Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole."

Transcript

1

2 TIMBRO AZIENDA

3 Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali

4 Indice 1. Introduzione al manuale 1.1 Definizioni 1.2 Documenti di riferimento Principali norme di riferimento Altri documenti di riferimento 2. Registrazione dell azienda 3. Gestione delle non conformità 4. Registrazioni Capitolo I: Procedura di rintracciabilità nella produzione di latte 1. Gestione degli animali 2. Approvvigionamento 3. Stoccaggio dei prodotti critici ai fini della rintracciabilità 4. Alimentazione degli animali 4.1 Acquisto di alimenti per gli animali 4.2 Autoproduzione di alimenti zootecnici 4.3 Gestione ed utilizzo di alimenti per animali 5. Farmaci veterinari e mangimi medicati 6. Additivi nell alimentazione degli animali 6.1 Utilizzo di mangimi additivati 6.2 Utilizzo di additivi e premiscele 7. Biocidi (disinfettanti, disinfestanti e detergenti) 8. Fitosanitari 9. Mungitura e conservazione del latte 10. Ritiro e richiamo Capitolo II: Procedura per le corrette prassi igieniche 1. Organizzazione dell azienda 2. Alimenti per gli animali 2.1 Acquisto di alimenti per gli animali 2.2 Produzione di alimenti zootecnici 2.3 Stoccaggio, gestione ed utilizzo di alimenti zootecnici 3. Gestione delle sostanze pericolose e dei rifiuti 3.1 Sostanze pericolose Biocidi Fitosanitari Farmaci e mangimi medicati Additivi nell alimentazione degli animali 3.2 Rifiuti 4. Animali 4.1 Zoonosi e patologie trasmissibili all uomo tramite gli alimenti 5. Attrezzature 5.1 Mungitura 5.2 Pulizia e manutenzione degli impianti 6. Refrigerazione del latte 7. Acqua Pag. 2 di 29

5 Capitolo III: Requisiti aggiuntivi per la condizionalità relativi alla protezione degli animali e alle Norme di Polizia Sanitaria 1. Principali Norme di Polizia Sanitaria 2. Benessere e protezione degli animali Pag. 3 di 29

6 1. Introduzione al manuale Il Manuale operativo per l applicazione della rintracciabilità, delle corrette prassi igieniche e dei criteri di gestione obbligatori della condizionalità è uno strumento operativo che ha lo scopo di garantire che i requisiti relativi alla rintracciabilità, agli aspetti igienico sanitari degli alimenti e dei mangimi siano correttamente applicati. Il manuale si applica alle aziende produttrici di latte alimentare destinato alla produzione di latte alimentare trattato termicamente, alla trasformazione industriale previo trattamento termico o alla trasformazione in prodotti, tutelati e non, a stagionatura superiore ai 60 giorni. Il manuale si inserisce in un contesto di filiera e, pur essendo gli elementi in esso contenuti validi per tutte le tipologie di allevamento, si applica alle sole attività dell allevamento che riguardano la produzione di latte bovino. Nel manuale sono trattati alcuni argomenti che, pur non essendo direttamente connessi alla rintracciabilità o igiene degli alimenti e dei mangimi, sono necessari per soddisfare tutti i criteri di condizionalità (previsti dal Regolamento (CE) 1782/2003 e dal Decreto Ministriale del 21 dicembre 2006) ai fini del ricevimento, da parte degli allevatori, del sostegno diretto al reddito previsto dalla PAC. La Cooperativa definisce le finalità e gli obiettivi per la qualità del latte in relazione a: contenuto di cellule somatiche; carica batterica totale; percentuale di grasso; percentuale di proteine; percentuale di lattosio; indice crioscopico; residuo secco magro; assenza di sostanze inibenti; contenuto di aflatossine; presenza di altri contaminanti. La Cooperativa attua, in accordo con altri soggetti della filiera, un sistema di monitoraggio per valutare la presenza di sostanze indesiderabili (contaminazioni derivanti dall aria, dal suolo, dall acqua, dai mangimi, dai fertilizzanti, dai prodotti fitosanitari e dai biocidi) nel latte. Il campionamento è effettuato con una periodicità che viene fissata nel piano di autocontrollo della Cooperativa e prevede, quanto meno, la ricerca di tutte le sostanze che presentano un limite normativo. La campionatura è rappresentativa di tutto il latte raccolto. I risultati delle indagini sono oggetto di una valutazione periodica che ha lo scopo di valutare il rischio associato a ciascun contaminante e, di conseguenza, di adattare il piano dei controlli e di attuare eventuali azioni preventive e correttive. I risultati dei controlli e le relative valutazioni periodiche sono disponibili presso la sede della Cooperativa. Qualora si verificasse la presenza di residui in quantità superiore ai limiti fissati dalla normativa, la Cooperativa avvierà un azione correttiva gestendo la relativa non conformità. La mancata apertura di non conformità e relativa azione correttiva da parte della Cooperativa indica la conformità del latte ai requisiti normativi. Pag. 4 di 29

7 1.1 Definizioni Mangime (o alimento per animali ): qualsiasi sostanza o prodotto, compresi gli additivi, trasformato, parzialmente trasformato o non trasformato, destinato alla nutrizione per via orale degli animali. Biocidi: i principi attivi ed i preparati contenenti uno o più principi attivi, presentati nella forma in cui sono consegnati all utilizzatore, destinati a distruggere, eliminare, rendere innocui, impedire l azione o esercitare altro effetto di controllo su qualsiasi organismo nocivo con mezzi chimici o biologici (quali ad esempio disinfettanti per superfici, per materiali e attrezzature, disinfettanti per sistemi di condizionamento, disinfettanti per l'igiene umana e veterinaria, fumiganti, prodotti utilizzati per il controllo di roditori e altri animali nocivi, insetticidi e acaricidi per uso domestico e civile, repellenti etc.). Rifiuti di origine animale: carcasse o parti di animali o pesci o prodotti di origine animale giudicati non destinabili al consumo umano diretto a norma delle leggi vigenti, esclusi gli escreti degli animali e i rifiuti di cucina e dei pasti. Produzione primaria di mangimi: miscelazione di mangimi per il fabbisogno esclusivo dell azienda, senza usare additivi o premiscele di additivi ad eccezione degli additivi per insilati. Additivi per mangimi: sostanze, microrganismi o preparati, diversi dai mangimi e dalle premiscele che sono intenzionalmente aggiunti agli alimenti per animali o all'acqua al fine di svolgere, in particolare, una o più tra le funzioni di cui: influenzare favorevolmente le caratteristiche dei mangimi, influenzare favorevolmente le caratteristiche dei prodotti di origine animale, soddisfare le esigenze nutrizionali degli animali, avere un effetto positivo sulle conseguenze ambientali della produzione animale, influenzare favorevolmente la produzione, le prestazioni o il benessere degli animali influendo, in particolare, sulla flora gastrointestinale o sulla digeribilità degli alimenti per animali, o avere un effetto coccidiostatico o istomonostatico. 1.2 Documenti di riferimento Principali norme di riferimento Decreto MiPAF del 21 Dicembre 2006 Disciplina del regime di condizionalita' della PAC e abrogazione del Decreto Ministeriale 15 dicembre 2005 (Decreto n ). Regolamento (CE) n. 183/2005 del Parlamento europeo e del Consiglio del 12 gennaio 2005 che stabilisce requisiti per l igiene dei mangimi. Decreto MiPAF del 14 gennaio 2005 Linee guida per la stesura del manuale aziendale per la rintracciabilità del latte. Regolamento (CE) n. 852/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, sull'igiene dei prodotti alimentari. Pag. 5 di 29

8 Regolamento (CE) n. 853/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, che stabilisce norme specifiche in materia di igiene per gli alimenti di origine animale. Regolamento (CE) n. 1782/2003 del Consiglio che stabilisce norme comuni relative ai regimi di sostegno diretto nell'ambito della politica agricola comune e istituisce taluni regimi di sostegno a favore degli agricoltori e che modifica i Regolamenti (CE) n. 2019/93, (CE) n. 1452/2001, (CE) n. 1453/2001, (CE) n. 1454/2001, (CE) n. 1868/94, (CE) n. 1251/1999, (CE) n. 1254/1999, (CE) n. 1673/2000, (CE) n. 2358/71 e (CE) n. 2529/2001. Regolamento (CE) n. 178/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 28 gennaio 2002, che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza alimentare. Direttiva 98/58/CE del Consiglio, riguardante la protezione degli animali negli allevamenti. Direttiva 91/629/CEE del Consiglio e successive modifiche (Direttiva 97/2/CE; Decreto 97/182/CE), che stabilisce le norme minime per la protezione dei vitelli Altri documenti di riferimento Manuale di corretta prassi igienica; Manuale per la protezione degli animali; Piano di autocontrollo dell azienda zootecnica e della Cooperativa; Procedure specifiche dell'azienda zootecnica. 2. Registrazione dell azienda Il latte crudo deve provenire da aziende autorizzate o registrate e controllate. I locali e le attrezzature utilizzati debbono essere costruiti, mantenuti e governati in modo da garantire buone condizioni di igiene, di pulizia e di salute degli animali e soddisfacenti condizioni d'igiene per quanto riguarda la mungitura, la manipolazione, la refrigerazione ed il magazzinaggio del latte. Tutte le aziende già operanti che producono latte, destinato al trattamento termico o alla trasformazione in prodotti a base di latte, devono essere state registrate previo accertamento da parte del servizio veterinario della ASL competente, del possesso dei requisiti di cui all'all. A, cap. II e cap. III del D.P.R. n. 54/1997. Le aziende già autorizzate alla produzione di latte alimentare ai sensi del D.M. 184/91 o del D.M. 185/91 risultano automaticamente registrate senza ulteriori obblighi. Qualora l azienda non sia autorizzata o registrata, o in seguito a variazione, il titolare dell impresa deve inviare al Comune in cui ha sede tale attività la notifica dell esistenza, della variazione di titolarità o di attività, della cessazione, della chiusura di ogni attività soggetta a registrazione. A tal fine l allevatore può servirsi del Modulo Registrazione dell azienda produttrice di latte. Anche i mangimi utilizzati in azienda devono provenire da stabilimenti riconosciuti/registrati, quindi l allevatore che effettua la produzione primaria e/o la Pag. 6 di 29

