IPMA International Project Management Association

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IPMA International Project Management Association"

Transcript

1 IPMA International Project Management Association Standard vs Standard: una Panoramica Internazionale Evento PMI-NIC Giuseppe Pugliese Direttore della Certificazione IPMA Italia Milano,

2 INDICE IPMA International Project Management Association ICB 3.0 IPMA IPMA Competence Baseline 4LC Four Level Certification

3 INTERNATIONAL PROJECT MANAGEMENT ASSOCIATION (IPMA) E UNA DELLE PIÙ IMPORTANTI ASSOCIAZIONI DI PROJECT MANAGEMENT NEL MONDO NASCE NEL ASSOCIAZIONI NAZIONALI DI PROJECT MANAGEMENT IN TUTTI I 5 CONTINENTI OLTRE MEMBRI NEL MONDO

4 INTERNATIONAL PROJECT MANAGEMENT ASSOCIATION Pubblicazioni & Ricerche Project Perspectives Aims to provide new insights about the characteristics of modern dynamic projects. It attempts to show the way ahead and how our understanding of modern projects is developing. IPMA Newsletter Informs the membership of the latest news of the IPMA, its activities, member association, events and services. Project Management Practice International Journal of Project Management Is recognised as the world s leading academic offering and is devoted to the publication of papers which advance knowledge of the practical and theoretical aspects of project management.

5 The profession of project management as a critical enabler of several ongoing infrastructure projects as well as social projects, for instance related to law and peace "the 21st century is a century of projects," Recep Tayyip Erdoğan, the Prime Minister of the Republic of Turkey

6 4 ITALIANI FINALISTI AL PROJECT EXCELLENCE AWARD 2010 Categoria Mega Projects Technip Italy: GTL Qatar Categoria Big Projects Tecnimont: Borouge PE1 Expansion UAE Tecnimont: metropolitana di Torino Nuovo Pignone: 6 turbocompressors upgrade LNG Australia Sono risultati finalisti 11 progetti nel mondo di cui 4 italiani

7 ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY 1986 in ANIMP nasce la Sezione di Project Management 2000 diventa membro di IPMA Internazionale +550 soci +700 Professionisti Certificati I

8 ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY E L ENTE UNICO AUTORIZZATO ALLA DIFFUSIONE IN ITALIA DELLA CERTIFICAZIONE DEI PROJECT MANAGER SECONDO LA METODOLOGIA IPMA

9 LE COMPETENZE DEL PROJECT MANAGER

10 IPMA Competence Baseline - The ICB 3

11 L OCCHIO DELLE COMPETENZE ICB 3.0 IPMA COMPETENCE BASELINE Competenze Comportamentali Competenze Tecniche Competenze Contestuali 15 Elementi di COMPETENZA COMPORTAMENTALE Rapporti e interrelazioni fra individui e gruppi che operano all interno dei Progetti 11 Elementi di COMPETENZA CONTESTUALE Interazione del project team con il contesto in cui si svolge il progetto 20 Elementi di COMPETENZA TECNICA Metodologie, tecniche e strumenti di Project Management

12 x.yy Elemento di Competenza Descrizione e significato dell elemento Possibili passi esecutivi Azioni per la sua implementazione Argomenti correlati Competenza chiave al livello Gradi di conoscenza e di esperienza richiesti per ciascun livello di Certificazione Principali riferimenti Collegamenti con gli altri elementi. Certificazione IPMA

13 COMPETENZE TECNICHE Successo del Project Management 20 Elementi di COMPETENZE TECNICHE Metodologie, tecniche e strumenti di Project Management Parti Interessate Requisiti ed Obiettivi del Progetto Rischi ed Opportunità Qualità Organizzazione di Progetto Lavoro di Gruppo Risoluzione dei Problemi Struttura di Progetto Scopo e Risultati Programmaz. Temporale e Fasi del Progetto Risorse Costi e Finanza Approvvigionamenti e Contratti Varianti Controllo e Rapporti di Progetto Informazione e Documentazione Comunicazione Avviamento del Progetto Chiusura del Progetto

14 COMPETENZE CONTESTUALI Orientamento al Progetto Orientamento al Programma Progetti Orientamento al Portafoglio Progetti Sviluppo del Progetto, Programma, Portafoglio Progetti Organizzazione Permanente Business 11 Elementi di COMPETENZE CONTESTUALI Interazione del project team con il contesto in cui si svolge il progetto Sistemi, Prodotti e Tecnologie Gestione del Personale Salute, Sicurezza ed Ambiente Finanza Aspetti Legali

15 3.01 Orientamento al progetto Un progetto è un iniziativa, con vincoli di tempi e nei costi, che ha l obiettivo di realizzare un insieme definito di risultati (deliverables), con lo scopo di soddisfare gli obiettivi del progetto e di raggiungere gli standard di qualità ed i requisiti fissati. L orientamento al progetto è un termine utilizzato per descrivere l orientamento delle società, o più in generale, delle organizzazioni alle modalità di gestione dei progetti ed allo sviluppo delle competenze di Project Management. Le modalità con cui i progetti sono coordinati nel portafoglio progetti, il modo con cui i progetti sono gestiti e come sono sviluppate le competenze dei project manager, hanno un impatto diretto sul successo di un progetto. I progetti differiscono sostanzialmente dalla normale operatività delle società od organizzazioni. È auspicabile che un'organizzazione adotti una gestione per progetti per essere efficace, per crescere e modificarsi rapidamente per competere sul suo mercato, mentre di solito le funzioni di linea e le loro attività operative sono gestite curando principalmente l efficienza. I Progetti Sono caratterizzati da un insieme di parametri tipici quali, ad esempio, gli obiettivi, i risultati chiaramente definiti, tempi e costi, organizzazione specifica del progetto che si differenzia dalle altre attività operative. Sono sforzi per i quali le risorse sono organizzate in modo innovativo, per raggiungere un determinato scopo del lavoro, nel rispetto delle specifiche fissate, entro precisi limiti di tempo e di costo, secondo un ciclo di vita standard, in modo tale da raggiungere obiettivi qualitativi e quantitativi ben definiti. Sono un insieme unico d attività tra loro coordinate, messe in atto da un organizzazione per raggiungere precisi obiettivi, con parametri fissati per ciascun risultato intermedio da raggiungere (deliverables). Sono caratterizzati da attributi unici, come ad esempio: grado di novità e di complessità, vincoli legali, lavori interdisciplinari e suddivisione del lavoro. Possono essere classificati per tipologia, ad esempio progetti d investimento, Ricerca e Sviluppo (R&D), progetti organizzativi, informatici (Information and Communication Technology) e con altri criteri, quali progetti interni/esterni, regionali/nazionali/internazionali. 15

16 Il Project Management (PM) consiste nella pianificazione, organizzazione e controllo di tutti gli aspetti di un progetto, nella gestione e nella guida di tutti gli attori coinvolti nel raggiungimento degli obiettivi del progetto in modo sicuro e nell ambito dei criteri concordati relativamente ai tempi, ai costi, allo scopo ed alle prestazioni, inclusa la qualità. Consiste, inoltre, nell insieme delle attività di coordinamento e di guida, d organizzazione, di metodologie, di tecniche e di metriche per tenere costantemente sotto controllo il progetto. Il Project Management è fondamentale per riuscire ad ottimizzare i parametri di tempo, costo e prestazioni con gli altri requisiti e per organizzare il progetto in maniera adeguata al fine di raggiungere gli obiettivi. Possibili passi esecutivi Valutare le necessità dell organizzazione per la realizzazione dei progetti. Prendere in considerare l organizzazione, la sua cultura interna ed i processi con riferimento ai progetti da realizzare. Stendere un business case per realizzare un organizzazione orientata al progetto, in relazione ad altre iniziative di sviluppo del business. Modificare, in maniera coerentemente, l organizzazione, la sua cultura ed i suoi processi. Controllare l avanzamento del progetto, apprendere da ciascun progetto ed applicare le lezioni apprese ai progetti futuri.

17 15 Elementi di COMPETENZE COMPORTAMENTALI Rapporti e interrelazioni fra individui e gruppi che operano all interno dei Progetti COMPETENZE COMPORTAMENTALI Leadership Coinvolgimento e Motivazione Autocontrollo Ascendente Approccio Sereno Apertura Creatività Orientamento ai Risultati Efficienza Consultazione Negoziazione Conflitti e crisi Affidabilità Apprezzamento dei Valori Etica

18 2.01 Leadership La leadership consiste nel guidare e motivare gli altri nei loro ruoli o compiti per conseguire gli obiettivi del progetto. Costituisce una competenza vitale per un project manager. La leadership è necessaria lungo l intera vita del progetto. E particolarmente importante, quando un progetto incontra problemi, quando è richiesto un cambiamento o dove c è incertezza sulle azioni da intraprendere. La leadership è necessaria affinché un project manager possa applicare tutte le sue competenze in modo che esse siano viste e colte dal gruppo di progetto. Possibili passi esecutivi Determinare lo stile di leadership adeguato per la situazione particolare da affrontare (con il gruppo di progetto, con il vertice aziendale, con le parti interessate). Assicurarsi che è compatibile con il proprio stile e capacità. Utilizzare lo stile di leadership prescelto. Esaminare l efficacia e cercare risposte (dal gruppo, dal vertice aziendale, dalle parti interessate) e modificare lo stile di leadership, se necessario. Utilizzare l opportunità di formazione e di addestramento per migliorare la propria capacità di leadership. Fornire formazione ed addestramento nella leadership ai membri del gruppo di progetto. Esaminare e ricercare miglioramenti continui nelle competenze di leadership proprie e dei membri del gruppo. Documentare le lezioni apprese ed applicarle a progetti futuri

19 Comportamenti positivi 2.01 Leadership Comportamenti da migliorare Può delegare, si fida degli altri e insegna loro a sviluppare e soddisfare le aspettative Ha un intuizione, la esprime chiaramente, la supporta e la realizza Ha autorevolezza naturale, gli altri lo ascoltano e hanno fiducia in lui Delega pacchetti di lavoro SMART (Specifici, misurabili, raggiungibili, realistici, temporalmente accettabili) adeguati alle capacità dei membri del team, li lascia liberi di svilupparli con i propri criteri Non delega, non supporta e non contribuisce allo sviluppo professionale degli altri Può essere chiuso in se stesso, cambia facilmente direzione, non ha visione d insieme, non sostiene le idee Deve sostenere i suoi punti ripetutamente, la gente dubita di lui Non gestisce usando i principi SMART (specifici, misurabili, raggiungibili, realistici, temporalmente accettabili) e restringe lo scopo delle attività dei subordinati con coercizione e controllo E un abile moderatore Non è in grado di moderare i processi e i conflitti Ha insieme potere e carisma Infonde alle persone l orgoglio di lavorare con lui Sa come ricompensare e svolgere azioni correttive in modo accettabile da parte dei membri del team Si assume la responsabilità totale, delegando conformemente responsabilità e compiti Difende gli obiettivi del progetto e protegge i membri del team nel negoziare i cambiamenti Si mostra debole e insignificante La gente non si sente attratta dalla sua personalità Non dà riconoscimenti e svolge azioni correttive nel modo sbagliato o in un contesto inappropriato Scarica tutte le responsabilità e gli obiettivi direttamente sui membri del team Incolpa i membri del team e non contrasta le pressioni esterne a cambiare obiettivi, incarichi o specifiche del progetto Controlla il comportamento dei membri del team consapevolmente e costruttivamente, s impegna e lascia tempo alla comunicazione Coinvolge i membri del team nelle decisioni e ha validi motivi per prendere alcune decisioni da solo Adotta uno stile di leadership adatto al team specifico ed alle situazioni di lavoro ed è aperto ad accogliere i feed-back Si comporta da esempio ed è riconosciuto come leader dal team e dalle altre parti interessate Parla e agisce con calma, formula giudizi con proprietà e autorità Mantiene la calma in situazioni di crisi, evita di mostrare panico. Non ha una chiara idea dell effetto delle azioni di controllo, fa finta che non ci sia tempo ed evita le discussioni Decide tutti i punti in discussione da solo e non comunica le decisioni ai membri del team Esercita il comando in modo scontato e non accetta di mettere in discussione la propria leadership I comportamenti non sono considerati appropriati dagli altri, non mostra capacità di leadership all interno del team o con le altre parti interessate Si esprime troppo in fretta, usa frasi incomplete e gesti del corpo non appropriati Si fa prendere dal panico e perde l autocontrollo. Certificazione IPMA

20 LA CERTIFICAZIONE

21 Certificazione delle Competenze Competenza = Conoscenza + Esperienza + Attitudini

22 SISTEMA DI CERTIFICAZIONE BASATO SU 4 LIVELLI (IPMA) LIVELLO A: DIRETTORE PROGETTI Responsabile di un portafoglio progetti o di programmi ad elevata complessità LIVELLO B: CAPO PROGETTO Project Manager Senior responsabile di progetti ad elevata complessità LIVELLO C: RESPONSABILE DI PROGETTO Project Manager di progetti a limitata complessità LIVELLO D: SPECIALISTA PROJECT MANAGEMENT Membro del Project Management Team

23 Certified Projects Director- Direttore Progetti Livello A Requisiti d Ingresso Ha operato per numerosi anni nel campo del Project Management con almeno 5 anni in funzioni di responsabilità nella direzione di un portafoglio progetti o di un programma. Deve aver seguito una formazione specifica nel campo del Project Management Requisiti Addizionali È responsabile della gestione di un importante portafoglio di una Società/Organizzazione/Branch o della gestione di uno o più programmi. Contribuisce alla definizione della strategia della società, formulando proposte all Alta Direzione. Coordina lo sviluppo del personale che si occupa di Project Management e ne cura la formazione. Promuove lo sviluppo e l applicazione delle metodologie di Project Management: processi, tecniche, strumenti, manuali, linee guida, È in grado di dirigere un portafoglio progetti o un programma

24 Certified Senior Project Manager Capo Progetto Livello B Requisiti d Ingresso Ha molti anni d esperienza nel campo del Project Management, di cui almeno 5 con responsabilità della gestione di progetti complessi. Deve aver seguito una formazione specifica nel campo del Project Management Requisiti Addizionali È responsabile per tutti gli elementi di competenza per la gestione di un progetto complesso. Ha un ruolo di direzione come responsabile di un team di Project Management, articolato e numeroso. Utilizza adeguati processi, metodologie, tecniche e strumenti di Project Management. È in grado di gestire progetti complessi

25 Certified Project Manager-Responsabile di Progetto Livello C Requisiti d Ingresso Ha diversi anni d esperienza nel campo di Project Management, di cui almeno 3 come responsabile di progetti di limitata complessità. Requisiti Addizionali È responsabile della gestione di un progetto di limitata complessità in tutti i suoi aspetti, o della gestione di un sottoprogetto che fa parte di un progetto complesso, o di una funzione specialistica. Applica processi, metodologie, tecniche e strumenti di Project Management. È in grado di gestire progetti di limitata complessità o sottoprogetti di progetti complessi, con riferimento a tutti gli elementi di competenza del Project Management

26 Certified Project Management Associate Specialista di PM Livello D Requisiti d Ingresso L esperienza negli elementi di competenza del Project Management non è strettamente obbligatoria; ma è un considerevole vantaggio per il candidato se ha già applicato operativamente alcune delle competenze. Requisiti Addizionali Può mettere in pratica in un progetto gli elementi di competenza del Project Management. Può lavorare come specialista in alcune aree. Lavora come componente di un project team o all interno di un organizzazione che si occupa della gestione dei progetti. Ha un ampia conoscenza delle metodologie di Project Management ed ha le capacità per applicarle. Deve avere conoscenze di Project Management in tutti gli elementi di competenza

27

28 LIVELLO PROFESSIONALE

29 IL RAPPORTO DI PROGETTO SCOPO Lo scopo di preparare un Rapporto su un progetto svolto dal candidato è quello di consentire ai Valutatori di verificare che le competenze ed esperienze maturate da questi siano adeguate per richiedere la Certificazione del Livello C, ma anche di costituire una base di discussione durante il successivo colloquio D RACCOMANDAZIONE Si raccomanda vivamente di non dare eccessivo spazio alla descrizione storica e tecnica del progetto, ma piuttosto di focalizzare l attenzione sugli aspetti gestionali, sulle metodologie, sulla organizzazione e sugli strumenti utilizzati e di contenere il tutto in 6 pagine, più 2 o 3 allegati. STRUTTURA DEL RAPPORTO Introduzione Il Contesto Il Committente Obiettivi Principali contenuti del progetto Ruolo e responsabilità Il Team di Progetto Gestione del Progetto I Risultati Analisi critica Giudizio a posteriori Arricchimento professionale

30 VALUTAZIONE ESAME LIVELLO C Punteggi attesi di conoscenza ed esperienza (IPMA Taxonomy) Rapp. Progetto (max 10) Punteggio RAPPORTO DI PROGETTO Valutatore 1 Valutatore 2 Punteggio medio Competenze I Tecniche II Comportamentali III Contestuali Tot. Dom. Risp. Multipla (max 20) Domanda 1 Domanda 2 Totale dom. Tematiche (max 30) Punteggio domande a RISPOSTA MULTIPLA Valutatore 1 Valutatore 2 Punteggio domande TEMATICHE Valutatore 1 Valutatore 2 Punteggio medio Punteggio medio Colloquio (max 40) COLLOQUIO Valutatore 1 Valutatore 2 Punteggio medio Totale Punteggio minimo: 65 Punteggio Totale Candidato:

31

32 I 4 LIVELLI DI CERTIFICAZIONE ACCOMPAGNANO ED ATTESTANO LA CRESCITA PROFESSIONALE DEL PROJECT MANAGER ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE RICONOSCIUTA IN 50 PAESI NEL MONDO MANUALI DI PREPARAZIONE ESAME

33 ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY GRAZIE PER L ATTENZIONE CONTATTI Via E. Tazzoli, Milano Tel Fax Giuseppe Pugliese - Direttore della Certificazione Web Site Italia Web Site Internazionale

International Project Management Association. Giuseppe Pugliese Direttore della Certificazione ANIMP/IPMA Milano, 25.11.2010

International Project Management Association. Giuseppe Pugliese Direttore della Certificazione ANIMP/IPMA Milano, 25.11.2010 ANIMP-IPMAcadey International Project Management Association Giuseppe Pugliese Direttore della Certificazione ANIMP/IPMA Milano, 25.11.2010 INTERNATIONAL PROJECT MANAGEMENT ASSOCIATION (IPMA) E UNA DELLE

Dettagli

Convegno Internazionale IL PROFESSIONISTA DEGLI ACQUISTI NEI SISTEMI SANITARI INTERNAZIONALI

Convegno Internazionale IL PROFESSIONISTA DEGLI ACQUISTI NEI SISTEMI SANITARI INTERNAZIONALI Convegno Internazionale IL PROFESSIONISTA DEGLI ACQUISTI NEI SISTEMI SANITARI INTERNAZIONALI PROGETTARE PROCESSI COMPLESSI INSIEME ALLA COMUNITA DEI PROFESSIONSITI DELLA SANITA E AL MERCATO HTA: THE PROJECT

Dettagli

Convegno Project Management Alto Adige 2011

Convegno Project Management Alto Adige 2011 Convegno Project Management Alto Adige 2011 Progetti creano Innovazione Giovedì 29 settembre 2011 ore 14.00-20.00 Perché Certificare i Project Manager Il Modello IPMA Giuseppe Pugliese Direttore della

Dettagli

La Certificazione (experience based) in Project Management. Giuseppe Pugliese Direttore della Certificazione IPMA Italia

La Certificazione (experience based) in Project Management. Giuseppe Pugliese Direttore della Certificazione IPMA Italia La Certificazione (experience based) delle Competenze in Project Management Giuseppe Pugliese Direttore della Certificazione IPMA Italia Roma, 15.11.2010 INTERNATIONAL PROJECT MANAGEMENT ASSOCIATION (IPMA)

Dettagli

STAKEHOLDER MANAGEMENT in ACTION

STAKEHOLDER MANAGEMENT in ACTION 1 Training & Professional Meeting 2013 Milan -13 March 2013 STAKEHOLDER MANAGEMENT in ACTION Individuare e fare proprie le esigenze di tutti gli stakeholder per il successo del progetto POLITECNICO DI

Dettagli

IPMA ITALY EDIZIONE 2014

IPMA ITALY EDIZIONE 2014 GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE IN PROJECT MANAGEMENT IPMA ITALY EDIZIONE 2014 MEMBER ASSOCIATION PER L ITALIA DI 1 INDICE PREMESSA Pag. 3 1. IPMA ITALY Pag. 4 2. LA CERTIFICAZIONE IPMA: CARATTERISTICHE E BENEFICI

Dettagli

IPMA International Project Management Association

IPMA International Project Management Association IPMA International Project Management Association II Workshop di Project Management 2012 BEYOND THE PROJECT Ordine degli Ingegneri di Salerno Giuseppe Pugliese Direttore della Certificazione IPMA Italia

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT WORKSHOP CERTIFICAZIONE IPMA

PROJECT MANAGEMENT WORKSHOP CERTIFICAZIONE IPMA PROJECT MANAGEMENT IPMA Italy ha programmato una serie di workshop informativi gratuiti (vedi date sul modulo allegato) con l obiettivo di: condividere il Modello delle Competenze in Project Management

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

IPMA ITALY EDIZIONE 20152

IPMA ITALY EDIZIONE 20152 GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE INPROJECT MANAGEMENT IPMA ITALY EDIZIONE 20152 MEMBERASSOCIATION PER L ITALIA DI 1 Guida2015allaCertificazione alla IPMA V1.0 INDICE PREMESSA Pag. 4 1. COSA FARE PER ISCRIVERSI

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Ambiti Contestuale, Tecnico e Comportamentale

Ambiti Contestuale, Tecnico e Comportamentale Ambiti Contestuale, Tecnico e Comportamentale 1 Premessa Il Project Management da alcuni anni rappresenta uno dei temi all attenzione e in significativa espansione all interno delle organizzazioni complesse

Dettagli

Giuseppe Pugliese Direttore della Certificazione IPMA Italia Milano, 14.12.11 Convegno 2011 Sezione Informatica ANIMP

Giuseppe Pugliese Direttore della Certificazione IPMA Italia Milano, 14.12.11 Convegno 2011 Sezione Informatica ANIMP Il Procurement Manager e le Competenze in Project Management Giuseppe Pugliese Direttore della Certificazione IPMA Italia Milano, 14.12.11 Convegno 2011 Sezione Informatica ANIMP ..ma il project management,

Dettagli

EDIZIONE 1.2015. Programma di riferimento del MiniMaster Introductory in Project Management 2015

EDIZIONE 1.2015. Programma di riferimento del MiniMaster Introductory in Project Management 2015 MINIMASTER INTRODUCTORY IN PROJECT MANAGEMENT UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA EDIZIONE 1.2015 L Obiettivo del MiniMaster è quello di fornire agli studenti una serie di nozioni sulle metodologie di Project

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE A.A. 2013-2014 MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION Project Management Base Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT PREMESSA Il Project Management

Dettagli

Concetto di formazione 2012. Management e cooperative

Concetto di formazione 2012. Management e cooperative Concetto di formazione 2012 Management e cooperative OBIETTIVI DEL PROGETTO INCREMENTO Competenze tecniche Competenze sociali Competenze metodologiche Competenze personali Macro aree tematiche Leadership

Dettagli

CERTIFICAZIONE IN PROJECT MANAGEMENT

CERTIFICAZIONE IN PROJECT MANAGEMENT the Italian Member of IPMA - ITALIAN CERTIFICATION BODY CERTIFICAZIONE IN PROJECT MANAGEMENT Processo della Certificazione IPMA LEVEL D Certified Project Management Associate 1 Gennaio 2014 Edizione 14

Dettagli

MODULO INTRODUCTORY IN PROJECT MANAGEMENT POLITECNICO DI MILANO EDIZIONE 1.2015

MODULO INTRODUCTORY IN PROJECT MANAGEMENT POLITECNICO DI MILANO EDIZIONE 1.2015 MODULO INTRODUCTORY IN PROJECT MANAGEMENT POLITECNICO DI MILANO EDIZIONE 1.2015 CORSO GRATUITO ORGANIZZATO IN COLLABORAZIONE CON ANIMP/IPMA ITALY L Obiettivo del Modulo è quello di fornire agli studenti

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

PARTNERSHIP CON UNIVERSITA & BUSINESS SCHOOL

PARTNERSHIP CON UNIVERSITA & BUSINESS SCHOOL PARTNERSHIP CON UNIVERSITA & BUSINESS SCHOOL Project Management Competenze, Organizzazione e Best Practice 1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO Il documento si pone l obiettivo di fornire un quadro relativo alle

Dettagli

IPMA DELTA l Assessment in project management p e r l o r g a n i z z a z i o n e a z i e n d a l e

IPMA DELTA l Assessment in project management p e r l o r g a n i z z a z i o n e a z i e n d a l e IPMA DELTA l in project management p e r l o r g a n i z z a z i o n e a z i e n d a l e UNA UNA VISIONE A 360 INDIPENDENTE AL 100% P E R U N A MIG LIO R E C O M P ETITIVITÀ a product of L EFFETTO DELTA.

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT TREND NELLE AZIENDE MANIFATTURIERE

PROJECT MANAGEMENT TREND NELLE AZIENDE MANIFATTURIERE Minimaster in PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT TREND NELLE AZIENDE MANIFATTURIERE Giovanni Francesco Salamone 1 PROJECT MANAGEMENT TREND NELLE AZIENDE MANIFATTURIERE Giovanni Francesco Salamone Corso

Dettagli

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi Programmazione didattica 2009 Project Management Catalogo dei corsi Alta Formazione in Project Management Project Management: principi e criteri organizzativi Metodi e tecniche di avvio ed impostazione

Dettagli

Webinar: Questo Matrimonio s ha da fare!

Webinar: Questo Matrimonio s ha da fare! The Swirl logo is a trade mark of AXELOS Limited The PRINCE2 Accredited Training Organization logo is a trade mark of AXELOS Limited Webinar: Questo Matrimonio s ha da fare! 19 Settembre / 13.00-14.00

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

IL PESO DELLE CAPACITA NELL ESERCIZIO DELLE COMPETENZE DISTINTIVE

IL PESO DELLE CAPACITA NELL ESERCIZIO DELLE COMPETENZE DISTINTIVE IL PESO DELLE CAPACITA NELL ESERCIZIO DELLE COMPETENZE DISTINTIVE cristina.andreoletti@praxi.com www.ideamanagement.it I www.praxi.com I www.khc.it www.ideamanagement.it I www.praxi.com 1 PREMESSA PREMESSA

Dettagli

E X P O T R A I N I N G 2 0 1 2

E X P O T R A I N I N G 2 0 1 2 Nuove frontiere per le attività formative E X P O T R A I N I N G 2 0 1 2 Fiera Milano, 26 Ottobre 2012 Obiettivo Il Project Management può rappresentare per gli organismi formativi un ambito di business

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER CODICE PM 10.25 DURATA 10 giorni CATEGORIA Project Management DESTINATARI Project manager, responsabili di funzione, membri del Project Management Office, dirigenti,

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

NSM Nexus Scuola di Management

NSM Nexus Scuola di Management NSM Nexus Scuola di Management NSM è la Scuola di Management della Nexus Srl, agenzia di formazione accreditata presso la Regione Abruzzo per la Formazione continua e superiore, che opera dal 1991 fornendo

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

AGENDA SECTION n. 1. 1. Introduzione al PM. a.contesto: cosa è cambiato. b.la risposta del PM. c. E a voi cosa interessa. d.

AGENDA SECTION n. 1. 1. Introduzione al PM. a.contesto: cosa è cambiato. b.la risposta del PM. c. E a voi cosa interessa. d. AGENDA SECTION n. 1 1. Introduzione al PM a.contesto: cosa è cambiato b.la risposta del PM c. E a voi cosa interessa d.il PM nel mondo e.il PM nelle grandi aziende: Finmeccanica f. Il PM e la normativa

Dettagli

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001 Ing. Sandro Picchiolutto Fabbisogni di qualificazione e certificazione (Q&C) di competenze, servizi e sistemi per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili Q&C dei sistemi di gestione in base alla

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (2 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo la precedente esposizione delle competenze della leadership secondo il modello di Goleman-Boyatzis-McKee,

Dettagli

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799

La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Convegno sulla Sicurezza delle Informazioni La certificazione dei sistemi di gestione della sicurezza ISO 17799 e BS 7799 Giambattista Buonajuto Lead Auditor BS7799 Professionista indipendente Le norme

Dettagli

Restaurant Manager Academy

Restaurant Manager Academy Restaurant Manager Academy 1 La conoscenza non ha valore se non la metti in pratica L Accademia Un percorso formativo indispensabile per l attività di un imprenditore nel settore della ristorazione e dell

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

EUROPEAN PROJECT MANAGEMENT QUALIFICATION - epmq. Fundamentals. Syllabus

EUROPEAN PROJECT MANAGEMENT QUALIFICATION - epmq. Fundamentals. Syllabus EUROPEAN PROJECT MANAGEMENT QUALIFICATION - epmq Fundamentals Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di epmq Modulo 1 Fundamentals. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo

Dettagli

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 Competenze di coaching per Tutti i Coach 1. Rispettare le linee guida etiche, legali e professionali 2. Stabilire il contratto di coaching e gli obiettivi

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT OVERVIEW CORSO DI INTRODUZIONE AL PROJECT MANAGEMENT

PROJECT MANAGEMENT OVERVIEW CORSO DI INTRODUZIONE AL PROJECT MANAGEMENT in collaborazione con organizzano PROJECT MANAGEMENT OVERVIEW CORSO DI INTRODUZIONE AL PROJECT MANAGEMENT Milano, 14-15 Ottobre / 10-11 Novembre 2010 Sede: Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta

Dettagli

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione (AV) 1.1. Assicurare l impegno e il governo del management per avviare il processo. 1.2. Assicurare

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

IPMA Italy. Roma, 16 Aprile 2012 ore 15:00. Seminario. www.ipma.it. TECHNIP ITALY Auditorium (edificio B) Viale Castello della Magliana, 68 - Roma

IPMA Italy. Roma, 16 Aprile 2012 ore 15:00. Seminario. www.ipma.it. TECHNIP ITALY Auditorium (edificio B) Viale Castello della Magliana, 68 - Roma Project Management Roma, 16 Aprile 2012 ore 15:00 AUMENTARE L'INTEGRAZIONE GESTIONALE TRA LOGISTICA E COMMITTENZA: il Project Management, la comunicazione, i sistemi informatici possono migliorare la programmazione

Dettagli

Associazione Italiana Information Systems Auditors

Associazione Italiana Information Systems Auditors Associazione Italiana Information Systems Auditors Agenda AIEA - ruolo ed obiettivi ISACA - struttura e finalità La certificazione CISA La certificazione CISM 2 A I E A Costituita a Milano nel 1979 Finalità:

Dettagli

dott.ssa Sofia Conterno

dott.ssa Sofia Conterno Rafforzamento delle competenze sui modelli organizzativi di gestione del personale dott.ssa Sofia Conterno Prima parte LA LEADERSHIP SITUAZIONALE LA LEADERSHIP EFFICACE UN LEADER EFFICACE HA SVILUPPATO

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APRILE 2015 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 4 3 PROFILO TEORICO DEL CONSIGLIERE... 5 3.1 Ruoli

Dettagli

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO

MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO MANDATO DI AUDIT DI GRUPPO Data: Ottobre, 2013 UniCredit Group - Public MISSION E AMBITO DI COMPETENZA L Internal Audit è una funzione indipendente nominata dagli Organi di Governo della Società ed è parte

Dettagli

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ FORMAZIONE TECNICA Cliccando tendina COMUNICAZIONE E RELAZIONALITA

Dettagli

Management & Innovazione. Seminario PMI-NIC - Milano, 15 Dicembre 2006. Presentazione del libro: Project Management di Successo Mario Damiani, PMP

Management & Innovazione. Seminario PMI-NIC - Milano, 15 Dicembre 2006. Presentazione del libro: Project Management di Successo Mario Damiani, PMP Management & Innovazione Seminario PMI-NIC - Milano, 15 Dicembre 2006 Presentazione del libro: Project Management di Successo Mario Damiani, PMP Le motivazioni Gli obiettivi I criteri ispiratori I messaggi

Dettagli

Appendice III. Competenza e definizione della competenza

Appendice III. Competenza e definizione della competenza Appendice III. Competenza e definizione della competenza Competenze degli psicologi Lo scopo complessivo dell esercizio della professione di psicologo è di sviluppare e applicare i principi, le conoscenze,

Dettagli

È costituito dagli atteggiamenti e dalle azioni del board e del management rispetto all'importanza del controllo all'interno.

È costituito dagli atteggiamenti e dalle azioni del board e del management rispetto all'importanza del controllo all'interno. Glossario Internal Auditing Fonte: Associazione Italiana Internal Audit (AIIA) www.aiiaweb.it Adeguato controllo Un controllo è adeguato se viene pianificato e organizzato (progettato) dal management in

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane.

CHI SIAMO. BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione in ambito di valutazione, sviluppo e formazione delle risorse umane. www.beon-dp.com Operiamo in ambito di: Sviluppo Assessment e development Center Valutazione e feedback a 360 Formazione Coaching CHI SIAMO BeOn è una società di consulenza italiana ad alta specializzazione

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

I NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI A SUPPORTO DELL EFFICIENZA AZIENDALE

I NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI A SUPPORTO DELL EFFICIENZA AZIENDALE I NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI A SUPPORTO DELL EFFICIENZA AZIENDALE PROJECT PORTFOLIO MANAGEMENT Strumento indispensabile per l efficienza del business SICUREZZA FORMAZION E AMBIENTE ETICA

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

Distinguere tra bisogni di cura standard e individualizzati. Valutazione delle esigenze e traduzione di queste in azioni adeguate

Distinguere tra bisogni di cura standard e individualizzati. Valutazione delle esigenze e traduzione di queste in azioni adeguate Linee guida per la costruzione di test per la valutazione degli esiti dei percorsi di apprendimento per Coordinatori all interno delle strutture residenziali per anziani Queste linee guida sono rivolte

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

AZIENDA INNOVATION & CHANGE PROGRAMMA DI SVILUPPO CONTINUO DELL INNOVAZIONE

AZIENDA INNOVATION & CHANGE PROGRAMMA DI SVILUPPO CONTINUO DELL INNOVAZIONE AZIENDA INNOVATION & CHANGE PROGRAMMA DI SVILUPPO CONTINUO DELL INNOVAZIONE Per Le Nuove sfide è necessario valutare i nostri punti di forza e di debolezza per poter mettere a punto un piano d azione che

Dettagli

IT governance & management. program

IT governance & management. program IT governance & management Executive program VI EDIZIONE / GENNAIO - maggio 2016 PERCHÉ QUESTO PROGRAMMA Nell odierno scenario competitivo l ICT si pone come un fattore abilitante dei servizi di business

Dettagli

INFORMATION MANAGEMENT & PROJECT GOVERNANCE

INFORMATION MANAGEMENT & PROJECT GOVERNANCE Sezione Informatica Sezione Informatica INFORMATION MANAGEMENT & PROJECT GOVERNANCE Sestri Levante 10-11 Aprile 2014 SEDE DEL CONVEGNO FONDAZIONE MEDIATERRANEO Introduzione al convegno Paolo Paris Delegato

Dettagli

IPMA OCB, le Competenze organizzative per le aziende Project Based

IPMA OCB, le Competenze organizzative per le aziende Project Based Organizzazione e Soluzioni per il Project Management Aziendale Milano 8 ottobre 2015 IPMA OCB, le Competenze organizzative per le aziende Project Based Giuseppe Pugliese Direttore della Certificazione

Dettagli

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT METODOLOGIA DELL ASSESSMENT Chi siamo HR RiPsi nasce come divisione specializzata di Studio RiPsi grazie alla collaborazione di Psicologi e Direttori del Personale che hanno maturato consolidata esperienza

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

BIBLIOGRAFIA COMMENTATA TESTI DI PROJECT MANAGEMENT

BIBLIOGRAFIA COMMENTATA TESTI DI PROJECT MANAGEMENT BIBLIOGRAFIA COMMENTATA TESTI DI PROJECT MANAGEMENT Commenti ad alcuni dei Testi di riferimento sul Project Management con indicazioni dei principali contenuti ed il loro collegamento con il Manuale delle

Dettagli

SISTEMA E-LEARNING INeOUT

SISTEMA E-LEARNING INeOUT SISTEMA E-LEARNING INeOUT AMBIENTE OPERATIVO 1 Premesse metodologiche La complessità di un sistema informatico dipende dall aumento esponenziale degli stati possibili della sua architettura. Se è vero

Dettagli

Presentazione a cura di: Enrico Mastrofini Presidente ISIPM e-mail: mastrofini@isipm.org

Presentazione a cura di: Enrico Mastrofini Presidente ISIPM e-mail: mastrofini@isipm.org Presentazione a cura di: Enrico Mastrofini Presidente ISIPM e-mail: mastrofini@isipm.org ISIPM Istituto Italiano di Project Management Via A. Gallonio, 18 00161 Roma ISIPM - Istituto Italiano di Project

Dettagli

Profilo del Town Centre Manager e delle sue competenze

Profilo del Town Centre Manager e delle sue competenze Profilo del Town Centre Manager e delle sue competenze Nell ambito del Programma Leonardo da Vinci, i partner, provenienti da sei nazioni europee (Austria, Belgio, Italia, Olanda, Regno Unito, Spagna)

Dettagli

Information Systems Audit and Control Association

Information Systems Audit and Control Association Information Systems Audit and Control Association Certificazione CISA Certified Information Systems Auditor CISM Certified Information Security Manager La certificazione CISA storia C I S l ISACA propone

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Codice di Condotta per i Contratti a Prestazione Energetica Garantita (EPC) Italy

Codice di Condotta per i Contratti a Prestazione Energetica Garantita (EPC) Italy (EPC) Italy Il Progetto Transparense Questo documento è stato redatto nell ambito del progetto Transparense - Aumentare la trasparenza dei Mercati Energetici, sostenuto dal programma Europeo Intelligent

Dettagli

La Gestione delle Risorse Umane nello Studio Professionale. Dott. Simone Cavestro Sinthema Professionisti Associati

La Gestione delle Risorse Umane nello Studio Professionale. Dott. Simone Cavestro Sinthema Professionisti Associati La Gestione delle Risorse Umane nello Studio Professionale Dott. Simone Cavestro La Sfida attuale In uno scenario in continua evoluzione, dove si sviluppano con velocità crescente Organizzazione Tecnologie

Dettagli

Negli anni abbiamo operato in molte realtà industriali ed insieme costituiamo un gruppo di lavoro molto affiatato e collaudato.

Negli anni abbiamo operato in molte realtà industriali ed insieme costituiamo un gruppo di lavoro molto affiatato e collaudato. CHI SIAMO La PROGETTI S.r.l., con sede a Mantova, è stata creata nel marzo del 1993, da professionisti che sin dal 1987 hanno operato all interno del Gruppo Eni (Stabilimenti di Mantova, Ferrara, Porto

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY 25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY Milano, ATAHOTELS Via Don Luigi Sturzo, 45 LA GESTIONE DEI PROGETTI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL FUTURO. I SUOI RIFLESSI NEI

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 Modulo 1 Parte 1 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 1.1.1.1 pag. 21 Quale, tra le affermazioni che seguono relative al concetto di qualità, è la più corretta? A. Il termine qualità

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Competenze generali delle professioni sanitarie SUP. Competenze professionali specifiche del ciclo di studio in Cure infermieristiche

Competenze generali delle professioni sanitarie SUP. Competenze professionali specifiche del ciclo di studio in Cure infermieristiche Competenze finali per le professioni sanitarie SUP Versione III 9 maggio 2011 Documenti tradotti dal testo ufficiale in lingua tedesca e francese pubblicato sul sito della Conferenza dei Rettori delle

Dettagli

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale.

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. Gestione e sviluppo richiedono oggi comportamenti diversi

Dettagli

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove Dr. Mario Venturini Professionista operante in conformità alla Legge n. 4 del 14 /01/2013 Certified Management Consultant - Socio qualificato APCO-CMC n 2003/0042 Affianchiamo l imprenditore ed i suoi

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE

CORSO DI ALTA FORMAZIONE CORSO DI ALTA FORMAZIONE TITOLO DEL CORSO Project Manager TIPOLOGIA FORMATIVA DEL PROGETTO Formazione professionale PROFILO PROFESSIONALE Il Corso di Alta Formazione è rivolto a coloro che intendono acquisire

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

Come gestire il cambiamento organizzativo?

Come gestire il cambiamento organizzativo? DAL 1946, CONSULENTI DI DIREZIONE 10133 TORINO CORSO FIUME 2 - Tel.(011) 6604346 6603826 (fax) Email: consulenti@studiobarale.it Come gestire il cambiamento organizzativo? Una breve guida all introduzione

Dettagli

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA REALTÀ CORRENTE INNOVATION & CHANGE OGGI IL CLIMA GENERALE È CARATTERIZZATO DA CONTINUI

Dettagli

Master in Private Banking

Master in Private Banking Master in Private Banking 2 Premessa Di fronte ai cambiamenti e alle evoluzioni del mercato che si susseguono con sempre maggiore forza, il private banker riveste un ruolo insostituibile fondato su una

Dettagli

TEAM LEADERSHIP: GESTIRE E VALORIZZARE PERSONE E PROFESSIONALITÀ NELLE PMI

TEAM LEADERSHIP: GESTIRE E VALORIZZARE PERSONE E PROFESSIONALITÀ NELLE PMI TEAM LEADERSHIP: GESTIRE E VALORIZZARE PERSONE E PROFESSIONALITÀ NELLE PMI Corso di Alta Formazione - Innovazione, Finanza e Management per le PMI Premessa La LUM School of Management crede fermamente

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA

SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA Bologna Aprile 2009 L IMPORTANZA DEL MOMENTO In un mercato denso di criticità e nel medesimo tempo di opportunità, l investimento sulle

Dettagli

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico.

Art. 1 - Oggetto. Oggetto del presente Piano è la progettazione di massima dei corsi per il triennio 2014-2016 e il relativo preventivo economico. PIANO DI FORMAZIONE TRIENNIO 2014-2016 AI SENSI DELLA CONVENZIONE TRA LA SCUOLA NAZIONALE DELL AMMINISTRAZIONE E L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Art. 1 - Oggetto Oggetto del presente Piano

Dettagli

Follia è fare quel che si è sempre fatto aspettandosi risultati diversi

Follia è fare quel che si è sempre fatto aspettandosi risultati diversi I Sistemi di gestione Follia è fare quel che si è sempre fatto aspettandosi risultati diversi Jim Kearns Relatore: Sandro Vanin Qualita, Sicurezza, Ambiente Schemi di certificazione. ISO 9001, OHSAS 18001,

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013

Catalogo Corsi. Aggiornato il 16/09/2013 Catalogo Corsi Aggiornato il 16/09/2013 KINETIKON SRL Via Virle, n.1 10138 TORINO info@kinetikon.com http://www.kinetikon.com TEL: +39 011 4337062 FAX: +39 011 4349225 Sommario ITIL Awareness/Overview...

Dettagli