a cura di Ciro de Vivo STUDIO NOTARILE ASSOCIATO LAINATI DE VIVO Gli argomenti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "a cura di Ciro de Vivo STUDIO NOTARILE ASSOCIATO LAINATI DE VIVO Gli argomenti"

Transcript

1 Corporate Finance e acquisition finance Milano, 8 giugno 2013 a cura di Ciro de Vivo STUDIO NOTARILE ASSOCIATO LAINATI DE VIVO Gli argomenti 1. Il Merger Leveraged Buy Out (MLBO): fusione, progetto di fusione e relazione dell esperto. 2. Principali problematiche giuridiche delle operazioni di MLBO. 3. Profili fiscali delle operazioni di buy out. Imposta sui finanziamenti e tassazione delle garanzie. 2 1

2 Il merger leveraged buy-out quale tecnica di acqusizione Il merger leveraged buy-out è una specifica tecnica di acquisizione regolamentata dall art bis codice civile in cui: una società (c.d. società-veicolo o newco ) contrae un debito per acquisire una società bersaglio (c.d. target ); dopo averne conseguito il controllo, le due società procedono alla relativa fusione; il patrimonio della società acquisita viene a costituire garanzia o fonte per il rimborso dei debiti contratti per finanziare l acquisizione. 3 Le caratteristiche dell operazione L art bis cod. civ. ha introdotto aspetti di tipo procedurale ed informativo, dai quali emerge uno specifico requisito dell operazione: la sua sostenibilità. In particolare: gli amministratori delle società partecipanti all operazione devono ora dimostrare che l operazione è sostenibile sul piano economico-finanziario; le indicazioni degli amministratori devono essere ragionevoli e devono essere convalidate dall esperto incaricato della redazione della relazione sulla congruitàdel rapportodi cambio; i soci ed i creditori possono sindacare la ragionevolezza di queste indicazioni impugnando la deliberazione o facendovi opposizione. 4 2

3 Elementi costitutivi documentazione disciplina. Gli elementi costitutivi del merger leveraged buy out. La documentazione: (i) il progetto di fusione; (ii) la relazione dell organo amministrativo; (iii) la relazione degli esperti; (iv) la relazione del soggetto incaricato i della revisione i contabile. La disapplicazione degli articoli 2505 e 2505 bis codice civile. 5 Gli elementi costitutivi. Gli elementi costitutivi della fattispecie descritta nell art bis codice civile sono i seguenti: indebitamento: una società deve aver contratto debiti per acquisire il controllo di un altra società; conseguimento controllo: il controllo deve essere effettivamente conseguito; garanzia: il patrimonio della società acquisita (c.d. target) deve costituire la garanzia generica o la fonte di rimborso di detti debiti. 6 3

4 Cosa si intende per indebitamento: Deve intendersi qualsiasi somma di denaro, di ammontare determinato, che la società acquirente abbia ricevuto da terzi, con obbligo di restituzione entro una certa data; può considerarsi debito anche: il dbit debito dl del soggetto acquirente nei confronti dl del soggetto venditore, a fronte dll della dilazione del pagamento del prezzo dovuto nell ambito dell operazione di acquisizione; il finanziamento effettuato dai soci, con obbligo di restituzione da parte della società; i versamenti in conto futuro aumento di capitale; deve trattarsi di una voce iscritta sotto la voce debiti nel passivo dello stato patrimoniale ; non rileva, in termini generali, la durata (le considerazioni svolte in prosieguo, relative alla durata del finanziamento, in relazione al d.p.r. n. 601/1973, rilevano ai fini fiscali); non rileva che si tratti di finanziamento a titolo oneroso (con corresponsione di interessi) o gratuito; 7 deve esservi un collegamento funzionale tra indebitamento ed acquisizione, sebbene non appaia necessario qualificare il contratto di finanziamento come mutuo di scopo (come tale intendendosi il contratto di mutuo nel quale uno specifico fine costituisce la funzione concreta del negozio stesso); in altri termini, non è necessario che il debitore assuma uno specifico impegno nei confronti del finanziatore ad utilizzare le somme per l acquisto della partecipazione di controllo: è necessario che l acquisto avvenga impiegando somme per le quali vi è l obbligo della restituzione; il collegamento temporale tra assunzione del debito, acquisizione e fusione è tendenzialmente irrilevante; la misura del debito deve eccedere l attivo patrimoniale di newco al netto delle partecipazioni da questa detenuta in target. 8 4

5 Controllo: In termini generali, deve intendersi una situazione di dominio in target, a seguito di acquisto della partecipazione a debito tale da conferire a newco il controllo del consiglio di amministrazione e la ragionevole certezza che la fusione sarà deliberata dall assemblea assemblea (ai fini della determinazione del controllo, dovranno considerarsi anche le partecipazioni detenute da società controllate, società fiduciarie, interposte persone, ecc.); l ipotesi ricorre nella fattispecie prevista dall art. 2359, n. 1, 1 comma, codice civile (c.d. controllo di diritto ); il c.d. controllo di fatto, di cui all art. 2359, n. 2, 1 comma, codice civile, può non integrare la fattispecie di controllo richiesta dall articolo 2501 bis codice civile; in particolare, può essere difficile, ex ante, affermare con certezza che vi sia un controllo, nei termini innanzi indicati. (segue) 9 (segue) Dovrà compiersi una valutazione caso per caso, e ritenere applicabile la disciplina qualora, valutati gli assetti proprietari, sia ragionevole ritenere che sussista una situazione di controllo tale da soddisfare i requisiti sopra riportati; la disciplina in esame non trova applicazione nell ipotesi prevista dall art. 2359, n. 3, 1 comma, codice civile. Garanzia: Il patrimonio di target deve costituire garanzia generica o fonte di rimborso del debito; per patrimonio di target devono intendersi non solo gli asset della medesima, la cui dismissione genera risorse per il rimborso del debito ma, in generale, tutti i rapporti giuridici in grado di generare il reddito necessario al rimborso del debito. 10 5

6 La documentazione. Il progetto di fusione. La relazione dell organo amministrativo. La relazione degli esperti. La relazione del soggetto incaricato della revisione legale. 11 Il progetto di fusione: il progetto di fusione deve indicare, in particolare, le risorse finanziarie previste per il soddisfacimento delle obbligazioni della società risultante dalla fusione; per risorse finanziarie deve intendersi la capacità della società di generare liquidità, con mezzi propri; per obbligazioni della società deve intendersi non solo lo specifico debito contratto per l acquisizione di target, ma l intera esposizione debitoria della società risultante dalla fusione. 12 6

7 La relazione dell organo amministrativo: la relazione dell organo amministrativo deveindicareleragionichegiustificano l operazione e contenere un piano economico - finanziario, con indicazione dll della fonte dll delle risorse finanziariei i e la descrizione i degli obiettivi i i che si intendono raggiungere; si ritiene che la relazione non debba contenere una giustificazione economico industriale (c.d. business purpose ), essendo sufficiente anche una motivazione patrimoniale - finanziaria; in generale, gli amministratori devono indicare delle motivazioni ragionevoli, fermo restando che gli obiettivi potranno essere diversi, e fornire le if informazionii inecessarie per permettere ai soci (in particolare di minoranza) ed ai creditori sociali di esprimere una valutazione compiuta in merito alla fusione, stante il significativo impatto patrimoniale che questo tipo di fusione, caratterizzata da un elevata leva finanziaria, può avere sul futuro della società; (segue) 13 (segue) la relazione deve quindi giustificare l operazione dimostrando la sostenibilità dell indebitamento; dovrà quindi contenere un c.d. business plan. 14 7

8 La relazione degli esperti: attesta la ragionevolezza delle indicazioni contenute nel progetto di fusione, adottando criteri di valutazione di stima omogenei, per l incorporante e l incorporanda; in particolare, tale relazione valuta: sulla base dei dati risultanti dai bilanci delle società, le affermazioni degli amministratori per giustificare l operazione, la sostenibilità del debito e la capacità di conservare l equilibrio finanziario superando la situazione di pesantezza inizialmente creata; sulla base delle prassi aziendalistiche, le previsioni fatte dagli amministratori per quanto concerne la capacità della società di generare liquidità e flussi di cassa; la sostenibilità del piano industriale; i rischi connessi ai flussi monetari di origine gestionale o derivanti da disinvestimenti e rischi di natura finanziaria; non contiene alcuna valutazione sul merito delle scelte imprenditoriali; in sintesi, esprime un giudizio di ragionevolezza sulla relazione dell organo amministrativo, sulla base dei dati contabili, della prassi aziendalistica e del prevedibile andamento degli affari. 15 La relazione del soggetto incaricato della revisione legale dei conti: a seguito della modifica dell articolo 2501 bis, quinto comma, codice civile operata dall articolo 37, punto 31, del d.lgs. n. 39/2010, la relazione è richiesta in tutte le ipotesi in cui almeno una delle società coinvolte nella fusione con indebitamento sia sottoposta (anche volontariamente) alla revisione legale dei conti (in tal senso, la massima n. 118 del CN Milano); la ratio della prescrizione è quella di offrire ai soci di minoranza di target e ai terzi (in particolare, ai creditori sociali) un accurata informazione dei dati previsionali dell operazione; la norma si applica anche nel caso in cui la revisione legale sia affidata al collegio sindacale o sindaco unico; la relazione sebbene la norma non si pronunci in merito verifica i dati contabili posti a base dell operazione e, in particolare, del piano economico e finanziario contenuto nella relazione degli amministratori; nel caso in cui entrambe (o tutte) le società coinvolte nella fusione siano soggette alla revisione legale dei conti, sarà cura degli organi amministrativi delle stesse scegliere quale delle società provveda alla redazione della relazione; 16 8

9 Inapplicabilità delle disposizioni degli articoli 2505 e 2505 bis codice civile. la fusione disciplinata dall articolo bis codice civile detta una particolare disciplinai finalizzata ad informare in modo adeguato i soci e i creditori i sociali iliin presenza di un operazione che presenta un elevato grado di indebitamento; in tale ambito, la relazione dell organo amministrativo e la relazione dell esperto hanno un ruolo fondamentale: ne consegue che le semplificazioni previste dagli articoli 2505 e 2505 bis codice civile sono incompatibili con le finalità perseguite dalla citata norma. 17 La fusione: Obiettivo della fusione nel merger leveraged buy-out comporta la traslazione del debito contratto per l acquisizione dalla società acquirente direttamente sul patrimonio dell acquisita e sui suoi flussi di cassa; rende più efficiente la destinazione dei flussi di cassa al servizio del debito; la distribuzione di dividendi o riserve è opzione raramente fattibile. 18 9

10 Il merger leveraged buy-out: i passaggi (I) 1. Il merger leveraged buy-out, anche alla luce della riforma del diritto societario, si può tipicamente articolare nei seguenti passaggi: I. la costituzione da parte dell acquirente di una prima società veicolo (NewCo 1), nella quale vengono fatti convergere i fondi sottoscritti come capitale (spesso da altra società veicolo, HoldCo). NewCo 1 prende a mutuo i fondi derivanti dal finanziamento mezzanino ed, eventualmente, riceve anche il vendor loan; II. la costituzione da parte dell acquirente di una seconda società veicolo (NewCo 2), cui la prima apporta come mezzi propri, ed in massima parte a titolo di sovrapprezzo, alcuni fondi necessari per l operazione. NewCo 2 prende a mutuo i fondi derivanti dal finanziamento bridge senior; Cont. 19 Il merger leveraged buy-out: i passaggi (II) III. l acquisto del controllo di Target da parte di NewCo 2, con mezzi propri e con i fondi derivanti dal finanziamento bridge senior; IV. la fusione di Target in NewCo 2 (New Target): 2. trova applicazione l art cod. civ. sull opposizione dei creditori (l acquirente - al fine di consentire l attuazione della fusione prima che siano trascorsi 60 gg. dall ultimo deposito per l iscrizione nel registro delle imprese della decisione di fusione - richiede che una banca o un pool di banche mettano a disposizione dei creditori di Target edinewco 2 che non hanno prestato il consenso alla fusione evidenza del deposito su un conto bancario degli ammontari dei crediti loro spettanti); 3. trattandosi di fusione tra acquirente-indebitata e società acquisita, trovano applicazione anche le previsioni dell art bis cod. civ.; Cont

11 il merger leveraged buy-out: i passaggi (III) 4. il rifinanziamento del finanziamento bridge con un finanziamento long term da parte della banca o del pool di banche alla società risultante dalla fusione (New Target). Il finanziamento è garantito innanzitutto da beni di New Target;e 5. eventualmente la distribuzione di un dividendo straordinario da parte di New Target, previa accensione di un finanziamento per procurarsi la liquidità necessaria. 21 Le principali problematiche giuridiche. una delle principali problematiche giuridiche è dato dal rapporto con l articolo 2358 codice civile, che disciplina il divieto di assistenza finanziaria, il cui testo attuale è stato significativamente modificato dal d.lgs. N. 142 del 4 agosto 2008, di attuazione della direttiva 2006/68/CE

12 Applicazione del nuovo art codice civile Caso I. SeTarget dispone di cassa, e la struttura dell operazione non prevede o non consente la distribuzione di tale cassa al venditore prima del closing, la nuova disciplinai consente a Target di impiegarei la cassa per finanziarei l acquirente, evitando che quest ultimo ricorra ad un finanziamento ponte destinato ad essere sostituito solamente dopo la fusione con un term loan a migliori condizioni. Caso II. OveTarget non disponga di cassa ma abbia la possibilità di garantire con i suoi beni il finanziamento bancario concesso dall acquirente, la nuova disciplina permette all acquirente di rivolgersi alle banche per ottenere direttamente in forma di term loan le risorse finanziarie necessarie per l acquisto dll delle azioni idi Target. Il Caso I e il Caso II dimostrano che la nuova disciplina dell art.2358 c.c. amplia l ambito di operatività dell art.2501 bis c.c.. 23 Applicazione del nuovo art.2358 codice civile Pur in presenza di un apprezzabile interesse sociale di Target, l assistenza finanziaria non sarebbe ammissibile qualora test preventivi di solvibilità dovessero evidenziare che l operazione oggetto di assistenza finanziaria potrebbe pregiudicare la stabilità finanziaria e la solvibilità di Target. In capo ai soci di Target che approvino il rilascio di un finanziamento o di una garanzia ex art c.c. è in linea teorica configurabile una responsabilità da direzione e coordinamento ex art c.c. nei confronti dei creditori sociali e dei soci. Tale responsabilità sorgerebbe nell ipotesi (rara) in cui il socio venditore assuma la deliberazione che approva l operazione> in quanto il socio di controllo induca gli amministratori di target a compiere una operazione per la stessa lesiva in vista del perseguimento di un interesse imprenditoriale proprio (la vendita della partecipazione). Gli amministratori di Target sono soggetti ai seguenti doveri: Agire con la diligenza richiesta dalla natura dell incarico, in modo informato e secondo le specifiche competenze; Attenta valutazione dei presupposti e delle condizioni di applicazione della disciplina derogatoria dell art.2358 c.c. e del concreto interesse sociale; Corretto espletamento dell iter autorizzativo ed informativo Perseguire l interesse sociale senza conflitti di interesse

13 Il rapporto tra gli artt e 2501 bis codice civile. I rapporti tra le due norme possono essere analizzati individuando tre periodi: Primo Periodo, antecedente la riforma del diritto societario; Secondo Periodo, successivo alla riforma del diritto societario (d.lgs. n. 6/2003); Terzo Periodo, dopo la modifica dell articolo 2358 codice civile a seguito del d.lgs. n. 142/ Il rapporto tra gli artt e 2501 bis codice civile. (continua) Primo Periodo, antecedente la riforma del diritto societario. tesi della illiceità del merger leveraged buy out: l operazione di MBLO configura una violazione del divieto di assistenza finanziaria in quanto, con la fusione, il patrimonio di Target costituisce la garanzia per il rimborso del debito contratto da Newco. La fusione, quindi, costituisce un negozio in frode alla legge (articolo 1344 codice civile) poiché, attraverso questo strumento, si realizza il risultato vietato dalla norma. Può, tuttavia, ritenersi lecita nel caso in cui sia giustificata da valide ragioni imprenditoriali (Tribunale Milano 13 maggio 1999, c.d. Caso Trenno ) o nel caso in cui vi sia ragionevolezza nell uso della leva finanziaria (Montalenti, Leveraged buy out: una sentenza chiarificatrice,giur.it., 1999, p. 2106); 26 13

14 Il rapporto tra gli artt e 2501 bis codice civile. (continua) tesi della liceità del merger leveraged buy out: la tesi esposta confonde la portata economica dell operazione con l analisi giuridica; la circostanza che il patrimonio di Target venga a costituire garanzia generica del rimborso del debito contratto da Newco per finanziare l acquisto è conseguenza degli effetti della fusione, non già ragione concreta del negozio giuridico; ciò non toglie che l operazione possa integrare la fattispecie vietata in presenza di un comportamento attivo dell organo amministrativo di Target che, prima della fusione, conceda assistenza finanziaria a favore di Newco. 27 Il rapporto tra gli artt e 2501 bis codice civile. (continua) Secondo Periodo, successivo alla riforma del diritto societario (d.lgs. n. 6/2003): stanti le incertezze interpretative, il legislatore interviene con l articolo 2501 bis codice civile; tale norma è preceduta dall articolo 7, lettera d), della legge n. 366/2001, ai sensi del quale la riforma del diritto societario deve:.d) prevedere che le fusioni tra società, una delle quali abbia contratto debiti per acquisire il controllo dell'altra, non comportano violazione del divieto di acquisto e di sottoscrizione di azioni proprie, di cui, rispettivamente, agli articoli 2357 e 2357-quater del codice civile, e del divieto di accordare prestiti e di fornire garanzie per l'acquisto o la sottoscrizione di azioni proprie, di cui all'articolo 2358 del codice civile; ; a tale ultima norma viene riconosciuta portata interpretativa: chiarisce che la fusione, nell ambito delle operazioni di leveraged buy out, non comporta violazione del divieto di assistenza finanziaria; 28 14

15 Il rapporto tra gli artt e 2501 bis codice civile. (continua) la norma codicistica, a sua volta, detta le condizioni alle quali tale particolare tipo di operazione deve sottostare al fine di soddisfare quello che viene visto come l interesse principale: l esigenza di completa e corretta informazione di tutti i soci e di tutti i creditori sociali, onde eliminare eventuali asimmetrie informative ; a seguito della riforma del diritto societario, sebbene l articolo 2358 codice civile sia rimasto immutato, non si dubita più della legittimità dell operazione di MLBO, fermo restando che i limiti posti dalla norma in ultimo citata, e la possibilità che la fattispecie in esame determini una sua violazione, in presenza di un comportamento attivo dell organo amministrativo di Target in un momento antecedente la fusione, restano intatti. 29 Il rapporto tra gli artt e 2501 bis codice civile. (continua) Terzo Periodo, dopo la modifica dell articolo 2358 codice civile a seguito del D.Lgs. n. 142/2008: La modifica amplia l ambito di operatività dell articolo 2501 bis codice civile in quanto è oggi lecita l operazione di finanziamento (o di garanzia) che una società compie a favore di un altra per agevolare prima il proprio acquisto e successivamente la reciproca fusione

16 Profili fiscali delle operazioni di buy out. Imposta sui finanziamenti e tassazione delle garanzie (continua). I contratti di finanziamento tipicamente utilizzati nelle operazioni di acquisition finance sono in genere soggetti all applicazione dell imposta sostitutiva ex artt. 15 e ss. D.P.R. 29 settembre 1973, n Tale imposta sostitutiva è pari allo 0,25% dell ammontare complessivo del finanziamento (linea capitale). L imposta sostitutiva sostituisce imposta di registro, imposta di bollo, imposte ipotecarie e catastali e tasse sulle concessioni governative riguardanti operazioni relative a finanziamenti a medio e a lungo termine e tutti i provvedimenti, atti, contratti e formalità inerenti alle operazioni medesime, alla loro esecuzione, modificazione ed estinzione e le garanzie di qualunque tipo, da chiunque e in qualsiasi momento prestate ed eventuali surroghe, sostituzioni, postergazioni, frazionamenti e cancellazioni anche parziali, ivi comprese le cessioni di credito stipulate in relazione a tali finanziamenti. 31 Profili fiscali delle operazioni di buy out. Imposta sui finanziamenti e tassazione delle garanzie (continua). Il regime previsto dal D.P.R. n. 601/1973 si applica se ricorrono tutti i seguenti tre requisiti: requisito oggettivo: deve trattarsi di una operazione di finanziamento a medio e a lungo termine, la cui durata contrattuale sia stabilita in almeno diciotto mesi e un giorno; requisito soggettivo: il finanziamento deve essere erogato da: banca italiana (o filiale italiana di banca estera cfr. R.M. N del 30 giugno 1980); banca UE anche senza stabile organizzazione in Italia (cfr. C.M. N. 246 dell 8 ottobre 1996); requisito territoriale: il contratto di finanziamento deve essere firmato in Italia

17 Profili fiscali delle operazioni di buy out. Imposta sui finanziamenti e tassazione delle garanzie (continua). L imposta sostitutiva (qualora applicabile) non copre i trasferimenti delle garanzie reali derivanti dalla sindacazione successiva alla stipula dei contratti di garanzia. Ai trasferimenti delle garanzie si applica, quindi, sempre il regime ordinario. Il regime ordinario dipende dal tipo di garanzie reali prestate e può essere molto oneroso. In ogni caso, va precisato che: - lo studio n. 115/2010/T del C.N.N. afferma che la cessione del credito a favore di una banca, qualora abbia causa di finanziamento, rientra nel perimetro del D.P.R. 601; - la surrogazione negli annotamenti ipotecari derivanti da rapporti soggetti al d.p.r. 601 è soggetta al medesimo regime, ai sensi dell art. 15 del d.p.r. (cfr. Studio CNN n. 50 bis del 14 dicembre 1991). Gli interessi sui finanziamenti dovuti a banche non italiane (non operanti tramite filiale italiana) sono normalmente soggetti a ritenuta alla fonte. Indeducibilità degli interessi in alcune situazioni (limite del 30% del Risultato Operativo Lordo). Al fine di minimizzare gli interessi indeducibili in capo all acquirente si procede quanto prima alla fusione dell acquirente e Target. 33 Profili fiscali delle operazioni di buy out. Imposta sui finanziamenti e tassazione delle garanzie (continua). Il contratto di finanziamentoi stipulato all estero è soggetto ad imposta fissa di registro ed è soggetto alla formalità della registrazione solo in caso d uso, ai sensi dell art. 2, comma 1, lett. a), del d.p.r. n. 131/1986 (di seguito, T.U.R.), trattandosi di operazione soggetta ad IVA (art. 3, comma 2, n. 3, del d.p.r. n. 633/1972, esente, ai sensi degli artt. 10, comma 1, n. 1, e 7 del d.p.r. n. 633/1972.). Stabilisce, inoltre, l art. 2, comma 1, lett. d), del T.U.R. che sono soggetti alla registrazione.. gli atti formati all'estero, compresi quelli dei consoli italiani, che comportano trasferimento della proprietà ovvero costituzione o trasferimento di altri diritti reali, anche di garanzia, su beni immobili o aziende esistenti nel territorio dello Stato e quelli che hanno per oggetto la locazione o l'affitto di tali beni

18 Profili fiscali delle operazioni di buy out. Imposta sui finanziamenti e tassazione delle garanzie (continua). Il contratto di finanziamento stipulato all estero non è mai soggetto all imposta sostitutiva di cui al D.P.R. n. 610/1973, ciò in quanto l articolo 20 del D.P.R. rinvia all imposta di registro per il requisito della territorialità, e quindi al richiamato art. 2, comma 1, lett. A) del T.U.R. (in tal senso, anche R.M. n. 45/E del 10 aprile 2000). Tuttavia, come detto, sono soggetti ad imposta sostitutiva: il contratto di finanziamento firmato in Italia da banca italiana o filiale italiana di banca estera (R.M. n del 30 giugno 1980) e il contratto di finanziamento firmato in Italia da banca estera avente sede nell Unione Europea senza stabile organizzazione in Italia, per evidenti esigenze di non discriminazione tra imprese comunitarie (C.M. n. 246 dell 8 ottobre 1996). 35 Profili fiscali delle operazioni di buy out. Imposta sui finanziamenti e tassazione delle garanzie (continua). Le ipotesidiseguito analizzate esaminano il trattamento fiscale degli atti di garanzia collegati al contratto di finanziamento di medio o lungo termine. La disciplina è la seguente: per gli atti di garanzia, si possono verificare le seguenti ipotesi: (i) prima ipotesi: atto di garanzia stipulato all estero. Orbene, sembra possibile individuare le seguenti regole: o garanzia costituita da una fideiussione: si tratta di atti per i quali non vi è l obbligo della registrazione e quindi non è dovuta l imposta di registro, salvo il caso d uso ; o garanzia costituita da pegno su azioni: per la girata di azioni o per l annotazione non vi è obbligo di registrazione ai sensi dell art. 8 della Tabella allegata al T.U.R.; 36 18

19 Profili fiscali delle operazioni di buy out. Imposta sui finanziamenti e tassazione delle garanzie (continua). o garanzia costituita da pegno su quote di società a responsabilità limitata o da ipoteca su immobili: In tal caso: (i) ai sensi della L. n. 89/1913, l atto formato all estero va depositato negli atti di un notaio italiano con verbale da registrare in termine fisso e con il pagamento dell imposta di registro in misura fissa relativa al solo verbale di deposito; (ii) tale formalità è necessaria ai fini del deposito dell atto nel registro delle imprese ovvero dell iscrizione nei registri immobiliari. In aggiunta, in relazione al documento depositato, si applica l imposta di registro in misura fissa, se la garanzia è prestata nel proprio interesse; nella misura dello 0.5%, se prestata a favore di terzi; la base imponibile (art. 43, lett. f), T.U.R.), è costituita dalla somma garantita; tuttavia, se la garanzia è prestata in denaro o in titoli, essa è costituita dalla somma di denaro o dal valore dei titoli, se inferiore alla somma garantita. In caso di ipoteca, sarà dovuta inoltre l imposta ipotecaria pari al 2% dell importo garantito (d.lgs. n. 347/1990). 37 Profili fiscali delle operazioni di buy out. Imposta sui finanziamenti e tassazione delle garanzie (continua). (ii) seconda ipotesi: atto di garanzia stipulato in Italia. Il trattamento fiscale degli atti di garanzia è identico a quello esaminato. Sembra, infine, si possa escludere che il richiamo all atto di finanziamento stipulato all estero determini enunciazione ai sensi dell art. 22 del T.U.R., con conseguente applicazione dell imposta di registro in misura proporzionale

20 STUDIO NOTARILE ASSOCIATO LAINATI DE VIVO 39 20

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è RISOLUZIONE N. 121/E Roma, 13 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine DPR 29 settembre 1973, n. 601, articoli 15 e seguenti Contratti

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese

L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese Fabrizio Molteni L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese Milano, 25 novembre 2014 1 Inquadramento generale (1/2) Ogni operazione di finanziamento determina normalmente

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO

PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA E PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO L Associazione Bancaria Italiana ed il Consiglio Nazionale del Notariato visto l art. 8 del Dl n. 7/2007, convertito

Dettagli

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE 1. IMPOSTA IPOTECARIA IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE Vi sono soggette le formalità di trascrizione, iscrizione, rinnovazione ed annotazione eseguite nei pubblici registri immobiliari. Per quanto riguarda

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti.

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti. Le società di capitali 89 anche se non iscritte, vengono ad esistenza pur assumendo la condizione di società irregolari. In particolare, la società in nome collettivo non registrata è irregolare per tutto

Dettagli

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA INTRODUZIONE 1) Generalità Limitazione della responsabilità dei soci; Cenni storici: codice del 1942 (piccola s.p.a., rinvio alle norme); riforma 2003 (soc. di persone,

Dettagli

IL COSTO DI UN ATTO NOTARILE (Fonte: Consiglio Nazionale del Notariato)

IL COSTO DI UN ATTO NOTARILE (Fonte: Consiglio Nazionale del Notariato) IL COSTO DI UN ATTO NOTARILE (Fonte: Consiglio Nazionale del Notariato) Acquistare la casa: quanto costa il notaio? Le tabelle qui pubblicate riportano di massima i compensi dovuti al notaio per gli atti

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

Il Merger Leveraged Buy Out. a cura di: Dott. Claudio Alviggi

Il Merger Leveraged Buy Out. a cura di: Dott. Claudio Alviggi Master in Consulente Legale d Impresa Prospettive Nazionali e Internazionali Il Merger Leveraged Buy Out a cura di: Dott. Claudio Alviggi 1 Il merger leveraged buy out -Introduzione -Profili civilistici

Dettagli

LEVERAGED BUYOUT IL LEVERAGED BUYOUT. TECNICA FINANZIARIA PER ACQUISIRE IL CONTROLLO DI UNA SOCIETA (società obiettivo o target o oldco)

LEVERAGED BUYOUT IL LEVERAGED BUYOUT. TECNICA FINANZIARIA PER ACQUISIRE IL CONTROLLO DI UNA SOCIETA (società obiettivo o target o oldco) LEVERAGED BUYOUT 1 TECNICA FINANZIARIA PER ACQUISIRE IL CONTROLLO DI UNA SOCIETA (società obiettivo o target o oldco) UNA PARTE ASSAI NOTEVOLE DEI FONDI NECESSARI PER PAGARE IL PREZZO AI VECCHI AZIONISTI

Dettagli

MODALITÁ OPERATIVE IN MATERIA DI ANTICIPAZIONI

MODALITÁ OPERATIVE IN MATERIA DI ANTICIPAZIONI Alico Italia S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale Viale Castro Pretorio, 124 00185 Roma Tel.: +39 06 492161 Fax: +39 06 49216300 Unionfondo Fondo Pensione Aperto Iscritto all Albo dei Fondi Pensione

Dettagli

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE Bologna, 19 giugno 2014 GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE a cura di R. Bigi Principali riferimenti normativi e di prassi Art. 32 del Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 (c.d.

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

Indice. Premessa. 4. Metodo misto patrimoniale-reddituale 4.1 Il metodo misto nella pratica professionale 4.2 Il metodo UEC. Cesi Professionale V

Indice. Premessa. 4. Metodo misto patrimoniale-reddituale 4.1 Il metodo misto nella pratica professionale 4.2 Il metodo UEC. Cesi Professionale V Premessa XV Parte prima - La due diligence 1. L attività di due diligence e le rettifiche ai bilanci 1.1 La due diligence 1.1.1 La due diligence legale 1.1.2 La due diligence fiscale 1.1.3 La due diligence

Dettagli

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci.

Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Periodo contabile Un periodo di tempo costante, come ad esempio un trimestre o un anno, utilizzato come riferimento per la redazione dei bilanci. Debiti verso fornitori Importi dovuti ai fornitori. Crediti

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 50 La fusione a seguito di acquisizione con indebitamento (Merger leveraged buy-out)

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 50 La fusione a seguito di acquisizione con indebitamento (Merger leveraged buy-out) DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 50 La fusione a seguito di acquisizione con indebitamento (Merger leveraged buy-out) giugno 2005 LA FUSIONE A SEGUITO DI ACQUISIZIONE CON INDEBITAMENTO (MERGER LEVERAGED

Dettagli

OGGETTO: Mutui: tutela del cliente

OGGETTO: Mutui: tutela del cliente Informativa per la clientela di studio N. 78 del 29.06.2011 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Mutui: tutela del cliente Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 5 marzo 2010. Direzione Centrale Normativa

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 5 marzo 2010. Direzione Centrale Normativa RISOLUZIONE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 marzo 2010 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 incentivi all acquisto di auto ecologiche di cui all articolo 1

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN DIRITTO SOCIETARIO (30 LEZIONI) NOTAIO STEFANO SANTANGELO. Il bilancio delle società di capitali

PROGRAMMA DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN DIRITTO SOCIETARIO (30 LEZIONI) NOTAIO STEFANO SANTANGELO. Il bilancio delle società di capitali PROGRAMMA DEL CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN DIRITTO SOCIETARIO (30 LEZIONI) NOTAIO STEFANO SANTANGELO Il bilancio delle società di capitali - Composizione del bilancio (stato patrimoniale, conto economico,

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital. Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale

Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital. Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale Aspetti legali e contrattuali legati agli interventi di Venture Capital Prof. Avv. Alberto Musy Musy Bianco e Associati Studio legale 1 Argomenti trattati La lettera di intenti Il contratto di acquisizione

Dettagli

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Il candidato illustri il processo di liquidazione delle società di capitali soffermandosi sugli adempimenti civilistici, contabili e fiscali antecedenti

Dettagli

Roma, 23 gennaio 2009

Roma, 23 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 15/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 gennaio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Imposta di bollo sulle comunicazioni riguardanti

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

Il conferimento. Università degli Studi di Bergamo Corso di Ragioneria Applicata 21 Febbraio 2008

Il conferimento. Università degli Studi di Bergamo Corso di Ragioneria Applicata 21 Febbraio 2008 Il conferimento Università degli Studi di Bergamo Corso di Ragioneria Applicata 21 Febbraio 2008 1 Agenda 21 febbraio: Aspetti generali, legali e valutativi 22 febbraio: Aspetti contabili e fiscali 2 Indice

Dettagli

IL MUTUO. Che cos è. Come funziona

IL MUTUO. Che cos è. Come funziona IL MUTUO Che cos è Il mutuo è un finanziamento a medio-lungo termine, erogato da una banca o da altro intermediario finanziario autorizzato, rimborsabile attraverso pagamenti rateali secondo il piano di

Dettagli

GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v.

GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma. Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v. GTECH S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00154 Roma Capitale sociale Euro 174.033.339,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001 Soggetta

Dettagli

Prot. 6915 Roma, 27/01/2010

Prot. 6915 Roma, 27/01/2010 Direzione V Ufficio III Prot. 6915 Roma, 27/01/2010 Oggetto: semplificazione documentale adempimenti regime di aiuti de minimis parere della Commissione antiusura start up - motivazione delibera - allocazione

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SU OPERAZIONI SOCIETARIE CON PARTI CORRLATE

DOCUMENTO INFORMATIVO SU OPERAZIONI SOCIETARIE CON PARTI CORRLATE DOCUMENTO INFORMATIVO SU OPERAZIONI SOCIETARIE CON PARTI CORRLATE sull operazione di finanziamento fruttifero infragruppo concesso alla controllante Astrim S.p.A. redatto ai sensi dell art. 14 della PROCEDURA

Dettagli

Relazione del Consiglio di Amministrazione all assemblea ordinaria di TXT e-solutions S.p.A. del giorno 22 aprile 2015 (convocazione unica)

Relazione del Consiglio di Amministrazione all assemblea ordinaria di TXT e-solutions S.p.A. del giorno 22 aprile 2015 (convocazione unica) Relazione del Consiglio di Amministrazione all assemblea ordinaria di TXT e-solutions S.p.A. del giorno 22 aprile 2015 (convocazione unica) Signori Azionisti, siete stati convocati in assemblea per deliberare

Dettagli

Proposta di distribuzione di un dividendo straordinario da prelevare dalle riserve disponibili; deliberazioni inerenti e conseguenti.

Proposta di distribuzione di un dividendo straordinario da prelevare dalle riserve disponibili; deliberazioni inerenti e conseguenti. Relazione del Consiglio di Amministrazione sulla proposta all ordine del giorno della Assemblea ordinaria degli azionisti IPI S.p.A. (Art.3 - DM 5 novembre 1998 n 437) O o o o O Proposta di distribuzione

Dettagli

IL LEVERAGED BUY OUT Le novità introdotte dalla riforma del diritto societario

IL LEVERAGED BUY OUT Le novità introdotte dalla riforma del diritto societario IL LEVERAGED BUY OUT Le novità introdotte dalla riforma del diritto societario di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Il concetto di leveraged buy out. 3. Il leveraged buy out prima dell entrata

Dettagli

La relazione del professionista nei piani di risanamento e negli accordi di ristrutturazione del debito

La relazione del professionista nei piani di risanamento e negli accordi di ristrutturazione del debito La relazione del professionista nei piani di risanamento e negli accordi di ristrutturazione del debito Riccardo Tiscini Professore Associato di Economia Aziendale presso l Universitas Mercatorum Roma

Dettagli

L utilizzo della riserva da rivalutazione

L utilizzo della riserva da rivalutazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 92 26.03.2014 L utilizzo della riserva da rivalutazione Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Riserve L'art. 15, comma 18, D.L. 185/2008

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati LEGALE E TRIBUTARIO Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati Partecipazioni ancora in attesa di chiarimenti. Sono intervenuti in questa Circolare: Dr. Gaetano De Vito, Dr.

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO

I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO PREVENTIVO I FINANZIAMENTI NEGLI ACCORDI DI RISTRUTTURAZIONE E NEL CONCORDATO LE PRINCIPALI TAPPE DI UN PROCESSO DI RISTRUTTURAZIONE 2 CRISI DI IMPRESA: L ACQUISIZIONE DI NUOVE RISORSE FINANZIARIE In vista del risanamento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO AL 01/12/2009. Prodotto - MUTUI FONDIARI Sub - CON SURROGAZIONE NELLE GARANZIE

FOGLIO INFORMATIVO AL 01/12/2009. Prodotto - MUTUI FONDIARI Sub - CON SURROGAZIONE NELLE GARANZIE FOGLIO INFORMATIVO AL 01/12/2009 Prodotto - MUTUI FONDIARI Sub - CON SURROGAZIONE NELLE GARANZIE concesse a favore della Banca finanziatrice originaria, relativo ai MUTUI destinati ad estinguere precedenti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000

Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000 Circolare del Ministero delle Finanze (CIR) n. 221 /E del 30 novembre 2000 by www.finanzaefisco.it OGGETTO: Trattamento tributario degli atti di costituzione del fondo patrimoniale. L argomento oggetto

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R. 917/1986.

OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R. 917/1986. RISOLUZIONE n. 313/E Roma, 21 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 AZIENDA AGRICOLA ALFA SRL articolo 68 D.P.R.

Dettagli

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti 1 Le operazioni sul capitale Il capitale può subire, nel corso della gestione aziendale, variazioni di due tipi: Aumenti di capitale Riduzioni

Dettagli

LEZIONE 20 dicembre 2013

LEZIONE 20 dicembre 2013 1 LEZIONE 20 dicembre 2013 Società per azioni (S.P.A.) > è una persona giuridica, cioè un soggetto di diritto autonomo, dotato di capacità giuridica e di agire e di autonomia patrimoniale perfetta. La

Dettagli

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie. Delibere inerenti e conseguenti. 863 Relazione del Consiglio di Gestione sul punto

Dettagli

Partecipazioni in società estere a scudo variabile

Partecipazioni in società estere a scudo variabile Focus di pratica professionale di Luca Miele Partecipazioni in società estere a scudo variabile Premessa Una delle fattispecie più frequenti di adesione allo Scudo fiscale riguarda l emersione di partecipazioni

Dettagli

GAS PLUS S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO

GAS PLUS S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO GAS PLUS S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 come successivamente modificato e integrato Rimborso del Finanziamento Soci a favore

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI

STRUMENTO DESCRIZIONE ASPETTI BANCARI ASPETTI FISCALI Mutuo ( a medio/lungo termine, utilizzato per gli investimenti di immobilizzazioni) È un per immobilizzazioni, come l acquisto, la costruzione o la ristrutturazione di immobili, impianti e macchinari.

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A.

Cerved Information Solutions S.p.A. Cerved Information Solutions S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli Azionisti Unica convocazione: 27 aprile 2015 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Gli aventi diritto di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008

RISOLUZIONE N. 42/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 42/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008 Oggetto: Operazione di aggregazione aziendale tra due società inglesi e secondo le disposizioni del Regno Unito.

Dettagli

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...

Informazioni di base...3. Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO... GUIDA SUI MUTUI Sommario Informazioni di base...3 Principali tipologie di mutuo...5 MUTUO A TASSO FISSO...5 MUTUO A TASSO VARIABILE...6 MUTUO A TASSO MISTO...7 MUTUO A DUE TIPI DI TASSO...8 MUTUO A TASSO

Dettagli

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 6 14 GENNAIO 2014 La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 Copyright 2014 Acerbi

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA FOGLIO INFORMATIVO relativo al servizio di PEGNO SU TITOLI E VALORI INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

Dettagli

L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI

L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI a cura Giuseppe Demauro La complessa fase di erogazione dei finanziamenti stipulati con le banche, si caratterizza anche per la determinazione dell imposta

Dettagli

Le azioni proprie. Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa.

Le azioni proprie. Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa. Le azioni proprie 1 Le azioni proprie Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa. 2 L acquisto di azioni proprie Le principali motivazioni alla base dell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 119 /E

RISOLUZIONE N. 119 /E RISOLUZIONE N. 119 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 dicembre 2014 OGGETTO: Interpello ordinario, art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Tassazione decreto ingiuntivo con enunciazione di fideiussione

Dettagli

Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014

Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014 Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014 Relazione degli Amministratori sul terzo punto all ordine del giorno Relazione degli Amministratori redatta ai sensi dell art. 73 del Regolamento Emittenti, adottato

Dettagli

La fusione per incorporazione del Credito Bergamasco

La fusione per incorporazione del Credito Bergamasco Il Banco Popolare semplifica e razionalizza ulteriormente la struttura societaria del Gruppo: approvato il progetto di fusione per incorporazione del Credito Bergamasco e di Banca Italease Verona, 26 novembre

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

L acquisto di azioni proprie

L acquisto di azioni proprie L acquisto di azioni proprie 1 Le azioni proprie Sono titoli rappresentativi del capitale della società acquistate e detenute dalla stessa. 2 L acquisto di azioni proprie Le principali motivazioni alla

Dettagli

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011

SEMINARIO DI STUDI Il controllo nelle società di capitali Napoli, 17 giugno 2011 Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Napoli Associazione Italiana Manager e Professionisti d Azienda Associazione Nazionale Dottori Commercialisti SEMINARIO DI STUDI Il controllo

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede Cassa Lombarda S.p.A. Pagina 1 di 7 FOGLIO INFORMATIVO APERTURA DI CREDITO IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: CASSA LOMBARDA SPA Sede legale:

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. Roma, 20 febbraio 2004

CIRCOLARE N. 8/E. Roma, 20 febbraio 2004 CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 20 febbraio 2004 Oggetto:valutazione delle azioni e titoli similari non negoziati in mercati regolamentati italiani o esteri Omogeneizzazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa

La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di finanziamento dell impresa La fiscalità degli strumenti di capitalizzazione e di Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano SAF Scuola di Alta Formazione Luigi Martino Convegno del 16 gennaio 2012 Relatore:

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Richiamate:

A relazione del Presidente Cota: Richiamate: REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 2-6205 Contratto di Prestito con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) - "Prestito - Regione Piemonte Loan

Dettagli

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda

Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Metodologie e determinazioni quantitative d azienda Conferimento (Cap. II) aspetti civilistici, economici, contabili e fiscali da G. Savioli (2008), Le operazioni di gestione straordinaria Lezioni della

Dettagli

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi

Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi Temi fiscali connessi alla conversione dei crediti in strumenti partecipativi dott. Giovanni Mercanti Milano, 17 giugno 2014 Contenuto della relazione Rinuncia parziale al credito Emissione SFP Distinzione

Dettagli

4 Punto. Assemblea ordinaria e straordinaria degli Azionisti Unica convocazione: 11 giugno 2014 ore 11,00. Parte ordinaria

4 Punto. Assemblea ordinaria e straordinaria degli Azionisti Unica convocazione: 11 giugno 2014 ore 11,00. Parte ordinaria Assemblea ordinaria e straordinaria degli Azionisti Unica convocazione: 11 giugno 2014 ore 11,00 Parte ordinaria 4 Punto Autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi del combinato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

CONDIZIONI CONTRATTUALI ED ECONOMICHE DEL PERSONALE Finanziamenti Società interessate: Ambito: Tutti

CONDIZIONI CONTRATTUALI ED ECONOMICHE DEL PERSONALE Finanziamenti Società interessate: Ambito: Tutti Circolare n. 36 del 29 maggio 2012 Oggetto: Finanziamenti ai Dipendenti Serie: PERSONALE Argomento: CONDIZIONI CONTRATTUALI ED ECONOMICHE DEL PERSONALE Finanziamenti Società interessate: Ambito: Tutti

Dettagli

IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING

IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING 1. Introduzione L imprenditore intenzionato ad acquisire un nuovo bene per

Dettagli

L affitto d azienda: profili civilistici, contabili, Prof. Filippo Dami 5/11/2010 09:00 18:00. Villa Borromeo Sarmeola di Rubano (PD)

L affitto d azienda: profili civilistici, contabili, Prof. Filippo Dami 5/11/2010 09:00 18:00. Villa Borromeo Sarmeola di Rubano (PD) L affitto d azienda: profili civilistici, contabili, fiscalie giuslavoristici 09:00 18:00 Prof. Filippo Dami Una premessa Il contratto di affitto e l atto istitutivo di usufrutto d azienda Devonoessere

Dettagli

COMUNE DI ASSEMINI RELAZIONE D INIZIO MANDATO

COMUNE DI ASSEMINI RELAZIONE D INIZIO MANDATO COMUNE DI ASSEMINI (Provincia di Cagliari) RELAZIONE D INIZIO MANDATO Sindaco Mario Puddu Proclamazione 11 giugno 2013 (Art. 4-bis, D. Lgs. 06/09/2011 n. 149 e s.m.) Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

consulenza alle Imprese a 360

consulenza alle Imprese a 360 consulenza alle Imprese a 360 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare del 15 gennaio 2010 Oggetto: ULTIMI CHIARIMENTI MORATORIA BANCHE L ABI ha di recente fornito importanti chiarimenti in tema di moratoria

Dettagli

RISOLUZIONE 353/E QUESITO. Le questioni rappresentate dall interpellante sono così riassumibili:

RISOLUZIONE 353/E QUESITO. Le questioni rappresentate dall interpellante sono così riassumibili: RISOLUZIONE 353/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 dicembre 2007 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Imposta di bollo art. 1, comma 1-bis.1 della tariffa.

Dettagli

(iii) per adempiere alle obbligazioni di consegna delle azioni derivanti da programmi di distribuzione, a titolo oneroso o gratuito, di opzioni su

(iii) per adempiere alle obbligazioni di consegna delle azioni derivanti da programmi di distribuzione, a titolo oneroso o gratuito, di opzioni su MONCLER S.p.A. Sede sociale in Milano, Via Stendhal, n. 47 - capitale sociale euro 50.000.000,00 i.v. Registro delle Imprese di Milano, codice fiscale e partita IVA 04642290961 - REA n 1763158 Relazione

Dettagli

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti,

ASCOPIAVE S.p.A. Signori azionisti, ASCOPIAVE S.p.A. Via Verizzo, 1030 Pieve di Soligo (TV) Capitale Sociale Euro 234.411.575,00 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese di Treviso n. 03916270261 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 04 29.01.2014 Srl a capitale minimo Studio n. 892-2013 del Consiglio Nazionale del Notariato Categoria: Società Sottocategoria: Varie Come noto, il D.L.

Dettagli

Aprile 2016. Acquisto di crediti da parte di imprese di recupero: norme e dubbi pratici

Aprile 2016. Acquisto di crediti da parte di imprese di recupero: norme e dubbi pratici Aprile 2016 Acquisto di crediti da parte di imprese di recupero: norme e dubbi pratici Giuseppe Roddi Premessa Da circa 85 anni il recupero crediti è disciplinato dalla legge e sottoposto al controllo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3. PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali

C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3. PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali C I R C O L A R E D I S T U D I O N. 20 / 2 0 1 3 A: Da: V E Z Z A N I & A S S O C I A T I C/a: Pagine: 5 Fax: Data: 27 maggio 2013 Egregi Signori, PATTO DI FAMIGLIA profili fiscali si segnala un argomento

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI Dott. Pasquale Saggese IMPOSTE SUI REDDITI Art. 182 TUIR In caso di liquidazione dell impresa o della società il reddito di impresa

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA INFORMAZIONI GENERALI SULLE DIVERSE TIPOLOGIE DI MUTUI GARANTITI DA IPOTECA PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE (ai sensi del D.L. n. 185/2008)

Dettagli

1. PREMESSA... 3 2. MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE... 3

1. PREMESSA... 3 2. MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE... 3 Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione sul punto 3 all ordine del giorno (Proposta di Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie) ai sensi dell'art. 73 del Regolamento

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase

Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase Allegato n. 1 II Report Area Giuridica Progetto Allert II Fase STRUMENTI DI SOLUZIONE DELLA CRISI D IMPRESA ALTERNATIVI AL FALLIMENTO Con la riforma del diritto fallimentare ad opera della l. n. 80 del

Dettagli

Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari

Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari Operazioni straordinarie di Fabio Giommoni * Il conferimento di partecipazioni e la riorganizzazione di gruppi societari e familiari Con la C.M. n.33/e del 17 giugno 2010 l Agenzia delle Entrate ha fornito

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

COMUNE DI CALVANICO CAPITOLATO SPECIALE

COMUNE DI CALVANICO CAPITOLATO SPECIALE COMUNE DI CALVANICO Procedura aperta, per l individuazione di un istituto mutuante con il quale stipulare un contratto di mutuo a tasso fisso finalizzato al finanziamento di debiti fuori bilancio, per

Dettagli