9 commercializzazione di mangimi deve provvedere alla registrazione della propria attività. A tal fine l allevatore può utilizzare il Modulo Registrazione dell azienda produttrice di mangimi. 3. Gestione delle non conformità L evidenza di situazioni che si discostano da quanto pianificato e descritto nel piano di autocontrollo, nel presente manuale e nei documenti richiamati deve essere considerata come una NON CONFORMITA e come tale deve essere registrata nel Modulo Gestione delle non conformità. L evidenza di una non conformità richiede l identificazione del prodotto/situazione non conforme e la descrizione delle attività svolte dal produttore per la gestione del prodotto non conforme o per la risoluzione della situazione non conforme. Se ritenuto necessario possono essere descritte le attività svolte per evitare il ripetersi della non conformità. Le attività svolte devono essere documentate sul Modulo Gestione delle non conformità. Le NON CONFORMITA la cui apertura e gestione competono al produttore sono quelle che emergono a seguito di eventi accidentali, a seguito di controlli effettuati in autonomia dall allevatore stesso, a seguito di segnalazioni dall Autorità Competente o di altri o a seguito di controlli effettuati dal produttore stesso sui suoi fornitori. Non devono essere documentate dall allevatore le non conformità gestite dalla Cooperativa a seguito di controlli analitici effettuati sul latte o a seguito di verifiche ispettive effettuate dai tecnici. Sono non conformità che debbono essere gestite dal produttore le seguenti: segnalazioni non provenienti dalla Cooperativa - della presenza di residui di sostanze indesiderabili (aflatossine, pesticidi, metalli pesanti etc.) nel latte o negli alimenti per gli animali; carenze nella formazione del personale; la presenza di alimenti autoprodotti marci, ammuffiti o comunque alterati; l assenza del cartellino in alimenti acquistati; il mancato rilascio del campione da parte del fornitore di alimenti; alterazioni negli alimenti acquistati; esiti analitici non conformi negli alimenti autoprodotti o acquistati; la contaminazione accidentale del latte (o il contatto accidentale con gli animali) da parte di biocidi, detergenti, fitosanitari, rifiuti potenzialmente pericolosi; le rotture di impianto di mungitura o unità frigorifere che necessitano di manutenzione straordinaria; la mungitura accidentale di animali sotto trattamento o che non abbiano ancora terminato il periodo di sospensione; il ricevimento di animali non accompagnati da Mod. 4, passaporto e attestazioni sanitarie richieste/previste; la segnalazione, da chiunque provenga, di malattie del bestiame trasmissibili all uomo; la segnalazione, da chiunque provenga, di analisi che evidenzino una potenziale contaminazione chimica o biologica del latte. Pag. 7 di 29

10 Il responsabile dell azienda deve adottare opportune misure correttive qualora sia informato di problemi individuati durante i controlli ufficiali. Il responsabile dell azienda è tenuto a mettere in atto procedure di ritiro e richiamo nel momento in cui abbia il fondato dubbio o la certezza che un alimento (latte o carne), uscito dalla sua azienda, non risponda ai requisiti di sicurezza. 4. Registrazioni Il responsabile dell azienda è tenuto a conservare i risultati di analisi che abbiano evidenziato la presenza di zoonosi e di agenti zoonotici che sono oggetto di sorveglianza 1 e i risultati relativi alle analisi effettuate sugli animali, sui mangimi o su altri campioni prelevati a scopo diagnostico (ad es. acqua, campioni ambientali, etc.) e che abbiano rilevanza per la salute umana (contaminazione da agenti chimici, fisici e biologici). Di seguito è riportato l elenco delle registrazioni che devono essere tenute con il rispettivo periodo di conservazione. Attestazioni sanitarie relative alla movimentazione degli animali Cartellino caratteristiche alimento zootecnico Copia delle ricette dei farmaci DDT farmaci Dichiarazione accompagnatoria dei prodotti biologici controllati Dichiarazione registrazione/riconoscimento az produttrice di mangimi Documenti di acquisto dei prodotti fitosanitari Documenti di trasporto dei biocidi Documenti di trasporto sementi acquistate e relativo cartellino Documento di trasporto alimenti zootecnici Magazzino prodotti fitosanitari Mod. Biocidi Utilizzati saltuariamente Mod. Conservazione e rintracciabilità dei biocidi e dei detergenti Mod. contoterzista Mod. Controllo dei trattamenti Mod. Controllo della temperatura stoccaggio latte Mod. di registrazione dell azienda produttrice di latte Mod. di registrazione dell azienda produttrice di mangimi 3 anni 3 anni 1 anno 2 anni Fino alla chiusura dell attività Fino alla chiusura 1 La sorveglianza e' effettuata dalla ASL competente per il territorio nella fase o nelle fasi della catena alimentare più appropriate in funzione della zoonosi o dell'agente zoonotico in questione, in particolare a livello di produzione primaria, e in altre fasi della catena alimentare, compresa la produzione di prodotti alimentari e mangimi. (Art. 4, comma 2 D.Lvo 191/2006). Pag. 8 di 29

