Leonardo Conti Deistaf Ingegneria dei Biosistemi Agrari e Forestali Tel Rilevamento e Analisi del territorio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Leonardo Conti Deistaf Ingegneria dei Biosistemi Agrari e Forestali leonardo.conti@unifi.it- Tel. 055 3288629. Rilevamento e Analisi del territorio"

Transcript

1 Leonardo Conti Deistaf Ingegneria dei Biosistemi Agrari e Forestali Tel Rilevamento e Analisi del territorio

2 Cartografia ufficiale italiana CARTOGRAFIA TOPOGRAFICA DAL CATALOGO IGMI

3 A partire dal 1986 l'i.g.m. ha articolato la propria produzione cartografica in "serie" corrispondenti alle varie scale e contraddistinte da una copertina colorata che le caratterizza: scala 1 : scala 1 : serie 25 : azzurro; serie 50 : arancio; scala 1 : serie 100 : seppia; scala 1 : serie 250 : grigio; scala 1 : serie 500 : viola; scala 1 : serie 1000 : rosso. Nell'ambito di ciascuna serie possono esservi tipologie cartografiche diverse. Alcune di queste tipologie sono state contraddistinte da una lettera: "L" per cartografia con limiti amministrativi evidenziati in viola; "G" per cartografia contenente informazioni aeronautiche; "S" per cartografia elaborata da immagini da satellite. Con la lettera "V" invece viene contraddistinta la cartografia vecchio taglio, in quanto giàin corso di sostituzione, ma tuttora ristampata e posta in vendita. Si hanno cosìle serie 25/V, 100/V relative alle scale 1:25.000, 1: rispettivamente, per la cartografia non piùaggiornata, e le serie 25 e 50 relative alle scale 1:25.000, 1: rispettivamente, per quella in produzione.

4 CATALOGO: CARTA TOPOGRAFICA D'ITALIA SERIE 25 La carta si compone di 2298 elementi alla scala 1 :25000, denominati "sezioni", che hanno le dimensioni di 6' in latitudine e 10' in longitudine. La serie 25 verrà sostituita dalla serie 25 DB. La carta èin corso di allestimento. Le "sezioni", elaborate con rilievo aerofotogrammetrico numerico o analogico e successivamente disegnate con metodologie automatiche o manuali, sono inquadrate nella rappresentazione conforme "Universale Trasversa di Mercatore (UTM); il sistema di riferimenti geodetico è basato sull'ellissoide internazionale con orientamento medio europeo (ED 1950). Questa cartografia ha l'orografia a curve di livello con equidistanza di 25 m e riporta i confini di stato, i limiti amministrativi regionali, provinciali e comunali. E' stampata a 4 colori. Il taglio geografico di una "sezione "è sottomultiplo della carta d'italia alla scala 1: (un quarto)ed abbraccia una zona di terreno pari circa 150kmq contro i circa 100 kmq della " tavoletta".

5

6 Serie 25 CATALOGO: CARTA TOPOGRAFICA D'ITALIA SERIE 25 La carta si compone di 2298 elementi alla scala 1:25.000, denominati "sezioni", che hanno le dimensioni di 10' in longitudine e 6' in latitudine. La carta è in corso di allestimento. Le "sezioni", elaborate con rilievo aerofotogrammetrico numerico o analogico e successivamente disegnate con metodologie automatiche o manuali, sono inquadrate nella rappresentazione conforme "Universale Trasversa di Mercatore" (UTM); il sistema di riferimento geodetico è basato sull'ellissoide internazionale con orientamento medio europeo (ED 1950). Questa cartografia ha l'orografia a curve di livello con equidistanza di 25 m e riporta i confini di Stato, i limiti amministrativi regionali, provinciali e comunali. È stampata a 4 colori. Il taglio geografico di una "sezione" è sottomultiplo della carta d'italia alla scala 1: (un quarto) ed abbraccia una zona di terreno pari a circa 150 kmq contro i circa 100 kmq della "tavoletta".

7 CATALOGO: CARTA TOPOGRAFICA D'ITALIA SERIE 25/DB La carta si compone delle analoghe caratteristiche dimensionali della serie 25 la quale verràprogressivamente sostituita dalla serie 25/DB. Le sezioni, sono ottenute con stereorestituzione numerica o derivate dalla cartografia tecnica regionale numerica, sono inquadrate nella rappresentazione conforme Universale Traversa di Mercatore (UTM); il sistema di riferimento geodetico è l ETRS89, basato sull ellisoide GRS80. Il contenuto informativo è relativo alle opere dell uomo, all idrografia, alla vegetazione ed all orografia. Il disegno è anche in vera grandezza rapportato alla scala; ove ciò non è possibile si ricorre ad appropriata simbolizzazione come nel caso delle curve di livello (equidistanza di 25 m) per la raffigurazione dell orografia; sono indicati i confini di stato, i limiti amministrativi regionali, provinciali e comunali. La stampa è effettuata in quadricromia. Il taglio geografico di una sezione, analogo a quello della serie 25, èun quarto di quello della carta d Italia alla scala 1: ed abbraccia un territorio di circa 150 Kmq. È associata al prodotto 25/DB, ovvero alla corrispondente raccolta di dati geografici organizzata in logica di database relazionale con geometria a struttura topologica.

8

9 CATALOGO: CARTA TOPOGRAFICA D'ITALIA SERIE 50 E50/L La carta si compone di 636 elementi alla scala 1:50000, denominati "fogli", che hanno le dimensioni di 20' in longitudine e 12' in latitudine. La carta è in corso di allestimento. E' inquadrata nella rappresentazione conforme "Universale Trasversa di Mercatore" (UTM), il sistema di riferimento geodetico è basato sull' ellissoide internazionale con orientamento medio europeo (ED 1950). Questa cartografia è derivata dai rilievi alla scala 1:25000, ha l'orografia a sfumo e curve di livello con equidistanza di 25 metri, riporta i confini di Stato ed i limitiamministrativi regionali, provinciali e comunali. E' pubblicata in due serie: -Serie 50 a 6 colori, con l'orografia a sfumo e curve con sovrastampa del reticolato chilometrico in magenta; - Serie 50/L a 3 colori, con l'orografia a sole curve e con sovrastampa dei limiti amministrativi in viola.

10

11 Serie 50 Serie 50/L

12 CATALOGO: CARTA TOPOGRAFICA D'ITALIA SERIE 25/V La carta si compone di 3545 elementi alla scala 1: 25000, denominati "tavolette"; che hanno le dimensioni di 7'30'' in longitudine e 5' in latitudine. La carta ètutta pubblicata. E' inquadrata nella rappresentazione conforme di Gauss - Boaga, nel sistema geodetico nazionale (ellissoide internazionale con riferimento a Roma M. Mario ) con reticolato chilometrico UTM riferito al sistema geodetico europeo (ED 50). Èpubblicata a seconda delle aree in una sola delle tre versioni: a 1 solo colore (nero); a 3 colori (nero, bistro e azzurro); a 5 colori (nero, bistro, azzurro, verde e rosso). Nel 1986 è iniziato l'aggiornamento parziale delle tavolette relative alla zona nord-orientale dell'italia.

13 Serie 25/V

14 Serie 25/V

15 CATALOGO: CARTA TOPOGRAFICA D'ITALIA SERIE 100/V E 100/L La carta si compone di 278 elementi alla scala 1: , denominati "fogli", che hanno le dimensioni di 30' in longitudine e 20' in latitudine. La carta è tutta pubblicata. È inquadrata nella rappresentazione conforme di Gauss-Boaga, nel sistema geodetico nazionale(ellissoide internazionale con orientamento a Roma M. Mario ). La cartaèderivatadai rilievi alla scala 1: Ha l'orografia a sfumo e curve di livello con equidistanza di 50 metri, riporta i confini di Stato ed i limiti amministrativi regionali e provinciali. È pubblicata in due serie: Serie 100/V: a 5 colori o, per alcuni fogli, a 7 colori, con l'orografia a sfumo e curve di livello. La disponibilità di una esclude l'altra; Serie 100/L: a 2 colori con i limiti amministrativi e l'ubicazione delle sedi comunali in viola.

16 Serie 100/V Serie 100/L

17 CATALOGO: SPAZIOCARTA SERIE 50/S La carta si compone di 636 fogli alla scala 1:50 000, con dimensioni di 20' in longitudine e12' in latitudine. Essa è ricavata dai dati digitali pancromatici rilevati dai sensori HRV montati sui satelliti SPOT. Sulle immagini, corrette sia sotto l aspetto geometrico che radiometrico, è riportata la toponomastica dei principali centri abitati e degli elementi orografici ed idrografici piùsignificativi. E' stampata in bianco e nero. Rappresentazione conforme Universale Traversa di Mercatore (UTM). Il sistema di riferimento geodetico è basato sull'ellissoide internazionale con orientamento medio europeo (ED50).

18 Serie 50/S

19 1. Cartografia cartacea MODALITÀPER LE RICHIESTE A partire dal 1986 l'i.g.m. ha articolato la propria produzione cartografica in "serie" corrispondenti alle varie scale e contraddistinte da una copertina colorata che le caratterizza: scala 1 : scala 1 : serie 25: azzurro; serie 50: arancio; scala 1 : serie 100: seppia; scala 1 : serie 250: grigio; scala 1 : serie 500: viola; scala 1 : serie 1000: rosso. Nell'ambito di ciascuna serie possono esservi tipologie cartografiche diverse. Alcune di queste tipologie sono state contraddistinte da una lettera: "L" per cartografia con limiti amministrativi evidenziati in viola; "G" per cartografia contenente informazioni aeronautiche; "S" per cartografia elaborata da immagini da satellite. Con la lettera "V" invece viene contraddistinta la cartografia vecchio taglio, inquanto giàin corso di sostituzione, ma tuttora ristampata e posta in vendita. Si hanno cosìle "serie 25/V, 100/Ve 200/V" relative alle scale 1:25.000, 1: e 1: rispettivamente, per la cartografia non piùaggiornata, e le "serie 25, 50e 250" relative alle scale 1:25.000, 1: e 1 : rispettivamente, per quella in produzione.inoltre, gli elementi cartografici prodotti sono in parte ceduti già piegati e muniti di una copertina colorata che caratterizza la scala.

20 MODALITÀ PER LE RICHIESTE Nel richiedere la cartografia, oltre al numero di copie desiderato, occorre citare la serie, il numero distintivo, il titolo ed il tipo di edizione, come di seguito esemplificato per le carte più significative. Tali elementi si desumono dai quadri d'unione. Per la carta topografica d'italia serie 25, le sezioni desiderate devono essere designate mediante: la serie; il numero arabo del foglio al scritto al centro di ogni foglio in neretto; il numero romano della sezione scritto ad un angolo della stessa; il titolo della sezione scritto al centro. Per la carta topografica d'italia serie 50 e 50/L, la designazione del foglio si effettua citando: la serie (50 o 50/L); il numero del foglio scritto a margine; il titolo del foglio scritto al centro.

21 MODALITÀ PER LE RICHIESTE Per la carta topografica d'italia serie 25/V, le tavolette desiderate devono essere designate mediante: la serie (25/V); il numero arabo del foglio al scritto al centro di ogni foglio in neretto; il numero romano del quadrante scritto al centro di ogni gruppo di quattro tavolette; l'orientamento della tavoletta scritto a margine; il titolo della tavoletta scritto al centro. Per la carta topografica d'italia serie 100/V e 100/L, la designazione si effettua citando: la serie (100/V o 100/L); per la carta serie 100/V, precisare l'edizione desiderata (con sfumo e curve o a sole curve); il numero del foglio scritto al centro; il titolo del foglio scritto al centro. 107

22 MODALITÀ PER LE RICHIESTE

23 2. Dati cartografici numerici MODALITÀ PER LE RICHIESTE I dati cartografici numerici vanno richiesti, desumendo gli elementi necessari ad identificare i prodotti desiderati tra quelli standard elencati nella produzione dell'i.g.m. Per quelli relativi ai soli dati orografici e idrograficiva citata non solo la serie relativa (serie 25/V, serie 50 e serie 100/V), ma anche il numero distintivo ed il titolo dell'elemento cartografico cui si riferiscono. Tali dati vanno individuati nei rispettivi quadri d'unione. Per i dati numerici relativi ai limiti amministrativi va citata la regione interessata, in quanto sono ceduti per Regione amministrativa. Nel richiedere i dati numerici il Committente deve specificamente motivare la richiesta e finalizzare l'impiego dei dati. Inoltre deve impegnarsi a non utilizzare i dati per scopi diversi da quelli menzionati nella richiesta, non cederli a terzi nèin forma numerica nèin forma grafica. Nel caso che il Committente intenda produrre dai dati ceduti dall'i.g.m. un qualsiasi elaborato deve richiederne preventiva e specifica autorizzazione ed impegnarsi ad apporre la seguente dicitura: "Dai dati cartografici numerici dell'istituto Geografico Militare, Autorizzazione n.... del..." 3. Plastici in resina vinilica Valgono le stesse norme di designazione della cartografia. Si deve tener presente che sono disponibili i plastici relativi ai fogli contrassegnati nei quadri d'unione delle serie 50, serie 100/V, serie 200/V, e serie 250, quello della carta d'italia alla scala 1 : e quelli di "Firenze e dintorni" e della "Cartografia per la montagna".

24 4. Immagini da aereo MODALITÀ PER LE RICHIESTE Nel richiedere le fotografie aeree e le immagini digitali multispettrali il Committente deve motivare la richiesta e, nel caso intenda divulgarle o pubblicarle, deve chiedere anche la concessione dell'autorizzazione alla riproduzione ed impegnarsi ad apporre su tutte le copie degli elaborati ricavati la seguente dicitura: "Fotografia aerea" oppure "Immagini digitali multispettrali dell'istituto Geografico Militare. Autorizzazione n.... del..." a seconda del prodotto richiesto. Inoltre deve delimitare la zona di interesse preferibilmente su cartografia I.G.M. o su lucido ad essa sovrapponibile o su altra cartografia; indicare il tipo di copertura (semplice o stereoscopica), se trattasi di fotogrammi (cm 23 x 23) (copie a contatto) oppure il formato (cm 50 x 60 o cm 100 x 100), se trattasi di ingrandimenti totali o parziali; specificare il tipo di riproduzione (copia su carta o su pellicola) e l'epoca della ripresa, quando nota. Poiché per alcune zone sono disponibili, oltre alle immagini derivanti da riprese aerofotografiche con materiale pancromatico bianco/nero, anche quelle realizzate con materiale all'infrarosso falso colore, ènecessario indicare il tipo di ripresa desiderata. Si fa presente che le fotografie aeree richieste non sono immediatamente disponibili e che saranno spedite per posta o per corriere, oppure consegnate a mano nei tempi di consegna indicati nel preventivo. Le fotografie aeree possono essere cedute solo dopo l'esame preventivo dell'autorità competente. Tale esame può comportare l'obliterazione di uno o più particolari oppure escludere la cessione della fotografia. Le immagini digitali multispettrali possono essere fornite in formato digitale in CCT o in formato analogico su carta, pellicola o diapositiva. A richiesta possono essere realizzate elaborazioni geometriche di sistema e/o radiometriche. L'acquisizione dei dati digitali dàdiritto al solo uso per gli scopi dichiarati. I dati non possono essere ceduti a terzi nènella forma originaria nè opportunamente rielaborati senza l'autorizzazione dell'i.g.m.

25 5. Elementi geodetici MODALITÀ PER LE RICHIESTE I vertici trigonometrici, i punti GPS ed i caposaldi di livellazione devono essere indicati dal Committente, che ne fa richiesta motivata, o circoscrivendo la zona interessata su cartografia I.G.M. o su lucido ad essa sovrapponibile, oppure fornendo le indicazioni ritenute necessarie per una migliore localizzazione, quali: 6. Pubblicazioni il foglio della carta d'italia serie 100/V in cui sono ubicati; il toponimo del punto richiesto; il Comune e la Provincia in cui il punto geodetico èubicato. Per richiedere gli altri elementi geodetici èsufficiente descrivere accuratamente la prestazione desiderata. Gli elementi geodetici possono essere trasmessi anche via faxsimile, a richiesta del committente, con addebito della relativa spesa telefonica. Nella richiesta dei singoli fascicoli, anche arretrati, dei periodici "Bollettino di Geodesia e Scienze Affini" e "L'Universo" e in quella dei testi, oltre ad indicare il numero di copie desiderato, va specificato il numero e l'anno per i fascicoli dei periodici e l'autore ed il titolo per i testi. Chi desidera abbonarsi ai periodici può farlo, versando il relativo canone di abbonamento sul "conto corrente postale n " intestato a "Istituto Geografico Militare amministrazione", indicando il recapito presso il quale la pubblicazione dovràessere inviata e inoltrando l'attestazione del versamento a: Istituto Geografico Militare Direzione Amministrativa - Sezione Vendite Viale Strozzi, Firenze Tel

26 Cartografia ufficiale italiana CARTOGRAFIA CATASTALE

27 Cartografia catastale ufficiale italiana La cartografia catastale italiana ha inizio con la legge n marzo 1886, ed è realizzata per giurisdizioni amministrative comunali Le carte catastali non sono regolari e non contengono altimetria; prendono il nome di mappe catastali. Tali fogli di mappa sono redatti tipicamente in scala 1:2.000; talvolta sono in scala 1:4.000, oppure 1:1.000 o 1:500. Le mappe catastali sono disegnate in fogli di formato standard circa 70x100 cm. Oggetto della rappresentazione è la particella catastale, cioè una porzione continua di territorio, situata in un unico comune, appartenente ad uno stesso possessore, con un unica unica qualità di coltura e classe di fertilità. La particella catastale viene rappresentata nella sua corretta ubicazione, sia rispetto alle particelle circostanti che rispetto ai particolari topografici di natura stabile.

28 Cartografia catastale ufficiale italiana Le mappe catastali contengono usualmente: le linee continue costituenti delimitazioni delle particelle catastali e il corrispondente numero di particella (mappale) indicazioni relative alla viabilità, alle acque. limiti amministrativi comunali, provinciali, regionali e statali. i punti trigonometrici ed i punti quotati.

29 Cartografia catastale ufficiale italiana Il territorio nazionale ècompletamente cartografato con circa mappe catastali. La rappresentazione adottata èla Cassini-Soldner, rappresentazione di tipo policentrico, cioè con origini diverse derivanti da un punto trigonometrico di 1 o 2 ordine per un totale di 849 origini per tutto il territorio nazionale. Essa adotta l Ellissoide di Bessel: a= s=1/299,15 E da notare che: La cartografia catastale èstata sottoposta a una propria compensazione: perciò in molti casi risultano per i vertici catastali coincidenti con i vertici trigonometrici dell IGM valori delle coordinate che sono spesso diversi da quelli che risultano per l IGM. La rete catastale non èquindi del tutto congruente con quella nazionale, anche prescindendo dal sistema di riferimento. A partire dal 1942 iniziò la conversione della cartografia catastale con l adozione della rappresentazione conforme Gauss- Boaga, non ancora ultimata.

30 Leonardo Conti Deistaf Ingegneria dei Biosistemi Agrari e Forestali Tel Rilevamento e Analisi del territorio

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm.

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm. Le carte topografiche sono strumenti per la rappresentazione in piano di zone geografiche non eccessivamente estese come il territorio di una provincia, di un comune o parti di esso. Fondamentale è l'individuazione

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini CARTA U.T.M. (Universale Trasversa di Mercatore) Coordinate chilometriche La superficie della Terra è stata

Dettagli

Classificazione delle carte

Classificazione delle carte Classificazione delle carte In base alla scala -carte geografiche 1:1.000.000 e inferiore -carte corografiche 1:1.000.000 1:200.000 -carte topografiche 1:100.000 a piccola scala 1:50.000 a media scala

Dettagli

3 La cartografia ufficiale italiana

3 La cartografia ufficiale italiana Topografia, Cartografia e GIS Prof. Carlo Bisci Modulo Topografia e Cartografia (6 CFU) 3 La cartografia ufficiale italiana Per fare cartografia è necessario fissare: il sistema di riferimento (datum):

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 6. Produzione cartografica in Italia

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 6. Produzione cartografica in Italia Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 6. Produzione cartografica in Italia Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Produttori

Dettagli

Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali. Genova, 26 marzo 2013

Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali. Genova, 26 marzo 2013 Cartografia Cartografiaufficiale ufficialeitaliana italiana Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali Genova, 26 marzo 2013 Cartografia ufficiale italiana Organi

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

LA CARTOGRAFIA ITALIANA

LA CARTOGRAFIA ITALIANA LA CARTOGRAFIA ITALIANA ENTI CARTOGRAFICI ITALIANI che producono cartografia di base: I.G.M. - Istituto Geografico Militare Sede a Firenze Carta Topografica d Italia: VECCHIA PRODUZIONE 1:100.000 Fogli

Dettagli

Cartografia ufficiale dell Istituto Geografico Militare ANDREA CANTILE

Cartografia ufficiale dell Istituto Geografico Militare ANDREA CANTILE Cartografia ufficiale dell Istituto Geografico Militare ANDREA CANTILE Istituto Geografico Militare La produzione cartografica ufficiale, realizzata dall Istituto Geografico Militare nei suoi centotrentadue

Dettagli

INTERPRETIAMO LA CARTA Uso della carta topografica E.Cecioni Ed. IGMI 1987 Segni convenzionali e norme sul loro uso IGMI 1963

INTERPRETIAMO LA CARTA Uso della carta topografica E.Cecioni Ed. IGMI 1987 Segni convenzionali e norme sul loro uso IGMI 1963 INTERPRETIAMO LA CARTA Uso della carta topografica E.Cecioni Ed. IGMI 1987 Segni convenzionali e norme sul loro uso IGMI 1963 LA CARTA TOPOGRAFICA D'ITALIA Per conoscere la disponibilità delle carte topografiche

Dettagli

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT)

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Indice 1. Le trasformazioni di coordinate... 3 1.1 Coordinate massime e minime ammesse

Dettagli

RICHIESTE E CESSIONI 9 MODALITÀ PER LE RICHIESTE E LE CESSIONI

RICHIESTE E CESSIONI 9 MODALITÀ PER LE RICHIESTE E LE CESSIONI RICHIESTE E CESSIONI 9 MODALITÀ PER LE RICHIESTE E LE CESSIONI Ufficio Vendite Viale F. Strozzi, 10 SEDE Via C. Battisti, 10/12 RICHIESTE E CESSIONI 11 GENERALITÀ Il Repertorio dei prodotti e dei servizi

Dettagli

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1 Club Alpino Italiano - Sezione di Bozzolo TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA Cenni di geodesia e topografia Cartografia Lettura ed interpretazione delle carte

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Contenuti della lezione 1. Definizioni generali 2. Le coordinate geografiche 3. Le carte e le proiezioni 4. Lettura di una carta

Dettagli

Regolamento NORME E PROCEDURE PER LA REDAZIONE DEI CAPITOLATI D'APPALTO RELATIVI A PROGETTI CARTOGRAFICI ESEGUITI AI SENSI DELLA L.R. 17/94.

Regolamento NORME E PROCEDURE PER LA REDAZIONE DEI CAPITOLATI D'APPALTO RELATIVI A PROGETTI CARTOGRAFICI ESEGUITI AI SENSI DELLA L.R. 17/94. Regolamento NORME E PROCEDURE PER LA REDAZIONE DEI CAPITOLATI D'APPALTO RELATIVI A PROGETTI CARTOGRAFICI ESEGUITI AI SENSI DELLA L.R. 17/94. CRITERI PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI REGIONALI E MODALITA'

Dettagli

Laboratorio di Cartografia e GIS CIRCE www.iuav.it/circe

Laboratorio di Cartografia e GIS CIRCE www.iuav.it/circe Laboratorio di Cartografia e GIS CIRCE www.iuav.it/circe Il laboratorio opera e svolge attività di ricerca nel campo della cartografia e la rappresentazione del fenomeno urbano e regionale. Raccoglie,

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Giunta Regionale della Campania REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale - Seduta del 7 aprile 2004 - Deliberazione N. 560 - Area Generale di Coordinamento N. 16 Gestione del Territorio Tutela beni paesistico-ambientali

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE REGIONE CALABRIA ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE (Legge 208/98, periodo 2005/2008, delibera

Dettagli

LE FOTOGRAFIE AEREE. Sistema Informativo Territoriale: repertorio cartografico e banche dati territoriali

LE FOTOGRAFIE AEREE. Sistema Informativo Territoriale: repertorio cartografico e banche dati territoriali 8 10 12 14 16 18 20 22 24 26 LE FOTOGRAFIE AEREE La Regione Lombardia ha realizzato nel corso degli anni una serie di riprese aeree del proprio territorio utilizzate per la produzione e l aggiornamento

Dettagli

CARTOGRAFIA. Associazione Internazionale di Cartografia (A.I.C.)

CARTOGRAFIA. Associazione Internazionale di Cartografia (A.I.C.) CARTOGRAFIA La CARTOGRAFIA è l insieme delle operazioni Scientifiche, artistiche e tecniche che, a partire dai risultati delle levate originali o dall esame e dallo studio dei dati di una documentazione,

Dettagli

Sistemi di riferimento in uso in Italia

Sistemi di riferimento in uso in Italia Sistemi di riferimento in uso in Italia Sistemi di riferimento in uso in Italia Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 /

Dettagli

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni Verifiche di qualità del Data Base Topografico Prof. Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Monza, 8.3.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico (DBT) è un archivio integrato contenente dati cartografici

Dettagli

STORIA La rappresentazione della superficie terrestre è sempre stata di grande interesse teorico e pratico per l Uomo. Fin dall'antichità sono state effettuate rappresentazioni parziali o totali della

Dettagli

PROMEMORIA PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZA DI PERMESSO DI RICERCA DI IDROCARBURI (Decreto Direttoriale 22 marzo 2011)

PROMEMORIA PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZA DI PERMESSO DI RICERCA DI IDROCARBURI (Decreto Direttoriale 22 marzo 2011) PROMEMORIA PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZA DI PERMESSO DI RICERCA DI IDROCARBURI (Decreto Direttoriale 22 marzo 2011) A) L ISTANZA DI PERMESSO DI RICERCA VA INVIATA A: MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Dettagli

Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007. Sistemi Informativi Territoriali. Introduzione ai. Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali

Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007. Sistemi Informativi Territoriali. Introduzione ai. Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007 Introduzione ai Sistemi Informativi Territoriali Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali Sommario Cos è il SIT Gli strumenti del SIT L informatizzazione

Dettagli

ELEMENTI DI GEODESIA E CARTOGRAFIA

ELEMENTI DI GEODESIA E CARTOGRAFIA Università degli studi di Roma Tor Vergata Corso di Telerilevamento e Cartografia Anno accademico 2012/2013 ELEMENTI DI GEODESIA E CARTOGRAFIA Ing. Cristina Vittucci 12 06-2013 STORIA DELLA CARTOGRAFIA

Dettagli

Lettura delle carte, orientamento sul territorio

Lettura delle carte, orientamento sul territorio Corso di Primo Livello per Volontari di Protezione Civile Amm.ne Provinciale di Lecco Lettura delle carte, orientamento sul territorio Relatori: geologi Bonfanti Dr. Carlo, De Maron Dr. Egidio e Stanzione

Dettagli

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano Prof.Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Milano, 28.1.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico

Dettagli

Sistema di riferimento

Sistema di riferimento Sistema di riferimento Storicamente divisione fra altimetria e planimetria (riferimento fisico riferimento matematico) Oggi dati sempre più integrati Domani? Dato di fatto - L acqua segue leggi fisiche

Dettagli

La Georeferenziazione dei dati territoriali

La Georeferenziazione dei dati territoriali La Georeferenziazione dei dati territoriali Dott. Alessandro Santucci ANNO ACCADEMICO 2006/07 Università di Pisa Dipartimento di Ingegneria Civile ARGOMENTI Georeferenziazione degli oggetti: concetti generali

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 7. Lettura delle carte topografiche Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Dati identificativi

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

come richiestoci, Vi sottoponiamo la nostra migliore offerta economica relativa alla prestazione professionale di cui all oggetto.

come richiestoci, Vi sottoponiamo la nostra migliore offerta economica relativa alla prestazione professionale di cui all oggetto. Egr.... Project Manager... Energia Italia SPA Via...,... 0143 Roma Cosenza,... Oggetto: Offerta per la redazione degli elaborati tecnici al fine del rilascio dell'autorizzazione Paesaggistica per la costruzione

Dettagli

ALLEGATO B al Disciplinare di Gara. Capitolato Tecnico

ALLEGATO B al Disciplinare di Gara. Capitolato Tecnico - 1/14 - Gara europea a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per la formazione di Database Topografico alla scala nominale 1:25000 (25K) e realizzazione della corrispondente cartografia alle

Dettagli

Fornitura di data base topografici dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000

Fornitura di data base topografici dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

Tecnologie per i Beni Culturali Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

Tecnologie per i Beni Culturali Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini Tecnologie per i Beni Culturali Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini CARTA U.T.M. (Universale Trasversa di Mercatore) La superficie della Terra è stata divisa in 60 fusi, dell ampiezza

Dettagli

SERVIZIO GESTIONE INFORMAZIONI TERRITORIALI AMBIENTALI E CARTOGRAFICHE. REGOLAMENTO del Servizio Cartografico

SERVIZIO GESTIONE INFORMAZIONI TERRITORIALI AMBIENTALI E CARTOGRAFICHE. REGOLAMENTO del Servizio Cartografico SERVIZIO GESTIONE INFORMAZIONI TERRITORIALI AMBIENTALI E CARTOGRAFICHE REGOLAMENTO del Servizio Cartografico Approvazione del Regolamento: Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 970-170649/1994 del

Dettagli

Cartografia digitale

Cartografia digitale Cartografia digitale Cartografia digitale Paolo Zatelli Departimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 30 Cartografia digitale Outline

Dettagli

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS AREA DEI SERVIZI PER IL TERRITORIO Ufficio per le Risorse Idriche, Energia e Vincolo Idrogeologico

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS AREA DEI SERVIZI PER IL TERRITORIO Ufficio per le Risorse Idriche, Energia e Vincolo Idrogeologico Prot. n. Bollo Alla Provincia di Carbonia Iglesias Via Fertilia, 40 09013 Carbonia RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA RICERCA IDRICA per uso irriguo, industriale, ecc. (art. 95 R.D. n 1775/33) Il/la sottoscritto/a

Dettagli

Funzionalità e servizi integrativi: il software Ferens e il geoide regionale

Funzionalità e servizi integrativi: il software Ferens e il geoide regionale DIREZIONE AMBIENTE TERRITORIO E INFRASTRUTTURE Servizio Informatico/Informativo: geografico ambientale e territoriale Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria DICA - Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI

2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI Aerofotogrammetria 2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI Dal negativo, impressionato in volo, si possono ottenere diversi prodotti tra cui: stampe a contatto, ingrandimenti, raddrizzamenti, ortofoto e restituzioni

Dettagli

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS AREA DEI SERVIZI PER IL TERRITORIO Ufficio per le Risorse Idriche, Energia e Vincolo Idrogeologico

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS AREA DEI SERVIZI PER IL TERRITORIO Ufficio per le Risorse Idriche, Energia e Vincolo Idrogeologico Bollo Alla Provincia di Carbonia Iglesias Via Fertilia, 40 09013 Carbonia Protocollo n RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA RICERCA DI ACQUE SOTTERRANEE per uso domestico (art. 93 R.D. n 1775/33) Il/la sottoscritto/a

Dettagli

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE La Il paragrafo è intitolato La Carta di Gauss poiché, delle infinite formule che si possono adottare per mettere in corrispondenza i punti dell'ellissoide con quelli

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

LA CARTA TECNICA REGIONALE IN SCALA 1:5000

LA CARTA TECNICA REGIONALE IN SCALA 1:5000 LA CARTA TECNICA REGIONALE IN SCALA 1:5000 Attualmente sono disponibili tre diverse edizioni di C.T.R. 1:5000: AL TRATTO realizzata dal 1977 al 1982 in base alle norme contenute nella L.R. n. 40 del 29/11/1974.

Dettagli

PROVINCIA DELL OGLIASTRA Servizio Urbanistica, Governo del Territorio, Informatizzazione, Ambiente, Rifiuti ed Energia

PROVINCIA DELL OGLIASTRA Servizio Urbanistica, Governo del Territorio, Informatizzazione, Ambiente, Rifiuti ed Energia BOLLO 14.42 Spett.le Provincia dell Ogliastra Ufficio Gestione acque via Pietro Pistis - 08045 LANUSEI (OG) Richiesta di autorizzazione allo scarico di acque reflue di tipo DOMESTICO non recapitanti in

Dettagli

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ufficio Cartografico Servizio Cartografia e Gis della Provincia di Brescia Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ing. Antonio Trebeschi L attività dell Ufficio Cartografico

Dettagli

Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010. U.N.U.C.I. sezione di Padova

Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010. U.N.U.C.I. sezione di Padova Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010 U.N.U.C.I. sezione di Padova NOZIONI DI TOPOGRAFIA Reticolato geografico Designazione di un punto Sistemi di misura Nord Geografico, Rete e Magnetico Distanze Scale di

Dettagli

Relatore: Prof. Pier Luigi PAOLILLO. Co-relatore: Prof. Franco GUZZETTI

Relatore: Prof. Pier Luigi PAOLILLO. Co-relatore: Prof. Franco GUZZETTI L integrazione del Database Topografico di Regione Lombardia con i dati provenienti dagli archivi catastali: la determinazione delle aree di pertinenza Relatore: Prof. Pier Luigi PAOLILLO Co-relatore:

Dettagli

1. PREMESSA 3. 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4

1. PREMESSA 3. 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4 SOMMARIO 1. PREMESSA 3 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4 3. INTRODUZIONE METODOLOGICA 5 4. ANALISI METODOLOGICA

Dettagli

INDICE. Appalto per l esecuzione di interventi di potenziamento dei servizi geomatici e telematici del Centro Cartografico Regionale di Lamezia Terme

INDICE. Appalto per l esecuzione di interventi di potenziamento dei servizi geomatici e telematici del Centro Cartografico Regionale di Lamezia Terme Regione Calabria APPALTO PER L ESECUZIONE DI INTERVENTI DI POTENZIAMENTO DEI SERVIZI GEOMATICI E TELEMATICI DEL CENTRO CARTOGRAFICO REGIONALE DI LAMEZIA TERME 1. Rete di raffittimento geodetico regionale

Dettagli

Corso di Topografia I

Corso di Topografia I Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia I Prof. Fabio Radicioni Ing. Aurelio Stoppini Dispensa: COMPLEMENTI DI CARTOGRAFIA - I Parte 1 COMPLEMENTI DI CARTOGRAFIA - I

Dettagli

La mappa catastale e la sua precisione. Ortisei, 12 Novembre 2009 ing. Paolo Russo

La mappa catastale e la sua precisione. Ortisei, 12 Novembre 2009 ing. Paolo Russo Abteilung 41 Grundbuch, Grund- und Gebäudekataster Amt 41.2 Inspektorat für den Kataster Ripartizione 41 Libro fondiario, catasto fondiario e urbano Ufficio 41.2 Ispettorato per il catasto La mappa catastale

Dettagli

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Lucia D Alessandro, Antonella Di Emidio, Paolo Genovelli Regione Abruzzo Struttura Speciale di Supporto Sistema Informativo Regionale, Via L. da Vinci,

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UNITÀ DI GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER LA NAVIGAZIONE ED IL DEMANIO MARITTIMO S.I.D. SISTEMA INFORMATIVO DEMANIO MARITTIMO GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL

Dettagli

Trasformazioni di sistemi di riferimento

Trasformazioni di sistemi di riferimento Trasformazioni di sistemi di riferimento Trasformazioni di sistemi di riferimento Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1

Dettagli

Cenni all utilizzo del programma PREGEO 8.00

Cenni all utilizzo del programma PREGEO 8.00 Cenni all utilizzo del programma PREGEO 8.00 Introduzione (PREtrattamento atti GEOmetrici) è uno strumento di supporto per i tecnici professionisti quali geometri, ingegneri, architetti, periti agrari

Dettagli

Sistemi di riferimento

Sistemi di riferimento Sistemi di riferimento Sistemi di riferimento Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 40 Sistemi di riferimento Outline

Dettagli

Report tecnico-informativo sulle immagini Quick Bird acquisite dalla Provincia di Piacenza con finanziamento della Regione E_R

Report tecnico-informativo sulle immagini Quick Bird acquisite dalla Provincia di Piacenza con finanziamento della Regione E_R Amministrazione Provinciale di Piacenza Area Programmazione Territoriale Infrastrutture-Ambiente Servizio Programmazione Territoriale Urbanistica Miglioramento Carta Geografica Unica Report tecnico-informativo

Dettagli

GeoCAD CE Introduzione :

GeoCAD CE Introduzione : GeoCAD CE Introduzione : Applicazione che sfrutta le potenzialità del prodotto AutoDesk Onsite View e AutoDesk Onsite Enterprise ; consente di operare su mappe in qualsiasi formato : AutoDesk DWG o mappe

Dettagli

SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI

SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI Esistono 3 tipi di dati: 1- Dati tabellari (informativi) 2- Dati geometrici (territoriali) 3- Dati geometrici e tabellari (informativi territoriali) La localizzazione

Dettagli

SINTESI DI PROGETTO PREMESSA : Created with novapdf Printer (www.novapdf.com). Please register to remove this message.

SINTESI DI PROGETTO PREMESSA : Created with novapdf Printer (www.novapdf.com). Please register to remove this message. REALIZZAZIONE DI UNA RETE GPS PER LA FORMAZIONE DI UN DATUM GEODETICO LOCALE E TRASFORMAZIONI DI COORDINATE PER APPLICAZIONI CARTOGRAFICHE E TOPOGRAFICHE SINTESI DI PROGETTO PREMESSA : Il progetto nasce

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLA RICERCA DI ACQUE SOTTERRANEE per uso domestico

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLA RICERCA DI ACQUE SOTTERRANEE per uso domestico RI Prot. N ( bollo) Alla Provincia di Cagliari DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLA RICERCA DI ACQUE SOTTERRANEE per uso domestico (art. 93 R.D. n. 1775/33) Il sottoscritto/a C.F., nato a il residente in Prov.

Dettagli

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 COMUNE DI CRANDOLA VALSASSINA Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 Lecco Febbraio 2003 (Aggiornamento all Aprile 2004)

Dettagli

Problematiche di allineamento tra cartografie catastali e DB topografici

Problematiche di allineamento tra cartografie catastali e DB topografici Gabriele GARNERO garnero@agraria.unito.it Problematiche di allineamento tra cartografie catastali e DB topografici Seminario AM/FM Il decentramento del catasto ai Comuni BERGAMO, 07/05/02 Università degli

Dettagli

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO ARGOMENTO INTERDISCIPLINARE: TECNOLOGIA-SCIENZE-GEOGRAFIA Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO................................. Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO

Dettagli

Prof. Paolo Aminti 2 - GEODESIA - DISEGNO TOPOGRAFICO - CARTOGRAFIA. 2.1 Geodesia

Prof. Paolo Aminti 2 - GEODESIA - DISEGNO TOPOGRAFICO - CARTOGRAFIA. 2.1 Geodesia Prof. Paolo Aminti 2 - GEODESIA - DISEGNO TOPOGRAFICO - CARTOGRAFIA 2.1 Geodesia 2.1.1 GEOIDE ED ELLISSOIDE - DATUM La terra è un corpo celeste solidificatosi in un campo di forza gravitazionale: la gravità

Dettagli

Regione Lombardia Servizio Sistema Informativo Regionale. LA CARTA TECNICA REGIONALE Scala 1:10.000 INTRODUZIONE

Regione Lombardia Servizio Sistema Informativo Regionale. LA CARTA TECNICA REGIONALE Scala 1:10.000 INTRODUZIONE Regione Lombardia Servizio Sistema Informativo Regionale LA CARTA TECNICA REGIONALE Scala 1:10.000 INTRODUZIONE La serie di CD-ROM che qui si presenta contiene le immagini digitali della Carta Tecnica

Dettagli

Scuola primaria. Obiettivi di apprendimento. Orientamento

Scuola primaria. Obiettivi di apprendimento. Orientamento Geografia Scuola primaria classe 1^ Competenze chiave Traguardi per lo sviluppo della competenza Obiettivi di apprendimento Conoscenze Abilità Comunicazione nella madrelingua Competenze di base in campo

Dettagli

Implementazione su web del sistema WIND-GIS

Implementazione su web del sistema WIND-GIS Implementazione su web del sistema WIND-GIS Contenuti dell applicazione Il layout dell applicazione si articola in diverse sezioni, ognuna delle quali offre specifiche funzionalità. La sezione più importante

Dettagli

Scuola Alpinismo "Cosimo Zappelli" CAI Viareggio NOZIONI DI ORIENTAMENTO

Scuola Alpinismo Cosimo Zappelli CAI Viareggio NOZIONI DI ORIENTAMENTO Scuola Alpinismo "Cosimo Zappelli" CAI Viareggio NOZIONI DI ORIENTAMENTO Viareggio 02/05/2013 Introduzione Cos è l orientamento? L'orientamento è l'insieme delle tecniche che permettono di riconoscere

Dettagli

della ditta (1).. C H I E D E

della ditta (1).. C H I E D E .Data aggiornamento 16.02.09 rev. 5 DOMANDA PER L OTTENIMENTO DELL AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA/COLLETTORE INTERCOMUNALE DI ACQUE REFLUE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI INDUSTRIALI O DA

Dettagli

ELEMENTI DI CARTOGRAFIA E FOTOINTERPRETAZIONE ELABORAZIONI GIS

ELEMENTI DI CARTOGRAFIA E FOTOINTERPRETAZIONE ELABORAZIONI GIS ELEMENTI DI CARTOGRAFIA E FOTOINTERPRETAZIONE ELABORAZIONI GIS 2011 1- Cosa è una carta 2- Elementi principali di una carta 3- Come si legge una carta 4- Cartografia tematica 5- Fotointerpretazione da

Dettagli

DELL AGRONOMO-FORESTALE.

DELL AGRONOMO-FORESTALE. ORDINE DOTTORI AGRONOMI E FORESTALI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE CORSO DI PREPARAZIONE ALL ESAME DI ABILITAZIONE PROFESSIONALE. IL CATASTO E LA PROFESSIONE DELL AGRONOMO-FORESTALE. A cura del: Dr.Agr. Michele

Dettagli

CATASTO TERRENI CATASTO EDILIZIO URBANO. Registri. Registri. Mappe. Planimetrie

CATASTO TERRENI CATASTO EDILIZIO URBANO. Registri. Registri. Mappe. Planimetrie CARTOGRAFIA NUMERICA CATASTALE La cartografia catastale è di grande importanza perché è l'unica cartografia a grande scala che si estende a ricoprire tutto il territorio nazionale. Il Catasto raccoglie

Dettagli

Scheda 3 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO RAPPRESENTARE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 3 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO RAPPRESENTARE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 3 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO RAPPRESENTARE IL TERRITORIO GREEN JOBS Formazione e Orientamento RAPPRESENTARE IL TERRITORIO Lo strumento che in maniera sintetica rappresenta

Dettagli

Tracciamento di fabbricati

Tracciamento di fabbricati Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica T10 Geomatica e attività catastali Tracciamento di fabbricati Sommario Il presente documento specifica

Dettagli

Se persona fisica Il/la sottoscritto/a nato/a a il codice fiscale e residente in via/piazza CAP comune prov. telefono fax e-mail

Se persona fisica Il/la sottoscritto/a nato/a a il codice fiscale e residente in via/piazza CAP comune prov. telefono fax e-mail RICHIESTA Autorizzazioni paesistiche. Provincia di Milano Settore Agricoltura, parchi, caccia e pesca Viale Piceno, 60 20129 MILANO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER INTERVENTI IN AREA BOSCATA

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN COMUNE PER L ESECUZIONE DI ATTRAVERSAMENTI STRADALI STRADA COMUNALE

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN COMUNE PER L ESECUZIONE DI ATTRAVERSAMENTI STRADALI STRADA COMUNALE DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN COMUNE PER L ESECUZIONE DI ATTRAVERSAMENTI STRADALI STRADA COMUNALE 1. Verificare che la strada non sia stata asfaltata da meno di un anno dalla data di presentazione della

Dettagli

Dal disegno alla topologia

Dal disegno alla topologia Dal disegno alla topologia Claudio Rocchini Istituto Geografico Militare Introduzione La maggior parte dei dati cartografici prodotti è ancora in forma di cartografia numerica e non basi di dati. La produzione

Dettagli

CATASTO. Come si classifica il catasto? a) probatorio e particellare. b) rustico e urbano. c) probatorio fondato sulla denuncia dei possessori.

CATASTO. Come si classifica il catasto? a) probatorio e particellare. b) rustico e urbano. c) probatorio fondato sulla denuncia dei possessori. CATASTO Che cosa è il catasto? a) è l inventario dei beni immobili esistenti in un determinato territorio. b) è l archiviazione presso l U.T.E. di tutti i fogli di mappa di un comprensorio. c) è l archiviazione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE GEOGRAFIA

CURRICOLO VERTICALE GEOGRAFIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE GEOGRAFIA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE DI AMBITO ABILITÀ CONOSCENZE Orientarsi nello spazio circostante utilizzando riferimenti

Dettagli

Relatore: Giovanni Telesca

Relatore: Giovanni Telesca Potenza 15/10/2009 La necessità di gestire grandi volumi di informazioni, provenienti da molteplici fonti e organizzati secondo sistemi di georeferenziazione diversi per caratteristiche e accuratezza,

Dettagli

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA COMMISSIONE CATASTO Unione Speleologica Calenzano con il patrocinio del Comune di Calenzano CORSO DI CARTOGRAFIA E POSIZIONAMENTO GROTTE 29 30 maggio 2010 Istruttori Bernabini

Dettagli

1. COME SI LEGGE LA CARTA NAUTICA 1 1.1 UNA PREMESSA. 44-00198 Roma

1. COME SI LEGGE LA CARTA NAUTICA 1 1.1 UNA PREMESSA. 44-00198 Roma 1. COME SI LEGGE LA CARTA NAUTICA 1 Si pensa spesso che per leggere una carta nautica basti guardarla: non è certo così. Anche diportisti con lunga esperienza di navigazione possono trovarsi impreparati

Dettagli

Proiezioni cartografiche in uso in Italia

Proiezioni cartografiche in uso in Italia Proiezioni cartografiche in uso in Italia Proiezioni cartografiche in uso in Italia Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

CATASTO DEI BOSCHI E DEI PASCOLI, SITUATI ENTRO 50MT DAI BOSCHI, PERCORSI DAL FUOCO Art. 70 ter Legge Regionale n.39/2000

CATASTO DEI BOSCHI E DEI PASCOLI, SITUATI ENTRO 50MT DAI BOSCHI, PERCORSI DAL FUOCO Art. 70 ter Legge Regionale n.39/2000 S E RV I Z I O P R O T E Z I O N E C I V I L E F U N Z I O N E C AT A S T O D E I B O S C H I E D E I P A S C O L I P E R C O R S I D A L FUOC O Comuni di: Bientina, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme,

Dettagli

Il catasto. Corso di Estimo - CLA - Prof. E. Micelli

Il catasto. Corso di Estimo - CLA - Prof. E. Micelli Il catasto Cos è il catasto Il Catasto rappresenta l inventario dei beni immobili esistenti sul territorio nazionale è la base per le imposizioni fiscali conserva le informazioni relative a: individuazione

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

DOMANDA DI RICERCA PER ACQUE SOTTERRANEE per uso irriguo, industriale, ecc.

DOMANDA DI RICERCA PER ACQUE SOTTERRANEE per uso irriguo, industriale, ecc. RI Prot. N ( bollo) Alla Provincia di Cagliari Via Cadello 9/b 3 piano DOMANDA DI RICERCA PER ACQUE SOTTERRANEE per uso irriguo, industriale, ecc. Il sottoscritto/a C.F. nato a il residente in prov. via

Dettagli

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Elementi di cartografia: La lettura del territorio Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Cenni storici Tavoletta di Nippur, 1500 A.C. Cenni storici Carta di Anassimandro, 550 A.C.

Dettagli

Art. 3 Carta di localizzazione dei probabili rischi da valanga

Art. 3 Carta di localizzazione dei probabili rischi da valanga Banca Dati delle Leggi Regionali nel testo coordinato LEGGE REGIONALE 20/05/1988, N. 034 Norme per la prevenzione dei rischi da valanga. da Art. 1 ad Art. 22 Art. 1 Finalita' della legge 1. La presente

Dettagli

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina Dott. Ing. Marco Sacchetti Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione in Laterina - Comune di Laterina RELAZIONE PAESAGGISTICA Ai sensi del D.P.R. 09.Luglio.2010 n. 139 Proprietà:

Dettagli

Parte zero. COSTO ANALITICO DI RISTRUTTURAZIONE: simulare opere di ristrutturazione e relativi. costi:

Parte zero. COSTO ANALITICO DI RISTRUTTURAZIONE: simulare opere di ristrutturazione e relativi. costi: Parte zero COSTO ANALITICO DI RISTRUTTURAZIONE: simulare opere di ristrutturazione e relativi costi: - rifacimento imp elettrico :9.000 - sostituzione infissi : 10.000 - sostituzione sanitari in bagno

Dettagli

ART. 1 COMPOSIZIONE E ARTICOLAZIONE DEL CATASTO SPELEOLOGICO REGIONALE

ART. 1 COMPOSIZIONE E ARTICOLAZIONE DEL CATASTO SPELEOLOGICO REGIONALE Allegato alla Delib.G.R. n. 44/19 del 29.9.2009 Direttiva per il funzionamento, aggiornamento e accesso al Catasto Speleologico Regionale in attuazione dell art. 9, comma 8, della L.R. n. 4/2007 recante

Dettagli

Specifiche Tecniche per l aggiornamento di cartografie numeriche ed il loro adeguamento al Data base topografico

Specifiche Tecniche per l aggiornamento di cartografie numeriche ed il loro adeguamento al Data base topografico Specifiche Tecniche per l aggiornamento di cartografie numeriche ed il loro adeguamento al Data base topografico Versione 2.0 Dicembre 2007 1 PREMESSA Le presenti specifiche tecniche hanno lo scopo di

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

Progetto di aggiornamento delle informazioni di uso del suolo del Sistema Informativo Agricolo Nazionale

Progetto di aggiornamento delle informazioni di uso del suolo del Sistema Informativo Agricolo Nazionale Progetto di aggiornamento delle informazioni di uso del suolo del Sistema Informativo Agricolo Nazionale 1 Refresh eleggibilità Introduzione Il Progetto Refresh eleggibilità Definizione di appezzamento

Dettagli

15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno

15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno 15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno La distanza planimetrica fra due punti di una carta può essere letta direttamente

Dettagli