Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole."

Transcript

1

2 TIMBRO AZIENDA

3 Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali

4 Indice 1. Introduzione al manuale 1.1 Definizioni 1.2 Documenti di riferimento Principali norme di riferimento Altri documenti di riferimento 2. Registrazione dell azienda 3. Gestione delle non conformità 4. Registrazioni Capitolo I: Procedura di rintracciabilità nella produzione di latte 1. Gestione degli animali 2. Approvvigionamento 3. Stoccaggio dei prodotti critici ai fini della rintracciabilità 4. Alimentazione degli animali 4.1 Acquisto di alimenti per gli animali 4.2 Autoproduzione di alimenti zootecnici 4.3 Gestione ed utilizzo di alimenti per animali 5. Farmaci veterinari e mangimi medicati 6. Additivi nell alimentazione degli animali 6.1 Utilizzo di mangimi additivati 6.2 Utilizzo di additivi e premiscele 7. Biocidi (disinfettanti, disinfestanti e detergenti) 8. Fitosanitari 9. Mungitura e conservazione del latte 10. Ritiro e richiamo Capitolo II: Procedura per le corrette prassi igieniche 1. Organizzazione dell azienda 2. Alimenti per gli animali 2.1 Acquisto di alimenti per gli animali 2.2 Produzione di alimenti zootecnici 2.3 Stoccaggio, gestione ed utilizzo di alimenti zootecnici 3. Gestione delle sostanze pericolose e dei rifiuti 3.1 Sostanze pericolose Biocidi Fitosanitari Farmaci e mangimi medicati Additivi nell alimentazione degli animali 3.2 Rifiuti 4. Animali 4.1 Zoonosi e patologie trasmissibili all uomo tramite gli alimenti 5. Attrezzature 5.1 Mungitura 5.2 Pulizia e manutenzione degli impianti 6. Refrigerazione del latte 7. Acqua Pag. 2 di 29

5 Capitolo III: Requisiti aggiuntivi per la condizionalità relativi alla protezione degli animali e alle Norme di Polizia Sanitaria 1. Principali Norme di Polizia Sanitaria 2. Benessere e protezione degli animali Pag. 3 di 29

6 1. Introduzione al manuale Il Manuale operativo per l applicazione della rintracciabilità, delle corrette prassi igieniche e dei criteri di gestione obbligatori della condizionalità è uno strumento operativo che ha lo scopo di garantire che i requisiti relativi alla rintracciabilità, agli aspetti igienico sanitari degli alimenti e dei mangimi siano correttamente applicati. Il manuale si applica alle aziende produttrici di latte alimentare destinato alla produzione di latte alimentare trattato termicamente, alla trasformazione industriale previo trattamento termico o alla trasformazione in prodotti, tutelati e non, a stagionatura superiore ai 60 giorni. Il manuale si inserisce in un contesto di filiera e, pur essendo gli elementi in esso contenuti validi per tutte le tipologie di allevamento, si applica alle sole attività dell allevamento che riguardano la produzione di latte bovino. Nel manuale sono trattati alcuni argomenti che, pur non essendo direttamente connessi alla rintracciabilità o igiene degli alimenti e dei mangimi, sono necessari per soddisfare tutti i criteri di condizionalità (previsti dal Regolamento (CE) 1782/2003 e dal Decreto Ministriale del 21 dicembre 2006) ai fini del ricevimento, da parte degli allevatori, del sostegno diretto al reddito previsto dalla PAC. La Cooperativa definisce le finalità e gli obiettivi per la qualità del latte in relazione a: contenuto di cellule somatiche; carica batterica totale; percentuale di grasso; percentuale di proteine; percentuale di lattosio; indice crioscopico; residuo secco magro; assenza di sostanze inibenti; contenuto di aflatossine; presenza di altri contaminanti. La Cooperativa attua, in accordo con altri soggetti della filiera, un sistema di monitoraggio per valutare la presenza di sostanze indesiderabili (contaminazioni derivanti dall aria, dal suolo, dall acqua, dai mangimi, dai fertilizzanti, dai prodotti fitosanitari e dai biocidi) nel latte. Il campionamento è effettuato con una periodicità che viene fissata nel piano di autocontrollo della Cooperativa e prevede, quanto meno, la ricerca di tutte le sostanze che presentano un limite normativo. La campionatura è rappresentativa di tutto il latte raccolto. I risultati delle indagini sono oggetto di una valutazione periodica che ha lo scopo di valutare il rischio associato a ciascun contaminante e, di conseguenza, di adattare il piano dei controlli e di attuare eventuali azioni preventive e correttive. I risultati dei controlli e le relative valutazioni periodiche sono disponibili presso la sede della Cooperativa. Qualora si verificasse la presenza di residui in quantità superiore ai limiti fissati dalla normativa, la Cooperativa avvierà un azione correttiva gestendo la relativa non conformità. La mancata apertura di non conformità e relativa azione correttiva da parte della Cooperativa indica la conformità del latte ai requisiti normativi. Pag. 4 di 29

7 1.1 Definizioni Mangime (o alimento per animali ): qualsiasi sostanza o prodotto, compresi gli additivi, trasformato, parzialmente trasformato o non trasformato, destinato alla nutrizione per via orale degli animali. Biocidi: i principi attivi ed i preparati contenenti uno o più principi attivi, presentati nella forma in cui sono consegnati all utilizzatore, destinati a distruggere, eliminare, rendere innocui, impedire l azione o esercitare altro effetto di controllo su qualsiasi organismo nocivo con mezzi chimici o biologici (quali ad esempio disinfettanti per superfici, per materiali e attrezzature, disinfettanti per sistemi di condizionamento, disinfettanti per l'igiene umana e veterinaria, fumiganti, prodotti utilizzati per il controllo di roditori e altri animali nocivi, insetticidi e acaricidi per uso domestico e civile, repellenti etc.). Rifiuti di origine animale: carcasse o parti di animali o pesci o prodotti di origine animale giudicati non destinabili al consumo umano diretto a norma delle leggi vigenti, esclusi gli escreti degli animali e i rifiuti di cucina e dei pasti. Produzione primaria di mangimi: miscelazione di mangimi per il fabbisogno esclusivo dell azienda, senza usare additivi o premiscele di additivi ad eccezione degli additivi per insilati. Additivi per mangimi: sostanze, microrganismi o preparati, diversi dai mangimi e dalle premiscele che sono intenzionalmente aggiunti agli alimenti per animali o all'acqua al fine di svolgere, in particolare, una o più tra le funzioni di cui: influenzare favorevolmente le caratteristiche dei mangimi, influenzare favorevolmente le caratteristiche dei prodotti di origine animale, soddisfare le esigenze nutrizionali degli animali, avere un effetto positivo sulle conseguenze ambientali della produzione animale, influenzare favorevolmente la produzione, le prestazioni o il benessere degli animali influendo, in particolare, sulla flora gastrointestinale o sulla digeribilità degli alimenti per animali, o avere un effetto coccidiostatico o istomonostatico. 1.2 Documenti di riferimento Principali norme di riferimento Decreto MiPAF del 21 Dicembre 2006 Disciplina del regime di condizionalita' della PAC e abrogazione del Decreto Ministeriale 15 dicembre 2005 (Decreto n ). Regolamento (CE) n. 183/2005 del Parlamento europeo e del Consiglio del 12 gennaio 2005 che stabilisce requisiti per l igiene dei mangimi. Decreto MiPAF del 14 gennaio 2005 Linee guida per la stesura del manuale aziendale per la rintracciabilità del latte. Regolamento (CE) n. 852/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, sull'igiene dei prodotti alimentari. Pag. 5 di 29

8 Regolamento (CE) n. 853/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, che stabilisce norme specifiche in materia di igiene per gli alimenti di origine animale. Regolamento (CE) n. 1782/2003 del Consiglio che stabilisce norme comuni relative ai regimi di sostegno diretto nell'ambito della politica agricola comune e istituisce taluni regimi di sostegno a favore degli agricoltori e che modifica i Regolamenti (CE) n. 2019/93, (CE) n. 1452/2001, (CE) n. 1453/2001, (CE) n. 1454/2001, (CE) n. 1868/94, (CE) n. 1251/1999, (CE) n. 1254/1999, (CE) n. 1673/2000, (CE) n. 2358/71 e (CE) n. 2529/2001. Regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 28 gennaio 2002, che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza alimentare. Direttiva 98/58/CE del Consiglio, riguardante la protezione degli animali negli allevamenti. Direttiva 91/629/CEE del Consiglio e successive modifiche (Direttiva 97/2/CE; Decreto 97/182/CE), che stabilisce le norme minime per la protezione dei vitelli Altri documenti di riferimento Manuale di corretta prassi igienica; Manuale per la protezione degli animali; Piano di autocontrollo dell azienda zootecnica e della Cooperativa; Procedure specifiche dell'azienda zootecnica. 2. Registrazione dell azienda Il latte crudo deve provenire da aziende autorizzate o registrate e controllate. I locali e le attrezzature utilizzati debbono essere costruiti, mantenuti e governati in modo da garantire buone condizioni di igiene, di pulizia e di salute degli animali e soddisfacenti condizioni d'igiene per quanto riguarda la mungitura, la manipolazione, la refrigerazione ed il magazzinaggio del latte. Tutte le aziende già operanti che producono latte, destinato al trattamento termico o alla trasformazione in prodotti a base di latte, devono essere state registrate previo accertamento da parte del servizio veterinario della ASL competente, del possesso dei requisiti di cui all'all. A, cap. II e cap. III del D.P.R. n. 54/1997. Le aziende già autorizzate alla produzione di latte alimentare ai sensi del D.M. 184/91 o del D.M. 185/91 risultano automaticamente registrate senza ulteriori obblighi. Qualora l azienda non sia autorizzata o registrata, o in seguito a variazione, il titolare dell impresa deve inviare al Comune in cui ha sede tale attività la notifica dell esistenza, della variazione di titolarità o di attività, della cessazione, della chiusura di ogni attività soggetta a registrazione. A tal fine l allevatore può servirsi del Modulo Registrazione dell azienda produttrice di latte. Anche i mangimi utilizzati in azienda devono provenire da stabilimenti riconosciuti/registrati, quindi l allevatore che effettua la produzione primaria e/o la Pag. 6 di 29

9 commercializzazione di mangimi deve provvedere alla registrazione della propria attività. A tal fine l allevatore può utilizzare il Modulo Registrazione dell azienda produttrice di mangimi. 3. Gestione delle non conformità L evidenza di situazioni che si discostano da quanto pianificato e descritto nel piano di autocontrollo, nel presente manuale e nei documenti richiamati deve essere considerata come una NON CONFORMITA e come tale deve essere registrata nel Modulo Gestione delle non conformità. L evidenza di una non conformità richiede l identificazione del prodotto/situazione non conforme e la descrizione delle attività svolte dal produttore per la gestione del prodotto non conforme o per la risoluzione della situazione non conforme. Se ritenuto necessario possono essere descritte le attività svolte per evitare il ripetersi della non conformità. Le attività svolte devono essere documentate sul Modulo Gestione delle non conformità. Le NON CONFORMITA la cui apertura e gestione competono al produttore sono quelle che emergono a seguito di eventi accidentali, a seguito di controlli effettuati in autonomia dall allevatore stesso, a seguito di segnalazioni dall Autorità Competente o di altri o a seguito di controlli effettuati dal produttore stesso sui suoi fornitori. Non devono essere documentate dall allevatore le non conformità gestite dalla Cooperativa a seguito di controlli analitici effettuati sul latte o a seguito di verifiche ispettive effettuate dai tecnici. Sono non conformità che debbono essere gestite dal produttore le seguenti: segnalazioni non provenienti dalla Cooperativa - della presenza di residui di sostanze indesiderabili (aflatossine, pesticidi, metalli pesanti etc.) nel latte o negli alimenti per gli animali; carenze nella formazione del personale; la presenza di alimenti autoprodotti marci, ammuffiti o comunque alterati; l assenza del cartellino in alimenti acquistati; il mancato rilascio del campione da parte del fornitore di alimenti; alterazioni negli alimenti acquistati; esiti analitici non conformi negli alimenti autoprodotti o acquistati; la contaminazione accidentale del latte (o il contatto accidentale con gli animali) da parte di biocidi, detergenti, fitosanitari, rifiuti potenzialmente pericolosi; le rotture di impianto di mungitura o unità frigorifere che necessitano di manutenzione straordinaria; la mungitura accidentale di animali sotto trattamento o che non abbiano ancora terminato il periodo di sospensione; il ricevimento di animali non accompagnati da Mod. 4, passaporto e attestazioni sanitarie richieste/previste; la segnalazione, da chiunque provenga, di malattie del bestiame trasmissibili all uomo; la segnalazione, da chiunque provenga, di analisi che evidenzino una potenziale contaminazione chimica o biologica del latte. Pag. 7 di 29

10 Il responsabile dell azienda deve adottare opportune misure correttive qualora sia informato di problemi individuati durante i controlli ufficiali. Il responsabile dell azienda è tenuto a mettere in atto procedure di ritiro e richiamo nel momento in cui abbia il fondato dubbio o la certezza che un alimento (latte o carne), uscito dalla sua azienda, non risponda ai requisiti di sicurezza. 4. Registrazioni Il responsabile dell azienda è tenuto a conservare i risultati di analisi che abbiano evidenziato la presenza di zoonosi e di agenti zoonotici che sono oggetto di sorveglianza 1 e i risultati relativi alle analisi effettuate sugli animali, sui mangimi o su altri campioni prelevati a scopo diagnostico (ad es. acqua, campioni ambientali, etc.) e che abbiano rilevanza per la salute umana (contaminazione da agenti chimici, fisici e biologici). Di seguito è riportato l elenco delle registrazioni che devono essere tenute con il rispettivo periodo di conservazione. Attestazioni sanitarie relative alla movimentazione degli animali Cartellino caratteristiche alimento zootecnico Copia delle ricette dei farmaci DDT farmaci Dichiarazione accompagnatoria dei prodotti biologici controllati Dichiarazione registrazione/riconoscimento az produttrice di mangimi Documenti di acquisto dei prodotti fitosanitari Documenti di trasporto dei biocidi Documenti di trasporto sementi acquistate e relativo cartellino Documento di trasporto alimenti zootecnici Magazzino prodotti fitosanitari Mod. Biocidi Utilizzati saltuariamente Mod. Conservazione e rintracciabilità dei biocidi e dei detergenti Mod. contoterzista Mod. Controllo dei trattamenti Mod. Controllo della temperatura stoccaggio latte Mod. di registrazione dell azienda produttrice di latte Mod. di registrazione dell azienda produttrice di mangimi 3 anni 3 anni 1 anno 2 anni Fino alla chiusura dell attività Fino alla chiusura 1 La sorveglianza e' effettuata dalla ASL competente per il territorio nella fase o nelle fasi della catena alimentare più appropriate in funzione della zoonosi o dell'agente zoonotico in questione, in particolare a livello di produzione primaria, e in altre fasi della catena alimentare, compresa la produzione di prodotti alimentari e mangimi. (Art. 4, comma 2 D.Lvo 191/2006). Pag. 8 di 29

11 dell attività Mod. Elenco fornitori Mod. Organigramma aziendale e formazione del personale Mod. Piano di alimentazione Mod. Piano di coltivazione (o soluzione alternativa per la registrazione delle sementi utilizzate) Mod. Pulizia siti di stoccaggio degli alimenti Mod. Gestione delle non conformità Mod. Ritiro degli alimenti/mangimi dal mercato Moduli di acquisto dei prodotti fitosanitari classificati come tossici, molto tossici o nocivi Planimetria aziendale Quaderno di campagna Registro aziendale Registro carico/scarico latte alta qualità Registro carico/scarico rifiuti Registro di carico e scarico Alimenti zootecnici Registro di scarico e scarico dei farmaci Registro dei trattamenti Registro trattamenti ormonali Registro unificato farmaci Ricevute consegna latte Risultati di analisi relativi al riscontro di zoonosi o di agenti zoonotici oggetto di sorveglianza Risultati di analisi sugli animali o sugli alimenti che hanno rilevanza per la salute umana (risultati piani di profilassi, sorveglianza zoonosi etc.) Schede tecniche e di sucurezza dei prodotti fitosanitari 2 anni 2 anni Minimo 2 anni 1 anno Fino alla chiusura dell attività 3 anni 2 anni 2 anni 3 anni 2 anni 2 anni 1 anno Le registrazioni possono essere su supporto informatico o cartaceo. Per le registrazioni su supporto cartaceo si utilizzano esclusivamente i moduli distribuiti dalla Cooperativa, se non previsto diversamente da disposizioni di legge o disciplinari. Qualora le registrazioni avvengano su supporto informatico mediante appositi programmi di gestione, non è necessario utilizzare i moduli predisposti, purché vengano presi in considerazione tutti gli elementi in essi contenuti. Tutte le registrazioni devono essere rese disponibili, su richiesta, ai tecnici o ispettori incaricati dalla Cooperativa. Pag. 9 di 29

12 Capitolo I: Procedura di rintracciabilità nella produzione di latte 1. Gestione degli animali Tutti gli animali acquistati, venduti o comunque movimentati da e verso l azienda zootecnica devono essere accompagnati dai documenti previsti dalle normative vigenti (Modello 4, Certificato Traces, Certificato di Esportazione o Certificato veterinario comune di entrata in funzione della provenienza degli animali). Tutti gli animali presenti in azienda devono essere correttamente identificati attraverso il marchio auricolare, il passaporto, la registrazione nella Banca Dati Nazionale e l'inserimento nei registri aziendali. La morte di un animale deve essere comunicata, entro 24 ore dal decesso, al Servizio Veterinario della ASL di competenza per il relativo sopralluogo. Una volta in possesso dell Attestazione di Morte rilasciata dal Veterinario Ufficiale, l operatore deve provvedere allo smaltimento della carcassa presso ditte riconosciute. Entro tre giorni dal decesso in azienda deve essere aggiornato il registro di carico/scarico degli animali. Tutte le movimentazioni temporanee dei capi di un allevamento devono essere documentate. Ad esempio, per l alpeggio o il pascolo, la movimentazione deve essere preceduta da una formale indicazione alla ASL di partenza e a quella di arrivo, circa l ubicazione del pascolo o dell alpeggio, nonché la data di inizio e la data di termine del periodo di pascolo/alpeggio. Lo spostamento tra pascoli o alpeggi diversi nella stessa stagione devono essere registrati. Nel caso in cui, durante la stagione dell alpeggio, gli animali vengano trasferiti tra pascoli o alpeggi diversi, in Banca Dati Nazionale dovrà esservi traccia di questa movimentazione. 2. Approvvigionamento Sono considerati approvvigionamenti critici ai fini della rintracciabilità oltre agli animali, già trattati al punto precedente, gli approvvigionamenti relativi a: gli alimenti per animali di produzione sia aziendale che extra aziendale; i biocidi (detergenti, disinfettanti, disinfestanti) e i fitosanitari; i farmaci veterinari. Di tutti i prodotti acquistati devono essere conservati i Documenti di trasporto. Devono, inoltre, essere documentate natura, quantità e data di produzione degli alimenti per animali di produzione aziendale (vedi paragrafo 4. Alimentazione degli animali). La gestione e la documentazione della provenienza delle forniture esterne avviene tramite i Documenti di trasporto e il Modulo Elenco dei fornitori, nel quale devono essere inseriti i dati relativi alle ditte fornitrici. Pag. 10 di 29

13 3. Stoccaggio dei prodotti critici ai fini della rintracciabilità Lo stoccaggio dei prodotti critici ai fini della rintracciabilità deve avvenire in luoghi adatti e ben identificati. La gestione dello stoccaggio avviene in maniera controllata per : alimenti per animali di produzione aziendale ed extra aziendale; biocidi (disinfettanti, detergenti, disinfestanti) e fitosanitari che vengono o possono venire in contatto con l impianto di mungitura, il tank del latte, gli alimenti per gli animali o gli animali stessi; farmaci veterinari. E necessario predisporre una planimetria aziendale in cui siano identificabili in modo inequivocabile i siti di stoccaggio degli alimenti per gli animali, dei biocidi, dei fitosanitari e dei farmaci. Tali ubicazioni devono essere identificate con numeri progressivi sulla planimetria eventualmente riportando, se necessario, una legenda sulla planimetria stessa (es: 1 = Fienile; 2 = magazzino; 3 = silo; 4 = piazzale; 5 = armadietto farmaci etc.). Ove possibile l identificativo corrispondente deve essere riportato sul sito di stoccaggio. Qualora vi sia una lavorazione intermedia e un ulteriore stoccaggio tra lo stoccaggio della materia prima e la somministrazione agli animali, tale attività deve essere riportata a pié di pagina della planimetria (es: il mais in granella viene stoccato nel silo 1; una volta alla settimana la granella viene macinata e stoccata nel silo 2 fino alla fine della partita). 4. Alimentazione degli animali 4.1 Acquisto di alimenti per gli animali I mangimi utilizzati in azienda devono provenire esclusivamente da stabilimenti riconosciuti/registrati. L allevatore all atto dell acquisto deve richiedere una dichiarazione o una copia della registrazione/riconoscimento ai propri fornitori. Il titolare dell azienda registra nel Modulo Elenco fornitori i dati relativi alle ditte fornitrici di alimenti zootecnici e al loro numero di registrazione o di riconoscimento. Le informazioni contenute nell elenco dei fornitori di alimenti per animali deve essere inviato e/o consegnato al soggetto capofiliera (Cooperativa) al quale devono, inoltre, pervenire periodicamente le eventuali modifiche dello stesso. In caso di acquisto di alimenti sfusi, all atto di ogni consegna, deve essere richiesto al fornitore un campione rappresentativo della fornitura unitamente al cartellino (ove applicabile). Il campione (e il relativo cartellino) deve essere conservato sigillato in luogo fresco, asciutto, al riparo dalla luce e deve essere mantenuto in tali condizioni almeno fino all'esaurimento della fornitura successiva al fine di poter effettuare eventuali controlli analitici qualora si verifichino non conformità imputabili all alimentazione degli animali. Nel caso di prodotti acquistati in sacchi non è necessaria l effettuazione del campione. Nella planimetria aziendale deve essere indicato il luogo di conservazione dei Pag. 11 di 29

14 campioni. Il titolare dell azienda o un suo delegato, al momento dell arrivo dell alimento zootecnico deve valutare: quantità e corrispondenza tra quanto è stato ordinato e quanto è stato consegnato; presenza e idoneità del cartellino e/o della documentazione accompagnatoria dell alimento; presenza del campione sigillato alla consegna e rappresentativo della massa (per le forniture di prodotto sfuso). Il titolare dell azienda o un suo delegato, al momento dell arrivo dell alimento zootecnico in azienda, deve registrare nel Modulo Registro di Carico e Scarico Alimenti Zootecnici i seguenti elementi: denominazione e tipologia dell alimento; quantità acquistata/prodotta; data di fornitura/raccolta (intesa come data di arrivo in azienda); estremi identificativi del fornitore; riferimento al documento di trasporto associato all alimento; luogo di conservazione in azienda (sito di stoccaggio dell alimento zootecnico). Deve, inoltre, essere conservato il Documento di trasporto. 4.2 Autoproduzione di alimenti zootecnici L acquisto di semente deve essere documentato; a tal fine, il titolare dell azienda deve conservare i Documenti di trasporto e i cartellini delle sementi acquistate. Il titolare dell azienda, inoltre, predispone annualmente un piano di coltivazione, con indicazione delle superfici destinate alle coltivazioni, le relative colture e varietà, le tipologie e quantità di semente utilzzata. In alternativa il produttore può valutare l ipotesi di documentare la tipologia e la quantità di semente utilizzata e le relative superfici di semina sul Quaderno di campagna (o soluzioni alternative purché siano documentate le informazioni richieste). Il titolare dell azienda al momento della raccolta ed immagazzinamento della produzione aziendale riporta nel Modulo Registro di Carico e Scarico Alimenti Zootecnici : tipologia della produzione; data di raccolta; origine aziendale e, se ritenuto necessario, l indicazione precisa dell appezzamento in cui il prodotto è stato coltivato; quantità immagazzinate; sito (magazzino, trincea, silos, etc.) di stoccaggio della produzione aziendale. Qualora sia ritenuto necessario possono essere predisposte delle Istruzioni Pag. 12 di 29

15 Operative relative alle Modalità di insilamento foraggi aziendali. 4.3 Gestione ed utilizzo di alimenti per animali Il titolare dell azienda, eventualmente coadiuvato da personale esterno, deve predisporre di un piano alimentare e deve annotare sul Modulo Piano di Alimentazione le seguenti informazioni: il gruppo di animali a cui la razione in oggetto è destinata; la data effettiva di inizio utilizzo della razione considerata; la data effettiva di fine utilizzo della razione considerata; gli alimenti somministrati (compresi integratori, sali, lieviti, etc.); la quantità stimata espressa in kg/capo/giorno. Qualora gli animali siano condotti al pascolo devono essere riportate nel Modulo Piano di Alimentazione anche le informazioni relative a: identificazione della superficie dedicata al pascolo; durata del pascolo. Per assicurare la capacità di risalire alla provenienza dei mangimi che compongono la razione, il titolare dell allevamento mantiene traccia, per ogni partita di mangime autoprodotto o acquistato, del periodo in cui questa viene utilizzata registrando nel Modulo Registro di Carico e Scarico Alimenti Zootecnici : la data di inizio utilizzo della partita; la data di fine utilizzo della partita. Il responsabile dell allevamento e/o suo delegato appone la firma alla fine di ogni partita utilizzata. Note: 1. in funzione della realtà aziendale può essere comodo gestire una sola serie di moduli Registro di Carico e Scarico Alimenti Zootecnici per tutti gli alimenti utilizzati, gestirne due serie (una per i prodotti acquistati e una per le produzioni aziendali) o utilizzare un modulo per ciascun prodotto utilizzato. 2. la lavorazione intermedia (es. la macinatura delle granaglie e miscelazione) e l utilizzo delle partite intermedie non devono essere documentate; è sufficiente registrare l utilizzo della materia prima da cui provengono. 3. qualora non sia possibile stimare la quantità effettiva di somministrazione possono essere riportate le diciture a volontà o altre diciture simili. Pag. 13 di 29

16 5. Farmaci veterinari e mangimi medicati Tutti i farmaci, nonchè i mangimi medicati, devono essere acquistati solamente a seguito di prescrizione veterinaria: il produttore è tenuto a conservare le ricette veterinarie. La gestione e l utilizzo dei farmaci e dei mangimi medicati avviene in base alle indicazioni del veterinario e viene documentata attraverso le ricette veterinarie, il Registro dei trattamenti e i Documenti di trasporto dei farmaci. Nel caso in cui l azienda sia autorizzata alla detenzione di una scorta di farmaci dovranno essere presenti le ricette veterinarie, il registro di carico e scarico, il registro dei trattamenti o il registro unificato. Nel caso in cui il veterinario aziendale utilizzi in allevamento medicinali contenenti estradiolo-17 beta e suoi derivati sotto forma di esteri, sostanze beta-agoniste e sostanze ad azione estrogena, androgena o gestagena dovrà provvedere, egli stesso, ad annotare i trattamenti effettuati sull apposito registro dei trattamenti ormonali riportando il numero progressivo della ricetta di riferimento, la natura del trattamento eseguito, la denominazione del medicinale veterinario, la data di inizio e fine trattamento, l identificazione degli animali trattati e la data prima della quale gli animali trattati non potranno essere inviati allo stabilimento di macellazione. 6. Additivi nell alimentazione degli animali 6.1 Utilizzo di mangimi additivati L allevatore che utilizza mangimi composti additivati deve registrare tutte le informazioni relative alla rintracciabilità degli stessi e in particolare: nome e indirizzo dei fabbricanti o dei fornitori del mangime additivato; natura, quantità e formulazione del mangime additivato utilizzato. A tal fine posso essere utilizzati i Moduli Registro di Carico e Scarico Alimenti Zootecnici. 6.2 Utilizzo di additivi e premiscele Nella miscelazione di mangimi possono essere impiegati esclusivamente gli additivi autorizzati ai sensi del Regolamento (CE) 1831/2003 e i prodotti contemplati dalla Direttiva 82/471/CEE. Il produttore che intende utilizzare additivi e premiscele nella preparazione dei mangimi deve essere in possesso del riconoscimento per il propro stabilimento ai sensi del Regolamento (CE) 183/2005. Gli allevatori sono tenuti a rispettare gli obblighi relativi alla rintracciabilità degli additivi utilizzati nell alimentazione animale e a tal fine gli operatori devono riportare in un registro i dati pertinenti compresi quelli relativi all acquisto, al processo di Pag. 14 di 29

17 fabbricazione e ai controlli per un effettiva rintracciabilità dal momento della ricezione alla somministrazione. 7. Biocidi (disinfettanti, disinfestanti e detergenti) L'utilizzo dei prodotti chimici utilizzati per le attività di disinfezione, disinfestazione, detersione (disinfettanti per superfici, per materiali e attrezzature, disinfettanti per sistemi di condizionamento, disinfettanti per l'igiene umana e veterinaria, fumiganti, prodotti utilizzati per il controllo di roditori e altri animali nocivi, insetticidi e acaricidi per uso domestico e civile, repellenti etc.) viene documentato sul Modulo Conservazione e rintracciabilità dei biocidi e detergenti sul quale viene registrato: la data di arrivo in stalla del prodotto; l identificazione del DDT; la denominazione commerciale del prodotto; l origine del prodotto (fornitore); la quantità acquistata; l ubicazione per lo stoccaggio come identificata sulla planimetria; la data effettiva di inizio utilizzo della partita; la data effettiva di fine utilizzo della partita; la firma da apporre alla fine della partita. Per i prodotti che prevedono un applicazione saltuaria deve inoltre essere compilata l apposita sezione del Modulo Conservazione e rintracciabilità dei biocidi e detergenti nel quale deve essere indicato: data di utilizzo del prodotto; sito trattato (identificandolo nel modo più preciso possibile, qualora il sito trattato sia identificato sulla planimetria riportare il corrispondente identificativo); nome commerciale del prodotto utilizzato; firma di chi ha effettuato il trattamento. Di tutti i prodotti acquistati devono essere conservati i Documenti di trasporto. 8. Fitosanitari Gli acquirenti e gli utilizzatori di prodotti fitosanitari devono conservare le fatture di acquisto e i Documenti di trasporto, nonché la copia dei moduli di acquisto dei prodotti con classificazione di pericolo molto tossici, tossici e nocivi. Gli acquirenti e gli utilizzatori devono conservare le schede tecniche e di sicurezza dei prodotti acquistati o utilizzati. Pag. 15 di 29

18 Se ritenuto necessario potranno essere sviluppate delle Istruzioni Operative relative all utilizzo dei prodotti fitosanitari per la difesa delle colture foraggere e predispositi dei moduli finalizzati alla gestione del magazzino dei prodotti fitosanitari; ove necessario nel Modulo Magazzino Prodotti Fitosanitari potranno essere registrate le informazioni relative a: personale, operante in azienda, in possesso di Patentino Verde; nome commerciale del prodotto fitosanitario utilizzato; data di acquisto e riferimento al documento di acquisto; quantità di prodotto acquistata; giacenza iniziale (all inizio della compilazione del modulo e/o all inizio dell anno) e giacenza finale (alla fine della compilazione del modulo e/o dell anno). Gli acquirenti e gli utilizzatori di prodotti fitosanitari devono conservare presso l azienda un registro dei trattamenti effettuati nel corso della stagione di coltivazione, Modulo Quaderno di campagna, che deve essere sottoscritto dall utilizzatore. Nel registro dei trattamenti devono essere annotati entro 30 giorni dall utilizzo dei prodotti fitosanitari: i dati anagrafici relativi all azienda; la denominazione della coltura trattata e la relativa estensione espressa in ettari, nonché le date di semina, trapianto, inizio fioritura e raccolta; la data del trattamento, il prodotto e la relativa quantità impiegata, espressa in chilogrammi o litri, nonché l avversità che ha reso necessario il trattamento. Nel caso in cui l utilizzatore e/o l acquirente dei prodotti fitosanitari non sia il titolare dell azienda, il registro potrà essere compilato da persona diversa. In questo caso dovrà essere presente in azienda, unitamente al registro dei trattamenti, relativa delega scritta da parte del titolare. Nel caso in cui i trattamenti siano realizzati da contoterzisti, il registro dei trattamenti deve essere compilato dal titolare dell azienda sulla base del Modulo Trattamento con prodotti fitosanitari per uso agricolo effettuato da terzista per ogni singolo trattamento. In alternativa, il contoterzista potrà annotare i singoli trattamenti direttamente sul registro dell azienda controfirmando ogni intervento fitosanitario effettuato. Nel caso di cooperative di produttori che acquistano prodotti fitosanitari con i quali effettuano trattamenti per conto dei loro soci (trattamenti effettuati con personale e mezzi delle cooperative) il registro dei trattamenti (unico per tutti gli associati) potrà essere conservato presso la sede sociale dell associazione e dovrà essere compilato e sottoscritto dal legale rappresentante previa delega rilasciata dai soci. Il registro dei trattamenti deve essere compilato anche quando gli interventi fitosanitari sono eseguiti per la difesa delle derrate alimentari immagazzinate. Pag. 16 di 29

19 9. Mungitura e conservazione del latte La quantità di latte consegnato viene registrata dal raccoglitore ogni volta che il latte viene ritirato: un attestato della registrazione viene fornito all'azienda tramite il rilascio di uno scontrino o tramite la registrazione sul libretto di stalla. Le aziende che producono latte alta qualità devono inoltre possedere un apposito registro di carico e scarico, vidimato dall'autorità locale competente, dal quale risulti il quantitativo giornaliero di latte prodotto e il destinatario. Il latte, all atto del ritiro, deve essere accopagnato da idonea dichiarazione di scorta. Le aziende che producono latte biologico dovranno rilasciare, all atto della consegna, un apposita dichiarazione accompagnatoria dei prodotti biologici controllati. Per quanto riguarda la gestione del latte venduto e della sua destinazione, sono rispettati gli obblighi previsti dalla Legge 119/03 e dal Decreto Ministeriale 31 luglio Ritiro e richiamo L allevatore ha l obbligo di mettere in atto procedure di ritiro e richiamo nel momento in cui abbia il fondato dubbio o la certezza che un alimento (latte o animali) o un mangime consegnato non risponda ai requisiti di sicurezza perchè pericoloso o inadatto al consumo. Le procedure di ritiro dal mercato di un alimento devono attivarsi solo quando l alimento non è più sotto il controllo immediato dell allevatore. Quindi il ritiro non riguarda le azioni attuate prima che il prodotto sia uscito dall azienda e quando ci sia, da parte dell allevatore, la possibilità di riparare alla non conformità senza coinvolgere altri operatori della filiera. Il soggetto capofiliera a cui è stato consegnato il latte o il macello a cui è stato destinato un animale potrà mettere in atto, qualora l alimento abbia raggiunto il consumatore finale, le procedure di richiamo. E compito dell allevatore: 1. Provvedere all'immediato ritiro del prodotto dal mercato: identificando con precisione il prodotto a rischio; identificando l'ambito in cui è stato commercializzato; comunicando al soggetto capofiliera, al macello o a chi è stato destinato un animale/mangime, le informazioni necessarie nel modo quanto più tempestivo possibile (es. per telefono) e successivamente dare comunicazione scritta via fax o via . A tal fine è possibille utilizzare il Modulo Ritiro degli alimenti/mangimi dal mercato. 2. Informare immediatamente la ASL territorialmente competente delle procedure di ritiro/richiamo del prodotto e delle motivazioni che hanno portato l'operatore a Pag. 17 di 29

20 metterle in atto utilizzando l apposito Modulo Ritiro degli alimenti/mangimi dal mercato. 3. Informare l'anello a monte della filiera nel caso in cui si abbia motivo di ritenere che la non conformità sia dovuta ad un prodotto da lui fornito (ad esempio se si ritiene che la presenza di aflatossine nel latte sia dovuta al mangime acquistato va contatatto il rivenditore da cui il mangime in questione è stato acquistato). 4. Collaborare con le Autorità Competenti riguardo ai provvedimenti volti ad evitare i rischi provocati da un alimento che egli stesso fornisce o ha fornito. Pag. 18 di 29

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 852/2004 Regolamento

Dettagli

i controlli ufficiali sul farmaco veterinario e l alimentazione animale

i controlli ufficiali sul farmaco veterinario e l alimentazione animale SERVIZIO VETERINARIO Incontro con gli allevatori i controlli ufficiali sul farmaco veterinario e l alimentazione animale Gazzo 13/02/2015 dr. Aldo Montagna Az. Ulss 15 Alta Padovana Perchè parlare di corretto

Dettagli

La rintracciabilità e la gestione dei requisiti igienico sanitari nelle aziende del settore primario alla luce del pacchetto igiene

La rintracciabilità e la gestione dei requisiti igienico sanitari nelle aziende del settore primario alla luce del pacchetto igiene GLI SCHEMI INTERNAZIONALI DI CERTIFICAZIONE (IFS, BRC, EUREPGAP E ISO 22000) A SUPPORTO DELLA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI IGIENE, SICUREZZA E RINTRACCIABILITÀ La rintracciabilità e la gestione dei requisiti

Dettagli

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Servizio di Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Dott. Agostino Trogu Il latte ( la carne, ecc. ) comincia dalla bocca.. Mangime

Dettagli

LA TUTELA DELL AMBIENTE Garanzia della salubrità e sicurezza del nostro cibo

LA TUTELA DELL AMBIENTE Garanzia della salubrità e sicurezza del nostro cibo LA TUTELA DELL AMBIENTE Garanzia della salubrità e sicurezza del nostro cibo Seconda Sessione - L impatto sulla sicurezza alimentare: dall autocontrollo al controllo ufficiale PERCORSO FROM FARM TO FORK

Dettagli

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte

Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari. Relatore: Dr. Pierluigi Conte Obblighi ed Adempimenti dei Produttori Primari Relatore: Dr. Pierluigi Conte Concetto di produzione a Tutte le operazioni effettuate sui prodotti a condizione che questi non subiscano alterazioni sostanziali

Dettagli

MANUALE DELLE CORRETTE PRASSI IGIENICHE PER GLI ALLEVAMENTI DEI BOVINI DA CARNE

MANUALE DELLE CORRETTE PRASSI IGIENICHE PER GLI ALLEVAMENTI DEI BOVINI DA CARNE MANUALE DELLE CORRETTE PRASSI IGIENICHE PER GLI ALLEVAMENTI DEI BOVINI DA CARNE AZIENDA Sede legale: Comune Via e n Telefono fax e-mail 1^ Sede operativa: cod. stalla 2^ Sede operativa: cod. stalla Comune

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive)

D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive) D.I.A. Dichiarazione Inizio attività (Registrazione Attività Produttive) CON DECRETO Assessorato Regionale Sanità del 27/02/2008 sono state emanate le linee di indirizzo attuative del Regolamento CE n.

Dettagli

CONDIZIONALITA : È insieme delle norme e delle regole che le aziende agricole devono rispettare per poter accedere al regime del pagamento unico

CONDIZIONALITA : È insieme delle norme e delle regole che le aziende agricole devono rispettare per poter accedere al regime del pagamento unico S.A.T.A. La condizionalità negli allevamenti da latte CONDIZIONALITA : È insieme delle norme e delle regole che le aziende agricole devono rispettare per poter accedere al regime del pagamento unico S.A.T.A.

Dettagli

CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI

CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI 5/5 6.9 Pulire l irroratrice al termine del trattamento 6.10 Smaltire le rimanenze e gli imballaggi dei PF File n. 15 di 15 della raccolta Materiale didattico

Dettagli

IL PROGETTO ITALIALLEVA

IL PROGETTO ITALIALLEVA IL PROGETTO ITALIALLEVA OBIETTIVO Garantire l origine, la tracciabilità, la sicurezza alimentare ed il benessere animale dando.. Valore aggiunto alle attività istituzionali del Sistema degli Allevatori

Dettagli

Il Regolamento CE 178/2002: La Rintracciabilità negli Alimenti degli Animali. Ragusa 28/01/2005

Il Regolamento CE 178/2002: La Rintracciabilità negli Alimenti degli Animali. Ragusa 28/01/2005 REGIONE SICILIANA ASSESSORATO SANITA' AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE N. 7 RAGUSA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE -AREA DI SANITA' PUBBLICA VETERINARIA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE

Dettagli

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI E GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE Dr. Maurizio Mangelli Responsabile Sicurezza PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 183/2005 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 gennaio 2005 che stabilisce requisiti per l igiene dei mangimi Regolamento 183/2005 Applicazione sul territorio regionale L applicazione

Dettagli

Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi. exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv

Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi. exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv D.Lvo 150/2012 art. 17 MANIPOLAZIONE E STOCCAGGIO Fatte salve le

Dettagli

SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE

SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE Direttore Dott. Valter Dini Piazzale Amburgo, 1 17100 SAVONA Tel.: 019/862303 fax: 019/861265 e-mail: veterinaria.sv@asl2.liguria.it

Dettagli

La filiera del latte

La filiera del latte La filiera del latte 1 Reg. 178/2002 Responsabilità spetta AGLI OPERATORI DEL SETTORE ALIMENTARE garantire che nelle imprese da essi controllate gli alimenti soddisfino le disposizioni della legislazione

Dettagli

Effetti del nuovo sistema di classificazione CLP sulla gestione operativa degli agrofarmaci

Effetti del nuovo sistema di classificazione CLP sulla gestione operativa degli agrofarmaci Il Regolamento CE n. 1272/2008 (CLP) relativo alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio delle sostanze e delle miscele. Effetti del nuovo sistema di classificazione CLP sulla gestione operativa

Dettagli

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento bovino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

OGGETTO: Produzione mangimi medicati: misure per ridurre la contaminazione crociata

OGGETTO: Produzione mangimi medicati: misure per ridurre la contaminazione crociata Ministero della Salute Dipartimento per la sanità pubblica veterinaria, la nutrizione e al sicurezza degli alimenti Direzione Generale della sanità animale e del farmaco veterinario (ex Ufficio XI bis

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE LATTE FRESCO DELLA VALTELLINA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE LATTE FRESCO DELLA VALTELLINA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE LATTE FRESCO DELLA VALTELLINA Art. 1 Denominazione Il nome Latte fresco della Valtellina è attribuito esclusivamente al prodotto che risponde alle condizioni ed ai requisiti

Dettagli

Indirizzo c.a.p Località. Prov... Telefono:..Fax: e-mail:... Legale Rappresentante:... Codice fiscale / partita I.V.A.:...

Indirizzo c.a.p Località. Prov... Telefono:..Fax: e-mail:... Legale Rappresentante:... Codice fiscale / partita I.V.A.:... Verbale di Ispezione Operatore del Settore dei Mangimi/Laboratorio In data...alle ore... il/i sottoscritto/i : Nome. n del.. ALLEGATO 2 Qualifica/Ente di appartenenza............. Ha/Hanno effettuato un

Dettagli

[ ] Per garantire questo, negli organi che decidono sulla

[ ] Per garantire questo, negli organi che decidono sulla Organismi di Certificazione [ ] ORGANISMI D I CERTIFICAZIONE O C IL SISTEMA DI CONTROLLO L agricoltura biologica rappresenta uno dei primi esempi di certificazione di filiera : ogni fase del processo produttivo

Dettagli

GESTIONE DEL FARMACO VETERINARIO

GESTIONE DEL FARMACO VETERINARIO GESTIONE DEL FARMACO VETERINARIO DR. GENNARO ROMANO ASL BN1 REFERENTE FARMACOSORVEGLIANZA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE Normativa di riferimento D.Lvo n. 193/2006 D.Lvo n. 143/2007

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE Tecnico Della Prevenzione Lazzaro Dott. Alessandro (Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Aulss n 13 Mirano-VE) Verona 03/02/2012 Quadro normativo

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 29 giugno 2012 n.69 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 1 della Legge 17 marzo 1993 n.41; Visto l articolo 23, paragrafo

Dettagli

Precauzioni per l ambiente

Precauzioni per l ambiente Precauzioni per l amiente DOMANDE &RISPOSTE 86 L impiego dei prodotti fitosanitari può causare danni all amiente? a no, se il prodotto non è molto tossico sì, possono contaminare il s u o l o, l aria,

Dettagli

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA Modena 16 e 24 marzo 2010 IL PACCHETTO IGIENE Comprende

Dettagli

Il coinvolgimento dell impresa agricola

Il coinvolgimento dell impresa agricola PACCHETTO IGIENE / Il coinvolgimento dell impresa agricola L imprenditore agricolo è coinvolto nella catena alimentare in quanto produttore di alimenti che, direttamente od indirettamente (prodotti primari

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio

Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio Il Pacchetto Igiene e la produzione primaria nel settore ittico Valter Dini - Gualtiero Fazio Regolamenti Linee guida europee Linee guida nazionali Documenti SANCO Linee guida regionali Vecchia normativa

Dettagli

I MANGIMI MEDICATI. Legislazione Prescrizione Produzione Commercializzazione Utilizzo. Dott. Silvio Zavattini, DMV, L.P. www.swinevetgroup.

I MANGIMI MEDICATI. Legislazione Prescrizione Produzione Commercializzazione Utilizzo. Dott. Silvio Zavattini, DMV, L.P. www.swinevetgroup. I MANGIMI MEDICATI Legislazione Prescrizione Produzione Commercializzazione Utilizzo Dott. Silvio Zavattini, DMV, L.P. www.swinevetgroup.it 1 2 3 4 5 6 7 8 5. CONTROLLO DI QUALITÀ 5.1 esiste una persona

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO LINEE GUIDA PER LA L ESECUZIONE DEI CONTROLLI TESI A GARANTIRE LA SICUREZZA ALIMENTARE NELL AMBITO DELLA PRODUZIONE E IMMISSIONE SUL MERCATO DEL LATTE DESTINATO AL TRATTAMENTO TERMICO E ALLA TRASFORMAZIONE

Dettagli

LA SICUREZZA ALIMENTARE

LA SICUREZZA ALIMENTARE LA SICUREZZA ALIMENTARE PERCHÉ UNA NUOVA LEGISLAZIONE IN MATERIA PRODOTTI ALIMENTARI? Le 14 Direttive e testi relativi che dal 1964 sono state emanate in tempi successivi in tema garantito la protezione

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI CONFEDERAZIONE NAZIONALE COLDIRETTI MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI REGOLAMENTI CE N.

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi Il tema della sicurezza alimentare riveste un ruolo di primaria importanza all interno della vita di ogni consumatore. La legislazione alimentare, fondamentale per assicurare un equo agire della autorità,

Dettagli

I registri dell agricoltore. Un unico quaderno per tracciare le attività in azienda agricola

I registri dell agricoltore. Un unico quaderno per tracciare le attività in azienda agricola I registri dell agricoltore Un unico quaderno per tracciare le attività in azienda agricola Agricoltura Responsabile TM Promuoviamo la sostenibilità in agricoltura 2 Decalogo dell uso sostenibile 3 I registri

Dettagli

Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317

Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317 PIANO HACCP FARMACIE LISTA DI CONTROLLO Commento: DATI IDENTIFICATIVI : DENOMINAZIONE RAGIONE SOCIALE Legale Rappresentante Sede Generalità E presente l intestazione? SI/_/ (nella pagina di copertina deve

Dettagli

SCHEDA PER LA CLASSIFICAZIONE DEI MANGIMIFICI IN BASE AL RISCHIO

SCHEDA PER LA CLASSIFICAZIONE DEI MANGIMIFICI IN BASE AL RISCHIO SCHEDA PER LA CLASFICAZIONE DEI MANGIMIFICI IN BASE AL RISCHIO Ragione sociale:.... Sede legale: Sede produttiva:....... Telefono: fax:..e-mail:..... Codice fiscale / partita IVA:... Legale rappresentante:...

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it

Dettagli

Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi

Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi Identificazione pericoli Figure professionali Ambienti Valutazione di esposizione dei rischi Altri rischi antiparassitari

Dettagli

L attività di cui alla presente nota assume un carattere di priorità sugli altri interventi

L attività di cui alla presente nota assume un carattere di priorità sugli altri interventi PROCEDURE OPERATIVE STRAORDINARIE PER LA PREVENZIONE E LA GESTIONE DEL RISCHIO CONTAMINAZIONE DA AFLATOSSINE NELLA FILIERA LATTIERA- CASEARIA E NELLA PRODUZIONE DEL MAIS DESTINATO ALL ALIMENTAZIONE UMANA

Dettagli

Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA

Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento CE 852/2004 Regolamento CE 853/2004 Linee guida sancite dall accordo Stato-Regioni rep. n. 2470 e 2477

Dettagli

Norme per l acquisto, il trasporto e la conservazione dei prodotti fitosanitari

Norme per l acquisto, il trasporto e la conservazione dei prodotti fitosanitari Norme per l acquisto, il trasporto e la conservazione dei prodotti fitosanitari La legislazione di riferimento Le principali norme di riferimento che regolano in Italia il commercio, la vendita e l utilizzo

Dettagli

Manuale di buona prassi igienica

Manuale di buona prassi igienica Manuale di buona prassi igienica REVISIONE N. 1 2013 AGGIORNAMENTO E INTEGRAZIONE Reg. CE 29 APRILE 2004, N. 852 sull IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI Revisione n. 1-2013 Reg. CE 29 APRILE 2004, N. 852 sull

Dettagli

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005

Autocontrollo e Sicurezza Alimentare. Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 Autocontrollo e Sicurezza Alimentare Dr. Maurizio Mangelli Venerdì 18 Febbraio 2005 SOMMARIO Lo scenario attuale della legislazione alimentare igienico sanitaria DL 155/97: Autocontrollo e sicurezza alimentare

Dettagli

- limiti previsti dal Regolamento CE 853/2004 per il latte crudo della specie bovina:

- limiti previsti dal Regolamento CE 853/2004 per il latte crudo della specie bovina: intesa Stato/Regioni n. 159/CSR del 23-9-2010 In materia di impiego transitorio di latte crudo bovino non rispondente ai criteri di cui all allegato III, sezione IX del regolamento CE 853/2004, per quanto

Dettagli

L igiene e la sicurezza dei mangimi Study tour CIDASC Brazil Colleatterrato (TE) 20 Gennaio 2010

L igiene e la sicurezza dei mangimi Study tour CIDASC Brazil Colleatterrato (TE) 20 Gennaio 2010 L igiene e la sicurezza Study tour CIDASC Brazil Colleatterrato (TE) 20 Gennaio 2010 Dr.ssa Laura Contu Dirigente veterinario delle Professionalità Sanitarie Ministero della Salute Dipartimento per la

Dettagli

LA SICUREZZA ALIMENTARE DAL CAMPO ALLA BOTTIGLIA

LA SICUREZZA ALIMENTARE DAL CAMPO ALLA BOTTIGLIA LA SICUREZZA ALIMENTARE DAL CAMPO ALLA BOTTIGLIA la gestione dei fitosanitari e l'autocontrollo: il punto di vista del controllo ufficiale Aldo Savoia - Luciano Tosolini SOC Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli

Manuale di Autocontrollo

Manuale di Autocontrollo Az. Agr. Cagnassi Giovanni Fraz. San Vittore n. 87 12045 Fossano (CN) VENDITA DI LATTE CRUDO MEDIANTE DISTRIBUTORE AUTOMATICO Manuale di Autocontrollo Manuale di autocontrollo 1 Indice Introduzione pag.

Dettagli

Regolamenti 852-853-854 e 178: presupposti, stato dell arte e prospettive. Luigi Cazzola, ULSS n 2 di Feltre. Thiene (VI), 8 novembre 2004

Regolamenti 852-853-854 e 178: presupposti, stato dell arte e prospettive. Luigi Cazzola, ULSS n 2 di Feltre. Thiene (VI), 8 novembre 2004 Regolamenti 852-853-854 e 178: presupposti, stato dell arte e prospettive Luigi Cazzola, ULSS n 2 di Feltre Thiene (VI), 8 novembre 2004 Regolamento n.852/2004 del 29.04.2004 sull igiene dei prodotti alimentari

Dettagli

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data

Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica ESEMPIO STAMPA. Edizione Descrizione Data Manuale H.A.C.C.P (ai sensi del Reg. CE 852/2004) Piano di autocontrollo alimentare secondo il sistema HACCP con indicazioni di corretta prassi igienica LOGO AZIENDALE AZIENDA ESEMPIO Indirizzo: Via, 8

Dettagli

Esperienze pratiche nel controllo ufficiale del latte destinato alla produzione di latte alimentare. Angela Soriani Azienda USL di Ferrara

Esperienze pratiche nel controllo ufficiale del latte destinato alla produzione di latte alimentare. Angela Soriani Azienda USL di Ferrara Esperienze pratiche nel controllo ufficiale del latte destinato alla produzione di latte alimentare Angela Soriani Azienda USL di Ferrara I principali tipi di latte alimentare posto in commercio (per trattamento

Dettagli

ELENCO A DEI CRITERI DI GESTIONE OBBLIGATORI DI CUI AGLI ARTICOLI 4 E 5 E ALL ALLEGATO II DEL REGOLAMENTO (CE) N. 73/2009.

ELENCO A DEI CRITERI DI GESTIONE OBBLIGATORI DI CUI AGLI ARTICOLI 4 E 5 E ALL ALLEGATO II DEL REGOLAMENTO (CE) N. 73/2009. Allegato parte integrante Allegato 1 ELENCO A DEI CRITERI DI GESTIONE OBBLIGATORI DI CUI AGLI ARTICOLI 4 E 5 E ALL ALLEGATO II DEL REGOLAMENTO (CE) N. 73/2009. CAMPO DI CONDIZIONALITÀ: AMBIENTE Atto A1

Dettagli

Estratto Disciplinare tecnico del Marchio collettivo 5 colori del benessere

Estratto Disciplinare tecnico del Marchio collettivo 5 colori del benessere Estratto Disciplinare tecnico del Marchio collettivo 5 colori del benessere Unione Nazionale tra le Organizzazioni di Produttori Ortofrutticoli Agrumari e di Frutta in Guscio E vietata la riproduzione,

Dettagli

Documento tecnico ( Allegato )

Documento tecnico ( Allegato ) Documento tecnico ( Allegato ) INDICAZIONI OPERATIVE RELATIVE ALL'ATTIVITA' DI VIGILANZA E CONTROLLO IN MATERIA DI ACQUISTO, UTILIZZO E VENDITA DI PRODOTTI FITOSANITARI Gruppo Lavoro: Mauro Bellettini,

Dettagli

REGIONE PIEMONTE SETTORE SANITA ANIMALE ED IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI

REGIONE PIEMONTE SETTORE SANITA ANIMALE ED IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI REGIONE PIEMONTE SETTORE SANITA ANIMALE ED IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI Prot. n. /27/003 Torino, lì Ai Responsabili dell Area C dei Servizi veterinari delle ASL piemontesi Ai Presidi Multizonali di Profilassi

Dettagli

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO

PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO PARAMETRI IGIENICO-SANITARI DEL LATTE BOVINO: PROBLEMATICHE CONNESSE CON IL IL CONTROLLO E L AUTOCONTROLLO Reggio Emilia, 21-22 aprile 2010 Bologna, 19-20 maggio 2010 Dr.ssa Lucia Nocera Servizio Veterinario

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

A tal fine allega la copia del certificato di riconoscimento e/o registrazione ai sensi del D.Lgs. 123/99.

A tal fine allega la copia del certificato di riconoscimento e/o registrazione ai sensi del D.Lgs. 123/99. Allegato A1 Al Servizio Veterinario dell Azienda ULSS n.. RACCOMANDATA A/R Oggetto: notifica ai sensi del Regolamento (CE) 183/2005 - art. 18, comma 1. Il sottoscritto nato a il _ _ / _ _ / _ _ _ _ in

Dettagli

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail ASL Indirizzo Recapiti: telefono telefax e-mail VERBALE DI SOPRALLUOGO PER L ACCERTAMENTO DELL IDONEITA STRUTTURALE ED IGIENICO SANITARIA DEGLI STABILIMENTI DATA DEL SOPRALLUOGO / / ISPETTORE INCARICATO

Dettagli

Ministero della Salute PNAA 2015/2017

Ministero della Salute PNAA 2015/2017 Ministero della Salute Verbale di Ispezione Operatore del Settore dei Mangimi/Laboratorio In data...alle ore... il/i sottoscritto/i : Nome n. del..... Allegato 4 Qualifica/Ente di appartenenza........

Dettagli

PRODOTTI FITOSANITARI: IL NUOVO PATENTINO dott.ssa Lisanna Billeri U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Az.

PRODOTTI FITOSANITARI: IL NUOVO PATENTINO dott.ssa Lisanna Billeri U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Az. PRODOTTI FITOSANITARI: IL NUOVO PATENTINO dott.ssa Lisanna Billeri U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Az. USL 3 Pistoia ABSTRACT Ci sono novità per i prodotti fitosanitari, a decorrere

Dettagli

Cittadinanza Sesso M F Codice Fiscale _. Residenza: Comune Provincia. Via/Piazza N C.A.P. Tel. Cell

Cittadinanza Sesso M F Codice Fiscale _. Residenza: Comune Provincia. Via/Piazza N C.A.P. Tel. Cell ATTIVITA DI PRODUZIONE TRASFORMAZIONE, SOMMINISTRAZIONE, VENDITA DI ALIMENTI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ai sensi dell art. 6 del Reg. Europeo 852/2004 AL SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE

Dettagli

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi

Allegato I. Parte A Obiettivi formativi Allegato I Parte A Obiettivi formativi Tenuto conto dei contenuti formativi riportati nell Allegato I del decreto legislativo n. 150/2012, si riportano di seguito i contenuti comuni degli specifici corsi

Dettagli

D - R - D - R - D - R D - R - D - R -

D - R - D - R - D - R D - R - D - R - Domande frequenti D - Quali parametri consentono di distinguere le aziende artigianali del settore agroalimentari dalle aziende industriali di trasformazione di prodotti agroalimentari R - Le aziende artigianali

Dettagli

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia

Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Controllo e autocontrollo nella filiera lattiero casearia Che cos è l Autocontrollo? L Autocontrollo è un obbligo di legge.. per tutte le Aziende alimentari di realizzarlo; per le Autorità Sanitarie competenti

Dettagli

Adempimenti ambientali lavanderie

Adempimenti ambientali lavanderie Adempimenti ambientali lavanderie Guida pratica Con questa guida, Arpa Umbria intende fornire, a quelle piccole imprese che per le loro dimensioni spesso non hanno personale interno specializzato nella

Dettagli

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE A) ISCRIZIONE ALL ALBO DEI GESTORI - articolo 212 d.lgs.n.152/06 Ai sensi dell articolo 212, comma 5, del d.lgs. n.152/06 sono obbligati

Dettagli

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IN CENTRI DI MAGAZZINAGGIO SPERMA BOVINO

CHECK LIST CONTROLLO UFFICIALE IN CENTRI DI MAGAZZINAGGIO SPERMA BOVINO Pag. 1 di 7 DENOMINAZIONE SEDE LEGALE AMMINISTRATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL SEDE OPERATIVA INDIRIZZO N. COMUNE DI TELEFONO FAX E-MAIL NUMERO DI REGISTRAZIONE DEL RILASCIATO DA NUMERO

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO Rintracciabilità Pesce Azzurro

DISCIPLINARE TECNICO Rintracciabilità Pesce Azzurro DISCIPLINARE TECNICO Rintracciabilità Pesce Azzurro ORGANIZZAZIONE DI PRODUTTORI ARMATORI E OPERATORI DELLA PESCA DI CESENATICO SOCIETA COOPERATIVA Approvazione Presidente Emissione 01 del 05.12.06 Indice

Dettagli

NORME DI PRODUZIONE MANGIMI TRASFORMATI per i prodotti da agricoltura biologica

NORME DI PRODUZIONE MANGIMI TRASFORMATI per i prodotti da agricoltura biologica INDICE Argomento Reg. (CE) n. 834/2007 Reg. (CE) n. 889/2008 Obiettivi della produzione biologica Art. 3 Principi della produzione biologica Art. 4; Art. 6 Divieto di uso di OGM Art. 9 Divieto di utilizzare

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 3 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. Che cosa è necessario

Dettagli

.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad

.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad ,'- - -~~_._,--~ -_... ~-------;~-----'--'-'~-~_._' --- - - - -), Minislero della Salule 0009028-P-30/03/2009 ( DGSAN, " " \....... _--_._---._.~" '._-"-'.., I -.~U.~k1c_g~A7M.dtfj,:%',%d8 6.r:k~'.f!J!dt:c4.ijIf;iad

Dettagli

Pericolo e rischio: Regolamento CE 1272/2008, etichetta, scheda di sicurezza e deposito. Legnago 20 maggio 2015

Pericolo e rischio: Regolamento CE 1272/2008, etichetta, scheda di sicurezza e deposito. Legnago 20 maggio 2015 Pericolo e rischio: Regolamento CE 1272/2008, etichetta, scheda di sicurezza e deposito Legnago 20 maggio 2015 Il Regolamento CLP Il Regolamento 1272/2008 (CLP - Classification, Labeling and Packaging)

Dettagli

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI Marco Buzzichelli A.R.R.R. Spa Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 Delibera del Consiglio Regionale della Toscana n. 385 del 21 dicembre

Dettagli

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA 1 SOMMARIO 1 PREMESSA...3 2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...4 3 DEFINIZIONI...5 4 NORMATIVE DI RIFERIMENTO...7 5 PRINCIPI BASE DEL SISTEMA DI TRACCIABILITÀ

Dettagli

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE

UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE PROGRAMMAZIONE 2014 UNITA OPERATIVA IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI E DELLE PRODUZIONI ZOOTECNICHE Premessa: L unità Organizzativa complessa Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche svolge principalmente

Dettagli

DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A:

DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: DIPARTIMENTO PREVENZIONE VETERINARIO U.O.C. IGIENE DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE REQUISITI NECESSARI PER STRUTTURE DA ADIBIRE A: LABORATORIO PRODUZIONE SALUMI PER LA VENDITA AL CONSUMATORE FINALE PREMESSA

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLEVATORI. Manuale di corretta prassi igienica per gli allevamenti bufalini

ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLEVATORI. Manuale di corretta prassi igienica per gli allevamenti bufalini ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLEVATORI Manuale di corretta prassi igienica per gli allevamenti bufalini AI SENSI DEI REGG. CE 178/02 e 852/2004 Premessa Le finalità del presente manuale sono quelle di integrare

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea, REGOLAMENTO (CE) N. 2076/2005 DELLA COMMISSIONE del 5 dicembre 2005 che fissa disposizioni transitorie per l attuazione dei regolamenti del Parlamento europeo e del Consiglio (CE) n. 853/2004, (CE) n.

Dettagli

L uso del farmaco veterinario Stato dell Arte, novità e prospettive

L uso del farmaco veterinario Stato dell Arte, novità e prospettive L uso del farmaco veterinario Stato dell Arte, novità e prospettive Cosimo Iavecchia Presidente Ordine dei Medici Veterinari della provincia di Benevento Solopaca 03/10/2015 Medicinale veterinario: (art.

Dettagli

MODALITÀ DI DISTRUZIONE DEI BENI

MODALITÀ DI DISTRUZIONE DEI BENI MODALITÀ DI DISTRUZIONE DEI BENI Le formalità da seguire per procedere alle distruzioni di beni, analoghe sia per le rimanenze di magazzino che per i beni strumentali, sono attualmente previste dal D.P.R.

Dettagli

COME VENGONO REALIZZATI I CONTROLLI ORDINARI DELLA SANITA ANIMALE?

COME VENGONO REALIZZATI I CONTROLLI ORDINARI DELLA SANITA ANIMALE? COME VENGONO REALIZZATI I CONTROLLI ORDINARI DELLA SANITA ANIMALE? Regolamenti di Polizia Veterinaria/Norma sanitaria L input del processo è costituito dalla normativa sanitaria veterinaria COSTRUZIONE/GESTIONE

Dettagli

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04

Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA. Dipartimento della Prevenzione. Sicurezza Alimentare. Articolo 7 regolamento (CE) 882/04 Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA Dipartimento della Prevenzione Sicurezza Alimentare Sintesi delle attività in materia di controlli ufficiali di cui al reg. (CE) 882/04, svolte dal Dipartimento di

Dettagli

Mi Rifiuto. Azioni in Comune per risolvere il problema dei rifiuti. Atti del Convegno 21 aprile 08

Mi Rifiuto. Azioni in Comune per risolvere il problema dei rifiuti. Atti del Convegno 21 aprile 08 Mi Rifiuto Azioni in Comune per risolvere il problema dei rifiuti. Atti del Convegno 21 aprile 08 Giuseppe CONCARO La gestione dei rifiuti agricoli Ecologos Via M. Buniva 8 10124 Torino Tel 011.19707846

Dettagli

ARPA FVG. Gestione dei rifiuti agricoli

ARPA FVG. Gestione dei rifiuti agricoli ARPA FVG Gestione dei rifiuti agricoli SOC Dipartimento Provinciale di Pordenone ARPA FVG Palmanova - Italy dott. Elena Della Donna Deposito temporaneo Sommario: Raccolta e smaltimento dei contenitori

Dettagli

IL MINISTRO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE E IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI

IL MINISTRO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE E IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI D.M. 27 maggio 2004. * Rintracciabilità e scadenza del latte fresco. (pubbl. in Gazz. Uff. n. 152 del 1 luglio 2004). Ultima modifica: D.M. 14 gennaio 2005. IL MINISTRO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE E IL MINISTRO

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELLA QUALITA' DELLE ACQUE UTILIZZATE NELLE IMPRESE ALIMENTARI

LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELLA QUALITA' DELLE ACQUE UTILIZZATE NELLE IMPRESE ALIMENTARI Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Direttore Dr. Iginio Pintor LINEE GUIDA PER IL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELLA QUALITA' DELLE ACQUE UTILIZZATE NELLE IMPRESE ALIMENTARI Con il termine

Dettagli

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO e DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Vercelli, 12 dicembre 2011 La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA

IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA Tabella 1) Capitolo 1 - Generalità Revisione n.00 Paragrafo 1.1 - Identificazione della struttura Allegati relativi al paragrafo: ALL.01 IDENTIFICAZIONE DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA Denominazione: Sede:

Dettagli

LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino

LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione. Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino LA COMMISSIONE MENSA Un occhio attento sul servizio di ristorazione Paola Rebufatti Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Essere di ausilio alla

Dettagli

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004.

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004. PACCHETTO IGIENE L Unione Europea ha da sempre attribuito molta importanza all attività legislativa diretta a regolamentare la sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, con l obiettivo primario di tutelare

Dettagli

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI)

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) TIPOLOGIE DI RIFRIUTO PRODOTTE NELLE ATTIVITA AGRICOLE E CORRETTE MODALITA DI SMALTIMENTO SIG. EVASIO SEBASTIANELLI Con il Decreto Legislativo n. 22/97 (meglio

Dettagli

AGGIORNAMENTI IN MEDICINA VETERINARIA : questioni di farmacosorveglianza

AGGIORNAMENTI IN MEDICINA VETERINARIA : questioni di farmacosorveglianza AGGIORNAMENTI IN MEDICINA VETERINARIA : questioni di farmacosorveglianza negli animali da reddito Diagnosi caso 1: I farmaci per la medicazione in acqua: scorte o trattamento? Secondo l articolo 81 del

Dettagli

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI

Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI DM MINPOLAF 10_11_09 Pag: 1 DECRETO MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI 10 novembre 2009. Disposizioni nazionali relative alle norme di commercializzazione dell olio di oliva. (10A00315).

Dettagli