PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE 2012-2013"

Transcript

1 Parrocchia San Carlo Borromeo Pesaro PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE LE FINALITÀ DELL'INIZIAZIONE CRISTIANA Educare al pensiero di Cristo, a vedere la storia come Lui, a giudicare la vita come Lui, a scegliere e ad amare come Lui, a sperare come insegna Lui, a vivere in Lui la comunione con il Padre e lo Spirito Santo. In una parola, nutrire e guidare la mentalità di fede: questa è la missione fondamentale di chi fa catechesi a nome della Chiesa (RdC n. 38). L'iniziazione cristiana ha una profonda dimensione unitaria, pur essendo articolata a tappe, secondo una paziente pedagogia della fede, rispettosa delle caratteristiche e esigenze dei soggetti. - L'iniziazione cristiana per il fanciullo di 6/8 anni ha come finalità precisa quella di fondare in lui una gioiosa "coscienza filiale-battesimale" dinanzi alla scoperta di Dio Padre (cf. CdF/1 "Io sono con voi") - L'iniziazione cristiana per il fanciullo di 8/10 anni è tesa a fondare in lui una coscienza "penitenziale ed eucaristica", a partire da una catechesi di preparazione ai sacramenti della Penitenza ed Eucaristia e alle iniziali celebrazioni degli stessi sacramenti (cf. CdF/2 "Venite con me") - L'iniziazione cristiana per i ragazzi e le ragazze di 11/12 anni ha come compito di costruire in loro una "coscienza crismale" attenta alla voce ai doni dello Spirito, di cui il sacramento della Cresima è segno efficace (cf. CdR/1 "Sarete miei testimoni") LE CELEBRAZIONI LITURGICHE Componente fondamentale dell itinerario dell iniziazione, anche se non prima in ordine cronologico, è quella liturgica, dove emerge chiaramente che l iniziazione è opera di Dio, che salva l uomo, suscita e attende la sua collaborazione. La celebrazione non è collocata soltanto al termine del percorso iniziatico, quale punto culminate costituito dai tre sacramenti dell iniziazione; essa accompagna tutto l itinerario, diventando espressione della fede, accoglienza della grazia propria di ogni tappa, adesione progressiva al mistero della salvezza, fonte di catechesi, impegno di carità, preparazione adeguata al passaggio finale (CEI, Iniziazione cristiana/2, n. 36). 1

2 ITINERARI E TAPPE SPECIFICI PER OGNI GRUPPO DI CATECHISMO Presentiamo, in modo schematico, l itinerario di ogni gruppo di catechismo. 2ª elementare Tempo dell accoglienza Contenuto: Primo annuncio del vangelo e primi rudimenti della fede (io figlio; Dio Padre creatore; preghiere, le principali feste cristiane) Tappa o passaggio: Consegna del vangelo (prima domenica di maggio) 3ª elementare Tempo di preparazione alla Prima Confessione Contenuto: I Dieci Comandamenti, vangelo della misericordia e Sacramento della Confessione Tappa o passaggio: la celebrazione del sacramento della Confessione nella prima domenica di Pasqua 4ª elementare Tempo di preparazione alla Prima Comunione Contenuto: Padre nostro, parabole, cena del Signore e Sacramento dell Eucarestia. Tappa o passaggio: la celebrazione della Prima Comunione (ultima domenica di maggio). 5ª elementare Tempo della mistagogia: iscrizione al gruppo parrocchiale che si forma in vista del cammino della cresima Contenuto: Rivisitazione dei sacramenti in un contesto liturgico ed acquisizione di identità del nuovo gruppo che si forma, con esperienze pratiche e di conoscenza della vita parrocchiale. Celebrazioni: Firma di adesione al gruppo (terza domenica di maggio). 1ª media Tempo di preparazione remota - alla Cresima per coloro che hanno iniziato il cammino di gruppo Contenuto: La storia della salvezza, storia di un popolo. Celebrazioni: Consegna della Bibbia (seconda domenica di maggio). 2ª media Tempo di preparazione prossima - alla Cresima Contenuto: Atti degli Apostoli, Simbolo (Credo apostolico) e sacramento della Cresima. Celebrazioni: Consegna del Simbolo e iscrizione al gruppo dei cresimandi Tappa o passaggio: la celebrazione della Cresima (ultima domenica di maggio) 2

3 STRUTTURA DEGLI ANNI DI CATECHISMO Il primo anno che coincide con la seconda elementare è l anno di accoglienza. Anno a se stante dagli altri. Progetto catechismo 2 elementare 1. Prima settimana del mese incontro di primo annuncio per i genitori. Il Parroco con i catechisti dei bambini, presenta una catechesi col materiale per sviluppare a casa con i figli il tema proposto dalla catechesi. Lo sviluppo dei temi di catechesi con i genitori, per la catechesi in famiglia con i figli potrebbe essere il seguente: la fede che si esprime nella preghiera (ottobre); conoscere e ringraziare Dio nostro Padre (novembre); conoscere Gesù venuto in mezzo a noi (dicembre); stare con Gesù la domenica (gennaio); la buona notizia del Vangelo (febbraio); la Pasqua e il segno della croce (marzo) conoscere Maria, la mamma di Gesù (maggio). 2. Secondo sabato del mese: incontro di catechesi con i bambini con i catechisti che accompagnano sia in bambini, sia le loro famiglie (ore 15-16). 3. Quarta domenica del mese: dopo la messa delle incontro per genitori e bambini (verifica sul cammino del mese e sulla messa domenicale). Obiettivo di questo anno è l annuncio ai genitori e la conoscenza delle preghiere per i bambini nel ricordo del loro battesimo, della persona di Gesù e delle feste principali dei cristiani. Iniziazione alla Prima Comunione Con la terza elementare inizia il catechismo di preparazione ai sacramenti. La terza, la quarta elementare vanno considerati insieme, in un cammino unitario di preparazione ai sacramenti di Prima Confessione e Prima Comunione. Iniziazione alla Cresima Così la quinta elementare rappresenta un anno di passaggio, un tempo della Mistagogia e della vita di gruppo. Deve essere considerato come anno zero della preparazione alla cresima, attraverso le dinamiche della vita di gruppo e lo stile dell oratorio. La prima e la seconda media formano la preparazione alla Cresima. Si ha così questa struttura del progetto catechistico parrocchiale:

4 ATTIVITÀ ORATORIALI In alcuni periodi dell anno i fanciulli/ragazzi saranno invitati a sperimentare l Oratorio tematico. Cioè preparare e vivere insieme alcune feste (Epifania, carnevale, festa della mamma e del papà ). Nella seconda metà del mese di giugno si svolge il GREST (gruppo estivo) per i nostri bambini/ragazzi di catechismo. Esso si inserisce nel quadro di una formazione per la vita e non semplicemente per ricevere i sacramenti. Attraverso il gioco i bambini/ragazzi si educano alla vita comune e crescono nella dimensione umana e di fede. Alla fine di luglio c è la proposta del campo estivo, momento forte per il cammino di gruppo dei ragazzi e degli adolescenti. CATECHESI AI GENITORI Appare evidente che anche i genitori sono chiamati a cogliere l occasione e lasciarsi guidare dai figli nella riscoperta della fede. Durante l anno proponiamo un programma di catechesi specifico per loro. Il cammino per i genitori prevede un incontro di catechesi all inizio dell anno catechistico di presentazione del progetto, dei catechisti e delle tappe più importanti del cammino annuale. Per la seconda elementare vi è un progetto specifico che coinvolge le famiglie dei bambini. Per tutti saranno proposti due incontri di catechesi all inizio dei tempi forti dell avvento e della quaresima, in cui saranno presentati oltre a temi di carattere educativo, il tema specifico del cammino di catechismo in preparazioni alle feste di Natale e di Pasqua. Nel mese di maggio ci saranno incontri specifici per i genitori per preparare le celebrazioni conclusive dell itinerario di catechismo specifico dei singoli gruppi. LA MESSA DOMENICALE E necessario sviluppare un raccordo specifico far il catechismo e la liturgia domenicale. Accanto ai catechisti e inseriti nel gruppo dei catechisti sarà presente la figura dell animatore liturgico che sensibilizzerà animerà e coordinerà l animazione liturgica dei gruppi di catechismo e la sensibilità liturgica dei catechisti stessi. LA FORMAZIONE DEI CATECHISTI Si rende necessaria la partecipazione dei catechisti agli incontri di formazione e di coordinamento del gruppo dei catechisti che si riunisce ogni mese per programmare una proposta unitaria e condivisa di catechismo, e verificare i modi concreti di proporre ai bambini e ragazzi l annuncio della fede. Inoltre spetta al gruppo dei catechisti proporre iniziative specifiche per i tempi forti dell anno liturgico. Ai catechisti è richiesta una partecipazione attiva alla vita della Parrocchia cominciando dalla presenza alla Celebrazione Eucaristica della Domenica. La formazione spirituale del catechista richiede loro che vivano, secondo l età, un cammino di catechesi personale nella comunità cristiana. 4

5 SECONDA PARTE PROGRAMMII PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Il primo tempo della iniziazione cristiana : il Precatecumenato 1. Accoglienza: vicinanza alle persone e alla loro vita Accoglienza come stile di amare 1. L accoglienza delle giovani famiglie che potano i loro bimbi al catechismo deve essere sincera e fraterna, fatta di calore umano,di attenzione alla vita e alla storia personale delle giovani famiglie, di ascolto e rispetto degli interrogativi di ogni coppia cui si vuole donare il primo annuncio della fede. Siamo chiamati ad essere una chiesa vicina alle famiglie, che sa camminare con e accanto ad esse sulle strade dell oggi offrendo il vangelo di un Dio che si china sugli uomini, che ascolta le difficoltà, si inserisce nei loro cammini di ricerca, li anima con il suo Spirito, li chiama all alleanza e a dire, in modo peculiare, alla relazione uomo-donna nella famiglia, i tratti del suo amore fedele e fecondo. Vivere la vicinanza significa stare accanto alle persone, rispettare i loro ritmi e assecondarne i percorsi; ma significa anche abitare nello stesso luogo, borgo, quartiere, condominio e perciò conoscere i volti, le storie, le sofferenze, i bisogni di chi vi abita. In questa prospettiva è già inscritto un progetto insieme formativo e pastorale per intere comunità cristiane: educarci all accoglienza e alla fraternità. Accoglienza come accompagnamento 1.la scelta di accogliere genera un accompagnamento spirituale delle giovani famiglie che accompagnano il loro bambini per una prima esperienza di iniziazione alla fede. Un catechista del precatecumenato dovrebbe seguire più da vicino le famiglie, accoglierle quando accompagnano i bambini, far sentire loro amicizia e rispetto e chiedere a quelli che lo desiderano, di coinvolgersi per portare il loro contributo nella programmazione dei percorsi del precatecumenato. Ogni comunità può scegliere i gesti e i segni della accoglienza partendo dai carismi e dalle situazioni vitali di ogni esperienza di chiesa. Evangelizzazione: primo annuncio di Gesù Risorto Il primo annuncio, come dicono le parole, è la prima volta che si parla di Gesù a qualcuno. Il primo annuncio è un percorso di avvicinamento alla fede: fa nascere domande e propone la persona di Gesù come risposta. È una proposta che mette in condizione di decidersi e di accogliere il dono della fede. Fa nascere una fiducia radicale in Gesù morto e risorto. Spesso ci si chiede a chi rivolgere il primo annuncio e soprattutto quando è il momento migliore per annunciare! La comunità svolge un ruolo fondamentale nel primo annuncio: sostiene, consiglia e aiuta. 5

6 Fondamentale nel primo annuncio, insieme al sostegno della comunità, è la presenza dello Spirito Santo. Il modo più semplice ed efficace per diffondere la fede è, per i cristiani, la testimonianza della propria vita vissuta conformemente al vangelo. Il primo annuncio è quello su Gesù e la centralità della sua persona nella fede cristiana. Senza girarci attorno. Si articola in questi punti: -Gesù morto per amore e ora vivo, risorto - Gesù compimento delle promesse di Dio - Gesù risposta ai bisogni di salvezza della persona umana Dai catechisti del precatecumenato si esige la capacità narrativa di parlare di Gesù e di invitare a convertirsi a Lui e di rendersi capaci insieme di condivisione con le persone e di giudizio sulla realtà della vita per far emergere nelle persone il bisogno di salvezza. Occorre chiedere ai catechisti anche alcune attenzioni nel linguaggio religioso che usano con genitori e bambini -usare sempre un linguaggio che metta al centro Gesù risorto. Es: non dire preghiamo ma pensiamo con amore a Gesù e così via -mettere sempre Gesù vivo, risorto, davanti agli occhi e al cuore dei fanciulli e delle loro famiglie. Ogni volta che si accenna a Gesù sottolineare che lui è in mezzo a noi -E ovvio che questo impegna tutta la comunità e quanti in essa hanno doni e carismi per questo invitandoli a collaborare con i catechisti dei ragazzi dei quali uno della èquipe potrebbe curare in modo speciale le relazioni con le famiglie. Nel precatecumenato della iniziazione cristiana dei ragazzi, i bambini e le famiglie che incontrano per la prima volta la parrocchia dopo il battesimo, sono i destinatari naturali del primo annuncio per il quale è impegnata tutta la fraternità parrocchiale. Accanto a loro coinvolgere i nonni in alcune occasioni, i padrini del battesimo specie in alcune celebrazioni, famiglie di amici specie nei momenti di festa assieme. c. In concreto occorre un cambio di mentalità dei catechisti del biennio che si liberano dalla mentalità scolastica e decidono di lavorare insieme per un primo annuncio della fede ai ragazzi e alle famiglie ed un primo inserimento nella comunità parrocchiale. Certo servirà un appuntamento costante in parrocchia (settimanale o quindicinale) ma che è solo un momento del cammino formativo dove si ritrovano ragazzi di prima elementare, ragazzi di seconda ed eventualmente di terza che non hanno partecipato negli anni precedenti o desiderano prolungare il precatecumenato. -fare sentire accolti e amati tutti i bambini nella parrocchia con una attenzione delicata alla loro vita familiare. Non possiamo educare alla fede un bimbo di 6-7 anni senza neppure conoscere il suo contesto familiare. Il catechista responsabile delle famiglie potrebbe prima, assieme ai ministri ordinati, scrivere a tutte le famiglie, parlarne in Chiesa e poi nella sala di fraternità a quelli che vengono a Messa, organizzare un momento fisso 6

7 durante il quale avere la possibilità di parlare personalmente con alcuni, una festa d inizio percorso genitori, potrebbe recarsi a casa di alcuni di loro se c è qualche legame di vita ed approfittare ogni volta per salutare le mamme quando accompagnano i piccoli all incontro. Potrebbe dare un appuntamento in parrocchia in un pomeriggio per un caffè insieme. -specie nel primo anno portare bambini e genitori a ripensare, con linguaggio appropriato, il mistero del battesimo che li ha generati come cristiani, valorizzando i simboli e i ricordi, riprendendo quello che doveva essere la prima meta educativa degli anni 0-6: il senso religioso della vita. (Dio c è, mi vede, mi vuol bene, quando muoio sarò con lui) g. La domenica resta certo il punto focale di tutto il cammino ma non puntare alla messa domenicale come dovere primario dei bambini del biennio ed aiutarli piano piano ad una iniziazione alla Eucaristia. Quello che più conta è che i catechisti siano presenti la domenica un po prima dell orario per accogliere le famiglie che vengono a Messa, accompagnare i bimbi al loro posto 1. RICONOSCERE UNA PRESENZA 2ª elementare Tempo dell accoglienza Contenuto: Primo annuncio del Vangelo e primi rudimenti della fede (Io figlio; Dio Padre creatore; preghiere) Tappa o passaggio: Nessuna 1.1 Tematica generale Il primo anno di Catechismo va concepito come una fase di prima evangelizzazione. Come scrivono i Vescovi italiani negli orientamenti pastorali per il primo decennio del 2000, anche i fanciulli e i ragazzi che sono stati battezzati alla nascita su richiesta delle loro famiglie, hanno bisogno di essere interpellati dall annuncio del Vangelo nel momento in cui iniziano il loro cammino catechistico. Sempre più spesso, infatti, non si può presupporre quasi nulla riguardo alla loro educazione alla fede nelle famiglie di provenienza. L incontro con i catechisti diviene per i fanciulli una vera e propria occasione di prima evangelizzazione (Cf UCN, La formazione dei catechisti, 3). 1.2 Indicazioni catechistiche - Testi 1. Abbiamo un Padre, non siamo soli Catechismo: Io sono con voi, II capitolo 2. Padre mio, Padre nostro Catechismo: Io sono con voi 3. La vita di preghiera Angelus Padre nostro Ave Maria Gloria Angelo di Dio 2. COSA FARE PER AVERE LA VITA ETERNA 3ª elementare Tempo di preparazione alla Prima Confessione Contenuto: I Dieci Comandamenti; vangelo della misericordia e il Sacramento della Confessione Celebrazioni: la celebrazione del sacramento della Confessione 2.2 Indicazioni catechistiche - Testi In questo anno i bambini hanno come meta la Prima confessione. Allo scopo di ridestare nel bambino la coscienza morale è utile cominciare con la spiegazione dei 7

8 Diedi comandamenti. Una trattazione che può svilupparsi, come tempo, fino a Natale. La seconda parte dell anno ci si soffermerà sul sacramento della Confessione, avendo cura di sottolineare il sacramento nella sua fondazione biblica. Programma indicativo relativo al sacramento della Penitenza 1. L abbraccio del Padre Partendo dalla parabola del Padre misericordioso si può introdurre i fanciulli al tema dell amore di Dio per l uomo, al suo chinarsi sulle sue ferite, al suo abbraccio per chi umilmente si riconosce peccatore e quindi bisognoso d amore. Cf. Lc 15, Fondazione biblica La necessità della Confessione Sacramentale, così com è prevista dalla Chiesa può essere introdotta a partire dalla fondazione biblica del Sacramento (Gv 20, 21 23) e accompagnata dai gesti di perdono di Cristo verso le diverse categorie di persone (paralitico, la Maddalena, l adultera...). 3. Dottrina sulla Confessione Cos è la Confessione? Quante e quali cose si richiedono per fare una buona Confessione? Il Peccato Definizione: è un offesa fatta a Dio disobbedendo alla sua Legge. Il peccato lo si può commettere in quattro modi: coi pensieri, con le parole, con le opere e le omissioni. Risulterà necessario, insistere discretamente sulla distinzione tra peccato mortale, peccato grave e peccato veniale. 5. Preghiere di riparazione Atto di dolore e O Gesù d amore acceso; Testi di riferimento Catechismo della Chiesa Cattolica: nn.1422>1498;385 > 421;1846 > 1876 Rituale per la Celebrazione del Sacramento Piccolo catechismo sul sacramento della Penitenza, ESD 3. IL PANE DELLA VITA 4ª elementare Tempo di preparazione alla Prima Comunione Contenuto: Padre nostro e Sacramento dell Eucarestia. Celebrazioni: la celebrazione della Prima Comunione. 3.1 Tematica generale «L Eucaristia è fonte e culmine di tutta la vita cristiana. Nell Eucaristia toccano il loro vertice l azione santificante di Dio verso di noi e il nostro culto verso di lui. Essa racchiude tutto il bene spirituale della Chiesa: lo stesso Cristo, nostra Pasqua. La comunione della vita divina e l unità del popolo di Dio sono espresse e prodotte dall Eucaristia. Mediante la celebrazione Eucaristica ci uniamo alla liturgia del cielo e anticipiamo la vita eterna» (CCCc 274). Nel contesto catechistico «la santa Eucaristia completa l iniziazione cristiana. Coloro che sono stati elevati alla dignità del sacerdozio regale per mezzo del battesimo e sono stati 8

9 conformati più profondamente a Cristo mediante la Confermazione, attraverso l Eucaristia partecipano con tutta la comunità alla stesso sacrificio del Signore» (CCC n. 1322). L Eucaristia è la Preghiera della Chiesa, nella quale occupa un posto tutto particolare il Padre nostro «consegnato nel battesimo per manifestare la nuova nascita alla vita divina dei figli di Dio. L Eucaristia ne rivela il senso pieno, poiché le sue domande, fondandosi sul mistero della salvezza già realizzato, saranno pienamente esaudite alla venuta del Signore (CCCc 581). Il Padre Nostro è la preghiera per eccellenza. «Dopo che il Signore ci ebbe trasmesso questa formula di preghiera, aggiunse: Chiedete e ottenete (Gv 16,24). Ognuno può, dunque, innalzare al cielo preghiere diverse secondo i propri bisogni, però incominciando sempre con la Preghiera del Signore, la quale resta la preghiera fondamentale» (CCC n. 2761). 3.2 Indicazioni catechistiche - Testi Due i temi da trattare: la Preghiera del Signore e il Sacramento dell Eucaristia. La prima parte dell anno fino a Natale ci si soffermerà sulla Preghiera del Signore, cioè il Padre nostro, che è la sintesi di tutto il Vangelo. La seconda parte dell anno è dedicata alla spiegazione del sacramento dell Eucaristia. La consegna (traditio) della Preghiera del Signore serve a dare l imput alla vita di preghiera dei comunicandi. Sono iniziati alla preghiera personale e attraverso l Eucaristia alla preghiera della Chiesa. I due temi Preghiera-Eucarestia si compenetrano a vicenda. Programma indicativo relativo al Sacramento dell Eucaristia: 1. Fondazione biblica Lettura dinamica e spiegazione dei racconti della Cena (Mt 26,20 ss / Mc 14,17 ss / Lc 22,14 ss). Volontà di Gesù a rimanere con noi! 2. Eucaristia La celebrazione; La preparazione; Entrare in chiesa (rispetto del luogo silenzio) I Gesti (stare in piedi, in ginocchio, seduti...) L accoglienza (i riti di introduzione) Riconoscere una Presenza che ama (Atto penitenziale) Egli parla (La Liturgia della Parola) Egli insegna per la vita (L omelia e il Credo) Egli provvede a noi (La presentazione dei Doni) Egli si rende presente (La Consacrazione) Egli ci riunisce (Il Memoriale) Egli si dona (la Comunione) Ringraziamento (personale e comunitario) La Missione (riti conclusivi) La Domenica Questo tema sarà ancora più approfondito il prossimo anno come catechesi mistagogica. 4. Come si riceve l Eucaristia? Spiegazione della Comunione in bocca e sulle mani. 5. L adorazione Importanza del trovare momenti di adorazione personale davanti all Eucaristia durante la settimana! Anche questo è obbedire ad un invito di Cristo: venite in disparte a riposarvi un poco. Testi di riferimento Catechismo della Chiesa Cattolica: nn Piccolo Catechismo Eucaristico, ESD 19 9

10 4. SE CONOSCESSI IL DONO DI DIO 5ª elementare Tempo della mistagogia e del gruppo Contenuto: Rivisitazione dei sacramenti in un conte sto liturgico. Celebrazioni: Consegna del Giorno del Signore. Tappa o passaggio: Nessuna 4.1 Tematica generale Il Vangelo di riferimento è La samaritana. La mistagogia è la spiegazione dei Misteri. Non la spiegazione della struttura esterna dei sacramenti ma bensì la conoscenza interiore, la capacità di mettersi in relazione con ciò che i segni indicano come il significato di tutto: Dio, il Mistero. Questo tempo, quindi, si presenta come il completamento degli anni di preparazione alla Prima Comunione. L Eucaristia ha bisogno di essere vissuta nella pienezza e i bambini, a questa età, possono comprenderla sufficientemente. Si tratta di iniziare a vivere la Domenica come giorno del Signore. Il programma partirà da una sintesi dei Sacramenti per fermarsi al sacramento per eccellenza che è l Eucaristia. Anche le preghiere cristiane meritano un approfondimento misterico. 4.2 Indicazioni catechistiche - Testi Almeno nei tempi liturgici forti (Avvento-Natale; Quaresima- Pasqua) i bambini vengono preparati all Eucaristia approfondendo, nell ora di catechismo, la liturgia della Parola della Domenica successiva. Gli altri incontri di catechismo saranno dedicati all approfondimento della preghiera e ad esperienze cristiane. Un itinerario mistagogico si fonda su tre elementi essenziali: l interpretazione dei riti alla luce degli eventi biblici in conformità alla tradizione della chiesa; la valorizzazione dei segni; il significato dei riti in vista dell impegno cristiano nella vita Testi di riferimento La Messa della famiglia, ed. isg, Città di Castello 2002 Giorgio De Capitani, Nel Nome del Padre, elledici- Velar Foglietti della domenica dei bambini LA CREAZIONE DI UN POPOLO 1ª media Tempo di preparazione remota - alla Cresima Contenuto: La storia della salvezza. Celebrazioni: Consegna della Bibbia in una paraliturgia del sabato. Tappa o passaggio: Nessuna 5.1 Tematica generale Si ha la percezione di quanto sia faticosa la vita, quando si deve andare a guadagnarsi il pane per vivere. Si riconosce quanto siano importanti i genitori e una famiglia che ti sostiene quando non li hai più... Dev essere 10

11 stata la stessa esperienza del figlio minore della parabola del Padre misericordioso: nella casa del padre non mancava nulla; perfino i servi godevano della paternità del padrone e, in virtù di quella, della famigliarità con gli altri membri. Certo, a volte c era da litigare con qualcuno: ma che bello, poi, riconciliarsi e festeggiare. Similmente è la Chiesa per i Cristiani: una Compagnia nella Quale si sta bene, anzi che ci fa da madre e padre nello stesso tempo. Tale realtà è un filo rosso che passa attraverso tutta la Sacra Scrittura: dal Genesi all Apocalisse. In ogni pagina della Bibbia scopriamo la volontà di Dio di fare di tutti gli uomini un solo Popolo. L Antico Testamento è un continuo richiamo alla volontà di Dio di fare, salvare, seguire, educare il suo Popolo. L avvento di Gesù è la testimonianza più grande di questa volontà di Dio. Con Cristo nasce il nuovo popolo: il Popolo della nuova ed eterna Alleanza. I Dodici apostoli richiamano le dodici tribù d Israele, ma ne divengono le colonne portanti sulle quali altre aggregazioni di credenti sorgono. Da Cristo agli Apostoli, dagli Apostoli al mondo: un unico Pastore che raccoglie attorno a sé il suo Gregge. La Chiesa è dunque Popolo di Dio, è la tenda sotto la Quale ogni battezzato trova rifugio e sicurezza perché è la tenda del Pastore sommo! Ai bambini risulterà interessante ripercorrere, anche se non sostando a lungo, l Antico Testamento: la storia del popolo di Dio in esso narrata affascina, coinvolge nella misura in cui noi per primi ce ne sentiamo partecipi! Percorrere quella storia aiuterà a comprendere a come si è giunti alla Chiesa, così come noi la viviamo, o dovremmo vivere... ma anche aiuta a comprenderci come Popolo. 5.2 Indicazioni catechistiche - Testi 1. La Chiesa nell A.T. Adamo ed Eva: creati per fare un popolo a Dio! Noé e l arca. La promessa fatta ad Abramo. Mosé guida di un Popolo. Il Popolo d Israele Le dodici Tribù 2. La Chiesa nel N.T. Gesù parla del Regno e nasce la Chiesa Regno di Dio \\ Chiesa La scelta e la predilezione dei dodici Apostoli La Pentecoste come evento fondativi della Chiesa Andate e Annunciate : la missione della Chiesa (Mt 28) Le prime Comunità Cristiane (Atti degli Apostoli) Il processo di istituzionalizzazione della Chiesa (gerarchia: vescovi - presbiteri diaconi - laici, ministeri e carismi...) Il Primato di Pietro Testi di riferimento: Bibbia Catechismo della Chiesa Cattolica nn

12 Catechismo degli Adulti, cap IO CREDO: LO SPIRITO CI RENDE TESTIMONI 2ª media Tempo di preparazione prossima - alla Cresima Contenuto: Simbolo (Credo apostolico) e Sacramento della Cresima. Celebrazioni: 1. Consegna del Simbolo la II domenica di Avvento 2. Riconsegna del Simbolo la II domenica di Quaresima. Tappa o passaggio: la celebrazione della Cresima. 6.1 Tematica generale E l anno in cui i ragazzi riceveranno il sacramento della Cresima, sacramento che rende forti per testimoniare la fede. La fede della Chiesa che è anche la mia fede. La prima parte dell anno è dedicato all approfondimento della Professione di Fede o Credo. Riprendere i singoli articoli di fede in modo profondo significa ripassare tutto l iter catechistico dei primi cinque anni. La scommessa è aiutare i ragazzi a riscoprire, come novità che dà la vita, la fede della chiesa. Io oggi posso rinnovare le promesse battesimali attraverso una nuova consapevolezza. La seconda parte dell anno è dedicato al sacramento della Cresima. All opera dello Spirito Santo nella storia della salvezza. Ai sette doni dello Spirito. Alla struttura del sacramento. 6.2 Testi di riferimento: parte prima Catechismo della Chiesa Cattolica Al centro della nostra fede del Card. Schonbörn edito dalla Jaka Book. Io Credo del Card. Biffi, edito dalla jaka Book. 6.3 Indicazioni catechistiche Testi: parte seconda 1. Rito della Confermazione - Presentazione generale del Rito (pp.24 30) - Analisi strutturale della Celebrazione - Lettura e riflessione sull allocuzione (pp.59-60) - Rinnovo delle Promesse: analisi - Il segno dell imposizione delle mani. - La preghiera d invocazione. Dall analisi di questa preghiera si possono, utilmente e approfonditamente, spiegare i doni dello Spirito Santo. - Ricevi il Sigillo... Perché questo segno, perché un sigillo... a suggellare cosa? Gli impegni della Confermazione. 2. L opera dello Spirito Risulta dalla celebrazione che l effetto del sacramento della Confermazione è la piena effusione dello Spirito Santo, come già fu concessa agli Apostoli il giorno di Pentecoste. Ne deriva che la Confermazione apporta una crescita e un approfondimento della grazia battesimale:-ci radica più profondamente nella filiazione divina grazie alla quale diciamo: «Abbà, Padre»; -ci unisce più saldamente a Cristo;- aumenta in noi i doni dello Spirito Santo (i sette doni); -rende più perfetto il nostro legame con la Chiesa; -ci accorda «una speciale forza dello Spirito Santo» per «diffondere e difendere con la parola e con l azione la fede, come veri testimoni di Cristo», per «confessare coraggiosamente il nome di Cristo» e per non vergognarsi mai della sua croce. 12

13 Testi di riferimento: Il Rito della Confermazione. Catechismo della Chiesa Cattolica nn Il sacramento della Confermazione. Per i cresimandi, ESD. 22 TERZA PARTE CELEBRAZIONI LITURGICHE Celebrazione per la consegna del Vangelo ai bambini di III elementare - schema primo Celebrante. Si presentino coloro che quest anno iniziano il cammino di fede come discepoli di Gesù. La catechista presenta uno per uno i bambini chiamandoli per nome. Il bambino risponde: Eccomi! Celebrante: Cari fratelli la nostra comunità gioisce nel vedere tanti bambini che si preparano a ricevere i sacramenti dell Iniziazione cristiana. E un dono che Dio ci fa, preghiamo di essere degni di generare alla fede questi nostri figli. Tutti rispondono: Rendiamo grazie a Dio! Celebrante: Voi bambini, promettete di partecipare volentieri e con impegno al catechismo, ascoltare la parola di Gesù e obbedire ai catechisti? I bambini rispondono: Lo promettiamo! Celebrante: E voi genitori, siete disposti ad accompagnare i vostri figli nel cammino di fede, accogliendo anche voi la proposta di catechesi che la parrocchia propone per aiutarvi nella vostra missione? I Genitori rispondono: Si, lo siamo! Celebrante: Cari bambini volete essere felici? I bambini rispondono: Si, lo vogliamo? Celebrante: Ricevete il Vangelo, la buona notizia che Dio vi ama e vuole la vostra felicità. Celebrante: Preghiamo. O Dio nostro Padre, volgi il tuo sguardo su questi ragazzi e sui loro genitori, che sono decisi a fare insieme un cammino di fede: sostieni le loro volontà perché abbiano la forza di essere fedeli agli impegni presi davanti a te. Per Cristo nostro Signore. Amen Celebrante: E ora nella gioia esprimiamo la nostra amicizia con Dio e tra noi scambiandoci un segno di pace. 25 Celebrazione per la consegna del Vangelo ai bambini di III elementare - schema secondo Celebrante: Si presentino coloro che quest anno iniziano il cammino di fede come discepoli di Gesù. La catechista presenta uno per uno i bambini chiamandoli per nome. Il bambino risponde: Eccomi! 13

14 Celebrante: Cari fratelli la nostra comunità gioisce nel vedere tanti bambini che si preparano a ricevere i sacramenti dell Iniziazione cristiana. E un dono che Dio ci fa, preghiamo di essere degni di generare alla fede questi nostri figli. Tutti rispondono: Rendiamo grazie a Dio! Celebrante: Cari bambini volete essere felici? I bambini rispondono: Si, lo vogliamo? Celebrante: Ricevete il Vangelo, la buona notizia che Dio vi ama e vuole la vostra felicità. Dopo aver ricevuto il Vangelo i bambini si uniscono ai loro genitori e insieme pregano: Signore Gesù, noi ci impegniamo a partecipare con fedeltà al catechismo, per conoscerti sempre meglio e imparare ad amare come tu hai amato, a pregare come tu hai pregato, a vivere come tu hai vissuto. Celebrante: O Padre, sostieni con la tua grazia questi tuoi figli nel cammino di fede che oggi iniziano e accompagnali con la tua benedizione. Per Cristo nostro Signore. Amen Celebrante: E ora nella gioia esprimiamo la nostra amicizia con Dio e tra noi scambiandoci un segno di pace. 26 Celebrazione per la Consegna del Simbolo (Traditio simboli) Rinnovo delle promesse battesimali per i ragazzi che si preparano alla Cresima 1. RITI INIZIALI Guida: Siamo riuniti genitori, figli, catechisti e tutta la comunità parrocchiale sotto la presidenza del parroco. Quando voi ragazzi siete nati, i vostri genitori hanno voluto che foste battezzati. Poi vi hanno iscritti al catechismo. Ora, ormai vicini alla vostra piena partecipazione alla vita della Comunità, celebreremo il Signore che continua a darvi la fede per mezzo di loro. Perciò la celebrazione sarà un ricordo vivo di quello che un giorno avvenne presso il cero pasquale e il fonte battesimale. C. La pace e la gioia di Cristo risorto siano con tutti voi. T. E con il tuo spirito Guida: Siamo attorno al fonte battesimale e al cero pasquale. Questo cero, che ora accenderemo, rappresenta Gesù Cristo. Egli è vivo in mezzo a noi. Una catechista accende il cero. Preghiamo Signore Gesù, che oggi hai riunito qui genitori, figli e catechiste, ti chiediamo di aiutarci a crescere come te: in età, sapienza e grazia; ad ascoltare la tua Parola, che ci indica il cammino; a testimoniare la nostra fede in te, che vivi e regni con il Padre, nell unità delle Spirito santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen 2. BENEDIZIONE DELL ACQUA C. Benedetto sei tu, Dio, Padre onnipotente: hai creato l acqua che purifica e dà vita. T. Benedetto nei secoli il Signore. 14

15 C. Benedetto sei tu, Dio, unico Figlio, Gesù Cristo: hai versato dal tuo fianco acqua e sangue, perché dalla tua morte e risurrezione nascesse la Chiesa. T. Benedetto nei secoli il Signore. C. Benedetto sei tu, Dio, Spirito Santo: hai consacrato il Cristo nel battesimo del Giordano perché noi tutti fossimo in te battezzati. T. Benedetto nei secoli il Signore. C. Vieni con la tua potenza, o Padre, e santifica quest acqua, perché, grazie ad essa, noi tutti veniamo rigenerati dalla grazia del battesimo che ci ha redenti. Amen RINNOVO DELLE PROMESSE BATTESIMALI Una mamma: Quando siete nati, noi, vostri genitori, abbiamo voluto che foste battezzati. Abbiamo sempre scelto le cose migliori per voi, e questa la ritenemmo una scelta molto importante. Fu una decisione che prendemmo in vostro nome. Desideravamo che condivideste con noi tutto, anche la fede. Perciò vi abbiamo poi insegnato a chiamare Dio «Padre» e a vivere come il suo Figlio Gesù. Desideriamo che entriate pienamente a far parte del gruppo dei suoi discepoli, della Chiesa. Vi abbiamo iscritti al catechismo perché, con l'aiuto di altri cristiani, andaste crescendo nella fede. Ora, ormai vicini alla vostra Confermazione, vogliamo dirvi che siamo molto contenti. Vogliamo accompagnarvi nel cammino che avete iniziato, e lo faremo con un gesto, lo stesso che abbiamo fatto il giorno del vostro battesimo. I genitori si avvicinano al cero pasquale, accendono da esso la loro candela e si dispongono in semicerchio davanti ai loro figli, pure in semicerchio. C. Cari ragazzi e ragazze, prima di ricevere dai vostri genitori la luce, segno della fede, nella quale essi desiderano che continuiate a vivere, ascoltate ancora una volta le parole della fede per mezzo della quale abbiamo ricevuto la nuova vita in Dio e che insieme professiamo: Poi il celebrante dà inizio alla recita del Simbolo, dicendo: Io credo in Dio, Padre onnipotente, e prosegue insieme con la comunità dei fedeli: creatore del cielo e della terra; e in Gesù cristo, suo unico Figlio, nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto; discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, 15

16 siede alla destra di Dio Padre onnipotente; di là verrà a giudicare i vivi e i morti. Credo nello Spirito santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione dei santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne, la vita eterna.. Amen. I cresimandi insieme Questa è la fede della Chiesa, questa è la fede che noi abbiamo ricevuto e che ci gloriamo di professarla in Cristo Gesù nostro Signore. Amen. Ciascuno dei cresimandi intinge la mano nel fonte e fa il segno della croce 28 C: (ai genitori) Cari genitori se ritenete i vostri figli capaci di accogliere la fede e di continuare in essa, questo è il momento di trasmetterla. È un bel gesto, con il quale esprimete la vostra fiducia in loro. Potete aggiungere qualche parola di incoraggiamento, di fiducia, di impegno... Consegnate la luce di Cristo! Preghiamo Signore, mediante il battesimo ci hai resi membri della famiglia cristiana: fa' che questi fanciulli che hanno ricevuto la fede la sappiano vivere con gioia nella vita quotidiana. E ai loro genitori concedi di continuare a dare testimonianza del tuo amore. Per Cristo nostro Signore. Amen. Celebrazione di ammissione alla Comunione Eucaristica. Consegna della croce e iscrizione del nome Il catechista: Reverendo padre, prossimi alla celebrazione della Prima comunione, questi bambini chiedono di essere ammessi al Banchetto Eucaristico, per partecipare pienamente alla comunione della Chiesa. Celebrante: Si facciano avanti i candidati all Eucaristia con i loro genitori. Celebrante: La comunità cristiana è lieta di accogliere questi bambini, ma desidera assicurarsi se sono idonei a ricevere la Prima comunione Rivolto ai catechisti: Chiedo a voi catechisti di dare la vostra testimonianza: Hanno ascoltato fedelmente la parola di Dio annunziata dalla Chiesa? Catechisti: Si. Celebrante: Hanno cominciato a camminare davanti a Dio, mettendo in pratica la parola che hanno ascoltato? Catechisti: Si. 16

17 Celebrante: Sono stati in fraterna comunione con voi e hanno partecipato con voi alla preghiera? Catechisti: Si. Celebrante: Rivolto ai genitori: E voi genitori notate nei vostri figli i segni della fede: la buona volontà di venire a catechismo, l impegno della preghiera e la gioia nel dare? Genitori: Si. Celebrante: Siete disposti ad accompagnare i vostri figli nel cammino di fede, vivendo con essi la Messa domenicale e ascoltando la Parola di Dio che ci educa alla vita? Genitori: Si. Celebrante: Ora mi rivolgo a voi bambini: Volete amare Gesù come lui vi ha amati? I bambini: Si, lo vogliamo. Celebrante: Volete con tutto il cuore ricevere Gesù, presente nel pane e nel vino? I bambini: Si, lo vogliamo. Celebrante: Cari bambini la nostra comunità cristiana vi ritiene degni di partecipare alla Comunione Eucaristica. Ai bambini viene consegnata la croce. 30 Celebrante: Ricevete la croce, segno dell amore di Dio, portatela con fierezza. Fate tutto per amore di Gesù. Dopo aver consegnato la croce singolarmente e in silenzio, il celebrante dice ai bambini Gesù vi ama,egli vuole darvi il pane disceso dal cielo che porta con sé ogni dolcezza. I nomi, di chi lui ama, sono scritti nel cielo. Dite allora il vostro nome. I bambini uno per uno pronunciano a chiara voce il proprio nome e poi lo segnano essi stessi nel libro della vita. 31 Celebrazione per la consegna della Preghiera del Signore 1. INTRODUZIONE Canto P. Nel nome del Padre T. Amen P. Il Signore abiti nei nostri cuori T. Ora e sempre P. Preghiamo. Signore Dio nostro, che abiti nell alto de cieli e che ami essere chiamato Padre, volgi lo sguardo su di noi riuniti nel nome del tuo Figlio, il Signore Gesù. Donaci il tuo spirito, il maestro della nostra preghiera perché possiamo sempre pregarti nel suo nome. Egli è Dio e vive e regna per tutti i secoli dei secoli. T. Amen 2. LETTURA DEL VANGELO: Mt 6, 5-6 [Catechesi]; 6, 7-14 [Catechesi]; 7, 7-11 [Catechesi] [1.Come pregare? = dentro la camera 2.Cosa dire? = Padre nostro 3.Quando pregare? = sempre] 3. CONSEGNA DELLA PREGHIERA DEL SIGNORE I ragazzi si alzano in piedi. Ciascun ragazzo si avvicina a chi presiede e riceve una pergamena con 17

18 il Padre Nostro e il libro delle preghiere del cristiano. P. N. ti consegniamo la preghiera che Gesù ci ha insegnato. Imparala, meditala e conservala nel tuo cuore. Recitala ogni giorno con fiducia e vivi da vero/a figlio/a di Dio. T. Amen. P. E ora tutti insieme preghiamo come Gesù ci ha insegnato. Padre Nostro Alla fine della preghiera chi presiede stende le mani sui ragazzi. P. Signore Gesù, guida questi ragazzi con la luce del tuo spirito a scoprire il vero volto di Dio, a sentirlo vicino come un Padre, a fidarsi sempre di Lui e invocarlo come tu ci hai insegnato. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli. Amen 4. BENEDIZIONE P. Ci benedica e ci custodisca sempre nel suo amore Dio Padre e Figlio e Spirito Santo. T. Amen. 32 Celebrazione per la consegna della Bibbia ai ragazzi di prima media 1. INTRODUZIONE P. Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo T. Amen. I Chi presiede introduce la celebrazione con queste parole o altre simili P- Il nostro Dio è un Dio che parla, questa è la cosa straordinaria del Dio di Israele, del Dio che è stato rivelato da Gesù di Nazaret. La nostra fede è quindi la fede in un Dio che ha parlato, in un Dio che parla, in un Dio che, ancora oggi, attraverso la sua Parola si fa conoscere, chiama, interpella, orienta e modella la vita di chi lo ascolta. Ed è la comunità che trasmette ai suoi figli la Parola della Vita; tutti sono chiamati ad impegnarsi ad un maggior ascolto della Parola di Dio, e a pregarla nella grande famiglia parrocchiale. A voi, ragazzi e ragazze di prima media, che quest anno iniziate il cammino di preparazione alla Cresima, oggi viene affidato in special modo questo compito, attraverso il dono della Sacra Scrittura. Lasciate che la Parola di Dio vi guidi, vi sostenga, illumini la vostra strada verso il Sacramento della Confermazione, che vi renderà testimoni gioiosi di Gesù risorto. 2. LITURGIA DELLA PAROLA CANTO AL VANGELO (durante il canto viene portata all ambone la Parola) Come la pioggia e la neve scendono giù dal cielo e non vi ritornano senza irrigare e far germogliare la terra. Così ogni mia parla non ritornerà a me senza operare quanto desidero, senza aver compiuto ciò per cui l avevo mandata, ogni mia Parola, ogni mia Parola. Dal Vangelo di Matteo (7,24-27) 18

19 ( ) Chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, è simile a un uomo saggio che ha costruito la sua casa sulla roccia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa non cadde, perché era fondata sopra la roccia. Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, è simile a un uomo stolto che ha costruito la sua casa sulla sabbia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde, e la sua rovina fu grande Breve riflessione del celebrante MEDITAZIONE Un catechista legge questa preghiera Molte tempeste ci sovrastano, ma non abbiamo paura di essere sommersi, perché siamo fondati sulla roccia. Infuri pure il mare, non potrà sgretolare la roccia. Ho con me la sua Parola: questa è il mio bastone, la mia sicurezza, il mio porto tranquillo. Anche se tutto il mondo è sconvolto, ho tra le mani la Scrittura, leggo la Parola. Essa è la mia sicurezza e la mia difesa. 4. CONSEGNA DELLA BIBBIA Tutti in piedi. Il presidente si rivolge ai ragazzi dicendo: P. Cari ragazzi, oggi la vostra comunità, attraverso le mie mani, vi affida il libro della Parola di Dio. Accoglietela con docilità, meditatela nel vostro cuore e lasciate che Essa orienti la vostra vita verso ciò che è buono e porti frutti di fede e di amore. Siete disposti ad impegnarvi in questo? R. Si, con l aiuto di Dio, lo promettiamo. P. Ricevete la Sacra Scrittura, punto di riferimento del vostro cammino di fede. R. Amen. P. Consegna la Bibbia R. Fanno il bacio di reverenza e la ricevono 5. PREGHIERA FINALE I ragazzi tutti insieme pregano: Signore Dio, da sempre Tu hai parlato ai Tuoi amici per farti conoscere; hai parlato ad Abramo, a Mosè, ai profeti, al Tuo stesso Figlio Gesù. Ancora oggi Tu continui a parlare a chi Ti vuole ascoltare. Le parole sacre della Bibbia sono parole di vita anche per noi. Aiutaci, Signore, perché, pur distratti dalle mille voci d ogni giorno, sappiamo sempre riconoscere la Tua voce che ci parla. Amen. PREGHIERA FINALE (letta da tutti i ragazzi) Signore Dio, 19

20 da sempre Tu hai parlato ai Tuoi amici per farti conoscere; hai parlato ad Abramo, a Mosè, ai profeti, al Tuo stesso Figlio Gesù. Ancora oggi Tu continui a parlare a chi Ti vuole ascoltare. Le parole sacre della Bibbia sono parole di vita anche per noi. Aiutaci, Signore, perché, pur distratti dalle mille voci d ogni giorno, sappiamo sempre riconoscere la Tua voce che ci parla. Amen. 35 Celebrazione per la consegna dei comandamenti Dalla Guida per l itinerario catecumenale dei ragazzi Che cosa devo fare per vivere? Al centro ci sia un posto dove collocare le due tavole della legge, su cui sono scritti i comandamenti. Ci siano anche tante piccole tavole o piccole pergamene su cui sono scritti i comandamenti, da consegnare a tutti i ragazzi. 1. INTRODUZIONE Canto P. Nel nome del Padre T. Amen. P. Il Signore abiti nei nostri cuori T. Ora e sempre. P. Preghiamo O Dio, nostro creatore e liberatore, tu hai dato leggi sapienti ad ogni creatura e tutte obbediscano al tuo volere. Davanti ad ogni uomo che nasce, tu poni il bene e il male, la benedizione e la maledizione, la vita e la morte e lo solleciti a scegliere ciò che è bene per vivere felice alla tua presenza. Fa che ogni uomo arrivi a conoscere la legge che tu hai scritto nei nostri cuori, la segua fedelmente e sia colmato di tutte le tue benedizioni. Per il nostro Signore Gesù Cristo T. Amen. 2. LITURGIA DELLA PAROLA LETTURE Dal libro dell Esodo (20,1-21) Chi presiede porta al centro le due tavole su cui sono scritti i comandamenti e le commenta brevemente. CANTO AL VANGELO (Mt 5,9) Alleluia. Chi osserverà questi comandamenti E li insegnerà agli uomini, sarà considerato grande nel regno dei cieli. 36 Alleluia. VANGELO 20

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale Conoscere, amare, seguire, testimoniare Gesù Itinerario d incontro e di formazione; liturgico - esperienziale. «Non abbiate paura di accogliere Cristo! Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 1 Il Rituale ispiratore Rito dell iniziazione cristiana degli adulti,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

COMPENDIO DEL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA

COMPENDIO DEL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA COMPENDIO DEL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA COMPENDIO «MOTU PROPRIO» Introduzione PARTE PRIMA - LA PROFESSIONE DELLA FEDE Sezione Prima: «Io credo» - «Noi crediamo»

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

Oggi... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim

Oggi... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim Oggi...... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim entra a far parte della famiglia di Dio Mamma.. Papà.. La Madrina... Il Padrino... Insieme al parroco l... accompagnano verso la conoscenza

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

Parrocchia San Cataldo Chiesa Santa Maria del Popolo

Parrocchia San Cataldo Chiesa Santa Maria del Popolo Parrocchia San Cataldo Chiesa Santa Maria del Popolo Il Rito del Battesimo Il santo Battesimo è il fondamento di tutta la vita cristiana, il vestibolo d'ingresso alla vita nello Spirito e la porta che

Dettagli

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE RITI DI INTRODUZIONE S - Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. A - Amen. S - La Grazia e

Dettagli

RITO DELLA MESSA. Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna. Amen.

RITO DELLA MESSA. Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna. Amen. RITO DELLA MESSA RITI DI INTRODUZIONE Nel nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo. La grazia del Signore nostro Gesù Cristo, l'amore di Dio Padre e la comunione dello Spirito Santo sia con tutti

Dettagli

4. La celebrazione ha inizio presso una chiesa sussidiaria o un luogo adatto.

4. La celebrazione ha inizio presso una chiesa sussidiaria o un luogo adatto. GIUBILEO DELLA MISERICORDIA RITO DI APERTURA NELLE PARROCCHIE _ PREMESSE 1. L Ufficio Liturgico Diocesano in occasione del Giubileo della Misericordia ha predisposto una celebrazione di apertura per le

Dettagli

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO 1. Inaugurazione ufficiale del nuovo anno di catechismo: Biccari 12 Ottobre ore 10,00. Riportiamo il testo della celebrazione. INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO Inizio: Si esce dalla sagrestia con

Dettagli

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr - TAPPA MISTAGOGICA (POST-CRESIMA) 1 anno - 2 anno. Testo del Catechismo

Dettagli

DOMENICA DOPO L EPIFANIA BATTESIMO DEL SIGNORE Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco

DOMENICA DOPO L EPIFANIA BATTESIMO DEL SIGNORE Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco DOMENICA DOPO L EPIFANIA BATTESIMO DEL SIGNORE Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Nella liturgia odierna, la Chiesa festeggia il Battesimo del Signore, che è l epifania

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Parrocchia San Giorgio in San Pietro al Po PROGETTO CATECHISTICO PER RAGAZZI E GIOVANI

Parrocchia San Giorgio in San Pietro al Po PROGETTO CATECHISTICO PER RAGAZZI E GIOVANI Parrocchia San Giorgio in San Pietro al Po PROGETTO CATECHISTICO PER RAGAZZI E GIOVANI PERCORSO DELL INIZIAZIONE CRISTIANA Due parole per spiegare i motivi di una scelta Innanzitutto, non dobbiamo dimenticare

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica Carissimi Genitori, il nuovo Anno Catechistico segna

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro 1. INTRODUZIONE La parrocchia si pone l'obiettivo di costruire una comunità nella quale ogni cristiano si impegni a: 1. conoscere meglio Cristo

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO I C1 INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO Per il celebrante e l'équipe battesimale Monizioni Accoglienza Siamo radunati sulla soglia della chiesa è un luogo altamente simbolico, poiché evoca l

Dettagli

Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti

Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti Percorso diocesano del Catecumenato degli adulti 0. I Riferimenti teologico-pastorali Rito dell Iniziazione cristiana degli Adulti (RICA), LEV 1978 Consiglio Episcopale permanente della CEI, Nota pastorale.

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE RITI DI INTRODUZIONE DELLA CHIESA STAZIONALE 1. Quando il popolo si è riunito nella Chiesa stazionale il Vescovo saluta la comunità: Nel nome del Padre e del

Dettagli

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli.

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. (Atti degli Apostoli, capitolo 5 versetto 12) Questo libretto è di: Un sacramento cos è? Come l acqua purifica,

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

CRISTIANI NON SI NASCE, MA SI DIVENTA. Itinerario per il completamento dell iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

CRISTIANI NON SI NASCE, MA SI DIVENTA. Itinerario per il completamento dell iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Parrocchia Immacolata Concezione CRISTIANI NON SI NASCE, MA SI DIVENTA. Itinerario per il completamento dell iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Come già indicato anche nel progetto annuale,

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

I. Celebrazione del battesimo

I. Celebrazione del battesimo I. Celebrazione del battesimo Obiettivi Siamo al momento culminante della prima fase della pastorale pre e post battesimale. Dopo il cammino che ha coinvolto i genitori e ha interessato la comunità cristiana,

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI Giornata di preghiera per il Bicentenario della Diocesi 1816-2016 Giubileo della Misericordia Domenica 25 ottobre 2015 PREMESSA In vista dell apertura del Bicentenario della

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 1. RITO ORDINARIO RITI INIZIALI 60. Il ministro, entrando dal malato, rivolge a lui e a tutti i presenti un fraterno saluto.

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Insieme verso Gesù. Parrocchia di San Pietro

Insieme verso Gesù. Parrocchia di San Pietro Parrocchia di San Pietro Carissimo, carissima, questo messalino ti accompagnerà lungo queste domeniche durante le quali cercheremo di capire più a fondo il significato della Messa e delle sue varie parti.

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

DOMENICA V DI PASQUA C

DOMENICA V DI PASQUA C DOPO LA COMUNIONE Assisti, Signore, il tuo popolo che hai colmato della grazia di questi santi misteri, e fa che passi dalla decadenza del peccato alla pienezza della vita nuova. Per Cristo nostro Signore.

Dettagli

BATTESIMO DEL SIGNORE B

BATTESIMO DEL SIGNORE B ORAZIONE DOPO LA COMUNIONE Dio misericordioso, che ci hai nutriti alla tua mensa, concedi a noi tuoi fedeli di ascoltare come discepoli il tuo Cristo, per chiamarci ed essere realmente tuoi figli. Per

Dettagli

Comunità dei discepoli che credono (12-13 anni)

Comunità dei discepoli che credono (12-13 anni) Comunità dei discepoli che credono (12-13 anni) Consegna del Credo OBIETTIVI PRINCIPALI - I ragazzi sono aiutati con la loro testa e la loro vita a scoprire il volto del nostro Dio che è Padre, Figlio

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Diocesi di Cremona ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIA BATTEZZATI LE CELEBRAZIONI

Diocesi di Cremona ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIA BATTEZZATI LE CELEBRAZIONI Diocesi di Cremona ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIA BATTEZZATI LE CELEBRAZIONI 1 PREMESSA: LA RITUALITA NELL IC 3 PREMESSA: LA RITUALITA NELL IC Una valenza formativa peculiare

Dettagli

La Messa. in rito ambrosiano. spiegata. ai bambini. e non solo

La Messa. in rito ambrosiano. spiegata. ai bambini. e non solo La Messa in rito ambrosiano spiegata ai bambini e non solo 2 3 RITI DI INTRODUZIONE! Le parti più importanti: Riti di introduzione Accoglienza Canto d ingresso Atto penitenziale Liturgia della parola Inno

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE Parrocchia S. Biagio in Ravenna Anni: 2014-2015 e 2015-2016 PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali Parrocchia Sacro Cuore Capua Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali 29 Settembre 2013 Monizione In questa Eucaristia, il nostro parroco consegnerà il mandato a svolgere il servizio nella pastorale

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Catechismo degli adulti

Catechismo degli adulti Istituito da Cristo [669] Il battesimo è il sacramento della fede e della conversione a cristiana. Gli Atti degli apostoli ricordano più volte il battesimo dei nuovi convertiti: i Cornelio e quella di

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

ORDINARIO DELLA MESSA

ORDINARIO DELLA MESSA RITI DI INTRODUZIONE CANTO D'INGRESSO Nel nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo. La grazia del Signore nostro Gesú Cristo, l'amore di Dio Padre e la comunione dello Spirito Santo sia con tutti

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

3. Rito della benedizione senza la Messa

3. Rito della benedizione senza la Messa 3. Rito della benedizione senza la Messa INIZIO 500. Quando la comunità è già riunita, si può cantare il Salmo 33 (34) o eseguire un altro canto adatto. Terminato il canto, tutti si fanno il segno della

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

Qual è il giorno di festa per il popolo ebraico.. Cosa ricorda loro questo giorno?......

Qual è il giorno di festa per il popolo ebraico.. Cosa ricorda loro questo giorno?...... LA DOMENICA GIORNO DEL SIGNORE Per il popolo ebraico, al quale apparteneva Gesù, il giorno di festa e di riposo è il sabato che in ebraico (sabbat) significa riposo e di preghiera nel quale gli Ebrei ancora

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

E voi, padrini e madrine, siete disposti ad aiutare i genitori in questo compito così importante?

E voi, padrini e madrine, siete disposti ad aiutare i genitori in questo compito così importante? RITO DI ACCOGLIENZA Genitori Genitori Genitori Che nome date al vostro bambino? Per i vostri bambini che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Il Battesimo. Cari genitori, chiedendo il Battesimo per i vostri

Dettagli

Consegna del Catechismo

Consegna del Catechismo .II C 1.. L albero dove i piccoli trovano il nido Fase II Consegna del Catechismo Lasciate che i bambini vengano a me Parrocchia..... Domenica. LA TUA PAROLA, SIGNORE, È LUCE AI NOSTRI PASSI Se è possibile,

Dettagli

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16.

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16. Vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce,

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Il cammino globale per diventare cristiani : in cosa consiste? Come cercare di attuarlo?! Incontro di febbraio 2014!

Il cammino globale per diventare cristiani : in cosa consiste? Come cercare di attuarlo?! Incontro di febbraio 2014! UFFICIO CATECHISTICO DIOCESANO PERCORSO FORMATIVO PER CATECHISTI E PRESBITERI INSIEME ANNO 2013/2014 ARCIDIOCESI COSENZA - BISIGNANO RELAZIONE DI PADRE CELESTE GARRAFA Incontro di febbraio 2014 Il cammino

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

PERCORSO LITURGICO (ad experimentum per gli anni 2008-2011)

PERCORSO LITURGICO (ad experimentum per gli anni 2008-2011) ARCIDIOCESI DI UDINE Serviiziio diiocesano per ll Iniiziiaziione Criisttiiana INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI PERCORSO LITURGICO (ad experimentum per gli anni 2008-2011) Prriimo grrado RITO DELL AMMISSIONE

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

Introduzione. Guida: Fratelli e sorelle.

Introduzione. Guida: Fratelli e sorelle. DIOCESI DI VIGEVANO 2 Introduzione Guida: Fratelli e sorelle. Questa veglia ci mette in sintonia con tutta la Chiesa nel condividere l ascolto della Parola e la preghiera, ed ancor più ci aiuta a riscoprire

Dettagli

11 ottobre 18 ottobre 25 ottobre 1 novembre 8 novembre 15 novembre 22 novembre 29 novembre. Il segno dell Acqua. La comunità cristiana

11 ottobre 18 ottobre 25 ottobre 1 novembre 8 novembre 15 novembre 22 novembre 29 novembre. Il segno dell Acqua. La comunità cristiana Parrocchia Santi Giacomo - Schema per la catechesi dei Fanciulli: Tappa 11 ottobre 18 ottobre 25 ottobre 1 novembre 8 novembre 15 novembre 22 novembre 29 novembre 30 novembre I segni di Primo Anno Ci accoglie

Dettagli

«Il programma è Gesù,

«Il programma è Gesù, ATTIVISMO E CATECHESI Schede operative fotocopiabili per l incontro di catechesi Proposte per una catechesi attiva, visiva e narrativa «Il programma è Gesù, da conoscere, da amare, da imitare» (Nmi 29).

Dettagli