1. Dopo aver riportato sinteticamente le caratteristiche dello standard "Fast Ethernet", descrivere le principali differenze tra le tecniche di

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Dopo aver riportato sinteticamente le caratteristiche dello standard "Fast Ethernet", descrivere le principali differenze tra le tecniche di"

Transcript

1 1. Dopo aver riportato sinteticamente le caratteristiche dello standard "10-gigabit Ethernet", elencare e descrivere le relative tecniche di trasmissione su fibra e su rame. 2. Dopo aver definito sinteticamente il significato di algoritmo di routing, descrivere la tecnica di f1ooding. 3. Nell'ambito dei protocolli di controllo utilizzati nel livello di rete, descrivere l'internet control message protocol (ICMP) ed i relativi principali messaggi. 4. In cosa consiste un attacco "DNS spoofing"? Descrivere inoltre le caratteristiche del protocollo Domain Name System Security Extensions (DNSsec). 5. Che cos'è una "stored procedure" in SQL? 6. Fornire una descrizione delle tre fasi principali della progettazione di basi di dati. 7. Nell'ambito della progettazione concettuale delle basi di dati, descrivere la strategia "inside-out". 8. Nell'ambito della normalizzazione di una base dati, descrivere quali sono le proprietà che dovrebbero essere sempre soddisfatte da una decomposizione. 9. Dopo aver definito il significato di "kernel", spiegare a cosa serve il metodo stratificato. 10. Nell'ambito della gestione della memoria centrale, definire ed eventualmente rappresentare il procedimento di awicendamento o scambio (swapping) dei processi in memoria. 11. Che cos'è un sistema RAID? Descriverne le strutture e i vantaggi derivanti dalla sua implementazione. 12. Cosa si intende per Cloud Computing? Descrivere inoltre la seguente tipologia di servizio: "Platform-asa-Service" (PaaS). 13. Nell'ambito dell'analisi dei dati, quali sono le funzioni di base deil'olap? 14. Cos'è un "data mart"? Quali sono le fasi della progettazione di un data mart? 15. Che cosa sono gli "indici di proiezione" nell'ambito del data warehouse? 16. Nell'ambito della Business Intelligence, cosa si intende per "Business Performance Management" (BPM)? 17. Cosa sono i Web Services? Darne una descrizione delle caratteristiche e del funzionamento. 18. Spiegare il concetto di "ontologia" nell'ambito del Web Semantico. 19. Spiegare il significato dell'acronimo "XML", dandone le caratteristiche principali. 20. Descrivere brevemente il significato di "Protocol far Web Description Resources" (POWDER). 21. Descrivere brevemente il processo "unificato" di sviluppo software. 22. Nell'ambito della modellazione analitica dare una descrizione della modellazione "Class-Responsibility Collaborator" (CRC). 23. Cosa sono i Function Point (FP)? Come vengono calcolati? 24. Dopo aver fornito una definizione di "System Testing", presentarne i tipi conosciuti ed applicabili ai sistemi software. 25. Come awiene il controllo della versione di un software? Descrivere brevemente il sistema CVS. 26. Esporre la tecnica" Adaptive Software Development" (ASD) come metodologia agile per lo sviluppo del software. 27. Nell'ambito della gestione di progetti, quali sono gli elementi chiave di un progetto secondo il principio "W5HH"? 28. Definire la scheduling nello sviluppo di un software ed indicarne i metodi conosciuti. 29. Introdurre brevemente le best practices "ITIL". Quante e quali sono le fasi del ciclo di vita di un servizio. 30. Dare una breve descrizione della "Business Process Management" (BPM). In cosa differisce dal "Business Process Re-engeneering" (BPR)?

2 \\ Dopo aver riportato sinteticamente le caratteristiche dello standard "Gigabit Ethernet", descrivere le due funzionalità "carrier extension" e "frame bursting". Dopo aver definito una "rete a circuito virtuale", descriverne il funzionamento. Nell'ambito del protocollo IPv6, descrivere i tipi di "intestazioni estese". Descrivere, nella maniera più esauriente possibile, come vengono distribuite le chiavi pubbliche in modo sicuro. Cosa è e quale è la principale funzione dello standard X.509? Nell'ambito delle basi di dati esporre il concetto di "transazione", descrivendo inoltre le quattro proprietà "AClD" delle transazioni. Nell'ambito dell'ambiente Java descrivere le caratteristiche del modulo Java Database Connectivity (JDBC). Nell'ambito della progettazione concettuale delle basi di dati, descrivere la strategia "top-down". Dopo aver introdotto il concetto di normalizzazione di una base di dati, descrivere la terza forma normale. Cos'è il debugging nell'ambito dei sistemi operativi? Definire sinteticamente la funzione dell'utilità DTrace. 10. Nell'ambito della sincronizzazione dei processi dare una definizione della "sezione critica". Quali soluzioni software o hardware esistono per rispondere al problema della sezione critica? 11. Dopo aver definito sinteticamente il "file system", descrivere le caratteristiche del protocollo NFS. 12. Dopo aver descritto la differenza tra cloud privato e cloud pubblico, descrivere la seguente tipologia di servizio: "Infrastructure-as-a-Service" (laas). 13. Cosa si intende con l'acronimo OLAP? Descrivere inoltre le tipologie di sistemi OLAP. 14. Descrivere il ciclo di vita di sistemi di data warehouse denominato "Rapid Warehousing Methodology". 15. Che cosa sono gli "indici Join" nell'ambito del data warehouse? 16. Nell'ambito della Business Intelligence, descrivere cosa si intende per "data mining". 17. Definire brevemente i linguaggi HTML e XHTML. 18. Nell'ambito del Web Semantico cosa sono i "metadati"? Descriverne le caratteristiche principali. 19. Facendo riferimento al diagramma piramidale del web semantico, descrivere brevemente il significato di "URI". 20. Descrivere brevemente il significato di "Web Ontology Language" (OWL). 21. Nell'ambito dello sviluppo software, cosa si intende per "modelli a processo evolutivo"? Descrivere, in particolare, il modello a spirale. 22. In che modo la tecnica "Quality Function Deployment" (QFD) traduce i bisogni del cliente in requisiti tecnici per il software? 23. Nell'ambito del processo di sviluppo software fornire una breve presentazione del modello di design e riportare gli elementi previsti nella progettàzione. 24. Nell'ambito delle strategie di testing del software descrivere il "validation testing". 25. Nell'ambito della gestione della qualità come possono essere misurate l'affidabilità e la disponibilità di un software? 26. Descrivere, nell'ambito dei modelli di processo agili per lo sviluppo del software, cosa si intende per "Extreme Programming" (XP). 27. Nell'ambito della gestione di progetti di sviluppo software, come viene definito lo "scope" del software e cosa deve riportare l'enunciato dello scope? 28. In base a quali parametri avviene la scelta fra acquisto e sviluppo di un software? 29. Nell'ambito della gestione dei rischi di un progetto, cosa è un "piano RMMM"? 30. Cosa si intende per "Service Oriented Architecture" (SOA)? Su quali elementi o standard si fonda?

3 1. Dopo aver riportato sinteticamente le caratteristiche dello standard "Fast Ethernet", descrivere le principali differenze tra le tecniche di trasmissione 100-Base-T4, 100Base-TX e 100Base-FX. 2. Dopo aver definito una "rete datagram", descriverne il funzionamento. 3. Dopo aver descritto i motivi che hanno portato all'introduzione del protocollo IPv6, definirne brevemente le caratteristiche e le differenze con il protocollo IPv4. 4. Dopo aver indicato l'ambito di utilizzo e le principali caratteristiche del protocollo "SIP", descrivere le somiglianze e le differenze con il protocollo H Definire e descrivere le attività di cui si compone il ciclo di vita di un sistema informativo. 6. Cosa sono i trigger? Descrivere la loro importanza funzionale nei sistemi relazionali. 7. NeWambito della progettazione dei database esporre il modello Entità-Relazione, soffermandosi sull'analisi dei suoi costrutti principali. 8. Dopo aver introdotto il concetto di normalizzazione di una base di dati, descrivere la forma normale di Boyce e Codd. 9. Definire brevemente il concetto generale di macchina virtuale, illustrandone i vantaggi. Descrivere inoltre il funzionamento della macchina virtuale Java. 10. Quali sono i criteri per confrontare gli algoritmi di scheduling della CPU? Descrivere inoltre l'algoritmo di scheduling "in ordine d'arrivo" (FCFS). 11. Cosa si intende per tecnica della memoria virtuale? Descrivere inoltre il caso di "paginazione degenere" (thrashing). 12. Dopo aver introdotto sinteticamente il concetto di Cloud Computing, descrivere la seguente tipologia di servizio: "Software-as-a-Service" (SaaS). 13. Dopo aver dato la definizione di "data warehousing", descriverne le architetture tipiche. 14. Descrivere il ciclo di vita di sistemi di data warehouse denominato "Business Dimensionai Lifecycle". 15. Che cosa sono gli "indici bitmap" nell'ambito del data warehouse? 16. Nell'ambito della Business Intelligence, descrivere le tecniche di analisi "what-if'. 17. Definire brevemente i protocolli HTTP e HTTPS. 18. Una delle prime implementazioni web "dinamiche" è stata la "Common Gateway Interface" (CGI). Descriverne le caratteristiche principali. 19. Facendo riferimento al diagramma piramidale del web semantico, descrivere brevemente lo standard "Unicode". 20. Che cosa è il"resource Description Framework" (RDF) proposto dal W3C? 21. Nell'ambito dello sviluppo software, cosa si intende per "modelli a processo incrementale"? Descrivere, in particolare, il modello RAD. 22. In cosa consiste il deployment di un software? Quali sono i principi chiave da seguire quando lo si esegue? 23. Elencare e descrivere brevemente i principi o concetti fondamentali della progettazione del software. 24. Nell'ambito delle strategie di testing del software fornire una breve descrizione dell' "integration testing". 25. Dopo aver presentato i fondamenti del testing del software, fornire una breve descrizione del testing "black-box" e "white box". 26. Cosa si intende con processo di sviluppo software "agile"? Quali sono gli elementi chiave? 27. Esplicitare e dare una breve descrizione delle "quattro P" su cui si fonda la gestione di un progetto. 28. Quale è la differenza tra metrica di processo e metrica di progetto? 29. Dare una breve descrizione della "Earned Value Analysis" (EVA)? 30. Introdurre brevemente il metodo di project management "PRINCE2".

4 Il Sistema Informativo per l'amministrazione del Personale (SIAP) è un sistema integrato rivolto alla gestione giuridico-amministrativa del personale, realizzato dal Ministero dell'economia e delle Finanze con lo scopo di automatizzare i processi interni di gestione del personale e di fornire uno strumento di supporto a tutte le strutture dell'amministrazione coinvolte nella gestione del personale. L'implementazione della funzione RilevamentoPresenze consente di rilevare la presenza dei dipendenti del MEF in tutte le sedi distribuite sul territorio regionale, consentendo loro di registrare l'entrata e l'uscita mediante uno qualsiasi degli appositi sensori del sistema. TI sensore dovrà rilevare la data e l'ora dell 'evento e il nome del dipendente interessato. Le informazioni relative agli eventi generati dai dipendenti saranno raccolte dal sistema e raggruppate in un rapporto periodico (mese, anno). TI sistema prevede la visualizzazione degli eventi più recenti su richiesta esplicita del dipendente. Gli eventi eccezionali (malattia, ferie, permessi) segnalati dai dipendenti sono registrati da un dipendente della sede centrale, responsabile del rilevamento presenze, mediante un 'apposita interfaccia utente. Prima di inviare i rapporti periodici al sistema stipendi, il responsabile del rilevamento presenze li normalizza, rimuovendo eventuali incongruenze (doppie entrate, doppie uscite) anche sulla base delle dichiarazioni presentate dai dipendenti. Può accadere, infatti, che un dipendente registri erroneamente un evento (un'entrata al posto di un'uscita, ad esempio) o che si dimentichi di registrarlo. Tutte le informazioni relative ai dipendenti, al loro profilo (orari di entrata e di uscita, intervalli per il pranzo, compensazioni e autorizzazione allo svolgimento delle ore straordinarie) sono gestite dal sistema stipendi e inviate al sistema per il rilevamento delle presenze che le utilizza in sola lettura. 1-4

5 Quesito 1 Dare un diagramma delle classi, considerando come classi o attributi tutti e soli i termini che nell'enunciato compaiono in grassetto. Quesito 2 E' stato individuato il caso d'uso Registrazione con la seguente breve descrizione: Il dipendente segnala la propria entrata o uscita al sistema. Dare la narrativa del caso d'uso Registrazione Quesito 3 Si sono individuati i seguenti caso d'uso: R egls et. razione E ven tie ccezlona lo I Breve descrizione Il responsabile immette nel sistema le informazioni relative a eventi eccezionali (malattia, ferie, permessi, ecc.) per ciascun dipendente interessato Attori principali Responsabile Attori secondari Nessuno Normalizzazione Breve descrizione Attori principali Attori secondari Il responsabile, basandosi sulle dichiarazioni dei dipendenti, modifica le informazioni contenute nel rapporto, per nrnuovere eventuali incongruenze (doppie entrate o doppie uscite) Responsabile Nessuno In particolare, il caso d'uso Normalizzazione ha la seguente sequenza principale degli eventi: Normalizzazione Sequenza principale degli eventi 1. Per ogni dipendente: 1.1. per ogni doppia entrata o uscita: il sistema la presenta al responsabile se il responsabile ha informazioni al riguardo comunica l'azione correttiva al sistema altrimenti il responsabile segnala al sistema di salvare l'incongruenza in una lista ~ ~ L\7 ~ 2-4

6 'darisolvere' 1.2. se la lista 'darisolvere' non è vuota il sistema genera una lettera di richiesta di chiarimenti al dipendente. Dare un diagramma di sequenza che realizzi il caso Normalizzazione. 1 Quesito 4 La vista comportamentale, a componenti e connettori (C&C), dell'architettura del sistema è dato dal seguente diagramma, dove mancano i tipi dei connettori. «component~~ [) D8Eventi «component»» [I RegistratorePresenze «component»> ~ GesioreSensore «componen!» GestoreGUI «component~~ ~ LoglcaPresenze I componenti hanno le seguenti responsabilità: GestoreSensore ReJlistratorePresenze DBEventi LogicaPresenze GestoreGui Gestisce un sensore, invia gli eventi rilevati al Ref!istratorePresenze. Interfaccia il GestoreSensore ed il DBEventi. Mantiene gli eventi rilevati dai sensori. Genera il rapporto periodico e lo invia al SistemaStipendi. Per generare il rapporto interroga il DBEventi e interagisce con GestoreGUl Riceve dal SistemaSti pendi le informazioni relative ai dipendenti. Permette di visualizzare gli eventi più recenti, di registrare gli eventi eccezionali e di normalizzare i rapporti. 4.a. Completare il diagramma C&C indicando il tipo dei connettori, ove siano individuabili degli stili architettonici. 3-4

7 4.b Per la realizzazione del sistema sono state proposte due soluzioni diverse. Entrambe prevedono l'uso di un server centrale e di un PC per il responsabile, presso la sede centrale, connessi in rete locale. Le soluzioni differiscono per il tipo di connessione dei sensori. La prima soluzione prevede un concentratore per ogni filiale ed una connessione punto a punto tra ogni sensore e il concentratore, a sua volta connesso in rete geografica con ii server centrale. La seconda prevede invece un collegamento in rete geografica tra ogni sensore e il server centrale, senza concentratori. Dare i diagrammi di dislocazione (deployment diagram) dei componenti descritti alla domanda precedente, per ciascuna delle strutture hardware. Si assuma che gli artefatti abbiano lo stesso nome dei componenti che manifestano, e che siano tutti di tipo jar. A Quesito 5 Si consideri la seguente classe J ava: public class PuntoNelTempo private int m; Il minuto private int h; Il ora public PuntoNelTempo(int ora, int minuto) h = Math.abs(ora) % 24; m = Math.abs(minuto) % 60; public int intervallo (PuntoNelTempo p) { PuntoNelTempo pl, p2; if (this.h > p.h) { pl = p; p2 = this; else if (this.h < p.h) pl = this; p2 = p; else if (this.m >= p.m) pl p; p2 = this; else pl this; p2 = p; int int_h = p2.h - pl.h; int int_m = p2.m - pl.m; if (int_m >= O) return int h * 60 + else { return (int_h - int_m; 1) * 60 + (60 + int_m); Si disegni il grafo di flusso del metodo intervallo. Si fornisca un insieme minimo di valori di input per i casi di prova che garantiscano la copertura dei cammini del metodo intervallo. 4-4

8 2 Per far fronte alla agguerrita concorrenza delle compagnie low cost, l' ALIT ALIA vuole rendere più aggressiva la sua campagna di fidelizzazione (Mille Miglia), proponendo ai suoi clienti l'iscrizione al programma di fedeltà che consente di ricevere in omaggio biglietti aerei o soggiorni in varie località. Iscrivendosi al programma da semplice cliente si può diventare un associato della compagnia aerea, guadagnando immediatamente un bonus di miglia utili. Ogni volta che un associato vola con la compagnia aerea, le.miglia accumulabili del volo sono sommate alle miglia utili, permettendo così di raggiungere le miglia necessarie per richiedere uno dei premi. La richiesta premi deve essere effettuata mediante il portale dedicato agli associati; dal portale è sufficiente scegliere il premio e stampare la ricevuta 1 Gli associati che accumulano almeno miglia (miglia accumulate) sono promossi dal livello standard al livello argento, usufruendo di particolari agevolazioni al momento dell 'imbarco. Se invece accumulano almeno miglia entrano a far parte degli associati del livello oro 2 note 1 Soggetto a disponibilità di miglia utili nella situazione dell 'associato e di disponibilità del premio scelto. I premi riscossi danno luogo a una diminuzione immediata delle miglia utili. La situazione è aggiornata il 31 dicembre, mantenendo solo le miglia dei voli effettuati negli ultimi 5 anni. 2 Tutte le condizioni si riferiscono esclusivamente alle miglia accumulate in un anno. Il passaggio da un livello alraltro è effettuato il 31 dicembre. La permanenza nel livello da un anno all'altro è soggetta al rispetto degli stessi requisiti per entrare nel livello. Il bonus iniziale non concorre al raggiungimento delle miglia richieste per cambiare o mantenere un livello. 1-3 ~

9 Quesito 1 1.a Dare un diagramma delle classi che descriva il dominio, considerando come classi o attributi tutti e soli i termini che, nell'enunciato e nelle note, compaiono in grassetto. l.b Dare un diagramma di attività che descriva il processo di assegnazione di un premio. Quesito 2 L'analisi dei requisiti ha portato al seguente diagramma dei casi d'uso: GestioneAssociati T * Cliente <<System» Imbarco,,,,,,«Include»,, - «Include» Tempo Il caso AccumuloPunti ha la seguente breve descrizione: Il sistema riceve la lista dei passeggeri di un volo e la esamina, aggiornando di conseguenza la situazione degli associati della compagnia aerea. Dare la narrativa del caso d'uso AccumulaPunti. Quesito 3 Disegnare un diagramma di sequenza che realizzi il caso d'uso AccumulaPunti, mostrando le interazioni tra il sistema e l'attore coinvolto. 2-3

10 Ouesito4 L'analisi architettonica ha portato a individuare le seguenti componenti: Componente GestoreClientiLatoServer GestoreClientiLatoClient DBAssociati GestionePunti ed il seguente connettore «custom» Connettore gestioneclienti Responsabilità Realizza la parte server dei casi d'uso iniziati dai Clienti e il passaggio dall'uno all'altro Realizza la parte client dei casi d'uso iniziati dai Clienti Gestisce i dati degli associati del Club Realizza i casi d'uso AccumuloPunti e AggiomamentoAnnuale Responsabilità Permette gli scambi d'informazione tra i gestori Clienti. Dare una vista comportamentale, a componenti e connettori (C&C), sull'architettura del sistema GestioneAssociati, utilizzando le componenti suddette, il connettore dato ed eventuali connettori standard. Ouesito 5 Si consideri il metodo stimalivelli, con la seguente specifica: dato un vettore di associati della compagnia aerea, restituisce una tripla formata, rispettivamente, dal numero degli associati che, in base alla loro situazione: migliorano il proprio livello, non lo modificano, lo peggiorano. Si noti che i livelli standard, argento e oro sono codificati rispettivamente con 1, 2 e 3. public Tripla stimalivelli(vector <Associato> associati) int inaumento = O; int stabili = O; int incalo = O; for (Associato m : associati) { Il itera su associati int livello = m.getlivello{) int miglia = m.getmiglia{) ; int differenza; if (miglia > ) differenza = 3 - livello; else if (miglia > 15000) differenza = 2 - livello; else differenza = 1 - livello; if (differenza> O) inaumento++; else if (differenza==o) stabili++; else incalo++; return new Tripla (inaumento, stabili, incalo) Definire un insieme di coppie di attributi (livello, miglia) da attribuire agli elementi del vettore associati che permetta di raggiungere una copertura del 100% del codice del metodo stimalivelli, ~ SA: il Cri~ dei CO~~ 3 _ 3

11 ,. La Corte dei Conti ha deciso di avviare per i suoi dipendenti una serie di tirocini formativi al fine di aumentare e potenziare le competenze interne sia in ambito economicollegisiativo sia in ambito informatico. I tirocini prevedono la frequenza di un corso della durata di alcuni mesi, a seconda della complessità degli argomenti trattati, ed un esame finale per la verifica sia della partecipazione dei dipendenti sia dell'utilità dell' offerta formativa. Inoltre i corsi sono tenuti da docenti universitari scelti in base alla competenza in materia. Visto che ogni dipendente è tenuto a seguire un certo numero di corsi nel corso dell' anno solare e a superarne i relativi esami conclusivi, si è deciso di effettuare la registrazione dell'esame. Infine per incentivare i dipendenti alla partecipazione attiva ai tirocini, verrà assegnato dal docente un voto come esito dell' esame finale. Il processo di dematerializzazione dei documenti cartacei e di innovazione delle procedure amministrative della Corte dei Conti prevede l'adozione di un sistema di registrazione degli esami basato sull utilizzo dei telefoni cellulari da parte dei docenti. Per ogni corso, caratterizzato da un codice, è nominata una commissione, formata dai docenti che possono svolgere il ruolo di esaminatore. Tra di essi, è designato il presidente di commissione. Il sistema, denominato CdcEx, prevede che i docenti abilitati all'uso di CdcEx facenti parte della commissione, utilizzino il cellulare per verbalizzare gli esami, mediante l'invio di un SMS al numero telefonico del servizio. Come misura di sicurezza e autenticazione, i docenti si abilitano al servizio registrando (una volta sola) su CdcEx il numero del loro telefono cellulare. Ogni docente ha un indirizzo mail. Giornalmente, CdcEx registra gli esami della giornata nel sistema D2 e invia agli esaminatori di ogni corso una mail contenente un'indicazione degli esami del loro corso registrati in giornata. In seguito alla ricezione della mail, il presidente della commissione provvede a rispondere per confermare. CdcEx attende 60 giorni l'invio della mail di conferma. Gli esami confermati sono definitivamente archiviati nel sistema D2, quelli non confermati sono cancellati dal sistema D2 e devono essere registrati manualmente dal presidente della commissione, secondo una procedura cartacea. Utilizzando l'elenco dei dipendenti iscritti, organizzato in sottoelenchi per ogni giornata di esami, il docente procede a effettuare l'esame che può avere un esito positivo (voto maggiore o uguale a 6 decimi) o negativo. Solo gli esami con esito positivo sono registrati mediante l'invio di un SMS. 1-4

12 Quesito 1 Dare un diagramma delle classi, considerando come classi o attributi tutti e soli nell'enunciato compaiono in grassetto. 3 termini che Quesito 2 L'analisi dei requisiti ha portato al seguente diagramma dei casi d'uso: CdcEx Sistemista Tempo «sistema» MailServer DocenteAbilitato «sistema» D2 con le seguenti narrative incomplete: Configurazione: Configurazione iniziale del servizio. Abilitazione: Verbalizzazione: ChiusuraSerale: Archiviazione: Un docente richiede l'abilitazione all'uso del servizio. Permette di verbalizzare un esame usando il telefono cellulare. La sera vengono registrati nel sistema D2 gli esami verbalizzati in giornata e viene mandata una ai docenti. La sera si archiviano nel sistema D2 gli esami verbalizzati 60 giorni prima e confermati; si cancellano dal sistema D2 quelli non confermati. Dare la narrativa di Verbalizzazione, ChiusuraSerale e Archiviazione. ~ ~ 0' 2-4

13 Quesito 3 Si supponga di disporre di almeno tre tipi di nodi hardware: 1. ServerCdcEx che funge da server per l'applicazione CdcEx (un solo nodo di questo tipo); 2. ServerMai/ dove è dislocato il Mai/Server (un solo nodo di questo tipo); 3. PC usato dai docenti quando vogliono abilitarsi o leggere/scrivere messaggi di posta elettronica (un numero imprecisato di nodi di questo tipo). Il canale tra il nodo ServerCdcEx e i nodi PC supporta HTTP. I canali con il Server Mail supportano SMTP. La progettazione architettonica ha individuato le seguenti componenti, alcune da realizzare, altre che già esistono. Si noti che il MailServer, anche se di fatto esterno al sistema CdcEx - al pari del sistema D2 e del sistema di ricezione SMS dell'operatore telefonico utilizzato - viene esplicitamente descritto nell'architettura per completezza. Si noti anche che l'utente interagisce con la componente Abilitazione attraverso un browser. Componente DBdocentiAbilitati DBesami Disponibile Responsabilità Mantiene i nomi e i numeri di telefono dei docenti abilitati al servizio. Mantiene i dati degli esami verbalizzati e di quelli registrati. Abilitazione Permette ai docenti di abilitarsi. GestioneEsami Realizza i casi d'uso Verbalizzazione, ChiusuraSerale e Archiviazione. MailServer X Server di posta. MailClientAPI X Client di posta con interfaccia verso altra componente. Mail ClientInterattivo X CHent di posta con interfaccia utente. Si assuma che ogni componente si manifesti in un artefatto omonimo, di tipo jar. 3.a Fornire una vista comportamentale, a componenti e connettori (C&C) 3.b Fornire una vista logica di dislocazione (deployment diagram) 3-4

14 3 Quesito 4 Fornire un diagramma di sequenza che illustri come le componenti, individuate nell'ambito del precedente quesito, interagiscono per realizzare il caso d'uso ChiusuraSerale. Si assuma che le informazioni sulle commissioni d'esame e sugli indirizzi mail dei docenti siano mantenute nel D2, cui GestioneEsami accede direttamente. Quesito 5 Una delle funzioni ausiliarie del sistema CdcEx è di fornire informazioni statistiche sull' andamento degli esami. In particolare, il sistema deve fornire infonnazioni sul numero d'esami mediamente sostenuti ogni giorno, per ogni corso. A tale scopo, si prevede l'utilizzo di una funzione numeromedioesami che, dato un vettore di numeri d'esame, ne restituisce la media, arrotondata all'intero superiore. Per verificare la funzione si prevede un test a scatola nera. Fornire cinque casi di prova per la funzione numeromedioesami. 4-4

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005 Laboratorio

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Portale Unico dei Servizi NoiPA

Portale Unico dei Servizi NoiPA Portale Unico dei Servizi NoiPA Guida all accesso al portale e ai servizi self service Versione del 10/12/14 INDICE pag. 1 INTRODUZIONE... 3 2 MODALITÀ DI PRIMO ACCESSO... 3 2.1 LA CONVALIDA DELL INDIRIZZO

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Scheda descrittiva del programma Open-DAI ceduto in riuso CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Agenzia per l Italia Digitale - Via Liszt 21-00144 Roma Pagina 1 di 19 1 SEZIONE 1 CONTESTO

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013

Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013 i-contact srl via Simonetti 48 32100 Belluno info@i-contact.it tel. 0437 30419 fax 0437 1900 125 p.i./c.f. 0101939025 Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013 1. Introduzione Il seguente

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Data: Ottobre 2012 Firewall pfsense Mail Server Zimbra Centralino Telefonico Asterisk e FreePBX Fax Server centralizzato Hylafax ed Avantfax

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Corso di Programmazione ad Oggetti

Corso di Programmazione ad Oggetti Corso di Programmazione ad Oggetti Introduzione alla programmazione ad oggetti a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 La programmazione modulare Un programma può essere visto come un insieme di moduli che

Dettagli

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it

Posta Elettronica. Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica Claudio Cardinali claudio@csolution.it Posta Elettronica: WebMail Una Webmail è un'applicazione web che permette di gestire uno o più account di posta elettronica attraverso un Browser.

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Business Process Reengineering

Business Process Reengineering Business Process Reengineering AMMISSIONE ALL'ESAME DI LAUREA Barbagallo Valerio Da Lozzo Giordano Mellini Giampiero Introduzione L'oggetto di questo lavoro riguarda la procedura di iscrizione all'esame

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI

GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI ESSE3 VERBALIZZAZIONE ONLINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO SERVIZIO FRONT OFFICE GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI ESSE3 VERBALIZZAZIONE

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli