1. Presentazione del problema. 2.Ipotesi di soluzione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Presentazione del problema. 2.Ipotesi di soluzione"

Transcript

1

2 1. Presentazione del problema Al fine di sollecitare gli alunni a progettare, realizzare e verificare esperienze operative inerenti all Energia elettrica, l insegnante di Ed. Tecnica propone alla classe, divisa in gruppi, il seguente Problema tecnico-scientifico Ciascun gruppo esegua il progetto di un circuito elettrico per sperimentare gli effetti della corrente elettrica. 2.Ipotesi di soluzione I ragazzi avanzano le Ipotesi di soluzione al problema presentato e rilevano la necessità di acquisire conoscenze specifiche in merito a: o Simbologia elettrica o Tipologia dei circuiti elettrici o Gli effetti della corrente elettrica L insegnante propone una guida per orientare i ragazzi, i quali consultano testi, osservano i dispositivi, le macchine, gli elettrodomestici che utilizzano l energia elettrica e riflettono sulle diverse forme di conversione dell elettricità. GUIDA ALLA COMPRENSIONE DELLA ELETTRICITA - Che cos è l Elettrologia? Elettrostatica? Elettrodinamica? - Spiega il fenomeno di REPULSIONE e ATTRAZIONE tra due corpi. - Dai la definizione di MOLECOLA e ATOMO. - Quanti atomi hanno individuato gli scienziati? - Disegna la struttura di un atomo. - Che cos è la corrente elettrica? - Chi è il responsabile della corrente elettrica? - Un filo di rame lungo 1 m e con un diametro di 0,3 mm, quanti elettroni liberi possiede? - Che cosa succede in un circuito elettrico costituito da: generatore di corrente (pila), utilizzatore (lampadina), filo di rame o conduttore? - Che cosa dunque si genera in un circuito elettrico? - Che cosa sono i conduttori? Quali sono? - Che cosa sono gli isolanti? Quali sono? - La corrente elettrica è un trasferimento di materia o di cariche elettriche? GUIDA ALLA COMPRENSIONE DEL CIRCUITO ELETTRICO - Che cos è un circuito elettrico? - Quali sono i componenti? - Il circuito elettrico si può paragonare per analogia a - Che cosa avviene in un circuito idraulico? - Che cosa avviene in un circuito elettrico? - Quali sono le tre grandezze della corrente elettrica? - Da quale legge sono legate le tre grandezze? - Scrivi la relazione che lega le tre grandezze secondo la legge di Ohm. Che cosa vuol dire?

3 3.Progetto Segue: il protocollo dei ragazzi con lo schema degli effetti della corrente elettrica, l analisi di un circuito elettrico elementare e i simboli CEI di ciascun componente, i progetti degli impianti eseguiti dai ragazzi in équipe. SCHEMA EFFETTI CORRENTE ELETTRICA EFFETTI DELLA CORRENTE ELETTRICA LUMINOSO MAGNETICO lampada Apparecchi elettrici d uso comune CHIMICO galvanostegia galvanoplastica TERMICO FISIOLOGICO Ferro da stiro phon Stufa elettrica elettrocardio gramma Scossa elettrica CONCLUSIONE DEGLI ALUNNI La corrente elettrica circola attraverso i conduttori e produce fenomeni ed effetti diversi, fondamentali per le numerose applicazioni. La corrente elettrica alimenta molti apparecchi d uso domestico. Essi sono dotati di almeno uno dei seguenti dispositivi:un elettromagnete che produce forza magnetica, un motore che produce forza motrice, una resistenza che produce energia termica, una lampadina che produce energia luminosa.

4 PRINCIPALI ELEMENTI DI UN CIRCUITO E LORO SIMBOLI

5 TIPOLOGIE DI CIRCUITI ELETTRICI TIPOLOGIA DENOMINAZIONE Circuito elettrico elementare Circuito elettrico in parallelo di utilizzatori Circuito elettrico in serie di utilizzatori

6 TIPOLOGIA DENOMINAZIONE Disegno di generatori in parallelo eseguito da un alunno Schema di generatori in parallelo secondo la simbologia CEI Disegno di generatori in serie eseguito da un alunno Schema di generatori in serie secondo la simbologia CEI

7 4. Esecuzione dei modelli analogici Per la realizzazione degli impiantini elettrici viene fornito a ciascun gruppo: - materiale strutturato, da comporre secondo le istruzioni indicate - tavoletta in legno di piccole dimensioni, con i componenti necessari alla esecuzione del modello scelto CIRCUITO ELETTRICO ELEMENTARE CON INTERRUTTORE ( 1^soluzione con materiale strutturato ) Materiale occorrente: Basetta per componenti a spina Spine a ponte 2x Portalampada Lampada Batterie 1.5V 2x Interruttore - Esecuzione dell esperimento: 1. Mettere le batterie nella loro sede sotto la basetta. 2. Montare i componenti a spina nella basetta e lasciare aperti i contatti dell interruttore. 3. Chiudere e aprire l interruttore ed osservare la lampada. - Risultato dell esperimento: La corrente circola solo quando l interruttore è chiuso. L interruttore serve a chiudere e ad aprire un circuito in base alle condizioni di funzionamento richieste.

8 CIRCUITO ELETTRICO ELEMENTARE CON INTERRUTTORE ( 2^soluzione con materiali reperiti dai ragazzi) Materiale: - Tavoletta in legno di piccole dimensioni - Batteria da 4,5Volt - Lampada mignon 4,5Volt, con portalampada - Filo conduttore, lunghezza 30 cm.circa - Un interruttore mignon - Due morsetti a coccodrillo - Vinavil - Puntine da disegno con capocchia in plastica Strumenti: - Forbici, cacciavite Procedimento operativo: 1. Tagliare il filo conduttore in tre parti e spellare ciascuna estremità di 3 cm. circa 2. Incollare la batteria da 4,5 Volt sulla tavoletta. 3. Inserire l estremità del primo filo conduttore nel morsetto a coccodrillo. 4. Allentare le due viti dell interruttore ed inserire, in un foro, l altra estremità spellata del primo filo conduttore e, nell altro foro, l estremità del secondo filo conduttore. 5. Collegare l altra estremità del filo al basamento del portalampada, infine con il terzo filo conduttore, collegare il portalampada all altro morsetto. 6. Fissare il filo conduttore sulla tavoletta con puntine da disegno, o chiodini ad U. 7. Montare la lampada sul portalampada. 8. Collegare un morsetto al polo positivo e un altro al polo negativo della batteria. 9. Premere il pulsante dell interruttore e osservare che cosa succede; schiacciare ancora e trarre le conclusioni: che cosa abbiamo scoperto? - Risultato dell esperimento: L interruttore apre e chiude il circuito elettrico. Gli alunni costruiscono un terzo modello utilizzando una pila da 1,5 V e una lampada da 1,5 V

9 - Gioco di simulazione: Abbiamo simulato il circuito elettrico tenendoci per mano in un grande cerchio. Ogni ragazzo rappresentava un componente del circuito elettrico e stringeva forte le mani ai suoi due compagni: questo era il circuito chiuso. Poi un ragazzino ha lasciato la stretta e il cerchio si è interrotto: questo era il circuito aperto. Nel circuito chiuso passa la corrente che illumina la lampada, nel circuito aperto il passaggio della corrente è interrotto e la lampada rimane spenta. - Scoperte: Nella batteria si crea una differenza di potenziale tra i due poli che spinge il flusso di elettroni al polo positivo, producendo elettricità. COLLEGAMENTO IN PARALLELO DI UTILIZZATORI ( Soluzione con materiale strutturato ) - Materiale: Basetta per componenti a spina Lampade 2.5V 2x Spine da ponte 3x Batterie 1.5V 2x Portalampade 2x Interruttore - Esecuzione dell esperimento: 1. Mettere le batterie nella loro sede sotto la basetta. 2. Montare i componenti a spina nella basetta come illustrato in figura. 3. Lasciare l interruttore aperto. 4. Chiudere l interruttore e guardare le due lampade. 5. Svitare una lampada e guardare l altra. 6. Avvitare di nuovo la lampada e guardare cosa succede. - Risultato dell esperimento: Se due utilizzatori sono collegati in parallelo al generatore, i rispettivi circuiti possono funzionare indipendentemente l uno dall altro. Infatti, l interruzione di un circuito non influisce sul funzionamento dell altro. La tensione ai capi delle due lampade è sempre la stessa. Materiale Modello con interruttore aperto (lampade spente) Modello con interruttore chiuso (lampade accese)

10 COLLEGAMENTO IN SERIE DI UTILIZZATORI ( Soluzione con materiale strutturato ) Materiale: Basetta per componenti a spina Spine a ponte 3x Portalampada 2x Lampade 2.5V 2x Batterie 1.5V 2x Interruttore -Esecuzione dell esperimento: 1. Mettere le batterie nella loro sede sotto la basetta. 2. Montare i componenti a spina nella basetta. 3. Lasciare l interruttore aperto. 4. Chiudere l interruttore e guardare le lampade. 5. Svitare una lampada e guardare l altra. 6. Avvitare di nuovo la lampada e guardare cosa succede. -Risultato dell esperimento: Se due utilizzatori sono collegati in serie al generatore, essi sono percorsi dalla stessa corrente. Togliendo un utilizzatore dal circuito, s interrompe anche l altro circuito. Poiché la tensione della batteria si distribuisce sulle lampade, la loro luminosità diminuisce. Materiale Modello con interruttore aperto (lampade spente) Modello con interruttore chiuso (lampade accese)

11 Conoscenze acquisite: collegamento di utilizzatori Più utilizzatori sono collegati in serie quando sono montati uno dopo l altro, in modo da dover essere attraversati tutti dalla stessa corrente. La tensione si suddivide proporzionalmente su ogni utilizzatore, mentre la resistenza elettrica totale incontrata dalla corrente è uguale alla somma delle resistenze inserite nel circuito: Vtot = V1+ V2+V3 Rtot = R1+ R2 + R3. Se però un utilizzatore, per esempio una lampada, smette di funzionare il circuito si interrompe e si spengono anche gli altri utilizzatori; l illuminazione dell albero di Natale è un tipico esempio di utilizzatori collegati in serie. Più utilizzatori sono, invece, collegati in parallelo se hanno gli estremi in comune. In tal caso gli utilizzatori vengono attraversati dalla stessa tensione e percorsi da intensità di corrente inversamente proporzionale alla loro resistenza : Vtot = V1 =V2 =V3 Itot = I1 + I2 + I3. La resistenza totale è sempre minore di ogni resistenza collegata; se gli utilizzatori hanno resistenza uguale, la resistenza totale è data dal valore di una resistenza diviso per il numero delle resistenze: Rtot = R/n In questo collegamento ogni utilizzatore funziona indipendentemente dagli altri. Per questo, il collegamento in parallelo viene generalmente usato nelle abitazioni e negli impianti industriali. Conoscenze acquisite: collegamento di generatori Quando si ha bisogno di una tensione ( voltaggio ) più elevata di quella che può generare un solo generatore ( per esempio una pila o un accumulatore ) si ricorre al collegamento in serie. Tale collegamento avviene unendo il polo positivo di un elemento con quello negativo del successivo e così via; si ottiene così una batteria di pile o di accumulatori, la cui tensione risulta uguale alla somma delle tensioni dei singoli elementi, mentre l intensità di corrente è uguale a quella che potrebbe fornire un solo elemento: Vtot = V1 +V2 +V3 Itot = I1 =I2 =I3 Si ricorre invece al collegamento di più generatori in parallelo quando si vuole ottenere una corrente elettrica di intensità maggiore di quella che può erogare un solo generatore. Si ottiene il collegamento in parallelo unendo tra loro i poli positivi da un lato ed i poli negativi dall altro: la tensione sarà pari a quella fornita da un solo elemento, mentre l intensità di corrente risulterà uguale alla somma delle intensità erogate dai singoli elementi: Vtot = V1 = V2 = V3 Itot = I1 + I2 + I3

12 RESISTENZA DI RISCALDAMENTO A FILO ( Soluzione con materiale strutturato ) Occorrente: -Basetta per componenti a spina -3 spine a ponte -Interruttore -2 morsetti a coccodrillo -2 batterie 1.5V -Resistenza di riscaldamento a filo Esecuzioni dell esperimento: 1.Mettere le batterie nella loro sede sotto la basetta. 2.Montare i componenti a spina nella basetta. 3.Lasciare l interruttore aperto. 4.Tagliare 20 cm di filo della resistenza di riscaldamento ed avvolgerlo intorno ad una matita. 5.Grattare la vernice isolante alle due estremità del filo con un oggetto tagliente ed agganciare i due estremi nudi ai morsetti a coccodrillo. 6.Chiudere l interruttore per circa 30 secondi e poi aprirlo di nuovo. 7.Toccare il filo della resistenza di riscaldamento e verificare se si è riscaldato. Risultato dell esperimento: Alcuni materiali filiformi si riscaldano sensibilmente a causa della circolazione di corrente. Questi materiali sono usati per trasformare l energia elettrica in energia termica. MATERIALI CONDUTTORI E ISOLANTI ( Soluzione con materiale strutturato ) Occorrente: -Basetta per componenti a spina -2 spine a ponte -Portalampada -2 morsetti a coccodrillo -Lampada 2.5V -2 batterie 1.5V -Interruttore -Serie di conduttori ed isolanti

13 Esecuzione dell esperimento: 1.Mettere le batterie nella loro sede sotto la basetta. 2.Montare i componenti a spina nella basetta. 3.Lasciare l interruttore aperto. 4.Agganciare i vari materiali con i due morsetti a coccodrillo. 5.Chiudere l interruttore 6.Individuare i materiali con i quali la lampada è accesa. Risultato dell esperimento: La corrente elettrica non circola nel vetro La corrente elettrica circola nella grafite La corrente elettrica circola nel rame CONCLUSIONE La corrente elettrica non circola con tutti materiali. I materiali in cui si ha la circolazione della corrente elettrica si chiamano CONDUTTORI ELETTRICI. I materiali nei quali non si ha circolazione di corrente si chiamano ISOLANTI.

14 IL CAMPANELLO ELETTRICO ( Soluzione con materiale strutturato ) Materiale: Basetta Spina a ponte Interruttore Campanello elettrico Batterie 1.5V 2x Esecuzione dell esperimento: - Mettere le batterie nella loro sede sotto la basetta. - Montare i componenti a spina nella basetta. - Lasciare l interruttore aperto. - Chiudere per qualche istante l interruttore e controllare il comportamento del campanello elettrico. Risultato dell esperimento: Ad interruttore chiuso, la corrente elettrica circola attraverso la bobina del campanello e crea un campo magnetico. La bobina attrae un braccio di ferro (armatura) alla cui estremità c è un martelletto che va a colpire il campanello. Contemporaneamente, il movimento dell armatura apre il circuito e la forza dovuta al campo magnetico si annulla. L armatura torna indietro e chiude di nuovo il circuito. I ripetuti colpi del martelletto fanno squillare il campanello. Materiale Modello realizzato

15 Materiale: 1.Basetta per componenti a spina 2.Spina a ponte 3.Pallina d acciaio 4.Bobina con innesti a spina 5.Batterie 1.5V 2x 6.Interruttore L ELETTROMAGNETE ( 1^ soluzione con materiale strutturato) Esecuzione dell esperimento: Mettere le batterie nella loro sede sotto la basetta. Montare i componenti a spina nella basetta. Inizialmente, lasciare l interruttore aperto. Tenere la basetta con una mano, chiudere l interruttore, mettere la pallina d acciaio sotto la bobina in corrispondenza del nucleo e lasciarla libera. Aprire l interruttore e guardare la pallina. Risultato dell esperimento: La corrente elettrica che circola nella bobina crea un campo magnetico rafforzato dalla presenza del nucleo di ferro. Per questo motivo, all estremità del nucleo si sviluppa una forza più grande della forza del peso della pallina d acciaio. Quando si apre il circuito, il campo magnetico si annulla e l energia potenziale della pallina d acciaio si trasforma in energia cinetica. Materiale Modello

16 L ELETTROMAGNETE ( 2^soluzione con materiali reperiti dai ragazzi) Occorrente: - Bullone di ferro con dado ( lunghezza cm.8 ) - Filo di rame unipolare isolato ( alcuni metri ) - Batteria da 4,5 volt - Due morsetti a coccodrillo - Forbici, cacciavite, pinze - Assortimento di chiodi, puntine, fermagli Procedimento operativo: 1. avvolgere il filo di rame a spire molto strette intorno al bullone (nucleo), lasciando circa 10 cm. di filo sporgente alle due estremità delle spirali, per fare i collegamenti 2. raschiare con le forbici lo smalto isolante alle due estremità del filo che esce dalla bobina 3. collegare le estremità del filo ai due morsetti coccodrillo 4. collegare un coccodrillo al polo+ e l altro al polo- della batteria (in modo da permettere il contatto del rame con il generatore di corrente elettica ) 5. avvicinare l elettrocalamita ai pezzetti di metallo 6. scollegare un coccodrillo dalla batteria Osservazioni L elettromagnete solleva i pezzetti di metallo, come se fosse un magnete permanente. Scollegando un morsetto, il circuito si apre e l elettromagnete non può più trattenere i pezzetti di metallo, che cadono. Conclusioni Con questa attività operativa abbiamo verificato il fenomeno dell elettromagnetismo, secondo cui un filo elettrico, percorso da corrente elettrico, genera un campo magnetico che viene fortemente potenziato se il filo è avvolto a spirale intorno a un nucleo di ferro. Si può potenziare la forza di attrazione dell elettrocalamita costruita, aumentando l avvolgimento a spirale attorno al bullone, oppure si possono collegare più batterie di pile in serie: avremmo un elettromagnete più potente.

17 Materiale: -Basetta per componenti a spina -Spina a ponte -Interruttore -Motore con innesti a spina -Batterie 1.5 V 2x IL MOTORINO ELETTRICO (Soluzione con materiale strutturato) Esecuzione dell esperimento: 1.Mettere le batterie nella loro sede sotto la basetta. 2.Montare i componenti a spina nella basetta. 3.Inizialmente, lasciare l interruttore aperto. 4.Chiudere per qualche istante l interruttore ed osservare il funzionamento del motore. 5.Ad interruttore chiuso, spingere leggermente con due dita sulla puleggia del motore ed osservare l effetto prodotto sul suo funzionamento. Risultato dell esperimento: Ad interruttore chiuso, nella bobina (armatura) all interno del motore, si ha una circolazione di corrente che crea un campo magnetico. Solidale alla carcassa del motore (statore), è montato un magnete permanente. Le forze di attrazione e di repulsione tra i due campi magnetici generano il movimento rotatorio dell armatura imperniata sullo statore. Quando il motore funziona sotto carico, il suo numero di giri diminuisce. Motorino con interruttore aperto Motorino con interruttore chiuso

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA COS È L ELETTRICITÀ Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA si produce con i generatori di corrente che possono essere chimici, meccanici oppure utilizzare l'energia del sole Generatori meccanici che producono

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Esperienze con l elettricità e il magnetismo

Esperienze con l elettricità e il magnetismo Esperienze con l elettricità e il magnetismo Laboratorio di scienze Le esperienze di questo laboratorio ti permettono di acquisire maggiore familiarità con l elettricità e il magnetismo e di sperimentare

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ

Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Visione d insieme DOMANDE E RISPOSTE SULL UNITÀ Che cos è la corrente elettrica? Nei conduttori metallici la corrente è un flusso di elettroni. L intensità della corrente è il rapporto tra la quantità

Dettagli

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche Tesina di scienze L Elettricità Le forze elettriche In natura esistono due forme di elettricità: quella negativa e quella positiva. Queste due energie si attraggono fra loro, mentre gli stessi tipi di

Dettagli

Unità realizzata con la collaborazione dell alunno GIANMARCO BERTONATI (Elaborato d Esame a.s.:2011/2012 classe 3 D)

Unità realizzata con la collaborazione dell alunno GIANMARCO BERTONATI (Elaborato d Esame a.s.:2011/2012 classe 3 D) 1 Unità realizzata con la collaborazione dell alunno GIANMARCO BERTONATI (Elaborato d Esame a.s.:2011/2012 classe 3 D) 2 circuito realizzato dall alunno Gianmarco Bertonati grazie al quali ha potuto spiegare

Dettagli

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici.

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. GLI ATTUATORI Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. La casistica è assai vasta ; sono comuni i semplici azionamenti magnetici (elettromagneti

Dettagli

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono.

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono. 2012 11 08 pagina 1 Carica elettrica Esistono cariche elettriche di due tipi: positiva e negativa. Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Il motorino elettrico

Il motorino elettrico tradizione e rivoluzione nell insegnamento delle scienze Istruzioni dettagliate per gli esperimenti mostrati nel video Il motorino elettrico prodotto da Reinventore con il contributo del MIUR per la diffusione

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI Capitolo3:Layout 1 17-10-2012 15:33 Pagina 73 CAPITOLO 3 GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI OBIETTIVI Conoscere le grandezze fisiche necessarie alla trattazione dei circuiti elettrici Comprendere la necessità

Dettagli

funziona meglio con FIREFOX! FENOMENI ELETTROSTATICI mappa 1 mappa 2 mappa 3 mappa 4 http://cmap.ihmc.us/

funziona meglio con FIREFOX! FENOMENI ELETTROSTATICI mappa 1 mappa 2 mappa 3 mappa 4 http://cmap.ihmc.us/ mappa 1 mappa 2 mappa 3 mappa 4 http://cmap.ihmc.us/ funziona meglio con FIREFOX! FENOMENI ELETTROSTATICI Struttura dell'atomo (nucleo, protoni, neutroni, elettroni); cariche elettriche elementari (elettrone,

Dettagli

ENERGIA ELETTRICA: Generatori e tipi di collegamento. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 -

ENERGIA ELETTRICA: Generatori e tipi di collegamento. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 - ENERGIA ELETTRICA: Generatori e tipi di collegamento Quando un conduttore in movimento attraversa le linee di forza di un campo magnetico, nel conduttore si genera una forza elettromotrice indotta in grado

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

LABORATORIO DI FISICA. Elettromagnetismo

LABORATORIO DI FISICA. Elettromagnetismo MINISTERO DELL ISTRUZIONE,UNIVERSITA E RICERCA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE L. DA Vinci Via G. Rosato, 5-66034 L a n c i a n o (Ch) Tel. 087242556 Fax 0872702934 E-mail: chtf0200l@istruzione.it

Dettagli

Corrente Elettrica. dq dt

Corrente Elettrica. dq dt Corrente Elettrica Finora abbiamo considerato le cariche elettriche fisse: Elettrostatica Consideriamole adesso in movimento! La carica in moto forma una corrente elettrica. L intensità di corrente è uguale

Dettagli

Giochiamo con l elettricità 10 marzo 2012. Dalle Indicazioni per il Curricolo per la scuola primaria e secondaria di primo grado (agosto 2007)

Giochiamo con l elettricità 10 marzo 2012. Dalle Indicazioni per il Curricolo per la scuola primaria e secondaria di primo grado (agosto 2007) Dalle Indicazioni per il Curricolo per la scuola primaria e secondaria di primo grado (agosto 2007) Fin dall'antichità i Greci, avevano scoperto che l'ambra gialla (resina fossile) strofinata attira dei

Dettagli

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Induzione magnetica INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Che cos è l induzione magnetica? Si parla di induzione magnetica quando si misura una intensità di corrente diversa da zero che attraversa

Dettagli

IL TRASFORMATORE Prof. S. Giannitto Il trasformatore è una macchina in grado di operare solo in corrente alternata, perché sfrutta i principi dell'elettromagnetismo legati ai flussi variabili. Il trasformatore

Dettagli

Attività didattiche INIZIO PRENDI UNA PENNA STROFINALA ENERGICAMENTE SULLA MAGLIA DI LANA

Attività didattiche INIZIO PRENDI UNA PENNA STROFINALA ENERGICAMENTE SULLA MAGLIA DI LANA Classe quinta U.D.A. TECNOLOGIA Ins. PANARESE ANNA TITOLO: Diamo movimento a un robot di cartone Apprendimento unitario: conoscere e utilizzare procedure per progettare e costruire modelli in relazione

Dettagli

scienza come gioco lampadine bruciate

scienza come gioco lampadine bruciate IS science centre immaginario scientifico Laboratorio dell'immaginario Scientifico - Trieste tel. 040224424 - fax 040224439 - e-mail: lis@lis.trieste.it - www.immaginarioscientifico.it indice Accendiamo

Dettagli

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Nome: N.M.: 1. 1d (giorno) contiene all incirca (a) 8640 s; (b) 9 10 4 s; (c) 86 10 2 s; (d) 1.44 10 3 s; (e) nessuno di questi valori. 2. Sono

Dettagli

V= R*I. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro.

V= R*I. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro. PREMESSA: Anche intuitivamente dovrebbe a questo punto essere ormai chiaro

Dettagli

PICCOLI EINSTEIN. Il liceo Einstein apre le porte dei propri laboratori per le classi delle scuole medie

PICCOLI EINSTEIN. Il liceo Einstein apre le porte dei propri laboratori per le classi delle scuole medie PICCOLI EINSTEIN Il liceo Einstein apre le porte dei propri laboratori per le classi delle scuole medie DESCRIZIONE DEL PROGETTO: Il liceo scientifico Einstein, sito in via Pacini 28, propone alle singole

Dettagli

- semplicità delle macchine generatrici (alternatori) - possibilità di utilizzare semplicemente i trasformatori

- semplicità delle macchine generatrici (alternatori) - possibilità di utilizzare semplicemente i trasformatori ITCG CATTANEO CON LICEO DALL AGLIO - via M. di Canossa - Castelnovo ne Monti (RE) SEZIONE I.T.I. Le Correnti Alternate Come vedremo è piuttosto semplice produrre tensioni, e di conseguenza correnti, che

Dettagli

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche INTRODUZIONE Heinrich Hertz (1857-1894) nel 1886 riuscì per la prima volta a produrre e a rivelare le onde elettromagnetiche di cui Maxwell aveva previsto

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

MISURE DI GRANDEZZE ELETTRICHE

MISURE DI GRANDEZZE ELETTRICHE MISURE DI GRANDEZZE ELETTRICHE La tecnologia oggi permette di effettuare misure di grandezze elettriche molto accurate: precisioni dell ordine dello 0,1 0,2% sono piuttosto facilmente raggiungibili. corrente:

Dettagli

Carica positiva e carica negativa

Carica positiva e carica negativa Elettrostatica Fin dal 600 a.c. si erano studiati alcuni effetti prodotti dallo sfregamento di una resina fossile, l ambra (dal cui nome in greco electron deriva il termine elettricità) con alcuni tipi

Dettagli

CORRENTE E TENSIONE ELETTRICA LA CORRENTE ELETTRICA

CORRENTE E TENSIONE ELETTRICA LA CORRENTE ELETTRICA CORRENTE E TENSIONE ELETTRICA La conoscenza delle grandezze elettriche fondamentali (corrente e tensione) è indispensabile per definire lo stato di un circuito elettrico. LA CORRENTE ELETTRICA DEFINIZIONE:

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

PREMESSA caratteristiche di funzionamento metodo diretto metodo indiretto

PREMESSA caratteristiche di funzionamento metodo diretto metodo indiretto pag. 1 PREMESSA Le prove di collaudo o di verifica delle macchine elettriche devono essere eseguite seguendo i criteri stabiliti dalle Norme CEI a meno che non vi siano accordi particolari tra le parti.

Dettagli

Macchine elettriche. La macchina sincrona. Corso SSIS 2006-07. 07 prof. Riolo Salvatore

Macchine elettriche. La macchina sincrona. Corso SSIS 2006-07. 07 prof. Riolo Salvatore Macchine elettriche La macchina sincrona 07 prof. Struttura Essa comprende : a) albero meccanico collegato al motore primo b) circuito magnetico rotorico fissato all albero (poli induttori) i) c) avvolgimento

Dettagli

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono I CIRCUITI ELETTRICI di CHIARA FORCELLINI Materiale Usato: 5 lampadine Mammut 4 pile da 1,5 volt (6Volt)+Portabatteria Tester (amperometro e voltmetro) I circuiti in Parallelo In un collegamento in parallelo

Dettagli

Generazione campo magnetico

Generazione campo magnetico ELETTRO-MAGNETISMO Fra magnetismo ed elettricità esistono stretti rapporti: La corrente elettrica genera un campo magnetico; Un campo magnetico può generare elettricità. Generazione campo magnetico Corrente

Dettagli

Il trasformatore. Avvolgimento primario 220 V

Il trasformatore. Avvolgimento primario 220 V AREA 7 Elettricità e macchine Il trasformatore L induzione elettromagnetica è alla base anche del funzionamento del trasformatore, un dispositivo in grado di innalzare o abbassare la tensione alternata

Dettagli

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica Liceo Scientifico G. TARANTINO ALUNNO: Pellicciari Girolamo VG PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: Verificare la Prima leggi di Ohm in un circuito ohmico (o resistore) cioè verificare che l intensità di corrente

Dettagli

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz Il campo magnetico 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz 1 Lezione 1 - Fenomeni magnetici I campi magnetici possono essere

Dettagli

Limature di ferro orientate secondo le linee del campo magnetico generato da una barra

Limature di ferro orientate secondo le linee del campo magnetico generato da una barra Magnetismo naturale Un magnete (o calamita) è un corpo che genera una forza su un altro magnete che può essere sia attrattiva che repulsiva. Intorno al magnete c è un campo magnetico. Il nome deriva dal

Dettagli

Alcune nozioni sui motori in corrente continua

Alcune nozioni sui motori in corrente continua Alcune nozioni sui motori in corrente continua Perché scegliere un motore in corrente continua Molte applicazioni necessitano di una coppia di spunto elevata. Il motore in corrente continua, per natura,

Dettagli

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza

Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Esercizi e considerazioni pratiche sulla legge di ohm e la potenza Come detto precedentemente la legge di ohm lega la tensione e la corrente con un altro parametro detto "resistenza". Di seguito sono presenti

Dettagli

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica (Seconda parte) Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Concluso l esame a vista, secondo quanto

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Lampadina Ferro da stiro Altoparlante Moto di cariche elettrice Nei metalli i portatori di carica sono gli elettroni Agitazione termica - moto caotico velocità media 10 5 m/s Non costituiscono una corrente

Dettagli

ESERCIZIO 1. (a) Quanta carica attraversa un punto del filo in 5,0 min?

ESERCIZIO 1. (a) Quanta carica attraversa un punto del filo in 5,0 min? ESECIZIO Un filo è percorso dalla corrente di 3,0 A. (a) Quanta carica attraversa un punto del filo in 5,0 min? (b) Se la corrente è dovuta a un flusso di elettroni, quanti elettroni passano per un punto

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

Generatore di Forza Elettromotrice

Generatore di Forza Elettromotrice CIRCUITI ELETTRICI Corrente Elettrica 1. La corrente elettrica è un flusso ordinato di carica elettrica. 2. L intensità di corrente elettrica (i) è definita come la quantità di carica che attraversa una

Dettagli

L avviamento dei motori asincroni

L avviamento dei motori asincroni L avviamento dei motori asincroni Un problema rilevante è quello dell avviamento dei motori. Nei motori asincroni infatti, durante l avviamento, circolano nel motore correnti notevoli sia perché la resistenza

Dettagli

Olimpiadi della Fisica 2011 Gara Nazionale Prova Sperimentale CADUTA LIBERA DI UNA SFERETTA D ACCIAIO

Olimpiadi della Fisica 2011 Gara Nazionale Prova Sperimentale CADUTA LIBERA DI UNA SFERETTA D ACCIAIO ADUTA LIBERA DI UNA SFERETTA D AIAIO Premessa In questa prova devi determinare l accelerazione di una sferetta d acciaio in caduta libera, utilizzando la legge oraria che lega l altezza con la durata della

Dettagli

Il gruppo TTS è orgoglioso di far parte di

Il gruppo TTS è orgoglioso di far parte di Garanzia e assistenza Questo prodotto viene fornito con una garanzia di un anno per problemi riscontrati durante il normale utilizzo. L'uso scorretto di Tuff-Cam 2 o l'apertura dell'unità renderanno nulla

Dettagli

E l e t t r o m a g n e t i s m o. Saggio Finale

E l e t t r o m a g n e t i s m o. Saggio Finale Corso abilitante IX ciclo Classe di concorso A038 ( Fisica ) Anno Accademico 2007 / 2008 (1 anno ) Specializzando: ( matr. 3801/SS ) E l e t t r o m a g n e t i s m o prof. Saggio Finale 1. Presentazione

Dettagli

per l anno scolastico 2008/09

per l anno scolastico 2008/09 Corso di aggiornamento Il Tè degli Insegnanti area FISICA classi A038 e A049 per l anno scolastico 2008/09 prof. Gabriele Calzà COSTRUZIIONE DII OGGETTII DIIDATTIICII NELL IINSEGNAMENTO DELLA FIISIICA

Dettagli

Corrente ele)rica. Cariche in movimento e legge di Ohm

Corrente ele)rica. Cariche in movimento e legge di Ohm Corrente ele)rica Cariche in movimento e legge di Ohm Corrente ele)rica Nei metalli si possono avere elettroni che si muovono anche velocemente fra un estremo e l altro del metallo, ma la risultante istante

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento 11. Macchine a corrente continua unità 11.1 Principio di funzionamento Si consideri una spira rotante con velocità angolare costante e immersa in un campo magnetico costante come in figura 11.1. I lati

Dettagli

Elettricità e magnetismo

Elettricità e magnetismo E1 Cos'è l'elettricità La carica elettrica è una proprietà delle particelle elementari (protoni e elettroni) che formano l'atomo. I protoni hanno carica elettrica positiva. Gli elettroni hanno carica elettrica

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Legge di Faraday. x x x x x x x x x x E B. x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x E B 1

Legge di Faraday. x x x x x x x x x x E B. x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x E B 1 B ds Legge di Faraday E x x x x x x x x x x E B x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x B 1 x x x x x x x x x x E x x x x x x x x x x E Schema Generale Elettrostatica moto di una carica q in un campo

Dettagli

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 5 Ingegneria Gestionale-Informatica CARICA E SCARICA DEL CONDENSATORE

Fisica Generale - Modulo Fisica II Esercitazione 5 Ingegneria Gestionale-Informatica CARICA E SCARICA DEL CONDENSATORE AIA E SAIA DEL ONDENSATOE a. Studiare la scarica del condensatore della figura che è connesso I(t) alla resistenza al tempo t=0 quando porta una carica Q(0) = Q 0. Soluzione. Per la relazione di maglia,

Dettagli

I CIRCUITI ELETTRICI. Prima di tutto occorre mettersi d accordo anche sui nomi di alcune parti dei circuiti stessi.

I CIRCUITI ELETTRICI. Prima di tutto occorre mettersi d accordo anche sui nomi di alcune parti dei circuiti stessi. I CIRCUITI ELETTRICI Prima di tutto occorre mettersi d accordo anche sui nomi di alcune parti dei circuiti stessi. Definiamo ramo un tratto di circuito senza diramazioni (tratto evidenziato in rosso nella

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

Adattare giocattoli a pile per un uso con sensori

Adattare giocattoli a pile per un uso con sensori Gioco e vita quotidiana Adattare giocattoli a pile per un uso con sensori auxiliarisorse Ottobre 2003 Quali giocattoli si possono adattare? Potete adattare con facilità quei giocattoli che, funzionanti

Dettagli

Gli alimentatori stabilizzati: cenni alle problematiche relative alla trasmissione di

Gli alimentatori stabilizzati: cenni alle problematiche relative alla trasmissione di Gli alimentatori stabilizzati: cenni alle problematiche relative alla trasmissione di energia elettrica Abbiamo già accennato nella dispensa sugli alimentatori stabilizzati che la necessità del loro utilizzo

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Forza CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Cos è una forza? la forza è una grandezza che agisce su un corpo cambiando la sua velocità e provocando una deformazione sul corpo 2 Esempi

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

IL TRASFORMATORE REALE

IL TRASFORMATORE REALE Il trasformatore ideale è tale poiché: IL TRASFORMATORE REALE si ritengono nulle le resistenze R 1 e R 2 degli avvolgimenti; il flusso magnetico è interamente concatenato con i due avvolgimenti (non vi

Dettagli

Macchina sincrona (alternatore)

Macchina sincrona (alternatore) Macchina sincrona (alternatore) Principio di funzionamento Le macchine sincrone si dividono in: macchina sincrona isotropa, se è realizzata la simmetria del flusso; macchina sincrona anisotropa, quanto

Dettagli

sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA sezione 4 Le trasformazioni dell energia pag. 106

sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA sezione 4 Le trasformazioni dell energia pag. 106 sezione 4 l ENERGIA E LA TECNICA indice di sezione Le trasformazioni dell energia pag. 106 IL PROBLEMA ENERGETICO Da qualche anno a questa parte ha assunto grande rilievo il problema energetico. Si parla

Dettagli

DL 2105A SET DI DIAPOSITIVE 4 DL 2105 KIT PER IL MONTAGGIO DI UN MOTORE ASINCRONO 4

DL 2105A SET DI DIAPOSITIVE 4 DL 2105 KIT PER IL MONTAGGIO DI UN MOTORE ASINCRONO 4 INDEX DL 1010B BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE 2 DL 1010D COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO 2 DL 1012Z BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI 2 DL 2106 KIT PER IL MONTAGGIO DI 2 TRASFORMATORI 3 DL 2106A

Dettagli

nei materiali (Inserendo un materiale all interno di un campo magnetico generato da un magnete permanente)

nei materiali (Inserendo un materiale all interno di un campo magnetico generato da un magnete permanente) COMPORTAMENTO MAGNETICO DEI MATERIALI a) nel vuoto B = μ0 H μ0 = 4 π 10-7 H/m b) nei materiali (Inserendo un materiale all interno di un campo magnetico generato da un magnete permanente) Il materiale

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

Lezione 18. Magnetismo WWW.SLIDETUBE.IT

Lezione 18. Magnetismo WWW.SLIDETUBE.IT Lezione 18 Magnetismo Cenni di magnetismo Già a Talete (600 a.c.) era noto che la magnetitite ed alcune altre pietre naturali (minerali di ferro, trovati a Magnesia in Asia Minore) avevano la proprietà

Dettagli

Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica

Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica Il rifasamento degli impianti elettrici viene realizzato quando il fattore di potenza raggiunge un valore tale da introdurre svantaggi

Dettagli

Induzione elettromagnetica

Induzione elettromagnetica Induzione elettromagnetica 1. Induzione elettromagnetica 2. Esperienze di Faraday 3. Legge di Faraday Neumann Lenz Induzione elettromagnetica (1) La rivoluzione determinata dall'utilizzo dell'energia elettrica

Dettagli

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Ø Prof. Attilio Santocchia Ø Ufficio presso il Dipartimento di Fisica (Quinto Piano) Tel. 075-585 2708 Ø E-mail: attilio.santocchia@pg.infn.it Ø Web: http://www.fisica.unipg.it/~attilio.santocchia

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

1. La corrente elettrica

1. La corrente elettrica . Elettrodinamica. La corrente elettrica Finora abbiamo studiato situazioni in cui le cariche elettriche erano ferme. Nell elettrodinamica si studia il moto delle cariche elettriche. Una corrente elettrica

Dettagli

Le centrali idroelettriche

Le centrali idroelettriche Le centrali idroelettriche 1 Una centrale idroelettrica può definirsi una macchina in grado di trasformare l'energia potenziale dell'acqua, legata al fatto che l'acqua si trova ad un livello superiore

Dettagli

Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica

Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica Aniello (Daniele) Mennella Dipartimento di Fisica Secondo modulo Parte prima (fondamenti di elettromagnetismo) Lezione 3 Campi magnetici e forza

Dettagli

Generatore di forza elettromotrice f.e.m.

Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Generatore di forza elettromotrice f.e.m. Un dispositivo che mantiene una differenza di potenziale tra una coppia di terminali batterie generatori elettrici celle solari termopile celle a combustibile

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com 1 INTRODUZIONE La Norma CEI 64-8/6 tratta delle verifiche per gli impianti elettrici in BT. Le prove eseguibili sono in ordine sequenziale dirette a verificare e/o misurare: continuità dei conduttori di

Dettagli

20) Ricalcolare la resistenza ad una temperatura di 70 C.

20) Ricalcolare la resistenza ad una temperatura di 70 C. ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO G.P. CHIRONI NUORO Anno Sc. 2010/2011 Docente: Fadda Andrea Antonio RACCOLTA DI TEST ED ESERCIZI CLASSE 3^ 1) Quali particelle compongono un atomo? A) elettroni, protoni, neutroni

Dettagli

GARA NAZIONALE OPERATORI ELETTRICI Prova teorica di Elettrotecnica ed Applicazioni

GARA NAZIONALE OPERATORI ELETTRICI Prova teorica di Elettrotecnica ed Applicazioni ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO PIER ANGELO FIOCCHI Via Belfiore n.4-23900 LECCO - Tel. 0341-363310 - Fax.0341-286545 Sito web: www.istitutofiocchi.it E-mail: segreteriafiocchi@genie.it

Dettagli

INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI

INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI INDICE BOBINATRICI BOBINATRICE MATASSATRICE MANUALE COLONNA PORTAROCCHE CON TENDIFILO BOBINATRICE PER MOTORI E TRASFORMATORI DL 1010B DL 1010D DL 1012Z KIT PER TRASFORMATORI E MOTORI KIT PER IL MONTAGGIO

Dettagli

Introduzione. La scatola contiene alcuni materiali e un DVD. I contenuti del DVD sono: - un manuale e una animazione dedicati agli edifici

Introduzione. La scatola contiene alcuni materiali e un DVD. I contenuti del DVD sono: - un manuale e una animazione dedicati agli edifici IUSES Toolkit Introduzione Il kit nasce quale supporto per la realizzazione di esperimenti sull efficienza energetica, il risparmio energetico e l uso delle energie rinnovabili. È dedicato principalmente

Dettagli

Architettura del Dimostratore Tecnologico di Base (DTB)

Architettura del Dimostratore Tecnologico di Base (DTB) Architettura del Dimostratore Tecnologico di Base (DTB) Sommario Architettura del Dimostratore Tecnologico di Base (DTB)...1 Sommario...2 Termini, definizioni ed abbreviazioni...2 1 Introduzione...3 2

Dettagli

Negli impianti elettrici sono impiegati tanti tipi di relè, il cui principio di funzionamento è lo stesso: l effetto elettrocalamita.

Negli impianti elettrici sono impiegati tanti tipi di relè, il cui principio di funzionamento è lo stesso: l effetto elettrocalamita. Appunti dalle lezioni di STA Modulo impianti civili e industriali Lezione 2 Per quanto riguarda ulteriori approfondimenti sugli schemi di montaggio e funzionali, per impianti civili, vedasi file schemario.pdf

Dettagli

Definizione di mutua induzione

Definizione di mutua induzione Mutua induzione Definizione di mutua induzione Una induttanza produce un campo magnetico proporzionale alla corrente che vi scorre. Se le linee di forza di questo campo magnetico intersecano una seconda

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica La corrente elettrica è un movimento di cariche elettriche che hanno tutte lo stesso segno e si muovono nello stesso verso. Si ha corrente quando: 1. Ci sono cariche elettriche; 2.

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

1 di 3 07/06/2010 14.04

1 di 3 07/06/2010 14.04 Principi 1 http://digilander.libero.it/emmepi347/la%20pagina%20di%20elettronic... 1 di 3 07/06/2010 14.04 Community emmepi347 Profilo Blog Video Sito Foto Amici Esplora L'atomo Ogni materiale conosciuto

Dettagli

Il motorino d avviamento è composto. Come controllare il motorino d avviamento. In collaborazione con TUTTI I SEGRETI PER VERIFICARE

Il motorino d avviamento è composto. Come controllare il motorino d avviamento. In collaborazione con TUTTI I SEGRETI PER VERIFICARE APPROFONDIMENTO In collaborazione con 182 NM TUTTI I SEGRETI PER VERIFICARE INDOTTO E SPAZZOLE. COME TESTARE IL DISPOSITIVO PRIMA DI SMONTARLO. ECCO QUALCHE SUGGERIMENTO PRATICO PER RICONOSCERE LE CARATTERISTICHE

Dettagli