ALLEGATOA alla Dgr n del 26 settembre 2016

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATOA alla Dgr n del 26 settembre 2016"

Transcript

1 REGIONE DEL VENETO DISCIPLINA DEL DISTACCO INDICE Titolo I Parte Generale Art. 1 Premessa Art. 2 Le finalità della disciplina Art. 3 I presupposti Art. 4 La durata del distacco Art. 5 La tipologia del distacco Art. 6 Distacco di personale di enti di area vasta Art. 7 I rapporti tra le Amministrazioni interessate al distacco Art. 8 Il limite del contingente Titolo II Modalità di svolgimento dell attività del personale distaccato Art. 9 Iter procedurale per acquisire il personale in posizione di distacco Art. 10 Stato giuridico distacco in entrata Art. 11 Trattamento economico distacco in entrata Titolo III Norme finali e transitorie Art. 12 Norme finali Art. 13 Disposizioni transitorie

2 Titolo I Parte Generale Articolo 1 Premessa 1. L art. 30, comma 2 sexies, del decreto legislativo n. 165 del 30 marzo 2001 stabilisce che le Pubbliche Amministrazioni possano utilizzare in assegnazione temporanea personale di altre Amministrazioni per motivate esigenze organizzative risultanti da documenti di programmazione. 2. L art. 1, comma 413 della Legge 228/2012, in tema di distacco, prevede che i provvedimenti con i quali sono disposte le assegnazioni temporanee siano adottati d intesa tra le amministrazioni interessate, con l assenso dell interessato. 3. L art. 19 del CCNL 22 gennaio 2004 del Comparto Regioni Autonomie Locali dispone che il trattamento economico fondamentale ed accessorio del distaccato resti a carico dell ente distaccane titolare del rapporto di lavoro. 4. In ambito sanitario regionale, il comma 7 bis dell art. 136 della Legge Regionale n. 12/1991, come modificato dall art. 34 della Legge Regionale 2 aprile 2014 n. 11 prevede che, al fine di garantire l efficienza del sistema regionale socio sanitario, qualora per motivate esigenze organizzative emerga la necessità di disporre di competenze professionali specialistiche, per la realizzazione di specifici progetti e/o attività, il Direttore dell Area Sanità e Sociale può procedere all acquisizione temporanea di personale delle Aziende e Enti del SSR. 5. Infine l articolo 20 bis della Legge Regionale n. 54 del 31 dicembre 2012, come introdotto dall art. 18 della legge regionale n. 14 del 17 maggio 2016 prevede, in via generale, che la Regione possa avvalersi di personale in distacco da altre amministrazioni, rinviando alla Giunta Regionale l adozione di un provvedimento di disciplina delle modalità e limiti massimi per il ricorso all istituto del distacco. Articolo 2 - Le finalità della disciplina 1. In attuazione al citato art. 20 bis della L.R. n. 54/2012, con il presente regolamento viene dettata la disciplina del distacco, le modalità di attivazione, i limiti massimi per il ricorso a questo istituto. Articolo 3 I presupposti I presupposti per l attivazione del distacco sono: a) reciproci interessi degli Enti coinvolti, in particolar modo dell ente distaccante; b) particolari esigenze organizzative dell Amministrazione ricevente; c) carenza di specifiche professionalità non rinvenibili nell ambito dell amministrazione ricevente; d) realizzazione di specifici progetti/attività di comune interesse; e) stipula di una convenzione tra le amministrazioni interessate; f) assenso dell interessato.

3 Articolo 4 - La durata del distacco La durata del distacco di personale proveniente da altre amministrazioni è fissata in anni uno prorogabile fino ad un massimo di tre anni, come previsto dall art. 30, comma 2 sexies, del decreto legislativo 165 del 30 marzo 2001, fatta salva la possibilità di fissare nelle convenzioni termini più brevi in rapporto alle necessità organizzative e alle specifiche attività/progetti. Articolo 5 La tipologia di distacco Il distacco di personale potrà avvenire sia a tempo pieno che a tempo parziale. Nell ipotesi che il distacco sia inferiore a tre giorni la settimana, si fa riferimento a quanto disposto dal comma 4 dell art. 9 del presente regolamento. Articolo 6 - Distacco di personale di Enti di area vasta La presente disciplina si applica, in quanto compatibile, al distacco di personale degli enti di Area vasta, in conformità ai contenuti degli specifici accordi correlati all applicazione della L.R. 29 ottobre 2015 n. 19 e successive modifiche ed integrazioni. Articolo 7 - I rapporti tra le amministrazioni interessate al distacco L Amministrazione distaccante si farà carico degli oneri economici derivanti dalla posizione di distacco attivata. Articolo 8 Il limite del contingente Il limite di contingente distaccabile è fissato annualmente dalla Giunta Regionale in relazione alle attività e ai costi correlati, nell ambito dei documenti di programmazione e comunque il numero di personale distaccato non deve essere preponderante rispetto al personale di ruolo regionale. Titolo II Modalità di svolgimento delle attività del personale distaccato Articolo 9 - Iter procedurale per acquisire il personale in posizione di distacco 1. Il Direttore di Area competente per materia, rilevata preventivamente l esigenza organizzativa risultante da documenti di Programmazione e verificata l inesistenza o insufficienza di risorse in-

4 terne impiegabili allo scopo, invierà all Amministrazione distaccante e per conoscenza alla Direzione Organizzazione e Personale, una proposta di convenzione, che dovrà essere conforme al testo tipo approvato dalla Giunta Regionale con il presente provvedimento. La convenzione, per la realizzazione del progetto di comune interesse, potrà contemplare il distacco di personale sia di qualifica dirigenziale che appartenente al comparto. 2. L Amministrazione distaccante, qualora ritenga di aderire alla richiesta, sottoscriverà la convenzione, acquisendo l assenso dei dipendenti coinvolti e la trasmetterà al Direttore di Area competente in materia. 3. Dell attivazione del distacco, con indicazione dei nominativi dei dipendenti coinvolti, viene data comunicazione ai Direttori regionali competenti in materia di personale, di logistica e sedi. 4. Qualora l Amministrazione distaccataria si avvalga di personale di altri Enti Pubblici per meno di tre giorni la settimana, la stessa richiederà l utilizzo del personale in parola, senza necessità di stipula di convenzione, mediante l attivazione dell istituto della missione, senza oneri a carico dell Amministrazione presso la quale il soggetto andrà a prestare l attività lavorativa. Articolo 10 Stato giuridico distacco in entrata Il dipendente di altra amministrazione in posizione di distacco presso la Regione Veneto o Enti strumentali della Regione, continua a mantenere la posizione giuridica dell Ente di appartenenza che sarà titolare della gestione di tutti gli istituti giuridici correlati al rapporto di lavoro, mentre il rapporto di servizio sarà gestito dall Amministrazione ove presterà servizio. In particolare: a) le assenze a qualsiasi titolo potranno essere effettuate dal personale in distacco solo se l istituto giuridico di riferimento sia previsto nell Ente di provenienza e la concessione viene fatta dal Direttore della struttura ove presta servizio, dandone comunicazione all Ente stesso. Le strutture di assegnazione si faranno quindi carico di tutti gli adempimenti connessi alla presenza in servizio del personale distaccato (timbrature giornaliere, congedi, missioni, etc.); b) la richiesta di aspettativa senza assegni dovrà invece essere presentata all Amministrazione di provenienza e non potrà superare i trenta giorni: in tal caso verrà a cessare la posizione di distacco; c) ai fini delle progressioni economiche e di carriera dovrà essere riconosciuto sia il servizio prestato in posizione di distacco presso l amministrazione regionale o Enti strumentali della Regione, che l esito positivo della valutazione espressa dal direttore della struttura di assegnazione; d) non potrà essere attribuita al personale distaccato la titolarità di Posizioni Organizzative, né di strutture dirigenziali della Regione del Veneto o Enti strumentali della Regione; e) andrà riconosciuto il buono pasto nella stessa misura e con le stesse regole e procedure in vigore per il personale comandato, in sostituzione di quello dell ente di provenienza; f) le missioni saranno autorizzate dal Direttore della struttura di assegnazione previa verifica della corrispondenza delle stesse, con gli obiettivi dell attività/progetto, negli stessi limiti previsti per i dipendenti in posizione di comando con oneri (compreso l eventuale anticipo) a carico dell Amministrazione di provenienza; g) l instaurazione del procedimento disciplinare e la conseguente irrogazione delle sanzioni disciplinari spetta all Amministrazione ove presta servizio il personale distaccato, dandone comunicazione all Ente di provenienza, in virtù di quanto stabilito dagli artt. 55 e seguenti del Dlgs 165/2001

5 Articolo 11 Trattamento economico distacco in entrata 1. Con riferimento al trattamento economico del distacco in entrata si precisa che: a) dovrà essere mantenuto il trattamento economico globale in godimento presso l amministrazione di provenienza che continuerà a corrispondere tutte le competenze stipendiali dovute; b) fermo restando quanto stabilito nella successiva lett. c), andrà riconosciuto il trattamento economico produttività/risultato nell ammontare e secondo la metodologia di valutazione stabiliti dall Ente di provenienza; c) il Direttore della struttura di assegnazione fisserà gli obiettivi individuali in relazione a quelli già individuati nel progetto/attività da realizzare e ne valuterà il raggiungimento utilizzando lo strumento di valutazione in essere presso l Amministrazione di appartenenza, fermo restando che ai dipendenti in distacco a tempo parziale il raggiungimento degli obiettivi dovrà necessariamente concorrere, assieme a quelli dell ente di origine, nella valutazione globale della performance individuale ed alla conseguente parte di trattamento accessorio spettante. Titolo III Norme finali e disposizioni transitorie Articolo 12 Norme finali 1. Il presente regolamento, adottato con provvedimento della Giunta Regionale, ha efficacia dalla data di pubblicazione dello stesso nel Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto. Articolo 13 Disposizioni transitorie 1. I Direttori di Area dovranno comunicare alla struttura competente in materia di risorse umane l attribuzione degli obiettivi correlati ai relativi progetti assegnati al personale in distacco, entro sessanta giorni dall adozione del provvedimento di fissazione dei predetti obiettivi, secondo quanto previsto dall art. 11.

Convenzione ex art 14 del C.C.N.L. del comparto Regioni- autonomie. locali in data Personale utilizzato a tempo parziale

Convenzione ex art 14 del C.C.N.L. del comparto Regioni- autonomie. locali in data Personale utilizzato a tempo parziale COMUNE DI ILBONO... UNIONE COMUNI D OGLIASTRA Convenzione ex art 14 del C.C.N.L. del comparto Regioni- autonomie locali in data 22.01.2004 Personale utilizzato a tempo parziale L anno addì del mese in

Dettagli

12/08/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 64 - Supplemento n. 2. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

12/08/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 64 - Supplemento n. 2. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 5 agosto 2014, n. 544 Protocollo d'intesa tra la Regione Lazio e il Dipartimento di Epidemiologia (DEP) del Servizio Sanitario

Dettagli

Capo II - Disposizioni comuni alle segreterie. Art. 8 Assegnazione di personale.

Capo II - Disposizioni comuni alle segreterie. Art. 8 Assegnazione di personale. Normativa comparata REGIONE ABRUZZO Pubblicata nel B.U. Abruzzo 30 maggio 2001, n. 11. ( ) Capo II - Disposizioni comuni alle segreterie Art. 8 Assegnazione di personale. 1. Il personale è assegnato alle

Dettagli

Autorità Idrica Toscana

Autorità Idrica Toscana ORIGINALE Registro Generale n. 294 DETERMINAZIONE AREA AMMINISTRAZIONE E RISORSE UMANE n. 190 del 26/10/2017 OGGETTO: SELEZIONE PUBBLICA PER L ACCESSO A N. 5 POSTAZIONI DI TELELAVORO E LAVORO AGILE RIVOLTA

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Gestione Giuridico-Amministrativa ed Economica dei Rapporti di Lavoro DIRETTORE SEGALINI MAURILIO Numero di registro Data dell'atto 897 03/06/2016 Oggetto

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 114 del O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 114 del O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 114 del 25-2-2016 O G G E T T O Protocollo d intesa tra l Azienda-ULSS n. 5 Ovest Vicentino e l Azienda-U.L.SS. n.

Dettagli

CONVENZIONE PER IL DISTACCO DI DIPENDENTI DEL COMUNE DI PRESSO L UNIONE DEI COMUNI DEL SARRABUS

CONVENZIONE PER IL DISTACCO DI DIPENDENTI DEL COMUNE DI PRESSO L UNIONE DEI COMUNI DEL SARRABUS ALLEGATO A) ALLA DELIBERA DI G.C. N. 10 DEL 28/01/2015 Il Segretario Comunale F.to Dott.ssa Maria Teresa Vella CONVENZIONE PER IL DISTACCO DI DIPENDENTI DEL COMUNE DI PRESSO L UNIONE DEI COMUNI DEL SARRABUS

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI

PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI PROVINCIA DI BARLETTA ANDRIA TRANI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 1449DEL30/09/2015 VI Settore - Polizia Provinciale - Prot. Civ - Agricoltura e Az. Agricole - Personale (Provincia BAT) N. 110Reg. Settore

Dettagli

tutto ciò premesso, si conviene e si stipula Art. 1 - Oggetto Art. 2 Orario di lavoro Ripartizione

tutto ciò premesso, si conviene e si stipula Art. 1 - Oggetto Art. 2 Orario di lavoro Ripartizione Schema di accordo tra il Comune di Vittorio Veneto, l Istituto Regionale per le Ville Venete e il Comune di Belluno per la disciplina del comando parziale e temporaneo del dirigente amministrativo Sergio

Dettagli

CITTA DI SPINEA CITTA METROPOLITANA DI VENEZIA

CITTA DI SPINEA CITTA METROPOLITANA DI VENEZIA ORIGINALE CITTA DI SPINEA CITTA METROPOLITANA DI VENEZIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 31 DEL 28/03/2017 OGGETTO: INTERRUZIONE DEL DISTACCO TEMPORANEO E PARZIALE DI DIPENDENTI COMUNALI PRESSO

Dettagli

DISCIPLINA DELLA MOBILITA

DISCIPLINA DELLA MOBILITA DISCIPLINA DELLA MOBILITA Art. 1 1. La presente disciplina detta norme per l applicazione nel Comune di Pavullo nel Frignano delle disposizioni in materia di mobilità volontaria contenute nell art. 30

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Gestione Giuridico-Amministrativa ed Economica dei Rapporti di Lavoro DIRETTORE SEGALINI MAURILIO Numero di registro Data dell'atto 502 30/03/2016 Oggetto

Dettagli

DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: INDIRIZZI PER L ASSEGNAZIONE TEMPORANEA DI PERSONALE FINA- LIZZATA ALLO SVOLGIMENTO ATTIVITA A SUPPORTO DEI COMUNI COLPITI DEL SISMA DEL 24 AGOSTO 2016 Premesso

Dettagli

DELIBERAZIONE N. VIII/3580 DEL LA GIUNTA REGIONALE

DELIBERAZIONE N. VIII/3580 DEL LA GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE N. VIII/3580 DEL 22.11.2006 Oggetto: Accreditamento istituzionale dei centri di medicina sportiva in strutture pubbliche e private. Atto da trasmettere al Consiglio Regionale ai sensi dell

Dettagli

. Comune di Ghilarza Provincia di Oristano. Decreto del Sindaco n. 02 del 17/01/2017

. Comune di Ghilarza Provincia di Oristano. Decreto del Sindaco n. 02 del 17/01/2017 . Comune di Ghilarza Provincia di Oristano Decreto del Sindaco n. 02 del 17/01/2017 OGGETTO: Conferimento incarico posizioni organizzative (artt. da 8 a 11 del CCNL 31.3.1999) - Settore Finanziario - Periodo:

Dettagli

CONVENZIONE TRA I COMUNI DI CERVIGNANO DEL FRIULI E TERZO DI AQUILEIA PER IL SERVIZIO IN FORMA ASSOCIATA DELLA SEGRETERIA COMUNALE

CONVENZIONE TRA I COMUNI DI CERVIGNANO DEL FRIULI E TERZO DI AQUILEIA PER IL SERVIZIO IN FORMA ASSOCIATA DELLA SEGRETERIA COMUNALE CONVENZIONE TRA I COMUNI DI CERVIGNANO DEL FRIULI E TERZO DI AQUILEIA PER IL SERVIZIO IN FORMA ASSOCIATA DELLA SEGRETERIA COMUNALE L'anno 2014 il giorno 3 (tre) del mese di Ottobre, tra il Comune di Cervignano

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA - Serie Generale - N. 31

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA - Serie Generale - N. 31 25-6-2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE UMBRIA - Serie Generale - N. 31 89 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 26 maggio 2014, n. 598. Art. 17 regolamento regionale n. 6/2010 - Adozione del discipiinare

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO REGOLAMENTO DI AFFIDAMENTO, CONFERMA E REVOCA DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI

LINEE DI INDIRIZZO REGOLAMENTO DI AFFIDAMENTO, CONFERMA E REVOCA DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO REGOLAMENTO

Dettagli

BOZZA DI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL INDENNITA DI RESPONSABILITA AL PERSONALE DELLE CATEGORIE B-C-D -ex ART.91 CCNL 2006/2009 PREMESSE

BOZZA DI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL INDENNITA DI RESPONSABILITA AL PERSONALE DELLE CATEGORIE B-C-D -ex ART.91 CCNL 2006/2009 PREMESSE BOZZA DI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL INDENNITA DI RESPONSABILITA AL PERSONALE DELLE CATEGORIE B-C-D -ex ART.91 CCNL 2006/2009 PREMESSE L art. 91, comma 1, del CCNL 2006/2009, stabilisce che le Amministrazioni,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico - Uff.

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico - Uff. Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico - Uff. IV Prot. N. AOODGPER 1609 Roma 1 marzo 2012 Circolare n. 19. Al Capo Dipartimento per la Programmazione e la Gestione

Dettagli

ATTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA MOBILITA VOLONTARIA

ATTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA MOBILITA VOLONTARIA ATTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA MOBILITA VOLONTARIA Art. 1 Fonti normative 1. Il presente Regolamento ha come obiettivo la disciplina dell istituto della mobilità volontaria, ai sensi dell art. 30 del Decreto

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 330 DEL 16/09/2016 OGGETTO: Acquisizione mediante comando,

Dettagli

IPAB CENTRO ANZIANI DI BUSSOLENGO REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO E LA GRADUAZIONE DEGLI INCARICHI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA

IPAB CENTRO ANZIANI DI BUSSOLENGO REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO E LA GRADUAZIONE DEGLI INCARICHI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA IPAB CENTRO ANZIANI DI BUSSOLENGO REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO E LA GRADUAZIONE DEGLI INCARICHI DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA Approvato con Deliberazione di Consiglio di Amministrazione n. 05 del 26.02.2016

Dettagli

DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE. 272 / 2016 del 13/10/2016

DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE. 272 / 2016 del 13/10/2016 DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE 272 / 2016 del 13/10/2016 Oggetto: RECEPIMENTO MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AI REGOLAMENTI AZIENDALI DI AREU IN MATERIA DI AFFIDAMENTO, GRADUAZIONE INCARICHI DIRIGENZIALI (AREA

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BARI Dipartimento Risorse Umane

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BARI Dipartimento Risorse Umane UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BARI Dipartimento Risorse Umane REGOLAMENTO PER LA MOBILITA DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Ai fini del presente atto si intende: a. a) per

Dettagli

COMUNE DI PALESTRINA PROVINCIA DI ROMA CLASSE IV

COMUNE DI PALESTRINA PROVINCIA DI ROMA CLASSE IV COMUNE DI PALESTRINA PROVINCIA DI ROMA CLASSE IV DECRETO LEGISLATIVO 15 NOVEMBRE 1993, n. 507 INDICE SISTEMATICO Titolo I DISCIPLINA DELLA PUBBLICITA E DELLE AFFISSIONI Capo I DISPOSIZIONI GENERALI Art.

Dettagli

Art. 1 (Criteri) - 36,15* per il responsabile del progetto a prescindere dal livello di professionalità;

Art. 1 (Criteri) - 36,15* per il responsabile del progetto a prescindere dal livello di professionalità; PER IL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA approvato dal Consiglio direttivo del 27.03. 1996 Art. 1 (Criteri) 1. Ciascun progetto dovrà avere come obiettivo la formazione del personale,

Dettagli

Prot.n Brescia, DETERMINAZIONE N. 60/SG : CRITERI GENERALI PER LE ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO. IL SEGRETARIO GENERALE

Prot.n Brescia, DETERMINAZIONE N. 60/SG : CRITERI GENERALI PER LE ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO. IL SEGRETARIO GENERALE Prot.n. 8902 Brescia, 26.3.2003 DETERMINAZIONE N. 60/SG : CRITERI GENERALI PER LE ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato datore di lavoro, che

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA E DEI BUONI PASTO

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA E DEI BUONI PASTO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO MENSA E DEI BUONI PASTO ART. 1 - PRINCIPI GENERALI La normativa contrattuale vigente in materia del servizio mensa e dei buoni pasto per i dipendenti è contenuta negli art. 45

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE 1 INDICE Articolo 1 Oggetto Articolo 2 Contingenti Articolo 3 Costituzione del rapporto di lavoro a tempo parziale Articolo 4 Modalità

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 185 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 185 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE. il Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modifiche e integrazioni.

IL DIRETTORE GENERALE. il Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modifiche e integrazioni. IL DIRETTORE GENERALE VISTO lo Statuto dell Università. VISTO il Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modifiche e integrazioni. VISTO il CCNL del 16.10.2008. VISTA la L. 204/2010, art.

Dettagli

Regolamento per il conferimento di incarichi dirigenziali ex art. 15-septies del D.Lgs. n. 502/1992 e s.m.i

Regolamento per il conferimento di incarichi dirigenziali ex art. 15-septies del D.Lgs. n. 502/1992 e s.m.i Raccolta Regolamenti ARPAV n. 18 Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Regolamento per il conferimento di incarichi dirigenziali ex art. 15-septies del D.Lgs. n. 502/1992

Dettagli

Oggetto: Assunzione a tempo determinato di n. 1 Collaboratore Professionale Sanitario Fisioterapista cat. D. IL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N.

Oggetto: Assunzione a tempo determinato di n. 1 Collaboratore Professionale Sanitario Fisioterapista cat. D. IL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 508/AV1 DEL 22/05/2017 Oggetto: Assunzione a tempo determinato di n. 1 Collaboratore Professionale Sanitario Fisioterapista cat. D. IL DIRETTORE DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA :

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA : REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA : - DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE INTERNE AI SETTORI - DELLE UNITA ORGANIZZATIVE AUTONOME - DELLE UNITA DI PROGETTO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale

Dettagli

COMUNE DI MOLOCHIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA

COMUNE DI MOLOCHIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA COMUNE DI MOLOCHIO PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL BUONO PASTO SOSTITUTIVO DEL SERVIZIO MENSA Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 85 del 20/12/2016 Indice:

Dettagli

COMUNE DI GIUGLIANO Provincia di Napoli

COMUNE DI GIUGLIANO Provincia di Napoli COMUNE DI GIUGLIANO Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA allegato alla delibera G.C.n. 109 del 5.04.2011 modificato con delibera

Dettagli

Città Metropolitana di Milano

Città Metropolitana di Milano C O M U N E DI P I E V E E M A N U E L E Città Metropolitana di Milano Via Viquarterio, n. 1 20090 Pieve Emanuele - Cod. Fisc. 80104290152 P. IVA 04239310156 sito: www.comune.pieveemanuele.mi.it REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA MOBILITA

REGOLAMENTO SULLA MOBILITA PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SULLA MOBILITA Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 39/05.04.2011 In vigore dal 5 aprile 2011 SOMMARIO TITOLO I 3 Disposizioni generali 3 Articolo 1

Dettagli

DETERMINA DEL DIRIGENTE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 912/AV1 DEL 05/09/2017 IL DIRIGENTE DELLA AREA VASTA N. 1

DETERMINA DEL DIRIGENTE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 912/AV1 DEL 05/09/2017 IL DIRIGENTE DELLA AREA VASTA N. 1 1 DETERMINA DEL DIRIGENTE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 912/AV1 DEL 05/09/2017 Oggetto: DPCM del 2.0.1995 art. 1 e ss.. Determinazioni relative al concorso pubblico, per titoli ed esami, per n. 1 posto di dirigente

Dettagli

Oggetto: Assunzione a tempo determinato di n. 2 Collaboratori Professionali Sanitari Infermieri cat. D. IL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N.

Oggetto: Assunzione a tempo determinato di n. 2 Collaboratori Professionali Sanitari Infermieri cat. D. IL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 1158/AV1 DEL 14/11/2017 Oggetto: Assunzione a tempo determinato di n. 2 Collaboratori Professionali Sanitari Infermieri cat. D. IL DIRETTORE DELLA AREA

Dettagli

L.R. 29/2005, art. 85 B.U.R. 21/11/2007, n. 47

L.R. 29/2005, art. 85 B.U.R. 21/11/2007, n. 47 L.R. 29/2005, art. 85 B.U.R. 21/11/2007, n. 47 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 novembre 2007, n. 0366/Pres. Regolamento concernente l assegnazione di finanziamenti ai Centri di assistenza tecnica

Dettagli

COMUNE DI TERRE ROVERESCHE Provincia di Pesaro ed Urbino

COMUNE DI TERRE ROVERESCHE Provincia di Pesaro ed Urbino COMUNE DI TERRE ROVERESCHE Provincia di Pesaro ed Urbino COPIA Registro Generale n. 2 DECRETO COPIA DEL COMMISSARIO PREFETTIZIO (assunto con i poteri del Sindaco) N. 2 DEL 04-01-2017 Oggetto: ATTRIBUZIONI

Dettagli

UNIONE DI COMUNI DELLA PLANARGIA E DEL MONTIFERRU OCCIDENTALE

UNIONE DI COMUNI DELLA PLANARGIA E DEL MONTIFERRU OCCIDENTALE UNIONE DI COMUNI DELLA PLANARGIA E DEL MONTIFERRU OCCIDENTALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 4 DEL 7/6/2016 OGGETTO: DISTACCO TEMPORANEO PERSONALE PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA LAVORATIVA

Dettagli

N.B.: è abrogata ogni norma non coerente con il Regolamento Uffici e Servizi approvato con delibera G.P. n. 87 del 28/4/2009

N.B.: è abrogata ogni norma non coerente con il Regolamento Uffici e Servizi approvato con delibera G.P. n. 87 del 28/4/2009 REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO PER I DIRIGENTI E LE ALTE SPECIALIZZAZIONI, PER IL PERSONALE DEGLI UFFICI POSTI ALLE DIRETTE DIPENDENZE DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA, PER

Dettagli

DECRETO N Del 03/10/2016

DECRETO N Del 03/10/2016 DECRETO N. 9640 Del 03/10/2016 Identificativo Atto n. 202 DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI Oggetto APPROVAZIONE CALENDARI CORSI DI FORMAZIONE PER LA PREPARAZIONE ALL'ESAME DI ABILITAZIONE

Dettagli

Oggetto: Assunzione a tempo determinato di n. 1 Collaboratore Professionale Sanitario Fisioterapista cat. D. IL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N.

Oggetto: Assunzione a tempo determinato di n. 1 Collaboratore Professionale Sanitario Fisioterapista cat. D. IL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 588/AV1 DEL 07/06/2017 Oggetto: Assunzione a tempo determinato di n. 1 Collaboratore Professionale Sanitario Fisioterapista cat. D. IL DIRETTORE DELLA

Dettagli

DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE. 2 / 2017 del 11/01/2017

DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE. 2 / 2017 del 11/01/2017 DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE 2 / 2017 del 11/01/2017 Oggetto: CONVENZIONE EX ART. 14 DEL CCNL 22.01.2004 TRA IL COMUNE DI LECCO E L AZIENDA REGIONALE EMERGENZA URGENZA PER L UTILIZZO A TEMPO PARZIALE

Dettagli

CITTA DI CAVA DE TIRRENI PROVINCIA DI SALERNO. DETERMINAZIONE Sett. 1 Amministrazione Generale

CITTA DI CAVA DE TIRRENI PROVINCIA DI SALERNO. DETERMINAZIONE Sett. 1 Amministrazione Generale CITTA DI CAVA DE TIRRENI PROVINCIA DI SALERNO DETERMINAZIONE Sett. 1 Amministrazione Generale OGGETTO: scorrimento graduatoria della selezione per utilizzazione temporanea, per mesi dodici, prorogabili,

Dettagli

COMUNE DI MONTEROTONDO SEGRETARIO GENERALE

COMUNE DI MONTEROTONDO SEGRETARIO GENERALE COMUNE DI MONTEROTONDO SEGRETARIO GENERALE DETERMINAZIONE N. 1611 DEL 10/10/2017 OGGETTO: APPROVAZIONE RIDETERMINAZIONE GRADUAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE DEL SERVIZIO RAGIONERIA, ECONOMATO E RISORSE

Dettagli

REGIONALE DI MOLENTARGIUS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS. - il Consorzio del Parco regionale di Molentargius, con nota prot. n.

REGIONALE DI MOLENTARGIUS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS. - il Consorzio del Parco regionale di Molentargius, con nota prot. n. CONSORZIO DEL PARCO GESTIONE COMMISSARIALE REGIONALE DI MOLENTARGIUS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS CONVENZIONE PER COMANDO DI DIPENDENTE Premesso che: - il Consorzio del Parco regionale di Molentargius,

Dettagli

Regione Emilia Romagna Azienda Unita Sanitaria Locale di IMOLA. del 29 DICEMBRE 2011

Regione Emilia Romagna Azienda Unita Sanitaria Locale di IMOLA. del 29 DICEMBRE 2011 Regione Emilia Romagna Azienda Unita Sanitaria Locale di IMOLA DELIBERAZIONE N.172 del 29 DICEMBRE 2011 Il Direttore Generale, nella sede dell Azienda Unita Sanitaria Locale di Imola Via Amendola, 2 nella

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE N 2 SAVONESE. Via Manzoni, n. 14 Savona. N. 138 del 10/03/2017

AZIENDA SANITARIA LOCALE N 2 SAVONESE. Via Manzoni, n. 14 Savona. N. 138 del 10/03/2017 AZIENDA SANITARIA LOCALE N 2 SAVONESE Via Manzoni, n. 14 Savona DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE DI STRUTTURA COMPLESSA N. 138 del 10/03/2017 Oggetto: AVVISO PER LA FORNITURA DI PRODOTTI NECESSARI PER LE ATTIVITA'

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 694 DEL 25/09 /2013

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 694 DEL 25/09 /2013 AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI ia Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 694 DEL 25/09 /2013 OGGETTO: Acquisizione mediante comando, ex

Dettagli

CISL. 02/11/2010. A cura del Dipartimento Comunicazione CISL FP Lazio CISL FP Roma

CISL.   02/11/2010. A cura del Dipartimento Comunicazione CISL FP Lazio CISL FP Roma CISL CONTRATTARE INFORMATI A cura del Dipartimento Comunicazione CISL FP Lazio CISL FP Roma 1 Collegato al Lavoro Disegno di Legge n. 1441 quater F Deleghe al Governo in materia di lavori usuranti, di

Dettagli

DETERMINA DIRIGENZIALE

DETERMINA DIRIGENZIALE COMUNE DI SAN CONO ( Città Metropolitana di Catania ) ******* DETERMINA DIRIGENZIALE N.128 22.06.2017 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO N.16 DEL 22.06.2017 OGGETTO : Costituzione

Dettagli

C O M U N E D I B R U I N O

C O M U N E D I B R U I N O C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Approvato con deliberazione

Dettagli

Articolo 1 (Finalità del regolamento) Articolo 2 (Richieste delle strutture) TITOLO 3 - DISCIPLINA TRANSITORIA Articolo 11 (Disciplina transitoria)

Articolo 1 (Finalità del regolamento) Articolo 2 (Richieste delle strutture) TITOLO 3 - DISCIPLINA TRANSITORIA Articolo 11 (Disciplina transitoria) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240 (emanato con decreto rettorale 30 luglio 2014 n.

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 4 N. 224/AV4 DEL 30/04/2015

DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 4 N. 224/AV4 DEL 30/04/2015 1 DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 4 N. 224/AV4 DEL 30/04/2015 Oggetto: L.R. 14/05/2012 E DGR 1670/2012. ISTITUZIONE STAZIONE UNICA APPALTANTE REGIONE MARCHE. DISTACCO DOTT.SSA L.C. COLLABORATORE

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 36 DEL 03/02/2014

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 36 DEL 03/02/2014 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 36 DEL 03/02/2014 Il Direttore Generale, Dott. Nicolò Pestelli su proposta della struttura aziendale U.O. Personale adotta la seguente deliberazione: OGGETTO: Dr.

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART - TIME

REGOLAMENTO SUL PART - TIME PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SUL PART - TIME Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 34/28.02.2003 In vigore dal 1 aprile 2003 SOMMARIO Articolo 1 - Oggetto del Regolamento 3 Articolo

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Servizio Sanitario Regionale Basilicata Azienda Sanitaria Locale di Potenza NUMERO 2016/00359 DEL 31/05/2016 Collegio Sindacale il 31/05/2016 OGGETTO Concessione comando

Dettagli

DEFINIZIONE DEL SISTEMA DI INDIVIDUAZIONE, GRADUAZIONE e VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

DEFINIZIONE DEL SISTEMA DI INDIVIDUAZIONE, GRADUAZIONE e VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE DEFINIZIONE DEL SISTEMA DI INDIVIDUAZIONE, GRADUAZIONE e VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE ART. 1 DEFINIZIONE DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA Il presente regolamento disciplina i criteri per l individuazione,

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELL UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI SORRENTO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELL UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI SORRENTO SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELL UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI SORRENTO L anno i il giorno del mese di. nella sede del Comune di Sorrento, fra il Comune Capofila di Sorrento, rappresentato

Dettagli

Comune di Crevalcore Provincia di Bologna

Comune di Crevalcore Provincia di Bologna Mobilità/criteri mobilità interna1 Allegato delib. G.C. N. 114 DEL 26.10.2005 Comune di Crevalcore Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA MOBILITA INTERNA E PER IL TRASFERIMENTO MEDIANTE PASSAGGIO DIRETTO

Dettagli

Art. 1. Definizione di posizione organizzativa e di alta Professionalità

Art. 1. Definizione di posizione organizzativa e di alta Professionalità Art. 1 Definizione di posizione organizzativa e di alta Professionalità Il presente regolamento disciplina i criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi di

Dettagli

REGIONE BASILICATA. CONTRATTO individuale DI LAVORO

REGIONE BASILICATA. CONTRATTO individuale DI LAVORO REGIONE BASILICATA CONTRATTO individuale DI LAVORO Vista la Deliberazione n. 1260 del 30/09/2015 con la quale la Giunta regionale ha conferito l incarico di direzione dell Ufficio GESTIONE REGIMI DI AIUTO

Dettagli

Regolamento in materia di orario di servizio e di lavoro

Regolamento in materia di orario di servizio e di lavoro Regolamento in materia di orario di servizio e di lavoro Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 32 del 13.12.2010 Regolamento in materia di orario di servizio e di lavoro Indice

Dettagli

Deliberazione della Giunta Regionale 24 luglio 2017, n Approvazione del disciplinare del servizio di mensa per i dipendenti regionali.

Deliberazione della Giunta Regionale 24 luglio 2017, n Approvazione del disciplinare del servizio di mensa per i dipendenti regionali. REGIONE PIEMONTE BU34 24/08/2017 Deliberazione della Giunta Regionale 24 luglio 2017, n. 39-5423 Approvazione del disciplinare del servizio di mensa per i dipendenti regionali. A relazione dell'assessore

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria CRITERI PER LA MOBILITA' VOLONTARIA Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 70 del 13/04/2010 e modificato con Deliberazione di Giunta Comunale n. 37

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Principi generali

REGOLAMENTO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Principi generali REGOLAMENTO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Principi generali 1. Il presente Regolamento disciplina le assunzioni a tempo determinato presso l Azienda Ospedaliero Universitaria San Luigi Gonzaga

Dettagli

C O N S I G L I O R E G I O N A L E. LEGGE REGIONALE (n. 42)

C O N S I G L I O R E G I O N A L E. LEGGE REGIONALE (n. 42) Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia C O N S I G L I O R E G I O N A L E LEGGE REGIONALE (n. 42) approvata dal Consiglio regionale nella seduta pomeridiana del 24 febbraio 2004 -----

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PRESTAZIONE D'OPERA AUTONOMA. Ufficio Selezione del Personale ENTRATA IN VIGORE 1 marzo 2007

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PRESTAZIONE D'OPERA AUTONOMA. Ufficio Selezione del Personale ENTRATA IN VIGORE 1 marzo 2007 REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PRESTAZIONE D'OPERA AUTONOMA SENATO ACCADEMICO 19/02/2007 CONSIGLIO DI 27/02/2007 AMMINISTRAZIONE DECRETO RETTORALE 01/03/07 n 292 UFFICIO COMPETENTE Ufficio

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 24/24 DEL

DELIBERAZIONE N. 24/24 DEL Oggetto: Istituzione Unità di Progetto Interventi per l efficientamento energetico ai sensi dell art. 26 della L.R. n. 31/1998 s.m.i. Programma Interventi di efficientamento energetico negli edifici pubblici

Dettagli

IL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1

IL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 1 DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 762/AV1 DEL 19/07/2017 Oggetto: Proroga contratto individuale di lavoro alla Sig.ra Ceci Simona - Collaboratore Professionale Sanitario Assistente Sanitario

Dettagli

DETERMINA DEL DIRIGENTE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 272/AV1 DEL 07/03/2017

DETERMINA DEL DIRIGENTE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 272/AV1 DEL 07/03/2017 1 DETERMINA DEL DIRIGENTE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 272/AV1 DEL 07/03/2017 Oggetto: modifica integrazione all'autorizzazione all'esercizio dell'attività libero professionale individuale al dr. Domenico

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DEGLI ARTT.LI 18 E 24 DELLA LEGGE

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DEGLI ARTT.LI 18 E 24 DELLA LEGGE REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DEGLI ARTT.LI 18 E 24 DELLA LEGGE 240/2010 (EMANATO CON D.R. N. 638/2012 DEL 5 DICEMBRE 2012 ED INTEGRATO CON D.R. N.202/2013

Dettagli

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI UNIFICATE DEL SERVIZIO AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI UNIFICATE DEL SERVIZIO AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI UNIFICATE DEL SERVIZIO AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE TRA Azienda USL di Bologna (C.F. e P.IVA: 02406911202), con sede legale in Bologna via Castiglione 29,

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE AUSL DELLA ROMAGNA

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE AUSL DELLA ROMAGNA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE AUSL DELLA ROMAGNA Anno 2016 N. 203 Data 05/05/2016 OGGETTO: DELIBERAZIONE N. 777/2015 AD OGGETTO "TIPOLOGIE DEGLI ATTI A RILEVANZA GIURIDICA INTERNA ED ESTERNA DI

Dettagli

IL COORDINATORE UNICO di S.C. RISORSE UMANE

IL COORDINATORE UNICO di S.C. RISORSE UMANE ATTI del DIRETTORE GENERALE dell anno 2017 Deliberazione n. 0000971 del 17/05/2017 - Atti U.O. Risorse Umane Oggetto: DETERMINAZIONE MONTE ORE COMPLESSIVO DEI PERMESSI SINDACALI ANNO 2017, E RIPARTIZIONE

Dettagli

IL COORDINATORE UNICO di S.C. RISORSE UMANE

IL COORDINATORE UNICO di S.C. RISORSE UMANE ATTI del DIRETTORE GENERALE dell anno 2016 Deliberazione n. 0001446 del 19/08/2016 - Atti U.O. Risorse Umane Oggetto:DETERMINAZIONE MONTE ORE COMPLESSIVO DEI PERMESSI SINDACALI ANNO 2016, E RIPARTIZIONE

Dettagli

PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Stato di attuazione

PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Stato di attuazione PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Stato di attuazione (art.9, comma 7 del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179 recante Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese, convertito in Legge 17 dicembre 2012,

Dettagli

Comune di Siena COORDINAMENTO SETTORE DIREZIONE SERVIZI

Comune di Siena COORDINAMENTO SETTORE DIREZIONE SERVIZI Comune di Siena COORDINAMENTO SETTORE DIREZIONE SERVIZI ATTO DIRIGENZIALE N 2250 DEL17/12/2014 OGGETTO: COSTITUZIONE FONDO RISORSE DECENTRATE ANNO 2014 RISORSE AVENTI CARATTRE DI CERTEZZA, STABILITA' E

Dettagli

REGIONE BASILICATA CONTRATTO individuale DI LAVORO

REGIONE BASILICATA CONTRATTO individuale DI LAVORO REGIONE BASILICATA CONTRATTO individuale DI LAVORO Vista la Deliberazione n. 1260 del 30/09/2015 con la quale la Giunta regionale ha conferito l incarico di direzione dell Ufficio INTERNAZIONALIZZAZIONE,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DELL'ART. 18 DELLA L. 240/2010

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DELL'ART. 18 DELLA L. 240/2010 REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DELL'ART. 18 DELLA L. 240/2010 INDICE Art. 1 Finalità del regolamento...2 Art. 2 Programmazione e copertura finanziaria...2

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 45 del 31/03/2015 Oggetto: ASSEGNAZIONE DIPENDENTI, IN POSIZIONE DI DISTACCO TEMPORANEO, ALL'UNIONE DEI COMUNI DEL

Dettagli

CITTA DI ALESSANDRIA

CITTA DI ALESSANDRIA CITTA DI ALESSANDRIA Decreto n. 14 OGGETTO: VALUTAZIONE DEL SEGRETARIO GENERALE DOTT. FABRIZIO PROIETTI PER GLI ANNI 2015 E 2016 AI FINI DELL EROGAZIONE DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO. VISTI il Contratto

Dettagli

%* +*, * -( +. - *(+* (,)) '-* / 0 *1+ ) *3341 * * *1*51-1*5)) 1* 1 - (/ * *)* *), ) '1)) 1411)) ) '))),) ' ) () ) ')( '1)) ' 1) (1 ) 1)/

%* +*, * -( +. - *(+* (,)) '-* / 0 *1+ ) *3341 * * *1*51-1*5)) 1* 1 - (/ * *)* *), ) '1)) 1411)) ) '))),) ' ) () ) ')( '1)) ' 1) (1 ) 1)/ !"#$"$!% & '() %* +*, * -( +. - *(+* (,)) '-* / 0 *1+ ) ( * 2 *3341 * * *1*51-1*5)) 1* 1 - (/ *3341 141*)* *), ) '1)) 1411)) ) '))),) ' ) () ) ')( '1)) ' 1) (1 ) 1)/ *3* 341 141(),*(*1)( (+(41 (),*11 ()*

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 642/AV1 DEL 20/06/2017

DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 642/AV1 DEL 20/06/2017 1 DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 642/AV1 DEL 20/06/2017 Oggetto: Proroga del contratto individuale di lavoro a al Dr. Alfredo Rossini Dirigente Medico nella disciplina di Chirurgia Generale.

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO DELLE AREE DELLE ALTE PROFESSIONALITA

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO DELLE AREE DELLE ALTE PROFESSIONALITA COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) * * * * * REGOLAMENTO DELLE AREE DELLE ALTE PROFESSIONALITA (art. 10 del CCNL del 22.01.2004 come disciplinato dall art. 8, comma 1, lett B e C del CCNL del 31.03.1999

Dettagli

DETERMINA DEL DIRIGENTE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 735/AV1 DEL 12/07/2017

DETERMINA DEL DIRIGENTE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 735/AV1 DEL 12/07/2017 1 DETERMINA DEL DIRIGENTE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 735/AV1 DEL 12/07/2017 Oggetto: nuova autorizzazione all esercizio dell attività libero professionale individuale al dr. Paolo Abrugiati, Dirigente Medico

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Pagina 1 di 14 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Contingenti Art. 3 Ambito soggettivo di applicazione Art. 4 Ambito oggettivo di applicazione Art. 5 Tipologie

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI (PROVINCIA DI ROMA)

COMUNE DI TIVOLI (PROVINCIA DI ROMA) COMUNE DI TIVOLI (PROVINCIA DI ROMA) DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SEGRETERIA GENERALE N. 460 del 18/03/2015 Oggetto: CONFERIMENTO INCARICO DI POSIZIONE ORGANIZZATIVA SEGRETERIA GENERALE - SEZIONE SEGRETERIA

Dettagli

DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 673/AV1 DEL 05/07/2017

DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 673/AV1 DEL 05/07/2017 1 DETERMINA DEL DIRETTORE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 673/AV1 DEL 05/07/2017 Oggetto: Proroga del contratto individuale di lavoro a alla Dr.ssa Lida Piccoli dirigente medico nella disciplina di Chirurgia

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Decreto sulle modalità di selezione dei programmi delle Regioni italiane per la concessione di contributi di cui al comma 936, articolo 1, della legge 27 dicembre 2006,

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA Servizio Personale REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DELLA MAGGIORAZIONE DELL INDENNITA DI POSIZIONE E PER L ATTRIBUZIONE DELL INDENNITA DI RISULTATO AL SEGRETARIO

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari regionali e le autonomie

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari regionali e le autonomie Procedura di selezione comparativa per il conferimento di un incarico professionale nell ambito della realizzazione degli interventi previsti dal progetto Supporto alle amministrazioni pubbliche impegnate

Dettagli

\DETERMINA DEL DIRIGENTE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 733/AV1 DEL 12/07/2017 IL DIRIGENTE DELLA AREA VASTA N. 1

\DETERMINA DEL DIRIGENTE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 733/AV1 DEL 12/07/2017 IL DIRIGENTE DELLA AREA VASTA N. 1 1 \DETERMINA DEL DIRIGENTE DELLA AREA VASTA N. 1 N. 733/AV1 DEL 12/07/2017 Oggetto: integrazione all autorizzazione all esercizio dell attività libero professionale individuale della dr.ssa Gabriella Peccerillo,

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Attuazione delle disposizioni contenute nell art. 15 del D.L. 12 settembre 2013 n.104, convertito con modificazioni in Legge 8 novembre 2013 n. 128 per il personale docente dichiarato permanentemente inidoneo

Dettagli

proposta di legge n. 323

proposta di legge n. 323 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 323 a iniziativa dei Consiglieri Solazzi, Cardogna, Traversini, Foschi, Zaffini presentata in data 9 maggio 2013 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE

Dettagli