Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale per la Rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte"

Transcript

1 Pag 1 di 24 A.R.A.L. ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA Manuale per la Rintracciabilità ai sensi del comma 4 articolo 5 del D.M 27 maggio 2004 e successive modifiche e integrazioni, del Reg. CE 178/2002 e della Norma UNI 11020/2002 Azienda: IL PRESENTE MANUALE È DI PROPRIETÀ DELL ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA (ARAL). TALE PROPRIETÀ È TUTELATA SECONDO TERMINI DI LEGGE, PERTANTO IL PRESENTE DOCUMENTO NON PUÒ ESSERE RIPRODOTTO O RESO NOTO A TERZI SENZA IL CONSENSO SCRITTO DELL ARAL.

2 Pag 2 di 24 Edizione n.: 01 del 19/11/2004 Revisione n.: 01 del 09/01/2005 Numero di pagine: 24 INDICE DELLE REVISIONI N. REV DATA EMISSIONE Motivo della revisione 00 19/11/2004 prima edizione 01 9/01/2005 Inserito modulo PASC, INVAL-TL2, INVAL-TL3 Legale rappresentante Azienda: Data implementazione in azienda:

3 Pag 3 di 24 Indice 1. scopo 4 2. campo di applicazione 4 3. riferimenti legislativi, normativi e interni 4 4. definizioni e abbreviazioni 5 5. istruzioni d uso del manuale 7 6. descrizione dell azienda 8 7. descrizione del prodotto e destinazione 8 8. descrizione dei processi produttivi diagramma di flusso dei processi dell azienda agricola processo di campagna L registrazione delle attività di campagna L Identificazione e rintracciabilità dei lotti di autoproduzione L diagramma di flusso pascolo processo di approvvigionamento e stoccaggio approvvigionamento dei prodotti critici L identificazione e rintracciabilità dei prodotti in approvvigionamento L gestione dei fornitori L stoccaggio diagramma di flusso processo di alimentazione razione e razionamento diagramma di flusso processo di allevamento identificazione e rintracciabilità degli animali identificazione e rintracciabilità vacche in lattazione trattamenti sanitari degli animali vacche che compongono il lotto di latte L Stalle iscritte ai controlli funzionali Stalle non iscritte ai controlli funzionali diagramma di flusso processo di mungitura diagramma di flusso processo di conservazione e consegna latte consegna latte diagramma di flusso gestione della rintracciabilità requisiti di rintracciabilità individuazione dei Punti di Controllo Critici (CCP) per la rintracciabilità gestione del prodotto non conforme addestramento L verifiche ispettive interne V gestione della documentazione descrizione e gestione della documentazione moduli richiamati nel manuale... 24

4 Pag 4 di SCOPO Nel presente manuale vengono formalizzate le modalità operative atte a garantire la sicurezza alimentare del latte prodotto secondo il sistema di rintracciabilità messo a punto dall A.R.A.L. Associazione Regionale Allevatori della Lombardia, per quanto di pertinenza dell azienda agricola e zootecnica. 2. CAMPO DI APPLICAZIONE Il sistema di rintracciabilità per l azienda agricola e zootecnica si applica alla gestione e controllo delle attività critiche a partire dalla produzione di campagna, alla gestione degli animali, degli alimenti zootecnici, dei biocidi e dei fornitori, fino alla gestione del prodotto latte crudo alla stalla. 3. RIFERIMENTI LEGISLATIVI, NORMATIVI E INTERNI - Regolamento di Polizia Veterinaria approvato con DPR n. 320 del 08/02/ D.lvo n 119 e succ. mod. recante Attuazione delle direttive n 81/852/CEE n 87/20/CEE e n 90/676/CEE relative ai medicinali veterinari. - D.Lvo n. 336 del 4/08/99, attuazione delle direttive 96/22/CE e 96/23/CE concernenti il divieto di utilizzazione di talune sostanze ad azione ormonica, tireostatica e delle sostanze (beta)-agoniste nelle produzioni di animali e le misure di controllo su talune sostanze e sui loro residui negli animali vivi e nei loro prodotti - D.Lvo. n 118 Attuazione delle direttive n 81/602/ CEE, n 85/358/CEE, n 86/469/CEE e n 88/146/CEE e n88/299/cee relativo al divieto di utilizzazione di talune sostanze ad azione ormonica e tireostatica nelle produzioni animali, nonché alla ricerca di residui negli animali e nelle carni fresche. - DM. 18/9/93 Approvazione del modello di ricetta medico-veterinaria - DM 28/5/92 Approvazione del modello di dichiarazione di scorta per animali inviati ai macelli pubblici e privati - Circolare 14/8/96 n 11 Norme tecniche di indirizzo per l applicazione del DPR 30/4/96 n 317 Regolamento recante norme per l attuazione della Direttiva 92/102/CEE, relativa all identificazione e alla registrazione degli animali. - DPR n. 437 del 19/10/2000 recante modalità per l identificazione e la registrazione dei bovini - Reg CE n. 1760/2000 e modalità applicative che istituisce un sistema di identificazione e di registrazione dei bovini e relativo all etichettatura delle carni bovine e dei prodotti a base di carne bovine - Decreto Min. San. 31 gennaio 2002 disposizioni in materia di funzionamento dell Anagrafe bovina - DPR n 54 del 14 gennaio 1997: regolamento recante attuazione delle direttive 92/46 92/47/CEE in materia di produzione ed immissione sul mercato di latte e prodotti a base di latte.

5 Pag 5 di 24 - DM n 185 del 09/05/1991, regolamento concernente le condizioni di produzione zootecnica, i requisiti di composizione ed igienico-sanitari del latte crudo destinato alla utilizzazione per la produzione di latte fresco pastorizzato di alta qualità. - Legge n 169 del 03 maggio 1989: disciplina del trattamento e della commercializzazione del latte alimentare vaccino. - Reg CE n. 178/2002 che stabilisce i principi ed i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza alimentare - D.Lvo 28/02/2001 n. 25 attuazione della Direttiva 1999/34/CE che modifica la Direttiva 85/374/CE in materia di responsabilità per danno da prodotti difettosi - DPR 290/91 Regolamento di semplificazione dei procedimenti di autorizzazione alla produzione, alla immissione in commercio e alla vendita di prodotti fitosanitari e relativi coadiuvanti (n. 46, allegato 1, legge n. 59/1997) - L n. 119, Conversione in legge, con modificazione, del decreto legge 28 marzo 2003 n.49 recante riforma della normativa in tema di applicazione del prelievo supplementare nel settore del latte e dei prodotti lattiero caseari. - D.M Attuazione della legge 119/03 concernente il prelievo supplementare nel settore del latte e dei prodotti lattiero caseari - Decreto N.H/2668-Regione Lombardia Procedure per l esecuzione dei controlli veterinari nelle aziende di produzione e sul latte crudo in applicazione del DPR 14 gennaio 1997, n DM 27/05/2004 Rintracciabilità e scadenza del latte fresco che abrogano i DM 27/06/02 e 24/07/03 recanti disciplina della etichettatura e della rintracciabilità del latte alimentare, successive modifiche e linee guida - Allegato 5 al Piano di Sviluppo Rurale della Lombardia: Buone Pratiche Agricole normali - Norma UNI 11020/2002 Sistema di rintracciabilità nelle aziende agroalimentari, principi e requisiti per la realizzazione - Norma UNI 10939/2001 Sistema di rintracciabilità nelle filiere agroalimentari, principi generali per la progettazione e l attuazione 4. DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI Igiene (Codex Alimentarius-Direttiva CEE 93/43) Tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza e l'integrità dei prodotti alimentari Rintracciabilità Capacità di ricostruire la storia e di seguire l utilizzo di un prodotto mediante identificazioni documentate (relativamente ai flussi materiali ). Metodo HACCP

6 Pag 6 di 24 metodo scientifico e sistematico per garantire la sicurezza dei prodotti alimentari, dalla produzione primaria al consumo attraverso l individuazione, la valutazione e il controllo dei pericoli significativi Pericolo agente biologico, chimico o fisico avente la potenzialità di causare un danno alla salute del consumatore Gravità del pericolo entità del danno per la salute del consumatore Rischio probabilità di evenienza di un pericolo Analisi dei rischi Metodo sistematico di identificazione e di valutazione graduale dei rischi reali o potenziali che si possono verificare durante le fasi lavorative e che possono derivare da materie prime, imballaggi ed operatori che vi entrano a far parte. Punto di Controllo Critico (CCP) Un CCP è rappresentato da un impianto, un operazione o un attività del flusso di lavorazione in corrispondenza del quale può essere effettuato un controllo su uno o più fattori tale da prevenire, eliminare o ridurre al minimo un evento dannoso per la sicurezza del prodotto. Non Conformità (NC) Qualsiasi scostamento dai parametri di processo o specifiche di prodotto stabiliti Latte A.Q. latte fresco pastorizzato di Alta Qualità

7 Pag 7 di ISTRUZIONI D USO DEL MANUALE Prima di scorrere le sezioni del manuale l azienda deve visionare il Protocollo per la rintracciabilità negli allevamenti di bovine da latte modulo PROTRA e di conseguenza: - decidere il livello di rintracciabilità applicabile alla propria realtà aziendale o eventualmente richiesto dal cliente o filiera (L1 base, L2 medio o L3 alto). - Definito il livello di rintracciabilità applicabile alla propria azienda, in funzione della fase e del requisito richiesto, si potrà - consultare questo manuale per avere indicazioni esaurienti sulle modalità operative da adottare e sui controlli e registrazioni da effettuare. - Per aiutare l azienda nella scelta dei capitoli del manuale in funzione del livello di rintracciabilità aziendale, ogni capitolo del manuale riporta - il livello di rintracciabilità cui è applicabile, es: L2. - I capitoli del manuale in cui non è indicato il livello sono da considerare di - interesse generale e applicabili a tutte le aziende a partire dal livello L1. - Ci possono essere casi di paragrafi a livello L2 o L3 in cui vi sono però aspetti particolari applicabili anche al livello L1 che vengono opportunamente segnalati. - Per il livello base L1, risulterà evidente come la conformità alla maggior parte dei requisiti di rintracciabilità è ottenibile attraverso un attenta gestione delle leggi applicabili. - Il livello base è pertanto il livello minimo per la conformità ai requisiti cogenti in merito alla rintracciabilità. - Le modalità operative previste per ogni livello sono da ritenersi aggiuntive rispetto a quelle del livello precedente, cioè - non si può accedere ad un livello superiore di rintracciabilità se non si sono soddisfatti prima tutti i requisiti al livello precedente. - Il livello di rintracciabilità applicabile all azienda può essere determinato anche da una - verifica preventiva sulla situazione attuale dell azienda in merito alla rintracciabilità svolto da personale competente. - Le raccomandazioni non sono da ritenersi obbligatorie anche se spesso non sono altro che - richiami alla modalità di gestione di aspetti cogenti. - Le modalità applicative delle aree di valorizzazione ed elementi di autocontrollo riportate nel protocollo per la rintracciabilità non sono trattate in questo manuale. - Le aziende interessate ad un adeguato supporto all attuazione di modalità di valorizzazione e autocontrollo possono contattare l ARAL o i tecnici APA di riferimento.

8 Pag 8 di DESCRIZIONE DELL AZIENDA Oltre a quanto previsto delle autorizzazioni cogenti, l azienda viene descritta nel modulo FARM-T in cui si registrano: -ragione sociale e indirizzo dell azienda -titolare -codice AUA, codice CUAA (Codice Unico delle Aziende Agricole) e codice ASL -N. e tipo impianti mungitura -Orari di mungitura -N. e capacità della cisterna refrigerante latte L2 Nella seconda parte del modulo FARM si registra l organigramma aziendale con individuazione del personale che svolge attività critiche per la gestione delle risorse e della rintracciabilità con identificazione delle responsabilità per la gestione dei punti di controllo critici individuati nel piano dei controlli per la rintracciabilità. L2 L azienda predispone una mappa aziendale dove siano chiaramente identificate le strutture di stoccaggio alimenti e biocidi, i ricoveri degli animali e gli impianti di mungitura e cisterne latte. 7. DESCRIZIONE DEL PRODOTTO E DESTINAZIONE I prodotti del sistema di rintracciabilità sono i seguenti: - Latte crudo vaccino sfuso - Latte crudo vaccino Alta Qualità sfuso Essi sono ottenuti da latte proveniente da aziende agricole distribuite su tutto il territorio nazionale Requisiti Limite latte crudo (D.P.R. 54/97) Limite latte Alta Qualità (D.M. 185/91) C.B.T UFC/ml (1) UFC/ml (1) Tenore in cellule somatiche ml (2) ml (2) Residui di sostanze inibenti assenti Assenti Indice crioscopico - 0, 520 C - 0, 520 C Tenore in grasso / non < al 3,5% Tenore di materia proteica 28g/L 32g/L 1) media geometrica calcolata su un periodo di due mesi, con almeno quattro controlli a distanza di 15 giorni 2) media geometrica calcolata su un periodo di tre mesi con almeno tre controlli a distanza di un mese L3 l'azienda effettua anche un controllo analitico mensile (min. 10 controlli/anno) dei requisiti di prodotto per singolo capo in lattazione: cellule somatiche, grasso, proteine.

9 Pag 9 di DESCRIZIONE DEI PROCESSI PRODUTTIVI 8.1 diagramma di flusso dei processi dell azienda agricola CAMPAGNA APPROVVIGIONAMENTO ALIMENTAZIONE ALLEVAMENTO MUNGITURA CONSERVAZIONE E CONSEGNA LATTE Maggiore dettaglio dei flussi dei processi produttivi si trova nella descrizione dei vari processi

10 Pag 10 di processo di campagna L2 In questo paragrafo vengono trattate esclusivamente le produzioni aziendali di materie prime per l alimentazione del bestiame. Queste sono rappresentate tipicamente da granelle di cereali e da foraggi. Si definiscono i lotti di autoproduzione, i quali saranno correlati con gli eventi critici di campagna, e i lotti di approvvigionamento registrazione delle attività di campagna L2 Relativamente ai prodotti per l alimentazione del bestiame provenienti dal processo di campagna, l azienda - L1 opera in conformità alle buone pratiche agricole come definite dall allegato 5 del PSR della Regionale della Lombardia - L1 conserva documentazione di acquisto delle sementi e dei prodotti fitosanitari - registra gli eventi critici di campagna per le colture soggette a trattamenti fitosanitari sul modulo QDC-T, in conformità all art 42 del DPR 290/2001, composto di due parti: - scheda colturale: semina, fasi fenologiche e raccolta - registro dei trattamenti fitosanitari (da compilare entro un mese dall evento) Dalle registrazioni effettuate sarà possibile risalire a: - Coltura (tipicamente mais di primo raccolto o di secondo raccolto, orzo ecc ) - Superficie totale, - Epoche o date di semina, - Epoche o date di inizio fioritura, - Date di inizio raccolta con relativa tipologia di prodotto raccolto (p.es. 20/08/03 silomais di primo raccolto, 10/09/03 granella di mais di primo raccolto, 15/05/03 insilato orzo ecc )* - Trattamenti fitosanitari identificati per prodotti impiegati, dosi, superfici trattate, motivo del trattamento e date dei trattamenti (come motivo del trattamento è sufficiente indicare il nome dell insetto o malattia o la tipologia di diserbo, p.es. piralide, nottue, diserbo pre emergenza localizzato, diserbo post emergenza, diserbo post emergenza localizzato ecc ) Per prodotti di autoproduzione non soggetti a trattamenti fitosanitari, la registrazione della rintracciabilità inizia in fase di approvvigionamento con identificazione del lotto di autoproduzione (7.2.2) - NB è buona prassi conservare i prodotti fitosanitari in ambienti idonei e conservare le relative schede di sicurezza

11 Pag 11 di Identificazione e rintracciabilità dei lotti di autoproduzione L2 Per le colture prodotte in azienda viene definito il lotto di autoproduzione in fase di campagna, mediante le registrazioni sul mod QDC-T: - coltura - tipologia di prodotto raccolto - ettari interessati (coacervo dei lotti delle singole campagne)* - data di inizio raccolta *I lotti così definiti, provenendo normalmente da più campagne sono in realtà coacervi di lotti di produzione di ogni campagna che sarebbe un grado di dettaglio eccessivo per lo scopo del manuale (es. mais/insilato/20 ha(miscela/coacervo di 4 campagne aziendali)/25 agosto 04; diagramma di flusso FLUSSO DELLE PRODUZIONI DI CAMPAGNA E IDENIFICAZIONE DEI LOTTI, esempio : DOCUMENTI DI REGISTRAZIONE C Campo A A DOCUMENTI silomais DI REGISTRAZIONE 1 M racc. P ha 2 del 20/08 A G N A Campo B silomais 1 racc. ha 5 del 21/08 Campo C silomais 1 racc. ha 3 del 22/08 lotto CAMPAGNA: silomais di 1 raccolto/10 ha/20/08/03 (coacervo dei lotti delle singole campagne) QDC-T A P P R O V V. lotto APPROVVIGIONAMENTO: fieno medica 1 taglio-20/05/04-20 balloni- fienilea INVAL-T pascolo L1 Quando la mandria viene condotta al pascolo, sono rispettate le disposizioni previste dal Regolamento di Polizia Veterinaria. L2 L azienda garantisce la rintracciabilità del periodo e delle zone di pascolo mediante la registrazione di queste informazioni sul mod. PASC

12 Pag 12 di processo di approvvigionamento e stoccaggio Le aziende nel sistema rintracciabilità gestiscono l approvvigionamento di prodotti critici al fine della sicurezza alimentare del latte ed i relativi fornitori. Per le aziende che operano in regime di autocontrollo secondo il D.L. 123/99 sarà attentamente valutata l opportunità di integrare la documentazione di registrazione relativa alla gestione dei prodotti per l alimentazione del bestiame già in uso con quanto di seguito richiesto per soddisfare i requisiti di rintracciabilità. Per la validazione di modalità di registrazione alternative si veda anche il capitolo approvvigionamento dei prodotti critici L2 Relativamente alle categorie di bovine: vacche in lattazione, asciutte e manze gravide nell ultimo periodo di gestazione, l azienda gestisce l approvvigionamento dei prodotti critici secondo la tipologia e le modalità descritte di seguito: - prodotti per l alimentazione del bestiame - biocidi ( detergenti, disinfettanti e disinfestanti ). L azienda gestisce l anagrafica dei prodotti critici mantenendone l aggiornamento sui mod. INVAL-TL2. L acquisto di bestiame è ugualmente un aspetto critico nella gestione dell approvvigionamento; gestione e registrazione sono però completamente regolate dalla normativa cogente relativa ai requisiti sanitari ed anagrafici dei bovini (modello 4, registro di carico e scarico, passaporto, marche auricolari ecc ). Pertanto questo aspetto non viene ulteriormente procedurato nel presente manuale. Nel processo di approvvigionamento l azienda si fornisce di prodotti per l alimentazione del bestiame di provenienza aziendale (vedi 7.2 processo di campagna) e di prodotti di provenienza extra aziendale. L3 Per i prodotti sfusi a basso contenuto di acqua libera (semi e granaglie, farine, mangimi) di provenienza extra-aziendale, ad esclusione delle aziende agricole, deve essere rilasciato dal vettore campione della merce, opportunamente identificato, per eventuali azioni di verifica o richiamo a seguito di non conformità di prodotto rilevate dall azienda o dal cliente. Il campione deve essere idoneamente conservato dall azienda fino al termine della fornitura successiva. In occasione di eventuali contestazioni per cattiva qualità di una fornitura l azienda può richiedere campione in contraddittorio per forniture successive per opportune verifiche e analisi(legge 281/63 art. 18 comma 7): Al momento dello scarico dei suddetti mangimi, trasportati a mezzo di carri silos, il vettore e il destinatario, ove quest ultimo ne faccia richiesta, provvederanno al prelevamento in contraddittorio di quattro campioni per ogni mangime così consegnato, apponendo a ciascuno di essi sigilli di entrambe le parti, e facendo specifica menzione dell avvenuto campionamento nel succitato documento di trasporto. Uno dei quattro campioni deve essere ritirato dal vettore e gli altri conservati dal ricevitore della merce. - L1 l azienda conserva documentazione di accompagnamento degli alimenti per il bestiame - l azienda conserva documentazione di accompagnamento dei biocidi - L3 l azienda registra gli approvvigionamenti sul modulo INVAL-TL3 secondo la seguente modalità: 1. il numero progressivo di modulo INVAL-TL3 2. nome commerciale del prodotto e del fornitore ( azienda se di autoproduzione)

13 Pag 13 di data di ingresso in azienda; n. DDT; quantità (chili, litri o numero pezzi, p.e. balloni fieno); 4. rilievo di conformità (solo per prodotti per alimentazione del bestiame): se il prodotto, e la documentazione di supporto nonché il campione, dove previsto, sono conformi, barrare C, 5. rilievo di Non Conformità (solo per prodotti per alimentazione del bestiame): se non è garantita la rintracciabilità del prodotto: non è accompagnato da documentazione di trasporto o manca il campione dove previsto o differisce dall ordine per tipo o quantità, barrare la voce appropriata 6. risoluzione della Non Conformità (solo per prodotti per alimentazione del bestiame): nel caso in cui sia stata rilevata una Non Conformità si deve indicare se il prodotto è stato comunque accettato oppure respinto barrando l apposita casella 7. indicare quindi l AREA di stoccaggio in azienda riferibile a siti identificabili almeno sulla mappa aziendale 8. con la firma del responsabile viene coperta sia la valutazione di conformità (accettazione) che lo stoccaggio del prodotto. 9. Per consentire la rintracciabilità dell impiego del prodotto, indicare quindi le date di INIZIO e FINE impiego; 10. Con la firma del responsabile si chiude anche la fase di impiego per quella fornitura di prodotto L1 l azienda registra i prodotti di autoproduzione su mod INVAL-TL1: - tipologia di prodotto di produzione aziendale - data di approvvigionamento - quantità identificazione e rintracciabilità dei prodotti in approvvigionamento L2 - I prodotti di approvvigionamento esterno all azienda devono essere identificati e rintracciabili anche dal fornitore per eventuali azioni di richiamo che si rendessero necessarie. - L azienda definisce un proprio lotto aziendale di approvvigionamento rintracciabile dai documenti di accompagnamento dei prodotti approvvigionati da terzi e dalle registrazioni riportate su INVAL-T o INVAL-TL1. Il lotto aziendale è definito da: - tipologia di prodotto - fornitore - data di approvvigionamento - quantità gestione dei fornitori L2 Modalità di gestione dei fornitori di prodotti per l alimentazione del bestiame: - L1 i fornitori sono rintracciabili dai documenti di trasporto o di acquisto - L2 e L3 L azienda aggiorna l anagrafica dei fornitori sul mod FORN-T barrando la voce alimenti (dettaglio dei prodotti si trova sui mod INVAL-TL2 e INVAL-TL3) - L3Accordi di fornitura con mangimisti, rivenditori o commercianti che vengono avviati direttamente dalle aziende agricole

14 Pag 14 di 24 I requisiti indicati nell accordo di fornitura, a seconda del tipo di prodotto considerato, riferiscono a requisiti di legge e di rintracciabilità come indicati nel mod ACC - Le materie prime alimentari (normalmente foraggi e granelle) provenienti da aziende agricole limitrofe vengono identificate come lotto di approvvigionamento secondo le modalità definite nel paragrafo così da poterne garantire la rintracciabilità Per i fornitori di biocidi l azienda agricola provvede a: - L2 e L3 matenere aggiornato l elenco dei fornitori sul mod FORN-T barrando la voce detergenti/disinfettanti/disinfestanti (dettaglio dei prodotti si trova sui mod INVAL-TL2 e INVAL- TL3) - L3 verificare l idoneità all uso dei biocidi dalla scheda tecnica o di sicurezza o etichetta che verrà conservata in azienda almeno per il periodo di impiego del prodotto stoccaggio - L2 Gli ambienti dedicati allo stoccaggio di prodotti per l alimentazione del bestiame devono presentarsi in modo ordinato e garantire protezione dagli eventi atmosferici e devono essere identificati in planimetria - I biocidi devono essere conservati in locali chiusi, separati dagli alimenti e dalla sala della cisterna del latte e identificati in planimetria diagramma di flusso FLUSSO DELLA GESTIONE DELL APPROVVIGIONAMENTO PRODOTTI CRITICI DOCUMENTI REGISTRAZIONE ACC DI Fornitore: Campagna Fornitore: Azienda Agricola Fornitore: Mangimi Fornitore: Commerciante FORN-T Fornitore: biocidi STOCCAGGIO AZIENDALE INVAL-T

15 Pag 15 di processo di alimentazione Il processo di alimentazione tipicamente comprende una fase di produzione aziendale di alimenti, granelle e/o farine di cereali e foraggi e, in seguito, in funzione del piano alimentare predisposto si procede alla preparazione mediante miscela di prodotti di origine aziendale ed extra-aziendale, e distribuzione della razione in unica o più soluzioni mediante carro miscelatore. Talvolta, in funzione delle performance produttive delle vacche, interviene una integrazione di mangime distribuita mediante autoalimentatore razione e razionamento La fase di razionamento è guidata dal piano alimentare o scheda di razionamento (mod RAZ). Le categorie di animali tenute sotto controllo alimentare in questo manuale sono le bovine in produzione o prossime ad iniziare la fase di produzione(indicativamente 2 mesi): vacche in lattazione, vacche asciutte, manze a fine gravidanza. A seguito della stesura della razione viene programmato l acquisto e la produzione di prodotti per l alimentazione del bestiame, effettuato il caricamento del carro unifeed secondo quantità e sequenze stabilite ed eventualmente programmata l integrazione di mangime in funzione delle performance produttive. La qualità della razione ha importanza basilare per la produzione quantitativa e qualitativa di latte, in particolare per grasso e proteine. Sulla scheda di razionamento devono essere chiaramente indicati: - il gruppo di bovine di pertinenza - la tipologia di alimento con nomenclatura coerente a quella indicata sui mod INVAL-T e sui documenti di accompagnamento o sul mod QDC-T (è meglio indicare il nome proprio dell alimento e non della categoria come ad es. nucleo ) - il quantitativo per capo da caricare in fase di razionamento - la validità del piano alimentare: inizio e fine uso della scheda - L2 il responsabile dell approvazione e attuazione della razione, che non deve essere necessariamente colui che l ha redatta L3 la movimentazione degli alimenti, rintracciabile dal mod INVAL-T, deve coincidere come tipologia, quantitativo e periodo d uso con il piano alimentare, mod RAZ diagramma di flusso FLUSSO DELLA GESTIONE DELL ALIMENTAZIONE DOCUMENTI DI REGISTRAZIONE Scheda di razionamento Approvvigionamento e stoccaggio RAZ INVAL-T Razionamento e razione Preparazione alimenti finiti e razione Programma di carico del carro unifeed e dell auto-alimentatore

16 Pag 16 di processo di allevamento Nel processo di allevamento vengono gestiti l identificazione e rintracciabilità del bestiame e la conformità igienico sanitaria delle vacche in lattazione nonché l impiego di zoofarmaci, in particolare di quelli che prevedono esclusione del latte dalla consegna identificazione e rintracciabilità degli animali Tutti gli animali in allevamento sono identificati mediante documento per l identificazione individuale prevista per i bovini (passaporto) e marca auricolare in accordo al D.P.R. n. 437 del e modifiche del D.M.del 18 luglio 2001, al decreto Min San e al Regolamento CE n.1760/2000. Tutti i soggetti, sia presenti che di nuova introduzione in allevamento vengono marcati, identificati e registrati su apposito registro di carico/scarico in azienda se nati in loco, identificati e registrati se provenienti da allevamenti terzi identificazione e rintracciabilità vacche in lattazione L identificazione e rintracciabilità delle vacche in lattazione avviene mediante documentazione prevista per legge (che prevedono fra l altro registrazione della marca auricolare della madre per capi nati dal 1998) secondo le modalità descritte nel capitolo precedente trattamenti sanitari degli animali I trattamenti veterinari relativamente a tutti i capi in allevamento sono gestiti e registrati in conformità alla legislazione vigente. In particolare, esistendo un pericolo di contaminazione chimica del latte a carico delle vacche trattate durante la lattazione o per profilassi di messa in asciutta, queste sono opportunamente identificate per consentire la segregazione del latte in fase di mungitura o segregate in area dedicata (vacche in asciutta in stabulazione libera) e il trattamento registrato sul registro dei trattamenti (secondo le modalità di cui art. 34 D.L. 119/92 e art. 15 D.L. 336/99). Il latte prodotto dalle vacche in lattazione viene separato dal lotto conforme al consumo umano per il periodo di sospensione previsto dal farmaco utilizzato per il trattamento vacche che compongono il lotto di latte L2 Oltre all identificazione e rintracciabilità delle vacche della mandria aziendale è possibile risalire al lotto di vacche che hanno contribuito alla formazione del lotto di latte in consegna al cliente secondo modalità diverse a seconda che la stalla risulti iscritta ai controlli funzionali delle APA o non aderisca ai controlli funzionali Stalle iscritte ai controlli funzionali Il controllo funzionale mensile svolto da personale A.P.A. produce l elenco vacche in lattazione nel mese. All elenco vacche in lattazione del controllo mensile A.P.A. vengono - aggiunte: - le vacche che entrano in lattazione dopo il parto secondo una delle seguenti modalità: - registrazione nel modulo riepilogo mensile parti previsti del controllo APA - L3 inserimento su modulo ESC o SEGRE dell animale contrassegnato da sigla P = parto

17 Pag 17 di 24 all elenco vacche in lattazione A.P.A vengono - tolte: - le vacche segregate dalla mungitura per altro motivo secondo una delle seguenti modalità: - vacche in asciutta riportate su registro aziendale oppure - L3 inserite su modulo ESC o SEGRE contrassegnato da sigla A = messa in asciutta (se non soggette a profilassi farmacologica di messa in asciutta e quindi già registrate su registro dei trattamenti) - L3 vacche segregate per altra causa (p. es. cellule alte) inserite su modulo ESC o SEGRE contrassegnato da sigla V = cause varie di segregazione - vacche trattate soggette a sospensione latte riportate su registro dei trattamenti Stalle non iscritte ai controlli funzionali - rilevazione iniziale delle vacche in mungitura (mod ELEN) - elenco mensile delle vacche in lattazione nel mese di riferimento (mod ELEN) - all elenco vacche in lattazione, modulo ELEN, vengono aggiunte o tolte le vacche secondo la modalità riportata nel precedente capitolo diagramma di flusso FLUSSO DELLA GESTIONE DELL ALLEVAMENTO BOVINE rimonta o acquisto identificazione capi DOCUMENTI DI REGISTRAZIONE maschi femmine marche auricolari, passaporto, registro carico e scarico bovine gravide vacche asciutte vacche in lattazione controlli APA ELEN idoneità vacche segregate ESC o SEGRE registro trattamenti vacche in mungitura

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento bovino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole.

Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole. TIMBRO AZIENDA Progetto Realizzato con il Finanziamento del Mipaaf Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali www.politicheagricole.it Indice 1. Introduzione al manuale 1.1 Definizioni 1.2

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI CONFEDERAZIONE NAZIONALE COLDIRETTI MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI REGOLAMENTI CE N.

Dettagli

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte

Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte 69^ FIERA INTERNAZIONALE DEL BOVINO D LATTE Dairy Comp SATA: La gestione avanzata della mandria da latte Dott.ssa Paola Amodeo Specialista SATA Sistemi Alimentari e Qualità degli Alimenti ARAL - Ass Reg

Dettagli

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business

Organizzazione e filiera corta per far crescere il business Latte di ottima qualità prodotto, imbottigliato e venduto sempre all interno della stessa filiera. Un esempio felice di come una adeguata nutrizione degli animali, insieme a un oculata gestione della stalla

Dettagli

Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte

Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte Buone pratiche per gli allevamenti bovini e caprini da latte 2011 Fondazione Edmund

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE BLUE TONGUE INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PARTE 1 DATA DI COMPILAZIONE / / CODICE IDENTIFICATIVO DEL FOCOLAIO NOME E COGNOME DEL VETERINARIO (STAMPATELLO)

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare

Alimentazione Così si può migliorare l efficienza alimentare Ancora dal convegno di Copenaghen. Questo parametro, nell allevamento delle bovine da latte, può crescere. E non solo perfezionando il razionamento. Ma anche intervenendo su diversi altri fattori, come

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTITRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTITRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO SCHEMA DI ACCORDO STATO- REGIONI CONCERNENTE LINEE GUIDA AI FINI DELLA RINTRACCIABILITA DEGLI ALIMENTI E MANGIMI PER FINI DI SANITA PUBBLICA AI SENSI DEL REGOLAMENTO 178/2002 LA CONFERENZA PERMANENTE PER

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA UNICA DI PAGAMENTO RACCOLTO 2014 Per la compilazione della domanda unica 2014 è necessario conoscere la normativa comunitaria e nazionale di riferimento ed in particolare

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO del 28 giugno 2007 RELATIVO ALLA PRODUZIONE BIOLOGICA E ALL ETICHETTATURA DEI PRODOTTI BIOLOGICI E CHE ABROGA IL REGOLAMENTO (CEE) N. 2092/91 TESTO COORDINATO

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE CRITERIO OPERATIVO N 3 CRO 03 CRITERI OPERATIVI Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 12 CRITERI OPERATIVI PER

Dettagli

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP (D.L.1937/07) DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 DEFINIZIONE HACCP ( HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL POINT) Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI

I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI I PAGAMENTI DIRETTI NELLA NUOVA PAC. CAMBIAMENTI E IMPATTI SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Agricoltura e Produzione Agroalimentare Prof. Felice ADINOLFI Università degli Studi di Bologna Roma 22 Gennaio

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * )

NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) REGIONE: Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ( MiPAF) A cura dell'ufficio ricevente Prot. del NOTIFICA ATTIVITA' CON METODO BIOLOGICO ( * ) INFORMAZIONI RELATIVE ALLA POSIZIONE NEL SISTEMA

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

CARNE BOVINA Analisi della filiera

CARNE BOVINA Analisi della filiera CARNE BOVINA Analisi della filiera Gennaio 2006 STRUTTURA DELLA FILIERA CARNE Flussi, attività e nodi critici La zootecnia è un settore chiave per l agricoltura italiana VALORE DELLA PRODUZIONE AGRICOLA

Dettagli

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale

IT 2014. La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? Relazione speciale IT 2014 n. 08 Relazione speciale La Commissione ha gestito in maniera efficace l integrazione del sostegno accoppiato nel regime di pagamento unico? CORTE DEI CONTI EUROPEA CORTE DEI CONTI EUROPEA 12,

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità?

FAQ: Condizionalità. Cosa si intende per condizionalità? FAQ: Condizionalità Cosa si intende per condizionalità? La condizionalità è una delle maggiori novità introdotte dalla Politica Agricola Comune (PAC) approvata nel 2003. Rappresenta l insieme delle norme

Dettagli

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007

REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO. del 28 giugno 2007 20.7.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 189/1 I (Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007 DEL CONSIGLIO

Dettagli

LA LEGGE SUL PESO NETTO

LA LEGGE SUL PESO NETTO La Legge sul Peso Netto 1 LA LEGGE SUL PESO NETTO Comando Polizia Municipale Via Bologna 74 - salone Ufficio Verbali Relatori: Pietro Corcione, Igor Gallo D.Lgs. 6 settembre 2005 n 206 (Codice del Consumo)

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte Sistema di verifica ATTIVITA DI VERIFICA A norma dell articolo 4 del regolamento CE 852/2004, Reg Ce 2073/2005 gli operatori del settore alimentare sono tenuti a rispettare i criteri microbiologici attraverso

Dettagli

Progettare e gestire un sistema di rintracciabilità di filiera nelle aziende agricole ed agroalimentari

Progettare e gestire un sistema di rintracciabilità di filiera nelle aziende agricole ed agroalimentari Progettare e gestire un sistema di rintracciabilità di filiera nelle aziende agricole ed agroalimentari Benito Campana Itinerario Cosa comunicare al consumatore Lunghezza della filiera e le responsabilità

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b

BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b BENESSERE ANIMALE ANNUALITA' 2009 MISURA F - b Schema presentazione La produzione di latte ovino Il costo di produzione del latte ovino: Costi aziendali Costi di sistema Interazione fra prezzo, costi di

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori

Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori Marzo 2011 Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva sull utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari: il punto di vista degli agricoltori Attuazione di buone prassi nel quadro della direttiva

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n.

CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. CONSORZIO PER LA TUTELA DEL FORMAGGIO ASIAGO VICENZA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DOP ASIAGO (D.M.03/08/2006 Gazzetta.Ufficiale n. 190 del 17/08/06) Art. 1 Denominazione La denominazione di origine protetta

Dettagli

Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1

Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1 Lineamenti di storia del Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali Leopoldo Cassibba 1 Introduzione L elaborato ripercorre l evoluzione del CAPAC (Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

/#( 0-1( (2 (2-./-#-#

/#( 0-1( (2 (2-./-#-# !!" #$ %&$%' (,,,##( # -(./-##( # (&%)*)+#$ Protocollo M1.2015.0007586 del 15/01/2015 Firmato digitalmente da FIORELLA FERRARIO /#( 0-1( (2 -./-#-# 011( (23./-#-1# 0!1( (2!./-#!# 01( (2--/.(( (# 41( (2-41(./-#

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE

PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE PIANO DI CONTROLLO DI CONFORMITÀ DELLA D.O.P. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE REV. DATA REDATTO Il Responsabile Tecnico VERIFICATO Responsabile di Certificazioni di prodotti Agroalimentari 00

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 29 aprile 2004. sull'igiene dei prodotti alimentari

REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 29 aprile 2004. sull'igiene dei prodotti alimentari 30.4.2004 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 139/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

La professione veterinaria e la Condizionalitàin regione Veneto

La professione veterinaria e la Condizionalitàin regione Veneto La professione veterinaria e la Condizionalitàin regione Veneto Ester Giolo 29/01/2014 1 INDICE Cos è la condizionalità? Impegni comuni e specifici Il campione Il controllo L esito La consulenza Appendice

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Istruzioni di base per il campionamento di alimenti da sottoporre ad analisi chimica

Istruzioni di base per il campionamento di alimenti da sottoporre ad analisi chimica Istruzioni di base per il campionamento di alimenti da sottoporre ad analisi chimica Autore: Felice Sansonetti Reperibile presso: Azienda Sanitaria dell Alto Adige Comprensorio Sanitario di Bolzano Servizio

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE SM43U ATTIVITÀ 52.46.6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Settembre 2002 1 STUDIO DI SETTORE SM43U Numero % sugli invii Invii

Dettagli

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Dott.ssa Luigia Scimonelli ISS - Min. del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 26 novembre 2008 Indice Convenzione di

Dettagli

Archivio storico comunale di Putignano (1950-1970). Inventario 4. SANITA E IGIENE. 4.1.1 Ufficio sanitario, personale, sindacati (cl.

Archivio storico comunale di Putignano (1950-1970). Inventario 4. SANITA E IGIENE. 4.1.1 Ufficio sanitario, personale, sindacati (cl. 4. SANITA E IGIENE Busta 6 (1960 1961), fascc. 2 4.1 1960, s.fascc. 5 4.1.1 Ufficio sanitario, personale, sindacati (cl. 1) 1. Comunicazioni del sindaco relative alle prescrizioni di medicinali e cure

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F "AGROAMBIENTE"

GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F AGROAMBIENTE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO AGRICOLTURA E FORESTE Piano di Sviluppo Rurale GIUSTIFICAZIONE DEI LIVELLI DI AIUT. O MISURA F "AGROAMBIENTE" PREMESSA Il calcolo dei livelli di aiuto è stato effettuato secondo

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Un second crop oltre ogni aspettativa

Un second crop oltre ogni aspettativa Prince Un second crop oltre ogni aspettativa Per i tecnici, i dati di second crop di Prince sono andati oltre ogni più rosea aspettativa, ma per molti allevatori in Italia non sono stati altro che una

Dettagli

L esperienza toglie più di quanto aggiunga (Platone) MA l immaginazione aumenta con la pratica (William Somerset Maugham)

L esperienza toglie più di quanto aggiunga (Platone) MA l immaginazione aumenta con la pratica (William Somerset Maugham) GUIDA ALLA DIFESA INTEGRATA DELLE INDUSTRIE ALIMENTARI L esperienza toglie più di quanto aggiunga (Platone) E l immaginazione è più importante del sapere (Albert Einstein) MA l immaginazione aumenta con

Dettagli

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO DELL

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali DECRETO prot. 6513 del 18 novembre 2014 Disposizioni nazionali di applicazione del regolamento (UE) n. 1307/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013 VISTO il regolamento (CE) n.

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO

STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO STUDIO DI SETTORE TM43U ATTIVITÀ 52.46.4 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE, ATTREZZATURE E PRODOTTI PER L AGRICOLTURA E IL GIARDINAGGIO Ottobre 2006 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore SM43U

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI Come si detraggono le spese per l acquisto dei farmaci? Cosa deve contenere lo scontrino fiscale emesso dalla farmacia? A cosa serve la tessera sanitaria?

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012

REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 REGIONE PIEMONTE BU49 06/12/2012 Codice DB2017 D.D. 15 novembre 2012, n. 799 Applicazione art. 6 Regolamento (CE) n. 852/2004 e D.G.R. n. 16-4910 del 14.11.2012. Definizione della modulistica per la notifica

Dettagli

La nuova PAC: le scelte nazionali

La nuova PAC: le scelte nazionali Dipartimento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale Direzione generale delle politiche internazionali e dell'unione Europea La nuova PAC: le scelte nazionali Regolamento (UE)

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971 INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALEMANNO RICCARDO Data di nascita 21/02/1971 Qualifica I Fascia Amministrazione ASL CASERTA (EX ASL 1 e 2) Incarico attuale Dirigente ASL I fascia - Unità Operativa Veterinaria

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli