INDAGINI SU ALCUNI ASPETTI PRODUTTIVI E IGIENICO-SANITARI DELL ALLEVAMENTO DELLA GALLINA OVAIOLA ALLEVATA A TERRA E IN BATTERIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDAGINI SU ALCUNI ASPETTI PRODUTTIVI E IGIENICO-SANITARI DELL ALLEVAMENTO DELLA GALLINA OVAIOLA ALLEVATA A TERRA E IN BATTERIA"

Transcript

1 Large Animals Review, Anno 10, n. 1, Febbraio INDAGINI SU ALCUNI ASPETTI PRODUTTIVI E IGIENICO-SANITARI DELL ALLEVAMENTO DELLA GALLINA OVAIOLA ALLEVATA A TERRA E IN BATTERIA P. CASAGRANDE PROIETTI, F. PASSAMONTI, G. ASDRUBALI Dipartimento di Scienze Biopatologiche Veterinarie-Sezione di Patologia e Igiene Veterinaria Facoltà di Medicina Veterinaria dell Università degli Studi di Perugia, Via S. Costanzo, n. 4 Riassunto Nel presente lavoro sono state condotte valutazioni su alcuni aspetti produttivi ed igienico-sanitari dell allevamento della gallina allevata a terra e in batteria. Sono state eseguite indagini microbiologiche sulle uova prelevate dai nastri dei capannoni in batteria e su uova raccolte dai nidi dei capannoni a terra e biologici; per ogni campione è stata determinata la carica microbica totale ed effettuata la ricerca di coliformi,, In riferimento ai dati sulla produttività, dall analisi statistica è stato possibile evidenziare differenze significative, nelle tre tipologie di allevamento, per il numero di uova prodotte per gallina e per il consumo di mangime per uovo; infatti le ovaiole in batteria producono più uova e consumano meno mangime rispetto a quelle allevate a terra e biologiche la cui produzione di uova e consumo di mangime è sovrapponibile. Dai risultati relativi alle indagini microbiologiche è stato possibile evincere che non esiste differenza sostanziale tra le uova prelevate dai nastri della batteria e le uova degli allevamenti a terra e biologici, come già evidenziato in uno studio precedente. Summary The present paper deals several sanitary aspects and the productive performance related to conventionally, organically and housed-floor hens. Microbiological controls were carried out on eggs collected from the cages and from the floor and organic farm; the total aerobic count, coliforms,, Salmonella ssp., were evaluated for each sample. With the respect to the productive performance, statystical analysis showed significant differences in egg production per hen and in feed consumption among the different housing systems; the laying hens reared in cages produced more eggs and consumed less feed than the floor-housed hens and organic hens. Microbiological results showed that the eggs from the hens reared in cages did not show any microbiological differences in comparison to eggs coming from the floor-housed hens and the organic hens. INTRODUZIONE In Italia, attualmente, le ovaiole sono quasi esclusivamente allevate in batteria (92%), producendo circa 12 miliardi di uova all anno, anche se gli allevamenti alternativi a terra e biologici si stanno lentamente espandendo. L Unione Europea infatti ha emanato la direttiva 74/99 che proibisce, a partire dal 2012, il sistema di allevamento in batteria (a meno che si tratti di gabbie provviste di nido, lettiera e posatoio). Come è noto, affinché il processo avvenga con la necessaria gradualità, a partire dal 2002 non è stata più consentita l installazione delle attuali gabbie di batteria nei nuovi allevamenti, mentre, dall anno in corso, in quelli esistenti, le galline ovaiole devono essere ospitate in spazi più grandi: 550 centimetri quadrati contro i 450 attuali (allevamento in gabbie non modificate). Dal 2012 le galline dovranno essere allevate in gabbie modificate, per cui dovranno disporre almeno di 750 cm 2 di superficie della gabbia per ovaiola, di un nido e di una lettiera che consenta ai volatili di becchettare e razzolare, di posatoi appropriati che offrano almeno 15 cm di spazio per soggetto e di una mangiatoia utilizzabile senza limitazioni, di una lunghezza minima di 12 cm moltiplicata per il numero delle ovaiole nella gabbia. Diventa quindi sempre più auspicabile, qualora le attuali norme non vengano modificate, sviluppare allevamenti alternativi.

2 34 Indagini su alcuni aspetti produttivi e igienico-sanitari dell allevamento della gallina ovaiola allevata a terra e in batteria Tabella 1 Dati relativi alla produttività di galline allevate un batteria Capannone 1 Capannone 4 Capannone 5 Capannone 6 Sett. di prod uova Mangime q.li Cons. uovo gr. 123,92 126,89 129,68 126,77 120,27 133,92 118, ,93 Capi iniziali Capi finali Uova/gallina Mortalità % 3,77 4,09 11,48 5,41 4,34 10,87 6, ,17 Scopo del presente lavoro è stato pertanto quello di mettere a confronto alcuni aspetti sia produttivi che igienico-sanitari dell allevamento in batteria e di quello a terra. MATERIALI E METODI Nella presente ricerca è stata presa in considerazione un azienda che possiede diverse tipologie di allevamento essendo costituita da 5 capannoni in cui le ovaiole sono allevate in batteria e a terra e da 5 capannoni situati in un area distante alcuni chilometri dalla precedente, in cui esse sono allevate secondo il metodo biologico. Dei 5 capannoni che fanno parte del primo gruppo 4 sono in batteria e contengono un numero variabile di galline; in quello a terra le ovaiole sono circa 3000 e vengono allevate al chiuso, mentre i soggetti biologici di eguale entità numerica per pollaio accedono a spazi erbosi di dimensioni rispondenti all attuale normativa. Sono state condotte valutazioni sugli aspetti produttivi delle diverse tipologie di allevamento ed eseguite indagini microbiologiche sulle uova. Le indagini microbiologiche sono state eseguite su uova prelevate dai nastri dei capannoni in batteria e su uova raccolte dai nidi dei capannoni a terra e biologici. A tale scopo sono stati eseguiti un numero significativo di pool costituiti da uova intere (guscio + contenuto), da pool di gusci e da pool di contenuti (albume + tuorlo); per ogni campione è stata determinata la carica microbica totale ed effettuata la ricerca di coliformi,, Salmonella spp. secondo le metodiche convenzionali. Gli stessi esami microbiologici sono stati effettuati anche su uova deposte a terra. RISULTATI I dati relativi alla produttività espressi nelle Tabelle 1, 2, 3, sono stati sottoposti ad analisi della varianza mediante procedura GLM del software SAS (2001). È stata inoltre calcolata la media aritmetica della mortalità per ciclo produttivo. Dall analisi statistica è stato possibile evidenziare differenze significative, nelle tre tipologie di allevamento, per il numero di uova prodotte per gallina con P< 0,01 (Tab. 4) e per il consumo di mangime per uovo con P<0,01 (Tab. 5). Per gli altri parametri non esistono differenze significative. La deposizione delle galline in batteria, a terra e biologiche è iniziata generalmente alla 21 a settimana e si è protratta al massimo fino alla 75 a per ogni ciclo. La mortalità è oscillata intorno al 6,13% nelle galline in batteria, al 32,8% in quelle allevate a terra, mentre nelle ovaiole allevate biologicamente si è avuta una mortalità del 19,9%. I risultati degli esami microbiologici delle uova sono riportati nelle Tabelle 6, 7, 8. Dall analisi della Tabella 6 che riporta i dati relativi alle uova prelevate dai capannoni in batteria è possibile evincere che in riferimento alla CMT la maggior parte dei pool di uova intere esaminati rientra nella classe di appartenenza , (UFC/g), i gusci rientrano nella classe , e , e i contenuti (tuorlo + albume) risultano per lo più negativi; i valori dei coliformi per le uova intere sono per lo più compresi nelle classi di appartenenza 0-99 e ,9 10 2, mentre nei gusci e nei contenuti le cariche sono per la maggior parte assenti. I valori relativi a Staphylococcus spp. per le uova intere e per i gusci rientrano nella classe di appartenenza , (UFC/), mentre per i contenuti risultano per lo più negativi. I valori delle uova prelevate dai nidi dei capannoni a terra (Tab. 7) in riferimento alla CMT rientrano per le uova intere la maggior parte nella classe di appartenenza , e ,9 10 3, per i gusci nella classe ,9 10 2, ,9 10 3, mentre nei contenuti la carica è per lo più assen- Tabella 2 Dati relativi alla produttività di galline allevate a terra Capannone 2 Sett.di prod uova Mangime q.li Cons.uovo gr ,10 Capi iniziali Capi finali Uova/gallina Mortalità% 17,1 42,22 39,15

3 Large Animals Review, Anno 10, n. 1, Febbraio Tabella 3 Dati relativi alla produttività di galline allevate secondo il metodo biologico Bio 1 Bio 2 Bio 3 Bio 5 Sett.di prod uova Mangime q.li Cons.uovo gr , Capi iniziali Capi finali Uova/gallina Mortalità% 18 17,9 31,18 14,3 18,6 te; i valori dei coliformi sono compresi per le uova intere nella classe di appartenenza , e i gusci e i contenuti sono per lo più negativi. Relativamente a i valori per le uova intere rientrano, per la maggior parte, nella classe di appartenenza , e ,9 10 3, per il guscio nella classe di appartenenza ,9 10 2, mentre i contenuti sono per lo più negativi. In riferimento alle uova raccolte negli allevamenti biologici (Tab. 8) la CMT per le uova intere rientra per lo più Tabella 4 Analisi della varianza relativa alla produzione di uova per gallina (medie stimate) n. uova/gallina Batt 275,1 ± 4,2 B P< 0,01 Terra 218,8 ± 7,1 A P< 0,01 Bio 229,1 ± 5,1 A P< 0,01 Tabella 5 Analisi della varianza relativa al consumo di mangime per uovo (medie stimate) Mangime/uovo Batt 124,3 ± 1,9 A P< 0,01 Terra 135,7 ± 3,4 B P< 0,01 Bio 135,8 ± 2,6 AB P< 0,01 Tabella 6 Risultati esami batteriologici effettuati sulle uova prelevate dai nastri dei capannoni in batteria TOT. 30 TOT. 50 TOT. 50 Neg , , , , , Neg , , , , , Neg , Neg , Neg , , , Neg , Neg. Neg. Neg CAMPIONI ESAMINATI SOLO PER SALMONELLA: NEGATIVI.

4 36 Indagini su alcuni aspetti produttivi e igienico-sanitari dell allevamento della gallina ovaiola allevata a terra e in batteria Tabella 7 Risultati esami batteriologici effettuati sulle uova prelevate dai nidi dei capannoni a terra TOT. 20 TOT. 24 TOT. 36 Neg , , , , , Neg , , , , , Neg , Neg , , Neg , , Neg , Pos. Neg. Neg. Tabella 8 Risultati esami batteriologici effettuati sulle uova prelevate dai nidi dei capannoni con soggetti biologici TOT. 20 TOT. 54 TOT , , , , , , , Neg , , , , , Neg , Neg. Neg , , , Neg Neg. Neg. Neg nella classe di appartenenza ,9 10 2, per il guscio nella classe di appartenenza ,9 10 3, mentre il contenuto nella maggior parte dei campioni è negativo. I valori dei coliformi risultano per lo più negativi; infine i valori di per le uova intere e per il guscio rientrano nella classe di appartenenza ,9 10 2, per il contenuto risultano per lo più negativi. La presenza di è stata rilevata in un campione di uova prelevato dai nidi dell allevamento a terra. I dati relativi ai risultati degli esami microbiologici sottoposti ad analisi della varianza sono espressi nella Tabella 9. Dall analisi statistica dei dati è stato possibile rilevare differenze significative per CMT sul guscio delle uova biologiche in quanto queste risultano più contaminate sia di quelle in batteria (P<0,001) che di quelle a terra (P<0,05), mentre si rilevano meno coliformi sull uovo intero biologico rispetto a quello prelevato a terra (P<0,001) e in batteria (P<0,001). Infine il contenuto (tuorlo + albume) delle uova biologiche e di quelle in batteria risulta meno contaminato da coliformi rispetto a quello di terra rispettivamente con P< 0,001 e P<0,05.

5 Large Animals Review, Anno 10, n. 1, Febbraio Tabella 9 Analisi della varianza relativa alla CMT, e (medie stimate) CMT guscio Bio> Batt. P<0,001 Bio>Terra P<0,05 uovo intero Bio<Batt. P< 0,001 Bio <Terra P<0,001 tuorlo+albume Bio<Terra P<0,001 Batt.< terra P<0,05 CONSIDERAZIONI E CONCLUSIONI In un precedente lavoro (Casagrande Proietti et al., 2001) sono stati messi a confronto alcuni aspetti dell allevamento della gallina ovaiola a terra e in batteria, in particolare il comportamento e le caratteristiche microbiologiche delle uova. Nella presente ricerca, si sono voluti approfondire, in riferimento ai diversi sistemi di allevamento, alcuni aspetti produttvi, la mortalità, nonché le caratteristiche microbiologiche delle uova su un maggior numero di campioni. Per quanto riguarda i dati relativi alla produzione di uova per gallina e al consumo di mangime per uovo, l analisi della varianza ha dimostrato che le galline in batteria producono in media 275,1 ± 4,2 uova, mentre quelle a terra e biologiche ne producono rispettivamente 218,8 ± 7,1 e 229,1 ± 5,1. La media stimata del consumo di mangime per uovo nelle galline in batteria è di 124,3 ± 1,9 grammi leggermente inferiore rispetto ai 135,7 ± 3,4 e 135,8 ± 2,6 grammi delle galline allevate a terra e biologiche. È possibile quindi affermare che le ovaiole in batteria producono più uova e consumano meno mangime rispetto a quelle allevate a terra e biologiche la cui produzione di uova e consumo di mangime è sovrapponibile. Per quanto riguarda la mortalità, nelle galline biologiche è stata osservata una mortalità del 19,9%, superiore rispetto a quella registrata nei soggetti in batteria (6,13%) e comunque da imputare anche al cannibalismo che in questi sistemi di allevamento si verifica maggiormente. È da sottolineare che nelle galline a terra si è avuta una mortalità del 32,8% che però è, in parte, da attribuire ad un episodio di malattia verificatosi in allevamento. Un altro aspetto da valutare riguarda le caratteristiche microbiologiche delle uova: i risultati, in riferimento alle indagini compiute su un maggior numero di campioni, confermano, in parte, quelli ottenuti nel precedente lavoro (Casagrande Proietti et al, 2001). Non esiste, infatti, differenza sostanziale tra le uova prelevate dai nastri della batteria e le uova degli allevamenti a terra e biologici. Anche questi, infatti, dai nidi vengono convogliati in nastri che poco si differenziano da quelli della batteria. Diverso è il discorso delle uova raccolte dalle lettiere; le galline hanno, infatti, la tendenza a deporre le uova a terra soprattutto all inizio del ciclo produttivo, come anche da noi rilevato. Le cariche microbiche di queste uova sono risultate, come è immaginabile, molto superiori rispetto alle altre. Il problema della deposizione a terra, in ogni caso, può essere parzialmente risolto confinando nel periodo precedente l inizio della ovodeposizione gli animali sui posatoi; ciò ha indotto l abitudine a deporre nei nidi, come dimostrato dal rinvenimento di poche uova sulla lettiera in occasione della raccolta giornaliera. È da notare, inoltre, che è stato effettuato un solo isolamento di nelle uova prelevate dall allevamento a terra. Da ciò si può dedurre che è possibile ottenere standard igienici idonei che si riflettono in modo positivo sulla qualità del prodotto finale anche negli allevamenti alternativi. Concludendo, pur ritenendo fattibile l allevamento a terra e biologico da un punto di vista igienico sanitario, più complesso appare il discorso relativo agli spazi e alle attrezzature. È infatti intuibile come nell allevamento a terra e biologico per allevare lo stesso numero di animali della batteria siano necessari spazi notevolmente più ampi. Ciò probabilmente potrebbe comportare, problemi non solo di gestione, ma anche normativi, in quanto le leggi vigenti riducono la possibilità di costruire nuove strutture zootecniche. Parole chiave Galline ovaiole, aspetti produttivi, indagini microbiologiche. Key words Laying hens, productive performance, microbiological investigations. Bibliografia Casagrande Proietti P., Passamonti F., Asdrubali G., (2001). La gallina ovaiola a terra e in batteria. Rivista di Avicoltura n. 3, Direttiva 74/99 CEE del consiglio del 19 luglio 1999 che stabilisce le norme minime per la protezione delle galline ovaiole. SAS (2001) SAS user s guide: statistics (Ed. Version n. 7). SAS Inst. Inc., Cary, NC.

2 in gabbie modificate cm2 3 in sistemi alternativi - 9 galline/m 2

2 in gabbie modificate cm2 3 in sistemi alternativi - 9 galline/m 2 Avicoltura 12-1 normativa quadro: 98/58 CE, nota anche come Carta dei diritti degli animali Recepita in Italia con il D.L. 146/2001. Regole di base per garantire spazi adeguati alle esigenze fisiologiche

Dettagli

Uova ed ovoprodotti: disposizioni legislative ed aspetti igienico sanitari

Uova ed ovoprodotti: disposizioni legislative ed aspetti igienico sanitari Uova ed ovoprodotti: disposizioni legislative ed aspetti igienico sanitari Non si sa con certezza se sia nato prima l uovo o la gallina TUTTAVIA Sappiamo con assoluta certezza che le uova sono prodotte

Dettagli

KNOW-HOW MULTIDECENNALE

KNOW-HOW MULTIDECENNALE KNOW-HOW MULTIDECENNALE Ogni uovo Giovì nasce dall unione di due eccellenze: l azienda Grigi, con la sua esperienza alimentare in campo animale, e la Fattoria Casetta Rossa, situata sulle montagne del

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Protocollo n. 17702 del 2 ottobre 2010 Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEL

Dettagli

Ferrara 7 giugno 2012 Marcello Tordi AUSL Forlì. benessere della gallina ovaiola: controllo ufficiale oltre il D.Lgs. 267/2003

Ferrara 7 giugno 2012 Marcello Tordi AUSL Forlì. benessere della gallina ovaiola: controllo ufficiale oltre il D.Lgs. 267/2003 Ferrara 7 giugno 2012 Marcello Tordi AUSL Forlì benessere della gallina ovaiola: controllo ufficiale oltre il D.Lgs. 267/2003 la base normativa D.Lgs. 146/2001 attuazione della direttiva 98/58/CE relativa

Dettagli

Art. 8. ( Disposizioni finali) 1. In relazione a quanto disposto dall'articolo 117, quinto comma, della Costituzione il presente decreto legislativo

Art. 8. ( Disposizioni finali) 1. In relazione a quanto disposto dall'articolo 117, quinto comma, della Costituzione il presente decreto legislativo D.L.vo 29 luglio 2003, n.267 Attuazione delle direttive 1999/74/CE e 2002/4/CE, per la protezione delle galline ovaiole e la registrazione dei relativi stabilimenti di allevamento. (Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Facoltà di Medicina Veterinaria Università degli Studi di Perugia

Facoltà di Medicina Veterinaria Università degli Studi di Perugia Facoltà di Medicina Veterinaria Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Scienze Biopatologiche e Igiene delle Produzioni Animali ed Alimentari Mangimi integrati con olio essenziale di origano

Dettagli

Prime strategie e metodologie di applicazione del Reg. (CE) 2073/ continuità o discontinuità con il sistema di autocontrollo HACCP?

Prime strategie e metodologie di applicazione del Reg. (CE) 2073/ continuità o discontinuità con il sistema di autocontrollo HACCP? Mercoledi 19 Settermbre 2007 Prime strategie e metodologie di applicazione del Reg. (CE) 2073/2005 - continuità o discontinuità con il sistema di autocontrollo HACCP? Dott. Ivano Panini INTRODUZIONE Studio

Dettagli

3.13 MANIPOLATI MISTI CRUDI DA CUOCERE (PIETANZE, CONTORNI CON PIU' INGREDIENTI DI ORIGINE ANIMALE E VEGETALE)

3.13 MANIPOLATI MISTI CRUDI DA CUOCERE (PIETANZE, CONTORNI CON PIU' INGREDIENTI DI ORIGINE ANIMALE E VEGETALE) 3.13 MANIPOLATI MISTI CRUDI DA CUOCERE (PIETANZE, CONTORNI CON PIU' INGREDIENTI DI ORIGINE ANIMALE E VEGETALE) Esaminati 147 campioni. Tab.35: Standard di riferimento per manipolati misti crudi da cuocere

Dettagli

ALLEGATOA1 alla Dgr n del 03 luglio 2012 pag. 1/5

ALLEGATOA1 alla Dgr n del 03 luglio 2012 pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA1 alla Dgr n. 1299 del 03 luglio 2012 pag. 1/5 CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DELLA POTENZIALITA MASSIMA DELL ALLEVAMENTO GALLINE OVAIOLE Le norme minime da rispettare

Dettagli

Apartire da gennaio 2012, secondo la

Apartire da gennaio 2012, secondo la ATTREZZATURE, ALLEVAMENTO E AMBIENTE L impatto ambientale di un allevamento di galline ovaiole in un sistema alternativo alle gabbie: l aviario Il CRPA ha condotto, nell ambito di un progetto della Regione

Dettagli

Controllo delle malattie diffusive: attività dei Servizi Veterinari

Controllo delle malattie diffusive: attività dei Servizi Veterinari Controllo delle malattie diffusive: attività dei Servizi Veterinari Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie 25 gennaio 2013 Roberto Mattioli Il diritto alla salute e il servizio pubblico sanitario

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 1999L0074 IT 01.01.2014 002.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B DIRETTIVA 1999/74/CE DEL CONSIGLIO del 19 luglio 1999 che

Dettagli

T B A. Tutela e Benessere Animale. A.A Corso integrato Strutture ed impianti per animali e allevamento. Dott. Alfredo Di Domenicantonio

T B A. Tutela e Benessere Animale. A.A Corso integrato Strutture ed impianti per animali e allevamento. Dott. Alfredo Di Domenicantonio Corso di Laurea in Tutela e Benessere Animale T B A A.A. 2015-2016 Corso integrato Strutture ed impianti per animali e allevamento Dott. Alfredo Di Domenicantonio Benessere Galline Ovaiole introduzione

Dettagli

2012: mettiamo al bando le gabbie di batteria per le Galline ovaiole

2012: mettiamo al bando le gabbie di batteria per le Galline ovaiole L allevamento delle galline ovaiole. 40 milioni ancora prigioniere nelle gabbie di batteria Dossier LAV PREMESSA Ogni anno sul territorio dell Unione Europea vengono allevate oltre 400 milioni di galline

Dettagli

3.7 PASTE ALL UOVO FARCITE ARTIGIANALI FRESCHE NON CONFEZIONATE

3.7 PASTE ALL UOVO FARCITE ARTIGIANALI FRESCHE NON CONFEZIONATE 3.7 PASTE ALL UOVO FARCITE ARTIGIANALI FRESCHE NON CONFEZIONATE Esaminati 428 campioni. Tab.21: Standard di riferimento per paste farcite artigianali fresche confezionate (Circolare del Ministero della

Dettagli

Decreto Legislativo 29 luglio 2003, n. 267

Decreto Legislativo 29 luglio 2003, n. 267 Decreto Legislativo 29 luglio 2003, n. 267 "Attuazione delle direttive 1999/74/CE e 2002/4/CE, per la protezione delle galline ovaiole e la registrazione dei relativi stabilimenti di allevamento" pubblicato

Dettagli

Dipartimento di Scienze Medico Veterinarie

Dipartimento di Scienze Medico Veterinarie Dipartimento di Scienze Medico Veterinarie Parma, 20/10/2014 Chiar.mo Sig. Pietro Giovanni Azzolini VERDI SPA Via A. Volta, 7/1 42024 Castelnuovo di Sotto (RE) Oggetto: Relazione sull attività svolta nell

Dettagli

Statistica. Alfonso Iodice D Enza

Statistica. Alfonso Iodice D Enza Statistica Alfonso Iodice D Enza iodicede@gmail.com Università degli studi di Cassino () Statistica 1 / 9 Outline () Statistica 2 / 9 Connessione in media Si consideri una variabile Y quantitativa ed una

Dettagli

Obiettivi di uno studio epidemiologico

Obiettivi di uno studio epidemiologico Lezione 2 Obiettivi di uno studio epidemiologico OBIETTIVO: - acquisire informazioni sugli obiettivi di base della epidemiologia; - differenziare l'epidemiologia descrittiva (osservazionale) da quella

Dettagli

Competenze e responsabilità

Competenze e responsabilità Ministero della Salute Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari NORME NAZIONALI NORME NAZIONALI La protezione rappresenta una priorità sancita da leggi nazionali e internazionali.

Dettagli

Vista la direttiva 1999/74/CE del Consiglio, del 19 luglio 1999, che stabilisce le norme minime per la protezione delle galline ovaiole;

Vista la direttiva 1999/74/CE del Consiglio, del 19 luglio 1999, che stabilisce le norme minime per la protezione delle galline ovaiole; DECRETO LEGISLATIVO 29 luglio 2003, n. 267. Attuazione delle direttive 1999/74/CE e 2002/4/CE, per la protezione delle galline ovaiole e la registrazione dei relativi stabilimenti di allevamento. (g.u.

Dettagli

ALLEGATO II DECISIONE 2008/185/CE E FUTURA ACQUISIZIONE DI QUALIFICA DI TERRITORIO UFFICIALMENTE INDENNE Verona, 27/04/2017

ALLEGATO II DECISIONE 2008/185/CE E FUTURA ACQUISIZIONE DI QUALIFICA DI TERRITORIO UFFICIALMENTE INDENNE Verona, 27/04/2017 ALLEGATO II DECISIONE 2008/185/CE E FUTURA ACQUISIZIONE DI QUALIFICA DI TERRITORIO UFFICIALMENTE INDENNE Verona, 27/04/2017 Il Veneto è inserito nell elenco delle regioni in cui si applicano programmi

Dettagli

Indagini sierologiche per la ricerca di anticorpi verso Brucella suis e Yersinia enterocolitica in suini al macello

Indagini sierologiche per la ricerca di anticorpi verso Brucella suis e Yersinia enterocolitica in suini al macello I risultati della ricerca corrente condotta dall Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Molise "G. Caporale Anno 2013 Teramo, 6 Giugno 2014 Indagini sierologiche per la ricerca di anticorpi

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEL FARMACO

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 1086/2011 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 1086/2011 DELLA COMMISSIONE 28.10.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 281/7 REGOLAMENTO (UE) N. 1086/2011 DELLA COMMISSIONE del 27 ottobre 2011 che modifica l allegato II del regolamento (CE) n. 2160/2003 del Parlamento

Dettagli

Piano Regionale per il monitoraggio permanente dell'influenza aviare. Risultati dei controlli anno 2007

Piano Regionale per il monitoraggio permanente dell'influenza aviare. Risultati dei controlli anno 2007 Piano Regionale per il monitoraggio permanente dell'influenza aviare. Risultati dei controlli anno 2007 La presenza e la circolazione naturale nei volatili selvatici, in particolar modo negli anatidi,

Dettagli

Direttiva 1999/74/CE del Consiglio del 19 luglio 1999 che stabilisce le norme minime per la protezione delle galline ovaiole

Direttiva 1999/74/CE del Consiglio del 19 luglio 1999 che stabilisce le norme minime per la protezione delle galline ovaiole Direttiva 1999/74/CE del Consiglio del 19 luglio 1999 che stabilisce le norme minime per la protezione delle galline ovaiole Gazzetta ufficiale n. L 203 del 03/08/1999 PAG. 0053-0057 IL CONSIGLIO DELL'UNIONE

Dettagli

Uova contaminate da Fipronil anche in Italia. Primi esiti dei controlli dei Carabinieri dei NAS

Uova contaminate da Fipronil anche in Italia. Primi esiti dei controlli dei Carabinieri dei NAS Uova contaminate da Fipronil anche in Italia. Primi esiti dei controlli dei Carabinieri dei NAS ROMA Le attività di controllo svolte dai Carabinieri dei NAS, attualmente in piena fase esecutiva sul territorio

Dettagli

CARNE, PESCI E UOVA. Copyright 2015 Clitt Questo file è una estensione online del corso Rodato, Alimentazione Oggi. unità

CARNE, PESCI E UOVA. Copyright 2015 Clitt Questo file è una estensione online del corso Rodato, Alimentazione Oggi. unità CARNE, PESCI E UOVA unità Carne, prodotti ittici, uova e legumi secchi appartengono al 4 Gruppo (INRAN- MiPAF). Presentano la caratteristica di apportare una quantità significativa di proteine ad alto

Dettagli

BENESSERE ANIMALE nel Veneto

BENESSERE ANIMALE nel Veneto Riunione con i Referenti delle Aziende ULSS BENESSERE ANIMALE nel Veneto durante il trasporto al macello in allevamento Venezia, 9 marzo 5 In ALLEVAMENTO: NORMA ORIZZONTALE D.Lgs. 46/ Attuazione della

Dettagli

L etichetta: un prezioso alleato

L etichetta: un prezioso alleato L etichetta: un prezioso alleato L uovo, dal 1 gennaio 2004, riporta un codice direttamente sul proprio guscio: una vera e propria carta d identità che, raccontando tutte le tappe della sua vita, tutela

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1237/2007 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1237/2007 DELLA COMMISSIONE 24.10.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 280/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1237/2007 DELLA COMMISSIONE del 23 ottobre 2007 che modifica il regolamento (CE) n. 2160/2003 del Parlamento europeo e del

Dettagli

setsse setsse Il benessere delle galline ovaiole Dott. Mirco Piancastelli SELEZIONE GENETICA PREVENZIONE DELLE MALATTIE

setsse setsse Il benessere delle galline ovaiole Dott. Mirco Piancastelli SELEZIONE GENETICA PREVENZIONE DELLE MALATTIE SELEZIONE GENETICA PREVENZIONE DELLE MALATTIE BENESSERE EFFICIENZA PRODUTTIVA MANAGEMENT NUTRIZIONE Riporta il Farm Animal Welfare Council (1992): 1) libertà dalla fame e dalla sete 2) libertà dal disagio

Dettagli

L esperienza dell applicazione del D.Lvo 7 luglio 2011 n 122. Sicura Modena Dr. P. Corradi AUSL di Reggio Emilia

L esperienza dell applicazione del D.Lvo 7 luglio 2011 n 122. Sicura Modena Dr. P. Corradi AUSL di Reggio Emilia L esperienza dell applicazione del D.Lvo 7 luglio 2011 n 122 Sicura Modena Dr. P. Corradi AUSL di Reggio Emilia Premessa D.Lgs 7 luglio 2011 n 122 Attuazione della direttiva 2008/120/CE che stabilisce

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1168/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1168/2006 DELLA COMMISSIONE L 211/4 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.8.2006 REGOLAMENTO (CE) N. 1168/2006 DELLA COMMISSIONE del 31 luglio 2006 che applica il regolamento (CE) n. 2160/2003 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

Riconoscimento di idoneità all'esercizio dell'attività di produzione dei prodotti d'uovo alla ditta Mediterranea Mangimi S.p.A., con sede in Modica.

Riconoscimento di idoneità all'esercizio dell'attività di produzione dei prodotti d'uovo alla ditta Mediterranea Mangimi S.p.A., con sede in Modica. L Azienda Avicola Mediterranea AVI.MED. Srl nasce dall' esigenza di commercializzare le uova prodotte dalle circa 600.000 galline delle aziende consociate (Avicola Siciliana srl, Zooavicola Giannone s.n.c.,

Dettagli

Problemi nell applicazione della normativa nel settore avicolo

Problemi nell applicazione della normativa nel settore avicolo Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali della Regione Emilia Romagna U16 Problemi nell applicazione della normativa nel settore avicolo 7 giugno 2012 IZS Ferrara Giuseppe Diegoli Servizio Veterinario

Dettagli

Piani di sorveglianza nella filiera avicola e revisione dell anagrafe zootecnica. Anna Duranti Centro Epidemiologico Regionale Veterinario

Piani di sorveglianza nella filiera avicola e revisione dell anagrafe zootecnica. Anna Duranti Centro Epidemiologico Regionale Veterinario Piani di sorveglianza nella filiera avicola e revisione dell anagrafe zootecnica Anna Duranti Centro Epidemiologico Regionale Veterinario P.F. Veterinaria e Sicurezza alimentare Servizio Salute Regione

Dettagli

UTILIZZO DI FITODERIVATI PER IL CONTENIMENTO DELLE PARASSITOSI DEGLI OVINI

UTILIZZO DI FITODERIVATI PER IL CONTENIMENTO DELLE PARASSITOSI DEGLI OVINI Progetto interregionale E.Qu.I.Zoo.Bio UTILIZZO DI FITODERIVATI PER IL CONTENIMENTO DELLE PARASSITOSI DEGLI OVINI Giuliano Palocci CRA - PCM Monterotondo (RM) Macomer, 19 novembre 2008 Introduzione La

Dettagli

Az. Agr. MADONNA DEL PIANO di Salvatori Ezio

Az. Agr. MADONNA DEL PIANO di Salvatori Ezio SCHEDA A denominazione IDENTIFICAZIONE DELL IMPIANTO Az. Agr. MADONNA DEL PIANO di Salvatori Ezio 6.6(a) 110 01.2 01.24 codice IPPC codice NOSE-P codice NACE codice ISTAT classificazione IPPC Impianti

Dettagli

PREZZI DEI PRODOTTI AGRICOLI

PREZZI DEI PRODOTTI AGRICOLI 4 marzo 2016 IV trimestre 2015 PREZZI DEI PRODOTTI AGRICOLI Dati definitivi Nel quarto trimestre 2015, l'indice dei prezzi dei prodotti acquistati dagli agricoltori diminuisce dello 0,1% rispetto al trimestre

Dettagli

Il regolamento europeo prevede alcune regole principali per la coltivazione dei prodotti biologici:

Il regolamento europeo prevede alcune regole principali per la coltivazione dei prodotti biologici: La normativa [ ] L A NORMAT I VA L N LA LEGGE CHE REGOLA IL SETTORE Il diffondersi dell agricoltura biologica e l incremento dei consumi di prodotti biologici ha fatto sì che anche le Istituzioni europee

Dettagli

PACCHETTI DI ASSISTENZA TECNICA E PRESTAZIONI DI LABORATORIO PER GLI ALLEVAMENTI OVINI DA LATTE

PACCHETTI DI ASSISTENZA TECNICA E PRESTAZIONI DI LABORATORIO PER GLI ALLEVAMENTI OVINI DA LATTE PACCHETTI DI ASSISTENZA TECNICA E PRESTAZIONI DI LABORATORIO PER GLI ALLEVAMENTI OVINI DA LATTE Prestazioni: PACCHETTO (A) 2 campioni di latte di massa al mese per la determinazione di CBT 93,00 1 controllo

Dettagli

PRISA 2012: PROGRAMMAZIONE BENESSERE ANIMALE. Galline ovaiole (D.Lgs , n. 267: attuazione delle Direttive 1999/74/CE e 2002/4/CE)

PRISA 2012: PROGRAMMAZIONE BENESSERE ANIMALE. Galline ovaiole (D.Lgs , n. 267: attuazione delle Direttive 1999/74/CE e 2002/4/CE) PRISA 2012: PROGRAMMAZIONE BENESSERE ANIMALE Riferimenti normativi Galline ovaiole (D.Lgs. 29.07.2003, n. 267: attuazione delle Direttive 1999/74/CE e 2002/4/CE) La normativa vigente (art. 3 D.Lgs 267/03)

Dettagli

Criteri microbiologici nella Ristorazione collettiva: esperienze degli Istituti Zooprofilattici. Dott. Carlo Ercolini IZSPLV, Sezione di La Spezia

Criteri microbiologici nella Ristorazione collettiva: esperienze degli Istituti Zooprofilattici. Dott. Carlo Ercolini IZSPLV, Sezione di La Spezia Criteri microbiologici nella Ristorazione collettiva: esperienze degli Istituti Zooprofilattici Dott. Carlo Ercolini IZSPLV, Sezione di La Spezia La sicurezza igienico - sanitaria di un alimento si ottiene

Dettagli

Stefano Messori Laboratorio Relazione Uomo-Animale e Benessere Animale. Luigi Iannetti Reparto Igiene delle Tecnologie Alimentari

Stefano Messori Laboratorio Relazione Uomo-Animale e Benessere Animale. Luigi Iannetti Reparto Igiene delle Tecnologie Alimentari Effetto dello stress in allevamento e premacellazione sulla contaminazione microbiologica delle carni di pollame (progetto GR-2011-02349917): risultati preliminari Stefano Messori Laboratorio Relazione

Dettagli

L alto prezzo del pollo economico

L alto prezzo del pollo economico L alto prezzo del pollo economico Prof. Alessandro FIORETTI Dip. Medicina Veterinaria e Produzione Animale Università degli Studi di Napoli Federico II 48 milioni di persone si ammalano ogni anno mangiando

Dettagli

CORSO DI STATISTICA (parte 1) - ESERCITAZIONE 3

CORSO DI STATISTICA (parte 1) - ESERCITAZIONE 3 CORSO DI STATISTICA (parte 1) - ESERCITAZIONE 3 Dott.ssa Antonella Costanzo a.costanzo@unicas.it Esercizio 1. Sintesi a cinque e misure di variabilità rispetto ad un centro Una catena di fast-food ha selezionato

Dettagli

Monitoraggio dei residui di medicinali veterinari e di altre sostanze negli animali vivi e nei prodotti animali in Unione Europea Risultati anno 2014

Monitoraggio dei residui di medicinali veterinari e di altre sostanze negli animali vivi e nei prodotti animali in Unione Europea Risultati anno 2014 Monitoraggio dei residui di medicinali veterinari e di altre sostanze negli animali vivi e nei prodotti animali in Unione Europea Risultati anno 2014 1 A cura di Silvia Marro, Bartolomeo Griglio Introduzione

Dettagli

Gli aspetti del bilancio azotato e del bilancio lipidico nell'uovo, rispettivamente nei broiler e nelle ovaiole, trattati con tannino di castagno

Gli aspetti del bilancio azotato e del bilancio lipidico nell'uovo, rispettivamente nei broiler e nelle ovaiole, trattati con tannino di castagno Gli aspetti del bilancio azotato e del bilancio lipidico nell'uovo, rispettivamente nei broiler e nelle ovaiole, trattati con tannino di castagno Dipartimento di Scienze Veterinarie, Università di Pisa

Dettagli

DIRETTORI DIPARTIMENTI DI SANITA' PUBBLICA AZIENDE USL REGIONE EMILIA ROMAGNA

DIRETTORI DIPARTIMENTI DI SANITA' PUBBLICA AZIENDE USL REGIONE EMILIA ROMAGNA DIREZIONE GENERALE SANITÀ E POLITICHE SOCIALI SERVIZIO VETERINARIO E IGIENE DEGLI ALIMENTI IL RESPONSABILE GABRIELE SQUINTANI TIPO ANNO NUMERO REG. PG 2013 136926 DEL 05/06/2013 DIRETTORI DIPARTIMENTI

Dettagli

L allevamento in bosco della Cinta Senese: effetto sulla qualità dei prodotti

L allevamento in bosco della Cinta Senese: effetto sulla qualità dei prodotti L allevamento in bosco della Cinta Senese: effetto sulla qualità dei prodotti Categories : Anno 2011, N. 126-15 giugno 2011 di Carolina Pugliese Figura 1 Suini Cinta Senese al pascolo La Cinta Senese è

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Informatica ed Elementi di Statistica 3 c.f.u. Anno Accademico 2010/2011 Docente: ing. Salvatore Sorce Elementi di Statistica Statistica

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute ALLEGATO 2 Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI REGIONE.. ASL EXTRAPIANO SI NO PROTEZIONE DEGLI ANIMALI NEGLI ALLEVAMENTI - DATI ANNUALI GALLINE OVAIOLE

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della Sanità Animale e dei Farmaci Veterinari, Ufficio II La nuova anagrafe degli avicoli in attuazione del DM 13.11.2013 Principali novità rispetto al precedente

Dettagli

Il controllo del latte

Il controllo del latte Il controllo del latte diagnosi di patologie mammarie controlli funzionali controlli tecnologici controlli qualitativi (pagamento qualità) controlli di legge 1 Analisi Inibenti Carica batterica Grasso,

Dettagli

T B A. Tutela e Benessere Animale. A.A Corso integrato Strutture ed impianti per animali e allevamento. Dott. Alfredo Di Domenicantonio

T B A. Tutela e Benessere Animale. A.A Corso integrato Strutture ed impianti per animali e allevamento. Dott. Alfredo Di Domenicantonio Corso di Laurea in Tutela e Benessere Animale T B A A.A. 2015-2016 Corso integrato Strutture ed impianti per animali e allevamento Dott. Alfredo Di Domenicantonio Segue da presentazione 2_A_2016 8. Mangimi,

Dettagli

ALLEVAMENTO OVICAPRINO CON METODO BIOLOGICO. Giovanna Nicastro Direzione Generale Agricoltura Regione Lombardia

ALLEVAMENTO OVICAPRINO CON METODO BIOLOGICO. Giovanna Nicastro Direzione Generale Agricoltura Regione Lombardia ALLEVAMENTO OVICAPRINO CON METODO BIOLOGICO Giovanna Nicastro Direzione Generale Agricoltura Regione Lombardia 12 novembre 2014 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Reg. (CE) n 834/2007 del Consiglio Reg 889/2008

Dettagli

CNR- ISPA - Sezione di Milano

CNR- ISPA - Sezione di Milano CNR- ISPA - Sezione di Milano Milena Brasca Roberta Lodi CNR Centro Studi Latte-Milano Lodi, 0 Febbraio 2007 Monitoraggio del quadro igienico-sanitario degli allevamenti lombardi e del latte crudo venduto

Dettagli

Scheda Partite Animali - Anno 2009

Scheda Partite Animali - Anno 2009 Scheda Partite Animali - Anno 29 Partita IVA: 21724145 Partita: 8/2 - (GAL) GALLINE OVAIOLE Capannone: AGRICOLA 3 1/1/9 6/6/8 INV INVENTARIO PARI A GIACENZE INIZIALI 53398 1/1/9 MOF MORTALITA' FISIOLOGICA

Dettagli

Andamento dei costi di produzione del latte bovino in Veneto nel 2014

Andamento dei costi di produzione del latte bovino in Veneto nel 2014 Sommario Andamento dei costi di produzione del latte bovino in Veneto nel 2014... 3 Metodologia di calcolo... 3 1. I costi medi di produzione nel 1 trimestre 2014... 4 2. I costi medi di produzione nel

Dettagli

Piano di sorveglianza della West Nile Disease - Regione Marche - Anno 2010

Piano di sorveglianza della West Nile Disease - Regione Marche - Anno 2010 C ERV Piano di sorveglianza della West Nile Disease - Regione Marche - Anno 2010 Documento elaborato dal Centro Epidemiologico Regionale Veterinario. Riferimenti normativi: DECRETO DIRIGENZIALE del 15

Dettagli

Statistica. Alfonso Iodice D Enza

Statistica. Alfonso Iodice D Enza Statistica Alfonso Iodice D Enza iodicede@unina.it Università degli studi di Cassino () Statistica 1 / 24 Outline 1 () Statistica 2 / 24 Outline 1 2 () Statistica 2 / 24 Outline 1 2 3 () Statistica 2 /

Dettagli

Comfort e produttività delle galline ovaiole

Comfort e produttività delle galline ovaiole Comfort e produttività delle galline ovaiole VALENTINA FERRANTE Istituto di Zootecnica - Facoltà di Medicina Veterinaria, Università di Milano L allevamento delle galline ovaiole in batteria è stato oggetto

Dettagli

VALUTAZIONE DEL POTERE BATTERICIDA (SANIFICANTE 10)

VALUTAZIONE DEL POTERE BATTERICIDA (SANIFICANTE 10) VALUTAZIONE DEL POTERE BATTERICIDA (SANIFICANTE 10) 1. SCOPO Testare le capacità battericida del SANIFICANTE 10, detergente igienizzante a base di sali quaternari di ammonio, nelle condizioni di sporco

Dettagli

ANALISI MICROBIOLOGICA DELLE ACQUE: CONFRONTO TRA IL METODO UNI/EN/ISO DEL 2014 E I METODI APAT-CNR-IRSA 7010C E 7030C DEL 2003.

ANALISI MICROBIOLOGICA DELLE ACQUE: CONFRONTO TRA IL METODO UNI/EN/ISO DEL 2014 E I METODI APAT-CNR-IRSA 7010C E 7030C DEL 2003. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MEDICINA DI TORINO CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO TESI DI LAUREA ANALISI MICROBIOLOGICA DELLE ACQUE: CONFRONTO TRA IL METODO UNI/EN/ISO

Dettagli

PREZZI DEI PRODOTTI AGRICOLI

PREZZI DEI PRODOTTI AGRICOLI 20 novembre 2015 III trimestre 2015 PREZZI DEI PRODOTTI AGRICOLI Dati provvisori Nel terzo trimestre 2015, l'indice dei prezzi dei prodotti acquistati dagli agricoltori diminuisce dello 0,3% rispetto al

Dettagli

I principali aspetti legislativi del BA in allevamento

I principali aspetti legislativi del BA in allevamento I principali aspetti legislativi del BA in allevamento Paolo Rossi, CRPA SpA di Reggio Emilia - SANA Salone Internazionale del Naturale EU Food-CT-2004-506508 BA, ambiente e strutture umidità velocità

Dettagli

Pag. 2. Somma binaria. Somma binaria. Somma binaria. Altre operazioni aritmetiche. La somma si può fare colonna per colonna

Pag. 2. Somma binaria. Somma binaria. Somma binaria. Altre operazioni aritmetiche. La somma si può fare colonna per colonna 1 Università degli studi di Parma Dipartimento di Ingegneria dell Informazione a.a. 2012/13 Rappresentazione di Numeri Naturali Facoltà di Medicina Veterinaria La Rappresentazione e la Codifica delle informazioni

Dettagli

TRACCIA DI STUDIO. Indici di dispersione assoluta per misure quantitative

TRACCIA DI STUDIO. Indici di dispersione assoluta per misure quantitative TRACCIA DI STUDIO Un indice di tendenza centrale non è sufficiente a descrivere completamente un fenomeno. Gli indici di dispersione assolvono il compito di rappresentare la capacità di un fenomeno a manifestarsi

Dettagli

QUADERNI DEL DIRSS DIPARTIMENTO DELLA RICERCA PER IL SUGHERO E LA SELVICOLTURA

QUADERNI DEL DIRSS DIPARTIMENTO DELLA RICERCA PER IL SUGHERO E LA SELVICOLTURA Agris Agenzia regionale per la ricerca in agricoltura QUADERNI DEL DIRSS DIPARTIMENTO DELLA RICERCA PER IL SUGHERO E LA SELVICOLTURA N 3 Indagine sulla massa volumica di tappi tecnici di sughero Primo

Dettagli

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N DEL 22 AGOSTO 2007 Identificativo Atto n. 909

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N DEL 22 AGOSTO 2007 Identificativo Atto n. 909 DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA' N. 9312 DEL 22 AGOSTO 2007 Identificativo Atto n. 909 Oggetto: URGENTI MISURE IGIENICO SANITARIE PER CONTENERE LA DIFFUSIONE DELL'INFEZIONE DA INFLUENZA AVIARIA LPAI

Dettagli

PG- 15 del 09/01/2012 Edizione n 1 - Rev. n. 1 Pag.1 di 14

PG- 15 del 09/01/2012 Edizione n 1 - Rev. n. 1 Pag.1 di 14 Pag.1 di 14 N. del / / In data alle ore il/i sottoscritto/i Veterinario Ufficiale/i si è/sono recato/i presso l allevamento avicolo denominato con sede nel Comune di ( ) Via codice aziendale Identificativo

Dettagli

INDAGINE SULLE CARATTERISTICHE DELL'ALLEVAMENTO SUINO IN EMILIA ROMAGNA. Anno 1999

INDAGINE SULLE CARATTERISTICHE DELL'ALLEVAMENTO SUINO IN EMILIA ROMAGNA. Anno 1999 INDAGINE SULLE CARATTERISTICHE DELL'ALLEVAMENTO SUINO IN EMILIA ROMAGNA. Anno 1999 Con lo scopo di individuare i principali fattori di rischio per la presenza dell'infezione, il piano nazionale di controllo

Dettagli

Qualità delle acque di balneazione del Fiume Ticino a nord ovest di Milano

Qualità delle acque di balneazione del Fiume Ticino a nord ovest di Milano DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA U.O.C. Igiene e Sanità Pubblica Qualità delle acque di balneazione del Fiume Ticino a nord ovest di Milano Premessa Quando si parla di qualità delle acque destinate alla

Dettagli

Il Morbo di Aujeszky

Il Morbo di Aujeszky Ordine dei Medici Veterinari di Verona Isola della Scala -Verona 22 marzo 2007 Il Morbo di Aujeszky Situazione italiana e programmi di eradicazione 100 nm Loris ALBORALI Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

Il campionamento delle matrici alimentari: il Pulsifier

Il campionamento delle matrici alimentari: il Pulsifier numero 5 gennaio 2008 Il campionamento delle matrici alimentari: il I microrganismi, tra cui anche i batteri patogeni, aderiscono alla superficie degli alimenti, con vari livelli di affinità. Le apparecchiature

Dettagli

Tabelle punteggi generali di italiano

Tabelle punteggi generali di italiano Tabelle punteggi generali di italiano (rispetto all istituzione scolastica nel complesso) Tabelle punteggi generali di matematica (rispetto all istituzione scolastica nel complesso) La percentuale di risposte

Dettagli

Centro di Referenza Nazionale per le Salmonellosi Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie

Centro di Referenza Nazionale per le Salmonellosi Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Centro di Referenza Nazionale per le Salmonellosi Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Centro Regionale di Epidemiologia Veterinaria - Regione Veneto SCHEDA INDAGINE EPIDEMIOLOGICA POSITIVITA

Dettagli

BENESSERE ANIMALE - LE SPECIE AVI-CUNICOLE

BENESSERE ANIMALE - LE SPECIE AVI-CUNICOLE LE GALLINE OVAIOLE L utilizzo di sistemi di produzione intensivi in zootecnia ha comportato un significativo aumento dell efficienza produttiva costante nel tempo. Questi risultati sono ottenuti dalla

Dettagli

REGIONE CALABRIA. Criteri di calcolo della dimensione economica aziendale espressa in Produzione Standard (PS).

REGIONE CALABRIA. Criteri di calcolo della dimensione economica aziendale espressa in Produzione Standard (PS). Allegato A REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO AGRICOLTURA E RISORSE AGROALIMENTARI AUTORITÀ DI GESTIONE PSR CALABRIA 2014-2020 Criteri di calcolo della dimensione economica aziendale espressa in Produzione

Dettagli

Caratterizzazione batteriologica di ambienti ospedalieri critici: le sale operatorie dott. Francesca Giacobbi

Caratterizzazione batteriologica di ambienti ospedalieri critici: le sale operatorie dott. Francesca Giacobbi Caratterizzazione batteriologica di ambienti ospedalieri critici: le sale operatorie dott. Francesca Giacobbi Sezione Provinciale di Bologna Dipartimento Tecnico Interazioni tra ambiente indoor e occupanti

Dettagli

esercitazione1 12/10/2015

esercitazione1 12/10/2015 esercitazione1 12/10/2015 VARIABILE CLASSIFICAZIONE TIPOLOGIA Peso vivo del cavallo Ora della deposizione dell uovo Colore mantello Presenza corna Latte prodotto N. uova prodotte Presenza speroni alle

Dettagli

Alcune problematiche riguardanti le produzioni intensive: impiego di mangimi prodotti industrialmente, favorenti la distribuzione di microrganismi sap

Alcune problematiche riguardanti le produzioni intensive: impiego di mangimi prodotti industrialmente, favorenti la distribuzione di microrganismi sap UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Facoltà di Medicina Veterinaria Corso di laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali DIPARTIMENTO DI SCIENZE ZOOTECNICHE E ISPEZIONE DEGLI ALIMENTI

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 19 Uova prodotte senza impiego di antibiotici

DOCUMENTO TECNICO DTP 19 Uova prodotte senza impiego di antibiotici Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO Uova prodotte senza impiego di antibiotici CCPB SRL 40126 Bologna Italy Viale Masini, 36 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it Redatto da: Responsabile

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI Ordinanza del Ministro della Salute Misure urgenti di protezione per casi di influenza

Dettagli

ALLEGATOH alla Dgr n. 391 del 31 marzo 2015 pag. 1/6

ALLEGATOH alla Dgr n. 391 del 31 marzo 2015 pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOH alla Dgr n. 391 del 31 marzo 2015 pag. 1/6 PIANO REGIONALE BENESSERE ANIMALE (PRBA) PROGRAMMAZIONE REGIONALE DEI CONTROLLI IN ALLEVAMENTO, ALLA MACELLAZIONE, DURANTE

Dettagli

Monitoraggio Ungulati selvatici Anno 2012

Monitoraggio Ungulati selvatici Anno 2012 Monitoraggio Ungulati selvatici Anno 2012 1. Materiali e metodi Per la primavera 2012, è stato applicata la tecnica del pellet group count con le stesse modalità individuate negli scorsi anni, vale a dire

Dettagli

LINEE GUIDA. Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nelle Galline Ovaiole della specie Gallus gallus

LINEE GUIDA. Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nelle Galline Ovaiole della specie Gallus gallus LINEE GUIDA Piano nazionale di controllo di Salmonella Enteritidis e Typhimurium nelle Galline Ovaiole della specie Gallus gallus 2008-2010 INTRODUZIONE Il regolamento (CE) n. 2160/2003 del Parlamento

Dettagli

Toxoplasma gondii Un problema ispettivo attuale? Indagine epidemiologica in suini macellati a domicilio in Toscana.

Toxoplasma gondii Un problema ispettivo attuale? Indagine epidemiologica in suini macellati a domicilio in Toscana. Toxoplasma gondii Un problema ispettivo attuale? Indagine epidemiologica in suini macellati a domicilio in Toscana. Dati preliminari Daniela Gianfaldoni e Francesca Mancianti Dipartimento di Patologia

Dettagli

Alberto Menghi, Paolo Rossi

Alberto Menghi, Paolo Rossi 81 a Fiera Agricola Zootecnica Italiana BENESSERE ANIMALE: LA VACCA DA LATTE dalle parole ai fatti Montichiari, 15 febbraio 2009 ANALISI ECONOMICA DI ALCUNI CASI CONCRETI Alberto Menghi, Paolo Rossi Centro

Dettagli

Uova ed ovoprodotti: disposizioni legislative ed aspetti igienico sanitari

Uova ed ovoprodotti: disposizioni legislative ed aspetti igienico sanitari Uova ed ovoprodotti: disposizioni legislative ed aspetti igienico sanitari l altezza della camera d aria, unico parametro di freschezza quantificabile, è stato dimostrato che dipende anche dalla grandezza

Dettagli

Indice totale economico

Indice totale economico Indice totale economico Ausilio moderno per la selezione Con l indice totale economico, l allevatore svizzero della razza Bruna avrà per la prima volta a disposizione un mezzo ausiliario moderno, il quale

Dettagli

Patogeni emergenti nel latte: il ruolo di Salmonella spp. Salmonellosi. Salmonellosi nei bovini

Patogeni emergenti nel latte: il ruolo di Salmonella spp. Salmonellosi. Salmonellosi nei bovini 5 Congresso annuale Mastitis Council Italia LODI 9 febbraio 2007 Patogeni emergenti nel latte: il ruolo di Salmonella spp Dott. Antonio Barberio Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Sezione

Dettagli

MARCHIO QM QUALITA GARANTITA DALLE MARCHE. DISCIPLINARE DI RIFERIMENTO: Disciplinare di Produzione Filiera settore uova PRODOTTI INTERESSATI:

MARCHIO QM QUALITA GARANTITA DALLE MARCHE. DISCIPLINARE DI RIFERIMENTO: Disciplinare di Produzione Filiera settore uova PRODOTTI INTERESSATI: DISCIPLINARE DI RIFERIMENTO: Disciplinare di Produzione Filiera settore uova PRODOTTI INTERESSATI: - uova di categoria A prodotte da galline ovaiole, destinate direttamente al consumo umano e/o alla trasformazione

Dettagli

RILEVAZIONE SULL INTERESSE DELL INFORMAZIONE ANNO 2010

RILEVAZIONE SULL INTERESSE DELL INFORMAZIONE ANNO 2010 RILEVAZIONE SULL INTERESSE DELL INFORMAZIONE ANNO 2010 Nel mese di novembre 2010 il Centro Documentazione ha realizzato un indagine per rilevare l interesse dei contenuti informativi proposti dal Servizio

Dettagli

Influenza aviare ad alta patogenicità Emilia Romagna -2013

Influenza aviare ad alta patogenicità Emilia Romagna -2013 Influenza aviare ad alta patogenicità Emilia Romagna -2013 Luisa Loli Piccolomini Servizio Veterinario e Igiene Alimenti Regione Emilia Romagna Annalisa Santi Sorveglianza Epidemiologica Emilia-Romagna

Dettagli

DATI IN INTERNO IN ESTERNO

DATI IN INTERNO IN ESTERNO DATI IN INTERNO IN ESTERNO numero suinetti 40 40 peso totale e medio 279/6,97 241/6,0 età 21 20 scarti prodotti 1 di kg.5 1 di kg.5 morti prodotti 1 di kg.13 0 alimento kg. 677 630 età finale 59 58 peso

Dettagli

IL SIERO DI LATTE: RIFIUTO, PRECURSORE DI MANGIMI O MATERIA PRIMA PER ALTRI DERIVATI DEL LATTE?

IL SIERO DI LATTE: RIFIUTO, PRECURSORE DI MANGIMI O MATERIA PRIMA PER ALTRI DERIVATI DEL LATTE? VETMARE 2012. DALLA STALLA ALLA STALLA. L ANELLO BIANCO DEL LATTE. IL SIERO DI LATTE: RIFIUTO, PRECURSORE DI MANGIMI O MATERIA PRIMA PER ALTRI DERIVATI DEL LATTE? Prof. Pasquale DE Palo Professore Aggregato

Dettagli