ASDIR REGOLAMENTO. Articolo 1 - ISCRIZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASDIR REGOLAMENTO. Articolo 1 - ISCRIZIONE"

Transcript

1 ASDIR ASSOCIAZIONE PER L'ASSISTENZA INTEGRATIVA SANITARIA E PREVIDENZIALE DIRIGENTI GLAXO WELLCOME REGOLAMENTO Articolo 1 - ISCRIZIONE I beneficiari dell'assistenza sanitaria sono i Soci dell'associazione ed i rispettivi nuclei familiari, come indicato dall'articolo 3 dello Statuto. All'atto dell'iscrizione il Socio deve denunciare, con apposito modulo, il proprio nucleo familiare, secondo l'art. 4 dello Statuto e si impegna a notificare le eventuali variazioni entro 30 giorni dall'evento. Il versamento della quota di iscrizione dovrà essere effettuato entro ii 31 dicembre di ogni anno. I Soci Titolari (in servizio attivo o in pensione) hanno facoltà di richiedere che la rispettiva quota venga trattenuta dallo stipendio (pensione) del mese di Dicembre utilizzando l'apposita modulistica disponibile presso La Direzione Amministrativa del Personale. Articolo 2 - SPESE RIMBORSABILI L'Associazione riconoscerà il rimborso, con le modalità specificate dal presente Regolamento, per tutte le spese sanitarie sostenute dai Soci ed opportunamente documentate, fermo restando l'impegno dei Soci a ricorrere in via prioritaria all'assistenza del Servizio Sanitario Nazionale. Si precisa che per spese sanitarie si intendono ricevute e fatture emesse da istituti di cura, medici, laboratori di analisi cliniche ecc. Le fatture emesse da enti non specificamente sanitari (massaggiatori, chiropratici, podologi ecc.) verranno rimborsate solo se accompagnate da una prescrizione medica emessa negli ultimi 12 mesi. Articolo 3- ENTITÀ DEL RIMBORSO Il rimborso verrà erogato nella misura del 75% della spesa effettivamente sostenuta, salvo i casi particolari riportati più oltre. Il Consiglio di Gestione ha la facoltà di modificare le percentuali di rimborso riportate nel presente regolamento per casi di particolare gravità che gli venissero sottoposti. 1

2 Articolo 4- NUCLEO FAMILIARE Ad ogni effetto del presente Regolamento, per Nucleo Familiare si intende il coniuge e i figli. Per questi ultimi si richiamano le limitazioni di età e vivenza a carico previste dalla normativa fiscale (art. 15 D.P.R n. 597). Si riporta il testo della delibera del Consiglio di Gestione del 30 Novembre 2004 (approvata dall'assemblea Ordinaria dei Soci del 9/12/2004: Interpretazione autentica dell'art.4, comma I, del Regolamento ("NUCLEO FAMILIARE") con effetto dal 1/1/2005 con riferimento ai figli a cui riconoscere le prestazioni dell'as.dir.: a. "I figli di età inferiore ai 18 anni o di età superiore se inabili al lavoro ad a carico del genitore." b. "I figli di età compresa fra 18 e 26 anni se a carico del genitore e se frequentano una scuola media o professionale o sono iscritti ad un corso universitario." Potranno essere compresi i genitori ed in loro mancanza gli ascendenti (art. 433 C.C.); i fratelli e le sorelle permanentemente inabili al lavoro ed i nipoti purché conviventi e con un reddito proprio non superiore a quello previsto dalla norma fiscale per la vivenza a carico. Viene concessa l iscrivibilità dei genitori del Socio anche se non conviventi, purché il Socio stesso lo richieda sottoscrivendo una dichiarazione nella quale venga evidenziato che il reddito del o dei genitori è inferiore a quello previsto dalla normativa fiscale per essere considerato a carico. Il coniuge cesserà di avere diritto a fruire dei benefici dell'associazione qualora sia stata emessa sentenza di divorzio. I figli continueranno a fruire dei benefici dell'associazione Nel caso in cui il Socio contragga matrimonio dopo la risoluzione del rapporto di lavoro, il coniuge, ed i figli nati dal matrimonio stesso, non avranno diritto a fruire dei benefici dell"associazione. Articolo 5- FARMACI Tutti I medicinali verranno rimborsati al 75%. Farmaci Si intendono i prodotti farmaceutici sulla cui confezione è presente la scritta da vendersi dietro presentazione di ricetta medica Per fruire del rimborso il Socio dovrà compilare una distinta elencando i nomi dei farmaci e il relativo prezzo. Per ciascun farmaco dovrà essere allegato lo scontrino fiscale riportante il codice fiscale dell associato o del familiare iscritto. 2

3 Farmaci da banco Si intendono i prodotti farmaceutici sulla cui confezione è presente la scritta farmaco di automedicazione Per il rimborso si adotteranno le stesse modalità riportate per i farmaci. Rimedi Omeopatici Sono delle preparazioni ottenute esclusivamente da principi attivi naturali ottenuti dal regno minerale, vegetale, animale. Queste sostanze pure vengono attivate mediante un particolare processo di diluizione. Sono distribuiti esclusivamente in farmacia e possono essere prescritti solo da medici Dovrà essere allegata la prescrizione medica e la distinta sull apposito modulo. Dovrà esservi corrispondenza fra prescrizione e distinta. Come prova di acquisto farà fede lo scontrino della farmacia purché riportante il codice fiscale dell associato o del familiare iscritto. Parafarmaceutici Si definiscono in tal modo I seguenti prodotti: Dietetici (ad esempio: Vitaminici, Integratori alimentari) Disinfettanti (ad esempio Soluzioni per la disinfezione/conservazione delle lenti a contatto) Prodotti coadiuvanti per la cura della pelle (ad esempio: creme e detergenti particolari) Prodotti medicali (ad esempio sfigmomanometro, kit analisi glicemia ecc) Elettromedicali (Apparecchi per sordità, stimolatori cardiaci) Ortopedia (ad esempio: Sedie a rotelle, tutori) È indispensabile la prescrizione medica. Quest ultima può essere in fotocopia e deve essere stata emessa negli ultimi 12 mesi. Per i prodotti il cui uso è da considerarsi continuativo o relativo a malattie croniche, potrà, con riserva di accettazione da parte del Consiglio di gestione, essere accettata una prescrizione biennale. Come prova di acquisto, analogamente ai farmaci, farà fede lo scontrino fiscale della farmacia. Per i parafarmaci acquistati al di fuori della farmacia, dovrà essere allegata la fattura o, in alternativa, una ricevuta riportante l identificazione del prodotto. In mancanza di queste dovrà essere richiesta al negoziante una dichiarazione che descriva il prodotto correlato allo scontrino di cassa. Il Socio sottoscriverà una dichiarazione (già contenuta nella modulistica) nella quale autocertifica che le spese per farmaci sostenute rientrano nei limiti di rimborsabilità previsti dal presente regolamento. Il Consiglio di Gestione si riserva la facoltà di effettuare controlli di conformità. Articolo 6- CURE OSPEDALIERE 3

4 a. Per i ricoveri in ospedali regionali a totale carico del S.S.N. verrà rimborsato il 100% delle spese supplementari (camera singola, etc.). b. Per i ricoveri in case di cura non convenzionate o dove non vi fosse alcun contributo del S.S.N. il rimborso verrà erogato nella misura del 75%. c. Per i ricoveri in case di cura convenzionate e nei casi in cui fosse ottenuto un contributo da parte del S.S.N., verrà corrisposto (all'atto della presentazione dei documenti comprovanti l'ottenimento del contributo, e limitatamente alla tipologia di spesa oggetto del contributo stesso), un rimborso pari all'80% della cifra rimasta a carico del Socio (solo in questo caso potranno essere accettate fatture in fotocopia). 4

5 Articolo 7- CURE TERMALI Per l'ottenimento del rimborso delle cure termali dovrà essere presentata un prescrizione medica rilasciata dal medico curante. Non sono accettate le prescrizioni rilasciate dai medici facenti parte della struttura termale. Le spese termali vere e proprie verranno rimborsate al 75%. Per le spese accessorie (soggiorno, trasporto) verranno applicate le seguenti limitazioni: 1. Il rimborso non potrà superare 60 al giorno pro capite. 2. Verranno rimborsati non più di 15 giorni all'anno pro capite. 2. Le spese di trasporto potranno essere rimborsate solo in alternativa alle spese di soggiorno e con i medesimi limiti. Articolo 8- LENTI E OCCHIALI Per le lenti e le lenti a contatto, la fattura dovrà specificarne le caratteristiche (marca, tipo, diottrie). Per gli occhiali, il costo della montatura dovrà essere distinto da quello delle lenti. Viene fissato per quest'ultima un massimale di rimborso di 160. Articolo 9- CURE ODONTOIATRICHE Per le cure e le protesi dentarie che si presume superino 5000 dovrà essere presentato all'attenzione del Consiglio di Gestione un preventivo dettagliato che specifichi il tipo di intervento previsto; il Consiglio di Gestione rilascerà autorizzazione alla spesa. L'Associazione si riserva la facoltà di far verificare, da sanitario di sua scelta, la congruità del preventivo. Articolo 10 - TICKET I "ticket" dichiarati in fattura come tali verranno rimborsati al 100% in quanto integrativi. Per quanto riguarda i ticket farmaceutici, questi verranno rimborsati nella medesima misura purché venga presentato il relativo scontrino della farmacia riportante il codice fiscale dell assistito o del familiare iscritto. Articolo 10 bis SPESE PER ASSISTENZA INFERMIERISTICA Le spese relative all'assistenza infermieristica saranno rimborsabili nella misura più sotto indicata a condizione che il medico curante dichiari che il/la paziente necessita di tale assistenza e ne specifichi la tipologia: assistenza saltuaria o continuativa. 5

6 L'ASDIR rimborserà il 75% delle spese, opportunamente documentate, per il periodo dal 1 al 30 giorno, il 60% per il periodo dal 31 al 60 giorno, il 50% successivamente al 60 giorno. Il totale del rimborso non potrà superare i per il primo anno e i per gli anni successivi. Nel caso in cui, per lo stesso paziente e nel corso del medesimo anno, venisse interrotta l'assistenza infermieristica, all'eventuale ripresa il conteggio dei giorni riprenderà dal momento dell'interruzione. Qualora l'assistito usufruisse di istituzioni pubbliche, quali cliniche per lungodegenti, istituti per l'assistenza ai malati cronici o agli anziani ecc. fermo restando l'obbligo della dichiarazione del medico, l'associazione rimborserà l 80% delle quote di degenza se a totale carico dell'utente, e 1' 80% della cifra residua, qualora parte della quota fosse a carico dell'assistenza pubblica. La cifra di rimborso annuo non potrà superare i massimali riportati al comma precedente. Articolo 10 ter SPESE PER ASSISTENZA A NON AUTOSUFFICIENTI Assistenza a non autosufficienti prestata a soggetti riconosciuti tali dalla sanità pubblica (legge 104), già destinatari di aiuto economico pubblico non necessariamente conviventi ma fiscalmente a carico. Oltre a quanto previsto dal precedente art. 10 bis sono riconosciute le spese documentate per: prestazioni non erogabili dal SSN di natura tutelare, l aiuto personale e domestico familiare, per attività di socializzazione, se svolte a favorire stili di vita attivi utili a far permanere i soggetti presso il proprio domicilio. Per i soggetti ricoverati presso strutture residenziali o semi-residenziali sono riconosciute le spese documentate per eventuali attività di socializzazione capaci di promuovere stili di vita attivi. Per le prestazioni di cui sopra sarà rimborsato solo la parte che resta in capo all iscritto dopo la ripartizione parentale nella misura del 50% con un massimale annuo di Euro 3.000,00 a persona. Articolo 11 - SPESE FUNERARIE Per le spese funerarie verrà riconosciuto un rimborso spese pari al 75% delle spese sostenute con un massimale di Articolo 12- RICHIESTE DI RIMBORSO Per ottenere il rimborso delle spese di cui agli articoli precedenti il Socio presenterà una specifica delle voci di spesa, corredata della documentazione giustificativa in originale, mediante gli appositi moduli forniti dall'associazione. 6

7 La documentazione potrà essere accettata in fotocopia esclusivamente qualora si tratti di spese integrative di prestazioni richieste ed ottenute tramite S.S.N. o a giudizio insindacabile del Consiglio di Gestione. Articolo 13-SCADENZE Le richieste di rimborso relative al primo semestre dell'anno dovranno essere indirizzate al Consiglio di Gestione entro il 5 luglio. Analogamente le richieste relative al secondo semestre dovranno essere inviate entro il successivo 15 gennaio. Le richieste pervenute successivamente alle citate scadenze verranno esaminate nel semestre seguente o, se ricorreranno gli estremi di cui al seguente art. 15, potranno essere rimborsate come acconto di liquidazione Articolo 14- EROGAZIONE DEL RIMBORSO Il Consiglio di Gestione esaminerà le pratiche (garantendo l'assoluta riservatezza sul loro contenuto) e rilascerà il benestare al rimborso. Il rimborso verrà erogato entro la quindicina successiva alle scadenze di cui all'articolo 13. Articolo 15- ACCONTO DI LIQUIDAZIONE Il Socio ha la facoltà, nel caso abbia affrontato spese superiori a 1.000, di chiedere acconti di liquidazione, su presentazione dei giustificativi. Dovrà essere impiegata la modulistica prevista per le richieste di rimborso semestrali. Articolo 16 Variazioni o integrazioni al presente Regolamento dovranno essere approvate dall'assemblea dei Soci. 1 Revisione: Marzo Revisione: Aprile Revisione: Maggio Revisione: Maggio Revisione: Maggio Revisione: Aprile Revisione: Maggio Revisione: Dicembre Revisione: Ottobre Revisione: Febbraio Revisione: Luglio Revisione: Maggio Revisione: Giugno Revisione: Dicembre Revisione: Dicembre Revisione: Ottobre Revisione Aprile

Fondo Integrativo Assistenza Malattia Dipendenti Credito Artigiano REGOLAMENTO

Fondo Integrativo Assistenza Malattia Dipendenti Credito Artigiano REGOLAMENTO 1 Fondo Integrativo Assistenza Malattia Dipendenti Credito Artigiano REGOLAMENTO SOMMARIO Articolo 1 Beneficiari del Fondo Articolo 2 Modalità e termini delle richieste di rimborsi Articolo 3 Esclusione

Dettagli

FONDO ILVA ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA DIRIGENTI - F.I.A.S.I.D. c/o FINTECA IMMOBILIARE Srl. Via Muratori, 3 16152 Genova; centralino

FONDO ILVA ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA DIRIGENTI - F.I.A.S.I.D. c/o FINTECA IMMOBILIARE Srl. Via Muratori, 3 16152 Genova; centralino c/o FINTECA IMMOBILIARE Srl. Via Muratori, 3 16152 Genova; centralino 06.4211.6300 E-mail info@fiasid.it R E G O L A M E N T O Aggiornato a marzo 2014 ART.1 MODALITA' PER L ADESIONE 1.1 Ai sensi dell'art.

Dettagli

Guida al Piano sanitario Assistenza Ospedaliera e Domiciliare

Guida al Piano sanitario Assistenza Ospedaliera e Domiciliare Guida al Piano sanitario Assistenza Ospedaliera e Domiciliare Edizione 01/01/2016 ai SOCI di MUTUA SALUTE Edizione 01/01/2016 Sede Operativa - Via Spalato, 62/A 10141 Torino tel. 011 3822729 fax 011 3824670

Dettagli

Regolamento delle Prestazioni ed Assistenze PRESTAZIONI ED ASSISTENZE DELLA CASSA EDILE. Art. 28 del REGOLAMENTO GENERALE

Regolamento delle Prestazioni ed Assistenze PRESTAZIONI ED ASSISTENZE DELLA CASSA EDILE. Art. 28 del REGOLAMENTO GENERALE Regolamento delle Prestazioni ed Assistenze PRESTAZIONI ED ASSISTENZE DELLA CASSA EDILE Art. 28 del REGOLAMENTO GENERALE Punto 1 : COPERTURE ASSICURATIVE ASSITECA per Cassa Edile V.C.O. La Cassa Edile

Dettagli

R E G O L A M E N T O In vigore dal 08 / 05 / 2013

R E G O L A M E N T O In vigore dal 08 / 05 / 2013 ASSOCIAZIONE PER L ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA AI LAVORATORI DELL ATC E DELLA MOBILITA A SEGUITO DELLA FUSIONE DI ATC SPA E FER SRL COME DA ORDINE DI SERVIZIO DEL 31-2-2012, L AZIENDA PUBBLICA DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI PER INTERVENTI ASSISTENZIALI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI PER INTERVENTI ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI PER INTERVENTI ASSISTENZIALI A FAVORE DEL PERSONALE TECNICO, AMMINISTRATIVO E DI BIBLIOTECA DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO Articolo 1 - Ambito di applicazione

Dettagli

CASSA di PREVIDENZA ed ASSISTENZA tra i dipendenti del MINISTERO delle INFRASTRUTTURE e dei TRASPORTI

CASSA di PREVIDENZA ed ASSISTENZA tra i dipendenti del MINISTERO delle INFRASTRUTTURE e dei TRASPORTI CASSA di PREVIDENZA ed ASSISTENZA tra i dipendenti del MINISTERO delle INFRASTRUTTURE e dei TRASPORTI Via G. CARACI, 36-00157 ROMA Roma, 15 dicembre 2005 Ai CAPI degli UFFICI CENTRALI e PERIFERICI del

Dettagli

MODULISTICA E REGOLAMENTO DELLE ASSISTENZE PER I DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLÌ - CESENA

MODULISTICA E REGOLAMENTO DELLE ASSISTENZE PER I DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI FORLÌ - CESENA Cassa Edile dell'artigianato e della Piccola e Media Impresa in Emilia Romagna Via Maestri Del Lavoro D Italia, 129 47034 Forlimpopoli (FC) Tel. 0543.745832 Fax. 0543.745829 E-mail: appalti@cassaer.org

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA. Art. 1 Ambito della normativa

REGOLAMENTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA. Art. 1 Ambito della normativa REGOLAMENTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO I Ambito della normativa Art. 1 Ambito della normativa 1. Il presente regolamento del Fondo Assistenza Sanitaria (FAS), in

Dettagli

PROCEDURE E SCADENZE CASSA EDILE VERCELLI

PROCEDURE E SCADENZE CASSA EDILE VERCELLI ISCRIZIONE/RIATTIVAZIONE PROCEDURE E SCADENZE CASSA EDILE VERCELLI IMPRESE e STUDI L iscrizione o la riattivazione di un impresa deve pervenire entro la fine del mese di riferimento di inizio attività

Dettagli

REGOLAMENTO EX ART. 19 BIS DEL REGOLAMENTO DELL ENTE PER L EROGAZIONE DEI TRATTAMENTI DI ASSISTENZA

REGOLAMENTO EX ART. 19 BIS DEL REGOLAMENTO DELL ENTE PER L EROGAZIONE DEI TRATTAMENTI DI ASSISTENZA Via Vicenza, 7-00185 Roma REGOLAMENTO EX ART. 19 BIS DEL REGOLAMENTO DELL ENTE PER L EROGAZIONE DEI TRATTAMENTI DI ASSISTENZA Approvato dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Dettagli

FAQ PER LA RICHIESTA DI BENEFICI ECONOMICI

FAQ PER LA RICHIESTA DI BENEFICI ECONOMICI FAQ PER LA RICHIESTA DI BENEFICI ECONOMICI INDICE 1. Posso presentare richiesta di rimborso per più di una delle fattispecie previste dal regolamento? 2. Posso farmi rimborsare le spese sostenute sia per

Dettagli

DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015

DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015 DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015 ARTICOLO 1 - FINALITÀ E TIPOLOGIA DELL INTERVENTO Nell ambito degli interventi e dei servizi rivolti alle persone con disabilità, il

Dettagli

Dichiarazione dei redditi - Modello 730/2015

Dichiarazione dei redditi - Modello 730/2015 Dichiarazione dei redditi - Modello 730/2015 Cosa portare al Caf per la compilazione > Modello CUD 2015 redditi 2014 che il datore di lavoro o l Ente pensionistico consegnerà entro il 28 febbraio 2015.

Dettagli

CONTRIBUTI ORDINARI. La percentuale di contributo erogabile è fissata nella misura del 30% per i dirigenti e del 60% per il personale del comparto.

CONTRIBUTI ORDINARI. La percentuale di contributo erogabile è fissata nella misura del 30% per i dirigenti e del 60% per il personale del comparto. CRITERI GENERALI PER L UTILIZZO DEI FONDI DI CUI ALLA L.R. 54/1976, IN ORDINE AL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA ASSISTENZIALI A FAVORE DEL PERSONALE REGIONALE 1 - Spese mediche CONTRIBUTI ORDINARI Visite

Dettagli

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI

COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI COMUNE DI BUTTRIO REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI PERSONE ADULTE E ANZIANE CHE NECESSITANO DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI (Approvato con deliberazione consiliare n 36 nella seduta del 27 settembre

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte V

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte V REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte V Erogazione di sussidi a fondo perduto per disagio economico a seguito di malattia, infortunio o decesso. Testo finale approvato C.I.G. Delibera n.56 del 16/12/2011

Dettagli

COMUNE DI GIARDINELLO Provincia di Palermo

COMUNE DI GIARDINELLO Provincia di Palermo COMUNE DI GIARDINELLO Provincia di Palermo REPERTORIO GENERALE N.72 DEL 27/01/2014 DETERMINAZIONE N.48 DEL 27/01/2014 Oggetto: Approvazione avviso per la concessione del Bonus Socio Sanitario a nuclei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME COMUNE DI RIOLO TERME Provincia di Ravenna REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME Approvato con

Dettagli

Fondo Pensione Dipendenti Gruppo ENEL

Fondo Pensione Dipendenti Gruppo ENEL REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE ANTICIPAZIONI DI CUI ALL ART. 27 DELLO STATUTO DEL FOPEN 1. BENEFICIARI Come previsto dal D.Lgs 124/93 e successive modifiche hanno titolo a richiedere l anticipazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER GLI ANZIANI (LEGGE REGIONALE N.21/89)

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER GLI ANZIANI (LEGGE REGIONALE N.21/89) Allegato alla delibera di C.C. n 44 del 4/12/2012 f.to Il Segretario Generale Dr. Pasquale Incarnato REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER GLI ANZIANI (LEGGE REGIONALE N.21/89) Art.

Dettagli

CASSA EDILE ASCOLI PICENO E FERMO. REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI EXTRACONTRATTUALI Decorrenza 1 dicembre 2013

CASSA EDILE ASCOLI PICENO E FERMO. REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI EXTRACONTRATTUALI Decorrenza 1 dicembre 2013 REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI EXTRACONTRATTUALI Decorrenza 1 dicembre 2013 CON IL PRESENTE REGOLAMENTO GLI ORGANI DELLA CASSA EDILE PROVVEDONO A DISCIPLINARE I REQUISITI ED I MECCANISMI PER L EROGAZIONE

Dettagli

3.BENEFICI IN AMBITO SANITARIO

3.BENEFICI IN AMBITO SANITARIO 3.BENEFICI IN AMBITO SANITARIO c ESENZIONE TICKET. CONDIZIONI GENERALI Soggetti esenti dalla partecipazione alla spesa sanitaria Beneficiari Totalmente esenti CITTADINI DI ETÀ INFERIORE A SEI ANNI e appartenenti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI RESIDENZIALI A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI RESIDENZIALI A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI RESIDENZIALI A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 25 del 9 giugno 2003, modificato con deliberazione del

Dettagli

ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI

ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI REGOLAMENTO PER I TRATTAMENTI ASSISTENZIALI E DI TUTELA SANITARIA INTEGRATIVA per l'attuazione delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA - Approvato con nota Ministeriale del 25 ottobre 2004 e modifiche approvate con successiva nota Ministeriale del 24 luglio 2006 - Testo integrato in vigore

Dettagli

Esenzione ticket: le nuove modalità

Esenzione ticket: le nuove modalità LE NUOVE MODALITA Esenzione ticket: le nuove modalità Regione Liguria, a partire dal 1 novembre, ha introdotto delle nuove modalità per ottenere l esenzione dal pagamento del ticket per reddito e per patologia

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte VI. Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia.

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte VI. Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia. REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte VI Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia. Testo finale approvato dal C.I.G. Delibera n. 103 del 29.05.2014 e approvato dai MMVV con nota n. 36/0016601/MA004.A007

Dettagli

Regolamento Sanimpresa

Regolamento Sanimpresa Regolamento Sanimpresa Art.1 Ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina il funzionamento della Cassa di Assistenza Sanitaria Integrativa (SANIMPRESA) costituita in favore dei dipendenti

Dettagli

(CIG 6337230F9E) RISPOSTE IN ORDINE AI CHIARIMENTI RICHIESTI CAPITOLATO TECNICO

(CIG 6337230F9E) RISPOSTE IN ORDINE AI CHIARIMENTI RICHIESTI CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta, ai sensi del d. lgs. n. 163/2006, per l affidamento del servizio di assistenza sanitaria per il personale dell Istituto per gli anni 2016 e 2017 (CIG 6337230F9E) RISPOSTE IN ORDINE AI

Dettagli

MA UALE DELLE PROCEDURE ALIMENTI

MA UALE DELLE PROCEDURE ALIMENTI PROCEDURA EROGAZIONE SENZA GLUTINE A PAZIENTI AFFETTI DA MORBO CELIACO REDATTO Dipartimento del Farmaco Dott.ssa Alessandra Mingarelli Farmacisti Dott. D. Carletti Dott.ssa L.Arenare CONDIVISO Dipartimento

Dettagli

SCUOLA INTERNAZIONALE SUPERIORE DI STUDI AVANZATI - INTERNATIONAL SCHOOL FOR ADVANCED STUDIES

SCUOLA INTERNAZIONALE SUPERIORE DI STUDI AVANZATI - INTERNATIONAL SCHOOL FOR ADVANCED STUDIES REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INTERVENTI A CARATTERE ASSISTENZIALE A FAVORE DEL PERSONALE DIPENDENTE, DELL ALLIEVO, DEL BORSISTA DI POST- DOTTORATO E DELL ASSEGNISTA DI RICERCA ART. 1 GENERALITA 1.

Dettagli

CONTRIBUTO PER IL CONCORSO ALLE SPESE DEL PERSONALE DEDICATO ALL ASSISTENZA FAMILIARE

CONTRIBUTO PER IL CONCORSO ALLE SPESE DEL PERSONALE DEDICATO ALL ASSISTENZA FAMILIARE Si informano i cittadini che sono stati approvati i criteri per l assegnazione del CONTRIBUTO PER IL CONCORSO ALLE SPESE DEL PERSONALE DEDICATO ALL ASSISTENZA FAMILIARE Requisiti per l accesso: 1. anziani

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11. REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE - approvato con deliberazione di C.C. n. 49 del 30.11.2007 CAPO I: PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento

Dettagli

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI 1. ANTICIPAZIONI 1.1. Come stabilito dal Dlgs 252/2005, l associato può conseguire un anticipazione sulla sua posizione: I. in qualsiasi momento, per un importo non superiore

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA REGOLAMENTO C NORME PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AL PERSONALE DELL I.N.E.A.

ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA REGOLAMENTO C NORME PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AL PERSONALE DELL I.N.E.A. ISTITUTO NAZIONALE DI ECONOMIA AGRARIA REGOLAMENTO C NORME PER LA CONCESSIONE DI PRESTITI AL PERSONALE DELL I.N.E.A. (DPR n 509/79, art. 59, primo comma, punto 4, come modificato dal DPR n 171/91, art.

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte VII

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte VII REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte VII Erogazione di contributi in conto interessi a fronte di prestiti stipulati a seguito di crisi finanziaria Testo finale approvato dal C.I.G. Delibera n. 103

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Norme di attuazione delle disposizioni di cui al titolo IV del regolamento del Fondo di Previdenza Generale (Approvate dal Consiglio

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.)

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.) AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.) In attuazione del II Piano di intervento servizi di cura per gli anziani del Piano di Azione e Coesione,

Dettagli

per la compilazione del 730/13

per la compilazione del 730/13 Cosa portare per la compilazione del 730/13 Dichiarazione dei redditi dell anno precedente (Modello 730/2012 o Modello UNICO 2012) Bollettini e/o F24 dei versamenti IMU pagati nel 2012; Fotocopia fronte/retro

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL'ADESIONE E DELLA CONTRIBUZIONE A PREVICOOPER DEI SOGGETTI FISCALMENTE A CARICO

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL'ADESIONE E DELLA CONTRIBUZIONE A PREVICOOPER DEI SOGGETTI FISCALMENTE A CARICO PREVICOOPER Fondo Pensione Complementare Nazionale a capitalizzazione dei dipendenti delle imprese della distribuzione cooperativa REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL'ADESIONE E DELLA CONTRIBUZIONE

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.63 del 21.12.2010 ART. 1 OGGETTO Il presente

Dettagli

Indice e spiegazioni ulteriori sui codici da inserire nella richiesta on-line dei Sussidi.

Indice e spiegazioni ulteriori sui codici da inserire nella richiesta on-line dei Sussidi. Indice e spiegazioni ulteriori sui codici da inserire nella richiesta on-line dei Sussidi. Con il codice 1 si può chiedere il sussidio per: decesso del dipendente. È ovvio che la richiesta deve essere

Dettagli

by s: Martorelli & P. Zani Chi paga l assegno al nucleo familiare e quando occorre l autorizzazione Numero 95 Giugno 2014

by s: Martorelli & P. Zani Chi paga l assegno al nucleo familiare e quando occorre l autorizzazione Numero 95 Giugno 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 95 Giugno 2014 Chi paga l assegno al nucleo familiare e quando occorre l autorizzazione La circostanza che Previdenza flash abbia pubblicato, nelle

Dettagli

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Finanze & Lavoro Gruppo Editoriale Esselibri-Simone Appendice di aggiornamento al volume FL 18 C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Edizione Aprile 2003 Questa appendice è scaricabile gratuitamente dal sito internet:

Dettagli

Mini Guida Informativa per i dipendenti

Mini Guida Informativa per i dipendenti Piano Sanitario Dipendenti a cui si applica il CCNL Telecomunicazioni Mini Guida Informativa per i dipendenti Sintesi delle Condizioni del Piano Sanitario MINI GUIDA AL PIANO SANITARIO PER I DIPENDENTI

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento per il servizio di assistenza domiciliare Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 83 del 30.09.1997 1/6 SOMMARIO : ARTICOLO 1 - FINALITA DEL

Dettagli

LE PRESTAZIONI DELLA CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI POTENZA

LE PRESTAZIONI DELLA CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI POTENZA 1 LE PRESTAZIONI DELLA CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI POTENZA INDICE a) Regolamento delle prestazioni b) Disciplina dal 1.1.1998 (Ritenute su somme e valori erogati) c) Cure dentarie d) Protesi dentarie

Dettagli

Modifica al decreto 31 marzo 2008, riguardante «Fondi sanitari integrativi del Servizio sanitario nazionale». (10A00199) (GU n. 12 del 16-1-2010 )

Modifica al decreto 31 marzo 2008, riguardante «Fondi sanitari integrativi del Servizio sanitario nazionale». (10A00199) (GU n. 12 del 16-1-2010 ) MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 27 ottobre 2009 Modifica al decreto 31 marzo 2008, riguardante «Fondi sanitari integrativi del Servizio sanitario nazionale». (10A00199)

Dettagli

FISDAF REGOLAMENTO NORME GENERALI PRESTAZIONI

FISDAF REGOLAMENTO NORME GENERALI PRESTAZIONI FISDAF REGOLAMENTO NORME GENERALI PRESTAZIONI Indice Art. 1 Oggetto del Regolamento 1 Art. 2 Iscrizione dei Soci persone fisiche Iscritti 2.1 Dirigenti in servizio 1 2.2 Dirigenti prosecutori volontari

Dettagli

FONDO SANITARIO INTEGRATIVO DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO presso PREVIMEDICAL Via Gioberti, 33 31021 Mogliano Veneto (TV)

FONDO SANITARIO INTEGRATIVO DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO presso PREVIMEDICAL Via Gioberti, 33 31021 Mogliano Veneto (TV) Milano, 18 novembre 2010 Gent. Sig./a [Cognome] [Nome] [Indirizzo] [CAP] [PROV] Oggetto: Fondo Sanitario Integrativo del Gruppo Intesa Sanpaolo Desideriamo informarla che, in data 2 ottobre 2010, Intesa

Dettagli

PIANO LOCALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA: REGOLAMENTO D ACCESSSO RIMBORSO SPESE DI ACCOMPAGNAMENTO

PIANO LOCALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA: REGOLAMENTO D ACCESSSO RIMBORSO SPESE DI ACCOMPAGNAMENTO ISTITUZIONE PER I SERVIZI SOCIALI VESTINA Tel. 800.18.58.55 e 085.82.11.208 Fax 085.82.12.100 C.f. 91072120685 PIANO LOCALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA: REGOLAMENTO D ACCESSSO RIMBORSO SPESE DI ACCOMPAGNAMENTO

Dettagli

Mini Guida Informativa per i dipendenti

Mini Guida Informativa per i dipendenti ASSICASSA Piano Sanitario Dipendenti a cui si applica il CCNL Telecomunicazioni Mini Guida Informativa per i dipendenti Sintesi delle Condizioni del Piano Sanitario MINI GUIDA AL PIANO SANITARIO ASSICASSA

Dettagli

CENTRO GERIATRICO GIOVANNI XXIII Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza I.P.A.B.

CENTRO GERIATRICO GIOVANNI XXIII Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza I.P.A.B. CENTRO GERIATRICO GIOVANNI XXIII Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza I.P.A.B. RICHIESTA DI AMMISSIONE IN STRUTTURA RESIDENZIALE PER ANZIANI DOMANDA ed AUTOCERTIFICAZIONE ( Artt. 46 e 47 del

Dettagli

Convenzione Rimborso Spese di Cura Anno 2012 Gruppo Findomestic Banca S.p.a.

Convenzione Rimborso Spese di Cura Anno 2012 Gruppo Findomestic Banca S.p.a. Convenzione Rimborso Spese di Cura Anno 2012 Gruppo Findomestic Banca S.p.a. -Variazioni rispetto all anno 2011 1. Normativo 1a)Modifica della definizione del nucleo assicurato: -testo 2011 al Capitolo

Dettagli

VADEMECUM OPERATIVO POLIZZA SANITARIA RBM Salute GRUPPO EQUITALIA

VADEMECUM OPERATIVO POLIZZA SANITARIA RBM Salute GRUPPO EQUITALIA VADEMECUM OPERATIVO POLIZZA SANITARIA RBM Salute GRUPPO EQUITALIA POLIZZA SANITARIA GRUPPO EQUITALIA SpA - RBM Salute istruzioni operative Premessa La presente polizza copre rimborsi esclusivamente in

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DEL BANCO DI NAPOLI

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DEL BANCO DI NAPOLI REGOLAMENTO MODALITA DI ADESIONE E CONTRIBUZIONE AL FONDO DA PARTE DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 21 febbraio 2014 SOMMARIO ARTICOLO 1 DEFINIZIONE

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

Richiesta di anticipazione della posizione individuale cumulata nel Fondo.

Richiesta di anticipazione della posizione individuale cumulata nel Fondo. MODULO S1/A (Spese Sanitarie) Modulo di richiesta di anticipazione Spese Sanitarie Pagina 1 Spett.le Fondo Aggiuntivo Pensioni per il Personale del Banco di Sardegna. Via IV Novembre, 27 07100 - Sassari

Dettagli

4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna

4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna 4 INCONTRO NAZIONALE A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus 26 febbraio 2011 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori Aula Magna I diritti del malato oncologico Silvia Bettega Servizio Sociale Adulti

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

Nota Informativa sulla Convenzione Assicurativa per Volontari e Cooperanti tra Ministero Affari Esteri e Cattolica (Periodo 01/02/2013-31/12/2015)

Nota Informativa sulla Convenzione Assicurativa per Volontari e Cooperanti tra Ministero Affari Esteri e Cattolica (Periodo 01/02/2013-31/12/2015) Nota Informativa sulla Convenzione Assicurativa per Volontari e Cooperanti tra Ministero Affari Esteri e Cattolica (Periodo 01/02/2013-31/12/2015) Informazioni Generali Chi assicura: il Ministero degli

Dettagli

DOCUMENTI per compilare il 730/2012 (IN FOTOCOPIA LEGGIBILE) SCADENZA 31 MAGGIO 2012

DOCUMENTI per compilare il 730/2012 (IN FOTOCOPIA LEGGIBILE) SCADENZA 31 MAGGIO 2012 CAF MUNICIPIO VIA GALILEO CHINI, 28 00125 TEL/FAX 06.52.35.01.76 DOCUMENTI per compilare il 730/2012 (IN FOTOCOPIA LEGGIBILE) SCADENZA 31 MAGGIO 2012 DOCUMENTI NECESSARI Documento di identità valido per

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI D INTEGRAZIONE AL REDDITO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI D INTEGRAZIONE AL REDDITO IV Settore Viale dell Università, 2/A - Tel. 0824772688 Fax 0824326211 E-Mail: ufficiodipianob1@libero.it REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI D INTEGRAZIONE AL REDDITO Approvato con Delibera

Dettagli

A TUTTE LE STRUTTURE LORO SEDI. Carissimi/e, Roma, 25 novembre 2009 Prot. 21/ILT/ai OGGETTO: Fondi integrativi sanitari

A TUTTE LE STRUTTURE LORO SEDI. Carissimi/e, Roma, 25 novembre 2009 Prot. 21/ILT/ai OGGETTO: Fondi integrativi sanitari Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori IL SEGRETARIO CONFEDERALE Politiche Sociali e della Salute, Politiche di Cittadinanza, Tutela, Promozione e Solidarietà Sociale Roma, 25 novembre 2009 Prot.

Dettagli

ART. 1 ART. 2. Le operazioni di finanziamento verranno perfezionate alle seguenti condizioni:

ART. 1 ART. 2. Le operazioni di finanziamento verranno perfezionate alle seguenti condizioni: CONVENZIONE TRA L AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI PONZANO VENETO E GLI ISTITUTI DI CREDITO RIGUARDANTE LE MODALITA RELATIVE ALLA CONCESSIONE ED EROGAZIONE DI CONTRIBUTI SU MUTUI PER L ACQUISTO, LA COSTRUZIONE

Dettagli

Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007)

Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007) CONTO CORRENTE PERSONALE BANCA Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007) Tasso creditore BCE 0,50 Norme generali: - è intestato al dipendente o al pensionato; - può essere cointestato

Dettagli

Regolamento PER L ASSISTENZA DOMICILIARE

Regolamento PER L ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como Regolamento PER L ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 Istituzione 1. E istituito nel Comune di Brienno il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.). Detto servizio è costituito

Dettagli

Per la determinazione di questi limiti occorre far riferimento al reddito complessivo lordo IRPEF relativo all anno precedente.

Per la determinazione di questi limiti occorre far riferimento al reddito complessivo lordo IRPEF relativo all anno precedente. Sede di Via n. Cap Provincia E-mail: Cognome nome Indirizzo CODICE UTENTE INAIL ASSICURAZIONE CASALINGHE 2013 Gentile Signora/e, Lei risulta iscritta/o all'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni

Dettagli

AZIENDA SPECIALE TERRACINA REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO DISABILI

AZIENDA SPECIALE TERRACINA REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO DISABILI AZIENDA SPECIALE TERRACINA REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO DISABILI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL AZIENDA SPECIALE DEL N.. TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Definizione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 11 del 16 febbraio 2006 INDICE: Art. 1 Finalità del servizio Art. 2 Destinatari del servizio

Dettagli

Assistenze. Premio giovani per ingresso nel settore

Assistenze. Premio giovani per ingresso nel settore Assistenze 1. 2. Premio giovani per ingresso nel settore 3. Premio giovani per permanenza nel settore 4. Contributo per i figli studenti 5. Premio matrimoniale 6. Contributo per acquisto della prima casa

Dettagli

PIANO SANITARIO Integrativo FASI Dirigenti

PIANO SANITARIO Integrativo FASI Dirigenti PIANO SANITARIO Integrativo FASI Dirigenti Milano 2013 1 PIANO SANITARIO Integrativo Dirigenti Riservato agli iscritti al FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA F.A.S.I. Le prestazioni previste nel presente Piano

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI INSERIMENTO DI ANZIANI, DISABILI, MINORI IN STRUTTURE PROTETTE

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI INSERIMENTO DI ANZIANI, DISABILI, MINORI IN STRUTTURE PROTETTE COMUNE DI CAGLI Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLA RETTA DI INSERIMENTO DI ANZIANI, DISABILI, MINORI IN STRUTTURE PROTETTE (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

ALLEGATO B alla deliberazione del C.C. n 32 del 22/3/1994 aggiornato con D.G. n. del.

ALLEGATO B alla deliberazione del C.C. n 32 del 22/3/1994 aggiornato con D.G. n. del. ALLEGATO ALLA D.G. N. DEL COMUNE CASTEL MAGGIORE (Prov.di Bologna) ALLEGATO B alla deliberazione del C.C. n 32 del 22/3/1994 aggiornato con D.G. n. del. TARIFFE E TABELLE PER I SERVIZI SOCIALI ANNO 2002

Dettagli

L. 162/98 2000 353 123 230 1.337.964,89 2001 688 580 108 4.155.265,27 2002 1.648 1.524 124 10.516.445,00 2003 2.618 2.344 274 13.463.

L. 162/98 2000 353 123 230 1.337.964,89 2001 688 580 108 4.155.265,27 2002 1.648 1.524 124 10.516.445,00 2003 2.618 2.344 274 13.463. L. 162/98 Anno di presentazione Piani presentati Piani finanziati Piani esclusi Costo annuale 2000 353 123 230 1.337.964,89 2001 688 580 108 4.155.265,27 2002 1.648 1.524 124 10.516.445,00 2003 2.618 2.344

Dettagli

ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA. Alle Direzioni Generali del Dipartimento

ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA. Alle Direzioni Generali del Dipartimento ENTE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA Alle Direzioni Generali del Dipartimento Prot- 58729 del 16.2.2004 All Ufficio Studi, Ricerche, Legislazione e Rapporti Internazionali

Dettagli

ENPAF - PRESTAZIONI DI ASSISTENZA ANNO 2013 testo integrato delibere consiliari n.47/2012 e n.4/2013

ENPAF - PRESTAZIONI DI ASSISTENZA ANNO 2013 testo integrato delibere consiliari n.47/2012 e n.4/2013 Con la deliberazione del Consiglio di amministrazione n.4/2013 sono state apportate alcune modifiche alla precedente delibera generale in materia di assistenza per l anno 2013 n.47/2012. Si riporta di

Dettagli

Regolamento Cassa Sanitaria BNL

Regolamento Cassa Sanitaria BNL Regolamento Cassa Sanitaria BNL Articolo 1 (oggetto e validità del regolamento) Il seguente Regolamento disciplina il funzionamento della Cassa Sanitaria BNL costituita ai sensi dell art. 36 e segg. Cod.

Dettagli

ARTICOLO 7. Prestazioni Cassa Edile

ARTICOLO 7. Prestazioni Cassa Edile ARTICOLO 7 Prestazioni Cassa Edile Per quanto attiene la disciplina delle prestazioni della Cassa Edile si fa espresso riferimento all allegato E del C.C.N.L. 29 gennaio 2000. Dette prestazioni contrattualizzate

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEI CRITERI E DELLE SOGLIE MASSIME I.S.E.E. PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI GESTITI IN FORMA ASSOCIATA E AL SERVIZIO

Dettagli

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015 L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo Padova, 22 maggio 2015 Il secondo Welfare dei Dottori Commercialisti dott.ssa Anna Faccio In caso di gravidanza

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE PRESSO CUI OPERANO ASSISTENTI FAMIGLIARI REGOLARMENTE ASSUNTE

BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE PRESSO CUI OPERANO ASSISTENTI FAMIGLIARI REGOLARMENTE ASSUNTE BANDO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEL BUONO SOCIALE A FAVORE DELLE FAMIGLIE PRESSO CUI OPERANO ASSISTENTI FAMIGLIARI REGOLARMENTE ASSUNTE 1. COS È IL BUONO SOCIALE PER ASSISTENTI FAMIGLIARI È un contributo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI IN FAVORE DEL PERSONALE TECNICO ED AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI IN FAVORE DEL PERSONALE TECNICO ED AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI IN FAVORE DEL PERSONALE TECNICO ED AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO (D.R. n. 1638 del 15 novembre 2002) Articolo 1 Ambito

Dettagli

MODIFICHE AL TESTO UNICO NORMATIVO ASSILT. in vigore dal 1 luglio 2013

MODIFICHE AL TESTO UNICO NORMATIVO ASSILT. in vigore dal 1 luglio 2013 MODIFICHE AL TESTO UNICO NORMATIVO ASSILT in vigore dal 1 luglio 2013 Riepilogo delle modifiche al Testo Unico Normativo ASSILT deliberate dal Consiglio di Amministrazione del 21 maggio 2013 e convalidate

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO ASSISTITO INDICE: - FINALITA - DESTINATARI - PRIORITA - AUTORIZZAZIONI IN CASI PARTICOLARI - NATURA,GESTIONE

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali IL MINISTRO VISTO l articolo 9 del decreto legislativo 30 dicembre 1992 n. 502, e successive modifiche e integrazioni, il quale prevede la costituzione

Dettagli

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Disabili per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Disabili per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate Ambito di Seriate Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri Regolamento per l erogazione del Buono

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.R. n. 45/18 del 21.12.2010 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

Servizi rivolti agli anziani

Servizi rivolti agli anziani Municipio Roma Centro Storico Servizi rivolti agli anziani 1- ASSISTENZA DOMICILIARE Il servizio è rivolto agli anziani soli o inseriti in nucleo familiare, che si trovino in condizione di temporanea o

Dettagli

Aliquote contributive dei lavoratori iscritti alla gestione separata INPS Massimale per il 2014

Aliquote contributive dei lavoratori iscritti alla gestione separata INPS Massimale per il 2014 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 10 1 MARZO 2014 Aliquote contributive dei lavoratori iscritti alla gestione separata INPS

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO ASSISTITO INDICE: - FINALITA - DESTINATARI - PRIORITA - AUTORIZZAZIONI IN CASI PARTICOLARI - NATURA,GESTIONE

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 4 DEL 26 GENNAIO 2009

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 4 DEL 26 GENNAIO 2009 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 31 dicembre 2008 - Deliberazione N. 2111 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza Sanitaria Disciplina dei ricoveri in Italia o allo Estero e

Dettagli

Facciamo seguito alla Circolare n. 31/2014 del 7 febbraio u.s., per fornire ulteriori istruzioni operative sul tema indicato in oggetto.

Facciamo seguito alla Circolare n. 31/2014 del 7 febbraio u.s., per fornire ulteriori istruzioni operative sul tema indicato in oggetto. A TUTTI GLI ASSOCIATI Novara, 13 marzo 2014 Circolare n 32/2014 Oggetto: ASSISTENZA SANITARIA AGGIUNTIVA (A.S.A.) Facciamo seguito alla Circolare n. 31/2014 del 7 febbraio u.s., per fornire ulteriori istruzioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE IN COMUNITA ALLOGGIO E GRUPPI APPARTAMENTO Approvato dalla Conferenza

Dettagli

Modalità tecniche di utilizzo dei dati delle spese sanitarie ai fini della elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata

Modalità tecniche di utilizzo dei dati delle spese sanitarie ai fini della elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata Prot. n. 103408/2015 Modalità tecniche di utilizzo dei dati delle spese sanitarie ai fini della elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni

Dettagli

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF]

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] Da chi è composto il nucleo familiare? Il nucleo familiare è composto ai sensi dell art.2, comma 2, del D.L. 13.3.1988, n.69, convertito nella L. 13.5.1988, n.153 (norma

Dettagli

Condizioni di esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria per reddito

Condizioni di esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria per reddito Condizioni di esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria per reddito Ai fini dell'accesso alle prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale, l'esenzione dalla partecipazione alla spesa

Dettagli

REGOLAMENTO. Bonus Bebè

REGOLAMENTO. Bonus Bebè COMUNE DI NURAGUS PROVINCIA DI CAGLIARI Piazza IV Novembre 08030 NURAGUS Tel. 0782/82101-821003 - Fax 0782/818063 segrcomune.nuragus@tiscali.it P.IVA 00697840916 C.F. 81000190918 REGOLAMENTO Bonus Bebè

Dettagli