Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc"

Transcript

1 Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies

2 Le organizzazioni che forniscono servizi IT si trovano a operare in un contesto complesso, in cui le esigenze aziendali e le aspettative degli utenti sono sempre più elevate, la tecnologia diventa maggiormente dinamica e articolata, mentre i budget restano contenuti. Inoltre, sussiste la difficoltà di reperire le persone con i livelli di competenza richiesti per sostenere infrastrutture complesse e livelli di servizio sempre più esigenti. In tante aziende, talvolta, i processi più destrutturati si trovano all interno dei settori informatici. Infatti, mentre la funzione sistemi informativi (FSI) si adopera al meglio per ottimizzare i processi tipici delle altre aree aziendali (vendita, marketing, amministrazione e finanze, risorse umane, ecc.), s pesso trascura i propri processi interni. È solo negli ultimi anni che questa tendenza ha subito un inversione. Ultimamente, infatti, i direttori informatici si stanno concentrando sempre di più sul miglioramento dei propri processi interni in un ottica di recupero di efficienza ed efficacia, nonché per migliorare la qualità dei servizi offerti ed essere conformi alle normative vigenti. Un vantaggio delle organizzazioni orientate ai processi risiede nel fatto che i processi possono essere progettati per sostenere un approccio orientato al cliente. Ciò ha reso sempre più importante l allineamento fra l organizzazione IT (responsabile di fornire le informazioni) e il proprio cliente / utente (responsabile di utilizzare tali sistemi informativi nel proprio business). In aggiunta, in seguito al progressivo aumento della dipendenza dell azienda dall informazione, la qualità dei servizi informativi è continuamente, e in maggior misura, soggetta a rigorose esigenze interne ed esterne. In questo ambito il ruolo degli standard quali ISO/IEC e ISO/IEC 20000, come pure il riferimento a modelli di buone pratiche come ITIL e COBIT, sta diventando sempre più importante quale ausilio nello sviluppo di un sistema gestionale che soddisfi tali requisiti. Vantaggi per l azienda Ottimizzazione dell infrastruttura IT a garanzia del soddisfacimento delle esigenze aziendali Allineamento dei servizi IT alle esigenze dell azienda e dei suoi clienti Miglioramento del lavoro di squadra e comunicazioni più efficienti Miglioramento della gestione e del controllo dei sistemi IT Miglioramento del rispetto delle prestazioni del servizio IT (SLA) Vantaggi per il partecipante Miglioramento delle competenze e delle prestazioni professionali Aggiornamento delle proprie conoscenze nel campo dell IT per mantenersi competitivi Riconoscimento delle certificazioni dall azienda, dai colleghi e dal mercato Qualifica per lavori che richiedono una specifica conoscenza organizzativa e gestionale Certificazioni internazionali ITIL Foundation, ITIL Intermediate e ITIL Expert Comprendere le buone pratiche proposte da ITIL per valutarle, adattarle e applicarle nella propria organizzazione IT 1

3 Obiettivi Il Certificate of Advanced Studies (CAS) in Specialista ITIL consente di: capire la gestione del servizio IT; comprendere le modalità organizzative per processi; conoscere in modo approfondito il ciclo di vita dei servizi secondo ITIL ; approfondire le varie fasi del ciclo di vita: Service Strategy, Service Design, Service Transition, Service Operation e Continual Service Improvement; comprendere come una buona gestione dei processi contribuisca a migliorare la produttività e l efficacia; acquisire conoscenze per il governo degli aspetti strategici e manageriali della gestione del servizio IT. Destinatari Tutti i collaboratori e i dirigenti coinvolti nell organizzazione, nella gestione o nell operatività dei servizi IT, per es. progettisti, architetti, gestori applicazioni, analisti funzionali, relationship manager, gestori e responsabili delle modifiche, gestori della configurazione, gestori degli incidenti, IT continuity manager, responsabili finanziari IT, test manager, analisti sicurezza informatica, IT service manager, gestori problemi, addetti consegne in produzione, sistemisti, amministratori di sistema e di rete, responsabili del supporto tecnico, operatori e responsabili di Service desk, gestori dei livelli di servizio. Consulenti interni o esterni che assistono un organizzazione nella pianificazione, implementazione o miglioramento della gestione del servizio IT (IT Service Management). Collaboratori della revisione interna e/o del controlling incaricati di esaminare la gestione del servizio (IT Service Management). Certificato Certificate of Advanced Studies SUPSI Certificazione ITIL Expert Crediti di studio 22 crediti di studio ITIL Programma Primo anno (112 ore-lezione) La qualità dei processi informatici con ITIL Service Strategy Service Transition Service Operation Secondo anno (96 ore-lezione) Service Design Continual Service Improvement Managing Across the Lifecycle Durata 208 ore-lezione suddivise su due anni accademici Relatori Professionisti, esperti del settore con esperienze rilevanti nel proprio ambito di specializzazione Responsabile Roberto Mastropietro, direttore Istituto sistemi informativi e networking SUPSI Lingue Per i moduli La qualità dei processi informatici con ITIL e Service Operation sono disponibili le dispense e l esame in lingua italiana; per tutti gli altri corsi, invece, il materiale e gli esami sono solo in inglese. Alle persone non di lingua madre inglese vengono concessi 30 minuti supplementari durante gli esami di certificazione. Requisiti Esperienza di 1 o 2 anni in un organizzazione informatica. 2

4 Iscrizioni Entro il 7 settembre 2012 Date Da ottobre 2012 a giugno 2014 Orari I corsi si svolgono di norma la sera del lunedì e del martedì, dalle alle Luogo SUPSI, Dipartimento tecnologie innovative, Manno Costo CHF all anno IVA esente Il costo è comprensivo di tutti gli esami di certificazione e della documentazione didattica. Informazioni amministrative SUPSI, Dipartimento tecnologie innovative Galleria 2, CH-6928 Manno T +41 (0) F +41 (0)

5 Programma in dettaglio La qualità dei processi informatici con ITIL Presentazione Il modulo propone un introduzione alla gestione per processi e fornisce una panoramica dei principi e dei contenuti dell approccio alla gestione dei servizi informatici secondo ITIL. Obiettivi Approfondire l approccio per processi Comprendere come i processi interagiscono per contribuire a una buona gestione di un organizzazione IT e apprezzare i vantaggi dell adozione delle buone pratiche Fornire elementi utili per descrivere, analizzare, verificare e migliorare i processi informatici della propria azienda Introdurre i principali strumenti di riferimento quali COBIT e ITIL Presentare le principali buone pratiche proposte da ITIL : processi, relazioni, benefici e sfide Familiarizzarsi con la terminologia di ITIL Apprezzare il ciclo di vita dei servizi secondo ITIL Integrare le proprie conoscenze con quelle acquisite e prepararsi all esame di certificazione ITIL Foundation Crediti di studio 2 crediti di studio ITIL, subordinati al superamento dell esame di certificazione. Programma Introduzione alla gestione per processi in ambito aziendale e alla normativa ISO 9001 Introduzione al modello COBIT per il governo e il controllo dell informatica Introduzione alla gestione dei servizi informatici Il ciclo di vita dei servizi secondo ITIL Funzioni e ruoli nella gestione dei processi secondo ITIL Presentazione delle fasi e dei processi ITIL di gestione del servizio: Service Strategy; Service Design; Service Transition; Service Operation e Continual Service Improvement Presentazione delle funzioni organizzative (Service desk, gestione tecnologica, gestione applicativa e gestione operativa) Architettura tecnologica e automazione del servizio Introduzione allo standard ISOIIEC per la certificazione dei processi informatici di gestione Durata 28 ore-lezione Date 1, 2, 8, 9, 15, 16, 22 ottobre 2012 Esame di certificazione ITIL Foundation L esame, da sostenere senza l ausilio di documentazione, comprende 40 domande a scelta multipla a cui rispondere in 60 minuti. Per superare la prova, il partecipante deve ottenere il 65% del punteggio totale (ossia almeno 26 punti). 4

6 Service Strategy Presentazione Il modulo propone una formazione sulla fase di Service Strategy, che è il fulcro del ciclo di vita dei servizi. La creazione del valore da parte dell informatica prende avvio in questa fase con la comprensione degli obiettivi aziendali e delle esigenze del cliente/utente. Ogni elemento dell organizzazione (p. es. persona, processo e prodotto) dovrebbe essere finalizzato a sostenere la strategia IT dell azienda. Obiettivi Ottenere una buona comprensione delle questioni inerenti la gestione e la sorveglianza dei processi e delle attività di IT Service Strategy Comprendere le interfacce tra la Service Strategy e le altre fasi del ciclo di vita dei servizi secondo ITIL Sostenere l esame di certificazione ITIL Service Strategy Crediti di studio 3 crediti di studio ITIL, subordinati al superamento dell esame di certificazione. Esame di certificazione intermedio L esame, da sostenere senza l ausilio di documentazione, comprende 8 domande a scelta multipla a cui rispondere in 90 minuti. Le alternative di risposta fornite, secondo il loro grado di correttezza, hanno associato un punteggio da 0 a 5. Il punteggio massimo dell esame corrisponde pertanto a 40 punti. Una delle risposte è la migliore e genera il massimo dei punti, una risposta è parzialmente corretta e genera alcuni punti, una risposta è poco corretta e genera pochi punti, una risposta è errata e genera zero punti. Per superare l esame, i partecipanti devono ottenere il 70% del punteggio totale (ossia almeno 28 punti). Programma Presentazione del concetto del ciclo di vita dei servizi Principi di Service Strategy: Prospettive, piani, posizioni e modelli strategici; Differenziazione e vantaggio strategico Creazione del valore: Contributo dei servizi; Tipologie di fornitori dei servizi; Reti del valore Definizione dei servizi e del mercato in cui si opera: Principi di Service Strategy; Che cosa è un servizio? Che cosa è un mercato?; Customer outcome decision model; Asset-based and utility-based service strategies Svolgimento di valutazioni strategiche Applicazione dei processi di Service Strategy: Attuazione e gestione della strategia; Gestione del portafoglio servizi (Service portfolio management); Business relationship management; Gestione della domanda e finanziaria (Financial management for IT services) Fattori critici di successo e rischi inerenti alla Service Strategy Riassunto e simulazione d esame Durata 28 ore-lezione Date 19, 20, 26, 27 novembre; 3, 4, 10 dicembre

7 Service Transition Presentazione Il modulo propone una formazione sulla fase di Service Transition. La stessa mira allo sviluppo e al perfezionamento delle capacità di introdurre servizi nuovi o modificati in produzione. In particolare, la fase di Service Transition assicura che il valore identificato nella strategia e progettato nella fase di Service Design venga effettivamente concretizzato, in modo che possa essere realizzato in produzione. Obiettivi Ottenere una buona comprensione delle questioni inerenti la gestione e la sorveglianza dei processi e delle attività di IT Service Transition Comprendere le interfacce tra la fase di Service Transition e le altre fasi del ciclo di vita dei servizi secondo ITIL Sostenere l esame di certificazione ITIL Service Transition Crediti di studio 3 crediti di studio ITIL, subordinati al superamento dell esame di certificazione. Esame di certificazione intermedio L esame, da sostenere senza l ausilio di documentazione, comprende 8 domande a scelta multipla a cui rispondere in 90 minuti. Per superare la prova, i partecipanti devono ottenere il 70% del punteggio totale (ossia almeno 28 punti). Programma Introduzione alla fase di Service Transition: Scopo della fase e obiettivi di Service Transition; Relazione con il ciclo di vita dei servizi Principi di Service Transition: Principi chiave di Service Transition; Concetto di servizio e ruolo di utilità (Utility) e garanzia (Warranty) nell erogazione del servizio Processi di Service Transition: Pianificazione e supporto alla transizione; Service asset and configuration management; Gestione delle modifiche; Gestione della conoscenza; Convalida e collaudo del servizio; Valutazione della modifica; Gestione della consegna e della distribuzione Attività comuni di Service Transition: Gestione della comunicazione e degli impegni (Commitment); Gestione dei cambiamenti organizzativi e delle parti interessate (Stakeholder) Aspetti organizzativi del Service Transition: Ruoli e responsabilità; Proposta di struttura organizzativa per il Service Transition Aspetti tecnologici del Service Transitiony Implementazione, fattori critici di successo e rischi inerenti al Service Transition Riassunto e simulazione d esame Durata 28 ore-lezione Date 4, 5, 11, 12, 25, 26 marzo; 8 aprile

8 Service Operation Presentazione Il modulo propone una formazione sui processi di erogazione e di gestione dei servizi IT negli ambienti di produzione. L obiettivo di questa fase è il raggiungimento di efficacia ed efficienza nell erogazione e nel sostegno dei servizi IT per assicurare valore al cliente, agli utenti e al fornitore dei servizi informatici. Obiettivi Ottenere una buona comprensione delle questioni inerenti la gestione e la sorveglianza dei processi, delle attività e delle funzioni di IT Service Operation Comprendere le interfacce tra la Service Operation e le altre fasi del ciclo di vita dei servizi secondo ITIL Sostenere l esame di certificazione ITIL Service Operation Crediti di studio 3 crediti di studio ITIL, subordinati al superamento dell esame di certificazione. Esame di certificazione intermedio L esame, da sostenere senza l ausilio di documentazione, comprende 8 domande a scelta multipla a cui rispondere in 90 minuti. Per superare la prova, i partecipanti devono ottenere il 70% del punteggio totale (ossia almeno 28 punti). Programma Introduzione alla fase di Service Operation: Scopo della fase e obiettivi di Service Operation; Relazione con il ciclo di vita dei servizi Principi di Service Operation Processi di Service Operation: Gestione degli eventi e degli incidenti; Evasione delle richieste (Request fulfillment); Gestione dei problemi e degli accessi; Attività operative di processi attribuiti ad altre fasi (p. es. Change management) Attività comuni di Service Operation: Monitoraggio e controllo; Gestione del mainframe; Gestione e supporto server; Gestione della rete; Gestione banche dati e archiviazione; Directory services management; Desktop support; Middleware management; Gestione internet/web; Gestione logistica e centro elaborazione dati; Gestione della sicurezza dell informazione in relazione al Service Operation Funzioni organizzative, ruoli e responsabilità di Service Operation: Service Desk; Gestione e supporto tecnico; Gestione operativa; Gestione applicazioni; Strutture organizzative di Service Operation Considerazioni tecnologiche Implementazione, fattori critici di successo e rischi inerenti al Service Transition Riassunto e simulazione d esame Durata 28 ore-lezione Date 6, 7, 13, 14, 27, 28 maggio; 10 giugno

9 Service Design Presentazione Il modulo propone una formazione sulla fase di Service Design. Se i servizi devono portare valore all azienda, essi devono essere progettati tenendo conto degli obiettivi aziendali. La progettazione copre l intera organizzazione IT che è poi l insieme dell organizzazione che eroga e mantiene i servizi. La fase di Service Design trasforma la strategia IT in un progetto o in un piano per concretizzare gli obiettivi aziendali. Obiettivi Ottenere una buona comprensione delle questioni inerenti la gestione e la sorveglianza dei processi e delle attività di IT Service Design Comprendere le interfacce tra la Service Design e le altre fasi del ciclo di vita dei servizi secondo ITIL Sostenere l esame di certificazione ITIL Service Design Crediti di studio 3 crediti di studio ITIL, subordinati al superamento dell esame di certificazione. Esame di certificazione intermedio L esame, da sostenere senza l ausilio di documentazione, comprende 8 domande a scelta multipla a cui rispondere in 90 minuti. Per superare la prova, i partecipanti devono ottenere il 70% del punteggio totale (ossia almeno 28 punti). Programma Introduzione alla fase di Service Design: Relazione con il ciclo di vita dei servizi; Scopo e obiettivi della fase; Valore aggiunto per il business Principi di Service Design Processi di Service Design: Gestione del catalogo dei servizi; Gestione dei livelli di servizio; Gestione della capacità; Gestione della disponibilità; Gestione della continuità dei servizi; Gestione della sicurezza delle informazioni; Gestione dei fornitori Attività relazionate alla tecnologia: Requirements engineering; Data and information management; Application management Aspetti organizzativi del Service Design Considerazioni sulla tecnologia Implementazione, fattori critici di successo e rischi inerenti al Service Design Riassunto e simulazione d esame Durata 28 ore-lezione Date Anno accademico

10 Continual Service Improvement Presentazione Questo modulo illustra come monitorare, misurare e ottimizzare l erogazione dei servizi grazie ai processi ITIL di Continual Service Improvement (CSI). Adottando le linee guida di CSI, le organizzazioni IT creano, mantengono e incrementano il valore aziendale dei servizi IT grazie a una migliore progettazione, transizione e produzione degli stessi. Obiettivi Comprendere l importanza del concetto di Service management e dello scopo, degli obiettivi e dei principi della fase di Continual Service Improvement Apprezzare come i processi del Continual Service Improvement interagiscono con gli altri processi del ciclo di vita del servizio Sostenere l esame di certificazione ITIL Continual Service Improvement Crediti di studio 3 crediti di studio ITIL, subordinati al superamento dell esame di certificazione. Esame di certificazione intermedio L esame, da sostenere senza l ausilio di documentazione, comprende 8 domande a scelta multipla a cui rispondere in 90 minuti. Per superare la prova, i partecipanti devono ottenere il 70% del punteggio totale (ossia almeno 28 punti). Programma Introduzione alla fase di Continual Service Improvement: Scopo e obiettivi della fase di Continual Service Improvement; Ambito del Continual Service Improvement; Relazione con il ciclo di vita dei servizi; Valore aggiunto e costi del Continual Service Improvement Principi di Continual Service Improvement: CSI e cambiamento organizzativo; Valore aziendale: quattro motivi per monitorare e misurare; Metriche e misurazioni; Ritorno sull investimento (ROI) del CSI; Piano di miglioramento dei servizi (Service improvement plan) Metodi e tecniche di Continual Service Improvement: Accertamento e valutazione (Assessment); Service gap model; Analisi comparativa (Benchmarking); Modelli per la misurazione e il reporting; Collegamento tra il CSI e altri processi di gestione del servizio Aspetti organizzativi del Continual Service Improvement: Ruoli e responsabilità; Conoscenze (skill) richieste Considerazioni tecnologiche Implementazione, fattori critici di successo e rischi inerenti al Service Transition Riassunto e simulazione d esame Durata 28 ore-lezione Date Anno accademico

11 Managing Across the Lifecycle Presentazione Questo modulo presenta la visione d insieme e mette a frutto tutte le attività e i processi del ciclo di vita della gestione dei servizi IT per trattare le questioni aziendali e manageriali, la gestione della pianificazione e dell implementazione della gestione del servizio IT, la gestione strategica del cambiamento, la gestione dei rischi, le funzioni manageriali, le sfide organizzative, la valutazione dei progetti nonché altre possibili guide e fonti di informazione in questi ambiti, quali COBIT e ISO/IEC Obiettivi Comprendere i risvolti della gestione dei servizio IT sul business e sulla Direzione Gestire la pianificazione e l implementazione dell IT Service management Comprendere e gestire il cambiamento strategico Attuare la gestione del rischio (Risk management) come regola Avere una maggiore comprensione delle sfide organizzative Comprendere gli scopi e i metodi di valutazione dei servizi (Service assessment) Conoscere, comprendere ed essere in grado di utilizzare le fonti complementari d informazione Crediti di studio 5 crediti di studio ITIL, subordinati al superamento dell esame di certificazione. Esame di certificazione finale L esame, da sostenere senza l ausilio di documentazione, comprende 8 domande a scelta multipla a cui rispondere in 90 minuti. Per superare la prova, i partecipanti devono ottenere il 70% del punteggio totale (ossia almeno 28 punti). Programma Introduzione all IT Service Management, Business e aspetti manageriali: Relazione Business e IT; Lifecycle positioning and transiting Gestione del cambiamento strategico; La sfida della creazione del valore; Componenti importanti per la gestione dei rischi del ciclo di vita; Valore aggiunto per il business; Pianificazione e definizione dell ambito, delle risorse e delle capacità; Controllo della qualità; Come influenzare la strategia; Relazioni con i clienti Gestione del rischio (Risk management) Gestione della pianificazione e dell attuazione dell IT Service Management Comprendere le esigenze organizzative: Maturità dell organizzazione; Struttura organizzativa; Sicurezza dei dati e dell informazione; Cambiamento organizzativo e transizione; Governo (Governance); Ricerca dell equilibrio nell operatività dei servizi Service Assessment: Valore della misurazione e della sorveglianza (Monitoring); Valore dell analisi comparativa (Benchmark); Service Portfolio assessment across the lifecycle; Business Perspective and Improvements Linee guida e strategia di strumentazione: COBIT ; ISO/IEC 20000; CMMI; Balanced score card; Six Sigma; Gestione progetto; Gestione della qualità; Management Governance frame work; Tool Strategies Riassunto e simulazione d esame Durata 36 ore-lezione Date Anno accademico

12 Formazioni su misura La formazione continua del Dipartimento tecnologie innovative offre a organizzazioni, istituti, enti, associazioni e aziende dei progetti di formazione su misura, mirati alle singole esigenze. La tabella seguente elenca i corsi proposti nell ambito della gestione dei servizi IT. ITIL v3.1 Foundation (Livello base) SI.01 La qualità dei processi informatici con ITIL (ITIL Foundation for IT Service Management), 28 ore-lezione 2 crediti ITIL ITIL v3.1 Intermediate (Livello intermedio) Lifecycle Stream (Percorso del ciclo di vita del servizio) SI.02 Service Strategy (SS), 28 ore-lezione 3 crediti ITIL SI.03 Service Transition (ST), 28 ore-lezione 3 crediti ITIL SI.04 Service Operation (SO), 28 ore-lezione 3 crediti ITIL SI.05 Service Design (SD), 28 ore-lezione 3 crediti ITIL SI.06 Continual Service Improvement (CSI), 28 ore-lezione 3 crediti ITIL Capability Stream (Percorso tematico) Planning, Protection and Optimization (PP&O), 36 ore-lezione Service Offerings and Agreements (SO&A), 36 ore-lezione Release, Control and Validation (RC&V), 36 ore-lezione Operational Support and Analysis (OS&A), 36 ore-lezione 4 crediti ITIL 4 crediti ITIL 4 crediti ITIL 4 crediti ITIL Corso conclusivo ITIL Expert (livello avanzato) SI.07 Managing Across the Lifecycle (MALC), 36 ore-lezione 5 crediti ITIL Corsi complementari Service Organization and IT Relations (SO&R), 16 ore-lezione COBIT per il governo e il controllo dell informatica, 36 ore-lezione La certificazione dei processi di gestione dei servizi IT mediante lo standard ISO/IEC :2011 (ISO/IEC Foundation), 20 ore-lezione 2 crediti SUPSI 4 crediti SUPSI 2 crediti SUPSI 1 credito ITIL Maggiori informazioni Sabrina Zanfrini-Silini T +41 (0)

13 Condizioni generali Iscrizioni Per partecipare a un corso l iscrizione è obbligatoria. Se non precisato altrimenti, nell accettazione farà stato l ordine cronologico delle iscrizioni. Per garantire un buon livello qualitativo del corso, SUPSI fissa un numero minimo e massimo di partecipanti. Quota di iscrizione Se il corso è a pagamento, la quota di iscrizione è da versare sul conto bancario della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI): Dalla Svizzera, prima dell inizio del corso, tramite la polizza che verrà inviata con la conferma di iscrizione Dall estero, dopo la conferma d iscrizione, con bonifico bancario intestato a SUPSI presso la Banca dello Stato del Cantone Ticino, CH Bellinzona, IBAN CH C000C, Swift Code BIC: BSCTCH 22, clearing 764. Causale: Titolo del corso Annullamenti e rinunce Nel caso in cui il numero di partecipanti fosse insufficiente o per eventuali altri motivi, SUPSI si riserva il diritto di annullare il corso. In tal caso le persone iscritte verranno avvisate tempestivamente e, se avranno già versato la quota di iscrizione, saranno rimborsate. Qualora sia il partecipante a rinunciare, quest ultimo è tenuto di regola al versamento del 50% della quota di iscrizione: Se iscritto alla formazione breve (0-9 ECTS) e se notifica la propria rinuncia nei 7 giorni che precedono l inizio del corso Se iscritto alla formazione lunga (10-60 ECTS) e se notifica la propria rinuncia nei 21 giorni che precedono l inizio del corso Casi particolari vengono analizzati e decisi con il direttore di Dipartimento In caso di rinunce notificate successivamente ai termini di cui sopra o a corso già avviato, il partecipante non avrà diritto ad alcun rimborso e la quota di partecipazione diverrà immediatamente esigibile. Sono fatte salve eventuali deroghe previste nei regolamenti di ogni singolo corso alle quali si fa espressamente richiamo. In caso di rinuncia al corso per malattia o infortunio del partecipante (nei 7 giorni, rispettivamente 21 giorni prima delle lezioni o a corso già avviato), la fattura inerente la quota di iscrizione sarà annullata a condizione che sia presentato un certificato medico. Chi fosse impossibilitato a partecipare può proporre un altra persona previa comunicazione a SUPSI e accettazione da parte del responsabile del corso. Modifiche SUPSI si riserva il diritto di modificare il programma, la quota di iscrizione e il luogo dei corsi a seconda delle necessità organizzative. Assicurazione I partecipanti non sono assicurati dalla SUPSI. Privacy Il trattamento dei dati avviene nel rispetto della legislazione svizzera (Legge federale sulla protezione dei dati). Foro competente Per eventuali controversie il foro competente è Lugano, che è pure foro esecutivo ai sensi della LEF (legge federale sulla esecuzione e sul fallimento). Il diritto applicabile è quello svizzero. 13

14 FC 12/13 SI Cartolina di iscrizione Certificate of Advanced Studies SUPSI in Specialista ITIL Mi iscrivo Dati personali Cognome Nome Attinenza (per stranieri luogo di nascita) Data di nascita Professione Funzione Indicare l indirizzo per l invio delle comunicazioni e l addebito della tassa di iscrizione Azienda/Ente Via e N. CAP, Luogo Telefono Preferenza di invio schede informative tramite posta elettronica Data Firma La firma del modulo d iscrizione vale quale accettazione delle condizioni SUPSI e quale riconoscimento di debito ai sensi della LEF. Si prega di completare tutti i campi.

15 SUPSI Dipartimento tecnologie innovative Galleria 2 CH-6928 Manno

16 Informazioni SUPSI Dipartimento tecnologie innovative Galleria 2 CH-6928 Manno T +41 (0) F +41 (0) SFC, 2012/2013, DTI

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l.

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l. Balance GRC Referenze di Progetto Settembre 2013 Pag 1 di 18 Vers. 1.0 Project Management Anno: 2012 Cliente: ACEA SpA Roma Durata: 1 anno Intervento: Gestione dei progetti riguardanti l implementazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti Alessandro Bruni CIO at Baglioni Hotels Workshop AICA: "Il Service Manager: il ruolo e il suo valore per il business" 8/ 2/2011 Il gruppo Baglioni Hotels

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Governo dei sistemi informativi

Governo dei sistemi informativi Executive Master Governo dei sistemi informativi > II edizione CONFINDUSTRIA VENEZIA CONFINDUSTRIA PADOVA CONFINDUSTRIA VENEZIA gennaio/luglio 2011 Obiettivi Un numero crescente di organizzazioni appartenenti

Dettagli

Best practice per il Service Mgmt

Best practice per il Service Mgmt Best practice per il Service Mgmt IBM e il nuovo ITIL v3 Claudio Valant IT Strategy & Architecture Consultant IBM Global Technology Services IBM Governance and Risk Agenda Introduzione ad ITIL V3 Il ruolo

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA 24 ottobre 2013 WEB CONFERENCE LEZIONE LIVE IN VIDEOCONFERENZA PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per l aggiornamento professionale

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Codice IBAN: IT 52 H 07601 03200 001013078355

Codice IBAN: IT 52 H 07601 03200 001013078355 Pagamenti Per iscriversi a uno dei corsi di lingua italiana della Scuola Romit è necessario il pagamento della tassa di iscrizione di 50 euro più l importo equivalente al 20% del totale costo del corso,

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED ANALYTICS WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it ADVANCED ANALYTICS

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

RECAPITO a mezzo raccomandata/telegramma (se diverso dalla residenza, indicare qui sotto):

RECAPITO a mezzo raccomandata/telegramma (se diverso dalla residenza, indicare qui sotto): Prot. n. di data Riservato all Ufficio Al Direttore Generale dell'università degli Studi di Trieste Ripartizione Reclutamento e Formazione Piazzale Europa, 1-34127 Trieste Il/la sottoscritto/a chiede di

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT Via Turati 4/3, 16128 Genova Tel. 348/4103643 Fax 010/8932429 ITIL (Information Technology Infrastructure Library) 1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT In un mercato in cui il successo delle aziende è

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE Le coperture a tutela dell impresa EDIZIONE 21 maggio 2014 DOCENZA IN WEBCONFERENCE PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per il conseguimento della formazione professionale

Dettagli

Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time

Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time NOVITÀ 2013! CONSUMER INTELLIGENCE FORUM 7 Aziende: Conoscere le Tecnologie e le Strategie innovative di ANALISI dei DATI per fare business Real Time > Nicola Aliperti Global It Project Manager Marketing

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli