LA CARTA TECNICA REGIONALE IN SCALA 1:5000

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA CARTA TECNICA REGIONALE IN SCALA 1:5000"

Transcript

1 LA CARTA TECNICA REGIONALE IN SCALA 1:5000 Attualmente sono disponibili tre diverse edizioni di C.T.R. 1:5000: AL TRATTO realizzata dal 1977 al 1982 in base alle norme contenute nella L.R. n. 40 del 29/11/1974. E la prima legge regionale che regolamenta la formazione di cartografia tecnica per scopi istituzionali. CAD 3D realizzata dal 1990 al La C.T.R. 1:5000 diventa numerica, vettoriale, si aggiorna nei contenuti ed essendo numerica, si arricchisce della terza dimensione. DBTOPO realizzata dal 2005 al La C.T.R. 1:5000 si aggiorna ulteriormente nei contenuti, mantiene la terza dimensione e ad ogni particolare topografico rilevato, vengono associate le informazioni descrittive che lo specializzano ulteriormente

2 AL TRATTO realizzata dal 1977 al 1982 in base alle norme contenute nella L.R. n. 40 del 29/11/1974. E la prima legge regionale che regolamenta la formazione di cartografia tecnica per scopi istituzionali

3 COPERTURA CAD3D

4 CAD 3D realizzata dal 1990 al La C.T.R. 1:5000 diventa numerica, vettoriale, si aggiorna nei contenuti ed essendo numerica, si arricchisce della terza dimensione.

5 COPERTURA DBTOPO

6 DBTOPO realizzata dal 2005 al La C.T.R. 1:5000 si aggiorna ulteriormente nei contenuti, mantiene la terza dimensione e ad ogni particolare topografico rilevato, vengono associate le informazioni descrittive che lo specializzano ulteriormente

7 IL PROCESSO DI FORMAZIONE: LE RIPRESE AEROFOTOGRAMMETRICHE Il territorio oggetto di interesse viene sorvolato con un aereo, appositamente attrezzato, secondo un piano di volo organizzato a priori. In relazione al tipo e alla scala della cartografia da produrre, con il piano di volo si stabiliscono, la quota di volo, la velocità di crociera (che deve risultare costante), il numero e l andamento delle strisciate e, conseguentemente, il numero dei fotogrammi in modo da garantire la totale copertura del territorio e l ottimizzazione dei tempi di volo. Le foto sono scattate in successione e ad intervalli regolari (strisciata) in modo da assicurare una sovrapposizione di circa il 60% tra fotogrammi adiacenti (ricoprimento longitudinale) necessaria per consentire la visione stereoscopica. Più strisciate contigue, con sovrapposizione compresa in genere tra il 20% e il 40% (ricoprimento laterale) formano un blocco fotogrammetrico.

8 IL PROCESSO DI FORMAZIONE: LE RIPRESE AEROFOTOGRAMMETRICHE La ripresa aerea va pianificata tenendo conto, innanzitutto, delle condizioni atmosferiche, scegliendo giornate limpide e senza nubi. Il territorio deve presentare assenza di copertura nevosa e, per quanto possibile, la vegetazione deve essere priva di fogliame. Il periodo ottimale per effettuare le riprese, è quello in cui la posizione del sole rispetto al punto di presa (corrispondente grossomodo alla posizione della fotocamera all interno del velivolo) e l altezza del sole rispetto all orizzonte non determinano ombre marcate e zone sovrailluminate. Rispetto al recente passato, attualmente, sugli aeromobili destinati alle riprese aeree non vengono più montate fotocamere di tipo analogico caricate con pellicola fotografica tradizionale, ma fotocamere digitali ad alta risoluzione integrate con strumentazione GPS ed apposite apparecchiature dotate di sensori inerziali che, in ogni momento, registrano e forniscono la posizione del velivolo e le sue variazioni d assetto (rollio, beccheggio e deriva rispetto all asse di volo), informazioni che sono indispensabili per la ricostruzione «a tavolino» delle geometrie dei fotogrammi (ingombro al suolo, centri di presa e assi di volo) durante il processo di formazione della cartografia.

9 IL PROCESSO DI FORMAZIONE: LA RETE DI INQUADRAMENTO PLANO-ALTIMETRICO La rete di inquadramento plano-altimetrico è costituita dai vertici della rete nazionale IGM95, è determinata con metodologia GPS e inquadrata nel sistema ETRS89 nella realizzazione ETRF2000; i vertici hanno una interdistanza media di circa 20 Km. Ad essa è collegata la rete di raffittimento regionale (a totale copertura del territorio ligure) realizzata nel 2005, e determinata con metodologia GPS; è caratterizzata da una interdistanza media tra i vertici di circa 7 Km. per un totale di 182 vertici. A completamento, nel corso degli anni seguenti (dal 2005 al 2013) è stata realizzata, per ciascun lotto di cartografia appaltata, la rete di dettaglio con maglia 3 Km. anch essa determinata con metodologia GPS e strettamente vincolata alle due reti principali. Per un ulteriore controllo della parte altimetrica, sono stati presi a riferimento anche i capisaldi IGM appartenenti alla rete di livellazione nazionale ad alta precisione. Esempio di materializzazione a terra (centrino) di un vertice appartenente alla rete di raffittimento regionale a maglia 7 km.

10 IL PROCESSO DI FORMAZIONE: LA RETE DI INQUADRAMENTO PLANO-ALTIMETRICO La rete di inquadramento plano-altimetrico della Regione Liguria anno di realizzazione: 2005 numero vertici appartenenti alla rete geodetica IGM95 (20 Km): 35 numero vertici rete raffittimento Regione Liguria (7 Km): 182

11 IL PROCESSO DI FORMAZIONE: LA TRIANGOLAZIONE AEREA Una ripresa aerofotogrammetrica è costituita da più strisciate ed ogni strisciata è composta da più fotogrammi. Una coppia di fotogrammi consecutivi (sovrapposti tra loro per un 60% circa) forma un modello stereoscopico dal quale è possibile ricavare una vista tridimensionale del contenuto. Con la Triangolazione Aerea, si possono concatenare tra loro più modelli stereoscopici usufruendo dei valori e dei parametri registrati (per ciascun fotogramma all istante di scatto) dalla strumentazione GPS di bordo. Integrando questi dati con quelli della rete plano-altimetrica di appoggio è possibile ricondurre i modelli ad un unico sistema di riferimento a terra (coordinate terreno). Attualmente, la possibilità di disporre di camere da presa digitali dotate di sensori ad alta risoluzione (integrate da sistemi inerziali e da strumentazioni GPS), consente di produrre fotogrammi digitali di elevata qualità e la disponibilità sul mercato di stazioni fotogrammetriche digitali dotate di software specifico per l elaborazione, consente di automatizzare e velocizzare il processo produttivo. Strisciata 1 Fotogramma 1 Fotogramma 2 Strisciata 2 VOLO «A» Triangolazione Aerea e modelli stereoscopici concatenati Strisciata 1 Strisciata 2

12 IL PROCESSO DI FORMAZIONE: LA RESTITUZIONE Una volta che il modello stereoscopico è stato «ancorato» a terra applicando ad esso un sistema di coordinate ben definito, può essere avviata la fase di restituzione che consiste, mediante uno stereorestitutore, di riportare in formato vettoriale tridimensionale ogni particolare topografico presente nei fotogrammi. Dagli stereorestitutori analogici impiegati nel recente passato (di grande dimensione e caratterizzati da meccanica e ottica di altissima precisione), si è passati a quelli analitici, in cui molte operazioni sono state demandate a programmi specifici, per arrivare, attualmente, a quelli totalmente digitali dove tutte le operazioni sono integralmente gestite e controllate da software dedicato.

13 IL PROCESSO DI FORMAZIONE: LA RICOGNIZIONE La ricognizione consiste nella correzione e nell integrazione di tutti quei particolari topografici che non risultano completamente o chiaramente visibili attraverso la sola esplorazione stereoscopica dei fotogrammi. L attività di ricognizione si svolge attraverso una analisi diretta sul terreno, con rilievi di campagna mirati e con il supporto della «minuta di restituzione». Il ricognitore provvede, osservando l ambiente che lo circonda, ad appuntare tutto ciò che ritiene utile per arricchire l informazione o correggere errori interpretativi. L integrazione può essere semplicemente descrittiva (assegnare per esempio una destinazione d uso ad un fabbricato, una tipologia di vegetazione per un area boscata o coltivata, un tipo di materiale costruttivo per un manufatto edilizio, raccogliere elementi di toponomastica..) oppure geometrica (correggere l andamento del perimetro di un fabbricato, aggiungere un piccolo manufatto o un particolare topografico minore.). Nel caso in cui l integrazione sia di tipo geometrico è necessario procedere al rilievo dell oggetto mancante mediante misurazione diretta, o con strumenti topografici tradizionali oppure con strumentazioni GPS di precisione sub-metrica. In casi estremi dove, per macro-aree, la corrispondenza tra la «minuta di restituzione» e la realtà non è verificata, si rende indispensabile nuovamente il piazzamento del modello stereoscopico ed una nuova e più attenta restituzione.

14 IL PROCESSO DI FORMAZIONE: L EDITING E IL DB TOPOGRAFICO La fase di editing è il processo più laborioso e complesso dell'intero processo produttivo poiché, oltre all'inserimento delle correzioni segnalate nella ricognizione, si verificano, con appositi programmi, il rispetto dei vincoli e delle regole topologiche (continuità delle geometrie, assenza di sovrapposizioni geometriche non ammesse, correttezza e consistenza delle primitive grafiche impiegate (aree, linee e punti), controllo che tutti gli elementi grafici siano rappresentati con la corretta primitiva geometrica (si verifica, per esempio, che un fabbricato sia rappresentato da una geometria areale, un impluvio sia rappresentato da una geometria di tipo linea.). Questi controlli preventivi sono indispensabili proprio, e soprattutto, perché lo scopo ultimo del processo è quello di ottenere un Database Topografico, dove il rispetto dei vincoli geometrici, delle regole topologiche e delle relazioni spaziali tra i diversi oggetti, sono un requisito fondamentale. Il DB Topografico è l evoluzione della Carta Tecnica numerica 1:5000 ed è la rappresentazione del territorio mediante elementi vettoriali, tridimensionali, ognuno dei quali corredato da informazioni alfanumeriche tabellate. Il DB Topografico di Regione Liguria è stato realizzato nel rispetto degli standard previsti dalle specifiche rilasciate nel 2004 dal gruppo di lavoro IntesaGIS nell ambito dell Intesa Stato- Regioni-Enti Locali sui Sistemi Informativi Territoriali. Il contenuto del DB Topografico è organizzato secondo una struttura dati suddivisa in Strati Temi e Classi per un totale di 9 strati, 22 temi, 60 classi. L ultima parte del processo è dedicata alla cura della veste grafica per la rappresentazione cartografica tradizionale, ricorrendo all uso di simbologie, graficismi e segni convenzionali classici.

15 IL PROCESSO DI FORMAZIONE: IL DB TOPOGRAFICO, GLI STRATI, I TEMI E LE CLASSI VIABILITA, MOBILITA E TRASPORTI IMMOBILI ED ANTROPIZZAZIONI IDROGRAFIA, MORFOLOGIA E VEGETAZIONE TOPONOMASTICA

16 INFORMAZIONI GEODETICHE E FOTOGRAMMETRICHE INFORMAZIONI GEODETICHE VIABILITÀ, MOBILITÀ E TRASPORTI IMMOBILI ED ANTROPIZZAZIONI IL PROCESSO DI FORMAZIONE: LA STRUTTURA DEL DB TOPOGRAFICO INFORMAZIONI CARTOGRAFICHE STRADE FERROVIE ALTRO TRASPORTO VERTICE DI RETE CAPOSALDO PORZIONE DI TERRITORIO RESTITUITO AREA STRADALE VIABILITA' MISTA SECONDARIA ELEMENTO STRADALE GIUNZIONE STRADALE ELEMENTO VIABILITA' MISTA SECONDARIA GIUNZIONE DI VIABILITA' MISTA SECONDARIA SEDE DI TRASPORTO SU FERRO ELEMENTO FERROVIARIO GIUNZIONE FERROVIARIA ELEMENTO DI METROPOLITANA GIUNZIONE DI METROPOLITANA ELEMENTO FUNICOLARE GIUNZIONE FUNICOLARE ELEMENTO DI TRASPORTO A FUNE EDIFICATO EDIFICIO MANUFATTI MANUFATTO EDILIZIO SOSTEGNO A TRALICCIO MURO O DIVISIONE IN SPESSORE LOCALIZZAZIONE DI MANUFATTO EDILIZIO O DI ARREDO/IGIENE URBANA LOCALIZZAZIONE DI MANUFATTO INDUSTRIALE/DI TRASPORTO OPERE DELLE INFRASTRUTTURE DI TRASPORTO PONTE/VIADOTTO/CAVALCAVIA GALLERIA OPERE DI SOSTEGNO E DI DIFESA DEL SUOLO MURO DI SOSTEGNO E RITENUTA DEL TERRENO OPERE IDRAULICHE, DI DIFESA E DI REGIMAZIONE IDRAULICA DIGA ARGINE OPERE IDRAULICHE DI REGOLAZIONE ATTREZZATURE PER LA NAVIGAZIONE OPERE PORTUALI E DI DIFESA DELLE COSTE IDROGRAFIA OROGRAFIA VEGETAZIONE LOCALITA' SIGNIFICATIVE AMBITI AMMINISTRATIVI AREE DI PERTINENZA SUPERFICI IDROGRAFICHE ACQUE MARINE RETICOLO IDROGRAFICO ALTIMETRIA FORME DEL TERRENO AREE AGRO - FORESTALI VERDE URBANO LOCALITA' SIGNIFICATIVE AREA BAGNATA DI CORSO D'ACQUA SPECCHIO D'ACQUA INVASO ARTIFICIALE EMERGENZA NATURALE DELL ACQUA LINEA DI COSTA MARINA ELEMENTO IDRICO CONDOTTA NODO IDRICO CURVA DI LIVELLO PUNTO QUOTATO FORMA NATURALE DEL TERRENO SCARPATA AREA DI SCAVO O DISCARICA AREA IN TRASFORMAZIONE O NON STRUTTURATA BOSCO AREA TEMPORANEAMENTE PRIVA DI VEGETAZIONE PASCOLO O INCOLTO COLTURA AGRICOLA AREA VERDE FILARE ALBERI AMBITI AMMINISTRATIVI ENTI LOCALI COMUNE SERVIZI PER IL TRASPORTO PERTINENZE AREE INDUSTRIALI LOCALITA' SIGNIFICATIVE AREA A SERVIZIO STRADALE AREA A SERVIZIO DEL TRASPORTO SU FERRO AREA A SERVIZIO PORTUALE AREA A SERVIZIO AEROPORTUALE AREE RICREATIVE E SERVIZI AREE DI IMPIANTI INDUSTRIALI AREE ESTRATTIVE E DISCARICHE

17 IL PROCESSO DI FORMAZIONE: IL DB TOPOGRAFICO E GLI STANDARD NAZIONALI Gli Standard Nazionali definiscono le regole per la formazione di una base informativa territoriale omogenea comune a tutte le Pubbliche Amministrazioni. Recepiscono le indicazioni e i principi di carattere generale enunciati dalla Direttiva INSPIRE del marzo 2007 e costituiscono una revisione delle specifiche IntesaGIS e dei documenti prodotti nell ambito del protocollo d Intesa Stato Regioni ed Enti Locali. Gli Standard Nazionali introducono anche il concetto di National Core, dove per National Core (NC) si intende il contenuto informativo minimo che le Pubbliche Amministrazioni, nell ambito della propria attività istituzionale, devono garantire ai loro DB Geotopografici, per consentire la realizzazione di un DBT omogeneo a copertura nazionale. Il fine è quello di agevolare, limitando i contenuti obbligatori, l interconnessione dei diversi DB Geotopografici; la scelta dei contenuti deriva dall attenta valutazione delle esigenze delle Amministrazioni interessate ed è finalizzata alla realizzazione delle principali applicazioni di loro interesse e/o responsabilità. Per il National Core sono stati individuati due livelli di scala: NC1, ovvero il corrispondente National Core alle scale 1:1000/2000 NC5, ovvero il corrispondente National Core alle scale 1:5000/10000 Trattandosi di un DB Topografico finalizzato alla realizzazione della CTR alla scala 1:5000, Regione Liguria ha prodotto, conseguentemente, delle Specifiche di Contenuto di tipo NC5. Pertanto Regione Liguria, nell ambito delle attività finalizzate all aggiornamento della propria CTR 1:5000 (quella che sarà la futura IV^ edizione di Carta Tecnica), procederà all adeguamento delle specifiche tecniche attualmente in uso allineandole a quelle stabilite dall NC5. A supporto del processo di adeguamento agli standard, si ricorrerà all uso del GeoUML Catalogue e del GeoUML Validator, due prodotti software realizzati dallo Spatial DBgroup del Politecnico di Milano, messi a disposizione dal CISIS per tutti gli Enti Territoriali che intendono produrre DBGeototopografici in linea con la normativa di riferimento nazionale.

18 IL PROCESSO DI FORMAZIONE: IL DB TOPOGRAFICO E GLI STANDARD NAZIONALI Il GeoUML Catalogue Con il GeoUML Catalogue è possibile generare specifiche tecniche (specifiche di contenuto) nel pieno rispetto degli standard previsti dal National Core. Partendo dal Catalogo dei Dati Territoriali nella sua forma completa, cioè tutti gli strati, tutti i temi e tutte le classi previste per le scale di maggior dettaglio (1:1000 e 1:2000), si seleziona il livello di scala (1:5000 per la C.T.R.) fissando al contempo il criterio di popolamento, ovvero il contenuto minimo informativo obbligatorio alla scala di riferimento. Dalle scelte operate si ottiene una DPS (Data Product Specifications) che rappresenta il documento ufficiale di riferimento per il completamento del processo produttivo. Il GeoUML Validator Con il GeoUML Validator è possibile esaminare un DB Topografico e procedere alle verifiche di conformità agli standard del National Core. E uno strumento software appositamente studiato e realizzato per poter controllare la consistenza di un DB Topografico già durante la fase di produzione, semplificando notevolmente il collaudo da parte dell utilizzatore finale. Fornendo al GeoUML Validator i riferimenti del DB Topografico da collaudare e la Specifica Tecnica di Riferimento da applicare (generata con il GeoUML Catalogue), l esecuzione del programma produce in output un report che elenca e descrive dettagliatamente ogni incongruenza rilevata nel DB Topografico. Scorrendo il report ed usandolo come strumento di supporto alla produzione, è possibile agire puntualmente su ciascun errore rilevato: in questo modo, qualsiasi Ditta incaricata della produzione di un DB Topografico, con l ausilio del GeoUML Validator (software totalmente free), può effettuare preventivamente un controllo qualitativo di elevato livello e consegnare un prodotto finale esente, o quasi, da errori. GeoUML Catalogue Dataset da Validare Specifica DPS GeoUML Validator Report

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni Verifiche di qualità del Data Base Topografico Prof. Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Monza, 8.3.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico (DBT) è un archivio integrato contenente dati cartografici

Dettagli

OSMIT 2016. Il dizionario tag OpenStreetMap - codici dbtopo

OSMIT 2016. Il dizionario tag OpenStreetMap - codici dbtopo OSMIT 2016 Il dizionario tag OpenStreetMap - codici dbtopo INTRODUZIONE Un buon glossario è fondamentale per chi produce, per chi collauda e per chi utilizza i dati cartografici 2 COME POSSIAMO INTEGRARCI

Dettagli

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano Prof.Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Milano, 28.1.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico

Dettagli

Fornitura di data base topografici dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000

Fornitura di data base topografici dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ufficio Cartografico Servizio Cartografia e Gis della Provincia di Brescia Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ing. Antonio Trebeschi L attività dell Ufficio Cartografico

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di fotogrammetria

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 4. Cenni di fotogrammetria Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 4. Cenni di fotogrammetria Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Definizioni e scopi della

Dettagli

Sistemi Informativi Geografici

Sistemi Informativi Geografici Sistemi Informativi Geografici Introduzione ai dati geografici Alberto Belussi Anno accademico 2007-08 08 Sistemi Informativi Territoriali (SIT) o Geografici I Sistemi Informativi Territoriali (SIT) gestiscono

Dettagli

La nuova Infrastruttura Dati Territoriali Regionale

La nuova Infrastruttura Dati Territoriali Regionale La nuova Infrastruttura Dati Territoriali Regionale 28/01/2015 a cura di Ing. Simone Patella (Funzionario Area Sistema Informativo Territoriale Regionale) Argomenti Trattati Introduzione Riferimenti Normativi

Dettagli

Domenico Longhi. Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica. Le attività delle Regioni

Domenico Longhi. Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica. Le attività delle Regioni Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica Le attività delle Regioni Il nuovo contesto EUROPA INSPIRE INfrastructure for SPatial InfoRmation in Europe Lo sviluppo dei sistemi informativi

Dettagli

Specifiche Tecniche per l aggiornamento di cartografie numeriche ed il loro adeguamento al Data base topografico

Specifiche Tecniche per l aggiornamento di cartografie numeriche ed il loro adeguamento al Data base topografico Specifiche Tecniche per l aggiornamento di cartografie numeriche ed il loro adeguamento al Data base topografico Versione 2.0 Dicembre 2007 1 PREMESSA Le presenti specifiche tecniche hanno lo scopo di

Dettagli

Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio

Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio Workshop regionale SMARTINNO 23 Ottobre 2014 Edifici storici e Città Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio IL RILIEVO DELLA

Dettagli

ALLEGATO 3: RELAZIONI E VINCOLI TOPOLOGICI

ALLEGATO 3: RELAZIONI E VINCOLI TOPOLOGICI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

Collaudo DBT 2K Agg. RT

Collaudo DBT 2K Agg. RT Tre porzioni territoriali + estensione Circa 100000 ha di aggiornamento e 10000 ha di exnovo Per ogni porzione territoriale due consegne in corso d opera, al termine di fasi intermedie di lavoro, e una

Dettagli

Domenico Longhi. Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale

Domenico Longhi. Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale Dalla Rappresentazione del Territorio alla Infrastruttura di Dati Geografici nelle Regioni Italiane Fase 1 La rappresentazione del territorio

Dettagli

Istruzioni Operative DB Topografico Regione Piemonte

Istruzioni Operative DB Topografico Regione Piemonte Istruzioni Operative DB Topografico Regione Piemonte Versione 1.3 03 Maggio 2011 1 Sommario 1. Scopo delle Istruzioni... 3 2. Il Capitolato d Oneri... 3 3. Il Catalogo dei Dati implementazione Regione

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROPONENTE UNICO: PROVINCIA DI BERGAMO ANNO 2009 Indice: Introduzione: scopo e contenuto del progetto... 2 Progetto Tecnico... 2 1. Modalità di realizzazione

Dettagli

2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI

2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI Aerofotogrammetria 2.3 I PRODOTTI AEROFOTOGRAFICI Dal negativo, impressionato in volo, si possono ottenere diversi prodotti tra cui: stampe a contatto, ingrandimenti, raddrizzamenti, ortofoto e restituzioni

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

Gli standard regionali per l aggiornamento dei DBT e il collaudo delle attività di rilevo sul territorio

Gli standard regionali per l aggiornamento dei DBT e il collaudo delle attività di rilevo sul territorio I vantaggi del Data Base Topografico (DBT) per migliorare i rapporti tra cittadini, imprese, professionisti ed enti locali: Il Progetto Pilota nel Comune di Castelvisconti Gli standard regionali per l

Dettagli

Genova 22/24 settembre 2015

Genova 22/24 settembre 2015 Genova 22/24 settembre 2015 ELABORAZIONI DELLA C.T.R.: DTM E CARTE DERIVATE Rappresentazione della morfologia del territorio in Regione Liguria QUALCHE DEFINIZIONE DTM (Digital Terrain Model) o DEM (Digital

Dettagli

RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 3D CON IMMAGINI DIGITALI ACQUISITE CON DRONE E GOPRO

RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 3D CON IMMAGINI DIGITALI ACQUISITE CON DRONE E GOPRO RILIEVO FOTOGRAMMETRICO 3D CON IMMAGINI DIGITALI ACQUISITE CON DRONE E GOPRO PRINCIPI TEORICI La fotogrammetria è una tecnica di rilievo che permette di ottenere dati metrici di un qualsiasi oggetto (forma

Dettagli

Classificazione delle carte

Classificazione delle carte Classificazione delle carte In base alla scala -carte geografiche 1:1.000.000 e inferiore -carte corografiche 1:1.000.000 1:200.000 -carte topografiche 1:100.000 a piccola scala 1:50.000 a media scala

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L AGGIORNAMENTO DEL DATABASE GEOTOPOGRAFICO DELLA REGIONE SARDEGNA ALLA SCALA 1:10.000 MEDIANTE RESTITUZIONE AEROFOTOGRAMMETRICA

PROCEDURA APERTA PER L AGGIORNAMENTO DEL DATABASE GEOTOPOGRAFICO DELLA REGIONE SARDEGNA ALLA SCALA 1:10.000 MEDIANTE RESTITUZIONE AEROFOTOGRAMMETRICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA SERVIZIO OSSERVATORIO DEL PAESAGGIO E DEL TERRITORIO, SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI PROCEDURA APERTA PER L

Dettagli

Dal disegno alla topologia

Dal disegno alla topologia Dal disegno alla topologia Claudio Rocchini Istituto Geografico Militare Introduzione La maggior parte dei dati cartografici prodotti è ancora in forma di cartografia numerica e non basi di dati. La produzione

Dettagli

Progetto di aggiornamento delle informazioni di uso del suolo del Sistema Informativo Agricolo Nazionale

Progetto di aggiornamento delle informazioni di uso del suolo del Sistema Informativo Agricolo Nazionale Progetto di aggiornamento delle informazioni di uso del suolo del Sistema Informativo Agricolo Nazionale 1 Refresh eleggibilità Introduzione Il Progetto Refresh eleggibilità Definizione di appezzamento

Dettagli

RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO

RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO Corsi di Laurea in: - Gestione tecnica del territorio agroforestale e Sviluppo rurale - Scienze forestali e ambientali - Costruzioni rurali e Topografia RILIEVO E RAPPRESENTAZIONE DEL TERRITORIO 5. Fotogrammetria

Dettagli

1. PREMESSA... 3 2. MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL RILIEVO... 4. 2.1 Area industriale AFP (Area A)... 5. 2.2 Area Lama Castello (Aree B)...

1. PREMESSA... 3 2. MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL RILIEVO... 4. 2.1 Area industriale AFP (Area A)... 5. 2.2 Area Lama Castello (Aree B)... SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. MODALITÀ DI ESECUZIONE DEL RILIEVO... 4 2.1 Area industriale AFP (Area A)... 5 2.2 Area Lama Castello (Aree B)... 6 2.3 L area destinata ad insediamento residenziale C3 (Area

Dettagli

REPORT FINALE. Revisione 00. Prot 102. Data 26 Novembre 2013. Autore Ing. Matteo Castelli. Certificazione di Qualita ISO 9001:2008 n 223713

REPORT FINALE. Revisione 00. Prot 102. Data 26 Novembre 2013. Autore Ing. Matteo Castelli. Certificazione di Qualita ISO 9001:2008 n 223713 PROGETTO DI RESTAURO DEL PONTE DI RIALTO IINCARIICO PER IINDAGIINII PRELIIMIINARII RIILIIEVO LASER SCANNER REPORT FINALE Revisione 00 Prot 102 Data 26 Novembre 2013 Autore Ing. Matteo Castelli Certificazione

Dettagli

INDICE. Appalto per l esecuzione di interventi di potenziamento dei servizi geomatici e telematici del Centro Cartografico Regionale di Lamezia Terme

INDICE. Appalto per l esecuzione di interventi di potenziamento dei servizi geomatici e telematici del Centro Cartografico Regionale di Lamezia Terme Regione Calabria APPALTO PER L ESECUZIONE DI INTERVENTI DI POTENZIAMENTO DEI SERVIZI GEOMATICI E TELEMATICI DEL CENTRO CARTOGRAFICO REGIONALE DI LAMEZIA TERME 1. Rete di raffittimento geodetico regionale

Dettagli

Specifiche Tecniche aerofotogrammetriche per la realizzazione del Data base topografico alle scale 1:5.000 e 1:10.000

Specifiche Tecniche aerofotogrammetriche per la realizzazione del Data base topografico alle scale 1:5.000 e 1:10.000 Specifiche Tecniche aerofotogrammetriche per la realizzazione del Data base topografico alle scale 1:5.000 e 1:10.000 Versione 3.0 Dicembre 2007 1 ASPETTI GENERALI 1.1 PREMESSA Le presenti specifiche tecniche

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Ordine dei Geologi Regione del Veneto

Ordine dei Geologi Regione del Veneto Corso CARTOGRAFIA E GIS Luogo di svolgimento Cittadella (PD) Durata 10 moduli tra loro indipendenti da svolgersi tra aprile e giugno 2011. E possibile l iscrizione anche a singoli moduli. Docenti Dr. Lorenzo

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

ARCHITETTURA. Rubrica Infografica

ARCHITETTURA. Rubrica Infografica RICOSTRUZIONE/Empler 26-07-2007 13:06 Pagina 47 PROGETTARE ARCHITETTURA Tommaso Empler* Rubrica Infografica Ricostruzione infografica di una situazione ambientale urbana Dopo aver illustrato le procedure

Dettagli

Via Sant Efisio, 73 09124 - Cagliari. www.sjmtech3d.com info@sjmtech3d.com 392.09.32.197 347.72.58.984

Via Sant Efisio, 73 09124 - Cagliari. www.sjmtech3d.com info@sjmtech3d.com 392.09.32.197 347.72.58.984 Via Sant Efisio, 73 09124 - Cagliari www.sjmtech3d.com info@sjmtech3d.com 392.09.32.197 347.72.58.984 STRUMENTI PER LA VISUALIZZAZIONE E LA PIANIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI DI RECUPERO E GESTIONE DEI CENTRI

Dettagli

Governo del Territorio:

Governo del Territorio: Governo del Territorio: PRS e DPEFR le risoluzione linee delle di azione criticità della nuova legge regionale per il Lo governo sviluppo del della territorio nuova attraverso legge il regionale coinvolgimento

Dettagli

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito Introduzione 2 Perché usare il laser scanner: Caratteristiche della tecnologia: Tempi di stazionamento rapidi (pochi minuti); Elevata

Dettagli

Strato 10 ad Alta Velocità

Strato 10 ad Alta Velocità General Contractor FIAT Esecutore opere civili Consorzio C.A.V.To.Mi. costituito da: Impregilo, Società Italiana Condotte d Acqua e Maire Enginnering 1) Tratta Funzionale Torino-Novara km. Da 00+000 a

Dettagli

Integrazione di sensori nei Mobile Mapping Systems. Corso di Metodologie Topografiche per l Ingegneria A.A. 2006/2007

Integrazione di sensori nei Mobile Mapping Systems. Corso di Metodologie Topografiche per l Ingegneria A.A. 2006/2007 Integrazione di sensori nei Mobile Mapping Systems Corso di Metodologie Topografiche per l Ingegneria A.A. 2006/2007 IL veicolo vincitore nel 2005 del Stanford Racing Team era dotato di: - 5 laser scanners

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

IL RILIEVO FOTOGRAMMETRICO CON DRONE

IL RILIEVO FOTOGRAMMETRICO CON DRONE IL RILIEVO U.A.V. IL RILIEVO FOTOGRAMMETRICO CON DRONE Eseguiamo rilievi attraverso prodotti di alto contenuto tecnologico che si avvalgono di U.A.V. (Unmanned Aerial Vehicles, ovvero piccoli aerei senza

Dettagli

Paolo Dilda Dipartimento di Architettura e Pianificazione Laboratorio Analisi Dati e Cartografia

Paolo Dilda Dipartimento di Architettura e Pianificazione Laboratorio Analisi Dati e Cartografia Informazioni geografiche per il governo del territorio. L uso di software open source per la gestione della cartografia comunale: l esperienza dei comuni della Provincia di Lecco Dipartimento di Architettura

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO.

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. A)Generalità Una prima importante precisazione: il metodo non ricorre a tecniche aerofotogrammetriche,

Dettagli

Dalla CTR Numerica al DB Geografico DAVID

Dalla CTR Numerica al DB Geografico DAVID Dalla CTR Numerica al DB Geografico DAVID Implementazione sperimentale di un Geo Database secondo le specifiche in corso di discussione (Gruppo di lavoro WG01 documento 1n 1006) e traduzione di alcune

Dettagli

GPS CATERINA CHIEFARI

GPS CATERINA CHIEFARI GPS CATERINA CHIEFARI CNR-ITABC Autore (Arial 14 punti, corsivo) 1 Indice 1. Applicazione GPS in modalità statico 2. Applicazione GPS in modalità RTK 3. Applicazione GPS in modalità cinematico Autore (Arial

Dettagli

Relatore: Prof. Pier Luigi PAOLILLO. Co-relatore: Prof. Franco GUZZETTI

Relatore: Prof. Pier Luigi PAOLILLO. Co-relatore: Prof. Franco GUZZETTI L integrazione del Database Topografico di Regione Lombardia con i dati provenienti dagli archivi catastali: la determinazione delle aree di pertinenza Relatore: Prof. Pier Luigi PAOLILLO Co-relatore:

Dettagli

Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura delle terre della Regione Piemonte

Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura delle terre della Regione Piemonte Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura e l uso l delle terre della Regione Piemonte Relatore: : Stefania Crotta - Regione Piemonte Sommario obiettivi progetto prototipo

Dettagli

IL DATABASE TOPOGRAFICO REGIONALE Scenari e strumenti di condivisione ed interoprabilità

IL DATABASE TOPOGRAFICO REGIONALE Scenari e strumenti di condivisione ed interoprabilità IL DATABASE TOPOGRAFICO REGIONALE Scenari e strumenti di condivisione ed interoprabilità Stefano Olivucci LA CARTA GEOGRAFICA COMUNALE - Riccione, 2007 1 ARGOMENTI Alcuni spunti relativi ad una serie di

Dettagli

ALLEGATO B al Disciplinare di Gara. Capitolato Tecnico

ALLEGATO B al Disciplinare di Gara. Capitolato Tecnico - 1/14 - Gara europea a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per la formazione di Database Topografico alla scala nominale 1:25000 (25K) e realizzazione della corrispondente cartografia alle

Dettagli

Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l.

Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l. Workshop droni e tecnologie innovative Alex Fabbro At-To drones S.r.l. Aerofotogrammetria Dettagli costruttivi Aerofotogrammetria con SAPR Introduzione Al-To Drones Srl 2 Introduzione Lunghezza focale

Dettagli

Fornitura di foto aeree e ortofoto, DEM e DSM dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000

Fornitura di foto aeree e ortofoto, DEM e DSM dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000 Fornitura di foto aeree e ortofoto, DEM e DSM dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000 DISCIPLINARE TECNICO ORTOFOTO E MODELLI DEL TERRENO Art 1.Oggetto della fornitura

Dettagli

Costruzioni e Territorio

Costruzioni e Territorio UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI AGRARIA Costruzioni e Territorio C.L.: Tecnologie agrarie A.A. 2014-2015 Prof. Lorenzo Boccia lorenzo.boccia@unina.it AGR10 = Costruzioni Rurali

Dettagli

Politecnico di Milano, Diap, Laboratorio Analisi Dati e Cartografia

Politecnico di Milano, Diap, Laboratorio Analisi Dati e Cartografia Politecnico di Milano, Diap, Informazioni geografiche per il governo del territorio. L uso di software open source per la gestione della cartografia comunale: l esperienza dei comuni della Provincia di

Dettagli

MODERNE TECNICHE TOPOGRAFICHE DI CONTROLLO E COLLAUDO DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE

MODERNE TECNICHE TOPOGRAFICHE DI CONTROLLO E COLLAUDO DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE MODERNE TECNICHE TOPOGRAFICHE DI CONTROLLO E COLLAUDO DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE Laser scanner GBC5000 batteria a colonna Leica GPS Leica TPS Profiler 100 FX Colonna portaprisma GPC100 Radio modem

Dettagli

La rappresentazione convenzionale in architettura necessita di una proiezione ortogonale

La rappresentazione convenzionale in architettura necessita di una proiezione ortogonale L immagine fotografica è una proiezione centrale La rappresentazione convenzionale in architettura necessita di una proiezione ortogonale Nei casi in cui l'oggetto del rilievo si possa considerare definito

Dettagli

La Costruzione del Database Topografico Regionale in Lombardia

La Costruzione del Database Topografico Regionale in Lombardia La Costruzione del Database Topografico Regionale in Lombardia Piergiorgio Cipriano, Sinergis srl, Casalecchio di Reno (Bo) Donata Dal Puppo, Regione Lombardia, D. G. Territorio e Urbanistica Jody Marca,

Dettagli

INQUADRAMENTO NORMATIVO

INQUADRAMENTO NORMATIVO INQUADRAMENTO NORMATIVO Variante Urbanistica al P.R.G., da approvare con l applicazione della procedura dell Accordo di Programma, ai sensi dell art. 7 della L.R. n 11 del 23/4/2004 e successive modifiche

Dettagli

SUPPORTO TECNICO-INFORMATIVO PER LA RETE REGIONALE DI CONTROLLO DELLA SUBSIDENZA. Relazione finale

SUPPORTO TECNICO-INFORMATIVO PER LA RETE REGIONALE DI CONTROLLO DELLA SUBSIDENZA. Relazione finale SUPPORTO TECNICO-INFORMATIVO PER LA RETE REGIONALE DI CONTROLLO DELLA SUBSIDENZA Relazione finale Bologna, gennaio 2004 Referente per conto della Regione Emilia-Romagna, Assessorato Agricoltura, Ambiente

Dettagli

Collaudo aggiornamento del DB topografie o e del GIS del territorio del Comune di Varese

Collaudo aggiornamento del DB topografie o e del GIS del territorio del Comune di Varese Dipartimento di Scienza e Tecnologie dell'ambiente Costruito POLITECNICO DI MILANO Comunedi Varese ProtocolloGenerale n. 0023289 dei20/0b/2009 Classificazione:10/10105 COMUNE DI VARESE, 6 MAG.2009 1111

Dettagli

Liceo Tecnologico. Indirizzo Costruzione, Ambiente e Territorio. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati

Liceo Tecnologico. Indirizzo Costruzione, Ambiente e Territorio. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indirizzo Costruzione, Ambiente e Territorio Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indirizzo: Costruzioni, ambiente e territorio Discipline con attività di laboratorio 3 4 5 Legislazione

Dettagli

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna Assessorato degli Enti Locali Finanze ed Urbanistica Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale e della Vigilanza

Dettagli

servizio di rilievo aereofotogrammetrico in scala 1:5000 e 1:2000 dell intero territorio comunale della Città di Portici.

servizio di rilievo aereofotogrammetrico in scala 1:5000 e 1:2000 dell intero territorio comunale della Città di Portici. CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO servizio di rilievo aereofotogrammetrico in scala 1:5000 e 1:2000 dell intero territorio comunale della Città di Portici. CAPO I OGGETTO DEL SERVIZIO DESIGNAZIONE DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

Sistema Informativo Territoriale. DB topografico e toponomastica. DC Pianificazione e Controlli Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica

Sistema Informativo Territoriale. DB topografico e toponomastica. DC Pianificazione e Controlli Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica DC Pianificazione e Controlli Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica Sistema Informativo Territoriale DB topografico e toponomastica Comune di Milano 2 L esistenza di una buona cartografia

Dettagli

Estratto Elaborato A7 PIT. Localizzazione siti oggetto di osservazione COMUNE DI EMPOLI. Servizio Urbanistica

Estratto Elaborato A7 PIT. Localizzazione siti oggetto di osservazione COMUNE DI EMPOLI. Servizio Urbanistica 12 13 11 4 5 Estratto Elaborato A7 PIT 10 6 7 3 2 8 9 1 1) Località Terrafino 2) Località Terrafino 3) Località Castelluccio 4) Località Avane 5) Località S. Maria 6) Empoli centro 7) Empoli centro 8)

Dettagli

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 tel. 0565-943411 fax.0565-943021 COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 C.F.:82001450491 SETTORE-EDILIZIA E URBANISTICA U.O. - EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA DA

Dettagli

ORDINE REGIONALE GEOLOGI SARDEGNA PROGRAMMA

ORDINE REGIONALE GEOLOGI SARDEGNA PROGRAMMA ORDINE REGIONALE GEOLOGI SARDEGNA PROGRAMMA CORSO E-LEARNING dal titolo GEOGIS Il GIS per i Geologi A.) CORSO E-LEARNING dal titolo GEOGIS Il GIS per i Geologi Il Corso GEOGIS, utilizza la piattaforma

Dettagli

Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento. Lezione n. 4 : elementi di fotogrammetria

Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento. Lezione n. 4 : elementi di fotogrammetria Laboratorio di restauro Topografia e rilevamento Dott. Andrea Piccin andrea_piccin@regione.lombardia.it Lezione n. 4 : elementi di fotogrammetria principi della fotografia metrica la fotogrammetria aerea

Dettagli

RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO

RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO RILIEVO LASER SCANNER RILIEVO DEGLI EDIFICI STORICI AMBIENTE E TERRITORIO Il laser a scansione terrestre opera in modalità totalmente automatica ed è in grado di acquisire centinaia o migliaia di punti

Dettagli

LE FOTOGRAFIE AEREE. Sistema Informativo Territoriale: repertorio cartografico e banche dati territoriali

LE FOTOGRAFIE AEREE. Sistema Informativo Territoriale: repertorio cartografico e banche dati territoriali 8 10 12 14 16 18 20 22 24 26 LE FOTOGRAFIE AEREE La Regione Lombardia ha realizzato nel corso degli anni una serie di riprese aeree del proprio territorio utilizzate per la produzione e l aggiornamento

Dettagli

SINTESI DI PROGETTO PREMESSA : Created with novapdf Printer (www.novapdf.com). Please register to remove this message.

SINTESI DI PROGETTO PREMESSA : Created with novapdf Printer (www.novapdf.com). Please register to remove this message. REALIZZAZIONE DI UNA RETE GPS PER LA FORMAZIONE DI UN DATUM GEODETICO LOCALE E TRASFORMAZIONI DI COORDINATE PER APPLICAZIONI CARTOGRAFICHE E TOPOGRAFICHE SINTESI DI PROGETTO PREMESSA : Il progetto nasce

Dettagli

SCAN & GO IL NUOVO MODO DI FARE TOPOGRAFIA

SCAN & GO IL NUOVO MODO DI FARE TOPOGRAFIA SCAN & GO IL NUOVO MODO DI FARE TOPOGRAFIA Scan&Go è una nuova metodologia per il rilievo topografico del territorio che utilizza strumentazione laser scanner abbinata a ricevitori GPS. Il sistema, installato

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

Tracciamento di fabbricati

Tracciamento di fabbricati Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica T10 Geomatica e attività catastali Tracciamento di fabbricati Sommario Il presente documento specifica

Dettagli

pfcad CATASTO pfcad Compatibile con PREGEO 10.60 La scheda descrive i principali comandi e funzioni TOPOGRAFICHE

pfcad CATASTO pfcad Compatibile con PREGEO 10.60 La scheda descrive i principali comandi e funzioni TOPOGRAFICHE pfcad CATASTO Il software pfcad CATASTO permette la gestione professionale di Elaborati Grafici per la produzione, l aggiornamento e la presentazione della Cartografia presso le Agenzie del Territorio.

Dettagli

Differenti applicazioni, con differenti requisiti di accuratezza: scala globale, regionale e locale della geodinamica,

Differenti applicazioni, con differenti requisiti di accuratezza: scala globale, regionale e locale della geodinamica, Il rilievo topografico e geodetico in generale Differenti applicazioni, con differenti requisiti di accuratezza: applicazioni di cartografia a piccola scala; applicazioni di cartografia a grande scala;

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 8. Cartografia digitale

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 8. Cartografia digitale Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 8. Cartografia digitale Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Aspetti generali Organizzazione

Dettagli

MONITORAGGIO TECNICO DELLE ATTIVITA ESTRATTIVE

MONITORAGGIO TECNICO DELLE ATTIVITA ESTRATTIVE Progetto Europeo SARMa: buone pratiche nell estrazione e nel riciclo degli inerti in Emilia Romagna Bologna, 16 Dicembre 2010 MONITORAGGIO TECNICO DELLE ATTIVITA ESTRATTIVE Obiettivi, Metodi, Elaborazioni,

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 2 Le componenti dell Informazione Territoriale Introduzione ai GIS A. Chiarandini

Dettagli

Il Sistema Integrato del Territorio [SIT]

Il Sistema Integrato del Territorio [SIT] CATASTO DIGITALE: SEMPLICE, VELOCE, TRASPARENTE Ordine degli Architetti P.P.C. di Roma e provincia Piazza Manfredo Fanti 47 Roma Mercoledì 11 marzo 2015 [SIT] Ing. Franco MAGGIO Direttore Centrale Catasto

Dettagli

DISEGNO dell ARCHITETTURA II

DISEGNO dell ARCHITETTURA II 1 DISEGNO dell ARCHITETTURA II Raddrizzamento fotografico Le diapositive costituiscono unicamente una base per lo sviluppo della lezione e, come tali, non sostituiscono in alcun modo i testi consigliati.

Dettagli

Azioni intraprese e strumenti di supporto realizzati.

Azioni intraprese e strumenti di supporto realizzati. L attività del CPSG del CISIS a supporto delle Regioni per lo sviluppo della informazione geografica. Sottotitolo Le risorse sono limitate, ma forse difettiamo un po nella comunicazione di quanto si cerca

Dettagli

CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA

CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA 189 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA 6.1 Premessa Il Sistema Informativo

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIPARTIMENTO Primo biennio Secondo biennio e quinto anno

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIPARTIMENTO Primo biennio Secondo biennio e quinto anno PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIPARTIMENTO Primo biennio Secondo biennio e quinto anno TOPOGRAFIA 2014/15 Iiritano A. Dipartimento Anno scolastico Data della riunione Coordinatore SCIENTIFICO-TECNOLOGICO

Dettagli

STATUTO CONSORTILE. Art. 50, comma 4

STATUTO CONSORTILE. Art. 50, comma 4 STATUTO CONSORTILE Art. 50, comma 4 Entro due anni dall approvazione dello statuto da parte della Giunta regionale, il Consorzio provvede ad esplicitare nell avviso di pagamento lo specifico beneficio

Dettagli

COMPETENZE DISCIPLINARI DI BASE:

COMPETENZE DISCIPLINARI DI BASE: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA - IVREA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015 2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI TOPOGRAFIA DOCENTE: GARAVANI MARINA CLASSE IV A CAT Il docente di Topografia concorre

Dettagli

SOFTWARE TOPOGRAFICO MERIDIANA. Il software topografico da ufficio professionale

SOFTWARE TOPOGRAFICO MERIDIANA. Il software topografico da ufficio professionale MERIDIANA SOFTWARE TOPOGRAFICO Il software topografico da ufficio professionale Catasto Curve di livello Integrazione GPS e Stazione Totale Compensazione rigorosa Progettazione stradale CAD avanzato Post-processing

Dettagli

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Lucia D Alessandro, Antonella Di Emidio, Paolo Genovelli Regione Abruzzo Struttura Speciale di Supporto Sistema Informativo Regionale, Via L. da Vinci,

Dettagli

Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree

Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree SCHEDA SINTETICA DESCRITTIVA RELATIVA ALL IMMOBILE SITO IN VIALE MONZA 148 Allegata all avviso per l attivazione

Dettagli

IsoStereo 3D: il sistema generale ed automatizzato per ricostruzione tridimensionale

IsoStereo 3D: il sistema generale ed automatizzato per ricostruzione tridimensionale IsoStereo 3D: il sistema generale ed automatizzato per ricostruzione tridimensionale Isomorph srl, Giugno 2008 Caratteristiche del programma: IsoStereo 3D elabora immagini stereoscopiche e ricostruisce

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

Esempi di applicazione della fotogrammetria terrestre. ad indagini geologico-strutturali di terreno

Esempi di applicazione della fotogrammetria terrestre. ad indagini geologico-strutturali di terreno Esempi di applicazione della fotogrammetria terrestre ad indagini geologico-strutturali di terreno M. Rinaldi (*), C.R. Perotti (*), F. Zucca (*) (*) Università degli Studi di Pavia - Dipartimento di Scienze

Dettagli

Martina Agazzi. Corso di Tecniche plastiche contemporanee. Prof. Carlo Lanzi

Martina Agazzi. Corso di Tecniche plastiche contemporanee. Prof. Carlo Lanzi Martina Agazzi Corso di Tecniche plastiche contemporanee Prof. Carlo Lanzi RILEVAMENTO 3D DI UN OGGETTO ARTISTICO (SCULTURA) Luce strutturata Dispositivo portatile, facilmente trasportabile digitalizzazione

Dettagli

Redazione tipo mappale

Redazione tipo mappale Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica T02 Geomatica e attività catastali Redazione tipo mappale Sommario Il presente documento specifica

Dettagli

1. PREMESSA 3. 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4

1. PREMESSA 3. 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4 SOMMARIO 1. PREMESSA 3 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4 3. INTRODUZIONE METODOLOGICA 5 4. ANALISI METODOLOGICA

Dettagli

Ricorda che per quanto riguarda il comune di Gignod:

Ricorda che per quanto riguarda il comune di Gignod: L'Assessore regionale al territorio, ambiente e opere pubbliche, Alberto Cerise, sottopone all'esame della Giunta la trasposizione delle cartografie degli ambiti inedificabili, relative alla delimitazione

Dettagli