11 dell attività Mod. Elenco fornitori Mod. Organigramma aziendale e formazione del personale Mod. Piano di alimentazione Mod. Piano di coltivazione (o soluzione alternativa per la registrazione delle sementi utilizzate) Mod. Pulizia siti di stoccaggio degli alimenti Mod. Gestione delle non conformità Mod. Ritiro degli alimenti/mangimi dal mercato Moduli di acquisto dei prodotti fitosanitari classificati come tossici, molto tossici o nocivi Planimetria aziendale Quaderno di campagna Registro aziendale Registro carico/scarico latte alta qualità Registro carico/scarico rifiuti Registro di carico e scarico Alimenti zootecnici Registro di scarico e scarico dei farmaci Registro dei trattamenti Registro trattamenti ormonali Registro unificato farmaci Ricevute consegna latte Risultati di analisi relativi al riscontro di zoonosi o di agenti zoonotici oggetto di sorveglianza Risultati di analisi sugli animali o sugli alimenti che hanno rilevanza per la salute umana (risultati piani di profilassi, sorveglianza zoonosi etc.) Schede tecniche e di sucurezza dei prodotti fitosanitari 2 anni 2 anni Minimo 2 anni 1 anno Fino alla chiusura dell attività 3 anni 2 anni 2 anni 3 anni 2 anni 2 anni 1 anno Le registrazioni possono essere su supporto informatico o cartaceo. Per le registrazioni su supporto cartaceo si utilizzano esclusivamente i moduli distribuiti dalla Cooperativa, se non previsto diversamente da disposizioni di legge o disciplinari. Qualora le registrazioni avvengano su supporto informatico mediante appositi programmi di gestione, non è necessario utilizzare i moduli predisposti, purché vengano presi in considerazione tutti gli elementi in essi contenuti. Tutte le registrazioni devono essere rese disponibili, su richiesta, ai tecnici o ispettori incaricati dalla Cooperativa. Pag. 9 di 29

12 Capitolo I: Procedura di rintracciabilità nella produzione di latte 1. Gestione degli animali Tutti gli animali acquistati, venduti o comunque movimentati da e verso l azienda zootecnica devono essere accompagnati dai documenti previsti dalle normative vigenti (Modello 4, Certificato Traces, Certificato di Esportazione o Certificato veterinario comune di entrata in funzione della provenienza degli animali). Tutti gli animali presenti in azienda devono essere correttamente identificati attraverso il marchio auricolare, il passaporto, la registrazione nella Banca Dati Nazionale e l'inserimento nei registri aziendali. La morte di un animale deve essere comunicata, entro 24 ore dal decesso, al Servizio Veterinario della ASL di competenza per il relativo sopralluogo. Una volta in possesso dell Attestazione di Morte rilasciata dal Veterinario Ufficiale, l operatore deve provvedere allo smaltimento della carcassa presso ditte riconosciute. Entro tre giorni dal decesso in azienda deve essere aggiornato il registro di carico/scarico degli animali. Tutte le movimentazioni temporanee dei capi di un allevamento devono essere documentate. Ad esempio, per l alpeggio o il pascolo, la movimentazione deve essere preceduta da una formale indicazione alla ASL di partenza e a quella di arrivo, circa l ubicazione del pascolo o dell alpeggio, nonché la data di inizio e la data di termine del periodo di pascolo/alpeggio. Lo spostamento tra pascoli o alpeggi diversi nella stessa stagione devono essere registrati. Nel caso in cui, durante la stagione dell alpeggio, gli animali vengano trasferiti tra pascoli o alpeggi diversi, in Banca Dati Nazionale dovrà esservi traccia di questa movimentazione. 2. Approvvigionamento Sono considerati approvvigionamenti critici ai fini della rintracciabilità oltre agli animali, già trattati al punto precedente, gli approvvigionamenti relativi a: gli alimenti per animali di produzione sia aziendale che extra aziendale; i biocidi (detergenti, disinfettanti, disinfestanti) e i fitosanitari; i farmaci veterinari. Di tutti i prodotti acquistati devono essere conservati i Documenti di trasporto. Devono, inoltre, essere documentate natura, quantità e data di produzione degli alimenti per animali di produzione aziendale (vedi paragrafo 4. Alimentazione degli animali). La gestione e la documentazione della provenienza delle forniture esterne avviene tramite i Documenti di trasporto e il Modulo Elenco dei fornitori, nel quale devono essere inseriti i dati relativi alle ditte fornitrici. Pag. 10 di 29

13 3. Stoccaggio dei prodotti critici ai fini della rintracciabilità Lo stoccaggio dei prodotti critici ai fini della rintracciabilità deve avvenire in luoghi adatti e ben identificati. La gestione dello stoccaggio avviene in maniera controllata per : alimenti per animali di produzione aziendale ed extra aziendale; biocidi (disinfettanti, detergenti, disinfestanti) e fitosanitari che vengono o possono venire in contatto con l impianto di mungitura, il tank del latte, gli alimenti per gli animali o gli animali stessi; farmaci veterinari. E necessario predisporre una planimetria aziendale in cui siano identificabili in modo inequivocabile i siti di stoccaggio degli alimenti per gli animali, dei biocidi, dei fitosanitari e dei farmaci. Tali ubicazioni devono essere identificate con numeri progressivi sulla planimetria eventualmente riportando, se necessario, una legenda sulla planimetria stessa (es: 1 = Fienile; 2 = magazzino; 3 = silo; 4 = piazzale; 5 = armadietto farmaci etc.). Ove possibile l identificativo corrispondente deve essere riportato sul sito di stoccaggio. Qualora vi sia una lavorazione intermedia e un ulteriore stoccaggio tra lo stoccaggio della materia prima e la somministrazione agli animali, tale attività deve essere riportata a pié di pagina della planimetria (es: il mais in granella viene stoccato nel silo 1; una volta alla settimana la granella viene macinata e stoccata nel silo 2 fino alla fine della partita). 4. Alimentazione degli animali 4.1 Acquisto di alimenti per gli animali I mangimi utilizzati in azienda devono provenire esclusivamente da stabilimenti riconosciuti/registrati. L allevatore all atto dell acquisto deve richiedere una dichiarazione o una copia della registrazione/riconoscimento ai propri fornitori. Il titolare dell azienda registra nel Modulo Elenco fornitori i dati relativi alle ditte fornitrici di alimenti zootecnici e al loro numero di registrazione o di riconoscimento. Le informazioni contenute nell elenco dei fornitori di alimenti per animali deve essere inviato e/o consegnato al soggetto capofiliera (Cooperativa) al quale devono, inoltre, pervenire periodicamente le eventuali modifiche dello stesso. In caso di acquisto di alimenti sfusi, all atto di ogni consegna, deve essere richiesto al fornitore un campione rappresentativo della fornitura unitamente al cartellino (ove applicabile). Il campione (e il relativo cartellino) deve essere conservato sigillato in luogo fresco, asciutto, al riparo dalla luce e deve essere mantenuto in tali condizioni almeno fino all'esaurimento della fornitura successiva al fine di poter effettuare eventuali controlli analitici qualora si verifichino non conformità imputabili all alimentazione degli animali. Nel caso di prodotti acquistati in sacchi non è necessaria l effettuazione del campione. Nella planimetria aziendale deve essere indicato il luogo di conservazione dei Pag. 11 di 29

14 campioni. Il titolare dell azienda o un suo delegato, al momento dell arrivo dell alimento zootecnico deve valutare: quantità e corrispondenza tra quanto è stato ordinato e quanto è stato consegnato; presenza e idoneità del cartellino e/o della documentazione accompagnatoria dell alimento; presenza del campione sigillato alla consegna e rappresentativo della massa (per le forniture di prodotto sfuso). Il titolare dell azienda o un suo delegato, al momento dell arrivo dell alimento zootecnico in azienda, deve registrare nel Modulo Registro di Carico e Scarico Alimenti Zootecnici i seguenti elementi: denominazione e tipologia dell alimento; quantità acquistata/prodotta; data di fornitura/raccolta (intesa come data di arrivo in azienda); estremi identificativi del fornitore; riferimento al documento di trasporto associato all alimento; luogo di conservazione in azienda (sito di stoccaggio dell alimento zootecnico). Deve, inoltre, essere conservato il Documento di trasporto. 4.2 Autoproduzione di alimenti zootecnici L acquisto di semente deve essere documentato; a tal fine, il titolare dell azienda deve conservare i Documenti di trasporto e i cartellini delle sementi acquistate. Il titolare dell azienda, inoltre, predispone annualmente un piano di coltivazione, con indicazione delle superfici destinate alle coltivazioni, le relative colture e varietà, le tipologie e quantità di semente utilzzata. In alternativa il produttore può valutare l ipotesi di documentare la tipologia e la quantità di semente utilizzata e le relative superfici di semina sul Quaderno di campagna (o soluzioni alternative purché siano documentate le informazioni richieste). Il titolare dell azienda al momento della raccolta ed immagazzinamento della produzione aziendale riporta nel Modulo Registro di Carico e Scarico Alimenti Zootecnici : tipologia della produzione; data di raccolta; origine aziendale e, se ritenuto necessario, l indicazione precisa dell appezzamento in cui il prodotto è stato coltivato; quantità immagazzinate; sito (magazzino, trincea, silos, etc.) di stoccaggio della produzione aziendale. Qualora sia ritenuto necessario possono essere predisposte delle Istruzioni Pag. 12 di 29

15 Operative relative alle Modalità di insilamento foraggi aziendali. 4.3 Gestione ed utilizzo di alimenti per animali Il titolare dell azienda, eventualmente coadiuvato da personale esterno, deve predisporre di un piano alimentare e deve annotare sul Modulo Piano di Alimentazione le seguenti informazioni: il gruppo di animali a cui la razione in oggetto è destinata; la data effettiva di inizio utilizzo della razione considerata; la data effettiva di fine utilizzo della razione considerata; gli alimenti somministrati (compresi integratori, sali, lieviti, etc.); la quantità stimata espressa in kg/capo/giorno. Qualora gli animali siano condotti al pascolo devono essere riportate nel Modulo Piano di Alimentazione anche le informazioni relative a: identificazione della superficie dedicata al pascolo; durata del pascolo. Per assicurare la capacità di risalire alla provenienza dei mangimi che compongono la razione, il titolare dell allevamento mantiene traccia, per ogni partita di mangime autoprodotto o acquistato, del periodo in cui questa viene utilizzata registrando nel Modulo Registro di Carico e Scarico Alimenti Zootecnici : la data di inizio utilizzo della partita; la data di fine utilizzo della partita. Il responsabile dell allevamento e/o suo delegato appone la firma alla fine di ogni partita utilizzata. Note: 1. in funzione della realtà aziendale può essere comodo gestire una sola serie di moduli Registro di Carico e Scarico Alimenti Zootecnici per tutti gli alimenti utilizzati, gestirne due serie (una per i prodotti acquistati e una per le produzioni aziendali) o utilizzare un modulo per ciascun prodotto utilizzato. 2. la lavorazione intermedia (es. la macinatura delle granaglie e miscelazione) e l utilizzo delle partite intermedie non devono essere documentate; è sufficiente registrare l utilizzo della materia prima da cui provengono. 3. qualora non sia possibile stimare la quantità effettiva di somministrazione possono essere riportate le diciture a volontà o altre diciture simili. Pag. 13 di 29

16 5. Farmaci veterinari e mangimi medicati Tutti i farmaci, nonchè i mangimi medicati, devono essere acquistati solamente a seguito di prescrizione veterinaria: il produttore è tenuto a conservare le ricette veterinarie. La gestione e l utilizzo dei farmaci e dei mangimi medicati avviene in base alle indicazioni del veterinario e viene documentata attraverso le ricette veterinarie, il Registro dei trattamenti e i Documenti di trasporto dei farmaci. Nel caso in cui l azienda sia autorizzata alla detenzione di una scorta di farmaci dovranno essere presenti le ricette veterinarie, il registro di carico e scarico, il registro dei trattamenti o il registro unificato. Nel caso in cui il veterinario aziendale utilizzi in allevamento medicinali contenenti estradiolo-17 beta e suoi derivati sotto forma di esteri, sostanze beta-agoniste e sostanze ad azione estrogena, androgena o gestagena dovrà provvedere, egli stesso, ad annotare i trattamenti effettuati sull apposito registro dei trattamenti ormonali riportando il numero progressivo della ricetta di riferimento, la natura del trattamento eseguito, la denominazione del medicinale veterinario, la data di inizio e fine trattamento, l identificazione degli animali trattati e la data prima della quale gli animali trattati non potranno essere inviati allo stabilimento di macellazione. 6. Additivi nell alimentazione degli animali 6.1 Utilizzo di mangimi additivati L allevatore che utilizza mangimi composti additivati deve registrare tutte le informazioni relative alla rintracciabilità degli stessi e in particolare: nome e indirizzo dei fabbricanti o dei fornitori del mangime additivato; natura, quantità e formulazione del mangime additivato utilizzato. A tal fine posso essere utilizzati i Moduli Registro di Carico e Scarico Alimenti Zootecnici. 6.2 Utilizzo di additivi e premiscele Nella miscelazione di mangimi possono essere impiegati esclusivamente gli additivi autorizzati ai sensi del Regolamento (CE) 1831/2003 e i prodotti contemplati dalla Direttiva 82/471/CEE. Il produttore che intende utilizzare additivi e premiscele nella preparazione dei mangimi deve essere in possesso del riconoscimento per il propro stabilimento ai sensi del Regolamento (CE) 183/2005. Gli allevatori sono tenuti a rispettare gli obblighi relativi alla rintracciabilità degli additivi utilizzati nell alimentazione animale e a tal fine gli operatori devono riportare in un registro i dati pertinenti compresi quelli relativi all acquisto, al processo di Pag. 14 di 29

17 fabbricazione e ai controlli per un effettiva rintracciabilità dal momento della ricezione alla somministrazione. 7. Biocidi (disinfettanti, disinfestanti e detergenti) L'utilizzo dei prodotti chimici utilizzati per le attività di disinfezione, disinfestazione, detersione (disinfettanti per superfici, per materiali e attrezzature, disinfettanti per sistemi di condizionamento, disinfettanti per l'igiene umana e veterinaria, fumiganti, prodotti utilizzati per il controllo di roditori e altri animali nocivi, insetticidi e acaricidi per uso domestico e civile, repellenti etc.) viene documentato sul Modulo Conservazione e rintracciabilità dei biocidi e detergenti sul quale viene registrato: la data di arrivo in stalla del prodotto; l identificazione del DDT; la denominazione commerciale del prodotto; l origine del prodotto (fornitore); la quantità acquistata; l ubicazione per lo stoccaggio come identificata sulla planimetria; la data effettiva di inizio utilizzo della partita; la data effettiva di fine utilizzo della partita; la firma da apporre alla fine della partita. Per i prodotti che prevedono un applicazione saltuaria deve inoltre essere compilata l apposita sezione del Modulo Conservazione e rintracciabilità dei biocidi e detergenti nel quale deve essere indicato: data di utilizzo del prodotto; sito trattato (identificandolo nel modo più preciso possibile, qualora il sito trattato sia identificato sulla planimetria riportare il corrispondente identificativo); nome commerciale del prodotto utilizzato; firma di chi ha effettuato il trattamento. Di tutti i prodotti acquistati devono essere conservati i Documenti di trasporto. 8. Fitosanitari Gli acquirenti e gli utilizzatori di prodotti fitosanitari devono conservare le fatture di acquisto e i Documenti di trasporto, nonché la copia dei moduli di acquisto dei prodotti con classificazione di pericolo molto tossici, tossici e nocivi. Gli acquirenti e gli utilizzatori devono conservare le schede tecniche e di sicurezza dei prodotti acquistati o utilizzati. Pag. 15 di 29

18 Se ritenuto necessario potranno essere sviluppate delle Istruzioni Operative relative all utilizzo dei prodotti fitosanitari per la difesa delle colture foraggere e predispositi dei moduli finalizzati alla gestione del magazzino dei prodotti fitosanitari; ove necessario nel Modulo Magazzino Prodotti Fitosanitari potranno essere registrate le informazioni relative a: personale, operante in azienda, in possesso di Patentino Verde; nome commerciale del prodotto fitosanitario utilizzato; data di acquisto e riferimento al documento di acquisto; quantità di prodotto acquistata; giacenza iniziale (all inizio della compilazione del modulo e/o all inizio dell anno) e giacenza finale (alla fine della compilazione del modulo e/o dell anno). Gli acquirenti e gli utilizzatori di prodotti fitosanitari devono conservare presso l azienda un registro dei trattamenti effettuati nel corso della stagione di coltivazione, Modulo Quaderno di campagna, che deve essere sottoscritto dall utilizzatore. Nel registro dei trattamenti devono essere annotati entro 30 giorni dall utilizzo dei prodotti fitosanitari: i dati anagrafici relativi all azienda; la denominazione della coltura trattata e la relativa estensione espressa in ettari, nonché le date di semina, trapianto, inizio fioritura e raccolta; la data del trattamento, il prodotto e la relativa quantità impiegata, espressa in chilogrammi o litri, nonché l avversità che ha reso necessario il trattamento. Nel caso in cui l utilizzatore e/o l acquirente dei prodotti fitosanitari non sia il titolare dell azienda, il registro potrà essere compilato da persona diversa. In questo caso dovrà essere presente in azienda, unitamente al registro dei trattamenti, relativa delega scritta da parte del titolare. Nel caso in cui i trattamenti siano realizzati da contoterzisti, il registro dei trattamenti deve essere compilato dal titolare dell azienda sulla base del Modulo Trattamento con prodotti fitosanitari per uso agricolo effettuato da terzista per ogni singolo trattamento. In alternativa, il contoterzista potrà annotare i singoli trattamenti direttamente sul registro dell azienda controfirmando ogni intervento fitosanitario effettuato. Nel caso di cooperative di produttori che acquistano prodotti fitosanitari con i quali effettuano trattamenti per conto dei loro soci (trattamenti effettuati con personale e mezzi delle cooperative) il registro dei trattamenti (unico per tutti gli associati) potrà essere conservato presso la sede sociale dell associazione e dovrà essere compilato e sottoscritto dal legale rappresentante previa delega rilasciata dai soci. Il registro dei trattamenti deve essere compilato anche quando gli interventi fitosanitari sono eseguiti per la difesa delle derrate alimentari immagazzinate. Pag. 16 di 29

19 9. Mungitura e conservazione del latte La quantità di latte consegnato viene registrata dal raccoglitore ogni volta che il latte viene ritirato: un attestato della registrazione viene fornito all'azienda tramite il rilascio di uno scontrino o tramite la registrazione sul libretto di stalla. Le aziende che producono latte alta qualità devono inoltre possedere un apposito registro di carico e scarico, vidimato dall'autorità locale competente, dal quale risulti il quantitativo giornaliero di latte prodotto e il destinatario. Il latte, all atto del ritiro, deve essere accopagnato da idonea dichiarazione di scorta. Le aziende che producono latte biologico dovranno rilasciare, all atto della consegna, un apposita dichiarazione accompagnatoria dei prodotti biologici controllati. Per quanto riguarda la gestione del latte venduto e della sua destinazione, sono rispettati gli obblighi previsti dalla Legge 119/03 e dal Decreto Ministeriale 31 luglio Ritiro e richiamo L allevatore ha l obbligo di mettere in atto procedure di ritiro e richiamo nel momento in cui abbia il fondato dubbio o la certezza che un alimento (latte o animali) o un mangime consegnato non risponda ai requisiti di sicurezza perchè pericoloso o inadatto al consumo. Le procedure di ritiro dal mercato di un alimento devono attivarsi solo quando l alimento non è più sotto il controllo immediato dell allevatore. Quindi il ritiro non riguarda le azioni attuate prima che il prodotto sia uscito dall azienda e quando ci sia, da parte dell allevatore, la possibilità di riparare alla non conformità senza coinvolgere altri operatori della filiera. Il soggetto capofiliera a cui è stato consegnato il latte o il macello a cui è stato destinato un animale potrà mettere in atto, qualora l alimento abbia raggiunto il consumatore finale, le procedure di richiamo. E compito dell allevatore: 1. Provvedere all'immediato ritiro del prodotto dal mercato: identificando con precisione il prodotto a rischio; identificando l'ambito in cui è stato commercializzato; comunicando al soggetto capofiliera, al macello o a chi è stato destinato un animale/mangime, le informazioni necessarie nel modo quanto più tempestivo possibile (es. per telefono) e successivamente dare comunicazione scritta via fax o via . A tal fine è possibille utilizzare il Modulo Ritiro degli alimenti/mangimi dal mercato. 2. Informare immediatamente la ASL territorialmente competente delle procedure di ritiro/richiamo del prodotto e delle motivazioni che hanno portato l'operatore a Pag. 17 di 29

20 metterle in atto utilizzando l apposito Modulo Ritiro degli alimenti/mangimi dal mercato. 3. Informare l'anello a monte della filiera nel caso in cui si abbia motivo di ritenere che la non conformità sia dovuta ad un prodotto da lui fornito (ad esempio se si ritiene che la presenza di aflatossine nel latte sia dovuta al mangime acquistato va contatatto il rivenditore da cui il mangime in questione è stato acquistato). 4. Collaborare con le Autorità Competenti riguardo ai provvedimenti volti ad evitare i rischi provocati da un alimento che egli stesso fornisce o ha fornito. Pag. 18 di 29

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento bovino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI CONFEDERAZIONE NAZIONALE COLDIRETTI MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI REGOLAMENTI CE N.

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte

Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte Pag 1 di 24 A.R.A.L. ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA Manuale per la Rintracciabilità ai sensi del comma 4 articolo 5 del D.M 27 maggio 2004 e successive modifiche e integrazioni, del

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 29 aprile 2004. sull'igiene dei prodotti alimentari

REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 29 aprile 2004. sull'igiene dei prodotti alimentari 30.4.2004 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 139/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTITRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTITRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO SCHEMA DI ACCORDO STATO- REGIONI CONCERNENTE LINEE GUIDA AI FINI DELLA RINTRACCIABILITA DEGLI ALIMENTI E MANGIMI PER FINI DI SANITA PUBBLICA AI SENSI DEL REGOLAMENTO 178/2002 LA CONFERENZA PERMANENTE PER

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

L esperienza toglie più di quanto aggiunga (Platone) MA l immaginazione aumenta con la pratica (William Somerset Maugham)

L esperienza toglie più di quanto aggiunga (Platone) MA l immaginazione aumenta con la pratica (William Somerset Maugham) GUIDA ALLA DIFESA INTEGRATA DELLE INDUSTRIE ALIMENTARI L esperienza toglie più di quanto aggiunga (Platone) E l immaginazione è più importante del sapere (Albert Einstein) MA l immaginazione aumenta con

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte

Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte 2011 Fondazione Edmund

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE

PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE REV. DATA REDATTO Il Responsabile Tecnico VERIFICATO Responsabile di Certificazioni di prodotti Agroalimentari 00

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori

Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori Marzo 2011 Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI Ferruccio Trifirò LA DIRETTIVA BIOCIDI PER CAPIRE GLI EFFETTI DEL REACH Con l applicazione della direttiva biocidi, diventata operativa nel 2000, c è stata una forte riduzione dei principi attivi e delle

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP (D.L.1937/07) DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 DEFINIZIONE HACCP ( HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL POINT) Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298

Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Valori Rimborsi Animali Riferimenti Normativi MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO 20 LUGLIO 1989, N. 298 Regolamento per la determinazione dei criteri per il calcolo del valore di mercato degli animali abbattuti

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE CRITERIO OPERATIVO N 3 CRO 03 CRITERI OPERATIVI Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 12 CRITERI OPERATIVI PER

Dettagli

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE BLUE TONGUE INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PARTE 1 DATA DI COMPILAZIONE / / CODICE IDENTIFICATIVO DEL FOCOLAIO NOME E COGNOME DEL VETERINARIO (STAMPATELLO)

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura.

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. DELIBERAZIONE N. 32/71 DEL 15.9.2010 Oggetto: Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. L Assessore della Difesa dell Ambiente riferisce

Dettagli

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Dott.ssa Luigia Scimonelli ISS - Min. del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 26 novembre 2008 Indice Convenzione di

Dettagli

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA Igiene, norme e sostenibilità: profilo di un settore in continua trasformazione assocasa.federchimica.it Indice 1. Introduzione al settore pag. 3 2. Le

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

Introduzione alla Relazione del convegno

Introduzione alla Relazione del convegno PIANO D AZIONE NAZIONALE PER L USO SOSTENIBIL E DEI PRODOTTI FITOSANIT ARI E PROPOSTE DI STRUMENT I APPLICAT IV I 19 novembre 2012 Environmental Park Centro Congressi Sala Kyoto Via Livorno, 60 Torino

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

La Temperatura degli Alimenti

La Temperatura degli Alimenti La Temperatura degli Alimenti L'ATP è la regolamentazione per i trasporti frigoriferi refrigerati a temperatura controllata di alimenti deperibili destinati all'alimentazione umana. A.T.P. = Accord Transport

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte Sistema di verifica ATTIVITA DI VERIFICA A norma dell articolo 4 del regolamento CE 852/2004, Reg Ce 2073/2005 gli operatori del settore alimentare sono tenuti a rispettare i criteri microbiologici attraverso

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI

IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI IL CORRETTO IMPIEGO DEI PRODOTTI FITOSANITARI Guida al patentino per l acquisto dei prodotti in Emilia-Romagna MODULO 2 Sistemi di sicurezza per l acquisto, la conservazione, il trasporto e l utilizzo

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 RELATIVO ALLA PRODUZIONE BIOLOGICA E ALL ETICHETTATURA DEI PRODOTTI BIOLOGICI E CHE ABROGA IL REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 TESTO COORDINATO

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI PRODOTTI FARMACEUTICI NEI PRESIDI OSPEDALIERI AZIENDALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI PRODOTTI FARMACEUTICI NEI PRESIDI OSPEDALIERI AZIENDALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI PRODOTTI FARMACEUTICI NEI PRESIDI OSPEDALIERI AZIENDALI 1 INDICE Premessa Art. 1 Inquadramento giuridico del Responsabile della Farmacia Art. 2 Compiti Art. 3 Smaltimento

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 Codice DB2017 D.D. 15 novembre 2012, n. 799 Applicazione art. 6 Regolamento (CE) n. 852/2004 e D.G.R. n. 16-4910 del 14.11.2012. Definizione della modulistica per la notifica

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 Per la compilazione della domanda unica 2014 è necessario conoscere la normativa comunitaria e nazionale di riferimento ed in particolare

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO DELL

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli