1. Dopo aver riportato sinteticamente le caratteristiche dello standard "Fast Ethernet", descrivere le principali differenze tra le tecniche di

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Dopo aver riportato sinteticamente le caratteristiche dello standard "Fast Ethernet", descrivere le principali differenze tra le tecniche di"

Transcript

1 1. Dopo aver riportato sinteticamente le caratteristiche dello standard "10-gigabit Ethernet", elencare e descrivere le relative tecniche di trasmissione su fibra e su rame. 2. Dopo aver definito sinteticamente il significato di algoritmo di routing, descrivere la tecnica di f1ooding. 3. Nell'ambito dei protocolli di controllo utilizzati nel livello di rete, descrivere l'internet control message protocol (ICMP) ed i relativi principali messaggi. 4. In cosa consiste un attacco "DNS spoofing"? Descrivere inoltre le caratteristiche del protocollo Domain Name System Security Extensions (DNSsec). 5. Che cos'è una "stored procedure" in SQL? 6. Fornire una descrizione delle tre fasi principali della progettazione di basi di dati. 7. Nell'ambito della progettazione concettuale delle basi di dati, descrivere la strategia "inside-out". 8. Nell'ambito della normalizzazione di una base dati, descrivere quali sono le proprietà che dovrebbero essere sempre soddisfatte da una decomposizione. 9. Dopo aver definito il significato di "kernel", spiegare a cosa serve il metodo stratificato. 10. Nell'ambito della gestione della memoria centrale, definire ed eventualmente rappresentare il procedimento di awicendamento o scambio (swapping) dei processi in memoria. 11. Che cos'è un sistema RAID? Descriverne le strutture e i vantaggi derivanti dalla sua implementazione. 12. Cosa si intende per Cloud Computing? Descrivere inoltre la seguente tipologia di servizio: "Platform-asa-Service" (PaaS). 13. Nell'ambito dell'analisi dei dati, quali sono le funzioni di base deil'olap? 14. Cos'è un "data mart"? Quali sono le fasi della progettazione di un data mart? 15. Che cosa sono gli "indici di proiezione" nell'ambito del data warehouse? 16. Nell'ambito della Business Intelligence, cosa si intende per "Business Performance Management" (BPM)? 17. Cosa sono i Web Services? Darne una descrizione delle caratteristiche e del funzionamento. 18. Spiegare il concetto di "ontologia" nell'ambito del Web Semantico. 19. Spiegare il significato dell'acronimo "XML", dandone le caratteristiche principali. 20. Descrivere brevemente il significato di "Protocol far Web Description Resources" (POWDER). 21. Descrivere brevemente il processo "unificato" di sviluppo software. 22. Nell'ambito della modellazione analitica dare una descrizione della modellazione "Class-Responsibility Collaborator" (CRC). 23. Cosa sono i Function Point (FP)? Come vengono calcolati? 24. Dopo aver fornito una definizione di "System Testing", presentarne i tipi conosciuti ed applicabili ai sistemi software. 25. Come awiene il controllo della versione di un software? Descrivere brevemente il sistema CVS. 26. Esporre la tecnica" Adaptive Software Development" (ASD) come metodologia agile per lo sviluppo del software. 27. Nell'ambito della gestione di progetti, quali sono gli elementi chiave di un progetto secondo il principio "W5HH"? 28. Definire la scheduling nello sviluppo di un software ed indicarne i metodi conosciuti. 29. Introdurre brevemente le best practices "ITIL". Quante e quali sono le fasi del ciclo di vita di un servizio. 30. Dare una breve descrizione della "Business Process Management" (BPM). In cosa differisce dal "Business Process Re-engeneering" (BPR)?

2 \\ Dopo aver riportato sinteticamente le caratteristiche dello standard "Gigabit Ethernet", descrivere le due funzionalità "carrier extension" e "frame bursting". Dopo aver definito una "rete a circuito virtuale", descriverne il funzionamento. Nell'ambito del protocollo IPv6, descrivere i tipi di "intestazioni estese". Descrivere, nella maniera più esauriente possibile, come vengono distribuite le chiavi pubbliche in modo sicuro. Cosa è e quale è la principale funzione dello standard X.509? Nell'ambito delle basi di dati esporre il concetto di "transazione", descrivendo inoltre le quattro proprietà "AClD" delle transazioni. Nell'ambito dell'ambiente Java descrivere le caratteristiche del modulo Java Database Connectivity (JDBC). Nell'ambito della progettazione concettuale delle basi di dati, descrivere la strategia "top-down". Dopo aver introdotto il concetto di normalizzazione di una base di dati, descrivere la terza forma normale. Cos'è il debugging nell'ambito dei sistemi operativi? Definire sinteticamente la funzione dell'utilità DTrace. 10. Nell'ambito della sincronizzazione dei processi dare una definizione della "sezione critica". Quali soluzioni software o hardware esistono per rispondere al problema della sezione critica? 11. Dopo aver definito sinteticamente il "file system", descrivere le caratteristiche del protocollo NFS. 12. Dopo aver descritto la differenza tra cloud privato e cloud pubblico, descrivere la seguente tipologia di servizio: "Infrastructure-as-a-Service" (laas). 13. Cosa si intende con l'acronimo OLAP? Descrivere inoltre le tipologie di sistemi OLAP. 14. Descrivere il ciclo di vita di sistemi di data warehouse denominato "Rapid Warehousing Methodology". 15. Che cosa sono gli "indici Join" nell'ambito del data warehouse? 16. Nell'ambito della Business Intelligence, descrivere cosa si intende per "data mining". 17. Definire brevemente i linguaggi HTML e XHTML. 18. Nell'ambito del Web Semantico cosa sono i "metadati"? Descriverne le caratteristiche principali. 19. Facendo riferimento al diagramma piramidale del web semantico, descrivere brevemente il significato di "URI". 20. Descrivere brevemente il significato di "Web Ontology Language" (OWL). 21. Nell'ambito dello sviluppo software, cosa si intende per "modelli a processo evolutivo"? Descrivere, in particolare, il modello a spirale. 22. In che modo la tecnica "Quality Function Deployment" (QFD) traduce i bisogni del cliente in requisiti tecnici per il software? 23. Nell'ambito del processo di sviluppo software fornire una breve presentazione del modello di design e riportare gli elementi previsti nella progettàzione. 24. Nell'ambito delle strategie di testing del software descrivere il "validation testing". 25. Nell'ambito della gestione della qualità come possono essere misurate l'affidabilità e la disponibilità di un software? 26. Descrivere, nell'ambito dei modelli di processo agili per lo sviluppo del software, cosa si intende per "Extreme Programming" (XP). 27. Nell'ambito della gestione di progetti di sviluppo software, come viene definito lo "scope" del software e cosa deve riportare l'enunciato dello scope? 28. In base a quali parametri avviene la scelta fra acquisto e sviluppo di un software? 29. Nell'ambito della gestione dei rischi di un progetto, cosa è un "piano RMMM"? 30. Cosa si intende per "Service Oriented Architecture" (SOA)? Su quali elementi o standard si fonda?

3 1. Dopo aver riportato sinteticamente le caratteristiche dello standard "Fast Ethernet", descrivere le principali differenze tra le tecniche di trasmissione 100-Base-T4, 100Base-TX e 100Base-FX. 2. Dopo aver definito una "rete datagram", descriverne il funzionamento. 3. Dopo aver descritto i motivi che hanno portato all'introduzione del protocollo IPv6, definirne brevemente le caratteristiche e le differenze con il protocollo IPv4. 4. Dopo aver indicato l'ambito di utilizzo e le principali caratteristiche del protocollo "SIP", descrivere le somiglianze e le differenze con il protocollo H Definire e descrivere le attività di cui si compone il ciclo di vita di un sistema informativo. 6. Cosa sono i trigger? Descrivere la loro importanza funzionale nei sistemi relazionali. 7. NeWambito della progettazione dei database esporre il modello Entità-Relazione, soffermandosi sull'analisi dei suoi costrutti principali. 8. Dopo aver introdotto il concetto di normalizzazione di una base di dati, descrivere la forma normale di Boyce e Codd. 9. Definire brevemente il concetto generale di macchina virtuale, illustrandone i vantaggi. Descrivere inoltre il funzionamento della macchina virtuale Java. 10. Quali sono i criteri per confrontare gli algoritmi di scheduling della CPU? Descrivere inoltre l'algoritmo di scheduling "in ordine d'arrivo" (FCFS). 11. Cosa si intende per tecnica della memoria virtuale? Descrivere inoltre il caso di "paginazione degenere" (thrashing). 12. Dopo aver introdotto sinteticamente il concetto di Cloud Computing, descrivere la seguente tipologia di servizio: "Software-as-a-Service" (SaaS). 13. Dopo aver dato la definizione di "data warehousing", descriverne le architetture tipiche. 14. Descrivere il ciclo di vita di sistemi di data warehouse denominato "Business Dimensionai Lifecycle". 15. Che cosa sono gli "indici bitmap" nell'ambito del data warehouse? 16. Nell'ambito della Business Intelligence, descrivere le tecniche di analisi "what-if'. 17. Definire brevemente i protocolli HTTP e HTTPS. 18. Una delle prime implementazioni web "dinamiche" è stata la "Common Gateway Interface" (CGI). Descriverne le caratteristiche principali. 19. Facendo riferimento al diagramma piramidale del web semantico, descrivere brevemente lo standard "Unicode". 20. Che cosa è il"resource Description Framework" (RDF) proposto dal W3C? 21. Nell'ambito dello sviluppo software, cosa si intende per "modelli a processo incrementale"? Descrivere, in particolare, il modello RAD. 22. In cosa consiste il deployment di un software? Quali sono i principi chiave da seguire quando lo si esegue? 23. Elencare e descrivere brevemente i principi o concetti fondamentali della progettazione del software. 24. Nell'ambito delle strategie di testing del software fornire una breve descrizione dell' "integration testing". 25. Dopo aver presentato i fondamenti del testing del software, fornire una breve descrizione del testing "black-box" e "white box". 26. Cosa si intende con processo di sviluppo software "agile"? Quali sono gli elementi chiave? 27. Esplicitare e dare una breve descrizione delle "quattro P" su cui si fonda la gestione di un progetto. 28. Quale è la differenza tra metrica di processo e metrica di progetto? 29. Dare una breve descrizione della "Earned Value Analysis" (EVA)? 30. Introdurre brevemente il metodo di project management "PRINCE2".

4 Il Sistema Informativo per l'amministrazione del Personale (SIAP) è un sistema integrato rivolto alla gestione giuridico-amministrativa del personale, realizzato dal Ministero dell'economia e delle Finanze con lo scopo di automatizzare i processi interni di gestione del personale e di fornire uno strumento di supporto a tutte le strutture dell'amministrazione coinvolte nella gestione del personale. L'implementazione della funzione RilevamentoPresenze consente di rilevare la presenza dei dipendenti del MEF in tutte le sedi distribuite sul territorio regionale, consentendo loro di registrare l'entrata e l'uscita mediante uno qualsiasi degli appositi sensori del sistema. TI sensore dovrà rilevare la data e l'ora dell 'evento e il nome del dipendente interessato. Le informazioni relative agli eventi generati dai dipendenti saranno raccolte dal sistema e raggruppate in un rapporto periodico (mese, anno). TI sistema prevede la visualizzazione degli eventi più recenti su richiesta esplicita del dipendente. Gli eventi eccezionali (malattia, ferie, permessi) segnalati dai dipendenti sono registrati da un dipendente della sede centrale, responsabile del rilevamento presenze, mediante un 'apposita interfaccia utente. Prima di inviare i rapporti periodici al sistema stipendi, il responsabile del rilevamento presenze li normalizza, rimuovendo eventuali incongruenze (doppie entrate, doppie uscite) anche sulla base delle dichiarazioni presentate dai dipendenti. Può accadere, infatti, che un dipendente registri erroneamente un evento (un'entrata al posto di un'uscita, ad esempio) o che si dimentichi di registrarlo. Tutte le informazioni relative ai dipendenti, al loro profilo (orari di entrata e di uscita, intervalli per il pranzo, compensazioni e autorizzazione allo svolgimento delle ore straordinarie) sono gestite dal sistema stipendi e inviate al sistema per il rilevamento delle presenze che le utilizza in sola lettura. 1-4

5 Quesito 1 Dare un diagramma delle classi, considerando come classi o attributi tutti e soli i termini che nell'enunciato compaiono in grassetto. Quesito 2 E' stato individuato il caso d'uso Registrazione con la seguente breve descrizione: Il dipendente segnala la propria entrata o uscita al sistema. Dare la narrativa del caso d'uso Registrazione Quesito 3 Si sono individuati i seguenti caso d'uso: R egls et. razione E ven tie ccezlona lo I Breve descrizione Il responsabile immette nel sistema le informazioni relative a eventi eccezionali (malattia, ferie, permessi, ecc.) per ciascun dipendente interessato Attori principali Responsabile Attori secondari Nessuno Normalizzazione Breve descrizione Attori principali Attori secondari Il responsabile, basandosi sulle dichiarazioni dei dipendenti, modifica le informazioni contenute nel rapporto, per nrnuovere eventuali incongruenze (doppie entrate o doppie uscite) Responsabile Nessuno In particolare, il caso d'uso Normalizzazione ha la seguente sequenza principale degli eventi: Normalizzazione Sequenza principale degli eventi 1. Per ogni dipendente: 1.1. per ogni doppia entrata o uscita: il sistema la presenta al responsabile se il responsabile ha informazioni al riguardo comunica l'azione correttiva al sistema altrimenti il responsabile segnala al sistema di salvare l'incongruenza in una lista ~ ~ L\7 ~ 2-4

6 'darisolvere' 1.2. se la lista 'darisolvere' non è vuota il sistema genera una lettera di richiesta di chiarimenti al dipendente. Dare un diagramma di sequenza che realizzi il caso Normalizzazione. 1 Quesito 4 La vista comportamentale, a componenti e connettori (C&C), dell'architettura del sistema è dato dal seguente diagramma, dove mancano i tipi dei connettori. «component~~ [) D8Eventi «component»» [I RegistratorePresenze «component»> ~ GesioreSensore «componen!» GestoreGUI «component~~ ~ LoglcaPresenze I componenti hanno le seguenti responsabilità: GestoreSensore ReJlistratorePresenze DBEventi LogicaPresenze GestoreGui Gestisce un sensore, invia gli eventi rilevati al Ref!istratorePresenze. Interfaccia il GestoreSensore ed il DBEventi. Mantiene gli eventi rilevati dai sensori. Genera il rapporto periodico e lo invia al SistemaStipendi. Per generare il rapporto interroga il DBEventi e interagisce con GestoreGUl Riceve dal SistemaSti pendi le informazioni relative ai dipendenti. Permette di visualizzare gli eventi più recenti, di registrare gli eventi eccezionali e di normalizzare i rapporti. 4.a. Completare il diagramma C&C indicando il tipo dei connettori, ove siano individuabili degli stili architettonici. 3-4

7 4.b Per la realizzazione del sistema sono state proposte due soluzioni diverse. Entrambe prevedono l'uso di un server centrale e di un PC per il responsabile, presso la sede centrale, connessi in rete locale. Le soluzioni differiscono per il tipo di connessione dei sensori. La prima soluzione prevede un concentratore per ogni filiale ed una connessione punto a punto tra ogni sensore e il concentratore, a sua volta connesso in rete geografica con ii server centrale. La seconda prevede invece un collegamento in rete geografica tra ogni sensore e il server centrale, senza concentratori. Dare i diagrammi di dislocazione (deployment diagram) dei componenti descritti alla domanda precedente, per ciascuna delle strutture hardware. Si assuma che gli artefatti abbiano lo stesso nome dei componenti che manifestano, e che siano tutti di tipo jar. A Quesito 5 Si consideri la seguente classe J ava: public class PuntoNelTempo private int m; Il minuto private int h; Il ora public PuntoNelTempo(int ora, int minuto) h = Math.abs(ora) % 24; m = Math.abs(minuto) % 60; public int intervallo (PuntoNelTempo p) { PuntoNelTempo pl, p2; if (this.h > p.h) { pl = p; p2 = this; else if (this.h < p.h) pl = this; p2 = p; else if (this.m >= p.m) pl p; p2 = this; else pl this; p2 = p; int int_h = p2.h - pl.h; int int_m = p2.m - pl.m; if (int_m >= O) return int h * 60 + else { return (int_h - int_m; 1) * 60 + (60 + int_m); Si disegni il grafo di flusso del metodo intervallo. Si fornisca un insieme minimo di valori di input per i casi di prova che garantiscano la copertura dei cammini del metodo intervallo. 4-4

8 2 Per far fronte alla agguerrita concorrenza delle compagnie low cost, l' ALIT ALIA vuole rendere più aggressiva la sua campagna di fidelizzazione (Mille Miglia), proponendo ai suoi clienti l'iscrizione al programma di fedeltà che consente di ricevere in omaggio biglietti aerei o soggiorni in varie località. Iscrivendosi al programma da semplice cliente si può diventare un associato della compagnia aerea, guadagnando immediatamente un bonus di miglia utili. Ogni volta che un associato vola con la compagnia aerea, le.miglia accumulabili del volo sono sommate alle miglia utili, permettendo così di raggiungere le miglia necessarie per richiedere uno dei premi. La richiesta premi deve essere effettuata mediante il portale dedicato agli associati; dal portale è sufficiente scegliere il premio e stampare la ricevuta 1 Gli associati che accumulano almeno miglia (miglia accumulate) sono promossi dal livello standard al livello argento, usufruendo di particolari agevolazioni al momento dell 'imbarco. Se invece accumulano almeno miglia entrano a far parte degli associati del livello oro 2 note 1 Soggetto a disponibilità di miglia utili nella situazione dell 'associato e di disponibilità del premio scelto. I premi riscossi danno luogo a una diminuzione immediata delle miglia utili. La situazione è aggiornata il 31 dicembre, mantenendo solo le miglia dei voli effettuati negli ultimi 5 anni. 2 Tutte le condizioni si riferiscono esclusivamente alle miglia accumulate in un anno. Il passaggio da un livello alraltro è effettuato il 31 dicembre. La permanenza nel livello da un anno all'altro è soggetta al rispetto degli stessi requisiti per entrare nel livello. Il bonus iniziale non concorre al raggiungimento delle miglia richieste per cambiare o mantenere un livello. 1-3 ~

9 Quesito 1 1.a Dare un diagramma delle classi che descriva il dominio, considerando come classi o attributi tutti e soli i termini che, nell'enunciato e nelle note, compaiono in grassetto. l.b Dare un diagramma di attività che descriva il processo di assegnazione di un premio. Quesito 2 L'analisi dei requisiti ha portato al seguente diagramma dei casi d'uso: GestioneAssociati T * Cliente <<System» Imbarco,,,,,,«Include»,, - «Include» Tempo Il caso AccumuloPunti ha la seguente breve descrizione: Il sistema riceve la lista dei passeggeri di un volo e la esamina, aggiornando di conseguenza la situazione degli associati della compagnia aerea. Dare la narrativa del caso d'uso AccumulaPunti. Quesito 3 Disegnare un diagramma di sequenza che realizzi il caso d'uso AccumulaPunti, mostrando le interazioni tra il sistema e l'attore coinvolto. 2-3

10 Ouesito4 L'analisi architettonica ha portato a individuare le seguenti componenti: Componente GestoreClientiLatoServer GestoreClientiLatoClient DBAssociati GestionePunti ed il seguente connettore «custom» Connettore gestioneclienti Responsabilità Realizza la parte server dei casi d'uso iniziati dai Clienti e il passaggio dall'uno all'altro Realizza la parte client dei casi d'uso iniziati dai Clienti Gestisce i dati degli associati del Club Realizza i casi d'uso AccumuloPunti e AggiomamentoAnnuale Responsabilità Permette gli scambi d'informazione tra i gestori Clienti. Dare una vista comportamentale, a componenti e connettori (C&C), sull'architettura del sistema GestioneAssociati, utilizzando le componenti suddette, il connettore dato ed eventuali connettori standard. Ouesito 5 Si consideri il metodo stimalivelli, con la seguente specifica: dato un vettore di associati della compagnia aerea, restituisce una tripla formata, rispettivamente, dal numero degli associati che, in base alla loro situazione: migliorano il proprio livello, non lo modificano, lo peggiorano. Si noti che i livelli standard, argento e oro sono codificati rispettivamente con 1, 2 e 3. public Tripla stimalivelli(vector <Associato> associati) int inaumento = O; int stabili = O; int incalo = O; for (Associato m : associati) { Il itera su associati int livello = m.getlivello{) int miglia = m.getmiglia{) ; int differenza; if (miglia > ) differenza = 3 - livello; else if (miglia > 15000) differenza = 2 - livello; else differenza = 1 - livello; if (differenza> O) inaumento++; else if (differenza==o) stabili++; else incalo++; return new Tripla (inaumento, stabili, incalo) Definire un insieme di coppie di attributi (livello, miglia) da attribuire agli elementi del vettore associati che permetta di raggiungere una copertura del 100% del codice del metodo stimalivelli, ~ SA: il Cri~ dei CO~~ 3 _ 3

11 ,. La Corte dei Conti ha deciso di avviare per i suoi dipendenti una serie di tirocini formativi al fine di aumentare e potenziare le competenze interne sia in ambito economicollegisiativo sia in ambito informatico. I tirocini prevedono la frequenza di un corso della durata di alcuni mesi, a seconda della complessità degli argomenti trattati, ed un esame finale per la verifica sia della partecipazione dei dipendenti sia dell'utilità dell' offerta formativa. Inoltre i corsi sono tenuti da docenti universitari scelti in base alla competenza in materia. Visto che ogni dipendente è tenuto a seguire un certo numero di corsi nel corso dell' anno solare e a superarne i relativi esami conclusivi, si è deciso di effettuare la registrazione dell'esame. Infine per incentivare i dipendenti alla partecipazione attiva ai tirocini, verrà assegnato dal docente un voto come esito dell' esame finale. Il processo di dematerializzazione dei documenti cartacei e di innovazione delle procedure amministrative della Corte dei Conti prevede l'adozione di un sistema di registrazione degli esami basato sull utilizzo dei telefoni cellulari da parte dei docenti. Per ogni corso, caratterizzato da un codice, è nominata una commissione, formata dai docenti che possono svolgere il ruolo di esaminatore. Tra di essi, è designato il presidente di commissione. Il sistema, denominato CdcEx, prevede che i docenti abilitati all'uso di CdcEx facenti parte della commissione, utilizzino il cellulare per verbalizzare gli esami, mediante l'invio di un SMS al numero telefonico del servizio. Come misura di sicurezza e autenticazione, i docenti si abilitano al servizio registrando (una volta sola) su CdcEx il numero del loro telefono cellulare. Ogni docente ha un indirizzo mail. Giornalmente, CdcEx registra gli esami della giornata nel sistema D2 e invia agli esaminatori di ogni corso una mail contenente un'indicazione degli esami del loro corso registrati in giornata. In seguito alla ricezione della mail, il presidente della commissione provvede a rispondere per confermare. CdcEx attende 60 giorni l'invio della mail di conferma. Gli esami confermati sono definitivamente archiviati nel sistema D2, quelli non confermati sono cancellati dal sistema D2 e devono essere registrati manualmente dal presidente della commissione, secondo una procedura cartacea. Utilizzando l'elenco dei dipendenti iscritti, organizzato in sottoelenchi per ogni giornata di esami, il docente procede a effettuare l'esame che può avere un esito positivo (voto maggiore o uguale a 6 decimi) o negativo. Solo gli esami con esito positivo sono registrati mediante l'invio di un SMS. 1-4

12 Quesito 1 Dare un diagramma delle classi, considerando come classi o attributi tutti e soli nell'enunciato compaiono in grassetto. 3 termini che Quesito 2 L'analisi dei requisiti ha portato al seguente diagramma dei casi d'uso: CdcEx Sistemista Tempo «sistema» MailServer DocenteAbilitato «sistema» D2 con le seguenti narrative incomplete: Configurazione: Configurazione iniziale del servizio. Abilitazione: Verbalizzazione: ChiusuraSerale: Archiviazione: Un docente richiede l'abilitazione all'uso del servizio. Permette di verbalizzare un esame usando il telefono cellulare. La sera vengono registrati nel sistema D2 gli esami verbalizzati in giornata e viene mandata una ai docenti. La sera si archiviano nel sistema D2 gli esami verbalizzati 60 giorni prima e confermati; si cancellano dal sistema D2 quelli non confermati. Dare la narrativa di Verbalizzazione, ChiusuraSerale e Archiviazione. ~ ~ 0' 2-4

13 Quesito 3 Si supponga di disporre di almeno tre tipi di nodi hardware: 1. ServerCdcEx che funge da server per l'applicazione CdcEx (un solo nodo di questo tipo); 2. ServerMai/ dove è dislocato il Mai/Server (un solo nodo di questo tipo); 3. PC usato dai docenti quando vogliono abilitarsi o leggere/scrivere messaggi di posta elettronica (un numero imprecisato di nodi di questo tipo). Il canale tra il nodo ServerCdcEx e i nodi PC supporta HTTP. I canali con il Server Mail supportano SMTP. La progettazione architettonica ha individuato le seguenti componenti, alcune da realizzare, altre che già esistono. Si noti che il MailServer, anche se di fatto esterno al sistema CdcEx - al pari del sistema D2 e del sistema di ricezione SMS dell'operatore telefonico utilizzato - viene esplicitamente descritto nell'architettura per completezza. Si noti anche che l'utente interagisce con la componente Abilitazione attraverso un browser. Componente DBdocentiAbilitati DBesami Disponibile Responsabilità Mantiene i nomi e i numeri di telefono dei docenti abilitati al servizio. Mantiene i dati degli esami verbalizzati e di quelli registrati. Abilitazione Permette ai docenti di abilitarsi. GestioneEsami Realizza i casi d'uso Verbalizzazione, ChiusuraSerale e Archiviazione. MailServer X Server di posta. MailClientAPI X Client di posta con interfaccia verso altra componente. Mail ClientInterattivo X CHent di posta con interfaccia utente. Si assuma che ogni componente si manifesti in un artefatto omonimo, di tipo jar. 3.a Fornire una vista comportamentale, a componenti e connettori (C&C) 3.b Fornire una vista logica di dislocazione (deployment diagram) 3-4

14 3 Quesito 4 Fornire un diagramma di sequenza che illustri come le componenti, individuate nell'ambito del precedente quesito, interagiscono per realizzare il caso d'uso ChiusuraSerale. Si assuma che le informazioni sulle commissioni d'esame e sugli indirizzi mail dei docenti siano mantenute nel D2, cui GestioneEsami accede direttamente. Quesito 5 Una delle funzioni ausiliarie del sistema CdcEx è di fornire informazioni statistiche sull' andamento degli esami. In particolare, il sistema deve fornire infonnazioni sul numero d'esami mediamente sostenuti ogni giorno, per ogni corso. A tale scopo, si prevede l'utilizzo di una funzione numeromedioesami che, dato un vettore di numeri d'esame, ne restituisce la media, arrotondata all'intero superiore. Per verificare la funzione si prevede un test a scatola nera. Fornire cinque casi di prova per la funzione numeromedioesami. 4-4

Corso di Ingegneria del Software. Casi di studio Parte III

Corso di Ingegneria del Software. Casi di studio Parte III Corso di Ingegneria del Software a.a. 2009/2010 Mario Vacca mario.vacca1@istruzione.it Casi di studio Casi di studio Sommario Caso di studio 4: Rilevamento presenze (Da Ambriola et al. 2009) Caso di studio

Dettagli

3 Capitolo primo Informatica e calcolatori

3 Capitolo primo Informatica e calcolatori I n d i c e 3 Capitolo primo Informatica e calcolatori 7 Capitolo secondo La rappresentazione delle informazioni 11 2.1 La codifica dei caratteri 2.1.1 Il codice ASCII, p. 11-2.1.2 Codifiche universali,

Dettagli

1 MODULO: Visual basic.net Dati strutturati. Finalità: Gestione di dati strutturati

1 MODULO: Visual basic.net Dati strutturati. Finalità: Gestione di dati strutturati Istituto di Istruzione Superiore via Salvini 24 Roma Liceo M. Azzarita Liceo delle scienze applicate Materia:Informatica Programmazione a.s. 2015-2016 Classi 4 e Obiettivi disciplinari secondo biennio

Dettagli

Indice. Prefazione all edizione italiana

Indice. Prefazione all edizione italiana Indice Prefazione all edizione italiana XV Capitolo 1 Il software e l ingegneria del software 1 1.1 L evoluzione del ruolo del software 3 1.2 Il software 5 1.3 La natura mutevole del software 8 1.4 Il

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

Anno Scolastico: 2014-2015. Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali. Classe: quinta. Disciplina: Informatica. prof. Silvia Tondo

Anno Scolastico: 2014-2015. Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali. Classe: quinta. Disciplina: Informatica. prof. Silvia Tondo Anno Scolastico: 2014-2015 Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali Classe: quinta Disciplina: Informatica prof. Silvia Tondo Competenze disciplinari: 1. Utilizzare le reti e gli strumenti informatici

Dettagli

Esercizi di Ingegneria del Software

Esercizi di Ingegneria del Software Esercizi di Ingegneria del Software Il caso della Grande Distribuzione V. Ambriola, C. Montangero e L. Semini Corso di Laurea in Informatica Corso di Laurea in Informatica Applicata Dipartimento di Informatica

Dettagli

Caso d Uso: AcquistoAbbonamentoStudentiSettimanaleGiornaliero Breve descrizione. Procedura per la registrazione al servizio CicloPi.

Caso d Uso: AcquistoAbbonamentoStudentiSettimanaleGiornaliero Breve descrizione. Procedura per la registrazione al servizio CicloPi. Corso di Ingegneria del software Seconda verifica 27 maggio 2015 F. Gadducci, L. Semini - Dipartimento di Informatica, Università di Pisa, a.a. 2014/15 La prova si svolge a libri chiusi (non è permessa

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA 05/11/14 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di SISTEMI DISTRIBUITI 7. I processi : il naming Prof. S.Pizzutilo Il naming dei processi Nome = stringa di bit o di caratteri utilizzata per

Dettagli

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI 1 Web Link Monitor... 2 2 Database Browser... 4 3 Network Monitor... 5 4 Ghost Site... 7 5 Copy Search... 9 6 Remote Audio Video

Dettagli

Indice. Ringraziamenti dell Editore

Indice. Ringraziamenti dell Editore Prefazione Autori Ringraziamenti dell Editore XVII XXI XXIII 1 Introduzione 1 1.1 Sistemi informativi, informazioni e dati 1 1.2 Basi di dati e sistemi di gestione di basi di dati 3 1.3 Modelli dei dati

Dettagli

Esercizi di Ingegneria del Software

Esercizi di Ingegneria del Software Esercizi di Ingegneria del Software Il caso della Grande Distribuzione V. Ambriola, C. Montangero e L. Semini Corso di Laurea in Informatica Corso di Laurea in Informatica Applicata Dipartimento di Informatica

Dettagli

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione Livello Applicazione Davide Quaglia 1 Motivazione Nell'architettura ibrida TCP/IP sopra il livello trasporto esiste un unico livello che si occupa di: Gestire il concetto di sessione di lavoro Autenticazione

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015 Indirizzo: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Disciplina: Informatica Docente:Maria Teresa Niro Classe: Quinta B Ore settimanali previste: 6 (3 ore Teoria - 3 ore Laboratorio) ITI M. FARADAY Programmazione

Dettagli

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Coordinatore: Prof. Paolo Nesi Docenti: Prof. Paolo Nesi Dr.sa Michela Paolucci Dr. Emanuele Bellini UML La prima versione ufficiale risale

Dettagli

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA La Dialuma propone a catalogo 22 corsi di Informatica che spaziano tra vari argomenti e livelli. TITOLI E ARGOMENTI I001 - Informatica generale Concetti generali

Dettagli

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari Gubiani & Montanari Il DBMS Oracle 1 Il DBMS Oracle Express Edition Donatella Gubiani e Angelo Montanari Il DBMS Oracle Il DBMS Oracle Oracle 10g Express Edition Il DBMS Oracle (nelle sue versioni più

Dettagli

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1 Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software Project Proposal Versione 1.1 Data 27/03/2009 Project Manager: D Amato Angelo 0521000698 Partecipanti: Nome Andrea Cesaro Giuseppe Russo

Dettagli

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati

2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati 2009. STR S.p.A. u.s. Tutti i diritti riservati Sommario COME INSTALLARE STR VISION CPM... 3 Concetti base dell installazione Azienda... 4 Avvio installazione... 4 Scelta del tipo Installazione... 5 INSTALLAZIONE

Dettagli

Il funzionamento delle reti

Il funzionamento delle reti Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno mutando l

Dettagli

Enrico Fagnoni BOTK IN A NUTSHELL

Enrico Fagnoni <e.fagnoni@e-artspace.com> BOTK IN A NUTSHELL Enrico Fagnoni BOTK IN A NUTSHELL 20/01/2011 1 Business Ontology ToolKit Business Ontology Toolkit (BOTK) è un insieme estensibile di strumenti per realizzare applicazioni basate

Dettagli

IBM Software Demos The Front-End to SOA

IBM Software Demos The Front-End to SOA Oggi, imprese piccole e grandi utilizzano software basato sull'architettura SOA (Service-Oriented Architecture), per promuovere l'innovazione, ottimizzare i processi aziendali e migliorare l'efficienza.

Dettagli

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB

SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica SVILUPPO ONTOLOGIE PER LA GESTIONE DOCUMENTALE E LORO INTEGRAZIONE ALL INTERNO DI UNA PIATTAFORMA WEB Relatore Chiarissimo

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Politecnico di Milano

Politecnico di Milano 1 Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Progetto di Ingegneria del Software 2: SWIMv2 Prof.ssa Mirandola Raffaella A.A 2012/2013 SWIMv2: Small World hypotesis Machine v2 Realizzato

Dettagli

SWIM v2 Design Document

SWIM v2 Design Document PROGETTO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE 2 SWIM v2 DD Design Document Matteo Danelli Daniel Cantoni 22 Dicembre 2012 1 Indice Progettazione concettuale Modello ER Entità e relazioni nel dettaglio User Feedback

Dettagli

Lorenzo Braidi. Database design. Libro_datadesign.indb 1 23-11-2004 10:06:17

Lorenzo Braidi. Database design. Libro_datadesign.indb 1 23-11-2004 10:06:17 Lorenzo Braidi Database design Libro_datadesign.indb 1 23-11-2004 10:06:17 Sommario Introduzione...XI Capitolo 1 Le basi di dati relazionali... 1 Le basi di dati... 1 Un po di storia... 2 I database gerarchici...

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLE SPECIFICHE TECNICO FUNZIONALI DEL SISTEMA DI GIOCO VIRTUALE

LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLE SPECIFICHE TECNICO FUNZIONALI DEL SISTEMA DI GIOCO VIRTUALE LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLE SPECIFICHE TECNICO FUNZIONALI DEL SISTEMA DI GIOCO VIRTUALE VERSIONE 0.90 Premessa... 2 Percorso della verifica di conformità... 2 Documento specifiche tecnico-funzionali

Dettagli

Applicazione: Candidati a Incarichi di Collaborazione

Applicazione: Candidati a Incarichi di Collaborazione Riusabilità del software Catalogo delle applicazioni Gestione Personale Applicazione: Candidati a Incarichi di Collaborazione Amministrazione: DigitPA Responsabile dei sistemi informativi Nome e Cognome:

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

Installation Guide. Pagina 1

Installation Guide. Pagina 1 Installation Guide Pagina 1 Introduzione Questo manuale illustra la procedura di Set up e prima installazione dell ambiente Tempest e del configuratore IVR. Questo manuale si riferisce alla sola procedura

Dettagli

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Milano Polo di Crema Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali INFORMATICA Corso di Ingegneria del Software progetto IL SISTEMA CALENDAR Presentato al dott. Paolo

Dettagli

Corso Web programming

Corso Web programming Corso Web programming Modulo T3 A1 Modelli di programmazione 1 Prerequisiti Concetto di rete Processi e thread Concetti generali sui database 2 1 Introduzione Un particolare ambito della programmazione

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 B1 - Progettazione dei DB 1 Prerequisiti Ciclo di vita del software file system Metodologia di progettazione razionale del software 2 1 Introduzione Per la realizzazione

Dettagli

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof.

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof. Anno Scolastico: 2014/2015 Indirizzo: Sistemi informativi aziendali Classe quarta AS Disciplina: Informatica prof. Competenze disciplinari: Secondo biennio 1. Identificare e applicare le metodologie e

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (PI) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

Dettagli

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1 Le Basi di dati: generalità Unità di Apprendimento A1 1 1 Cosa è una base di dati In ogni modello di organizzazione della vita dell uomo vengono trattate informazioni Una volta individuate e raccolte devono

Dettagli

Use Case Driven Object Modeling: ICONIX

Use Case Driven Object Modeling: ICONIX Use Case Driven Object Modeling: ICONIX Un esempio di specifica, analisi, progetto e sviluppo utilizzando ICONIX Ditta di Noleggio Dvd Un sistema per la gestione di una ditta di noleggio dvd che ha più

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

GESTIONE DEL MOVIMENTO DEL PERSONALE IN AMBIENTE INTRANET. Open System s.r.l.

GESTIONE DEL MOVIMENTO DEL PERSONALE IN AMBIENTE INTRANET. Open System s.r.l. Open System s.r.l. P.IVA: 00905040895 C.C.I.A.A.: SR-7255 Sede Legale: 96016 Lentini Via Licata, 16 Sede Operativa: 96013 Carlentini Via Duca degli Abruzzi,51 Tel. 095-7846252 Fax. 095-7846521 e-mail:

Dettagli

Manuale di Integrazione IdM-RAS

Manuale di Integrazione IdM-RAS IdM-RAS Data: 30/11/09 File: Manuale di integrazione IdM-RAS.doc Versione: Redazione: Sardegna IT IdM-RAS Sommario 1 Introduzione... 3 2 Architettura del sistema... 4 2.1 Service Provider... 4 2.2 Local

Dettagli

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4)

Architettura del. Sintesi dei livelli di rete. Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) Architettura del WWW World Wide Web Sintesi dei livelli di rete Livelli di trasporto e inferiori (Livelli 1-4) - Connessione fisica - Trasmissione dei pacchetti ( IP ) - Affidabilità della comunicazione

Dettagli

Servizi remoti Xerox Un passo nella giusta direzione

Servizi remoti Xerox Un passo nella giusta direzione Servizi remoti Xerox Un passo nella giusta direzione Diagnosi dei problemi Valutazione dei dati macchina Problemi e soluzioni Garanzia di protezione del cliente 701P41696 Descrizione generale di Servizi

Dettagli

MANUALE UTENTE FORMULA PEC

MANUALE UTENTE FORMULA PEC MANUALE UTENTE FORMULA PEC Stampato il 03/12/10 16.22 Pagina 1 di 22 REVISIONI Revisione n : 00 Data Revisione: 01/04/2010 Descrizione modifiche: Nessuna modifica Motivazioni: Prima stesura Stampato il

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni.

Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni. <Task AP3> Progetto interregionale ICAR Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni AP3-Documento Descrittivo degli Accordi di Servizio Versione AP3-specificaADSv1.2.1.doc Pag. 1

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Cattani Barbara monoennio CLASSE: quinta CORSO D SEZIONE LICEO SCIENZE APPLICATE

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

Guida introduttiva di F-Secure PSB

Guida introduttiva di F-Secure PSB Guida introduttiva di F-Secure PSB Guida introduttiva di F-Secure PSB Indice generale 3 Sommario Capitolo 1: Introduzione...5 Capitolo 2: Guida introduttiva...7 Creazione di un nuovo account...8 Come

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Mystic Pizza Gestione Pizzeria Scheda di Progetto Version 1.0 Data 19/03/2007 Indice degli argomenti 1. Introduzione 3 a. Scenario

Dettagli

Elenco dei manuali. Elenco dei manuali dell'utente di MEGA

Elenco dei manuali. Elenco dei manuali dell'utente di MEGA Elenco dei manuali Elenco dei manuali dell'utente di MEGA MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema

COMUNE DI ROVIGO Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato. Descrizione tecnico economica del sistema Sistema di controllo accessi per Zone a Traffico Limitato Descrizione tecnico economica del sistema Indice INDICE... 2 1. OBIETTIVI... 3 2. DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI... 5 2.1.

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale Unione Europea Regione Sicilia Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia Direzione Generale ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI EDILIZIA ELETTRONICA e

Dettagli

Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard

Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard Architettura ABSCARD Pagina 1 di 13 INDICE GENERALE 1 Architettura...3 1.1 Introduzione...3 1.1.1 Sicurezza...4 1.1.2 Gestione...5 1.1.3 ABScard

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico

Sistemi informatici in ambito radiologico Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015 2016 Reti di elaboratori, il modello a strati e i protocolli di comunicazione e di servizio Reti di elaboratori Definizioni

Dettagli

Il sistema Chat: esempio di documentazione

Il sistema Chat: esempio di documentazione Il sistema Chat: esempio di documentazione Autore: Studente, Matr. xxxxxx 7 Dicembre 2006 Indice 1 Descrizione informale del problema..2 1.1 Glossario dei termini...2 2 Spazio del problema 4 2.1 Aspetti

Dettagli

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3,

automation using workflow technology and web services Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, Emergency healthcare process automation using workflow technology and web services M. Poulymenopoulou, F. Malamateniou, G. Vassilacopoulos Med. Inform. (September 2003) vol. 28, no. 3, 195 207 Processo

Dettagli

b) Dinamicità delle pagine e interattività d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione

b) Dinamicità delle pagine e interattività d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione Evoluzione del Web Direzioni di sviluppo del web a) Multimedialità b) Dinamicità delle pagine e interattività c) Accessibilità d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione e) Web semantico

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. NOKIA INTERNET STICK CS-10 http://it.yourpdfguides.com/dref/2737876

Il tuo manuale d'uso. NOKIA INTERNET STICK CS-10 http://it.yourpdfguides.com/dref/2737876 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di NOKIA INTERNET STICK CS-10. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso

Dettagli

PIANO DI LAVORO A.S. 2015/16

PIANO DI LAVORO A.S. 2015/16 Istituto Tecnico Industriale Leonardo Da Vinci con sez. Commerciale annessa Borgomanero (NO) PIANO DI LAVORO A.S. 2015/16 Materia: Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di telecomunicazioni

Dettagli

DD - Design Document

DD - Design Document Politecnico di Milano Progetto di Ingegneria del Software 2 DD - Design Document Autori: Claudia Foglieni Giovanni Matteo Fumarola Massimo Maggi Professori: Elisabetta Di Nitto Raffaela Mirandola 1 gennaio

Dettagli

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni Introduzione Ai Data Bases Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni I Limiti Degli Archivi E Il Loro Superamento Le tecniche di gestione delle basi di dati nascono

Dettagli

Certificazione di Proxy Applicativi e di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali

Certificazione di Proxy Applicativi e di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali Certificazione di Proxy Applicativi e di applicazioni e servizi di cooperazione di Sistemi Informativi Locali Ver. 1.0 11 Gennaio 2006 Riferimenti Documentazione CART - Regione Toscana [RT-PDK] Proxy Developer

Dettagli

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

REGOLE PROCEDURALI DI CARATTERE TECNICO OPERATIVO PER L ACCESSO AI SERVIZI DISPONIBILI TRAMITE LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Dipartimento per gli Affari di Giustizia Direzione Generale della Giustizia Penale Decreto Dirigenziale Articolo 39 D.P.R. 14 Novembre 2002, N. 313 Decreto Dirigenziale del 5 dicembre 2012 recante le regole

Dettagli

CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE

CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE Internet (La rete delle reti) è l insieme dei canali (linee in rame, fibre ottiche, canali radio, reti satellitari, ecc.) attraverso cui passano le informazioni quando vengono

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

SIPEM ACCESSO AL SISTEMA ED UTILIZZO DELLA CHIAVETTA DI FIRMA. Rev 1.1. Sistema Informativo Pratiche Edilizie e Monitoraggio municipale

SIPEM ACCESSO AL SISTEMA ED UTILIZZO DELLA CHIAVETTA DI FIRMA. Rev 1.1. Sistema Informativo Pratiche Edilizie e Monitoraggio municipale SIPEM Sistema Informativo Pratiche Edilizie e Monitoraggio municipale ACCESSO AL SISTEMA ED UTILIZZO DELLA CHIAVETTA DI FIRMA Rev 1.1 Il presente documento è attualmente in fase di lavorazione. Ancitel,

Dettagli

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP

Web Services. Scoperta del servizio UDDI. Descrizione del servizio WSDL. Accesso al servizio SOAP XML. Starto di comunicazione HTTP Web Services I web services servono a rendere interoperabili le applicazioni e favoriscono la loro integrazione. I servizi web sono applicazioni software che possono essere scoperte, descritte e usate

Dettagli

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor Descrizione della piattaforma software MPS Monitor MPS Monitor è il più completo sistema di monitoraggio remoto e di gestione integrata ed automatizzata dei dati e degli allarmi relativi ai dispositivi

Dettagli

Reti di Calcolatori 18-06-2013

Reti di Calcolatori 18-06-2013 1. Applicazioni di rete [3 pts] Si descrivano, relativamente al sistema DNS: Compito di Reti di Calcolatori 18-06-2013 a) i motivi per i quali viene usato; b) l architettura generale; c) le modalità di

Dettagli

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA La Dialuma propone a catalogo 28 corsi di Informatica che spaziano tra vari argomenti e livelli. TITOLI E ARGOMENTI I001 - Informatica generale Concetti generali

Dettagli

MODELLO CLIENT/SERVER. Gianluca Daino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena daino@unisi.it

MODELLO CLIENT/SERVER. Gianluca Daino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena daino@unisi.it MODELLO CLIENT/SERVER Gianluca Daino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena daino@unisi.it POSSIBILI STRUTTURE DEL SISTEMA INFORMATIVO La struttura di un sistema informativo

Dettagli

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL

ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL ALLEGATO AL CONTRATTO DI FORNITURA DEL SERVIZIO LEGALMAIL.1. Introduzione Legalmail è il servizio di posta elettronica con valore legale realizzato da InfoCamere. Esso consente al Cliente di disporre di

Dettagli

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Obiettivi. Presentare un approccio visuale alla progettazione. Illustrare i vantaggi dell utilizzo di diagrammi nella fase di progettazione. Rispondere

Dettagli

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML

Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security con token SAML Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Sicurezza nei Web Services: Migrazione dell autenticazone di Web Services da ticket di sessione a WS-Security

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico Introduzione alle basi di dati Introduzione alle basi di dati Gestione delle informazioni Base di dati Modello dei dati Indipendenza dei dati Accesso ai dati Vantaggi e svantaggi dei DBMS Gestione delle

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI CLASSE III INDIRIZZO S.I.A. UdA n. 1 Titolo: conoscenze di base Conoscenza delle caratteristiche dell informatica e degli strumenti utilizzati Informatica e sistemi di elaborazione Conoscenza delle caratteristiche

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Sistemi Informativi di relazione - Internet

Sistemi Informativi di relazione - Internet Sistemi Informativi di relazione - Internet Obiettivi. Presentare i concetti base di Internet. Illustrare l evoluzione storica di Internet. Familiarizzare con gli elementi fondamentali di Internet: Il

Dettagli

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Il File System È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Le operazioni supportate da un file system sono: eliminazione di dati modifica

Dettagli

Modulo 1 Test di verifica. Concetti teorici di base delle T.I.C.

Modulo 1 Test di verifica. Concetti teorici di base delle T.I.C. Modulo 1 Test di verifica Concetti teorici di base delle T.I.C. Test n. 1 Quali tra le seguenti non sono memorie di massa? CDROM Hard disk RAM Floppy disk Cache Test n. 1 Quali tra le seguenti non sono

Dettagli

Indice. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Livello applicazione 30

Indice. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Livello applicazione 30 Prefazione XI Capitolo 1 Introduzione 1 1.1 Internet: una panoramica 2 1.1.1 Le reti 2 1.1.2 Commutazione (switching) 4 1.1.3 Internet 6 1.1.4 L accesso a Internet 6 1.1.5 Capacità e prestazioni delle

Dettagli

Sistemi Informativi I

Sistemi Informativi I Sistemi Informativi I Modalità di Esame L esame consta in una prova orale, durante la quale viene discusso un progetto approntato individualmente dallo studente. Il progetto consiste nella elaborazione

Dettagli

La gestione degli esami di profitto in UniTn -Verbalizzazione cartacea-

La gestione degli esami di profitto in UniTn -Verbalizzazione cartacea- La gestione degli esami di profitto in UniTn -Verbalizzazione cartacea- Area Docente Sommario Premessa... 2 1 Gli esami di profitto... 3 1.1 La gestione degli esami di profitto in UniTn... 3 1.1.1 Definizione

Dettagli

Elenco dei manuali. Elenco dei manuali dell'utente di MEGA

Elenco dei manuali. Elenco dei manuali dell'utente di MEGA Elenco dei manuali Elenco dei manuali dell'utente di MEGA MEGA 2009 SP5 R7 1ª edizione (luglio 2012) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono

Dettagli

DATA WAREHOUSING CON JASPERSOFT BI SUITE

DATA WAREHOUSING CON JASPERSOFT BI SUITE UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Dipartimento di Ingegneria di Enzo Ferrari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica (270/04) DATA WAREHOUSING CON JASPERSOFT BI SUITE Relatore

Dettagli

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira Possibili domande 1 --- Caratteristiche delle macchine tipiche dell informatica Componenti hardware del modello funzionale di sistema informatico Componenti software

Dettagli

Reti di Calcolatori. Corso di Informatica. Reti di Calcolatori. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali

Reti di Calcolatori. Corso di Informatica. Reti di Calcolatori. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali Corso di Informatica Gianluca Torta Dipartimento di Informatica Tel: 011 670 6782 Mail: torta@di.unito.it Reti di Calcolatori una rete di

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA. Sviluppare e Integrare. basate sul CLOUD ROMA 11-12 NOVEMBRE 2010 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA. Sviluppare e Integrare. basate sul CLOUD ROMA 11-12 NOVEMBRE 2010 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA GERHARD BAYER Sviluppare e Integrare le Business Applications basate sul CLOUD ROMA 11-12 NOVEMBRE 2010 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it

Dettagli

CARTA dei SERVIZI. Servizi Informatici. di Dario Folli. Pagina 1 di 6 SERVIZI

CARTA dei SERVIZI. Servizi Informatici. di Dario Folli. Pagina 1 di 6 SERVIZI Pagina 1 di 6 CARTA dei? Pagina 2 di 6 per Hardware e Software di BASE Analisi, Progetto e Certificazione Sistema Informatico (HW e SW di base) Le attività di Analisi, Progetto e Certificazione del Sistema

Dettagli

VULNERABILITY ASSESSMENT E PENETRATION TEST

VULNERABILITY ASSESSMENT E PENETRATION TEST VULNERABILITY ASSESSMENT E PENETRATION TEST Una corretta gestione della sicurezza si basa innanzitutto su un adeguata conoscenza dell attuale livello di protezione dei propri sistemi. Partendo da questo

Dettagli

DESIGNAZIONE: Rappresenta una relazione tra due entità di tipo 1 ad M. Esempio tipico è : REPARTO ------- IMPIEGATO

DESIGNAZIONE: Rappresenta una relazione tra due entità di tipo 1 ad M. Esempio tipico è : REPARTO ------- IMPIEGATO DESIGNAZIONE: Rappresenta una relazione tra due entità di tipo 1 ad M. Esempio tipico è : REPARTO ------- IMPIEGATO (designata) (designante) Viene rappresentata inserendo, nella tabella dell entità designante,

Dettagli

Sommario. iii. Prefazione... xi Introduzione...xvii Ringraziamenti... xxi. Parte I - Concetti... 1. Capitolo 1 - L hardware del PC...

Sommario. iii. Prefazione... xi Introduzione...xvii Ringraziamenti... xxi. Parte I - Concetti... 1. Capitolo 1 - L hardware del PC... iii Prefazione... xi Introduzione...xvii Ringraziamenti... xxi Parte I - Concetti... 1 Capitolo 1 - L hardware del PC... 5 1.1 Il processore, la scheda madre e la memoria... 7 1.1.1 Il processore...7 1.1.2

Dettagli

Applicazioni e Architetture Internet. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma

Applicazioni e Architetture Internet. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma Applicazioni e Architetture Internet 1 Introduzione Introduzione alle architetture a tre livelli Formati di dati per il Web HTML, XML, DTD 2 Componenti dei sistemi dataintensive Tre tipi separati di funzionalità:

Dettagli