Anna Catasta e Silvana Mura, C.d.I.E. Centro di Iniziativa Europea soc. coop.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anna Catasta e Silvana Mura, C.d.I.E. Centro di Iniziativa Europea soc. coop."

Transcript

1 Studio finalizzato all analisi delle best practices e alla redazione di Linee Guida per la comunicazione istituzionale in chiave di genere, in attuazione della L.R. 7/2007 della Regione Puglia. Report finale di ricerca A cura di Centro di Iniziativa Europea soc. coop. Novembre 2009

2 PON Governance e Assistenza Tecnica FESR, Ob. Convergenza, Obiettivo Operativo II.4. Studio finalizzato all analisi di best practices e alla redazione di Linee guida per la comunicazione istituzionale in chiave di genere, in attuazione della L.R. 7/2007 della Regione Puglia. Report a cura di: Anna Catasta e Silvana Mura, C.d.I.E. Centro di Iniziativa Europea soc. coop. Gruppo di lavoro: Anna Catasta, Alice Cattoni, Carmen Disanto, Alessandra Fusaro, Laura Miani, Silvana Mura, Maria Pasanisi, Norma Tello, C.d.I.E. Centro di Iniziativa Europea soc. coop. 3

3 INDICE 1. INTRODUZIONE ANALISI SULLA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE A LIVELLO NAZIONALE E DELLA REGIONE PUGLIA Il quadro normativo a livello internazionale, nazionale ed europeo I codici deontologici e l autodisciplina pubblicitaria Le attività di comunicazione nella pubblica amministrazione...13 Box 1 Buone pratiche La comunicazione istituzionale in Regione Puglia COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE E PARI OPPORTUNITA : ANALISI DI UN CAMPIONE DI CAMPAGNE DI COMUNICAZIONE E CASI DI BUONE PRATICHE Analisi delle campagne di comunicazione in ottica di pari opportunità...21 Box 2 Buone pratiche Comunicazione istituzionale e rappresentazione di genere, proposte di lavoro in Regione Puglia: buone pratiche da esportare o linee-guida da condividere? Analisi comparativa delle linee guida per la comunicazione istituzionale in chiave di genere esistenti Confronto con gli operatori della comunicazione istituzionale e istituzioni di parità in Regione Puglia: il seminario di Bari LINEE GUIDA PER LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE IN CHIAVE DI GENERE IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 7/2007 DELLA REGIONE PUGLIA: PERCORSI DI IMPLEMENTAZIONE Proposte per l implementazione delle linee guida nel sistema di comunicazione istituzionale integrato della Regione Puglia Proposte per la sperimentazione delle linee guida in chiave di genere: il POR FESR RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI SITOGRAFIA

4 1. INTRODUZIONE Il Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri in attuazione del PON Governance e Assistenza Tecnica FESR Obbiettivo Convergenza ha richiesto al Centro di Iniziativa Europea soc. coop. un offerta tecnica per la realizzazione di Studio finalizzato all analisi delle best practices e alla redazione di Linee Guida per la comunicazione istituzionale in chiave di genere, in attuazione della L.R. 7/2007 della Regione Puglia. Il PON Governance e Assistenza Tecnica FESR Obbiettivo Convergenza si pone l obiettivo di promuovere il principio delle pari opportunità e di non discriminazione con particolare attenzione all integrazione di questo principio nell azione amministrativa delle Regioni coinvolte. Dal punto di vista strategico la centralità dell integrazione delle politiche di pari opportunità e di non discriminazione è una condizione necessaria per accelerare lo sviluppo locale e migliorare quantitativamente e qualitativamente le performances occupazionali. Infatti la popolazione femminile, come rileva il PON, trova ancora nella situazione socio economica delle Regioni coinvolte nell Obiettivo Convergenza molteplici difficoltà ed elementi di discriminazioni nell accesso al mercato del lavoro anche per l insufficienza dei servizi. La comunicazione istituzionale può incidere in modo molto significativo sulla rimozione di stereotipi negativi che pesano sull immagine femminile e maschile e le Regioni hanno la possibilità di migliorare, attraverso azioni di assistenza tecnica, i propri strumenti comunicativi per evitare di rafforzare, anche inconsapevolmente, nelle culture locali il permanere di fattori immateriali che portano alla discriminazione delle donne. Il contributo del Dipartimento per le Pari Opportunità, svolge quindi un ruolo importantissimo per orientare le azioni di Assistenza Tecnica previste dal PON In particolare l Obiettivo Operativo II. prevede un attività specifica volta al rafforzamento delle strutture operative e delle competenze della PA nell attuazione delle politiche di mainstreaming, di cui la comunicazione istituzionale è un veicolo fondamentale. La Regione Puglia, destinataria finale dell offerta in oggetto, si è dotata di un quadro di riferimento organico in materia di Pari Opportunità; la Legge Regionale 21 Marzo 2007 n. 7 Norme per le politiche di genere e i servizi di conciliazione vita-lavoro in Puglia, si propone infatti di ispirare le politiche regionali e i relativi interventi di attuazione ai principi di universalità dei diritti di cittadinanza, dell equità nella distribuzione delle risorse, di 5

5 valorizzazione delle differenze e della garanzia della partecipazione femminile a tutti gli ambiti della vita regionale. Inoltre la Regione Puglia si pone l obiettivo di coordinare sul territorio un programma di interventi per condividere questi obiettivi con le amministrazioni locali della Puglia. In particolare l art.2 delle Legge indica tra le finalità perseguite la promozione e il sostegno di iniziative volte a superare gli stereotipi di genere. L art. 23 è dedicato specificatamente alla Comunicazione istituzionale; da una parte la Regione si propone di operare nelle proprie attività di comunicazione istituzionale per: introdurre la prospettiva di genere favorendo l attenzione sui temi della parità tra donne e uomini valorizzare il ruolo della donna in ambito sociale, professionale e politico e promuovere un immagine positiva promuovere una rappresentazione maschile e femminile coerente con l evoluzione dei rispettivi ruoli nel mercato del lavoro, nelle istituzioni e nella società, contrastando in modo attivo gli stereotipi di genere. Dall altra la Regione si propone di integrare questi principi in tutte le attività di comunicazione finanziate come condizione vincolante di ammissione al finanziamento. Infine, nel successivo art 24. la Regione affida al Comitato regionale per le comunicazioni (Co.re.com. istituito con legge regionale del 28/2/2000 n 3) il compito di monitorare l informazione locale e i contenuti della programmazione televisiva e radiofonica con il compito di evidenziare eventuali caratteri discriminatori. In attuazione della Legge, la Regione Puglia ha istituito con deliberazione della giunta regionale del 31 Luglio 2007 n. 1267, l Ufficio garante di genere che presiede operativamente alle funzioni di monitoraggio e di coordinamento delle azioni di integrazione delle politiche di mainstreaming di genere e coopera con l Autorità di Gestione e i responsabili dei settori interessati all attuazione dei PO l Ufficio garante di genere è istituito presso il Settore Sistema Integrato Servizi Sociali dell assessorato alla Solidarietà ed è affidato al dirigente del settore. In coerenza con l offerta presentata, il presente documento si articola in tre parti Fase 1 Analisi sulla comunicazione istituzionale orientata alle pari opportunità di genere a livello nazionale e della Regione Puglia; individuazione di buone pratiche; Fase 2 Analisi di un campione di campagne e attività di comunicazione in ottica di pari opportunità con il coinvolgimento e sensibilizzazione dei responsabili della 6

6 Comunicazione della Regione Puglia e degli organismi di parità (Seminario 13 novembre 2009); Fase 3 Linee Guida per la comunicazione istituzionale in chiave di genere in attuazione della Legge regionale 7/2007 della Regione Puglia e percorsi di attuazione. 7

7 2. ANALISI SULLA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE A LIVELLO NAZIONALE E DELLA REGIONE PUGLIA La prima parte di analisi sulla comunicazione istituzionale a livello nazionale e regionale pugliese ha inteso effettuare una ricognizione aggiornata sugli orientamenti normativi a livello europeo, e nazionale, sui codici di autodisciplina pubblicitari, sui meccanismi e le tecniche di comunicazione al fine di rilevare la presenza di un attenzione alle pari opportunità di genere. L analisi è stata realizzata attraverso una ricognizione su fonti secondarie e l individuazione di alcune buone pratiche relative alla promozione delle pari opportunità di genere nella comunicazione istituzionale. Le tappe dell analisi possono essere così sintetizzate: 1. Ricognizione e analisi della letteratura, normativa, codici deontologici e associazioni attive nell ambito della comunicazione pubblica e istituzionale; 2. Ricognizione critica e analisi sulla comunicazione pubblica in un ottica di rilevazione dell attenzione alle pari opportunità. Analisi di buone pratiche. 2.1 Il quadro normativo a livello internazionale, nazionale ed europeo La comunicazione sviluppata dalle amministrazioni pubbliche ha acquistato nel tempo sempre maggiore importanza e ruolo non solo per facilitare e favorire un rapporto attivo tra enti e cittadinanza, ma anche per disegnare modalità di partecipazione e di democrazia in tutte le fasi dell attività istituzionale. La comunicazione pubblica può rappresentare ciò che accade nel paese, diventare un veicolo di messaggi che possono favorire il cambiamento nei modelli e negli stili di vita, riequilibrare, a favore di chi ha meno risorse, le possibilità di accesso a servizi e opportunità. La necessità di superare la presenza degli stereotipi negativi che ancora permangono nella comunicazione e di utilizzare invece le potenzialità dei media per favorire un cambiamento culturale orientate alle pari opportunità, è ormai da tempo presente nel dibattito politico e nelle normative internazionali, europee e nazionali. 8

8 Orientamenti internazionali Promuovere una raffigurazione equilibrata e non stereotipata di uomini e donne nei media così recita l Obiettivo strategico J2 Sezione J della Piattaforma d Azione di Pechino approvata dalla Conferenza Mondiale sulle donne nel Orientamenti europei Il tema della discriminazione contro le donne nella pubblicità, e più in generale dell immagine di donne e uomini ritratti dalla pubblicità e dai media, è presente in numerose Raccomandazioni e Direttive delle istituzioni comunitarie e in particolare: - Vademecum per evitare un uso sessista delle lingue (Marzo 2009), Europarlamento. Predisposto dall Europarlamento allo scopo di evitare l uso sessista delle lingue. La guida, "La neutralità di genere nel linguaggio usato al Parlamento europeo", distribuita dagli uffici del Parlamento europeo, racchiude una serie di "orientamenti intesi ad assicurare che in tutti i documenti parlamentari sia utilizzato come norma e non come eccezione un linguaggio neutro dal punto di vista del genere". - Risoluzione How marketing and advertising affect equality between women and men (2008), Europarlamento. La Risoluzione invita il Consiglio, la Commissione e gli Stati membri a mettere in atto azioni positive contro gli insulti sessisti e le immagini degradanti delle donne e degli uomini nella pubblicità, in particolare combattendo l uso di stereotipi e accompagnando misure positive a delle campagne educative. - Comunicazione della Commissione al Consiglio, al Parlamento Europeo, al Comitato Economico e Sociale Europeo e al Comitato delle Regioni: Una tabella di marcia per la parità tra donne e uomini (2006), Commissione Europea. La Roadmap europea attribuisce ai mezzi di comunicazione un ruolo importante nella lotta contro gli stereotipi di genere, contribuendo a presentare un quadro realistico delle competenze e del potenziale delle donne e degli uomini nella società moderna ed evitare di rappresentarli in modo degradante ed offensivo. - Risoluzione del 5 ottobre 1995, concernente l'immagine dell'uomo e della donna nella pubblicità e nei mezzi di comunicazione, Consiglio europeo e dei rappresentanti dei governi degli stati membri. ( La Risoluzione condanna l uso degli stereotipi connessi al sesso nella pubblicità e nei mezzi di comunicazione quali uno dei fattori di ineguaglianza e sottolinea la necessità di promuovere la parità in tutti i settori della vita sociale. Individua nella pubblicità e nei mezzi di comunicazione strumenti utili per apportare un notevole contributo al cambiamento 9

9 dell'atteggiamento della società riflettendo la diversità dei ruoli e delle potenzialità delle donne e degli uomini, la loro partecipazione a tutti gli aspetti della vita sociale, nonché la ripartizione più equilibrata delle responsabilità familiari, professionali e sociali tra donne e uomini. Orientamenti nazionali La normativa italiana (definita dall art. 10 del Codice Civile e dall art. 21 della Costituzione Italiana) è orientata in particolare alla salvaguardia della dignità delle persone e dei cittadini in generale e può essere impugnata in caso di comunicazioni offensive dell identità sessuale e della sensibilità delle cittadine e dei cittadini. Si sono sviluppati, accanto alla normativa a carattere cogente, degli strumenti a carattere volontario a cui possono aderire gli enti e società che si occupano di comunicazione nelle istituzioni e nella comunicazione pubblicitaria. - Art. 10 del Codice Civile che stabilisce una pubblicazione che non è consentita dalla legge o è lesiva della reputazione di un cittadino, può essere interrotta da un giudice. Questo articolo può essere invocato nel caso di comunicazioni offensive dell identità sessuale e della sensibilità delle cittadine e dei cittadini. - Art. 21 Costituzione italiana non fa esplicito riferimento alla parità tra donne e uomini nella comunicazione, ma salvaguardando la libertà di espressione e di stampa, pone principi di carattere generale a tutela del buon costume. L articolo recita: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione [ ]. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure [ ]. Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e reprimere le violazioni 2.2 I codici deontologici e l autodisciplina pubblicitaria Rilevanza crescente hanno acquistato nel tempo le norme di autodisciplina pubblicitaria, fatte proprie da organismi internazionali o nazionali, che contengono indicazioni relative alle forme di discriminazione, incluse quelle basate sul sesso, che possono essere veicolate dalla pubblicità, così come l utilizzo di immagini, che possono violare la dignità delle persone, ed essere contrarie al senso di decenza. Sono nati di conseguenza numerosi organismi (enti, istituti, autorità) che vigilano sulla effettiva applicazione delle norme di autodisciplina. 10

10 - Codice della Camera di Commercio Internazionale (ICC Code 1997) in particolare gli art. 2 la pubblicità non deve contenere situazioni o immagini che offendano gli standard della decenza e art. 4 la pubblicità non dovrebbe permettere alcuna forma di discriminazione, inclusa quella basata sul sesso. - European Advertising Standard Alliance, 1996, Survey on Self-Regulation for Advertising and the Portrayal of Women and Men in Europe, EASA Report, Bruxelles ( L EASA è stata fondata nel 1992 ed è stata coinvolta nelle consultazioni che hanno prodotto la risoluzione del Parlamento europeo adottata nel Nel 1996 l EASA ha condotto un indagine comparativa, per il momento unica nel suo genere, sul trattamento delle raffigurazioni di uomini e donne sul piano normativo e autodisciplinare che ha coinvolto 21 membri (14 Stati membri dell UE e 5 altri stati). - Bureau de Vérification de la Publicité, Francia ( Il BVP, istituto di autodisciplina francese, ha adottato nel 2001, la Reccomandation Image de la Personne Humaine che evidenzia alcune considerazioni circa il trattamento degli stereotipi sessuali, sociali e razziali ( ad es. la pubblicità non deve ridurre la persona umana, in particolare la donna, a funzione di oggetto (chosification); Dalla lettura di un indagine del BVP (2003: 58-59) emerge che con stereotipi sessisti si indicano le espressioni che veicolano un idea di inferiorità di una persona in virtù della sua appartenenza al sesso maschile o femminile; - Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria (IAP) Vigila sull applicazione di alcune regole ispirate al Codice della Camera di Commercio Internazionale, contenute nel Codice dell Autodisciplina Italiana (CAP, 35a edizione, 2003). Gli articoli di cui il Giurì, organo giudicante dello IAP, si serve per valutare le rappresentazioni di genere sono: l Art. 9 Violenza, Volgarità e Indecenza e l Art. 10 Credenze Morali, Civili e Religiose. L art. 9 recita: la pubblicità non deve contenere affermazioni o rappresentazioni di violenza fisica o morale o tali che, secondo il gusto e la sensibilità dei consumatori, debbano ritenersi indecenti, volgari o ripugnanti ; l art. 10 afferma che la pubblicità non deve offendere le convinzioni morali, civili, religiose dei cittadini e deve rispettare la dignità della persona umana in tutte le sue forme ed espressioni. - Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, Comitato Nazionale degli Utenti - 2 marzo 2004 La rappresentazione della donna in televisione. Il documento relativo alla rappresentazione femminile nei media invita le emittenti perché si presti maggiore attenzione a ai modi in cui vengono rappresentate le donne, soprattutto nella pubblicità e nei programmi di intrattenimento. - Associazione Italiana della Comunicazione Pubblica e Istituzionale, ( L Associazione nasce col fine di introdurre nella Pubblica Amministrazione e nel dibattito accademico elementi decisivi per affermare una diversa cultura della comunicazione. Tra le sue iniziative principali organizza il COM-P.A., il Salone Europeo 11

11 della Comunicazione Pubblica dei Servizi al Cittadino e Alle Imprese. Il Codice deontologico e di buona condotta dei comunicatori pubblici : Capo IV, Articolo 8, comma l recita Il comunicatore pubblico, nel rispetto del principio di uguaglianza dei cittadini e in osservanza dell imparzialità dell Amministrazione, deve assicurare: imparzialità e indipendenza nell esercizio dei compiti e delle funzioni affidate, anche al fine di garantire la piena attuazione del principio della parità di trattamento dei cittadini. - UNICOM, Unione Nazionale Imprese di Comunicazione ( UNICOM - Unione Nazionale Imprese di Comunicazione e l Associazione che attualmente raccoglie il numero più alto, organico e coordinato di Imprese a capitale italiano aventi precise caratteristiche strutturali atte a coprire ogni esigenza della comunicazione. Il Codice deontologico UNICOM : Art. 3 Codice di Autodisciplina Pubblicitaria. Le Imprese Associate, consapevoli della generalizzata osservanza del Codice di Autodisciplina, si impegnano a rispettarne le regole e a impegnare a tale osservanza anche i Clienti amministrati. Si richiede quindi attraverso il Codice IAP il rispetto degli art. 9 Violenza, volgarità e indecenza e l art. 10 Credenze morali, civili e religiose e dignità umana. - Assocomunicazione, Associazione delle imprese di comunicazione ( L Associazione delle Imprese di Comunicazione rappresenta 189 tra le più importanti imprese di comunicazione, nazionali e multinazionali, operanti in Italia. Il compito principale dell'associazione non è solo quello dello studio e soluzione dei problemi comuni alle imprese associate, ma anche lo sviluppo e il miglioramento della comunicazione in ogni suo aspetto. Il Codice deontologico Assocomunicazione: Art. 3 Codice di Autodisciplina Pubblicitaria. Le Associate, riconoscendo nel Codice di Autodisciplina Pubblicitaria l'espressione del costume cui l'attività di comunicazione deve uniformarsi, sono tenute alla piena osservanza delle regole enunciate in tale Codice e a far sì che quest'ultimo venga riconosciuto e rispettato anche dai propri clienti. Si richiede quindi attraverso il Codice IAP il rispetto degli art. 9 Violenza, volgarità e indecenza e l art. 10 Credenze morali, civili e religiose e dignità umana. - AIAP ( l Associazione Italiana Progettazione per la Comunicazione Visiva, intende favorire e diffondere la valorizzazione e lo sviluppo della professione e della cultura del progetto grafico. Il Codice deontologico e professionale elenca tra le funzioni dell associazione quelle di diffondere nella cultura della pratica quotidiana i principi etici della professione, con particolare attenzione alla necessità di rafforzare una lucida coscienza critica, progettuale, ecologica e sociale. - Pubblicità Progresso ( L Associazione ha lo scopo di contribuire alla soluzione di problemi morali, civili ed educativi della comunità col porre la pubblicità al servizio della collettività, mediante l ideazione e la realizzazione di proprie campagne di pubblico interesse, perseguendo l intento di dimostrare l utilità di un intervento pubblicitario 12

12 professionale per promuovere una corretta comunicazione sociale e stimolare la coscienza civile ad agire per il bene comune. 2.3 Le attività di comunicazione nella pubblica amministrazione A seguito della riforma delle attività di comunicazione e informazione negli Enti pubblici introdotta dalla legge quadro 150/00 e successive direttive e dispositivi di legge (nota: Legge 7 giugno 2000, n. 150, "Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni", G.U. n. 136 del 13 giugno 2000; Regolamento di attuazione del 21 settembre 2001, n. 422; Direttiva sulle attività di comunicazione delle pubbliche amministrazioni, 7 febbraio 2002), la comunicazione pubblica diviene una delle attività strategiche della pubblica amministrazione. La legge definisce cosa si intende per attività di informazione e comunicazione, a chi è rivolta e per quali finalità; introduce nuove strutture e figure professionali a ciò dedicate, prevede attività di formazione professionale del comunicatore pubblico. Dall analisi normativa e sulle fonti secondarie si evidenzia una profonda evoluzione negli ultimi anni del sistema di comunicazione pubblica, dall informazione alla comunicazione, promozione dell ente e delle attività al cittadino. Le tipologie di comunicazione pubblica Rileva ai fini della nostra analisi incentrare l attenzione sulla comunicazione esterna dell Ente, quella rivolta ai cittadini/e alla collettività per rilevare se e in che modo viene veicolata verso l esterno l immagine femminile. In particolare le tipologie di messaggi che saranno rilevanti per la nostra indagine rientrano nelle seguenti tipologie di comunicazione: - Comunicazione di servizio: informa sulle modalità di funzionamento degli uffici, la normativa, le prestazioni offerte; - Comunicazione amministrativa: promuove la funzione di servizio dell ente e l efficienza amministrativa; - Comunicazione di cittadinanza: promuove la comunicazione rivolta ai cittadini per renderli partecipi delle decisioni assunte e delle opportunità offerte. Il profilo dei comunicatori Le figure professionali individuate dalla legge 150/2000 per gestire/sovrintendere il processo di comunicazione dell Ente sono suddivise in due aree per target d utenza: A. Comunicazione verso i cittadini 13

13 - Comunicatore pubblico. Responsabile delle strategie e delle strutture di comunicazione verso i cittadini. Organizza e dirige l URP, elabora progetti di campagne informative, predispone la verifica di gradimento e la qualità dei servizi, progetta nuovi servizi e strumenti per la comunicazione e la relazione con i cittadini. - Tecnico delle relazioni con il pubblico. Presiede il front office dei nuovi servizi comunicativi. Conosce l amministrazione e i suoi servizi, il linguaggio informatico ed è in grado di gestire al meglio il rapporto personale e diretto con il cittadino - Documentarista. Professionista che si occupa di creare, gestire e aggiornare la banca dati dei nuovi sistemi comunicativi. B. Comunicazione verso i Media - Capo Ufficio Stampa. E responsabile delle strategie e delle strutture di comunicazione verso i mass- media. Organizza e dirige l Ufficio Stampa, progetta strumenti informativi stampa o elettronici, cura l immagine dell ente, mantiene i rapporti con i giornalisti e coordina le attività di informazione che amministratori e uffici indirizzano al sistema dei media. - Addetto Stampa. Gestisce una o più attività dell Ufficio Stampa, può coordinare l organizzazione delle conferenze stampa, svolge funzioni di capo redattore delle pubblicazioni istituzionali, gestisce campagne di informazione o segue particolari attività editoriali. - Portavoce. Nuova figura professionale introdotta dalla legge 150/2000 con compiti di comunicare scelte, orientamenti e strategie dei vertici dell ente. Dall analisi di questo quadro strutturale è possibile individuare i responsabili comunicazione a livello all interno dei diversi enti e istituzioni per attuare i meccanismi e gli strumenti per l introduzione della prospettiva di genere nella comunicazione istituzionale. Uno degli strumenti principali di cui dispongono le istituzioni per le attività di comunicazione, e sul quale è quindi possibile agire per attivare meccanismi virtuosi di attenzione alle pari opportunità di genere è il piano annuale della comunicazione. Introdotto dalla Legge 150/2000, costituisce il documento programmatico che le pubbliche amministrazioni devono elaborare annualmente. La legge 150 indica un percorso ben preciso per la realizzazione dell attività di comunicazione negli enti pubblici. Stabilisce, infatti, contenuti e procedure confermando il ruolo della comunicazione secondo criteri omogenei per tutte le amministrazioni. L art. 11 della legge n. 150/2000 Disciplina dell attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni stabilisce che le amministrazioni statali debbano elaborare annualmente il programma delle iniziative di comunicazione che intendono realizzare nell anno successivo e che questo (art. 13) debba essere comprensivo anche dei progetti di comunicazione a carattere pubblicitario. Inoltre, l art. 12 prevede che tutti i programmi delle 14

14 amministrazioni statali dovranno pervenire al Dipartimento per l informazione e l editoria, che, sulla base di questi, redigerà il piano di comunicazione che verrà poi approvato dal Presidente del Consiglio dei Ministri. Box 1 Buone pratiche Associazione protocollo contro la pubblicità sessista ( L Associazione Protocollo contro la pubblicità sessista (PCPS) intende ostacolare la diffusione di tutte quelle forme di campagne pubblicitarie affisse in luoghi pubblici, che trasmettano messaggi discriminatori nei confronti delle donne. Le azioni consistono in: spedizione di lettere di contestazione per via postale tradizionale inviate alla direzione (commerciale, strategica e marketing) dell azienda reclamizzata, all agenzia pubblicitaria che ha firmato la campagna, alle modelle o ai modelli, ai testimonial che abbiano prestato la propria immagine, al Sindaco della Città che ospita le affissioni, agli organi di stampa e TV, ai direttori delle riviste, quotidiani o altri organi di informazione cartacea o multimediale che abbiano ripubblicato la medesima campagna affissa in luoghi pubblici; azioni dimostrative per strada in corrispondenza dei luoghi o dei negozi di vendita dei prodotti reclamizzati con pubblicità sessiste; campagne di consumo critico; campagne di sensibilizzazione e intervento con stand dell associazione in fiere, festival, e altri momenti di aggregazione pubblica, nonché interventi nelle scuole. Gruppo comunicazione e formazione della Rete nazionale delle Consigliere di parità (2006) ha realizzato un vademecum contenente le Comunicazione e stereotipi di genere: linee-guida per la valorizzazione dell immagine e dell identità di genere nella comunicazione istituzionale. Protocollo d'intesa INAIL - Ministero delle Pari Opportunità (2004) ( Attraverso la realizzazione del progetto Eowyn, è stata destinata grande attenzione alla comunicazione e alla formazione quale strumento principe attraverso il quale veicolare messaggi che possono favorire il cambiamento di modelli culturali e di stili di vita. E stato, quindi, articolato un vero piano strategico Comunicare le Pari Opportunità per l adozione di linee guida per la comunicazione in un ottica di genere sia in ambito interno che per le campagne di pubblicità esterne all Istituto. Gruppo comunicazione della Commissione Nazionale pari opportunità (2003) Il gruppo ha lavorato su tutto il territorio nazionale usando come strumento operativo La Rete Donne e Media che ha costituito dei tavoli di lavoro permanenti misti tra organismi di parità- media che hanno prodotto risultati sul fronte della qualità dell informazione e della crescita professionale delle donne dei media, sia su quello della diffusione di una comunicazione istituzionale rispettosa dell identità di genere. Per quanto riguarda la comunicazione istituzionale sono state promosse varie iniziative: la campagna Pari e di più per dare visibilità al deficit di rappresentanza delle donne in politica; Interventi sulla stampa, iniziative di vario tipo, convegni, spot televisivi e radiofonici, campagne di sensibilizzazione multimediali, kit della candidata e ricerche come quella del Censis commissionata per conoscere la percezione degli italiani sul rapporto tra donne e politica. Commissione pari opportunità della Regione Lombardia, gruppo comunicazione, (2004). 15

15 Presso la Commissione regionale pari opportunità è stato istituito un gruppo di lavoro che si è occupato di comunicazione. Le linee d azione su cui si è mosso sono: sensibilizzare gli organi di informazione sulle troppo spesso dimenticate tematiche femminili, al fine di avere maggiore visibilità e monitorare le difficoltà che vivono le donne, che ancora stentano a far sentire la propria voce; dare un contributo al miglioramento dell informazione; sollecitare le redazioni dei giornali e delle televisioni per dare visibilità ad azioni svolte sul territorio in materia di parità e pari opportunità; sviluppare ed aggiornare uno spazio informativo e di comunicazione interattiva all interno del Portale Regionale, al fine di mantenere un costante contatto con il mondo dell associazionismo femminile lombardo. Commissione P.O. Città di Torino Codice di comportamento relativo alle pubblicità di iniziative realizzate in collaborazione o con il patrocinio del Comune di Torino, Nel settembre 2003 la Giunta comunale ha approvato una deliberazione che vincola i soggetti che collaborano con il Comune di Torino ad evitare l utilizzo, nella comunicazione pubblicitaria, di linguaggi o contesti espressivi che possano risultare offensivi per la dignità delle persone. E stato inoltre attivato un Osservatorio sulle pubblicità moleste al quale cittadini e cittadine possono segnalare pubblicità che ritengano offensive della dignità di uomini e donne ed è stato istituito un premio speciale per la campagna pubblicitaria a favore delle pari opportunità. Consiglio Regionale della Calabria, Commissione regionale pari opportunità. Codice di autoregolamentazione per la promozione dell impatto di genere nei Media, (2003). All interno della Commissione è stato istituito il gruppo di lavoro Donne e Media che, nel 2003 ha pubblicato Donne e qualità dell'informazione, per un impatto di genere nei media calabresi e ha elaborato il Codice di autoregolamentazione per la promozione dell impatto di genere nei Media con l obiettivo di ripensare alle modalità di rappresentare e veicolare identità maschili e femminili nella comunicazione mediatica, superando stereotipi e convinzioni e promuovendo, anche nei media, il mainstreaming e l empowerment di genere. Gruppo di studio " Comunicazione e ruolo delle donne" del Ministero per le pari opportunità, (2002). Il Gruppo di studio, costituito con decreto del Ministro per le Pari Opportunità di concerto con il Ministro delle Comunicazioni, ha svolto un analisi su: i livelli di presenza delle donne nel settore della comunicazione con riguardo sia al comparto stampa, sia a quello radiotelevisivo, individuandone ruoli e livelli di responsabilità; le modalità di rappresentazione dell'universo femminile da parte dei mass media. La Commissione ha inoltre predisposto un decalogo nel quale sono stati definiti alcuni principi basilari cui la comunicazione stessa dovrebbe ispirarsi per rappresentare correttamente, e promuovere positivamente, l'immagine della donna. Comunicazione per bene ( Associazione senza fine di lucro che si propone di sviluppare iniziative, attività, formazione, eventi, manifestazioni a favore di una comunicazione di qualità, contro ogni forma di violenza, rumore, eccesso nei contenuti presenti su vecchi e nuovi media. Svolge un costante attività di critica contro ogni forma di malsana comunicazione o uso distorto dei media e della tecnologia. 16

16 2.4 La comunicazione istituzionale in Regione Puglia La comunicazione istituzionale in Regione Puglia si realizza attraverso un sistema di comunicazione integrato che vede la partecipazione di molteplici attori (Regione, enti locali nonché aziende, società, agenzie istituzioni, consorzi, altri enti e organismi ad essi collegati), i quali definiscono la loro azione in modo sinergico con lo scopo di realizzare una rete condivisa di informazione di pubblica utilità e di comunicazione circolare che abilita a un flusso di informazioni tra istituzioni, portatori di interesse e cittadini. La rete, pertanto, è diretta ad apportare maggior efficienza della comunicazione istituzionale e una più effettiva consapevolezza e partecipazione della cittadinanza, ma anche alla creazione e diffusione di un immagine regionale omogenea e condivisa. Il settore comunicazione istituzionale della Regione Puglia è la struttura di coordinamento dei flussi di informazione e comunicazione e predispone annualmente un Piano di Comunicazione, contenente le linee guida strategiche di funzionamento per tutte le strutture. Nella definizione delle line guida, il Piano di Comunicazione regionale tiene conto delle disposizioni presenti all interno dei diversi Piani di Comunicazione di settore elaborati da ciascun ente e da ciascuna Direzione Generale. Il settore comunicazione istituzionale è così organizzato: progettazione (project management), cerimoniale, comunicazione interna, comunicazione esterna, marketing, eventi, sviluppo ICT e il BURP. Sono uffici della comunicazione: l URP, centri di contatto, Front/End Back Office contact center, gestione contenuti del portale web. Il settore si avvale, inoltre, di 8 Strutture di Comunicazione e trasparenza, a supporto delle Direzioni Generali, e di una nuova Rete di referenti per la comunicazione nei diversi settori, che agisce come punto terminale della rete nodale dell URP ed ha il compito di realizzare le linee guida operative annuali previste nel Piano di Comunicazione. Sul modello della Conferenza Stato-Regioni, è stato introdotto un Nucleo di coordinamento per la comunicazione come strumento di concertazione e confronto. Gli strumenti di cui si avvale il sistema di comunicazione integrato sono molteplici e, in particolare, comprendono: le carte dei servizi; il bilancio sociale; l agenzia di stampa regionale, che raccoglie tutti i comunicati stampa prodotti e liberamente consultabile da tutti i cittadini; il portale web della Regione Puglia, potenziale strumento di marketing territoriale e di promozione turistica, e i diversi portali istituzionali; il contact center e la rete di Sportelli unici dell URP; 17

17 il manuale di identità visiva e corporate identità; le campagne di comunicazione; il sistema integrato di partecipazione ad eventi e fiere; le infrastrutture di comunicazione e di servizio Puglia in tempo reale; il network URP Puglia; il sistema integrato per la gestione dei piani di comunicazione dei fondi strutturali FSE FSER; il partenariato per la rete Europe Direct in Puglia; il sistema di connessione con le aree vaste. Vi sono ulteriori azioni che operano specificamente a supporto della comunicazione interna, tra cui si distinguono strumenti di riorganizzazione e omogeneizzazione dell ingegneria dei flussi informativi (il Piano di Comunicazione annuale e il Piano di Comunicazione della Direzione Generale, il Registro delle Azioni di Comunicazione, le procedure e la modulistica per la comunicazione interna), l assistenza tecnica ai settori e alle agenzie regionali per le campagne e azioni di comunicazione e, infine, l elaborazione dei bandi di gara per le attività di comunicazione e valutazione nelle commissioni di gara. In sintesi, la comunicazione istituzionale della Regione Puglia può essere sintetizzata attraverso i seguenti schemi (Fonte: Figura 1 Riorganizzazione della comunicazione istituzionale in Regione Puglia 18

18 Figura 2 Il sistema integrato di comunicazione della Regione Puglia 19

19 Figura 3 Comunicazione interna della Regione Puglia 20

20 3. COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE E PARI OPPORTUNITA : ANALISI DI UN CAMPIONE DI CAMPAGNE DI COMUNICAZIONE E CASI DI BUONE PRATICHE L obiettivo dell analisi è rilevare e analizzare se e come la comunicazione istituzionale, in particolare in Regione Puglia, oltre ad essere efficace e arrivare al target, si pone in un ottica di pari opportunità di genere e quali modelli di ruolo sociali e professionali rappresenta. Viene qui presentata una sintesi dei risultati dell indagine qualitativa relativamente alle dinamiche che legano comunicazione istituzionale e pari opportunità realizzata su un campione significativo di campagne e strumenti di comunicazione. La ricerca qualitativa ha riguardato sia il livello nazionale che la Regione Puglia, in particolare: - campagne di comunicazione istituzionale relative alle politiche promosse dai diversi settori/direzioni generali, con particolare riferimento alle politiche per il lavoro e per la formazione; - azioni di comunicazione dei servizi relativi alla conciliazione, al lavoro, e ad altri servizi identificati con i referenti della Regione Puglia; - Linee Guida elaborate da Enti locali o nell ambito di progetti per orientare la comunicazione alla parità di genere e alla non discriminazione. Il periodo temporale riguarda campagne di comunicazione realizzate dal 2005 ad oggi. La ricerca è stata effettuata tramite analisi desk di siti istituzionali e raccolta di materiale inviata dai referenti della comunicazione degli enti coinvolti. 3.1 Analisi delle campagne di comunicazione in ottica di pari opportunità L individuazione delle buone pratiche si è basata in linea di massima sui seguenti elementi individuati in altri progetti relativi al tema pari opportunità e comunicazione e validati dal gruppo di lavoro della Regione Puglia in sede di confronto quali: - Trasversalità di genere: adozione dell ottica delle pari opportunità tra uomo e donna come valore culturale da promuovere e condividere all interno dell ente: - Equità: estensione della promozione di servizi e politiche tradizionalmente rivolti alle donne al target maschile e inserimento del target femminile in modo trasversale nei messaggi e nelle campagne. 21

21 - Complessità: rappresentazione diversificata e realistica delle identità di genere evitando il ricorso a modelli semplificati e stereotipati - Rappresentatività: presenza di modelli che riflettono bisogni e aspettative reali e target emergenti. Inoltre, in particolare nell analisi della comunicazione dei servizi sono stati presi in considerazione i seguenti parametri: - Identità: definizione del nome, del marchio, e dello stile generale di presentazione del servizio come elementi che caratterizzano la natura e la vocazione della prestazione, in modo coerente e consistente. - Visibilità: utilizzo di tutti i materiali di comunicazione del servizio per aiutare la comprensione della prestazione erogata (che cos è, cosa offre, come funziona), promuoverla e renderla disponibile al momento del bisogno - Accessibilità: garantire l accessibilità fi sica e cognitiva al servizio attraverso l utilizzo di un linguaggio semplice e strumenti di accesso consistenti; la negoziazione del linguaggio comune è spesso ostacolata dalla permanenza di linguaggi tecnico-procedurali o specialistici. - Trasparenza: rendere espliciti gli elementi di garanzia e di affidabilità del funzionamento del servizio. La trasparenza ha come obiettivi la giusta predisposizione mentale dell utente nei confronti della prestazione, l aumento di consapevolezza sulla funzione resa e la conseguente capacità di controllo e aumento dei margini di partecipazione. Di seguito si riporta l analisi delle campagne, dei servizi, degli strumenti e iniziative promosse nell ambito dell ente Regione Puglia. Campagna 1 Servizio Civile Nazionale TITOLO CAMPAGNA SITO WEB MEDIA TARGET MESSAGGIO OBIETTIVO DELLA Servizio civile nazionale Sito web con forum e newsletter, manifesti, depliant, locandine, spot Giovani tra i 18 e i 28 anni Promozione del servizio civile come occasione per i volontari ed opportunità per gli enti. Particolare enfasi iconografica dei volti di giovani donne e uomini. Promuovere e facilitare la partecipazione dei giovani al servizio civile. SERVIZI DISPONIBILI Informazioni ai volontari (bandi, progetti, modulistica) Informazioni agli enti (albo, accreditamento, normativa, formazione) Forum di discussione sia degli enti che dei volontari 22

22 Newsletter elettronica Considerazioni sulle pari opportunità (visibilità di entrambi i sessi nella campagna, linguaggio sessista/non sessista, uso del corpo femminile in maniera strumentale/offensiva, ): nella campagna sono rappresentati entrambi i sessi, non vengono utilizzati linguaggi sessisti e il corpo femminile non viene usato in maniera né strumentale, né sessista. Nelle immagini si da visibilità sia a ragazzi che ragazze, in alcune il ragazzo è rappresentato in primo piano, mentre la ragazza si trova in secondo piano; in altre le posizioni sono invertite. In generale quindi si può dire che venga promosso il principio dell equità. Rilevazione dei ruoli formativi/lavorativi/professionali rappresentati per uomini e donne: i ragazzi vengono raffigurati mentre ripensano all attività di servizio civile svolto e a quanto l esperienza gli abbia dato molto in senso di appagamento personale e accrescimento delle competenze trasversali che potranno essere utili anche per l inserimento nel mercato del lavoro. Rilevazione di aspetti legati alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro per uomini e donne: nessun riferimento esplicito ai temi della conciliazione. 23

23 Campagna 2 Mi rifiuto di fare il rifiuto TITOLO CAMPAGNA SITO WEB MEDIA TARGET MESSAGGIO OBIETTIVO DELLA Mi rifiuto di fare il rifiuto campagne-di-comunicazione/87-campagna-sulla-raccolta-differenziata Affissioni Cittadini e cittadine Campagna pubblicitaria sulla raccolta differenziata Incentivare i cittadini ad aderire alla raccolta differenziata dei rifiuti Considerazioni sulle pari opportunità (visibilità di entrambi i sessi nella campagna, linguaggio sessista/non sessista, uso del corpo femminile in maniera strumentale/offensiva, ): vengono rappresentati dei rifiuti stilizzati che possono essere riciclati. Rilevazione dei ruoli formativi/lavorativi/professionali rappresentati per uomini e donne: nessun riferimento ai ruoli formativi, lavorativi o professionali di uomini e donne ma solo a delle aspirazioni professionali. L uso del colore rosa e azzurro richiama l associazione ai due sessi. Rilevazione di aspetti legati alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro per uomini e donne: : nessun riferimento esplicito ai temi della conciliazione. 24

24 Campagna 3 Bollenti spiriti TITOLO CAMPAGNA SITO WEB MEDIA TARGET MESSAGGIO OBIETTIVO DELLA Bollenti Spiriti Sito web con news, blog, video, forum Giovani della Regione Puglia Bollenti Spiriti è il programma dell Assessorato alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva della Regione Puglia che promuove un insieme di interventi e di azioni dedicate ai giovani pugliesi e a chi lavora con e per loro. Offrire strumenti per permettere ai giovani cittadini pugliesi di partecipare a tutti gli aspetti della vita della comunità e accedere ai servizi offerti. SERVIZI DISPONIBILI Informazioni ai giovani (bandi, progetti, modulistica, blog) Forum di discussione Newsletter elettronica Considerazioni sulle pari opportunità (visibilità di entrambi i sessi nella campagna, linguaggio sessista/non sessista, uso del corpo femminile in maniera strumentale/offensiva, ): viene utilizzato un linguaggio giovanile e immediato; una delle immagini raffigura un ragazzo. Il linguaggio non è né sessista né offensivo. Si sarebbe potuta introdurre una declinazione anche al femminile della stessa immagine. Rilevazione dei ruoli formativi/lavorativi/professionali rappresentati per uomini e donne: nessun riferimento ai ruoli formativi, lavorativi o professionali. Il giovane raffigurato richiama un atteggiamento di spensieratezza. Rilevazione di aspetti legati alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro per uomini e donne: nessun riferimento esplicito ai temi della conciliazione. 25

25 Campagna 4 Donne e Istituzioni CAMPAGNA/ STRUMENTO SITO WEB MEDIA TARGET Donne e istituzioni onna Sito web con newsletter, bandi, normative e regolamenti Donne, enti, istituzioni, largo pubblico MESSAGGIO Promozione dell incontro su "Donne e istituzioni: tra potere e rappresentanza politica." OBIETTIVO NOTE Promuovere e facilitare la partecipazione donne nel mondo della politica Manifesto presente sul sito di Sistema Puglia (Sportello donna), portale per lo sviluppo e la promozione del territorio e delle imprese, gestito dall assessorato allo sviluppo economico della Regione Puglia. Considerazioni sulle pari opportunità (visibilità di entrambi i sessi nella campagna, linguaggio sessista/non sessista, uso del corpo femminile in maniera strumentale/offensiva, ): vengono visualizzati un volto di donna in primo piano, con volto fiero, e sullo sfondo due figure maschili stilizzate. L uso dei colori e il contrasto tra le figure richiama un atteggiamento di minaccia degli uomini sullo sfondo alla presenza della donna in politica. Rilevazione dei ruoli formativi/lavorativi/professionali rappresentati per uomini e donne: nessun riferimento ai ruoli formativi, lavorativi o professionali ma un implicito riferimento al ruolo pubblico delle donne e degli uomini. Rilevazione di aspetti legati alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro per uomini e donne: nessun riferimento esplicito ai temi della conciliazione. 26

26 Campagna 5 Donne al timone- Sportello per la promozione dell imprenditoria femminile CAMPAGNA/ STRUMENTO SITO WEB MEDIA TARGET MESSAGGIO OBIETTIVO SERVIZI DISPONIBILI NOTE Donne al timone / Sportello Legge 215 di Sistema Puglia Sito web con newsletter, bandi e gare, eventi e manifestazioni Donne Promozione della legge 215/92 sull imprenditoria femminile Promuovere e facilitare la partecipazione delle donne all imprenditoria e all autoimpiego Informazioni alle donne (bandi, progetti, modulistica) Newsletter elettronica Sito di Sistema Puglia (Sportello donna) portale per lo sviluppo e la promozione del territorio e delle imprese, gestito dall assessorato allo sviluppo economico della Regione Puglia Considerazioni sulle pari opportunità (visibilità di entrambi i sessi nella campagna, linguaggio sessista/non sessista, uso del corpo femminile in maniera strumentale/offensiva, ): nell immagine viene rappresentata solo una donna, mentre lavora al computer. L uso del corpo della donna e il linguaggio non è sessista né offensivo, ma viene data molta enfasi al colore rosa (sia il vestito della donna che le scritte sono rosa), enfatizzando lo stereotipo del colore. Il logo della campagna quadro Donne pugliesi al timone invece è stilizzato, utilizza un colore tipicamente associato al sesso maschile e non richiama ruoli di genere. Rilevazione dei ruoli formativi/lavorativi/professionali rappresentati per uomini e donne: la donna lavora al computer, quindi si può intuire che svolga un ruolo da impiegata o comunque un lavoro di concetto. Rilevazione di aspetti legati alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro per uomini e donne: nessun riferimento esplicito ai temi della conciliazione. 27

27 Campagna 6 Sito pari opportunità di Sistema Puglia CAMPAGNA/ Sito web regionale dedicato alle pari opportunità di genere STRUMENTO SITO WEB MEDIA TARGET MESSAGGIO OBIETTIVO SERVIZI DISPONIBILI NOTE Sito web con newsletter, documenti, normative e regolamenti Cittadini/e UE Promozione delle pari opportunità. Promuovere e facilitare la partecipazione delle donne in ogni ambito della vita sociale e lavorativa. Informazioni ai cittadini (documenti, normativa e regolamenti) Newsletter elettronica Sito di sistema Puglia (Sportello donna), portale per lo sviluppo e la promozione del territorio e delle imprese, gestito dall assessorato allo sviluppo economico della Regione Puglia Considerazioni sulle pari opportunità (visibilità di entrambi i sessi nella campagna, linguaggio sessista/non sessista, uso del corpo femminile in maniera strumentale/offensiva, ): nell immagine sono rappresentati un uomo e una donna che collaborano in un contesto lavorativo. Il target è tuttavia indefinito. Rilevazione dei ruoli formativi/lavorativi/professionali rappresentati per uomini e donne: sia l uomo che la donna svolgono un lavoro di concetto, poiché sono rappresentati una scrivania e dei documenti. Rilevazione di aspetti legati alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro per uomini e donne: nessun riferimento esplicito ai temi della conciliazione. 28

Come è cambiata la comunicazione pubblica di genere: alcuni passaggi fondamentali. Anna Catasta. Centro di Iniziativa Europea 20 aprile 2010

Come è cambiata la comunicazione pubblica di genere: alcuni passaggi fondamentali. Anna Catasta. Centro di Iniziativa Europea 20 aprile 2010 MICOMUNICO COMUNICAZIONE DI GENERE NELLA PROVINCIA DI MILANO Come è cambiata la comunicazione pubblica di genere: alcuni passaggi fondamentali Anna Catasta Centro di Iniziativa Europea 20 aprile 2010 1

Dettagli

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR?

Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? ORGANIZZAZIONE Quale ruolo per le Strutture di comunicazione e informazione istituzionale del SSR? Lo stato dell arte della legislazione nazionale e regionale in materia. La necessità di raccordare le

Dettagli

Azioni e progetti sulla pubblicità sessista

Azioni e progetti sulla pubblicità sessista lo stato dell arte Azioni e progetti sulla pubblicità sessista La pubblicità sessista condiziona stili di vita e comportamenti? Nonostante la polemica sia aperta da tempo, i cartelloni delle città, le

Dettagli

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA TEL: 0422/831825 Via S. Pio X n. 15/17 31036 ISTRANA (TV) C.F. 80008050264 FAX 0422/831890 P.I. 00389970260 --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------www.comune.istrana..tv.it

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO (Approvato con Delibera del C.C. n. 80 del 30/11/2005) 1 REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE... 1 DEL COMUNE DI BORGO A

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE per la realizzazione delle pari opportunità tra uomo e donna 2010/2012 PIANO TRIENNALE AZIONI POSITIVE 2010 2012 Fonti normative:

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

Codice etico del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS

Codice etico del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Codice etico del Consultorio UCIPEM Cremona- Fondazione ONLUS Via Milano, 5/c 26100 Cremona Tel. 0372 20751/34402 Fax 0372-1960388 Codice fiscale 80011480193 Partita Iva 01273220192 mail: segreteria@ucipemcremona.it

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE

L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE L EFFICACIA DELLA COMUNICAZIONE GLI ESITI DEL PRIMO RAPPORTO DI VALUTAZIONE ANTONIO STRAZZULLO COMITATO DI SORVEGLIANZA REGGIO EMILIA, 21 GIUGNO 2011 Obiettivi della valutazione Valutazione del Piano di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE (PAP)

PIANO DI AZIONI POSITIVE (PAP) COMUNE DI ARNAD Frazione Closé, 1 11020 ARNAD (AO) C.FISCALE e P.IVA 00125720078 COMMUNE D ARNAD 1, hameau de Closé 11020 ARNAD (Vallée d Aoste) TEL. 0125966121-089 FAX 0125966306 e-mail: info@comune.arnad.ao.it

Dettagli

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto Elena Giusta 1 Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto La politica di comunicazione dell Unione Europea La comunicazione dei fondi strutturali Il piano di comunicazione di progetto

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI Comune di Modena Settore Sistemi Informativi Comunicazione e Servizi Demografici Servizio Comunicazione e Relazione con i Cittadini Allegato

Dettagli

PIANO DI AZIONI POSITIVE

PIANO DI AZIONI POSITIVE PIANO DI AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2013-2015 PIANO DI AZIONI POSITIVE (ART. 48, COMMA 1, D. LGS. 11/04/2006 N. 198) PREMESSA Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA Il principio della parità fra donne e uomini è sempre stato uno dei cardini della costruzione dell Europa unita. I suoi aspetti essenziali sono infatti espressi già nel Trattato

Dettagli

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute CODICE ETICO Al fine di favorire la qualità e il prestigio dell attività svolta dalla Società Italiana delle scienze

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

CODICE ETICO. Onlus SOMMARIO. 1 Premessa 2 Principi generali. 3 Organo di vigilanza 4 Sanzioni disciplinari 5 Disposizioni finali

CODICE ETICO. Onlus SOMMARIO. 1 Premessa 2 Principi generali. 3 Organo di vigilanza 4 Sanzioni disciplinari 5 Disposizioni finali CODICE ETICO SOMMARIO 1 Premessa 2 Principi generali 2.1 Principio di legittimità morale 2.2 Principio di equità e uguaglianza 2.3 Principio di diligenza 2.4 Principio di trasparenza 2.5 Principio di onestà

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. (art. 8 c. 2 della Legge n. 150/2000) Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche

Dettagli

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario

La pubblicazione del testo non ha carattere di ufficialita' Sommario LEGGE REGIONALE 23 luglio 2012, nlegge REGIONALE 23 luglio 2012, n. 23 Integrazione delle politiche di pari opportunita di genere nella Regione. Modifiche alla Legge regionale 5 agosto 1996, n. 34 Norme

Dettagli

POR FESR Calabria 2007/2013 Informativa sul Piano di Comunicazione (Punto 13 OdG) IX Comitato di Sorveglianza. (Catanzaro, 31 Luglio 2015)

POR FESR Calabria 2007/2013 Informativa sul Piano di Comunicazione (Punto 13 OdG) IX Comitato di Sorveglianza. (Catanzaro, 31 Luglio 2015) POR FESR Calabria 2007/2013 Informativa sul Piano di Comunicazione (Punto 13 OdG) IX Comitato di Sorveglianza (Catanzaro, 31 Luglio 2015) 2 Informativa sull attuazione del Piano di Comunicazione (Punto

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione

Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' art. 10 d. lgs. 33/2013 Sommario Introduzione: scopo del documento, organizzazione e funzioni dell amministrazione... 1 1. Procedimento di elaborazione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome COLELLA ANNA MARIA Telefono Ufficio 011 Fax Ufficio 011 E-mail istituzionale 011 4322366 011-4325935 Agenziaadozioni-internazionali@regionepiemonteitinternazionali@regionepiemonteit

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

REGOLAMENTO SITO INTERNET

REGOLAMENTO SITO INTERNET INDICE 1. Introduzione pag. 2 2. Responsabilità pag. 3 2.1 Amministratore del sito internet e Responsabile dell accessibilità pag. 3 2.2 Referente per la validazione pag. 4 2.3 Referente di Unità Operativa

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Approvato con Decreto dell Amministratore Unico n. 7 del 26/01/2015 INDICE INTRODUZIONE: 1. LO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RECATE DAL D.LGS.

Dettagli

UOS. Relazioni Pubbliche

UOS. Relazioni Pubbliche Allegato 1 Le strategie e le azioni di comunicazione dell Azienda USL 12 di Viareggio per l anno 2013 Premessa La programmazione della comunicazione aziendale per il 2013 prende le mosse dalle più recenti

Dettagli

La violenza sulle donne è una violazione dei Diritti Umani come stabilito, per la prima volta nel 1992 dalla Raccomandazione n.

La violenza sulle donne è una violazione dei Diritti Umani come stabilito, per la prima volta nel 1992 dalla Raccomandazione n. Piano d azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere Sala Polifunzionale Presidenza del Consiglio dei Ministri Roma, 7 maggio 2015 Il Piano attua la Convenzione sulla prevenzione e la lotta

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 - Principi generali 1. Il Comune di Sarezzo, con il presente documento, disciplina le attività di informazione

Dettagli

Linee-Guida per la valorizzazione dell identità di genere e dell immagine femminile nella comunicazione istituzionale

Linee-Guida per la valorizzazione dell identità di genere e dell immagine femminile nella comunicazione istituzionale Linee-Guida per la valorizzazione dell identità di genere e dell immagine femminile nella comunicazione istituzionale 1. Premessa Le Linee-guida per la valorizzazione dell identità di genere e dell immagine

Dettagli

Art. 1 Oggetto del Regolamento

Art. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Comune di Neive Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Premessa La trasparenza è intesa come accessibilità totale, delle informazioni concernenti ogni aspetto

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI LA STRATEGIA La comunicazione di CONCORD ITALIA è finalizzata a sensibilizzare la cittadinanza sulle attività, l impatto e la sostenibilità delle nostre azioni nell ambito degli interventi realizzati dai

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Women In Development UN MODELLO EUROPEO PER LO SVILUPPO LOCALE GENDER ORIENTED PIANO DI COMUNICAZIONE

Women In Development UN MODELLO EUROPEO PER LO SVILUPPO LOCALE GENDER ORIENTED PIANO DI COMUNICAZIONE Women In Development UN MODELLO EUROPEO PER LO SVILUPPO LOCALE GENDER ORIENTED PIANO DI COMUNICAZIONE Introduzione Il progetto W.In D. (Women In Development) si inserisce nelle attività previste e finanziate

Dettagli

ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. BANDO Comunicazione Piano Sociale Regionale. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. BANDO Comunicazione Piano Sociale Regionale. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 BANDO Comunicazione Piano Sociale Regionale ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B DENOMINATA Offerta tecnica GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma della P.A. impongono agli Enti Locali il controllo e la

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

SEGRETERIA TECNICA DI GRUPPO E RELAZIONI ESTERNE

SEGRETERIA TECNICA DI GRUPPO E RELAZIONI ESTERNE SEGRETERIA TECNICA DI GRUPPO E RELAZIONI ESTERNE Con riferimento agli Ordini di Servizio n. 6 e 7 del 02.02.2015, si comunica che, con effetto immediato, le attività relative agli affari legislativi, precedentemente

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013)

PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO 2014-2015-2016 (approvato con atto di G.C. n. 117/2013) CITTA DI CAIAZZO Provincia di Caserta Piazzetta Martiri Caiatini, n. 1 C.A.P. 81013 CAIAZZO Tel. 0823.61.57.28 Fax 0823.86.80.00 info@comune.caiazzo.ce.it www.caiazzo.gov.it PIANO AZIONI POSITIVE TRIENNIO

Dettagli

ACCORDO DI COOPERAZIONE

ACCORDO DI COOPERAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA ACCORDO DI COOPERAZIONE tra COMITATO UNICO DI GARANZIA e CONSIGLIERA DI PARITÀ REGIONALE ACCORDO DI COOPERAZIONE tra Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità,

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Repubblica Italiana UNIONE EUROPEA In Sardegna, verso l'europa POR SARDEGNA 2000/2006 Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali Allegato al Complemento di programmazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA SETTORE POLITICHE GIOVANILI E DEL FORUM REGIONALE DELLA GIOVENTU STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG ALLEGATO REGIONE 1 CAMPANIA AZIONE A DI SISTEMA COMUNE DI Allegato F SETTORE POLITICHE

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015

PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 COMUNE DI FIUMEFREDDO DI SICILIA Provincia di Catania PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE IN MATERIA DI PARI OPPORTUNITA ANNI 2013-2015 Approvato con Delibera di G.M. nr. 178 del 20.12.2013 1 FONTI: Legge

Dettagli

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO

PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO Allegato A) delibera G.C. n. 62 del 16/09/2015 Il Segretario Comunale F.to dott.ssa Maria Teresa Vella PIANO AZIONI POSITIVE (P.A.P) TRIENNIO 2015/2017 DEFINITIVO ai sensi dell art. 48 del D. Lgs. n. 198/2006

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal Progetto Comunitario Equal Pane e denti Problema di riferimento Nonostante il carattere strutturale assunto dalla presenza immigrata in Italia, l immigrazione viene percepita ancora come un problema piuttosto

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015 COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015 Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 64 del 18/10/2013 Fonti Normative: La parità tra donne e uomini

Dettagli

Anna Monterubbianesi - Ufficio stampa Forum Nazionale del Terzo Settore

Anna Monterubbianesi - Ufficio stampa Forum Nazionale del Terzo Settore Ruolo, caratteristiche, criticità 1 La definizione Terzo Settore nasce per identificare tutto ciò che non appartiene né al Primo settore, ossia alla sfera pubblica (stato, regioni, enti locali, altri enti)

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1. Premessa L art. 48 del D.Lgs. 11 aprile 2006 n 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della Legge 28 novembre

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net Scheda n. 2 Alternanza Scuola Lavoro Il Progetto Rete telematica delle Imprese Formative Simulate-IFSper la diffusione dell innovazione metodologica ed organizzativa IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web:

Dettagli

Codice Etico. Gennaio 2010

Codice Etico. Gennaio 2010 Codice Etico Gennaio 2010 ( SOMMARIO ) CAPO I IL VALORE DEL CODICE ETICO Pag. 2 CAPO II DESTINATARI E AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 2 CAPO III MISSIONE Pag. 3 CAPO IV STRUMENTI DI ATTUAZIONE DELLA MISSIONE

Dettagli

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05 MASTER ITALIA S.p.A. approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05 PREMESSA Questo codice etico, redatto volontariamente da Master Italia S.p.A. e approvato dal suo consiglio di amministrazione,

Dettagli

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e educazione 2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e I documenti presentati presentano nella maggior parte dei casi ripetuti riferimenti alla Dichiarazione Universale

Dettagli

Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015

Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015 Servizio apicale Segreteria del Sindaco - Politiche di Sviluppo dell'organizzazione Piano triennale di azioni positive del Comune di Lecco 2013/2015 1. IL CONTESTO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Il contesto

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

Relatore: Fabio Travagliati, Responsabile Comunicazione FESR

Relatore: Fabio Travagliati, Responsabile Comunicazione FESR Relatore: Fabio Travagliati, Responsabile Comunicazione FESR LA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 (Artt. 115-117 reg.to Comune) Strategia di Comunicazione entro 6 mesi dall adozione del POR e possibilità di una

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2015 1. PREMESSA Il principio della trasparenza, inteso come accessibilità totale a tutti gli aspetti dell organizzazione, è un elemento essenziale

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico CODICE ETICO Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico Revisionato e approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 11.12.2014 INDICE PREMESSA pag. 04 1. Ambito di applicazione pag. 05 2. Valore contrattuale

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA. Ai sensi della legge 150/2000

REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA. Ai sensi della legge 150/2000 REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA Ai sensi della legge 150/2000 Art 1. Principi generali La Provincia di Forlì - Cesena, attraverso

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

COMUNE DI CASTELLAR (Provincia di Cuneo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014/2016.

COMUNE DI CASTELLAR (Provincia di Cuneo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014/2016. COMUNE DI CASTELLAR (Provincia di Cuneo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014/2016. Indice: Premessa 1. FONTI NORMATIVE 2. STRUMENTI 3. DATI DA PUBBLICARE 4. INIZIATIVE DI

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Protocollo d intesa "Azioni per la tutela dei diritti dei consumatori e degli utenti" tra. Co.Re.Com Umbria e Associazioni regionali dei consumatori

Protocollo d intesa Azioni per la tutela dei diritti dei consumatori e degli utenti tra. Co.Re.Com Umbria e Associazioni regionali dei consumatori Protocollo d intesa "Azioni per la tutela dei diritti dei consumatori e degli utenti" tra Co.Re.Com Umbria e Associazioni regionali dei consumatori Il Co.Re.Com Umbria, con sede in Perugia, Piazza Italia,

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000)

«DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) «DIRITTI, UGUAGLIANZA E CITTADINANZA 2014-2020 ( 439.473.000) COME NASCE? Il programma subentra a tre programmi che sono stati operativi nel periodo 2007-2013, ovvero i programmi specifici Daphne III e

Dettagli

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Segreteria Generale Ufficio Programmazione e Controllo di gestione anno 2014 1. NOZIONI INTRODUTTIVE Ai sensi del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre

Dettagli