere w = vers (n) = 1 21 (1,2, 4). Scrivendo poi x = 7 2t + 4s π : y = t, z = s si vede subito che π è parallelo a t = ( 2,1,0) ed s = (4,0,1), quindi, scegliendo ad esempio u = vers (t) = 1 5 ( 2,1,0), possiamo calcolare i j k v = t n = = ( 4, 8, 5) e prendere v = vers (t n) = ( 4, 8, 5), che risulta parallelo a π in quanto ortogonale ad n. Esercizio 4 Indichiamo r : { x y + z = 1 2y z = 0 x = 1 t ed s : y = 2t 1 z = 1 + 3t. 1) L intersezione delle due rette, se esiste, si ha per t soddisfacente il sistema { (1 t) (2t 1) + ( 1 + 3t) = 1, 2(2t 1) ( 1 + 3t) = 0 che è verificato se e solo se t = 1 e pertanto fornisce (sostituendo nelle equazioni di s) l unico punto di intersezione P 0 = (0,1,2). Dunque r ed s sono incidenti e pertanto non sono sghembe (né parallele). 2) Come verificato al punto precedente, r ed s sono incidenti; controlliamo allora l eventuale ortogonalità. La retta s è parallela ad t = ( 1,2,3) e quindi essa è ortogonale ad r se e solo se t è parallelo ad entrambi i piani che determinano r, cioè se e solo se t (1, 1,1) = t (0,2, 1) = 0. Siccome ( 1,2,3) (1, 1,1) = = 0 ma ( 1,2,3) (0,2, 1) = 4 3 0, r ed s risultano incidenti non ortogonali. 3) Come verificato ai punti precedenti, r ed s non sono né ortogonali né non incidenti. 4) Dalle sue equazioni, si vede subito che r appartiene al piano z = 2y. Per quanto riguarda s, invece, si ha z 2y = 2t 1 2(2t 1) 0 e quindi s non appartiene al piano z = 2y.

5 VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA - Rette e piani nello spazio 5 Esercizio 5 1) Il piano per i punti P 1,P 2,P 3 può essere ad esempio descritto come il piano parallelo a P 1 P 2 = (0,1, 2) e P 1 P 3 = ( 1,0, 3) passante per P 1, la cui equazione è x 1 y 2 z = 0, cioè 3x 2y z + 2 = 0. Un vettore normale a tale piano è n = (3, 2, 1). 2) Poiché P 1 / r (le coordinate di P 1 non soddisfano le equazioni di r), il piano contenente P 1 ed r è univocamente determinato ed è il piano passante per P 1 e per due punti distinti qualsiasi di r, ad esempio (1, 3, 0) (per t = 0) e (3, 4, 0) (per t = 1). Ragionando come al punto precedente, si ottiene allora l equazione x 1 y 2 z = 0, cioè x 2y 2z + 5 = 0. Un vettore normale a tale piano è n = (1, 2, 2). Esercizio 6 Si tratta di applicare la formula data nel testo: la distanza del punto P 0 = (x 0,y 0,z 0 ) dal piano π : (a,b,c) (x,y,z) + d = 0 è d(p 0,π) = (a,b,c) (x,y,z) + d (a,b,c) = ax 0 + by 0 + cz 0 + d a 2 + b 2 + c 2. 1) Si ha P 0 = (0,0,0) e π : (1,1,1) (x,y,z) + 6 = 0, da cui d(p 0,π) = (1,1,1) (0,0,0) + 6 (1,1,1) = 6 3 = ) Si ha P 0 = (1,2,3) e π : (1,0,0) (x,y,z) 4 = 0, da cui d(p 0,π) = (1,0,0) (1,2,3) 4 (1,0,0) = 1 4 = 3. 3) Si ha P 0 = (1,2,3) e π : (1,1,1) (x,y,z) = 0, da cui d(p 0,π) = (1,1,1) (1,2,3) (1,1,1) = 6 3 = 2 3. Esercizio 7 L intersezione delle due rette, se esiste, si ottiene risolvendo il sistema tra tutte le loro equazioni, cioè x 2y = 1 x z = 1, x + y = 1 y z = 0

6 VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA - Rette e piani nello spazio 6 che fornisce un unico punto di intersezione P 0 = (1,0,0). Dunque le due rette sono incidenti e quindi complanari. Il piano che le contiene entrambe può essere descritto come il piano passante per P 0 e parallelo a due vettori direttori qualsiasi delle due rette (che saranno linearmente indipendenti perché le rette non sono parallele), ad esempio u 1 = (1, 2,0) (1,0, 1) = (2,1,2) ed u 2 = (1,1,0) (0,1, 1) = ( 1,1,1) (ottenuti come prodotto esterno di vettori normali ai due piani che determinano ciascuna retta). Il piano cercato ha dunque equazione x 1 y z = 0, cioè x + 4y 3z = 1. Esercizio 8 L intersezione tra due piani è una retta se e solo se i due piani non sono paralleli, cioè non lo sono le direzioni normali ai due piani. 1) π 1,π 2,π 3 sono rispettivamente normali ai vettori n 1 = ( 2,1,1), n 2 = (1, 2,1), n 3 = (1,1, 2), i quali sono evidentemente a due a due non paralleli, per cui tutte le intersezioni π 1 π 2,π 2 π 3,π 1 π 3 sono rette. L intersezione π 1 π 2 π 3, se esiste, si ottiene risolvendo il sistema tra tutte le equazioni dei piani, cioè 2x + y + z = 0 x 2y + z = 1. x + y 2z = 1 Riducendo la matrice completa per righe, si ottiene ad esempio (tramite R 2 R 2 + 2R 1, R 3 R 3 R 1 ; R 3 R 3 + R 2 ) , per cui il sistema equivale a { 2x + y + z = 0 3x + 3z = 1 Ciò significa che π 1 π 2 π 3 è la retta 2x + y + z = 0, 3x + 3z = 1. 2) Si procede esattamente come al punto 1): π 1 π 2,π 2 π 3,π 1 π 3 sono rette e l intersezione π 1 π 2 π 3 consiste dell unico punto ( 1 6, 7 6, 2 3). 3) Si procede esattamente come al punto 1): π 1 π 2,π 2 π 3,π 1 π 3 sono rette e l intersezione π 1 π 2 π 3 risulta vuota (il sistema delle loro equazioni è impossibile). Esercizio 9 1) La condizione richiesta è verificata se e solo se (1, 1,1) è un punto di r (nel qual caso basta prendere come a,b,c le componenti di un qualsiasi vettore parallelo ad r), cioè se e solo se il punto (1, 1,1) sta su entrambi i piani π 1 e π 2, cioè soddisfa il sistema { x + y + z = 1 x + 2y z = 0. (1) Sostituendo, si vede che (1, 1,1) non è soluzione e quindi gli a,b,c richiesti non esistono.

7 VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA - Rette e piani nello spazio 7 2) La condizione richiesta è verificata se e solo se ( 3,2,1) è un vettore parallelo ad r (nel qual caso basta prendere come k,l,m le coordinate di un qualsiasi punto di r), cioè se e solo se il vettore ( 3, 2, 1) è parallelo a (1, 1, 1) (1, 2, 1) = ( 3, 2, 1) (prodotto esterno di due vettori normali ai piani che individuano r). Ciò è ovviamente vero, quindi la condizione richiesta è verificata. Ponendo ad esempio y = 0 nel sistema (1), si trova che il punto ( 1 2,0, 1 2) sta su entrambi i piani, cioè sta su r, e si può quindi prendere k = 1 2,l = 0,m = 1 2. Esercizio 10 La retta π 1 π 2 è parallela al vettore u = (a,1, 2) (0,b,1) = (1 + 2b, a,ab) (prodotto esterno di due vettori normali a π 1 e π 2 rispettivamente) ed è quindi parallela al piano π 3 se e solo se u è ortogonale alla direzione normale a π 3, la quale è individuata ad esempio dal vettore n = (2,1,2). Dunque la condizione di parallelismo tra π 1 π 2 e π 3 è la proporzionalità tra le componenti di u ed n, ossia Ciò equivale a 1 + 2b 2 = a = ab, cioè 1 + 2b = 2a = ab. 2 { 2a = 1 2b ab + 2a = 0, { 2a = 1 2b a(b + 2) = 0, { 2a = 1 2b (1 + 2b) (b + 2) = 0, che significa b = 2 ed a = 3 2, oppure b = 1 2 (a,b) = ( 3 2, 2) oppure (a,b) = ( 0, 2) 1. ed a = 0. Il problema è dunque è risolto per Esercizio 11 Si vede facilmente che r e π si incontrano solo nell origine, per cui ogni retta di π che incontri r deve necessariamente intersecarla nell origine, ossia avere la forma (x, y, z) = (at,bt,ct), t R, con a,b,c non tutti nulli. Assumendo ad esempio z come parametro nelle equazioni dei piani che la determinano, la retta r ammette rappresentazione parametrica (x,y,z) = ( t, 1 2 t,t) e pertanto è parallela al vettore (2, 1, 2). Allora la retta s : (x, y, z) = (at, bt, ct) sta su π ed è ortogonale ad r se e solo se { at = bt + ct per ogni t R (cioè s π) (a,b,c) (2,1,2) = 0 (cioè s r). Ciò equivale a { a = b + c 2a + b + 2c = 0, { a = b + c 3b + 4c = 0, { a = c/3 b = 4c/3 e dunque la condizione cercata è (a,b,c) = ( 1 3, 4 3,1) c con c 0 qualsiasi, ossia s è la retta (x,y,z) = (t,4t, 3t), t R. Esercizio 12 1) Si ha r u = (2,1, 1) ( 1,3,1) = 0.

8 VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA - Rette e piani nello spazio 8 2) Se (x,y,z) appartiene ad r, allora si ha x r = (1 + 2t,t,1 t) (2,1, 1) = i j k 1 + 2t t 1 t = ( 1,3,1) = u. 3) Poiché i j k x r = (x,y,z) (2,1, 1) = x y z = ( y z,x + 2z,x 2y), la condizione x r = u significa ( y z,x + 2z,x 2y) = ( 1,3,1), ossia y z = 1 x + 2z = 3. x 2y = 1 Si tratta allora di verificare che tale sistema (intersezione di tre piani) individua la retta r. Ciò può essere fatto in più modi, ad esempio verificando che tutti i punti (1 + 2t,t,1 t) di r soddisfano il sistema: risulta infatti t (1 t) = t + 2(1 t) = t 2t = 1 per ogni t R. Esercizio 13 Due rette sono sghembe se e solo se non si incontrano e non sono parallele. In tal caso la loro distanza coincide con la distanza di un punto qualsiasi di una delle due rette dal piano parallelo ad entrambe che contiene l altra. 1) Le due rette x = 2 + t r 1 : y = 1 t z = 4 + 3t x = 3 + s ed r 2 : y = 2 + s z = 1 + s (si è cambiato nome al parametro di una delle due per distinguerlo da quello dall altra) sono parallele a (1, 1,3) e (1,1,1) rispettivamente, quindi non sono parallele tra loro. Esse si intersecano se e solo se esistono valori dei parametri t,s tali che 2 + t = 3 + s t s = 1 1 t = 2 + s, cioè t + s = t = 1 + s 3t s = 3 Si vede facilmente che questo sistema è impossibile e dunque r 1 ed r 2 sono sghembe. Cerchiamo il piano parallelo ad entrambe e contenente una di esse, ad esempio r 1. Si

9 VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA - Rette e piani nello spazio 9 tratta del piano parallelo ai vettori direttori (1, 1,3) e (1,1,1) e passante per il punto (2, 1,4) di r 1, il quale ha equazione x 2 y + 1 z = 0, cioè 2x y z = La distanza di tale piano da un punto qualsiasi di r 2, ad esempio (3,2,1), coincide con la distanza di r 1 ed r 2, perciò si ha d(r 1,r 2 ) = (2, 1, 1) (3,2,1) 1 (2, 1, 1) = ) Si procede come al punto 1). Le due rette sono parallele a (1, 1,1) (0,1,3) = ( 4, 3,1) e (1,1,0) (0,1,3) = (3, 3,1) ed il sistema x y + z = 0 y + 3z = 0 x + y = 1 y + 3z = 2 è ovviamente impossibile (v. seconda e quarta equazione), perciò le due rette sono sghembe. Il piano parallelo ad entrambe e contenente la prima è chiaramente y +3z = 0 (la seconda sta sul piano y + 3z = 3, parallelo a questo) ed un punto della seconda retta è ad esempio ( 1,2,0); dunque la distanza tra le due rette è data da d = (0,1,3) ( 1,2,0) (0,1,3) = ) Si procede come al punto 1). Le due rette sono parallele a (1, 1,1) (0,1,3) = ( 4, 3,1) e (1,1,1) ed il sistema { 3 + t (2 + t) t = t + 3(1 + t) = 0 risulta impossibile, perciò le due rette sono sghembe. Il piano parallelo ad entrambe e contenente la seconda è x 3 y 2 z = 0, cioè 4x 5y + z = 3, ed un punto della prima retta è ad esempio (0,0,0); dunque la distanza tra le due rette è data da 3 42 d = (4, 5,1) = 14. Esercizio 14 Due rette sono parallele (eventualmente coincidenti) se e solo se hanno vettori direttori paralleli. Le due rette date hanno rispettivamente vettori direttori u = (2, 1, 3) e ( 1,1,1) (0,3,1) = ( 2,1, 3) = u, per cui sono parallele.

10 VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA - Rette e piani nello spazio 10 1) Due rette parallele non coincidenti individuano un unico piano che le contiene entrambe, il quale può essere caratterizzato come il piano passante per un punto qualsiasi di una delle due rette e parallelo alla direzione delle rette ed al vettore che unisce un punto di una ad un punto dell altra. Le rette date non sono coincidenti, perché la prima passa per il punto P 1 = (1,1,0) mentre la seconda no. Un punto della seconda retta è ad esempio P 2 = ( 2,0,0), quindi il piano cercato passa per P 2 ed è parallelo ad u e P 1 P 2 = ( 3, 1,0), ossia ha equazione x + 2 y z = 0, cioè 3x 9y 5z = ) La distanza di due rette parallele non coincidenti è data dalla distanza di un punto qualsiasi di una delle due rette dall altra. Calcoliamo ad esempio la distanza di P 2 da r 1 : (x,y,z) = (1 + 2t,1 t,3t): essa coincide con la distanza di P 2 dalla propria proiezione P 2 su r 1, la quale è data dall intersezione tra r 1 ed il piano ortogonale ad r 1 passante per P 2. Tale piano ha equazione (P P 2 ) u = 0, cioè 2x y + 3z = 4 ed interseca r 1 nel punto P 2 = ( 2 7, 19 14, 14) 15, come si ottiene risolvendo l equazione 2(1 + 2t) (1 t) + 3(3t) = 4 e sostituendo poi il parametro t = 5 14 nelle equazioni di r 1. Dunque la distanza delle due rette date è (2 d = d ( ) 2 ( ) 19 2 ( P 2,P 2) = ) = Esercizio 15 L intersezione dei tre piani corrisponde alle soluzioni del sistema lineare hx + y + z = 0 y + 2z = 1 hx + 2y + (h + 1) z = k che può essere studiato riducendo per righe la sua matrice completa: tramite le trasformazioni successive R 3 R 3 R 1 ed R 3 R 3 + R 2, si ottiene h h h h 2 h + 1 k 0 1 h k 0 0 h + 2 k + 1 Consideriamo allora le affermazioni proposte. (i) VERA; infatti, per h = 2 e k = 1, si ottiene la matrice e quindi il sistema risulta incompatibile, provando che i tre piani non hanno intersezioni.

11 VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA - Rette e piani nello spazio 11 (ii) FALSA; infatti, proseguendo la riduzione per h = 0 e k = 3, si ottiene /3 e pertanto anche in questo caso il sistema risulta incompatibile. (iii) VERA; infatti, per h = 2 e k = 1, si ottiene la matrice e quindi il sistema ammette una retta di soluzioni, intersezione dei tre piani.

Corso di Geometria BIAR, BSIR Esercizi 10: soluzioni

Corso di Geometria BIAR, BSIR Esercizi 10: soluzioni Corso di Geometria 2010-11 BIAR, BSIR Esercizi 10: soluzioni 1 Geometria dello spazio Esercizio 1. Dato il punto P 0 = ( 1, 0, 1) e il piano π : x + y + z 2 = 0, determinare: a) Le equazioni parametriche

Dettagli

Rette e piani nello spazio Federico Lastaria, Analisi e Geometria 1. Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1

Rette e piani nello spazio Federico Lastaria, Analisi e Geometria 1. Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1 ette e piani nello spazio Federico Lastaria, Analisi e Geometria 1 Politecnico di Milano Corso di Analisi e Geometria 1 Federico Lastaria federico.lastaria@polimi.it ette e piani nello spazio. 9 Gennaio

Dettagli

RETTE E PIANI. ove h R. Determinare i valori di h per cui (1) r h e α sono incidenti ed, in tal caso, determinare l angolo ϑ h da essi formato;

RETTE E PIANI. ove h R. Determinare i valori di h per cui (1) r h e α sono incidenti ed, in tal caso, determinare l angolo ϑ h da essi formato; RETTE E PIANI Esercizi Esercizio 1. Nello spazio con riferimento cartesiano ortogonale Oxyz si considerino la retta r h ed il piano α rispettivamente di equazioni x = 1 + t r h : y = 1 t α : x + y + z

Dettagli

GEOMETRIA PIANA. 1) sia verificata l uguaglianza di segmenti AC = CB (ossia C è punto medio del segmento AB);

GEOMETRIA PIANA. 1) sia verificata l uguaglianza di segmenti AC = CB (ossia C è punto medio del segmento AB); VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA 1 GEOMETRIA PIANA Segmenti e distanza tra punti. Rette in forma cartesiana e parametrica. Posizioni reciproche di due rette, parallelismo e perpendicolarità. Angoli e distanze.

Dettagli

Capitolo 1 Vettori applicati e geometria dello spazio

Capitolo 1 Vettori applicati e geometria dello spazio Capitolo 1 Vettori applicati e geometria dello spazio Marco Robutti Facoltà di ingegneria Università degli studi di Pavia Tutorato di geometria e algebra lineare Anno accademico 2014-2015 Definizione (Vettore

Dettagli

Geometria BATR-BCVR Esercizi 9

Geometria BATR-BCVR Esercizi 9 Geometria BATR-BCVR 2015-16 Esercizi 9 Esercizio 1. Per ognuna delle matrici A i si trovi una matrice ortogonale M i tale che Mi ta im sia diagonale. ( ) 1 1 2 3 2 A 1 = A 2 1 2 = 1 1 0 2 0 1 Esercizio

Dettagli

VETTORI NELLO SPAZIO ORDINARIO ,

VETTORI NELLO SPAZIO ORDINARIO , VETTORI E GEOMETRIA ANALITICA 1 VETTORI NELLO SPAZIO ORDINARIO Vettori ordinari ed operazioni. Dipendenza ed indipendenza lineare, basi. Prodotto scalare, proiezioni, angoli. Prodotto vettoriale e prodotto

Dettagli

Ingegneria Gestionale - Corso di Algebra lineare e Analisi II anno accademico 2009/2010 ESERCITAZIONE 4.4

Ingegneria Gestionale - Corso di Algebra lineare e Analisi II anno accademico 2009/2010 ESERCITAZIONE 4.4 Ingegneria Gestionale - Corso di Algebra lineare e Analisi II anno accademico 9/ ESERCITAZIONE. (Cognome) (Nome) (Numero di matricola) Proposizione Vera Falsa Per due punti distinti di R passa un unica

Dettagli

= (cioè le due terne di numeri direttori ( devono essere ) proporzionali). Tale uguaglianza non è verificata, poiché risulta ρ

= (cioè le due terne di numeri direttori ( devono essere ) proporzionali). Tale uguaglianza non è verificata, poiché risulta ρ Alcuni esercizi sullo spazio euclideo R Nel seguito R indicherà lo spazio euclideo tridimensionale standard, dotato del riferimento cartesiano naturale (pag 56-57 del libro Nota: gli esercizi proposti

Dettagli

GEOMETRIA LINEARE E CONICHE - GIUGNO 2002. 1. Nello spazio ordinario, assegnato un riferimento ortonormale si considerino le rette: x = z 2 y = z

GEOMETRIA LINEARE E CONICHE - GIUGNO 2002. 1. Nello spazio ordinario, assegnato un riferimento ortonormale si considerino le rette: x = z 2 y = z GEOMETRIA LINEARE E CONICHE - GIUGNO 2002 1. Nello spazio ordinario, assegnato un riferimento ortonormale si considerino le rette: r : x = z y = 0 x = z 2, s : y = z. Dopo aver provato che r ed s sono

Dettagli

1 Rette e piani nello spazio

1 Rette e piani nello spazio 1 Rette e piani nello spazio Esercizio 1.1 È assegnato un riferimento cartesiano 0xyz. Sono assegnati la retta x = t, r : y = t, z = t, il piano π : x + y + z = 0 ed il punto P = (1, 1, 1). Scrivere le

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI SU: GEOMETRIA TRIDIMENSIONALE. 2. Fissato un sistema di riferimento cartesiano dello spazio euclideo O, i, j, k,

ESERCIZI SVOLTI SU: GEOMETRIA TRIDIMENSIONALE. 2. Fissato un sistema di riferimento cartesiano dello spazio euclideo O, i, j, k, ESERCIZI SVOLTI SU: GEOMETRIA TRIDIMENSIONALE 1. Fissato un sistema di riferimento cartesiano dello spazio euclideo O, i, j, k, determinare un equazione omogenea del piano parallelo al vettore v = i+j,

Dettagli

PIANI E RETTE NELLO SPAZIO / ESERCIZI SVOLTI

PIANI E RETTE NELLO SPAZIO / ESERCIZI SVOLTI M.GUIDA, S.ROLANDO, 01 1 PIANI E RETTE NELLO SPAZIO / ESERCIZI SVOLTI L asterisco contrassegna gli esercizi meno basilari (perché più difficili o di approfondimento). Sarà sempre sottinteso che nello spazio

Dettagli

Politecnico di Torino Facoltà di Architettura. Raccolta di esercizi proposti nelle prove scritte

Politecnico di Torino Facoltà di Architettura. Raccolta di esercizi proposti nelle prove scritte Politecnico di Torino Facoltà di Architettura Raccolta di esercizi proposti nelle prove scritte relativi a: algebra lineare, vettori e geometria analitica Esercizio. Determinare, al variare del parametro

Dettagli

(x B x A, y B y A ) = (4, 2) ha modulo

(x B x A, y B y A ) = (4, 2) ha modulo GEOMETRIA PIANA 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(0, 4), e B(4, ) trovarne la distanza e trovare poi i punti C allineati con A e con B che verificano: (1) AC = CB (punto medio del segmento AB); ()

Dettagli

1 Geometria analitica nel piano

1 Geometria analitica nel piano Lezioni di Geometria a.a. 2007-2008 cdl SIE prof. C. Franchetti 1 Geometria analitica nel piano 1.1 Distanza di due punti Siano P 1 = (x 1, y 1 ), P 2 = (x 2, y 2 ) due punti del piano, se d(p 1, P 2 )

Dettagli

Geometria analitica del piano pag 12 Adolfo Scimone

Geometria analitica del piano pag 12 Adolfo Scimone Geometria analitica del piano pag 12 Adolfo Scimone Fasci di rette Siano r e r' due rette distinte di equazioni r: ax + by + c r': a' x + b' y + c' Consideriamo la retta combinazione lineare delle due

Dettagli

I FACOLTÀ DI INGEGNERIA - POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica (corso A) A.A. 2009-2010, Esercizi di Geometria analitica

I FACOLTÀ DI INGEGNERIA - POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica (corso A) A.A. 2009-2010, Esercizi di Geometria analitica I FACOLTÀ DI INGEGNERIA - POLITECNICO DI BARI Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica (corso A) A.A. 2009-2010, Esercizi di Geometria analitica Negli esercizi che seguono si suppone fissato nello spazio

Dettagli

Esercizi svolti. Geometria analitica: rette e piani

Esercizi svolti. Geometria analitica: rette e piani Esercizi svolti. Sistemi di riferimento e vettori. Dati i vettori v = i + j k, u =i + j + k determinare:. il vettore v + u ;. gli angoli formati da v e u;. i vettore paralleli alle bisettrici di tali angoli;

Dettagli

CAPITOLO 2. Rette e piani. y = 3x+1 y x+z = 0

CAPITOLO 2. Rette e piani. y = 3x+1 y x+z = 0 CAPITOLO Rette e piani Esercizio.1. Determinare l equazione parametrica e Cartesiana della retta del piano (a) Passante per i punti A(1,) e B( 1,). (b) Passante per il punto C(,) e parallela al vettore

Dettagli

ax 1 + bx 2 + c = 0, r : 2x 1 3x 2 + 1 = 0.

ax 1 + bx 2 + c = 0, r : 2x 1 3x 2 + 1 = 0. . Rette in R ; circonferenze. In questo paragrafo studiamo le rette e le circonferenze in R. Ci sono due modi per descrivere una retta in R : mediante una equazione cartesiana oppure mediante una equazione

Dettagli

Parte 10. Geometria dello spazio I

Parte 10. Geometria dello spazio I Parte 10. Geometria dello spazio I A. Savo Appunti del Corso di Geometria 2013-14 Indice delle sezioni 1 Lo spazio vettoriale V 3 O, 1 2 Dipendenza e indipendenza lineare in V 3 O, 2 3 Sistema di riferimento

Dettagli

Esercizi sulle superfici - aprile 2009

Esercizi sulle superfici - aprile 2009 Esercizi sulle superfici - aprile 009 Ingegneria meccanica 008/009 Esercizio 1. Scrivere l equazione della superficie ottenuta ruotando la retta s : x = y, y =z attorno alla retta r : x = y, x =3z. Soluzione:

Dettagli

Esercizi su esponenziali, coni, cilindri, superfici di rotazione

Esercizi su esponenziali, coni, cilindri, superfici di rotazione Esercizi su esponenziali, coni, cilindri, superfici di rotazione Esercizio 1. Risolvere exp (exp (z)) = i. Esercizio. Risolvere i exp(z)z 4 + i exp(z)(1 + i) z 4 i 1 = 0. Esercizio. Risolvere exp(z) =

Dettagli

Esercitazione di Analisi Matematica II

Esercitazione di Analisi Matematica II Esercitazione di Analisi Matematica II Barbara Balossi 06/04/2017 Esercizi di ripasso Esercizio 1 Sia data l applicazione lineare f : R 3 R 3 definita come f(x, y, z) = ( 2x + y z, x 2y + z, x y). a) Calcolare

Dettagli

Geometria analitica del piano II (M.S. Bernabei & H. Thaler)

Geometria analitica del piano II (M.S. Bernabei & H. Thaler) Geometria analitica del piano II (M.S. Bernabei & H. Thaler) Equazione della retta in forma esplicita Sia data una retta r ax + by + c = 0 con b 0. Svolgendo questa equazione per y otteniamo e ponendo

Dettagli

SISTEMI LINEARI MATRICI E SISTEMI 1

SISTEMI LINEARI MATRICI E SISTEMI 1 MATRICI E SISTEMI SISTEMI LINEARI Sistemi lineari e forma matriciale (definizioni e risoluzione). Teorema di Rouché-Capelli. Sistemi lineari parametrici. Esercizio Risolvere il sistema omogeneo la cui

Dettagli

Trapani. Dispensa di Geometria, x 1 x 2.x n. (x 1 y 1 ) (x n y n ) 2.

Trapani. Dispensa di Geometria, x 1 x 2.x n. (x 1 y 1 ) (x n y n ) 2. 2006 Trapani Dispensa di Geometria, 1 Distanze Siano P e Q punti di R n con P di coordinate allora la distanza tra P e Q e P Q = x 1 x 2 x n (x 1 y 1 ) 2 + (x n y n ) 2 e Q di coordinate Siano Σ 1 e Σ

Dettagli

Esercizi per il corso di Algebra e Geometria L.

Esercizi per il corso di Algebra e Geometria L. Esercizi per il corso di Algebra e Geometria L AA 2006/2007 1 Foglio 1 In tutti gli esercizi che seguiranno lo spazio ambiente sarà il piano cartesiano a valori nel campo dei numeri reali, dove supporremo

Dettagli

Liceo Scientifico Cassini Esercizi di matematica, classe 5F, foglio3, soluzioni. normale parallelo a quello direzionale della retta sarà quindi

Liceo Scientifico Cassini Esercizi di matematica, classe 5F, foglio3, soluzioni. normale parallelo a quello direzionale della retta sarà quindi Liceo Scientifico Cassini Esercizi di matematica, classe 5F, foglio3, soluzioni Problema1 x = y Dato il punto P(0,1,2), la retta r: y = z 2 ed il piano α: x 3y + z = 0 a) Trova il piano passante per P

Dettagli

Prodotto scalare e ortogonalità

Prodotto scalare e ortogonalità Prodotto scalare e ortogonalità 12 Novembre 1 Il prodotto scalare 1.1 Definizione Possiamo estendere la definizione di prodotto scalare, già data per i vettori del piano, ai vettori dello spazio. Siano

Dettagli

Analisi Matematica 1 e Matematica 1 Geometria Analitica: Rette

Analisi Matematica 1 e Matematica 1 Geometria Analitica: Rette Analisi Matematica 1 e Matematica 1 Geometria Analitica: Rette Annalisa Amadori e Benedetta Pellacci amadori@uniparthenope.it pellacci@uniparthenope.it Università di Napoli Parthenope Contenuti Nel Piano

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI LA SAPIENZA DI ROMA POLO DI RIETI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL AMBIENTE E DEL TERRITORIO

UNIVERSITA DEGLI STUDI LA SAPIENZA DI ROMA POLO DI RIETI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL AMBIENTE E DEL TERRITORIO UNIVERSITA DEGLI STUDI LA SAPIENZA DI ROMA POLO DI RIETI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL AMBIENTE E DEL TERRITORIO Geometria III esonero pariale A.A. 6 Cognome Nome Matricola Codice

Dettagli

Condizione di allineamento di tre punti

Condizione di allineamento di tre punti LA RETTA L equazione lineare in x e y L equazione: 0 con,,, e non contemporaneamente nulli, si dice equazione lineare nelle due variabili e. Ogni coppia ; tale che: 0 si dice soluzione dell equazione.

Dettagli

Ingegneria Meccanica; Algebra lineare e Geometria 2008/2009

Ingegneria Meccanica; Algebra lineare e Geometria 2008/2009 Capitolo Ingegneria Meccanica; Algebra lineare e Geometria 8/9. Esercii svolti su rette e piani Eserciio. Stabilire se le due rette r e s sono coincidenti oppure no: ( ( ( ( ( ( 7 r : = + t ; s : = + t

Dettagli

LEZIONE 10. S(C,ρ) Figura 10.1

LEZIONE 10. S(C,ρ) Figura 10.1 LEZIONE 10 10.1. Sfere nello spazio. In questa lezione studieremo alcuni oggetti geometrici non lineari, circonferenze e sfere nello spazio A 3. Poiché le proprietà delle circonferenze nel piano sono del

Dettagli

Piano cartesiano e Retta

Piano cartesiano e Retta Piano cartesiano e Retta 1 Piano cartesiano e Retta 1. Richiami sul piano cartesiano 2. Richiami sulla distanza tra due punti 3. Richiami punto medio di un segmento 4. La Retta (funzione lineare) 5. L

Dettagli

PIANO CARTESIANO e RETTE classi 2 A/D 2009/2010

PIANO CARTESIANO e RETTE classi 2 A/D 2009/2010 PIANO CARTESIANO e RETTE classi 2 A/D 2009/2010 1) PIANO CARTESIANO serve per indicare, identificare, chiamare... ogni PUNTO del piano (ente geometrico) con una coppia di valori numerici (detti COORDINATE).

Dettagli

Corso di Geometria Ing. Informatica e Automatica Test 1: soluzioni

Corso di Geometria Ing. Informatica e Automatica Test 1: soluzioni Corso di Geometria Ing. Informatica e Automatica Test : soluzioni k Esercizio Data la matrice A = k dipendente dal parametro k, si consideri il k sistema lineare omogeneo AX =, con X = x x. Determinare

Dettagli

La retta nel piano cartesiano

La retta nel piano cartesiano La retta nel piano cartesiano Se proviamo a disporre, sul piano cartesiano, una retta vediamo che le sue possibili posizioni sono sei: a) Coincidente con l asse delle y; b) Coincidente con l asse delle

Dettagli

FONDAMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

FONDAMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Cognome Nome Matricola FONDAMENTI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Ciarellotto, Esposito, Garuti Prova del 21 settembre 2013 Dire se è vero o falso (giustificare le risposte. Bisogna necessariamente rispondere

Dettagli

Dipartimento di Matematica Corso di laurea in Matematica Compiti di Geometria II assegnati da dicembre 2000 a dicembre 2003

Dipartimento di Matematica Corso di laurea in Matematica Compiti di Geometria II assegnati da dicembre 2000 a dicembre 2003 Dipartimento di Matematica Corso di laurea in Matematica Compiti di Geometria assegnati da dicembre 2000 a dicembre 2003 11/12/2000 n R 4 sono assegnati i punti A(3, 0, 1, 0), B(0, 0, 1, 0), C(2, 1, 0,

Dettagli

Geometria Analitica Domande e Risposte

Geometria Analitica Domande e Risposte Geometria Analitica Domande e Risposte A. Il Piano Cartesiano. Qual è la formula della distanza tra due punti nel piano cartesiano? Per calcolare la formula della distanza tra due punti nel piano cartesiano

Dettagli

Mutue posizioni della parabola con gli assi cartesiani

Mutue posizioni della parabola con gli assi cartesiani Mutue posizioni della parabola con gli assi cartesiani L equazione di una parabola generica è data da: Consideriamo l equazione che definisce i punti di intersezione della parabola con l asse delle ascisse

Dettagli

Esercizi di Geometria e Algebra Lineare C.d.L. Ingegneria Meccanica

Esercizi di Geometria e Algebra Lineare C.d.L. Ingegneria Meccanica Esercizi di Geometria e Algebra Lineare C.d.L. Ingegneria Meccanica 1) Dati i vettori a = (2, 4), b = (1, 2), c = ( 1, 1), d = (3, 6), stabilire se c e d appartengono a Span(a, b}). 2) Nello spazio vettoriale

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA 5 LA RETTA

UNITÀ DIDATTICA 5 LA RETTA UNITÀ DIDATTICA 5 LA RETTA 5.1 - La retta Equazione generica della retta Dalle considerazioni emerse nel precedente capitolo abbiamo compreso come una funzione possa essere rappresentata da un insieme

Dettagli

GEOMETRIA /2009 II

GEOMETRIA /2009 II Universita degli Studi di Roma - "Tor Vergata" - Facolta Ingegneria Esercizi GEOMETRIA Edile e Edile-Architettura - a.a. 008/009 II Emisemestre - Settimana - Foglio 0 Docente: Prof. F. Flamini - Tutore:

Dettagli

1 Ampliamento del piano e coordinate omogenee

1 Ampliamento del piano e coordinate omogenee 1 Ampliamento del piano e coordinate omogenee Vogliamo dare una idea, senza molte pretese, dei concetti che stanno alla base di alcuni calcoli svolti nella classificazione delle coniche. Supponiamo di

Dettagli

Algebra lineare Geometria 1 11 luglio 2008

Algebra lineare Geometria 1 11 luglio 2008 Algebra lineare Geometria 1 11 luglio 2008 Esercizio 1. Si considerino la funzione: { R f : 3 R 3 (α, β, γ) ( 2β α γ, (k 1)β + (1 k)γ α, 3β + (k 2)γ ) dove k è un parametro reale, e il sottospazio U =

Dettagli

Coordiante omogenee e proiezioni

Coordiante omogenee e proiezioni CAPITOLO 15 Coordiante omogenee e proiezioni Esercizio 15.1. Utilizzando le coordinate omogenee, determinare l equazione della retta r passante per i punti A(2,) e B( 1,0) e della retta s passante per

Dettagli

Risolvere i seguenti esercizi (le soluzioni sono alla fine di tutti gli esercizi).

Risolvere i seguenti esercizi (le soluzioni sono alla fine di tutti gli esercizi). La geometria analitica nello spazio: punti, vettori, rette e piani esercizi 1 prof D Benetti Risolvere i seguenti esercizi (le soluzioni sono alla fine di tutti gli esercizi) Esercizio 1 Determina due

Dettagli

Geometria Analitica nello Spazio

Geometria Analitica nello Spazio Capitolo 11 Geometria Analitica nello Spazio In questo capitolo viene trattata la rappresentazione di piani, rette, sfere e circonferenze nello spazio mediante equazioni cartesiane e parametriche. Sono

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare Superfici rigate

Esercizi di Algebra Lineare Superfici rigate Esercizi di Algebra Lineare Superfici rigate Anna M. Bigatti 29 ottobre 2012 Definizione 1. Una superficie rigata è una superficie tale che per ogni suo punto passa una retta interamente contenuta nella

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA.

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA. CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA. FOGLIO DI ESERCIZI 4 GEOMETRIA E ALGEBRA LINEARE 2010/11 Esercizio 4.1 (2.2). Determinare l equazione parametrica e Cartesiana della retta dello spazio (a) Passante per i

Dettagli

10 dicembre Soluzione esame di geometria - Ingegneria gestionale - a.a COGNOME... NOME... N. MATRICOLA...

10 dicembre Soluzione esame di geometria - Ingegneria gestionale - a.a COGNOME... NOME... N. MATRICOLA... 10 dicembre 003 - Soluzione esame di geometria - Ingegneria gestionale - a.a. 003-004 COGNOME.......................... NOME.......................... N. MATRICOLA............. La prova dura 3 ore. ISTRUZIONI

Dettagli

Francesco Zumbo

Francesco Zumbo La retta - Teorema di Talete - Equazione della retta: passante per due punti, implicita, esplicita - Parallele e Perpendicolari - Fascio Propio e improprio - Intersezione tra rette Francesco Zumbo www.francescozumbo.it

Dettagli

Appunti di Algebra Lineare. Distanze

Appunti di Algebra Lineare. Distanze Appunti di Algebra Lineare Distanze 1 Indice 1 Distanze nel piano 1.1 Distanza punto-punto................................... 1. Distanza punto-retta.................................... 3 1.3 Distanza

Dettagli

Parte 11. Geometria dello spazio II

Parte 11. Geometria dello spazio II Parte 11. Geometria dello spazio II A. Savo Appunti del Corso di Geometria 2010-11 Indice delle sezioni 1 Il prodotto scalare, 1 2 Distanze, angoli, aree, 4 3 Il prodotto vettoriale, 6 4 Condizioni di

Dettagli

Appunti: il piano cartesiano. Distanza tra due punti

Appunti: il piano cartesiano. Distanza tra due punti ppunti: il piano cartesiano Distanza tra due punti Come determinare la distanza tra i punti ( ; ) e ( ; ): Se i due punti e hanno la stessa ascissa = allora (-3;1) (-3; 5) d()= d()= 1 5 4 4 Se i due punti

Dettagli

LEZIONE 9. Figura 9.1.1

LEZIONE 9. Figura 9.1.1 LEZIONE 9 9.1. Equazioni cartesiane di piani. Abbiamo visto come rappresentare parametricamente un piano. Un altro interessante metodo di rappresentazione di un piano nello spazio è tramite la sua equazione

Dettagli

SOTTOSPAZI E OPERAZIONI IN SPAZI DIVERSI DA R n

SOTTOSPAZI E OPERAZIONI IN SPAZI DIVERSI DA R n SPAZI E SOTTOSPAZI 1 SOTTOSPAZI E OPERAZIONI IN SPAZI DIVERSI DA R n Spazi di matrici. Spazi di polinomi. Generatori, dipendenza e indipendenza lineare, basi e dimensione. Intersezione e somma di sottospazi,

Dettagli

1 Nozioni utili sul piano cartesiano

1 Nozioni utili sul piano cartesiano Nozioni utili sul piano cartesiano Nozioni utili sul piano cartesiano Il piano cartesiano è un sistema di riferimento costituito da due rette perpendicolari (una orizzontale detta asse delle ascisse x

Dettagli

Esercizi di Matematica di Base Scienze biologiche e Scienze e Tecnologie dell Ambiente

Esercizi di Matematica di Base Scienze biologiche e Scienze e Tecnologie dell Ambiente Esercizi di Matematica di Base Scienze biologiche e Scienze e Tecnologie dell Ambiente Dati i vettori di R (i) Calcolare il prodotto scalare v w, (ii) Stabilire se v e w sono ortogonali, (ii) Stabilire

Dettagli

Calcolo letterale. 1. Quale delle seguenti affermazioni è vera?

Calcolo letterale. 1. Quale delle seguenti affermazioni è vera? Calcolo letterale 1. Quale delle seguenti affermazioni è vera? (a) m.c.m.(49a b 3 c, 4a 3 bc ) = 98a 3 b 3 c (b) m.c.m.(49a b 3 c, 4a 3 bc ) = 98a 3 b 3 c (XX) (c) m.c.m.(49a b 3 c, 4a 3 bc ) = 49a bc

Dettagli

1. Calcolare gli invarianti ortogonali e riconoscere le seguenti quadriche.

1. Calcolare gli invarianti ortogonali e riconoscere le seguenti quadriche. Algebra Lineare e Geometria Analitica Politecnico di Milano Ingegneria Quadriche Esercizi 1. Calcolare gli invarianti ortogonali e riconoscere le seguenti quadriche. (a) x + y + z + xy xz yz 6x 4y + z

Dettagli

EQUAZIONE DELLA RETTA

EQUAZIONE DELLA RETTA EQUAZIONE DELLA RETTA EQUAZIONE DEGLI ASSI L equazione dell asse x è 0. L equazione dell asse y è 0. EQUAZIONE DELLE RETTE PARALLELE AGLI ASSI L equazione di una retta r parallela all asse x è cioè è uguale

Dettagli

Geometria Analitica nello Spazio

Geometria Analitica nello Spazio Geometria Analitica nello Spazio Andrea Damiani 4 marzo 2015 Equazione della retta - forma parametrica Se sono dati il punto A(x 0, y 0, z 0 ) e il vettore v (v x, v y, v z ), il generico punto P (x, y,

Dettagli

Svolgimento degli esercizi sulla circonferenza

Svolgimento degli esercizi sulla circonferenza Liceo Classico Galilei Pisa - Classe a A - Prof. Francesco Daddi - 1 ottobre 011 Svolgimento degli esercizi sulla circonferenza Esercizio 1. La circonferenza ha centro in C 4 ), 7, 7 ) e raggio + 7 57

Dettagli

Circonferenze del piano

Circonferenze del piano Circonferenze del piano 1 novembre 1 Circonferenze del piano 1.1 Definizione Una circonferenza è il luogo dei punti equidistanti da un punto fisso, detto centro. La distanza di un qualunque punto della

Dettagli

1 Cambiamenti di riferimento nel piano

1 Cambiamenti di riferimento nel piano 1 Cambiamenti di riferimento nel piano Siano date due basi ortonormali ordinate di V : B = ( i, j) e B = ( i, j ) e supponiamo che i = a i + b j j = c i + d j allora per un generico vettore v V abbiamo

Dettagli

Vettori e loro applicazioni

Vettori e loro applicazioni Argomento 11 Vettori e loro applicazioni Parte B - Applicazioni geometriche Utilizzando la nozione di vettore si possono agevolmente rappresentare analiticamente distanze, rette e piani nello spazio Supponiamo

Dettagli

Lezione 5 Geometria Analitica 1

Lezione 5 Geometria Analitica 1 Lezione 5 Geometria Analitica 1 Donato A Ciampa In questa lezione richiameremo alcune nozioni della geometria analitica, quali le trasformazioni del piano in se stesso e le varie equazioni relative alla

Dettagli

LEZIONE 9. k, tenendo conto delle formule che permettono di calcolare il prodotto scalare ed il prodotto vettoriale, otteniamo

LEZIONE 9. k, tenendo conto delle formule che permettono di calcolare il prodotto scalare ed il prodotto vettoriale, otteniamo LEZIONE 9 9.1. Prodotto misto. Siano dati i tre vettori geometrici u, v, w V 3 (O) definiamo prodotto misto di u, v e w il numero u, v w. Fissiamo un sistema di riferimento O ı j k in S 3. Se u = u x ı

Dettagli

Ricordiamo. 1. Tra le equazioni delle seguenti rette individua e disegna quelle parallele all asse delle ascisse:

Ricordiamo. 1. Tra le equazioni delle seguenti rette individua e disegna quelle parallele all asse delle ascisse: La retta Retta e le sue equazioni Equazioni di rette come luogo geometrico y = h h R equazione di una retta parallela all asse delle ascisse x = 0 equazione dell asse delle ordinate y = h h R equazione

Dettagli

GEOMETRIA ANALITICA: LE CONICHE

GEOMETRIA ANALITICA: LE CONICHE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE PRECORSO DI MATEMATICA ANNO ACCADEMICO 2013-2014 ESERCIZI DI GEOMETRIA ANALITICA: LE CONICHE Esercizio 1: Fissato su un piano un sistema di riferimento cartesiano ortogonale

Dettagli

Esercizi di Geometria Affine

Esercizi di Geometria Affine Esercizi di Geometria Affine Sansonetto Nicola dicembre 01 Geometria Affine nel Piano Esercizio 1. Nel piano affine standard A (R) dotato del riferimento canonico, si consideri la retta τ di equazione

Dettagli

Esercizi di ripasso: geometria e algebra lineare.

Esercizi di ripasso: geometria e algebra lineare. Esercizi di ripasso: geometria e algebra lineare. Esercizio. Sia r la retta passante per i punti A(2,, 3) e B(,, 2) in R 3. a. Scrivere l equazione cartesiana del piano Π passante per A e perpendicolare

Dettagli

Un fascio di coniche è determinato da una qualsiasi coppia di sue coniche distinte.

Un fascio di coniche è determinato da una qualsiasi coppia di sue coniche distinte. Piano proiettivo Conica: curva algebrica reale del II ordine. a 11 x 2 1 + 2a 12 x 1 x 2 + a 22 x 2 2 + 2a 13 x 1 x 3 + 2a 23 x 2 x 3 + a 33 x 2 3 = 0 x T A x = 0 Classificazione proiettiva delle coniche:

Dettagli

( ) e B( x 2. ( ) 2 + ( y 2. ( ), B( x 2

( ) e B( x 2. ( ) 2 + ( y 2. ( ), B( x 2 1 Il punto in R 3 La geometria analitica nello spazio: punti, vettori, rette e piani sintesi e integrazione prof D Benetti Un punto P nello spazio è associato a una terna ordinata di numeri reali numero

Dettagli

15 luglio Soluzione esame di geometria - Ing. gestionale - a.a COGNOME... NOME... N. MATRICOLA... ISTRUZIONI

15 luglio Soluzione esame di geometria - Ing. gestionale - a.a COGNOME... NOME... N. MATRICOLA... ISTRUZIONI 15 luglio 01 - Soluzione esame di geometria - Ing. gestionale - a.a. 01-01 COGNOME.......................... NOME.......................... N. MATRICOLA............. La prova dura ore. ISTRUZIONI Ti sono

Dettagli

La circonferenza nel piano cartesiano

La circonferenza nel piano cartesiano La circonferenza nel piano cartesiano 1. Definizione ed equazione. Si chiama circonferenza C, di centro C( α, β ) e raggio r, l insieme di tutti e soli i punti del piano che hanno distanza r da C. L equazione

Dettagli

Lezione 6 Richiami di Geometria Analitica

Lezione 6 Richiami di Geometria Analitica 1 Piano cartesiano Lezione 6 Richiami di Geometria Analitica Consideriamo nel piano due rette perpendicolari che si intersecano in un punto O Consideriamo ciascuna di queste rette come retta orientata

Dettagli

Università degli Studi del Piemonte Orientale Facoltà di Scienze M.F.N. Precorso di Matematica APPUNTI (preparati da Pier Luigi Ferrari)

Università degli Studi del Piemonte Orientale Facoltà di Scienze M.F.N. Precorso di Matematica APPUNTI (preparati da Pier Luigi Ferrari) Università degli Studi del Piemonte Orientale Facoltà di Scienze M.F.N. Precorso di Matematica APPUNTI (preparati da Pier Luigi Ferrari). Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato

Dettagli

Geometria analitica piana

Geometria analitica piana Geometria analitica piana 1. La geometria analitica Il metodo della geometria analitica consiste nell applicare gli strumenti dell algebra allo studio della geometria. Il legame tra enti algebrici ed enti

Dettagli

Problemi sulla circonferenza verso l esame di stato

Problemi sulla circonferenza verso l esame di stato Problemi sulla circonferenza verso l esame di stato * * * n. 0 pag. 06 a) Scrivi l equazione della circonferenza γ 1 di centro P ; ) e passante per il punto A0; 1). b) Scrivi l equazione della circonferenza

Dettagli

CdL in Ingegneria Gestionale e CdL in Ingegneria del Recupero Edilizio ed Ambientale

CdL in Ingegneria Gestionale e CdL in Ingegneria del Recupero Edilizio ed Ambientale CdL in Ingegneria Gestionale e CdL in Ingegneria del Recupero Edilizio ed Ambientale della prova scritta di Algebra Lineare e Geometria- Compito A- 8 Aprile 8 E assegnato l endomorfismo f : R 3 R 3 definito

Dettagli

La retta nel piano. Supponiamo che la retta r sia assegnata attraverso un suo punto P 0 (x 0, y 0 ) e un vettore v (l, m) che ne indichi la direzione.

La retta nel piano. Supponiamo che la retta r sia assegnata attraverso un suo punto P 0 (x 0, y 0 ) e un vettore v (l, m) che ne indichi la direzione. La retta nel piano Equazioni vettoriale e parametriche di una retta Supponiamo che la retta r sia assegnata attraverso un suo punto P 0 (x 0, y 0 ) e un vettore v (l, m) che ne indichi la direzione. Condizione

Dettagli

Applicazioni ed esercitazioni

Applicazioni ed esercitazioni Applicazioni ed esercitazioni Università Mediterranea di Reggio Calabria Facoltà di Architettura Corso di DISEGNO Modulo 1 Prof. Franco Prampolini Unità didattica n. 5 Fondamenti di Geometria Descrittiva

Dettagli

LA CIRCONFERENZA E LA SUA EQUAZIONE

LA CIRCONFERENZA E LA SUA EQUAZIONE LA CIRCONFERENZA E LA SUA EQUAZIONE LA CIRCONFERENZA COME LUOGO GEOMETRICO DEFINIZIONE Assegnato nel piano un punto C, detto centro, si chiama circonferenza la curva piana luogo geometrico dei punti equidistanti

Dettagli

1. (Da Medicina e Odontoiatria 2012) Determinare l'area del triangolo che ha come vertici i punti (0,0), (0,1), (13,12) del piano cartesiano:

1. (Da Medicina e Odontoiatria 2012) Determinare l'area del triangolo che ha come vertici i punti (0,0), (0,1), (13,12) del piano cartesiano: QUESITI 1 PIANO CARTESIANO 1. (Da Medicina e Odontoiatria 2012) Determinare l'area del triangolo che ha come vertici i punti (0,0), (0,1), (13,12) del piano cartesiano: a) 6 b) 13/2 c) 12 d) 13 e) 78 2.

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE CONICHE AFFINI

CLASSIFICAZIONE DELLE CONICHE AFFINI CLASSIFICAZIONE DELLE CONICHE AFFINI Pre-requisiti necessari. Elementi di geometria analitica punti e rette nel piano cartesiano, conoscenza delle coniche in forma canonica). Risoluzione di equazioni e

Dettagli

2. APPUNTI SUI FASCI DI CIRCONFERENZE (raccolti dal prof. G. Traversi)

2. APPUNTI SUI FASCI DI CIRCONFERENZE (raccolti dal prof. G. Traversi) 2. APPUNTI SUI FASCI DI CIRCONFERENZE (raccolti dal prof. G. Traversi) La circonferenza è la curva di 2^ grado che viene individuata univocamente da tre punti non allineati e possiede la seguente proprietà:

Dettagli

Equazione della circonferenza di centro e raggio assegnati

Equazione della circonferenza di centro e raggio assegnati Distanza fra due punti Dati due punti AHxA ya L e BHxB yb L la distanza fra di essi è uguale alla lunghezza del segmento AB che è a sua volta uguale al modulo del vettore vhxb - xa yb - ya L ed è dato

Dettagli

Equazioni lineari con due o più incognite

Equazioni lineari con due o più incognite Equazioni lineari con due o più incognite Siano date le uguaglianze: k 0; x + y = 6; 3a + b c = 8. La prima ha un termine incognito rappresentato dal simbolo letterale k; la seconda ha due termini incogniti

Dettagli

Esercizi svolti sulla parabola

Esercizi svolti sulla parabola Liceo Classico Galilei Pisa - Classe a A - Prof. Francesco Daddi - 19 dicembre 011 Esercizi svolti sulla parabola Esercizio 1. Determinare l equazione della parabola avente fuoco in F(1, 1) e per direttrice

Dettagli

1 Equazioni parametriche e cartesiane di sottospazi affini di R n

1 Equazioni parametriche e cartesiane di sottospazi affini di R n 2 Trapani Dispensa di Geometria, Equazioni parametriche e cartesiane di sottospazi affini di R n Un sottospazio affine Σ di R n e il traslato di un sottospazio vettoriale. Cioe esiste un sottospazio vettoriale

Dettagli

LEZIONE 8. Figura 8.1.1

LEZIONE 8. Figura 8.1.1 LEZIONE 8 8.1. Equazioni parametriche di rette. In questo paragrafo iniziamo ad applicare quanto spiegato sui vettori geometrici per dare una descrizione delle rette nel piano e nello spazio. Sia r S 3

Dettagli

Soluzione. a) Per la bilinearità e la simmetria del prodotto scalare, b) Si sfruttano la bilinearità e la simmetria del prodotto scalare.

Soluzione. a) Per la bilinearità e la simmetria del prodotto scalare, b) Si sfruttano la bilinearità e la simmetria del prodotto scalare. Esercizi svolti 4 Problemi guida 117 IL PRODOTTO SCALARE Problema 41 a) Dimostra che (v + w) (v w) = v 2 w 2 b) Dimostra che v w = 1 4 [ v + w 2 v w 2 ] Soluzione a) Per la bilinearità e la simmetria del

Dettagli

Esame di Geometria - 9 CFU (Appello del 20 Giugno A)

Esame di Geometria - 9 CFU (Appello del 20 Giugno A) Esame di Geometria - 9 CFU (Appello del 20 Giugno 2012 - A) Cognome: Nome: Nr.matricola: Corso di laurea: Esercizio 1. Siano dati, al variare del parametro k R, i piani: π 1 : x 2y + 2z = 2, π 2 : z =

Dettagli

Tempo a disposizione: 150 minuti. 1 È dato l endomorfismo f : R 3 R 3 definito dalle relazioni

Tempo a disposizione: 150 minuti. 1 È dato l endomorfismo f : R 3 R 3 definito dalle relazioni Università degli Studi di Catania Anno Accademico 2014-2015 Corso di Laurea in Informatica Prova in itinere di Matematica Discreta (12 CFU) 17 Aprile 2015 Prova completa Tempo a disposizione: 150 minuti

Dettagli