Discernimento comunitario e annuncio del Vangelo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Discernimento comunitario e annuncio del Vangelo"

Transcript

1 Come mai questo tempo non sapete valutarlo? La Chiesa di Nola ascolta e si interroga Discernimento comunitario e annuncio del Vangelo Instrumentum laboris Traccia di lavoro per il Sinodo diocesano Settembre 2014

2 Carissimi, c è un tempo che ci chiama. È un tempo difficile, ma questa complessità non può diventare un alibi. È un tempo a tratti indecifrabile, ma che non ci esonera dalle nostre responsabilità. A noi il dovere di tentare una risposta. Con umiltà, e con determinazione. Una risposta non soltanto speculativa né vagamente moraleggiante. Tantomeno di carattere normativo. Ma piuttosto una risposta che profuma di umanità, che si fa carico C'è un tempo che ci chiama. É un tempo difficile, ma questa complessità non può diventare un alibi. É un dell umanità ci circonda, una risposta teologale che mette insieme l esperienza tempo a tratti indecifrabile, ma che non ci esonera dalle nostre responsabilità. di fede e vita. A noi il dovere di tentare una risposta. Con umiltà, e con determinazione. Una risposta non soltanto Possiamo farcela. Se saremo docili. E se saremo franchi. Se saremo costruttivi. speculativa né vagamente moraleggiante. Tantomeno di carattere normativo. Ma piuttosto una risposta Se non che profuma faremo di umanità, prevalere che si fa quella carico dell'umanità miscela che di ci circonda, individualismo una risposta teologale e scetticismo che mette che sta logorando insieme l esperienza la convivenza di fede e vita. civile e spesso mina anche il corpo ecclesiale. Perché Possiamo questo farcela. Se tempo saremo docili. non E sapete se saremo giudicarlo?, franchi. Se saremo ci costruttivi. chiede Se non il Signore. faremo prevalere Non ci lascia indifferente quella miscela questo di individualismo monito. e scetticismo Vogliamo che sta prenderlo logorando la convivenza sul serio. civile Rimettendoci e spesso mina anche in ascolto del il mondo. corpo ecclesiale. Imparando di nuovo ad essere una cosa sola e non una somma di individualità. Educandoci a partire dalla vita reale per scorgere i segni della "Perché questo tempo non sapete giudicarlo?", ci chiede il Signore. Non ci lascia indifferente questo presenza monito. di Vogliamo Dio. Convertendo prenderlo sul serio. in Rimettendoci una logica in ascolto missionaria del mondo. ed Imparando evangelizzatrice di nuovo ad l intera vita essere della "una Chiesa: cosa sola" la e non liturgia, una somma la di progettazione individualità. Educandoci pastorale, a partire dalla la vita costruzione reale per della comunità, scorgere i segni l impegno della presenza educativo di Dio. Convertendo e formativo, in una logica il missionaria servizio ed all uomo evangelizzatrice l'intera particolare vita della Chiesa: la liturgia, la progettazione pastorale, la costruzione della comunità, l impegno ai poveri -. educativo e formativo, il servizio all uomo in particolare ai poveri -. Possiamo davvero farcela. Sentiamo Gesù sussurrarci Coraggio, sono io. Possiamo davvero farcela. Sentiamo Gesù sussurrarci "Coraggio, sono io". Avvertiamo la fiducia, le Avvertiamo la fiducia, le attese e le urgenze del popolo di Dio. Sappiamo che lo attese e le urgenze del popolo di Dio. Sappiamo che lo Spirito ci darà la forza e l orientamento anche nei Spirito ci darà la forza e l orientamento anche nei tratti di dura salita. Allo stesso tratti di dura salita. Allo stesso tempo, siamo consapevoli che il Padre mette nelle mani dei suoi figli il tempo, seme siamo del futuro. consapevoli Sta a noi provvedere che alla il semina Padre con mette dedizione, nelle costanza, mani lungimiranza, dei suoi competenza, figli il seme del futuro. pazienza Sta e fiducia. a noi provvedere alla semina con dedizione, costanza, lungimiranza, competenza, pazienza e fiducia. Davvero il Sinodo può diventare un opportunità straordinaria per la Chiesa di Nola, per i sacerdoti e le Davvero comunità il Sinodo parrocchiali, può per diventare gli ordini religiosi un opportunità che hanno scelto questa straordinaria terra per il loro per servizio, la Chiesa per le di Nola, per aggregazioni i sacerdoti laicali, e le per comunità i laici impegnati. parrocchiali, E può essere un occasione per gli ordini unica incontro religiosi e fraternità che hanno con scelto questa tutto terra il popolo per che Dio il loro ci ha affidato, servizio, con le per istituzioni le aggregazioni pubbliche e la società laicali, civile. per i laici impegnati. E può Non essere sprechiamo un occasione questo dono. Non unica trinceriamoci di incontro dietro un e paralizzante fraternità e malinteso con tutto realismo il popolo e non che Dio ci ha perdiamoci affidato, inseguendo con le utopie. istituzioni Mettiamoci pubbliche il cuore e la testa, e la la società passione civile. e l intelligenza. Assumiamoci con responsabilità e spirito profetico il compito di costruire qui e ora un pezzettino Regno. Non sprechiamo questo dono. Non trinceriamoci dietro un paralizzante e malinteso realismo e non perdiamoci inseguendo utopie. Mettiamoci il cuore e la testa, la passione e l intelligenza. Assumiamoci con responsabilità e spirito profetico il compito di costruire qui e ora un pezzettino di Regno. Ci precede, nell impresa che andiamo ad iniziare, la storia di fede della Chiesa di Nola e la testimonianza luminosa di san Paolino, che prima di noi ha saputo unire Vangelo e vita nello specifico di un popolo e di una terra. Ecco il nostro compito grande: capire perché il Signore ci ha chiamati e voluti qui e ora, e uscire dalle nostre illusorie certezze per andare verso la vita concreta dei nostri fratelli. Buon cammino. + Beniamino Depalma 2

3 Premessa Carissimi, con questo documento siamo al punto di arrivo di un anno di confronto, a diversi livelli, nella nostra Chiesa di Nola. Il Signore ha condotto la nostra storia e ci ha portati a scegliere la via dell ascolto e della riflessione attraverso lo studio delle Costituzioni conciliari. Oggi raccogliamo quanto emerso dalle schede arrivate in diocesi insieme alle sollecitazioni offerte dagli uffici di pastorale. Il nostro Sinodo diocesano con questo Instrumentum laboris si da una traccia di lavoro per il discernimento comunitario, permettendoci anzitutto di vivere un esperienza di presenza viva dello Spirito nella nostra famiglia ecclesiale. Ci preme qui ricordare a tutti noi che l esperienza sinodale ha un obiettivo: attivare una conversione missionaria della nostra Chiesa locale. È urgente sollecitare un discernimento che renda le nostre comunità capaci di annunciare il Vangelo in un mondo attraversato da grandi cambiamenti, sperimentando strade nuove che incrocino e accompagnino la vita delle persone. Siamo sorretti in questa scelta da un idea di fondo: Il Vangelo è vita, è annuncio di vita in tutte le situazioni, anche le più difficili. Dinanzi alle sfide che il nostro tempo pone, siamo chiamati a ridire il Vangelo, a dare nuova forma all esperienza cristiana così che essa appaia come risposta al desiderio di pienezza che è nel cuore di ogni uomo. Il soggetto, che è attore primario ed è coinvolto in questa esperienza, è l intera comunità Cristiana. Abbiamo tra le mani un testo che ci propone un metodo: un percorso di riflessione in cui, insieme, interrogarsi, comprendere, valutare, immaginare, progettare; con uno sguardo che sappia andare continuamente dalle nostre comunità alla realtà in cui sono immerse, imparando a pensarci come Chiesa aperta, costantemente in uscita, perché in cammino accanto agli uomini e alle donne dei nostri paesi; abituandoci a tenere insieme il radicamento nell essenziale della fede e l elasticità delle forme attraverso cui riusciamo a farne fare esperienza; ritrovando la passione e la responsabilità educativa che è di tutta la comunità. 3

4 Ci sono offerte cinque tappe, tenute insieme dall icona biblica della prima comunità cristiana che dà il senso dell intero percorso. Quella immagine è poi ripresa per aspetti specifici che scandiscono i diversi momenti del cammino (l ascolto, la frazione del pane e la preghiera, l unione fraterna, la condivisione di ciò che si è e si ha). Una prima tappa (divisa in due momenti: 1a e 1b) per tracciare il quadro in cui ci muoviamo. Quattro successive tappe per disegnare il volto di una Chiesa missionaria che si lascia rigenerare da un discernimento compiuto alla luce della Parola e con lo sguardo di Dio: una Chiesa che ascolta, una Chiesa che rende lode, una Chiesa capace di comunione, una Chiesa che serve. A ciascuna di questi momenti corrisponde un immagine, un idea guida, un atteggiamento da maturare. Dalle relazioni che i gruppi sinodali, ascoltate le varie componenti della comunità cristiana locale e la realtà del proprio territorio, presenteranno al termine del cammino di quest anno pastorale (giugno 2015) emergeranno le questioni che verranno formulate nelle propositiones su cui l assemblea sinodale discuterà. Un lungo cammino, soprattutto un bel cammino, che chiederà a tutti l impegno, la costanza, la capacità di lasciarsi guidare dallo Spirito nella libertà e nella verità, avendo come obiettivo l urgenza di annunciare la gioia del vangelo agli uomini e donne del nostro tempo e del nostro territorio. Scegliamo la guida dello Spirito, lasciamoci prendere dalla freschezza del suo soffio, dalla forza del suo fuoco, dalla vitalità del suo alito, per diventare, come chiesa di Nola, colomba portatrice della parola di verità e di speranza sul mondo e sulla storia. Camminiamo insieme La Segreteria del Sinodo 4

5 L icona biblica: La prima comunità cristiana Erano assidui nell ascoltare l insegnamento degli apostoli e nell unione fraterna, nella frazione del pane e nelle preghiere. Un senso di timore era in tutti e prodigi e segni avvenivano per opera degli apostoli. Tutti coloro che erano diventati credenti stavano insieme e tenevano ogni cosa in comune; chi aveva proprietà e sostanze le vendeva e ne faceva parte a tutti, secondo il bisogno di ciascuno. (Atti 2, 42-45) 5

6 sommario 1.a Questo tempo L idea: la storia è condotta dallo Spirito. Il Signore ci precede sempre Questo è il tempo favorevole. Quando i tempi sono difficili, questo è il tempo per l annuncio. Il Signore è sempre avanti, apre le strade. La Chiesa deve avere il coraggio di mettersi sui sentieri del Risorto abbandonando le sue false sicurezze; il coraggio di liberarsi dalla gabbia di consuetudini consolidate. Liberarsi da una certa accidia pastorale e soprattutto liberarsi dalla malattia del pessimismo e della stanchezza. Recuperare uno sguardo nuovo che è frutto della guarigione dello Spirito. Imparare a guardare la storia e il mondo con gli occhi di Dio e ricordare che la Chiesa non è per se stessa ma per il mondo. La Chiesa sa di essere debole, ma è insieme consapevole della forza che viene dal Signore che ci rende in Lui creature nuove. L atteggiamento da maturare: l attenzione e la fiducia (in opposizione al sentimento dell angoscia e dello smarrimento) Un tempo che provoca Fondiamo la nostra speranza non sui dati statistici, ma su una certezza: ovunque ci troviamo, Dio è già lì. Il Signore è già presente. Ci precede. Ci precede nelle case sfidate dal dolore. Ci precede nelle terre martoriate. Ci precede nei cuori delle persone e delle famiglie che soffrono. Ci precede nei gesti di generosità e di dedizione che scorgiamo con sorpresa se solo impariamo a guardarci intorno. Se Lui c è, la vita vince ancora. Ci è chiesto di metterci sui sentieri del Risorto. Questo tempo ci sfida, ma in ogni sfida c è un opportunità. Questo tempo, proprio perché difficile, è un tempo favorevole per riscrivere la vita della nostra Chiesa come ricerca in terra del Regno, liberandoci dalla gabbia di consuetudini rassicuranti ma inadeguate, dalla rassegnazione che ci fa ripetere gesti senza speranza. Come riuscirci? Provando a guardare a noi stessi, alle nostre vite, alle nostre città, alle nostre comunità, con uno sguardo nuovo che è frutto della guarigione dello Spirito. È un tempo che sembra segnato da mali nuovi ma le radici di questi mali sono antiche e sono da ricercare nel cuore dell uomo. All origine di ogni degrado, c è infatti l uomo che perde la stima di sé come figlio di Dio e fratello del prossimo, nell illusione che renda di più esser padroni delle vite e delle cose. Ciò che in effetti manca, per vincere la buona 6

7 battaglia, non sono solo le buone ricette economiche e sociali, ma un contagioso rinnovamento interiore che purifica il cuore, la vista, le labbra, che può guidare diversamente le nostre mani. Un rinnovamento che investa anche la Chiesa. Una Chiesa radicata e popolare La Chiesa di Nola insiste su un territorio di circa abitanti. È immersa nel cuore della provincia di Napoli, ma incrocia una bella fetta di provincia irpina e tocca quella salernitana. Si tratta di un territorio eterogeneo, con un tessuto sociale ed economico molto diverso e con molteplici differenze anche dal punto di vista geografico-amministrativo, culturale e sociale. Tre sono i nodi di oggettiva problematicità che legano l uno all altro i nostri paesi: tassi altissimi di disoccupazione giovanile, famiglie monoreddito in evidente difficoltà e devastazione ambientale. La presenza della Chiesa si articola in questo territorio attraverso 115 parrocchie, riunite in tre zone pastorali e otto decanati. Una strutturazione che deve rispondere oggi a nuove sfide e opportunità: una nuova idea di comunità e di corresponsabilità tra laici e sacerdoti per essere ancorati e immersi nel nostro popolo; una nuova capacità di fare sistema tra comunità vicine e di valorizzare l appartenenza allo stesso pezzo di territorio, superando sterili e anacronistici campanilismi; un ritorno all essenziale della vita di fede che alimenti nuovi stili di vita e di convivenza improntati alla sobrietà e alla solidarietà. Una trasformazione da convertire in rinascita Una Chiesa che vuole dire il Vangelo oggi non può non capire il corso della vita e della storia che si sta dipanando dinanzi ai nostri occhi. E provare ad applicare sulle grandi trasformazioni quello sguardo nuovo che il Signore ci chiede. - Deindustrializzazione e lavoro. Gli ultimi anni sono stati anni particolarmente duri, segnati da una profonda riduzione della presenza industriale sul territorio, con ricadute fortissime sulla piccola-media impresa, sui redditi delle famiglie e, a cascata, su consumi e attività commerciali. A fronte di tutto questo non si è dato un serio pro- 7

8 getto di riconversione economico-sociale del territorio considerato nel suo insieme, e non per singoli pezzi. L opportunità insita in questa trasformazione è la possibilità di ripensarsi come singoli e come comunità, e di ripensare le nostre categorie mentali, in merito ai temi del lavoro, dell impresa, della mobilità, della formazione. La crisi offre la grande opportunità di recuperare una fondamentale chiave vocazionale nelle scelte. Proprio quando il ventaglio delle possibilità sembra ridursi, siamo sollecitati a ritrovare la nostra vocazione specifica: quella dei nostri territori, che occorre imparare a declinare nell oggi, e la propria vocazione personale. Ci è chiesto di diventare più dinamici e più seri nello scrivere i nostri progetti di vita a livello individuale e comunitario. - Ambiente e salute. Abbiamo sotto gli occhi i segni della incoscienza con cui abbiamo colpito i nostri beni ambientali (il Vesuvio, le discariche, le aree da bonificare, l inaccessibile mare nostrano, il dissesto del territorio ). Il fallimento di politiche troppo timide sia nella progettazione sia nella prevenzione e repressione di fenomeni gravissimi in cui si ripropone la ramificata e capillare presenza di interessi camorristici. Ma anche l esito drammatico di una diffusa illegalità. La scienza tende a non sovrastimare i nessi causali tra degrado ambientale e incremento di patologie gravissime e mortali, tuttavia è ormai inscritta nelle nostre esperienza familiari l aumento delle malattie e dei decessi prematuri. Il segnale positivo è il tendenziale aumento della sensibilità media a questi temi, ma non basta. Il passaggio fondamentale, oseremmo dire esistenziale, è sentirci meno padroni e più ospiti della nostra terra, derivando da un diverso atteggiamento un nuovo stile di vita sobrio ed ecosostenibile. - Cultura. La nostra diocesi è ricca di perle dimenticate o, quantomeno, poco valorizzate. L emblema è il complesso delle basiliche paleocristiane di Cimitile. In generale, quasi ogni pietra delle nostre strade, quasi ogni centimetro delle mura delle nostre città, profuma di una religiosità che si è fatta cultura. L opportunità è nel porre questa ricchezza a servizio di un umanità che, quando è vinta dalla bellezza, cresce anche in spiritualità e ricchezza d animo. - Presenza straniera. Con diversa intensità, e diverse caratteristiche, le nostre città e le nostre comunità hanno vissuto negli ultimi decenni l intensificarsi della presenza straniera. In alcuni casi questa 8

9 presenza ha addirittura cambiato la fisionomia dei nostri paesi. Talvolta -nei poli commerciali in particolare- si è determinata una vera e propria simbiosi relativa all attività produttiva che stenta però a trasformarsi in relazioni comunitarie a livello sociale e civile. Non mancano purtroppo situazioni di sfruttamento. In generale il rapporto tra la comunità italiana e gli stranieri presenti sul territorio appare segnato, più che da forme di razzismo, da una sostanziale indifferenza. Tra le pieghe della vita quotidiana, e talvolta anche a livello di comunità ecclesiale e civile, si registrano però alcune esperienze di autentica amicizia e scambio culturale che fecondano il clima della convivenza nelle città. L opportunità è enorme. La presenza straniera cattolica, se adeguatamente accolta. Può sicuramente rinfrescare la nostra fede e le nostre comunità. E il confronto con i credenti di altre religioni può aiutarci a sperimentare la possibilità di costruire un mondo più giusto a partire dall incontro di fedi diverse. Per le caratteristiche che le derivano dalla sua storia, la Chiesa di Nola può diventare laboratorio vivo di ecumenismo e dialogo interreligioso. Di fronte a queste grandi trasformazioni, c è bisogno di una Chiesa che sappia stare in mezzo e davanti. Una Chiesa che sappia stare in mezzo agli uomini e alle donne ma anche davanti. Stare davanti e non voltarsi, non voltarsi di fronte all ingiustizia e allo sfregio alla dignità ma nemmeno di fronte allo scempio dell ambiente, di fronte alle irregolarità amministrative. Saper denunciare con spirito di verità e non stancarsi di sollecitare all assunzione di criteri diversi. Una Chiesa che ricorda che il mondo è bello se è guardato con gli occhi di Dio e se è vissuto secondo il suo disegno di amore. Una Chiesa che sappia offrire una parola che libera la luce e genera speranza. I doni che abbiamo tra le mani Non partiamo da zero. Di fronte alle sfide di questo tempo, e di questa terra, abbiamo tra le mani doni che sapientemente chi ci ha preceduti ha costruito, tutelato e promosso giorno dopo giorno. Li elenchiamo, in termini essenziali: - Un legame religioso ancora vivo. Il nostro popolo ha subìto meno di altri il forte impatto del secolarismo. I sociologi dicono che è solo questione di tempo, che nel giro di pochi anni anche le nostre comunità saranno indifferenti o lontane dalla domanda che Dio pone 9

10 alla nostra esistenza. Noi tendiamo a credere che non sia così. Le famiglie, anche molto giovani, vedono nella Chiesa, e nella formazione cristiana, una strada buona per il futuro dei loro figli. Può essere letto come funzionalismo ( meglio in parrocchia che in strada ), ma è un dato di fatto da cui partire che rende originale la nostra situazione ecclesiale (e in generale, quella del Sud Italia rispetto al Nord e al resto d Europa). - La sussidiarietà familiare. Ancora oggi, il nostro territorio è segnato dalla forte attrattività del legame familiare. Anche se cominciano a registrarsi segnali di accentuata precarietà nelle relazioni affettive, i giovani, tendenzialmente, non scappano dalla responsabilità di unirsi per dare più vita alla vita, a volte affrontando con coraggio le difficoltà materiali che si frappongono al loro progetto (la casa e il lavoro). E, in questa fase di crisi acuta, decisiva è stata ed è la solidarietà dei genitori e dei nonni, ancora capaci di fare sacrifici, di non appiattirsi sul loro benessere per costruire il bene di chi viene dopo. La famiglia gode ancora di centralità sia nel dibattito delle istituzioni locali sia nel mondo-scuola. Questa peculiarità, che tuttavia mai può essere data per scontata e che comunque sconta alcuni segni dei tempi, va investita in una Chiesa che educa guardando alla pienezza di vita, e non ai ristretti orizzonti delle attività da portare avanti. - La gratuità delle reti educative e caritative. Per quanto bistrattate, le agenzie educative e caritative, nel nostro territorio, svolgono con gratuità e passione un compito cruciale: accompagnare le persone nelle diverse fasi e nei diversi passaggi della loro vita. Associazioni, movimenti, comunità, gruppi, ecclesiali e non, sono un segno buono di generosità e gratuità affascinante anche verso le nuove generazioni, che sa trovare canali positivi con la scuola e le famiglie. Anche l istituzione scolastica, e il corpo insegnanti, rappresentano nella nostra terra una ricchezza di passione che riesce a tirare fuori il meglio dalle persone anche in territori difficili e in strutture scolastiche gravemente deficitarie in termini di vivibilità. Né va dimenticato l apporto delle scuole di ispirazione cattolica, significativo esempio di una progettualità educativa pensata in termini globali e nello stile dell inclusione; e, più in generale, l impegno formativo assicurato dagli ordini religiosi. Ma lo sforzo e la volontà dei singoli non può appagarci: è compito della Chiesa quello di sostenere queste reti, di valorizzarle 10

11 e di mettere in circolo le migliori competenze ed energie. Facendo leva su questi doni, che derivano in buona parte dalla ricca tradizione di fede dei nostri paesi, e forte dell annuncio di vita vera che le è affidato, la Chiesa di Nola deve essere per il suo territorio la sentinella che ricorda ai viandanti che il mattino verrà. Deve essere una Chiesa che sa amare: non per regnare ma per servire. In questo tempo, che sembra talvolta una notte senza fine, la Chiesa di Nola deve farsi sentinella con i fianchi cinti da un grembiule e un catino pieno d acqua nel quale rinfrescare i piedi di quanti sono in cammino alla ricerca di qualcuno che indichi loro le stelle. Chiediamoci allora: Che sguardo abbiamo verso questo nostro tempo ( Beati i puri di cuore perché vedranno Dio )? Quali sono le difficoltà e le risorse, le finestre, per l annuncio del Vangelo in questo tempo, nei luoghi in cui viviamo? Come si configura la realtà di vita (culturale, sociale, ecclesiale..) in cui è immersa la nostra comunità? Quali sono le trasformazioni in atto? Come potremmo descrivere il nostro territorio? Che cosa vuol dire essere Chiesa e annunciare il Vangelo in questi luoghi? Quali sono, a nostro avviso, le priorità? 11

12 sommario 1.b. Noi in questo tempo: il cammino della Chiesa di Nola L idea: la nostra Chiesa diocesana è dentro questo tempo e in questi nostri luoghi con una capacità di progettualità Il cammino della nostra Chiesa diocesana e le linee di impegno pastorale tracciate nel tempo. L orientamento di fondo e le idee guida. Le difficoltà, le resistenze, i passi avanti e i fermenti positivi di cambiamento L atteggiamento da maturare: il senso di appartenenza (sentirsi parte di una storia di popolo: non si comincia ogni volta dal nulla) tempo Il cammino della nostra Chiesa diocesana: linee di impegno nel Volendo tracciare le linee di fondo che hanno accompagnato il cammino della Chiesa di Nola, partendo dagli anni del post-concilio, si potrebbe passare in breve rassegna l impronta lasciata dal magistero dei Pastori che si sono succeduti. Tenuto conto che vescovo di Nola durante il Concilio fu con mons. Adofo Binni (1952/70), e che però gli ultimi anni della sua vita trascorsero in uno stato di grave malattia, nella nostra ricostruzione partiremo dall episcopato di mons. Guerino Grimaldi che fu designato nel 1970 quale Amministratore apostolico della diocesi, per poi diventarne vescovo l anno successivo. Mons. Guerino Grimaldi ( ), chiamato a tradurre nel concreto il Concilio, tesse il dialogo con la cultura del tempo; avvia gli Organi di partecipazione a livello diocesano e l esperienza della Scuola di teologia; promuove l attenzione al sociale ed esperienze di impegno e dialogo culturale. Mons. Giuseppe Costanzo ( ) cura e promuove con particolare attenzione l apostolato dei laici; sottolinea la centralità della Parola di Dio e dà avvio a scuole di preghiera come ascolto della Parola; intesse rapporti di visita e vicinanza con le comunità parrocchiali; istituisce la mensa di fraternità a Nola; introduce alla nuova mentalità dell Istituto centrale del Sostentamento del clero; promuove i grandi temi conciliari: l ascolto, il dialogo, la 12

13 comunione, la Chiesa; avvia lo stile e l esperienza dei piani pastorali annuali per affrontare le urgenze della testimonianza della fede e per ridare identità alle comunità credenti. Mons. Umberto Tramma ( ) individua nel mondo degli adulti il campo di un nuovo impegno di evangelizzazione e annuncio; apre gli orizzonti della Chiesa diocesana alla missione e in particolar modo all esperienza in Albania; promuove la collaborazione tra i diversi uffici della pastorale per integrarne l azione; ridisegna l impegno caritativo e ne promuove la capillare presenza nelle parrocchie; dopo una visita pastorale a livello decanale, indice il Sinodo della Chiesa di Nola che non sarà portato però a compimento. L episcopato di mons. Depalma (dal 1999 ad oggi) Nei primi 5 anni, il rilancio dei Consigli di partecipazione e il lavoro integrato degli uffici per una pastorale unitaria , Missione popolare e Anno del vangelo: coinvolgimento di 1000 laici per l evangelizzazione attraverso i centri di ascolto. Semina Verbi: la proposta della lectio divina nella vita delle parrocchie (almeno nei tempi forti, ma anche come appuntamento mensile o settimanale fisso). La sensibilità alla Parola è un dato oggettivo maturato nell esperienza ecclesiale diocesana. La forte insistenza sulle responsabilità educative della comunità ecclesiale e l invito a riscoprire la bellezza dell educare. La sollecitazione ad attivare nuove esperienze per la trasmissione della fede , il tempo di grazia della visita pastorale: l incontro del vescovo con le comunità, ritrovarsi Chiesa intorno al proprio pastore nell ascolto della Parola, nella celebrazione dell Eucarestia, nell avvertirsi dono gli uni per gli altri; le sollecitazioni offerte per una parrocchia capace di incarnare il modello di Chiesa del Vaticano II; la promozione della corresponsabilità laicale. L avvio di una nuova riflessione intorno all iniziazione cristiana: la possibilità di sperimentare cammini differenziati e forme nuove di coinvolgimento delle famiglie. La gratuità dei servizi ecclesiali (non ci sono tariffe per la celebrazione dei sacramenti). L attenzione alle forme della religiosità popolare: ripensare le feste parrocchiali con uno stile evangelico. Il cammino di comunione e di corresponsabilità delle aggregazioni laicali. L urgenza della formazione degli operatori pastorali e la proposta di un percorso di studi teologici attraverso Istituto superiore di scienze religiose. 13

14 La cura per una fede pensata e l investimento di risorse nell Issr della diocesi. L attenzione alla famiglia: la cura per i percorsi in preparazione al sacramento del Matrimonio con gli incontri per i fidanzati ogni anno in ogni zona della diocesi. L invito a riscoprire la famiglia come primo e naturale luogo per la trasmissione della vita e della fede. La testimonianza nel mondo della scuola: gli incontri della pastorale scolastica, il coordinamento degli insegnanti di religione. L attenzioni al mondo del lavoro, ai suoi drammi e alle sue speranze. La difesa dell ambiente e il richiamo ad uno sviluppo sostenibile: la denuncia delle infiltrazioni camorristiche e delle responsabilità amministrative, l impegno delle aggregazioni laicali, i pronunciamenti ufficiali, il sostegno alla lotta contro la rassegnazione e l ignoranza. La Scuola diocesana di formazione socio-politica: riscoprire la fecondità della Dottrina Sociale della Chiesa. Dal 2012, il cammino per il sinodo: per una Chiesa tutta sinodale L orientamento di fondo delle scelte operate dalla Chiesa diocesana con mons. Depalma; le difficoltà e le resistenze incontrate Da questa breve ed essenziale ricostruzione, emerge l orientamento di fondo dell episcopato di mons. Depalma: lo sforzo di pensarci come una Chiesa missionaria che ha a cuore l uomo e la sua vita; la scelta di puntare non tanto sulle cose da fare quanto su atteggiamenti da maturare. Una questione di stile. Nel procedere in questa direzione si sono riscontrate alcune difficoltà e resistenze: la richiesta insistente di norme che liberino dalla fatica e dalla responsabilità del discernimento; la tendenza ad analisi disfattiste; la difficoltà a cogliersi in un territorio specifico; la ricerca di risultati immediati e la fatica nel vivere la pazienza di un cammino comune; la difficoltà ad accogliere le proposte cogliendone il senso d insieme e a legarle fra loro come momenti di un unico cammino; la difficoltà a fare memoria e a inserirsi in una storia; l individualismo pastorale 14

15 Chiediamoci allora: Come educarci ad una lettura d insieme? Come non perdere la memoria del cammino già fatto? Quale conoscenza abbiamo della storia della nostra Chiesa diocesana e delle nostre comunità? Quanto sappiamo valorizzarla e farne tesoro? Sappiamo riconoscere che non tutto inizia con noi e che non si comincia ogni volta daccapo? Gli eventi che oggi viviamo -la crisi economica le trasformazioni culturali e sociali-, quanto hanno provocato la vita della nostra comunità, a quale sensibilità ci hanno aperto? L esperienza vissuta e lo stile respirato nella Visita Pastorale quanto ha contribuito a ripensare la vita ordinaria e straordinaria della nostra comunità? Riusciamo ad avvertirci dentro una storia che è più grande di noi e ci precede: la storia della Salvezza, ossia la storia dell amore di Dio per l uomo? 15

16 2. Per una Chiesa che ascolta: L icona biblica: Erano assidui nell ascoltare sommario L idea: l uomo è fatto di ascolto e la fede nasce dall ascolto La centralità della Parola; l ascolto della vita e del tempo; l ascolto come stile e come vita concreta; il linguaggio e i linguaggi: come cambia il modo di comunicare. Comunicare la fede richiede la testimonianza della vita ed esige il curare la formazione accompagnando e sostenendo la vita delle persone. L atteggiamento da maturare: l accoglienza Ascoltare la Parola e ascoltare la vita per una nuova progettazione pastorale La Rivelazione è locutio Dei ad homines, vale a dire il parlare di Dio agli uomini. L atteggiamento dell ascolto è la caratteristica fondamentale dell uomo che si apre alla relazione salvante con il Signore. L ascolto di Cristo, sacramento del Padre (un ascolto che fiorisce nelle opere) caratterizza il discepolo e garantisce la relazione profonda con Gesù. Signore da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna (Gv 10, 3). Pastori e gregge, tutti noi siamo chiamati ad essere discepoli della Parola. La comunità cresce con la disponibilità, da parte di tutti, a lasciarsi plasmare dalla Parola di Dio, a lasciarsi sempre riformare, per assumere un aspetto sempre fresco, sempre nuovo, sempre più bello, quale si addice alla sposa di Cristo. All ascolto della Parola deve affiancarsi, come sua naturale derivazione, l ascolto della vita delle persone. Esperta in umanità e spinta o, per meglio dire, totalmente occupata dalla carità di Cristo (cfr 2Cor 5, 14), la Chiesa ascolta la vita degli uomini e, di volta in volta, offre le risposte più adatte suggeritele dallo Spirito. L ascolto, congiunto a una sempre maggiore lucidità di sguardo, dono dello Spirito, rientra in quella scrutazione dei segni dei tempi che è dovere permanente della Chiesa. Esemplare a tale proposito è l atteggiamento di san Paolino che scrive testualmente: pendiamo dalla 16

17 bocca di tutti i fedeli, poiché in ogni fedele soffia lo spirito di Dio (Ep. 23, 36 a Severo). L attitudine ad un ascolto attento e cordiale, tuttavia, non deve condurre la Chiesa ad assumere acriticamente tutto quanto il mondo esprime: [ ] i discepoli di Cristo devono avere anche il coraggio della differenza, dell essere sale della terra, capaci di dare sapore alla vita umana e di impegnarsi per l umanizzazione e l autentica libertà di tutti (E. Bianchi, La Stampa, ). C è un rapporto strettissimo tra l ascolto della Parola e l ascolto della vita delle persone. Solo se educati alla scuola della Parola sappiamo ascoltare la vita in profondità e d altra parte non ascoltiamo veramente la Parola se non ci lasciamo interpellare dalla vita, perché è nella vita e nella storia che il Signore continua a parlare. Ascoltare vuol dire incontrare, passare del tempo con le persone, perché ogni persona è una storia ricca di domande. Ogni uomo è una sorpresa che Dio ci manda. Per questo bisogna deporre ogni atteggiamento di chiusura, la tendenza al giudizio senza appello, e assumere piuttosto un atteggiamento di benevolenza che ci rende capaci di scorgere la presenza del Signore nel cuore e nella vita dell altro. L accoglienza deve diventare lo stile della comunità che deve poter essere riconosciuta come luogo in cui nessuno si sente escluso o di troppo. La Chiesa più che annunciare la Parola è parola di Dio con il suo stile, il suo modo di stare in mezzo agli uomini, come Gesù. La Parola, le parole e le sfide della comunicazione Dall ascolto scaturiscono parole vere. La parola è un evento serio. Occorre evitare il vuoto verbalismo. Si tratta allora di ripensare la nostra progettazione pastorale a partire da questo duplice ascolto: l ascolto della Parola e l ascolto della vita delle persone che il Signore ci affida. Ripensarne i tempi, i modi, le forme, perché sappiano intercettare storie e situazioni diverse accogliendone le domande più profonde. Tanto Israele quanto la Chiesa hanno sempre parlato il linguaggio degli uomini del proprio tempo. Già nel II secolo a.c. gli ebrei hanno avvertito la necessità di tradurre in greco l Antico testamento ebraico, dando origine alla versione che va sotto il nome di Settanta (LXX), la quale rappresentò la più grande operazione linguistica e culturale dell epoca ellenistica, consenten- 17

18 do, tanto agli ebrei grecofoni quanto ai pagani, di poter leggere agevolmente i libri sacri. E fu la lingua greca parlata nel bacino del Mediterraneo, ad essere scelta dagli autori del Nuovo testamento per tradurre e diffondere l Evangelo. Già dal secolo II d.c., poi, l AT greco e il NT cominciarono ad essere tradotti in latino dando origine a quel variegato corpus di traduzioni che va sotto il nome di Vetus Latina e che sarà la base del latino cristiano della liturgia e dei Padri occidentali. Si può dunque affermare che la Parola non solo si è fatta carne ma si è fatta, bensì, parole, essendo stata tradotta nelle parole degli uomini. Non possiamo perciò ignorare le trasformazioni che oggi attraversano il linguaggio e la comunicazione tra le persone. L enorme capacità di coinvolgimento dei social network deve spingerci a interrogarci sul crescente desiderio di comunicazione e di relazione che è nel nostro tempo e a imparare a rapportarci ai nuovi luoghi della parola (che possono unire o dividere, creare comunione o distruggere) come luoghi da abitare più che semplici strumenti da usare. Come credenti siamo chiamati a leggere in profondità le trasformazioni evitando condanne sommarie ma anche pericolosi scimmiottamenti. È soprattutto la potenzialità di bene che è insita nelle trasformazioni quella che occorre contribuire a far emergere. Nel caso specifico è il bisogno di comunicare e la sete di relazioni ciò che costituisce il motivo da cui partire e su cui far leva. Questo implica un assunzione di responsabilità e un impegno educativo che aiuti a non vivere passivamente il nuovo che emerge e metta in guardia dalle possibili deformazioni. Chiediamoci allora: Come ritrovare la centralità della Parola nella vita della nostra comunità e che cosa questo concretamente significa? Come ripensare i tempi e i modi delle nostre comunità perché siano accoglienti della vita delle persone? Quale cura riserviamo alla crescita nella fede delle persone? Avvertiamo come comunità parrocchiale la responsabilità di generare alla fede? Quali percorsi formativi siamo in grado di offrire per interiorizzare la fede? Sappiamo differenziare, e talvolta anche personalizzare, i cammini nell educazione alla fede? Quanto sappiamo valorizzare e armonizzare i percorsi formativi delle associazioni, gruppi e movimenti presenti nella vita della comunità? Ci lasciamo interpellare dalla realtà di vita del nostro territorio nella progettazione pastorale? Quanto siamo capaci di intercettare e di educare i nuovi linguaggi? 18

19 3. Per una Chiesa che rende lode L Icona biblica: Erano assidui nella frazione del pane e nelle preghiere L idea: la liturgia è santificazione della vita. Nella preghiera è data la chiave di comprensione del reale La liturgia è evento di vita. I sacramenti sono gesti di vita, in essi la vita di Dio entra nella storia dell uomo divinizzandola. Aver cura della liturgia e della celebrazione dei sacramenti: far cogliere la grazia di Dio che trasforma e rigenera. La celebrazione dei sacramenti è momento privilegiato di evangelizzazione e di primo annuncio. Nello stesso tempo occorre però riflettere adeguatamente sui criteri e sui percorsi da attivare per l amministrazione dei sacramenti. Il valore della religiosità popolare da accogliere ed educare. La necessità di insegnare a pregare, di aiutare a ritrovare spazi di raccoglimento e di silenzio orante. L atteggiamento da maturare: la gratitudine, la docilità a lasciarsi amare gratuitamente sommario Liturgia ed evangelizzazione Una Chiesa che rende lode è una Chiesa che, innanzitutto, riceve, riconosce e accoglie con gratitudine la propria identità di stirpe eletta, nazione santa, popolo che Dio si è acquistato perché proclami le opere meravigliose di Lui. La liturgia conserva la Chiesa nella sua consapevolezza di essere dall alto e, insieme, di essere nel mondo, segno e strumento del progetto salvifico di Dio. Immersi in una cultura secolarizzata che riconosce nel mercato l unica logica stringente e vincente, i cristiani che celebrano la liturgia diventano perciò testimoni e profeti di gratuità e di dono, proclamano nella lode il primato di Dio e della sua misericordia e riscoprono l autentico fondamento del vivere. Una Chiesa che non celebra smette di essere Chiesa per trasformarsi in una organizzazione assistenziale o in un associazione religiosa. L evangelizzazione non si esaurisce nella predicazione e nell insegnamento di una dottrina. Essa deve raggiungere la vita. [ ] Il compito dell evangelizzazione è precisamente quello di educare nella fede in modo tale che essa conduca ciascun cristiano a vivere i Sacramenti come veri Sacramenti della fede, e 19

20 non a riceverli passivamente, o a subirli (Evangelii nuntiandi n. 47). Tra la liturgia e la vita non c è una porta sbarrata ma una porta aperta: dalla liturgia scaturisce lo Spirito che anima tutta la vita. I sacramenti sono esplosione della Pasqua del Signore e la Pasqua è vita nuova, speranza, libertà, pienezza. Nei sacramenti la vita di Dio entra nella storia dell uomo divinizzandola. Le nostre comunità parrocchiali, che talvolta sperimentano il moltiplicarsi quantitativo e confuso di celebrazioni e di atti di culto, avvertono sempre più l esigenza di una educazione liturgica che disponga alla comprensione della celebrazione - del suo simbolismo, del suo significato più profondo - ma che disponga anche al silenzio e alla preghiera fatta di ascolto e di contemplazione così che accanto all azione pubblica sia garantito lo spazio per la maturazione e l esperienza personale dell incontro con Dio. D altra parte, il dono dello Spirito santo, invocato e ricevuto in ogni celebrazione liturgica, è finalizzato solo e proprio a questo: a fare di tutti noi un sacrificio vivente a Dio gradito (cfr. preghiera eucaristica III) innestandoci sempre più profondamente nella vita di Dio in Cristo Gesù. Qui trova il suo fondamento lo stretto e necessario rapporto tra sacerdozio ordinato dei vescovi e dei presbiteri e il sacerdozio battesimale dei fedeli: il primo è, appunto, ordinato al secondo e lo rende possibile quale fine di tutta l azione della Chiesa. La partecipazione attiva dei fedeli alla liturgia, il coinvolgimento di tutti nella celebrazione nella diversità del ministero di ciascuno non può ridursi allora a espediente coreografico o a servizio funzionale, ma appartiene alla verità della liturgia, preghiera pubblica di Cristo e di tutto il suo popolo ed esprime la realtà di una Chiesa tutta ministeriale. La domenica, giorno del Signore, memoriale della sua Risurrezione, è il centro della vita liturgica della comunità cristiana, fondamento e nucleo di tutto l anno liturgico. Essa è la Festa cristiana primordiale, di cui occorre ritrovare il senso in un tempo nel quale l ideologia del mercato e del lavoro produttivo a tutti i costi oscura il valore della festa come spazio di gratuità e quindi di dignità per l uomo, la famiglia e i rapporti sociali. Giorno del Signore, essa è anche il giorno della comunità: la festa cristiana non è fuga né distrazione, ma ospitalità e condivisione fraterna, specie con i più poveri e bisognosi. Una necessaria conversione dei percorsi di preparazione ai sacramenti Poiché cristiani non si nasce ma si diventa è necessario riscoprire la forza educativa (mistagogica) di una liturgia ben preparata e celebrata, che conduce all incontro vivo e vero con il Signore che salva, per poterlo poi testimoniare nella vita. In particolare, occorre riflettere attentamente sulla cele- 20

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità I nuovi progetti Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità Idea di fondo «Il tema dello sviluppo coincide con quello dell inclusione relazionale di

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Per voi sono Vescovo con Voi sono cristiano (S. Agostino) Parti della Lettera Prima Parte: CHIESA di LUCCA

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Oratorio, passione educativa e talenti. Siena, 19 gennaio 2013

Oratorio, passione educativa e talenti. Siena, 19 gennaio 2013 + Oratorio, passione educativa e talenti Siena, 19 gennaio 2013 I suoi strumenti e il suo linguaggio sono quelli dell esperienza quotidiana dei più giovani: aggregazione, sport, musica, teatro, gioco,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998)

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Senigallia, 6 gennaio 1998 Solennità dell Epifania Ai Parroci Ai Rettori di Chiese Ai Religiosi A tutti i Sacerdoti Oggetto: Celebrazione del Matrimonio Cari

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

Laici cristiani nel mondo di oggi

Laici cristiani nel mondo di oggi Laici cristiani nel mondo di oggi Francesco Benvenuto Roma Centro Nazareth 3 settembre 2015 3 settembre 2015 Roma - Centro Nazareth 1 Una riflessione Dal dopo concilio siamo stati abituati a progettare,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

E se iscrivessi mio figlio al catechismo?

E se iscrivessi mio figlio al catechismo? E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Don Alberto Abreu www.pietrascartata.com E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Perché andare al Catechismo La Parola catechismo deriva dal latino catechismus

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro

Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro Signore Gesù, tu ci inviti ad essere germe fecondo di nuovi figli per la tua Chiesa. Fa che possiamo diventare ascoltatori attenti della tua Parola

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita»

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» IL PELLEGRINAGGIO Il pellegrinaggio metafora della

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE Parrocchia S. Biagio in Ravenna Anni: 2014-2015 e 2015-2016 PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Indice. Introduzione... 5

Indice. Introduzione... 5 ECCOCI signore_eccoci signore 26/10/10 12.56 Pagina 199 Indice Introduzione.......................................... 5 Alcuni interrogativi.................................... 7 La lettura della tradizione................................

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

STATUTO AZIONE CATTOLICA

STATUTO AZIONE CATTOLICA STATUTO AZIONE CATTOLICA 1. L Azione Cattolica Italiana è una Associazione di laici che si impegnano liberamente, in forma comunitaria ed organica ed in diretta collaborazione con la Gerarchia, per la

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Programmazione di religione cattolica

Programmazione di religione cattolica Programmazione di religione cattolica Istituto Comprensivo P. Gobetti Trezzano sul Naviglio Anno Scolastico 2012/2013 INSEGNANTE: Franca M. CAIATI Obiettivi specifici di Apprendimento Questi obiettivi

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

SETTORE ADULTI ! PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI. ! anno

SETTORE ADULTI ! PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI. ! anno SETTORE ADULTI PERCORSO FORMATIVO PER GRUPPI ADULTI anno PRESENTAZIONE #Viaggiando sull esempio di Maria, per essere uomini e donne che camminano «lungo la vita», luogo teologico in cui Dio si fa presente

Dettagli

I. Celebrazione del battesimo

I. Celebrazione del battesimo I. Celebrazione del battesimo Obiettivi Siamo al momento culminante della prima fase della pastorale pre e post battesimale. Dopo il cammino che ha coinvolto i genitori e ha interessato la comunità cristiana,

Dettagli

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse Il Vescovo di Crema Alla Comunità parrocchiale di Ripalta Guerina, al parroco don Elio Costi, ai membri del consiglio pastorale, ai catechisti e ai diversi collaboratori Sono state veramente giornate intense

Dettagli

È lo strumento educativo della parrocchia, il luogo della missione della parrocchia per i ragazzi, gli adolescenti e i giovani.

È lo strumento educativo della parrocchia, il luogo della missione della parrocchia per i ragazzi, gli adolescenti e i giovani. 1. 1. Oratorio: definizione. L Oratorio è una comunità che educa all integrazione vita-fede. È lo strumento educativo della parrocchia, il luogo della missione della parrocchia per i ragazzi, gli adolescenti

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

CURIA VESCOVILE. di Civitavecchia-Tarquinia. Civitavecchia, 18 settembre 2014. Ai Rev.mi Parroci

CURIA VESCOVILE. di Civitavecchia-Tarquinia. Civitavecchia, 18 settembre 2014. Ai Rev.mi Parroci CURIA VESCOVILE di Civitavecchia-Tarquinia Il Vicario Episcopale per la Pastorale Civitavecchia, 18 settembre 2014 Ai Rev.mi Parroci Ai Rev.mi Assistenti di Movimenti, Gruppi, Associazioni Ecclesiali Ai

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli