ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. BANDO Comunicazione Piano Sociale Regionale. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. BANDO Comunicazione Piano Sociale Regionale. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1"

Transcript

1 BANDO Comunicazione Piano Sociale Regionale ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

2 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B DENOMINATA Offerta tecnica GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI DEL D. LGS. n. 163/06, PER L AFFIDAMENTO DELLA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE DEL PIANO SOCIALE REGIONALE E DELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE SOCIALE dovrà racchiudere l Offerta tecnica comprendente il progetto analitico esecutivo di realizzazione del servizio, costituito da tutti gli elementi prescritti, atti a definire compiutamente ed in modo univoco le attività da realizzare, sotto il profilo qualitativo, quantitativo, organizzativo, localizzativo, temporale e degli obiettivi quantificati. L'Offerta dovrà essere siglata in ogni pagina e sottoscritta all'ultima pagina con firma per esteso e in modo leggibile dal legale rappresentante. In caso di RTI non ancora costituito, l Offerta tecnica deve essere sottoscritta dal legale rappresentante di ciascuna delle imprese che formeranno il Raggruppamento. L Offerta tecnica non può richiamare altri elementi non contenuti nella documentazione presentata, che non saranno comunque valutati. L OFFERTA tecnica dovrà essere presentata in un originale siglato in ogni pagina e firmato per esteso nell ultima pagina dal legale rappresentante dell Impresa o persona munita da comprovati poteri di firma la cui procura sia stata prodotta nella busta A -Documenti- e due copie. OBIETTIVI E CONTENUTI DEL SERVIZIO Premessa Le attività di comunicazione previste nella presente gara rappresentano un elemento importante per il perseguimento degli obiettivi di efficacia individuati dal Piano Sociale Regionale e fissati dalla normativa regionale di riferimento, con particolare riguardo alla legge regionale 10 luglio 2006 n. 19 e alla legge regionale 21 marzo 2007 n. 7. Tali documenti rappresentano, pertanto, un utile riferimento atto a delineare il contesto programmatico delle attività da realizzare. I concorrenti pertanto dovranno attenersi, nel formulare la loro proposta progettuale, a quanto previsto nella documentazione di gara. Gli obiettivi della Campagna di Comunicazione La Campagna di Comunicazione oggetto di gara assume i seguenti due obiettivi generali: Informare, al fine di garantire la trasparenza ed offrire le migliori possibilità di accesso, i potenziali beneficiari finali, i soggetti destinatari degli interventi, le autorità locali competenti, le altre autorità pubbliche competenti, le organizzazioni professionali, le parti economiche e sociali, le organizzazioni non governative, sugli interventi posti in essere dall Assessorato alla Solidarietà e sulle opportunità offerte ad essi connesse; Sensibilizzare l opinione pubblica circa le politiche promosse dall Assessorato alla Solidarietà in materia di inclusione sociale e pari opportunità per tutti nonché sui risultati man mano conseguiti. Sotto l aspetto operativo specifico, la Campagna di Comunicazione oggetto di gara dovrà: a) definire un format complessivo di comunicazione, articolato in tutte le sue componenti che permettano la realizzazione di una immagine coordinata ed unitaria di tutte le azioni di comunicazione, tenendo conto del logo già in uso Puglia Sociale, del format della newsletter PugliaSocialeNews, nonché del correlato format per le pubblicazioni della collana tematica; Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 2

3 b) realizzare la comunicazione di base per informare i potenziali beneficiari finali, i soggetti destinatari degli interventi, le autorità locali competenti, le altre autorità pubbliche competenti, le organizzazioni professionali, le parti economiche e sociali, le organizzazioni non governative, sulle opportunità offerte, al fine di garantirne trasparenza e migliori possibilità di accesso; c) sensibilizzare l opinione pubblica circa le politiche promosse dall Assessorato alla Solidarietà in materia di inclusione sociale e pari opportunità per tutti nonché sui risultati man mano conseguiti; d) promuovere la diffusione di buone pratiche realizzate entro i confini regionali. I target Di seguito sono riportati i diversi segmenti di pubblico a cui la Campagna di Comunicazione, oggetto del presente disciplinare, intende rivolgersi. Il metodo di segmentazione tiene conto della tipologia di soggetti e del loro ruolo svolto sia rispetto all attuazione delle politiche di inclusione sociale regionale sia rispetto al territorio in cui operano. L individuazione di tali segmenti permette di selezionare strumenti di informazione e comunicazione diversificati in modo da ottenere la massima efficacia a fronte della politica comunicazionale attuata. I Target individuati sono articolabili in due macrocategorie: 1) Pubblico interessato direttamente all attuazione del Piano Regionale delle Politiche Sociali, che si articola a sua volta in: A. SOGGETTI DESTINATARI DELL INTERVENTO: tutti i soggetti, gli enti e gli organismi pubblici e privati cui sono rivolte le iniziative individuate dal Piano Sociale Regionale , dalla L.R. 19/06 e dal suo regolamento di attuazione; B. AUTORITA LOCALI COMPETENTI: tutti gli enti e gli organismi pubblici locali con una dimensione territoriale comunale, di ambito territoriale così come definito nell art. 5 della L.R. 19/06 e provinciale che per il ruolo istituzionale ricoperto svolgono delle attività che concorrono alla realizzazione degli interventi previsti; C. ALTRE AUTORITA PUBBLICHE COMPETENTI: tutti gli enti e gli organismi pubblici con una competenza territoriale regionale che per il ruolo istituzionale ricoperto svolgono delle attività che concorrono alla realizzazione degli interventi previsti; D. ORGANIZZAZIONI PROFESSIONALI: tutti gli enti e gli organismi pubblici e privati a scala regionale e provinciale che raggruppano soggetti che svolgono o sono coinvolti a vario titolo in una o più attività inerenti i fondi strutturali; E. PARTI ECONOMICHE E SOCIALI: tutti gli enti e gli organismi pubblici e privati che sono attori indiscussi della realtà economica e sociale del territorio, e come tali sono in grado di influenzarla ed orientarla; F. ORGANIZZAZIONI NO PROFIT: gli enti e gli organismi pubblici senza fine di lucro che svolgono un ruolo positivo a favore della collettività, in particolare organismi per la promozione delle pari opportunità per tutti; 2) Pubblico finale, ovvero OPINIONE PUBBLICA: H. tutta la popolazione della regione Puglia. In particolare, con questo termine si intende la convergenza di opinioni individuali in un gruppo di persone su un particolare argomento individuato. I. le principali istituzioni di rilievo nazionale, pubbliche e private, nonché le altre Amministrazioni Regionali, e i principali soggetti del Terzo Settore di rilievo nazionale. Il mix comunicazionale In base ai target e agli obiettivi della Campagna di Comunicazione dinanzi indicati, dovranno essere individuati gli strumenti comunicazionali più idonei. In particolare, gli strumenti dovranno rapportarsi alle seguenti due aree tematiche: Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 3

4 1. comunicazione istituzionale; 2. comunicazione mirata ad informare sui risultati conseguiti attraverso il processo di riforma del welfare. La progettazione esecutiva della Campagna dovrà essere articolata nelle seguenti componenti: 1) definizione di un format unico di comunicazione che permetta la costituzione, la realizzazione e la gestione di una immagine coordinata unitaria delle attività promosse dall Assessorato alla Solidarietà. Il format sarà la base comune di comunicazione di tutti gli strumenti successivi. La Ditta partecipante alla gara dovrà quindi proporre l immagine coordinata, la linea grafica di comunicazione degli strumenti editoriali, pubblicitari e di tutti quegli strumenti che si andranno a realizzare, con particolare attenzione a dare continuità agli strumenti di comunicazione già positivamente sperimentati nell ultimo biennio; 2) definizione del programma di comunicazione istituzionale sulle seguenti due grandi categorie di pubblico, come definite nel paragrafo che precede. Le Ditte partecipanti dovranno presentare un progetto esecutivo estremamente analitico che permetta all Amministrazione non solo una analisi qualitativa sulle caratteristiche creative e comunicazionali, ma anche una attenta verifica dei costi e dei contenuti di comunicazione delle attività proposte contenente: Analisi del contesto (analisi degli stakeholder, elaborazione del brief, individuazione del target, attività di benchmarking) Progettazione di dettaglio (Strategia e piano di comunicazione, Concept, Immagine coordinata, Flusso di lavoro e timing) Piano di distribuzione materiali Pianificazione delle affissioni e dei media Descrizione degli strumenti comunicazionali. Campagna pubblicitaria Manifesti Cartelloni Pubblicità dinamica presso luoghi target della popolazione di riferimento Banner pubblicitari in siti web di riferimento Partecipazione a fiere Stand: Allestimento di uno stand base personalizzabile con pannelli costruiti ad hoc per gli eventi di settore proposti dal Settore. Organizzazione di eventi Eventi: Segreteria organizzativa per gli eventi tematici proposti dal Settore (in numero stimato a circa 20 giornate, di cui 8 fuori dai confini regionali) per l intero arco temporale di durata dell incarico. Multimedia Sito web: il sito in questione sarà realizzato su una progettazione delle aree tematiche e dell articolazione dei contenuti fornita dall Assessorato. Gli scopi del sito web saranno sia quello di interloquire costantemente con gli utenti, sia quello di incanalare la richiesta di informazione sempre più verso i nuovi strumenti informatici a disposizione, implementando quindi anche modalità interattive di scambio con gli utenti finali del sito. Esso troverà ospitalità sul sito della Regione Puglia, come link non residente. Cd-Rom Opuscoli informativi: si studieranno e realizzeranno pratici opuscoli che, attraverso l uso di un linguaggio semplice e diretto, forniranno notizie sugli interventi realizzati presso l opinione pubblica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 4

5 Brochure specialistiche: tale strumento avrà lo scopo di informare la parte qualificata del pubblico circa le possibilità offerte dalla programmazione delle politiche di inclusione sociale. telefono; fax; internet; contatto diretto. Ufficio stampa. Servizio di public relation e contact center Il Servizio, realizzato e gestito direttamente dalla Regione, sarà multicanale, in grado di offrire un mix di prodotti informativi che si adatta alla variabilità delle potenziali richieste dei diversi tipi di utente. Al Servizio si avrà accesso attraverso diversi canali tra loro integrati fino al contatto diretto con i referenti ufficiali della Regione Puglia per la singola misura: In particolare, L OFFERTA tecnica dovrà contenere un progetto esecutivo di comunicazione integrata, costituito da tutti gli elementi atti a definire compiutamente ed in modo univoco le attività da realizzare, sotto il profilo strategico, degli obiettivi, qualitativo, quantitativo, organizzativo, degli strumenti di gestione e controllo qualità, temporale. In particolare: Produzione del materiale di base: l offerta dovrà contenere: l ipotesi creativa complessiva e per i singoli strumenti proposti (proposta di format; bozzetti grafici dei vari strumenti editoriali, multimediali ed espositivi compreso il sito internet, testi schematici, ecc.); la descrizione analitica delle caratteristiche qualitative e quantitative; Pubblicità: l offerta dovrà contenere la descrizione analitica del piano-mezzi, con individuazione dei media, della temporizzazione delle uscite, durata, ecc.; Altre attività: l offerta dovrà contenere la descrizione analitica delle proposte, dei tempi, delle modalità realizzative, ecc.; La ripartizione indicativa del budget della quale si dovrà tenere conto nell elaborazione della proposta, è la seguente: produzione di materiale di base 25% pubblicità 35% eventi, altre attività 40% Nel caso di Raggruppamenti Temporanei di Imprese, bisognerà compilare una tabella riassuntiva dove a fianco di ciascun componente sarà indicata la tipologia e la quota percentuale di attività da svolgere. L offerta tecnica sarà sottoscritta all ultima pagina con firma per esteso ed in modo leggibile dal Legale Rappresentante ( quello della Società capogruppo e quelli delle Imprese raggruppate in caso di un R.T.I., di cui all art. 37 del D.Lgs. n. 163/06 ) e sarà dallo stesso siglata in ogni pagina della Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 5

6 documentazione presentata e conterrà la dichiarazione di mantenere valida l offerta tecnica per un tempo non inferiore a 180 giorni dal termine fissato per la presentazione della stessa. In caso di impossibilità da parte della Commissione giudicatrice di poter valutare l offerta tecnica ( ad esempio per l inclusione o inserimento dell offerta tecnica in quella economica ) il soggetto partecipante verrà escluso dalla gara. Inoltre saranno considerate incomplete e, pertanto, escluse dalla gara le offerte che : Siano riferite ad una parte dei servizi in appalto. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 6

ALLEGATO 2 BANDO. Area Organizzazione e Riforma. Offerta Tecnica. dell Amministrazione Servizio E. E democracy e Cittadinanza.

ALLEGATO 2 BANDO. Area Organizzazione e Riforma. Offerta Tecnica. dell Amministrazione Servizio E. E democracy e Cittadinanza. BANDO Area Organizzazione e Riforma ALLEGATO 2 Offerta Tecnica dell Amministrazione Servizio E Government E democracy e Cittadinanza Attiva Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA

Dettagli

BANDO Settore Assetto del Territorio. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

BANDO Settore Assetto del Territorio. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 BANDO Settore Assetto del Territorio ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B DENOMINATA Offerta tecnica GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15)

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) La Regione, allo scopo di favorire lo sviluppo e la diffusione nel territorio della cultura cinematografica, sostiene gli organismi pubblici

Dettagli

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi Regolamento per il funzionamento dell Ufficio relazioni con il Pubblico Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale N.128 del 15.09.2005 SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni

Dettagli

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA Pagina 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B Gara Europea a Procedura aperta per la fornitura di servizi di supporto Offerta Tecnica, dovrà contenere un indice completo di

Dettagli

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI LA STRATEGIA La comunicazione di CONCORD ITALIA è finalizzata a sensibilizzare la cittadinanza sulle attività, l impatto e la sostenibilità delle nostre azioni nell ambito degli interventi realizzati dai

Dettagli

(per i raggruppamenti temporanei di cui all art. 90, comma 1, lett. g, D.Lgs 163/06) DOMANDA DI PARTECIPAZIONE 1, 2

(per i raggruppamenti temporanei di cui all art. 90, comma 1, lett. g, D.Lgs 163/06) DOMANDA DI PARTECIPAZIONE 1, 2 COMUNE DI MONTEBELLUNA Corso Mazzini 118 31044 MONTEBELLUNA (TV) OGGETTO: procedura aperta per l aggiudicazione dell incarico della direzione lavori e del coordinamento per la sicurezza in fase di esecuzione

Dettagli

NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO

NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO FINALIZZATO ALL' INDIVIDUAZIONE DI UN LUOGO IN CUI PROMUOVERE SCAMBI CULTURALI E PROCESSI DI INCLUSIONE E RELAZIONE

Dettagli

ARTI Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione S.P. per Casamassima, Km 3 70010 Valenzano BA. www.arti.puglia.it

ARTI Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione S.P. per Casamassima, Km 3 70010 Valenzano BA. www.arti.puglia.it Progetto NOBLE Ideas Young InNOvators Network for SustainaBLE Ideas in the Agro-Food Sector Attività cofinanziata dall Unione Europea a valere sul South East Europe Transnational Cooperation Programme

Dettagli

GRUPPO DI AZIONE COSTIERA JONICO SALENTINO scarl

GRUPPO DI AZIONE COSTIERA JONICO SALENTINO scarl CAPITOLATO TECNICO GARA D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI IDEAZIONE, ORGANIZZAZIONE E REALIZZAZIONE DI UNA CAMPAGNA DI ANIMAZIONE TERRITORIALE PER LA PROMOZIONE DEL PRODOTTO ITTICO E DELLA DIVERSIFICAZIONE

Dettagli

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. -APQ in Materia di e-government e Società dell Informazione nella Regione Puglia- Rete dei Medici di Medicina Generale

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. -APQ in Materia di e-government e Società dell Informazione nella Regione Puglia- Rete dei Medici di Medicina Generale BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B Gara per l affidamento di servizi informatici -APQ in Materia

Dettagli

ALLEGATO 3. Bando. Servizio Formazione Professionale. Offerta Economica. Allegato 3: Offerta economica Pag. 1

ALLEGATO 3. Bando. Servizio Formazione Professionale. Offerta Economica. Allegato 3: Offerta economica Pag. 1 Bando Servizio Formazione Professionale ALLEGATO 3 Offerta Economica Allegato 3: Offerta economica Pag. 1 ALLEGATO 3 OFFERTA ECONOMICA PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI DEL D. LGS. n. 163/06, PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

PROGETTO New Green Generation BANDO DI CONCORSO. (approvato con determina dirigenziale n.87 del 16/01/2013)

PROGETTO New Green Generation BANDO DI CONCORSO. (approvato con determina dirigenziale n.87 del 16/01/2013) PROGETTO New Green Generation BANDO DI CONCORSO (approvato con determina dirigenziale n.87 del 16/01/2013) CONCORSO NGG 1. Premessa Il progetto New Green Generation è stato finanziato dal Programma Azione

Dettagli

S C H E M A D I O F F E R T A T E C N I C A

S C H E M A D I O F F E R T A T E C N I C A S C H E M A D I O F F E R T A T E C N I C A ALLEGATO 2 AL BANDO DI GARA D APPALTO RELATIVA AD UN CONTRATTO ANNUALE PER IL SERVIZIO DI HOSTING WEB, DATA BASE SERVER, SVILUPPO SOFTWARE E SERVIZIO GESTIONE

Dettagli

ALLEGATO 2 BANDO. Servizio Sistema Integrato Servizi Sociali. Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

ALLEGATO 2 BANDO. Servizio Sistema Integrato Servizi Sociali. Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 + BANDO Servizio Sistema Integrato Servizi Sociali ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B DENOMINATA Offerta tecnica PROCEDURA APERTA, INDETTA

Dettagli

15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006

15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006 15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006 Premessa Nell ambito della sperimentazione della Società della Salute della sono state individuate tre parole chiave cui riferirsi costantemente

Dettagli

BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B Gara per l affidamento di servizi informatici POR 2000/2006 misura

Dettagli

VISTO l avviso pubblico in oggetto Prot. n. 9196/II/024 del 03/05/2011 pubblicato nel sito web dell Università dal 04/03/2011 al 19/03/2011;

VISTO l avviso pubblico in oggetto Prot. n. 9196/II/024 del 03/05/2011 pubblicato nel sito web dell Università dal 04/03/2011 al 19/03/2011; Bergamo, 19/05/2011 Decreto Prot. n. 10328/II/024 OGGETTO: Riapertura termini avviso pubblico per la sponsorizzazione dei servizi di servizi pubblici per l a.a. 2010/2011. VISTA la delibera del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 - Principi generali 1. Il Comune di Sarezzo, con il presente documento, disciplina le attività di informazione

Dettagli

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Destinazione DOCUMENTAZIONE ACCREDITAMENTO ISTITUTO SITO WEB ISTITUTO 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 POLITICA DELLA QUALITA La scelta di dotarsi di un sistema di gestione

Dettagli

BANDO ALLEGATO 2. Offerta Tecnica. Servizio Artigianato PMI e. Internazionalizzazione. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

BANDO ALLEGATO 2. Offerta Tecnica. Servizio Artigianato PMI e. Internazionalizzazione. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 BANDO Servizio Artigianato PMI e ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Internazionalizzazione Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B DENOMINATA Offerta tecnica Gara a procedura aperta

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA Regolamento per il funzionamento dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni dell Ufficio Relazioni

Dettagli

CENTRO FORMAZIONE REGIONALE

CENTRO FORMAZIONE REGIONALE CENTRO FORMAZIONE REGIONALE ANPAS EMILIA ROMAGNA Istituito ai sensi della delibera Giunta Regionale 44 del 26.1.2009 ACCREDITAMENTO REQUISITI ACCREDITAMENTO RENDICONTAZIONE ACCREDITAMENTO FORMAZIONE Mission

Dettagli

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Repubblica Italiana UNIONE EUROPEA In Sardegna, verso l'europa POR SARDEGNA 2000/2006 Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali Allegato al Complemento di programmazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA CITTA DI ORBASSANO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 Indice Premessa pag. 3 1. Riferimenti normativi pag. 3 2. Finalità del Programma pag. 3 3 Il sito istituzionale del

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII

REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII REGIONE SICILIANA Assessorato Infrastrutture e Mobilità Dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti SERVIZIO XXIII PROCEDURA APERTA AI SENSI DEL D.Lgs N. 163/2006 E S.M.I. PER L AFFIDAMENTO DEL Servizio

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area organizzazione e riforma dell amministrazione CHIARIMENTI

REGIONE PUGLIA Area organizzazione e riforma dell amministrazione CHIARIMENTI REGIONE PUGLIA Area organizzazione e riforma dell amministrazione Ufficio E-Procurement APPALTO PUBBLICO CON PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 55 DEL D.LGS. N. 163/06, PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER

Dettagli

Con l Europa investiamo nel nostro futuro Fondo Sociale Europeo Programma Operativo Regionale CCI 2007IT051PO007

Con l Europa investiamo nel nostro futuro Fondo Sociale Europeo Programma Operativo Regionale CCI 2007IT051PO007 Con l Europa investiamo nel nostro futuro Bando per la selezione Di un esperto in azioni di pubblicità e SENSIBILIZZAZIONE relativamente alla realizzazione dei progetti previsti dalla circolare AOODGEFID/571

Dettagli

IL DIRETTORE RENDE NOTO CHE

IL DIRETTORE RENDE NOTO CHE progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI MEDIATORI LINGUISTICO CULTURALI DA INSERIRE NEL PROGETTO I.M.A.G.I.N.E.

Dettagli

AREA TECNICA SETTORE GRANDI INFRASTRUTTURE

AREA TECNICA SETTORE GRANDI INFRASTRUTTURE AREA TECNICA SETTORE GRANDI INFRASTRUTTURE SERVIZIO DI ARCHITETTURA E INGEGNERIA: PROGETTAZIONE PRELIMINARE DELLE OPERE DI REALIZZAZIONE DELLE GALLERIE E DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE STRADALE

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ La Strategia

Dettagli

RICHIESTA DI OFFERTA PER SERVIZI RELATIVI ALLA CAPITOLATO TECNICO

RICHIESTA DI OFFERTA PER SERVIZI RELATIVI ALLA CAPITOLATO TECNICO RICHIESTA DI OFFERTA PER SERVIZI RELATIVI ALLA CAMPAGNA PUBBLICITARIA PER ESPERIENZA ITALIA CAPITOLATO TECNICO PREMESSA Nel 2011 si terranno i festeggiamenti per il centocinquantesimo anniversario dell

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

Pro Bononia. - Gruppo di Lavoro Giovani - Bando di concorso d idee per la creazione di un logo

Pro Bononia. - Gruppo di Lavoro Giovani - Bando di concorso d idee per la creazione di un logo Pro Bononia associazione culturale - Gruppo di Lavoro Giovani - Bando di concorso d idee per la creazione di un logo 1. PREMESSA Pro Bononia, associazione culturale, indice il presente bando di concorso

Dettagli

CONCORSO TANTE LINGUE, UNA SOLA EUROPA - Anno 2013 -

CONCORSO TANTE LINGUE, UNA SOLA EUROPA - Anno 2013 - CONCORSO TANTE LINGUE, UNA SOLA EUROPA - Anno 2013 - Europe Direct Frosinone, centro di informazione e comunicazione europea ospitato dalla Provincia di Frosinone ed appartenente alla rete Europe Direct,

Dettagli

ALLEGATO A) all'avviso LINEE GUIDA DEL PROGETTO EDUCATIVO CRESCERE NEL CENTRO

ALLEGATO A) all'avviso LINEE GUIDA DEL PROGETTO EDUCATIVO CRESCERE NEL CENTRO ALLEGATO A) all'avviso LINEE GUIDA DEL PROGETTO EDUCATIVO CRESCERE NEL CENTRO 1. Premessa Il Comune di Forlì, in relazione al proprio ruolo di promozione e governo del sistema territoriale integrato dei

Dettagli

XIIIª EDIZIONE DEL CORSO DI FORMAZIONE SULLA PROGETTAZIONE SOCIALE

XIIIª EDIZIONE DEL CORSO DI FORMAZIONE SULLA PROGETTAZIONE SOCIALE Centro Orizzonte Lavoro Società Cooperativa Sociale S. r. l. - ONLUS QUALITÀ CERTIFICATA ISO 9001:2008 XIIIª EDIZIONE DEL CORSO DI FORMAZIONE SULLA PROGETTAZIONE SOCIALE PREMESSA Le recenti politiche sociali,

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

Piano della comunicazione- Allegato 2. Strumenti utili alla comunicazione

Piano della comunicazione- Allegato 2. Strumenti utili alla comunicazione Piano della comunicazione- Allegato 2 Strumenti utili alla comunicazione 1. Strumenti relativi alle azioni di promozione Linea grafica coordinata Una prima esigenza da soddisfare è quella di dare organicità

Dettagli

DICHIARAZIONE A CORREDO DELL OFFERTA. Gara per prestito chirografario di.450.000 CIG 46447676FA Appalto n.38

DICHIARAZIONE A CORREDO DELL OFFERTA. Gara per prestito chirografario di.450.000 CIG 46447676FA Appalto n.38 Allegato 2 DICHIARAZIONE A CORREDO DELL OFFERTA Gara per prestito chirografario di.450.000 CIG 46447676FA Appalto n.38 Il/La sottoscritto/a nato/a ( ) il domiciliato per la carica presso la sede societaria

Dettagli

Catalogo delle Agenzie formative per la gestione dei corsi autofinanziati finalizzati alla riqualificazione in Operatori Socio Sanitari (OSS)

Catalogo delle Agenzie formative per la gestione dei corsi autofinanziati finalizzati alla riqualificazione in Operatori Socio Sanitari (OSS) Catalogo delle Agenzie formative per la gestione dei corsi autofinanziati finalizzati alla riqualificazione in Operatori Socio Sanitari (OSS) Avviso pubblico di chiamata ARTICOLO 1 OGGETTO DELL AVVISO

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani

BANDO DI CONCORSO. CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani BANDO DI CONCORSO CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani INDICE: Art. 1 Finalità Art. 2 Indirizzi di programma ed obiettivi Art. 3 Procedure e termini di presentazione delle domande Art. 4 Requisiti

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della funzione pubblica. Capitolato Tecnico CAPITOLATO TECNICO

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della funzione pubblica. Capitolato Tecnico CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta per l affidamento del servizio di Monitoraggio, valutazione e disseminazione dei risultati del progetto Giustizia On Line (GoL) del Programma di riduzione dei tempi

Dettagli

lavorativo di persone con provvedimenti penali detentivi e/o in esecuzione penale esterna.

lavorativo di persone con provvedimenti penali detentivi e/o in esecuzione penale esterna. Allegato alla Delib.G.R. n.32/ 45 del 15.9.2010 L.R. n. 1 del 24.2.2006, art 9, comma 11. L.R. n. 2 del 29.5.2007, art 33, comma 11. Finanziamento di un programma di attività finalizzate al recupero e

Dettagli

Casa Serena Santa Maria di Loreto Via Indipendenza 4 87011 Cassano All Ionio cs- Tel. e fax 0981/71022 0981 77232 http://www.casaserenacassano.

Casa Serena Santa Maria di Loreto Via Indipendenza 4 87011 Cassano All Ionio cs- Tel. e fax 0981/71022 0981 77232 http://www.casaserenacassano. Casa Serena Santa Maria di Loreto Via Indipendenza 4 87011 Cassano All Ionio cs- Tel. e fax 0981/71022 0981 77232 http://www.casaserenacassano.it/ BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

CENTRO SPORTIVO ITALIANO

CENTRO SPORTIVO ITALIANO Via S.Antonio, 5 20122 MILANO REGOLAMENTO RICHIESTA PATROCINIO PREMESSA: Il patrocinio è un riconoscimento con il quale il Centro Sportivo Italiano, esprime la propria simbolica adesione ad iniziative

Dettagli

Quesiti pervenuti entro il decimo giorno antecedente la scadenza del bando

Quesiti pervenuti entro il decimo giorno antecedente la scadenza del bando Quesiti pervenuti entro il decimo giorno antecedente la scadenza del bando Quesito n.1 Bando di gara Sezione II, punto 1.1 Denominazione conferita all'appalto dall'amministrazione aggiudicatrice e punto

Dettagli

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7 Carta dei Servizi Sommario Premessa... 3 1. Obiettivi... 4 2. Soggetti coinvolti... 6 3. Erogazione del servizio informativo... 7 4. Descrizione operativa del servizio... 9 5. Compiti e responsabilità

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ' ANNI 2014-2016. (art. ll,c.2 D.Lgs. 150/09)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ' ANNI 2014-2016. (art. ll,c.2 D.Lgs. 150/09) COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ' ANNI 2014-2016 (art. ll,c.2 D.Lgs. 150/09) 1 Indice 1. Introduzione 2. Dati da pubblicare

Dettagli

BANDO ALLEGATO 2. Offerta Tecnica SERVIZIO PERSONALE E ORGANIZZAZIONE. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

BANDO ALLEGATO 2. Offerta Tecnica SERVIZIO PERSONALE E ORGANIZZAZIONE. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 BANDO SERVIZIO PERSONALE E ALLEGATO 2 Offerta Tecnica ORGANIZZAZIONE Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B DENOMINATA Offerta tecnica Gara a procedura aperta indetta

Dettagli

DI ANGUILLARA SABAZIA

DI ANGUILLARA SABAZIA CITTÀ DI ANGUILLARA SABAZIA PROVINCIA DI ROMA UFFICIO SERVIZI SOCIALI AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI ESPERTI PER l AFFIDAMENTO di N. 7 INCARICHI nell ambito del progetto C.O.L. Centro Orientamento

Dettagli

Scheda standard formulata in ottemperanza dell allegato n. 3 indicato dalla CIVIT e redatta Responsabile della trasparenza

Scheda standard formulata in ottemperanza dell allegato n. 3 indicato dalla CIVIT e redatta Responsabile della trasparenza Scheda standard per la rilevazione degli adempimenti del Programma triennale per la trasparenza e l integrità, redatta ai sensi del D.Lgs n. 33/2013, dell AORN A. Cardarelli Scheda standard formulata in

Dettagli

IL DIRIGENTE CULTURA, POLITICHE PER LA TUTELA E VALORIZZAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI ED ARTISTICI

IL DIRIGENTE CULTURA, POLITICHE PER LA TUTELA E VALORIZZAZIONE DEI BENI ARCHITETTONICI ED ARTISTICI Oggetto: L.r.1/2000, art.4, comma 134 lettera a) - Sviluppo dei sistemi museali locali. Affidamento incarico per aggiornamento e implementazione dei contenuti del sito internet dedicato ai Musei, Raccolte

Dettagli

Bando Patrocini 2015

Bando Patrocini 2015 Scadenza: 16/07 Premessa La missione della Fondazione della Comunità del Novarese onlus si articola in tre punti: 1. diffondere la cultura del dono, offrendo servizi che consentano di riconoscere e soddisfare

Dettagli

COD. GE.CA. 23/2010 PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI COMUNICAZIONE, DISTINTA IN N.

COD. GE.CA. 23/2010 PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI COMUNICAZIONE, DISTINTA IN N. COD. GE.CA. 23/2010 PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI COMUNICAZIONE, DISTINTA IN N. 2 LOTTI: LOTTO 1 - SERVIZIO DI FULL SERVICE PER LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE E LOTTO 2 - SERVIZIO DI PROGETTO

Dettagli

GAL ALTO SALENTO DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO DELLO STUDIO PREVISTO NELL INTERVENTO 2 AZIONE I.3.2

GAL ALTO SALENTO DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO DELLO STUDIO PREVISTO NELL INTERVENTO 2 AZIONE I.3.2 GAL ALTO SALENTO DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO DELLO STUDIO PREVISTO NELL INTERVENTO 2 AZIONE I.3.2 1.OGGETTO DELLA GARA Definizione di un marchio collettivo dei produttori dell area ed implementazione

Dettagli

Siena Carbon Free 2015

Siena Carbon Free 2015 Siena Carbon Free 2015 BANDO DI CONCORSO Provincia di Siena Siena Carbon Free 2015 Premi per idee, progetti ed azioni per un uso efficiente e rinnovabile dell energia finalizzati alla riduzione delle emissioni

Dettagli

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA Allegato 2 Offerta Tecnica Pag 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B Gara per procedure e alle conseguenti proposte operative a supporto delle Funzioni e direzioni Aziendali

Dettagli

Finalità dello sportello:

Finalità dello sportello: OGGETTO: Bando per la selezione di soggetti idonei alla partecipazione al progetto PU TOSIE ERGIA, per la promozione e lo sviluppo delle energie rinnovabili e del risparmio energetico nel territorio del

Dettagli

COMUNE DI MARINEO Prov. di Palermo Corso dei Mille 127 90035 Marineo

COMUNE DI MARINEO Prov. di Palermo Corso dei Mille 127 90035 Marineo COMUNE DI MARINEO Prov. di Palermo Corso dei Mille 127 90035 Marineo BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI (SAD) CIG: 624925043D IL RESPONSABILE

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AGRIS SARDEGNA ALLEGATO 1. al disciplinare

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AGRIS SARDEGNA ALLEGATO 1. al disciplinare ALLEGATO 1 al disciplinare DICHIARAZIONE UNICA (DOMANDA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA) (resa ai sensi degli articoli 38, 46 e 47 D.P.R. 445 del 28 dicembre 2000) A pena di esclusione la

Dettagli

PARAMETRI E CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE OFFERTE

PARAMETRI E CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE OFFERTE ALLEGATO D) PARAMETRI E CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE OFFERTE 1) MODALITA DI FORMULAZIONE DELL OFFERTA L offerta dovrà essere redatta in conformità alle prescrizioni del presente documento e alla vigente

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA. Ai sensi della legge 150/2000

REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA. Ai sensi della legge 150/2000 REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA Ai sensi della legge 150/2000 Art 1. Principi generali La Provincia di Forlì - Cesena, attraverso

Dettagli

BANDO SENIOR CAPITAL

BANDO SENIOR CAPITAL BANDO SENIOR CAPITAL BANDO PER L INDIVIDUAZIONE DI ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO, ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE, INTERESSATE A PRESENTARE PROGETTI PER LA REALIZZAZIONE DI UNO SPORTELLO DELLE COMPETENZE

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

RICHIESTE DI CHIARIMENTO E RELATIVE RISPOSTE DOMANDA N. 1

RICHIESTE DI CHIARIMENTO E RELATIVE RISPOSTE DOMANDA N. 1 RICHIESTE DI CHIARIMENTO E RELATIVE RISPOSTE DOMANDA N. 1 La proposta di pianificazione media richiesta dal bando (Promozione Fondo per l Innovazione e l imprenditorialità del settore dei servizi alle

Dettagli

Bando per la selezione e il finanziamento di programmi di stage ed esperienze formative in alternanza in contesti lavorativi internazionali

Bando per la selezione e il finanziamento di programmi di stage ed esperienze formative in alternanza in contesti lavorativi internazionali INIZIATIVA DI SISTEMA DELLE CAMERE DI COMMERCIO ITALIANE N. 5/2014 SVILUPPARE LE FUNZIONI E ATTUARE GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE IN MATERIA DI ALTERNANZA, COMPETENZE E ORIENTAMENTO Bando per la selezione

Dettagli

BANDO Comunicazione e Promozione Servizio Civile Nazionale. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica

BANDO Comunicazione e Promozione Servizio Civile Nazionale. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica BANDO Comunicazione e Promozione Servizio Civile Nazionale ALLEGATO 2 Offerta Tecnica PREMESSA Il Servizio Civile Nazionale, istituito con la legge 6 marzo 2001 n 64 e attuato dal 1 gennaio 2005 su base

Dettagli

ALLEGATO 3/A al disciplinare di gara Dichiarazione requisiti impresa

ALLEGATO 3/A al disciplinare di gara Dichiarazione requisiti impresa ALLEGATO 3/A al disciplinare di gara Dichiarazione requisiti impresa La presente dichiarazione deve essere resa e sottoscritta singolarmente da: A) titolare dell impresa individuale (in caso di R.T.I.

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste La terra ci insegna Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Singoli cittadini e famiglie residenti nei

Dettagli

C2.1) Carta di Qualità dell offerta formativa

C2.1) Carta di Qualità dell offerta formativa C2.1) Carta di Qualità dell offerta formativa Politica della Qualità L IIS A. Petrocchi adotta un sistema interno di gestione della qualità per garantire l efficacia e il continuo miglioramento dei servizi.

Dettagli

Concorso di idee per la creazione del logo dell Ordine degli Architetti Paesaggisti Pianificatori Conservatori della Provincia di Catanzaro.

Concorso di idee per la creazione del logo dell Ordine degli Architetti Paesaggisti Pianificatori Conservatori della Provincia di Catanzaro. Concorso di idee per la creazione del logo dell Ordine degli Architetti Paesaggisti Pianificatori Conservatori della Provincia di Catanzaro. Concorso di idee per la creazione del logo dell Ordine degli

Dettagli

S C H E M A D I O F F E R T A T E C N I C A

S C H E M A D I O F F E R T A T E C N I C A S C H E M A D I O F F E R T A T E C N I C A ALLEGATO 2 AL BANDO DI GARA D APPALTO RELATIVA AD UN CONTRATTO ANNUALE PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO LE SEDI DELL ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRERA CIG n.

Dettagli

Allegato n. 3 Capitolato Tecnico Strategico CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO

Allegato n. 3 Capitolato Tecnico Strategico CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO 1 1. Premessa Il presente capitolato ha lo scopo di supportare gli operatori incaricati dagli enti pubblici territoriali nella elaborazione e stesura di uno studio di fattibilità

Dettagli

Avviso pubblico di chiamata ARTICOLO 1 OGGETTO DELL AVVISO

Avviso pubblico di chiamata ARTICOLO 1 OGGETTO DELL AVVISO Catalogo delle Agenzie formative per la gestione dei corsi per il conseguimento della qualifica di Operatore Socio Sanitario (OSS) con un percorso formativo di 1000 ore in autofinanziamento Avviso pubblico

Dettagli

Regione Puglia Area Organizzazione e riforma dell amministrazione Servizio AA.GG. EmPULIA

Regione Puglia Area Organizzazione e riforma dell amministrazione Servizio AA.GG. EmPULIA Trasporto, trasloco e facchinaggio per le esigenze degli immobili utilizzati dall Amministrazione Regionale ALLEGATO 3 Schema di Offerta Economica e Giustificazioni Allegato 3: Schema di Offerta Economica

Dettagli

BANDO DI CONCORSO DI IDEE PER LA PROGETTAZIONE DI UNO SPAZIO INCONTRI

BANDO DI CONCORSO DI IDEE PER LA PROGETTAZIONE DI UNO SPAZIO INCONTRI BANDO DI CONCORSO DI IDEE PER LA PROGETTAZIONE DI UNO SPAZIO INCONTRI Premessa L Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Roma e Provincia, al fine di promuovere forme di partecipazione

Dettagli

Via della Chiesa XXXII Trav. I n 237-55100 Lucca Fraz. Sorbano del Giudice. e-mail segreteria@luccafiere.it

Via della Chiesa XXXII Trav. I n 237-55100 Lucca Fraz. Sorbano del Giudice. e-mail segreteria@luccafiere.it LUCCA FIERE & CONGRESSI S.P.A. AVVISO DI SELEZIONE DI PROFESSIONISTA PER L INCARICO DI RESPONSABILE DI QUARTIERE E L ESPLETAMENTO DI SERVIZI ATTINENTI ALL EXHIBIT DESIGN, LA PROGETTAZIONE E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO DI PIANO Assessorato alle Politiche Giovanili. Concorso artistico di Writing GIUSEPPE VERDI: MUSICISTA E AGRICOLTORE

COMUNE DI BAGNOLO DI PIANO Assessorato alle Politiche Giovanili. Concorso artistico di Writing GIUSEPPE VERDI: MUSICISTA E AGRICOLTORE COMUNE DI BAGNOLO DI PIANO Assessorato alle Politiche Giovanili Concorso artistico di Writing GIUSEPPE VERDI: MUSICISTA E AGRICOLTORE REGOLAMENTO Art.1- Denominazione del concorso L Assessorato alle Politiche

Dettagli

STRUMENTI DI COMUNICAZIONE 2007

STRUMENTI DI COMUNICAZIONE 2007 STRUMENTI DI COMUNICAZIONE 2007 Prospetto mezzi, termini di utilizzo e costi * 1. ADVERTISING CLASSICO E NUOVI MEDIA Banner sul Sito Ufficiale Assofranchising Pacchetto di comunicazione Fiera del Franchising

Dettagli

BANDO RASSEGNE TEATRALI - ANNO 2015

BANDO RASSEGNE TEATRALI - ANNO 2015 PREMESSA Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, data la presenza attiva sul territorio di Associazioni impegnate nell organizzazione e gestione di Rassegne teatrali, intende sollecitare i soggetti interessati

Dettagli

EVENTI E GIOCO DI SQUADRA I successi non dipendono solo dal planner. Eventi e gioco di squadra

EVENTI E GIOCO DI SQUADRA I successi non dipendono solo dal planner. Eventi e gioco di squadra EVENTI E GIOCO DI SQUADRA I successi non dipendono solo dal planner 1 L Azienda Profilo Aziendale Un orologio, che con i suoi meccanismi interni permette di unire le energie di più elementi per raggiungere

Dettagli

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane.

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane. ALLEGATO 1 PROVINCIA DI BRINDISI SERVIZIO 1 SETTORE AMMINISTRAZIONE GENERALE P R O G E T T O UFFICIO STAMPA E SUPPORTO UFFICIO COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI 1 MOTIVAZIONI La funzione

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2008

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2008 LINEE GUIDA DEL 1 MARZO 2010 Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2008 DENOMINAZIONE DEL PIANO: EVENTUALE ACRONIMO:

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU2 15/01/2015

REGIONE PIEMONTE BU2 15/01/2015 REGIONE PIEMONTE BU2 15/01/2015 Codice DB1906 D.D. 24 ottobre 2014, n. 234 Approvazione Protocollo d'intesa tra la Direzione Politiche Sociali e politiche per la famiglia e l'organizzazione Federazione

Dettagli

ENPAP ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI PSICOLOGI AVVISO DI GARA - C.I.G. 5622583E42

ENPAP ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI PSICOLOGI AVVISO DI GARA - C.I.G. 5622583E42 ENPAP ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI PSICOLOGI AVVISO DI GARA - C.I.G. 5622583E42 Al sottoscritto Ente Appaltante sono stati posti i seguenti quesiti: 1) sul Capitolato d'appalto al

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA AVVISO Criteri e modalità di presentazione delle istanze relative al sostegno di iniziative e manifestazioni culturali, artistiche, musicali, coreutiche, teatrali, ricreative,

Dettagli

ALLEGATO 3. Bando. Servizio Controllo di Gestione. Offerta Economica. Allegato 3: Offerta economica Pag. 1

ALLEGATO 3. Bando. Servizio Controllo di Gestione. Offerta Economica. Allegato 3: Offerta economica Pag. 1 Bando Servizio Controllo di Gestione ALLEGATO 3 Offerta Economica Allegato 3: Offerta economica Pag. 1 ALLEGATO 3 OFFERTA ECONOMICA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI SUPPORTO E ASSISTENZA TECNICA NELLE

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE Direzione generale dell Assessorato Affari Generali REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE Oggetto: Gara d appalto SICPAC. Chiarimenti richiesti.

Dettagli

Prot. n. AOODRPI 11040/U/C27c/1 TORINO 28 Novembre 2013

Prot. n. AOODRPI 11040/U/C27c/1 TORINO 28 Novembre 2013 Prot. n. AOODRPI 11040/U/C27c/1 TORINO 28 Novembre 2013 CONCORSO A PREMI DEDICATO AL SINDACALISTA PINO VIRGILIO SUL TEMA INFORTUNI, SICUREZZA E PREVENZIONE NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI COME DEFINITI

Dettagli

ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO. 1) Ente proponente il progetto:

ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO. 1) Ente proponente il progetto: ENTE 1) Ente proponente il progetto: Ente Capofila: COMUNE DI CELLOLE Enti partecipanti: NZ0316 COMUNE DI PIETRAMELARA NZ007 COMUNE DI MARZANO APPIO NZ0492 CONSORZIO TURISTICO BALNEARE BAIA DOMIZIA NZ04736

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Sub 1

AVVISO PUBBLICO Sub 1 AVVISO PUBBLICO Sub 1 Per l'assegnazione di un contributo agli Istituti di Istruzione Secondaria di 2 grado della provincia di Pordenone per la realizzazione di progetti al supporto di giovani studenti

Dettagli

in collaborazione con PROGETTO

in collaborazione con PROGETTO in collaborazione con PROGETTO Edizione 2015-2016 Introduzione La Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo (di seguito abbreviata in Fondazione), persona giuridica privata senza fini di lucro con piena autonomia

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Via Guido Rossa, 1 40033 Casalecchio di Reno (BO) Tel 051.598364 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Approvato con determinazione Amministratore Unico n. 20 del 20/12/2013

Dettagli

GARA per il progetto di comunicazione per lo studio e il posizionamento del brand turistico provinciale TORINO e PROVINCIA. QUESITI E CHIARIMENTI

GARA per il progetto di comunicazione per lo studio e il posizionamento del brand turistico provinciale TORINO e PROVINCIA. QUESITI E CHIARIMENTI GARA per il progetto di comunicazione per lo studio e il posizionamento del brand turistico provinciale TORINO e PROVINCIA. QUESITI E CHIARIMENTI DOMANDA: voi citate al punto 4 del capitolato tecnico campagne

Dettagli

COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Art. 11 c. 2, del ) Indice generale 1. PREMESSA 2. I DATI DA PUBBLICARE SUL SITO ISTITUZIONALE DEL COMUNE

Dettagli