Studio e analisi di strumenti di gestione automatica di infrastrutture IT (Chef, Ansible, Puppet )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio e analisi di strumenti di gestione automatica di infrastrutture IT (Chef, Ansible, Puppet )"

Transcript

1 Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Sistemi Operativi Studio e analisi di strumenti di gestione automatica di infrastrutture IT (Chef, Ansible, Puppet ) Anno Accademico 2013/2014 Candidato: Antonio Barbato matr. N

2

3 Indice Indice... III Introduzione... 5 Capitolo 1: WebScaleIT Automation... 9 ITIL Capitolo 2: Configuration Management (CM) Change Management Release Management Capitolo 3: Deployment e Provisioning Bare Metal Provisioning Capitolo 4: Continuous Delivery DevOps Capitolo 5: Puppet Componenti Puppet Agent Puppet Master PuppetDB PE Console Role-based Access Control (RBAC) Live Management Configuration Management Modules and Manifests Catalog Resources Assegnare dati di configurazione Attivare il processo di configurazione Monitoraggio Orchestration Components Actions and Plugins Deployment Capitolo 6: Chef Componenti Workstation Chef Server Client Chef Chef Analytic Chef DK Resource e Recipe... 33

4 6.3 Configuration Management Cloud Management Capitolo 7: Ansible Agentless Playbooks Task list Moduli Inventory Pattern Conclusioni Bibliografia... 42

5 Introduzione "Con il termine Infrastructure IT ci si riferisci all insieme delle risorse hardware, software, di rete e i servizi necessari per l esistenza,il funzionamento e la gestione degli ambienti IT aziendali. Essa permette ad un organizzazione di distribuire servizi e soluzioni IT ai suoi dipendenti, partners e/o ai consumatori essa è solitamente interna all organizzazione e distribuita all interno di strutture di proprietà [...] " (1), tuttavia è possibile che un'infrastruttura IT sia a disposizione di più aziende. L'unità organizzativa che si occupa della gestione e del coordinamento prende il nome di Data Center o CED (Centro di Elaborazione Dati), il numero di persone e di attività che si svolgono sono davvero molte, basti pensare che all interno possono esserci delle vere e proprie Server Farm (2). Tipicamente sono presenti diverse figure professionali dallo studente tirocinante, passando per gli sviluppatori fino ad arrivare a sistemisti, tecnici specializzati e amministratori. La gestione e il coordinamento di tutte le parti che compongono tale struttura risulta ardua e onerosa. Una cattiva amministrazione può portare a delle conseguenze sicuramente non piacevoli. Tipicamente è l amministratore di sistema che si occupa dell infrastruttura.i suoi obiettivi sono quelli di utilizzare le risorse in maniera efficiente cioè cercare di ottenere alta qualità, nel minor tempo possibile, con il minor spreco di risorse, nel rispetto delle politiche aziendali e rientrando nei limiti imposti dal budget. Per tenere elevate prestazioni e qualità spesso è necessario aggiornare le tecnologie utilizzate sia in termini hardware che software e quindi un buon amministratore di sistema dovrebbe tenere sempre in considerazione eventuali soluzioni innovative. Google, Amazon, Rackspace, Netflix e Facebook (3) i così detti Web Innovator, sono riusciti negli ultimi anni ad ottenere un elevato successo cambiando radicalmente i modelli di consumo e le aspettative. Oggi i consumatori sono abituati a beni e servizi disponibili online in qualsiasi momento, in qualsiasi luogo e da qualsiasi tipo di dispositivo, oltre alle 5

6 aspettative di elevata velocità e affidabilità. Ogni azienda che ha una "digital presence" e che vuole rimanere competitiva rischia l'obsolescenza se non si adatta alle odierne richieste di mercato ed è quindi in alcuni casi costretta a trasformare il proprio modo di fare business. 6

7 Capitolo 1: WebScaleIT Le metodologie e i criteri innovativi applicati dai Web Innovator per raggiungere un così elevato livello di qualità e prestazione sono racchiusi all'interamente del concetto di WebScaleIT. Questo termine è stato introdotto per la prima volta dalla Gartner ( rinomata società che si occupa di ricerca e consulenza operante nell'ambito dell'information technology ) per indicare il modello di sviluppo adottato dai Web Innovators. Il termine "Scale" (3) si riferisce a numerose dimensioni. Una dimensione è la grandezza ("size") con la quale si misura il numero di server fisici o virtuali distribuiti. la seconda dimensione è la complessità ( " complexity") con la quale ci si riferisce alla sofisticatezza dei componenti o servizi utilizzati per fornire una determinata soluzione software, e all'interdipendenza tra di essi. Un'altra dimensione è il numero di persone necessarie per mantenere e supportare l'infrastruttura. L'agilità("agility") intesa come l'abilità di rispondere velocemente ai cambiamenti richiesti e infine l'ultima dimensione è la velocità("rapidity") definita dal tempo che intercorre tra l'ideazione di un prodotto e la sua effettiva commercializzazione. Le caratteristiche del Web Scale IT sono le seguenti : Utilizzo di software open-source e "commodity hardware" in questo modo è possibile creare un infrastruttura che sia completamente controllabile. Inoltre siccome c'è poca fiducia nei confronti dei fornitori di terze parti si preferisci raggiungere un elevato uptime (intervallo di tempo in cui un singolo apparato o un intero sistema informatico è stato ininterrottamente acceso e correttamente funzionante ) non comprando alimentatori o dischi ridondanti ma utilizzando la tecnica del fault-tolerant software, cioè progettare l'intero sistema in modo che sia elastico in presenza di fallimenti hardware facendo si che esso operi correttamente anche in situazioni spiacevoli. Costruire applicazioni come un'insieme di servizi elastici ed indipendenti, 7

8 utilizzando protocolli web e pattern architetturali. I Web Innovator utilizzano un'architettura dei servizi web-based. La caratteristica essenziale di questo tipo di approccio è quella di dover pensare ad un servizio come un componente software capace di svolgere un determinato compito in modo indipendente dal resto del sistema, per renderlo condiviso e riutilizzabile. Questo tipo di approccio permette di massimizzare l'uptime e l'affidabilità. Inoltre progettando in questo modo si rende possibile agli sviluppatori di creare nuove applicazioni partendo da servizio gia esistenti. Eliminazione della divisione tra sviluppo e operazioni IT (DevOps) concetto che si trova alla base del DevOps di cui parleremo in seguito. Adottare dei flussi di lavoro che siano agili e veloci (anche questi scopo del DevOps) Tutte le pratiche sviluppate dai Web Innovators puntano alla creazione di infrastrutture che supporti uno sviluppo rapido e che abbiano l'abilità di cambiare (rapidamente ed efficacemente) in modo elastico in base ai requisiti aziendali. Il modello di lavoro dei Web Innovator si basa su alcuni approcci fondamentali: Concentrarsi sulla digital consumer experience. Collezionare dati, utilizzandoli per capire che cosa sta funzionando e cosa no, ed eventualmente basarsi su queste informazioni per migliorare. Investire nelle innovazioni tecnologiche, mettendo a disposizione dei kit di sviluppo che consentano di realizzare e testare nuove idee di business in modo facile e veloce. Effettuare numerose prove. I Web Innovators mirano a un processo di sviluppo dinamico, ciò significa che non sprecano tempo e denaro nella produzione di prodotti che ritengono essere perfetti per i consumatori per poi scoprire alla fine dello sviluppo che non è quello che i consumatori vogliono, ma cominciano con delle minime implementazioni per poi eventualmente costruire il tutto in modo incrementale. E usuale effettuare dei test denominati A/B testing, questi consistono nel fornire a dei gruppi di consumatori delle versioni diverse di una stesso servizio per poi decidere in base ai dati raccolti qual è la versione che è meglio adottare. Utilizzare strumenti automatici. 8

9 1.1 Automation L automazione sottintende tutti i modelli e le pratiche sviluppate dai web innovators. Utilizzare una piattaforma automatica è la porta di ingresso per poter aver accesso agli stessi modelli di successo che sono stati utilizzati da queste grandi aziende. Il concetto chiave dell automazione è quello di rappresentare l intera infrastruttura come codice (Infrastructure as a code). Ciò rende l infrastruttura veloce, scalabile e consistente (speed, scale and consistency), queste tre caratteristiche dipendono una dall altra per esempio: non è possibile avere elevato scalabilità senza avere velocità nell aggiungere server con una configurazione consistente. Andiamo quindi ora ad analizzare questi tre aspetti: Speed. Solitamente nella gestione di servizi IT c è la necessità di effettuare delle operazioni che coinvolgono molte macchine fisiche e/o virtuali. In assenza di uno strumento automatico queste attività devono essere svolte manualmente per ogni macchina, ovviamente questa è un operazione molto dispendiosa in termini di tempo quando è necessario eseguirla un elevato di volte numero. Con uno strumento automatico è possibile scrivere una sola volta (sotto forma di codice) le operazioni da dover effettuare per poi eseguire automaticamente su ogni macchina. Scale. È possibile scalare l infrastruttura rispondendo opportunamente alle richieste in modo di soddisfare i consumatori anche in momenti in cui la richiesta è elevata. Consistency. La piattaforma controlla la conformità con le specifiche politiche di business. Effettuando le opportune modifiche ai servizi che non sono allineati con tali politiche, riducendo i rischi e irrobustendo l'infrastruttura. Inoltre sarà possibile caricare una determinata versione del sistema a fronte di eventuali problemi riscontrati nella distribuzione di una nuova release. Iaas inoltre permette di avere un'infrastruttura: Versionabile (versionable): è possibile realizzarne diverse versioni così da poter usare quella che si ritiene più adatta. Testabile (testable): è possibile prevedere dei test automatizzati. Ripetibile (repeatable): ogni volta che abbiamo necessità di riutilizzarla è possibile eseguirla su altre macchine, mantenendone inalterata la struttura. Molte organizzazioni IT fanno affidamento su processi manuali o script per portare a termine attività ripetitive. Quando però bisogna gestire grandi sistemi questi metodi non 9

10 possono essere utilizzati poiché difficili da scalare, tracciare e mantenere, utilizzarli può portare a numerosi errori e/o diminuzioni in termini di prestazioni. Gartner ha annunciato che circa il 40% dei fallimenti nei servizi IT mission-critical sono stati causati da errori umano o nei processi, gran parte di questi fallimenti son dovuti alla mancanza di coordinamento tra i processi di change, release e configuration management. Utilizzando un Automated Configuration Management è possibile eliminare la maggior parte del lavoro manuale aumentando l'affidabilità e la predicibilità. Gli altri aspetti positivi sono: incremento della produttività (avendo la possibilità di gestire molti più nodi), diminuzione del tempo per distribuire aggiornamenti, eliminare i configuration-drift e ridurre i fallimenti. Inoltre è possibile migliorare la sicurezza del sistema, rinforzando l'ambiente operativo. L attività di Configuration Management da supporto alla gestione dei server, permettendo di configurare il sistema operativo e i software generici caricati sulla macchina target. Generalmente le attività che permette di svolgere sono: Application Deployments : distribuire velocemente le applicazione che servono a supporto di una determinato servizio Provisioning - Bare Metal Provisioning : configurare correttamente nuovi server in modo che possano subito dare supporto ai servizi IT dell'infrastruttura Cloud Management : deve fornire gli strumenti necessari per poter utilizzare i servizi dei maggiori fornitori operanti nell ambito dei cloud Ottenuto con il supporto di moduli o interfacce tipicamente messe a disposizione dai fornitori del servizio di cloud IT Compliance and Validation: Cercare di mantenere la conformità con le politiche di sicurezza non c'è quelle aziendali. Una buona piattaforma automatica dovrebbe avere anche le seguenti caratteristiche: Deve permettere di avere una vista dell intero stato della rete. Deve essere scalabile. Le infrastrutture tendono ad aumentare in dimensione e in complessità, per tale motivo una buona piattaforma automatica deve essere fortemente distribuita e non può utilizzare un approccio centralizzato perché il server centrale potrebbe diventare un collo di bottiglia a causa dell elevato lavoro cui sarebbe sottoposto. 10

11 Deve essere fault-tolerant. E necessario mettere a disposizione un insieme di strumenti che permettano di gestire un'eventuale situazione di errore o eventi spiacevoli tipo mancanza di connettività o necessità di riavviare l intero sistema. Deve essere sicura. Assicurare che la comunicazione tra server e i nodi avvenga in maniera criptata ed effettuare controlli granulari riguardo all accesso alle risorse (un esempio potrebbe essere il role-based access.) Deve riuscire a gestire reti eterogenee e supportare sistemi legacy. Deve dare la possibilità di gestire ambienti cloud. Dare supporto all attività di Continuous Delivery : e quindi alle metodologie di sviluppo del DevOps per rendere il ciclo di sviluppo agile, veloce ed elastico 11

12 ITIL La definizione di alcune delle funzionalità sono contenute all'interno di un documento che prende il nome di ITIL (Information Technology Infrastructure Library) scopo dell ITIL è di fornire un insieme di buone abitudini per la gestione dei servizi IT (IT Service Management) concentrando l attenzione sulle necessità aziendali. Esso costituisce non solo un ottimo strumento per l'amministratore di sistema ma soprattutto per l'azienda perché fornisce supporto per stabilire delle linee guida per una gestione a lungo termine dei servizi, inoltre tali linee guida possono essere utilizzate per valutare la conformità del sistema con gli obiettivi prefissati e misurare il livello di miglioramento ottenuto. ITIL è un documento diviso in cinque volumi ognuno dei quali compre una diversa fase dell'itil lifecycle: Service Strategy: mira alla comprensione degli obiettivi dell'organizzazione e le necessità dei consumatori. Service Design: trasformare le strategie di servizio in un piano per raggiungere gli obiettivi aziendali. Service Transition: mira allo sviluppo e al miglioramento delle capacità per l'introduzione di nuovi servizi. Service Operation: gestione dei servizi. Continual Service Improvement: realizzare servizi incrementali e miglioramenti su larga scala. Nella trattazione farò riferimento principalmente agli ultimi volumi essendo quelli che contengono alcune delle definizioni d interesse e che quindi sono utili per effettuare un confronto tra ciò che dovrebbe essere fatto e ciò che è realizzato dagli strumenti automatici che andremo ad analizzare. 12

13 Capitolo 2: Configuration Management (CM) E' l'attività che permette di tracciare e controllare i cambiamenti del software. Questo è realizzato mantenendo informazioni riguardo i Configuration Items (CI) all'interno del Configuration Management Database (4), le fasi che lo caratterizzano sono le seguenti: Planning: pianificazione delle strategie, definizione di obiettivi, politiche, ruoli e responsabilità. Definizione di attività e procedure relative al CMDB, identificazione delle relazioni con altri processi o terze parti. Configuration Identification: é il processo di selezione, identificazione ed etichettatura dei CIs, esso include la memorizzazione dei rispettivi attributi e relazioni tra essi. I CIs dovrebbero essere memorizzati con un determinato livello di dettaglio giustificato dalle necessità di business. Configuration Control: assicurare che solo i CI autorizzati e correttamente identificati siano gestiti dal loro ricevimento allo smaltimento. Assicurarsi che eventuali aggiunte, modifiche, sostituzioni o rimozioni dei CI siano adeguatamente documentate. Configuration status accounting: monitorare ogni CI durante tutto il suo ciclo di vita, tenendo traccia di eventuali cambiamenti negli attributi attraverso i vari stati (ordinato, ricevuto, in prova, vivo, in riparazione, ritirato, smaltimento). Configuration audits: Verificare l'esistenza fisica dei CIs e controllare che siano registrati correttamente nella lista delle parti del CMDB ovviamente in presenza di eventuali modifiche sarà necessario aggiornare la documentazione Configuration Item (CI) è l'unità strutturale fondamentale del processo di CM, può essere una risorsa hardware, software o una combinazione di risorse, che è trattata dal processo stesso come una singola entità. Un CI è caratterizzato da attributi e relazioni che saranno assegnate dal gestore della configurazione e memorizzate nel Configuration Management Database (CMDB). Tra gli attributi possiamo trovare: versione, modello, produttore, dettagli tecnici, numero d identificazione, e altro... 13

14 Com è stato possibile notare il Configuration Management Database (CMDB) è un elemento chiave, esso è utilizzato per memorizzare tutte le informazioni necessarie relative ai CI compresi gli attributi e le relazioni tra essi. Per implementare correttamente il processo di CM è utile tenere in considerazione i seguenti consigli: Cercare di implementare i processi di configuration, change e release management insieme possibilmente fornendoli di una funzione centralizzata che li gestisca. Scegliere un adeguato livello di dettaglio. Il processo di configuration management ci permette di ottenere una vista sempre completa e aggiornata del sistema basandosi sulle modifiche degli attributi dei configuration items e memorizzando tali informazioni all'interno del CMDB, questo porta degli enormi vantaggi dal punto di vista della manutenzione e del controllo del sistema. Il prodotto software da controllare potrebbe eventualmente anche essere un Sistema Operativo. Solitamente il processo di CM è considerato "troppo burocratico" e quindi c'è scarso interesse nei suoi confronti anche perché i benefici non sono immediatamente tangibili (5). Essenzialmente esso è un processo di supporto,non essendo quello che realmente effettua le modifiche di configurazione, però abbinandolo con quello di change e release management e fondendo tutto insieme in una piattaforma automatica abbiamo come risultato uno strumento molto potente. Nella mia trattazione con il termine Configuration Management mi riferirò a questa situazione, però prima di andare avanti, è opportuno dare uno sguardo alle definizioni di change e release management. 2.1 Change Management Lo scopo di quest'attività è di gestire in modo efficiente e rapito i cambiamenti da apportare sull'infrastruttura, assicurando che essi avvengano secondo un flusso di lavoro prestabilito, minimizzando eventuali impatti negativi. Solitamente, le fasi che caratterizzano il processo di Change Management sono le seguenti: Iniziare il processo di registrazione dei cambiamenti (o Request for Change, RFC). Valutare l'impatto, costi, benefici e rischi dei cambiamenti proposti. Sviluppare giustificazioni (dal punto di vista del business) dei cambiamenti proposti e ottenerne l'approvazione. 14

15 Gestire e coordinare l'implementazione delle RFC. Monitorare e fornire report sulle RFC Fare la review e chiudere le RFC 2.2 Release Management Gli obiettivi sono: Pianificare il rollout del software Progettare e implementare procedure per la distribuzione e l'istallazione dei cambiamenti sul sistema IT. Comunicare efficacemente e gestire le attese dei consumatori durante la pianificazione e il rollout della nuova release. Controllare la distribuzione e apportare i cambiamenti sul sistema IT. I concetti chiave che devono essere tenuti in considerazioni sono i seguenti: in un processo in cui si effettuano dei cambiamenti su un determinato software, è necessario che le informazioni riguardo alla situazione del sistema siano sempre aggiornate, bisogna quindi tenere traccia di tutte le modifiche che si effettuano, questo permette di ritornare facilmente a configurazioni del software precedenti. Un altra cosa che è evidente è la necessità di valutare preventivamente quali sono le problematiche che si vengono a creare nell'effettuare determinate modifiche e quando questo è possibile, progettare preventivamente le dovute attività da eseguire per risolverle oppure eventualmente decidere di non effettuare più quella determinata modifica. 15

16 Capitolo 3: Deployment e Provisioning Il termine Deployment indica la messa in uso di un sistema software tipicamente in un ambiente informatico aziendale, in altre parole, esso si compone di una serie di attività che possono essere svolte dallato produttore o dal lato consumatore o da entrambi che hanno come scopo quello di rendere un sistema software disponibile all'uso. Possiamo vedere il deployment come l'ultima fase dello sviluppo del software che indica la conclusione dello sviluppo per dar inizio alla fase di manutenzione. Siccome ogni software è unico, non è possibile elencare precisamente le attività che lo compongono, possiamo però immaginare che in essa sia contenta una fase in cui vengono soddisfate tutte le eventuali dipendenze che sono indispensabili per il corretto funzionamento dell'applicazione e quindi presumere che il concetto d istallazione sia molto vicino a quello di Deployment. Spesso il significato di questa parola è confuso con quella della parola provisioning, in realtà tra i due termini ci sono delle differenze essenziali che però si assottigliano utilizzando le metodologie di sviluppo software DevOps e le piattaforme di Cloud Computing. Il termine Provisioning indica il processo di preparazione di uno o più server per renderli pronti a svolgere le proprie funzioni, generalmente essa comprende in se: Selezionare un server. Caricare il software appropriato (sistema operativo, driver di periferica, middleware e applicazioni). Personalizzare e configurare il sistema e il software per creare o modificare un'immagine di avvio per il server. Scambiare i parametri (l'indirizzo IP, gateway IP) per trovare le risorse di rete per verificare il sistema. Come si può vedere il concetto di Deployment è intrinsecamente presente nella fase di Provisioning, quindi possiamo vederlo come una sua sotto-attività. Il provisioning è legata al server, mentre il deployment all'applicazione, la seconda è un'attività che è eseguita 16

17 molto più spesso rispetto alla prima. Con il cloud computing questa distinzione viene sempre più ad assottigliarsi, i server virtuali saranno soggetti alla fase di provisioning molto più spesso, a volte anche solo per la durata di un test. In definitiva possiamo immaginare che il provisioning coinvolga anche delle operazioni che devono essere svolte da persone fisiche e che non possono essere automatizzate attraverso il codice, ovviamente anche questa non è una cosa del tutto vera, per dare una spiegazione a quest affermazione è necessario soffermarsi su un altro concetto: il Bare Metal Provisioning. 3.1 Bare Metal Provisioning Nel gergo informatico Bare Metal indica un computer senza sistema operativo. Attualmente è possibile eseguire l'operazione di provisioning anche su questi sistemi utilizzando Razor. Il concetto alla base è trattare l'hardware come il software ("treat your hardware like software" - Jason Stowe) (6) Razor è un'applicazione che può operare sia su bare metal sia su sistemi virtuali e punta a risolvere la problematica di come poter raggiungere uno stato in cui sul sistema possa agire il flusso di lavoro di un configuration management. Affinché Razor possa funzionare, è necessario settare la macchina in modo che sia abilitato l'avvio tramite Preboot Execution Environment (PXE). Quando è presente questa funzionalità il bios della macchina da la possibilità all'utente di scegliere di effettuare il boot da rete, in tal caso il firmware utilizzerà DHCP sia per configurare un indirizzo IP sulla scheda di rete sia per individuare un server da cui sarà scaricato un file (NBP- Network Bootstrap Program) che sarà immagazzinato nella ram ed eseguito. NBP sarà in molti casi un boot loader, ovvero un programma che a sua volta scarica via TFTP (7) il kernel del sistema operativo. Il PXE deve essere impostato in modo che il DHCP punti a un server fornito da Razor, il file che sarà successivamente scaricato (una volta scelto il server) è il Razor Microkernel, èsso è un piccolo sistema operativo che è caricato sul nodo per effettuare la fase di discovery nella quale saranno prelevate tutte le informazioni necessarie per scegliere correttamente quali operazioni eseguire sul nodo stesso. In base alle informazioni ottenute, al nodo è associato un particolare tag, per ogni tag corrisponderanno una serie di politiche di gestione, che solitamente hanno come scopo di selezionare il corretto sistema operativo da istallare sulla macchina. Generalmente la necessità è di portare il sistema in uno stato in cui una piattaforma automatica possa gestirlo automaticamente, per fare questo Razor utilizza un Broker plug-in che interagendo con un broker esterno permette di configurare il nodo opportunamente, in tal caso il tag e le informazioni scoperte precedentemente sono 17

18 inviate al broker e saranno utili per effettuare le giuste scelte di configurazione. E' necessario inoltre sottolineare che Razor non è stato ancora ottimizzato, esso è definito una Teach Preview e non è ancora pronto per essere utilizzato in ambiente di produzione (Production Environment). 18

19 Capitolo 4: Continuous Delivery Martin Fowler (ingegnere del software britannico, autore di numero libri e considerato fra i massimi esperti nei settori della programmazione orientata agli oggetti) definisce il processo di continuous delivery come una disciplina dello sviluppo software che mira a realizzare applicazioni in modo che siano pronte per essere inserite in ambienti di produzione in qualsiasi momento (8). Fare Continuous Delivery significa preferire rilasci piccoli e frequenti invece di pochi e grandi, per ogni modifica è prevista la fase di testing quindi si lavora sempre su un prodotto software funzionante. Nel caso ci siano dei bug, è facile trovare la radice del problema, questo permette al processo di sviluppo di aumentare le sue caratteristiche di predicibilità e la qualità dei rilasci. Solitamente nel Continuous Delivery il team di sviluppo da priorità a rendere il prodotto distribuibile invece di realizzare nuove funzionalità, questo permette di poterlo rilasciare in qualsiasi momento del suo ciclo di vita. Uno dei rischi nello sviluppo software è di realizzare qualcosa che agli utenti non piace o che non è utile, utilizzando un approccio Continuous Delivery è possibile evitare questo rischio, ogni cambiamento che si effettua può essere distribuito agli utenti. In questo modo si riesce a ricevere un veloce feedback che ci da informazioni sulle esigenze e la tendenza dei consumatori. In alcuni casi si preferisce non rilasciare la versione a tutti ma è comunque possibile ricevere feedback mettendolo a disposizione solo di un gruppo limitato. Far partecipare gli utenti al processo di sviluppo fa in modo di infondere in loro un senso di comproprietà e fedeltà che li rende più propensi a chiudere un occhio quando si effettuano degli errori (9) (10). Grazie al continuous Delivery è possibile rispondere prontamente all'evoluzione continua delle esigenze degli utenti, appena si scopre che le condizioni di mercato sono cambiate è più facile effettuare delle modifiche veloci. 19

20 I benefici coinvolgono l'intera azienda, infatti, le responsabilità per la distribuzione del software sono distribuite in modo molto più ampio questo rende "la vita migliore" a tutti coloro che fanno parte del processo (IT operators, software development, QA). Spesso il termine Continuous Delivery è confuso con quello di Continuous Deployment, la differenza tra i due sta nel fatto che nel primo caso se pur si effettuano dei continui cambiamenti nel software, non è detto che essi siano estesi all'ambiente di produzione, cosa che avviene nel Continuous Deployment. Per raggiungere questi obiettivi è necessaria una stretta collaborazione tra tutti coloro che sono coinvolti nel processo di sviluppo (DevOps è parte integrante dell'attività di Continuous Delivery) nonché cercare di automatizzare la maggior parte delle attività della distribuzione. Effettuando dei cambiamenti manuali è possibile commettere degli errori, inoltre automatizzare significa risparmiare tempo e questo è essenziale in un processo di sviluppo che mira a essere agile e veloce. Le operazioni necessarie per realizzare ottimamente un processo di Continuous Delivery avranno bisogno di: Monitoring tools : monitoraggio costante Version control tools : tenere traccia di tutte le versione, le caratteristiche aggiunte e i cambiamenti al codice Continuous integration tools: per integrazione continua e generare automaticamente test Configuration management tool Test automatici cui devono essere sottoposti. Code review tools 4.1 DevOps E' una metodologia di sviluppo software che sollecita la comunicazione e collaborazione tra: Sviluppatori software generalmente impegnati con continue modifiche e rilasci Professionisti dell'information technology che ci concentrata sulla disponibilità e affidabilità dei servizi. Quality assurance (QA) impegnati nel soddisfare gli obiettivi di qualità. In molte organizzazioni tali gruppi si trovano in divisioni differenti. Ciò rallenta il 20

21 passaggio dallo sviluppo alla gestione del software con il conseguente aumento nei tempi di produzione. Le metodologie DevOps cercano di risolvere a questo problema standardizzando gli ambienti di sviluppo, promuovendo un insieme di processi e metodi indirizzati alla comunicazione e collaborazione tra le divisioni e incitando l'utilizzo di approcci agili allo sviluppo software. La rapidità e l'efficienza che ci sono date dall'utilizzo di DevOps permettono di: Diminuire i tempi di sviluppo con conseguente aumentando del numero dei prodotti e servizi software rilasciati. Minor impatto sui rilasci con conseguente aumentando della predicibilità. Ottenere elevate garanzie di qualità 21

22 Capitolo 5: Puppet Puppet Enterprise (PE) mira a essere una piattaforma completa per la gestione della configurazione dei sistemi aziendali. PE comprende: Puppet: Configuration Management Tool permette all amministratore di sistema di definire lo stato desiderato dell infrastruttura e automaticamente decide le operazioni da effettuare per raggiungere tale stato. Facter : componente che viene eseguito sul client e si occupa di collezionare i facts ovvero determinate caratteristiche relative al client (si tratta di informazioni sull hardware, impostazioni di rete e sul sistema operativo in uso ) PuppetDB : data warehouse Hiera: strumento di ricerca, per i dati di configurazione Una web-based console per l analisi di eventi, gestione dei sistemi Puppet, gestione degli utenti,,analisi dei report, sfogliare dati di inventario e assegnare le classi ai nodi. In esso sono compresi Puppet Dashboard e Live Management. MCollective: orchestration framework permette di effettuare dell operazione simultaneamente su numerosi nodi. Geppetto: un IDE che fornisce un insieme di strumenti per lo sviluppo di moduli e manifesti (vedremo in seguito cosa sono) Puppet. Puppet Forge: un repository dove è possibile scaricare i moduli messi a disposizione dalla Puppet Labs o dalla comunità Puppet. Razor: un applicazione che da supporto per il bare metal provisioning Cloud provisioning tools: creare e configurare nuove istanze di macchine virtuali, (tra cui tool per VMware, Google Compute Engine, Openstack, and Amazon EC2). Altri elementi necessari: ActiveMQ, Live Management, Cloud Provisioner, PostgreSQL, 22

23 Ruby, Augeas, Passenger, Java, OpenSSL. PE supporta diversi sistemi operativi tra cui: Red Hat Enterprise Linux, CentOS, Ubuntu LTS, Debian, Oracle Linux, Scientific Linux, SUSE Linux Enterprise Server, Solaris, Microsoft Windows, AIX, Mac OS X... In base alle esigenze è possiamo scegliere di installare più componenti su un singolo nodo (istallazione Monolithic) o distribuirli (istallazione Split). In tal caso si riescono a gestire più nodi, massimo 500 per l istallazione monolitica, 1000 o più per quella split, però bisognerà avere accortezza nell ordine in cui essi sono installati, l ordine di precedenza dovrà essere: Puppet Master PuppetDB and PostgreSQL Console Agents E' possibile anche effettuare un'istallazione con answer file, esso è un documento che permette di specificare alcuni parametri per la fase d istallazione stessa. Per il corretto funzionamento di PE è richiesta l istallazione di OpenSSL (alcuni OS lo includono già). 5.1 Componenti Puppet Agent L agente Puppet deve essere installato su tutti i nodi della distribuzione. Quando s istalla il Puppet master, PuppetDB, o la console, esso sarà installato automaticamente. Queste macchine possono: Ricevere e applicare le configurazioni inviate dal Puppet master grazie ad un Puppet agent daemon. Ricevere messaggi per le operazioni di orchestrazione e invocare le azioni che sono richieste. Inviare i dati al master, solitamente sono informazioni di report che saranno poi immagazzinate nel PuppetDB Puppet Master E necessario istallare il master almeno su un nodo (è possibile anche avere più master, ma ciò richiede ulteriori sforzi di configurazione.) 23

24 Esso può: Compilare e inviare informazioni di configurazione (catalog) all agente presente sul nodo. Inviare messaggi di orchestrazione attraverso il server ActiveMQ PuppetDB PuppetDB è veloce, scalabile e affidabile esso utilizza un'istanza di PostgreSQL (è un completo DBMS a oggetti rilasciato con licenza libera), memorizza per ogni nodo i facts e i catalog e gli event reports più recenti.inoltre supporta la console per il RBAC e node classifier PE Console Tramite la console possiamo modificare direttamente le risorse suoi nodi, attivare l esecuzione di Puppet, associare i nodi a gruppi o classi, visualizzare report e grafici, visualizzare informazioni d inventario e invocare azioni di orchestrazione Role-based Access Control (RBAC) Consente di gestire i privilegi degli utenti, il concetto è: Is this user allowed to perform these actions?.a ogni utente sarà assegnato un ruolo che non sarà altro che un insieme di permessi, essi sono usati per definire quali azioni possono essere eseguite e su quali nodi. I ruoli di default sono: Administrators, Operators e Viewers ma è possibile creare dei ruoli personalizzati. Node Classifier (NC) : E un modo per organizzare e configurare i nodi Live Management E l interfaccia per il motore di orchestrazione operazioni possibili dal Live Management sono: Sfogliare, cercare, ispezionare e confrontare su qualsiasi sottoinsieme di ogni nodo. Invocare azioni avanzate sui nodi (per esempio caricare e applicare la configurazione, disabilitare l agente, e altro.) 5.2 Configuration Management Puppet divide la gestione della configurazione in quattro principali attività: L utente descrive un pezzo riusabile di configurazione creando o scaricando un Puppet modules. L utente assegna una classe per ogni nodo 24

25 Il nodo carica la configurazione prelevata dal master e la applica, imponendo lo stato desiderato che è stato definito dall utente e presentando un rapporto sui cambiamenti che sono stati eseguiti. Puppet può funzionare sia con un architettura pull-model (la configurazione è richiesta ogni trenta minuti) o push-model. L utente può vedere report aggregati o individuali per monitorare quali risorse sono state cambiate da Puppet Modules and Manifests Per modellare lo stato desiderato Puppet utilizza un linguaggio omonimo, dichiarativo basato sulle risorse, è importante notare che non sono descritte le operazioni da dover effettuare ma lo stato finale che il nodo deve assumere. Il linguaggio è quindi utilizzato per descrivere pezzi di configurazione. Il codice Puppet è salvato su file chiamati manifests con estensione.pp, essi a loro volta sono memorizzati in cartelle strutturate (con uno specifico layout) chiamate moduli. I moduli sono una convenzione per organizzare i manifest in modo che possano essere automaticamente localizzati e caricati dal Puppet master, essi possono contenere anche altro come classi, plug-in o templates. Generalmente le classi in un dato modulo sono correlate a esso Catalog L agente non vede mai i manifesti e i moduli 1 Processo di applicazione della configurazione che compongono la sua configurazione, il Puppet master compila il manifesto prima di servirlo al nodo, il documento che è inviato prende il nome di catalog. Il catalog non contiene tutto ciò che è inserito all interno del modulo memorizzato sul server, ma contiene solo le risorse e le relazioni tra esse. La configurazione è descritta senza logica contingente, quindi si ha la possibilità di simulare i cambiamenti necessari per applicarli. Se si esegue Puppet in noop mode, 25

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Zabbix 4 Dummies Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Relatore Nome: Biografia: Dimitri Bellini Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management e tutto

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT Via Turati 4/3, 16128 Genova Tel. 348/4103643 Fax 010/8932429 ITIL (Information Technology Infrastructure Library) 1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT In un mercato in cui il successo delle aziende è

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

CA Process Automation

CA Process Automation CA Process Automation Glossario Release 04.2.00 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata come

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

CA Asset Portfolio Management

CA Asset Portfolio Management CA Asset Portfolio Management Guida all'implementazione Versione 12.8 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in

Dettagli