ESTRATTO DEL DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESTRATTO DEL DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 Istituto Tecnico Industriale Statale Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate GUGLIELMO MARCONI Gorgonzola (Milano) Via Adda 1 Tel. 02/ Fax 02/ Codice fiscale n ESTRATTO DEL DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE 5^A Informatica a.s. 2014/2015 1

2 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Materia: Insegnante: RELIGIONE FRIGERIO CLAUDIO Testo in uso: Andare oltre Moduli per il triennio Marinoni G. Cassinotti C. - Ed. Marietti scuola OBIETTIVI DIDATTICI CIRCA LA REALTA DELLA CHIESA: Conoscere: - cosa la Chiesa dice di sé circa le proprie origini ed il senso attribuito al proprio esistere; - l identità della Chiesa e il senso della sua struttura gerarchica; - le ragioni storiche e teologiche che hanno portato alle divisioni nella Chiesa tra Cattolici, Protestanti e Ortodossi; Saper sviluppare: - un giudizio critico che permetta di giungere ad una comprensione della Chiesa basata non sul si dice ma sui fatti, cioè nel maggior rispetto possibile degli uomini e della storia. CIRCA LE REALTA ULTIME (NOVISSIMI) Conoscere: - l'insegnamento della Chiesa Cattolica circa l'esito dell'esistenza umana; - gli elementi di logicità circa l'esistenza di inferno purgatorio e paradiso; - il significato esistenziale ed antropologico delle realtà ultime. CIRCA LA DIMENSIONE DEL DEMONIACO Conoscere: - la affermazione di esistenza data dalle religioni mediorientali (Ebraismo, Cristianesimo e Islam) delle realtà spirituali positive (angeli) e negative (diavoli); - l origine biblica delle figure angeliche e demoniache; - le differenti cause attribuite dalle religioni sopracitate all originarsi del Male in rapporto a Dio - conoscere la classificazione delle varie azioni demoniache indicate dalla religione cristiana cattolica (infestazione, vessazione, ossessione, possessione) e loro caratteristiche/significati. Saper sviluppare: - una coscienza critica ma aperta alla possibilità che la realtà superi il mondo manifesto e che il vero non si limiti al dimostrabile (verità scientifica). CONTENUTI DIDATTICI LE REALTA ULTIME (NOVISSIMI) Il senso della vita terrena secondo l'insegnamento della Chiesa Cattolica; L inferno, il purgatorio ed il paradiso non sono luoghi fisici ma situazioni esistenziali; Il significato di inferno, purgatorio e paradiso; L uomo è figlio adottivo di Dio, in Gesù Cristo, chiamato a corrispondere liberamente all amore di Dio (che è Padre). 2

3 LA REALTA DELLA CHIESA Perché la Chiesa: - Origine (Gesù) e fini (battezzare e annunciare il Vangelo) della Chiesa; Chi è la Chiesa: - Formata da uomini battezzati (popolo di Dio); - Il popolo si divide in clero e laici (christifideles laici); - Clero e laici: pari dignitas battesimale ma differenti responsabilità di servizio; - La dimensione gerarchica della Chiesa è dimensione di servizio (ministeriale); Cosa la Chiesa dice di se stessa: - Dimensione umana e divina; - La Chiesa una, santa, cattolica, apostolica : significato dei termini e confronto con la storia e la situazione attuale della Chiesa; Le differenti realtà della grande famiglia cristiana: - Una famiglia divisa in Cattolici, Protestanti e Ortodossi; - Le differenze principali a livello teologico; - Le motivazioni teologiche e storiche delle divisioni; - Il volere di Gesù (la Chiesa una e unica) e lo scandalo della divisione tra cristiani. LA DIMENSIONE DEL DEMONIACO Il rapporto stretto tra l affermazione della rivoluzione scientifica e il relegamento dello spirituale nella sfera del personale e del mondo dell irrazionale; La figura del diavolo nelle religioni dell uomo e suo significato; La ridicolizzazione della figura del diavolo e suo significato; Il duplice Principio divino nel Manicheismo; Il diavolo nell Ebraismo e nell Islam; Il diavolo nella religione cristiana: nomi e origine semantica; Il diavolo nella religione cristiana: origine angelica e motivi della sua caduta, identità, caratteristiche ed attività; Il Satanismo: - le differenti classificazioni (Luciferismo, Occultista, Razionalista) e loro caratteristiche; - Il significato antropologico del satanismo; - la figura del satanista; - satanismo e possessione. 3

4 Materia: Insegnante: ITALIANO CAROTI Elisabetta Libro di testo utilizzato: Cataldi, Angioloni, Panichi L esperienza della letteratura, vol. 3, tomi A e B, compresa Antologia della Divina Commedia, editore Palumbo. DIVINA COMMEDIA dal Paradiso : integrali il Canto I il Canto III e il XXXIII Parziali i Canti: XI, XV, XVII. Per il resto della Cantica si sono fatte brevi sintesi tematiche. LETTERATURA ROMANZI integralmente letti in estate a scelta tra: 1984 di G. Orwell, La coscienza di Zeno di Svevo Un anno sull altipiano di E. Lussu TRA 800 E 900: NATURALISMO E SIMBOLISMO QUADRO STORICO E CULTURALE pag 4 / 13 Focus Il dandy pag 13; Focus Estetismo pag 26 Scelta di autori e brani: D6 / 16 A. COMTE Gli stadi della conoscenza umana D3/ 18 C.DARWIN La bellezza della natura e la selezione naturale I MOVIMENTI E I GENERI LETTERARI DI FINE 800 pag 22 / 27 La Scapigliatura (pag 14 e pag 23) Il Naturalismo e il Verismo O. WILDE lettura integrale del romanzo Il ritratto di Dorian Grey (estetismo, edonismo, il dandy) IL ROMANZO E LA NOVELLA: la narrativa francese T1 / 39 G. FLAUBERT I comizi agricoli T2 / 44 E. ZOLA L inizio dell ammazzatoio Il Verismo e G. VERGA. Vita, opere, poetica. Il ciclo dei Vinti. Le nuove tecniche narrative. Da Vita dei campi, la novella Rosso Malpelo (da pag 115) Lettura integrale del romanzo Il Mastro Don Gesualdo LA POESIA IN EUROPA Simbolismo e Decadentismo (pag 25) L opera I fiori del male di C. BAUDELAIRE: pag 194 / 6 T2 / 199 L albatro T3 / 201 Corrispondenze La poesia decadente in Italia: G. D ANNUNZIO. Vita, opere, poetica. Superuomo, il vate e l esteta, il poeta-soldato, la vita come un opera d arte, panismo e Natura nell Alcyone. (pag 306 / 314) Focus il poeta-vate/il superuomo pag 14 Il Piacere: scheda pag 315 Brani T1 / 316 Andrea Sperelli, l eroe dell estetismo 4

5 T2 / 319 La conclusione del romanzo Poesie: dalle Laudi, Alcyone: scheda pag 326 T5 / 331 La pioggia nel pineto Dal Notturno : T7 / 337 Visita al corpo di Giuseppe Miraglia G. PASCOLI. Vita, opere, poetica: la poetica del nido, il fanciullino, il nazionalismo pascoliano (pag 270 / 4) Myricae: scheda pag 276 Brani in prosa: Il fanciullino ; La grande proletaria s è mossa (in fotocopie) Poesie: da Myricae: T2 / 277 Lavandare T3 / 279 X (10) Agosto T4 / 281 Temporale T5 / 282 Novembre T7 / 285 Il tuono LA CULTURA E L ARTE NEL PRIMO 900 Le Avanguardie artistiche e letterarie: lo sperimentalismo (soprattutto appunti + pag 16/9 Calligrammi e Futurismo: nuovi modi di espressione che portano alla grafica pubblicitaria Testo D1/20 T.F. MARINETTI Il manifesto del Futurismo La crisi della civiltà : la perdita delle certezze nel mondo moderno industriale. Influsso delle nuove scienze: Einstein e il relativismo, Freud e la psicanalisi, Bergson e il tempo come durata soggettiva per l uomo (soprattutto appunti + pag 27/8 Gli scrittori fondamentali: L. PIRANDELLO: vita, opere, poetica e visione della realtà. Novella: T6 / 121 Il treno ha fischiato e la focalizzazione multipla In teatro al Carcano di Milano spettacolo: La vita che ti diedi T1 / 104 brano dal saggio L umorismo : La differenza tra umorismo e comicità Il romanzo Il Fu Mattia Pascal : sintesi dei temi principali e appunti da pag 107 I. SVEVO: vita, opere, visione della realtà. La figura dell inetto, l antieroe del 1900 (pag 158 / 161) Brani: dal romanzo Una vita : T1 / 164 Le ali del gabbiano e il cervello dell inetto Dal romanzo Senilità : T2 / 169 Inettitudine e senilita L opera principale: La coscienza di Zeno (alcuni ragazzi l hanno scelta come lettura estiva). Schema sintetico a pag 175 / 7 Brani letti: T4 / 183 La proposta di matrimonio T6 / 196 La vita è una malattia La grande poesia del 900. Scelta di autori che hanno caratterizzato il secolo. In particolare, di ciascuno si è tracciato il percorso biografico e stilistico, soffermandosi solo su alcune poesie tra le più celebri. UNGARETTI: vita, opere e poetica. (pag 282 / 5) La sua dolorosa ma solidale visione dell uomo nella realtà. In particolare L allegria : scheda sintesi pag 286 / 7 Da Allegria di naufragi : 5

6 T1 / 288 In memoria T3 / 296 San Martino del Carso T6 / 301 Veglia MONTALE: vita, opere e poetica. Il male di vivere e il varco. (pag 360 / 5) Da Ossi di seppia le poesie: T1 / 366 I limoni T2 / 369 Meriggiare pallido e assorto T3 / 371 Non chiederci la parola T4 / 374 Spesso il male di vivere Da Satura / sezione Xenia : T 11 / 398 Ho sceso, dandoti il braccio, milioni di scale Da questo punto seguono alcuni argomenti che verranno affrontati dopo il giorno della pubblicazione di questo documento (12 maggio 2015). Si tratta di autori, brani, poesie e correnti culturali da considerare in modo veloce e meno approfondito, per sintesi e accenni, con letture sommarie. In particolare si cercherà di conoscere qualche testo del poeta Saba, i significati e le caratteristiche del Neorealismo (Unità 20), infine qualcosa su Letteratura e Industria (dall Unità 22). Qualora gli impegni di quest ultimo periodo dell anno impedissero la presente programmazione, non saranno richiesti nell orale. 6

7 Materia: Insegnante: STORIA CAROTI Elisabetta Libro di testo: Brancati Pagliarani Voci della storia e dell attualità, La Nuova Italia volume 3 Unità 1 Dal volume2: seconda metà 800 L imperialismo nel mondo Cenni all Italia dopo l Unità I tentativi delle colonie, il governo Crispi e la crisi di fine secolo Unità 2 Dal volume 3: L età di Giolitti La prima guerra mondiale La rivoluzione bolscevica in Russia Unità 3 Il primo dopoguerra: la crisi dello stato liberale italiano La crisi del 29 La nascita di una dittatura: il Fascismo in Italia Il dopoguerra in Germania: da Weimar al nazionalsocialismo La nascita del Nazismo, il regime totalitario di Hitler L Unione Sovietica: il socialismo reale, il regime totalitario di Stalin Unità 4 L Europa dal 1935 al 1939: verso il conflitto La seconda guerra mondiale La guerra degli Italiani, all interno del secondo conflitto mondiale Unità 5 Il secondo dopoguerra: superpotenze, bipolarismo e guerra fredda ; i momenti di crisi; la cortina di ferro in Europa, divisione della Germania e di Berlino, il muro Da questo punto seguono alcuni argomenti che verranno affrontati dopo il giorno della pubblicazione di questo documento (12 maggio 2015). Si tratta di argomenti del secondo 900, da considerare in modo veloce e meno approfondito, per sintesi e accenni. In particolare si cercherà di conoscere qualcosa su:. La decolonizzazione: aspetti principali del problema, alcuni casi particolari L Italia del dopoguerra, Costituzione, Repubblica parlamentare, governi e miracolo economico, il 1968 L Europa: nascita e sviluppo di un nuovo sistema economico politico Qualora gli impegni di quest ultimo periodo dell anno impedissero la presente programmazione, non saranno richiesti nell orale. 7

8 Materia: Insegnante: INGLESE CONTI Maurizio Testi in uso: Totally Connected Autore: C. Matassi M. Menchetti Editore: Clitt Eyewitness Autore: Redaelli - Invernizzi Editore: Pearson Module 3 The Information superhighway - The World Wide Web - ISP (Internet Service Provider) - Downloading software Module 5 - Operating System Module 6 - Languages - Main functions of Operating System - An Overview of Operating System - Types of Operating Systems - UNIX - Programming languages - Low level languages - The first generation: machine code - The second generation: assembly language - High level languages: the third generation: people-oriented programs Dal testo: Eyewitness Section 5 Europe : Ireland ( pag ) - Green Island - The mythical origins of the Irish (pag 36) - The Tuatha De Danann - The Celts - The Romans - Through the ages A timeline of Irish history - The middle ages (pag 38) - The potato famine and emigration - Independence and the republic - The Troubles ( pag. 39) - Hands across the divide (distribuzione fotocopie su questione irlandese). 8

9 Section 7 This land is my land (pag ) - The Us (pag.50) - Geography basics - A diverse population (pg. 51) Section 11 Colonial times (pag ) - The British Empire (pg. 96) - British India the jewel in the crown ( pg. 97) - Gandhi Section 13 The European Union ( pg ) - Motto: United in diversity ( pag. 120) - EU 27 - European citizens - European market: Historical overview ( pag. 121) - Further Information - Council of Europe Grammar Ripasso e consolidamento delle principali strutture grammaticali della lingua. 9

10 Materia: Insegnante: MATEMATICA CASAPOLLO LUCIA Testo in uso: LINEAMENTI DI MATEMATICA - Re Fraschini Grazzi Ed. ATLAS GEOMETRIA NELLO SPAZIO Rette e piani nello spazio perpendicolarità, parallelismo Teorema delle tre perpendicolari Poliedri regolari Principio di Cavalieri CALCOLO INTEGRALE Integrale definito di una funzione continua Integrale indefinito Funzione integrale e teorema fondamentale del calcolo formula di Newton Leibniz Calcolo di aree e volumi utilizzando gli integrali Integrazione numerica: metodo dei rettangoli metodo dei trapezi PROBABILITA E INFERENZA STATISTICA Fenomeni aleatori: spazio degli esiti ed eventi Probabilità e sue proprietà: probabilità contraria, totale, composta Legge delle alternative e teorema di Bayes Distribuzioni di probabilità discrete e continue - Funzione di ripartizione Valore atteso (speranza matematica) e varianza Distribuzione di Gauss Distribuzione campionaria Teorema del limite centrale 10

11 Materia: SISTEMI E RETI Insegnanti: RAVALLI Vittorio - PATTI Massimiliano Testi in uso: E. Baldino, R. Rondano, A. Spano Internetworking Juvenilia Scuola UNITA 1: LA CONFIGURAZIONE DEI SISTEMI IN RETE Il Bootstrap dei sistemi Dynamic Host Configuration Protocol (DHCP): o Protocollo standard per l assegnazione dinamica degli indirizzi IP o Configurazione dinamica dell host o Molteplicità DHCP server o Gli stati del DHCP client o DHCP relay agent o DHCP for IPv6 (DHCPv6) o Modalità di comunicazione tra DHCPv6 Client e Server o La non sicurezza di DHCP UNITA 2: LE RETI PRIVATE VIRTUALI (VPN) Caratteristiche di una VPN Tipi di VPN o Remote-access VPN o Site-to-site VPN La sicurezza nella VPN o Autenticazione dell identità o Crittografia o Tunneling Protocolli per la sicurezza nelle VPN o IP Security (IPsec) o SSL/TLS (Secure Socket Layer / Transport Layer Security) o Confronto tra IPsec e SSL/TLS VPN di fiducia e VPN sicure o Trusted VPN o Secure VPN o Hybrid VPN UNITA 3: LA GESTIONE DELLA RETE E DEI SISTEMI La gestione delle reti o Il network management o La documentazione di rete o Gli strumenti per la gestione della rete o Traffic shaping Leaky bucket Token bucket La gestione di reti TCP/IP o La gestione a livello application o Il modello architetturale o Il protocollo SNMP o Le caratteristiche di SNMP 11

12 o o Il paradigma Fetch-store Le caratteristiche di SNMPv3 UNITA 4: LA SICUREZZA DELLE RETI E DEI SISTEMI La sicurezza dei sistemi informatici o Controllo degli accessi o Password o Sicurezza in rete o Crittografia a chiave simmetrica o Crittografia a chiave asimmetrica Gateway e servizi integrati: o Proxy server o Firewall o NAT o DMZ UNITA 5: PROGETTARE STRUTTURE DI RETE La struttura della rete o Topologia fisica o Mezzi trasmissivi o Apparati di rete Il cablaggio strutturato delle LAN o Lo standard ISO/IEC o I centro stella e le dorsali La collocazione dei server virtuali e dedicati o I data center interni ed esterni all azienda o Le server farm e i servizi offerti o La virtualizzazione dei server UNITA 6: PROGETTARE INFRASTRUTTURE DI RETE Le soluzioni server di windows server 2012 L architettura cloud o Le caratteristiche del cloud computing o I modelli di servizio del cloud computing o I modelli di distribuzione del cloud computing 12

13 Materia: INFORMATICA Insegnante TIRITICCO Lolita PATTI Massimiliano Testo in uso: Jacobelli, Ajme, Marrone - EPROGRAM Juvenilia Scuola Dal Tomo B del libro di testo: Dall Unità 12 HTML I comandi HTML: liste, tabelle, link ipertestuali, frame I Form; casella di testo, pulsante di comando Casella di controllo Radio button, listbox Javascript Gli script Definizione, attivazione ed altre modalità di uno script I moduli: pulsanti, casella di testo, password Checkbox, pulsanti opzione, elenchi a discesa. Dal libro di testo Unità 1 Basi di dati Il sistema EDP Eliminazione delle ridondanze e delle inconsistenze Integrità dei dati Architettura: modello ANSI/SPARC Indipendenza logica e fisica Linguaggi ed utenti: DDL, DML, gli utenti I modelli: classificazione, modello a grafo, gerarchico, reticolare, relazionale e object oriented. Sicurezza nelle basi di dati: privatezza ed integrità logica. Unità 2 Progettare una basi di dati La progettazione di un DB: dati ed informazioni, fasi della progettazione Modello concettuale E/R: descrizione dei dati, Associazioni e Gerarchie. Progettare un database Associazione con attributi, loro descrizione Schemi e sottoschemi Unità 3 Basi di dati relazionali Modello relazionale: le tabelle e l identificazione dei record. Ristrutturazione dello schema E/R e traduzione in entità Traduzione delle associazioni nel modello logico: la rappresentazioe delle associazioni. Operatori relazionali Algebra relazionale: operazioni sulle tabelle relazionali ed insiemistiche. Normalizzazione: il concetto di normalizzazione La prima forma normale Dipendenze funzionali La seconda forma normale La terza forma normale Forma normale di Boyce-Codd o BCNF. Vincoli di integrità. Unità 4 Il linguaggio SQL Definire lo schema: Creazione di tabelle, creare un indice e come utilizzare SQL Modificare lo schema 13

14 Istruzione SELECT con clausola WHERE Altri usi di SELECT L operazione di JOIN Tipi di JOIN: left join, right join e self join Funzioni predefinite Ordinamento Raggruppamento Operazioni complesse: interrogazioni nidificate Subquery complesse. UNION, INTERSECT e MINUS Le viste e la loro gestione. Sicurezza dei dati: GRANT, REVOKE e TRIGGER. Le transazioni. Unità 5 Il linguaggio PHP (Hypertext Preprocessor) e Access con PHP Il dialogo con l utente. La programmazione server side. Il linguaggio PHP. La sintassi PHP. I tipi di dati. Costanti, variabili, operatori. Le strutture di controllo. Funzioni, array, file. Script per la gestione dei dati inviati dal browser. Permanenza dei dati ed il controllo del flusso. Il progetto di un sito. Collegamento al server, visualizzazione dei dati, inserimento e modifica. 14

15 Materia: GESTIONE PROGETTO ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Insegnante: TIRITICCO Lolita - PATTI Massimiliano Testo in uso Iacobelli, Cottone, Gaido, Tarabba GESTIONE PROGETTO ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Testo per modulo CLIL Unita 2 - Capitolo 3 del libro Project Management from Simple to Complex Saylor Academy Testo per le unità 3 e 4 Ollari, Meini, Formichi Gestione, progetto e organizzazione di impresa Unità 1 Pianificazione e sviluppo dei progetti e previsioni costi di progetto Definizione di progetto e sue caratteristiche Definizione e obiettivi del Project Management Definizione, necessità del PM per le criticità ed il suo potere predittivo. Assegnazione delle responsabilità e la rappresentazione reticolare Il ciclo di vita del progetto Ambiti di applicazione del PM ed esempi di cicli di vita dei progetti Cenni storici su Project Management PM nell antichità PM moderno: Taylorismo, Gantt ed il suo diagramma Seconda guerra mondiale: Oppenheimer Dopoguerra: PERT e CPM Ingegneria gestionale: Archibald e Hans Lang Anni 60 Fasi principali del Project Management Le cinque fasi: Avvio Pianificazione Programmazione Controllo Chiusura Strutture organizzative di progetto Struttura funzionale Struttura funzionale modificata e problemi delle strutture funzionali Struttura divisionale Struttura a matrice Il modello per progetti Unità 2 Project Phases and Organization Project Phases 15

16 Initiation Planning Execution Closeout Project organization Project Sponsor Project Manager Project Control Project Procurement Commodity Procurement Procurement for Vendors Partnership Technical Management Project Administration Using the Darnall-Preston Complexity Index ( DPCI) to measure organizational complexity Size Organizational Complexity Technology Newness Technology Familiarity Tips for assigning a score Unità 3 Organizzazione di impresa Economia e microeconomia Economia classica Scuola neoclassica Scuola Keynesiana Monetarismo Il modello microeconomico marginalista Micro e macro economia Domanda Curva di domanda, spostamento sulla curva con aumento del reddito Offerta Curva di offerta, curva lineare o meno Azienda e concorrenza Costo, ricavo e profitto Concorrenza perfetta Mercato e prezzo Domanda ed offerta di mercato Prezzo di equilibrio Legge della domanda e dell offerta, eccesso di domanda e di offerta Azienda e profitto Costi fissi e variabili Curva dei costi e ricavi Costo e ricavo marginale, calcolo del massimo profitto Il bene informazione Bene informazione o bene esperienza Economia di scala, e costo medio di produzione Tecniche di discriminazione del prezzo: Mass Customization, Versioning, Bundling Switching cost e lock-in (costo di cambiamento e blocco economico) 16

17 Costi della ricerca, degli impegni contrattuali, di sostituzione di beni durevoli, per l acquisto di beni complementari e di learning e training Economia di scala e di rete Economia di rete e monopolio temporaneo Outsourcing Make or buy Unità 4 Le certificazioni ISO/IEC 27001: Sicurezza informatica Certificazioni e qualità Sistem di gestione della qualità, qualità totale, ISO, IAF Certificazioni ICT UNI EN ISO 9001:2008, UNI CEI ISO/IEC :2011, UNI CEI ISO/IEC 27001:2006 UNI EN ISO 14001:2004, BS OHSAS 18001:2007 ITIL, COBIT 5, MOF, CAPM, EUCIP, ECDL 17

18 Materia: Insegnante T.P.S.I. SGOBBI Lorenzo- ZAGAMI Giuseppe Testo in uso: PROGETTAZIONE TECNOLOGIE IN MOVIMENTO quinto anno Autori: Iacobelli Baldino Beltramo - Rondano Editore: Juvenilia Scuola UNITÀ DIDATTICA 1 - Progettare sistemi sicuri - Principi base di sicurezza nei sistemi informatici (password, back-up, ) - Steganografia e criptografia (definizione e cenni storici) - Criptazione a chiave simmetrica - Criptazione a chiave asimmetrica (chiave pubblica) - Firma digitale - Posta elettronica certificata (PEC e marca temporale) - Gateway e servizi integrati (Proxy, Firewall, NAT e DMZ) - I principali tipi di attacco informatico (virus, phishing, DoS, DDoS,...) UNITÀ DIDATTICA 2 - Progettare interfacce - La rappresentazione della conoscenza (rete semantica, reti basate sull'esperienza, le metafore) - Interagire con le interfacce (interazione azione-oggetto ed oggetto-azione, short-cut) - Compilazione di form (maschere di editing) - Navigazione per mezzo di menù (pull-down, pop-up, contestuali) - I controlli (caselle di riepilogo, barre degli strumenti, check-box, radio-button, finestre di dialogo modali e non) - Altri strumenti di interazione (colore, suono, immagini, video) - Localizzazione (best practise) - Il supporto a disabili (limitazioni visive, disabilità motoria) UNITÀ DIDATTICA 3 - La progettazione di siti web - Analisi (modello a cascata, modello a spirale) - Progettare il sito (strutture multisequenziali, griglia, gerarchica, libera) - Progettazione grafica del sito (visual design, componenti della pagina web) - Sviluppo del sito (oggetti interfaccia ed oggetti di business) - Pubblicazione ed aggiornamento (deploy, test d'usabilità, analisi statistiche, promozione) - Esempio di progetto di un sito - Sviluppo del progetto: struttura ed intestazione - Sviluppo del progetto: completamento - L'uso dei CMS (Content Management System): definizione, caratteristiche e tipologie - Architetture per il software multi-tier (N-tier, SOA, Application server) - Il pattern MVC (Model-View-Controller) UNITÀ DIDATTICA 4 - Applicazioni mobili (CENNI; in fase di svolgimento all atto della stesura del presente documento) - Caratteristiche e problematiche - Il sistema operativo Android (componenti dell'architettura: kernel, libraries, application framework, application) - Esempi 18

19 LABORATORIO - Installazione ed utilizzo di hardware (smart-card e lettore) e software (CRS manager e PdC Regione Lombardia) per accedere a servizi on-line autenticandosi con la Carta Regionale (o Nazionale) dei Servizi - Installazione, configurazione, parametrizzazione ed utilizzo di CMS (Joomla, Drupal e Wordpress) - Progetto V anno: applicazione C/S (trasversalmente alle materie di Informatica e Sistemi) - Installazione di IDE ed SDK per sviluppare app (JDK, Eclipse, Android Studio, Android SDK manager, AVD manager) 19

20 Materia: Insegnante: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CROTTI Franco Testo consultato: In Movimento - Marietti Scuola CONTENUTI DISCIPLINARI -attività ed esercizi a carico naturale con approfondimento del lavoro di base; -attività ed esercizi eseguiti con varietà di ampiezza e di ritmo in situazioni spaziotemporali differenti; -attività di atletica leggera. Proposta di gesti finalizzati: corse, salti e lanci; -attività sportiva di squadra atta a sperimentare le tecniche individuali e a conquistare una maggiore consapevolezza del proprio ruolo in un contesto di gioco di squadra ( pallavolo, calcio a cinque, pallacanestro ) STRUMENTI -Palestra - piccoli e grandi attrezzi -Palestra spazi esterni - Pista di atletica - Palestra, campi esterni e palloni -organizzazione attività (gestione arbitraggio tornei) -attività sportive non usuali (badmintonunihockey corsa di orientamento) - Attrezzatura adeguata -tennis tavolo esercitazioni e tornei -Informazioni relative a: - teoria dell allenamento - pronto soccorso - SPORT DI SQUADRA: pallacanestro,pallavolo, calcio a cinque - SPORT INDIVIDUALI: atletica leggera, tennis tavolo, badminton - PILASTRI DELLA SALUTE (attività fisica-educazione alimentare) - Regolamento giochi sportivi svolti -Approfondimenti su argomenti scelti dallo studente (tesina) Nelle proposte fatte è stato utilizzato prevalentemente il metodo globale di tipo induttivo per favorire l interiorizzazione e la riflessione sul gesto motorio, la plasticità di adattamento alle varie situazioni ed evitare l istaurarsi di rigidi stereotipi motori. Per alcuni apprendimenti tecnici è stato utilizzato un metodo più analitico. 20

21 21

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA DI INFORMATICA

PROGRAMMA DI INFORMATICA PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE 5 B Sistemi Informativi Aziendali A.S. 2014/2015 DOCENTE CORREDDU GIOVANNA ITP PANZERA GRAZIA Materiale didattico Libro di testo: Iacobelli, Ajme, Marrone, Brunetti, Eprogram-Informatica

Dettagli

Dal Liberalismo all imperialismo : Naturalismo e Simbolismo

Dal Liberalismo all imperialismo : Naturalismo e Simbolismo Anno scolastico 2014/2015 ISIS Pagano - Bernini Classe V G REL INT Programma d Italiano Insegnante M. Pascotto Dal Liberalismo all imperialismo : Naturalismo e Simbolismo Cap I : La situazione economica

Dettagli

Dettaglio dei corsi in aula

Dettaglio dei corsi in aula L offerta formativa Dettaglio dei corsi in aula Software Engineering Object Oriented Analysis and Design: fondamenti e principi dell object orientation. Dall analisi alla progettazione. I Design Pattern.

Dettagli

Liceo Fogazzaro a.s. 2014/2015 CLASSE 5 AS. Lingua e Letteratura italiana. Prof. Barbara Battistolli. Relazione finale del docente

Liceo Fogazzaro a.s. 2014/2015 CLASSE 5 AS. Lingua e Letteratura italiana. Prof. Barbara Battistolli. Relazione finale del docente Liceo Fogazzaro a.s. 2014/2015 CLASSE 5 AS Lingua e Letteratura italiana Prof. Barbara Battistolli Relazione finale del docente 1. Premessa Conosco la classe da quattro anni, nel corso dei quali si è dimostrata

Dettagli

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI PROFF. A. MION N. CECCON. Organizzazione d impresa. Unità Didattica 1 Economia e Microeconomia

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI PROFF. A. MION N. CECCON. Organizzazione d impresa. Unità Didattica 1 Economia e Microeconomia Istituto di Istruzione Superiore Euganeo Istituto tecnico del settore tecnologico Istituto professionale del settore servizi socio-sanitari Istituto professionale del settore industria e artigianato PROGRAMMA

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail uffici: info@iisdenicola.it Anno scolastico: 2013/2014

Dettagli

Programmazione modulare 2014-2015

Programmazione modulare 2014-2015 Programmazione modulare 2014-2015 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 5 A e 5 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore (2 teoria + 2 laboratorio) Totale ore previste:

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

Anno scolastico 2013 2014. Programma di Storia

Anno scolastico 2013 2014. Programma di Storia Programma di Storia CLASSE V SEZ. A CORSO MERCURIO LIBRI DI TESTO: F. Cereda, V. Reichmann, Le sfide della storia 3 tomo A-B, Carlo Signorelli Editore. L Italia di Giolitti: - Le quattro fasi del governo

Dettagli

COMPETENZE IN ESITO (5 ANNO) ABILITA' CONOSCENZE

COMPETENZE IN ESITO (5 ANNO) ABILITA' CONOSCENZE MAPPA DELLE COMPETENZE a.s. 2014-2015 CODICE ASSE: tecnico-professionale QUINTO ANNO PT1 scegliere dispositivi e strumenti in base alle loro caratteristiche funzionali; Progettare e realizzare applicazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ( modulo redatto da prof. A. Rossi) DISCIPLINA Sistemi A.S. 2014/15 X di dipartimento DOCENTI: Domenica LACQUANITI e Mario DE BERNARDI Classe 5^ inf/ SERALE 1) PREREQUISITI Conoscenza di almeno un linguaggio di programmazione funzionale,

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DI INFORMATICA

PERCORSO FORMATIVO DI INFORMATICA Anno Scolastico 2015/16 PERCORSO FORMATIVO DI INFORMATICA CLASSE VB INFORMATICA Docenti: D Antico Maria Samantha Civardi Mauro Ore settimanali: 6 Ore annuali (previste in data 07/05/2016) : 196 FINALITA'

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Cattani Barbara monoennio CLASSE: quinta CORSO D SEZIONE LICEO SCIENZE APPLICATE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2014/2015 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2014/2015 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ISIS"Giulio Natta" Bergamo pag. 1 di 5 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Disciplina INFORMATICA monte ore annuale previsto (n. ore settimanali per 33 settimane) 2X33 = 66 OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, La letteratura, vol. 4 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volumi 5 e 6

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. SCUOLA: CIVICO LICEO LINGUISTICO A.MANZONI DOCENTE: FABIO NUNZIATA MATERIA: ITALIANO Classe 5 Sezione H OBIETTIVI Cognitivi 1. conoscere adeguatamente le regole del

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO CLASSICO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA PROGRAMMAZIONE a.s, 2014 2015 DIPARTIMENTO: MATERIE LETTERARIE MATERIA: ITALIANO COORDINATORE: De Benedictis Rosa Maria Classi: Quinte ARGOMENTO I: POSITIVISMO, NATURALISMO, VERISMO.

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (PI) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015 Indirizzo: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Disciplina: Informatica Docente:Maria Teresa Niro Classe: Quinta B Ore settimanali previste: 6 (3 ore Teoria - 3 ore Laboratorio) ITI M. FARADAY Programmazione

Dettagli

INFORMATICA COMPETENZE

INFORMATICA COMPETENZE INFORMATICA Docente: Sandra Frigiolini Finalità L insegnamento di INFORMATICA, nel secondo biennio, si propone di: potenziare l uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE. Periodo mensile. Ore previste

PROGRAMMAZIONE MODULARE. Periodo mensile. Ore previste PROGRAMMAZIONE MODULARE Indirizzo: INFORMATICA SIRIO Disciplina: INFORMATICA Classe: QUINTA Ore previste: 16 di cui 66 ore di teoria e 99 ore di laboratorio. N. modulo Titolo Modulo Titolo unità didattiche

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA e 5BSA DISCIPLINA: INFORMATICA. INFORMATICA 2 ore settimanali

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA e 5BSA DISCIPLINA: INFORMATICA. INFORMATICA 2 ore settimanali ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSE: 5ASA e 5BSA - pag. 1 CLASSE Monte ore annuo Libro di Testo PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: 5ASA

Dettagli

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015

PIANO DI LAVORO. a.s. 2014 / 2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014 / 2015 Materia: INFORMATICA Classe: quinta A Data di presentazione: 7/10/2014 DOCENTI FIRMA Cerri Marta Bergamasco Alessandra Posta elettronica: itisleon@tin.it - Url: www.itdavinci.it

Dettagli

ITALIANO. PRIMO ANNO (Liceo delle Scienze Umane)

ITALIANO. PRIMO ANNO (Liceo delle Scienze Umane) 1/6 ITALIANO PRIMO ANNO Testi: qualsiasi testo di Italiano (biennio) in adozione presso i Licei Classici o Scientifici. Per i testi di epica: consultare i siti Internet con il testo integrale in traduzione

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTE MATERIA CLASSE/I Livio Gnucci Italiano V CO OBIETTIVI DIDATTICI DISCIPLINARI CONSEGUITI IN TERMINI DI COMPETENZE, CONOSCENZE, ABILITÀ PRESENTAZIONE

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI INFORMATICA a.s.2014/2015

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI INFORMATICA a.s.2014/2015 LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE LICEO CLASSICO G. BODONI 12037 SALUZZO DIPARTIMENTO DI MATEMATICA FISICA E INFORMATICA PROGRAMMAZIONE GENERALE DI INFORMATICA a.s.2014/2015

Dettagli

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE INFORMATICA La Dialuma propone a catalogo 22 corsi di Informatica che spaziano tra vari argomenti e livelli. TITOLI E ARGOMENTI I001 - Informatica generale Concetti generali

Dettagli

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO CLASSI PRIME Conoscenze Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo. Le strutture della

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Docente: Rigoni Carla Disciplina: INFORMATICA GENERALE E APPLICAZIONI GESTIONALI Classe 5^ BP A. S. 2013-2014 1. LIBRO DI TESTO UTILIZZATO: estratti del testo redatto

Dettagli

PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE TERZA SEZ. A. CORSO Amministrazione Finanza e Marketing. DOCENTE: Noto Giancarlo

PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE TERZA SEZ. A. CORSO Amministrazione Finanza e Marketing. DOCENTE: Noto Giancarlo PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE TERZA SEZ. A CORSO Amministrazione Finanza e Marketing DOCENTE: Noto Giancarlo ANNO SCOLASTICO 2014/2015 MODULO 0 L ARCHITTETURA DEL COMPUTER - L informatica - Il computer

Dettagli

1 MODULO: Visual basic.net Dati strutturati. Finalità: Gestione di dati strutturati

1 MODULO: Visual basic.net Dati strutturati. Finalità: Gestione di dati strutturati Istituto di Istruzione Superiore via Salvini 24 Roma Liceo M. Azzarita Liceo delle scienze applicate Materia:Informatica Programmazione a.s. 2015-2016 Classi 4 e Obiettivi disciplinari secondo biennio

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15 Disciplina d insegnamento/apprendimento EDUCAZIONE FISICA PEZZULLO GIOVANNI 1 Le prestazioni fisiche di resistenza, forza e velocità Metodologie semplici per l allenamento delle capacità condizionali di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ITI "G. FALCONE" COLLEFERRO (RM) Classe V Sez. B ITI Informatica - Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ITI G. FALCONE COLLEFERRO (RM) Classe V Sez. B ITI Informatica - Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE Classe V Sez. B ITI Informatica - Anno scolastico 2014-2015 Materia: Informatica Testo adottato: Le asi di dati. Il linguaggio QL A. Lorenzi, D. Rossi Ed. Atlas Descrizione programma:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE V C A.S. 2011/2012

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE V C A.S. 2011/2012 LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE V C A.S. 2011/2012 Docente: Prof.ssa Agata Spoto Testo adottato: La Divina Commedia Nuova edizione integrale Autori: Alighieri Dante / Jacomuzzi

Dettagli

ECDL Base. ECDL Full Standard

ECDL Base. ECDL Full Standard http://www.nuovaecdl.it/ Modulo ECDL Base ECDL Full Standard ECDL Standard Computer Essentials Sì Sì Sì (1) Online Essentials Sì Sì Sì (1) Word Processing Sì Sì Sì (1) Spreadsheets Sì Sì Sì (1) IT Security

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2012/2013) Prof.ssa Adriana Fasulo Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica

PIANO DI LAVORO (a.s. 2012/2013) Prof.ssa Adriana Fasulo Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2012/2013)

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI E LE TECNOLOGIE INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

A.S. 2014/2015- Programma svolto di INFORMATICA ITCG E. Fermi Tivoli classe V C SIA. Programma svolto di. Informatica. classe VC S.I.A a.s.

A.S. 2014/2015- Programma svolto di INFORMATICA ITCG E. Fermi Tivoli classe V C SIA. Programma svolto di. Informatica. classe VC S.I.A a.s. Programma svolto di Informatica classe VC S.I.A a.s. 2014/2015 MODULO 1 I SISTEMI OPERATIVI U.D. 1 Organizzazione dei Sistemi Operativi U.D. 2 Struttura e funzionamento di un Sistema Operativo U.D. 3 Tipi

Dettagli

Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone

Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone Anno scolastico 2015 / 2016 Piano di lavoro individuale LICEO "Dante Alighieri" Classe: V LICEO linguistico e scientifico Insegnante: ZERBI Raffaella

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PIANO DI LAVORO EFFETTIVAMENTE SVOLTO IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1.

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1. Parte sesta: I siti web Ingegneria del Software Interattivo - I siti web - Docente: Daniela Fogli 1. I siti web Nel Contesto Riferimenti: Brajnik, Umano G., Toppano, E. Creare siti web multimediali, Pearson,

Dettagli

Anno Scolastico: 2014-2015. Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali. Classe: quinta. Disciplina: Informatica. prof. Silvia Tondo

Anno Scolastico: 2014-2015. Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali. Classe: quinta. Disciplina: Informatica. prof. Silvia Tondo Anno Scolastico: 2014-2015 Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali Classe: quinta Disciplina: Informatica prof. Silvia Tondo Competenze disciplinari: 1. Utilizzare le reti e gli strumenti informatici

Dettagli

Indice. Prefazione. Presentazione XIII. Autori

Indice. Prefazione. Presentazione XIII. Autori INDICE V Indice Prefazione Presentazione Autori XI XIII XV Capitolo 1 Introduzione alla sicurezza delle informazioni 1 1.1 Concetti base 2 1.2 Gestione del rischio 3 1.2.1 Classificazione di beni, minacce,

Dettagli

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca LICEO SCIENTIFICO STATALE Donato Bramante Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) - MIUR: MIPS25000Q Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97220275 Sito:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Adriana Fasulo Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Adriana Fasulo Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MODULI RELATIVI ALLE COMPETENZE STCW

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MODULI RELATIVI ALLE COMPETENZE STCW PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MODULI RELATIVI ALLE COMPETENZE STCW ISTITUTO : ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE BUCCARI-MARCONI INDIRIZZO: ISTITUTO TECNICO A INDIRIZZO TRASPORTI MARITTIMI E LOGISTICA

Dettagli

I.T.C. Mario Pagano Napoli

I.T.C. Mario Pagano Napoli I.T.C. Mario Pagano Napoli Programmazione classe 3C Anno 04/05 Insegnante:Prof.ssa Anna Salvatore SETTORE: Economico INDIRIZZO: Amministrazione, Finanza e Marketing DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: INFORMATICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSE 4BLST DISCIPLINA: INFORMATICA E SISTEMI INSEGNANTI: NOTARANGELO MARIA BARBAGALLO SALVATORE MONTE ORE PREVISTO: (ore settimanali x 33 settimane) = 99 (di cui 66 in compresenza)

Dettagli

ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 DISCIPLINA: INFORMATICA CLASSE: 5 SI INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI DOCENTI: TISO EMANUELE BARBARA SECCHI

ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 DISCIPLINA: INFORMATICA CLASSE: 5 SI INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI DOCENTI: TISO EMANUELE BARBARA SECCHI ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 DISCIPLINA: INFORMATICA CLASSE: 5 SI INDIRIZZO: SISTEMI INFORMATIVI DOCENTI: TISO EMANUELE BARBARA SECCHI 1 2 ELENCO MODULI ARGOMENTI PRINCIPALI STRUMENTI PERIODO Base di Dati

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6)

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento,art.5;O.M.38art.6) Annoscolastico2015 2016 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe:5A Indirizzo:economicosociale

Dettagli

CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE

CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE Internet (La rete delle reti) è l insieme dei canali (linee in rame, fibre ottiche, canali radio, reti satellitari, ecc.) attraverso cui passano le informazioni quando vengono

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo : LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

Dipartimento di Informatica PROGRAMMAZIONE DIDATTICA. triennio

Dipartimento di Informatica PROGRAMMAZIONE DIDATTICA. triennio LICEO SCIENTIFICO STATALE LORENZO MASCHERONI 24124 BERGAMO (BG) Via A. Da ROSCIATE, 21/A -Tel. 035-237076 - Fax 035-234283 e-mail: limasc@tin.it - sito internet: http://www.liceomascheroni.it Cod.Mecc.BGPS05000B

Dettagli

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione Livello Applicazione Davide Quaglia 1 Motivazione Nell'architettura ibrida TCP/IP sopra il livello trasporto esiste un unico livello che si occupa di: Gestire il concetto di sessione di lavoro Autenticazione

Dettagli

Data Base. Prof. Filippo TROTTA

Data Base. Prof. Filippo TROTTA Data Base Definizione di DataBase Un Database può essere definito come un insieme di informazioni strettamente correlate, memorizzate su un supporto di memoria di massa, costituenti un tutt uno, che possono

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ALLEGATO A - INFORMATICA RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE MATERIA: INFORMATICA Classe 5 sez. Bsia a.s. 2014/15 DOCENTE: prof. Domenico Francullo In relazione alla programmazione curricolare sono stati conseguiti

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.ssa Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentini DISCIPLINA Informatica lllo Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s.

Dettagli

I N G E G N E R E G I A N L U C A D I T O M A S S I

I N G E G N E R E G I A N L U C A D I T O M A S S I PACCHETTI FORMATIVI Corso Documento Programmatico sulla Sicurezza (DPS): linee guida e misure attuative Il codice sulla privacy Adempimenti ed opportunità La cultura della sicurezza come vantaggio competitivo

Dettagli

Indice. 1 Introduzione 7 1.1 Introduzione... 7 1.2 Cos è un impianto informatico enterprise... 8

Indice. 1 Introduzione 7 1.1 Introduzione... 7 1.2 Cos è un impianto informatico enterprise... 8 Indice 1 Introduzione 7 1.1 Introduzione............................. 7 1.2 Cos è un impianto informatico enterprise............. 8 2 Affidabilità 11 2.1 Introduzione............................. 12 2.1.1

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali

Protocollo dei saperi imprescindibili a.s. 2012-2013 Ordine di scuola: professionale Indirizzi Servizi Commerciali INDICE PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 1 P. 2 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 2 P. 3 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 3 P. 4 PROTOCOLLO SAPERI IMPRESCINDIBILI CLASSE 4 P. 5 PROTOCOLLO

Dettagli

Sistemi Informativi e Basi di Dati

Sistemi Informativi e Basi di Dati Sistemi Informativi e Basi di Dati Laurea Specialistica in Tecnologie di Analisi degli Impatti Ecotossicologici Docente: Francesco Geri Dipartimento di Scienze Ambientali G. Sarfatti Via P.A. Mattioli

Dettagli

PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE

PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE 1. JAVA 1.1 Introduzione a Java Introduzione Cosa è Java 1.2 Sintassi e programmazione strutturata variabili e metodi tipi di dati, array operatori

Dettagli

DISCIPLINE CONCORRE NTI CONOSCENZE UDA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO UDA

DISCIPLINE CONCORRE NTI CONOSCENZE UDA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO UDA UDA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE ITI "E. MEDI" PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI PIANO DELLE UDA 3 /Inf. prof. COMPETENZE della UDA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: ITALIANO Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 Docente: DALLA VECCHIA MARIA TERESA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da diciotto alunni, di cui undici femmine e sette

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1.

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1. Parte sesta: I siti web Ingegneria del Software Interattivo - I siti web - Docente: Daniela Fogli 1. I siti web Nel Contesto Riferimenti: Brajnik, Umano G., Toppano, E. Creare siti web multimediali, Pearson,

Dettagli

Da Settembre 2010 Oggi. Go Project srl via Alessandria 88, Roma. Inail Istituto Nazionale Infortuni sul Lavoro

Da Settembre 2010 Oggi. Go Project srl via Alessandria 88, Roma. Inail Istituto Nazionale Infortuni sul Lavoro F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Qualifica: INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nazionalità italiana Data di nascita 08/10/1974 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Da Settembre

Dettagli

Proff. Fabio Ciao e Raffaele Bortone

Proff. Fabio Ciao e Raffaele Bortone ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS BRUNELLESCHI - EMPOLI Materia: INFORMATICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014/2015 Classe IV C Informatica Proff. Fabio Ciao e Raffaele Bortone Libro di testo: Cloud

Dettagli

Dipartimento di informatica CONTENUTI MINIMI DI INFORMATICA E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE

Dipartimento di informatica CONTENUTI MINIMI DI INFORMATICA E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE CONTENUTI MINIMI DI INFORMATICA E TECNOLOGIE DELLA COMUNICAZIONE CLASSE PRIMA INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING, RELAZIONI INTERNAZIONALE PER IL MARKETING, SISTEMI INFORMATIVI SPORTIVO pag.2

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Cigna Baruffi Garelli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Cigna Baruffi Garelli Attività svolta 1. UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1: INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE 1.1. Introduzione ai sistemi numerici: Sistema numerico decimale e binario. Conversioni binario-decimale e decimale binario.

Dettagli

Prefazione Sistemi informativi e basi di dati Il modello relazionale Il modello ER

Prefazione Sistemi informativi e basi di dati Il modello relazionale Il modello ER Indice Prefazione XI 1 Sistemi informativi e basi di dati 1 1.1 La Gestione dell Informazione................... 1 1.1.1 Sistemi Informativi e Sistemi Informatici......... 1 1.2 Esempi di Sistemi Informativi...................

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO a.s. 2013/2014 MATERIA Informatica e Sistemi Automatici CLASSE 5 SEZIONE B INDIRIZZO Liceo DOCENTI Proff. Laino Antonio Santoro Francesco ORE DI LEZIONE 3 settimanali (in laboratorio)

Dettagli

Indice generale VIII

Indice generale VIII Indice generale Indice dei box di approfondimento X Prefazione XII Ringraziamenti dell Editore XIV Guida alla lettura XV Capitolo 1 Introduzione 1 1 1 Trattamento dell informazione e strumenti per il trattamento

Dettagli

Indice. Ringraziamenti dell Editore

Indice. Ringraziamenti dell Editore Prefazione Autori Ringraziamenti dell Editore XVII XXI XXIII 1 Introduzione 1 1.1 Sistemi informativi, informazioni e dati 1 1.2 Basi di dati e sistemi di gestione di basi di dati 3 1.3 Modelli dei dati

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI Disciplina: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Prof.ssa Giuseppina Gambin Anno Scolastico 2008/2009 PERCORSI FORMATIVI

Dettagli

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof.

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof. Anno Scolastico: 2014/2015 Indirizzo: Sistemi informativi aziendali Classe quarta AS Disciplina: Informatica prof. Competenze disciplinari: Secondo biennio 1. Identificare e applicare le metodologie e

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli