Capitolo 5. Calcolo infinitesimale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 5. Calcolo infinitesimale"

Transcript

1 Capitolo 5 Calcolo ininitesimale 5 Derivazione a b R ed ] a, Siano ( :(, DEFINIZINE Diremo che ( è derivabile nel punto se esiste inito il seguente ite ( ( e porremo per deinizione ( ( ( La unzione : ( a, b { } ponendo oppure [ ( ] D il valore di tale ite si chiama rapporto incrementale di ( in h il rapporto incrementale si può anche scrivere nella seguente maniera: È di acile veriica che ( h ( h ( ( 5 Signiicato geometrico della derivata Sia ( : (, graico di ( h, h h ( a ( h h, b ( a b R derivabile in ] a, sia ( ab, { } i punti P ( (, P (, ( :, e consideriamo sul ( ( P i α P s t α a b Figura 5 Signiicato geometrico della derivata in un punto Detta s la retta secante il graico nei punti P, P ed α l angolo che essa orma con l asse, risulta ( ( tgα

2 Sia ora t la retta passante per P, ed avente coeiciente angolare ( : t : ( ( ( ( ( Risulta tgα ( da cui deduciamo che al tendere di ad il punto P si muove sul graico di ( verso il punto P e la retta s, ruotando intorno a P si andrà a sovrapporre alla retta t che rappresenta, quindi, la sua posizione ite La retta t che ha la proprietà di intersecare il graico di ( nelle vicinanze di P solo nel punto P, viene detta la retta tangente al graico in P pertanto geometricamente la derivata di ( in, (, rappresenta il coeiciente angolare della retta tangente al graico di ( nel P ( punto (, DEFINIZINE Se ( è derivabile in ogni ] a, si dice che ( In tal caso possiamo deinire la unzione che ad ogni ] a, è derivabile in ] b[ a, associa la derivata di ( in Tale unzione si chiama la unzione derivata prima di ( e si indica con ( oppure [ (] D 5 Derivata delle unzioni elementari a se ( k R, k R allora ( R b se ( α, α R allora α ( α c se ( a con a >, a allora a ( log a in particolare D e e d se ( log a con a >, a allora ( log a e in particolare D[ log ] e se ( sin allora ( cos se ( cos allora ( sin 53 Regole di derivazione Siano (, ( :(, a,, sia k R, si prova che le unzioni ( k (, ( ± g(, ( g(, (con g ( sono derivabili e valgono le seguenti g( ormule: D[ k ( ] k D[ ( ] D [ ( ± g( ] D[ ( ] ± D[ g( ] D ( g( D ( g( ( D g( g ab R, derivabili in ] [ ] [ ] [ ] ( D[ ( ] g( ( D[ g( ] D g( ( g( Teorema 5 (derivazione della unzione composta Siano ( :( a, b R, g( :( c, d R e sia cod ( ( ( c, d Consideriamo la unzione composta F( g( ( :( a, b R se ( e g( sono derivabili allora F ( è derivabile e risulta

3 F ( g( ( ( ESEMPI sin cos cos sin ( sin cos sin D[ tg] D tg cos cos cos cos D 3 5 3D D[ 5] D[ ] 6 5 D[ ] D ( D[ log( ] inatti la unzione log( è composta da ( e g( log poiché D[ ( ] e D[ g( ] si ha il risultato applicando la regola di derivazione della unzione composta D e e essendo e composta da ( e g ( e D sin sin cos 54 Punti angolosi, cuspidi e lessi a tangente verticale Siano ( : (, a b R, ] a, DEFINIZINE Si chiama derivata destra (sinistra e la si indica con il valore del ( ( ( ( rispettivamente ( (rispettivamente ( se questo esiste ed è inito SSERVAZINE È di acile veriica che: ( è derivabile in ( ( ed in tal caso ( ( ( Siano ( : (, a b R, ] a, ( continua in DEFINIZINE Il punto si dice punto angoloso se ( / ( ( In tal caso nel punto graicamente si ha : t t (, ( G possiamo tracciare una doppia retta tangente, t : ( ( ( t : ( ( ( ESEMPI Figura 5 Punto angoloso

4 Sia ( è un punto angoloso essendo e DEFINIZINE Il punto si dice punto di cuspide se ( ( ± Graicamente si ha : ± ( ( ± ( ( ± ESEMPI Figura 53 Punto di cuspide 3 Sia ( 3 è un punto di cuspide inatti ± ± DEFINIZINE Il punto si dice un punto di lesso a tangente verticale se ( ( ( Graicamente si ha: Figura 54 Punto di lesso a tangente verticale ESEMPI Sia 3 ( è un punto di lesso a tangente verticale inatti 3 ( 3 ( ( ( SSERVAZINE Nel caso in cui ( è continua in ed uno dei due iti ( ( ( non è inito, per convenzione si dice che è un punto angoloso (, Il legame tra una unzione continua ed una derivabile è espresso dal seguente:

5 Teorema 5 Siano ( :(, a b R ed ] a, se (, allora ( è continua in ( ( Dimostrazione: Scriviamo ( ( ( ( a, b { } ( ( essendo ( risulta ( ( e ( dai teoremi sulle operazioni con i iti SSERVAZINE Il viceversa del teorema precedente in generale non è vero cioè è possibile che ( sia continua in ma non ivi derivabile, ad esempio ( è continua in ma non è derivabile, inatti ± ± 5 Teoremi ondamentali del calcolo dierenziale I teoremi che ora proveremo sono alla base del calcolo dierenziale: Teorema 53 (di Rolle Sia ( :[, ] c a, b : ( c ] [ a b R continua, ( in ] a, Dimostrazione: Essendo ( continua in [ b] teorema di Weierstrass, siano [ a, b] ( M ma ( [ a, b] ( a ( b allora a, è ivi dotata di minimo e di massimo (primo, tali che ( m min (, Se a ed b (o viceversa ( a, b, essendo m ( M [ a, b] ed m ( a ( b M per cui ( ] a, Se ciò non accade, allora, almeno uno dei due punti ed è interno ad [ a, b] sia ad esempio ] a, Proviamo che ( risulta è costante in [ ] ( ( > se se < in quanto ( M ( [ a, b], allora ( ( ( ( ( ed ( D altra parte, poiché ( è derivabile in, si ha ( ( ( da cui necessariamente ( SSERVAZINE Graicamente il teorema di Rolle ha il seguente signiicato: esiste almeno un punto del graico della unzione dove la retta tangente è parallela all asse : [ a, b]

6 ( c ( a ( b a c b Figura 55 Teorema 54 (di Lagrange Sia ( :[ a, b] R continua ( ( b ( a c ] a, b[ : ( c b a in ] Dimostrazione: Consideriamo la unzione ausiliaria F ( ( k [ a, b] a, allora dove la costante k R va scelta in maniera tale che F ( soddisi le ipotesi del Teorema di Rolle Essendo dierenza di unzioni continue in [ a, b] la F ( è continua in [ a, b], così essendo a, la F ( è derivabile in ] a, con F ( ( k ] a, Per applicare allora il Teorema di Rolle occorre che sia ( b ( a F( a F( b ( a ka ( b kb k b a Con tale scelta di k, il teorema di Rolle ci assicura che : ( b ( a c ] a, tc F ( c ( c da cui l asserto b a dierenza di unzioni derivabili in ] ( b ( a SSERVAZINE Il numero rappresenta il coeiciente angolare della retta s b a secante il graico della unzione nei punti ( a, ( a, ( b, ( b pertanto il teorema di Lagrange ci assicura che esiste almeno un punto del graico in cui la retta tangente al graico della unzione è parallela alla retta s secante il graico nei suoi estremi: ( b ( c ( a a c b Figura 56 Corollario 55 Sia ( :( a, b R continua supponiamo che ( ( a, b allora ( k R ( a, b ] [ in ] a, con

7 Dimostrazione: Siano ( a, b con, ad esempio, < consideriamo la restrizione di ( ad [, ] Poiché per la restrizione di ( ad [, ] sono valide le ipotesi del teorema ( ( di Lagrange, c ], [ t c ( c d altra parte ( c ( ( Dall arbitrarietà di, ( a, b risulta ( costante in ( a, b Corollario 56 Siano (, g( :( a, b R unzioni continue e supponiamo che (, g( ( g( a, b, allora ( g( k R ( a, b in ] a,, ] [ Dimostrazione: Sarà suiciente applicare il Corollario 55 alla unzione F( ( g( Corollario 57 Sia ( :( a, b R continua supponiamo che ( ( > ( < ( a, b allora ( cresce (decresce in ( a, b in ] Dimostrazione: Siano, ( a, b con < consideriamo la restrizione di ( e ad essa applichiamo il teorema di Lagrange, allora c ], [ : ( ( c( da cui ( > ( > ( ( Sono conseguenze del teorema di Lagrange i seguenti: ( a, con in [ ] Teorema 58 : Sia ( :( a, b R continua supponiamo che ( a, b, allora condizione necessaria e suiciente ainché ( sia crescente (decrescente in ( a, b è che valgano ( ( ] a, b[ [ α, β ] ] a, t c ( in [ α, β ] / in ] [ Tale teorema, di cui omettiamo la dimostrazione, ci permette di stabilire la stretta monotonia di unzioni ( la cui derivata non è necessariamente sempre positiva (negativa, ESEMPI ( 3 :, Sia ] [ R risulta ( 3 ], [ ( pertanto ( cresce in R, inoltre R, e siano (, g( :( a, b { } Teorema 59 (di De L H ô pital Sia R ( punto di accumulazione per ( a, b se R e con ovvie modiiche se ± tali che i ( g( (oppure ( ±, g( ± ii (, g( ( a, b { } con g ( in almeno un intorno I δ ( ( ( Allora, se esiste il g( g( g( (

8 SSERVAZINE Il Teorema 59 ci ornisce solo una condizione suiciente, ovvero è possibile portare esempi dove dall esistenza del ite del rapporto delle unzioni date non si deduce l esistenza del ite del rapporto delle loro derivate SSERVAZINE Il teorema 59 ci ornisce un utile strumento per risolvere le orme indeterminate ed : ESEMPI e [ ( e ] e e poiché si ha poiché 4 [ ( 6, ( 4 ] si ha log( D log( arctg D ( ( SSERVAZINE Se bisogna calcolare un ite del tipo ( g( g ( ±, si può scrivere ( ( g( oppure g( g( (, dove ( e, che si presenta sotto la orma oppure : ESEMPI (log log log ( D D log [ ] SSERVAZINE Se bisogna calcolare un ite del tipo [ ( g( ], dove ( e g ( divergono entrambe a o a, si scrive la dierenza [ ( g( ] sotto orma di quoziente g( ( ( g( e così ci si riconduce alla orma ( g(

9 ESEMPI ( ( [ ] ( ( ( ( ESEMPI sin sin sin cos sin cos (cos (cos (sin cos (cos D [ ] (cos (cos sin (sin cos (cos sin cos cos sin si è tenuto conto del ite notevole sin, cos cos sin 53 Estremi relativi a b R ed ] a, Siano ( :(, DEFINIZINE Diremo che è un punto di massimo (minimo relativo per ( se δ > : ( a, b, < δ ( ( ( ( ( ovvero localmente, in un intorno di, ( è il massimo (minimo valore assunto da ( ( ma ( a ( a min ( δ δ b Figura 57 SSERVAZINE Una unzione potrebbe essere priva di estremi relativi, ad esempio se è crescente o decrescente, inoltre al contrario degli estremi assoluti (minimo e massimo gli estremi relativi potrebbero non essere unici Nell esempio graico (cr Figura 57 ( possiede due massimi relativi e due minimi relativi

10 SSERVAZINE Abbiamo osservato come una unzione potrebbe non avere il massimo (minimo assoluto però se questo esiste, può essere assunto in un punto qualsiasi dell intervallo di deinizione compresi gli estremi Evidenziamo che gli estremi relativi per deinizione sono sempre interni all intervallo di deinizione, ed in particolare, mentre un estremo relativo non è detto che sia assoluto, un estremo assoluto è anche relativo se assunto in punto interno all intervallo di deinizione Nell esempio graico (cr Figura 57 la unzione ( possiede massimo assoluto che è anche relativo mentre il minimo assoluto ( ( a non è relativo Teorema 5 (di Fermàt Siano ( :(, relativo, allora se esiste ( ( a b R ed ] a, punto di massimo (minimo Dimostrazione: Dalla deinizione di punto di massimo relativo per ( si ha che δ > : ( a, b, < δ ( ( Pertanto il rapporto incrementale ( ( è non negativo per ogni tale che < < δ ed è non positivo per ogni tale che δ < < Dai teoremi di conronto sui iti risulta ( ed ( D altra parte poiché, per ipotesi esiste (, è necessario che ( ( da cui l asserto a b R continua e sia ] a, ] a, { } δ > tale che ( ] δ, [ ] δ [ è un punto di massimo relativo per ( Teorema 5 Sia ( :(, ( ed esista ( <, allora Supponiamo che esista >, Dimostrazione: Essendo ( > ] δ, [ la unzione ( ] δ, ] pertanto ( ( ] δ, [ ( < ], δ [ risulta ( decrescente in [, δ [ ( ( ] δ [ >, è crescente in < ed analogamente poiché pertanto Si è così determinato un intorno completo di dove ( ( cioè è un massimo relativo per ( SSERVAZINE Analogamente vale una condizione suiciente per l esistenza di un minimo relativo ESEMPI Determinare gli eventuali estremi relativi della unzione ( log La unzione è deinita in ], [, risulta log ( log ( log log (log (log ( > (log (log >, e oppure ], [ ed ( <, e,

11 in deinitiva ( /e - Figura 58 da cui è un massimo relativo per (, è un minimo relativo per ( e 54 Concavità, convessità e lessi a b Rcontinua e sia ] [ Sia ( :(, a, b tale che esista ( Consideriamo t ( ( (, la retta tangente al graico di ( in, ( : ( DEFINIZINE Diremo che in P (, ( la unzione ( è convessa (concava o che il graico di ( volge la concavità verso l alto (verso il basso se δ > : ( a, b, con < δ > ( ( ( ( ( ( ( ( ( < ovvero in un intorno di P (localmente, i punti del graico di ( giacciono al di sopra (sotto della retta tangente il graico in P ( P i t a b Figura 59 Se, invece, in P non è veriicata nessuna delle due precedenti disuguaglianze, il punto P è detto punto di lesso per (, ovvero in un qualunque intorno di P il graico della unzione cambia concavità passando per tale punto:

12 P t ( i a b Figura 5 DEFINIZINE Diremo che ( è convessa (concava in ( a, b se è convessa in ogni P, (, a, b ( ] [ a (a b a (b b Figura 5 (a graico di una unzione convessa in (a,b (b graico di una unzione concava in (a,b 55 Derivata seconda Sia ( : ( a, b Re supponiamo che esista ( ] a, Fissato ] a, ( ( se esiste ed è inito il valore e, per deinizione, lo chiameremo derivata seconda di ( in, denoteremo con ( tale SSERVAZINE vviamente, la derivata seconda di ( in non è altro che la derivata della unzione ( nel punto : ( D[ ( ] Se ] a, esiste (, deiniamo unzione derivata seconda di (, e la denoteremo con (, la unzione che ad ogni a b ( ] [, ESEMPI 4 Sia ( : R R Risulta 3 ( 4 ( 3 D[ ( ] D(4 in ] [ Teorema 5 Sia ( :( a, b R, supponiamo che (, ( a, b, allora se ( > ( ( < a, b allora ( è convessa (concava in ( a, b in ] [ Corollario 53 Sia ( :(, ] { } a,, ed inoltre a b R, ] a, supponiamo che ( in ] a,, ( in

13 δ > : ] δ, [ ], δ [ > in (, < in allora, ( è un punto di lesso ( Dimostrazione: Dal teorema precedente, ( è convessa in ( δ, ed è convessa in,, pertanto il graico della unzione nel passare per, ( cambia concavità ( δ ( Teorema 54 Sia ( :(, supponiamo che ( ed ( > ( < allora è un minimo (massimo relativo a b R, ] a, in ] a,, ( ESEMPI Determinare la concavità, convessità e gli eventuali lessi della unzione ( log( La unzione log( è deinita in ], [, risulta : ( R ed ( ( 4 ( ( ( ( Poiché ( > ( > < < ed ( < <, > si ha : ( è convessa in [ ] ed è concava in ] ] e in [ [ Pertanto (,, Inoltre P (,log e P (,log sono punti di lesso, 56 Asintoti al graico di una unzione DEFINIZINE Sia ( : X R, X R, X Φ sul piano cartesiano assegnata la retta r e tracciato il graico della unzione data ( G, diremo che la retta è un asintoto di G se la distanza tra il generico punto P (, ( G e la retta tende ad essere nulla in corrispondenza al movimento di, ovvero la retta tende ad appoggiarsi al graico senza toccarlo Si possono presentare tre diverse situazioni: Asintoto verticale :

14 Sia ( :( a, b { } R se ( ±, la retta si dice un asintoto verticale per il graico della unzione graicamente la distanza tra il generico punto P (, ( G e la retta diminuisce al tendere di ad ( ( d( P, s In igura è descritta la situazione (, ( : Figura 5 Asintoto verticale ESEMPI, risulta Sia ( : ], [ {} e pertanto è un asintoto verticale per G Asintoto orizzontale Sia ( una unzione deinita in X non itato sup e/o in, per esempio ( a, [ se ( l, la retta s: l si dice asintoto orizzontale destro per il G graicamente la distanza tra il generico punto P (, ( G e la retta s ( dps (, ( l tende a diminuire (senza mai annullarsi man mano che cresce (nota che dps (, ( l sserviamo che al inito G ed s possono intersecarsi in quando la condizione espressa dal ( l è valida per grande l a Figura 53 Asintoto orizzontale destro Se (,, la curva ( può ammettere due asintoti, uno relativo all intervallo (, [ (asintoto è deinito in un insieme X non itato, ad esempio l intervallo ] [

15 orizzontale destro ed uno relativo all intervallo ], (asintoto orizzontale sinistro Asintoti che, ovviamente, potrebbero essere distinti ESEMPI Sia ( : ], [ {} poiché, la retta è un asintoto ± orizzontale destro e sinistro per il graico della unzione Asintoto obliquo Sia ( :( a, [ R e sia assegnata la retta obliqua r : m n ( m se ( ± si prova che condizione necessaria e suiciente ainché r sia un asintoto ( (obliquo destro per G è che risulti : m n [ ( m] Anche in tal caso alla parola asintoto diamo il signiicato visto in precedenza, ovvero al crescere di il punto P (, ( G ha distanza da r che tende ad essere zero, ovvero G tende ad appoggiarsi ad r senza mai intersecarla Al solito la situazione descritta è valida per grande inatti G ed r possono avere al inito intersezione : mn a Figura 54 Asintoto obliquo destro Come osservato per l asintoto orizzontale, se ( è deinita in ],b è possibile che esista un asintoto obliquo sinistro, del tutto dierente da quello destro SSERVAZINE vviamente, l esistenza dell asintoto orizzontale preclude quella dell asintoto obliquo ESEMPI Sia ( : ], [ { } poiché ± ±,, ± ± ± la retta è asintoto obliquo destro e sinistro per G e 57 Studio del graico di una unzione

16 I risultati di questo capitolo ci permettono di studiare e tracciare il graico di una unzione ( I passi da seguire a tale scopo sono : Si determina l insieme di deinizione o dominio della unzione ( Si esamina se la unzione gode di qualche simmetria ad esempio se è una unzione pari ( ( ( D o è una unzione dispari ( ( ( D, in tal caso è possibile studiare ( solo, ad esempio, per le D { } Si studia, se è possibile arlo, il segno di ( e si calcolano le eventuali intersezioni del graico G con gli assi cartesiani Si studia il comportamento al ite di ( e si determinano gli eventuali asintoti Si determinano gli intervalli di monotonia di (, dove la unzione è crescente o decrescente e gli eventuali estremi relativi studiando il segno della derivata prima ( Si determinano la concavità, convessità e gli eventuali punti di lesso, studiando il segno della derivata seconda ( Si riportano nel sistema di rierimento cartesiano le inormazioni ottenute nei passi precedenti e si disegna il graico della unzione Secondo tale schema ricaviamo i graici, già disegnati nel Capitolo, relativi alle unzioni elementari a e log nel caso, ad esempio, a e a Sia ( a e la unzione assegnata è deinita per ], [ Risulta e > R G non interseca l asse, mentre ( e pertanto G interseca l asse nel punto (, La unzione non presenta simmetrie, essendo e ( ( e e e ( Comportamento al ite: e asintoto orizzontale sinistro e / asintoto orizzontale destro e D poiché e / asintoto obliquo destro inoltre non esistono asintoti verticali Calcoliamo ( per R risulta ( D[ e ] e > R, pertanto ( cresce in ], [ e quindi non ha estremi relativi Calcoliamo ( per R risulta ( D[ e ] e > R pertanto ( è convessa in ], [ Le inormazioni precedenti sono riassunte nel seguente graico

17 Figura 55 graico di e b Sia ( log la unzione assegnata è deinita in D ], [ Risulta che log > > ed log, pertanto ( > ], [, ( < ], [ e G interseca l asse nel punto (, Poiché > non abbiamo intersezioni con l asse La unzione non presenta simmetrie, inatti se > < e quindi non ha senso calcolare ( Comportamento al ite : log è asintoto verticale destro log D log / asintoto orizzontale destro e poiché / asintoto obliquo destro Calcoliamo ( per > risulta ( D[ log ] > > pertanto ( cresce in ], [ e quindi non ha estremi relativi Calcoliamo ( per > risulta ( D < > pertanto ( è concava in ], [ Riassumendo le inormazioni ottenute nel diagramma cartesiano si ha: Figura 56 Graico di log ESEMPI Studiare e tracciare il graico della seguente unzione ( e

18 La unzione è deinita in D { } R : ],[ ], [ Risulta e > >, ed e pertanto ( > in ],[ ], [ ed ( < in ],[ il graico della unzione interseca l asse nel punto (, La unzione non presenta alcuna simmetria Studiamo il comportamento al ite per determinare eventuali asintoti:, da cui e e e con ciò si ha che la retta di ± equazione è asintoto verticale sinistro e ± per cui non esistono asintoti orizzontali ± Ricerchiamo gli eventuali asintoti obliqui: e ± m e e e ± ± ± e e essendo e ± ± pertanto la retta di equazione è asintoto obliquo sinistro e destro per il graico della unzione Calcoliamo ( per : e ( D e e e ( ( ( ( > <, >, da cui ( e quindi (,,, non ha estremi relativi Calcoliamo ( per : ( ( ( ( ( ( ( D e e 4 ( ( ( ( cresce in ] [ e in ] [ e 4 ( ( > > <, da cui { }

19 ( - e quindi ( è convessa in ],[ ],[ ed è concava in ], [ il punto P (, ( è un punto di lesso Il graico di ( è il seguente: ( Figura 57 Graico di ( e Studiare e tracciare il graico della seguente unzione ( 3 La unzione è deinita in D { R : 3 } ],3[ ]3, [ Risulta > se > 3, pertanto ( > in ]3, [, ( < in ],3[ Il G interseca 3 l asse nell origine del sdr La unzione non presenta alcuna simmetria Studiamo il comportamento al ite per determinare eventuali asintoti: ± 3 è asintoto verticale ± 3 3 ± asintoto orizzontale d e s ± 3 ± 3 ( ricerchiamo gli eventuali asintoti obliqui:

20 m 3 3 n 3, pertanto la retta 3 è asintoto ± ± 3 ± 3 obliquo destro e sinistro Calcoliamo ( per 3 : 3 6 ( 3 6 ( ( 3 ( ( > 6> <, > 6 ( e quindi ( cresce in ],[ e in ] 6, [, decresce in ],3[ e in ] [ relativo e di minimo relativo Calcoliamo ( per 3: (6( 3 ( 6 ( 3 ( 4 ( ( 3 ( > > 3 3, 6 i punti (, e (6, sono rispettivamente di massimo quindi ( 3, ed è concava in e quindi ( lessi Il graico di ( è il seguente è convessa in ] [ ( - 3 è convessa in ],3[, non ha

21 3 6 Figura 58 Graico di ( 3

DERIVATA di una funzione

DERIVATA di una funzione DERIVATA di una unzione Sia e * A punto di accumulazione di A : A R * è il RAPPORTO INCREMENTALE * Il rapporto incrementale di calcolato in * rappresenta il coeiciente angolare della secante passante per

Dettagli

I TEOREMI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

I TEOREMI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE I TEOREMI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE 1. DEFINIZIONI. TEOREMI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE.1 TEOREMA DELL ESTREMANTE LOCALE. TEOREMI DI ROLLE, CAUCHY, LAGRANGE.3 TEOREMI CONSEGUENTI AL T. DI LAGRANGE 3. DETERMINAZIONE

Dettagli

Richiami sullo studio di funzione

Richiami sullo studio di funzione Richiami sullo studio di funzione Per studiare una funzione y = f() e disegnarne un grafico approssimativo, possiamo procedere in ordine secondo i seguenti passi:. determinare il campo di esistenza (o

Dettagli

Continuità e derivabilità. Calcola la derivata delle seguenti funzioni

Continuità e derivabilità. Calcola la derivata delle seguenti funzioni ESERCIZI SUL CALCOLO DIFFERENZIALE Continuità e derivabilità Si studi la continuità e la derivabilità delle seguenti funzioni nel punto indicato a fianco { Si trovi, se possibile, a e b in modo che le

Dettagli

DERIVATA DI UNA FUNZIONE REALE. In quanto segue denoteremo con I un intervallo di IR e con f una funzione di I in IR.

DERIVATA DI UNA FUNZIONE REALE. In quanto segue denoteremo con I un intervallo di IR e con f una funzione di I in IR. DERIVATA DI UNA FUNZIONE REALE 1. Definizioni. In quanto segue denoteremo con I un intervallo di IR e con f una funzione di I in IR. DEFINIZIONE 1. Sia x 0 un elemento di I. Per ogni x (I \ {x 0 }) consideriamo

Dettagli

Studio di funzione appunti

Studio di funzione appunti Studio di unzioni algebriche ratte Studio di unzione appunti 1. Ricerca del dominio (C.E.);. Intersezioni con gli assi cartesiani; 3. Ricerca degli intervalli di positività (Studio del segno S.D.S.); 4.

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE. Prof Giovanni Ianne

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE. Prof Giovanni Ianne LA ERIVATA I UNA FUNZIONE Pro. Giovanni Ianne /22 Come si determina la retta tangente a una curva in un punto P? Per una circonerenza, la tangente è la retta che interseca la curva solo in P. IL PROBLEMA

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE XXV APRILE LICEO CLASSICO ANDREA DA PONTEDERA classi 5A-5B PROGRAMMA DI MATEMATICA

ISTITUTO SUPERIORE XXV APRILE LICEO CLASSICO ANDREA DA PONTEDERA classi 5A-5B PROGRAMMA DI MATEMATICA ISTITUTO SUPERIORE XXV APRILE LICEO CLASSICO ANDREA DA PONTEDERA classi 5A-5B PROGRAMMA DI MATEMATICA PRIMA PARTE Intervallo limitato di numeri reali Dati due numeri reali a e b, con a

Dettagli

TEORIA SULLE DERIVATE SECONDA. La condizione di continuità di una funzione è condizione necessaria ma non sufficiente per la sua derivabilità.

TEORIA SULLE DERIVATE SECONDA. La condizione di continuità di una funzione è condizione necessaria ma non sufficiente per la sua derivabilità. PROF.SSA MAIOLINO D. TEORIA SULLE DERIVATE SECONDA CONTINUITA DELLE FUNZIONI DERIVABILI Se una unzione y( è derivabile in un punto 0, allora è continua in 0. La condizione di continuità di una unzione

Dettagli

DERIVATE. 1.Definizione di derivata.

DERIVATE. 1.Definizione di derivata. DERIVATE Definizione di derivata Sia y = f( una funzione continua Fissato un punto o appartenente all insieme di definizione della funzione y = f(,sia Po = (; f(o il punto di ascissa o appartenente al

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Calcolo differenziale per funzioni di una variabile

Corso di Analisi Matematica Calcolo differenziale per funzioni di una variabile Corso di Analisi Matematica Calcolo differenziale per funzioni di una variabile Laurea in Informatica e Comunicazione Digitale A.A. 2013/2014 Università di Bari ICD (Bari) Analisi Matematica 1 / 41 1 Derivata

Dettagli

Laurea in Informatica Corso di Analisi Matematica Calcolo differenziale per funzioni di una variabile

Laurea in Informatica Corso di Analisi Matematica Calcolo differenziale per funzioni di una variabile Laurea in Informatica Corso di Analisi Matematica Calcolo differenziale per funzioni di una variabile Docente: Anna Valeria Germinario Università di Bari A.V.Germinario (Università di Bari) Analisi Matematica

Dettagli

Derivata di una funzione

Derivata di una funzione Derivata di una funzione Prof. E. Modica http://www.galois.it erasmo@galois.it Il problema delle tangenti Quando si effettua lo studio delle coniche viene risolta una serie di esercizi che richiedono la

Dettagli

CALCOLO DEL RAGGIO DI CURVATURA DI UNA CURVA REGOLARE DI E Q UAZI O NE y = f (x ), ivi derivabile almeno due volte, e che la derivata seconda

CALCOLO DEL RAGGIO DI CURVATURA DI UNA CURVA REGOLARE DI E Q UAZI O NE y = f (x ), ivi derivabile almeno due volte, e che la derivata seconda ALOLO DEL RAGGIO DI URVATURA DI UNA URVA REGOLARE DI E Q UAZI O NE Supponiamo che b sia una unzione deinita in, ivi derivabile almeno due volte, e che in la derivata seconda sia diversa da zero, e indichiamo

Dettagli

STUDIO di FUNZIONE. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 16/17 Studio di funzione cap6b.pdf 1

STUDIO di FUNZIONE. c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 16/17 Studio di funzione cap6b.pdf 1 STUDIO di FUNZIONE c Paola Gervasio - Analisi Matematica 1 - A.A. 16/17 Studio di funzione cap6b.pdf 1 Punti di estremo: punto di massimo assoluto Def. Sia 0 dom(f) = D. Si dice che 0 è un punto di massimo

Dettagli

a) Determinare il dominio, i limiti agli estremi del dominio e gli eventuali asintoti di f. Determinare inoltre gli zeri di f e studiarne il segno.

a) Determinare il dominio, i limiti agli estremi del dominio e gli eventuali asintoti di f. Determinare inoltre gli zeri di f e studiarne il segno. 1 ESERCIZI CON SOLUZIONE DETTAGLIATA Esercizio 1. Si consideri la funzione f(x) = e x 3e x +. a) Determinare il dominio, i limiti agli estremi del dominio e gli eventuali asintoti di f. Determinare inoltre

Dettagli

Argomento 6 Derivate

Argomento 6 Derivate Argomento 6 Derivate Derivata in un punto Definizione 6. Data una funzione f definita su un intervallo I e 0 incrementale di f in 0 di incremento h = 0 = il rapporto I, si chiama rapporto per = 0 + h =

Dettagli

Argomento 7. Studio di funzione

Argomento 7. Studio di funzione Argomento 7 Studio di funzione Studiare una funzione significa ottenere, mediante strumenti analitici (iti, derivate, ecc.) informazioni utili a disegnare un grafico qualitativo della funzione data. I

Dettagli

Sia y = f(x) definita in un intervallo I. x 0 è punto di massimo assoluto. x 0 è punto di minimo assoluto. x 0 è punto di massimo relativo o locale se

Sia y = f(x) definita in un intervallo I. x 0 è punto di massimo assoluto. x 0 è punto di minimo assoluto. x 0 è punto di massimo relativo o locale se PUNTI ESTREMANTI E PUNTI STAZIONARI. MASSIMI E MINIMI ASSOLUTI E RELATIVI. TEOREMI DI FERMAT, ROLLE E LAGRANGE. CONDIZIONI NECESSARIE E SUFFICIENTI PER MASSIMI E MINIMI RELATIVI. PROBLEMI DI MASSIMO E

Dettagli

Funzioni derivabili (V. Casarino)

Funzioni derivabili (V. Casarino) Funzioni derivabili (V. Casarino) Esercizi svolti 1) Applicando la definizione di derivata, calcolare la derivata in = 0 delle funzioni: a) 5 b) 3 4 c) + 1 d) sin. ) Scrivere l equazione della retta tangente

Dettagli

Calcolo differenziale 2: Massimi e minimi. Studio di una funzione. (M.S.Bernabei & H. Thaler)

Calcolo differenziale 2: Massimi e minimi. Studio di una funzione. (M.S.Bernabei & H. Thaler) Calcolo differenziale 2: Massimi e minimi. Studio di una funzione. (M.S.Bernabei & H. Thaler) Studio di una funzione Funzioni crescenti e decrescenti Una funzione f é crescente nell intervallo (a, b) se

Dettagli

10 - Applicazioni del calcolo differenziale

10 - Applicazioni del calcolo differenziale Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviuppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 10 - Applicazioni del calcolo differenziale Anno Accademico 2015/2016

Dettagli

f(x) = 1 x 2 Per determinare il dominio di f(x) dobbiamo imporre che il determinante sia diverso da zero

f(x) = 1 x 2 Per determinare il dominio di f(x) dobbiamo imporre che il determinante sia diverso da zero . Data la funzione approssimarne il grafico. f() = 2 Per determinare il dominio di f() dobbiamo imporre che il determinante sia diverso da zero 2 0 = 2 = ± perciò il dominio ` D = R \ {, } =], [ ], [ ],

Dettagli

MATEMATICA. a.a. 2014/15

MATEMATICA. a.a. 2014/15 MATEMATICA a.a. 2014/15 3. DERIVATE E STUDIO DI FUNZIONE (II parte): Massimi, minimi e derivata prima. Flessi e derivata seconda. Schema per lo studio qualitativo completo di una funzione y=f(x) Crescenza

Dettagli

Esercizi svolti. a 2 x + 3 se x 0; determinare a in modo che f risulti continua nel suo dominio.

Esercizi svolti. a 2 x + 3 se x 0; determinare a in modo che f risulti continua nel suo dominio. Esercizi svolti 1. Sia sin(x ) f(x) = x ( 1 + x 1 ) se x > 0 a x + 3 se x 0; determinare a in modo che f risulti continua nel suo dominio.. Scrivere l equazione della retta tangente nel punto di ascissa

Dettagli

LO STUDIO DI FUNZIONE ESERCIZI CON SOLUZIONI

LO STUDIO DI FUNZIONE ESERCIZI CON SOLUZIONI Autore: Enrico Manfucci - 6/05/0 LO STUDIO DI FUNZIONE ESERCIZI CON SOLUZIONI PREMESSA Per Studio di funzione si intende disegnare il grafico di una funzione data la sua espressione analitica. Questo significa

Dettagli

Concavità verso il basso (funzione concava) Si dice che in x0 il grafico della funzione f(x) abbia la concavità rivolta verso il basso, se esiste

Concavità verso il basso (funzione concava) Si dice che in x0 il grafico della funzione f(x) abbia la concavità rivolta verso il basso, se esiste CONCAVITA E CONVESSITA DI UNA FUNZIONE. FLESSI. SCHEMA GENERALE PER LO STUDIO DI FUNZIONE. FUNZIONI RAZIONALI E IRRAZIONALI INTERE E FRATTE. TEOREMA DI DE L HOSPITAL CON APPLICAZIONI AI LIMITI. 1 Concavit{

Dettagli

FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE

FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE FUNZIONI REALI DI UNA VARIABILE REALE INTERVALLI Per definire il campo di esistenza (o dominio) di una funzione reale di variabile reale y=f()si devono indicare talvolta insiemi di numeri reali che su

Dettagli

(1;1) y=2x-1. Fig. G4.1 Retta tangente a y=x 2 nel suo punto (1;1).

(1;1) y=2x-1. Fig. G4.1 Retta tangente a y=x 2 nel suo punto (1;1). G4 Derivate G4 Significato geometrico di derivata La derivata di una funzione in un suo punto è il coefficiente angolare della sua retta tangente Esempio G4: La funzione = e la sua retta tangente per il

Dettagli

Università degli Studi di Ancona Corso di Laurea in SS.FF.NN. Corso di MATEMATICA (A.A. 2002/2003) Docente: Prof. Piero MONTECCHIARI

Università degli Studi di Ancona Corso di Laurea in SS.FF.NN. Corso di MATEMATICA (A.A. 2002/2003) Docente: Prof. Piero MONTECCHIARI Università degli Studi di Ancona Corso di Laurea in SS.FF.NN. Corso di MATEMATICA (A.A. /3) Docente: Prof. Piero MONTECCHIARI STUDIO DI FUNZIONI Scritti dal tutore Dario GENOVESE 1 Dominio La prima cosa

Dettagli

x x x f(x) 5-f(x) Approccio Intuitivo Man mano il valore di x si avvicina a x 0 il valore di f(x) si avvicina a L

x x x f(x) 5-f(x) Approccio Intuitivo Man mano il valore di x si avvicina a x 0 il valore di f(x) si avvicina a L Deinizione imite Approccio Intuitivo ( ) Man mano il valore di si avvicina a il valore di () si avvicina a ( 2 22 2 ) Possiamo precisare meglio: 5 ( 2 ) 5 () 5-(),968377 4,87459,2549,99 4,96,399,996838

Dettagli

Esame di Matematica Generale 7 Febbraio Soluzione Traccia E

Esame di Matematica Generale 7 Febbraio Soluzione Traccia E Esame di Matematica Generale 7 Febbraio 013 - Soluzione Traccia E ESERCIZIO 1. Si consideri la funzione f : R R f(x) = x + 1 x. (a) Determinare il dominio di f ed eventuali simmetrie (3 punti). Dominio.

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE INTEGRALE. Z x. ln t ln t 2 2 dt. f(x) =

STUDIO DI UNA FUNZIONE INTEGRALE. Z x. ln t ln t 2 2 dt. f(x) = STUDIO DI UNA FUNZIONE INTEGRALE Studiamo la funzione f di una variabile reale, a valori in R, definitada. Il dominio di f. f() = Z Denotiamo con g la funzione integranda. Allora g(t) = numeri reali tali

Dettagli

Calcolo differenziale per funzioni di una variabile

Calcolo differenziale per funzioni di una variabile 5//5 Calcolo dierenziale per unzioni di una variabile Derivata di una unzione De. Sia : a,br, si deinisce derivata di nel punto a,b il numero, se inito,: d dy, y,,, D, Dy d d 5//5 Derivata di una unzione

Dettagli

b x 2 + c se x > 1 determinare a, b e c in modo che f sia continua in R, determinare a, b e c in modo che f sia anche derivabile in R

b x 2 + c se x > 1 determinare a, b e c in modo che f sia continua in R, determinare a, b e c in modo che f sia anche derivabile in R 9.. Esercizio. Data la funzione x tg( π x) se x < 4 f(x) = a se x = b x 2 + c se x > ANALISI Soluzione esercizi 9 dicembre 20 determinare a, b e c in modo che f sia continua in R, determinare a, b e c

Dettagli

INSEGNANTE: Marco Cerciello FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE

INSEGNANTE: Marco Cerciello FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE Classe V H INSEGNANTE: Marco Cerciello Testo: Matematica a colori vol. 5 ed. Petrini Concetto di unzione di variabile reale FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE Rappresentazione analitica di una unzione,

Dettagli

Esercitazioni di ISTITUZIONI di MATEMATICA 1 Facoltà di Architettura Anno Accademico 2005/2006

Esercitazioni di ISTITUZIONI di MATEMATICA 1 Facoltà di Architettura Anno Accademico 2005/2006 Esercitazioni di ISTITUZIONI di MATEMATICA 1 Facoltà di Architettura Anno Accademico 005/006 Antonella Ballabene SOLUZIONI -14 marzo 006- SCHEMA per lo STUDIO di FUNZIONI 1. Dominio della funzione f)..

Dettagli

rapporto tra l'incremento della funzione e l' incremento corrispondente della

rapporto tra l'incremento della funzione e l' incremento corrispondente della DERIVATA Sia y f() una funzione reale definita in un intorno di. Si consideri un incremento (positivo o negativo) di : h; la funzione passerà allora dal valore f( ) a quello di f( +h), subendo così un

Dettagli

Equazione della retta tangente al grafico di una funzione

Equazione della retta tangente al grafico di una funzione Equazione della retta tangente al grafico di una funzione Abbiamo già visto che in un sistema di assi cartesiani ortogonali, è possibile determinare l equazione di una retta r non parallela agli assi coordinati,

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti. Determinare [cos x] x kπ/ al variare di k in Z. Ove tale ite non esista, discutere l esistenza dei iti laterali. Identificare i punti di discontinuità della

Dettagli

Calcolo differenziale 2: Massimi e minimi. Studio di una funzione. (M.S.Bernabei & H. Thaler)

Calcolo differenziale 2: Massimi e minimi. Studio di una funzione. (M.S.Bernabei & H. Thaler) Calcolo differenziale 2: Massimi e minimi. Studio di una funzione. (M.S.Bernabei & H. Thaler) Studio di una funzione Funzioni crescenti e decrescenti Una funzione f è crescente nell intervallo (a, b) se

Dettagli

Lezione 6 Richiami di Geometria Analitica

Lezione 6 Richiami di Geometria Analitica 1 Piano cartesiano Lezione 6 Richiami di Geometria Analitica Consideriamo nel piano due rette perpendicolari che si intersecano in un punto O Consideriamo ciascuna di queste rette come retta orientata

Dettagli

Esercizio 1. f(x) = 4 5x2 x 2 +x 2. Esercizio 2. f(x) = x2 16. Esercizio 3. f(x) = x2 1 9 x 2

Esercizio 1. f(x) = 4 5x2 x 2 +x 2. Esercizio 2. f(x) = x2 16. Esercizio 3. f(x) = x2 1 9 x 2 Matematica ed Informatica+Fisica ESERCIZI Modulo di Matematica ed Informatica Corso di Laurea in CTF - anno acc. 2013/2014 docente: Giulia Giantesio, gntgli@unife.it Esercizi 8: Studio di funzioni Studio

Dettagli

Traccia n.1 Studiare il comportamento della funzione: 3x + ex 3x e x. Svolgimento

Traccia n.1 Studiare il comportamento della funzione: 3x + ex 3x e x. Svolgimento Traccia n. Studiare il comportamento della funzione: Svolgimento f(x) = 3x + ex 3x e x Determinazione del campo di esistenza, E[f]. La funzione si presenta come rapporto di due funzioni; il campo di esistenza

Dettagli

1) Applicando la definizione di derivata, calcolare la derivata in x = 0 delle funzioni: c) x + 1 d)x sin x.

1) Applicando la definizione di derivata, calcolare la derivata in x = 0 delle funzioni: c) x + 1 d)x sin x. Funzioni derivabili Esercizi svolti 1) Applicando la definizione di derivata, calcolare la derivata in x = 0 delle funzioni: a)2x 5 b) x 3 x 4 c) x + 1 d)x sin x. 2) Scrivere l equazione della retta tangente

Dettagli

Esercizi proposti. x b) f(x) = 2. Determinare i punti di non derivabilità delle funzioni

Esercizi proposti. x b) f(x) = 2. Determinare i punti di non derivabilità delle funzioni Esercizi proposti 1. Calcolare la derivata prima f () per le seguenti funzioni: a) f() = c) f() = ( 1 + 1 b) f() = 1 arctan ) d) f() = cos ( ( + ) 5) e) f() = 1 + sin 1 f) f() = arcsin 1. Determinare i

Dettagli

Istituzioni di Matematica I

Istituzioni di Matematica I Istituzioni di Matematica I Le soluzioni proposte costituiscono solo una traccia di possibili soluzioni (lo studente deve giustificare i vari risultati), possono esserci altri modi, altrettanto corretti,

Dettagli

Analisi Matematica I Primo Appello ( ) - Fila 1

Analisi Matematica I Primo Appello ( ) - Fila 1 Analisi Matematica I Primo Appello (4-11-003) - Fila 1 1. Determinare la retta tangente alla funzione f() = (1 + ) 1+ in = 0. R. f(0) = 1, mentre la derivata è f () = ( e (1+) log(1+)) ( ) = e (1+) log(1+)

Dettagli

Calcolo Differenziale. Corsi di Laurea in Tecniche di Radiologia ecc... A.A Analisi Matematica - Calcolo Differenziale - p.

Calcolo Differenziale. Corsi di Laurea in Tecniche di Radiologia ecc... A.A Analisi Matematica - Calcolo Differenziale - p. Calcolo Differenziale Corsi di Laurea in Tecniche di Radiologia ecc... A.A. 2010-2011 - Analisi Matematica - Calcolo Differenziale - p. 1/33 Velocità istantanea Percorriamo il tratto di strada tra Udine

Dettagli

Teoremi fondamentali dell'analisi Matematica versione 1

Teoremi fondamentali dell'analisi Matematica versione 1 Teoremi fondamentali dell'analisi Matematica versione 1 Roberto Boggiani 7 novembre 2012 1 Richiami di geometria analitica Dalla geometria analitica sulla retta sappiamo che dati due punti del piano A(x

Dettagli

Esercizio 1. f (x) = e 8x x2 14 ***

Esercizio 1. f (x) = e 8x x2 14 *** Esercizio Studiare la funzione f () = e 8 () *** Soluzione Insieme di definizione La funzione è definita in X = (, + ) Intersezioni con gli assi essendo γ il grafico della funzione. Inoltre: X, f () >

Dettagli

Calcolo differenziale 2: Massimi e minimi. Studio di una funzione. (M.S.Bernabei & H. Thaler)

Calcolo differenziale 2: Massimi e minimi. Studio di una funzione. (M.S.Bernabei & H. Thaler) Calcolo differenziale 2: Massimi e minimi. Studio di una funzione. (M.S.Bernabei & H. Thaler) Studio di una funzione Funzioni crescenti e decrescenti Una funzione f é crescente nell intervallo (a, b) se

Dettagli

ESAMI DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO SPERIMENTAZIONI AUTONOME 1. Tema di MATEMATICA

ESAMI DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO SPERIMENTAZIONI AUTONOME 1. Tema di MATEMATICA Sessione suppletiva Sperimentazioni Autonome ESAMI DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO SPERIMENTAZIONI AUTONOME SECONDA PROVA SCRITTA Tema di MATEMATICA PROBLEMA Nel piano rierito a coordinate cartesiane ortogonali

Dettagli

DERIV AT E. Arriviamo ora alla de nizione di derivata attraverso il concetto di rapporto incrementale.

DERIV AT E. Arriviamo ora alla de nizione di derivata attraverso il concetto di rapporto incrementale. DERIV AT E Il concetto di derivata di una funzione, è scaturito dal celebre problema della ricerca delle tangenti ad una curva in un suo punto, che ha lungamente impegnato i matematici prima di Newton

Dettagli

Massimi, minimi, monotonia, e derivate

Massimi, minimi, monotonia, e derivate Massimi, minimi, monotonia, e derivate Punti di massimo, minimo per una funzione Definizione 1 Si dice che un punto c di un sottinsieme A di R e un punto interno ad A se e solo se c possiede qualche intorno

Dettagli

Corso di Analisi Matematica 1 - professore Alberto Valli

Corso di Analisi Matematica 1 - professore Alberto Valli Università di Trento - Corso di Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio - 07/8 Corso di Analisi Matematica - professore Alberto Valli 7 foglio di esercizi - 8 novembre 07

Dettagli

Variazione di una funzione

Variazione di una funzione a) Variazione di una funzione Variazione di : Δ= 2-1 Δf Variazione di f: Δf= 2-1 =f( 2 )-f( 1 ) b) 1 Δ 2 In questo caso a una variazione di, Δ, corrisponde una piccola variazione di f, Δf Δf In questo

Dettagli

Esercitazioni di Matematica

Esercitazioni di Matematica Università degli Studi di Udine Anno Accademico 009/00 Facoltà di Agraria Corsi di Laurea in VIT e STAL Esercitazioni di Matematica novembre 009 Trovare le soluzioni della seguente disequazione: x + +

Dettagli

Studi di funzione. D. Barbieri. Studiare comportamento asintotico e monotonia di. f(x) = 1 x x4 + 4x e x

Studi di funzione. D. Barbieri. Studiare comportamento asintotico e monotonia di. f(x) = 1 x x4 + 4x e x Studi di funzione D. Barbieri Esercizi Esercizio Esercizio Studiare comportamento asintotico e monotonia di f(x) = x + x4 + 4x Studiare il comportamento asintotico di f(x) = + x x + + e x Esercizio 3 Determinare

Dettagli

Corso di Analisi Matematica Limiti di funzioni

Corso di Analisi Matematica Limiti di funzioni Corso di Analisi Matematica Limiti di funzioni Laurea in Informatica e Comunicazione Digitale A.A. 2013/2014 Università di Bari ICD (Bari) Analisi Matematica 1 / 39 1 Definizione di ite 2 Il calcolo dei

Dettagli

ESERCIZI DI METODI MATEMATICI PER L ECONOMIA FACOLTÀ DI ECONOMIA DI FERRARA A.A. 2011/2012

ESERCIZI DI METODI MATEMATICI PER L ECONOMIA FACOLTÀ DI ECONOMIA DI FERRARA A.A. 2011/2012 ESERCIZI DI METODI MATEMATICI PER L ECONOMIA FACOLTÀ DI ECONOMIA DI FERRARA A.A. 2011/2012 1. Esercizi 3 1. Studiare la seguente funzione FINO alla derivata prima, con tracciamento di grafico ed indicazione

Dettagli

5. Concetto di funzione. Dominio e codominio.

5. Concetto di funzione. Dominio e codominio. 5. Concetto di unzione. Dominio e codominio. Intro (concetto intuitivo) Che cosa e una unzione? Esempi di unzioni? Concetto di unzione Il concetto di unzione è legato all esistenza di una relazione tra

Dettagli

Matematica per le Applicazioni Economiche I (M-P)

Matematica per le Applicazioni Economiche I (M-P) Matematica per le Applicazioni Economiche I (M-P) Corsi di Laurea in Economia Aziendale, Economia e Commercio, a.a. 06-7 Esercizi su Calcolo Differenziale. Per la seguente funzione, dato 0, si utilizzi

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA 2 LE FUNZIONI

UNITÀ DIDATTICA 2 LE FUNZIONI UNITÀ DIDATTICA LE FUNZIONI. Le funzioni Definizione. Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di R. Si chiama funzione di A in B una qualsiasi legge che fa corrispondere a ogni elemento A uno ed un solo

Dettagli

ESERCIZI SUI PUNTI DI NON DERIVABILITÀ TRATTI DA TEMI D ESAME

ESERCIZI SUI PUNTI DI NON DERIVABILITÀ TRATTI DA TEMI D ESAME ESERCIZI SUI PUNTI DI NON DERIVABILITÀ TRATTI DA TEMI D ESAME a cura di Michele Scaglia FUNZIONI DERIVABILI Sia f : domf R una funzione e sia 0 domf di accumulazione per domf Chiamiamo derivata prima di

Dettagli

12/10/05 (2 ore): Esercizi vari sull ellisse, iperbole, parabola. Disequazioni in due variabili. Equazione dell iperbole equilatera. Esempi.

12/10/05 (2 ore): Esercizi vari sull ellisse, iperbole, parabola. Disequazioni in due variabili. Equazione dell iperbole equilatera. Esempi. Università degli Studi di Trento Facolta di Scienze Cognitive Corso di Laurea in Scienze e Tecniche di Psicologia Cognitiva Applicata Corso di Analisi Matematica - a.a. 2005/06 Docente: Prof. Anneliese

Dettagli

SCIENTIFICO COMUNICAZIONE OPZIONE SPORTIVA PROBLEMA 2. Figura 1

SCIENTIFICO COMUNICAZIONE OPZIONE SPORTIVA PROBLEMA 2. Figura 1 www.matefilia.it SCIENTIFICO COMUNICAZIONE OPZIONE SPORTIVA 216 - PROBLEMA 2 Nella figura 1 è rappresentato il grafico Γ della funzione continua f: [, + ) R, derivabile in ], + ), e sono indicate le coordinate

Dettagli

dato da { x i }; le rette verticali passanti per

dato da { x i }; le rette verticali passanti per Schema riepilogativo per lo studio di una funzione reale di una var. reale. Studio grafico-analitico delle funzioni reali di variabile reale y = f ( Sequenza dei passi utili allo studio di una funzione

Dettagli

y x y x A (x 1,y 1 ) = (c, f(c)) B(x 2,y 2 ) = (c+h, f(c+h)) m =

y x y x A (x 1,y 1 ) = (c, f(c)) B(x 2,y 2 ) = (c+h, f(c+h)) m = DERIVATA DI UNA FUNZIONE IN UN PUNTO SIGNIFICATO GEOMETRICO. EQUAZIONE DELLA RETTA TANGENTE AL GRAFICO NEL PUNTO DI TANGENZA. REGOLE DI DERIVAZIONE. CONTINUITA E DERIVABILITA PUNTI DI NON DERIVABILITA

Dettagli

Integrali definiti secondo Riemann

Integrali definiti secondo Riemann Analisi matematica ntegrali deiniti secondo Riemann Calcolo integrale ntegrali deiniti secondo Riemann Trapezoide di una unzione Funzione a scala ntegrale deinito 2 2006 Politecnico di Torino 1 Analisi

Dettagli

Definizione (Derivata come limite del rapporto incrementale) Se esiste finito (cioè, non + o ) il limite del rapporto incrementale

Definizione (Derivata come limite del rapporto incrementale) Se esiste finito (cioè, non + o ) il limite del rapporto incrementale Funzione derivabile. La derivata. Dati: f I R funzione; I R intervallo aperto ; x 0 I. Definizione (Derivata come ite del rapporto incrementale) Se esiste finito (cioè, non + o ) il ite del rapporto incrementale

Dettagli

IL TEOREMA DEGLI ZERI Una dimostrazione di Ezio Fornero

IL TEOREMA DEGLI ZERI Una dimostrazione di Ezio Fornero IL TEOREMA DEGLI ZERI Una dimostrazione di Ezio Fornero Il teorema degli zeri è fondamentale per determinare se una funzione continua in un intervallo chiuso [ a ; b ] si annulla in almeno un punto interno

Dettagli

Risoluzione dei problemi

Risoluzione dei problemi Risoluzione dei problemi Il dominio della generica funzione è:! a a) Scriviamo l espressione della funzione in forma di equazione raccogliendo separatamente i termini contenenti il parametro a e quelli

Dettagli

Scheda elaborata dalla prof.ssa Biondina Galdi Docente di Matematica

Scheda elaborata dalla prof.ssa Biondina Galdi Docente di Matematica Tutorial - Studio di una funzione reale di variabile reale f : x R y = f (x) R Una funzione può essere: - 1 - algebrica ( razionale o irrazionale, intera o fratta) Classificare la trascendentale ( esponenziale,

Dettagli

5. Massimi, minimi e flessi

5. Massimi, minimi e flessi 1 5. Massimi, minimi e flessi Funzioni crescenti e decrescenti A questo punto dovremmo avere imparato come si calcolano le derivate di una funzione razionale fratta, ma dobbiamo capire in che modo queste

Dettagli

Esercizi sulle equazioni differenziali a cura di Sisto Baldo, Elisabetta Ossanna e Sandro Innocenti

Esercizi sulle equazioni differenziali a cura di Sisto Baldo, Elisabetta Ossanna e Sandro Innocenti Esercizi sulle equazioni differenziali a cura di Sisto Baldo, Elisabetta Ossanna e Sandro Innocenti 1. Verifica che y(t) = 1 t + e t è una soluzione dell equazione y (t) = y(t) + t.. Scrivi un equazione

Dettagli

Derivate. Rette per uno e per due punti. Rette per uno e per due punti

Derivate. Rette per uno e per due punti. Rette per uno e per due punti Introduzione Rette per uno e per due punti Rette per uno e per due punti Rette secanti e tangenti Derivata d una funzione in un punto successive Derivabilità a destra e a sinistra Rette per uno e per due

Dettagli

Derivate delle funzioni di una variabile.

Derivate delle funzioni di una variabile. Derivate delle funzioni di una variabile. Il concetto di derivata di una funzione di una variabile è uno dei più fecondi della matematica ed è quello su cui si basa il calcolo differenziale. I problemi

Dettagli

Analisi Matematica 1+2

Analisi Matematica 1+2 Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria - Polo di Savona via Cadorna 7-700 Savona Tel. +39 09 264555 - Fax +39 09 264558 Ingegneria Gestionale Analisi Matematica +2 A.A 998/99 - Prove parziali

Dettagli

STUDIO DEL GRAFICO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DEL GRAFICO DI UNA FUNZIONE STUDIO DEL GRAFICO DI UNA FUNZIONE PROF.SSA ROSSELLA PISCOPO 2 di 35 Indice 1 SCHEMA PER LO STUDIO DEL GRAFICO DI FUNZIONE... 4 2 ESEMPI... 11 2.1 2.2 2.3 2.4 2.5 2.6 FUNZIONE ESPONENZIALE... 11 FUNZIONE

Dettagli

Definizione Dati due insiemi A e B, contenuti nel campo reale R, si definisce funzione reale di variabile reale una legge f : A

Definizione Dati due insiemi A e B, contenuti nel campo reale R, si definisce funzione reale di variabile reale una legge f : A Scopo centrale, sia della teoria statistica che della economica, è proprio quello di esprimere ed analizzare le relazioni, esistenti tra le variabili statistiche ed economiche, che, in linguaggio matematico,

Dettagli

x log(x) + 3. f(x) =

x log(x) + 3. f(x) = Università di Bari, Corso di Laurea in Economia e Commercio Esame di Matematica per l Economia L/Z Dr. G. Taglialatela 03 giugno 05 Traccia dispari Esercizio. Calcolare Esercizio. Calcolare e cos log d

Dettagli

Matematica e Statistica per Scienze Ambientali

Matematica e Statistica per Scienze Ambientali per Scienze Ambientali Derivate - Appunti 1 1 Dipartimento di Matematica Sapienza, Università di Roma Roma, Novembre 2013 Retta secante un grafico e rapporto incrementale Sia f una funzione e x 0 un punto

Dettagli

IL CALCOLO DEI LIMITI. Le operazioni sui limiti Le forme indeterminate le funzioni continue Gli asintoti Il grafico probabile di una funzione

IL CALCOLO DEI LIMITI. Le operazioni sui limiti Le forme indeterminate le funzioni continue Gli asintoti Il grafico probabile di una funzione IL CALCOLO DEI LIMITI Le operazioni sui imiti Le orme indeterminate e unzioni continue Gi asintoti I graico probabie di una unzione Pro. Giovanni Ianne Pro Giovanni Ianne 1/19 LE OPERAZIONI SUI LIMITI

Dettagli

Ricerca di massimi e minimi col metodo della derivata prima

Ricerca di massimi e minimi col metodo della derivata prima Massimi e minimi con la derivata prima pag. 1 di 6 Ricerca di massimi e minimi col metodo della derivata prima Ricordiamo che il significato geometrico della derivata prima è quello di coefficiente angolare

Dettagli

Limiti e continuità. Limiti di funzioni

Limiti e continuità. Limiti di funzioni Limiti e continuità Limite all ininito di una unzione Limite al inito di una unzione Continuità di una unzione Limite ininito al inito di una unzione Limiti laterali di una unzione Punti di discontinuità

Dettagli

Soluzione esercizi sulle funzioni - 5 a E Liceo Scientifico - 04/11/ 13

Soluzione esercizi sulle funzioni - 5 a E Liceo Scientifico - 04/11/ 13 Soluzione esercizi sulle funzioni - 5 a E Liceo Scientifico - 04// 3 Esercizio. Si consideri la funzione ) se 0 f) e se 0. e si verifichi che non è continua in 0. Che tipo di discontinuità presenta in

Dettagli

Dimostrazione. Indichiamo con α e β (finiti o infiniti) gli estremi dell intervallo I. Poniamo

Dimostrazione. Indichiamo con α e β (finiti o infiniti) gli estremi dell intervallo I. Poniamo C.6 Funzioni continue Pag. 114 Dimostrazione del Corollario 4.25 Corollario 4.25 Sia f continua in un intervallo I. Supponiamo che f ammetta, per x tendente a ciascuno degli estremi dell intervallo, iti

Dettagli

Metodi Matematici per l Economia anno 2017/2018 Gruppo B

Metodi Matematici per l Economia anno 2017/2018 Gruppo B Metodi Matematici per l Economia anno 2017/2018 Gruppo B Docente: Giacomo Dimarco Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Ferrara https://sites.google.com/a/unife.it/giacomo-dimarco-home-page/

Dettagli

1.4 Geometria analitica

1.4 Geometria analitica 1.4 Geometria analitica IL PIANO CARTESIANO Per definire un riferimento cartesiano nel piano euclideo prendiamo: Un punto detto origine i Due rette orientate passanti per. ii Due punti e per definire le

Dettagli

Punti di massimo e di minimo

Punti di massimo e di minimo Punti di massimo e di minimo Massimo assoluto o minimo assoluto DEFINIZIONE Si dice massimo (minimo) assoluto di una funzione f il più grande (piccolo) dei valori che essa assume. mag 12 15.39 1 Si dice

Dettagli

Corso di Analisi Matematica

Corso di Analisi Matematica Corso di Laurea in Ingegneria Edile Corso di TEOREMI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Lucio Demeio Dipartimento di Ingegneria Industriale e delle Scienze Matematiche Teorema di Estremi locali Richiamiamo la

Dettagli

Soluzione di Adriana Lanza

Soluzione di Adriana Lanza Soluzione Dimostriamo che f(x) è una funzione dispari Osserviamo che in quanto in quanto x è una funzione dispari è una funzione dispari in quanto prodotto di una funzione dispari per una pari Pertanto

Dettagli

Prove scritte di Analisi I - Informatica

Prove scritte di Analisi I - Informatica Prove scritte di Analisi I - Informatica Prova scritta del 3 gennaio Esercizio Stabilire il comportamento delle seguenti serie: n= n + 3 sin n, n= ( ) n n + 3 sin n, n= (n)! (n!), n= n + n 9 n + n. Esercizio

Dettagli

29 IL TEOREMA DEL VALOR MEDIO

29 IL TEOREMA DEL VALOR MEDIO 29 IL TEOREMA DEL VALOR MEDIO Abbiamo visto che molte proprietà importanti delle funzioni (crescenza, decrescenza, iniettività, ecc.) si esprimono tramite proprietà del rapporto incrementale (positività,

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2007 Sessione suppletiva

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2007 Sessione suppletiva ESAME DI STAT DI LIE SIENTIFI RS DI RDINAMENT 7 Sessione suppletiva Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PRBLEMA Rispetto a un sistema di assi cartesiani

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica ANALISI MATEMATICA 1. Prova scritta del 14 gennaio 2017 Fila 1.

Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica ANALISI MATEMATICA 1. Prova scritta del 14 gennaio 2017 Fila 1. Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica ANALISI MATEMATICA Prova scritta del gennaio 207 Fila. Esporre il procedimento di risoluzione degli esercizi in maniera completa e leggibile.. (Punti 6) Determinare

Dettagli

Limite. Se D non è limitato si può fare il limite di f(x) per x che tende

Limite. Se D non è limitato si può fare il limite di f(x) per x che tende Appunti sul corso di Complementi di Matematica,mod.Analisi, prof. B.Bacchelli - a.a. 200/20. 05 - Limiti continuità: Riferimenti: R.Adams, Calcolo Differenziale 2. Capitoli 3., 3.2. - Esercizi 3., 3.2.

Dettagli

Esame di MATEMATICA CORSO BASE del

Esame di MATEMATICA CORSO BASE del Esame di MATEMATICA CORSO BASE del Cognome Matricola Nome Esercizio. Si consideri il seguente sistema x 3y + z =5 x ky +z = k kx y z = Si trovino il numero delle soluzioni al variare del parametro k e

Dettagli

1) D0MINIO. Determinare il dominio della funzione f (x) = ln ( x 3 4x 2 3x). Deve essere x 3 4x 2 3x > 0. Ovviamente x 0.

1) D0MINIO. Determinare il dominio della funzione f (x) = ln ( x 3 4x 2 3x). Deve essere x 3 4x 2 3x > 0. Ovviamente x 0. D0MINIO Determinare il dominio della funzione f ln 4 + Deve essere 4 + > 0 Ovviamente 0 Se > 0, 4 + 4 + quindi 0 < < > Se < 0, 4 + 4 4 e, ricordando che < 0, deve essere 4 < 0 dunque 7 < < 0 Il campo di

Dettagli