Influenza Aviaria. La malattia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Influenza Aviaria. La malattia"

Transcript

1 1 INFLUENZA AVIARIA La malattia Influenza Aviaria L influenza aviaria è causata da virus appartenenti alla famiglia Orthomyxoviridae, genere Influenzavirus A. Si distinguono stipiti a bassa patogenicità (Low Pathogenicity Avian Influenza, LPAI) e ad alta patogenicità (Highly Pathogenic Avian Influenza, HPAI) in base alla gravità ed alla forma clinica di malattia. I primi possono causare un quadro sintomatologico aspecifico caratterizzato da sintomi respiratori ed enterici spesso associati, nei riproduttori e nelle ovaiole, ad alterazioni della riproduzione. I secondi, invece, sono responsabili di una malattia sistemica caratterizzata da replicazione virale negli organi vitali ed ad esito mortale. Il virus dell influenza aviaria colpisce tutte le specie di uccelli, in particolare polli e tacchini. Gli uccelli acquatici sviluppano la malattia più raramente e in forme meno acute, ma possono costituire un fattore di propagazione del virus. Rappresentano, infatti, il principale serbatoio virale, all origine anche del contagio di altre specie animali. Infatti, oltre agli uccelli, anche i cavalli, i suini, i cetacei e le foche, come pure l uomo, possono contrarre questa malattia. A partire dal 1997 si sono verificati episodi di influenza da virus aviario nell uomo, in occasione delle gravi epidemie che hanno interessato varie parti del mondo, ma soprattutto l estremo oriente. Sinora solo i sottotipi H5, H7 e H9 sono stati capaci di compiere il salto di specie. In Olanda nel 23 il virus H7N7 ad alta patogenicità, è stato responsabile di una delle più gravi epidemie di IA mai verificatasi (più di 3 milioni di volatili abbattuti). Sono state contagiate 86 persone che hanno manifestato congiuntiviti associate o meno a sintomi influenzali. C è stata una vittima: un veterinario impegnato nelle operazioni di polizia sanitaria in allevamento. L Organizzazione Mondiale della Sanità Animale (OMS) ha definito l influenza aviaria come l infezione che colpisce i polli, causata da qualsiasi virus dell influenza di tipo A che ha un indice di patogenicità intravenosa in polli di 6 settimane maggiore di 1,2 o qualsiasi virus dell influenza di tipo A appartenente ai sottotipi H5 e H7. L OMS sostiene la necessità di identificare i pericoli derivanti dalla situazione sanitaria delle popolazioni di volatili domestici e selvatici al fine di effettuare una corretta valutazione del rischio di influenza aviaria nella popolazione umana. Non per ultimo, infatti, è stato individuato, a marzo 213, in Cina, un nuovo ceppo di influenza aviaria, H7N9), che da Shanghai si è esteso rapidamente in altre cinque province (provincia dello Shandong, Jiangsu, Zhejiang e Anhui), raggiungendo Pechino ed uccidendo 22 persone e contagiandone 18 (figura 1).

2 2 INFLUENZA AVIARIA Figura 1: Casi umani di influenza A (H7N9) nel mondo confermati a maggio 213 (Fonte: WHO Report 8 - data in WHO/HQ as of 3 May 213, 15:45 GMT+1) Nel 214 il virus H5N8 è stato isolato per la prima volta in Cina e ha causato, diverse epidemie in uccelli domestici e selvatici in vari paesi asiatici (Oie). Dall inizio di novembre il virus è stato segnalato in Europa, dove ha causato focolai di A(H5N8) in allevamenti avicoli di Germania, Regno Unito, Olanda e, dal 15 dicembre, in Italia Metodologia e fonte dei dati I dati umbri relativi alle prove sierologiche per influenza aviaria derivano principalmente dal Sistema Informativo Gestione Laboratori Analisi (SIGLA) dell IZSUM. I dati mondiali sono stati estratti dal sito dell OIE: butionmape

3 3 INFLUENZA AVIARIA Situazione epidemiologica in Umbria In Umbria l unico isolamento di virus influenzale H5N1 ad alta patogenicità è stato effettuato da un germano reale trovato morto nel febbraio 26. A seguito di ciò, nel 26, si sono intensificati i controlli previsti dal piano di monitoraggio eseguiti negli animali appartenenti ad allevamenti intensivi di volatili (tabelle 1 e 2). Nessun animale è risultato virologicamente o sierologicamente positivo. Nel 29, 21 e nel 211 sono stati diagnosticati tre focolai a bassa patogenicità in tre distinti allevamenti di tipo industriale due di tacchini da carne ed uno di polli. Tabella 1: Prevalenza di test positivi per HPAI in Umbria Anni N. test positivi Prevalenza N. test eseguiti in Umbria ,5%

4 4 INFLUENZA AVIARIA Tabella 2: Prevalenza di allevamenti positivi per HPAI in Umbria Anni N. allevament i positivi Prevalenza N. allevament i controllat i in Umbria

5 5 INFLUENZA AVIARIA Situazione epidemiologica nel mondo I dati mondiali dal 25 al 213 sono illustrati nelle figure dalla 14 alla 27. Figura 2: Situazione epidemiologica per influenza aviaria nel mondo nel periodo gennaiogiugno 25. Figura 3: Situazione epidemiologica per influenza aviaria nel mondo nei semestri lugliodicembre 25

6 6 INFLUENZA AVIARIA Figura 4: Situazione epidemiologica per influenza aviaria nel mondo nel periodo gennaiogiugno 26 Figura 5: Situazione epidemiologica per influenza aviaria nel mondo nei semestri lugliodicembre 26

7 7 INFLUENZA AVIARIA Figura 6: Situazione epidemiologica per influenza aviaria nel mondo nel periodo gennaiogiugno 27 Figura 7: Situazione epidemiologica per influenza aviaria nel mondo nei semestri lugliodicembre 27

8 8 INFLUENZA AVIARIA Figura 8: Situazione epidemiologica per influenza aviaria nel mondo nel periodo gennaiogiugno 28 Figura 9: Situazione epidemiologica per influenza aviaria nel mondo nei semestri lugliodicembre 28

9 9 INFLUENZA AVIARIA Figura 1: Situazione epidemiologica per influenza aviaria nel mondo nel periodo gennaiogiugno 29 Figura 11: Situazione epidemiologica per influenza aviaria nel mondo nei semestri lugliodicembre 29

10 1 INFLUENZA AVIARIA Figura 12: Situazione epidemiologica per influenza aviaria nel mondo nel periodo gennaiogiugno 21 Figura 13: Situazione epidemiologica per influenza aviaria nel mondo nei semestri lugliodicembre 21

11 11 INFLUENZA AVIARIA Figura 14: Situazione epidemiologica per influenza aviaria nel mondo nel periodo gennaiogiugno 211 Figura 15: Situazione epidemiologica per influenza aviaria nel mondo nei semestri lugliodicembre 211

12 12 INFLUENZA AVIARIA Figura 16: Situazione epidemiologica per influenza aviaria nel mondo nel periodo gennaiogiugno 212 Figura 17: Situazione epidemiologica per influenza aviaria nel mondo nei semestri lugliodicembre 212

13 13 INFLUENZA AVIARIA Figura 18: Situazione epidemiologica per influenza aviaria nel mondo nel periodo gennaiogiugno 213 Figura 19: Situazione epidemiologica per influenza aviaria nel mondo nei semestri lugliodicembre 213

Piano Regionale per il monitoraggio permanente dell'influenza aviare. Risultati dei controlli anno 2007

Piano Regionale per il monitoraggio permanente dell'influenza aviare. Risultati dei controlli anno 2007 Piano Regionale per il monitoraggio permanente dell'influenza aviare. Risultati dei controlli anno 2007 La presenza e la circolazione naturale nei volatili selvatici, in particolar modo negli anatidi,

Dettagli

Malattia Vescicolare del Suino

Malattia Vescicolare del Suino 1 MALATTIA VESCICOLARE DEL SUINO La malattia Malattia Vescicolare del Suino La malattia vescicolare del suino (MVS) è una malattia infettiva e contagiosa ad eziologia virale (genere Enterovirus appartenente

Dettagli

INFLUENZA AVIARIA IN ITALIA:

INFLUENZA AVIARIA IN ITALIA: CENTRO REGIONALE EPIDEMIOLOGIA VETERINARIA STITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE VENEZIE INFLUENZA AVIARIA IN ITALIA: 1999 2003 Stefano Marangon Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie

Dettagli

VIRUS terminologia 2

VIRUS terminologia 2 1 VIRUS terminologia 2 invasività capacità di un microrganismo a superare i dispositivi di difesa dell'ospite e moltiplicarsi attivamente in essi. virulenza attitudine a realizzare danno tissutale. patogenicità

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA - Serie Generale - N. 21 DETERMINAZIONI DIRIGENZIALI

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA - Serie Generale - N. 21 DETERMINAZIONI DIRIGENZIALI 15-4-2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA - Serie Generale - N. 21 77 DETERMINAZIONI DIRIGENZIALI DIREZIONE REGIONALE SALUTE, COESIONE SOCIALE - SERVIZIO PREVENZIONE, SANITÀ VETERINARIA E SICUREZZA

Dettagli

INFLUENZA AVIARIA PIANO NAZIONALE DI MONITORAGGIO anno 2006

INFLUENZA AVIARIA PIANO NAZIONALE DI MONITORAGGIO anno 2006 INFLUENZA AVIARIA PIANO NAZIONALE DI MONITORAGGIO anno 2006 PREMESSA La continua circolazione di ceppi virali LPAI dei sottotipi H5 e H7 rappresenta un rischio reale di insorgenza di nuove epidemie in

Dettagli

PRINCIPALI PROBLEMI SANITARI RELATIVI A MALATTIE DEL BESTIAME SOGGETTE A MISURE UFFICIALI

PRINCIPALI PROBLEMI SANITARI RELATIVI A MALATTIE DEL BESTIAME SOGGETTE A MISURE UFFICIALI PRINCIPALI PROBLEMI SANITARI RELATIVI A MALATTIE DEL BESTIAME SOGGETTE A MISURE UFFICIALI LE LE GRANDI OPERAZIONI DI DI BONIFICA SANITARIA DEGLI ALLEVAMENTI MALATTIE A DICHIARAZIONE INTERNAZIONALE OBBLIGATORIA

Dettagli

1 BRUCELLOSI BOVINA. Brucellosi bovina

1 BRUCELLOSI BOVINA. Brucellosi bovina 1 BRUCELLOSI BOVINA Brucellosi bovina La malattia La brucellosi bovina è un infezione causata principalmente da B. abortus ma può essere sostenuta anche da B. melitensis. È caratterizzata da aborti epizootici

Dettagli

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 6 Agosto 2010

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 6 Agosto 2010 NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 6 Agosto 2010 Dagli ultimi Comunicati emessi dal Ministero della Salute Italiano, dall Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dal Centro Europeo di

Dettagli

Bollettino epidemiologico 2016

Bollettino epidemiologico 2016 Bollettino epidemiologico 2016 1 Situazione epidemiologica 2 Piano di sorveglianza 3 Risultati delle attività di sorveglianza 4 Definizione di caso negli equidi 28 luglio 2016 n. 4 1 Situazione epidemiologica

Dettagli

INFLUENZA UMANA PANDEMICA - A/H1N1p Aggiornamento al 29 Ottobre 2010

INFLUENZA UMANA PANDEMICA - A/H1N1p Aggiornamento al 29 Ottobre 2010 INFLUENZA UMANA PANDEMICA - A/H1N1p Aggiornamento al 29 Ottobre 2010 Si comunica che a seguito degli ultimi comunicati emessi dall Organizzazione Mondiale della Sanità e del Centro Europeo di Prevenzione

Dettagli

Influenza aviaria, disposizione ministeriale vieta l'utilizzo di richiami vivi nell attività venatoria

Influenza aviaria, disposizione ministeriale vieta l'utilizzo di richiami vivi nell attività venatoria Influenza aviaria, disposizione ministeriale vieta l'utilizzo di richiami vivi nell attività venatoria Il 28 dicembre 2016 l Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, sede del Centro di Referenza

Dettagli

Aggiornamento del

Aggiornamento del Influenza pandemica (A/H1N1p) Aggiornamento del 12.09.11 1 INFLUENZA UMANA PANDEMICA - A/H1N1p Aggiornamento al 12 Settembre 2011 A seguito degli ultimi comunicati emessi dall Organizzazione Mondiale della

Dettagli

Influenza pandemica (A/H1N1p)

Influenza pandemica (A/H1N1p) Influenza pandemica (A/H1N1p) Aggiornamento del 20.05.11 1 INFLUENZA UMANA PANDEMICA - A/H1N1p Aggiornamento al 20 Maggio 2011 A seguito degli ultimi comunicati emessi dall Organizzazione Mondiale della

Dettagli

Rassegna Stampa. Giovedì 06 settembre 2012

Rassegna Stampa. Giovedì 06 settembre 2012 Rassegna Stampa Giovedì 06 settembre 2012 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende 20129 Milano Via Mameli, 11 Tel. 0243990431 Fax 0245409587 Rassegna del 06 settembre

Dettagli

La valutazione del rischio: zoonosi. Dr. Alessandro Broglia Unità Pericoli biologici (BIOHAZ)

La valutazione del rischio: zoonosi. Dr. Alessandro Broglia Unità Pericoli biologici (BIOHAZ) La valutazione del rischio: zoonosi Dr. Alessandro Broglia Unità Pericoli biologici (BIOHAZ) Workshop sulla Sicurezza degli Alimenti Parma, 5 maggio 2011 1 Zoonosi di origine alimentare Malattie causate

Dettagli

L influenza aviaria si diffonde in Europa Situazione aggiornata (luglio-ottobre 2005)

L influenza aviaria si diffonde in Europa Situazione aggiornata (luglio-ottobre 2005) L influenza aviaria si diffonde in Europa Situazione aggiornata (luglio-ottobre 2005) (Traduzione e adattamento a cura della redazione di EpiCentro) Nelle scorse settimane il mondo si è trovato in elevato

Dettagli

L efficacia dei sistemi di sorveglianza

L efficacia dei sistemi di sorveglianza L efficacia dei sistemi di sorveglianza Dr. Angelo Ferrari IZS Piemonte, Liguria e Valle d'aosta 9 Giugno 2010 Migliorare con l esperienza La pandemia influenzale A (H1N1) 2009: Modello di gestione delle

Dettagli

Malattie a dichiarazione internazionale obbligatoria

Malattie a dichiarazione internazionale obbligatoria Sistema ADNS strategia dell Unione Europea per l eradicazione e il La controllo delle malattie degli animali si basa su di un articolato insieme di misure permanenti e specifiche di epidemiosorveglianza.

Dettagli

Anemia Infettiva Equina

Anemia Infettiva Equina 1 ANEMIA INFETTIVA EQUINA Anemia Infettiva Equina La malattia L Anemia Infettiva Equina (AIE) è una malattia virale, sostenuta da un lentivirus (appartenente alla famiglia Retroviridae), che può colpire

Dettagli

Influenza aviare ad alta patogenicità Emilia Romagna -2013

Influenza aviare ad alta patogenicità Emilia Romagna -2013 Influenza aviare ad alta patogenicità Emilia Romagna -2013 Luisa Loli Piccolomini Servizio Veterinario e Igiene Alimenti Regione Emilia Romagna Annalisa Santi Sorveglianza Epidemiologica Emilia-Romagna

Dettagli

cosa ci aspetta P. Crovari Prof. Emerito di Igiene e Medicina Preventiva Università di Genova

cosa ci aspetta P. Crovari Prof. Emerito di Igiene e Medicina Preventiva Università di Genova Workshop Migliorare con l esperienza Sala Ordine dei Medici 9giugno 2010 cosa ci aspetta P. Crovari Prof. Emerito di Igiene e Medicina Preventiva Università di Genova Che cosa si intende per pandemia influenzale

Dettagli

L influenza aviaria. Cos è, come prevenirla e come combatterla. Centro nazionale per la prevenzione e il Controllo delle Malattie

L influenza aviaria. Cos è, come prevenirla e come combatterla. Centro nazionale per la prevenzione e il Controllo delle Malattie Ministero della Salute Centro nazionale per la prevenzione e il Controllo delle Malattie L influenza aviaria Cos è, come prevenirla e come combatterla Indice I virus influenzali...3 L influenza aviaria...5

Dettagli

Cordiali saluti. IL DIRETTORE GENERALE f.to dott. Silvio Borrello*

Cordiali saluti. IL DIRETTORE GENERALE f.to dott. Silvio Borrello* 0003632-13/02/2015-DGSAF-COD_UO-P Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Ufficio III Centro Nazionale di lotta ed emergenza contro le malattie animali Unità

Dettagli

SEVERE ACUTE RESPIRATORY SYNDROME. Marco Martini, Dipartimento di Sanità Pubblica, Patologia Generale e Igiene Veterinaria Università di Padova

SEVERE ACUTE RESPIRATORY SYNDROME. Marco Martini, Dipartimento di Sanità Pubblica, Patologia Generale e Igiene Veterinaria Università di Padova SEVERE ACUTE RESPIRATORY SYNDROME Marco Martini, Dipartimento di Sanità Pubblica, Patologia Generale e Igiene Veterinaria Università di Padova Probable cases of SARS by country, 01/11/2002 31/07/2003.

Dettagli

INFLUENZA AVIARIA PIANO NAZIONALE DI MONITORAGGIO anno 2005

INFLUENZA AVIARIA PIANO NAZIONALE DI MONITORAGGIO anno 2005 INFLUENZA AVIARIA PIANO NAZIONALE DI MONITORAGGIO anno 2005 PREMESSA La decisione comunitaria 2005/464/CE del 21 giugno 2005, prevede l obbligo per tutti gli Stati Membri di predisporre programmi relativi

Dettagli

Cordiali saluti. IL DIRETTORE GENERALE f.to dott. Silvio Borrello*

Cordiali saluti. IL DIRETTORE GENERALE f.to dott. Silvio Borrello* 0003632-13/02/2015-DGSAF-COD_UO-P Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Ufficio III Centro Nazionale di lotta ed emergenza contro le malattie animali Unità

Dettagli

PIANO NAZIONALE DI SORVEGLIANZA PER L INFLUENZA AVIARIA 2017

PIANO NAZIONALE DI SORVEGLIANZA PER L INFLUENZA AVIARIA 2017 PIANO NAZIONALE DI SORVEGLIANZA PER L INFLUENZA AVIARIA 2017 Sommario 1. DESCRIZIONE E IMPLEMENTAZIONE DEL PROGRAMMA DI SORVEGLIANZA NEL POLLAME... 3 1.1 Designazione dell autorità centrale avente funzione

Dettagli

Malattia di Newcastle

Malattia di Newcastle Malattia di Newcastle Giovanni Cattoli e Anna Toffan Centro Nazionale di Referenza e Laboratorio OIE per la Malattia di Newcastle e l Influenza Aviare, Istituto Zooprofilattico Sper.le delle Venezie, Legnaro

Dettagli

Blue tongue aggiornamenti epidemiologici LEBANA BONFANTI IZSVE

Blue tongue aggiornamenti epidemiologici LEBANA BONFANTI IZSVE Blue tongue aggiornamenti epidemiologici LEBANA BONFANTI IZSVE Blue tongue - 2015 In data 21 Agosto 2015 è stato segnalato un sospetto clinico di BT in un allevamento nella regione di Allier, nella Francia

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

REGIONE EMILIA-ROMAGNA REGIONE EMILIA-ROMAGNA GIUNTA REGIONALE Atto del Presidente: ORDINANZA n 134 del 24/06/2016 Num. Reg. Proposta: PPG/2016/141 del 21/06/2016 Oggetto: INFLUENZA AVIARIA - REVOCA DELLA ZONA DI SORVEGLIANZA

Dettagli

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 23 Luglio 2010

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 23 Luglio 2010 NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 23 Luglio 2010 Dagli ultimi Comunicati emessi dal Ministero della Salute Italiano, dall Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dal Centro Europeo di

Dettagli

Blue Tongue situazione epidemiologica in Italia e aspetti normativi. Treviso 30 aprile 2008

Blue Tongue situazione epidemiologica in Italia e aspetti normativi. Treviso 30 aprile 2008 Blue Tongue situazione epidemiologica in Italia e aspetti normativi Treviso 30 aprile 2008 Situazione epidemiologica Analisi del rischio introduzione e circolazione 1 Flussi animali da zone a rischio Consistenza

Dettagli

Virus dell Influenza

Virus dell Influenza Virus dell Influenza Cosa si intende quando si parla di influenza? L influenza è un infezione del tratto respiratorio che interessa milioni di persone ogni anno. Sintomi più comuni Febbre (39-40 C) Raffreddore

Dettagli

PIANO NAZIONALE DI SORVEGLIANZA PER L INFLUENZA AVIARIA 2016

PIANO NAZIONALE DI SORVEGLIANZA PER L INFLUENZA AVIARIA 2016 Sommario PIANO NAZIONALE DI SORVEGLIANZA PER L INFLUENZA AVIARIA 2016 1. DESCRIZIONE E IMPLEMENTAZIONE DEL PROGRAMMA DI SORVEGLIANZA NEL POLLAME... 3 1.1 Designazione dell autorità centrale avente funzione

Dettagli

SCHMALLENBERG: DISPOSIZIONI NORMATIVE E MISURE DI CONTROLLO IN ITALIA

SCHMALLENBERG: DISPOSIZIONI NORMATIVE E MISURE DI CONTROLLO IN ITALIA SCHMALLENBERG: DISPOSIZIONI NORMATIVE E MISURE DI CONTROLLO IN ITALIA MINISTERO DELLA SALUTE Dipartimento per la Sanità Pubblica Veterinaria, la Nutrizione e la Sicurezza degli Alimenti Direzione Generale

Dettagli

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 11 Settembre 2009

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 11 Settembre 2009 NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 11 Settembre 29 Dagli ultimi Comunicati emessi dal Ministero del Lavoro delle Politiche Sociali dello Stato no, dall Organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

Influenza aviaria H5N1 e avifauna selvatica. a cura di Marco Gustin e Patrizia Rossi LIPU-BirdLife Italia

Influenza aviaria H5N1 e avifauna selvatica. a cura di Marco Gustin e Patrizia Rossi LIPU-BirdLife Italia Influenza aviaria H5N1 e avifauna selvatica a cura di Marco Gustin e Patrizia Rossi LIPU-BirdLife Italia 1. Premessa Secondo la nuova definizione adottata dalla UE e dall OIE (Ufficio Internazionale delle

Dettagli

(pubbl. in Gazz. Uff. dell Unione europea n. L 273 del 19 ottobre 2005). LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

(pubbl. in Gazz. Uff. dell Unione europea n. L 273 del 19 ottobre 2005). LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, Decisione 2005/734/CE del 19 ottobre 2005. * Decisione della Commissione del 19 ottobre 2005 che istituisce misure di biosicurezza per ridurre il rischio di trasmissione dell'influenza aviaria ad alta

Dettagli

Epidemiologia e diagnosi dell influenza aviare in Italia

Epidemiologia e diagnosi dell influenza aviare in Italia Influenza aviare (H5N1) e influenza H1N1 Come protteggere me stesso, la mia famiglia e la collettività Azienda Ospedaliera L. Sacco Milano 5 Ottobre 2009 Epidemiologia e diagnosi dell influenza aviare

Dettagli

Brucellosi ovina e caprina

Brucellosi ovina e caprina 1 BRUCELLOSI OVINA E CAPRINA La malattia Brucellosi ovina e caprina La brucellosi ovina e caprina è una malattia batterica, sostenuta principalmente da Brucella melitensis e sporadicamente da Brucella

Dettagli

Influenza aviaria da sottotipo H5N1 in Europa (situazione al 29/11/2005)

Influenza aviaria da sottotipo H5N1 in Europa (situazione al 29/11/2005) Influenza aviaria da sottotipo H5N1 in Europa (situazione al 29/11/2005) Influenza aviaria da sottotipo H5N1 in Europa (situazione al 29/11/2005) Situazione complessiva: Russia (Luglio - Agosto 2005) Novosibirsk,

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

Caratteristiche biologiche dei virus influenzali e del virus di Newcastle. Francesco Tolari Dipartimento di Patologia Animale Università di Pisa

Caratteristiche biologiche dei virus influenzali e del virus di Newcastle. Francesco Tolari Dipartimento di Patologia Animale Università di Pisa Caratteristiche biologiche dei virus influenzali e del virus di Newcastle Francesco Tolari Dipartimento di Patologia Animale Università di Pisa I virus influenzali Famiglia Orthomixoviridae (virus a RNA

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE ORDINANZA N BOLOGNA 01/10/2004

REGIONE EMILIA ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE ORDINANZA N BOLOGNA 01/10/2004 REGIONE EMILIA ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE ORDINANZA N.000242 BOLOGNA 01/10/2004 OGGETTO: INFLUENZA AVIARIA MISURE DI CONTENIMENTO DELLA INFLUENZA AVIARIA DA STIPITI A BASSA PATOGENICITA' SUL TERRITORIO

Dettagli

1 SCRAPIE SCRAPIE. La malattia

1 SCRAPIE SCRAPIE. La malattia 1 SCRAPIE La malattia SCRAPIE La scrapie, la più vecchia tra le encefalopatie spongiformi trasmissibili (EST o TSE) anche dette malattie da prioni, è una malattia infettiva a carattere neuro-degenerativo

Dettagli

INFLUENZA/CORONAVIRUS IN SMI

INFLUENZA/CORONAVIRUS IN SMI INFLUENZA/CORONAVIRUS IN SMI In SMI sono presenti due schede «gemelle» per influenza e coronavirus, che permettono l approfondimento per i casi gravi o complicanze. Per entrambe le malattie, vanno inseriti

Dettagli

Ordinanza del Ministro della Salute 11 febbraio 2006

Ordinanza del Ministro della Salute 11 febbraio 2006 Ordinanza del Ministro della Salute 11 febbraio 2006 (testo integrato con O.M. 14 febbraio 2006 in corsivo, e con nota MinSal prot. DGVA.VIII/6669/P-I.8.d/108 del 15/02/2006 in corsivo sottolineato) Misure

Dettagli

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N DEL 22 AGOSTO 2007 Identificativo Atto n. 909

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N DEL 22 AGOSTO 2007 Identificativo Atto n. 909 DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N. 9312 DEL 22 AGOSTO 2007 Identificativo Atto n. 909 Oggetto: URGENTI MISURE IGIENICO SANITARIE PER CONTENERE LA DIFFUSIONE DELL'INFEZIONE DA INFLUENZA AVIARIA LPAI

Dettagli

Biodiversità e salute. Flavia Caretta

Biodiversità e salute. Flavia Caretta Biodiversità e salute Flavia Caretta Biodiversità e salute salute degli ecosistemi salute umana Effetti della perdita di biodiversità sulla salute umana Ricerca epidemiologica Rivolta a fattori singoli

Dettagli

Più informati, meno influenzati.

Più informati, meno influenzati. INFLUENZA AVIARIA E INFLUENZA STAGIONALE Più informati, meno influenzati. Le informazioni per non lasciarsi contagiare dai timori infondati. L influenza umana è diversa dall influenza aviaria. L influenza

Dettagli

West Nile Disease. Situazione epidemiologica. N Ottobre 2008 ore 17:00

West Nile Disease. Situazione epidemiologica. N Ottobre 2008 ore 17:00 West Nile Disease N. 13 7 Ottobre 2008 ore 17:00 Situazione epidemiologica 7 Ottobre 2008 Ad oggi sono stati segnalati 20 cavalli che hanno avuto sintomatologia clinica riferibile a West Nile disease (WND)

Dettagli

L analisi del rischio in Sanità Animale

L analisi del rischio in Sanità Animale L analisi del rischio in Sanità Animale Lebana Bonfanti Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie The components of risk analysis OIE La valutazione del rischio (risk assessment) è l elemento

Dettagli

Il ruolo degli II.ZZ.SS. nella sorveglianza e il controllo dell influenza

Il ruolo degli II.ZZ.SS. nella sorveglianza e il controllo dell influenza Il ruolo degli II.ZZ.SS. nella sorveglianza e il controllo dell influenza Dr. Angelo Ferrari IZS Piemonte, Liguria e Valle d'aosta 16 Luglio 2009 Progetto Emergenza: Prepariamoci alla Pandemia LA RETE

Dettagli

Modelli integrati di analisi del rischio: esperienze e contributi della sanità pubblica umana

Modelli integrati di analisi del rischio: esperienze e contributi della sanità pubblica umana Modelli integrati di analisi del rischio: esperienze e contributi della sanità pubblica umana Silvia Declich, Caterina Rizzo Reparto Epidemiologia delle Malattie Infettive Centro Nazionale di Epidemiologia,

Dettagli

PIANO DI SORVEGLIANZA INFLUENZA AVIARIA 2010

PIANO DI SORVEGLIANZA INFLUENZA AVIARIA 2010 PIANO DI SORVEGLIANZA INFLUENZA AVIARIA 2010 Obiettivi, prescrizioni e criteri generali Obiettivi 1. Individuare l eventuale presenza negli allevamenti intensivi di virus dell influenza aviaria; 2. identificare

Dettagli

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 28 maggio 2010

NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 28 maggio 2010 NUOVA INFLUENZA UMANA - A/H1N1 Aggiornamento al 28 maggio 2010 Dagli ultimi Comunicati emessi dal Ministero della Salute Italiano, dall Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dal Centro Europeo di

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Comunicato stampa n. 524 22 novembre 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali UFFICIO STAMPA Influenza A/H1N1 Il punto della situazione al 22 novembre 2009 Aggiornamento ore 17.00

Dettagli

Alda Natale - Soave, 30 novembre 2010

Alda Natale - Soave, 30 novembre 2010 Febbre Q -Uomo Estrema virulenza Bastano 1-10 particelle per avviare l infezione Alta concentrazione nei tessuti infetti (annessi fetali), nei secreti (latte) e negli escreti (feci, urine) No associazione

Dettagli

Influenza aviaria ("virus dei polli") - scheda informativa Febbraio 2006

Influenza aviaria (virus dei polli) - scheda informativa Febbraio 2006 Organizzazione Mondiale della Sanità Influenza aviaria ("virus dei polli") - scheda informativa Febbraio 2006 La malattia nei volatili Il ruolo degli uccelli migratori Paesi colpiti da epidemie nei volatili

Dettagli

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N DEL

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N DEL DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 8342 DEL 19.5.2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELL INFLUENZA AVIARIA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL DIRIGENTE DELL UNITA ORGANIZZATIVA

Dettagli

Il Morbo di Aujeszky

Il Morbo di Aujeszky Ordine dei Medici Veterinari di Verona Isola della Scala -Verona 22 marzo 2007 Il Morbo di Aujeszky Situazione italiana e programmi di eradicazione 100 nm Loris ALBORALI Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

A R S. Prime raccomandazioni regionali per la prevenzione ed il contenimento della sindrome influenzale da nuovo virus del tipo A/H1N1

A R S. Prime raccomandazioni regionali per la prevenzione ed il contenimento della sindrome influenzale da nuovo virus del tipo A/H1N1 A R S Prime raccomandazioni regionali per la prevenzione ed il contenimento della sindrome influenzale da nuovo virus del tipo A/H1N1 Aprile 2009 1 PREMESSA L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS),

Dettagli

L 46/40 Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 46/40 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 46/40 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 16.2.2006 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 6 febbraio 2006 sull attuazione di programmi di indagini sull influenza aviaria nel pollame e nei volatili selvatici

Dettagli

MALATTIE A DICHIARAZIONE INTERNAZIONALE OBBLIGATORIA

MALATTIE A DICHIARAZIONE INTERNAZIONALE OBBLIGATORIA MALATTIE A DICHIARAZIONE INTERNAZIONALE OBBLIGATORIA Sistema ADNS La gestione informatizzata della notifica e della trasmissione delle informazioni relative all insorgenza di focolai di malattie degli

Dettagli

WEST NILE: La sorveglianza integrata: un successo Italiano

WEST NILE: La sorveglianza integrata: un successo Italiano WEST NILE: La sorveglianza integrata: un successo Italiano Caterina Rizzo, MD LA SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE VIRALI EMERGENTI E RIEMERGENTI IN ITALIA: FOCUS SU ZIKA, WESTNILE E ALTRE ARBOVIROSI 19 Aprile

Dettagli

Piano Nazionale di sorveglianza della Malattia Vescicolare del suino. Risultati 2006 in Emilia-Romagna

Piano Nazionale di sorveglianza della Malattia Vescicolare del suino. Risultati 2006 in Emilia-Romagna Piano Nazionale di sorveglianza della Malattia Vescicolare del suino. Risultati 2006 in Emilia-Romagna Introduzione Nella presente relazione sono riportate le attività di sorveglianza nei confronti della

Dettagli

PIANO NAZIONALE DI SORVEGLIANZA PER L INFLUENZA AVIARIA 2016

PIANO NAZIONALE DI SORVEGLIANZA PER L INFLUENZA AVIARIA 2016 PIANO NAZIONALE DI SORVEGLIANZA PER L INFLUENZA AVIARIA 2016 Sommario 1. DESCRIZIONE E IMPLEMENTAZIONE DEL PROGRAMMA DI SORVEGLIANZA NEL POLLAME... 3 1.1 Designazione dell autorità centrale avente funzione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Trasmissione elettronica N. prot. DGSAF in Docspa/PEC Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Ufficio 3 Centro Nazionale di lotta ed emergenza contro le

Dettagli

Le sindromi influenzali in Piemonte

Le sindromi influenzali in Piemonte Le sindromi influenzali in Piemonte 18 a settimana 21 dal 3 al 1 maggio AGGIORNAMENTO alla 18a settimana 21 (dal 3 al 1 maggio 21) L incidenza totale delle sindromi influenzali è a livelli di base (,8

Dettagli

L impatto della stagione influenzale 2014/2015 in Italia.

L impatto della stagione influenzale 2014/2015 in Italia. L impatto della stagione influenzale 2014/2015 in Italia. Caterina Rizzo e Antonino Bella (Istituto Superiore di Sanità) Premessa L influenza costituisce un rilevante problema di sanità pubblica a causa

Dettagli

TAB. 1 - ANAGRAFE REGIONALE GALLUS GALLUS - ANNO Riproduttori linea uova

TAB. 1 - ANAGRAFE REGIONALE GALLUS GALLUS - ANNO Riproduttori linea uova CONTROLLI SANITARI NEGLI ALLEVAMENTI AVICOLI Censimento degli allevamenti avicoli la completa revisione dell anagrafe avicola, Dopo effettuata dai Servizi Veterinari delle ASL nel 2006, i dati registrati

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO METODO BIORISCH

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO METODO BIORISCH LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO METODO BIORISCH Marco Masoni Marco Masoni, biologo, libero professionista. Titolare dal 1994 dello Studio Consulenze Dott. Marco Masoni in Reggio Emilia, consulente

Dettagli

SBV. Ministero della Salute. il virus di Schmallenberg. Aprile 2012

SBV. Ministero della Salute. il virus di Schmallenberg. Aprile 2012 Aprile 2012 Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITÀ ANIMALE

Dettagli

Proposta campionamento a seguito di positività per Blue tongue in Regione Veneto

Proposta campionamento a seguito di positività per Blue tongue in Regione Veneto Proposta campionamento a seguito di positività per Blue tongue in Regione Veneto In data 31 agosto 2016 è stato confermato da parte del CRN un sospetto Blue tongue in un gregge che effettua il pascolo

Dettagli

definizione (definizione sorveglianza in sanità pubblica, CDC) definizione Terrestrial Animal Health Code OIE

definizione (definizione sorveglianza in sanità pubblica, CDC) definizione Terrestrial Animal Health Code OIE SORVEGLIANZA definizione sistematica raccolta, archiviazione, analisi e interpretazione di dati, seguita da una diffusione delle informazioni a tutte le persone che le hanno fornite e a coloro che devono

Dettagli

che la Giunta Regionale della Campania ha approvato, con delibera n.1203 del 3/07/2009, il piano pandemico

che la Giunta Regionale della Campania ha approvato, con delibera n.1203 del 3/07/2009, il piano pandemico A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 1457 del 11 settembre 2009 Linee di indirizzo per le attività cliniche dell'influenza da virus A/H1N1 PREMESSO che negli ultimi anni il rischio di una

Dettagli

COS'È L'INFLUENZA AVIARIA (H5N1)?

COS'È L'INFLUENZA AVIARIA (H5N1)? Ufficio del medico cantonale, via Dogana 16, 6501 Bellinzona 1 COS'È L'INFLUENZA AVIARIA (H5N1)? Risposte alle domande concernenti la malattia, la sua diffusione, il modo di infezione, i sintomi e i casi

Dettagli

Dal mese di maggio non è più stato possibile definire nuovi focolai in quanto l epidemia si è estesa sull intero territorio regionale.

Dal mese di maggio non è più stato possibile definire nuovi focolai in quanto l epidemia si è estesa sull intero territorio regionale. Focolai di morbillo in Piemonte: la situazione al 9 luglio 10 A distanza di soli 2 anni dalla precedente, si sta manifestando in Piemonte una nuova epidemia di morbillo, che è esordita a gennaio 10, a

Dettagli

Stagione Influenzale Report epidemiologico conclusivo Regione Emilia-Romagna

Stagione Influenzale Report epidemiologico conclusivo Regione Emilia-Romagna DIREZIONE GENERALE CURA DELLA PERSONA, SALUTE E WELFARE Stagione Influenzale 2015-2016 Report epidemiologico conclusivo Regione Emilia-Romagna Descrizione dell epidemia. La stagione influenzale appena

Dettagli

WND: Epidemiologia e controllo della malattia in Emilia-Romagna

WND: Epidemiologia e controllo della malattia in Emilia-Romagna Seminario: Focolaio di Malattia di West Nile in Italia WND: Epidemiologia e controllo della malattia in Emilia-Romagna Marco Tamba Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia-Romagna

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI Direzione Generale della Sanità Animale e del Farmaco

Dettagli

Influenza Suina - definizione. Influenza suina. Caratteristiche del Virus. Nomenclatura

Influenza Suina - definizione. Influenza suina. Caratteristiche del Virus. Nomenclatura Influenza Suina - definizione Influenza suina Malattia infettiva, contagiosa, ad andamento acuto Caratterizzata da sintomi respiratori Eziologia virale Orthomyxoviridae Influenza virus tipo A I nfluenzavirus

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELL' INFLUENZA AVIARIA IN LOMBARDIA. REVOCA DEL D.D.S. 2565/06 E DEL D.D.S.

LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELL' INFLUENZA AVIARIA IN LOMBARDIA. REVOCA DEL D.D.S. 2565/06 E DEL D.D.S. 1491 19/02/2007 Identificativo Atto n. 181 DIREZIONE GENERALE SANITA' LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELL' INFLUENZA AVIARIA IN LOMBARDIA. REVOCA DEL D.D.S. 2565/06 E DEL D.D.S. 5646/06

Dettagli

controllo del rispetto delle norme sulla registrazione degli allevamenti e identificazione e rispetto delle norme di identificazione,

controllo del rispetto delle norme sulla registrazione degli allevamenti e identificazione e rispetto delle norme di identificazione, DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE AREA DI SANITA' PUBBLICA VETERINARIA Obblighi di pubblicazione concernenti i controlli sulle imprese (art.25 D.lgs n 33/2013) effettuati dal Servizio di Sanità Animale TIPOLOGIE

Dettagli

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N del 6 maggio 2003

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N del 6 maggio 2003 DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 7124 del 6 maggio 2003 Oggetto: Influenza aviaria. Programma di vaccinazione.- Integrazione D.D.U.O. n. 6532 del 16.04.2003 IL DIRIGENTE DELL UNITA ORGANIZZATIVA VETERINARIA

Dettagli

Conferenza Stampa Giovedì 30 ottobre ore 11. Sala di Rappresentanza della ASL

Conferenza Stampa Giovedì 30 ottobre ore 11. Sala di Rappresentanza della ASL Conferenza Stampa Giovedì 30 ottobre ore Sala di Rappresentanza della ASL Campagna di vaccinazione antinfluenzale Autunno Inverno 008/009 Campagna di vaccinazione antinfluenzale Autunno Inverno 008/09

Dettagli

Ministero della Salute Unità di crisi Influenza Aviaria

Ministero della Salute Unità di crisi Influenza Aviaria Ministero della Salute Unità di crisi Influenza Aviaria Il rischio è attualmente confinato ai volatili selvatici. L infezione è stata sinora segnalata solo in alcuni volatili acquatici selvatici (cigni).

Dettagli

Giorgia Capezzone U.O. Epidemiologia Servizio Igiene e Sanità Pubblica

Giorgia Capezzone U.O. Epidemiologia Servizio Igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Fabriano Corso di Formazione SORVEGLIANZA DELLE ZOONOSI E NUOVO PIANO NAZIONALE DI PREVENZIONE VACCINALE Jesi - 08/09/2012 I Lavori in Zoonosi: corso del Servizio le dimensioni

Dettagli

MORBILLO, IN CAMPANIA OLTRE 9 MILA BAMBINI NATI NEL 2012 NON VACCINATI

MORBILLO, IN CAMPANIA OLTRE 9 MILA BAMBINI NATI NEL 2012 NON VACCINATI MORBILLO, IN CAMPANIA OLTRE 9 MILA BAMBINI NATI NEL 2012 NON VACCINATI Nei primi tre mesi del 2016 sono stati segnalati 61 casi. Allerta dei medici campani: senza vaccinazione si rischia una epidemia simile

Dettagli

PIANO DI SORVEGLIANZA INFLUENZA AVIARIA 2011 Obiettivi, prescrizioni e criteri generali

PIANO DI SORVEGLIANZA INFLUENZA AVIARIA 2011 Obiettivi, prescrizioni e criteri generali PIANO DI SORVEGLIANZA INFLUENZA AVIARIA 2011 Obiettivi, prescrizioni e criteri generali Obiettivi 1. Individuare l eventuale presenza negli allevamenti intensivi di virus dell influenza aviaria; 2. identificare

Dettagli

Influenza pandemica (A/H1N1p)

Influenza pandemica (A/H1N1p) Influenza pandemica (A/H1N1p) Aggiornamento del 27.11.10 1 INFLUENZA UMANA PANDEMICA - A/H1N1p Aggiornamento al 27 Novembre 2010 Si comunica che a seguito degli ultimi comunicati emessi dall Organizzazione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica

REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica REGIONE PIEMONTE Assessorato alla Sanità Direzione Sanità Pubblica Marzo 2010 La bluetongue (BT), malattia della lingua blu o febbre catarrale ovina, è una malattia di origine virale che colpisce bovini,

Dettagli

Piano di sorveglianza della malattia vescicolare del suino e della malattia di Aujeszky

Piano di sorveglianza della malattia vescicolare del suino e della malattia di Aujeszky Piano di sorveglianza della malattia vescicolare del suino e della malattia di Aujeszky Nota del Ministero della Salute prot. 3414 del 2302/2011: «DECRETO 30 dicembre 2010 - Modifiche ed integrazioni al

Dettagli

West Nile Disease. Situazione epidemiologica. N Novembre 2008 ore 16:00. hanno permesso di evidenziare ulteriori 98 focolai d infezione.

West Nile Disease. Situazione epidemiologica. N Novembre 2008 ore 16:00. hanno permesso di evidenziare ulteriori 98 focolai d infezione. West Nile Disease N. 45 24 Novembre 28 ore 6: Situazione epidemiologica 24 Novembre 28 I focolai confermati fino ad oggi sono 7, distribuiti in 8 province (Figura e Tabella ). Le seguenti azioni di sorveglianza

Dettagli

Malattia di Newcastle (Newcastle disease = ND Pseudopeste aviare, pneumoencefalite)

Malattia di Newcastle (Newcastle disease = ND Pseudopeste aviare, pneumoencefalite) Malattia di Newcastle (Newcastle disease = ND Pseudopeste aviare, pneumoencefalite) Malattia acuta altamente contagiosa che colpisce il pollo ed altri volatili domestici e selvatici, caratterizzata da

Dettagli

ORDINANZA N BOLOGNA 20/08/2007 OGGETTO: INFLUENZA AVIARIA - MISURE DI CONTENIMENTO DELL'INFLUENZA AV IARIA SUL TERRITORIO DELLA R.E.R.

ORDINANZA N BOLOGNA 20/08/2007 OGGETTO: INFLUENZA AVIARIA - MISURE DI CONTENIMENTO DELL'INFLUENZA AV IARIA SUL TERRITORIO DELLA R.E.R. REGIONE EMILIA ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE ORDINANZA N. 000186 BOLOGNA 20/08/2007 OGGETTO: INFLUENZA AVIARIA - MISURE DI CONTENIMENTO DELL'INFLUENZA AV IARIA SUL TERRITORIO DELLA R.E.R. Prot. n. (VET/07/213999

Dettagli

DETERMINA. Visto il D.Lgs. 3 Febbraio 1993 n. 29;

DETERMINA. Visto il D.Lgs. 3 Febbraio 1993 n. 29; 12210 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 132 del 4-11-2004 DETERMINA di autorizzare, per quanto di competenza della Regione Puglia, la devoluzione del finanziamento per lavori di completamento/ampliamento

Dettagli

Linee guida. di sanità pubblica. in caso di influenza aviaria

Linee guida. di sanità pubblica. in caso di influenza aviaria SERVIZIO SALUTE P.F. SANITÀ PUBBLICA Linee guida di sanità pubblica in caso di influenza aviaria INDICE 1. Premessa Pag. 3 2. Obiettivi 4 3. Definizione di allevamento sospetto e allevamento confermato

Dettagli

Trasmissione elettronica N. prot. DGSAF in Docspa/PEC. Assessorati Sanità - Servizi Veterinari Regioni e Province Autonome IIZZSS IZS delle Venezie

Trasmissione elettronica N. prot. DGSAF in Docspa/PEC. Assessorati Sanità - Servizi Veterinari Regioni e Province Autonome IIZZSS IZS delle Venezie 0002859-12/02/2014-DGSAF-COD_UO-P Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE

Dettagli