COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMPITI PER LE VACANZE CLASSE 4 M LLT"

Transcript

1 Completa, con l inserimento dei dati mancanti, l analisi dei seguenti fatti di gestione effettuati dalla ditta Mario Rossi & c. (titolare di conto corrente bancario presso la BANCA DI ROMA) 1) la ditta ha acquistato merci per 7.400,00 iva ordinaria come fattura n 777 2) la fattura n 777 viene pagata emettendo una cambiale di 8.900,00 3) la ditta emette la fattura n 42 per la vendita di merci per ,00 iva ordinaria 4) la fattura n 42 viene riscossa per 1/3 per contanti e per il residuo ricevendo un assegno bancario 5) la cambiale emessa a pagamento della fattura n 777 viene pagata con bonifico bancario 6) l assegno ricevuto a riscossione della fattura n 42 viene versato sul conto corrente bancario 7) a pagamento di una precedente fattura di 9.600,00 la ditta paga per metà con un assegno bancario e per il residuo girando una cambiale 8) una fattura emessa dalla ditta di ,00, viene pagata in contanti per ,00 9) la ditta preleva dal conto corrente bancario la somma di 3.820,00 10) con la somma ottenuta con la precedente operazione, la ditta paga una cambiale in scadenza 1

2 OPERAZIONI DI ACQUISTO/VENDITA Registrare in partita doppia le seguenti operazioni di ACQUISTO e di VENDITA effettuate dalla ditta Tonello nel corso del mese di aprile: 03/04 Ricevuta la fattura n 207 dal fornitore Silva per l acquisto di merci per euro (iva ordinaria), imballaggi per euro 180, consegna franco magazzino venditore, spese di trasporto anticipate forfetariamente dal fornitore per euro 150; 06/04 Emessa fattura di vendita n 880 da parte della ditta Tonello alla ditta Beltrami per la vendita di merci per euro (iva ordinaria); 08/04 Inviato alla ditta Priori un assegno bancario di euro come anticipo per futura fornitura di merci; 12/04 Emessa fattura di vendita n 881 della ditta Tonello alla ditta Abati per la vendita di merci per euro , consegna franco magazzino venditore, la fattura espone euro 480 (come da fattura vettore Velox) a titolo di spese di trasporto anticipate in nome e per conto del cliente per contanti nella stessa giornata; 15/04 Ricevuta la fattura n 64 dalla ditta Priori relativa all anticipo inviatole (operazione del 08/04); 16/04 Ricevuta la fattura n 65 dal fornitore Priori per l acquisto di merci per euro la fattura contiene l acconto precedentemente versato e euro 180 per spese di trasporto anticipate dal fornitore come da TOTALE fattura del vettore Rapid n 4341; 18/04 Restituite alla ditta Silva merci per euro in quanto non conformi all ordine effettuato. In pari data si riceve la nota di credito n 40/nc con variazione iva; 19/04 Viene incassata la fattura n 880 ricevendo per ¼ contanti e per il residuo un bonifico bancario; 20/04 La ditta Silva, per il debito residuo (fattura 207 e nota credito) viene pagata girando un assegno bancario in portafoglio di euro ed emettendo una cambiale; 22/04 Il pagamento della ditta Priori (fattura n 65) avviene emettendo una cambiale a 3 mesi comprensiva degli interessi per dilazione al tasso di interesse del 6%. Per gli interessi, in pari data, si riceve regolare fattura n 74; 24/04 Viene incassata la fattura 881 ricevendo un bonifico bancario per euro e emettendo una cambiale per la somma residua; 27/04 Emessa la fattura di vendita n 882 della ditta Tonello alla ditta Salzano per la vendita di merci per euro (iva ordinaria), consegna franco magazzino venditore, trasporto anticipato dal venditore forfetariamente per euro 200; 30/04 La fattura n 882 viene completamente estinta ricevendo euro in contanti, un assegno bancario per euro e un bonifico bancario per euro /04 Si effettua la liquidazione IVA del mese di aprile tenendo conto delle operazioni effettuate 2

3 OPERAZIONI GESTIONE DEL PERSONALE/IMMOBILIZZAZIONI Registrare in partita doppia le seguenti operazioni compiute dalla ditta Macchia & Giversi: 02/010/n ricevuta fattura n 73 dalla ditta VIDEOCOMPUTER s.p.a. per l acquisto di 4 postazioni PC del valore unitario di 1.290,00 + Iva ordinaria (utilizzare il conto macchine elettroniche). Il pagamento viene effettuato per 1/5 per contanti e per il residuo a 90 giorni data fattura: 05/10/n ricevuta fattura n 448 dalla OLIDATA s.r.l. per l installazione dei computers precedentemente acquistati per un totale di 155,00 + Iva ordinaria. Il pagamento avviene contro emissione di assegno bancario 12/10/n emessa fattura n 72 per la vendita di MOBILI del costo storico di 9.300,00 ed ammortizzati per l 80% al prezzo di 1.500,00 + Iva ordinaria. Il credito viene incassato contro emissione di una cambiale a 2 mesi aumentata degli interessi per dilazione calcolati (e regolarmente fatturati con documento di vendita n 73 del 14/10/n) al tasso del 4% 18/10/n acquistate attrezzature nuove per un importo di ,00 + Iva ordinaria come da fattura ricevuta n 63 dalla IRONMAIDEN s.r.l.. A parziale contropartita viene ceduta un attrezzatura usata del costo storico di ,00 ed ammortizzata per il 90% al prezzo di 3000,00 + Iva ordinaria (come da fattura di vendita n 74). La differenza viene regolata con emissione di assegno bancario in data 20/10/n 27/10/n rilevate retribuzioni lordo per il personale dipendente per 3.875,00 e contributo per assegni familiari per 218,00. I contributi sociali a carico del datore di lavoro ammontano a 1.520,00 ed a carico del lavoratore per 380,00, le ritenute fiscali sia centrali che per gli enti territoriali locali ammontano a 875,00. Il pagamento avviene tramite bonifico bancario 15/11/n vengono versate le ritenute sociale e fiscali dovute mediante banca RATEI E RISCONTI 1 Determinare i ratei ed i risconti, e comporre le relative scritture contabili, da effettuarsi in data 31/12/n con riferimento alle seguenti operazioni svolte dalla ditta individuale Giulio Rapetti & f.lli. 1) In data 01 marzo la ditta ha ottenuto dalla banca un prestito di euro ,00 al tasso di interesse del 6,25% da pagarsi posticipatamente a scadenze semestrali; 2) La ditta ha preso in affitto locali/magazzino pagando un canone annuo di euro ,00 da pagarsi in rate quadrimestrali anticipate a partire dal 15/04/n; 3) In data 24 novembre la ditta ha concesso una proroga di 4 mesi ad un cliente che doveva pagare la somma di euro 4.500,00 fissando il tasso di interesse al 7%; gli interessi sono stati regolarmente fatturati all atto della concessione della dilazione; 4) In data 16/05/n la ditta ha pagato un premio annuo di assicurazione annuale per la somma di euro 730,00; 5) La ditta in data 20/10/n ha ottenuto su un suo debito di euro 5.480,00 un rinnovo quadrimestrale al tasso del 6% per interessi che saranno pagati alla scadenza 6) In data 01/05/n viene stipulato un contratto di vigilanza (utilizzare il conto SERVIZI DIVERSI) per un canone annuo di euro 1.440,00 da pagarsi in rate posticipate trimestrali. 3

4 OPERAZIONI DI CHIUSURA 1 L impresa individuale del signor Rossi presenta al 31 dicembre n la seguente situazione contabile DARE AVERE Fabbricati ,00 F.do amm.to fabbricati ,00 Macchine elettroniche ,00 F:do amm.to macchine elettroniche 8.000,00 Mobili ufficio ,00 F.do amm.to mobili ufficio 6.000,00 Automezzi ,00 F.do amm.to automezzi 3.200,00 Crediti verso clienti ,00 Debiti verso fornitori ,00 Cambiali attive 2.300,00 Iva a debito 8.150,00 COMIT c/c ,00 Debiti per T.F.R ,00 Iva a credito 3.100,00 Mutui passivi ,00 Merci c/esistenze iniziali ,00 Fondo rischi su crediti 3.650,00 Merci c/acquisti ,00 Merci c/vendite ,00 Salari e stipendi ,00 Resi su acquisti ,00 Oneri sociali ,00 Proventi diversi ,00 Fitti passivi 9.000,00 Patrimonio netto ,00 Interessi passivi su mutui 1.000,00 In sede di chiusura la ditta compila le seguenti operazioni di assestamento: - sul conto corrente bancario maturano interessi attivi per 270,00, le spese di tenuta conto ammontano a 45,00; - nel conto Crediti verso clienti è ricompreso un credito di 3.000,00 sorto in esercizi precedenti risultato insoluto e perciò completamento stralciato; - sul mutuo passivo maturano interessi al tasso del 6% alle date 01/03-01/09 di ogni anno; - i fitti passivi si riferiscono alla locazione di un magazzino della durata annuale e stipulata in data 01/08/n; - le rimanenze finali di merci ammontano a ,00; - si ammortizzano i fabbricati (4%), le macchine elettroniche (25%), i mobili d ufficio (18%) e gli automezzi (20%); - sono state inviate merci a clienti per ,00 senza emissione di fattura (iva ordinaria) e sono state ricevute merci da fornitori per 6.000,00 in attesa di fatturazione (iva ordinaria); - si provvede a liquidare la posizione iva per il mese di dicembre; - la quota di trattamento di fine rapporto viene determinata in euro 4.280; - le imposte dell esercizio ammontano a euro Si procede successivamente alla determinazione del risultato economico di esercizio, alla sua destinazione ed alla chiusura generale dei conti. RATEI E RISCONTI 2 Determinare i ratei ed i risconti che al 31/12/n generano le seguenti operazioni effettuandone successivamente la registrazione in partita doppia 1) in data 16/11/n è stato concesso un prestito di euro ,00 al tasso del 5,25%; gli interessi si riscuotono semestralmente in via posticipata; 2) in data 01/10/n è stato preso in affitto un locale al canone annuo di euro ,00 da pagarsi in rate quadrimestrali anticipate; 3) in data 16/05/n è stato pagato in via anticipata un premio annuo di assicurazione per euro 730,00; 4) in data 17/12/n si è concordato con un consulente un corso di aggiornamento della durata di 6 settimane al prezzo di euro 4.200,00 che sarà versato al termine del corso; 5) in data 15/10/n è stata concessa una dilazione di pagamento su un credito di euro 2.920,00 al tasso di interesse del 6%; gli interessi sono stati immediatamente fatturati e rilevati; 6) in data 01/03/n è stato stipulato un contratto di leasing che prevede il pagamento di canoni bimestrali anticipati dell importo di euro 680,00 4

5 OPERAZIONI DI CHIUSURA 2 La situazione della ditta individuale del signor Marotta al 31/12/n risulta essere la seguente: ECCEDENZE DARE ECCEDENZE AVERE MOBILI UFFICIO ,00 FONDO AMMORTAMENTO MOBILI UFFICIO ,00 MACCHINE ELETTRONICHE ,00 FONDO AMMORTAMENTO MACCHINE ELETTRONICHE ,00 CREDITI V/CLIENTI ,00 FONDO RISCHI SU CREDITI 4.280,00 CAMBIALI ATTIVE ,00 DEBITI PER T.F.R ,00 BANCA INTESA C/C 9.600,00 MUTUI PASSIVI ,00 IVA A CREDITO 6.200,00 DEBITI V/FORNITORI ,00 ASSEGNI IN CASSA 3.600,00 IVA A DEBITO ,00 DENARO IN CASSA 1.800,00 PATRIMONIO NETTO ,00 MERCI C/ESISTENZE INIZIALI ,00 MERCI C/VENDITE ,00 MERCI C/ACQUISTI ,00 INTERESSI ATTIVI V/CLIENTI 1.200,00 COSTO DEI SERVIZI ,00 PROVENTI VARI 3.850,00 FITTI PASSIVI 8.160,00 SALARI E STIPENDI ,00 ONERI SOCIALI ,00 INTERESSI PASSIVI SU MUTUI 1.860,00 INTERESSI PASSIVI V/FORNITORI 120,00 PRELEVAMENTI TITOLARE ,00 Totale DARE ,00 Totale AVERE ,00 Alla chiusura dell esercizio vengono composte le seguenti scritture di assestamento: - vengono calcolate le quote di ammortamento dei beni strumentali nella seguente misura: mobili ufficio 15% e macchine elettroniche 20%; - sul mutuo maturano interessi posticipati al tasso del 4% alle scadenze 01/02 e 01/08 di ogni anno; - viene eliminato un credito verso clienti sicuramente inesigibile pari a euro 3.150,00; - le rimanenze finali di merci vengono valutate in euro ; - sono state inviate merci a clienti accompagnate da D.D.T. per un importo di euro ,00 (iva ordinaria); - il fitto passivo evidenziato in situazione contabile ha durata annuale ed è stato pagato in data 14 marzo n e al 31/12/n genera un risconto di euro 1.632,00; - i fornitori hanno inviato merci accompagnate da D.D.T. per euro ,00 (iva ordinaria); - sul conto corrente maturano interessi per euro 35,00 e oneri bancari per la gestione per euro 40,00; - su un debito verso fornitore di euro 7.300,00 e contratto in data 12 dicembre n e scadente a due mesi, maturano interessi al tasso del 8%. Tali interessi saranno rilevati a scadenza; - il TFRL maturato ammonta a euro 6.350,00. - si procede alla liquidazione della posizione IVA; l Irap dell esercizio ammonta a euro Si procede successivamente alla determinazione del risultato economico di esercizio, alla sua destinazione ed alla chiusura generale dei conti. OPERAZIONI VARIE DI GESTIONE REVISIONE COMPLESSIVA 01/03 il signor Pipino Luigi di Torino costituisce la propria azienda individuale versando in contanti e costituendo il conto corrente bancario aziendale presso l agenzia n 6 di Torino della Banca di Roma; 03/03 viene acquistata l azienda già funzionante del signor Tagliavini che presenta i seguenti valori di patrimonio: Denaro in cassa 1.500, Assegni in cassa 3.800, Cambiali attive , Mobili ufficio 9.200, Automezzi , Merci , Fondo ammortamento mobili ufficio 7.400, Fondo ammortamento automezzi , Debiti per T.F.R.L L azienda viene valutata che vengono pagati mediante bonifico bancario il giorno dell acquisto; 04/03 gli assegni bancari vengono versati sul conto corrente bancario 07/03 viene emessa la fattura n 1 per la vendita di merci per iva ordinaria; (cliente Trabalza) 08/03 si riceve la fattura n 16 dal fornitore Angioletti per l acquisto di merci per un valore di iva ordinaria; 5

6 09/03 si riceve la fattura n 108 dal fornitore Blanda per l acquisto di merci per iva ordinaria e iva 10%, la fattura espone anche imballaggio fatturato forfetariamente per 100 e spese di confezionamento forfetarie per 60; 10/03 emessa la fattura n 2 per merci per iva 10% e per iva ordinaria, imballaggio addebitato forfetariamente per 200; (cliente Ronco) 10/03 si riceve la fattura n 202 dal fornitore Bertero per l acquisto di merci per iva 10% e iva ordinaria, consegna franco magazzino venditore; il trasporto è effettuato dal vettore Velox di cui si riceve la fattura n 1143 del 10/03 per un valore di 75 + iva ordinaria che viene pagata per contanti; 11/03 la fattura n 2 viene riscossa totalmente nel seguente modo: per contanti 200, con emissione di una cambiale di al 31/03 aumentata di interessi per 73 che sono stati regolarmente fatturati in pari data con documento n 3; 11/03 si riceve la fattura n 557 dal fornitore Capello per l acquisto di merci per (iva ordinaria); imballaggio cauzionato per 25, consegna franco magazzino venditore. Il trasporto è anticipato da Capello il quale allega la fattura del vettore Rapid n 702 (del 11/03) che espone un valore complessivo di 108; 12/03 le merci vendute con la fattura n 1 presentano alcune differenze qualitative per le quali viene concesso un abbuono al cliente per iva ordinaria. Viene quindi emessa nota di credito n 1 con variazione iva; 12/03 emessa fattura n 4 per la vendita di merci per iva ordinaria e per iva 10%, consegna franco magazzino venditore, trasporto anticipato per conto del cliente per contanti per 150 come da totale fattura n 83 del vettore Rapid; (cliente Ribetto) 14/03 la fattura n 1, al netto dell abbuono, viene riscossa nel seguente modo: 640 per contanti, ricevendo un assegno bancario per e per il residuo con bonifico bancario; l assegno bancario viene versato sul conto corrente bancario; 14/03 la merce inviata dal fornitore Blanda presenta differenze qualitative rispetto quanto ordinato. Per tale motivo viene restituita parte della merce per un valore di iva ordinaria relativamente la quale si riceve in pari data la nota di credito n 4; 16/03 si riceve la fattura n 48 dal fornitore Caronna per l acquisto di merci per iva ordinaria, consegna franco magazzino venditore, trasporto addebitato forfetariamente in fattura per /03 le merci ricevute dal fornitore Angeletti presentano alcuni difetti qualitativi ma non tali da renderle inutilizzabili. Viene quindi richiesta ed ottenuta una riduzione del prezzo totale nella misura del 15%. Si riceve a tal proposito la nota di credito n 8 per l abbuono riconosciuto con variazione iva; 17/03 la fattura del fornitore Angeletti, al netto dell abbuono viene saldata completamente nel seguente modo: 80 per contanti ed emettendo un assegno bancario per 32.00; 17/03 la fattura del fornitore Capello viene pagata per 225 per contanti e per girando una cambiale in portafoglio e per il residuo a fine mese prossimo; 18/03 la fornitura effettuata con la fattura n 3 evidenzia gravi differenze qualitative per cui vengono restituite dal cliente. Viene emessa la nota di credito n 2 con variazione iva ordinaria per un importo imponibile di 1.020; 20/03 la fattura del fornitore Bertero viene regolata nel seguente modo: 294 con emissione di assegno bancario ed il residuo con 3 cambiali di pari importo a 30,60,90 giorni comprensive di interessi al tasso del 7,30%. Gli interessi in pari data sono regolarmente fatturati con documento n 212; 20/03 viene acquistato dalla ditta Tuttomobili nuovo arredamento per ufficio per iva ordinaria (con fattura n 89). Vengono ceduti i vecchi mobili ufficio alla medesima ditta valutandoli iva ordinaria e per i quali viene emessa la fattura di vendita n 6. Il debito residuo viene regolato emettendo un assegno bancario; 24/03 si riceve la fattura n dalla Società dei Telefoni che espone i seguenti elementi: spese telefoniche 76,40, spese di canone 3,80, oneri non imponibili 1,42, arrotondamenti precedenti 0,18 arrotondamento attuale 0,84. L importo totale di 97,00 viene pagato tramite banca; 24/03 la fattura n 6 viene riscossa nel seguente modo: 90 per contanti; 800 con assegni bancari; con bonifico bancario ed il residuo con 2 cambiali di pari importo a 60 e 90 giorni aumentate di interessi al tasso del 7,30%. Gli interessi sono regolarmente fatturati con fattura n 8; 25/03 la fattura del fornitore Blanda, al netto del reso viene pagata nel seguente modo: 118,50 per contanti, girando un assegno in portafoglio e per il residuo emettendo una cambiale a 2 mesi aumentata degli interessi al tasso del 4%, regolarmente fatturati in data 25/03 con fattura di Blanda n 162; 26/03 la fattura n 4, al netto del reso, viene incassata nel seguente modo: con assegno bancario per ed il residuo con bonifico bancario; 6

7 28/03 vengono acquistati nuovi automezzi dalla ditta Automar s.r.l. per iva ordinaria ricevendo la fattura n 3212; alla stessa data viene ceduto alla stessa Automar l automezzo vecchio (con emissione della fattura n 9). Il debito residuo con la ditta Automar viene estinto con bonifico bancario per ; 29/03 la fattura del fornitore Caronna viene estinta con bonifico bancario; 29/03 vengono liquidati i salari per i dipendenti per 3.615,80, assegni familiari 413,15, oneri a carico ditta 1.446,40, oneri a carico dei dipendenti 321,75, ritenute fiscali 976,27 addizionale IRPEF regionale 9,93. Il pagamento avviene tramite bonifico bancario; 30/03 emessa la fattura n 10 per la vendita di merci per (iva ordinaria). Il pagamento verrà effettuato a fine mese prossimo; (cliente Marotta) 31/03 la cambiale relativa all incasso della fattura n 2 giunta a scadenza viene pagata con bonifico bancario per 8.200; per il residuo viene richiesto un rinnovo per ulteriori 2 mesi regolando gli interessi al tasso del 10%. Gli interessi, regolarmente fatturati con documento n 11, vengono riscossi per contanti; 31/03 le cambiali emesse per il pagamento della fattura n 5 e quelle rinnovate vengono presentate per lo sconto bancario presso l agenzia della Banca di Roma. La banca accredita il netto ricavo trattenendo 733 a titolo di sconto e 45 per le commissioni per il servizio reso; 31/03 viene liquidata la posizione iva per il mese di marzo; 12/04 viene effettuato, tramite banca il versamento della ritenuta calcolata sulla parcella del notaio Rossi; 14/04 viene versata la ritenuta sui compensi professionali dell avvocato De Matteis; 15/04 viene effettuato il versamento delle ritenute fiscali e previdenziali su salari e stipendi e dell iva dovuta. 7

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO

DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO DIRITTO ED ECONOMIA PER L AZIENDA ESERCIZI PER IL CORSO DI RECUPERO ESTIVO CLASSI TERZE LINGUISTICO Es. n. 1 Presentare le parti tabellari delle seguenti fatture: lo/lo ricevuta fattura della ditta Romano

Dettagli

Presentare il prospetto dello Stato Patrimoniale che evidenzia gli impieghi e le fonti di finanziamento

Presentare il prospetto dello Stato Patrimoniale che evidenzia gli impieghi e le fonti di finanziamento Svolgere il seguente esercizio. Al termine di un certo anno gli impieghi e i finanziamenti di capitale di debito di un impresa commerciale sono i seguenti: merci 106.000 euro, automezzi 18.000 euro, debiti

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE IGEA 2011 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE Si richiede lo svolgimento della parte A e di uno dei punti a scelta della parte B E consentito l uso del Codice Civile non commentato e della calcolatrice

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE GARA NAZIONALE PROGETTO MERCURIO - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 20 ) Operazioni relative

Dettagli

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 -

GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - GARA NAZIONALE IGEA - ANNO 2013 - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento di due parti, la parte A e la parte B PARTE A - obbligatoria - ( punti 40 ) Operazioni relative alla S.p.A.:

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 31/12 La società X fitta un capannone a 10000 annuali. La riscossione avviene il 20/5 di ogni anno, in maniera anticipata. Redigere le scritture. 31/12 La società X fitta

Dettagli

PROVA C. ESERCIZIO 1 Al 15 marzo 2013 la situazione contabile della Ellesse & C. S.p.a.. presenta, i seguenti saldi: ...

PROVA C. ESERCIZIO 1 Al 15 marzo 2013 la situazione contabile della Ellesse & C. S.p.a.. presenta, i seguenti saldi: ... PROVA C ESERCIZIO 1 Al 15 marzo 2013 la situazione contabile della Ellesse & C. S.p.a.. presenta, i seguenti saldi: Attrezzature 157.400,00 Riserva Legale 30.000,00 Capitale sociale 270.000,00 Crediti

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2

ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 ESERCIZI DI CONTABILITA PARTE 2 (prof. MICHELE GALEOTTI Economia aziendale) 31/12 La società X fitta un capannone a 10000 annuali. La riscossione avviene il 20/5 di ogni anno, in maniera anticipata. 31/12

Dettagli

BENI STRUMENTALI GESTIONE DEL PERSONALE

BENI STRUMENTALI GESTIONE DEL PERSONALE BENI STRUMENTALI 1) In data 02/05/n l industriale Federico Pizzetto stipula un contratto di acquisto di un macchinario con la Vortici srl alle seguenti condizioni: costo complessivo 60.000 euro + iva ordinaria

Dettagli

COMPITO A Candidato matricola.

COMPITO A Candidato matricola. COMPITO A Candidato matricola. Si risponda sinteticamente alle seguenti domande e si risolva ordinatamente il punto 8. 1 a domanda Definire il concetto di soggetto giuridico con riferimento alle varie

Dettagli

CONTO SALDI DARE AVERE

CONTO SALDI DARE AVERE Simulazione n. 1 La situazione dei conti al 30/11/2014 della società Even Srl che svolge attività mercantile, presenta i seguenti saldi: CONTO SALDI DARE AVERE Attrezzature 200.000,00 Banca di Roma c/c

Dettagli

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500

Fatture da ricevere 5.000 IVA ns credito 500 Debiti v/fornitori 5.500 Il 4 gennaio 20xx arriva in azienda la fattura relativa ad un acquisto di merce per 5.000 + IVA 10% che al 31/12 era stato registrato senza il relativo documento. 3/1/20xx DARE AVERE Fatture da ricevere

Dettagli

PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA

PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica PRIME APPLICAZIONI DEL METODO DELLA PARTITA DOPPIA di Mariaersilia LISI RICATTI Materie: Economia aziendale (Classe 3 a Istituto Tecnico, 3 a Istituto Professionale)

Dettagli

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa TESTO ESERCITAZIONE CODIFICATO 1. In data 2/12 si paga al fornitore Le bottiglie Srl, tramite bonifico bancario, un

Dettagli

QUADERNO DI CONTABILITA GENERALE ESERCIZI N. 3: ECONOMIA AZIENDALE I. Insegnamento di CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO

QUADERNO DI CONTABILITA GENERALE ESERCIZI N. 3: ECONOMIA AZIENDALE I. Insegnamento di CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO Insegnamento di ECONOMIA AZIENDALE I CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE ED ECONOMIA E COMMERCIO UNIVERSITÀ DI FIRENZE A.A. 2007/08 A CURA DI GIACOMO MANETTI QUADERNO DI ESERCIZI N. 3: CONTABILITA GENERALE

Dettagli

- Ricevuta in data 15/11 fattura per acquisto materie prime pari ad 20.000 più Iva al 20%; nella fattura vengono inseriti costi di imballaggio per

- Ricevuta in data 15/11 fattura per acquisto materie prime pari ad 20.000 più Iva al 20%; nella fattura vengono inseriti costi di imballaggio per Si costituisce in data 10/01 la società Alfa Spa con un capitale sociale di 200.000 sottoscritto come segue: socio Bianchi 55% e socio Rossi 45%. Il socio Bianchi si impegna a conferire in denaro quanto

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

1/1/n+1 Procedere alla riapertura dei conti e allo storno delle rimanenze, dei ratei e deirisconti iniziali

1/1/n+1 Procedere alla riapertura dei conti e allo storno delle rimanenze, dei ratei e deirisconti iniziali ESERCIZIO n. 1 Assestamento, determinazione del reddito e scritture di riapertura Eccedenze Dare Eccedenze Avere Denaro in cassa 4.262,70 Patrimonio Netto 928.690,60 Interessi passivi v/forn. 10.105,20

Dettagli

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO

ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO ESERCITAZIONE: CONTABILITA E BILANCIO L Alba Spa è società svolgente attività industriale e al 31/12/n prima di procedere alle scritture di assestamento di bilancio presenta le seguenti situazioni contabili:

Dettagli

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino

Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1. Esercitazione n. 11. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 11 Scritture di gestione; scritture di assestamento, epilogo, chiusura; Situazione contabile finale; bilancio d esercizio Conoscenza: natura

Dettagli

(anno n e anno n+1) Anno N. 20/04 sottoscrizione da parte degli azionisti di 100.000 azioni del valore nominale di 10.

(anno n e anno n+1) Anno N. 20/04 sottoscrizione da parte degli azionisti di 100.000 azioni del valore nominale di 10. ESERCITAZIONE N 2 (anno n e anno n+1) In questa esercitazione, partendo dalla costituzione di una S.p.A., vengono eseguite le scritture continuative relative alle operazioni svolte durante l esercizio;

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA SAPIENZA ESERCIZI RIASSUNTIVI (senza soluzione) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN SCIENZE AZIENDALI PROF.SSA DANIELA COLUCCIA CANALE E-M CORSO DI ECONOMIA AZIENDALE

Dettagli

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 5 Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Walter Roverelli Sulla base del seguente bilancio di verifica al 31/12/n, redatto

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE Edmondo De Amicis Via C. Parenzo 16 ROVIGO Tel. 0425-21240 Fax 0425-422820 E-mail segreteria@itcrovigo.it Web www.itcrovigo.it C.F. 93028770290 C.M. ROIS008009

Dettagli

Telepass + classe quinta Unità A Aspetti economico-aziendali delle imprese industriali

Telepass + classe quinta Unità A Aspetti economico-aziendali delle imprese industriali Telepass + classe quinta Unità A Aspetti economico-aziendali delle imprese industriali A L.7-8-9 Scritture di assestamento e di chiusura dei conti 29 La Situazione contabile al /n della S.n.c. Antonio

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE

ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE ESERCIZI DI CONTABILITA PRIMA PARTE ACQUISTO E VENDITA: In data 1/7 la società X paga fitti passivi per euro 6000, con denaro in cassa. In data 3/7la società riscuote, in contanti, fitti attivi per euro

Dettagli

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE DEL 03 LUGLIO 2008 I Il candidato illustri le finalità economico

Dettagli

Dinamico Educational. Obiettivi ed esercitazioni da svolgere. vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci

Dinamico Educational. Obiettivi ed esercitazioni da svolgere. vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci Dinamico Educational Obiettivi ed esercitazioni da svolgere vers. 02 2012 a cura del prof. Salvatore Nucci Dinamico educational vers. 02-2012 Obiettivi Lavorare con il software Dinamico Educational ci

Dettagli

COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI

COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI COSTITUZIONE DI SOCIETA DI CAPITALI Esempio di costituzione di una S.r.l. Si costituisce il 31 ottobre la S.r.l. Beta, con un capitale sociale di 300.000 sottoscritto dai soci seguenti: - socio A: quota

Dettagli

1 LIQUIDITA' Piano dei conti e prospetto di raccordo. Impresa individuale esercente attività mercantile. Download

1 LIQUIDITA' Piano dei conti e prospetto di raccordo. Impresa individuale esercente attività mercantile. Download Download Impresa individuale esercente attività mercantile 1 LIQUIDITA' Piano dei conti e prospetto di raccordo Nome del conto Natura 10 P Banche c.c Fondi liquidi 11 P c.c. postali Fondi liquidi 12 P

Dettagli

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico

Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico Piano dei conti di un impresa industriale in forma di società per azioni Stato patrimoniale Conto economico per la classe 4 a Istituti tecnici e Istituti professionali 01. Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Scopo contabilità determinare: Reddito di esercizio Patrimonio di funzionamento Passaggio da valori contabili a valori di bilancio Determinazione della corretta competenza

Dettagli

Capitolo 4 - a) Acquistate merci per 300, pagamento per contanti

Capitolo 4 - a) Acquistate merci per 300, pagamento per contanti prime applicazioni del metodo della partita doppia Capitolo 4 - a) Acquistate merci per 300, pagamento per contanti.../ /200n VEN Merci c/ acquisti D 300,00.../ /200n VFN Cassa A 300,00 D Cassa A D Merci

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico

Biblioteca di Economia aziendale. per il secondo biennio e il quinto anno. Istituti tecnici del settore economico Biblioteca di Economia aziendale PIANO DEI CONTI DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI Documento Piano dei conti BILANCIO DI UN IMPRESA INDUSTRIALE IN FORMA DI SOCIETÀ PER AZIONI STATO

Dettagli

ESERCITAZIONE DEL 15-11-2011. Acquisti e vendite Resi, sconti e abbuoni Cambiali

ESERCITAZIONE DEL 15-11-2011. Acquisti e vendite Resi, sconti e abbuoni Cambiali ESERCITAZIONE DEL 15-11-2011 Acquisti e vendite Resi, sconti e abbuoni Cambiali La società D Alessio S.p.a. ha un Capitale sociale di 120.000, interamente versati in un conto corrente bancario. Nel corso

Dettagli

Società di persone: scritture di assestamento, chiusura, riapertura e riparto dell utile

Società di persone: scritture di assestamento, chiusura, riapertura e riparto dell utile Società di persone: scritture di assestamento, chiusura, riapertura e riparto dell utile Esercitazione per la 4ª classe IGEA e la 5ª classe IPSC di Lidia Sorrentino La Fontana & Robotti s.n.c. con capitale

Dettagli

GARA NAZIONALE SIA 2015 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

GARA NAZIONALE SIA 2015 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE TECNICA E LICEALE Galileo Galilei GARA NAZIONALE SIA 2015 PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE Firenze, 7 maggio 2015 E consentito l uso: - del codice Civile - della calcolatrice

Dettagli

LIBRO DI TESTO: PRONTI VIA CLASSE QUARTA TOMO H SCUOLA & AZIENDA

LIBRO DI TESTO: PRONTI VIA CLASSE QUARTA TOMO H SCUOLA & AZIENDA KIT di TPC (economia aziendale) CLASSE QUARTA APC A.S. 2013/14 LIBRO DI TESTO: PRONTI VIA CLASSE QUARTA TOMO H SCUOLA & AZIENDA RIPASSO DELLA CONTABILITA' GENERALE - costituzione di un azienda individuale

Dettagli

LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione

LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione Impresa individuale esercente attività mercantile Piano dei conti e prospetto di raccordo LIQUIDITA' Nome del conto Natura Classificazione P Banche c.c Fondi liquidi Attivo P c.c. postali Fondi liquidi

Dettagli

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo)

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2012-2013 Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Dario Capittini Economia aziendale - Esercitazioni 1 Il processo di rilevazione

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 3 settembre 2014 COGNOME:

Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 3 settembre 2014 COGNOME: Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 3 settembre 2014 COGNOME: NOME: MATRICOLA: PRIMA PARTE ooooooooo Con riferimento

Dettagli

ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI

ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI ESERCITAZIONE N. 2 - ACQUISTI, VENDITE DI BENI E SERVIZI E REGOLAZIONE DI DEBITI E CREDITI Dott.ssa Carlotta del Sordo Corso di Economia Aziendale CLEGA Facoltà di Economia di Forlì Università degli Studi

Dettagli

1/11/n. Esercizi e domande per recuperare Economia aziendale classe III Igea. Marina Ciaudano Maria Sobrero

1/11/n. Esercizi e domande per recuperare Economia aziendale classe III Igea. Marina Ciaudano Maria Sobrero + =? r i =??? 1/11/n 9 20% 1? a 5 4 fa? Come si Esercizi e domande per recuperare Economia aziendale classe III Igea % Marina Ciaudano Maria Sobrero fa? Come si Esercizi e domande per recuperare Economia

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

Esercizi di ingresso. 1) Scritture in Partita Doppia

Esercizi di ingresso. 1) Scritture in Partita Doppia Esercizi di ingresso 1) Scritture in Partita Doppia 03/04 ACQUISTI DI MERCI 13.885,20 03/04 IVA A CREDITO 2.777,04 03/04 DEBITI V/FORNITORI 504,00 03/04 INTERESSI PASSIVI V/FORNITORI 84,66 03/04 DEBITI

Dettagli

TRACCIA A ESERCIZIO 1

TRACCIA A ESERCIZIO 1 TRACCIA A ESERCIZIO 1 Nel corso del 2009 la ditta individuale Verdi ha effettuato, tra le altre, le operazioni di gestione di seguito riportate. Presentare le scritture a libro giornale (gestione e assestamenti;

Dettagli

20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I

20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I 20 giugno 2006 PRIMA PROVA MATERIE AZIENDALI TEMA I Il candidato proceda preventivamente ad illustrare sotto il profilo civilistico e fiscale le caratteristiche dell operazione di cessione d azienda. Successivamente

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE E. GIANNESSI Economia aziendale I corso C Prova scritta dell 11/9/2003

FACOLTA DI ECONOMIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE E. GIANNESSI Economia aziendale I corso C Prova scritta dell 11/9/2003 FACOLTA DI ECONOMIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE E. GIANNESSI Economia aziendale I corso C Prova scritta dell 11/9/2003 Al 30/11/2002, le poste contabili della MaeBI s.n.c. presentano i seguenti

Dettagli

Facoltà di Economia EADI Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 08 Gennaio 2004

Facoltà di Economia EADI Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 08 Gennaio 2004 Facoltà di Economia EADI Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 08 Gennaio 2004 Al 30/11/ 2002, la situazione contabile della M.S.M.C. S.p.A. presenta, tra gli altri, i seguenti valori: Acquisto

Dettagli

PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA I SESSIONE 2009

PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA I SESSIONE 2009 PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA TRACCIA N. 1 I SESSIONE 2009 I P R O V A S C R I T T A Illustri il candidato la funzione di controllo contabile es art. 2409 ter, c.c., soffermandosi

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa PROFILO AZIENDALE

Esercitazione Ragioneria Generale ed Applicata A.A. 2015/2016 Il caso Vini buoni Spa PROFILO AZIENDALE PROFILO AZIENDALE L impresa industriale Vini buoni SPA produce e vende vini imbottigliati. L impianto di produzione si compone dei seguenti beni ammortizzabili: vasche di scarico dell uva, diraspatrici,

Dettagli

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi

La vendita di beni e la prestazione di servizi competenza temporale rilevare  nel momento in cui i beni sono consegnati ovvero i servizi sono resi La vendita di beni e la prestazione di servizi L operazione di vendita, analogamente all operazione di acquisto, è caratterizzata da uno schema di svolgimento tipico composto in particolare dalle seguenti

Dettagli

Operazioni varie di gestione: giornale e mastri sinottici

Operazioni varie di gestione: giornale e mastri sinottici Operazioni varie di gestione: giornale e mastri sinottici All 1/1.., nella contabilità dell azienda del signor Anselmo Berrino figuravano i seguenti valori relativi ai beni strumentali: Imballaggi durevoli

Dettagli

Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Ragioneria generale M.Scricco. Il conto

Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Ragioneria generale M.Scricco. Il conto Il conto Il conto, strumento di rilevazione delle scritture complesse, è un insieme di valori riferibili ad un determinato oggetto (un costo: materie c/acquisto, oneri assicurativi ; un credito, un ricavo)

Dettagli

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 a cura di Ericka Costa SCRITTURE IN P.D. 1. L utile dell esercizio precedente viene distribuito come segue: 7.000 tra i soci,

Dettagli

7. La costituzione d impresa e le principali operazioni di gestione

7. La costituzione d impresa e le principali operazioni di gestione 102 C) Il Piano dei conti Capitolo 3 Il Piano dei conti è un elenco ragionato di tutti gli oggetti di conto che il contabile prevede di attivare per le proprie registrazioni e contiene le note illustrative

Dettagli

ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE

ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE ESERCITAZIONE DI CONTABILITÀ GENERALE RIPASSO GENERALE DELLE REGOLE DI PARTITA DOPPIA NON È MATERIALE DIDATTICO DA STUDIARE AI FINI DEL CORSO DI ECONOMIA DELLE OPERAZIONI STRAORDINARIE D'IMPRESA A.A. 2010/2011

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1

Dettagli

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione Prof. Stefano Coronella Cognome: Nome: Matricola: Aula: Documento identità (tipo e numero; basta anche il solo libretto universitario) Rilasciato da: Firma Rilasciato il: Segnare con una X l unica risposta

Dettagli

Il piano dei conti. Il piano dei conti si articola in: CLASSI 1. ATTIVITÀ 2. PATRIMONIO NETTO 3. PASSIVITÀ 4. RICAVI 5. COSTI DELLA PRODUZIONE

Il piano dei conti. Il piano dei conti si articola in: CLASSI 1. ATTIVITÀ 2. PATRIMONIO NETTO 3. PASSIVITÀ 4. RICAVI 5. COSTI DELLA PRODUZIONE I L PIANO DEI CONTI Il piano dei conti Il piano dei conti si articola in: CLASSI RAGGRUPPAMENTI CONTI DI MASTRO SOTTOCONTI 1ª posizione 2ª posizione 3ª e 4ª posizione Posizioni successive (non sviluppato)

Dettagli

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento consentono di passare dal criterio della manifestazione finanziaria al criterio della competenza economica e sono effettuate

Dettagli

Le operazioni accessorie

Le operazioni accessorie Albez edutainment production Le operazioni accessorie III Classe ITC 1 I servizi di riscossione Sono servizi svolti dalla banca per conto dell impresa e riguardano principalmente le disposizioni elettroniche

Dettagli

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI

Contabilità e bilancio 4/ed - Fabrizio Cerbioni, Lino Cinquini, Ugo Sòstero Copyright 2015 - McGraw-Hill Education (Italy) srl PIANO DEI CONTI PIANO DEI CONTI 1. COMPONENTI POSITIVE DI REDDITO 1.1. Ricavi di vendita 1.1.1. Prodotti c/vendite 1.1.2. Merci c/vendite 1.1.3. Servizi c/vendite 1.1.4. Prodotti c/vendite estero 1.1.5. Merci c/vendite

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE OPERAZIONI DI VENDITA 1 LE OPERAZIONI DI VENDITA DI BENI DI SERVIZI DI IMMOBILIZZAZIONI SUI MERCATI ESTERI 2 Pag. 1 DI BENI Il giorno 27 luglio viene emessa una fattura

Dettagli

Esercitazioni con l applicativo gestionale

Esercitazioni con l applicativo gestionale 455 Esercitazioni con l applicativo gestionale Capitolo 136 136.1 Codifica................................................................ 456 136.1.1 Piano dei conti....................................................

Dettagli

SCRITTURE DI STORNO MANIFESTAZIONE FINANZIARIA ESERCIZIO IN CORSO COMPETENZA ESERCIZIO SUCCESSIVO

SCRITTURE DI STORNO MANIFESTAZIONE FINANZIARIA ESERCIZIO IN CORSO COMPETENZA ESERCIZIO SUCCESSIVO SCRITTURE DI STORNO HANNO LO SCOPO DI RINVIARE ALL ESERCIZIO SUCCESSIVO COSTI E RICAVI GIA RILEVATI IN CONTABILITA CHE PER IL LORO VALORE INTERO, O SOLO PER UNA QUOTA, SONO CONSIDERATI NON DI COMPETENZA

Dettagli

Esercitazioni con l applicativo gestionale

Esercitazioni con l applicativo gestionale TXT HTM PDF pdf P1 P2 P3 P4 455 Esercitazioni con l applicativo gestionale Capitolo 136 136.1 Codifica................................................................ 456 136.1.1 Piano dei conti....................................................

Dettagli

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1

Tema n. 1 1 quesito: Prospetto 1 Tema n. 1 In data 31/12/02 si decide lo scorporo di un ramo d azienda dalla società Gamma S.p.A. - che ha i- niziato la propria attività in data 1/1/1995 - ed il suo successivo conferimento nella società

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO CONSENTONO DI PASSARE DAL CRITERIO DELLA MANIFESTAZIONE FINANZIARIA AL CRITERIO DELLA COMPETENZA ECONOMICA DETERMINARE: - RISULTATO ECONOMICO DELL

Dettagli

4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI

4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 4. CONTABILITA GENERALE SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI E SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 1 3) Rettifiche su acquisti Le rettifiche su acquisti (o scritture di rettifica dei costi) si riferiscono

Dettagli

Quadro dei conti di un azienda individuale

Quadro dei conti di un azienda individuale Documento Piano dei conti Biblioteca di Economia aziendale Quadro dei conti di un azienda individuale Quadro dei conti sintetico Quadro dei conti analitico per il secondo biennio Istituti Tecnici del settore

Dettagli

II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE

II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE CONTABILITA GENERALE 20 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI G) OPERAZIONI STRAORDINARIE 1 dicembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale

Dettagli

Rilevazione delle operazioni tipiche di una s.p.a.

Rilevazione delle operazioni tipiche di una s.p.a. Esercitazioni svolte 2008 Scuola Duemila 91 Esercitazione n. 17 Rilevazione delle operazioni tipiche di una s.p.a. Obiettivi Saper fare: effettuare le procedure di calcolo relative alle operazioni tipiche

Dettagli

http://127.0.0.1:51235/temp_print_dirs/exetempprintdir_4a8dzj/prog...

http://127.0.0.1:51235/temp_print_dirs/exetempprintdir_4a8dzj/prog... 1 of 15 06/03/2012 18.47 Le vendite e il loro regolamento In questo modulo analizzeremo i principali aspetti giuridici, tecnici e fiscali relativi alla vendita di beni e servizi. Esamineremo le scritture

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156

Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156 Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156 Corsi Diurni: IGEA Mercurio Geometri Progetto Cinque ERICA Tecnico Turistico ITER Corsi Post Diploma

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia ESERCITAZIONE PRATICA DI CONTABILITA GENERALE Prof.ssa Mara Del Baldo Dott. Antonio Rizzuto Dott.ssa Elena De Renzio Fano, 03 dicembre 2009

Dettagli

ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI)

ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI) ESERCITAZIONE DEL 12 NOVEMBRE 2013 (CON SOLUZIONI) Si rilevino le seguenti scritture di rettifica di fine anno sul bilancio della società ABC Srl qui allegato. 1) Rilevazione delle seguenti quote di ammortamento:

Dettagli

Corso di Ragioneria Generale ed Applicata Contabilità

Corso di Ragioneria Generale ed Applicata Contabilità Esercitazioni di Ragioneria Generale ed Applicata Modulo 1 a cura della Dott.ssa S. Basta Materiale didattico riservato esclusivamente a circolazione interna SETTIMANA 3 ARGOMENTI: SCRITTURE CONTINUATIVE:

Dettagli

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE

SITUAZIONE ECONOMICA FINALE SITUAZIONE ECONOMICA FINALE materie prime c/acquisti 2.., prodotti c/vendite 2.5., costi di trasporto 5., lavori su ordinazione 3., fitti passivi 2., materie prime c/rimanenze finali 25., salari e stipendi

Dettagli

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO CONSENTONO DI PASSARE DAL CRITERIO DELLA MANIFESTAZIONE FINANZIARIA AL CRITERIO DELLA COMPETENZA ECONOMICA DETERMINARE: - RISULTATO ECONOMICO DELL

Dettagli

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA

H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA CONTABILITA GENERALE 21 H) SCRITTURE DI ASSESTAMENTO I) SCRITTURE DI EPILOGO E DI CHIUSURA 8 dicembre 2005 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 H. Scritture di assestamento

Dettagli

ESERC. N. 2 SCRITURE ASSESTAMENTO ESERCITAZIONE. Pagina 1 di 17

ESERC. N. 2 SCRITURE ASSESTAMENTO ESERCITAZIONE. Pagina 1 di 17 ESERCITAZIONE N. 2 SCRITTURE ASSESTAMENTO Pagina 1 di 17 SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Le scritture di assestamento si effettuano in sede di chiusura dei conti per determinare il risultato economico di competenza

Dettagli

Gli acquisti e il loro regolamento. Classe III ITC

Gli acquisti e il loro regolamento. Classe III ITC Gli acquisti e il loro regolamento Classe III ITC L acquisto dei fattori produttivi Rappresenta un operazione di investimento che genera costi Classificazione dei fattori produttivi pluriennali = beni

Dettagli

ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta

ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta ECONOMIA AZIENDALE A.A. 2005/2006 Esercitazione riepilogativa Simulazione prova scritta ESERCIZIO 1 - Riporto a capitale, reddito e rendiconto di liquidità. Analisi dei valori e delle variazioni Alla fine

Dettagli

VARIAZIONE NUMERARIA ASSIMILATA NEGATIVA COSTITUITA DALLA DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA SUL C/C BANCARIO PER 18.000.

VARIAZIONE NUMERARIA ASSIMILATA NEGATIVA COSTITUITA DALLA DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA SUL C/C BANCARIO PER 18.000. OPERAZIONE 1 Acquisto di attrezzature per 15.000, IVA 20%, regolamento con assegno bancario; ASPETTO ORIGINARIO: VARIAZIONE NUMERARIA ASSIMILATA NEGATIVA COSTITUITA DALLA DIMINUZIONE DELLE DISPONIBILITA

Dettagli

ESERCIZI DI RIPASSO PER IL TRIENNIO

ESERCIZI DI RIPASSO PER IL TRIENNIO Istituto Tecnico Commerciale e Geometri A. Bassi Via di Porta Regale, 2 26900 LODI C.F. 84504980156 Corsi Diurni: IGEA Mercurio Geometri Progetto Cinque ERICA Tecnico Turistico ITER Corsi Post Diploma

Dettagli

SCRITTURE CONTABILI E BILANCIO D'ESERCIZIO

SCRITTURE CONTABILI E BILANCIO D'ESERCIZIO Corso di Ragioneria applicata - Esercitazione Relatore: Dott. Andrea Fidanza 28 gennaio 2012 Mail: andrea@fidanzastudio.it Internet: www.fidanzastudio.it Comporre le scritture di assestamento sulla base

Dettagli

Si rilevino le seguenti operazioni di gestione nel Libro Mastro e nel Libro Giornale:

Si rilevino le seguenti operazioni di gestione nel Libro Mastro e nel Libro Giornale: Prof.ssa ntonietta Cosentino Sapienza Università di Roma ECONOMI ZIENDLE - Casi e Soluzioni ESERCITZIONE 10 LE OPERZIONI DI GESTIONE E L REDZIONE DEL BILNCIO DI VERIFIC Si rilevino le seguenti operazioni

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a UNITÀ E La contabilità generale: le operazioni d esercizio Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a La costituzione delle imprese individuali Documento Esercizi Costituzione dell impresa: Conferimento

Dettagli

RAGIONERIA GENERALE Esercitazioni 1 parte

RAGIONERIA GENERALE Esercitazioni 1 parte RAGIONERIA GENERALE Esercitazioni 1 parte Ragioneria generale - ESERCIZIO N. 1 (versione semplificata non si tiene conto dell IVA) Si proceda a contabilizzare in P.D. i seguenti fatti amministrativi commentando

Dettagli

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico

Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti di un azienda industriale in forma di s.p.a. e raccordo conlevoci di Stato patrimoniale e Conto economico Quadro dei conti Voci di: Stato patrimoniale (art. 2424 c.c.) Conto economico

Dettagli

UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO

UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO UN ANNO DI FORMAZIONE INSIEME Gennaio Dicembre 2015 BILANCIO D ESERCIZIO: LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO Bilancio d esercizio ART. 2423 Codice Civile Stato Patrimoniale Conto economico Nota integrativa ART.

Dettagli

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE

PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI A.MARTINI Castelfranco Veneto (TV) GARA NAZIONALE - ANNO - PROVA DI ECONOMIA AZIENDALE La prova consiste nello svolgimento due parti, la parte A e la

Dettagli

Fatturazione, registrazione, liquidazione periodica e versamento dell Iva

Fatturazione, registrazione, liquidazione periodica e versamento dell Iva Il sistema informativo e le contabilità aziendali Fatturazione, registrazione, liquidazione periodica e versamento dell Tutorial ESERCIZIO Nel corso del mese di maggio dell anno n la ditta Giuliano Lenti

Dettagli

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione

RAGIONERIA GENERALE 10 CFU Simulazione Prof. Stefano Coronella Cognome: Nome: Matricola: Aula: Documento identità (tipo e numero; basta anche il solo libretto universitario) Rilasciato da: Firma Rilasciato il: Segnare con una l unica risposta

Dettagli

PROSPETTO DI CLASSIFICAZIONE DEI CONTI DENOMINAZIONE CONTI ECONOMICI CONTI FINANZIARI CONTI di reddito capitale Numerari Finanziamento Costi Eserc.

PROSPETTO DI CLASSIFICAZIONE DEI CONTI DENOMINAZIONE CONTI ECONOMICI CONTI FINANZIARI CONTI di reddito capitale Numerari Finanziamento Costi Eserc. PROSPETTO DI CLASSIFICAZIONE DEI CONTI DENOMINAZIONE CONTI ECONOMICI CONTI FINANZIARI Costi Ricavi Costi sospesi (CS)/ Ricavi sospesi Abbuoni attivi X Abbuoni passivi X Aggio di emissione X Ammortamento

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI GESTIONE C) SCRITTURE RELATIVE ALLE VENDITE E D) SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI CREDITI 3 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità

Dettagli