ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SALERNO. Commissione Raggruppamento Donne Ingegneri

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SALERNO. Commissione Raggruppamento Donne Ingegneri"

Transcript

1 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SALERNO Commissione Raggruppamento Donne Ingegneri REGOLAMENTO COMMISSIONE RAGGRUPPAMENTO DONNE INGEGNERI

2 TITOLO PRIMO COSTITUZIONE E SCOPI Art. 1 Costituzione In seno all Ordine degli Ingegneri della provincia di Salerno e con sede presso lo stesso, è costituita la Commissione Raggruppamento Donne, come previsto dalla delibera assembleare del 29/11/1997 e dal Capo 3 Articolo 25 dello Statuto. Essa aderisce ai più autorevoli e specifici organismi regionali e nazionali. Il Raggruppamento adotta il logo dell Ordine degli Ingegneri della provincia di Salerno. Art. 2 Scopi Il Gruppo Donne, nel rispetto delle finalità indicate nello Statuto dell Ordine della provincia di Salerno, persegue i seguenti scopi: svolgere attività di studio e consulenza su temi di specifica competenza; favorire scambi culturali e professionali fra le partecipanti; valorizzare il lavoro della donna nel campo dell ingegneria; promuovere iniziative di aggiornamento, studio e ricerca nel campo della professione; coltivare legami culturali e professionali con analoghe Associazioni italiane ed estere; collaborare con la società civile, enti ed istituzioni nei campi dell architettura e dell ingegneria; incentivare la partecipazione di Colleghe iscritte all Ordine degli Ingegneri della provincia di Salerno all attività della Commissione. Art. 3 Attività Il Gruppo Donne promuove tutte le attività utili al conseguimento degli scopi di cui all Articolo precedente ed in particolare: organizza convegni, incontri, dibattiti ed ogni altra iniziativa di informazione e di formazione professionale e culturale del partecipante; sviluppa la conoscenza da parte delle Donne sulle attività dell Ordine degli Ingegneri della provincia di Salerno; istituisce, ove necessari, gruppi di lavoro per l approfondimento di singole problematiche; promuove i valori dell azione professionale, in particolare nel mondo della Scuola e dell Università; cura ogni attività che il Consiglio dell Ordine degli Ingegneri della Provincia di Salerno intenda delegare alle Donne; promuove occasioni di confronto con le altre organizzazioni imprenditoriali e professionali delle Donne; stimola la partecipazione dei componenti alle attività delle Donne ad ogni livello dell Organizzazione Nazionale delle Donne Ingegneri, favorendo uno stretto collegamento con gli altri organismi regionali, nazionali ed internazionali. TITOLO SECONDO COMPONENTI DEL GRUPPO DONNE Art. 4 - Requisiti per l appartenenza Al Gruppo Donne possono iscriversi le donne iscritte all Ordine degli Ingegneri di Salerno. Art. 5 - Modalità di ammissione L iscrizione al Gruppo è aperta, previa richiesta formale al Comitato Direttivo della Commissione che delibera, sentito il parere del Presidente del Gruppo. Art. 6 - Cessazione dell appartenenza L appartenenza al Gruppo Donne cessa: per dimissioni; per sopravvenuta mancanza dei requisiti di cui all Articolo 4; per espulsione deliberata dal Comitato Direttivo della Commissione ed inviata per conoscenza al Consiglio dell Ordine, sentito il parere del Presidente del Gruppo, motivata da comportamenti in contrasto con il presente regolamento, da cause d indegnità connesse al compimento di reati di particolare gravità, attestati da sentenze passate in giudicato.

3 Art. 7 Elencazione Sono Organi di rappresentanza del Gruppo: l Assemblea delle iscritte al Gruppo; il Presidente; il Vice Presidente; il Segretario; il Vice Segretario; il Comitato Direttivo. TITOLO TERZO ORGANI Sezione I ASSEMBLEA DELLE ISCRITTE Art. 8 - Convocazione e validità L Assemblea è costituita da tutte le iscritte al Gruppo e si riunisce in via ordinaria, almeno una volta l anno, ed in via straordinaria su convocazione del Presidente, o su richiesta della maggioranza semplice del Comitato Direttivo, per iscritto, specificando l ordine del giorno. L Assemblea è convocata e presieduta dal Presidente del Gruppo o, in caso di impedimento di questi, dal Vice Presidente. L Assemblea ordinaria è convocata dal Presidente con preavviso di almeno dieci giorni solari consecutivi mediante comunicazione scritta - anche via fax o posta elettronica accettata e/o certificata - contenente la data, l ora, il luogo e l ordine del giorno. L Assemblea straordinaria deve essere convocata dal Presidente, con le modalità di cui sopra, entro quindici giorni solari consecutivi dalla data della richiesta di cui al primo comma del presente articolo. Art. 9 Attribuzioni Spetta all Assemblea: indicare le direttive di massima da seguire nello svolgimento delle attività del Gruppo; eleggere il Presidente ed i Componenti del Comitato Direttivo del Gruppo; integrare in caso di necessità i membri del Comitato Direttivo; deliberare su ogni materia sottoposta al suo esame; approvare il Regolamento e le sue eventuali modifiche; decidere l eventuale scioglimento del Gruppo, previa comunicazione di tale intendimento agli Organi Direttivi dell Ordine degli Ingegneri della provincia di Salerno. Art Modalità di votazione Ogni componente il Gruppo, in possesso dei requisiti richiesti, ha diritto ad un voto. Ciascuna componente può presentare al massimo una delega. L Assemblea delibera a maggioranza semplice dei presenti aventi diritto di voto, tranne nei casi di cui agli ultimi due commi del precedente Articolo nei quali è richiesta la maggioranza di due terzi. Ai fini delle deliberazioni a maggioranza non si tiene conto degli astenuti. Sezione II - COMITATO DIRETTIVO Art. 11 Composizione Il Comitato Direttivo è composto dal Presidente del Gruppo, dal Vice Presidente e da cinque membri eletti dall Assemblea. Esso inoltre è composto dal Consigliere, dal Vice Consigliere, dal Segretario, dal Vice Segretario delegati dall Ordine. Il Comitato Direttivo dura in carica per la durata del Consiglio dell Ordine che ha istituito la Commissione. Partecipano, altresì, a pieno titolo, alle riunioni del Comitato Direttivo, tutti i Past- President del Gruppo. Possono partecipare alle riunioni del Comitato Direttivo, in qualità di ospiti senza diritto di voto, persone invitate dal Presidente. Sono eleggibili tutti gli iscritti al Gruppo aventi almeno un anno di anzianità dalla data dell Assemblea elettiva (*). (*) non si applica solo in occasione della elezione della prima Presidente del Gruppo, all atto della costituzione dello stesso. Art Norme per l elezione del Comitato L assemblea elegge a scrutinio segreto i membri del Comitato Direttivo. Ogni votante può esprimere un numero di preferenze non superiore ai due terzi dei seggi da assegnare. Le schede recanti un numero superiore di preferenze o nominativi non compresi nella lista vengono annullate. I candidati che, in relazione ai posti disponibili, ottengono il maggior numero dei voti sono dichiarati eletti. In caso di parità di voti prevarrà il candidato con maggiore anzianità di iscrizione al Gruppo.

4 Art Convocazione e validità delle riunioni Il Comitato Direttivo è convocato dal Presidente mediante avviso - anche via fax e posta elettronica accettata e/o confermata - recante la data, l ora, il luogo e l ordine del giorno da inviarsi almeno sette giorni solari consecutivi prima della riunione, salvo casi di straordinaria e motivata urgenza nei quali tale termine potrà essere ridotto fino a ventiquattro ore. Il Comitato Direttivo è validamente riunito con la presenza della metà più uno dei suoi membri e delibera a maggioranza semplice senza tenere conto degli astenuti; in caso di parità prevale il voto del Presidente. Il voto non è delegabile. Art. 14 Attribuzioni Spetta al Comitato Direttivo: attuare le direttive generali e le linee programmatiche del Gruppo; promuovere iniziative ed adottare provvedimenti atti alla realizzazione degli scopi del Gruppo; eleggere e revocare il Vice Presidente su proposta del Presidente del Gruppo; designare e revocare, su proposta del Presidente, i rappresentanti del Gruppo nelle varie componenti locali, regionali e nazionali, nonché in organismi esterni; nominare su proposta del Presidente, anche al di fuori del Comitato Direttivo, Delegati per l approfondimento di temi o la realizzazione di iniziative specifiche, secondo tempi e modalità definiti dal Comitato stesso; deliberare in merito alle cessazione della qualità di iscritta derivante dalla perdita dei requisiti di appartenenza di cui all Art.4; deliberare in merito alle dimissioni di Componenti o di Rappresentanti del Gruppo. Art Dimissioni e decadenza Le eventuali dimissioni di Componenti, Delegati e di Rappresentanti del Gruppo devono essere presentate per iscritto al Comitato Direttivo. In tal caso e nell ipotesi di dimissioni di un membro del Comitato Direttivo, subentra il primo dei candidati non eletti. In caso di parità, il Comitato Direttivo coopterà l iscritta con maggiore anzianità associativa. In caso di mancanza di sostituti, si procederà a nuove votazioni ad integrazione in occasione dell Assemblea successiva. Ssezione III PRESIDENZA Art Modalità di elezione e durata in carica del Presidente Può candidarsi alla carica di Presidente ogni iscritto al Gruppo - avente almeno tre anni di anzianità di iscrizione al Gruppo dalla data dell Assemblea elettiva (*). Il Presidente del Gruppo è eletto dall Assemblea a scrutinio segreto. Il Presidente è eletto con la maggioranza relativa degli aventi diritto al voto. Il Presidente dura in carica per la durata del Consiglio che ha istituito la Commissione ed è rieleggibile. In caso di dimissioni o impedimento definitivo, il Presidente sarà sostituito dal Vice Presidente fino alla successiva Assemblea. (*) non si applica solo in occasione della elezione della prima Presidente del Gruppo, all atto della costituzione dello stesso. Art. 17 Presidente Il Presidente del Gruppo: rappresenta il Gruppo negli organi provinciali, regionali, nazionali ed internazionali del Gruppo Donne; rappresenta il Gruppo, con il consigliere referente del Consiglio dell Ordine, nei riguardi del predetto Comitato; propone al Comitato Direttivo la nomina del Vice Presidente, delle eventuali delegate e delle eventuali rappresentanti del Gruppo in seno ad altri consessi; convoca e presiede l Assemblea ed il Comitato Direttivo. predispone la relazione sull attività del Gruppo da presentare all Assemblea annuale. Il Presidente nello svolgimento delle sue funzioni può delegare in sua rappresentanza il Vice Presidente.

5 Art Vice Presidente Il Vice Presidente è eletto dal Comitato Direttivo, nel proprio seno, su proposta del Presidente. Egli coadiuva il Presidente nel conseguimento degli scopi del Gruppo. Il Vice Presidente lo sostituisce in caso di assenza o impedimento temporaneo. Il Vice Presidente dura in carica per la durata del Consiglio che ha istituito la Commissione ed è rieleggibile. Decade al termine del mandato del Presidente che lo ha proposto. Sezione IV - DISPOSIZIONI DIVERSE E TRANSITORIE Art Disposizioni generali e incompatibilità Nessun compenso è previsto ad alcun titolo per l attività connessa alle cariche previste dal presente Regolamento. Si intendono rivestite per l intera durata del mandato le cariche che siano state ricoperte per un tempo superiore alla metà del mandato stesso. Art Rinvio allo Statuto dell Ordine degli Ingegneri e controversie Per quanto non previsto dal presente Regolamento, si fa riferimento alle norme contenute nello Statuto dell Ordine degli Ingegneri della provincia di Salerno.

GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI FEDERLEGNOARREDO Federazione Italiana delle industrie del legno, del sughero, del mobile e dell arredamento

GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI FEDERLEGNOARREDO Federazione Italiana delle industrie del legno, del sughero, del mobile e dell arredamento GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI FEDERLEGNOARREDO Federazione Italiana delle industrie del legno, del sughero, del mobile e dell arredamento TITOLO PRIMO Costituzione, scopi, codice etico e carta dei valori

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI Approvato dal Gruppo Giovani Imprenditori 14 gennaio 2013 Ratificato dalla Giunta di Confindustria Pavia 25 marzo 2013 TITOLO I COSTITUZIONE E SCOPI Art. 1 Costituzione

Dettagli

STATUTO GIOVANI IMPRENDITORI - Associazione degli Industriali della Provincia di Oristano TITOLO PRIMO

STATUTO GIOVANI IMPRENDITORI - Associazione degli Industriali della Provincia di Oristano TITOLO PRIMO STATUTO GIOVANI IMPRENDITORI - Associazione degli Industriali della Provincia di Oristano TITOLO PRIMO COSTITUZIONE, SCOPI, CODICE ETICO E CARTA DEI VALORI Art.1- Costituzione Nell ambito dell Associazione

Dettagli

Regolamento Gruppo Giovani. Imprenditori Edili

Regolamento Gruppo Giovani. Imprenditori Edili Regolamento Gruppo Giovani Imprenditori Edili Testo approvato dal Consiglio Direttivo del Gruppo il 13 settembre 2001 e dall Assemblea del 7 febbraio 2002 Ratifica del Consiglio Direttivo dell ACEN il

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI RIMINI

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI RIMINI REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI RIMINI TITOLO PRIMO Pag. COSTITUZIONE, SCOPI, CODICE ETICO E CARTA DEI VALORI. Art. 1 Costituzione 3 Art. 2 Scopi 3 Art. 3 Attività 3 Art. 4 Codice Etico e Carta dei Valori 4

Dettagli

Regolamento Gruppo Strutture Portanti e Prefabbricati per l Edilizia

Regolamento Gruppo Strutture Portanti e Prefabbricati per l Edilizia Regolamento Gruppo Strutture Portanti e Prefabbricati per l Edilizia Articolo 1 - Costituzione E costituito, nell ambito di Assolegno - Associazione di settore di Federlegno-Arredo - con sede presso la

Dettagli

ASSOCIAZIONE INDUSTRIALE BRESCIANA Gruppo Giovani Imprenditori ADEGUAMENTO 2010

ASSOCIAZIONE INDUSTRIALE BRESCIANA Gruppo Giovani Imprenditori ADEGUAMENTO 2010 ASSOCIAZIONE INDUSTRIALE BRESCIANA Gruppo Giovani Imprenditori -------------------------------------------------------------- ADEGUAMENTO 2010 COSTITUZIONE, SCOPI, CODICE ETICO E CARTA DEI VALORI TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI DELL UNIONE INDUSTRIALE PISANA

REGOLAMENTO DEL GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI DELL UNIONE INDUSTRIALE PISANA REGOLAMENTO DEL GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI DELL UNIONE INDUSTRIALE PISANA (approvato dalla Assemblea del Gruppo dell 11 novembre 2010 e dalla Giunta dell Unione del 13 dicembre 2010) Art. 1- Costituzione

Dettagli

TITOLO PRIMO Costituzione, scopi, codice etico e carta dei valori

TITOLO PRIMO Costituzione, scopi, codice etico e carta dei valori GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI FEDERLEGNOARREDO Federazione Italiana delle industrie del legno, del sughero, del mobile e dell arredamento TITOLO PRIMO Costituzione, scopi, codice etico e carta dei valori

Dettagli

CONFINDUSTRIA AREZZO REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI

CONFINDUSTRIA AREZZO REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI CONFINDUSTRIA AREZZO REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI SOMMARIO TITOLO PRIMO COSTITUZIONE, SCOPI, CODICE ETICO E CARTA DEI VALORI. 3 Art. 1 Costituzione 3 Art. 2 Scopi. 3 Art. 3 Attività 3 Art. 4

Dettagli

CONFINDUSTRIA FOGGIA Giovani Imprenditori REGOLAMENTO GIOVANI IMPRENDITORI

CONFINDUSTRIA FOGGIA Giovani Imprenditori REGOLAMENTO GIOVANI IMPRENDITORI CONFINDUSTRIA FOGGIA Giovani Imprenditori REGOLAMENTO GIOVANI IMPRENDITORI 1 SOMMARIO TITOLO PRIMO Pag. COSTITUZIONE, SCOPI, CODICE ETICO E CARTA DEI VALORI 4 Art. 1 Costituzione 4 Art. 2 Scopi. 4 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI DELL ASSOCIAZIONE INDUSTRIALI DI NOVARA TITOLO PRIMO COSTITUZIONE, SCOPI, CODICE ETICO E CARTA DEI VALORI

REGOLAMENTO DEL GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI DELL ASSOCIAZIONE INDUSTRIALI DI NOVARA TITOLO PRIMO COSTITUZIONE, SCOPI, CODICE ETICO E CARTA DEI VALORI REGOLAMENTO DEL GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI DELL ASSOCIAZIONE INDUSTRIALI DI NOVARA TITOLO PRIMO COSTITUZIONE, SCOPI, CODICE ETICO E CARTA DEI VALORI Art. 1- Costituzione Nell'ambito dell'associazione

Dettagli

GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI DELL INDUSTRIA DELLA PROVINCIA DI ASTI REGOLAMENTO TITOLO PRIMO COSTITUZIONE, SCOPI, CODICE ETICO E CARTA DEI VALORI

GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI DELL INDUSTRIA DELLA PROVINCIA DI ASTI REGOLAMENTO TITOLO PRIMO COSTITUZIONE, SCOPI, CODICE ETICO E CARTA DEI VALORI GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI DELL INDUSTRIA DELLA PROVINCIA DI ASTI REGOLAMENTO Art.1- Costituzione TITOLO PRIMO COSTITUZIONE, SCOPI, CODICE ETICO E CARTA DEI VALORI Nell'ambito dell'unione Industriale

Dettagli

REGOLAMENTO G.I. CONFINDUSTRIA RAGUSA

REGOLAMENTO G.I. CONFINDUSTRIA RAGUSA REGOLAMENTO G.I. CONFINDUSTRIA RAGUSA TITOLO PRIMO COSTITUZIONE, SCOPI, CODICE ETICO E CARTA DEI VALORI Art.1- Costituzione Nell ambito della Confindustria della Territoriale di Ragusa e con sede presso

Dettagli

CONFINDUSTRIA PALERMO Gruppo Giovani Imprenditori

CONFINDUSTRIA PALERMO Gruppo Giovani Imprenditori Art. 1. Costituzione REGOLAMENTO DEL GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI DI CONFINDUSTRIA PALERMO TITOLO PRIMO Costituzione, Scopi, Codice Etico e Carta dei Valori Nell ambito della Confindustria della Territoriale

Dettagli

conforme alla normativa confederale di sistema e ai principi regolamentari di attuazione

conforme alla normativa confederale di sistema e ai principi regolamentari di attuazione Gruppo Giovani Imprenditori Regolamento conforme alla normativa confederale di sistema e ai principi regolamentari di attuazione 25 luglio 2011 TITOLO PRIMO COSTITUZIONE, SCOPI, CODICE ETICO E CARTA DEI

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI SMI FEDERAZIONE TESSILE E MODA

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI SMI FEDERAZIONE TESSILE E MODA REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI SMI FEDERAZIONE TESSILE E MODA Il presente Regolamento è in vigore dalla data dall Assemblea del Gruppo Giovani Imprenditori del 25 maggio 2010 Viale Sarca, 223-20126

Dettagli

FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI DE LAZIO REGOLAMENTO

FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI DE LAZIO REGOLAMENTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI DE LAZIO REGOLAMENTO Art. 1 Sede legale e sede operativa 1.1 La sede legale e operativa è in Roma, via in Miranda n. 1. 1.2 Per motivate esigenze l Assemblea dei Soci,

Dettagli

Reggio Calabria REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI

Reggio Calabria REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI Reggio Calabria REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI Dicembre 2010 SOMMARIO TITOLO PRIMO Pag. COSTITUZIONE, SCOPI, CODICE ETICO E CARTA DEI VALORI. 4 Art. 1 Costituzione... 4 Art. 2 Scopi... 4 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI CONFINDUSTRIA LA SPEZIA

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI CONFINDUSTRIA LA SPEZIA REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI CONFINDUSTRIA LA SPEZIA TITOLO PRIMO COSTITUZIONE, SCOPI, CODICE ETICO E CARTE DEI VALORI 1.Costituzione Nell ambito di Confindustria La Spezia e con sede presso

Dettagli

Regolamento. Gruppo Giovani Imprenditori

Regolamento. Gruppo Giovani Imprenditori Regolamento Gruppo Giovani Imprenditori Il Regolamento vigente è stato approvato dalla Giunta dell Associazione il 23 maggio 1988, aggiornato dalla Giunta stessa il 6 luglio 1993. Modificato dall Assemblea

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI CONFINDUSTRIA BASILICATA

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI CONFINDUSTRIA BASILICATA REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI CONFINDUSTRIA BASILICATA TITOLO PRIMO - COSTITUZIONE, SCOPI, ATTIVITA, CODICE ETICO E CARTA DEI VALORI Art.1 - Costituzione Nell'ambito di Confindustria Basilicata

Dettagli

CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DELLA LOMBARDIA REGOLAMENTO INTERNO. Articolo 1 (Principi generali)

CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DELLA LOMBARDIA REGOLAMENTO INTERNO. Articolo 1 (Principi generali) CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DELLA LOMBARDIA REGOLAMENTO INTERNO Articolo 1 (Principi generali) 1. Il presente regolamento disciplina, nel rispetto dello Statuto d autonomia e della legge regionale

Dettagli

Regolamento Gruppo Giovani Imprenditori Grafici e Cartotecnici

Regolamento Gruppo Giovani Imprenditori Grafici e Cartotecnici Regolamento Gruppo Giovani Imprenditori Grafici e Cartotecnici Il Regolamento vigente è stato approvato dalla Giunta dell Associazione nel 27 novembre 2002. Modificato dall Assemblea ordinaria del Gruppo

Dettagli

CONFINDUSTRIA PALERMO Gruppo Giovani Imprenditori

CONFINDUSTRIA PALERMO Gruppo Giovani Imprenditori Art. 1. Costituzione REGOLAMENTO DEL GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI DI CONFINDUSTRIA PALERMO TITOLO PRIMO Costituzione, Scopi, Codice Etico e Carta dei Valori Nell ambito della Confindustria della Territoriale

Dettagli

REGOLAMENTO GIOVANI IMPRENDITORI Confindustria Crotone TITOLO PRIMO COSTITUZIONE, SCOPI, CODICE ETICO E CARTA DEI VALORI

REGOLAMENTO GIOVANI IMPRENDITORI Confindustria Crotone TITOLO PRIMO COSTITUZIONE, SCOPI, CODICE ETICO E CARTA DEI VALORI REGOLAMENTO GIOVANI IMPRENDITORI TITOLO PRIMO COSTITUZIONE, SCOPI, CODICE ETICO E CARTA DEI VALORI Art.1- Costituzione Nell'ambito di e con sede presso la stessa, è costituito il Gruppo Giovani Imprenditori,

Dettagli

REGOLAMENTO CONFERENZA DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE DELLA PROVINCIA DI BRESCIA

REGOLAMENTO CONFERENZA DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE DELLA PROVINCIA DI BRESCIA All. 1 alla Deliberazione della Conferenza dei Comuni n. 1 del 20.06.2011 CONFERENZA DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE DELLA PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA DEI

Dettagli

Regolamento. Piccola Industria

Regolamento. Piccola Industria Regolamento Piccola Industria Indice contenuti ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 4 ART. 2 - SCOPI... 4 ART. 3 - ATTIVITÀ... 4 ART. 4 - DEFINIZIONE... 4 ART. 5 - ELENCO DEGLI ORGANI... 5 ART. 6 - COMITATO...

Dettagli

!!! REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI

!!! REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI !!! REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI TITOLO PRIMO COSTITUZIONE, SCOPI, CODICE ETICO E CARTA DEI VALORI Art. 1 COSTITUZIONE Nell'ambito di Confindustria Firenze (di seguito anche l Associazione )

Dettagli

TESTO del REGOLAMENTO DEL GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI DI CONFINDUSTRIA SALERNO

TESTO del REGOLAMENTO DEL GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI DI CONFINDUSTRIA SALERNO TESTO del REGOLAMENTO DEL GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI DI CONFINDUSTRIA SALERNO approvato dal Consiglio Direttivo del Gruppo del 21 maggio 2010 approvato dal Nucleo Organizzazione di Confindustria il 27

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO REGIONALE G.I. DELLA SICILIA

REGOLAMENTO DEL COMITATO REGIONALE G.I. DELLA SICILIA REGOLAMENTO DEL COMITATO REGIONALE G.I. DELLA SICILIA Approvato dal Comitato Regionale il 3giugno 2010 Ratificato dalla Giunta di Confindustria Sicilia il 20 luglio 2010 TITOLO PRIMO COSTITUZIONE, FINALITA,

Dettagli

REGOLAMENTO. GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI di CONFINDUSTRIA GENOVA

REGOLAMENTO. GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI di CONFINDUSTRIA GENOVA REGOLAMENTO del GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI di CONFINDUSTRIA GENOVA Approvato nell Assemblea del Gruppo Giovani del 30 settembre 2010 Approvato dalla Giunta nella seduta del 29 novembre 2010 TITOLO PRIMO

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI SISTEMA MODA ITALIA

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI SISTEMA MODA ITALIA REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI SISTEMA MODA ITALIA Viale Sarca, 223-20126 Milano, Italia tel. +39 02 64 11 91 - fax. +39 02 66 10 3667-70 - cod.fis. 97414740155 ggi@sistemamodaitalia.it - www.sistemamodaitalia.com

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLENATORI CALCIO

ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLENATORI CALCIO ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLENATORI CALCIO Gruppo Provinciale STATUTO PROVINCIALE Art. 1 Organizzazione e scopi Sul territorio dello Stato Italiano, l'associazione Italiana Allenatori Calcio si organizza

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI CONFINDUSTRIA VALLE D AOSTA

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI CONFINDUSTRIA VALLE D AOSTA REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI CONFINDUSTRIA VALLE D AOSTA TITOLO PRIMO COSTITUZIONE, SCOPI, CODICE ETICO E CARTA DEI VALORI Art. 1- Costituzione Nell ambito della Confindustria Valle d Aosta e con sede presso

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL LAVORO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL LAVORO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL LAVORO Art. 1 - Competenze La Consulta Comunale del Lavoro è un organo con funzioni propositive e consultive nei confronti della Amministrazione Comunale in materia di politiche

Dettagli

MOVIMENTO GIOVANILE COLDIRETTI

MOVIMENTO GIOVANILE COLDIRETTI MOVIMENTO GIOVANILE COLDIRETTI Regolamento Art. 1 Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell art. 11 dello Statuto della Confederazione Nazionale Coltivatori Diretti, l attività del Movimento Giovanile.

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI INDUSTRIALI ASSOBIOMEDICA (GIA)

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI INDUSTRIALI ASSOBIOMEDICA (GIA) REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI INDUSTRIALI ASSOBIOMEDICA (GIA) Art. 1 (Denominazione) É organizzato all interno di Assobiomedica Federazione nazionale per le tecnologie biomediche, diagnostiche, apparecchiature

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SEZIONE IMPRESE TECNICHE AUDIOVISIVE

REGOLAMENTO DELLA SEZIONE IMPRESE TECNICHE AUDIOVISIVE ANICA REGOLAMENTO DELLA SEZIONE IMPRESE TECNICHE AUDIOVISIVE Art. 1 - Scopo Il presente regolamento (il Regolamento), adottato ai sensi dell art. 10 dello Statuto ANICA (nel prosieguo lo Statuto ), disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO Approvato dall'assemblea del Gruppo Giovani in data 8 aprile 2010 Ratificato dalla Giunta di Confindustria Benevento in data 8 giugno 2010

REGOLAMENTO Approvato dall'assemblea del Gruppo Giovani in data 8 aprile 2010 Ratificato dalla Giunta di Confindustria Benevento in data 8 giugno 2010 REGOLAMENTO Approvato dall'assemblea del Gruppo Giovani in data 8 aprile 2010 Ratificato dalla Giunta di Confindustria Benevento in data 8 giugno 2010 Art.1- Costituzione Nell'ambito della Confindustria

Dettagli

Conferenza dei Comuni dell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Sondrio REGOLAMENTO

Conferenza dei Comuni dell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Sondrio REGOLAMENTO Conferenza dei Comuni dell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Sondrio REGOLAMENTO 1 INDICE Art.1 Oggetto, funzioni e sede...3 Art.2 Attribuzioni...3 Art.3 Funzionamento della Conferenza...3

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI CONFINDUSTRIA SALERNO

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI CONFINDUSTRIA SALERNO REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI CONFINDUSTRIA SALERNO approvato dall Assemblea del Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Salerno del 17 gennaio 2017 ratificato dal Consiglio Generale di

Dettagli

STATUTO. Delegazione Toscana

STATUTO. Delegazione Toscana STATUTO Delegazione Toscana APPROVATO DALL ASSEMBLEA REGIONALE PONTREMOLI 20 DICEMBRE 1996 I N D I C E Titolo I Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Costituzione e finalità - Costituzione - Sede - Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI CONFINDUSTRIA VERONA

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI CONFINDUSTRIA VERONA REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI CONFINDUSTRIA VERONA TITOLO I COSTITUZIONE, SCOPI, CODICE ETICO E CARTA DEI VALORI Costituzione ART.1 Nell ambito di Confindustria Verona e con sede presso la stessa,

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO GGI BERGAMO (in vigore da Maggio 2017)

NUOVO REGOLAMENTO GGI BERGAMO (in vigore da Maggio 2017) NUOVO REGOLAMENTO GGI BERGAMO (in vigore da Maggio 2017) Deliberato nel Consiglio Direttivo GGI di Confindustria Bergamo del 23 Marzo 2017 Validato dalla Commissione Verifica Poteri di Confindustria in

Dettagli

L'Associazione "D.I.D. - Associazione donne italiane diplomatiche e dirigenti è un associazione senza fini di lucro, indipendente ed autonoma.

L'Associazione D.I.D. - Associazione donne italiane diplomatiche e dirigenti è un associazione senza fini di lucro, indipendente ed autonoma. STATUTO DID (Associazione donne italiane diplomatiche) Art.1 È costituita tra le donne italiane diplomatiche e dirigenti del Ministero Affari Esteri l'associazione "D.I.D. - Associazione donne italiane

Dettagli

DELIBERAZIONE DELCONSIGLIO DIRETTIVO DEL COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI FORLI - CESENA

DELIBERAZIONE DELCONSIGLIO DIRETTIVO DEL COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI FORLI - CESENA DELIBERAZIONE DELCONSIGLIO DIRETTIVO DEL COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI FORLI - CESENA SEDUTA DEL 04/04/2002 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO del Consiglio

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 1 DEL REGIONE CAMPANIA

LEGGE REGIONALE N. 1 DEL REGIONE CAMPANIA LEGGE REGIONALE N. 1 DEL 3-01-1985 REGIONE CAMPANIA Modifiche ed integrazioni alla legge regionale n. 39 del 9 agosto 1974 - Istituzione dell' Ente regionale per lo sviluppo e la valorizzazione dell' artigianato

Dettagli

CONFINDUSTRIA FOGGIA Giovani Imprenditori REGOLAMENTO GIOVANI IMPRENDITORI

CONFINDUSTRIA FOGGIA Giovani Imprenditori REGOLAMENTO GIOVANI IMPRENDITORI CONFINDUSTRIA FOGGIA Giovani Imprenditori REGOLAMENTO GIOVANI IMPRENDITORI 17 MARZO 2017 TITOLO PRIMO COSTITUZIONE, SCOPI, CODICE ETICO E CARTA DEI VALORI Art.1- Costituzione Nell ambito della Confindustria

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI AIES ANCE SALERNO

REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI AIES ANCE SALERNO REGOLAMENTO GRUPPO GIOVANI AIES ANCE SALERNO ART.1 COSTITUZIONE E' costituito presso l'associazione AIES-ANCE Salerno, con sede presso la stessa, il Gruppo Giovani Imprenditori Edili della Provincia di

Dettagli

MOVIMENTO GIOVANI IMPRENDITORI CONFARTIGIANATO IMPRESE LOMBARDIA REGOLAMENTO

MOVIMENTO GIOVANI IMPRENDITORI CONFARTIGIANATO IMPRESE LOMBARDIA REGOLAMENTO MOVIMENTO GIOVANI IMPRENDITORI CONFARTIGIANATO IMPRESE LOMBARDIA REGOLAMENTO ART. 1 COSTITUZIONE 1.1. E' costituito, ai sensi del Titolo II - art. 5 dello statuto di Confartigianato Imprese Lombardia,

Dettagli

REGOLAMENTO DONNE IMPRESA FVG Confartigianato Imprese Friuli Venezia Giulia

REGOLAMENTO DONNE IMPRESA FVG Confartigianato Imprese Friuli Venezia Giulia REGOLAMENTO DONNE IMPRESA FVG Confartigianato Imprese Friuli Venezia Giulia Art. 1 (Costituzione) È costituito, in seno a Confartigianato Imprese FVG il Movimento regionale Donne Impresa FVG con sede in

Dettagli

STATUTO APPROVATO ALL ASSEMBLEA: Roma, 11 Novembre 2005

STATUTO APPROVATO ALL ASSEMBLEA: Roma, 11 Novembre 2005 ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL PARTITO POPOLARE EUROPEO A.I.P.P.E. STATUTO APPROVATO ALL ASSEMBLEA: Roma, 11 Novembre 2005 Sede Nazionale Viale Bardanzellu, 95 00155 Roma Tel. 06/4071388 fax 06/4065941 E-mail:

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 55 del 30.07.2012 1 Indice art. 1 Istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 224/21.12.2006 In vigore dal 1 febbraio 2007 SOMMARIO Articolo 1 - Compiti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI. Art. 1 Costituzione e finalità

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI. Art. 1 Costituzione e finalità Allegato alla deliberazione consiliare n. 45 del 18/04/2012 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI Art. 1 Costituzione e finalità Il Comune di Senigallia riconosce nei giovani

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI COMUNALI All. sub A alla delibera di C.C. n. 06 del 17.02.2004 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI COMUNALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO FORUM GIOVANILE

REGOLAMENTO FORUM GIOVANILE REGOLAMENTO FORUM GIOVANILE COMUNE DI MINERVINO MURGE (Aggiornato nel mese di marzo 2012) CAPO I - FINALITA E SCOPI Art. 1 Istituzione E istituito dal Comune di MINERVINO MURGE (BA), con Deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO Allegato alla deliberazione C.C. n. 24 del 2/4/2012 Il Presidente Il Segretario F.to Frigerio Ft.to Urbano Unità Organizzativa Servizi Sociali REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO 1 INDICE Articolo

Dettagli

Città di Desenzano del Garda. Approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 18/06/2004 Aggiornato con deliberazione di C.C. n.

Città di Desenzano del Garda. Approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 18/06/2004 Aggiornato con deliberazione di C.C. n. Città di Desenzano del Garda Approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 18/06/2004 Aggiornato con deliberazione di C.C. n. 81 del 30/09/2009 I N D I C E ART. 1 - ISTITUZIONE... 1 ART. 2 - FINALITA...

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA'

REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA' Citta'di Casoria REGOLAMENTO CONSULTA DELLE PERSONE CON DISABILITA' approvato dal Consiglio Comunale con atto n 9 del 23.03.2017-1 Articolo 1 ISTITUZIONE E SEDE Al fine di favorire la piena integrazione

Dettagli

DENOMINAZIONE SEDE SCOPI E COMPITI ART. 1. Denominazione sede

DENOMINAZIONE SEDE SCOPI E COMPITI ART. 1. Denominazione sede DENOMINAZIONE SEDE SCOPI E COMPITI ART. 1 Denominazione sede E istituita nel Comune di Catenanuova, con deliberazione del Consiglio Comunale su proposta della Giunta Municipale, l Associazione definita

Dettagli

COMUNE DI SAN PANCRAZIO SALENTINO

COMUNE DI SAN PANCRAZIO SALENTINO ALLEGATO A ALLA DELIBERA CONSILIARE N. 15 DEL 08/05/2012 COMUNE DI SAN PANCRAZIO SALENTINO ( PROVINCIA DI BRINDISI ) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI 1 INDICE

Dettagli

Legge regionale 9 ottobre 2009, n. 13 Istituzione del Consiglio delle autonomie locali *

Legge regionale 9 ottobre 2009, n. 13 Istituzione del Consiglio delle autonomie locali * Legge regionale 9 ottobre 2009, n. 13 Istituzione del Consiglio delle autonomie locali * Art. 1 Oggetto 1. È istituito il Consiglio delle autonomie locali (CAL), quale organo di rappresentanza delle autonomie

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AREA DIDATTICA DELLA MATEMATICA

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AREA DIDATTICA DELLA MATEMATICA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA" FACOLTA' DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AREA DIDATTICA DELLA MATEMATICA Regolamento del Consiglio di Area Didattica

Dettagli

Art. 1. Istituzione e sede

Art. 1. Istituzione e sede Art. 1 Istituzione e sede È istituita la consulta provinciale degli studenti di Ascoli Piceno prevista ai sensi del D.P.R. 156/99 e D.P.R. 29 novembre 2007, n. 268 - Regolamento recante modifiche ed integrazioni

Dettagli

CAMERA ARBITRALE DI LUCCA

CAMERA ARBITRALE DI LUCCA CAMERA ARBITRALE DI LUCCA STATUTO Articolo 1 (Istituzione e sede) Presso la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Lucca, in corte Campana, 10, è istituita ai sensi dell art. 2, comma

Dettagli

AIRO CALABRIA REGOLAMENTO DEL GRUPPO REGIONALE CALABRESE DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA DI RADIOTERAPIA ONCOLOGICA (AIRO)

AIRO CALABRIA REGOLAMENTO DEL GRUPPO REGIONALE CALABRESE DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA DI RADIOTERAPIA ONCOLOGICA (AIRO) Gruppo Regionale AIRO CALABRIA REGOLAMENTO DEL GRUPPO REGIONALE CALABRESE DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA DI RADIOTERAPIA ONCOLOGICA (AIRO) Art. 1. ISTITUZIONE DEL GRUPPO Art. 2 ATTO DI ISTITUZIONE DEL GRUPPO

Dettagli

COMUNE DI ZAFFERANA ETNEA (Provincia di Catania)

COMUNE DI ZAFFERANA ETNEA (Provincia di Catania) COMUNE DI ZAFFERANA ETNEA (Provincia di Catania) STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Statuto della Consulta Giovanile Comunale approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 68 del 22/11/2005

Dettagli

C I T T À D I R E C A N A T I

C I T T À D I R E C A N A T I C I T T À D I R E C A N A T I REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNE DI RECANATI P R E M E S S A La Consulta Giovanile, nello spirito dello Statuto comunale, della Carta europea per la partecipazione

Dettagli

Confartigianato Donne Impresa Toscana

Confartigianato Donne Impresa Toscana Confartigianato Donne Impresa Toscana Art. 1 (Costituzione) REGOLAMENTO 1.1 E costituito, ai sensi dell'art. 11 dello statuto della Confederazione Generale Italiana dell artigianato e delle Imprese il

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE CULTURA DEL COMUNE DI CESENA. Approvato con delibera di C.C. n. 110 del 11/12/2014

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE CULTURA DEL COMUNE DI CESENA. Approvato con delibera di C.C. n. 110 del 11/12/2014 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE CULTURA DEL COMUNE DI CESENA Approvato con delibera di C.C. n. 110 del 11/12/2014 Art. 1 (Istituzione) 1. Il Comune di Cesena riconosce la cultura

Dettagli

Confindustria Bergamo Regolamento della Piccola Industria. Approvato dall Assemblea della Piccola Industria il 27 Marzo 2007 * * *

Confindustria Bergamo Regolamento della Piccola Industria. Approvato dall Assemblea della Piccola Industria il 27 Marzo 2007 * * * Confindustria Bergamo Regolamento della Piccola Industria Approvato dall Assemblea della Piccola Industria il 27 Marzo 2007 Art. 1 - Oggetto del regolamento 1) Il presente regolamento disciplina l organizzazione

Dettagli

art. 1 (denominazione sede) 1. E costituita l Associazione di volontariato denominata Amici dell Africa Onlus.

art. 1 (denominazione sede) 1. E costituita l Associazione di volontariato denominata Amici dell Africa Onlus. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE AMICI DELL AFRICA ONLUS art. 1 (denominazione sede) 1. E costituita l Associazione di volontariato denominata Amici dell Africa Onlus. 2. L Associazione ha sede in provincia di

Dettagli

JCC JUNIOR CHAMBER CLUB ITALIA

JCC JUNIOR CHAMBER CLUB ITALIA JCC JUNIOR CHAMBER CLUB ITALIA REGOLAMENTO INTERNO TITOLO PRIMO LA DIVISIONE JCC Art. 1 Oggetto del Regolamento 1.1. Il presente regolamento (il Regolamento ) individua principi e regole di funzionamento

Dettagli

CITTA di SAN DANIELE DEL FRIULI Provincia di Udine. Regolamento per l istituzione ed il funzionamento della Commissione per le Pari Opportunità

CITTA di SAN DANIELE DEL FRIULI Provincia di Udine. Regolamento per l istituzione ed il funzionamento della Commissione per le Pari Opportunità CITTA di SAN DANIELE DEL FRIULI Provincia di Udine Regolamento per l istituzione ed il funzionamento della Commissione per le Pari Opportunità Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 8..del

Dettagli

Regolamento Coldiretti Giovani Impresa

Regolamento Coldiretti Giovani Impresa Regolamento Approvato dall Assemblea Nazionale di Coldiretti Giovani Impresa il 9 giugno 2008 e dal Consiglio Nazionale della Confederazione Nazionale Coldiretti il 17 luglio 2008 Regolamento Coldiretti

Dettagli

UNIONE REGIONALE VENETA DELLE BONIFICHE DELLE IRRIGAZIONI E DEI MIGLIORAMENTI FONDIARI S T A T U T O

UNIONE REGIONALE VENETA DELLE BONIFICHE DELLE IRRIGAZIONI E DEI MIGLIORAMENTI FONDIARI S T A T U T O UNIONE REGIONALE VENETA DELLE BONIFICHE DELLE IRRIGAZIONI E DEI MIGLIORAMENTI FONDIARI S T A T U T O VENEZIA 15/06/2010 Art. 1 Denominazione Sede L Unione Regionale Veneta delle Bonifiche, delle Irrigazioni

Dettagli

GRUPPO DONATORI DI SANGUE INTESA SANPAOLO

GRUPPO DONATORI DI SANGUE INTESA SANPAOLO GRUPPO DONATORI DI SANGUE INTESA SANPAOLO S T A T U T O Approvato dall Assemblea dei Delegati del 30 novembre 2013 I N D I C E IDENTIFICAZIONE E SCOPO DEL GRUPPO Art. 1 - Denominazione Art. 2 - Sede Art.

Dettagli

Segreteria di Stato per il Lavoro, la Cooperazione e le Politiche Giovanili

Segreteria di Stato per il Lavoro, la Cooperazione e le Politiche Giovanili In ottemperanza a quanto previsto dall art. 10 della Legge n. 91 del 30 luglio 2007, su proposta della con delega per, viene emanato il seguente Regolamento che disciplina l organizzazione ed il funzionamento

Dettagli

Statuto della Camera di Commercio di Vibo Valentia

Statuto della Camera di Commercio di Vibo Valentia Statuto della Camera di Commercio di Vibo Valentia Estratto Art.li dal 18 al 21 Revisione del 22.11.2011 Revisione del 08.05.2012 Revisione del 24.09.2012 Revisione del 17.10.2012 Revisione del 29.11.2012

Dettagli

REGOLAMENTO ELETTORALE

REGOLAMENTO ELETTORALE REGOLAMENTO ELETTORALE I N D I C E TITOLO I ASSEMBLEA DEI DELEGATI Art. 1 - Convocazione delle elezioni dei Delegati all Assemblea Art. 2 - Ufficio Elettorale Istituzione Art. 3 - Ufficio Elettorale Competenze

Dettagli

Città di Seregno. Regolamento delle Consulte

Città di Seregno. Regolamento delle Consulte Città di Seregno Regolamento delle Consulte Art. 1 - Istituzione delle Consulte Comunali 1. Il Comune di Seregno valorizza le libere forme associative per la partecipazione dei cittadini all attività amministrativa,

Dettagli

R e g o l a m e n t o (approvato con Deliberazione del Consiglio Metropolitano n. 44 del 14/06/2017)

R e g o l a m e n t o (approvato con Deliberazione del Consiglio Metropolitano n. 44 del 14/06/2017) C O N S U L T A M E T R O P O L I T A N A D E L V O L O N T A R I A T O R e g o l a m e n t o (approvato con Deliberazione del Consiglio Metropolitano n. 44 del 14/06/2017) 1 Articolo 1 Dell'istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO per L'ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER GLI STRANIERI (Approvato con delibera consiliare n. 30 del

REGOLAMENTO per L'ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER GLI STRANIERI (Approvato con delibera consiliare n. 30 del REGOLAMENTO per L'ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER GLI STRANIERI (Approvato con delibera consiliare n. 30 del 16.02.05) Art.1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COLLEGIO NAZIONALE DEI MAESTRI DI SCI

REGOLAMENTO DEL COLLEGIO NAZIONALE DEI MAESTRI DI SCI REGOLAMENTO DEL COLLEGIO NAZIONALE DEI MAESTRI DI SCI Approvato dal Consiglio Direttivo del 10 maggio 2011 Art. 1 Disposizioni generali 1. Il Collegio Nazionale dei Maestri di Sci è istituito a norma dell

Dettagli

CITTA DI GROSSETO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARITA E LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA

CITTA DI GROSSETO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARITA E LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA CITTA DI GROSSETO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARITA E LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA approvato con deliberazione C.C. n. 96 del 15/11/2006 e modificato con deliberazione C.C. n.

Dettagli

GILDA DEGLI INSEGNANTI PROVINCIA DI LATINA Sede prov le Via Picasso, 32 Latina tel \fax 0773\600812

GILDA DEGLI INSEGNANTI PROVINCIA DI LATINA Sede prov le Via Picasso, 32 Latina tel \fax 0773\600812 GILDA DEGLI INSEGNANTI PROVINCIA DI LATINA Sede prov le Via Picasso, 32 Latina tel \fax 0773\600812 GILDA DEGLI INSEGNANTI DELLA PROVINCIA DI LATINA : REGOLAMENTO PROVINCIALE Art. 1.Organismi Provinciali

Dettagli

REGOLAMENTO per L'ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER GLI STRANIERI. Art. 1. Oggetto

REGOLAMENTO per L'ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER GLI STRANIERI. Art. 1. Oggetto REGOLAMENTO per L'ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER GLI STRANIERI Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l'istituzione ed il funzionamento della "Consulta Comunale

Dettagli

Terziario Donna. Regolamento. (approvato il 16 ottobre 2013)

Terziario Donna. Regolamento. (approvato il 16 ottobre 2013) Terziario Donna Regolamento (approvato il 16 ottobre 2013) STATUTO CONFCOMMERCIO.omissis Art. 16 Gruppo Terziario Donna 1. Presso Confcommercio-Imprese per l Italia è costituito il Gruppo Terziario Donna,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER IL COMMERCIO, ARTIGIANATO, ATTIVITA TURISTICHE E RICETTIVE DEL COMUNE DI SONA

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER IL COMMERCIO, ARTIGIANATO, ATTIVITA TURISTICHE E RICETTIVE DEL COMUNE DI SONA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER IL COMMERCIO, ARTIGIANATO, ATTIVITA TURISTICHE E RICETTIVE DEL COMUNE DI SONA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 20 del 12.05.2015 1 INDICE Art. 1 Istituzione

Dettagli

COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA

COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA Approvato con delibera di C.C. n. 39 del 20.10.2000

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna NUOVO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DELLO SPORT

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO. Provincia di Bologna NUOVO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DELLO SPORT COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna NUOVO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DELLO SPORT approvato con deliberazione consiliare nr. 55 del 25/05/2010 1 NUOVO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI CALASCIBETTA

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI CALASCIBETTA COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA REGOLAMENTO PER LA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI CALASCIBETTA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 66 del 28/11/2003 REGOLAMENTO CONSULTA

Dettagli

Regolamento della Consulta delle Professioni della provincia di Agrigento.

Regolamento della Consulta delle Professioni della provincia di Agrigento. Allegato 5 Regolamento della Consulta delle Professioni della provincia di Agrigento. * * * Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si applicano le definizioni che seguono: a) Legge è

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DEL CENTRO

ATTO COSTITUTIVO DEL CENTRO ATTO COSTITUTIVO DEL CENTRO Tra i sottoscritti: ALESSANDRA BURELLI- nata [ ] docente di Didattica delle Lingue Moderne FABIANA DI BRAZZÀ, nata [ ] - docente di Letteratura italiana FABIANA FUSCO nata [

Dettagli

Regolamento della Consulta dell Handicap della Provincia di Lecce

Regolamento della Consulta dell Handicap della Provincia di Lecce Regolamento della Consulta dell Handicap della Provincia di Lecce Art.1 Istituzione della Consulta 1) Nell ambito della Consulta per la tutela sociale e promozione umana di cui art. 9 del Regolamento degli

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO PRODUZIONE CONTO TERZI

REGOLAMENTO GRUPPO PRODUZIONE CONTO TERZI REGOLAMENTO GRUPPO PRODUZIONE CONTO TERZI Art. 1 - Costituzione denominazione E' costituito, all'interno e nell'ambito di Cosmetica Italia (associazione nazionale imprese cosmetiche) ai sensi e ai fini

Dettagli

Gruppo Giovani Imprenditori. Regolamento

Gruppo Giovani Imprenditori. Regolamento Gruppo Giovani Imprenditori Regolamento Aprile 2017 SOMMARIO Art. 1 - Costituzione, scopi e attività... 3 Art. 2 - Codice etico e carta dei valori... 3 Art. 3 Requisiti per l appartenenza... 4 Art. 4 -

Dettagli

C O M U N E D I C O R A T O

C O M U N E D I C O R A T O C O M U N E D I C O R A T O (CITTÀ METROPOLITANA DI BARI) REGOLAMENTO DELLA CONSULTA PERMANENTE DELLO SPORT (Approvato con Delibera di C.C. n. 87 del 24.10.2016) INDICE Art. 1 - Finalità Art. 2 - Competenze

Dettagli