Le dieci fasi di un'implementazione DCIM corretta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le dieci fasi di un'implementazione DCIM corretta"

Transcript

1 WHITE PAPER Novembre 2013 Le dieci fasi di un'implementazione DCIM corretta Dhesikan Ananchaperumal Distinguished Engineer e Vice presidente senior, DCIM, CA Technologies Hervé Tardy Vice presidente e General Manager, divisione Distributed Power Quality, Eaton Corporation

2 2 White Paper: Le dieci fasi di un'implementazione DCIM corretta Sommario Executive summary 3 Ottenere il massimo valore con il minimo sforzo 3 Fasi basate su best practice per il successo dell'implementazione 4 Conclusioni 10 Informazioni sugli autori 11

3 3 White Paper: Le dieci fasi di un'implementazione DCIM corretta Executive summary Le organizzazioni dipendono in misura sempre maggiore dai data center. A seguito di questa evoluzione, i reparti IT e di gestione delle strutture devono essere in grado di migliorare e sostenere la disponibilità elevata, massimizzare l'efficienza e ridurre al minimo i costi. Le soluzioni DCIM (Data Center Infrastructure Management) forniscono una piattaforma integrata per il monitoraggio e la misurazione dei consumi, della capacità e delle prestazioni delle risorse di data center, a livello sia di IT che di strutture. Per molte organizzazioni, il 2014 sarà l'anno di implementazione di un sistema DCIM, questo white paper pratico vuole assicurare che il 2014 rappresenti anche l'anno in cui realizzeranno un ritorno concreto sugli investimenti in tecnologia DCIM. Abbiamo raccolto le competenze maturate da CA Technologies e Eaton, derivanti sull'esperienza acquisita presso i clienti, per creare questa guida basata su best practice all'implementazione di DCIM che abbraccia tutte le aree, dalla definizione delle esigenze di business all'impostazione di soglie operative, fino alla gestione delle integrazioni e alla garanzia di scalabilità. Ottenere il massimo valore con il minimo sforzo DCIM non è più semplicemente un neologismo del settore IT e rappresenta ormai un business enabler comprovato: più della metà dei responsabili di data center riconosce infatti il valore dell'utilizzo di un sistema DCIM integrato 1. Eppure, finora solo un terzo delle organizzazioni ha distribuito una soluzione DCIM. Le principali barriere all'adozione citate sono i costi e i problemi di integrazione 2. Con la pianificazione corretta, tuttavia, un'implementazione DCIM non rappresenta necessariamente un'iniziativa costosa o complessa. Ad esempio, una banca inclusa nella classifica Fortune 500 ha implementato CA DCIM nel proprio data center a due livelli con certificazione Tier IV in sole sei settimane. È importante ricordare che DCIM non è un progetto una tantum, bensì un programma continuativo. Per questo motivo è possibile progettare un'implementazione in fasi, utilizzando i risparmi realizzati nelle fasi iniziali per gli investimenti futuri. Questa guida pratica aiuta le organizzazioni a determinare il miglior punto di partenza per l'implementazione DCIM e in che modo ottenere i migliori risultati.

4 4 White Paper: Le dieci fasi di un'implementazione DCIM corretta Fasi basate su best practice per il successo dell'implementazione 1) Convalidare i requisiti Il successo di qualsiasi implementazione DCIM sarà determinato dalla specifica dei requisiti iniziali. Poiché uno dei principali obiettivi della maggior parte delle implementazioni DCIM è quello di ottenere una vista granulare e unificata sulle numerose fonti di informazione del data center, è importante innanzitutto comprendere lo stato attuale dell'ambiente. In particolare, è essenziale un'attenta valutazione dei sistemi di gestione esistenti. In genere le organizzazioni dispongono di sistemi di gestione del data center. DCIM non deve diventare un'ulteriore voce di questo lungo elenco. Un'implementazione DCIM offre alle organizzazioni l'opportunità di amalgamare e/o dismettere gli strumenti di gestione esistenti. Per identificare le opportunità di ottimizzazione, i reparti IT e strutture devono ripartire dalle basi e stabilire: Chi sta usando il sistema e a quale scopo Quanto costa mantenere il sistema Qual è il valore aggiunto del sistema Se sia possibile sfruttare l'investimento esistente come feed di dati per il software DCIM (ad esempio un sistema BMS (Building Management System) o EPMS (Electrical Power Management System) Le sovrapposizioni di funzionalità individuate consentiranno di determinare gli strumenti da eliminare o integrare, con l'obiettivo finale di mantenere solo uno o due sistemi di gestione del data center centralizzati. 2) Mantenere l'allineamento con il business Le soluzioni DCIM sono in grado di generare un gran numero di metriche prestazionali relative all'intero data center, dalla capacità al consumo, fino alla disponibilità e alla recuperabilità. La ricchezza di informazioni, tuttavia, non corrisponde necessariamente a un patrimonio di conoscenze. Per assicurarsi che l'implementazione DCIM resti allineata agli obiettivi e alle priorità del business, i reparti IT e strutture devono trovare il tempo di identificare le metriche rilevanti, che permetteranno di rendere il data center più snello ed ecocompatibile. Questo processo di mappatura, che deve avvenire prima dell'implementazione, sarà diverso per ogni organizzazione e data center. Ad esempio, per un provider di servizi gestiti con un nuovo data center, la priorità potrebbe essere il rilevamento del consumo energetico dei singoli dispositivi. Per una banca dotata di una serie di strutture, salvaguardare la disponibilità potrebbe rappresentare la metrica di business principale. Per identificare le metriche di prestazione giuste nel gran numero disponibili saranno essenziali i risultati dello studio sui requisiti. Ad esempio le metriche PUE, che un tempo erano lo strumento più valido per la misurazione dell'efficienza del data center, oggi forniscono una mera istantanea del quadro complessivo. Oggi le organizzazioni hanno bisogno di metriche e analisi molto più ampie e approfondite per massimizzare le prestazioni e ridurre al minimo i costi nel data center. Tali parametri devono includere disponibilità energetica, uso degli asset IT, emissioni di anidride carbonica e persino consumo d'acqua.

5 5 White Paper: Le dieci fasi di un'implementazione DCIM corretta Una soluzione DCIM best-of-breed sarà in grado di generare metriche che coprono l'intero spettro citato e di adattarsi alle nuove misure del settore che diventeranno necessarie nel tempo. Consentirà inoltre ai reparti IT e strutture di implementare metriche personalizzate man mano che l'implementazione matura. Mapping delle metriche: scenario cliente Adottando un approccio incentrato sul business alle metriche DCIM, una grande società di spedizioni è riuscita a stabilire una correlazione tra i costi delle operazioni di data center e i consumi energetici a ogni singolo container trasportato. Grazie alla miglior visibilità sui costi operativi, oggi la società può definire la priorità degli investimenti, migliorare continuamente i processi e salvaguardare la redditività. 3) Mantenere la qualità e la coerenza dei dati La presenza di più flussi di dati è alla base di ogni metrica DCIM. Affinché le metriche possano essere considerate significative, i dati devono essere raccolti in tempo reale su base regolare o continua. Gli intervalli di acquisizione dei dati non saranno gli stessi per ogni device e saranno influenzati dalle esigenze di business stabilite nello studio sui requisiti iniziale. Il polling intelligente consente di superare non solo il problema della frequenza di raccolta dei dati, ma anche quello associato alla diversità dei formati di dati. I sistemi di gestione IT e delle strutture usano un'ampia gamma di protocolli, tra cui Modbus, BACnet e SNMP e le soluzioni DCIM devono integrarsi con tutti. In mancanza di questa interoperabilità inizieranno ad emergere lacune nei dati e le metriche non saranno più completamente esatte. Anche la disparità tra le convenzioni di denominazione per variabili diverse può avere un forte impatto sulla precisione dei dati, in particolare nel polling dei sistemi di gestione delle strutture. Ad esempio, un'unità CRAC prodotta dal fornitore A potrebbe usare il termine "Temperatura in ingresso", mentre lo stesso dispositivo prodotto dal fornitore B potrebbe indicare la stessa variabile con il termine "Temp_In". Le soluzioni DCIM devono essere in grado di rilevare che si tratta della stessa variabile ed elaborare i dati di conseguenza. In mancanza di questa intelligence integrata, le organizzazioni finiranno col disporre di dati incoerenti che richiedono notevoli interventi di aggregazione manuale e che non sono adatti per l'esecuzione di analisi back-end granulari. Per le apparecchiature delle strutture è inoltre piuttosto comune usare un "fattore di scala". Le soluzioni DCIM devono riconoscere i diversi fattori di scala usati per variabili diverse e tenerne conto per il calcolo delle metriche. Implementando una soluzione DCIM con funzionalità e compatibilità così estese, le organizzazioni possono evitare il ricorso a convertitori di protocollo e strumenti di monitoraggio aggiuntivi, evitando così costi e complessità inutili.

6 6 White Paper: Le dieci fasi di un'implementazione DCIM corretta Polling intelligente: scenario cliente Una grande società di assicurazioni è stata in grado di tutelare la qualità dei servizi usando la propria soluzione DCIM per controllare la frequenza di polling in carichi di lavoro diversi. Grazie all'esecuzione ritardata del polling sui carichi di lavoro meno essenziali, la società ha potuto attribuire la priorità all'acquisizione di dati granulari dai soli sistemi principali. Come risultato, il team addetto alle operazioni di data center è in grado di visualizzare in tempo reale i dati di analisi nel NOC tramite un dashboard DCIM. 4) Evitare il sovraccarico di avvisi Maggiore è il numero di sistemi di gestione presente nel data center, maggiore è il numero di avvisi generati. Le soluzioni DCIM consentono di ridurre gli avvisi superflui, ma solo se questi sono stati configurati e classificati correttamente in fase di implementazione. La correlazione degli eventi è essenziale per contenere il volume degli avvisi. A differenza di molti strumenti di gestione del data center di oggi, DCIM è in grado di aggregare gli avvisi provenienti dai dispositivi sia IT che delle strutture, per evitare che un unico evento sia registrato come più incidenti. Grazie all'impiego di funzionalità di avviso avanzate, ad esempio "tempo oltre la soglia" e "deviazione dalla normalità", le organizzazioni possono evitare che qualunque modifica nelle condizioni operative generi un falso allarme, magari svegliando il responsabile del data center in piena notte. La definizione dei profili di avviso in base ai casi di utilizzo è essenziale per stabilire questo approccio intelligente ed evitare il sovraccarico di avvisi. Quando viene generato un avviso reale, le organizzazioni devono assicurarsi che le soluzioni DCIM comunichino l'evento in termini pertinenti sia per l'it che per le strutture. Ad esempio, per un avviso correlato a uno sbalzo di tensione, la soluzione DCIM dovrebbe comunicare l'impatto sui sistemi IT e sui siti/servizi di business dipendenti. Questo consentirà ai team di gestione IT e di gestione delle strutture di collaborare in modo rapido ed efficace per minimizzare i disagi per gli utenti finali. Alcune soluzioni DCIM si spingono anche oltre, grazie alla capacità di "apprendere" il comportamento normale di dispositivi diversi e le condizioni termiche nel data center. Data la natura in continua evoluzione dei data center di oggi, le soglie possono cambiare rapidamente con l'aggiunta di nuovi dispositivi e il conseguente aumento del carico sulle infrastrutture di raffreddamento e alimentazione. Generazione di avvisi intelligenti: scenario cliente Grazie alla distribuzione di una soluzione DCIM, un provider di servizi gestiti è riuscito a risolvere un problema ricorrente riguardante gli avvisi associati ai picchi di tensione nel data center. Gli avvisi, generati da un sistema BMS, non fornivano un contesto sufficiente a circoscrivere il problema. Il MSP ha usato la soluzione DCIM per configurare soglie intelligenti e impedire così la generazione di falsi allarmi.

7 7 White Paper: Le dieci fasi di un'implementazione DCIM corretta 5) Integrare i sistemi in modo efficiente Le organizzazioni medie usano decine di strumenti diversi per la gestione delle operazioni di data center, pertanto l'integrazione rappresenta un fattore determinante per qualsiasi implementazione DCIM. I sistemi BMS sono i candidati più ovvi, ma questa è solo la punta dell'iceberg nel processo di integrazione: piattaforme di ticketing del service desk, sistemi antincendio, sistemi di sicurezza fisici e controlli di autenticazione utente possono tutti essere collegati a DCIM. L'integrazione può essere articolata in fasi con l'individuazione di casi di utilizzo DCIM diversi. Oltre ad essere la più ovvia, l'integrazione DCIM/BMS è la più importante. Nella fase di integrazione di un sistema BMS le organizzazioni devono: Identificare i vari protocolli usati per le comunicazioni con il BMS e valutare il modo in cui possono essere sfruttati. Ad esempio, possono essere presenti servizi Web che è possibile utilizzare Stabilire una connessione sicura per i BMS ospitati in una rete isolata, per agevolare l'importazione di dati nella soluzione DCIM Creare un elenco dei punti dati chiave e della frequenza di polling in base ai casi di utilizzo definiti durante lo studio sui requisiti Un'integrazione efficiente renderà inoltre possibile l'uso di flussi di lavoro automatizzati, ad esempio per la gestione degli incidenti e dei problemi, consentendo di accelerare i tempi di risposta e liberare risorse Integrazione di sistemi: scenario cliente Quando una ciabatta di alimentazione per un sistema di produzione si guastò, nessuno se ne accorse, ad eccezione della soluzione DCIM aziendale. Grazie all'integrazione stabilita con gli altri strumenti di gestione IT, fu generato automaticamente un ticket del service desk e un avviso fu inoltrato alla console del team di monitoraggio. Il team fu così in grado di intervenire immediatamente per minimizzare l'impatto sul business. 6) Proteggere l'integrità di dati e sistemi Salvaguardare i dati archiviati nei sistemi IT è sempre più importante e DCIM non fa eccezione. Le informazioni su dispositivi e strutture possono esporre vulnerabilità impreviste agli hacker, mettendo a rischio l'operatività dell'intero data center. Per garantire la protezione dei dati IT e sulle strutture all'interno della rete, i sistemi DCIM devono essere soggetti alle stesse misure di sicurezza delle altre soluzioni di livello enterprise. Ad esempio, l'accesso deve essere disciplinato mediante l'autenticazione degli utenti, in particolare se i dati DCIM vengono visualizzati su device mobili, per cui l'autenticazione, l'autorizzazione e il controllo degli accessi devono essere gestiti da una soluzione di MDM (Mobile Device Management) efficiente. Per il supporto di una gestione robusta delle identità e degli accessi, le organizzazioni devono garantire l'integrazione della soluzione DCIM con LDAP e Active Directory. Altrettanto importanti per la sicurezza sono il supporto di protocolli di comunicazione sicura, come SNMP v3 e IP v6, nonché la capacità di crittografare i dati fra i sistemi integrati e i dispositivi sottoposti a polling. È inoltre possibile usare le funzioni di avviso interne della soluzione DCIM per generare avvisi quando vengono rilevate richieste o schemi insoliti nel flusso di dati.

8 8 White Paper: Le dieci fasi di un'implementazione DCIM corretta La gestione della sicurezza non può essere affrontata con un approccio stereotipato, pertanto va riesaminata regolarmente. Oltre eseguire test di vulnerabilità nell'ambito dell'implementazione, le organizzazioni dovrebbero svolgere test simili a intervalli regolari nell'intero ciclo di vita del sistema DCIM, per assicurarsi che venga tenuto conto delle minacce emergenti. Sicurezza delle informazioni: scenario cliente Un ente pubblico con requisiti di sicurezza elevati aveva bisogno di isolare alcuni processi e informazioni relative al data center per ridurre al minimo i rischi e rispettare gli obblighi normativi. Usando la sua soluzione DCIM, l'organizzazione ha configurato rigidi controlli di sicurezza che separano i diritti di gestione degli utenti per i diversi asset dell'infrastruttura, ad esempio raffreddamento e cablaggio, pur consentendo la collaborazione su un unico sistema. 7) Fare un passo alla volta Se si tenta di far troppo in una sola volta, un'implementazione DCIM può sfuggire al controllo. Adottando un approccio in fasi, le organizzazioni possono ottenere piccoli successi ed evitare situazioni molto caotiche. Lo studio iniziale sui requisiti consentirà di tracciare una roadmap di implementazione identificando le principali criticità e le potenziali aree di guadagno rapido. Se l'organizzazione dispone di più data center in tutto il mondo, la geografia dei singoli impianti può incidere sull'implementazione. Un approccio incrementale consentirà ai reparti IT e alle strutture di integrare nelle fasi future le esperienze apprese durante la prima fase di implementazione, così da creare un processo ripetibile che facilita un deployment rapido e a basso rischio. Un'implementazione articolata in fasi ridurrà inoltre al minimo le potenziali interruzioni dei processi di business, semplificando la migrazione e la duplicazione di volumi spesso elevati di dati storici. Comunicare i risultati di successo che sono stati ottenuti con l'implementazione iniziale della soluzione servirà a promuovere il supporto e gli investimenti. 8) Accelerare l'adozione da parte degli utenti Poiché una soluzione DCIM abbraccia sia l'it che le strutture, per assicurarne l'adozione le organizzazioni devono offrire una formazione basata sui ruoli. La formazione degli utenti non deve essere fornita in modo isolato, ma nel contesto di altri sistemi integrati, perché gli utenti possano vedere in che modo DCIM migliora i processi esistenti. Dimostrare il valore della soluzione è essenziale per favorire l'adozione rapida da parte degli utenti. Collegando la formazione allo studio iniziale sui requisiti, è possibile rendere gli stakeholder dei reparti IT e strutture pienamente consapevoli dei guadagni in termini di efficienza previsti nei rispettivi reparti. Le funzionalità seguenti saranno essenziali per consentire agli utenti di ottenere risultati tangibili in poco tempo dall'implementazione DCIM iniziale, pertanto dovrebbero essere ai vertici dell'elenco delle priorità di formazione: Impostazione dei parametri di raccolta dei dati Generazione di report personalizzati

9 9 White Paper: Le dieci fasi di un'implementazione DCIM corretta Configurazione di regole per gli avvisi Definizione dei flussi di lavoro degli eventi Offrire ai principali utenti un'installazione "sandbox" della soluzione DCIM successivamente al periodo di formazione iniziale aiuterà a portare avanti il processo di familiarizzazione e a identificare gli eventuali bug rimanenti. Semplificare l'accesso con funzionalità per il Single Sign-On è un'altra procedura consigliata per agevolare l'adozione iniziale. 9) Tutelare i livelli di performance Le soluzioni DCIM devono essere sviluppate tenendo a mente la scalabilità. Man mano che l'implementazione matura, le organizzazioni si troveranno ad eseguire il polling di migliaia o persino milioni di dispositivi e sensori. Si tratta di una quantità di dati davvero notevole e se l'architettura DCIM non è in grado di supportarli vi sarà un rapido impatto sulle prestazioni che annullerà molti dei vantaggi iniziali. Scalabilità e prestazioni sono fattori da prendere in considerazione non solo durante l'implementazione, ma anche nella scelta di una soluzione DCIM. La capacità di archiviare enormi quantità di dati per un periodo di tempo ragionevole senza compromettere le prestazioni è una caratteristica irrinunciabile per una soluzione DCIM. Questo implica disporre dell'architettura, del database e dello schema appropriati, di motori di query ottimizzati, della disponibilità elevata e della possibilità di deployment distribuito. Ad esempio, si possono distribuire più agenti di raccolta dati in diversi data center in tutto il mondo, ma si può caricare nel server DCIM principale soltanto un set di dati di sintesi con la possibilità di eseguire il drill-down sui dati di serie temporali dall'agente di raccolta dati locale stesso. Le prestazioni di una soluzione DCIM saranno inoltre influenzate dalle modalità di gestione delle metriche e dei dati. Ad esempio, il calcolo delle metriche dai punti dati sottoposti a polling può essere eseguito in vari modi: a) Un utente avvia il calcolo da un dashboard DCIM b) Flussi di lavoro automatizzati elaborano il calcolo in un momento predefinito c) Il calcolo viene eseguito in tempo reale durante il processo di polling e archiviato insieme ai dati grezzi Nel quadro dell'implementazione le organizzazioni devono individuare l'equilibrio ottimale tra granularità dei dati e prestazioni costanti del sistema. L'esecuzione di un test pilota con un set di dati simulato aiuterà a determinare il punto di equilibrio e i requisiti per la scalabilità continua. Scalabilità: scenario cliente Una grande banca internazionale sta utilizzando la sua soluzione DCIM per il polling dei dati provenienti da componenti distribuiti in 11 data center e rack. Grazie alla scelta di una soluzione altamente scalabile, la società è in grado di acquisire i dati ogni cinque minuti senza alcun degrado delle prestazioni. Questi dati hanno fornito alla banca capacità di gestione dell'alimentazione in tempo reale che consentiranno di ridurre costi e consumi. 10) Favorire il miglioramento continuo Per trarre il massimo valore dal sistema DCIM, le organizzazioni devono considerare ciò che avverrà dopo l'implementazione iniziale. DCIM non è un progetto a sé stante, bensì una disciplina in continua evoluzione. Maggiore sarà il numero di informazioni fruibili a disposizione dell'organizzazione, maggiori saranno le opportunità di ottimizzazione del data center che emergeranno.

10 10 White Paper: Le dieci fasi di un'implementazione DCIM corretta Per cogliere le opportunità di miglioramento continuo, le organizzazioni dovrebbero affidare a persone specifiche l'incarico di raccogliere dati sugli attuali requisiti di IT e strutture, così come degli altri stakeholder aziendali. I requisiti in termini di metriche e analisi, in particolare, si evolveranno nel tempo. La natura stessa della tecnologia DCIM fa di queste soluzioni lo strumento ideale per il miglioramento continuo nel data center: informazioni sui trend storici, pianificazione degli scenari e analisi avanzata sono solo alcune delle caratteristiche che guideranno le organizzazioni nel percorso di ottimizzazione. Miglioramento continuo: scenario cliente Usando la sua soluzione DCIM per definire riferimenti di base sui consumi energetici e le prestazioni del data center, una società è stata in grado di identificare gli asset legacy da sostituire. Dopo l'installazione delle nuove apparecchiature, la soluzione DCIM consente alla società di verificare di aver realizzato il ROI previsto grazie alla registrazione dei miglioramenti in termini di efficienza energetica e prestazioni operative. Conclusioni Se implementata in modo efficiente, una soluzione DCIM può iniziare a creare valore in tempi molto rapidi. Citando IDC: "DCIM consente non solo di migliorare le operazioni, aumentare l'agilità e ridurre i rischi, ma anche di accelerare rapidamente attività quali la raccolta dei dati e l'esecuzione di analisi e calcoli di routine, permettendo allo staff di concentrarsi su attività strategiche, ingegneristiche e sull'implementazione di sistemi e approcci ottimizzati per il data center." 1 Per godere di questi vantaggi è necessario individuare le integrazioni e le configurazioni corrette fin dall'inizio e tutelare le prestazioni e la scalabilità continua. La collaborazione con un partner esperto permetterà di sfruttare appieno le potenzialità di DCIM e di evitare di strutturare da zero ogni nuova implementazione. Investendo il giusto tempo nella realizzazione di un'implementazione DCIM corretta oggi, le organizzazioni otterranno risultati migliori domani.

11 11 White Paper: Le dieci fasi di un'implementazione DCIM corretta Informazioni sugli autori Dhesikan Ananchaperumal è Distinguished Engineer e Vice presidente senior nella divisione DCIM Technology. Veterano del settore, con 24 anni di esperienza nella gestione IT e dell'energia, Dhesi ha pubblicato numerosi articoli e white paper oltre a partecipare spesso come relatore alle conferenze del settore Data Center e IT. Prima del suo attuale ruolo, Dhesi si è occupato di numerose attività nei settori Emerging Technologies, Business Relationship Management e M&A per CA Technologies. Prima di entrare a far parte di CA Technologies, Dhesi ha collaborato in diverse posizioni di management e tecnologia presso Netegrity, Affinnova, AMS e Infosys Technologies. Si è laureato in Ingegneria elettronica e ha conseguito un master in Informatica e uno in Tecnologia della progettazione elettronica presso il Center for Electronics Design Technology, India. Dhesi ha inoltre conseguito le certificazioni ISC2-CISSP, Six Sigma e ITIL ed è membro del CA Council for Technical Excellence. Hervé Tardy è Vice presidente e General Manager della business unit Distributed Power Solutions di Eaton. In questo ruolo dal 2007, Hervé gestisce la roadmap di prodotto per le Americhe di UPS monofase, software e prodotti per la connettività per rafforzare la leadership tecnologica di Eaton. È inoltre responsabile del canale IT di Eaton. Tardy vive a Raleigh, nel North Carolina. Si è laureato alla ESSEC Business School di Parigi, in Francia e ha frequentato l'executive Program presso l'università di Stanford. Vanta 27 anni di esperienza nel settore degli UPS e ha ricoperto numerose posizioni in ambito vendite, marketing di canale, comunicazioni di marketing, marketing di prodotto e sviluppo dei prodotti. Il suo obiettivo è sempre stato quello di posizionare il gruppo di continuità come una periferica IT piuttosto che come un semplice dispositivo di alimentazione ed è diventato un esperto in soluzioni di comunicazione software e gestione dell'energia.

12 12 White Paper: Le dieci fasi di un'implementazione DCIM corretta Il sito di CA Technologies è disponibile all'indirizzo / Agility made possible: il vantaggio di CA Technologies CA Technologies (NASDAQ: CA) fornisce soluzioni di gestione IT che aiutano i clienti nella gestione e nella protezione di ambienti IT complessi a supporto di servizi aziendali agili. Le organizzazioni utilizzano il software e le soluzioni SaaS di CA Technologies per accelerare l'innovazione, trasformare l'infrastruttura e proteggere dati e identità, dal data center al cloud. CA Technologies è impegnata a garantire che i suoi clienti ottengano i risultati attesi e il business value previsto attraverso l'utilizzo della tecnologia dell'azienda. Per ulteriori informazioni sui programmi a supporto dei nostri clienti, visitare /customer-success. Per ulteriori informazioni su CA Technologies, visitare /. 1 IDC, The Data Center s Role in Delivering Business Innovation: Using DCIM to Enable a Common Management Approach, commissionato da: CA Technologies, Doc #237737, novembre Risultati preliminari Annual Data Center Industry Survey, Uptime Institute, 2013 Alcune informazioni contenute in questa pubblicazione si basano sull'esperienza di CA Technologies con i prodotti software citati in una varietà di ambienti di sviluppo o presso i clienti. Le prestazioni precedenti dei prodotti software in tali ambienti non sono indicative delle prestazioni future dei medesimi prodotti in ambienti identici, simili o diversi. CA Technologies non garantisce che i prodotti software funzioneranno come specificatamente indicato in questa pubblicazione. CA Technologies supporterà i prodotti citati solo in conformità (i) alla documentazione e alle specifiche fornite con il prodotto di riferimento e (ii) alla policy di CA Technologies in materia di supporto e manutenzione al momento vigente per il prodotto. Copyright 2013 CA Technologies. Tutti i diritti riservati. Tutti i marchi, i nomi commerciali, i marchi di servizio e i logo citati nel presente documento sono di proprietà delle rispettive società. Questo documento ha esclusivamente scopo informativo. CA Technologies declina ogni responsabilità in merito all'accuratezza e alla completezza delle presenti informazioni. Nella misura consentita dalla legge applicabile, CA Technologies rende disponibile questo documento "così com'è", senza garanzie di alcun tipo, incluse, a mero titolo esemplificativo, garanzie implicite di commerciabilità, idoneità a uno scopo particolare o non violazione di diritti altrui. In nessun caso CA Technologies sarà responsabile per qualsivoglia perdita o danno, diretto o indiretto, derivante dall'utilizzo di questo documento inclusi, a titolo non esaustivo, interruzione dell'attività, perdita di avviamento o di dati, anche nel caso in cui CA Technologies fosse stata espressamente avvertita del possibile verificarsi di tali danni. CA Technologies non fornisce servizi di consulenza legale. Né il presente documento né alcun prodotto software di CA Technologies qui menzionato potranno sostituire la conformità del lettore con qualsiasi normativa inclusi, a titolo esemplificativo ma non esaustivo, normative, legislazioni, regolamenti, regole, direttive, policy, standard, requisiti, ordini amministrativi, ordini esecutivi e così via (di seguito, collettivamente, le "normative") menzionati nel presente documento. Contattare un consulente legale competente per qualsiasi informazione in merito alle normative qui citate. CS _1113

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi Analisi per tutti Considerazioni principali Soddisfare le esigenze di una vasta gamma di utenti con analisi semplici e avanzate Coinvolgere le persone giuste nei processi decisionali Consentire l'analisi

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

CA RC/Update for DB2 for z/os

CA RC/Update for DB2 for z/os SCHEDA PRODOTTO CA RC/Update for DB2 for z/os CA RC/Update for DB2 for z/os CA RC/Update for DB2 for z/os (CA RC/Update) è uno strumento di gestione di dati e oggetti DB2 che consente agli amministratori

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY Con Kaspersky, adesso è possibile. www.kaspersky.it/business Be Ready for What's Next SOMMARIO Pagina 1. APERTI 24 ORE SU 24...2

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

+Strofina & annusa. tecnologie informatiche l business l innovazione l design l. www.digitalic.it. Smaltimento e riciclaggio.

+Strofina & annusa. tecnologie informatiche l business l innovazione l design l. www.digitalic.it. Smaltimento e riciclaggio. www.digitalic.it tecnologie informatiche l business l innovazione l design l Smaltimento e riciclaggio Power Management Data Center Green Tec h +Strofina & annusa DOSSIER GREEN DATA CENTER l TUTTO È GREEN.

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Manuale di sopravvivenza per CIO: convergenza di collaborazione, cloud e client

Manuale di sopravvivenza per CIO: convergenza di collaborazione, cloud e client Manuale di sopravvivenza per CIO: convergenza di collaborazione, cloud e client I CIO più esperti possono sfruttare le tecnologie di oggi per formare interi che sono più grandi della somma delle parti.

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

EMC Documentum xcp for Business Process Management

EMC Documentum xcp for Business Process Management Analisi dettagliata Abstract Oggi le aziende devono affrontare una sfida comune: ottimizzare i processi di business e la loro efficienza operativa. Per vincere questa sfida, EMC Documentum xcelerated Composition

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

CA Asset Portfolio Management

CA Asset Portfolio Management CA Asset Portfolio Management Guida all'implementazione Versione 12.8 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo White paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo Pagina 2 Sintesi

Dettagli

Disaster Recovery, niente di più semplice. Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM

Disaster Recovery, niente di più semplice. Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM ARGOMENTI TRATTATI Il livello elevato Il disastro più diffuso e più probabile L'esempio da 10 miliardi di dollari per

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

PRODUCT FAMILY BRIEF CA Database Management for DB2 for z/os. una solida base per la gestione efficace dei database DB2

PRODUCT FAMILY BRIEF CA Database Management for DB2 for z/os. una solida base per la gestione efficace dei database DB2 PRODUCT FAMILY BRIEF CA Database Management for DB2 for z/os una solida base per la gestione efficace dei database DB2 Gestione del database CA Database Performance Management Database Administration Database

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Report di The Economist Intelligence Unit. Il CIO strategico. Rischi, opportunità e risultati. Sponsorizzato da

Report di The Economist Intelligence Unit. Il CIO strategico. Rischi, opportunità e risultati. Sponsorizzato da Report di The Economist Intelligence Unit Il CIO strategico Rischi, opportunità e risultati Sponsorizzato da Sommario Informazioni sul report 2 Executive Summary Introduzione 5 Il CIO strategico: un ruolo

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Citrix XenDesktop rende più facile la migrazione a Windows 7/8.1

Citrix XenDesktop rende più facile la migrazione a Windows 7/8.1 White paper Citrix XenDesktop rende più facile la migrazione a Windows 7/8.1 Di Mark Bowker, analista senior Ottobre 2013 Il presente white paper di ESG è stato commissionato da Citrix ed è distribuito

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

CA Asset Portfolio Management

CA Asset Portfolio Management CA Asset Portfolio Management Note di rilascio Versione 12.8 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa

Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa Autodesk Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Domande frequenti Europa Un nuovo modello per la fornitura di software agli istituti didattici Europa Nell'ottobre 2014, Autodesk

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Process Analysis

Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Process Analysis Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Process Analysis SAP BusinessObjects Process Analysis XI3.1 Service Pack 3 windows Copyright 2010 SAP AG. Tutti i diritti riservati.sap, R/3, SAP NetWeaver, Duet,

Dettagli

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile Totally Integrated Power SIESTORAGE Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile www.siemens.com/siestorage Totally Integrated Power (TIP) Portiamo la corrente

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli