PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE 2012-2013"

Transcript

1 Parrocchia San Carlo Borromeo Pesaro PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE LE FINALITÀ DELL'INIZIAZIONE CRISTIANA Educare al pensiero di Cristo, a vedere la storia come Lui, a giudicare la vita come Lui, a scegliere e ad amare come Lui, a sperare come insegna Lui, a vivere in Lui la comunione con il Padre e lo Spirito Santo. In una parola, nutrire e guidare la mentalità di fede: questa è la missione fondamentale di chi fa catechesi a nome della Chiesa (RdC n. 38). L'iniziazione cristiana ha una profonda dimensione unitaria, pur essendo articolata a tappe, secondo una paziente pedagogia della fede, rispettosa delle caratteristiche e esigenze dei soggetti. - L'iniziazione cristiana per il fanciullo di 6/8 anni ha come finalità precisa quella di fondare in lui una gioiosa "coscienza filiale-battesimale" dinanzi alla scoperta di Dio Padre (cf. CdF/1 "Io sono con voi") - L'iniziazione cristiana per il fanciullo di 8/10 anni è tesa a fondare in lui una coscienza "penitenziale ed eucaristica", a partire da una catechesi di preparazione ai sacramenti della Penitenza ed Eucaristia e alle iniziali celebrazioni degli stessi sacramenti (cf. CdF/2 "Venite con me") - L'iniziazione cristiana per i ragazzi e le ragazze di 11/12 anni ha come compito di costruire in loro una "coscienza crismale" attenta alla voce ai doni dello Spirito, di cui il sacramento della Cresima è segno efficace (cf. CdR/1 "Sarete miei testimoni") LE CELEBRAZIONI LITURGICHE Componente fondamentale dell itinerario dell iniziazione, anche se non prima in ordine cronologico, è quella liturgica, dove emerge chiaramente che l iniziazione è opera di Dio, che salva l uomo, suscita e attende la sua collaborazione. La celebrazione non è collocata soltanto al termine del percorso iniziatico, quale punto culminate costituito dai tre sacramenti dell iniziazione; essa accompagna tutto l itinerario, diventando espressione della fede, accoglienza della grazia propria di ogni tappa, adesione progressiva al mistero della salvezza, fonte di catechesi, impegno di carità, preparazione adeguata al passaggio finale (CEI, Iniziazione cristiana/2, n. 36). 1

2 ITINERARI E TAPPE SPECIFICI PER OGNI GRUPPO DI CATECHISMO Presentiamo, in modo schematico, l itinerario di ogni gruppo di catechismo. 2ª elementare Tempo dell accoglienza Contenuto: Primo annuncio del vangelo e primi rudimenti della fede (io figlio; Dio Padre creatore; preghiere, le principali feste cristiane) Tappa o passaggio: Consegna del vangelo (prima domenica di maggio) 3ª elementare Tempo di preparazione alla Prima Confessione Contenuto: I Dieci Comandamenti, vangelo della misericordia e Sacramento della Confessione Tappa o passaggio: la celebrazione del sacramento della Confessione nella prima domenica di Pasqua 4ª elementare Tempo di preparazione alla Prima Comunione Contenuto: Padre nostro, parabole, cena del Signore e Sacramento dell Eucarestia. Tappa o passaggio: la celebrazione della Prima Comunione (ultima domenica di maggio). 5ª elementare Tempo della mistagogia: iscrizione al gruppo parrocchiale che si forma in vista del cammino della cresima Contenuto: Rivisitazione dei sacramenti in un contesto liturgico ed acquisizione di identità del nuovo gruppo che si forma, con esperienze pratiche e di conoscenza della vita parrocchiale. Celebrazioni: Firma di adesione al gruppo (terza domenica di maggio). 1ª media Tempo di preparazione remota - alla Cresima per coloro che hanno iniziato il cammino di gruppo Contenuto: La storia della salvezza, storia di un popolo. Celebrazioni: Consegna della Bibbia (seconda domenica di maggio). 2ª media Tempo di preparazione prossima - alla Cresima Contenuto: Atti degli Apostoli, Simbolo (Credo apostolico) e sacramento della Cresima. Celebrazioni: Consegna del Simbolo e iscrizione al gruppo dei cresimandi Tappa o passaggio: la celebrazione della Cresima (ultima domenica di maggio) 2

3 STRUTTURA DEGLI ANNI DI CATECHISMO Il primo anno che coincide con la seconda elementare è l anno di accoglienza. Anno a se stante dagli altri. Progetto catechismo 2 elementare 1. Prima settimana del mese incontro di primo annuncio per i genitori. Il Parroco con i catechisti dei bambini, presenta una catechesi col materiale per sviluppare a casa con i figli il tema proposto dalla catechesi. Lo sviluppo dei temi di catechesi con i genitori, per la catechesi in famiglia con i figli potrebbe essere il seguente: la fede che si esprime nella preghiera (ottobre); conoscere e ringraziare Dio nostro Padre (novembre); conoscere Gesù venuto in mezzo a noi (dicembre); stare con Gesù la domenica (gennaio); la buona notizia del Vangelo (febbraio); la Pasqua e il segno della croce (marzo) conoscere Maria, la mamma di Gesù (maggio). 2. Secondo sabato del mese: incontro di catechesi con i bambini con i catechisti che accompagnano sia in bambini, sia le loro famiglie (ore 15-16). 3. Quarta domenica del mese: dopo la messa delle incontro per genitori e bambini (verifica sul cammino del mese e sulla messa domenicale). Obiettivo di questo anno è l annuncio ai genitori e la conoscenza delle preghiere per i bambini nel ricordo del loro battesimo, della persona di Gesù e delle feste principali dei cristiani. Iniziazione alla Prima Comunione Con la terza elementare inizia il catechismo di preparazione ai sacramenti. La terza, la quarta elementare vanno considerati insieme, in un cammino unitario di preparazione ai sacramenti di Prima Confessione e Prima Comunione. Iniziazione alla Cresima Così la quinta elementare rappresenta un anno di passaggio, un tempo della Mistagogia e della vita di gruppo. Deve essere considerato come anno zero della preparazione alla cresima, attraverso le dinamiche della vita di gruppo e lo stile dell oratorio. La prima e la seconda media formano la preparazione alla Cresima. Si ha così questa struttura del progetto catechistico parrocchiale:

4 ATTIVITÀ ORATORIALI In alcuni periodi dell anno i fanciulli/ragazzi saranno invitati a sperimentare l Oratorio tematico. Cioè preparare e vivere insieme alcune feste (Epifania, carnevale, festa della mamma e del papà ). Nella seconda metà del mese di giugno si svolge il GREST (gruppo estivo) per i nostri bambini/ragazzi di catechismo. Esso si inserisce nel quadro di una formazione per la vita e non semplicemente per ricevere i sacramenti. Attraverso il gioco i bambini/ragazzi si educano alla vita comune e crescono nella dimensione umana e di fede. Alla fine di luglio c è la proposta del campo estivo, momento forte per il cammino di gruppo dei ragazzi e degli adolescenti. CATECHESI AI GENITORI Appare evidente che anche i genitori sono chiamati a cogliere l occasione e lasciarsi guidare dai figli nella riscoperta della fede. Durante l anno proponiamo un programma di catechesi specifico per loro. Il cammino per i genitori prevede un incontro di catechesi all inizio dell anno catechistico di presentazione del progetto, dei catechisti e delle tappe più importanti del cammino annuale. Per la seconda elementare vi è un progetto specifico che coinvolge le famiglie dei bambini. Per tutti saranno proposti due incontri di catechesi all inizio dei tempi forti dell avvento e della quaresima, in cui saranno presentati oltre a temi di carattere educativo, il tema specifico del cammino di catechismo in preparazioni alle feste di Natale e di Pasqua. Nel mese di maggio ci saranno incontri specifici per i genitori per preparare le celebrazioni conclusive dell itinerario di catechismo specifico dei singoli gruppi. LA MESSA DOMENICALE E necessario sviluppare un raccordo specifico far il catechismo e la liturgia domenicale. Accanto ai catechisti e inseriti nel gruppo dei catechisti sarà presente la figura dell animatore liturgico che sensibilizzerà animerà e coordinerà l animazione liturgica dei gruppi di catechismo e la sensibilità liturgica dei catechisti stessi. LA FORMAZIONE DEI CATECHISTI Si rende necessaria la partecipazione dei catechisti agli incontri di formazione e di coordinamento del gruppo dei catechisti che si riunisce ogni mese per programmare una proposta unitaria e condivisa di catechismo, e verificare i modi concreti di proporre ai bambini e ragazzi l annuncio della fede. Inoltre spetta al gruppo dei catechisti proporre iniziative specifiche per i tempi forti dell anno liturgico. Ai catechisti è richiesta una partecipazione attiva alla vita della Parrocchia cominciando dalla presenza alla Celebrazione Eucaristica della Domenica. La formazione spirituale del catechista richiede loro che vivano, secondo l età, un cammino di catechesi personale nella comunità cristiana. 4

5 SECONDA PARTE PROGRAMMII PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Il primo tempo della iniziazione cristiana : il Precatecumenato 1. Accoglienza: vicinanza alle persone e alla loro vita Accoglienza come stile di amare 1. L accoglienza delle giovani famiglie che potano i loro bimbi al catechismo deve essere sincera e fraterna, fatta di calore umano,di attenzione alla vita e alla storia personale delle giovani famiglie, di ascolto e rispetto degli interrogativi di ogni coppia cui si vuole donare il primo annuncio della fede. Siamo chiamati ad essere una chiesa vicina alle famiglie, che sa camminare con e accanto ad esse sulle strade dell oggi offrendo il vangelo di un Dio che si china sugli uomini, che ascolta le difficoltà, si inserisce nei loro cammini di ricerca, li anima con il suo Spirito, li chiama all alleanza e a dire, in modo peculiare, alla relazione uomo-donna nella famiglia, i tratti del suo amore fedele e fecondo. Vivere la vicinanza significa stare accanto alle persone, rispettare i loro ritmi e assecondarne i percorsi; ma significa anche abitare nello stesso luogo, borgo, quartiere, condominio e perciò conoscere i volti, le storie, le sofferenze, i bisogni di chi vi abita. In questa prospettiva è già inscritto un progetto insieme formativo e pastorale per intere comunità cristiane: educarci all accoglienza e alla fraternità. Accoglienza come accompagnamento 1.la scelta di accogliere genera un accompagnamento spirituale delle giovani famiglie che accompagnano il loro bambini per una prima esperienza di iniziazione alla fede. Un catechista del precatecumenato dovrebbe seguire più da vicino le famiglie, accoglierle quando accompagnano i bambini, far sentire loro amicizia e rispetto e chiedere a quelli che lo desiderano, di coinvolgersi per portare il loro contributo nella programmazione dei percorsi del precatecumenato. Ogni comunità può scegliere i gesti e i segni della accoglienza partendo dai carismi e dalle situazioni vitali di ogni esperienza di chiesa. Evangelizzazione: primo annuncio di Gesù Risorto Il primo annuncio, come dicono le parole, è la prima volta che si parla di Gesù a qualcuno. Il primo annuncio è un percorso di avvicinamento alla fede: fa nascere domande e propone la persona di Gesù come risposta. È una proposta che mette in condizione di decidersi e di accogliere il dono della fede. Fa nascere una fiducia radicale in Gesù morto e risorto. Spesso ci si chiede a chi rivolgere il primo annuncio e soprattutto quando è il momento migliore per annunciare! La comunità svolge un ruolo fondamentale nel primo annuncio: sostiene, consiglia e aiuta. 5

6 Fondamentale nel primo annuncio, insieme al sostegno della comunità, è la presenza dello Spirito Santo. Il modo più semplice ed efficace per diffondere la fede è, per i cristiani, la testimonianza della propria vita vissuta conformemente al vangelo. Il primo annuncio è quello su Gesù e la centralità della sua persona nella fede cristiana. Senza girarci attorno. Si articola in questi punti: -Gesù morto per amore e ora vivo, risorto - Gesù compimento delle promesse di Dio - Gesù risposta ai bisogni di salvezza della persona umana Dai catechisti del precatecumenato si esige la capacità narrativa di parlare di Gesù e di invitare a convertirsi a Lui e di rendersi capaci insieme di condivisione con le persone e di giudizio sulla realtà della vita per far emergere nelle persone il bisogno di salvezza. Occorre chiedere ai catechisti anche alcune attenzioni nel linguaggio religioso che usano con genitori e bambini -usare sempre un linguaggio che metta al centro Gesù risorto. Es: non dire preghiamo ma pensiamo con amore a Gesù e così via -mettere sempre Gesù vivo, risorto, davanti agli occhi e al cuore dei fanciulli e delle loro famiglie. Ogni volta che si accenna a Gesù sottolineare che lui è in mezzo a noi -E ovvio che questo impegna tutta la comunità e quanti in essa hanno doni e carismi per questo invitandoli a collaborare con i catechisti dei ragazzi dei quali uno della èquipe potrebbe curare in modo speciale le relazioni con le famiglie. Nel precatecumenato della iniziazione cristiana dei ragazzi, i bambini e le famiglie che incontrano per la prima volta la parrocchia dopo il battesimo, sono i destinatari naturali del primo annuncio per il quale è impegnata tutta la fraternità parrocchiale. Accanto a loro coinvolgere i nonni in alcune occasioni, i padrini del battesimo specie in alcune celebrazioni, famiglie di amici specie nei momenti di festa assieme. c. In concreto occorre un cambio di mentalità dei catechisti del biennio che si liberano dalla mentalità scolastica e decidono di lavorare insieme per un primo annuncio della fede ai ragazzi e alle famiglie ed un primo inserimento nella comunità parrocchiale. Certo servirà un appuntamento costante in parrocchia (settimanale o quindicinale) ma che è solo un momento del cammino formativo dove si ritrovano ragazzi di prima elementare, ragazzi di seconda ed eventualmente di terza che non hanno partecipato negli anni precedenti o desiderano prolungare il precatecumenato. -fare sentire accolti e amati tutti i bambini nella parrocchia con una attenzione delicata alla loro vita familiare. Non possiamo educare alla fede un bimbo di 6-7 anni senza neppure conoscere il suo contesto familiare. Il catechista responsabile delle famiglie potrebbe prima, assieme ai ministri ordinati, scrivere a tutte le famiglie, parlarne in Chiesa e poi nella sala di fraternità a quelli che vengono a Messa, organizzare un momento fisso 6

7 durante il quale avere la possibilità di parlare personalmente con alcuni, una festa d inizio percorso genitori, potrebbe recarsi a casa di alcuni di loro se c è qualche legame di vita ed approfittare ogni volta per salutare le mamme quando accompagnano i piccoli all incontro. Potrebbe dare un appuntamento in parrocchia in un pomeriggio per un caffè insieme. -specie nel primo anno portare bambini e genitori a ripensare, con linguaggio appropriato, il mistero del battesimo che li ha generati come cristiani, valorizzando i simboli e i ricordi, riprendendo quello che doveva essere la prima meta educativa degli anni 0-6: il senso religioso della vita. (Dio c è, mi vede, mi vuol bene, quando muoio sarò con lui) g. La domenica resta certo il punto focale di tutto il cammino ma non puntare alla messa domenicale come dovere primario dei bambini del biennio ed aiutarli piano piano ad una iniziazione alla Eucaristia. Quello che più conta è che i catechisti siano presenti la domenica un po prima dell orario per accogliere le famiglie che vengono a Messa, accompagnare i bimbi al loro posto 1. RICONOSCERE UNA PRESENZA 2ª elementare Tempo dell accoglienza Contenuto: Primo annuncio del Vangelo e primi rudimenti della fede (Io figlio; Dio Padre creatore; preghiere) Tappa o passaggio: Nessuna 1.1 Tematica generale Il primo anno di Catechismo va concepito come una fase di prima evangelizzazione. Come scrivono i Vescovi italiani negli orientamenti pastorali per il primo decennio del 2000, anche i fanciulli e i ragazzi che sono stati battezzati alla nascita su richiesta delle loro famiglie, hanno bisogno di essere interpellati dall annuncio del Vangelo nel momento in cui iniziano il loro cammino catechistico. Sempre più spesso, infatti, non si può presupporre quasi nulla riguardo alla loro educazione alla fede nelle famiglie di provenienza. L incontro con i catechisti diviene per i fanciulli una vera e propria occasione di prima evangelizzazione (Cf UCN, La formazione dei catechisti, 3). 1.2 Indicazioni catechistiche - Testi 1. Abbiamo un Padre, non siamo soli Catechismo: Io sono con voi, II capitolo 2. Padre mio, Padre nostro Catechismo: Io sono con voi 3. La vita di preghiera Angelus Padre nostro Ave Maria Gloria Angelo di Dio 2. COSA FARE PER AVERE LA VITA ETERNA 3ª elementare Tempo di preparazione alla Prima Confessione Contenuto: I Dieci Comandamenti; vangelo della misericordia e il Sacramento della Confessione Celebrazioni: la celebrazione del sacramento della Confessione 2.2 Indicazioni catechistiche - Testi In questo anno i bambini hanno come meta la Prima confessione. Allo scopo di ridestare nel bambino la coscienza morale è utile cominciare con la spiegazione dei 7

8 Diedi comandamenti. Una trattazione che può svilupparsi, come tempo, fino a Natale. La seconda parte dell anno ci si soffermerà sul sacramento della Confessione, avendo cura di sottolineare il sacramento nella sua fondazione biblica. Programma indicativo relativo al sacramento della Penitenza 1. L abbraccio del Padre Partendo dalla parabola del Padre misericordioso si può introdurre i fanciulli al tema dell amore di Dio per l uomo, al suo chinarsi sulle sue ferite, al suo abbraccio per chi umilmente si riconosce peccatore e quindi bisognoso d amore. Cf. Lc 15, Fondazione biblica La necessità della Confessione Sacramentale, così com è prevista dalla Chiesa può essere introdotta a partire dalla fondazione biblica del Sacramento (Gv 20, 21 23) e accompagnata dai gesti di perdono di Cristo verso le diverse categorie di persone (paralitico, la Maddalena, l adultera...). 3. Dottrina sulla Confessione Cos è la Confessione? Quante e quali cose si richiedono per fare una buona Confessione? Il Peccato Definizione: è un offesa fatta a Dio disobbedendo alla sua Legge. Il peccato lo si può commettere in quattro modi: coi pensieri, con le parole, con le opere e le omissioni. Risulterà necessario, insistere discretamente sulla distinzione tra peccato mortale, peccato grave e peccato veniale. 5. Preghiere di riparazione Atto di dolore e O Gesù d amore acceso; Testi di riferimento Catechismo della Chiesa Cattolica: nn.1422>1498;385 > 421;1846 > 1876 Rituale per la Celebrazione del Sacramento Piccolo catechismo sul sacramento della Penitenza, ESD 3. IL PANE DELLA VITA 4ª elementare Tempo di preparazione alla Prima Comunione Contenuto: Padre nostro e Sacramento dell Eucarestia. Celebrazioni: la celebrazione della Prima Comunione. 3.1 Tematica generale «L Eucaristia è fonte e culmine di tutta la vita cristiana. Nell Eucaristia toccano il loro vertice l azione santificante di Dio verso di noi e il nostro culto verso di lui. Essa racchiude tutto il bene spirituale della Chiesa: lo stesso Cristo, nostra Pasqua. La comunione della vita divina e l unità del popolo di Dio sono espresse e prodotte dall Eucaristia. Mediante la celebrazione Eucaristica ci uniamo alla liturgia del cielo e anticipiamo la vita eterna» (CCCc 274). Nel contesto catechistico «la santa Eucaristia completa l iniziazione cristiana. Coloro che sono stati elevati alla dignità del sacerdozio regale per mezzo del battesimo e sono stati 8

9 conformati più profondamente a Cristo mediante la Confermazione, attraverso l Eucaristia partecipano con tutta la comunità alla stesso sacrificio del Signore» (CCC n. 1322). L Eucaristia è la Preghiera della Chiesa, nella quale occupa un posto tutto particolare il Padre nostro «consegnato nel battesimo per manifestare la nuova nascita alla vita divina dei figli di Dio. L Eucaristia ne rivela il senso pieno, poiché le sue domande, fondandosi sul mistero della salvezza già realizzato, saranno pienamente esaudite alla venuta del Signore (CCCc 581). Il Padre Nostro è la preghiera per eccellenza. «Dopo che il Signore ci ebbe trasmesso questa formula di preghiera, aggiunse: Chiedete e ottenete (Gv 16,24). Ognuno può, dunque, innalzare al cielo preghiere diverse secondo i propri bisogni, però incominciando sempre con la Preghiera del Signore, la quale resta la preghiera fondamentale» (CCC n. 2761). 3.2 Indicazioni catechistiche - Testi Due i temi da trattare: la Preghiera del Signore e il Sacramento dell Eucaristia. La prima parte dell anno fino a Natale ci si soffermerà sulla Preghiera del Signore, cioè il Padre nostro, che è la sintesi di tutto il Vangelo. La seconda parte dell anno è dedicata alla spiegazione del sacramento dell Eucaristia. La consegna (traditio) della Preghiera del Signore serve a dare l imput alla vita di preghiera dei comunicandi. Sono iniziati alla preghiera personale e attraverso l Eucaristia alla preghiera della Chiesa. I due temi Preghiera-Eucarestia si compenetrano a vicenda. Programma indicativo relativo al Sacramento dell Eucaristia: 1. Fondazione biblica Lettura dinamica e spiegazione dei racconti della Cena (Mt 26,20 ss / Mc 14,17 ss / Lc 22,14 ss). Volontà di Gesù a rimanere con noi! 2. Eucaristia La celebrazione; La preparazione; Entrare in chiesa (rispetto del luogo silenzio) I Gesti (stare in piedi, in ginocchio, seduti...) L accoglienza (i riti di introduzione) Riconoscere una Presenza che ama (Atto penitenziale) Egli parla (La Liturgia della Parola) Egli insegna per la vita (L omelia e il Credo) Egli provvede a noi (La presentazione dei Doni) Egli si rende presente (La Consacrazione) Egli ci riunisce (Il Memoriale) Egli si dona (la Comunione) Ringraziamento (personale e comunitario) La Missione (riti conclusivi) La Domenica Questo tema sarà ancora più approfondito il prossimo anno come catechesi mistagogica. 4. Come si riceve l Eucaristia? Spiegazione della Comunione in bocca e sulle mani. 5. L adorazione Importanza del trovare momenti di adorazione personale davanti all Eucaristia durante la settimana! Anche questo è obbedire ad un invito di Cristo: venite in disparte a riposarvi un poco. Testi di riferimento Catechismo della Chiesa Cattolica: nn Piccolo Catechismo Eucaristico, ESD 19 9

10 4. SE CONOSCESSI IL DONO DI DIO 5ª elementare Tempo della mistagogia e del gruppo Contenuto: Rivisitazione dei sacramenti in un conte sto liturgico. Celebrazioni: Consegna del Giorno del Signore. Tappa o passaggio: Nessuna 4.1 Tematica generale Il Vangelo di riferimento è La samaritana. La mistagogia è la spiegazione dei Misteri. Non la spiegazione della struttura esterna dei sacramenti ma bensì la conoscenza interiore, la capacità di mettersi in relazione con ciò che i segni indicano come il significato di tutto: Dio, il Mistero. Questo tempo, quindi, si presenta come il completamento degli anni di preparazione alla Prima Comunione. L Eucaristia ha bisogno di essere vissuta nella pienezza e i bambini, a questa età, possono comprenderla sufficientemente. Si tratta di iniziare a vivere la Domenica come giorno del Signore. Il programma partirà da una sintesi dei Sacramenti per fermarsi al sacramento per eccellenza che è l Eucaristia. Anche le preghiere cristiane meritano un approfondimento misterico. 4.2 Indicazioni catechistiche - Testi Almeno nei tempi liturgici forti (Avvento-Natale; Quaresima- Pasqua) i bambini vengono preparati all Eucaristia approfondendo, nell ora di catechismo, la liturgia della Parola della Domenica successiva. Gli altri incontri di catechismo saranno dedicati all approfondimento della preghiera e ad esperienze cristiane. Un itinerario mistagogico si fonda su tre elementi essenziali: l interpretazione dei riti alla luce degli eventi biblici in conformità alla tradizione della chiesa; la valorizzazione dei segni; il significato dei riti in vista dell impegno cristiano nella vita Testi di riferimento La Messa della famiglia, ed. isg, Città di Castello 2002 Giorgio De Capitani, Nel Nome del Padre, elledici- Velar Foglietti della domenica dei bambini LA CREAZIONE DI UN POPOLO 1ª media Tempo di preparazione remota - alla Cresima Contenuto: La storia della salvezza. Celebrazioni: Consegna della Bibbia in una paraliturgia del sabato. Tappa o passaggio: Nessuna 5.1 Tematica generale Si ha la percezione di quanto sia faticosa la vita, quando si deve andare a guadagnarsi il pane per vivere. Si riconosce quanto siano importanti i genitori e una famiglia che ti sostiene quando non li hai più... Dev essere 10

11 stata la stessa esperienza del figlio minore della parabola del Padre misericordioso: nella casa del padre non mancava nulla; perfino i servi godevano della paternità del padrone e, in virtù di quella, della famigliarità con gli altri membri. Certo, a volte c era da litigare con qualcuno: ma che bello, poi, riconciliarsi e festeggiare. Similmente è la Chiesa per i Cristiani: una Compagnia nella Quale si sta bene, anzi che ci fa da madre e padre nello stesso tempo. Tale realtà è un filo rosso che passa attraverso tutta la Sacra Scrittura: dal Genesi all Apocalisse. In ogni pagina della Bibbia scopriamo la volontà di Dio di fare di tutti gli uomini un solo Popolo. L Antico Testamento è un continuo richiamo alla volontà di Dio di fare, salvare, seguire, educare il suo Popolo. L avvento di Gesù è la testimonianza più grande di questa volontà di Dio. Con Cristo nasce il nuovo popolo: il Popolo della nuova ed eterna Alleanza. I Dodici apostoli richiamano le dodici tribù d Israele, ma ne divengono le colonne portanti sulle quali altre aggregazioni di credenti sorgono. Da Cristo agli Apostoli, dagli Apostoli al mondo: un unico Pastore che raccoglie attorno a sé il suo Gregge. La Chiesa è dunque Popolo di Dio, è la tenda sotto la Quale ogni battezzato trova rifugio e sicurezza perché è la tenda del Pastore sommo! Ai bambini risulterà interessante ripercorrere, anche se non sostando a lungo, l Antico Testamento: la storia del popolo di Dio in esso narrata affascina, coinvolge nella misura in cui noi per primi ce ne sentiamo partecipi! Percorrere quella storia aiuterà a comprendere a come si è giunti alla Chiesa, così come noi la viviamo, o dovremmo vivere... ma anche aiuta a comprenderci come Popolo. 5.2 Indicazioni catechistiche - Testi 1. La Chiesa nell A.T. Adamo ed Eva: creati per fare un popolo a Dio! Noé e l arca. La promessa fatta ad Abramo. Mosé guida di un Popolo. Il Popolo d Israele Le dodici Tribù 2. La Chiesa nel N.T. Gesù parla del Regno e nasce la Chiesa Regno di Dio \\ Chiesa La scelta e la predilezione dei dodici Apostoli La Pentecoste come evento fondativi della Chiesa Andate e Annunciate : la missione della Chiesa (Mt 28) Le prime Comunità Cristiane (Atti degli Apostoli) Il processo di istituzionalizzazione della Chiesa (gerarchia: vescovi - presbiteri diaconi - laici, ministeri e carismi...) Il Primato di Pietro Testi di riferimento: Bibbia Catechismo della Chiesa Cattolica nn

12 Catechismo degli Adulti, cap IO CREDO: LO SPIRITO CI RENDE TESTIMONI 2ª media Tempo di preparazione prossima - alla Cresima Contenuto: Simbolo (Credo apostolico) e Sacramento della Cresima. Celebrazioni: 1. Consegna del Simbolo la II domenica di Avvento 2. Riconsegna del Simbolo la II domenica di Quaresima. Tappa o passaggio: la celebrazione della Cresima. 6.1 Tematica generale E l anno in cui i ragazzi riceveranno il sacramento della Cresima, sacramento che rende forti per testimoniare la fede. La fede della Chiesa che è anche la mia fede. La prima parte dell anno è dedicato all approfondimento della Professione di Fede o Credo. Riprendere i singoli articoli di fede in modo profondo significa ripassare tutto l iter catechistico dei primi cinque anni. La scommessa è aiutare i ragazzi a riscoprire, come novità che dà la vita, la fede della chiesa. Io oggi posso rinnovare le promesse battesimali attraverso una nuova consapevolezza. La seconda parte dell anno è dedicato al sacramento della Cresima. All opera dello Spirito Santo nella storia della salvezza. Ai sette doni dello Spirito. Alla struttura del sacramento. 6.2 Testi di riferimento: parte prima Catechismo della Chiesa Cattolica Al centro della nostra fede del Card. Schonbörn edito dalla Jaka Book. Io Credo del Card. Biffi, edito dalla jaka Book. 6.3 Indicazioni catechistiche Testi: parte seconda 1. Rito della Confermazione - Presentazione generale del Rito (pp.24 30) - Analisi strutturale della Celebrazione - Lettura e riflessione sull allocuzione (pp.59-60) - Rinnovo delle Promesse: analisi - Il segno dell imposizione delle mani. - La preghiera d invocazione. Dall analisi di questa preghiera si possono, utilmente e approfonditamente, spiegare i doni dello Spirito Santo. - Ricevi il Sigillo... Perché questo segno, perché un sigillo... a suggellare cosa? Gli impegni della Confermazione. 2. L opera dello Spirito Risulta dalla celebrazione che l effetto del sacramento della Confermazione è la piena effusione dello Spirito Santo, come già fu concessa agli Apostoli il giorno di Pentecoste. Ne deriva che la Confermazione apporta una crescita e un approfondimento della grazia battesimale:-ci radica più profondamente nella filiazione divina grazie alla quale diciamo: «Abbà, Padre»; -ci unisce più saldamente a Cristo;- aumenta in noi i doni dello Spirito Santo (i sette doni); -rende più perfetto il nostro legame con la Chiesa; -ci accorda «una speciale forza dello Spirito Santo» per «diffondere e difendere con la parola e con l azione la fede, come veri testimoni di Cristo», per «confessare coraggiosamente il nome di Cristo» e per non vergognarsi mai della sua croce. 12

13 Testi di riferimento: Il Rito della Confermazione. Catechismo della Chiesa Cattolica nn Il sacramento della Confermazione. Per i cresimandi, ESD. 22 TERZA PARTE CELEBRAZIONI LITURGICHE Celebrazione per la consegna del Vangelo ai bambini di III elementare - schema primo Celebrante. Si presentino coloro che quest anno iniziano il cammino di fede come discepoli di Gesù. La catechista presenta uno per uno i bambini chiamandoli per nome. Il bambino risponde: Eccomi! Celebrante: Cari fratelli la nostra comunità gioisce nel vedere tanti bambini che si preparano a ricevere i sacramenti dell Iniziazione cristiana. E un dono che Dio ci fa, preghiamo di essere degni di generare alla fede questi nostri figli. Tutti rispondono: Rendiamo grazie a Dio! Celebrante: Voi bambini, promettete di partecipare volentieri e con impegno al catechismo, ascoltare la parola di Gesù e obbedire ai catechisti? I bambini rispondono: Lo promettiamo! Celebrante: E voi genitori, siete disposti ad accompagnare i vostri figli nel cammino di fede, accogliendo anche voi la proposta di catechesi che la parrocchia propone per aiutarvi nella vostra missione? I Genitori rispondono: Si, lo siamo! Celebrante: Cari bambini volete essere felici? I bambini rispondono: Si, lo vogliamo? Celebrante: Ricevete il Vangelo, la buona notizia che Dio vi ama e vuole la vostra felicità. Celebrante: Preghiamo. O Dio nostro Padre, volgi il tuo sguardo su questi ragazzi e sui loro genitori, che sono decisi a fare insieme un cammino di fede: sostieni le loro volontà perché abbiano la forza di essere fedeli agli impegni presi davanti a te. Per Cristo nostro Signore. Amen Celebrante: E ora nella gioia esprimiamo la nostra amicizia con Dio e tra noi scambiandoci un segno di pace. 25 Celebrazione per la consegna del Vangelo ai bambini di III elementare - schema secondo Celebrante: Si presentino coloro che quest anno iniziano il cammino di fede come discepoli di Gesù. La catechista presenta uno per uno i bambini chiamandoli per nome. Il bambino risponde: Eccomi! 13

14 Celebrante: Cari fratelli la nostra comunità gioisce nel vedere tanti bambini che si preparano a ricevere i sacramenti dell Iniziazione cristiana. E un dono che Dio ci fa, preghiamo di essere degni di generare alla fede questi nostri figli. Tutti rispondono: Rendiamo grazie a Dio! Celebrante: Cari bambini volete essere felici? I bambini rispondono: Si, lo vogliamo? Celebrante: Ricevete il Vangelo, la buona notizia che Dio vi ama e vuole la vostra felicità. Dopo aver ricevuto il Vangelo i bambini si uniscono ai loro genitori e insieme pregano: Signore Gesù, noi ci impegniamo a partecipare con fedeltà al catechismo, per conoscerti sempre meglio e imparare ad amare come tu hai amato, a pregare come tu hai pregato, a vivere come tu hai vissuto. Celebrante: O Padre, sostieni con la tua grazia questi tuoi figli nel cammino di fede che oggi iniziano e accompagnali con la tua benedizione. Per Cristo nostro Signore. Amen Celebrante: E ora nella gioia esprimiamo la nostra amicizia con Dio e tra noi scambiandoci un segno di pace. 26 Celebrazione per la Consegna del Simbolo (Traditio simboli) Rinnovo delle promesse battesimali per i ragazzi che si preparano alla Cresima 1. RITI INIZIALI Guida: Siamo riuniti genitori, figli, catechisti e tutta la comunità parrocchiale sotto la presidenza del parroco. Quando voi ragazzi siete nati, i vostri genitori hanno voluto che foste battezzati. Poi vi hanno iscritti al catechismo. Ora, ormai vicini alla vostra piena partecipazione alla vita della Comunità, celebreremo il Signore che continua a darvi la fede per mezzo di loro. Perciò la celebrazione sarà un ricordo vivo di quello che un giorno avvenne presso il cero pasquale e il fonte battesimale. C. La pace e la gioia di Cristo risorto siano con tutti voi. T. E con il tuo spirito Guida: Siamo attorno al fonte battesimale e al cero pasquale. Questo cero, che ora accenderemo, rappresenta Gesù Cristo. Egli è vivo in mezzo a noi. Una catechista accende il cero. Preghiamo Signore Gesù, che oggi hai riunito qui genitori, figli e catechiste, ti chiediamo di aiutarci a crescere come te: in età, sapienza e grazia; ad ascoltare la tua Parola, che ci indica il cammino; a testimoniare la nostra fede in te, che vivi e regni con il Padre, nell unità delle Spirito santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen 2. BENEDIZIONE DELL ACQUA C. Benedetto sei tu, Dio, Padre onnipotente: hai creato l acqua che purifica e dà vita. T. Benedetto nei secoli il Signore. 14

15 C. Benedetto sei tu, Dio, unico Figlio, Gesù Cristo: hai versato dal tuo fianco acqua e sangue, perché dalla tua morte e risurrezione nascesse la Chiesa. T. Benedetto nei secoli il Signore. C. Benedetto sei tu, Dio, Spirito Santo: hai consacrato il Cristo nel battesimo del Giordano perché noi tutti fossimo in te battezzati. T. Benedetto nei secoli il Signore. C. Vieni con la tua potenza, o Padre, e santifica quest acqua, perché, grazie ad essa, noi tutti veniamo rigenerati dalla grazia del battesimo che ci ha redenti. Amen RINNOVO DELLE PROMESSE BATTESIMALI Una mamma: Quando siete nati, noi, vostri genitori, abbiamo voluto che foste battezzati. Abbiamo sempre scelto le cose migliori per voi, e questa la ritenemmo una scelta molto importante. Fu una decisione che prendemmo in vostro nome. Desideravamo che condivideste con noi tutto, anche la fede. Perciò vi abbiamo poi insegnato a chiamare Dio «Padre» e a vivere come il suo Figlio Gesù. Desideriamo che entriate pienamente a far parte del gruppo dei suoi discepoli, della Chiesa. Vi abbiamo iscritti al catechismo perché, con l'aiuto di altri cristiani, andaste crescendo nella fede. Ora, ormai vicini alla vostra Confermazione, vogliamo dirvi che siamo molto contenti. Vogliamo accompagnarvi nel cammino che avete iniziato, e lo faremo con un gesto, lo stesso che abbiamo fatto il giorno del vostro battesimo. I genitori si avvicinano al cero pasquale, accendono da esso la loro candela e si dispongono in semicerchio davanti ai loro figli, pure in semicerchio. C. Cari ragazzi e ragazze, prima di ricevere dai vostri genitori la luce, segno della fede, nella quale essi desiderano che continuiate a vivere, ascoltate ancora una volta le parole della fede per mezzo della quale abbiamo ricevuto la nuova vita in Dio e che insieme professiamo: Poi il celebrante dà inizio alla recita del Simbolo, dicendo: Io credo in Dio, Padre onnipotente, e prosegue insieme con la comunità dei fedeli: creatore del cielo e della terra; e in Gesù cristo, suo unico Figlio, nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto; discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, 15

16 siede alla destra di Dio Padre onnipotente; di là verrà a giudicare i vivi e i morti. Credo nello Spirito santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione dei santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne, la vita eterna.. Amen. I cresimandi insieme Questa è la fede della Chiesa, questa è la fede che noi abbiamo ricevuto e che ci gloriamo di professarla in Cristo Gesù nostro Signore. Amen. Ciascuno dei cresimandi intinge la mano nel fonte e fa il segno della croce 28 C: (ai genitori) Cari genitori se ritenete i vostri figli capaci di accogliere la fede e di continuare in essa, questo è il momento di trasmetterla. È un bel gesto, con il quale esprimete la vostra fiducia in loro. Potete aggiungere qualche parola di incoraggiamento, di fiducia, di impegno... Consegnate la luce di Cristo! Preghiamo Signore, mediante il battesimo ci hai resi membri della famiglia cristiana: fa' che questi fanciulli che hanno ricevuto la fede la sappiano vivere con gioia nella vita quotidiana. E ai loro genitori concedi di continuare a dare testimonianza del tuo amore. Per Cristo nostro Signore. Amen. Celebrazione di ammissione alla Comunione Eucaristica. Consegna della croce e iscrizione del nome Il catechista: Reverendo padre, prossimi alla celebrazione della Prima comunione, questi bambini chiedono di essere ammessi al Banchetto Eucaristico, per partecipare pienamente alla comunione della Chiesa. Celebrante: Si facciano avanti i candidati all Eucaristia con i loro genitori. Celebrante: La comunità cristiana è lieta di accogliere questi bambini, ma desidera assicurarsi se sono idonei a ricevere la Prima comunione Rivolto ai catechisti: Chiedo a voi catechisti di dare la vostra testimonianza: Hanno ascoltato fedelmente la parola di Dio annunziata dalla Chiesa? Catechisti: Si. Celebrante: Hanno cominciato a camminare davanti a Dio, mettendo in pratica la parola che hanno ascoltato? Catechisti: Si. 16

17 Celebrante: Sono stati in fraterna comunione con voi e hanno partecipato con voi alla preghiera? Catechisti: Si. Celebrante: Rivolto ai genitori: E voi genitori notate nei vostri figli i segni della fede: la buona volontà di venire a catechismo, l impegno della preghiera e la gioia nel dare? Genitori: Si. Celebrante: Siete disposti ad accompagnare i vostri figli nel cammino di fede, vivendo con essi la Messa domenicale e ascoltando la Parola di Dio che ci educa alla vita? Genitori: Si. Celebrante: Ora mi rivolgo a voi bambini: Volete amare Gesù come lui vi ha amati? I bambini: Si, lo vogliamo. Celebrante: Volete con tutto il cuore ricevere Gesù, presente nel pane e nel vino? I bambini: Si, lo vogliamo. Celebrante: Cari bambini la nostra comunità cristiana vi ritiene degni di partecipare alla Comunione Eucaristica. Ai bambini viene consegnata la croce. 30 Celebrante: Ricevete la croce, segno dell amore di Dio, portatela con fierezza. Fate tutto per amore di Gesù. Dopo aver consegnato la croce singolarmente e in silenzio, il celebrante dice ai bambini Gesù vi ama,egli vuole darvi il pane disceso dal cielo che porta con sé ogni dolcezza. I nomi, di chi lui ama, sono scritti nel cielo. Dite allora il vostro nome. I bambini uno per uno pronunciano a chiara voce il proprio nome e poi lo segnano essi stessi nel libro della vita. 31 Celebrazione per la consegna della Preghiera del Signore 1. INTRODUZIONE Canto P. Nel nome del Padre T. Amen P. Il Signore abiti nei nostri cuori T. Ora e sempre P. Preghiamo. Signore Dio nostro, che abiti nell alto de cieli e che ami essere chiamato Padre, volgi lo sguardo su di noi riuniti nel nome del tuo Figlio, il Signore Gesù. Donaci il tuo spirito, il maestro della nostra preghiera perché possiamo sempre pregarti nel suo nome. Egli è Dio e vive e regna per tutti i secoli dei secoli. T. Amen 2. LETTURA DEL VANGELO: Mt 6, 5-6 [Catechesi]; 6, 7-14 [Catechesi]; 7, 7-11 [Catechesi] [1.Come pregare? = dentro la camera 2.Cosa dire? = Padre nostro 3.Quando pregare? = sempre] 3. CONSEGNA DELLA PREGHIERA DEL SIGNORE I ragazzi si alzano in piedi. Ciascun ragazzo si avvicina a chi presiede e riceve una pergamena con 17

18 il Padre Nostro e il libro delle preghiere del cristiano. P. N. ti consegniamo la preghiera che Gesù ci ha insegnato. Imparala, meditala e conservala nel tuo cuore. Recitala ogni giorno con fiducia e vivi da vero/a figlio/a di Dio. T. Amen. P. E ora tutti insieme preghiamo come Gesù ci ha insegnato. Padre Nostro Alla fine della preghiera chi presiede stende le mani sui ragazzi. P. Signore Gesù, guida questi ragazzi con la luce del tuo spirito a scoprire il vero volto di Dio, a sentirlo vicino come un Padre, a fidarsi sempre di Lui e invocarlo come tu ci hai insegnato. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli. Amen 4. BENEDIZIONE P. Ci benedica e ci custodisca sempre nel suo amore Dio Padre e Figlio e Spirito Santo. T. Amen. 32 Celebrazione per la consegna della Bibbia ai ragazzi di prima media 1. INTRODUZIONE P. Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo T. Amen. I Chi presiede introduce la celebrazione con queste parole o altre simili P- Il nostro Dio è un Dio che parla, questa è la cosa straordinaria del Dio di Israele, del Dio che è stato rivelato da Gesù di Nazaret. La nostra fede è quindi la fede in un Dio che ha parlato, in un Dio che parla, in un Dio che, ancora oggi, attraverso la sua Parola si fa conoscere, chiama, interpella, orienta e modella la vita di chi lo ascolta. Ed è la comunità che trasmette ai suoi figli la Parola della Vita; tutti sono chiamati ad impegnarsi ad un maggior ascolto della Parola di Dio, e a pregarla nella grande famiglia parrocchiale. A voi, ragazzi e ragazze di prima media, che quest anno iniziate il cammino di preparazione alla Cresima, oggi viene affidato in special modo questo compito, attraverso il dono della Sacra Scrittura. Lasciate che la Parola di Dio vi guidi, vi sostenga, illumini la vostra strada verso il Sacramento della Confermazione, che vi renderà testimoni gioiosi di Gesù risorto. 2. LITURGIA DELLA PAROLA CANTO AL VANGELO (durante il canto viene portata all ambone la Parola) Come la pioggia e la neve scendono giù dal cielo e non vi ritornano senza irrigare e far germogliare la terra. Così ogni mia parla non ritornerà a me senza operare quanto desidero, senza aver compiuto ciò per cui l avevo mandata, ogni mia Parola, ogni mia Parola. Dal Vangelo di Matteo (7,24-27) 18

19 ( ) Chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, è simile a un uomo saggio che ha costruito la sua casa sulla roccia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa non cadde, perché era fondata sopra la roccia. Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, è simile a un uomo stolto che ha costruito la sua casa sulla sabbia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde, e la sua rovina fu grande Breve riflessione del celebrante MEDITAZIONE Un catechista legge questa preghiera Molte tempeste ci sovrastano, ma non abbiamo paura di essere sommersi, perché siamo fondati sulla roccia. Infuri pure il mare, non potrà sgretolare la roccia. Ho con me la sua Parola: questa è il mio bastone, la mia sicurezza, il mio porto tranquillo. Anche se tutto il mondo è sconvolto, ho tra le mani la Scrittura, leggo la Parola. Essa è la mia sicurezza e la mia difesa. 4. CONSEGNA DELLA BIBBIA Tutti in piedi. Il presidente si rivolge ai ragazzi dicendo: P. Cari ragazzi, oggi la vostra comunità, attraverso le mie mani, vi affida il libro della Parola di Dio. Accoglietela con docilità, meditatela nel vostro cuore e lasciate che Essa orienti la vostra vita verso ciò che è buono e porti frutti di fede e di amore. Siete disposti ad impegnarvi in questo? R. Si, con l aiuto di Dio, lo promettiamo. P. Ricevete la Sacra Scrittura, punto di riferimento del vostro cammino di fede. R. Amen. P. Consegna la Bibbia R. Fanno il bacio di reverenza e la ricevono 5. PREGHIERA FINALE I ragazzi tutti insieme pregano: Signore Dio, da sempre Tu hai parlato ai Tuoi amici per farti conoscere; hai parlato ad Abramo, a Mosè, ai profeti, al Tuo stesso Figlio Gesù. Ancora oggi Tu continui a parlare a chi Ti vuole ascoltare. Le parole sacre della Bibbia sono parole di vita anche per noi. Aiutaci, Signore, perché, pur distratti dalle mille voci d ogni giorno, sappiamo sempre riconoscere la Tua voce che ci parla. Amen. PREGHIERA FINALE (letta da tutti i ragazzi) Signore Dio, 19

20 da sempre Tu hai parlato ai Tuoi amici per farti conoscere; hai parlato ad Abramo, a Mosè, ai profeti, al Tuo stesso Figlio Gesù. Ancora oggi Tu continui a parlare a chi Ti vuole ascoltare. Le parole sacre della Bibbia sono parole di vita anche per noi. Aiutaci, Signore, perché, pur distratti dalle mille voci d ogni giorno, sappiamo sempre riconoscere la Tua voce che ci parla. Amen. 35 Celebrazione per la consegna dei comandamenti Dalla Guida per l itinerario catecumenale dei ragazzi Che cosa devo fare per vivere? Al centro ci sia un posto dove collocare le due tavole della legge, su cui sono scritti i comandamenti. Ci siano anche tante piccole tavole o piccole pergamene su cui sono scritti i comandamenti, da consegnare a tutti i ragazzi. 1. INTRODUZIONE Canto P. Nel nome del Padre T. Amen. P. Il Signore abiti nei nostri cuori T. Ora e sempre. P. Preghiamo O Dio, nostro creatore e liberatore, tu hai dato leggi sapienti ad ogni creatura e tutte obbediscano al tuo volere. Davanti ad ogni uomo che nasce, tu poni il bene e il male, la benedizione e la maledizione, la vita e la morte e lo solleciti a scegliere ciò che è bene per vivere felice alla tua presenza. Fa che ogni uomo arrivi a conoscere la legge che tu hai scritto nei nostri cuori, la segua fedelmente e sia colmato di tutte le tue benedizioni. Per il nostro Signore Gesù Cristo T. Amen. 2. LITURGIA DELLA PAROLA LETTURE Dal libro dell Esodo (20,1-21) Chi presiede porta al centro le due tavole su cui sono scritti i comandamenti e le commenta brevemente. CANTO AL VANGELO (Mt 5,9) Alleluia. Chi osserverà questi comandamenti E li insegnerà agli uomini, sarà considerato grande nel regno dei cieli. 36 Alleluia. VANGELO 20

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio Preghiera per le vocazioni Ti preghiamo, Signore, perché continui ad assistere e arricchire la tua Chiesa con il dono delle vocazioni. Ti preghiamo perché molti vogliano accogliere la tua voce e rallegrino

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione.

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Eugenio e Chiara Guggi (tramite le parole di Benedetto XVI) Il laico dev essere

Dettagli

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE AI PRESBITERI E AI DIACONI AI FRATELLI E ALLE SORELLE DI VITA CONSACRATA AI FEDELI LAICI E A TUTTI GLI UOMINI E LE DONNE DI BUONA VOLONTÀ DI QUESTA NOSTRA

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma ANNO PASTORALE 2014/2015 N 7 - VIA DEL CROCIFISSO, 17 - RIMINI - TEL. 0541 770187 www.crocifisso.rimini.it SS. MESSE IN PARROCCHIA ORARIO (in vigore dal 29 Marzo) Feriali: ore 8 Venerdì ore 8-18 Prefestiva:

Dettagli

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia Il Credo del Popolo di Dio è una Professione di Fede che Paolo VI ha formulato e presentato il 30 giugno

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE 1 Reverendissimo P. Abate, Reverendi Presbiteri, Diaconi, Religiosi, Reverende Religiose, cari Seminaristi, amati fedeli Laici, siamo convocati nella Chiesa Cattedrale,

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo Obiettivo generale: L'incontro di questa domenica è incentrato sul cammino del discernimento della

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

ANNUNCIO E CATECHESI PER LA VITA CRISTIANA

ANNUNCIO E CATECHESI PER LA VITA CRISTIANA Conferenza Episcopale Italiana Commissione Episcopale per la dottrina della fede, l annuncio e la catechesi ANNUNCIO E CATECHESI PER LA VITA CRISTIANA Lettera alle comunità, ai presbiteri e ai catechisti

Dettagli

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005

3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 Mi ha mandato a portare il lieto annuncio ai poveri a promulgare l anno di misericordia del Signore PACE CON GLI UOMINI compassione e giustizia 3a domenica di avvento 11 dicembre 2005 ACCOGLIENZA Nel nome

Dettagli

ENTRÒ PER RIMANERE CON LORO (Lc 24,29)

ENTRÒ PER RIMANERE CON LORO (Lc 24,29) QUARESIMA-PASQUA 2015 ENTRÒ PER RIMANERE CON LORO (Lc 24,29) Tutte le opere dell'uomo proseguono inesorabilmente condotte dal tempo che mai si arresta. Anche l'anno pastorale corre veloce sui binari della

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Veglia nella notte del S. Natale 2012 Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Il Santo Padre ha dedicato quest'anno liturgico alla Fede e noi in questa veglia che precede la S. Messa di Natale

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo PREGHIERA La Tua Parola, Signore, è Verità perenne, la Tua Parola è vita piena, immortale. Nella tua sequela camminerò, nella luce che emana dalla tua Presenza dirigerò spedito i miei passi. Alla tua sorgente

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

L amore più grande I II III. Anno Pastorale 2014-2015

L amore più grande I II III. Anno Pastorale 2014-2015 L amore più grande Anno Pastorale 2014-2015 I II III Arcidiocesi di Torino Curia Metropolitana via Val della Torre, 3 10149 Torino (To) Tel. 011 5156300 www.diocesi.torino.it L amore più grande Anno Pastorale

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

DIO EDUCA IL SUO POPOLO

DIO EDUCA IL SUO POPOLO DIOCESI DI TRIESTE DIO EDUCA IL SUO POPOLO in preparazione della 62 ma Settimana Liturgica Nazionale Messaggio 1. A voi tutti, fratelli e sorelle che siete la Chiesa di Cristo a Trieste, giunga, da chi

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

LETTERA DEI VESCOVI PER LA RICONSEGNA DEL TESTO IL RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI

LETTERA DEI VESCOVI PER LA RICONSEGNA DEL TESTO IL RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI LETTERA DEI VESCOVI PER LA RICONSEGNA DEL TESTO IL RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI 1. Il rinnovamento della catechesi, pubblicato nel 1970 sotto la spinta del Concilio Vaticano II, ha segnato decisamente,

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Decàpoli Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio Va nella tua casa, dai tuoi, annunzia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Beati gli invitati alla Cena del Signore Educare alla fede i ragazzi dai 7 ai 12 anni.

Beati gli invitati alla Cena del Signore Educare alla fede i ragazzi dai 7 ai 12 anni. + GIUSEPPE MERISI Vescovo di Lodi Beati gli invitati alla Cena del Signore Educare alla fede i ragazzi dai 7 ai 12 anni. Lettera pastorale 2009-2010 Introduzione Carissimi, il Santo Padre Benedetto XVI

Dettagli

SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE. Documento preparatorio

SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE. Documento preparatorio SINODO DEI VESCOVI III ASSEMBLEA GENERALE STRAORDINARIA LE SFIDE PASTORALI SULLA FAMIGLIA NEL CONTESTO DELL EVANGELIZZAZIONE Documento preparatorio Città del Vaticano 2013 I Il Sinodo: famiglia ed evangelizzazione

Dettagli

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate.

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese Dicembre 1995 - Dicembre 2005 Don Ugo Proserpio 10 da anni Parroco a Novate Dicembre 2005 10 anni tra noi di don Ugo 11 La comunità delle suore Serve

Dettagli

RITO DELLA MESSA. Terminato il canto d ingresso, sacerdote e fedeli, in piedi, fanno il SEGNO DELLA CROCE.

RITO DELLA MESSA. Terminato il canto d ingresso, sacerdote e fedeli, in piedi, fanno il SEGNO DELLA CROCE. RITO DELLA MESSA RITI DI INTRODUZIONE Quando il popolo si è radunato, il sacerdote con i ministri si reca all altare; intanto si esegue il CANTO D INGRESSO. Giunto all altare,il sacerdote con i ministri

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1

LA PASQUA SETTIMANALE DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 Spunti per la meditazione personale e per la riflessione agli alunni Fr. Donato Petti 1. Perché cercate tra i morti

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

CELEBRAZIONE DEL SANTO ROSARIO

CELEBRAZIONE DEL SANTO ROSARIO CELEBRAZIONE DEL SANTO ROSARIO PER AFFIDARE IL POPOLO ITALIANO ALLA VERGINE MARIA MATER UNITATIS PROPOSTA PER LE CHIESE PARTICOLARI a cura dell Ufficio Liturgico Nazionale - CEI CANTO INIZIALE: Vergine

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata portare vita piena agli altri Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata del Terz Ordine Regolare di San Francesco d Assisi Luglio 2013 #2 La Missione di Gesù Carissime/i, dopo aver presentato

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000

Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000 Confessione-Assoluzione censure-decreto 2000 Facoltà di assolvere da tutte le censure non riservate e non dichiarate L.V.D. XCI (2000) pp. 127-131 per tutto l anno Santo L anno giubilare in corso ha come

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.

La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola. La Sacra Bibbia (testo CEI 2008) Versione non commerciabile. E gradita invece la riproduzione a fine di evangelizzazione www.laparola.it LETTERA AGLI EFESINI 1 1 Paolo, apostolo di Cristo Gesù per volontà

Dettagli

Dai cantieri alle linee diocesane

Dai cantieri alle linee diocesane DUOMO DI MILANO, 28 MAGGIO 2013 Dai cantieri alle linee diocesane Convocazione Diocesana del Clero e intervento dell Arcivescovo Supplemento RIVISTA DIOCESANA MILANESE Mensile della Diocesi di Milano ANNO

Dettagli

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione»

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» CONGREGATIO DE CULTO DIVINO ET DISCIPLINA SACRAMENTORUM Prot. N.1139/11/L Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» Probatum. Ex aedibus Congregationis de Cultu

Dettagli

Giovanni 15, 26-27; 16, 12-15

Giovanni 15, 26-27; 16, 12-15 Giovanni 15, 26-27; 16, 12-15 Venuta del Paraclito 15, 26 In quel tempo. Gesù disse ai suoi discepoli: «Quando verrà il Paràclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre,

Dettagli

STATUTO DEL CAMMINO NEOCATECUMENALE

STATUTO DEL CAMMINO NEOCATECUMENALE STATUTO DEL CAMMINO NEOCATECUMENALE SOMMARIO Titolo I: Natura e attuazione del Cammino Neocatecumenale Art. 1: Natura del Cammino Neocatecumenale Art. 2: Attuazione del Cammino Neocatecumenale Art. 3:

Dettagli

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio.

Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. Canterò in eterno le tue meraviglie, canterò a te, Signore Dio. 1 È BELLO LODARTI 2 CANTERÒ IN ETERNO 5 NOI VENIAMO A TE 6 POPOLI TUTTI È bello cantare il tuo amore, è bello lodare il tuo amore, è bello cantare il tuo amore, e bello lodarti Signore, è bello cantare

Dettagli

Pubblicazioni del Centro di Spiritualità Sul Monte - Castelplanio (An) Suore Adoratrici del Sangue di Cristo tel. 0731.813408

Pubblicazioni del Centro di Spiritualità Sul Monte - Castelplanio (An) Suore Adoratrici del Sangue di Cristo tel. 0731.813408 Pubblicazioni del Centro di Spiritualità Sul Monte - Castelplanio (An) Suore Adoratrici del Sangue di Cristo tel. 0731.813408 Quaderni di spiritualità 1. Liberare la santità di Piccotti Mariano e Vissani

Dettagli

Novena del lavoro. 4a San Josemaría Escrivá

Novena del lavoro. 4a San Josemaría Escrivá Novena del lavoro 4a San Josemaría Escrivá Preghiera a San Josemaría San Josemaría Escrivá Fondatore dell'opus Dei PREGHIERA Oh Dio, che per mediazione di Maria Santissima concedesti a San Josemaría, sacerdote,

Dettagli

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco

Testimoni di Dio VEGLIA MISSIONARIA ADORAZIONE EUCARISTICA. 27 ottobre 2011 BENEDIZIONE. CANTO: Ho toccato il fuoco BENEDIZIONE Parrocchia Natività di Maria Vergine - Gorle CANTO: Ho toccato il fuoco Ho toccato il fuoco con le mani: era il vecchio sogno di un bambino, sono io colui che accende i fuochi, sono il vento

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Matteo 28,16-20. LETTURA (=leggere con intelligenza e comprendere con sapienza)

Matteo 28,16-20. LETTURA (=leggere con intelligenza e comprendere con sapienza) Matteo 28,16-20 Apparizione in Galilea e missione universale 16 In quel tempo gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro indicato. 17 Quando lo videro, si prostrarono. Essi

Dettagli

ANN PASTORALE 2014 2015 LE 100 CASE DEL SIGNORE CONVOCAZIONE DELLA FOLLA EVANGELII GAUDIUM COME FUNZIONA UNA CHIESA IN USCITA

ANN PASTORALE 2014 2015 LE 100 CASE DEL SIGNORE CONVOCAZIONE DELLA FOLLA EVANGELII GAUDIUM COME FUNZIONA UNA CHIESA IN USCITA ANN PASTORALE 2014 2015 LE 100 CASE DEL SIGNORE CONVOCAZIONE DELLA FOLLA EVANGELII GAUDIUM COME FUNZIONA UNA CHIESA IN USCITA La spinta, il coraggio, lo spunto alla Chiesa per vivere in uscita, evangelizzatrice,

Dettagli

Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio

Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio Parrocchia S. Michele Arc. e S. Sebastiano M. Maria donna dell annuncio Castel Madama, 8 novembre 2013 Il racconto In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

«Lasciate che i bambini vengano a me»

«Lasciate che i bambini vengano a me» 1 Omelia «Lasciate che i bambini vengano a me» Celebrazione eucaristica in ricordo del centenario della nascita di Dina Bellotti Pittrice dei Papi XXVII Domenica del Tempo Ordinario (B) Basilica «Santa

Dettagli

DOMENICA DI PASQUA NELLA RISURREZIONE DEL SIGNORE La Veglia Pasquale nella Notte Santa

DOMENICA DI PASQUA NELLA RISURREZIONE DEL SIGNORE La Veglia Pasquale nella Notte Santa CO.PER.LI.M DOMENICA DI PASQUA NELLA RISURREZIONE DEL SIGNORE La Veglia Pasquale nella Notte Santa Elaborato di Liturgia a cura di ROBERTA FRAMEGLIA Roma- Frascati, 2002-2003 PREFAZIONE Questa breve analisi

Dettagli

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM)

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) Un Ordine Secolare, fin dall inizio, è un gruppo di fedeli cristiani che, inseriti e lavorando nella società, vivono la spiritualità di un Ordine religioso e

Dettagli

Valorizzare l imposizione delle ceneri

Valorizzare l imposizione delle ceneri Carissimi Confratelli e animatori liturgici delle comunità parrocchiali della nostra forania, dopo il sussidio liturgico per il tempo dell Avvento e del Natale vi offriamo anche il sussidio per vivere

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14

5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 5. DOV'È L'AGNELLO PER L'OLOCAUSTO? Il sacrificio di Isacco Genesi 22,1-14 1.LA STORIA Il capitolo 22 del libro della Genesi è uno dei testi fondamentali nell Antico Testamento. Il testo appartiene ad

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

la comunità educante

la comunità educante la comunità educante angelo Scola cardinale arcivescovo di milano la comunità educante Nota sulla proposta pastorale del triennio 2011-2014 isbn 978-88-6894-017-1 Il bene della famiglia Per confermare

Dettagli