SCHEDA TECNICA PRODOTTO POSTA PRIORITARIA PRO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA TECNICA PRODOTTO POSTA PRIORITARIA PRO"

Transcript

1 SCHEDA TECNICA PRODOTTO POSTA PRIORITARIA PRO Edizione Ottobre 2013 Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 1 di 28

2 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE TERMINI E DEFINIZIONI GENERALITA CONDIZIONI DI ACCESSO MODALITA DI ADESIONE COSA SPEDIRE COSA NON SPEDIRE DOVE SPEDIRE CARATTERISTICHE DELL INVIO FORMATI E DIMENSIONI CARATTERISTICHE DEGLI INVII STANDARD LAY-OUT DELL INVIO LAY-OUT FRONTE DELL INVIO DI POSTA PRIORITARIA PRO AFFRANCATURA Spedizioni in modalità Senza Materiale Affrancatura (SMA) Affrancatura con Macchine Affrancatrici (MAAF o Affrancaposta) Spedizioni con Conto di Credito BLOCCO INDIRIZZO Posizionamento Blocco Indirizzo Specifiche Tipografiche del Blocco Indirizzo Zona di rispetto del Blocco Indirizzo Blocco indirizzo mittente MODALITÀ DI AFFRANCATURA MACCHINE AFFRANCATRICI (MAAF) Affrancatrici tradizionali Affrancaposta (affrancatura meccanica con macchine affrancatrici a ricarica da remoto) CONTI DI CREDITO SMA (SENZA MATERIALE AFFRANCATURA) MODALITA DI ACCETTAZIONE E CONTROLLI DISTINTE DI SPEDIZIONE CENTRI DI ACCETTAZIONE ORA LIMITE DI ACCETTAZIONE CODICE DI AVVIAMENTO POSTALE SPECIFICHE DI CONFENZIONAMENTO E ALLESTIMENTO ALLESTIMENTO SCATOLE CRITERI PER LE AGGREGAZIONI DEGLI INVII APPENDICE: SPECIFICHE TECNICHE DI PRODOTTO FORMATI BUSTA MATERIALE BUSTA E CARTOLINA MATERIALE DELLA FINESTRA Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 2 di 28

3 11.4 SPESSORE RIGIDITÀ A FLESSIONE ADESIVI E LEMBI DI CHIUSURA SCORRIMENTO DELL INSERTO ALL INTERNO DELL INVIO CON FINESTRA OMOLOGAZIONE (FACOLTATIVA) CODICE 2D COMM ELENCO PROVINCE E CAP AFFERENTI Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 3 di 28

4 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo del presente documento è quello di descrivere le caratteristiche tecniche di dettaglio del prodotto Posta Prioritaria Pro e fornire ulteriori indicazioni utili al Cliente per un corretto allestimento del prodotto conforme allo standard di Poste Italiane. 2 TERMINI E DEFINIZIONI Sigla ASTM CD CMP Condensati (caratteri) CP Fincatura Fronte dell invio Gloss Haze Interlinea ISO Pantone Retro dell invio SMA SP Trasmittanza UNI EN Descrizione American Society for Testing and Materials Centro di Distribuzione Centro di Meccanizzazione Postale Spaziatura ridotta dei caratteri che compongono una parola Centro Prioritario Griglia, tratteggio, reticoli o taglio tratteggiato Lato della busta senza lembi di chiusura Misura della riflessione Misura della opacità Spazio tra le righe dell indirizzo International Organisation for Standardisation Sistema di riferimento internazionale per la selezione, la specifica, l'individuazione e il controllo dei colori Lato della busta con i lembi di chiusura Senza Materiale Affrancatura Servizi Postali Frazione di luce di una determinata lunghezza d onda che attraversa un materiale Ente Nazionale Italiano di Unificazione 3 GENERALITA Posta Prioritaria Pro è il servizio universale di Poste Italiane, per invii diretti sul territorio nazionale, che permette ad una spedizione - affrancata con modalità differenti dal francobollo e dai sistemi in uso presso gli Uffici Postali - di giungere a destinazione il giorno lavorativo successivo a quello dell'invio: consegna in 1 giorno lavorativo + quello di spedizione nel 89% degli invii; consegna in 3 giorni lavorativi + quello di spedizione nel 98% degli invii. Gli invii di Posta Prioritaria Pro prevedono tre modalità di spedizione di seguito descritte: affrancatura con macchine affrancatrici (maaf tradizionali e Affrancaposta) spedizione senza materiale affrancatura affrancatura attraverso l apertura di specifici Conti di Credito Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 4 di 28

5 Per la puntualità del recapito è sempre necessario: rispettare sempre gli orari limite di spedizione impostazione attenersi alle caratteristiche di servizio specificare correttamente il Codice di Avviamento Postale I principali vantaggi del prodotto Posta Prioritaria Pro sono: Velocità: gli invii di Posta Prioritaria Pro sono inoltrati di notte per via aerea e giungono a destinazione il giorno successivo alla spedizione (esclusi il sabato e i giorni festivi). Economicità: tariffa base per tutto il territorio nazionale. Facilità di utilizzo: il servizio presenta modalità semplificate di affrancatura, pagamento ed accettazione delle spedizioni. La presente Scheda Tecnica di Prodotto descrive il dettaglio dei formati e degli standard di confezionamento e riporta le indicazioni per una corretta predisposizione degli invii. 4 CONDIZIONI DI ACCESSO 4.1 MODALITA DI ADESIONE Il Cliente può utilizzare la Posta Prioritaria Pro solo se ha preventivamente sottoscritto, con le strutture commerciali di Poste Italiane, uno degli specifici Contratti previsti per le varie modalità di affrancatura di cui al paragrafo COSA SPEDIRE E possibile spedire tutto ciò che non ricade nei divieti stabiliti dalla vigente normativa. 4.3 COSA NON SPEDIRE Sono esclusi denaro, oggetti preziosi, carte di valore esigibili al portatore. Non è consentito spedire oggetti che possano cagionare danno o possano costituire pericolo per le persone o per le cose. 4.4 DOVE SPEDIRE I punti di accesso alla rete postale degli invii di Prioritaria Pro sono pubblicati sul sito web di Poste Italiane Eventuali modifiche saranno comunicate all Autorità di Regolamentazione del settore postale e pubblicate sul sito web citato. 5 CARATTERISTICHE DELL INVIO Di seguito vengono riportate le caratteristiche dell invio di Posta Prioritaria Pro. Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 5 di 28

6 5.1 FORMATI E DIMENSIONI Per gli invii di Posta Prioritaria Pro, diretti nel territorio nazionale, sono previsti tre formati le cui dimensioni sono riportate nella seguente tabella: DIMENSIONI L 1,4 H Formato Invii TUTTI P piccolo standard M medio standard E extra Min Max Max Max L lunghezza (mm) H altezza (mm) S spessore (mm) 0, P peso (g) Il rapporto lunghezza/altezza dell invio deve essere maggiore o uguale a 1,4. Gli invii non rettangolari (quadrati, cilindrici ecc.) sono da considerarsi sempre di formato Extra. Invii di forma cilindrica devono avere rapporti tra dimensioni che rispettano i seguenti criteri: la somma della lunghezza piu' due volte il diametro deve essere compresa tra 170 mm e 1040 mm. La dimensione maggiore deve essere compresa tra 100 mm e 900 mm. Il passaggio dal formato Piccolo al formato Medio avviene quando uno dei valori supera quelli massimi. Il passaggio dal formato Medio al formato Extra avviene se lo spessore è maggiore di 25 mm. 5.2 CARATTERISTICHE DEGLI INVII STANDARD Di seguito si riporta la tabella nella quale sono indicate le caratteristiche degli invii: Materiale Requisiti indirizzo Carta Zona bianca Buste: bianche o comunque chiare. Se cartoline: grammatura min: 190g/mq. Fascia di 25mm sul margine inferiore della busta ridotta a 15 mm in corrispondenza dell indirizzo (vedi immagine al paragrafo successivo). Posizionamento In basso a destra rispettando la zona bianca. Struttura Un indirizzo deve contenere da tre a cinque righe. - 1 riga: destinatario - 2 riga: facoltativa per informazioni aggiuntive sul destinatario - 3 riga: facoltativa per informazioni aggiuntive sull'edificio (scala, piano, interno) - 4 riga: via, nome della via, numero civico (in alternativa casella postale) - 5 riga: cap, località, sigla provincia E necessario rispettare l ordine delle righe. Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 6 di 28

7 Ogni invio deve essere perfettamente chiuso su tutti i lati. Per le 41 città suddivise in zone postali non è ammesso l utilizzo dei CAP generici (es Roma), ma deve essere indicato il CAP specifico associato alla via e al numero civico del destinatario desumibile dal Codice di Avviamento Postale in vigore. Le uniche eccezioni sono costituite dal caso in cui la strada in cui è ubicato il destinatario non sia pubblicata nel Codice di Avviamento Postale e dal caso di oggetti destinati a Caselle Postali di cui non si conosca il CAP specifico. 6 LAY-OUT DELL INVIO 6.1 LAY-OUT FRONTE DELL INVIO DI POSTA PRIORITARIA PRO Sul fronte dell invio dovranno essere presenti: 1. l affrancatura 2. il blocco indirizzo destinatario 3. il blocco indirizzo mittente con eventuale Logo Di seguito si riporta l immagine esemplificativa del fronte dell invio. 6.2 AFFRANCATURA Figura 1: Esempio di fronte di un invio L affrancatura rappresenta il pagamento del servizio di recapito ed è posizionata sul fronte dell invio in un area denominata zona di affrancatura di dimensioni mm 80 x 40, misurata a partire dall angolo in alto a destra dell invio. A seconda della modalità di affrancatura scelta dal cliente tra quelle disponibili (SMA, MAAF, Conto di Credito) si hanno differenti caratteristiche tecniche dell affrancatura, come riportato nei paragrafi e Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 7 di 28

8 In ogni caso, per il prodotto Posta Prioritaria Pro non è possibile affrancare con i francobolli Spedizioni in modalità Senza Materiale Affrancatura (SMA) Il Cliente che desidera effettuare spedizioni di Posta Prioritaria Pro, utilizzando come modalità di affrancatura la SMA, deve riportare il logo del prodotto, nella zona riservata all affrancatura, mediante: Stampa sulla busta stampa su etichetta da apporre sulla busta apposizione timbro amovibile I dati relativi all autorizzazione rilasciata da Poste, al momento della stipula del contratto, (numero di autorizzazione e data di validità) devono essere riportati, obbligatoriamente sull invio, in una delle due possibili modalità alternative: all interno del logo; all interno del blocco indirizzo come prima riga, preferibilmente separato da una riga bianca. In questo caso si suggerisce di utilizzare il font Times New Roman 8pt. Il logo SMA di prodotto indicato nell immagine sottostante deve essere realizzato in una delle seguenti dimensioni: 70 mm x 40 mm 45 mm x 26 mm 35 mm x 20 mm Il logo può essere riportato sia nella versione in positivo che in negativo. Il colore nero deve avere un elevata carica di intensità cromatica, non inferiore al 30% del colore del fondo, tale da garantire la sicura leggibilità del logo e degli eventuali altri testi (autorizzazione). Il logo deve essere sempre collocato sul medesimo lato del blocco indirizzo nell angolo in alto a destra dell invio. Il cliente deve utilizzare una delle due grafiche di seguito riportate. Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 8 di 28

9 Figura 2: Posizionamento logo sull invio Il logo in formato elettronico viene fornito dalle Aree Commerciali Territoriali insieme all autorizzazione SMA a seguito della sottoscrizione del contratto. In alternativa, la sola autorizzazione SMA può essere riportata come prima riga del blocco indirizzo destinatario, preferibilmente separato da una riga bianca. In questo caso si suggerisce di utilizzare il font Times New Roman 8pt, come di seguito indicato: Il codice di autorizzazione non deve essere manoscritto Affrancatura con Macchine Affrancatrici (MAAF o Affrancaposta) Il Cliente dopo aver sottoscritto l apposito contratto, può iniziare ad affrancare i propri invii utilizzando la macchina affrancatrice scelta. Le macchine affrancatrici, di qualsiasi tipologia, appongono impronta indelebile con indicazione del prodotto di riferimento e della tariffa corrisposta per la spedizione di ciascun invio. L impronta deve comunque essere apposta nella zona riservata all affrancatura. Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 9 di 28

10 6.2.3 Spedizioni con Conto di Credito Con questa modalità di affrancatura, il Cliente consegna i propri invii da spedire agli uffici di accettazione previsti e Poste provvede ad affrancarli con la macchina affrancatrice in dotazione all ufficio. Anche in questo caso la zona di apposizione dell impronta corrisponde a quella riservata all affrancatura. 6.3 BLOCCO INDIRIZZO Si definisce blocco indirizzo l insieme delle righe che compongono l indirizzo. Per comodità, nel seguito ci riferiamo al blocco indirizzo come al rettangolo che circoscrive le righe dell indirizzo, come mostrato negli esempi seguenti: MARIO ROSSI VIALE EUROPA ROMA RM SPETT. ARCHITETTO LUIGI BIANCHI VIA PAISIELLO MARTINA FRANCA TA SALVATORE VERDI VIALE EUROPA ROMA RM Gli standard per la composizione indirizzi sono riportati sul sito di Poste Italiane (vedi Il blocco indirizzo può essere: stampato direttamente sull invio; stampato su opportuna etichetta applicata successivamente sulla busta dell invio; collocato all interno dell invio e visibile attraverso una finestra trasparente il cui materiale rispetti le caratteristiche definite al paragrafo scritto manualmente in stampatello colore scuro Posizionamento Blocco Indirizzo Il blocco indirizzo deve essere posizionato sull invio (vedi figura sotto): nell area di dimensioni 140x140 mm a partire dall angolo in basso a destra nel caso sia parallelo al lato lungo dell invio; nell area di dimensioni 140x140 mm a partire dall angolo in alto a destra nel caso sia parallelo al lato corto dell invio; ad una distanza di almeno 15 mm dai bordi. Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 10 di 28

11 6.3.2 Specifiche Tipografiche del Blocco Indirizzo Di seguito sono riportate le specifiche tipografiche di uso comune del blocco indirizzo destinatario: l indirizzo è dattiloscritto con inchiostro nero su area bianca lo stile del carattere è lo stile normale non sono utilizzati altri stili quali: o grassetto, sottolineati o condensati o giganti, grafici, gotici, corsivi o simili o con abbellimenti (grazie o serif) il blocco indirizzo è libero da logotipi o scritte estranee (marchi di fabbrica, fincature, scritte in microcaratteri, referenti commerciali, codici etc) la distanza tra due parole successive è compresa tra 1 e 3 caratteri l interlinea è singola e costante per tutte le linee dell indirizzo le righe dell indirizzo sono parallele le righe dell indirizzo sono allineate a sinistra l inclinazione delle righe indirizzo rispetto alla base della lettera è contenuta entro un angolo di 5 non si lasciano righe vuote tra la prima e l ultima dell indirizzo carattere (font) utilizzabili: Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 11 di 28

12 6.3.3 Zona di rispetto del Blocco Indirizzo Per garantire l individuazione del blocco indirizzo da parte dei sistemi di lettura automatica, è necessario mantenere delle zone di rispetto di: almeno 15 mm di larghezza sul lato destro e sul lato sinistro del blocco indirizzo; almeno 5 mm di larghezza sul lato superiore e sul lato inferiore del blocco indirizzo. Queste zone devono essere di colore bianco Blocco indirizzo mittente L eventuale blocco indirizzo mittente va apposto sul fronte dell invio nell angolo in alto a sinistra. La composizione dell indirizzo segue le medesime regole riportate nei paragrafi precedenti per quanto attiene all indirizzo del destinatario. Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 12 di 28

13 7 MODALITÀ DI AFFRANCATURA Gli invii di Posta Prioritaria Pro prevedono tre modalità di affrancatura di seguito descritte. 7.1 MACCHINE AFFRANCATRICI (MAAF) Le macchine affrancatrici consentono di affrancare ogni invio da spedire mediante un impronta indelebile apposta meccanicamente di valore pari alla tariffa dovuta. Le macchine affrancatrici sono acquistate ed utilizzate prevalentemente dai Clienti che hanno: un notevole volume di posta da spedire, anche per conto di terzi spedizioni composte molto spesso da prodotti diversi esigenze di velocità di lavorazione spedizioni frequenti Affrancatrici tradizionali Nel caso di utilizzo di macchine affrancatrici l affrancatura degli invii viene effettuata meccanicamente presso il Cliente oppure presso lo speditore autorizzato per l affrancatura conto terzi. Sugli invii sono applicate impronte di valore pari alla tariffa dovuta con indicazione del prodotto di riferimento Affrancaposta (affrancatura meccanica con macchine affrancatrici a ricarica da remoto) L Affrancatura degli invii viene effettuata tramite macchine affrancatrici a ricarica da remoto istallate presso la sede del Cliente che può affrancare invii propri o di terzi. Le macchine affrancatrici stampano su ogni invio impronte indelebili con le informazioni relative alla spedizione (prodotto, tariffa, ecc). 7.2 CONTI DI CREDITO Con il conto di credito l affrancatura degli invii viene effettuata dall ufficio accettante tramite la macchina affrancatrice di proprietà di Poste Italiane. I clienti effettuano un versamento anticipato su specifici conti correnti intestati a Poste Italiane, in modo da garantire la copertura economica delle spedizioni previste nel corso del mese. L'affrancatura viene apposta direttamente da Poste Italiane. 7.3 SMA (SENZA MATERIALE AFFRANCATURA) La SMA consente che gli invii non vengano materialmente affrancati; nell apposita zona riservata all affrancatura viene riportato il logo del servizio e l indicazione dell autorizzazione specificamente rilasciata al Cliente, con le modalità riportate nel punto e l indicazione dell autorizzazione Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 13 di 28

14 8 MODALITA DI ACCETTAZIONE E CONTROLLI Gli invii di Posta Prioritaria Pro possono essere presentati all ufficio scelto dal Cliente tra quelli disponibili per le spedizioni dei Grandi Clienti. Di seguito vengono rappresentate tutte le indicazioni per un agevole spedizione. Tutte le spedizioni saranno sottoposte in fase di accettazione a controlli da parte di Poste Italiane. I controlli in fase di ingresso saranno finalizzati alla verifica della rispondenza della spedizione ai requisiti necessari per l accesso al servizio e per la corretta applicazione del prezzo. In particolare, ciascuna spedizione sarà sottoposta alle seguenti verifiche verifiche di rispetto delle condizioni di accesso verifiche di conformità delle caratteristiche di prodotto verifica dei quantitativi consegnati rispetto a quanto dichiarato verifiche di tipo amministrativo (corretta applicazione del prezzo) verifiche di conformità delle spedizioni alle norme e requisiti in vigore In caso di verifica positiva, la spedizione sarà accettata. Qualora l esito del controllo fosse negativo le spedizioni verranno rifiutate ed il Cliente dovrà provvedere alla regolarizzazione della stessa. Il cliente ha la possibilità di effettuare la programmazione delle proprie spedizioni. La programmazione può essere effettuata utilizzando il modello di prenotazione (disponibile sul sito di Poste Italiane). Tale modello deve essere: compilato con le informazioni relative al numero complessivo di invii da spedire, centro di impostazione e data di spedizione previste; inviato almeno due giorni prima del giorno di spedizione programmato, all indirizzo competente per Area Logistica Territoriale (l elenco degli indirizzi è disponibile sul sito di Poste Italiane). La pianificazione delle spedizione potrà essere effettuata sul sistema Prenotazione Spedizioni Online, attivo su Le modalità di pianificazione e la documentazione che i clienti dovranno produrre saranno pubblicizzati e resi disponibili sul sito DISTINTE DI SPEDIZIONE Ogni spedizione deve essere accompagnata da una Distinta di Accettazione specifica in funzione della modalità di affrancatura prescelta, contenente tutte le informazioni relative alla spedizione e all importo pagato (quantità invii, peso, formato, etc), che viene fornita da Poste in fac-simile e che va prodotta in formato cartaceo ed in duplice copia per ogni spedizione. Tutte le distinte di spedizione sono disponibili sul sito di Poste Italiane Poste Italiane si riserva di aggiornare la documentazione cartacea ed elettronica previa pubblicazione sul sito CENTRI DI ACCETTAZIONE L impostazione del prodotto deve essere effettuata presso: Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 14 di 28

15 Centro di Meccanizzazione Postale (CMP) Centri Provinciali (CP) Centri di Distribuzione abilitati all accettazione (CD) Poste Italiane si riserva di aggiornare l elenco dei punti di accettazione pubblicato sul sito ORA LIMITE DI ACCETTAZIONE Le strutture di accettazione saranno accessibili nei seguenti orari di apertura: CMP ore dal Lunedì al Venerdì ore al Sabato Si precisa che per il CMP di Cagliari non è prevista l apertura al pubblico nella giornata di sabato. Centri Provinciali ore dal Lunedì al Venerdì ore al Sabato presso i soli centri di Perugia e Pisa Centri di Distribuzione ore dal Lunedì al Venerdì Poste Italiane si riserva, in base all evoluzione del modello organizzativo, di modificare gli orari di apertura al pubblico dei punti di accettazione, dandone comunicazione alla clientela. In ogni caso, i suddetti orari saranno affissi al pubblico presso ogni centro. Affinché il processo di recapito inizi dal giorno dell accettazione, gli invii di Posta Prioritaria Pro devono essere spediti entro i seguenti orari limite: Accettazione ubicata presso i CMP: ore dal Lunedì al Venerdì Accettazione ubicata presso i Centri Provinciali: ore dal Lunedì al Venerdì Accettazione ubicata presso i Centri di Distribuzione: ore dal Lunedì al Venerdì Per tutti gli invii accettati entro l orario limite sopra riportato, la prestazione di recapito decorre dal giorno stesso dell accettazione. In alternativa, ai soli fini della prestazione di recapito, le spedizioni si intendono come consegnate il giorno lavorativo successivo a quello di accettazione. Il sabato non concorre ai fini del calcolo della prestazione di recapito, anche nei casi in cui rimane attiva l accettazione presso i CMP ed i centri provinciali. Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 15 di 28

16 9 CODICE DI AVVIAMENTO POSTALE Tutti gli invii devono riportare la corretta indicazione del CAP desumibile dal Codice di Avviamento Postale in vigore e devono essere raggruppati in scatole e pallet secondo i criteri specificati nella sezione relativa all allestimento delle spedizioni. Il CAP è consultabile gratuitamente: nella sezione Cerca CAP del sito di Poste Italiane presso uno dei Uffici Postali chiamando il Numero Verde gratuito Il Codice di Avviamento Postale è inoltre disponibile nei tre formati: Libro del Codice di Avviamento Postale 2009, illustrato con cartine a colori per una migliore visualizzazione delle zone CAP sul territorio CD ROM "Cerca CAP", uno strumento facile e intuitivo che consente una rapida ricerca del CAP Banca dati "CAP Professional", il database per le aziende che effettuano spedizioni in grandi quantità e che necessitano di integrare i dati nei propri database o software. In particolare, si ricorda che per le 41 località suddivise in zone postali non è ammesso l utilizzo dei CAP generici, ma deve essere indicato quello specifico associato alla via e al numero civico del destinatario desumibile dal Codice di Avviamento Postale in vigore. Le uniche eccezioni sono costituite dal caso in cui la strada in cui è ubicato il destinatario non sia pubblicata nel Codice di Avviamento Postale (ad es. nel caso di strade di nuova istituzione) e dal caso di oggetti destinati a Caselle Postali di cui non si conosca il CAP specifico. 10 SPECIFICHE DI CONFENZIONAMENTO E ALLESTIMENTO Nel caso in cui la spedizione sia presentata presso uno dei centri abilitati in quantità sufficienti da allestire una o più scatole, si riporta un esempio di allestimento comune che il Cliente può utilizzare ALLESTIMENTO SCATOLE Gli invii vengono inseriti nelle scatole tutti orientati e affacciati nello stesso modo. Le scatole sono realizzate in modo da garantire l integrità del contenuto e, salvo accordi specifici, sono a perdere e a carico del Cliente. La dimensione delle scatole è libera nell ambito delle seguenti misure massime: altezza massima: 35 cm larghezza massima: 35 cm lunghezza massima: 55 cm lunghezza max 55 cm altezza max 35 cm larghezza max 35 cm Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 16 di 28

17 Di seguito sono riportate le caratteristiche delle scatole: dimensioni compatibili con il formato degli invii contenuti (è possibile utilizzare le medesime scatole con le quali sono commercializzate le buste vuote); la scatola deve avere caratteristiche tali da consentire la movimentazione ed il trasporto di una quantità di invii il cui peso complessivo deve essere compreso tra 4 e 7 Kg (con tolleranza del ± 2% in peso) CRITERI PER LE AGGREGAZIONI DEGLI INVII Premesso che tutti gli invii debbono avere la corretta indicazione del C.A.P desumibile dal Codice di Avviamento Postale in vigore, il raggruppamento in scatole potrebbe essere effettuato in funzione del CAP progressivo. Si riporta in allegato l elenco dei cap e delle relative province afferenti. Una scatola si considera piena quando il contenuto al suo interno non è mobile: gli invii rimangono ordinati, in posizione verticale e in modo da garantire che la sovrapposizione delle scatole non ne danneggi il contenuto. E consigliabile che ogni scatola sia corredata di un apposita etichetta, incollata sul lato più corto della scatola, che riporti le seguenti informazioni: nome prodotto, centro di impostazione, azienda mittente, data di spedizione, destinazione, CAP, identificativo della scatola. numero di invii contenuti nella scatola. Nel caso di aggregazione delle scatole in pallet, i pallet stessi sono confezionati con film plastico e, per assicurarne l integrità durante il trasporto e la movimentazione, è consuetudine utilizzare un numero di giri di pellicola tale che su tutta la superficie laterale siano presenti almeno due strati di film plastico. Salvo accordi specifici, i pallet utilizzati sono a carico del Cliente e a perdere. I pallet devono avere le seguenti caratteristiche: dimensioni base: 80 x 120 cm (o misure modulari: 80 x 60 cm, 120 x 120 cm); altezza massima: 150 cm. volume minimo m³ 0,5 Il limite superiore di peso è pari a 700 Kg per i pallet non impilabili e a 300 Kg per i pallet impilabili (è obbligatoria in questo caso l apposizione di angolari di cartone). I pallet vengono corredati di apposita etichetta, applicata in modo da essere immediatamente visibile. La dimensione minima dell etichetta è quella del formato A4 (21 x 29,7 cm). Le informazioni richieste sono nome prodotto, CMP di impostazione, azienda mittente, data di spedizione, identificativo del pallet, peso netto del Pallet in Kg, numero delle scatole, tara del pallet, destinazione. Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 17 di 28

18 11 APPENDICE: SPECIFICHE TECNICHE DI PRODOTTO Nel seguito vengono indicate le specifiche tecniche di prodotto definite da Poste Italiane. Gli invii devono essere in busta esterna di materiale cartaceo. E ammesso l inserimento di tessere plastificate, di supporti informatici (CD, DVD) e di bustine termosaldate nel rispetto delle specifiche pubblicate sul sito I formati ed il materiale della busta per il confezionamento dell invio sono riportati al paragrafo 11.1 e 11.2; In caso di busta con pannello trasparente devono essere rispettate le caratteristiche del materiale riportate al par 11.3; Non sono previsti: oggetti metallici (fermagli, occhielli, ganci ripiegati o punti metallici); invii con una differenza di spessore superiore al 40% tra il punto più sottile e quello più spesso e comunque con uno spessore eccedente il limite massimo di mm. 5 (vedi paragrafo 11.4) invii con una rigidità a flessione minore di 5 Nmm, determinata in accordo con la norma UNI e misurata sul dorso rigido dell invio (vedi paragrafo 11.5) invii con fori di trascinamento sui bordi laterali invii realizzati con carta fluorescente o lucida 11.1 FORMATI BUSTA I formati busta standard consigliati sono: FORMATO C6 C5 C4 DIMENSIONI (lunghezza x altezza) 162 mm x 114 mm 229 mm x 162 mm 324 mm x 229 mm 11.2 MATERIALE BUSTA E CARTOLINA Le caratteristiche consigliate del materiale per la realizzazione della busta sono: CARATTERISTICHE - BUSTA VALORI Grammatura (UNI EN ISO 536/98) 80 g/m 2 Spessore (EN 20534/94) µm Opacità (UNI 7624/86) 90 % Indice di lacerazione (UNI EN 21974/95) 6 mnm²/g Di seguito sono riportate le caratteristiche fisiche consigliate per la cartolina: Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 18 di 28

19 CARATTERISTICHE CARTOLINA Grammatura (UNI EN ISO 536/98) VALORI g/m (consigliato) Spessore (EN 20534/94) µm Resistenza a flessione (UNI 9070/94) Indice di lacerazione (UNI EN 21974/95) 44,0 mn 6 mnm²/g 11.3 MATERIALE DELLA FINESTRA Le caratteristiche del materiale consigliate per la realizzazione della finestra della busta sono: CARATTERISTICHE FINESTRA BUSTA VALORI Materiale Tipo Polistirene Grammatura (UNI EN ISO 536/98) 34 g/m 2 ± 5 % Spessore (ASTM D 374 C) 32 µm ± 5 % Gloss a 60 (ASTM D 2457/77) 60 % Haze (ASTM D 1003/88) 25 % Resistenza alla lacerazione (ASTM D ) Long 50 N/mm (N/mm di spessore) Trasv 30 N/mm 11.4 SPESSORE Le differenze di spessore tra il punto più sottile e quello più spesso dell invio si consiglia debbano essere inferiori al 40% dello spessore massimo e comunque non superiori a 5 mm, fermo restando il rispetto delle dimensioni massime ammesse dal formato. A B 0,4 A A B 5mm Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 19 di 28

20 Nella tabella seguente sono riportati alcuni esempi e compatibilità con i requisiti di meccanizzazione. Differenza Spessore Spessore Dofferenza di OK minimo (mm) massimo (mm) % (Max 40%) spessore 0,15 0,21 0,06 29% SI 1,00 1,40 0,40 29% SI 1,00 1,80 0,80 44% NO 2,00 2,80 0,80 29% SI 3,10 5,30 2,20 42% NO 3,58 5,00 1,42 28% SI 5,00 7,00 2,00 29% SI 18,00 24,00 6,00 25% NO 25,00 26,00 1,00 4% NO 11.5 RIGIDITÀ A FLESSIONE La rigidità degli invii è una delle proprietà fisiche che contribuiscono a determinare la meccanizzabilità del prodotto sugli impianti produttivi di Poste Italiane. Il rispetto di tale requisito è particolarmente importante nel caso di inserti all interno dell invio. La rigidità a flessione deve essere maggiore od uguale a 5 Nmm, determinata in accordo con la norma UNI e misurata sul dorso rigido dell invio. R 5 Nmm Tale valore corrisponde approssimativamente alla rigidità di un oggetto che, bloccato da un morsetto in posizione orizzontale con 100 mm sporgenti liberamente dal punto di presa, non si fletta, per l azione del suo stesso peso, più di 42 mm dal livello del punto di presa (vedi immagine seguente). 100 mm 42 mm 11.6 ADESIVI E LEMBI DI CHIUSURA Occorre porre particolare attenzione alle colle ed agli adesivi utilizzati per l allestimento degli invii e per la chiusura dei lembi. L allestimento dell invio deve assicurare che: l invio non si apra durante le lavorazioni non vi sia fuoriuscita di collante l incollaggio delle eventuali finestrelle non deve formare pieghe del film trasparente. Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 20 di 28

21 11.7 SCORRIMENTO DELL INSERTO ALL INTERNO DELL INVIO CON FINESTRA Nel caso di busta con finestra la presenza di un eccessivo scorrimento dell inserto (foglio) all interno dell invio (busta) può causare: occultamento delle informazioni poste al di sotto delle finestrelle superamento dei limiti di differenza di spessore dell invio E quindi necessario prevedere un opportuno confezionamento degli invii in modo da evitare tali problematiche (adeguate dimensioni delle buste rispetto all inserto e delle finestrelle, posizionamento centrale del blocco indirizzo e codici a barre, ecc.). 12 OMOLOGAZIONE (FACOLTATIVA) Per tutti i Clienti che intendono accedere al servizio di Posta Prioritaria Pro e che decidono di accettare le condizioni generali di contratto è consigliato di sottoporsi al Processo di Omologazione Posta Prioritaria Pro. Il processo di omologazione è invece obbligatorio nel caso in cui il cliente desideri apporre il codice commerciale 2D sui propri invii di Posta Prioritaria Pro. La Procedura di omologazione ha lo scopo di verificare in via preventiva il rispetto degli standard di Prodotto definiti da Poste Italiane. La procedura di omologazione nonché il relativo Modello OP Posta Prioritaria Pro (modulo di richiesta omologazione) sono disponibili sul sito A completamento del processo di omologazione il COP rilascia il codice di omologazione, che obbligatoriamente deve essere riportato in maniera chiara e leggibile: - Preferibilmente all interno del logo prodotto, appena al di sotto del numero di autorizzazione SMA, come evidenziato nella figura seguente: Numero di autorizzazione SMA Codice di omologazione - In alternativa può essere stampato all interno del blocco indirizzo destinatario preferibilmente separato da una riga bianca dallo stesso; in questo caso si suggerisce di utilizzare il font Times New Roman 8pt. Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 21 di 28

22 Codice di omologazione DCO XXXXXXXXX MARIO ROSSI VIALE EUROPA ROMA RM La struttura di Poste Italiane a cui rivolgersi per attivare la procedura è il Centro Omologazione Prodotto struttura centrale: Poste Italiane SpA Servizi Postali Centro Omologazione Prodotto VIALE EUROPA ROMA RM Tel Orario: Lunedì - Venerdì ore Fax CODICE 2D COMM Gli invii di Posta Prioritaria Pro spediti in modalità SMA, possono essere dotati, su richiesta e specifica esigenza del Cliente, del codice a barre bidimensionale standard Data Matrix sviluppato da Poste Italiane. Il codice 2D consente di ottimizzare i processi interni di smistamento della corrispondenza ed eventualmente di usufruire dei nuovi servizi a valore aggiunto che Poste Italiane sta sviluppando con l utilizzo di nuove tecnologie e che, una volta disponibili, saranno opportunamente pubblicizzati. L omologazione del prodotto diventa obbligatoria solo nel caso in cui il cliente desideri apporre il codice commerciale 2D sui propri invii di Posta Prioritaria Pro. Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 22 di 28

23 13.1 ELENCO PROVINCE E CAP AFFERENTI PROVINCIA Primo CAP Ultimo CAP ROMA ROMA VITERBO VITERBO RIETI RIETI FROSINONE FROSINONE LATINA LATINA TERNI TERNI PERUGIA PERUGIA SASSARI SASSARI NUORO NUORO CAGLIARI ORISTANO CAGLIARI ORISTANO TORINO TORINO AOSTA AOSTA CUNEO CUNEO VERCELLI VERCELLI BIELLA BIELLA ASTI ASTI ALESSANDRIA ALESSANDRIA GENOVA GENOVA SAVONA SAVONA IMPERIA IMPERIA Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 23 di 28

24 PROVINCIA Primo CAP Ultimo CAP LA SPEZIA LA SPEZIA MILANO MILANO MONZA E BRIANZA MONZA VARESE VARESE COMO COMO SONDRIO SONDRIO LECCO LECCO BERGAMO BERGAMO BRESCIA BRESCIA CREMONA CREMONA LODI LODI PAVIA PAVIA NOVARA NOVARA VERBANIA VERBANIA PIACENZA PIACENZA VENEZIA VENEZIA TREVISO TREVISO BELLUNO BELLUNO UDINE PORDENONE UDINE PORDENONE TRIESTE GORIZIA TRIESTE GORIZIA Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 24 di 28

25 PROVINCIA Primo CAP Ultimo CAP PADOVA PADOVA VICENZA VICENZA VERONA VERONA TRENTO TRENTO BOLZANO BOLZANO BOLOGNA BOLOGNA MODENA MODENA REGGIO EMILIA REGGIO EMILIA PARMA PARMA FERRARA FERRARA ROVIGO ROVIGO MANTOVA MANTOVA FORLI FORLI CESENA CESENA RIMINI RIMINI RAVENNA RAVENNA FIRENZE FIRENZE PISTOIA PISTOIA AREZZO AREZZO SIENA SIENA MASSA MASSA LUCCA LUCCA Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 25 di 28

26 PROVINCIA Primo CAP Ultimo CAP PISA PISA LIVORNO LIVORNO GROSSETO GROSSETO PRATO PRATO ANCONA ANCONA PESARO PESARO MACERATA MACERATA ASCOLI PICENO ASCOLI PICENO FERMO FERMO TERAMO TERAMO PESCARA PESCARA CHIETI CHIETI L'AQUILA L'AQUILA BARI BARI FOGGIA FOGGIA BRINDISI BRINDISI LECCE LECCE TARANTO TARANTO MATERA MATERA BARLETTA-ANDRIA-TRANI BARLETTA ANDRIA TRANI NAPOLI NAPOLI Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 26 di 28

27 PROVINCIA Primo CAP Ultimo CAP CASERTA CASERTA BENEVENTO BENEVENTO AVELLINO AVELLINO SALERNO SALERNO POTENZA POTENZA CAMPOBASSO ISERNIA CAMPOBASSO ISERNIA COSENZA COSENZA CATANZARO CATANZARO CROTONE CROTONE REGGIO CALABRIA REGGIO CALABRIA VIBO VALENTIA VIBO VALENTIA PALERMO PALERMO TRAPANI TRAPANI AGRIGENTO AGRIGENTO CALTANISSETTA CALTANISSETTA ENNA ENNA CATANIA CATANIA SIRACUSA SIRACUSA RAGUSA RAGUSA MESSINA MESSINA Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 27 di 28

28 Leggenda: Area Metropolitana Capoluogo di Provincia Area Extraurbana Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 28 di 28

AGRIGENTO Ass. Amministrativo 584 561 23 2 ALESSANDRIA Ass. Amministrativo 332 307 25 2 ANCONA Ass. Amministrativo 451 380 71 5 AREZZO Ass. Amministrativo 337 270 67 5 ASCOLI PICENO Ass. Amministrativo

Dettagli

Foglio1. Totale Alberghiere 384570 Agrigento

Foglio1. Totale Alberghiere 384570 Agrigento Totale Alberghiere 384570 Agrigento Totale Complementari 51828 Agrigento/Caltanissetta Totale Alberghiere 286547 Agrigento/Caltanissetta/Enna Totale Complementari 13157 Totale Alberghiere 339585 Alessandria

Dettagli

COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002

COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 SCHEDA N. 1 - MONOPOLI DI STATO Amministrazione Comune Provincia n. dipendenti al 31.12.2002 n. deleghe al 31.12.2002 schede da compilare

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

La classifica finale. classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione

La classifica finale. classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione La classifica finale classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione 1 Verbania 85,61% 36 Aosta 54,42% 71 Grosseto 45,88% 2 Belluno 74,49% 37 Bergamo 54,07% 72 Prato 45,51% 3 Bolzano 70,65% 38 Modena

Dettagli

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013)

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Consolati Regionali Consolati Provinciali Indirizzo Posta

Dettagli

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 009 Abruzzo Chieti DISTRETTO 010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 011 Abruzzo Chieti DISTRETTO 015 Chieti Conteggio 4 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 001 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 002 Abruzzo

Dettagli

A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E 2015)

A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E 2015) A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E ) NEL IL COSTO MEDIO DELLA TARI E DI 296 EURO, CON UN AUMENTO DI 10 EURO

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco http://www.agimeg.it/?p=2768 AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco Giochi 2012, Milano la provincia dove si è giocato di più. In sole 4 province finisce il 25% delle giocate Sul podio anche

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO POSTA RACCOMANDATA PRO

SCHEDA TECNICA PRODOTTO POSTA RACCOMANDATA PRO SCHEDA TECNICA PRODOTTO POSTA RACCOMANDATA PRO Edizione Luglio 2015 Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 1 di 28 INDICE 1 SCOPO

Dettagli

Indagine dell Osservatorio periodico sulla fiscalità locale IMU: IL 17 SETTEMBRE LA 2 RATA DELLA PRIMA CASA

Indagine dell Osservatorio periodico sulla fiscalità locale IMU: IL 17 SETTEMBRE LA 2 RATA DELLA PRIMA CASA Indaginedell Osservatorioperiodicosullafiscalitàlocale dellauilserviziopoliticheterritoriali IMU:IL17SETTEMBRELA2 RATADELLAPRIMACASA STANGATINAAUTUNNALEDA44EUROMEDICONPUNTEDI154EURO ADOGGI34CITTA CAPOLUOGOHANNOAUMENTATOL

Dettagli

Regione Retribuzioni Curricula Presenze/Assenze Evidenza sull'home page Abruzzo SI SI NO SI

Regione Retribuzioni Curricula Presenze/Assenze Evidenza sull'home page Abruzzo SI SI NO SI REGIONE ABRUZZO Abruzzo SI SI NO SI L'Aquila NO NO NO NO Chieti SI SI DATI MARZO SI Pescara SI SI NO SI Teramo SI SI DATI MARZO SI L'Aquila NO NO NO NO Chieti SI SI DATI MARZO SI Pescara SI PARZIALI NO

Dettagli

UFFICI DIREZIONE GENERALE

UFFICI DIREZIONE GENERALE OPERAZIONE TRASPARENZA (LEGGE 18 GIUGNO 2009, N. 69) DATI RELATIVI AI TASSI DI ASSENZA E PRESENZA DEL PERSONALE Maggio 2011 Assenze (Ore) 37.475,60 Area Assenze (Ore) ABRUZZO CASA SOGGIORNO PESCARA 252,10

Dettagli

Numero di Banche in Italia

Numero di Banche in Italia TIDONA COMUNICAZIONE Analisi statistica Anni di riferimento: 2000-2012 Tidona Comunicazione Srl - Via Cesare Battisti, 1-20122 Milano Tel.: 02.7628.0502 - Fax: 02.700.525.125 - Tidonacomunicazione.com

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO POSTA 1 PRO. Edizione Settembre 2015

SCHEDA TECNICA PRODOTTO POSTA 1 PRO. Edizione Settembre 2015 SCHEDA TECNICA PRODOTTO POSTA 1 PRO Edizione Settembre 2015 (VALIDA DAL I OTTOBRE 2015) Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina

Dettagli

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013 Numero certificati di malattia per settore - Anni 2012 e 2013 2012 2013 Var. % 2012/2013 Settore privato 11.738.081 11.869.521 +1,1 Settore pubblico 5.476.865 5.983.404 +9,2 Totale 17.214.946 17.807.925

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali LA MAPPA DELLE CITTA DOVE IL 16 OTTOBRE SI PAGHERA L ACCONTO TASI CITTA CITTA CITTA Agrigento Foggia Ragusa Alessandria Gorizia Ravenna Ascoli Piceno Grosseto Reggio Calabria Asti Imperia Rieti Avellino

Dettagli

OGGETTO: Domanda di ammissione al piano straordinario di assunzioni a tempo. Il/la sottoscritto/a. nato/a a, Prov, il / /, residente in, C.F.

OGGETTO: Domanda di ammissione al piano straordinario di assunzioni a tempo. Il/la sottoscritto/a. nato/a a, Prov, il / /, residente in, C.F. RACCOMANDATA A/R Spett. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA in persona del ministro pro tempore Viale Trastevere 76/A 00153 - ROMA Ufficio Scolastico Regionale di OGGETTO: Domanda

Dettagli

Scheda Tecnica Prodotto Postaprioritaria Internazionale

Scheda Tecnica Prodotto Postaprioritaria Internazionale Scheda Tecnica Prodotto Postaprioritaria Internazionale GIUGNO 2013 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 4 3 GENERALITÀ... 4 3.1 TEMPI DI CONSEGNA... 5 4 CONDIZIONI D

Dettagli

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale EDIZIONE SETTEMBRE 2010 INDICE 1 CARATTERISTICHE DELLA SPERIMENTAZIONE... 3 2 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA

Dettagli

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata Mobilità professionale personale ATA profilo professionale DSGA Destinatari dei corsi di di cui all'art. 7 CCNI 3.12.29 - art. 1, comma 2, sequenza contrattuale 25.7.28 - (ex art. 48 CCNL/27) DSGA Personale

Dettagli

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011 GRAFICI STATISTICI Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 211 RAMI VITA - Premi lordi contabilizzati per ramo di attività e per tipologia di premio: 73.869 milioni di euro Malattia,

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO POSTAMAIL INTERNAZIONALE. Edizione Settembre 2015. (valida dal I Ottobre 2015)

SCHEDA TECNICA PRODOTTO POSTAMAIL INTERNAZIONALE. Edizione Settembre 2015. (valida dal I Ottobre 2015) SCHEDA TECNICA PRODOTTO POSTAMAIL INTERNAZIONALE Edizione Settembre 2015 (valida dal I Ottobre 2015) Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine di

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO DELIVERY POINTS STRADE NOVEMBRE, 2011

SCHEDA PRODOTTO DELIVERY POINTS STRADE NOVEMBRE, 2011 SCHEDA PRODOTTO DELIVERY POINTS STRADE NOVEMBRE, 2011 INDICE INDICE... 2 1 LA BANCA DATI CAP DELIVERY POINTS STRADE... 3 1.1 SCHEMA DEI DATI... 4 1.2 DESCRIZIONE DELLE TABELLE... 5 Strade... 5 Versione...

Dettagli

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Direzione Generale per la Motorizzazione Centro Elaborazione Dati Ufficio Statistiche ESITI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA Le Delegazioni dell Amministrazione e delle sottoscritte Organizzazioni Sindacali, riunitesi il giorno 19 settembre 2007

Dettagli

6 mesi dall'entrata in vigore del presente regolamento

6 mesi dall'entrata in vigore del presente regolamento Allegato 1 Data limite entro cui la Provincia, in assenza del Comune capoluogo di provincia, convoca i Comuni dell ambito per la scelta della stazione appaltante e da cui decorre il tempo per un eventuale

Dettagli

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006 PAGINE GIALLE Roma, marzo 2006 0 Per il 2006 è in corso il rinnovo dell accordo con SEAT. A tal riguardo Poste Italiane provvederà ad assicurare l intera distribuzione e raccolta dei set. Tale processo

Dettagli

Elettori e sezioni elettorali

Elettori e sezioni elettorali Cod. ISTAT INT 00003 AREA: Popolazione e società Settore di interesse: Struttura e dinamica della popolazione Elettori e sezioni elettorali Titolare: Dipartimento per gli Affari Interni e territoriali

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Soggetto che effettua la comunicazione 011 - Consorzi e Gruppi di imprese (art. 31, d.lgs. 276/2003)

Dettagli

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato;

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato; Versamenti volontari del settore agricolo - Anno 2005 (Inps, Circolare 29 luglio 2005 n. 98) Si illustrano di seguito le modalità di calcolo, per l anno in corso, dei contributi volontari relative alle

Dettagli

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo ABRUZZO ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo Tel.: 338 7339896 mail: fabrizio.andriano@gmail.com BASILICATA DANIELE RAFFAELE & FIGLI sas Provincia: Potenza Tel.: 335 6226928 mail:

Dettagli

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere.

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere. RACCOMANDATA A/R Spett. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA in persona del ministro pro tempore Viale Trastevere 76/A 00153 - ROMA OGGETTO: Domanda di ammissione alle Fasi del piano

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI ABRUZZO - MOLISE UFFICIO ISPETTIVO DI PESCARA Pescara, Chieti, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia Via Latina n.7 -. 65121 Pescara Telefono 06 5793.3110

Dettagli

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria.

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria. Risorse Umane ed Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST FAILP-CISAL CONFSAL. COM.NI UGL-COM.NI Roma, 2 dicembre 2009 OGGETTO: Verbale di

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

Competenza territoriale per le province di Ancona, Ascoli Piceno, Pesaro e Urbino, Macerata,

Competenza territoriale per le province di Ancona, Ascoli Piceno, Pesaro e Urbino, Macerata, ALESSANDRIA Competenza territoriale per le province di Alessandria, Asti Via A. Gramsci, 2 15121 Alessandria Tel. 0131/316265 e-mail: alessandria.r.dipartimento@inail.it-posta certificata: alessandriaricerca@postacert.inail.it

Dettagli

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA Degli oltre 74.400 immobili di lusso presenti in Italia che garantiscono alle casse dei Comuni poco più di 91 milioni di euro all anno di Imu, Firenze e Genova sono

Dettagli

ALLESTIMENTO E PRELAVORAZIONE DELLA GAMMA POSTATARGET

ALLESTIMENTO E PRELAVORAZIONE DELLA GAMMA POSTATARGET ALLESTIMENTO E PRELAVORAZIONE DELLA GAMMA POSTATARGET ULTIMO AGGIORNAMENTO GIUGNO 2013 questo documento è proprietà di Poste Italiane S.p.A. che se ne riserva tutti i diritti Pagina 1 di 28 INDICE 1 L

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

1,5% Infrastrutture di base Indice di infrastrutture economiche

1,5% Infrastrutture di base Indice di infrastrutture economiche PRATO Valori medi 21-25 della media 1999-23 e 2-24. (Italia = 1) Umano e le politiche per migliorare il (Siemens-Ambrosetti, 23) Lucca, Siena, PratoArezzo, Livorno Massa Carrara, Pistoia Pisa Grosseto

Dettagli

Per i residenti di Torino: Potete portare l'oggetto Toshiba da riparare presso il nostro laborat orio, enza l'appuntamento nei orari di apertura.

Per i residenti di Torino: Potete portare l'oggetto Toshiba da riparare presso il nostro laborat orio, enza l'appuntamento nei orari di apertura. Riparazioni in garanzia: Per poter usufruire dell'assistenza tecnica in garanzia, il cliente deve contattare la sede Toshiba Italy Srl tramite il numero a pagamento messo a disposizione. 199... Gestione

Dettagli

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Cod. ISTAT INT 00066 Settore di interesse: Industria, costruzioni e servizi: statistiche settoriali Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Titolare: Dipartimento

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) Il monitoraggio di Unioncamere sui Contratti di rete, su dati Infocamere, mette in luce che al 31 dicembre

Dettagli

Ufficio Città Totali Distretto

Ufficio Città Totali Distretto Ufficio Città Totali Distretto Procura della Repubblica Termini Imerese 296 Palermo Procura della Repubblica Sciacca 254 Palermo Ufficio di Sorveglianza Trapani 108 Palermo P.G. della Rep. presso Corte

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO RACCOMANDATA SMART (NON RETAIL) SMA (SENZA MATERIALE AFFRANCATURA) EDIZIONE GENNAIO 2011

SCHEDA TECNICA PRODOTTO RACCOMANDATA SMART (NON RETAIL) SMA (SENZA MATERIALE AFFRANCATURA) EDIZIONE GENNAIO 2011 SCHEDA TECNICA PRODOTTO RACCOMANDATA SMART (NON RETAIL) SMA (SENZA MATERIALE AFFRANCATURA) EDIZIONE GENNAIO 2011 INDICE INDICE... 2 1 PREMESSA... 2 2 CONDIZIONI DI ACCESSO... 2 3 CARATTERISTICHE DI PRODOTTO...

Dettagli

Le comunità straniere residenti in Italia 2002-2008

Le comunità straniere residenti in Italia 2002-2008 Università degli Studi G. d Annunzio Facoltà di Lingue e Letterature Straniere - Laboratorio di Geografia Gerardo Massimi Le comunità straniere residenti in Italia 2002-2008 Elaborazioni su dati di fonte

Dettagli

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00024 AREA: Mercato del lavoro Settore di interesse: Mercato del lavoro Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico

Dettagli

Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati LORO SEDI

Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati LORO SEDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Roma, 28 febbraio 2014 prot. n. 1479 Ai Signori Presidenti Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO POSTAPRIORITY INTERNAZIONALE

SCHEDA TECNICA PRODOTTO POSTAPRIORITY INTERNAZIONALE SCHEDA TECNICA PRODOTTO POSTAPRIORITY INTERNAZIONALE EDIZIONE SETTEMBRE 2015 (VALIDA DAL I OTTOBRE 2015) Proprietà di Poste Italiane S.p.A. - società con socio unico - Tutti i diritti riservati a termine

Dettagli

ALLEGATO 1. Prezzi degli invii raccomandati e assicurati non retail e retail (Valori in euro)

ALLEGATO 1. Prezzi degli invii raccomandati e assicurati non retail e retail (Valori in euro) ALLEGATO 1 degli invii raccomandati e assicurati non retail e retail (Valori in euro) Tab a) INVII RACCOMANDATI NON RETAIL PER L'INTERNO AM CP EU fino a 20 g 2,20 2,50 3,20 oltre 20 g fino a 50 g 2,60

Dettagli

ALLEGATO 1 Ripartizione delle sale «Bingo» per provincia

ALLEGATO 1 Ripartizione delle sale «Bingo» per provincia Decreto Direttoriale 16 novembre 2000 Approvazione del piano di distribuzione territoriale delle sale destinate al gioco del Bingo. (G.U. 29 novembre 2000, n. 279, S.O.) Art. 1-1. È approvato l'allegato

Dettagli

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013 D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI ESTIMATIVI AREA OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE UFFICIO GESTIONE BANCA DATI QUOTAZIONI OMI 80,00% 20,00% D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI

Dettagli

AMBITI del 1 RAGGRUPPAMENTO dell'all. 1 DM 226/2011

AMBITI del 1 RAGGRUPPAMENTO dell'all. 1 DM 226/2011 Tabella riportante per ciascun ambito le date aggiornate per l intervento sostitutivo della Regione di cui all'articolo 3 del, in caso di mancato avvio della gara da parte dei Comuni, in seguito a DL n.69/2013

Dettagli

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale docente ed educativo

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale docente ed educativo Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale doce ed educativo Provincia Scuola infanzia Scuola primaria Scuola secondari a di I grado Scuola

Dettagli

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE Piemonte Parchi in totale 87 Provincia di Torino 30 Provincia di Alessandria 5 Provincia di Asti 6 Provincia di Biella 6 Provincia di Cuneo Provincia di Novara Provincia

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000)

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) Lettera circolare n 195/2000 Allegato 1/1 SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) 1. DATI GENERALI DELLA SCUOLA DATI ANAGRAFICI

Dettagli

Po Città. Fonte: Legambiente, Ecosistema Urbano (Comuni, dati 2013) Elaborazione: Ambiente Italia

Po Città. Fonte: Legambiente, Ecosistema Urbano (Comuni, dati 2013) Elaborazione: Ambiente Italia CLASSIFICA CAPOLUOGHI ECOSISTEMA URBANO XXI edizione Dei 26 parametri Ecosistema da quest anno ne prende in considerazione 18. Il set di indicatori è composto ora da tre indici sulla qualità dell aria

Dettagli

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO Con la scadenza della prima rata della Tasi prevista per il prossimo 16 giugno, i Comuni incasseranno

Dettagli

Elenco dei numeri dei conti correnti "Poste italiane Proventi di Filiale..." da utilizzare per l'acquisto di Stampati con recapito a domicilio

Elenco dei numeri dei conti correnti Poste italiane Proventi di Filiale... da utilizzare per l'acquisto di Stampati con recapito a domicilio AGRIGENTO 306928 POSTE ITALIANE SPA FILIALE AGRIGENTO - PROVENTI DI FILIALE IT75P0760116600000000306928 ALBA 15674286 POSTE ITALIANE SPA FILIALE ALBA PROVENTI FILIALE IT89P0760110200000015674286 ALESSANDRIA

Dettagli

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano.

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano. -5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano., 43 anni, 27 ore di lavoro a settimana per un totale di 35 dichiarate con

Dettagli

idealista, crescono i rendimenti nel settore immobiliare

idealista, crescono i rendimenti nel settore immobiliare idealista, crescono i rendimenti nel settore immobiliare Nello scenario peggiore tutti i prodotti immobiliari fruttano il doppio dei Btp a 10 anni (2%) In Italia l investimento in immobili è sempre più

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO RACCOMANDATA SMART (NON RETAIL) MAAF E CONTI DI CREDITO. Edizione Febbraio 2015

SCHEDA TECNICA PRODOTTO RACCOMANDATA SMART (NON RETAIL) MAAF E CONTI DI CREDITO. Edizione Febbraio 2015 SCHEDA TECNICA PRODOTTO RACCOMANDATA SMART (NON RETAIL) MAAF E CONTI DI CREDITO Edizione Febbraio 2015 Proprietà di Poste Italiane S.p.A. Tutti i diritti riservati a termine di legge Pagina 1 di 11 INDICE

Dettagli

Indicatori di domanda e offerta in materia civile dei Tribunali italiani (per circondario). Anno 2012 Sedi completamente rispondenti.

Indicatori di domanda e offerta in materia civile dei Tribunali italiani (per circondario). Anno 2012 Sedi completamente rispondenti. Ministero della Giustizia Direzione Generale di Statistica Indicatori di domanda e offerta in materia civile dei Tribunali italiani (per circondario). Anno 2012 Sedi completamente rispondenti. Circondario

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO

SINTESI DELLO STUDIO SINTESI DELLO STUDIO CARO AFFITTI E COSTO PER LA CASA: DIFFICOLTA DA RISOLVERE Maggio 2009 Nel II semestre 2008 le famiglie italiane per pagare l affitto della casa in cui vivono hanno impiegato il 26,4%

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Tipo comunicazione Codice comunicazione 01 - Prospetto informativo 1001514C00394126 Data invio 13/02/2014

Dettagli

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena SMART CITY INDEX La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena Lo Smart City Index Al fine di misurare il livello di smartness di una città, Between ha creato lo Smart City Index, un ranking delle

Dettagli

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI : PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI. ABITAZIONE PRINCIPALE DA 33 A 133 MEDI EURO L ANNO. SECONDE CASE SCONTI IN 59 CITTA PER I REDDITI MEDIO

Dettagli

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO ABRUZZO DR ABRUZZO AREA DI STAFF AL DIRETTORE REGIONALE ABRUZZO DR ABRUZZO CENTRO DI ASSISTENZA MULTICANALE DI PESCARA ABRUZZO DR ABRUZZO DIRETTORE REGIONALE AGGIUNTO 1 ABRUZZO DR ABRUZZO UFFICIO ACCERTAMENTO

Dettagli

Codice Iban Descrizione Conto Sede o Ufficio di Riferimento

Codice Iban Descrizione Conto Sede o Ufficio di Riferimento 000013255112 IT-48-J-07601-10400-000013255112 INPDAP CONTRIBUTI VARI ALESSANDRIA 000012080636 IT-47-Q-07601-02600-000012080636 INPDAP CONTRIBUTI VARI ANCONA 000011499654 IT-90-Y-07601-03600-000011499654

Dettagli

Giacomo Sacco CARICHI E SOVRACCARICHI

Giacomo Sacco CARICHI E SOVRACCARICHI Giacomo Sacco CARICHI E SOVRACCARICHI 1 Se g 1 è il peso proprio (carico permanente strutturale) e g 2 il carico permanente non strutturale e q il carico variabile, il carico sulla struttura si calcola:

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

Roma 14 maggio 2004. Il Dirigente UGenerale. Agli Uffici Provinciali Loro Sedi. Ai Dirigenti degli Uffici Centrali e Provinciali Loro Sedi

Roma 14 maggio 2004. Il Dirigente UGenerale. Agli Uffici Provinciali Loro Sedi. Ai Dirigenti degli Uffici Centrali e Provinciali Loro Sedi Roma 14 maggio 2004 DIREZIONE GENERALE VIA A. BALLARIN 42 00142 ROMA Il Dirigente UGenerale II Agli Uffici Provinciali Ai Dirigenti degli Uffici Centrali e Provinciali Agli Enti iscritti all INPDAP (tramite

Dettagli

ADDIZIONALI COMUNALI: POSSIBILI AUMENTI DI 52 EURO ANNUI PRO CAPITE.

ADDIZIONALI COMUNALI: POSSIBILI AUMENTI DI 52 EURO ANNUI PRO CAPITE. ADDIZIONALI COMUNALI: POSSIBILI AUMENTI DI 52 EURO ANNUI PRO CAPITE. TAGLIANDO DEL 30% I COSTI DELLA POLITICA DEI COMUNI SI TROVEREBBERO RISORSE PER 900 MILIONI PER ATTENUARE IL CARICO FISCALE PER LAVORATORI

Dettagli

Rapporto UIL su IMU e TASI 2016 a cura del Servizio Politiche Territoriali della UIL

Rapporto UIL su IMU e TASI 2016 a cura del Servizio Politiche Territoriali della UIL Rapporto UIL su IMU e TASI 2016 a cura del Servizio Politiche Territoriali della UIL IL 16 GIUGNO SI VERSA L ACCONTO DELL IMU E DELLA TASI PER GLI IMMOBILI DIVERSI DALL ABITAZIONE PRINCIPALE: QUASI 25

Dettagli

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado PIEMONTE ALESSANDRIA A028 EDUCAZIONE ARTISTICA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A032 EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A033 EDUCAZIONE TECNICA NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA

Dettagli

NUMERO UNITA IMMOBILIARI DI CATEGORIA A1 (ABITAZIONI DI TIPO SIGNORILE) PER PROVINCE ANNO 2012

NUMERO UNITA IMMOBILIARI DI CATEGORIA A1 (ABITAZIONI DI TIPO SIGNORILE) PER PROVINCE ANNO 2012 DI CATEGORIA A1 (ABITAZIONI DI TIPO SIGNORILE) PER PROVINCE ANNO 2012 GENOVA 5.127 CATANZARO 136 FIRENZE 3.800 LECCO 136 NAPOLI 3.770 PORDENONE 132 MILANO 2.813 RAGUSA 126 TORINO 2.512 AOSTA 114 ROMA 2.121

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128

INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128 INPS - Circolare 22 novembre 2007, n. 128 Oggetto: Versamenti volontari del settore agricolo - anno 2007. Sommario: 1) Lavoratori agricoli dipendenti 2) Coltivatori diretti, mezzadri e coloni e imprenditori

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PUBBLICAZIONE INFORMATIVA NO PROFIT

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PUBBLICAZIONE INFORMATIVA NO PROFIT SCHEDA TECNICA PRODOTTO PUBBLICAZIONE INFORMATIVA NO PROFIT APRILE 2011 INDICE INDICE... 2 DOCUMENTI CITATI... 3 1 CARATTERISTICHE GENERALI... 3 1.1 OBIETTIVI DI QUALITÀ... 3 1.2 PREREQUISITI DI AMMISSIBILITÀ...

Dettagli

Per le riparazioni fuori Garanzia:

Per le riparazioni fuori Garanzia: Riparazioni in garanzia: Per poter usufruire dell'assistenza tecnica in garanzia, il cliente deve contattare la sede Packard Bell Italy S.r.l. tramite il numero a pagamento messo a disposizione. 199...

Dettagli

PROGETTO A CURA DELLA FIGC - SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO. 2013 Tutti i diritti riservati.

PROGETTO A CURA DELLA FIGC - SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO. 2013 Tutti i diritti riservati. PROGETTO A CURA DELLA FIGC - SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO 2013 Tutti i diritti riservati. i valori scendono in campo È un percorso formativo che unisce e valorizza tante e differenziate attività. Un

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA FEBBRAIO 2012 A.G. ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

ELENCO DEI BACINI DI DESTINAZIONE E DELLE PROVINCE DI COMPETENZA PER I PRODOTTI DELLA GAMMA POSTATARGET

ELENCO DEI BACINI DI DESTINAZIONE E DELLE PROVINCE DI COMPETENZA PER I PRODOTTI DELLA GAMMA POSTATARGET ELENCO DEI BACINI DI DESTINAZIONE E DELLE PROVINCE DI COMPETENZA PER I PRODOTTI DELLA GAMMA POSTATARGET VALIDE DAL 18 APRILE 2016 1 ELENCO BACINI DI DESTINAZIONE E LOCALITÀ COLLEGATE Le seguenti tabelle

Dettagli

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza 2 Rapporto Famiglia-reddito-casa A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Novembre 2008 1 INDICE Nota introduttiva pag. 3 Dati demografici pag. 4 Tabella

Dettagli

Tasso di disoccupazione per sesso e provincia - media annua 2006 Ordinamento crescente Maschi % Femmine % Maschi e femmine % 1 Treviso 1,6 Belluno

Tasso di disoccupazione per sesso e provincia - media annua 2006 Ordinamento crescente Maschi % Femmine % Maschi e femmine % 1 Treviso 1,6 Belluno Tasso di disoccupazione per sesso e provincia - media annua 2006 Ordinamento crescente Maschi % Femmine % Maschi e femmine % 1 Treviso 1,6 Belluno 2,3 Belluno 2,3 2 Mantova 1,7 Modena 3,2 Reggio Emilia

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PERIODICO ROC

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PERIODICO ROC SCHEDA TECNICA PRODOTTO PERIODICO ROC - EDIZIONE OTTOBRE 2010-1 INDICE DOCUMENTI CITATI... 3 1 CARATTERISTICHE GENERALI... 4 1.1 OBIETTIVI DI QUALITÀ... 4 1.2 PREREQUISITI DI AMMISSIBILITÀ... 4 1.3 REGIMI

Dettagli

CARICHI NEVE E VENTO

CARICHI NEVE E VENTO Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì CARICHI NEVE E VENTO AGGIORNAMENTO 25/10/2011 CARICO NEVE (NTC2008-3.4) Il carico neve si considera agente in direzione verticale

Dettagli

+5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno I numeri dell imprenditoria straniera.

+5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno I numeri dell imprenditoria straniera. +5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno La sempre maggiore presenza di imprese gestite da stranieri rappresenta un ostacolo per gli imprenditori italiani, ma il vero problema rimane

Dettagli

La Presidente della FNCO Miriam Guana

La Presidente della FNCO Miriam Guana FEDERAZIONE NAZIONALE DEI COLLEGI DELLE OSTETRICHE P.za Tarquinia, 5/D - 00183 Roma tel. 067000943 fax 067008053 e-mail: presidenza@pec.fnco.it - web: www.fnco.it Orario apertura linea telefonica: dal

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quarta annualità un indagine

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO RISPOSTA PRIORITARIA

SCHEDA TECNICA PRODOTTO RISPOSTA PRIORITARIA SCHEDA TECNICA PRODOTTO RISPOSTA PRIORITARIA EDIZIONE: GENNAIO 2013 INDICE 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO... 3 2 POSSIBILI APPLICAZIONI E VANTAGGI... 3 3 CONDIZIONI DI ACCESSO... 4 4 RIFERIMENTI NORMATIVI...

Dettagli

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 il prezzo medio ora è di 8,4 euro al metro quadro cali generalizzati nei principali centri: bene padova (1,6), tengono meglio roma (0,1%)

Dettagli

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia 1 UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia Gerardo Massimi Le attività d interesse per il turismo

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PERIODICO ROC

SCHEDA TECNICA PRODOTTO PERIODICO ROC SCHEDA TECNICA PRODOTTO PERIODICO ROC - EDIZIONE GENNAIO 2011 - questo documento è proprietà di Poste Italiane S.p.A. che se ne riserva tutti i diritti Pagina 1 di 20 INDICE DOCUMENTI CITATI...2 1 CARATTERISTICHE

Dettagli

FASI - Federazione Italiana Arrampicata Sportiva - 01 Dati provinciali assoluti 2001

FASI - Federazione Italiana Arrampicata Sportiva - 01 Dati provinciali assoluti 2001 PIEMONTE TORINO 12 581 123 12 5 2 7 574 581 60 47 12 59 4 123 8 8 131 VERCELLI 0 7 0 0 0 0 0 7 7 0 0 0 0 0 0 0 0 0 BIELLA 1 27 7 1 0 0 0 27 27 5 2 0 2 0 7 0 0 7 VERBANIA 0 41 2 0 1 0 1 40 41 0 2 0 2 0

Dettagli

FIPT - Federazione Italiana Palla Tamburello - 09 Dati provinciali assoluti 2001

FIPT - Federazione Italiana Palla Tamburello - 09 Dati provinciali assoluti 2001 PIEMONTE TORINO 5 39 5 5 31 8 39 4 0 1 5 2 2 7 VERCELLI 0 28 3 0 24 4 28 2 1 0 3 1 1 4 BIELLA 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 VERBANIA 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 NOVARA 1 90 11 1 67 23 90 10 0 1 11 1 1 12

Dettagli